Sei sulla pagina 1di 24

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO della lista

Candidato Sindaco

Francesco di Feo

"conservar la mano pura e la mente proferir mai verbo, vizio o la virt derida" n che plauda al

( Alessandro Manzoni)

PREMESSA
C' un orologio biologico all'interno di ogni essere umano che segna il tempo che trascorre e induce a intraprendere delle scelte di ordine naturale e sociale. Cos come sorge spontaneo in una donna o in un uomo il desiderio di avere dei figli e nei figli la volont di intraprendere il proprio cammino, con altrettanta spontaneit sorta in una nuova generazione di giovani e di cittadini liberi di Trinitapoli la volont di ribellarsi alla vecchia partitocrazia che per quarant'anni ha disintegrato tutte le generazioni che si sono susseguite annichilendole e asservendole al proprio potere. Questo sentimento si percepisce sempre pi forte e accende la voglia di rinascere. E tempo di aprire gli occhi e guardare in faccia la triste realt esistente costruita da uomini non pi al passo con i tempi che hanno portato Trinitapoli a un lento ma inesorabile decadimento in tutti i settori. Non vi settore della Pubblica Amministrazione in cui non sia necessario porre mano con volenterosa e competente azione di governo per riportare la nostra comunit ad un forte e coraggioso cambiamento di rotta.

E' tempo che spiri un vento nuovo, un vento di libert, di rinnovamento che vuole far rinascere Trinitapoli dalle ceneri del disfattismo, dell'opportunismo, del clientelismo, del cinismo per riportare sorriso, orgoglio, voglia di vivere e sognare, amore per la propria citt e benessere cittadino. Questi sentimenti hanno sospinto un gruppo di uomini e donne volenterosi a formare la lista civica RINASCITA TRINITAPOLESE per avviare il processo di rinascita sociale, culturale, economica e morale della nostra amata citt con una condivisione di idee e progetti che camminano con le gambe di uomini, donne, ragazzi pronti ad assumersi la responsabilit di vivere il proprio tempo e realizzare propri sogni. Il nostro programma per il buon governo ispirato ai principi della CONDIVISIONE, LIBERTA, SOLIDARIETA, LEGALITA E COMPETENZA per costruire una citt pi moderna, pi coesa, pi solidale dove al centro di tutto c la famiglia (composta da un padre e una madre) gli uomini e le donne, gli occupati e sopratutto i disoccupati e gli emarginati. Di qui la scelta di un simbolo avente l'icona della famiglia che diventa casa e che ne caratterizzi il programma e l'azione amministrativa. Il nostro compito quello di ridare centralit Trinitapoli europeo. Lo faremo in maniera TRASPARENTE , sempre AL SERVIZIO DEI CITTADINI, con IMPEGNO, CAPACITA PROFESSIONALE, ENTUSIASMO E DEDIZIONE. e visibilit a nel contesto provinciale, regionale, nazionale ed

Lo faremo ottimizzando le risorse esistenti, chiedendone aiuto quando necessario e possibile, con tempestivit e intelligenza, alla provincia, alla regione, allo Stato e alla Comunit Europea, senza mettere mai le mani nelle tasche dei cittadini.

PROGRAMMA
Il programma, semplice e sintetico, si articola fondamentali:
1. TUTELA DELLA FAMIGLIA La famiglia (composta da un uomo e una donna) costituisce lambito naturale in cui si trasmettono i valori fondamentali della vita, dellordine e coesione sociale, dei diritti e doveri, della cultura delle proprie origini e tradizioni. Il nostro programma intende tutelarla mediante: a. la protezione delle fasce pi deboli (bambini, anziani, disabili, poveri, immigrati).

in cinque punti

b. la ricerca della giustizia sociale e della solidariet tra istituzioni e le famiglie. c. la crescita delle associazioni di volontariato e compartecipazione delle parrocchie. 2. SICUREZZA La sicurezza dei cittadini, intesa come diritto a vivere nella propria citt nella legalit, in serenit e con tranquillit , deve essere garantita con immediatezza e concretezza con: a. ladozione di adeguate e mirate misure di sicurezza pubblica che consentano lo svolgimento del lavoro o delle attivit economica sia pubblica che privata senza condizionamenti di natura illegale, con la possibilit di esercitare compiutamente i propri diritti e doveri civili e di esprimere il proprio pensiero liberamente e senza timore. b. la maggiore presenza/coordinamento di tutte le Forze dellOrdine. 3. SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE/OCCUPAZIONE La rinascita della citt di Trinitapoli deve necessariamente comprendere un paritetico sviluppo economico da attuare mediante: a. ladozione di efficaci e costruttive iniziative di sostegno al settore agro-alimentare e per il riconoscimento della produzione di qualit e commercializzazione dei prodotti agricoli. b. lo sviluppo del turismo con la valorizzazione dellintero patrimonio storico, artistico, paesaggistico e religioso. c. la creazione di condizioni favorevoli alla nascita e crescita della piccola impresa legate al settore agro alimentare e al turismo e alle attivit commerciali correlate e per attrarre sul territorio aziende non inquinanti gi operanti con successo in campo provinciale, regionale e nazionale; d. il miglioramento delle strutture esistenti con la formazione di personale qualificato nel campo agroalimentare, ambientale, turistico e archeologico allo scopo di far diventare Trinitapoli un centro di eccellenza nei particolari settori.

4. QUALITA DELLA VITA /TUTELA DELLAMBIENTE , DEL TERRITORIO E DELLE ATTIVITA' CULTURALI Per consentire ai cittadini di vivere bene in un ambiente sano, pulito e organizzato nostro intendimento: a. b. c. Rivedere e potenziare il servizio dei rifiuti solidi urbani; Salvaguardare e accrescere la pulizia e il decoro dellambiente urbano anche con la realizzazione di bagni pubblici e canile comunale. Riorganizzare la circolazione del traffico cittadino allo scopo di abbattere linquinamento ambientale e il riordino delle aree di parcheggio. d. Consentire la libera fruizione delle aree verdi debitamente attrezzate e la conservazione e il potenziamento delle strutture comunali esistenti nonch la realizzazione di nuovi spazi verdi per il tempo libero. e. f. Conservare lintegrit del territorio non permettendo la costruzione di impianti industriali e tecnologici inquinanti e invasivi. Utilizzare le energie alternative e rinnovabili (fotovoltaico, eolico, biomasse e punti luminosi a risparmio energetico) soprattutto per il fabbisogno pubblico. g. h. i. Aggiornare il Piano Urbanistico Generale (riqualificazione dei quartieri e piazze). Consentire lo svolgimento libero e gratuito delle attivit sportive in tutti gli impianti comunali con potenziamento di quelli gi esistenti. Favorire leducazione alla cultura in tutte le sue forme darte singole e associative. 5. TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE AMMINISTRATIVA Il palazzo comunale deve diventare una casa di vetro, sempre aperto e al servizio dei cittadini che invocano, da tempo, trasparenza e legalit. Pertanto, la nostra azione di governo orientata a: a. tenere informati i cittadini in maniera costante e continua in merito alla situazione economica e patrimoniale comunale; b. condividere con loro le scelte pi importanti di politica economica e sociale;

c. d.

rendere trasparente i contratti/appalti per lacquisizione di beni e servizi; ottimizzare la qualit del lavoro dei dipendenti comunali nei rapporti con i cittadini;

e. ridurre al minimo indispensabile il ricorso alle consulenze esterne con valorizzazione delle professionalit interne. f. procedere al censimento e alla valorizzazione del patrimonio comunale, con la gestione ottimale delle risorse finanziarie; g. aggiornare i regolamenti comunali.

Cap. I TUTELA DELLA FAMIGLIA


La famiglia lambito naturale in cui si trasmettono i valori morali e civili, nonch elemento fondamentale di coesione sociale e di solidariet, nonch base per la crescita e formazione delle nuove generazioni. La comunit cittadina formata dalle famiglie che costituiscono il tessuto sociale, verso il quale bisogna indirizzare lattenzione delle istituzioni. Per fare questo ci atterremo ai seguenti Principi Cardine: 1. 2. 3. 4. Principio della collaborazione tra le diverse realt esistenti nella realt comunale (Associazioni, cooperative, enti pubblici, enti religiosi). Principio dellintegrazione tra enti pubblici e privati. Principio di efficacia e efficienza dei servizi territoriali. Principio di solidariet intesa come giustizia sociale e affermazione di un impegno a confrontarsi con i giovani sulle tematiche della scuola , sanit, lavoro. Ladozione di questi principi servir per: aiutare le fasce pi deboli con interventi mirati verso linfanzia, i minori in difficolt, i giovani disoccupati, gli anziani, i disabili, i nuovi e veri poveri, gli emarginati e gli immigrati (da individuare tramite un apposito censimento sociale); aiutare le giovani coppie a formare una famiglia, una casa e mettere al mondo dei figli;

realizzare un Centro Diurno per Anziani per consentire agli stessi di trascorrere alcune ore del loro tempo libero in assoluta serenit e tranquillit;

realizzare e ampliare il progetto DOPO DI NOI, gi finanziato, con un intervento di tipo residenziale per la tutela dei soggetti diversamente abili;

sostenere e migliorare la rete dei servizi esistenti e delle opportunit sociali; sviluppare la cultura della solidariet e della partecipazione attraverso il coinvolgimento di tutti gli enti sociali, pubblici e privati operanti nella citt di Trinitapoli;

sostenere le associazioni di volontariato, i centri parrocchiali nonch sviluppare il settore della cooperazione con la gestione e lanimazione, in sintonia coni fini sociali della civica amministrazione, degli spazi pubblici esistenti;

applicare "LA CARTA DEI SERVIZI DELE POLITICHE SOCIALI" ; intervenire a favore degli anziani non sufficienti potenziando Servizio ADA/ADI, attraverso il ricovero stabile in una struttura idonea con la loro situazione socio-sanitaria, prevedendo sostegni economici carico del Comune. a

Cap. II SICUREZZA DEI CITTADINI


La Sicurezza dei cittadini costituisce uno degli obiettivi principali del nostro programma elettorale, obiettivo che si potr raggiungere solo se ogni cittadino si sentir responsabile in prima persona della citt in cui vive, agir con lesempio a sostegno della sicurezza cittadina, sentir forte il richiamo al principio di legalit inteso come richiamo al rispetto delle leggi e come strumento che consente lattuazione del principio di uguaglianza (art. 3 della Costituzione), mediante lapposizione di vincoli e impedimenti alla prevaricazione del pi debole da parte del pi forte. Per garantire la sicurezza dei cittadini nostro intendimento:

Porre il Sindaco, quale responsabile dellordine pubblico cittadino, nelle migliori condizioni per poter esercitare le sue prerogative in termini di emanazione di ordinanze per la tutela della pubblica sicurezza.

Rappresentare, tempestivamente e con determinazione,

presso il

Prefetto compente le esigenze comunali di ordine e sicurezza pubblica. Richiedere un potenziamento della presenza delle Forze dellordine (Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e Forestale, Esercito) in coordinamento con la Polizia Municipale e Provinciale. Implementare un controllo capillare e continuo delle aree/zone a rischio con linstallazione di sistemi di videosorveglianza ed allarme (in coordinamento con le forze suddette, la polizia municipale e le varie organizzazioni di vigili giurati e associazioni di volontariato esistenti sul territorio) per la tutela delle persone, dei beni pubblici, della propriet privata e nel rispetto della privacy. Riorganizzare il Corpo di Polizia Municipale mediante lespletamento del concorso per lincarico di Comandante del Corpo, leliminazione delle carenze organiche createsi o che si creeranno nel futuro a seguito del pensionamento per raggiunti, limiti det. Creare un efficiente e funzionale Nucleo Operativo diurno e notturno, collegato Servizi Sanitari. Ottimizzare le risorse disponibili in termini di mezzi, strutture e materiali in sinergia con lUnione dei Comuni. Realizzare Punti di Controllo al centro del paese, nelle zone periferiche e nella zona artigianale, affinch tutti possano godere di maggiore sicurezza e svolgere in tranquillit la propria attivit. Monitorare le attivit produttive (imprese commerciali, negozi, industrie agricole, artigianali e industriali) per la difesa della legalit. Contrastare la microcriminalit e il fenomeno droga mediante con le reti di videosorveglianza comunali e le sale e operative delle Forze dellordine, Protezione civile, Vigili del Fuoco

leducazione sociale, ambientale e stradale dei minori/adolescenti a

rischio

con il coinvolgimento della scuola e delle associazioni di

volontariato e comunit parrocchiali.

10

Cap. III SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE/OCCUPAZIONE


La posizione geografica di Trinitapoli strategica dal punto di vista paesaggistico, delleconomia agricolo locale e deve storico-archeologico, passare per cui il rilancio la necessariamente attraverso

valorizzazione e lo sfruttamento di queste tre risorse, senza inseguire la realizzazione di infrastrutture tecnologiche e invasive del territorio. 1. Patrimonio paesaggistico e naturale Labitato di Trinitapoli a ridosso di una vasta oasi naturale, unica in Europa, che costituisce una eccezionale opportunit per lo sviluppo del turismo-ambientale e di attivit legate alla salute (talassoterapia, elioterapia, fangoterapia) finora malamente sfruttata che non ha dato nessun apporto alleconomia cittadina. La creazione di un flusso turistico ambientale sar attuato con la formulazione di idonei progetti per attingere ai fondi europei e regionali. LEnte comunale semplificher tutti gli adempimenti burocratici al fine di agevolare le imprese turistiche a sviluppare le loro attivit sul territorio trinitapolese, ove possibile, anche con agevolazioni economiche e fiscali. 2. Patrimonio agricolo Trinitapoli al centro di una terra fertile e i suoi cittadini conservano unantica e radicata tradizione di vita agricola, virt che rende possibile la coltivazione e la produzione di prodotti agro-alimentari specifici della zona e ricercati dai mercati pi esclusivi in campo nazionale ed internazionale (olio, carciofi, prodotti sottolio, uva da tavola, vino ecc.). In tale ottica, questa amministrazione intende: Effettuare il rilancio dellagricoltura con la formulazione di idonei progetti atti ad attingere dai fondi europei e regionali le risorse economiche per sostenere lo sviluppo economico ed incentivare i giovani che decidono di avviare imprese agricole o aziende agrituristiche, favorendo la creazione di forme associative come le cooperative;

11

Promuovere la creazione di una diffusa impresa di trasformazione, commercializzazione di prodotti agro-alimentari con marchio di qualit e di origine controllata;

Costituire un ufficio competente nel settore agricolo che riesca a favorire le aggregazioni spontanee degli agricoltori con la supervisione della civica amministrazione per la trasparenza di tali aggregazioni sociali e che abbia competenze nella programmazione e orientamento colturale in linea con le indicazioni europee e regionali.

Organizzare mercati comunali per la vendita diretta dei prodotti agricoli per ridurre la filiera ed evitare speculazioni.

Realizzare

un

mercato

generale

ortofrutticolo

attraverso

la

costituzione di una societ consortile in cui possano compartecipare il Comune di Trinitapoli, i comuni limitrofi, la provincia BAT, le province limitrofe, la Regione Puglia, le fondazioni Onlus, gli istituti di credito, le associazioni, le cooperative, i commercianti, i produttori agricoli ecc.. Istituire unaFiera Comunale dellAgricoltura . Creare la possibilit di vendere prodotti alimentari on-line, attraverso la costituzione di un sito ad hoc a gestione mista (comune-privato). Attivare una attivit fiscale pi equa nei confronti del settore agricolo che negli ultimi anni sta vivendo periodi di crisi strutturali e congiunturali; Sollecitare le istituzioni pubbliche provinciali e regionali affinch, di concerto con lente comunale trinitapolese, indicano sul nostro territorio corsi di formazione professionale indirizzati alla creazione di figure professionali esperte in marketing e sviluppo dimpresa. 3. Patrimonio storico, artistico, archeologico e religioso Esiste un grande patrimonio storico, artistico, archeologico e religioso da valorizzare per 365 giorni allanno. Il nostro progetto prevede: la rivalutazione dei monumenti, del quartiere storico, del museo cittadino, del parco archeologico degli ipogei organizzando percorsi

12

turistici e punti di accoglienza per i turisti dotate di semplici infrastrutture oggi inesistenti (ad esempio bagni pubblici). la creazione del turismo di transito dalla mete religiose ubicate nella regione Puglia e il ripristino delle manifestazioni religiose legate alle tradizioni locali.

4.

Infine, a fattor comune, si esamineranno le formule pi opportune: per favorire linsediamento di imprese commerciali che investono sul territorio comunale, ad esempio creando delle isole commerciali correlate alle predette iniziative di rilancio economico; attrarre sul territorio aziende non inquinanti gi operanti con successo in campo provinciale, regionale e nazionale; migliorare le gestione delle strutture esistenti con la formazione di personale qualificato nel campo agroalimentare, ambientale, turistico e archeologico allo scopo di far diventare Trinitapoli un centro di eccellenza nei particolari settori.

Cap. IV QUALITA DELLA VITA E TUTELA DELLAMBIENTE, DEL TERRITORIO E DELLE ATTIVITA CULTURALI
1. Arredo urbano e viabilit cittadina a. Nel rispetto degli obiettivi di valorizzazione del patrimonio ambientale e di sviluppo delle attivit turistiche sar impegno fondamentale della nostra amministrazione, provvedere ad un miglioramento dellarredo urbano mediante: una migliore fruizione delle aree comunali a verde a costo zero; la realizzazione di bagni pubblici e canile comunale; limposizione della realizzazione di aree verdi nella progettazione di opere e infrastrutture urbanistiche e private; la possibilit di attingere acqua per usi pubblici e il miglioramento e la cura delle fontane esistenti; 13

la manutenzione e lampliamento della rete di piste ciclabili anche attraverso una efficiente rete di illuminazione. b. Di considerevole importanza anche lobiettivo del miglioramento della rete stradale interna e della razionalizzazione della segnaletica stradale allo scopo di agevolare la circolazione soprattutto nelle zone pi trafficate. E altrettanto importante il miglioramento della viabilit e dellarredo delle zone periferiche e delle strade esterne per migliorare la vivibilit dei quartieri decentrati. In tale quadro si provveder a: Creare/ammodernare le aree di sosta assistite e gratuite asservite ai principali luoghi della vita pubblica (Municipio, Tribunale, Cimitero, Poliambulatorio, ecc., ). Rivedere lintera struttura dei parcheggi razionalizzando e aumentando gli spazi esistenti. Introdurre il bike-sharing per agevolare gli spostamenti urbani dei cittadini, favorendo lambiente. Effettuare una pi attenta manutenzione delle strade rurali esistenti. Ripristinare il servizio pubblico di bus utilizzando i mezzi gi a disposizione del comune da richiedere alle organizzazione per consentire principalmente agli anziani e ai dello il Stato/Sociali/Parrocchiali (mediante dei protocolli dintesa ad hoc) disabili raggiungimento del cimitero, del poliambulatorio e degli stabilimenti balneari della vicina Margherita di Savoia. Prevedere una diversa ricollocazione del mercato settimanale in area pi idonea e dotata di servizi (WC, fontane pubbliche, bancomat, assistenza sanitaria, area di sosta e relax). 2. Tutela dellambiente Per la tutela dellambiente il nostro programma intende: Rivedere e potenziare il servizio per la raccolta dei rifiuti solidi urbani allo scopo di aumentare in maniera significativa la percentuale della

14

raccolta differenziata e tenere gli spazi pubblici sempre puliti e ordinati. Intraprendere ogni iniziativa necessaria per la difesa del inquinanti nel rispetto del consenso della cittadinanza. Attuare la ristrutturazione energetica del patrimonio edilizio comunale. Organizzare il piano energetico comunale onde promuovere nostro territorio da discariche, biostabilizzatori, rigassificatori e industrie

lefficienza e il risparmio energetico per lilluminazione pubblica utilizzando tecnologie illuminanti a led e pannelli fotovoltaici da installare sugli immobili comunali e favorire l'autoproduzione energetica con fonti in ogni sua forma, (biomasse, rinnovabili

fotovoltaico, eolico) con piccoli impianti diffusi sul territorio. Razionalizzare e monitorare linstallazione di antenne di telefonia mobile. 3. Tutela del territorio a. Piano strutturale strategico e piano urbanistico generale Il nostro pi grande impegno sar quello di considerare la societ nel suo complesso e mira a governare il cambiamento, anticipando le nuove esigenze e i nuovi modi del vivere civile. Questa volont pu trovare, a vario titolo, la sua definizione ed articolazione nel Piano Strutturale Strategico (PSS). A tal riguardo sar necessario procedere alla redazione del nuovo strumento urbanistico PUG (Piano Urbanistico Generale), da attuare con il pi ampio coinvolgimento della citt in tutte le sue componenti sociali, economiche e politiche. Per la descrizione del territorio, al fine di poter individuare le peculiarit, si dovr attingere non solo alla conoscenza esperta, ma anche ed essenzialmente alla conoscenza comune, cio quella conoscenza diffusa nella comunit e che patrimonio della collettivit, della sua storia, delle sue memorie, del vissuto quotidiano. Occorrer. quindi, mettere assieme le nostre risorse conoscitive per costruire insieme per noi e per i nostri figli le strategie di crescita e di sviluppo del nostro territorio. La forma di piano, delineatasi con la legge regionale n20/2001 e confermata dal DRAG (Documento Regionale di

15

Assetto Generale), ha individuato il PUG (Piano Urbanistico Generale) articolato in Previsioni Strutturali e Previsioni Programmatiche. La parte strutturale condizioner sia le grandi scelte di assetto di medio/lungo periodo che gli indirizzi e le direttive per le previsioni programmatiche e per la pianificazione. La parte programmatica indicher gli interventi da realizzarsi nel breve/medio periodo individuando le modalit attuative e la localizzazione delle trasformazioni fisiche e funzionali. Con il PUG la lista civica "RINASCITA TRINITAPOLESE", con tutti suoi candidati, si impegna a variare le previsioni strutturali, attraverso la verifica di compatibilit regionale, e a variare le previsioni programmatiche. Questo significa avere uno strumento urbanistico moderno e capace di accogliere una variegata domanda di investimenti per lo sviluppo e loccupazione nel nostro territorio. b. La riqualificazione urbana diffusa La riqualificazione urbana diffusa, sociale ed economica, la base di partenza per definire un obiettivo di rilevanza culturale e ambientale che dev'essere perseguita avendo una cognizione precisa del territorio. Per quanto attiene allo sviluppo urbano, questo deve definirsi e modellarsi in una rinnovata logica di crescita. Occorrer, quindi, favorire una serie di progetti minimi, a basso impatto ambientale e a rapida esecuzione; progetti che recuperino il senso urbano attraverso un sistema di riconnessione di alcuni ambiti da riqualificare; progetti che considerino i privati come soggetti attuatori attraverso forme incentivanti. Lo spirito di questo insieme di piccoli interventi sulla nostra citt rappresenter un grande progetto di riqualificazione e manutenzione capillare che andr a recuperare ed innalzare il senso urbano nelle diverse zone della citt. Quello che dev'essere perseguito sar un atteggiamento teso al miglioramento della qualit della vita urbana, abbassando il parametro

16

di riferimento finora preso in considerazione nella crescita della nostra citt. c. Partecipazione e Informazione Un nuovo, rinnovato e diversificato rapporto tra Amministrazione e cittadini. In questo contesto ci impegniamo ad avviare una serie di iniziative per informare tutti i soggetti attivi, facilitando, quindi, la partecipazione attiva dei cittadini alle scelte da compiere, nellottica di una strategia condivisa tra cittadini , associazioni, forze sociali, parrocchie e forze politiche. La concertazione, la programmazione negoziata, le politiche di sistema saranno gli strumenti principali della nostra azione di governo delleconomia territoriale. A tale scopo la prima fase prevede la costituzione di un tavolo delle parti sociali, a cui invitare anche i rappresentanti del mondo delle professioni.

Da questi incontri dovr nascere il nucleo fondamentale delle strategie economiche condivise, che si intender promuovere sul territorio. Inoltre proporremo la creazione di un asse collaborativo con la nuova Provincia BAT e con gli altri enti territoriali. La collaborazione con la provincia riguarder principalmente lo sviluppo delle strategie economiche, ma evidente che ogni altra forma di partenariato tra enti sar sempre pi favorita prodotti agricoli, con lARPA e con altri enti. d. Progetti pubblici Strategici e Possibili a breve e medio termine Alcuni grandi progetti definiranno per la propria complessit il volano di crescita generale con valenza a scala extraurbana, sia per limportanza o per le caratteristiche delle funzioni che sono previste, sia per modifiche e gli spostamenti che tali previsioni inducono o di cui sono conseguenza. e realizzata, in particolare, con la Camera di Commercio, con i Consorzi di tutela dei

17

In tale ambito la lista civica "RINASCITA TRINITAPOLESE" si impegna per il miglioramento dellattuale status e dei suoi riflessi sul territorio a: favorire unazione di qualit sociale facilitando la coesione nei rapporti interpersonali e linterazione con i luoghi; creare nuove composizioni residenziali socialmente articolate, attraverso una realizzazione di una offerta immobiliare diversificata (propriet sociale, propriet/affitto, mercato/social housing); permettere la valorizzazione, la riqualificazione, la rivitalizzazione e la rivalutazione del centro storico di Trinitapoli dove sar utile promuovere ogni forma di attivit commerciale; consentire di affrontare e risolvere, in maniera efficace, le vivaci ed attuali tematiche legate al recupero e messa in sicurezza dei fabbricati, laddove oramai abbandonati e compromessi da seri fenomeni di dissesto; dare nuovo impulso alle cosiddette Zone C. riqualificare i quartieri di Trinitapoli a partire da quelle pi degradati: in tale quadro sar nostro intendimento: - proseguire nella rigenerazione del quartiere UNRRA CASAS; - richiedere alla Regione Puglia il finanziamento per la rigenerazione urbana di Piazza della bioarchitettura ; - riqualificare Piazza S. Stefano; - redigere il Piano di Gestione delle Zone Umide (SIC ZPS) Costituzione con un intervento di

- riqualificare e ampliare i servizi

e verde pubblico della zona di

edilizia residenziale denominata 167. - riqualificare i via Orno-Corso Vecchio; - realizzare piste ciclabili urbane; - individuare e rendere funzionali percorsi pedo-ciclabili dedicati ai bambini e ragazzi; - prevedere un Piano di forestazione urbana; - abbellire gli ingressi della citt.

18

Per tutti questi progetti saranno individuate le aree o gli assi di sviluppi e gli ambiti di connessione con la citt ed il tessuto circostante, analizzandone limpatto e i rapporti a livello fisico, sociale ed economico. 4. Tutela della Cultura La cultura uno strumento di cambiamento e di investimento sul futuro. Non solo memoria ricca di passato, ma anche creativit del presente proiettato nel futuro. La cultura un patrimonio fondamentale della nostra citt e della nostra comunit. In tale quadro sar sostenuta la produzione e laccesso alla cultura in tutte le sue forme (dalla musica alla danza, dalla produzione letteraria al teatro) attraverso: lampliamento o la creazione di luoghi e momenti di elaborazione culturale e di accesso da parte di tutti, nel rispetto delle tradizioni e della storia locale; In particolare intendimento della nuova amministrazione comunale la realizzazione di una struttura polifunzionale da adibire a Teatro Sala Concerti Spettacoli Lirici Eventi musicali in genere; le iniziative comunali a favore della promozione culturale svolte in costante sinergia con gli operatori culturali; la fruizione gratuita (dei cittadini) e agevolata (degli ospiti/turisti) della Biblioteca comunale, del Museo comunale e del Parco degli Ipogei, del paesaggio e della flora/fauna della zona umida comunale; lorganizzazione e la promozione di attivit socio/culturali fruibili da tutti i cittadini; listituzione di concorsi e premi per incentivare le iniziative culturali e sociali in ogni forma. 5. Internet Trinitapoli sar dotata, alla luce dei costi sempre pi accessibili della tecnologia, di una o pi strutture comunali di un accesso wireless che consentir ai cittadini che dispongono di un portatile o di un telefono di ultima generazione il collegamento alla rete (con una semplice e gratuita iscrizione) in alcune zone ben definite delle citt (quelle di maggior affluenza es. stazione, zona industriale, artigianale, parco ipogei e plessi scolastici), assicurando a tutti i 19

cittadini il diritto di accesso ad Internet e, quindi, a tutte le risorse che offre, compresi i servizi online del Comune. 6. Sport e tempo libero Lo sport un diritto dei cittadini e come tale deve essere riconosciuto. Inoltre ha un forte valore educativo nel campo della disciplina, intesa come capacit di saper soffrire, coltivare lamicizia, rispettare le regole, accettare la sconfitta, rispettare il proprio corpo e la propria salute (mens sana in corpore sano) e il proprio avversari sportivo. Pertanto, sar favorita: la massima diffusione delle attivit sportive legate al tempo libero tra tutti i cittadini mediante il sostegno alle associazioni che si occupano della promozione dello sport, soprattutto a livello amatoriale; lavvio allo sport per tutti tramite corsi gratuiti e guidati da personale idoneo con la fruizione gratuita degli impianti; il potenziamento del numero e della tipologia di impianti sportivi (ad es. programmando la realizzazione di una piscina comunale, lilluminazione e la sicurezza stradale della pista ciclabile, ecc.) coinvolgendo la massima istituzione sportiva, il CONI, affinch agevoli, mediante finanziamenti, la creazione di nuove infrastrutture e il potenziamento di quelli gi esistenti e attraverso lo strumento delle convenzioni comunali con gli impianti sportivi privati e scolastici; il patrocinio delle iniziative sportive dilettantistiche e amatoriali. qualsivoglia attivit tesa a coniugare sport e sociale per favorire lintegrazione e la socializzazione delle persone pi emarginate ( ad es. allinterno degli oratori, durante i campi scuola, ecc.). 7. Istruzione La Scuola un settore molto delicato di ogni Societ per la cui efficienza necessario investire importanti risorse economiche. E nostro intendimento programmare allinizio di ciascun anno gli interventi necessari per consentire ai docenti, studenti e personale di tutte le scuole di poter operare in luoghi adeguati sotto laspetto della 20

propria incolumit e sotto laspetto della sicura disponibilit di ogni tipo di strumento scolastico incentivante la formazione culturale.

Cap. V

TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE AMMINISTRATIVA

Partendo dal principio che il ruolo dellAmministrazione Comunale deve essere innanzi tutto quello di ente coordinatore che valorizzi le risorse esistenti, verr conseguito con una politica di rigore per evitare che i soldi delle nostre tasse si disperdano, e di contenimento degli sprechi, delle spese e dei consumi inutili. La gestione della cosa pubblica sar fondata sulla: informazione costante/continua dei cittadini sulla situazione economica e patrimoniale del comune e degli amministratori in carica attraverso un bollettino ufficiale periodicamente inviato direttamente nelle case dei condivisione delle scelte pi importanti di politica economica e sociale (da effettuare con sondaggi e referendum); trasparenza sui contratti/appalti per lacquisizione di beni e servizi.

Pertanto, si provveder a : Istituire il Comitato per la Trasparenza che render pubblici verbali, delibere di giunta, determinazioni, ecc. tramite il sito internet comunale (la casa comunale deve diventare una palazzo di vetro) e appronter il Bilancio Sociale, per la rendicontazione dellattivit amministrativa pubblica, dei programmi, delle scelte e dei risultati. Ridurre il ricorso a consulenze esterne con contestuale valorizzazione delle risorse professionali esistenti e attraverso la costituzione di chek list (legge Brunetta) per lacquisizione delle varie professionalit allinterno del principio di turnazione. Rivedere la Macchina comunale mediante una migliore organizzazione interna dei dipendenti comunali, la formazione dei funzionari in servizio, al fine di accrescere le professionalit interne-

21

Effettuare laggiornamento dei Regolamenti Comunali. Per una buona amministrazione della cosa pubblica servono regolamenti comunali idonei. La gran parte di quelli esistenti inadeguata alle attuali esigenze della citt e in alcuni casi non esistono. Si proceder, quindi, allammodernamento e armonizzazione tra loro di tutti i regolamenti comunali esistenti e alla realizzazione di quelli che oggi mancano.

Revisionare

valorizzare

il

Patrimonio

Comunale

(appartamenti/terreni/attrezzature) con leffettuazione di un censimento di tutta la propriet comunale. Perseguire la gestione ottimale delle risorse finanziarie disponibili con una capillare controllo della spesa finalizzato alla massima efficienza e produttivit .

Provvedere alla riscossione delle entrate con la massima oculatezza, nella consapevolezza dellinsostenibile carico fiscale che grava su ogni cittadino e sulle imprese. Pertanto, la nostra azione sar indirizzata ad una pi equa distribuzione dei tributi comunali e successivamente, ad una significativa riduzione degli stessi a beneficio dei contribuenti.

22

CONCLUSIONI Il nostro programma non ha lambizione di fornire tutte le risposte alle problematiche della citt ma vuole essere una proposta di cambiamento sintetica e comprensibile con lindicazione della giusta direzione da intraprendere per la Rinascita Trinitapolese. Il programma elettorale terr conto delle indicazioni dei cittadini, dellevolversi delle esigenze economiche e sociali e delle situazioni quotidiane che lAmministrazione locale incontrer al fine di aggiornarlo sempre tenendo fede agli obiettivi indicati e allo spirito che ne ha dato vita. Lavoreremo con passione ed entusiasmo, coesi, spinti dallambizione di poter cambiare in meglio Trinitapoli, dalla gratificazione data dai risultati raggiunti, nellinteresse della collettivit e al servizio di essa, sempre tenendosi lontani da interessi personali e lobbistici. Ci impegneremmo senza sosta a favore della famiglia, per la sicurezza dei cittadini e per il rilancio delleconomia locale.
23

Risaliremo la china e daremo forza alla nostra citt che diventer protagonista nella nuova provincia di Barletta-Andria-Trani. Ridaremo futuro e speranza ai giovani, serenit e tranquillit alla comunit cittadina avvicinando la gente al buon governo della citt e renderemo lesercizio della politica pulito e condivisibile. Il nostro simbolo colorato di blu, simbolo del valore e delle virt, porta i colori dellItalia nostra Patria e terra natia, raffigura la famiglia, un padre e una madre che uniscono e alzano le loro mani a formare una casa e a protezione dei figli, perch possano crescere e formare altre famiglie dando inizio a un progetto che si rinnova continuamente. Il nostro simbolo la sintesi del nostro programma, del nostro impegno e della nostra volont di tenervi fede. Lista Civica "Rinascita Trinitapolese"

24