Sei sulla pagina 1di 3

1 Beppe Fenoglio, Una questione privata

Una questione privata venne pubblicato postumo, per la prima volta nel 1963, in un volume comprendente anche Un giorno di fuoco. Questo abbinamento stava forse a suggellare la totale predominanza, in Fenoglio, delle due tematiche a lui molto care: quella contadina(La Malora), vissuta nel contesto delle Langhe, e quella partigiana. Questo Romanzo Breve considerato uno dei migliori in senso assoluto della lettaratura di quegli anni,in questo caso il rapporto tra pubblico e privato sembra coniugarsi in modo molto felice non per l'armonia delle due dimensioni esistenziali (politica -pubblica / sentimentale-privata ) ma perch da un punto di vista narrativo i due elementi si integrano in modo efficace e sicuro,( la differenza con Pavese ad esempio sembra chiara). Fenoglio fa di questa contraddizione un elemento creativo un punto di osservazione dell'intero processo politico resistenziale.
(Milton -Scrittore inglese del 600 ) ( Ridorda : Letteratura Anglo Americana e Fenoglio -Pavese e Vittorini )

La trama di per s molto semplice e coinvolge un solo personaggio: il partigiano badogliano Milton. Questi, recatosi nei luoghi che hanno visto nascere il suo amore per la giovane torinese Fulvia, viene a conoscenza della relazione esistente fra la ragazza ed il suo amico Giorgio, anchegli partigiano. Da questo momento, il tempo sar scandito dalla ricerca, da parte del protagonista, sia dellamico, che della verit sulla relazione di questi con Fulvia. La ricerca lo porter a tentare imprese disperate, a privarsi del sonno, a valicare nere colline battute di continuo dalla pioggia, a superare ostacoli di ogni tipo. Da questo momento ''La Questione privata'' si impossessa del protagonista . Giorgio appena stato catturato dai fascisti,e Milton riparte subito affannosamente nel tentativo di far prigioniero un soldato repubblichino per scambiarlo con lui prima che sia fucilato . Ci che lo spinge non l'ansia di salvare la vita di Giorgio , ma solo la necessit di sapere ,la situazione paradossale perch nello stesso tempo Milton combatte,rischia la vita per salvare Giorgio, un partigiano insomma!.Il tentativo fallisce per un soffio , perch il sergente che con un piccolo trucco riuscito a fare prigioniero non crede allo scambio dei personaggi e cerca di scappare, Milton costretto ad ucciderlo. A questo punto non gli resta che tornare al luogo di partenza ,la villa di Fulvia ,per interrogare ancora la custode. Una pattuglia di soldati Repubblichini lo sorprende a un passo dalla meta e apre il fuoco contro di lui. Milton scappa all'impazzata fino a crollare alle soglie di un bosco ,come in un Western di Sam Pechimpah! (non chiaro il finale e diverse le posizioni dei critici ci a reso ancora pi riuscito il Romanzo , la mancanza di una risposta quindi lo rende ancora pi ricco di significati) ) La ricercerca ossessiva di Milton si configura come ricerca della verit.La verit. Una partita di verit tra me e lui. Dovr dirmelo, da moribondo a moribondo (capitolo 3) di confronto con ' L'altro '' ci che ci sfugge Allinterno di questa semplice struttura, grazie anche ad un uso sapiente dell espediente del flash-back, Fenoglio riesce ad accumulare, nelle poche pagine di questo romanzo, una quantit impressionante di azioni, le quali si distinguono per lintensit con cui vengono raccontate e per limportanza che esse assumono allinterno della narrazione. In un gioco di rimandi, che mantiene sullo sfondo la lotta di liberazione, gli episodi che riaffiorano nella memoria di Milton vengono a contrapporsi alle prove affrontate da questi durante la ricerca. Le azioni e, con esse, i personaggi, le ambientazioni e i dialoghi, sono sempre le stesse; ci che cambia la motivazione che sta dietro ad esse. In questo senso, tanto i ricordi appaiono come racconti narrati da vecchi partigiani, cristallini nella loro nettezza e nella loro efficacia, giusti e irreprensibili nella loro morale, quanto le vicende connesse alla ricerca appaiono fluttuanti in un fango onnipresente, come sospese e destinate a fallire. La memoria la ricerca dellorigine della propria moralit . Alla base della disperata ricerca del giovane partigiano non c propriamente forse lamore nei confronti di Fulvia, peraltro sempre assente (nei ricordi la sua fisicit non riesce mai ad imporsi), ma la solidit del sentimento, la certezza di non essere stato e di non essersi ingannato. Fenoglio mor il 18 febbraio 1963; due mesi dopo usciva da Garzanti Un giorno di Fuoco. Nel settembre dello stesso anno si aveva la seconda edizione; nellaprile 1965 lopera apparve con il titolo mutato: Una questione privata. Le prime due edizioni ponevano infatti laccento su quello che era considerato generalmente il pi bello dei racconti fenogliani; la terza dava rilievo invece al racconto lungo o romanzo breve che era stato pubblicato insieme ai racconti. Una questione privata il titolo che Fenoglio usava, parlandone con la moglie , per illustrare la storia di Milton, che una storia a s, senza grosse interferenze con altri racconti partigiani con cui Fenoglio continuava idealmente a convivere senza staccarsene mai del tutto si avvicendino, nei suoi racconti, le storie partigiane e contadine .

2
Anche se idealmente Milton rientra nella stessa grande vicenda resiatenziale, e dietro di lui si avvertono Raoul e Johnny (i protagonisti rispettivamente de I ventitr giorni della citt di Alba e de Il partigiano Johnny ),la storia raccontata in ''Una questione privata'' chiusa allora in un giro tutto suo, (un giro di Blues) veramente la privata ossessione di Milton. - il classico Fenoglio ci ha dato, con la storia di Fulvia e di Milton, uno degli amori pi disperatamente romantici della nostra narrativa, una storia classicamente raccontata per maturit di stile, ma di una passione contenuta in cerchi sempre pi stretti intorno a unimmagine di donna, che insieme affermazione di vita e desiderio di assoluto; la storia di unossessione che finisce col farsi destino, ostinata e patetica e struggente, come la poesia solo pu esserlo-(Gina Lagorio) Lalternarsi delle vicende reali con quelle solo rievocate e sognate lelemento determinante della straordinaria liricit e drammaticit insieme della storia di Milton: ed anche la chiave per capirne il senso profondo, giustificazione prima ed assoluta del suo fascino. La tecnica del flash-back che Fenoglio aveva gi altre volte usata da maestro ne La Malora segna qui uno dei due versanti su cui si regge la storia di Milton: Milton partigiano, uomo dazione, circondato da cose visibili, spesso spiacevoli, grevi, pesanti, ossessive, come il fango, la pioggia e la brutalit della guerra; Milton pensiero, anima, cuore, sogni, Milton invisibile, affacciato su quellaltro versante, pieno di musica e di luci, dolcemente e dolorosamente riflesso in un volto di donna. Milton ha bisogno dellamore di Fulvia per accettare la vita, ma ne ha bisogno anche per accettare la morte. Lambiguit di questo amore lambiguit della storia di Milton, e il suo senso profondo, perch offre della realt due facce: una del sogno romantico conservato intatto, nella memoria e nel cuore; laltra del tradimento forse perpetrato, che sconvolge la mente e il sangue. Quando Milton insegue la sua verit, insegue anche il suo disperato bisogno di sapere se dietro tutto il marcio che la vita gli dispiega intorno, si pu essere ancora uomini in un pensiero damore condiviso con abbandonata certezza. La corsa di Milton la sua agonia, in una dimensione che non solo quella delle colline, ma di tutta la vita, con la sua rabbia e la sua potenza di amore, ed ritmata nel fango e nel vento, tangibile e concreta, ma anche la pi carica di simboli non terrestri che ci sia stato dato dincontrare nelle pagine del dopoguerra.-(G.Lagorio) Anche per questo, la questione privata supera i limiti della storia di Milton, e si carica di simboli universali che danno alla stagione del Neorealismo nel cui ambito Fenoglio si trov ad assolvere la sua parte di testimone uno dei risultati pi alti : per questo facciamo nostro, a conclusione dellesame di unopera che ci pare segnare il culmine dellimpegno letterario di Fenoglio, il giudizio di Italo Calvino (prefazione alla seconda edizione de Il sentiero dei nidi di ragno, 1964): 'Una questione privata costruito con la geometrica tensione dun romanzo di follia amorosa e cavallereschi inseguimenti come lOrlando Furioso, e nello stesso tempo c la Resistenza proprio comera, di dentro e di fuori, vera come mai era stata scritta, serbata per tanti anni limpidamente nella memoria fedele, e con tutti i suoi valori morali, tanto pi forti quanto pi impliciti, e la commozione e la furia. Ed un libro di paesaggi, ed un libro di figure rapide e tutte vive ed un libro di parole precise e vere. Ed un libro assurdo, misterioso, in cui ci che si insegue, si insegue per inseguire altro e questaltro per inseguire altro ancora e non si arriva al vero perch. Calvino, oltre a centrare le ragioni poetiche di Una questione privata, assegna al libro un compito storico ben preciso: quello di concludere una stagione narrativa, delle pi cariche di ragioni civili e umane e letterarie [la stagione della narrativa della Resistenza, o pi largamente neorealistica ]: -il libro che la nostra generazione voleva fare adesso c, e il nostro lavoro ha un coronamento e un senso, e solo ora, grazie a Fenoglio possiamo dire che una stagione compiuta, solo ora siamo certi che veramente esistita: la stagione che va da Il sentiero dei nidi di ragno a Una questione privata-(''I.Calvino''). http://appunti.xoom.it/ Istituto Bodoni TO- Prof.S.Cicciotti

Interessi correlati