Sei sulla pagina 1di 4

editoriale

i primi 100 giorni

Lavoriamo per una P .A. efficiente e rigorosa


di Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli

are cittadine e cari cittadini, la battaglia a difesa del pubblico, cio a difesa dei diritti costituzionali, di cui mi sono fatto portavoce, sullonda lunga di quel movimento di popolo, critico verso il liberismo e le privatizzazioni, che ha contribuito alla mia elezione a sindaco, contro i poteri costituiti e i vecchi gruppi dinteresse, ci impone di lavorare per una Pubblica Amministrazione efficiente, che bandisca definitivamente sprechi e tornaconti elettorali: a difesa del Pubblico, ma per il vero Pubblico. Utilizzo la maiuscola per intendere tutti i settori della Pubblica Amministrazione che si occupano di servizi dai quali dipende lesercizio delle libert costituzionali, al di l delle forme nominalistiche: enti territoriali, societ partecipate, societ miste. Per me Pubblico quel soggetto che eroga servizi dai quali dipendono le libert fondamentali dei cittadini. Per me Pubblico lo spazio dei diritti universali, che dobbiamo difendere contro le derive liberistiche. Uno spazio che fisico e sociale: una piazza o un parco, una pratica o una forma di partecipazione collettiva. Uno spazio aperto alle diversit, come ha dimostrato la citt di Napoli in occasione dellultimo Gay Pride. Uno spazio che deve essere garantito da una Pubblica Amministrazione realmente di servizio, efficace ed efficiente. La citt dei diritti e una Pubblica Amministrazione efficiente vanno di pari passo. La P .A. deve garantire in modo snello i suoi servizi; perch ad essa si rivolgono in via esclusiva quei cittadini che non hanno la possibilit economica di acquisire un dato servizio sul mercato. La querelle fra il Pubblico che garantisce equit a scapito dellefficienza e un settore privato efficiente ma sperequativo non mi interessa. La P .A., per essere realmente equa, deve funzionare bene, e non secondo logiche corporative od elettorali. Per questo, nel mentre ho difeso sempre tutti i posti di lavoro delle societ partecipate del Comune, ho dichiarato guerra agli sprechi, alle duplicazioni, alle inefficienze.

Credo che in questo giugno appena conclusosi abbiamo dato dimostrazione di come deve essere il giusto approccio verso il Pubblico. Abbiamo inteso lo spazio pubblico in modo estensivo; come nel caso del Gay Pride. Una festa bellissima, ricca di colore e gioia di vivere. Pulsante e affamata di diritti. Diritti universali che non devono essere garantiti a seconda del colore della pelle o dei gusti sessuali. Abbiamo garantito uno spazio pubblico veramente aperto, inclusivo e democratico, lagor dove si celebrato il Gay Pride, abbiamo lavorato in direzione di unAmministrazione efficiente e rigorosa. La Giunta di Napoli ha infatti deliberato la fusione delle tre aziende della Mobilit: Anm, Metronapoli e Napoli Park. Un piccolo passo verso la razionalizzazione della spesa. Combattere gli sprechi per difendere la spesa pubblica. Grazie a questa delibera, abbiamo intrapreso una strada virtuosa che ci condurr verso una Multi Holding delle partecipate: con costi pi bassi, servizi pi efficienti, personale valorizzato. Abbiamo tessuto un file rouge che lega la piazza del Gay Pride al Cda della nuova utility. Un filo che lega diritti e inclusivit a razionalizzazione ed efficienza. Crediamo nel Pubblico per il Pubblico: lo abbiamo dimostrato portando in Consiglio Comunale unimportantissima delibera con la quale affidiamo alla nostra partecipata Napoli Servizi la gestione e la manutenzione del patrimonio comunale. Gestione che stata affidata, in passato, a privati, fra critiche e tempeste giudiziarie. Voglio ringraziare, per questo, il Consiglio Comunale che ha votato la delibera, dimostrando di condividere fino in fondo un percorso difficile; che una sfida per gli stessi dipendenti di Napoli Servizi. Abbiamo dimostrato, allora, che siamo credibili quando chiediamo di finirla con lausterit e con il rigore, perch lavoriamo per unAmministrazione efficiente. Chiediamo i fondi che ci servono per garantire i diritti essenziali, perch non corrispondiamo super minimi da casta a mana-

Ho difeso sempre tutti i posti di lavoro delle societ partecipate del Comune, ho dichiarato guerra agli sprechi, alle duplicazioni, alle inefficienze

ger e politici. Siamo credibili quando lottiamo per i diritti delle minoranze, perch lavoriamo per i diritti di tutti, e garantire i non garantiti non significa erodere i diritti degli altri. Siamo credibili quando parliamo di diritti perch difendiamo i principi costituzionali, non le rendite di posizione. Siamo credibili quando discutiamo di coinvolgere il privato nella gestione delle propriet collettive democratiche, perch garantiamo il controllo pubblico sui beni comuni. Siamo credibili perch non siamo politici-imprenditori: la politica fa la politica e il privato limpresa. Prima di chiudere e augurare a tutti voi, nostri lettori, buone vacanze, voglio ricordare un altro passaggio importante di questo afoso giugno, per la citt e anche per la Giunta che rappresento. Il Comune di Napoli si costituisce parte civile nel processo per Lino Romano, la vittima innocente della camorra caduta lo scorso ottobre a Marianella. Non ci sar solo lAvvocatura Comunale alla prima udienza, ma la stessa Amministrazione, a dimostrazione del fatto che siamo tutti schierati in prima linea contro la barbarie e la violenza camorristica. Vi lascio, infine,

a godervi lEstate a Napoli 2013. La tradizionale kermesse del Comune che, sotto la direzione del nuovo assessore alla Cultura, Nino Daniele, vedr la citt impegnata fra mille manifestazioni culturali ed eventi, che animeranno i pi bei monumenti di Napoli: il Maschio Angioino, Trinit delle Monache, la Casina Pompeiana, la Galleria Principe di Napoli, lAtrio del Palazzo delle Arti di Napoli, il cortile del complesso monumentale San Domenico Maggiore; straordinarie scenografie che ospiteranno un ricco cartellone di musica classica, jazz e da camera, aperitivi musicali, danza e spettacoli. Buona estate a tutte e a tutti voi!

finanze

10

Tanto tuon che piovve!


di Irene Tango, assessorato al Bilancio, Finanze e Programmazione

a condizione storicosindaco, con lallora sottoeconomica che sta visegretario alla Presidenza vendo il nostro Paese del Consiglio del Governo ed in particolare la nostra Monti, Antonio Catrical citt sotto gli occhi di tutti (attuale viceministro allo ed ha imposto al Governo Sviluppo Economico), aveCentrale lapprovazione, va fatto presente che lantra gli altri, di due decreti, ticipazione non era suffii cui dettami mirano a favociente: Con i suoi 10mila rire gli Enti Locali in diffidipendenti ed altrettanti colt finanziarie. appartenenti alle societ Il decreto legge 174/2012, partecipate, i fornitori blocconvertito, con modificati nel cronologico a 54 che, in Legge n 213 del mesi, Napoli costituisce 7/12/2012 e contenente una realt particolare per le Disposizioni urgenti in sue dimensioni. La sua crimateria di finanza e funziosi finanziaria non pu essenamento degli enti territore gestita con poche centiriali, nonch ulteriori disponaia di milioni di Euro. Ed sizioni in favore delle zone aveva proposto: Ci vuole terremotate nel maggio unoperazione finanzia2012, ha stabilito, tra lalria di ristrutturazione del tro, la procedura di predebito trentennale, grazie dissesto e cio la stesura alla quale si pu generare di un Piano di Riequilibrio un circolo virtuoso tale da Finanziario Pluriennapermettere uninversione le, con vincoli stringenti di tendenza delleconomia per lAmministrazione, e della citt. la possibilit di accedere Ma gli alti dirigenti della allanticipazione del fondo Ragioneria dello Stato, diSalvatore Palma, di rotazione, nel caso di nanzi a tale proposta, ne assessore al Bilancio, Finanze e Programmazione Napoli, per circa 234 milionegavano la fattibilit. ni di euro, da restituire in 10 anni senza interessi. Dopo circa 6 mesi viene approvato il Dl 35/2013, relativo a Questa somma avrebbe permesso al Comune di ridurre un Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scadupo i residui passivi, ma lacconto di circa 58 milioni non ti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio firappresenta un grande aiuto. nanziario degli enti territoriali, nonch in materia di verIn proposito, lassessore al Bilancio, Salvatore Palma, afsamento di tributi degli enti locali che, riconoscendo la ferma: Tanto tuon. che piovve. E racconta di quando, grave situazione di cassa degli Enti Locali, tramite la CDP , durante lincontro a Roma, insieme al sindaco ed al viceassegnava ai Comuni unanticipazione, con le caratteristi-

Al Comune di Napoli sono stati accordati circa 593 milioni di euro di anticipazione in due tranche per il 2013 ed il 2014

che di un mutuo trentennale. Al Comune di Napoli sono stati accordati circa 593 milioni di euro di anticipazione in due tranche per il 2013 ed il 2014; con questi soldi si potr far fronte ai debiti certi, liquidi ed esigibili al 31/12/2012, che saranno pagati partendo dai pi vecchi e seguendo un rigoroso ordine cronologico, in trenta giorni dal ricevimento della somma, a pena di sanzioni disciplinari per i dirigenti. Dai calcoli effettuati dal Ragioniere Generale, questa Amministrazione riuscir a pagare i residui passivi da giugno 2008 fino a marzo 2010 con i primi 296,5 milioni di euro. Questa attivit sembra riguardare lordinaria gestione, ma non cos. Gli uffici della Ragioneria sono stati colpiti da un ciclone; dover emettere circa 7mila liquidazioni in poco pi di un mese, esatte nei contenuti e nei riferimenti bancari, non cosa di tutti i giorni. Per non parlare del fatto che si tratta di pratiche che da giugno 2008 (per le pi vecchie) erano ferme sulle scrivanie degli uffici della Ragioneria senza poter avere seguito a causa della penuria di fondi nella cassa comunale, con enorme sofferenza dei creditori in attesa ma anche dei dipendenti. Inoltre, molte di queste liquidazioni negli anni hanno subito delle modifiche, relativamente al beneficiario, allIban o ad altri dati; insomma, controlli a tappeto su circa 7mila pratiche. Questa fase del lavoro ha visto la completa sinergia di tutti i Servizi della Direzione Servizi Finanziari Ragioneria Generale, che hanno coadiuvato il Servizio Controllo Spese, consentendo non solo la produzione degli atti, ma soprattutto realizzando un vero lavoro di squadra. Verificate le liquidazioni e inviati i pre-mandati alla firma dei dirigenti competenti, tutte le pratiche tornano in Ragioneria al Servizio Registrazioni Contabili e Adempimenti Fiscali, che ha lonere della emissione del mandato e la trasmissione al tesoriere per il successivo accredito. La corsa ad ostacoli, raggiunge cos i sui ultimi metri e i pre-mandati firmati diventeranno alla fine circa 6mila mandati. Le operazioni sembrano di facile realizzazione agli occhi meno attenti di chi legge le notizie solo cercando il proprio interesse, ma chi si vuole soffermare potr constatare che pagare in trenta giorni quasi due anni di mandati non cosa da poco. Tutti i dipendenti della Ragioneria stanno facendo del loro meglio per rendere il lavoro pi efficace ed efficiente, anche se incardinati in Servizi non direttamente

coinvolti nei pagamenti. In particolare, i dipendenti diretti dal dirigente Giovanni Tiberio, anche con competenze non attinenti alla fase del pagamento, come gli adempimenti fiscali, stanno dando il loro contributo per favorire lattivit dei colleghi impegnati in prima linea. Tutto questo senza parlare dei cittadini, che chiedono continuamente notizie per sapere quando vedranno accreditarsi i soldi che attendevano da ormai cinque anni; solo dai primi giorni di luglio sul sito del Comune stato pubblicato lelenco dei beneficiari. Anche il sindaco ha voluto rivolgere un saluto personale per incoraggiare i dipendenti della Ragioneria in questo lavoro estenuante che dovr portare, entro il prossimo 10 luglio, al pagamento dei circa 296 milioni di euro. Parlando con i dipendenti del Servizio Controllo Spese, emergeva un altro aspetto squisitamente umano che sta ripagando del frenetico lavoro di questi giorni, e cio i ringraziamenti di tanti creditori che da molti anni attendono di essere pagati e che finalmente risollevano le sorti dellazienda o raccontano di vicende personali incresciose che si sono verificate in questo periodo a causa del mancato accredito e che finalmente trovano un epilogo felice. Dopo aver sentito la disperazione di tanti, oggi si raccoglie la gioia di chi finalmente sta ricevendo quanto dovuto. Infine, sul lavoro svolto, il Direttore dei Servizi Finanziari - Ragioniere Generale, Raffaele Mucciariello, dichiara: Esprimo la mia grande soddisfazione nellaver potuto coordinare i Servizi interessati a tale impegnativa attivit. Seppure abbia assunto la Direzione dei Servizi Finanziari da poco tempo, ho avuto modo di verificare la grande professionalit di tutti i miei collaboratori ed ho cercato di motivarli esaltandone le capacit e dimostrandogli la mia costante vicinanza. Agli stessi va ancora il mio plauso, in quanto sono stati in grado di sopportare, in questo particolare momento, il mio impulso alla gestione complessiva, mirato alla costituzione di una forte e competitiva squadra, finalizzata ai criteri di efficienza ed efficacia, nonch al miglioramento continuo. Le difficili condizioni finanziarie dellAmministrazione non sono del tutto risolte, ma la volont del sindaco di accettare gli impegni stringenti legati allottenimento di queste anticipazioni ha permesso di dare linfa alleconomia della citt. Inoltre, questa straordinaria attivit, il cui ritmo stato imposto dalla legge, ha dimostrato che allinterno dellAmministrazione ci sono delle professionalit capaci di far fronte alle emergenze che di volta in volta possono presentarsi.