Sei sulla pagina 1di 1

Tgcom - Stampa Pagina 1 di 1

10/5/2009
"Penati non sa gestire i rifiuti"
Berlusconi: "Milano?Una nuova Napoli"
Milano potrebbe diventare la nuova Napoli nello smaltimento dei rifiuti. A lanciare l'allarme è Silvio
Berlusconi in collegamento telefonico per la presentazione del candidato Guido Podestà a presidente della
Provincia per il centrodestra. "Nonostante le stime parlino per il 2011 di un deficit di 600mila tonnellate per
lo smaltimento di rifiuti ogni anno, la provincia di Milano non è stata in grado di fare un piano".
Insomma, insiste il premier, "sono stati i veti e i diktat dei verdi e dei comunisti a produrre una paralisi, cioè
quella di non dare il via a un nuovo termovalorizzatore e se questa paralisi non sarà risolta potrebbe portare
Milano e la sua provincia a trasformarsi a qualcosa di molto vicino a quello che abbiamo visto in Campania''
Pwer il Cavaliere il dato è uno: vale a dire una"'emergenza gravissima'' solo in parte tamponata dall'
approvazione del piano dei rifiuti dopo la nomina di Penati a commissario ad acta. ''Nonostante le stime
della nostra regione ci parlino per il 2011 di un deficit infrastrutturale per lo smaltimento di circa 600 mila
tonnellate di rifiuti ogni anno - continua - la provincia di Milano non è stata in grado di approvare un piano di
rifiuti fino a quando non ha subito l'umiliazione del commissariamento da parte della regione lombardia che
poi ha nominato lo stesso Penati in quanto presidente della Provincia''
Segue una riflessione sulle riforme più irgenti da apportare, a cominciare proprio dalle aree
metropolitane da rifdefinire: "Le province - spiega il Cavaliere - sono strumenti vecchi che intendiamo
superare introducendo per le grandi aree le città metropolitane. Ho letto che la sinistra e l'Udc dicono la
stessa cosa nei loro programmi.Sono contento che siano d'accordo con la maggioranza e quando faremo la
riforma costituzionale su questa materia spero che manterranno la loro opinione e che ci diano i loro voti".
E prima di addentrarsi in altri temi delicati, si scusa per non aver potuto partecipare personalmente alla
kermesse: "Ci saranno presto delle occasioni per stare insieme a Guido Podestà - spiega dispiaciuto - ma
oggi ho dovuto piegarmi alle esigenze dell'età e perchè ho un forte male al collo e ho dovuto assolutamente
fare delle cure che mi hanno bloccato a Roma" Bloccato al punto di non andare "neppure a vedere Milan-
Juventus".
Poi prosegue, con una breve parentesi sul tanto contestato ddl sicureza che sarà approvato questa
settimana dalla Camera: "Il provvedimento - sbotta - è stato voluto da tutta la maggioranza e servirà a
rendere più sicure le nostre strade e le nostre città'".
E ancora, una previsione lungimirante: "Sono sicuro che dopo le elezioni, le amministrazioni governate dal
centrodestra saranno molte di più". In particolare a Milano secondo il premier ''dobbiamo essere certi che
gli elettori daranno la vittoria a noi e a Guido Podestà al primo turno". ''Il consenso degli italiani - ha
aggiunto - ci dimostrerà, e lo verificheremo con le elezioni, che stiamo andando nella giusta direzione.
Metteremo fine al governo di sinistra in tante amministrazioni locali''. Infine un annucnio: secopndo il
premeir Mario Mauro è il probabile prossimo presidente del Parlamento Europeo

http://www.tgcom.mediaset.it/res/html/popup/stampapopup.shtml?/politica/articoli/art... 11/05/2009