Sei sulla pagina 1di 5

QUALCOSA DI SBAGLIATO

ANNA AGLIATI

Libertà di informazione. “Forse sto commettendo qualcosa di sbagliato”. E’ quello


che Anna Politkovskaja si domanda nel video Anna, Seven Years on the Frontline (di
Maša Novikova, Paesi Bassi /Russia, 2008).
Le parole che seguono nella registrazione sono quelle del padre di Elza Kungaeva,
ragazzina cecena violentata e uccisa dal colonnello dell’esercito russo Jurij Budanov
mentre si trovava in stato d’ebbrezza. Così Budanov, reduce dai festeggiamenti per il
compleanno di sua figlia, privò Elza della possibilità di divenire donna. Il padre mo-
stra alle telecamere i due certificati post-mortem ricevuti. Il tono con cui parla e-
sprime, rabbia, vendetta, rassegnazione.

“Q
UESTI in- tosi di generazione in genera- idee innovative. Dopo anni di
contri aiu- zione?”. Zoe pensa invece che silenzio forzato, il bisogno di
tano me e l’esperienza dei gulag sia il vac- parlare era incontrollato. Nel
gli altri cino più efficace contro ogni momento in cui la Novaja Ga-
giornalisti virus stalinista. zeta fu fondata nel 2003, si
della Nova- La generazione precedente a proponeva di essere una testata
ja Gazeta a quella a cui appartenne Anna “normale” per persone “norma-
capire che non siamo soli a bat- Politkovskaja, era composta li”.
terci per la libertà, in un mondo dai comunemente detti “Figli Troppo spesso si sente parlare
privo di senso”. Questo è il rin- del XX Congresso”, quello in di ciò che Gorbačëv ha manca-
graziamento con cui Zoe Ero- cui, come molti ricorderanno, to di fare. Zoe crede sarebbe
shok- giornalista della Novaja Krušev denunciò per la prima invece più utile interrogarsi su
Gazeta e collega di Anna Poli- volta i crimini di guerra stali- quello che Gorbačëv abbia fat-
tkovskaja introduce la sua pre- niani. Individuare questo pas- to in tempo a fare.
ziosa testimonianza. saggio storico diventa fonda-
mentale per interpretare il cli- Le Guerre in C ece ni a
Dai G ul ag al l a Peres tr ojka ma storico, culturale e sociale Quando è scoppiata la prima
La grande poetessa russa Anna in cui è cresciuta la generazione guerra in Cecenia (11/12/1994)
Achmatova scrisse che, in se- della Perestrojka. Per la prima Zoe si trovava ospite dalla so-
guito alla soppressione dei gu- volta con Gorbačëv i cittadini rella nel sud della Russia. Non
lag, 2 Russie incominciarono a cominciarono a disabituarsi riesce a dimenticare il volto
guardarsi negli occhi: la Russia all’idea di vivere ed essere con- sconvolto della sorella di fronte
di coloro che furono deportati siderati come entità separate al televisore e le sole parole che
nei gulag e la Russia di quelli dal potere. Il capo del governo è stata in grado di pronunciare
che ordinarono ed eseguirono le gettò le basi di una comunica- “Mi vergogno di essere russa”.
deportazioni. zione diretta con la società civi- Il primo scontro ceceno ha rap-
Un cittadino britannico chiese le, rivolgendosi alle singole presentato senza dubbio il più
una volta a Zoe durante una persone e non al popolo come grande sbaglio della Russia
conferenza: “Non può essere massa indistinta. Numerose te- post-sovietica. Lo ha ammesso
che lo stalinismo sia parte in- state giornalistiche indipendenti lo stesso Eltsyn a conclusione
trinseca del patrimonio geneti- trovarono in quegli anni lo spa- del suo mandato (1999).
co dei cittadini russi, tramanda- zio per costituirsi e diffondere
Durante la seconda guerra Margaret Thatcher. Prima e co, sdrammatizza ribattendo:
(1999-2004), vigeva invece un dopo l’intervento della Tha- “My so vsemi, ecli ljudej ne e-
clima di tale confusione che era tcher, in sala risuonava un bru- djat” (Siamo con tutti, purchè
molto difficile capire cosa stes- sio fastidioso, il vociare indi- non siano cannibali).
se realmente acca- stinto di un pubblico
dendo. I sentimenti Poka oni disattento. Quando Attac chi al g ior nal is mo
degli osservatori si l’ex primo ministro indi pe nd e nte
alternavano tra la govorjat, oni ne (non più in carica già Nonostante resistano in Russia
rabbia e lo shock. streljat da 13 anni) incomin- alcuni esempi di giornalismo
“Esistono paesi liberi ciò a parlare, il silen- indipendente (le testate Kom-
nonostante le condi- (Fintanto che zio che si creò era mersant, Vedemosti, la radio E-
zioni economiche i politici talmente fitto da es- cho Moskvy), più del 60% delle
svantaggiate. Non ci sere percepibile an- testate regionali e locali sono
può essere invece li- dialogano, non che fisicamente. controllate e manovrate dai ri-
bertà in un paese in Non vi era uno solo spettivi consigli.
guerra”.
sparano) tra i presenti a non La realtà delle reti televisive è
Zoe rammenta sempre le paro- essere assorto entusiasticamente ancora più desolante: non esiste
le di un amico georgiano ap- nelle sue parole. Lo stesso tipo canale che non sia assoggettato
partenente al partito di opposi- di silenzio, hanno riferito a Zo- al potere.
zione al governo Sakaashvili. e, faceva da cornice ai grandi Sotto il governo Eltsyn i casi
proclami di Stalin. Con la dif- registrati di attacchi ai giornali-
L’er ed ità di Puti n: ferenza che, in quel caso, a pro- sti erano 4 o 5 all’anno. Dal
u na me nzo g na durre il silenzio fosse il terrore e 2001 la media è salita 50- 60
I problemi raramente sono cre- non l’entusiasmo. casi. Nell’ultimo anno se ne so-
ati dal popolo, molto più fre- Attraverso il suo mestiere e no verificati 80.
quentemente dalle Elites. come principio cardine della In aggiunta a ciò, 5 nuovi arti-
Zoe spiega l’incontestabile suc- sua vita, la giornalista vorrebbe coli sono stati recentemente
cesso di Putin invitandoci a che il suo paese venisse AMA- integrali al Codice Penale rus-
considerare che la maggioranza TO, non temuto. Dello stesso so. Dei 5, 3 prevedono la pos-
dell’opinione pubblica attribui- amore che ha visto provare da sibilità di limitare la libertà di
sca al gerarca il merito di aver cittadini di tutto il mondo di stampa ai giornalisti. La flessi-
restituito alla Russia la stima di fronte ad un quadro di Chagall bilità con cui vengono interpre-
sé. o di Kandinskij. Per farlo oc- tati, fanno di essi lo strumento
La giornalista smentisce e sem- corre la pace e non la guerra, preferenziale dei činovniki nel-
pre si mette a gridare di fronte occorre che non si baratti la li- la lotta a qualsivoglia forma di
a troppo diffuse affermazioni bertà con la sicurezza. opposizione al potere.
quali “grazie a Putin, il mondo D. Medvedev, durante una Nella graduatoria della libertà
ora ci stima e ci teme”. conferenza stampa ha pronun- di stampa, la Russia si colloca al
Sarebbe molto meglio, pensa ciato le parole Svoboda lučše 174° posto su 195. Anche
lei, se il mondo amasse e sti- čem ne sboboda (La libertà è l’Italia, in settantatreesima po-
masse la Russia, ma sembra che meglio della non libertà). Pur stazione, non ha nulla da fe-
i russi guardino al rispetto e alla restando solo parole, non le si steggiare.
paura come a due sentimenti sentiva pronunciare da anni. In Questi dati dimostrano che non
imprescindibili. situazioni di emergenza, anche esistono libertà sempiterne.
Riporta a questo proposito un una singola frase può servire a Ciascun paese ha il dovere di
episodio accadutole qualche conservare la speranza. Zoe lavorare costantemente affinché
anno fa in Gran Bretagna. Fu crede sia utile in questa fase vengano rispettate nel tempo le
invitata a partecipare ad una supportare il presidente. libertà e i diritti fondamentali
delegazione composta da più In seguito a una tale afferma- dell’uomo.
di 200 uomini politici prove- zione, intuendo un certo sgo-
nienti da tutto il mondo, tra cui mento negli sguardi del pubbli-
In Russia siede al potere un oli- pientemente giornalismo e let- suoi collaboratori o andare a-
garca, attorno a lui tutti taccio- teratura. Avrebbe potuto essere vanti perché il prezioso lavoro
no. un’importante figura di riferi- condotto fino a quel momento
Lo Stato stesso è l’oligarca. mento nel panorama delle tec- non andasse perso.
Scomparso il dibattito, ridotto niche del giornali- A questo punto
ad uno l’interlocutore, non pos- smo contempora- dell’intervista Zoe
Kul’tura: Umenie
sono nem-meno esistere con- neo. riferisce un buffo
flitti d’interes-se. Tuttavia, la Tre anni dopo, nel Praktikovat’ aneddoto. “Uno
tiratura della Novaja Gazeta è giugno del 2003 fu zingaro si reca al
cresciuta molto negli ultimi la volta del vice di- Složnost’ confessionale e il
anni. rettore del giornale (La cultura prete gli domanda:
Il dato rende felici soltanto in Jurij Shekočichin. - Conosci i coman-
parte i giornalisti che vi lavora- Si ammalò di una è la capacità damenti? - Li vole-
no, perché dimostra che la con- malattia misteriosa di saper gestire vo imparare, poi
correnza è sparita. e sconosciuta. Nel però ho pensato che
Chi vuole ascoltare una voce giro di qualche le complessità) li avrebbero cam-
capace di giudizio critico giorno il suo corpo biati presto-”.
all’interno paese, è dunque “co- atletico e dall’aspetto giovanile, La Novaja Gazeta ha scelto di
stretto” ad acquistarla. si deteriorò a tal punto da farlo non rinunciare alla propria mis-
Accanto ad un numero consi- apparire una persona di più di sione, come se nessuno abbia
stente di lettori della N.G., se 100 anni. Morì a 53 anni. I fa- mai cambiato i comandamenti.
ne registra però un altro ancora migliari non riuscirono ad otte- Un singolo risultato raggiunto
più consistente di oppositori. nere una diagnosi medica con- è già moltissimo.
Le provocazioni all’interno del- clamata e fu posto il divieto di Odin plus odin plus odin plus
la redazione sono continue: o- aprire un’inchiesta sul caso. So- odin (1 + 1 +1 + 1).
recchie di maiali gettate nelle lo in seguito all’ascesa al potere Gorbačëv è attualmente uno
finestre degli uffici, intimida- di Dimitrij Medvedev il divieto dei principali azionisti della te-
zioni costanti, proposte di fu revocato. stata.Nei 16 anni della sua atti-
cambiare la lina del giornale in Il 7 ottobre del 2006 Anna Po- vità la parola stampata è stata
cambio di laute ricompense litkovskaja fu uccisa nell’ascen- anche lo strumento per produr-
(l’ultima pari a 3 milioni di dol- sore di casa sua in via Lesnaja a re azioni concrete e un cam-
lari), solo per citare qualche e- Mosca con 5 colpi di pistola. biamento verso il meglio.
sempio. Tre la colpirono al cuore. Zoe si occupa del delicato tema
Il 19 gennaio del 2009 Anasta- della beneficenza, con
La No vaja G aze ta, sia Baburova, giovane e pro- un’attenzione particolari ai
no nos tante tu tto mettente tirocinante della N.G. bambini russi gravemente ma-
Zoe Eroshok, insieme a molti e l’avvocato Stanislav Markelov lati, le cui famiglie non dispon-
altri colleghi della Novaja Ga- pagarono con la vita il prezzo gono di sufficienti mezzi eco-
zeta, costruiscono il loro lavoro della loro serietà professionale. nomici per pagare le cure ne-
sulle ceneri dei colleghi uccisi. Markelov stava seguendo cessarie e di cui lo stato si disin-
Negli ultimi 8 anni, 5 collabo- l’inchiesta sul caso Budanov, teressa completamente. La No-
ratori del giornale hanno perso nel tentativo di prolungare la vaja pubblica allora brevi an-
la vita. Ricordare i loro nomi è pena dell’imputato. Si trovava nunci segnalando di volta in
un obbligo oltre che un dovere nel centro di Mosca quando volta i singoli casi e indicando il
morale. una pallottola segnò per sempre numero di conto corrente per
Nel maggio del 2000 il redat- il suo destino. chi voglia versare qualunque
tore della sezione “Inchieste L’omicidio di Anna pose Dmi- somma di denaro necessaria alle
Speciali” Igor’ Domnikov, fu trij Muratov, il Direttore del cure.
ucciso all’ingresso di casa sua. giornale, di fronte a una scelta Non vi è ad oggi un solo bam-
Di lui Zoe ricorda la straordi- cruciale: chiudere il giornale per bino che non sia stato curato
naria abilità nel mescolare sa- proteggere la vita umana dei adeguatamente in questo mo-
do. Racconta commossa gli tu che mandi avanti nienza e
sforzi di famiglie umili che questa guerra?!”. Samaja Lucaja appartenenza civile,
compiono sacrifici enormi per Lei gli rispondeva: Antikriziznaja non ha più una
risparmiare una manciata di ru- “Se non ci vado io, sezione dedicata
bli da inviare al giornale. a chi potranno ri- Programma alla Cecenia.
volgersi le persone “Devono anche
– Sostradanie
Anna co ntro tu tti che hanno bisogno imparare a
Anna Politkovskaja ha fatto d’aiuto?”. (Il miglior sbrigarsela da soli”,
proprio lo spirito del giornale Avevano ragione dice Zoe.
fino all’ultimo giorno della sua entrambi, questo è programma Queste sono le
vita. Ha prestato ascolto ai bi- il parere di Zoe. anti-crisi è la parole con cui
sognosi e realizzato interventi Non il nostro. conclude
concreti per andare loro in aiu- La Novaja Gazeta, com-passione) l’intervista. Parole
to. pur continuando a forti che mentre
Lo stesso Muratov le doman- sostenere casi di lasciano l’amaro in
dava “Cosa vai a fare in Cece- singole persone o famiglie, bocca, invitano ad una profon-
nia, ormai sei rimesta sola, sei qualunque sia la loro prove- da riflessione.

COSTITUZIONE RUSSA - Capo 2 - Diritti e libertà della persona e del cittadino

Articolo 17

1. Nella Federazione Russa sono riconosciuti e garantiti i diritti e le libertà della persona e del cittadino secon-
do i principi e le norme universalmente riconosciuti del diritto internazionale e in conformità della presente
Costituzione.

2. I diritti e le libertà fondamentali della persona sono inalienabili e appartengono a ciascuno sin dalla nascita.

3. L'esercizio dei diritti e delle libertà della persona e del cittadino non deve ledere i diritti e le libertà di altre
persone.

Articolo 19

1. Tutti sono eguali dinanzi alla legge e all'autorità giudiziaria.

2. Lo stato garantisce l'eguaglianza dei diritti e delle libertà della persona e del cittadino senza distinzioni di
sesso, razza, nazionalità, lingua, origine, condizione patrimoniale e di carica pubblica, di luogo di residenza, di
atteggiamento verso la religione, di opinioni, di appartenenza a organizzazioni sociali, cos come di altre cir-
costanze. E' vietata qualsiasi forma di limitazione dei diritti dei cittadini sulla base della loro appartenenza so-
ciale, razziale, nazionale, linguistica o religiosa.

3. L'uomo e la donna hanno eguali diritti e libertà ed eguali opportunità di realizzazione.

Articolo 20

1. Ciascuno ha diritto alla vita.

2. La pena di morte, fino alla sua soppressione, può essere stabilita per reati di particolare gravità contro la vi-
ta, concedendosi all'imputato il diritto di sottoporre la sua causa all'esame di un tribunale di cui facciano parte
dei giurati.
Articolo 29

1. A ciascuno è garantita la libertà di pensiero e di parola.

2. Non sono consentite propaganda o attività analoghe che fomentino l'odio e l'inimicizia sociale, razziale, na-
zionale o religiosa. E' vietata la propaganda di ogni egemonia sociale, razziale, nazionale, religiosa o linguistica.

3. Nessuno può essere costretto a esprimere le proprie opinioni e convinzioni o a rinunciarvi.

4. Ciascuno ha diritto a cercare, ottenere, trasmettere, produrre e diffondere liberamente informazioni con
qualunque mezzo consentito dalla legge. La legge federale stabilisce l'elenco delle informazioni che costituisco-
no segreto di stato.

5. Viene garantita la libertà dei mezzi d'informazione di massa. La censura è vietata.

Articolo 31

I cittadini della Federazione Russa hanno il diritto di riunirsi pacificamente, senz'armi, di tenere riunioni, co-
mizi e dimostrazioni, cortei e picchetti.

Articolo 45

1. E' garantita nella Federazione Russa la difesa da parte dello stato dei diritti e delle libertà della persona e
del cittadino.

2. Ciascuno può difendere i propri diritti e libertà con tutti i mezzi non vietati dalla legge.

Articolo 52

I diritti delle vittime di reati e di abusi di potere sono tutelati dalla legge. Lo stato garantisce alle vittime il ri-
corso alla giustizia e il ristoro del danno causato.

Articolo 55

1. L'elenco nella Costituzione della Federazione Russa dei diritti e delle libertà fondamentali non deve interpre-
tarsi come negazione o menomazione di altri diritti e altre libertà della persona e del cittadino universalmente
riconosciuti.

2. Nella Federazione Russa non si devono promulgare leggi che annullino o sminuiscano i diritti e le libertà del-
la persona e del cittadino.

3. I diritti e le libertà della persona e del cittadino possono essere limitati dalla legge federale solo nella misura
in citi questo sia necessario al fine di difendere i principi dell'ordine costituzionale, la morale, la salute, i diritti
e gli interessi legittimi di altre persone, di garantire la difesa del paese e la sicurezza dello stato.

Dal primo ciclo d’incontri “RUSSIA Ritratti d’Oggi” : Libertà (d’informare), dove sei? Anna Poli-
tkovskaja e la libertà d’informazione
Sesto S.Giovanni, 6/5/2009