Sei sulla pagina 1di 3

Essere o avere? In italiano, la coniugazione dei verbi richiede lutilizzo dei verbi ausiliariavere e essere.

Con i verbi ausiliari e il participio passato del verbo si formano i tempi composti. Per esempio, il passato prossimo del verbomangiare : io ho mangiato, tu hai mangiato, Allindicativo presente del verbo avere (io ho, tu hai, ) si aggiunge il participio passato di mangiare (mangiato). Invece il passato prossimo del verbo andare si forma cos: io sono andato, tu sei andato, Il problema quindi sapere quale ausiliare usare per i tempi composti. In generale, la regola :

Avere si usa con i verbi transitivi attivi (come ho mangiato) e con alcuni intransitivi (ho parlato) Essere si usa con i verbi intransitivi (sono andato), con i verbi riflessivi propri e impropri (mi sono lavato, mi sono comprato un libro), con i verbi pronominali (mi sono arrabbiato), con i verbi impersonali ( successo un incidente) e nella coniugazione passiva dei verbi transitivi (sono stato salvato)

Per capire quali sono i verbi transitivi, pensa se "rispondono" alle domande "chi? che cosa?" Per esempio, mangiare risponde alla domanda "che cosa?" Che cosa hai mangiato? Ho mangiato una mela. Invece, chiaro che verbi di moto come andare non rispondono a quelle domande e quindi sono intransitivi. Esistono eccezioni alle regole sopra citate per luso degli ausiliari. Alcuni verbi (come vivere, volare, scivolare e altri che indicano condizioni atmosferiche, come grandinare, nevicare, piovere) possono avere come verbo ausiliare sia il verbo essere che il verbo avere. Potete utilizzare sia ha piovuto che piovuto e per vostra fortuna sono entrambi corretti! In alcuni casi, come piovere, le due forme sono equivalenti, in altri luso di un ausiliare piuttosto che laltro modifica il significato, come per esempio:

Laereo ha Laereo Il malato Il tempo migliorato.

volato volato ha

per

ore. a Roma. (oppure ) migliorato

otto

I verbi dovere, potere e volere possono essere usati autonomamente e in questo caso necessitano lausiliare avere: Ho voluto una mela. Mi ha chiesto un favore, ma non ho potuto. Ha dovuto mille euro ai suoi creditori. Seguiti da un altro verbo allinfinito, questi verbi sono usati in funzionemodale, detta anche servile. Specificano cio se unazione avvenuta per obbligo, per scelta o per possibilit: Devo studiare di pi. Voglio andare al cinema. Posso comprare unautomobile. Nei tempi composti viene utilizzato lausiliare del verbo allinfinito. Dunque si dice sono dovuto andare, perch il verbo andare necessita lausiliare essere (sono andato al mare). Altri esempi: Ho dovuto studiare di pi. Sono dovuto andare a scuola. Ho voluto vedere un film. Sono voluto andare al cinema. Ho potuto comprare unautomobile. Sono potuto andare al mare. Comunque, nellitaliano di oggi si utilizza spesso in maniera indistinta lausiliare avere. Quindi si pu sentire anche: Ho voluto andare al cinema. Con il verbo essere i verbi servili utilizzano sempre lausiliare avere: Ho dovuto essere presente. Ho voluto essere ascoltata. Con un pronome atono (come ci), la posizione del pronome determina quale ausiliare usare: Non ci sono potuto andare. Non ho potuto andarci. Come gi detto, la coniugazione passiva richiede lausiliare essere. Il passivo esiste solo per verbi transitivi, che quindi utilizzano lausiliare averenei tempi composti della

coniugazione attiva: Hanno premiato il vincitore. Quando si costruisce la forma passiva, lausiliare essere: Sono stato premiato. Del tutto analogo al passivo il comportamento dei verbi riflessivi. Anche questi derivano da verbi transitivi, che quindi nella coniugazione attiva utilizzano avere. Invece, il verbo riflessivo derivato richiede essere: Mi sono svegliata. Dopo mezz ora ho svegliato anche mio fratello.
Mi sono lavato. Quindi ho lavato il bagno.

Unaltra difficolt dei tempi verbali composti riguarda laccordo tra soggetto, oggetto e participio passato del verbo. Con lausiliare avere, il participio rimane invariato al singolare maschile: Marco ha mangiato una mela. Maria ha mangiato una mela. Voi avete mangiato una mela. Tuttavia, i alcuni casi avviene laccordo, facoltativa, tra participio passato e oggetto:

obbligatoria

Ho visto dei libri e li ho comprati (accordo obbligatorio con i pronomi lo, la, li, le e ne) Anna ci ha salutati oppure Anna ci ha salutato Andrea si tagliate le unghie oppure Andrea si tagliato le unghie Ho mangiata una mela (forma letteraria rara)

Invece, con lausiliare essere, il participio passato va declinato in base al soggetto, maschile o femminile, singolare o plurale. Per esempio: Andrea andato al mare. Maria andata al mare. I miei amici sono andati al mare. Le mie amiche sono andate al mare.