Sei sulla pagina 1di 24

Massaggio connettivale

Il Mesoderma un tessuto importantissimo per il massaggio connettivale in quanto costituisce i nervi spinali e le protovertebre. I Nervi spinali che vanno allesterno interessano delle fette di corpo; i metameri. Il connettivale si basa appunto sul riflesso metamerico. Le zone metameriche oltre alla possibilit di diagnosi, ci danno una possibilit terapeutica diretta per organi specifici; stimolando la cute quindi stimoliamo per riflesso il sistema nervoso neurovegetativo e gli organi interni. Viscero - cutanei Viscero muscolari RIFLESSI Cuto Viscerali Muscolo - Viscerali Gli stimoli inviati da un organo ad un metamero possono interessare anche i metameri superiori ed inferiori. La parte di stimoli che interessa il sistema neurovegetativo arriva al Talamo, il quale li filtra e li rimanda agli organi con intensit inferiore; si visto infatti che gli stimoli pi leggeri sono i pi efficaci. Quando abbiamo una patologia in atto su un organo interno, questa si riflette sulla cute con una maggiore aderenza o con un turgore. La cute si esamina: 1 Per osservazione diretta 2 Sentendo se ci sono aderenze allo scorrimento della cute. 3 sentendo se ci sono aderenze allo staccamento delle cute. Seguendo lordine riportato in figura.

Il dolore in una zona pu manifestarsi con: - dolore della muscolatura - ipertono della muscolatura - ipotono della muscolatura - eccessiva sensibilit - scarsa sensibilit

Tecnica sottocutanea Dicke


1- Fasi di lavoro prolungate = tratti lunghi in direzione longitudinale , si scivola sulla pelle. 2- Fasi di lavoro brevi = tratti corti, direzione trasversale rispetto alle fibre muscolari, si uncina la pelle. Tratti Lunghi Si pone il dito, Si mette in tensione la cute, Si scivola provocando la sensazione di taglio Tratti corti Si pone il dito, Si mette in tensione la cute, Si taglia con una manovra di uncinamento. Il piatto inferiore di L4 si trova sulla linea bisiliaca; appena al di sotto (due dita) si trova il piatto inferiore di L5. Langolo formato tra la colonna vertebrale e lileo langolo ileolombare, dove viene effettuato il ventaglio della tecnica Dicke. Seguendo il percorso delle coste arriviamo ad L1 e appena sopra troviamo D12. D7 la troviamo sulla linea che congiunge gli angoli inferiori delle scapole. In genere si fa per le prime 5 6 volte solo il trattamento di base; la prima settimana 4 o 5 sedute ed il resto poi. Terminata la fase preliminare (base) si passa al trattamento specifico fino ad un massimo di 20 sedute, poi si interrompe. Possono manifestarsi delle reazioni secondarie al trattamento quali un aumento della sonnolenza dopo circa 1 ora ed un aumento della minzione nelle ore successive.

Per recuperare un soggetto che mal tolleri una seduta di connettivale e che manifesti problemi respiratori ripetiamo pi volte il taglio di piatto su L5 ed il taglio ischiatico. Se non recupera completamente lo mettiamo supino e gli flettiamo le gambe al petto passivamente ed al massimo. Come ultima operazione comprimiamo il torace in fase inspiratoria, dato che una resistenza in questa fase provoca una reazione a livello del del Sistema Nervoso Centrale molto potente e contraria.

Tecnica della Fascia Teirich Leube


I tagli sono uguali ai tratti corti della Dicke ma con: - pressione maggiore e agganciamento delle fasce (aponeurosi) - il dito si trova in posizione perpendicolare alla cute. E una tecnica con incisione molto profonda; agisce a livello sopraliminale quindi con stimoli massimali. Mentre la tecnica della Dicke ad azione prevalentemente calmante (per artrosi, problemi cronici, ecc), la tecnica Teirich Leube da una sferzata con conseguente reazione molto potente al trattamento (immediata. E molto valida per problemi circolatori. Indicazioni - turbe reumatiche e neuritiche - turbe vascolari arteriosee venose - turbe organiche - turbe ormonali - turbe di origine nervosa - malattie infantili - stati pre e post chirurgici - casi ortopedici Controindicazioni - tubercolosi nei suoi diversi stadi - affezioni infettive acute - tumore maligno Cutaneo

Lento Prepara ai trattamenti successivi pu avere unazione calmante; si pu agire sulle infiammazioni con processo calmante. Veloce Ha funzione ortosimpatica vasocostrittrice; offre la possibilit di intervenire nelle grosse contusioni dove sono previsti versamenti. Pu essere praticato solo su certe zone (vedi tabelle), quelle cio a funzione parasimapatica. Sul busto nella parte dorsale, nel braccio sulla parte volare (superiore), nella gamba sulla parte esterna e nella mani e piedi sulle parti laterali esterne e superiori. Si tratta sempre di manovre centrifughe. Non bisogna mai superare il bordo superiore del trapezio e la met del deltoide mediano per non entrare in zona ortosimpatica.

Masser Rouler
Si effettua dal basso verso lalto e non si deve mai eseguire sui punti di massima e nelle zone dove la cute risulta molto tesa. Indicazioni - tessuto sottocutaneo teso - squilibri importanti neurovegetativi - per abituare il soggetto ai tagli - per evitare disturbi Si esegue su tutto il dorso evitando la zona intrascapolare perch corrisponde alla zona riflessa del cuore. Lazione consiste: - nel prendere la cute tra pollice indice e medio - eseguire una trazione che scolli la cute - poi a cute staccata una trazione verso lalto - e per ultima una trazione verso lesterno. I tre movimenti di razione in realt sono uno solo. In pratica si aggancia la cute e poi si esegue la trazione descrivendo una L.

In generale uno stimolo corretto ha un applicazione lenta a livello subliminale in modo ripetuto e successivo,lasciando delle tracce sulla cute. Uno stimolo errato invece non a livello subliminale e quindi particolarmente violente. Un trattamento risulta efficace se applicato fuori dai segmenti colpiti con un approccio dolce, sfruttando il principio dellirradiazione. Risulta importante un dosaggio minuzioso degli stiramenti, agendo a distanza (pi la patologia grave pi agiamo sulla zona controlaterale. E importante - la ricerca esatta delle zone che presentano la cute particolarmente incollata - la ricerca della soglia di reazione del paziente che quel limite oltre il quale appaiono effetti collaterali dannosi - la ricerca dellequilibrio neurovegetativo attraverso lo scollamento della cute. Gli effetti benefici posso essere riassunti in: - normale vasomotricit (agisce sugli spasmi vascolari, linfatici, circolazione di ritorno, edemi, ecc..) - miglioramento della circolazione dei liquidi interstiziali - miglioramento della funzione organica - rilassamento generale - modera e sopprime le irritazioni e le tensioni tissutali - interrompe il circolo vizioso intersegmentario - ha effetti regolatori sui centri vegetativi, respiratori, cardiaci e del sonno - ha effetto neurovasoendocrino sul metabolismo - la forte iperemia agisce beneficamente sulla distrofia e sul dolore.

Sensazioni del paziente durante il trattamento - taglio, graffio (=male benefico) - aumento della sonnolenza dopo 1 ora e mezzo - aumento della minzione - sensazione di rilassamento - sudore ascellare o generalizzato (freddo) Reazioni generali se la tecnica errata: - sordo senso di compressione - disturbi respiratori - disagi, prurito, pizzicore - fatica generale e voglia di dormire dopo 24 ore Reazioni parasimpatiche - sonnolenza - stanchezza funzionale - poliuria - accelerazione della funzione intestinale Reazioni simpatiche - midriasi - sudorazione - orripilazione - vasodilatazione (demografia) Reazioni locali della cute - demografia rubra (tec. Sottocutanea Dicke) - demografia elevata (tec. Sottocutanea Dicke) - demografia alba (tec. Cutanea Teirich Leube)

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Potrebbero piacerti anche