Sei sulla pagina 1di 1
Giovedì 27 giugno 2013 I XXI

Giovedì 27 giugno 2013

I

XXI

VIVILACITTÀ

Lecce CARMIANO POGGIARDO I suoni di «Inthe south» Il jazz di FulvioPalese e Gianna Montecalvo
Lecce
CARMIANO
POGGIARDO
I suoni di «Inthe south»
Il jazz di FulvioPalese e Gianna Montecalvo
n L’Istituto di arti terapie e scienze creative di Carmiano,
per il sesto appuntamento della rassegna «Carmiano Cul-
tura», presenta stasera il concerto per formazione jazz
dal titolo «In the south». Alle 21 nel «Circolo virtuoso», in
via Lecce, 51, si esibiranno: Massimo Inguscio (clarinet-
to); GabrieleGreco(saxcontralto); MirkoMiccoli (sax
tenore); DarioDorèmi (saxbaritono); StefanoPatera
(percussioni). In foto, un particolare della locandina.
n «Oltretromba jazz» con il Fulvio Palese Quartet sta-
sera a Poggiardo. L’appuntamento è al «Tesoretto»,
dove al termine della partita di calcio Italia-Spagna,
per la quale è stato allestito un maxischermo, si esi-
birà il gruppo costituito da Fulvio Palese (al sax, in
foto), Ettore Carucci (piano), Franco Mariella (con-
trabbasso) e Alessandro Napolitano (Batteria). Ospi-
te speciale Gianna Montecalvo. Inizio alle 22.
Ospi- te speciale Gianna Montecalvo. Inizio alle 22. MUSICA DA CAMERA Il pianista Mirco Ceci Il

MUSICA DA CAMERA Il pianista Mirco Ceci

Il duo Ceci &Ceci nelMuseoprovinciale

Pianoforte e violino per la Camerata

l Concerto per violino e pianoforte stasera con i fratelli baresi Gabriele e Mirco Ceci

ospiti della Camerata musicale salentina. Ap- puntamento alle 20.30 nel Museo provinciale

di

Lecce, nell’ambito della rassegna «Musica

al

Museo». In programma la Sonata n° 9 «A

Kreutzer» di Beethoven; la «Sonata in la» di

Franck; il «Capriccio n° 24» di Paganini. Mirco e Gabriele Ceci sono nati, il primo, nel 1988, il secondo nel 1990, in una famiglia di mu- sicisti (il padre Luigi è pianista e la madre Ma- riangela Scarola, violi- nista). Mirco inizia lo studio del pianoforte all’età di 8 anni sotto la guida del padre. In se-

guito, intraprende i suoi studi al Conservatorio «Piccinni», dove

si diploma in pianoforte sotto la guida di

Emanuele Arciuli e in composizione, con la guida di Gianluca Baldi. È vincitore di diversi

premi. Gabriele, seguito sin da piccolo dalla madre, a nove anni viene ammesso nello stes-

so Conservatorio del fratello, nella classe di

violino guidata da Carmine Scarpati dove a 17 anni si diploma. Ha collaborato in progetti cameristici con artisti di chiara fama.

in progetti cameristici con artisti di chiara fama. Il violinista Gabriele Ceci Otranto Sagra e un

Il violinista Gabriele Ceci

Otranto Sagra e un mondo di suoni per i «Santi Pietru e Paulu» . Si
Otranto
Sagra e un mondo di suoni
per i «Santi Pietru e Paulu»
.
Si accendono le luci sul borgo antico di
Otranto con la dodicesima edizione della
«Sagra del centro storico - Festa dei Santi
Pietru e Paulu», a cura dell’associazione
Hydro, dal 27 al 30 giugno. Oggi, alle 20.30,
in Largo Alfonsina, commedia del gruppo
«La Palumbara» Da domani sui palchi di
piazza del Popolo e Porta Terra musica po-
polare coi Fonarà, Li Scucitati e Paolo Ric-
ciardi, dj set Animamundi, Musikanti a Sud,
Antonio Castrignanò, Ensemble popolare,
Cunservamara, Ta Korassia, Sud’est, Le
Cantatrici di Cannole e I Tamburellisti di
Otranto. Previsti stand enogastronomici.

Uniti dallaterra Salento, Veneto eSudamerica

Volume collettaneo, edito da La Toletta a cura del leccese Camillo Robertini

di DINO LEVANTE

I territorio, le sue vicende,

come fogli di documenti

in un vasto archivio, co-

me pagine di un grande

risorse naturali. Sette saggi, da leggere con piacere e interesse, il cui fulcro è la trasmissione esperienziale che crea un ponte tra narratore, studioso e lettore. Ecco le descrizioni, tutte di

narratore, studioso e lettore. Ecco le descrizioni, tutte di spartito musicale i cui penta- grammi vanno

spartito musicale i cui penta- grammi vanno eseguiti con il ritmo incessante del tempo vis- suto. Le memorie, gli accadi- menti, sono al centro del volu- me curato dal leccese Camillo Robertini intitolato «Questa terra è la mia terra. Storie dal Veneto, dal Salento e dall’Ame-

rica Latina», edito da La Toletta

dal Salento e dall’Ame- rica Latina», edito da La Toletta CULTURA In alto al copertina del

CULTURA

In alto

al copertina

del libro

curato

da Camillo

Robertini

(a sinistra)

lo studio e la ricerca della sto- ria più vicina, quella dei nonni se non proprio quella dei loro genitori. Fra i promotori appunto Ro- bertini, laureando in Storia, in- torno al quale si è creato il gruppo che ha lavorato per un anno su questo progetto. Una

 

di Venezia

(130 pagine, 10

euro).

Sette auto-

generazione di universitari or- mai globalizzata, spinta dalla ricerca storica ampia e allo stesso tempo locale, particolare.

PAGINEEPAGINE

Setteuniversitari

ri, Silvia Se-

. Gli autori si sono serviti del

galla, Stefano

Pontiggia,

materiale messo a disposizione dalle testimonianze orali, ma

di Ca’ Foscari firmanoaltrettantestorie

Chiara Sac-

anche di testi reperiti sul luogo.

Una particolare attenzione proponiamo di riservare alla ri- costruzione, a più voci, di un processo per l’occupazione del- le terre incolte dell’Arneo (Ro- bertini) e alla fotografia del paesaggio rurale salentino (Martignano) e dei suoi cam- biamenti, subiti o vissuti (Gol- din). Solo il titolo non è origi- nale in questa «opera prima» che ripropone la nota canzone folk americana di Woody Gu- thrie, «This land is your land.»

chet, Marco Goldin, Fran- cesca Correr, Paolo Grassi e lo stesso curatore, che seguendo il richiamo della propria terra d’origine ricamano suggestioni

singolari e personali sull’ordito

di tela, a volte ruvida, delle

esperienze vissute o tramanda- te. Narrazioni giovanili che mettono insieme le storie dei

braccianti salentini, con la me- moria degli esuli istriani, con

le realtà così lontane del Suda-

merica, con gli accadimenti le- gati alle lotte per la casa e per le

spessore e che, pur nella loro modernità, riecheggiano lette- rature classiche ed europee d’altri tempi: la vita di Cateri- na, operaia al Lanificio Rossi;

le memorie in tre atti corali di un gruppo di istriani dell’eso- do; l’esperienza di vita e i ri- cordi partigiani di una intellet- tuale (Tina Merlin); le giornate della guerra dell’acqua di Co-

chabamba raccontate da uno dei suoi protagonisti; le dinami- che di un quartiere della zona

rossa di Città del Guatemala. Gli autori, tutti studenti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, hanno deciso di rita- gliarsi una stanza tutta per lo- ro, per scrivere, sperimentare, imparare gli uni dagli altri. Tutto ha avuto inizio da un blog, come ricorda Alessandro Casellato, ricercatore di Storia contemporanea presso quella università di Venezia, nella pre- ziosa e amichevole postfazione. Una occasione per attualizzare

Chissà poi perché scoprirà.

il lettore lo

TREPUZZI CERIMONIA NELL’AULA CONSILIARE PER LA SCUOLA DIRETTA DALLA COREOGRAFA

Premio alla danza di Vera Giannetto

Sarannopresenti i ballerini AndreinaCaraccioloeWalter Spalluto

l Venticinque anni al servizio dell’arte della danza con la scuola «Balletto del Salento» che da Trepuzzi lancia talenti in tutto il mondo Il successo di Vera Giannet- to, coreografa e direttrice ar-

tistica della scuola di danza,

sarà celebrato oggi nell’aula consiliare di Trepuzzi. La pro- fessionista salentina riceverà un riconoscimento per i suc- cessi raggiunti nel corso della lunga attività artistica, alla presenza del sindaco Oronzo Valzano. Saranno presenti, inoltre, le «punte di diamante»

Direttamente dall’Olanda, poi, arriverà il ballerino Walter Spalluto, che oggi frequenta la prestigiosa Rotterdam Accademy. Anche quest’anno, la scuola diretta da Vera Giannetto ha raggiunto traguardi impor- tanti: a febbraio, vince la se- zione danza contemporanea (gruppi junior) nel concorso «Talenti in palcoscenico»; in aprile, si classifica ai primi po- sti a «Lecce danza in scena» nelle categorie junior, senior passi a due e solisti contem- poraneo e modern, con l’allie- va Paola Leone, di 11 anni, vin-

e modern, con l’allie- va Paola Leone, di 11 anni, vin- Ali di Pandora «Wormageddon» di
Ali di Pandora «Wormageddon» di Roberto Bergamo . «Wormageddon. Nello spazio nessuno può sentirti urlare»,
Ali di Pandora
«Wormageddon»
di Roberto Bergamo
.
«Wormageddon. Nello spazio nessuno
può sentirti urlare», mostra di Roberto Ber-
gamo nella sede de «Le Ali di Pandora» a
Lecce (via Pistoia, 9). Vernissage oggi alle 20
con l’intervento di Tommaso Ariemma (do-
cente di estetica all’Accademia di Belle Arti).
L’artista reinterpreta i capolavori della pittura
violando in modo originale il confine tra cosa
è arte e di cosa è gioco. Sono piccole opere
(in foto) realizzate su carte fotografiche «il-
ford» e «kodak» lavorate a mano con tecni-
che miste e ispirate agli irreverenti vermetti
della Team17. Concluderà la serata Romolo
Russo al sax. La mostra terminerà il 7 luglio.

della scuola diretta da Vera

Vera Giannetto (al centro) con il gruppo

citrice di borsa di studio per

Giannetto, come la ballerina AndreinaCaracciolo, chedopol’esperienzanel talent «Amici» è oggi ballerina professionista per Rai e Mediaset e in compagnie di danza internazionali.

l’American dance theatre Al- vin Ailey. Da non perdere, sabato prossimo, l’ap- puntamento con lo spettacolo firmato «Balletto del Salento» nell’ anfiteatro romano di Lecce (ore 20.30).