Sei sulla pagina 1di 6

1

Le soluzioni e la concentrazione
Una soluzione un sistema omogeneo di pi sostanze mescolate in proporzione variabile. Il numero minimo di componenti due: il solvente ed il soluto. I soluti possono essere pi di uno. Le soluzioni che pi interessano la chimica generale sono soprattutto quelle costituite da gas, liquidi o solidi sciolti in un liquido. i) se in un liquido viene sciolto un gas o un solido, il liquido il solvente, laltro componente il soluto ii) se sono miscelati due liquidi il componente presente in quantit maggiore si considera il solvente, laltro il soluto La quantit relativa di un soluto in un solvente chiamata concentrazione ed una propriet intensiva. Si ricorda che una propriet intensiva non dipende dalla quantit di materia o dalle dimensioni del campione presi in considerazione. Ad es. se si dice che il contenuto in sali nellacqua di mare del 3% in peso, significa che su 100 g di acqua di mare il peso dei sali 3 g; su 1000 g la massa di sale 30 g, ecc. Quindi la concentrazione dei sali nellacqua di mare un valore costante (3% in peso) indipendente dalla quantit di campione (100 g, 1000 g). Quello che varia in funzione del campione scelto la quantit assoluta dei sali (3g, 30g). Prima di considerare i vari modi usati per esprimere la concentrazione utile ricordare le due seguenti relazioni: numero di moli (n) = peso in grammi (g)/peso molecolare (P.M.)

densit (d) = massa (g)/volume (ml)

Per quanto concerne lacqua si pu considerare la sua densit unitaria, cio uguale a 1 g/ml almeno in condizioni di temperatura prossima a quella ambiente. Concentrazione delle soluzioni Una soluzione caratterizzata dalla sua composizione , la quale viene specificata dalla concentrazione del soluto o dei soluti presenti. La concentrazione pu essere espressa in vari modi raggruppabili in due diverse classi: i) di interesse fisico (in cui si fa uso di unit di misura come il volume o la massa) ii) di interesse chimico (in cui si fa uso di unit di misura come la mole o la frazione molare)

Concentrazione delle soluzioni di particolare interesse fisico percentuale in massa o peso% esprime i grammi di soluto (o di solvente) in 100 g di soluzione: se a = massa soluto e b = massa solvente a + b = massa soluzione; ne deriva che: peso% (soluto) = [a/(a+b)] x 100 peso% (solvente) = [a/(a+b)] x 100 Es. numerico: trovare quanti grammi di NaCl sono contenuti in 250 g di una soluzione acquosa di NaCl al 18% in peso. Dati del problema: peso% (NaCl) = [a/(a+b)] x 100 = 18; a+b = 250; quindi [a/(250)] x 100 = 18 a = 45 g

45 grammi la massa di NaCl necessaria per formare 250 g di soluzione acquosa al 18% in peso; ovviamente la quantit di acqua necessaria 250 45 = 205 g (o ml considerando che la densit dell'acqua 1) massa di soluto per unit di volume della soluzione (c) a = massa di soluto (g) c =%(m/V) = (a/V) g/l es. numerico: determinare la concentrazione in g/l di una soluzione di 0.2 moli di K2Cr2O7 disciolte in H2O fino ad un volume finale di 250 ml. 0.2 moli di K2Cr2O7 corrispondono a 194 x 0.2 (peso molecolare x mol = grammi) = 38.8 g di K2Cr2O7 quindi c = 38.8 (g)/0.250 (l) = 155.4 g/l percentuale in volume volume% esprime il rapporto tra il volume di un componente (v) ed il volume della soluzione (V) x 100 volume% = v/V x 100 Si usa generalmente per esprimere la composizione di una miscela di due liquidi. Parti per milione (ppm) si usa per concentrazioni molto piccole (per esempio metalli tossici e inquinanti in reflui industriali, in acqua di mare, ecc) ed esprime i mg del singolo componente per kg di soluzione Concentrazione delle soluzioni di particolare interesse chimico. V = volume di soluzione

3 I modi di esprimere la concentrazione, che verranno di seguito illustrati sono i pi comuni ed usati per i calcoli inerenti gli argomenti di un corso di chimica generale. L'utilit ai fini chimici di esprimere la concentrazione in questi modi apparir chiara per la maggior parte dei prossimi argomenti. Molarit (M) "rappresenta il numero di moli di soluto (n) disciolte in un litro di soluzione" M = n/V(soluzione) (moli/l moli/dm3) n = massa /PM M = massa/(PM x V) Es. numerico: trovare la molarit di una soluzione di idrossido di sodio, NaOH, al 6.47% in peso (d = 1.070 g/cm3). Un litro di soluzione acquosa di NaOH pesa P = 1.070 x 1000 = 1070 g. Di questi 1070 g il 6.47% sono di NaOH cio 1070 x 6.47/100 = 69.23 g. I 69.23 g sono contenuti in un litro di soluzione e trasformandoli in moli esprimono le moli di NaOH per litro di soluzione e quindi coincidono con la definizione di molarit: n = 69.23/PM(NaOH) = 69.23/40 = 1.73 M Molalit (m) esprime il numero di moli di soluto (n) per kg di solvente n/kg(solvente) = m Es. numerico: calcolare la molalit (m) di una soluzione acquosa di NaOH al 15% in peso. In 100 g di soluzione ci sono 15 g di NaOH e ovviamente 85 g di H2O. Il numero di moli corrispondenti a 15 g di NaOH 15/40 = 0.375. Lesercizio pu essere risolto nel modo pi chiaro impostando la proporzione: 0.375 : 85 = x : 1000 (grammi di solvente) x = 4.41 sono le moli di NaOH contenute in un kg (o 1000 g) di solvente e questo coincide con la definizione di molalit. Pertanto la soluzione 4.41 m. Frazione molare (X) rapporto fra le moli di un componente e la somma delle moli di tutti i componenti della soluzione Cos se in una soluzione vi sono nA moli del composto A e nB moli del composto B le frazioni molari di A e B sono: XA = nA/ nA + nB XB = nB/ nA + nB Es. numerico: calcolare le frazioni molari di una soluzione che in 300 g di H2O (PM = 18) contiene disciolti 10 g di NaOH (PM = 40). Applicando le relazioni soprascritte si ottiene: XNaOH = 10/40/(10/40 + 300/18) = 0.0148 XH2O = 300/18/(10/40 + 300/18) = 0.9852

La somma delle frazioni molari di tutti i componenti di un sistema necessariamente uguale allunit Diluizione e mescolamento di soluzioni Diluizione Il problema di diluire una soluzione o mescolare due soluzioni a diversa concentrazione di soluto, disciolto nello stesso solvente, si incontra frequentemente nella pratica di un laboratorio chimico. Nel processo di diluizione (con acqua) cambiano volume e peso della soluzione acquosa e di conseguenza la concentrazione di un soluto, ma rimangono immutate le moli n di soluto. Ricordando la M = n/V e supponendo che il volume passi da V1 a V2 si pu scrivere: n = M1V1 = M2 V2 (1) Questa relazione vale anche per la massa in grammi di soluto quando la sua concentrazione sia espressa in massa di soluto per unit di volume della soluzione (c) Es. numerico: una soluzione di 300 ml di HCl 0.1 M viene diluita con H2O fino ad un volume di 1.5 l. Determinare la molarit della soluzione finale. nHCl nei 300 ml = (nHCl : 300 = 0.1 : 1000) nHCl = 0.03 moli; queste moli in seguito alla diluizione fatta con H2O non variano, per varia il volume e la concentrazione finale; alla fine 0.03 moli di HCl si trovano in 1.5 litri di soluzione e proporzionalmente si troveranno in un litro 0.03 : 1:5 = x : 1; x = 0.02 M. La soluzione finale pertanto 0.02 M. Si poteva determinare la nuova molarit impostando direttamente la (1) che deriva dalla nHCl/V1 = M1 (definizione di molarit) e dal fatto che le moli di HCl non variano per effetto di un'aggiunta di H2O e perci V1M1 = V2M2 = 0.3 x 0.1 = M2 x 1.5 M2 = 0.02 Mescolamento di due soluzioni Dal mescolamento di due soluzioni dello stesso tipo di soluto a concentrazione molare C1 e C2 nelle quantit a e b (volumi o masse) si ottiene una soluzione a concentrazione Cx, dello stesso soluto, di volume o massa (a + b), la quale soluzione serve per una determinata operazione in laboratorio ed indisponibile, mentre sono disponibili le due soluzioni a conc. C1 e C2. Ovviamente si otterr una soluzione a conc. Cx che deve soddisfare alla condizione C1> Cx > C2. La relazione da applicare :

5 aC1 + bC2 = qCx dove a = quantit (massa o volume) soluzione a conc. C1 b = quantit (massa o volume) soluzione a conc. C2 q = a + b = quantit (massa o volume) soluzione a conc. Cx Es. numerico: calcolare la molarit M della soluzione che si ottiene miscelando 100 ml di soluzione acquosa di NaOH 2M con 50 ml di una soluzione 1M di NaOH aC1 + bC2 = qCx a + b = 150ml per cui applicando la relazione: 100 x 2 + 50 x 1 = 150 x Cx Cx = 1.66M Analisi volumetrica Ci limiteremo per questo argomento a reazioni che avvengono esclusivamente nel rapporto 1 : 1 tra moli; in questo capitolo saranno dati dei concetti introduttivi che saranno meglio approfonditi ed esemplificati quando si affronter la parte " acidi e basi". L'analisi volumetrica il settore dell'analisi quantitativa, il cui scopo quello di determinare la concentrazione ignota di una sostanza A in soluzione acquosa per mezzo di misure del volume di soluzione di una sostanza B di cui si conosce esattamente la concentrazione (soluzione standard o a titolo noto). La soluzione a titolo noto contiene la sostanza B, la quale reagisce con A quantitativamente, rapidamente e senza dare reazioni secondarie (cio si forma sempre un solo prodotto). L'aggiunta di B si protrae fino al punto di equivalenza in cui la sostanza A totalmente consumata dalla reazione con B A + B C Al punto di equivalenza si verifica che il numero di moli di A uguale al numero di moli di B

na = n B
In numero di moli si pu esprimere come il prodotto della molarit x volume (vedi paragrafo sulla molarit) na = MAVA MAVA = MBVB (2) nB = MBVB

6 Da questa ultima relazione, valida al punto equivalente, conoscendo sperimentalmente VB, MB e VA si arriva a calcolare agevolmente la concentrazione MA. Il punto equivalente, in cui valida la (2), si determina sperimentalmente introducendo nella soluzione un indicatore, una sostanza che cambia il colore della intera soluzione al minimo eccesso di B, dopo che B ha consumato tutto A per dare C. Tutto questo procedimento sperimentale si definisce titolazione ed particolarmente usato per determinare la concentrazione di un acido di concentrazione ignota per mezzo di una base a concentrazione nota o viceversa (reazione di neutralizzazione). HCl + NaOH NaCl + H2O Es. numerico: 30 ml di una soluzione di HCl vengono titolati da 8 ml di una soluzione 0.100 M di NaOH. Determinare la concentrazione Molare dell'acido cloridrico. Al punto equivalente vale che: 30 x MHCl = 8 x 0.01 per cui MHCl = 0.0375