Sei sulla pagina 1di 14

Prof. G.

La Loggia Scolmatori
SCOLMATORI Si tratta di manufatti atti a ripartire la portata. Costituiscono organi essenziali del funzionamento di una rete di drenaggio urbano qualora si desideri controllare le portate convogliate verso l'impianto di depurazione e quelle avviate allo scarico nel recettore. Queste esigenze sono legate alla necessit di contenere la variazione delle portate avviate all'impianto di trattamento Questo tipo di manufatti pu anche essere inserito all'interno di fognature a sistema separato, onde intercettare le prime acque di pioggia, generalmente pi inquinate, e sottoporle a trattamento depurativo.

Prof. G. La Loggia Scolmatori


PROGETTO DEGLI SCOLMATORI Bisogna determinare la portata di soglia oltre la quale inizia lo sfioro verso il recettore. Essa corrisponde alla massima portata trattabile dall'impianto di depurazione nei periodi di pioggia. Le esigenze progettuali da soddisfare sono: 1. buona efficienza idraulica ai vari regimi di funzionamento per ridurre le portate immesse nel derivatore e quindi le sue dimensioni; 2. garantire un'efficienza ambientale accettabile (inquinamento) delle acque di pioggia dovuto all'attraversamento dell'atmosfera e della superficie del bacino). Per limitare tali effetti bisogna ridurre al minimo sia il volume annuo complessivo sfiorato che il numero annuo degli scarichi. Ovviamente ci contrasta con la scelta di bassi valori di portata di soglia tendenti a ridurre le dimensioni del derivatore. In ogni caso bisogna tener conto che il comparto biologico del depuratore pu trattare al massimo una portata pari a 2-3 volte la portata media nera.

Prof. G. La Loggia Scolmatori


Bisogna dunque definire il valore da assegnare al rapporto di diluizione, inteso come moltiplicatore della portata media nera al di l della quale l'opera di scarico entra in funzione. La scelta di tale valore stato demandato dalla L 319/76 alle Regioni, che hanno legiferato in maniera differente a seconda delle condizioni locali. La Regione Lazio adotta valori compresi fra 3 e 6 volte la portata nera media, mentre la Regione Lombardia adotta uno specifico valore della portata di soglia ( 750 1/g per ab eq per scarico in corso d'acqua, 1000 1/g ab eq per scarico in lago o sul suolo) Al fine di limitare la quantit di inquinanti scaricata, in alcuni paesi stranieri il progetto degli sfioratori viene adeguato ad una frequenza media annua di scarico molto contenuta (anche uno sfioro l'anno) Ci comporta la costruzione di invasi (vasche di pioggia) a monte degli impianti di depurazione ove trattenere temporaneamente i volumi in arrivo per avviarli quindi alla depurazione.
3

Prof. G. La Loggia Scolmatori

SCARICATORI DI PIENA Lo scaricatore di piena un manufatto a pelo libero di ripartizione della portata, in modo tale da limitare la frazione avviata a uno dei due canali che si dipartono da esso entro un prefissato valore.

Tale esigenza tipica delle fognature a sistema unitario, al fine di contenere la portata avviata in tempo di pioggia all'impianto di depurazione. Esso pu essere pure previsto nelle fognature a sistema separato, al fine di avviare al trattamento le "prime acque di pioggia".
4

Prof. G. La Loggia Scolmatori

Prof. G. La Loggia Scolmatori


Tipi di scolmatori a) scolmatori che deviano nell'emissario la portata in eccesso: sfioratori laterali a soglia bassa; sfioratori laterali a soglia inclinata sifoni; b) scolmatori che deviano nel derivatore le portate da avviare alla depurazione: scaricatori a salto; derivatori frontali; derivatori laterali. c) scolmatori che intervengono sulla qualit delle acque: scaricatori a soglia alta e limitatore di portata sul fondo scaricatori a bacino di calma; scaricatori a vortice; scaricatori con organi mobili telecomandati.
6

Prof. G. La Loggia Scolmatori

Prof. G. La Loggia Scolmatori


Equazione per il calcolo del profilo di corrente lungo la soglia con sfioro monolaterale:

Valida per 0,25 < c/D < 0,35 e 0.347 < c/hc < 0,526

Prof. G. La Loggia Scolmatori


Equazione per il calcolo del profilo di corrente lungo la soglia con sfioro bilaterale:

Valida per 0,255 < c/D < 0,500 e 0.330 < c/hc < 0,858 Definito il profilo, la portata sfiorata si calcola con la:

Con = 0,38

Prof. G. La Loggia Scolmatori

10

Prof. G. La Loggia Scolmatori

11

Prof. G. La Loggia Scolmatori


SFIORATORE A SALTO DI FONDO Sono molto utilizzati nelle fognature: si preferiscono agli sfioratori laterali per effetto del limitato ingombro planimetrico. La partizione delle portate avviene per mezzo di una luce praticata sul fondo del canale; si distinguono: scaricatori a fondo allineato a salto bruscoo a salto con scivolo

12

Prof. G. La Loggia Scolmatori

13

Prof. G. La Loggia Scolmatori

14

Prof. G. La Loggia Scolmatori


La larghezza della luce dovr porsi pari a quella che ha in superficie la corrente q0 nella sezione di sbocco, ove laltezza ht nella sezione di sbocco si pu calcolare in funzione del tirante idrico h di moto uniforme per correnti veloci e di stato critico per correnti lente.

Portata effluente durante i periodi di piena:

15

Prof. G. La Loggia Scolmatori

16

Prof. G. La Loggia Scolmatori

17

Prof. G. La Loggia Scolmatori

18

Prof. G. La Loggia Scolmatori

19

Prof. G. La Loggia Scolmatori


Calcolo idraulico Conservazione dell'energia lungo la soglia

Calcolo del profilo lungo la soglia

In genere e per conveniente inserire un restringimento per migliorare l'efficienza del dispositivo.

20

10

Prof. G. La Loggia Scolmatori

21

Prof. G. La Loggia Scolmatori

22

11

Prof. G. La Loggia Scolmatori


SFIORATORE LATERALE A SOGLIA ALTA E LUCE DI FONDO La cresta della soglia dista dal fondo pi dell'altezza critica corrispondente alla portata massima nel collettore a monte dello sfioratore La corrente lenta in arrivo da monte non attraversa lo stato critico, e decelera lungo lo sfioratore. Per controllare la portata che imbocca il derivatore si pone sulla bocca di uscita un venturimetro rettangolare con setto verticale sovrastante, che dista dal fondo l'altezza hco pari all'altezza critica della portata di progetto. La lunghezza della soglia si calcola utilizzando la formula dello stramazzo con coefficiente di efflusso pari a quello di sfioratore frontale La portata effluente sotto la paratoia si calcola con la

23

Prof. G. La Loggia Scolmatori

24

12

Prof. G. La Loggia Scolmatori

25

Prof. G. La Loggia Scolmatori

26

13

Prof. G. La Loggia Scolmatori

27

14