Sei sulla pagina 1di 2

Pentitevi!

Ci sono sette televisioni nazionali. Tre sono pubbliche, ma in mano ai partiti. Tre di Berlusconi. Una di Cairo, ex dipendente di Berlusconi. Ogni giorno diffamano il M5S. Primo movimento nazionale, primo in 50 province alle ultime elezioni, mentre il pdmenoelle risultato primo in 40 province, la Lega in una sola. Primo e per questo nemico da abbattere. L'Italia 69sima nel mondo per libert di informazione, preceduta da Paesi africani o asiatici che trattiamo con sufficienza, ma che sono in grado di darci lezioni di democrazia. La responsabilit di questa situazione gravissima che impedisce ai cittadini di accedere alla verit e quindi di decidere, giudicare, partecipare alla vita del Paese delle Sette Sorelle. Nessuno pu affermare il contrario, nessun responsabile di rete, nessun conduttore, nessun giornalista. Non tutti per sono uguali, qualcuno vive questa situazione come un fardello, un prezzo da pagare. Mi appello a questi giornalisti. Pentitevi. Fate outing e spiegate in diretta che siete costretti a occultare, tagliare, schernire per salvare il vostro posto di lavoro e, insieme, la visibilit, le relazioni "importanti". Fate un atto di coraggio. Persino la mafia ha avuto il fenomeno del pentitismo, perch non l'informazione? Vi forniremo un'altra identit. Avrete un programma di protezione e sarete inseriti in una "white list", celebrati come "Giornalisti della Terza Repubblica". Sono necessari un Buscetta, un Contorno, un Mutolo, un Mannoia dell'informazione. Vespa, Floris, Formigli, Berlinguer e tutti gli altri dentro quella scatola, avete un'occasione per riscattarvi, non perdetela. Agonizzanti in un letto, fra molti anni da oggi, siete sicuri che non sognerete di barattare tutti i giorni della vostra vita a partire da adesso, per avere un'altra occasione, soltanto un'altra occasione per dimostrare la vostra dignit? Voi siete delle pedine, forse inconsapevoli, di una dittatura che non usa le pallottole, ma la denigrazione, la diffamazione, per la distruzione mediatica dell'avversario. Voi non siete la testa del serpente, ma le sue squame, la sua pelle che cambier come si cambierebbe un vestito. Pentitevi. Ve ne saremo riconoscenti. Un conduttore di telegiornale in prima serata che guardasse schifato il foglio di fronte a s esclamando "Io questa merda non la dico!" cambierebbe l'Italia. Pentitevi, vi perdoneremo anche se siete fuori tempo massimo da un pezzo. Blog di Beppe Grillo

Reddito di cittadinanza
I partiti hanno bocciato la mozione del M5S per l'introduzione del reddito di cittadinanza: 181 contro (pd,pdl, scelta civica), 50 a favore (M5S, sel). Astenuta Lega. "Introdurre il reddito minimo garantito, predisponendo un piano che individui la platea degli aventi diritto, considerando come indicatore il numero di cittadini che vivono al di sotto della soglia di povert. E' la prima proposta contenuta nella mozione d'indirizzo al Governo per contrastare la povert che presentiamo in Senato. Primo firmatario il capogruppo Nicola Morra. La mozione verr discussa oggi e invita il governo a procedere al riparto delle risorse del fondo nazionale per le politiche sociali concordato in sede di conferenza delle Regioni, al fine di rendere queste risorse immediatamente disponibili alle Regioni e agli enti gestori. Si impegna inoltre il governo a reperire le risorse necessarie anche attraverso la lotta all'evasione fiscale, l'incremento delle imposte sul gioco d'azzardo e attraverso specifiche disposizioni volte alla redistribuzione delle pensioni d'oro e ad attuare specifiche politiche sociali e dell'occupazione per inoccupati e disoccupati tra i 30 e i 54 anni in generale, e per la donne inattive in particolare, quali categorie a pi alto rischio di povert ed esclusione sociale." M5S Senato

Dichiarazione di voto
Ci troviamo qui di nuovo di fronte all'ennesima fiducia da dare al Governo; questa volta al Decreto legge 43/2013, il decreto delle emergenze ambientali! Questo voto, per, non evoca la parola "fiducia", ma piuttosto la parola ricatto! Che figura ci fa un governo con una maggioranza cos ampia a porre la questione di fiducia? E che sia chiaro a tutti, il M5S, ovvero l' unica VERA opposizione, NON ha chiesto la fiducia! Ecco lennesimo ricatto di un governo degli inciuci nei confronti di un Parlamento di nominati, tra le cui pareti rimbombano giorno dopo giorno parole vuote, una retorica assordante. Un affannarsi cui non corrispondono mai spazi di manovra, di discussione e di decisioni reali, concrete. Presidente, colleghi. Mi sembra di sentire rimbombare qui dentro, le dita che pigiano i bottoni. E mi sembra persino di sentire rimbombare, tra queste mura, il fruscio di carte che passano senza fermarsi. Ma sono rumori nel vuoto. La scatola, cari colleghi, vuota. Noi pigiamo bottoni e passiamo carte come notai impotenti che vdimano e avllano ci che si decide altrove. Lo chiamano decreto emergenze ambientali. Ma cosa centrano le camere di commercio con le emergenze ambientali? E la Tav? E la governance dellExpo, per cui si autorizzano opere con cemento derivato dalla combustione di rifiuti edulcorati che generano ancora pi diossina?! QUESTO DECRETO VUOLE RISOLVERE DELLE EMERGENZE AMBIENTALI, MA IN REALTA LE AGGRAVA E NE CREA DI NUOVE. Ci avete dato degli irresponsabili. Ma noi ci sentiamo talmente responsabili delle sorti di questaula, di questo Parlamento e di questa democrazia, da essere stati gli unici a farsi carico di ergere una barriera, un argine per difendere le prerogative, la sovranit di questa assemblea. Secondo voi il nostro un Parlamento libero? Una democrazia compiuta? Piero Calamandrei diceva che la libert condizione ineliminabile della legalit; dove non vi libert non pu esservi legalit. Ecco, la legalit un chiodo fisso del MoVimento 5 Stelle, da sempre. Su questo decreto, tra l'altro, pesa una pregiudiziale di incostituzionalit, parere che oserei definire inquietante, quello rilasciato dal comitato per la legislazione. Noi volevamo che fosse un decreto che portasse i territori interessati fuori dall'emergenza, ma l'emergenza a questo

La verit sul decreto emergenze


La tecnica la seguente. Prendo un decreto legge che contiene temi nobili in favore delle zone terremotate, lo farcisco di interessi affaristici ignobili, cementificazione selvaggia, commissariamento sui rifiuti, lo trattengo all'inverosimile per le modifiche al Senato, lo passo alla Camera quando i termini di scadenza sono vicini e il testo diventa blindato, non pi modificabile. Potevamo scegliere, se essere inermi ed accettare il rigetto di tutti i nostri emendamenti o dare battaglia e cercare di ottenere qualcosa per i cittadini. Il governo si chiuso a riccio non accettando nessuno delle nostre proposte. E' un vero scandalo quello che accaduto. E' come raccogliere soldi per affari privatistici, se non criminali, utilizzando la foto di bambini che muoiono di fame. Luigi Gallo M5S

IL VIDEO DELLA SETTIMANA SU YOUTUBE: CERCA LIDIA UNDIEMI INTERVISTA IL PROF. ALBERTO BAGNAI

governo conviene, per poter continuare a fare ci che stato fatto negli ultimi 20 anni. Questo governo, infatti, ha una potenza mediatica tale, da far diventare l'ultima balla una verit assoluta: ovvero che il M5S bloccando questo decreto abbia impedito di destinare fondi alle zone terremotate dell'Emilia e dell'Abruzzo. E' TALMENTE FALSA QUESTA AFFERMAZIONE DA POTER ESSER RIASSUNTA IN UNA SOLA PAROLA: SCHIFO. Invece andrebbe detto, a onor del vero, che in conferenza di capigruppo con la presenza del ministro Franceschini e tutta la maggioranza, vi siete impegnati a ripristinare il decreto nella sua forma originale e subito dopo ad eliminare tutto quello che con le emergenze ambientali non c'entrava nulla. ALLORA, preferiamo rivolgerci direttamente ai cittadini abbruzzesi ed emiliani e non a questo governo che non in grado di mantenere la parola data. Cittadini, questo governo non vi guarder mai negli occhi! E vi spiego il perch. Avrebbero avuto la possibilit di dare fine al vostro stato di emergenza, ma non l'hanno fatto, per un mero calcolo politico: non votare UNO dei nostri 100 emendamenti al decreto. Questo decreto un imbroglio! Ed una prassi consolidata quella di trasformare, con la scusa dell'emergenza, un decreto in un elenco di regale, di appalti, di affari. . . che nulla hanno a che fare con i bisogni dei cittadini! E tornando a voi, signori del Governo, VOI siete dalla stessa parte di chi rideva al telefono la notte del sisma all'Aquila. Voi siete quelli che proprio l altro giorno, avete bocciato il nostro emendamento che prevedeva l'esenzione dell'Imu agli immobili inagibili per le calamit. Voi della maggioranza, siete quelli che non vogliono rinunciare a quei "giocattolini difettosi" che rispondono al nome di F35, potreste fare degli stanziamenti veramente sostanziosi alle zone colpite dai sismi. Ve lo abbiamo chiesto e non l'avete fatto. Voi siete quelli degli slogan che coprono inganni e truffe. E non abbiamo dimenticato la truffa del disegno di legge sul finanziamento ai partiti. L'avete venduta bene, con la complicit dei mass media. Con i cittadini colpiti dal terremoto siete avari, con i vostri partiti, invece, siete sempre molto generosi. Noi del M5S abbiamo deciso di donare 400mila euro all'Emilia, frutto delle libere sottoscrizioni dei cittadini per la nostra campagna elettorale, voi invece per il 31 luglio intascherete 91 milioni di euro. Bravi. COMPLIMENTI. Per quanto tempo davvero credete di continuare cos?E voi sareste i responsabili e noi quelli che teniamo congelati i nostri voti? E QUALCUNO QUI DENTRO E FUORI DA QUI ANCORA CI CHIEDE PERCH NON ABBIAMO FATTO IL GOVERNO COL PD? C' ANCORA BISOGNO DI SPIEGARLO? Per far passare queste porcate siete capaci di spingere fino a modificare le regole del Parlamento. Signori, voi ancora non l'avete capito, ma finita! Avevamo detto nel giorno dell'insediamento del governo

che non si sarebbe pi parlato di emergenze, ma di conseguenze. Sappiate che non saremo noi a presentarvi il conto ma i cittadini italiani. Avrete la fiducia. S. Ma solo la vostra. Pur di non accordarvi col MoVimento 5 Stelle, state passando sui cadaveri de L'Aquila e dell'Emilia, tutto al solo scopo di continuare a distribuire soldi ai vostri amici. Adesso, siamo noi a dirlo a voi: SCONGELATEVI! " Riccardo Nuti M5S

Basta leggere la mozione . In soldoni c' scritto che si sospende qualsiasi decisione sugli F35, d'ora in poi... Ovvero: quello che abbiamo fatto non si tocca..i 50 miliardi li spendiamo...poi d'ora in poi decide il Parlamento (se per caso ne volessimo comprare altri 30, oltre a quelli gi acquistati). E ci mancherebbe pure questo! Luigi Di Maio M5S

Chi senza peccato scagli la prima Idem


"Josefa Idem sarebbe accusata di aver indicato la propria residenza in una palestra della frazione ravennate Santerno, a poca distanza dalla casa del marito che, quindi, risultava residente da un'altra parte. Questo escamotage ha permesso di non pagare l'Ici dal 2008 al 2011, fruendo dell'esenzione per la prima casa prevista dalla legge. Il 5 giugno scorso la Idem ha avuto un "ravvedimento operoso", versando all'Agenzia delle entrate quanto dovuto." da Il Sole 24 Ore Sono state chieste le dimissioni di Josefa Idem, le ha date. forse le sono state imposte. Ha commesso un errore? Ha pagato. Per, chi pu scagliare la prima pietra? Chi nei partiti pu giudicare la Idem? Non Letta del pdmenoelle che ha incassato centinaia di milioni di euro di finanziamento pubblico contro un referendum contrario. Come si chiama questo? Scippo? Appropriazione indebita? Truffa? Non possono giudicarla i giannizzeri dello psiconano in Parlamento, nominati da un condannato in secondo grado per frode fiscale a quattro anni di carcere e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. N la Lega di Belsito e della progenie di Bossi. Chi pu scagliare la prima Idem? Ci sono in questa vicenda due pesi e due misure intollerabili. La morale e l'etica ormai si pesano. Dipende dal soggetto che viene giudicato. Non voglio fare il difensore d'ufficio, anzi, della Idem, eletta per meriti sportivi come donna immagine di un partito che non ha pi n immagine, n reputazione, ma infastidisce, irrita, ti fa incazzare l'ipocrisia di personaggi che hanno sequoie giganti nel fondo schiena che si chiamano Unipol e MPS e che si indignano per l'Ici della Idem. Se ha sbagliato giusto che paghi, i partiti osservino per almeno un dignitoso silenzio per non farci vomitare. Blog di Beppe Grillo

Fregata, in tutti i sensi


"Il bilancio della Difesa in aumento rispetto allo scorso anno. A dispetto di quanto dichiarato ci sar un aumento dello 0,7%, circa 145 milioni rispetto all'ultimo bilancio deliberato. Naturalmente la maggioranza delle spese per il personale, ma ci sono acquisti di armamenti che ci paiono sconsiderati. Non solo i famigerati caccia F35, ma anche molte fregate per la Marina: 10 fregate del programma italo-francese FREMM, per una spesa di 6 miliardi di euro, e altre 12 navi pi piccole, per altri 3 miliardi. Il programma FREMM, condiviso con la Francia, presenta anche qualche dubbio: pare che queste navi - identiche - siano costate pi all'Italia che al partner transalpino. Nella mozione chiediamo di bloccare gli acquisti delle navi non ancora pagate. Potremmo ancora rinunciare a 4 fregate e a altre 12 mini-fregate: un risparmio di quasi 6 miliardi di euro. Le fregate attualmente operative hanno appena raggiunto, e non tutte, l'et minima di servizio: ci pare un po' prematuro dismetterle in blocco, quando la stessa Marina lamenta scarsa formazione per il personale. Parte di quelle risorse, eventualmente, si investano nella formazione del personale, anzich in inutili armamenti. La frase di Mario Mauro "amare la pace, armare la pace" demenziale. La pace si fa col dialogo e il rispetto. Non facciamoci fregare, Quei sei miliardi dirisorse in un momento di crisi servono per le piccole imprese e i servizi sociali" Elisa Bulgarelli M5S Senato

Approvati
Risoluzione M5S in Commissione Trasporti contro i guard-rail killer, che impegna il governo ad installare le barriere salva motociclisti per salvare vite umane. La risoluzione stata votata da tutte le forze politiche. M5S La Camera approva quasi allunanimit la mozione M5S sul rischio idrogeologico, dopo una lunga battaglia con il governo. Ora i comuni possono sforare il Patto di Stabilita per opere di prevenzione e ripristino. M5S Camera

F35, la saga continua


- Il PD adotta in aula le stesse strategie del governo, ovvero procrastinare in attesa che un miracolo tolga le castagne dal fuoco. Accade oggi, con la bocciatura dello stop agli F35 proposto da M5S e SEL, a cui si preferisce la solita inutile indagine conoscitiva. M5S Camera - Chi oggi dice che si sospende il programma F35 o folle o disonesto.

SPEGNI LA TV ACCENDI LA MENTE

DOPO AVER LETTO IL VOLANTINO STAMPA PIU' COPIE CHE PUOI E DISTRIBUISCILE AD AMICI, COLLEGHI E PARENTI