Sei sulla pagina 1di 4

Il gerundivo attributivo

Osserveremo ora i valori sintattici che il gerundivo assume in funzione attributiva, quando cio costituisce lattributo di un nome cui concordato. Mentre nella perifrastica passiva il gerundivo sempre al nominativo (o allaccusativo, se si trova allinterno di una infinitiva), il gerundivo attributivo pu concordarsi a sostantivi in qualsiasi caso, escluso il nominativo e laccusativo. Il gerundivo attributivo non ha, se non in casi circoscritti, il valore di necessit che abbiamo osservato nella perifrastica passiva. Ha invece la funzione originaria di aggettivo verbale che attribuisce al sostantivo con cui concorda lazione verbale: Imitari debes sapientium firmitatem in perferendis et evincendis doloribus. (Sen.) Devi imitare la fermezza dei sapienti nel sopportare e vincere i dolori. Osserviamo lo schema: In latino troviamo Sostantivo + Gerundivo concordato In italiano traduciamo Infinito attivo del verbo (con la preposizione richiesta dal caso del sintagma latino) + c. oggetto del sostantivo (qualsiasi sia il suo caso)

Facciamo un esempio: In latino troviamo Cupido legendorum librorum (sostantivo + gerundivo al genitivo plurale) In italiano traduciamo desiderio di leggere i libri (infinito in funzione di specificazione + c.oggetto del sostantivo)

Gerundio e gerundivo attributivo


Risulta dunque evidente che la funzione del gerundivo attributivo del tutto parallela a quella del gerundio. Osserviamo le seguenti frasi: 1. Caesar, per causam exercendi remiges, ad fauces portus naves prodire iussit. 2. Caesar, per causam exercendorum remigum, ad fauces portus naves prodire iussit. (Caes.) 1. E una frase complessa costituita da una proposizione principale e da una infinitiva introdotta dal verbo iussit, il gerundio exercendi regge a sua volta un oggetto: remiges. Lalbero:

Caesar ----- iussit naves ----- prodire----- ad fauces | | per causam portus | exercendi ----- remiges Traduciamo: Cesare comand che le navi si avvicinassero allimboccatura del porto, col pretesto di tenere in esercizio i rematori. 2. In questa frase al posto del nesso gerundio al genitivo+ accusativo si trova un sintagma formato da sostantivo al genitivo cui concordato un gerundivo attributivo. Abbiamo volutamente proposto la stessa frase con questa sola variazione, per sottolineare che il valore delle due strutture esattamente lo stesso, e la traduzione la medesima. In questo caso per causam regge il genitivo del sostantivo (il plurale remigum) cui concordato, sempre al genitivo plurale, laggettivo costituito dal gerundivo (exercendorum). E stata questa la scelta di Cesare; laltra frase stata artificialmente creata da noi, per rendere pi agevole il confronto, ed ugualmente corretta sintatticamente. Il gerundivo attributivo in generale pi frequente del corrispondente gerundio + accusativo. In alcuni casi addirittura esclusivo. In particolare, non troveremo mai gerundio + accusativo del sostantivo se il sintagma in dativo, o allaccusativo o ablativo introdotti da preposizione : ad esempio, non troveremo in legendo libros*, ma in legendis libris: nel leggere i libri. Attenzione: Il gerundivo attributivo ha valore di necessit solo con i verbi che indicano un sentimento, come amandus che deve essere amato, amabile, timendus che deve essere temuto, temibile mirandus che deve essere ammirato, ammirabile, ammirevole, horrendus (di cui ci si deve prendere una paura da far rizzare i peli), orrendo, etc Come si pu vedere, spesso questi aggettivi sono passati allitaliano, come aggettivi (orrendo), o come nomi propri (Amanda, Miranda). Esercizio Traduci le seguenti frasi. 1. Sapientibus est cupiditas veri inveniendi. (Cic.) 2. Bello gerendo M. Catonem praefecisti. (Cic.) 3. Illa unam lacrimulam oculos terendo misere vix vi expressit. (Ter.) 4. Commutat fortun, hostes in spem potiendorum Romanorum castrorum venerant. (Caes.) 5. Domitius navibus Massiliam pervenit atque ei summa belli administrandi permittitur. (Caes.) 6. Marcellus legatos Syracusas misit, ut coram cum praetoribus de renovando foedere agerent. (Liv.) 7. Magnam laudem et a Pompeio, summo viro, et ab exercitu consecutus es equitando, iaculando, omni militari labore tolerando. (Cic.) 8. Vera dicendo eos ambos fallam. (da Ter.) 9. Crescebat interim urbs munitionibus alia atque alia adpetendo loca. (Liv.) 10. In voluptate spernenda virtus maxime cernitur. (Cic.) 11. C. Fabricius missus est a senatu, ut de redimendis captivis ageret. (Liv. Per.) 12. Proelia de occupando ponte crebra erant. (Liv.) 13. Tarquinius ad singula oppida circumferendo arma omnes Latinos domuit. (da Liv.) 14. In rebus gerendis tarditas odiosa est. (Cic.) 15. Consilia de movendo bello in Etruria ad fanum Voltumnae agitata sunt. (Liv.)

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

Un caso particolarmente frequente: il valore finale


E particolarmente frequente il costrutto col gerundio o col gerundivo attributivo per esprimere un valore finale. Come sappiamo, in latino il complemento di fine si pu esprimere: col dativo; con ad + accusativo; con genitivo seguito da causa o gratia: Carthaginiensium classis auxilio Tarentinis venit. (Liv.) La flotta dei Cartaginesi venne in aiuto ai Tarantini. Ad decus et ad libertatem nati sumus. (Cic.) Siamo nati per lonore e la libert. C. Flaccum imperatorem honoris causa nomino. (Cic.) Faccio il nome del comandante C. Flacco per (attribuirgli) onore. Analogamente, le corrispondenti strutture del gerundio o del gerundivo assumono valore finale: Viri ac feminae ad sustentandam temporis difficultatem aurum contulerunt. (Val. Max.) Gli uomini e le donne raccolsero oro per sostenere la difficolt della situazione. Non enim exprobrandi causa sed commonendi gratia dicam. (Cic.) Infatti non parler per criticare, ma per ammonire. Pompilius religionibus colendis operam dedit. (Cic.) Pompilio si impegn (lett. diede attivit) a onorare i riti religiosi. Attenzione: Se il gerundio al dativo rarissimo, il gerundivo al dativo abbastanza frequente, e si trova quasi soltanto con valore finale, in frasi formulari del lessico giuridico, spesso in dipendenza da sostantivi che indicano cariche o istituzioni: Romae autem per eas tempestates decemviros legibus scribundis creatos constitit. (Gell.) E noto che a Roma in quel tempo furono creati dei decemviri per scrivere le leggi.

Esercizio. Evidenzia le subordinate finali implicite col gerundio o il gerundivo. Poi traduci. 1. Novae legiones ad liberandam patriam paratae sunt. (Cic.) 2. Hirtius omnes vires ad defendendam libertatem contulit.(Cic.) 3. Homines vescendi causa terra marique omnia exquirunt. (Sall.) 4. Conservandae civitatis caus mult egi. (Cic.) 5. Finitimorum (populorum) equitatus praedandi caus ad Helvetios venit. (Caes.) 6. In his locis Caesar navium parandarum causa moratur. (Caes.) 7. Ariovistum cum suis omnibus copiis ad occupandum Vesontionem contendit. (Caes.) 8. Multum ad terrendos nostros valet hostium clamor. (Caes.) 9. Chrysogonus sui malefici occultandi caus quaestionem haberi non vult. (Cic.) 10. Socii navium magnam copiam ad

transportandum exercitum pollicebantur. (Caes.) 11. Legionum imperatori omnia quae ad reficiendas naves erant necessaria deerant. (Caes.) 12. Consuli strenuo et valde belli perito duae legiones ad defendendam urbem datae sunt. (Liv.) 13. Ad nostram rem publicam opprimendam hostibus non animus, sed vires defuerunt. (Cic.) 14. Scipio equitatus magnam partem ad explorandum iter Domiti et cognoscendum praemisit. (Caes.) 15. Caesar, his constitutis rebus, nactus idoneam ad navigandum tempestatem, terti fere vigili naves solvit. (Caes.)

Potrebbero piacerti anche