Sei sulla pagina 1di 2

COMUNICAZIONI, TV E FREQUENZE Perch importante Il passaggio alla tecnologia digitale ha cambiato le abitudini quotidiane degli italiani, offrendo una

a pi ampia possibilit di fruizione gratuita di programmi e una qualit audio e video maggiore. Non bisogna inoltre trascurare la grande apertura verso linnovazione tecnologica e il pluralismo, con una razionalizzazione dello spettro radioelettrico che ha consentito la costituzione del digital dividend (frequenze nazionali) da assegnare a soggetti nuovi entranti nel mercato televisivo. Cosa stato fatto 1. Superamento del beauty contest Il beauty contest prevedeva una gara sulle frequenze senza corrispettivo che stata bloccata. stato introdotto uno schema di regolamento dellasta frequenze gi approvato dallAutorit per le comunicazioni e ora in attesa del parere definitivo da Bruxelles. Bloccando il beauty contest abbiamo creato le condizioni non solo per valorizzare lasta delle frequenze TV ma soprattutto per far entrare risorse nelle casse dello Stato al momento dellintroduzione delle reti 5G. 2. Passaggio alla TV digitale La conclusione del passaggio alla tecnologia digitale avvenuto nel pieno rispetto delle tempistiche europee e ha coinvolto, su tutto il territorio nazionale, 10 emittenti nazionali e oltre 550 locali, per un totale di 24.200 impianti di trasmissione. Ladozione della nuova tecnologia ha consentito un forte ampliamento della capacit trasmissiva delle emittenti e ha posto le basi per lintroduzione di ulteriori innovazioni tecnologiche e di sistema nel comparto televisivo italiano. 3. Introduzione standard televisivo DVBT-2 Per favorire linnovazione tecnologica stato disposto che dal 2015 gli apparecchi televisivi immessi sul mercato nel territorio nazionale debbano integrare un sintonizzatore digitale per la ricezione di programmi in tecnologia DVB-

T2 con codifica MPEG-4 o successive evoluzioni. Tale standard avanzato, di seconda generazione, consentir un ulteriore salto in avanti alla capacit trasmissiva del sistema TV. 4. Liberazione della banda 800 MHz Abbiamo liberato la banda 800 MHz concludendo la procedura di rilascio volontario delle frequenze con corresponsione di misure economiche compensative nonch, ove necessario, con procedure selettive e coattive per le rimanenti. Si cos assicurata la possibilit per gli operatori di TLC aggiudicatari delle frequenze di utilizzarle per il servizio mobile a larga banda. 5. Contratto di servizio RAI-MiSE 2013-2015 Le delegazioni del Ministero e della RAI hanno predisposto una bozza di testo congiunto di contratto di servizio su cui dovr formulare il richiesto parere la Commissione Parlamentare per lindirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi. 6. Nuovo regolamento sui contributi alle TV locali in corso la redazione dello schema di regolamento per lattribuzione dei contributi allemittenza locale ai sensi della legge n. 448/98, a seguito del mutare del quadro normativo al termine della transizione alla tecnologia digitale. Un primo schema stato messo in consultazione pubblica sul sito istituzionale. Il testo rivisto sar inviato al Ministero dellEconomia e Finanze per lacquisizione del concerto e di seguito al Consiglio di Stato e alle Commissioni parlamentari.