Sei sulla pagina 1di 37

1. CENNI STORICI 1. Quando, dove e ad opera di chi nato il primo laboratorio di Psicologia?

? Il primo laboratorio di Psicologia sperimentale stato fondato da Wilhelm Wund a Lipsia nel 1879. In questo momento la Psicologia inizia ad essere trattata come una scienza e si arriva alla conclusione che pu essere studiata, e in particolare studia il comportamento delluomo. 2. Qual la differenza tra Sensazione elementare e Percezione complessa? Le Percezioni complesse sono quelle che ci danno una rappresentazione del mondo esterno, mentre le Sensazioni elementari sono il risultato delle esperienze immediate. Quindi le Percezioni complesse possono essere considerate unelaborazione delle sensazioni elementari. 3. Cosa studiava lo Strutturalismo? Lo Strutturalismo si occupa di cosa e come sono i processi mentali, cio come gli stimoli dellambiente esterno, una volta tradotti in impulsi nervosi e trasmessi al cervello attraverso le vie sensoriali, diventano Sensazioni elementari e infine Percezioni complesse. 4. Quale il metodo impiegato dagli strutturalisti? In che cosa consisteva? Gli strutturalisti studiano la struttura della mente (definizione di Titchner) attraverso il metodo dellIntrospezione, cio cogliendo e riportando, come un resoconto verbale, i processi mentali che hanno luogo durante la presentazione di uno stimolo esterno. Per fare questo, per, necessario un addestramento per riportare sensazioni elementari e non percezioni complesse e, soprattutto, bisogno stare attenti a non compiere degli errori, infatti, percezioni complesse diverse hanno sensazioni elementari comuni. 5. Quali sono i limiti del metodo introspettivo? Il metodo introspettivo ha sostanzialmente tre limiti: Non tutti sono in grado di dare un resoconto verbale, come bambini, malati mentali e animali. Non tiene conto dellattivit inconscia del nostro cervello.

Non tiene conto del fatto che le sensazioni elementari sono soggettive.

6. Dove nato il Funzionalismo e ad opera di chi? Il Funzionalismo nato negli USA ad opera di William James e John Dewey in seguito alla risonanza della Teoria Evoluzionista, per studiare a cosa servono i processi mentali. 7. Quale lo scopo del Funzionalismo? Con il Funzionalismo la Psicologia diventa una Scienza biologica che studia come il comportamento umano sia un processo di adattamento dellorganismo allambiente. Quindi lo scopo quello di dimostrare che il cervello umano serve a migliorare ladattamento allambiente. 8. Chi il fondatore del Comportamentismo? Il Comportamentismo stato fondato da Watson con pubblicazione de La rivoluzione comportamentista nel 1913. la

9. Quale loggetto di studio del Comportamentismo? Il Comportamentismo si concentra su un oggetto determinato, osservabile e misurabile, il Comportamento Manifesto, cio linsieme delle risposte ghiandolari e muscolari di un individuo. Si tratta della Psicologia della Black Box, o Stimolo-Risposta, perch la mente considerata come una scatola nera e sono oggetto di studio solo gli stimoli e le risposte. 10. Che cosa sintende per variabili interne intermedie? Le Variabili interne intermedie, la cui presenza ipotizzata dal neocomportamentista Koch, sono componenti psicologiche non manifeste che agiscono nella scatola nera tra la presentazione di uno stimolo e lemissione della risposta. 11. Qual la differenza teorica tra S-R e S-O-R? Con S-R si indica la psicologia Stimolo-Risposta portata avanti dai comportamentisti, con i neocomportamentisti la Psicologia diventa S-O-R dove con O si intende unattivit non osservabile che si svolge tra lo Stimolo e la Risposta. 12. Quale lassunto fondamentale della Psicologia della Gestalt? Lassunto fondamentale della Psicologia della Gestalt che ci che conta la totalit di un fenomeno e non le singole parti che lo

compongono, cio, lintero qualcosa di diverso dalle singole parti che lo compongono. 13. Cosa si intende per elaborazione o processamento Bottom-up? Fare un esempio. Lelaborazione Bottom-up (dal basso verso lalto) si ha quando lelaborazione guidata dai dati, cio parte dai dati sensoriali sino alla strutturazione dello stimolo. Esempio: possiamo riconoscere un oggetto partendo dalle caratteristiche fisiche elementari. Possiamo analizzare tutte le singole linee che lo compongono e vedere che oggetto si forma dal loro assemblaggio. 14. Cosa si intende per elaborazione o processamento Top-down? Fare un esempio. Lelaborazione Top-down (dallalto verso il basso) unelaborazione guidata dai concetti, cio basata su rappresentazioni contenute in memoria, infatti, nel caso di stimoli ambigui, tiene conte del contesto. Esempio: partiamo da concetto di un determinato oggetto che abbiamo nella nostra mente e vediamo se le parti che lo compongono confermano la nostra prima percezione. 15. Da chi e quando stato fondato il Cognitivismo? La Psicologia Cognitivista stata fondata da Ulric Neisser con la pubblicazione di Psicologia Cognitivista nel 1967. La sua opera contiene il manifesto del Cognitivismo, cio Lo studio di tutti quei processi grazie ai quali linput sensoriale trasformato, ridotto, elaborato, immagazzinato, recuperato e usato. Quindi si studiano i processi cognitivi che non possono essere visti, ma inferiti. 16. Nella scuola cognitivista a cosa paragonato luomo? Luomo un attivo elaboratore di informazioni che per elaborare necessita di risorse, per ha capacit limitate. 17. A cosa serve il paradigma dei tempi di reazione? I tempi di reazioni permettono di misurare i processi cognitivi. In base alla durata dei Tempi di reazione si stabilisce la complessit del processo, cos la mente cessa di essere una scatola nera, perch i processi che avvengono al suo interno possono essere misurati.

2. METODI DI RICERCA PSICOLOGICA 18. Quale la differenza tra un fatto e unopinione? Lopinione una conoscenza soggettiva del tutto priva di certezze; anche se vere non sono altro che quello che qualcuno pensa. Il fatto , invece, un avvenimento verificabile e verificato vero. 19. Cosa ci insegna il famoso caso del cavallo Hans? Dal caso del cavallo Hans capiamo che si arriva a separare la verit scientifica dalle opinioni grazie allo scetticismo. Lo psicologo Pfungst, controllando tutta una serie di fattori, dimostra come siano false le conclusioni ottenute da osservazioni acritiche. 20. Quali sono le fasi del metodo sperimentale? Individuazione e descrizione del problema. Formulazione delle ipotesi. Esecuzione dellesperimento. Raccolta dei dati e elaborazione dei risultati. 21. Cosa significa formulare unipotesi? Fare un esempio. Formulare unipotesi significa ipotizzare una relazione di causaeffetto tra due variabili. Esempio: la fame dipende dalla quantit di cibo, assumendo meno cibo la sensazione di fame aumenta. Quindi variando la quantit di cibo (variabile indipendente) si misura una variazione nella sensazione di fame (variabile dipendente). 22. Che cosa la variabile indipendente? La variabile indipendente quella sperimentatore. manipolata dallo

23. Che cosa la variabile dipendente? La variabile dipendente quella misurata dallo sperimentatore, le variazioni dipendono dalla manipolazione della variabile indipendente. 24. Quando due variabili sono in rapporto di causa-effetto? Fare un esempio.

Si parla di causa-effetto quando una variabile varia in funzione dellaltra. Esempio: manipolare la variabile indipendente (quantit di cibo) provoca una variazione della variabile dipendente (fame). 25. Quando un risultato sperimentale causato da artefatti? Fare un esempio. Un risultato sperimentale causato da artefatti quando i risultati non dipendono dalla variazione della variabile indipendente. Esempio: noi possiamo pensare che un ragazzo se smette di andare in palestra ingrassa. Quindi ipotizzando un rapporto causa-effetto diciamo che, modificando le variabile indipendente (cio diminuendo le ore di palestra) varia la variabile dipendente (il ragazzo ingrassa). Questo un artefatto, perch non possiamo sapere se il ragazzo ingrassato perch va meno in palestra, o perch sta mangiando di pi. 26. Che cosa un esperimento naturale? Fare un esempio. Lesperimento naturale si usa quando non si pu variare la variabile indipendente. Si studia il gruppo sperimentale, formato dalle persone gi sottoposte allevento da studiare, e lo si confronta col gruppo di controllo, formato dalle persone che non hanno vissuto levento, ma sono assimilabili a quelle del gruppo sperimentale. Cio si confronta il prima e il dopo di una determinata situazione. Esempio: si pu cercare di scoprire se la paura di saltare un ostacolo dipende dal fatto di essersi fatti male saltando un ostacolo simile. Ovviamente non si pu sapere se la persona avrebbe sviluppato la paura anche senza aver avuto lincidente, ma, con gli studi di correlazione, si pu vedere se le due variabili sono collegate. 27. Cosa significa che due variabili sono correlate? Fare un esempio. Due variabili sono correlate quando al variare di una varia anche laltra, ma non per effetto della variazione della prima. Esempio: andare in palestra e perdere peso. 28. Che cosa misura il coefficiente di correlazione? Il coefficiente di correlazione misura lintensit di correlazione, cio la forza di coesione tra due variabili, e la direzione di correlazione, compresa tra +1 e -1.

29. Che cosa si intende per correlazione positiva? Fare un esempio. Si parla di correlazione positiva quando allaumentare di una variabile aumenta anche laltra. Esempio: con laumento delle ore di palestra aumenta la massa muscolare. 30. Che cosa si intende per correlazione negativa? Fare un esempio. Si parla di correlazione negativa quando allaumentare di una variabile diminuisce laltra. Esempio: diminuendo le ore di palestra aumenta la massa grassa. 31. Che cosa significa che due variabili hanno coefficiente di correlazione uguale a 0? Quando il coefficiente di correlazione uguale a 0 tra le due variabili non c nessun rapporto di correlazione. 32. Da cosa dipende la variazione della variabile dipendente? La variazione della variabile dipendente dipende dalla manipolazione dellindipendente da parte dello sperimentatore. 33. Cosa si intende per significativit statistica? Fare un esempio. I dati sono statisticamente significativi se la probabilit di sbagliare, cio di ritenere che i dati ottenuti sono leffetto della manipolazione della variabile indipendente, quando invece sono dovuti al caso, inferiore al 5%. Il principio lo stesso se si sta misurando il coefficiente di variazione tra due variabili, il 5% in questo caso indica che le due variabili non sono realmente correlate ma variano insieme per un effetto casuale. Esempio: se ad un gruppo di individui si aumenta la quantit di cibo e si ha una drastica riduzione della fame, mentre la sensazione di fame resta invariata in un secondo gruppo dove la quantit di cibo rimane bassa, si pu dire che il risultato ottenuto statisticamente significativo. Quindi la diminuzione della fame causata dallaumento di cibo. 34. Cosa indica un livello di significativit statistica del 5%? Un livello di significativit statistica del 5% indica che il risultato ottenuto dovuto per il 95% ad una manipolazione della variabile indipendente, mentre per il 5% dovuto al caso.

35. Quali sono i parametri sui quali si basa un test di significativit statistica? Il test di significativit statistica si basa su tre fattori: Lampiezza delleffetto ottenuto, maggiore la differenza tra i valori della variabile dipendente nel gruppo sperimentale e di controllo, maggiore la probabilit che il risultato sia statisticamente significativo. Il numero dei soggetti studiati o delle osservazioni effettuate. La variabilit dei dati nei gruppi, la differenza tra i gruppi significativa quando la variabilit nei gruppi bassa. 36. Che cosa si intende per metodo descrittivo-osservativo? Quali sono le principali tipologie di intervista? I metodi descrittivi-osservativi sono quelli che non permettono il controllo di tutte le variabili, ma hanno il vantaggio di svolgersi in un ambiente naturale e in un contesto non inquinato. Lintervista una raccolta di dati ottenuti dagli intervistati tramite un intervistatore. Pu avere tre tipologie: Strutturata: ha uno schema rigido nel contenuto e nella successione delle domande. Semistrutturata: si segue una traccia generale che pu variare in base ad alcune risposte. Aperta: si segue solo uno schema generale 37. Quale il vantaggio del questionario scritto rispetto allintervista? Il questionario ha il vantaggio di essere in forma scritta, quindi, rispetto allintervista minore il rischio di avere risposte non sincere a causa della desiderabilit sociale. 38. Come possono essere le domande di un questionario? Fare un esempio. Le domande di un questionario possono essere: Chiuse, favoriscono la chiarezza nelle risposte, la facilit e la velocit di codifica. Esempio: Chi ha scritto La Divina Commedia? a) Dante b) Petrarca c) Machiavelli Aperte, permettono di ricavare pi informazioni. Esempio: Perch hai scelto di viaggiare in corriera e non in treno?

39. Che cosa si intende per risposta a ranking? Fare un esempio. Le risposte a ranking sono quelle in cui bisogna mettere in ordine una serie di parole o affermazioni. Chiuse, favoriscono la chiarezza nelle risposte, la facilit e la velocit di codifica. Esempio: Ordinare da 1 a 10 i cibi in base alla preferenza, dando a quello che si preferisce valore 1. 40. Quali sono gli errori pi frequenti nella formulazione di un questionario? Che cosa si intende per desiderabilit sociale? Gli errori pi frequenti sono: La lunghezza, si deve sempre verificare il tempo di compilazione. Lambiguit, non si devono accorpare pi concetti nella stessa domanda. La mancanza di neutralit, non si deve orientare lintervistato verso alcune risposte. La desiderabilit sociale la volont di essere accettati dalla societ che porta a mentire quando si risponde a un questionario.

3. SENSAZIONE E PERCEZIONE 41. Che cosa la soglia assoluta? La soglia assoluta il livello minimo di intensit che uno stimolo deve avere per suscitare una sensazione nel 50% dei casi. 42. Cosa la soglia differenziale? La soglia differenziale la differenza minima tra lintensit di due stimoli in grado di essere avvertita nel 50% dei casi. E un valore costante per tutte le persone. 43. La legge di Weber. La legge di Weber dice che la soglia differenziale di ciascun tipo di stimolo una frazione costante dellintensit dello stimolo iniziale.

K =

R R

K = costante di Weber; R = stimolo differenziale; R = intensit iniziale dello stimolo Pi grande uno stimolo maggiore sar la differenza necessaria rispetto ad un altro stimolo perch sia percepita. 44. Quale la differenza tra sensazione e percezione? La sensazione la consapevolezza delle propriet semplici degli stimoli. E rilevata attraverso il sistema sensoriale e permette al cervello di conoscere il mondo. La percezione elabora le sensazioni elementari per far emergere gli oggetti strutturati, confrontando caratteristiche e tracce in memoria. 45. Quali sono i diversi processi a cui viene sottoposta la sensazione?

La sensazione viene codificata, interpretata attraverso due stadi.

organizzata,

riconosciuta e

46. Cosa si intende per stadio primario? Nello stadio primario i processi primari individuano e descrivono le caratteristiche fisiche dello stimolo (sensazioni), facendo emergere lo stimolo strutturato lasciando indeterminati uso e funzione. 47. Cosa si intende per stadio secondario? Lo stadio secondario, o di elaborazione cognitiva, permette il riconoscimento dello stimolo strutturato attraverso il confronto con le conoscenze depositate in memoria. 48. La teoria della percezione diretta di Gibson. La teoria della percezione diretta di Gibson presuppone un processo bottom-up. Ogni stimolo possiede informazioni sensoriali sufficientemente specifiche da renderne possibile il riconoscimento senza lintervento dei processi cognitivi superiori, cio dotato di una buona affordance, basata sui fattori fisici delloggetto e sullo stato psico-fisiologico dellosservatore. 49. La teoria percettiva dellanalisi tramite sintesi. Secondo la teoria di Neisser la percezione il risultato di due stadi: Bottom-up: selezione preliminare delloggetto con un processo automatico e preattentivo in grado di fornire una prima rappresentazione delloggetto. Top-down: spostamento volontario dellattenzione sullo stimolo. La rappresentazione mentale dello stimolo si confronta con le rappresentazione preliminari, se il risultato positivo la rappresentazione il risultato finale, se no si devono ipotizzare nuove rappresentazioni percettive. 50. La teoria della percezione di Marr. La percezione retinica viene trasformata in una rappresentazione articolata e complessa, tramite due fasi bottom-up e due topdown: Primary sketch: lo stimolo visivo che colpisce locchio (schizzo primario bidimensionale).

Viewer centered: si aggiungono profondit e orientamento, lo stimolo ci che visibile dallosservatore (schizzo a due dimensioni e mezzo). Object centered: la rappresentazione integrata con le esperienze passate (modello tridimensionale). Riconoscimento delloggetto, lo stimolo tridimensionale e ci sono relazioni spaziali tra le sue varie parti.

51. La teoria percettiva della comparazione tra sagome. La configurazione esterna deve essere sovrapponibile ad una sagoma archiviata in memoria. Questo spiega solo il riconoscimento di configurazioni molto semplici, perch necessaria la totale sovrapposizione (template) e non possibile che la nostra memoria contenga cos tante sagome. 52. La teoria dei prototipi. La configurazione esterna deve essere confrontata con un prototipo, cio una rappresentazione astratta della configurazione contenente le caratteristiche pi frequenti e pi tipiche di un certo insieme di oggetti. 53. La teoria delle caratteristiche. Alcune caratteristiche dello stimolo esterno vengono confrontate con quelle archiviate in memoria attraverso tre fasi: Rilevazione retinica. Sezionamento della configurazione delle sue caratteristiche specifiche. Assemblaggio delle caratteristiche rilevate per avere il riconoscimento cognitivo. La teoria supportata dalla ricerche di Hubel e Wiesel sui neuroni della corteccia visiva, in grado di rilevare tratti come orientamento, angoli, ecc 54. Perch uno stimolo ambiguo favorisce elaborazioni top-down? Fare un esempio. Lambiguit di uno stimolo favorisce lelaborazione top-down perch tiene conto del contesto. Esempio: CHE e GAS. 55. Che cosa laffordance? Laffordance ci che permette allosservatore di estrarre le caratteristiche che definiscono luso e le finalit delloggetto.

56. Cosa significa realt fisica? La realt fisica quella che ci dice come lo stimo . 57. Cosa significa realt percettiva o fenomenica? La realt percettiva quella che ci dice come vediamo lo stimolo. 58. Che cosa il realismo ingenuo? Nel realismo ingenuo gli stimoli sono percepiti cos come essi sono, presupponendo una completa coincidenza tra realt percettiva e realt fisica. Queste per non sempre coincidono. 59. Cosa si intende per assenza delloggetto fenomenico? Fare un esempio. Si parla di assenza delloggetto fenomenico quando loggetto c ma non si vede. Esempio: La Quercia dei Reali, a ridosso del tronco ci sono i profili dei 4 reali che combatterono Napoleone nella battaglia di Waterloo. Non vengono colti perch nascosti dal bianco dello sfondo. 60. Cosa si intende per assenza delloggetto fisico? Fare un esempio. Si parla di assenza delloggetto fisico quando si percepisce uno stimolo anche se assente nella realt fisica. Esempio: Illusioni ottiche come il Triangolo di Kanizsa dove le immagini sono percepibili grazie ad un completamento amodale. 61. Cosa indica il principio figura-sfondo? Il nostro sistema percettivo consente di segmentare il flusso di informazioni provenienti dallesterno e di farci isolare le figure coerenti e dotate di significato. E un processo che viene sempre eseguito dalla percezione perch non pu esistere figura senza sfondo. 62. Quali sono i principi di organizzazione-raggruppamento secondo i Gestaltisti? I Gestaltisti hanno studiato che la capacit di segmentazione dipende da dei Principi di organizzazione percettiva: Somiglianza: la percezione tende ad unificare stimoli simili. Vicinanza: la percezione tende ad unire stimoli vicini. Chiusura: unione degli elementi che tendono a formare una figura chiusa.

Continuit o Buona direzione: linee con traiettorie simili sono percepite come continue.

4. ATTENZIONE 63. Cosa si intende per elaborazione preattentiva? Si parla di elaborazione preattentiva quando rileviamo li stimoli senza fare ricorso allattenzione. E un processo pi veloce che non risente del numero di distrattori presenti nel campo percettivo. 64. Che cosa un distrattore percettivo? Si parla di distrattore nel caso di stimoli simili a quello da prendere in considerazione presenti nel campo percettivo. 65. Quando viene attivata lattenzione focalizzata? Lattenzione focalizzata si attiva quando si devono combinare due caratteristiche che definiscono un singolo stimolo. Si tratta di un processamento attentivo-seriale che risente dei distrattori. 66. Cosa sono le congiunzioni illusorie? Le congiunzioni illusorie sono errori che si possono verificano durante la fase di abbinamento delle caratteristiche dello stimolo nel caso di condizioni non ottimali. 67. Cosa si intende per pop out? Fare un esempio. Il pop-out un fenomeno in base al quale le caratteristiche di una configurazione emergono spontaneamente e si impongono al nostro sistema visivo. Esempio: nel caso di un solo simbolo diverso, per esempio tutte x rosse e una sola verde, la x verde sembra saltar fuori dallallineamento.

68. Quale la differenza tra processi automatici e processi controllati? I processi automatici corrispondono a quelli preattentivi, avvengono al di fuori della consapevolezza. Necessitano di elaborazione in parallelo e hanno tempi di esecuzione molto rapidi. I processi controllati corrispondono a quelli attentivi, sono messi in atto in modalit seriale e hanno tempi di reazione pi lenti. 69. Quale la differenza tra processi automatici e processi automatizzati? I processi automatici non richiedono risorse attentive sin dallinizio. I processi automatizzati inizialmente sono controllati, con lesercizio diventano controllati e in particolare situazioni possono ridiventare controllati. 70. Cosa significa che alcuni processi sono seriali ed altri in parallelo? Nel caso di processi in parallelo gli stimoli vengono processati simultaneamente secondo una modalit preattentiva. Nel caso di processi in maniera seriale le caratteristiche vengono abbinate stimolo per stimolo, cio una dopo laltra. 71. Che cosa si intende per effetto di compatibilit spaziale stimolo-risposta? Leffetto di compatibilit spaziale S-R spiega lasimmetria nei tempi di risposta. Quando il compito richiede una risposta omolaterale allo stimolo la condizione compatibile, quando invece richiede una risposta controlaterale incompatibile e quindi pi lenta, perch il codice spaziale dello stimolo non corrisponde a quello della risposta. 72. Che cosa dimostra leffetto Simon? Leffetto Simon dimostra lautomaticit della codifica spaziale, infatti, pur essendo una dimensione irrilevante (diversamente dalla compatibilit S-R) non si pu fare a meno di prenderla in considerazione. 73. Quale la differenza tra errori di tipo Slips ed errori Mistakes?

Gli errori Slips riguardano i processi automatici, sono quelli commessi mettendo in atto quello che si intende fare per raggiungere lobiettivo. Gli errori Mistakes riguardano i processi controllati, cio gli errori commessi scegliendo lobiettivo e identificando i mezzi per raggiungerlo. 74. Cosa si intende per percezione subliminale? La percezione subliminale uno stimolo sotto soglia, cio che non raggiunge la soglia assoluta. Noi non sappiamo di averli percepiti, cio li percepiamo inconsapevolmente. 75. In cosa consiste il metodo del priming? Fare un esempio. Il metodo del priming consiste nel far vedere uno stimolo per un intervallo di tempo brevissimo, in modo che non sia percepibile, per facilitare il riconoscimento dello stimolo successivo. Esempio: si da come stimolo subliminale un colore, successivamente si chiede cosa vuol dire la parola rosa. Il soggetto sar portato a dire che un colore e non un fiore. 76. Perch esiste lattenzione selettiva? Lattenzione selettiva serve a limitare le quantit di informazioni da elaborare, proteggendo il sistema di elaborazione da sovraccarichi e interferenze. E necessaria perch luomo un elaboratore di informazioni a capacit limitate. 77. Qual il destino delle informazioni irrilevanti? Il destino delle informazioni dipende dal momento in cui avviene la selezione. Se si ha una selezione precoce non si ha lintervento dellattenzione selettiva. Invece, con una selezione tardiva vengono elaborati tutti gli stimoli, per le informazioni irrilevanti non raggiungono il livello di conoscenza. 78. Descrivere e spiegare leffetto Stroop? Leffetto Stroop dimostra come i tempi di reazione agli stimoli congruenti sono pi veloci rispetto a quelli con stimoli incongruenti. Se dobbiamo dire il colore di una scritta siamo pi veloci se lo stimolo congruente. Questo perch c un effetto di competizione tra le due caratteristiche dello stimolo e della risposta.

La caratteristica non rilevante dello stimolo produce uninterferenza sulla rapidit della risposta riferita allo stimolo rilevante. Con leffetto Stroop si dimostra lautomaticit del compito di lettura.

5. APPRENDIMENTO 79. Che cosa si intende per condizionamento classico? Il condizionamento classico un processo di apprendimento nel quale uno stimolo inizialmente neutro, dopo vari abbinamenti con uno stimolo incondizionato, diventa uno stimolo condizionato in grado di produrre la stessa risposta dello stimolo incondizionato. 80. Chi lo scopritore del condizionamento classico? Quale era la condizione tipo? Lo scopritore del condizionamento classico Pavlov, fisiologo che studi la digestione dei cani misurando il livello di salivazione. La condizione tipo quella di produrre una stessa risposta sia in seguito a uno stimolo incondizionato che a uno condizionato. 81. Quale la differenza tra SI, SN e SC? Lo stimolo incondizionato genera incondizionata. in natura risposte

Lo stimolo neutro di per se non genera risposte, se accompagnato allo stimolo incondizionato diventa uno stimolo condizionato. Lo stimolo condizionato genera risposte condizionate assimilabili alle risposte incondizionate. 82. Quale la differenza tra fase di acquisizione e fase di estinzione? Nella fase di acquisizione lo SI viene sempre preceduto dallo SN in modo che si abbia il condizionamento che trasforma lo SN in SC. Nella fase di estinzione viene presentato solo lo SC che ridiventa SN, perdendo la capacit di generare una RC. 83. Che cosa si intende per generalizzazione? Si parla di generalizzazione quando lorganismo tende a reagire anche a stimoli simili allo SC. 84. Che cosa si intende per discriminazione? La discriminazione consiste in una fase di estinzione limitata agli stimoli simili, mentre lo SC continua ad essere presentato con lo SI, in modo da eliminare la generalizzazione. 85. Che cosa il condizionamento operante? Il condizionamento operante un processo di apprendimento in cui le conseguenze di una risposta influenzano le probabilit che un comportamento sia nuovamente prodotta in futuro. 86. La legge delleffetto di Thorndike. La legge delleffetto di Thorndike dice che unazione che provoca un effetto positivo ha pi probabilit di ripetersi in futuro, rispetto ad una che provoca effetti negativi. 87. Che cosa un rinforzo positivo? Un rinforzo positivo consiste in un effetto volto ad aumentare la probabilit di emissione di una risposta desiderata. 88. Che cosa un rinforzo negativo? Un rinforzo negativo consiste nelleliminazione di uno stimolo che produce una risposta di evitamento. 89. Quale la differenza tra rinforzo negativo e punizione? Il rinforzo negativo, come quello positivo ha lo scopo di far si che un comportamento si ripeta.

Una punizione una conseguenza negativa finalizzata a far diminuire le probabilit che unazione si ripeta. 90. Che cosa si intende per rinforzo intermittente? Si parla di rinforzo intermittente, o parziale, quando il rinforzo presentato saltuariamente. Pu essere a rapporto fisso o variabile e a intervalli fissi o variabili. 91. Che cosa il modellamento? Il modellamento un processo di condizionamento che non attende che un comportamento insorga spontaneamente, ma ne favorisce lesecuzione favorendo comportamenti sempre pi simili al comportamento che si vuole ottenere. 92. Cosa si intende per insight? Linsight la capacit di ristrutturare gli elementi presenti nellambiente per risolvere problemi altrimenti non risolvibili. 93. La differenza tra apprendimento implicito ed esplicito? Si ha apprendimento implicito nel caso di processi passivi, gli individui acquisiscono conoscenze perch esposti a informazioni. Lapprendimento esplicito invece presuppone processi attivi di apprendimento, cio si ha la consapevolezza di sapere. 94. Cosa si intende per apprendimento latente? Si parla di apprendimento latente quando lapprendimento sembra non esserci perch avviene in maniera non manifesta. 6. SISTEMI E PROCESSI DI MEMORIA 95. Cosa si intende per memoria? La memoria la capacit di mantenere le informazioni acquisite dal sistema per pi o meno tempo in modo da poterle avere a disposizione per lo svolgimento di compiti successivi. 96. Che cosa si intende per effetto della pratica? Leffetto della pratica stato studiato da Ebbinghaus portando a due conclusioni: La conferma del tempo totale di apprendimento, il materiale appreso aumenta proporzionalmente al tempo impiegato. La pratica distribuita produce un risultato migliore della pratica massiva.

97. Che cosa si intende per primacy effect? Secondo lo studio della curva di posizione seriale si ricordano meglio gli item della parte iniziale. 98. Che cosa si intende per recency effect? Per il recency effect si ricordano meglio gli item della parte finale. 99. Che cosa uno schema? Lo schema una struttura che organizza le conoscenze acquisite e guida il nostro comportamento. Lo schema influenza i processi di memoria favorendo la selezione e lorganizzazione delle informazioni. 100. Cosa si intende per rievocazione libera? Si parla di rievocazione libera quando il soggetto tenta di ricordare ricercando in memoria le informazioni. 101. Cosa si intende per rievocazione suggerita? Si parla di rievocazione suggerita quando il soggetto tenta di ricordare linformazione in presenza di suggerimenti. 102. Che cosa si intende per riconoscimento? Si parla di riconoscimento quando il soggetto deve dire se uno stimolo o elemento di una lista corrisponde ad uno gi memorizzato. 103. Che cosa loblio? Loblio limpossibilit, o incapacit, di recuperare informazioni presenti in memoria. 104. Come influisce linterferenza sulloblio? Linterferenza una causa delloblio perch se due informazioni entrano in contatto nella memoria possono rendere meno accurato il ricordo di una delle due. Leffetto pi forte tanto pi le informazioni sono simili. 105. Che cosa linterferenza retroattiva? Si parla di interferenza retroattiva quando si ha leffetto interferente del materiale appreso successivamente su quello appreso precedentemente che deve essere recuperato. 106. Che cosa linterferenza proattiva?

Si parla di interferenza proattiva quando si ha leffetto interferente del materiale appreso precedentemente su quello appreso successivamente che deve essere recuperato. 107. Che cosa la memoria iconica o registro sensoriale? La memoria iconica, o il registro sensoriale nella modalit visiva, il magazzino in cui linformazione visiva persiste per un certo tempo. E un magazzino molto capiente, per col passare del tempo linformazione iconica sempre meno leggibile. 108. Quale la differenza tra resoconto totale e parziale nella memoria iconica? Nel resoconto totale viene chiesto di rievocare quanti pi stimoli possibili, mentre nel resoconto parziale si chiede di rievocare solo gli stimoli della riga segnalata. 109. Caratteristiche di capacit di durata della memoria a breve termine? La Memoria a breve termine un magazzino a capacit limitata e di breve durata. Miller ipotizz che poteva mantenere solo sette item, ma Baddeley ipotizz la tecnica del chunking, cio di raggruppare i singoli item in unit di ordine superiore. Quindi la capacit dipende dalla natura dellinformazione da ricordare. La durata dellinformazione e la probabilit che sia trasferita alla memoria permanente dipende invece dalla possibilit che lindividuo ha di reiterare linformazione a livello subvocalico. 110. Quali sono le componenti della memoria di lavoro? La memoria di lavoro formata da: Loop articolato: mantiene linformazione uditiva e linguistica Taccuino visuospaziale: informazioni come immagini. Esecutivo centrale: regola lattivit degli altri due magazzini ed coinvolto in compiti cognitivi di ordine superiore. 111. Caratteristiche di capacit e di durata della memoria a lungo termine. La memoria ha lungo termine contiene le informazioni permanentemente, o almeno per un lungo periodo. 112. La memoria semantica.

La memoria semantica quella in cui si hanno conoscenze su parole e concetti, sulle loro propriet e sulle relazioni reciproche. 113. La memoria episodica. Nella memoria episodica si ha conoscenza di eventi temporalmente databili, localizzabili spazialmente e esperiti personalmente. Una particolare definizione stata data da Tulving che parla di memoria autobiografica. 114. La memoria procedurale. La memoria procedurale contiene informazioni su come si fanno certe cose. Sono conoscenze tacite, sappiamo fare qualcosa senza essere consapevoli di averla imparata e senza saper dire come si fa. 115. Cosa si intende per Flash di memoria? Il Flash di memoria il modo col quale ricordi di eventi sorprendenti sono conservati nel tempo, come se si creasse una traccia di memoria pi resistente ai processi di decadimento. 116. Perch la testimonianza pu non essere attendibile? Una testimonianza pu non essere attendibile perch ci possono essere errori nel recupero delle informazioni dalla MLT. Questo pu succedere a causa dellinserimento di informazioni fuorvianti. 117. Concetto di falsa memoria. Le false memorie sono causate da informazioni fuorvianti. 118. La memoria prospettica. La memoria prospettica riguarda azioni da svolgere in futuro ed coinvolta in due compiti, basati sul tempo e sugli eventi, questi ultimi sono meno esposti alloblio prospettico. I problemi che conseguono un malfunzionamento della memoria prospettica sono lincapacit a richiamare unazione che si era stabilito di fare, o errori nellesecizione dellazione (absentminded). 7. RAPPRESENTAZIONE DELLE CONOSCENZE 119. Che cosa si intende per rappresentazione analogica? Le rappresentazioni analogiche sono quelle che consentono di riprodurre e mantenere nella mente le relazioni strutturali e le

caratteristiche distintive di ci che viene rappresentato, proprio come una riproduzione fisica, una fotografia. 120. Che cosa si intende per rappresentazione proposizionale? Le rappresentazioni proposizionali sono rappresentazioni astratte di oggetti e eventi che rappresentano e perci non contengono n catturano le caratteristiche fisiche di ci che rappresentano. E un tipo di rappresentazione pi astratta dellanalogico. 121. Che cosa si intende per rappresentazione dei significati? Nella mente sono rappresentati i significati, cio le conoscenze semantiche. E una modalit di rappresentazione delle conoscenze in strutture in cui sono contenuti concetti e caratteristiche descrittive dei concetti medesimi. 122. Fare un esempio di una struttura gerarchica proposta da Collins e Quillian. Collins e Quillian hanno ipotizzato che i significati sono rappresentati in una struttura gerarchica in cui i nodi concettuali sono inclusi a diversi livelli. Esempio: il nodo uomini, caratterizzato dal fatto di essere bipedi e il nodo animali, caratterizzati dal fatto di muoversi a quattro zampe, sono contenuti nel nodo esseri viventi, caratterizzati dal fatto di nascere, crescere, riprodursi e morire. Quindi le propriet di un nodo sono condivise dai nodi inferiori e il tempo di recupero delle informazioni dipende dalla distanza fra i nodi. 123. Che cosa una conoscenza procedurale? Le conoscenze procedurali sono quelle conoscenze specializzate riguardanti il modo con cui si svolgono molte attivit. 124. Che cosa uno script? Fare un esempio. Lo script uno schema che descrive in termini generali come si fa qualcosa. E la rappresentazione mentale di una condizione abituale e stereotipata. Esempio: andare in chiesa. 125. Che cosa si intende per immagine mentale? Le rappresentazioni mentali sono una fondamentale forma di rappresentazione, in formato analogo alla percezione, immagazzinate separatamente rispetto alla modalit di rappresentazione proposizionale.

126. Descrivere lesperimento di Kosslyn, Ball e Reiser sulle immagini mentali. Lesperimento di Kosslyn, Ball e Reiser volto a dimostrare che limmagine di un oggetto come mappa analogo alla mappa reale. Dopo aver fatto osservare una mappa con riportati degli oggetti viene chiesto di memorizzarli. In questo modo si forma una mappa mentale. Agli individui viene chiesto di focalizzare lattenzione su un oggetto, dopo 5 secondi su un altro, e cos via. Si notato che quanto pi distanti sono i punti nella mappa reale, tanto pi lungo il tempo per spostarsi nella mappa mentale. 127. Descrivere lesperimento di Shepard e Metzler sulle rotazioni mentali. Lesperimento di Shepard e Metzler volto a dimostrare che le immagini possono essere manipolate in modo analogo agli oggetti fisici. Nellesperimento vengono fatti vedere degli oggetti ruotati, gli individui devono dire se sono uguali o no. Maggiore la rotazione da effettuare per riportare loggetto canonico nella realt, pi il tempo che lindividuo impiega a rispondere. 128. Quale la differenza tra rappresentazione spaziale tipo route e tipo survey? La rappresentazione di tipo route quella basata su percorsi specifici che possono essere effettuati per muoversi da un posto allaltro. Richiede una strategia di orientamento nello spazio basata su informazioni verbali. E la pi usata se si ha paura di perdersi. La rappresentazione di tipo survey si basa su relazioni pi globali tra indizi ambientali, come se si avesse una prospettiva dallalto. Richiede una strategia di orientamento basata su orientamenti globali e punti di orientamento fissi. 129. In che cosa consiste la teoria della doppia codifica di Paivio? La teoria della doppia codifica individua due sistemi di codifica: Imagens: modalit elettiva di elaborazione delle informazioni non verbali, attivata in parallelo nella generazione di immagini.

Logogens: modalit di elaborazione delle informazioni linguistiche, opera in modalit sequenziale. Questa teoria sostiene che la descrizione verbale pu suscitare limmagine e viceversa, questo perch abbiamo connessioni referenziali che ci permettono di visualizzare gli oggetti nominati e di nominare gli oggetti rappresentati. 130. Cosa sono i concetti? I concetti sono quelle conoscenze che permettono di trattare diverse entit come appartenenti alla stessa categoria. Ci permettono di riconoscere qualcosa e di decidere che comportamento assumere. 131. Cosa sostiene la teoria del prototipo? Il prototipo lesemplare rappresentativo di una categoria, che ha tutte le caratteristiche salienti del concetto. 132. Cosa si intende per categorie ad hoc? Le categorie ad hoc sono insiemi creati spontaneamente per scopi specifici e in contesti specializzati.

8. LINGUAGGIO E COMUNICAZIONE

133. Cosa si intende per psicolinguistica? La psicolinguistica si occupa della descrizione dei processi cognitivi coinvolti nelluso del linguaggio; fonda elaborazione teorica e ricerca empirica sul linguaggio sulle teorie di Chomsky. 134. Che cosa il LAD proposto da Chomsky? Chomsky ipotizza che il linguaggio sia un sistema generativo dove si possono individuare elementi comuni a tutti i linguaggi e strutture che riflettono meccanismi e principi cognitivi organizzativi innati. Con LAD, language acquisition device, indica un dispositivo innato in grado di favorire lacquisizione del linguaggio. Contiene i principi grammaticali universali, cio i principi generali delle lingue naturali. 135. Quale la differenza tra competenza ed esecuzione linguistica? La competenza linguistica una conoscenza implicita delle regole che permettono di usare il linguaggio. Lesecuzione linguistica indica che la capacit di usare un linguaggio non dipende solo dalle competenze, ma anche da fattori cognitivi, situazionali e socioculturali. 136. Che cosa la grammatica trasformazionale di Chomsky? La grammatica trasformazionale racchiude le leggi che governano il modo in cui un messaggio linguistico si pu trasformare. Basata su: Struttura superficiale, suoni segmentabili in parole. Struttura profonda, contiene le informazioni necessarie alla trasmissione del significato. Regole di struttura sintagmatica, consentono di trasformare un costituente frasale in altri costituenti (frasi in sintagmi) Regole trasformazionali, rendere strutture attive in passivo. 137. Cosa si intende per contrapposizione tra universali e relativismo linguistico? Gli universali linguistici ci dicono che in ogni lingua si possono individuare sequenze di suoni corrispondenti a nomi, verbi in contrapposizioni a quanto ci dice il relativismo linguistico, cio le lingue sono diverse, con suoni caratteristici e diverse combinazioni.

138. Che cosa si intende per effetto di superiorit della parola? Leffetto di superiorit della parola ci dice che lidentificazione delle parole influenzato non solo dalla frequenza con cui sono usate e dalla pronunciabilit, ma anche dal contesto in cui si trovano. 139. Cosa si intende per ricerca per la reintegrazione? La ricerca per la reitegrazione quel processo di ricerca che si svolge nella Memoria a lungo termine quando il lettore non riesce a trovare una corrispondenza tra due proposizioni per integrarle. 140. Descrivere il modello della probabilit di elaborazione di Petty e Cacioppo. Il modello dice che il cambiamento di atteggiamento dovuto a una comunicazione persuasiva coinvolge due diversi processi: Percorso centrale, attivato per avere unelaborazione dellinformazione attenta e accurata. Percorso periferico, attivato nel caso di uno scarso interesse del destinatario per il messaggio. 141. Cosa indicano le quattro massime di Grice: quantit, qualit, relazione e modo? Il principio di cooperazione nella conversazione diviso in massime: Della quantit, non dire pi del necessario. Della qualit, fare affermazioni vere. Della relazione, cercare di essere pertinenti. Del modo, essere chiari e evitare ambiguit. 142. Cosa si intende e cosa comporta la comunicazione asincrona? La comunicazione asincrona una modalit tipica delle comunicazione mediate da tecnologie e comporta degli scarti temporali tra emissione e ricezione del messaggio. 143. Come si esercita la funzione persuasiva sullinterlocutore? La funzione persuasiva sullinterlocutore influenzata da tre fattori: Credibilit della fonte. Influenzabilit del ricevente, causata anche dallautostima. Lintensit del messaggio, capacit di catturare attenzione.

Degli studi hanno per dimostrato che persuadono di pi messaggi e domande formulate in termini di guadagno, anche se a lungo andare si nota che hanno cambiato atteggiamento le persone sottoposte a messaggi e domande formulate in termini di perdita. 144. Cosa viene inteso per gioco a somma zero? Il gioco a somma zero si ha quando si risolve un conflitto interpersonale con un compromesso, cio quello che una parte perde corrisponde a quello che laltra parte ottiene. 9. PENSIERO E RAGIONAMENTO 145. Che cosa si intende per pensiero? Il pensiero lattivit mentale in grado di elaborare e sviluppare le relazioni fra le informazioni codificare in precedenza nella memoria. Secondo Johnson-Laird esistono due categorie: Pensiero non finalizzato, sviluppa associazioni libere e attivit oniriche. Pensiero finalizzato, attua processi mentali volti a soluzioni di problemi e prese di decisione. 146. Che cosa il ragionamento deduttivo? Fare un esempio. Il ragionamento deduttivo quello che procede dal generale al particolare. Facciamo uso di conoscenze relative a informazioni che consideriamo vere per inferire qualche conoscenza vera che necessariamente discenda da quelle affermazioni. Esempio: Noi sappiamo che tutti i lavoratori ricevono uno stipendio. Se sentiamo una persona lamentarsi dello stipendio inferiamo che si tratti di un lavoratore. 147. Che cosa il ragionamento induttivo? Fare un esempio. Il ragionamento induttivo quello che procede dal particolare al generale. Si tratta di acquisire dati a sostegno di una conclusione. Esempio: Tutte le volte che oltre a studiare i teoremi di matematica si fanno anche gli esercizi si otterr un risultato migliore nei test. Quindi si pu dire che chi fa entrambe le cose ottiene risultati migliori, ma non si pu garantire che non si possano ottenere gli stessi risultati studiando solo i teoremi. 148. Che cosa un sillogismo? Fare un esempio. Il sillogismo una forma di logica deduttiva in cui due proposizioni sono combinate in modo da produrre una proposizione finale, vera se le premesse sono vere.

Esempio: Tutti gli uomini sono mortali, tutti i Greci sono uomini, tutti i Greci sono mortali. 149. Che cosa si intende per sillogismo condizionale? Il sillogismo condizionale un ragionamento basato su proposizioni unite da un connettivo linguistico. Sono del tipo se P allora Q. 150. Descrivere lo schema inferenziale del modus ponens. Fare un esempio. Lo schema inferenziale del modus ponens formato da una proposizione condizionale con laffermazione dellantecedente. La conclusione sar laffermazione della conseguente. Esempio: Se un atleta non si allena allora fuori forma. Un atleta non si allena fuori forma. 151. Descrivere lo schema inferenziale del modus tollens. Fare un esempio. Lo schema inferenziale del modus tollens formato da una proposizione condizionale con la negazione della conseguente. La conseguenza sar la negazione dellantecedente. Esempio: Se un atleta non si allena allora fuori forma. Non fuori forma non un atleta che non si allena. 152. Quali sono le tre fasi che formano un modello mentale? I modelli mentali si formano in tre fasi: Comprensione delle premesse grazie a conoscenze linguistiche e conoscenze rilevanti per il compito da svolgere. Combinazione dei modelli delle premesse per avere descrizioni delle scene definibili dalle premesse. Ricerca di modelli alternativi congruenti con le premesse, ma in cui la conclusione candidata ad essere adottata falsa. La fase si conclude quando tutte le potenziali conclusioni sono esaurite.

10. SOLUZIONI DI PROBLEMI E CREATIVITA 153. Che cosa si intende per spazio del problema? Lo spazio del problema la struttura astratta formata da tutti gli stati del problema e dalle procedure che permettono di passare da uno stato allaltro. 154. Che cosa un algoritmo? Lalgoritmo una strategia, un procedimento di calcolo numerico, che, se applicata ricorsivamente, permette di risolvere correttamente il problema attraverso un numero finito di passi. 155. Cosa si intende per euristica? Leuristica una strategia generale per risolvere problemi che mira a semplificarli. Pu basarsi su: Analisi mezzi-fini: il problema viene trasformato in sottoproblemi con sottoscopi. Esame a ritroso: dal risultato ritenuto corretto si risale allo stato iniziale per controllare la correttezza della procedura. Semplificazione: produrre una rappresentazione semplificata del compito e simulare la soluzione per provare lefficienza. 156. Cosa si intende per insight? Linsight la conseguenza di una ristruttura cognitivo-percettiva della situazione problemica in base alla quale si ha una riorganizzazione profonda e unitaria dei costituenti del problema. I Gestaltisti usano questo termine per indicare il momento in cui la soluzione si rende allimprovviso disponibile, infatti i problemi che si risolvono per insight sono risolti allimprovviso.

157. Cosa si intende per transfer negativo nella risoluzione dei problemi? Il transfer negativo spiega perch limpostazione soggettiva un ostacolo per la risoluzione dei problemi, infatti, indica labitudine ad applicare tipici algoritmi aritmetici nel caso di addizioni e sottrazioni. 158. Che cosa la fissit funzionale? Fare un esempio. La fissit funzionale lincapacit di vedere funzioni alternative negli elementi costitutivi della situazione problemica, cos che il problema risulta insolubile. Esempio: in giardino si ha la macchina, la pompa e una busta. Si deve lavare il paraurti posteriore ma la pompa non arriva. La fissit funzionale rende problematico luso della creativit in modo da usare la busta come un secchio. 159. Fare un esempio delluso dellanalogia nella soluzione di problemi. Per utilizzare lanalogia il solutore individua una corrispondenza tra due situazioni problemiche e attua un transfer positivo della procedura di soluzione dalla situazione in cui stata applicata con successo alla nuova situazione problemica. Esempio: Obiettivo creare un flusso di elettroni Risorse un filamento negativo, uno positivo e una piastra Vincoli riscaldare il filamento porta alla sua ossidazione Obiettivo conservare il tartufo per molto tempo Risorse tartufo e frigorifero Vincoli tenendo il tartufo a lungo ammuffisce Piano di soluzione mettere il tartufo sottovuoto Esito si pu conservare a lungo il tartufo Piano di soluzione creare il vuoto in unampolla con il filamento Esito si pu riscaldare il filamento senza che si ossidi 160. Quale la differenza tra solutori esperti e non esperti? Gli individui esperti nel loro campo di compente sono pi abili di quelli meno esperti. Questa differenza non pu essere giustificata solo con delle capacit innate, probabilmente gli esperti sono pi abili per hanno la capacit di selezionare, sulla base dellesperienza, le strategie migliori.

161. In cosa consiste il test sulle associazioni remote? Il test sulle associazioni remote viene usato per misurare la creativit, si basa sullidea che un individuo pi creativo pi riesce ad associare aspetti apparentemente molto differenti. Si tratta di un rapporto inverso tra creativit e facilit e velocit a produrre associazioni, questo perch si suppone che gli individui abbiano un repertorio di risposte pi ampio tra cui cercare quelle attinenti.

11. GIUDIZIO E DECISIONE 162. Che cosa si intende per bias? Bias sono errori sistematici nei giudizi cui sono esposti i decisori a cause delle euristiche, cio procedure pratiche ed economiche sotto il profilo cognitivo. 163. Che cosa il teorema bayesiano? Il teorema bayesiano consente di rivedere la probabilit a priori relativa al verificarsi di un evento alla luce dellevidenza. 164. Che cosa si intende per euristica della disponibilit? Leuristica della disponibilit quella procedura utilizzata per formulare stime e previsioni basandosi sulle informazioni pi facilmente rievocate dalla memoria. Quindi pi sono gli eventi ricordati, pi sono ritenuti probabili. 165. Cosa si intende con euristica della simulazione? Con euristica della simulazione si intende la simulazione delleliminazione della causa ritenuta responsabile dellevento imprevisto, da questo si traggono costruzioni fantastiche basate su controfattuali fantastici. 166. Che cosa si intende con euristica della rappresentativit? Fare un esempio. Leuristica della rappresentativit si occupa di effettuare stime valutando la similarit tra levento da stimare e il processo che lha generato o la categoria di riferimento.

Esempio: ammettendo che in una societ sportiva il 70% degli atleti fanno calcio e il 30% pallacanestro, se viene presentato il profilo di un ragazzo alto 2 metri, lintervistato molto probabilmente lo classificherebbe come giocatore di basket. Questo perch la scelta si basa sulla similarit tra le caratteristiche del profilo e il profilo ideale. In base alle statistiche pi probabilmente un calciatore. Allo stesso modo se si gioca dazzardo e si vince nel caso in cui fra due carte si scelga la donna di cuori, dopo che si sceglie ripetutamente laltra carta il giocatore pensa che debba per forza uscire la donna, invece, ogni evento a se e non condiziona il successivo, come invece si pensa a causa di giudizi distorti. 167. Che cosa la fallacia della congiunzione? Fare un esempio. La fallacia della congiunzione sta nel ritenere la probabilit di occorrenza di eventi congiunti superiore a quella di altri costituenti. Esempio: se in una palestra si chiede se ci sono pi atleti o pi atleti muscolosi la risposta pi frequente sar pi atleti muscolosi. Anche se questo sbagliato, levento congiunto (atleta + muscoloso) considerato maggiormente rispetto a quello costituente (atleta), anche se il secondo molto pi probabile, infatti sufficiente un atleta non muscoloso per smentire il secondo. 168. Che cosa leuristica di ancoraggio e aggiustamento? Fare un esempio. Leuristica di ancoraggio e aggiustamento si ha quando gli individui formulano una prima valutazione (ancoraggio), poi, in seguito allacquisizione di altre informazioni effettuano modifiche (aggiustamento) sino a formulare la valutazione definitiva. Il risultato finale sempre influenzato da un termine di paragone e non poi tanto diverso dal giudizio iniziale. Esempio: un giocatore deve prevedere landamento della serata, prende come base le vincite delle sere precedenti (ancoraggio). Effettua degli aggiustamenti tenendo conto, per esempio, della cifra che ha a disposizione, di quella degli avversari In base a questi aggiustamenti formula la valutazione finale, che probabilmente preveder un gioco simile a quello delle sere precedenti, perch non si riesce ad allontanarsi dal termini di paragone. 169. Cosa si indica con costo affondato?

Con costo affondato si indica il rimanere vincolati a scelte passate rivelatisi in seguito improduttive a causa dellostilit ad ammettere la perdita di quello che si investito. 170. Che cosa si intende con comportamento di escalation? Il comportamento di escalation, causato dallattaccamento ai costi affondati, rappresentato dal fatto che il decisore reitera una decisione oltre un punto che potrebbe essere prescritto da qualsiasi modello di scelta razionale. Questo succede a causa del desiderio di autogiustificazione in seguito ad un processo fallito che era stato scelto con consapevolezza. 171. Che cosa si intende con illusione di focalizzazione? Le illusioni di focalizzazione sono illusioni in cui gli individui cadono quando la loro attenzione catturata dalla possibilit di un cambiamento in un aspetto significativo della propria esistenza, esagerando gli effetti di questo cambiamento sul benessere, infatti la causa di errori di giudizio. 12. INTELLIGENZE 172. Cosa significa affermare che sia leredit che lambiente possono essere responsabili del livello di intelligenza? Il livello di intelligenza dipende dallereditariet e dallambiente. Galton ha cercato di dimostrare che dipende dallereditariet dicendo che ci sono pi probabilit di trovare individui con abilit eccezionali in famigli con ascendenti eccezionali. Questo non permette di escludere lambientale comune a molti individui. 173. A cosa serve la tecnica di analisi di dati detta analisi fattoriale? Lanalisi fattoriale serve ad individuare come le prove usate per misurare lintelligenza sono correlate e per determinare i fattori sottostanti alle differenze individuali osservate nelle prove. 174. Cosa sostiene la teoria delle intelligenze multiple? La Teoria delle intelligenze multiple di Gardner prevede sette tipi di intelligenza: linguistica, logica-matematica, spaziale, musicale, corporeo-cinestesica, interpersonale e intrapersonale. Secondo questa teoria lintelligenza si basa sulla modularit, cio le diverse abilit si riferiscono a moduli indipendenti tra loro. 175. Quale la differenza tra et cronologica e et mentale?

Let cronologica let anagrafica di un individuo, mentre let mentale quella che si ottiene con dei test specifici. Nei bambini coincidono se superano degli appositi test, mentre negli adulti necessario inserire il concetto di QI per comparare le prestazioni individuali con quelle medie della popolazione. 176. Di cosa si compone il modello triarchico di Sternberg? Il modello triarchico dellintelligenza si basa su tre sub-teorie: Comportamento esperenziale intelligente, lintelligenza si manifesta meglio in situazioni nuove e di automatizzazione. Comportamento contestuale intelligente, modificare lambiente rendendolo pi adatto alle proprie caratteristiche. Comportamento componenziale intelligente, specifica come funzionano i meccanismi del comportamento intelligente. 177. Cosa si intende per effetto Flynn? Leffetto Flynn mostra come i punteggi ottenuti in test di intelligenza standardizzati da persone appartenenti a differenti culture tendono ad incrementare in modo costante rispetto ai decenni precedenti. Questo rende irrilevanti gli argomenti relativi a differenze razziali. 13. PSICOLOGIA COGNITIVA APPLICATA 178. Che cosa lergonomia? Lergonomia linsieme delle leggi che spiegano le relazioni tra luomo e il suo ambiente di lavoro. Tiene conto del contesto ambientale, delle caratteristiche antropometriche delloperatore e i vincoli fisici e funzionali delle macchine. 179. Quale la differenza tra ergonomia classica ed ergonomia cognitiva? Lergonomia classica si occupa dellinterazione uomo-macchina, prendendo in esame la postura delloperatore e le caratteristiche antropometriche confrontante con gli aspetti fisici della macchina e del lavoro svolto. Lergonomia cognitiva, sviluppatasi con il boom dei personal computer, si occupa dellinterazione uomo-calcolatore, esamina la mente e i processi cognitivi messi in atto per interagire con una macchina. Loperatore comanda e controlla il sistema a distanza, attraverso il riconoscimento di segnali e simboli.

180. Che cosa si intende per interfaccia? Linterfaccia il modo in cui si fa qualcosa con uno strumento, cio le azioni che dobbiamo eseguire e il modo con cui lo strumento risponde. Deriva dalla chimica, le bollicine sono considerate linterfaccia di passaggio dallo stato liquido a quello aeriforme. 181. Cosa significa fornire un buon modello concettuale e rendere visibili le caratteristiche? Fare un esempio. Il modello concettuale rappresenta lo schema mentale sulla struttura, la funzionalit e luso di un oggetto, una apparecchiatura o un sistema. Fornire un buon modello concettuale significa massimizzare le caratteristiche di visibilit di un oggetto, fornendo anche inviti e vincoli duri, cio rendendo visibili le caratteristiche. Esempio: grazie al modello concettuale che abbiamo di chitarra, vedendo una chitarra con una corda rotta capiamo subito che non pu essere suonata, infatti nel nostro modello concettuale deve avere sei corde integre. Per quanto riguarda le caratteristiche se noi abbiamo una tazza lanello laterale suggerisce di infilarci le dita per sollevare la tazza; questo invito duso accompagnato da un vincolo, infatti, dobbiamo necessariamente usare anche il pollice, altrimenti non riusciamo ad afferrarla. 182. Cosa vuol dire seguire un buon mapping? Fare un esempio. Con mapping si indicano le relazioni tra i comandi e la loro esecuzione e gli effetti che si ottengono. Seguire un buon mapping significa determinare chiaramente questi rapporti di comando-effetto. Esempio: nella cabina di un aeroplano in mapping riporta i comandi di accensione dei motori e quelli che attivano gli estintori posti vicino ai motori. Nel caso di un buon mapping in corrispondenza dellinterruttore del motore ci sar quello del rispettivo estintore, se invece sono sfalsati e troviamo linterruttore dellestintore del primo motore sopra linterruttore del secondo motore abbiamo un pessimo mapping. 183. Cosa vuol dire applicare il principio del feedback? Fare un esempio.

Il feedback un messaggio attraverso cui lutente riceve informazioni retroattive (sia da macchine che da interlocutori) e sa quale azione ha effettivamente compiuto e qual il risultato ottenuto. Applicando il principio del feedback si devono dare continui messaggi di conferma dellazione svolta. Esempio: quando digitiamo un codice segreto appaiono in uno schermo degli asterischi, cos abbiamo la conferma di aver effettivamente digitato la lettera. Se non apparisse niente non ci sarebbe data conferma del fatto che la nostra azione andata a buon fine. 184. Che cosa si intende per web usability? La web usability linsieme di caratteristiche estetiche, potenzialit comunicative, velocit e semplicit di interazione che rende fruibile un sito web. 185. Cosa significa affermare che linterfaccia deve essere fisicamente e cognitivamente compatibile? Linterfaccia deve essere: Fisicamente compatibile, cio compatibile con la percezione e lazione delluomo. Cognitivamente compatibile, cio compatibile con i processi mentali. 186. Cosa si intende con affordance? Laffordance rappresenta le propriet reali percepite che un oggetto ha, le propriet che colpiscono la vista, o un qualunque organo di senso, e ci indicano come si potrebbe usare loggetto in esame. 187. Perch lapproccio dei progettisti cambi con lavvento dei personal computer? Perch lavvento del personal computer avesse un esito positivo era fondamentale la facilit duso. Questo port i progettisti a lavorare tenendo presente i principi dellergonomia cognitiva, perch il modello del sistema che lutente si rappresenta deve potersi incontrare con il modello del sistema che ha il progettista. 188. Perch gli utenti web tendono a non leggere le informazioni sullo schermo? Gli utenti web nel 79% dei casi danno solo unocchiata alla pagina:

Leggere sullo schermo pi faticoso e richiede circa il 25% del tempo in pi rispetto alla lettura su carta. Il web diretto dallutente che si sente attivo solo se si muove. Lutente non pu sapere se il sito in cui si trova il migliore per il proprio problema, quindi va velocemente da un sito allaltro, procedendo per prove ed errori. Se qualcosa non salta subito allocchio viene lasciato perdere, infatti, sono prese in considerazione soprattutto le informazioni che si presentano in modalit pop-out.