Sei sulla pagina 1di 20

N O R M A

Norma Italiana

I T A L I A N A

CEI

CEI EN 60034-18-31
Data Pubblicazione Edizione

1996-09
Classificazione

Prima
Fascicolo

2-27
Titolo

2845

Macchine elettriche rotanti

Parte 18: Valutazione funzionale dei sistemi di isolamento


Sezione 31: Procedure di prova per avvolgimenti preformati Valutazione termica e classicazione di sistemi di isolamento utilizzati in macchine no a 50 MVA e 15 kV, estremi inclusi
Title

Rotating electrical machines

Part 18: Functional evaluation of insulation systems


Section 31: Test procedures for form-wound windings Thermal evaluation and classication of insulation systems used in machines up to and including 50 MVA and 15 kV

APPARECCHIATURE ELETTRICHE PER SISTEMI DI ENERGIA E PER TRAZIONE

COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO

CNR CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE AEI ASSOCIAZIONE ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

NORMA TECNICA

SOMMARIO
Fornisce le procedure di prova per la valutazione termica e la classicazione dei sistemi di isolamento usati e proposti per luso delle macchine elettriche rotanti in corrente continua e alternata sino a 50 MVA e 15 kV inclusi. Le procedure di prova sono comparative per il fatto che le prestazioni di un sistema di isolamento prescelto vengono paragonate a quelle di uno di riferimento con provata esperienza di servizio.

DESCRITTORI DESCRIPTORS
Macchina elettrica rotante Rotating electrical machine; Isolamento elettrico Electrical insulation; Avvolgimento Winding; Prova Test; Prova di resistenza termica Thermal endurance test; Caratteristiche di funzionamento Operate characteristic; Classicazione Classication;

COLLEGAMENTI/RELAZIONI TRA DOCUMENTI


Nazionali Europei Internazionali Legislativi

(UTE) CEI EN 60034-18-1:1994-05; CEI EN 60034-1:1996-05 (Parte 1) (IDT) EN 60034-18-31:1994-05; (IDT) IEC 34-18-31:1992-07;

INFORMAZIONI EDITORIALI
Norma Italiana Stato Edizione Varianti Ed. Prec. Fasc. Comitato Tecnico Approvata dal

CEI EN 60034-18-31 In vigore Nessuna Nessuna 2-Macchine rotanti Presidente del CEI CENELEC

Pubblicazione Data validit

Norma Tecnica 1995-3-15

Carattere Doc. Ambito validit

Europeo

in Data in Data

1996-9-4 1993-12-8
Chiusa in data Prezzo Norma IEC

Sottoposta a Gruppo Abb. ICS CDU

inchiesta pubblica come Documento originale 3


Sezioni Abb.

1993-10-31 54 SFr

621.313:621.315.6:620.1:621.317.08

LEGENDA

(UTE) La Norma in oggetto deve essere utilizzata congiuntamente alle Norme indicate dopo il riferimento (UTE) (IDT) La Norma in oggetto identica alle Norme indicate dopo il riferimento (IDT)

CEI - Milano 1996. Riproduzione vietata.


Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente Documento pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi senza il consenso scritto del CEI. Le Norme CEI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione sia di nuove edizioni sia di varianti. importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione o variante.

Europische Norm Norme Europenne European Standard Norma Europea

EN 60034-18-31
Maggio 1994

Macchine elettriche rotanti

Parte 18: Valutazione funzionale dei sistemi di isolamento


Sezione 31: Procedure di prova per avvolgimenti preformati Valutazione termica e classicazione di sistemi di isolamento utilizzati in macchine no a 50 MVA e 15 kV, estremi inclusi Rotating electrical machines

Part 18: Functional evaluation of insulation systems


Section 31: Test procedures for form-wound windings Thermal evaluation and classication of insulation systems used in machines up to and including 50 MVA and 15 kV

Machines lectriques tournantes

Partie 18: Evaluation fonctionnelle des systmes disolation


Section 31: Procdures dessai pour enroulements prforms Evaluation thermique et classication des systmes disolation utiliss dans les machines jusqu et y compris 50 MVA et 15 kV
Drehende elektrische Maschinen

Teil 18: Funktionelle Bewertung von Isoliersystemen fr drehende elektrische Maschinen


Hauptabschnitt 31: Prfverfahren fr Wicklungen mit vorgeformten Elementen Thermische Bewertung und Klassizierung von Isoliersystemen fr Maschinen bis einschlielich 50 MVA und 15 kV

CENELEC members are bound to comply with the CEN/CENELEC Internal Regulations which stipulate the conditions for giving this European Standard the status of a National Standard without any alteration. Up-to-date lists and bibliographical references concerning such National Standards may be obtained on application to the Central Secretariat or to any CENELEC member. This European Standard exists in three official versions (English, French, German). A version in any other language and notified to the CENELEC Central Secretariat has the same status as the official versions. CENELEC members are the national electrotechnical committees of: Austria, Belgium, Denmark, Finland, France, Germany, Greece, Iceland, Ireland, Italy, Luxembourg, Netherlands, Norway, Portugal, Spain, Sweden, Switzerland and United Kingdom.
CENELEC 1994 Copyright reserved to all CENELEC members.

I Comitati Nazionali membri del CENELEC sono tenuti, in accordo col regolamento interno del CEN/CENELEC, ad adottare questa Norma Europea, senza alcuna modifica, come Norma Nazionale. Gli elenchi aggiornati e i relativi riferimenti di tali Norme Nazionali possono essere ottenuti rivolgendosi al Segretario Centrale del CENELEC o agli uffici di qualsiasi Comitato Nazionale membro. La presente Norma Europea esiste in tre versioni ufficiali (inglese, francese, tedesco). Una traduzione effettuata da un altro Paese membro, sotto la sua responsabilit, nella sua lingua nazionale e notificata al CENELEC, ha la medesima validit. I membri del CENELEC sono i Comitati Elettrotecnici Nazionali dei seguenti Paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.
I diritti di riproduzione di questa Norma Europea sono riservati esclusivamente ai membri nazionali del CENELEC.

C E N E L E C
Comitato Europeo di Normalizzazione Elettrotecnica Secrtariat Central: Comit Europen de Normalisation Electrotechnique European Committee for Electrotechnical Standardization rue de Stassart 35, B - 1050 Bruxelles Europisches Komitee fr Elektrotechnische Normung

CONTENTS
Rif. Topic

INDICE
Argomento Pag.

INTRODUCTION
1 2 3 3.1 3.2 3.3 3.4 4 4.1 4.2 4.3 4.4 5 5.1 5.2 5.3 6 6.1 6.2 6.3 6.4 7
ANNEX/ALLEGATO

INTRODUZIONE OGGETTO RIFERIMENTI NORMATIVI CONSIDERAZIONI GENERALI Correlazione con la Sezione 1 .................................................. Scelta delle procedure di prova .............................................. Sistema di isolamento di riferimento .................................... Verifica delle prove diagnostiche ........................................... OGGETTI E CAMPIONI DI PROVA Costruzione degli oggetti di prova ......................................... Numero dei campioni di prova ............................................... Prove per la verifica qualitativa ............................................... Prove diagnostiche preliminari ................................................

1 1 1 1 1 2 3 3 3 3 3 3 3

SCOPE NORMATIVE REFERENCES GENERAL CONSIDERATIONS Relationship to Section 1 ........................................................... Designation of test procedures .............................................. Reference insulation system .................................................... Verification of diagnostic tests ................................................ TEST OBJECTS AND TEST SPECIMENS Construction of test objects ...................................................... Number of test specimens ........................................................ Quality assurance tests ............................................................... Initial diagnostic tests .................................................................. THERMAL AGEING SUB-CYCLES Ageing temperatures and sub-cycle lengths .................... Means of heating ........................................................................... Ageing procedure ......................................................................... DIAGNOSTIC SUB-CYCLE Mechanical test ............................................................................... Moisture test .................................................................................... Voltage test ...................................................................................... Other diagnostic tests ................................................................. ANALYZING, REPORTING AND CLASSIFICATION FORMETTE CONSTRUCTION (EXAMPLE) Typical slot assembly .................................................................. Typical slot assembly .................................................................. D.C. formette ................................................................................... Test fixture for rotor slot section ...........................................

4 SOTTO CICLI DINVECCHIAMENTO TERMICO Temperature dinvecchiamento e durata dei sotto cicli 4 Mezzi di riscaldamento ................................................................ 4 Procedura dinvecchiamento ..................................................... 4

SOTTO CICLO DIAGNOSTICO 5 Prova meccanica ............................................................................. 5 Prova di umidit .............................................................................. 6 Prova di tensione ............................................................................ 6 Altre prove diagnostiche ............................................................. 7 ANALISI, REGISTRAZIONE E CLASSIFICAZIONE
8

A
Fig. A.1 Fig. A.2 Fig. A.3 Fig. A.4

9 COSTRUZIONE DI UNA FORMETTE (ESEMPIO) Tipico assemblaggio di cave ................................................... 10 Tipico assemblaggio di cave ................................................... 11 Formette per corrente continua ......................................... 12 Sezione del dispositivo di prova per cave di rotore ... 13

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina iv

FOREWORD
The CENELEC questionnaire procedure, performed for nding out whether or not the International Standard IEC 34-18-31 (1992) could be accepted without textual changes, has shown that no common modications were necessary for the acceptance as European Standard. The reference document was submitted to the CENELEC members for formal vote and was approved by CENELEC as EN 60034-18-31 on 8 December 1993. The following dates were xed: latest date of publication of an identical national Standard (dop) 1995/03/15 latest date of withdrawal of conicting national Standards (dow) 1995/03/15 For products which have complied with the relevant national Standard before 1995/03/15 as shown by the manufacturer or by a certication body, this previous Standard may continue to apply for production until 2000/03/15. Annexes designated informative are given only for information. In this Standard, Annex A is informative.

PREFAZIONE
La procedura del Questionario CENELEC, utilizzata per stabilire se la Pubblicazione IEC 34-18-31 (1992) poteva essere adottata senza modiche del testo, ha mostrato che non erano necessarie modiche comuni CENELEC per laccettazione come Norma Europea. Il documento di riferimento stato sottoposto al voto formale dei membri del CENELEC e approvato dal CENELEC come Norma Europea EN 60034-18-31 l8 dicembre 1993. Le date di applicazione sono le seguenti: data ultima di pubblicazione di una Norma nazionale identica (dop) 15/03/1995 data ultima di ritiro delle Norme nazionali contrastanti (dow) 15/03/1995 Per i prodotti che, come indicato dal costruttore o da un Organismo di certicazione, erano conformi alla relativa Norma nazionale prima del 15/03/1995, la Norma precedente pu continuare ad essere applicata per la produzione no al 15/03/2000. Gli Allegati indicati come informativi sono dati solo per informazione. Nella presente Norma, lAllegato A informativo.

ENDORSEMENT NOTICE
The text of the International Standard IEC 34-18-31 (1992) was approved by CENELEC as a European Standard without any modication.

AVVISO DI ADOZIONE
Il testo della Pubblicazione IEC 34-18-31 (1992) stato approvato dal CENELEC come Norma Europea senza alcuna modica.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina v

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina vi

INTRODUCTION
Section 1 of IEC 34-18 presents general guidelines for the evaluation and classication of insulation systems used in rotating electrical machines. Section 31 deals exclusively with insulation systems for form-wound windings. This Section gives test procedures for thermal evaluation and classication.
1

INTRODUZIONE
La Sezione 1 della Pubblicazione IEC 34-18 presenta le direttive generali per la valutazione e la classicazione dei sistemi di isolamento usati nelle macchine elettriche rotanti. La Sezione 31 riguarda esclusivamente i sistemi di isolamento per avvolgimenti preformati. La presente Sezione fornisce le procedure di prova per la valutazione termica e la classicazione.

SCOPE
This Section of IEC 34-18 gives test procedures for the thermal evaluation and classication of insulation systems used or proposed for use in a.c. or d.c. rotating electrical machines up to and including 50 MVA and 15 kV using form-wound windings. The test procedures are comparative in that the performance of a candidate insulation system is compared to that of a reference insulation system with proven service experience. Section 31 shall be used in conjunction with Section 1.
Notes/Note: 1

OGGETTO
La presente Sezione della Pubblicazione IEC 34-18 fornisce le procedure di prova per la valutazione termica e la classicazione dei sistemi di isolamento usati, o proposti per luso, nelle macchine elettriche rotanti in corrente continua o alternata sino a 50 MVA e 15 kV inclusi, che utilizzano avvolgimenti preformati. Le procedure di prova sono comparative per il fatto che le prestazioni di un sistema di isolamento prescelto vengono paragonate a quelle di un sistema disolamento di riferimento con provata esperienza di servizio. La Sezione 31 deve essere usata unitamente alla Sezione 1.
1

At the present time limited experience exists on insulation systems above 6,6 kV, using the test procedures given in this Section. Large machines, especially those using bars, may require special thermal evaluation test procedures which are not included in this Section.

Al momento esiste poca esperienza con le procedure di prova fornite nella presente Sezione per i sistemi di isolamento superiori a 6,6 kV. Le macchine di grandi dimensioni, specialmente quelle che utilizzano barre, possono richiedere procedure di prova speciali per la valutazione termica che non sono incluse nella presente Sezione.

NORMATIVE REFERENCES
Clause 2 of Section 1 is applicable.

RIFERIMENTI NORMATIVI
Si applica lart. 2 della Sezione 1.

GENERAL CONSIDERATIONS

CONSIDERAZIONI GENERALI

3.1

Relationship to Section 1
Section 1 describes general testing principles applicable to thermal endurance testing of insulation systems in rotating electrical machines. Unless the procedures of this Section indicate otherwise, the principles of Section 1 shall be followed.

Correlazione con la Sezione 1


La Sezione 1 descrive i principi di prova generali applicabili alla prova di resistenza alla sollecitazione termica dei sistemi di isolamento delle macchine elettriche rotanti. Salvo quanto diversamente indicato nelle procedure della presente Sezione, devono essere seguiti i criteri della Sezione 1.

CEI EN 60034-18-31:1996-09 20 70.000

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 1 di 14

3.2

Designation of test procedures


Each thermal endurance test is performed in cycles, each cycle consisting of a thermal ageing sub-cycle and a diagnostic sub-cycle. The diagnostic tests may include a mechanical test, a moisture test, voltage tests and other diagnostic tests, performed in that order. Diagnostic tests shall be chosen from those listed in clause 6; not all of the tests need necessarily be applied in a particular evaluation procedure.
Note/Nota

Scelta delle procedure di prova


Ogni prova di resistenza alle sollecitazioni termiche viene eseguita a cicli, ciascuno dei quali consta di un sotto ciclo dinvecchiamento e di uno di diagnosi. Le prove di diagnosi possono includere una prova meccanica, una di umidit, prove di tensione ed altre prove di diagnosi eseguite in questordine. Le prove di diagnosi devono essere scelte fra quelle elencate allart. 6; nel caso di una particolare procedura di valutazione non necessario che vengano applicate tutte le prove.
La classicazione termica di un sistema di isolamento pu dipendere dalla procedura di diagnosi scelta.

The thermal classication of an insulation system may depend on the selected diagnostic procedure.

The following choices for a mechanical test are given in 6.1: A general mechanical test, with stresses comparable to service stresses; B shake-table test, with specied vibrations amplitude; S special mechanical test; N no mechanical test. The following choices for a moisture test are given in 6.2: A general moisture test; B moisture test with water immersion; S special moisture test; N no moisture test. The following choices for a voltage test are given in 6.3: A general voltage test; B voltage test of immersed test specimens; S special voltage test; N no voltage test. The following choices for other diagnostic tests are given in 6.4: A informative diagnostic tests; S diagnostic tests used for end-point determination; N no other diagnostic test. A test procedure shall be referred to as: IEC 34-18-31, Procedure MHED where: M is the mechanical test A, B, S, or N, according to 6.1; H is the moisture test A, B, S, or N, according to 6.2; E is the voltage test A, B, S, or N, according to 6.3; D is the other diagnostic test A, S, or N, according to 6.4.
Example_Esempio:

Al Paragrafo 6.1, per una prova meccanica vengono date le seguenti opzioni: A prova meccanica generale, con sollecitazioni paragonabili a quelle di servizio; B prova con tavolo vibrante con una ampiezza delle vibrazioni specicata; S prova meccanica speciale; N nessuna prova meccanica. Al Paragrafo 6.2, per una prova di umidit, vengono date le seguenti opzioni: A prova generale di umidit; B prova di umidit con immersione in acqua; S prova speciale di umidit; N nessuna prova di umidit. Al Paragrafo 6.3, per una prova di tensione, vengono date le seguenti opzioni: A prova generale di tensione; B prova di tensione dei campioni immersi; S prova speciale di tensione; N nessuna prova di tensione. Al Paragrafo 6.4, per altre prove diagnostiche, vengono date le seguenti opzioni: A prove diagnostiche informative; S prove diagnostiche usate per la determinazione del punto di ne vita; N nessuna ulteriore prova diagnostica. Una procedura di prova deve essere identicata come: Pubblicazione IEC 34-18-31, Procedura MHED dove: M H E D la prova meccanica A, B, S, o N, in accordo a 6.1; la prova di umidit A, B, S, o N, in accordo a 6.2; la prova di tensione A, B, S, o N, in accordo a 6.3; laltra prova diagnostica A, S, o N, in accordo a 6.4.

Insulation system Nec plus ultra has been assigned thermal Class F, according to IEC 34-18-31 Procedure BAAN.

Al sistema di isolamento Nec plus ultra stata assegnata la classe termica F secondo la Pubblicazione IEC 34-18-31 Procedura BAAN.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 2 di 14

3.3

Reference insulation system


A reference insulation system shall be tested using a test procedure equivalent to that for the candidate system (see Section 1).

Sistema di isolamento di riferimento


Un sistema di isolamento di riferimento deve essere sottoposto a prova usando una procedura equivalente a quella adottata per il sistema prescelto (vedi Sezione 1).

3.4

Verication of diagnostic tests


Preliminary ageing tests according to 5.3.4 of Section 1 to check the feasibility of the diagnostic sub-cycle, may be performed, when appropriate.

Verica delle prove diagnostiche


Le prove di invecchiamento preliminari in accordo al paragrafo 5.3.4 della Sezione 1, se pertinenti, si possono effettuare per controllare la possibilit di eseguire il sotto ciclo diagnostico.

TEST OBJECTS AND TEST SPECIMENS

OGGETTI E CAMPIONI DI PROVA

4.1

Construction of test objects


Tests for the selection of materials according to 5.2.1 of Section 1 may be performed, as appropriate. Test objects may be actual machines, machine components or models. The components and models should embody all the essential elements. Insulation thickness, creepage distances, and discharge protection, where required, shall be appropriate for the intended maximum rated voltage and equipment standards or practices. Test specimens simulating parts of a coil or winding may be used for evaluation, if stresses acting on these parts in service can be reliably reproduced in the test. Particular types of models, known as formettes, have been used successfully in some countries and examples of these are illustrated in Annex A.

Costruzione degli oggetti di prova


Se necessario, si possono eseguire le prove, per la scelta dei materiali, secondo il paragrafo 5.2.1 della Sezione 1. Gli oggetti di prova possono essere macchine reali, loro componenti o modelli. Questi ultimi due dovranno includere tutti gli elementi essenziali. Lo spessore di isolamento, le distanze di dispersione e le protezioni contro le scariche superciali, se necessarie, dovranno essere adatti alla massima tensione nominale e alle norme o prassi previste. Per la valutazione, si possono utilizzare campioni di prova che simulano parti di una bobina o di un avvolgimento, purch le sollecitazioni che agiscono su queste parti in servizio possano essere fedelmente riprodotte nelle prove. In alcuni paesi sono stati usati con successo particolari tipi di modelli, noti come formette, riportati come esempi nellAllegato A.

4.2

Number of test specimens


An adequate number of test specimens should be used at each ageing temperature for each insulation system to obtain good statistical condence. This number should be not less than ve.

Numero dei campioni di prova


Per ottenere una buona attendibilit statistica, per ogni sistema di isolamento e per ciascuna temperatura dinvecchiamento, conviene usare un numero adeguato di campioni di prova (non meno di cinque).

4.3

Quality assurance tests


Before starting the rst thermal ageing sub-cycle, the following quality assurance tests shall be performed: visual inspection of the test specimens; high-voltage tests according to IEC 34-1.

Prove per la verica qualitativa


Prima dellinizio del primo sotto ciclo dinvecchiamento, si devono eseguire le seguenti prove di verica della qualit: controllo visivo dei campioni di prova; prove di alta tensione in base alla Pubblicazione IEC 34-1.

4.4

Initial diagnostic tests


Each completed test object shall be subjected to all the diagnostic tests selected for the test procedure before starting the rst thermal ageing sub-cycle.

Prove diagnostiche preliminari


Prima di iniziare il primo sotto ciclo dinvecchiamento termico, ogni provino completato deve essere sottoposto a tutte le prove diagnostiche previste nella procedura di prova.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 3 di 14

THERMAL AGEING SUB-CYCLES

SOTTO CICLI DINVECCHIAMENTO TERMICO

5.1

Ageing temperatures and sub-cycle lengths


Normal procedure In accordance with 5.3.2.1 of Section 1, the normal ageing procedure requires test specimens to be aged at not less than three temperatures. Ageing temperatures and lengths of ageing sub-cycles may be selected from Tab. 2 of Section 1. If the intended thermal class for the candidate insulation system differs from the known class of the reference system, different ageing temperatures and sub-cycle lengths are to be selected in an appropriate manner. The lowest ageing temperature should be selected such as to produce a log mean test life of about 5000 h or more. This is generally accomplished by choosing the lowest ageing temperature to correspond to an exposure period of 28 to 35 days, or longer. In addition, at least two higher ageing temperatures should be selected, separated by intervals of 20 K or more. Intervals of 10 K may be suitable when tests are made at more than three ageing temperatures.

Temperature dinvecchiamento e durata dei sotto cicli


Procedura normale Secondo quanto indicato da 5.3.2.1 della Sezione 1, la normale procedura dinvecchiamento richiede che i campioni di prova vengano sottoposti a non meno di tre temperature dinvecchiamento. Le temperature dinvecchiamento e la durata degli analoghi sotto cicli si possono scegliere dalla Tab. 2 della Sezione 1. Se la classe termica richiesta del sistema prescelto differente dalla classe nota del sistema di riferimento, si devono scegliere in modo adeguato diverse temperature dinvecchiamento e durate dei sotto cicli. La temperatura dinvecchiamento pi bassa sar scelta in modo da ottenere una durata media di vita in prova di circa 5000 ore, o pi, sulla coordinata logaritmica. In genere, questo si realizza scegliendo la temperatura dinvecchiamento pi bassa che corrisponda ad un periodo di esposizione compreso fra i 28 e i 35 giorni, o pi. Inoltre, si dovrebbero scegliere almeno due temperature dinvecchiamento superiori, separate da intervalli di 20 K o pi. Intervalli di 10 K possono essere convenienti quando le prove vengono eseguite con pi di tre temperature dinvecchiamento. Procedura per apportare una variazione di modesta entit In condizioni particolari ove si debba valutare solo una piccola variazione di un dato sistema di isolamento, linvecchiamento dei campioni di prova pu essere accettabile ad una temperatura soltanto (vedi 5.3.2.2 della Sezione 1).

5.1.1

5.1.2

Procedure for minor change Under particular conditions where only a minor change in an established insulation system is to be evaluated, ageing of test specimens at only one temperature may be acceptable (see 5.3.2.2 of Section 1).

5.2

Means of heating
Because of the large variations in size and construction of test objects all means of heating presented in Section 1 are allowed. When using ovens the temperatures selected for thermal ageing shall be held constant with the accuracy specied in 5.3.3 of Section 1.

Mezzi di riscaldamento
Date le grandi diversit dimensionali e costruttive degli oggetti di prova, sono ammessi tutti i mezzi di riscaldamento elencati nella Sezione 1. Se si usano forni, le temperature scelte per linvecchiamento termico devono essere mantenute costanti con la precisione di cui al 5.3.3 della Sezione 1.

5.3

Ageing procedure
When ovens are used, the test objects should be loaded directly into the hot ageing oven at the beginning of the ageing sub-cycle, and removed from the oven to room-temperature air at the end of the sub-cycle, or cooled by other appropriate means. The thermal ageing sub-cycle is considered to start when heating of the test objects begins or when they are placed in the oven.
NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 4 di 14

Procedura dinvecchiamento
Se si usano forni, gli oggetti di prova dovranno essere introdotti direttamente nel forno dinvecchiamento caldo, allinizio del sotto ciclo dinvecchiamento e, al termine dello stesso, tolti per essere esposti allaria a temperatura ambiente, o raffreddati mediante altri mezzi idonei. Si ritiene che il sotto ciclo dinvecchiamento termico inizi quando inizia il riscaldamento degli oggetti di prova, o quando vengono posti nel forno.

It is recommended that they be heated at least at the usual rate of warm-up found in normal service. The ageing sub-cycle is considered to end when heating is no longer applied, or when the test specimens are removed from the oven. After the thermal ageing sub-cycle, the test specimens are allowed to cool to room temperature, before the diagnostic sub-cycle is started.

Si raccomanda di riscaldarli almeno con lo stesso incremento di temperatura che si riscontra nel servizio normale. Si ritiene che il sotto ciclo dinvecchiamento termini quando termina lapplicazione di calore, o quando i campioni di prova vengono tolti dal forno. Dopo il sotto ciclo dinvecchiamento termico, prima dellinizio del sotto ciclo di diagnosi, i campioni di prova vengono fatti raffreddare a temperatura ambiente.

DIAGNOSTIC SUB-CYCLE
Following each sub-cycle of thermal ageing, each test specimen shall be subjected to a series of diagnostic tests which may include some or all of the following: mechanical, moisture, voltage and other diagnostic tests as described in this clause, applied in order. The diagnostic tests used shall be reported.

SOTTO CICLO DIAGNOSTICO


Dopo ogni sotto ciclo dinvecchiamento termico, ogni campione di prova deve essere sottoposto ad una serie di prove diagnostiche che possono includere tutte o alcune delle prove seguenti: meccaniche, di umidit, di tensione ed altre prove descritte in questa clausola, eseguite nello stesso ordine. Le prove diagnostiche eseguite devono essere registrate sul rapporto nale.

6.1

Mechanical test
The mechanical test should be made at room temperature and without applied voltage.

Prova meccanica
La prova meccanica dovrebbe essere eseguita a temperatura ambiente e senza tensione applicata. (A): Prova meccanica generale La sollecitazione meccanica applicata deve essere dello stesso tipo di quella che si riscontra in servizio e di entit paragonabile alle maggiori sollecitazioni o deformazioni previste durante il servizio normale. La procedura di applicazione di questa sollecitazione pu variare in funzione del tipo di oggetto di prova e del tipo di servizio. La procedura e lentit della sollecitazione di prova usate devono essere registrate sul rapporto nale. (B): Prova con tavolo vibrante Ogni oggetto di prova viene sottoposto alla sollecitazione meccanica su un tavolo vibrante per unora. I campioni di prova dovranno essere montati in modo tale che il movimento si verichi perpendicolarmente al piano delle bobine, in modo che le estremit delle stesse possano vibrare come accadrebbe sotto leffetto delle forze radiali in una macchina reale. Lampiezza di vibrazione preferenziale 0,2 mm o 0,3 mm da picco a picco, ad una frequenza di prova rispettivamente di 60 Hz o 50 Hz. Questa ampiezza corrisponde ad una accelerazione di circa 1,5 g (15 m/s2). Se si usa unaltra ampiezza, deve essere registrata unitamente alla giusticazione per averla utilizzata. (S): Prova meccanica speciale Il rapporto nale dovr riportare i motivi per cui viene utilizzata una prova meccanica speciale, nonch i relativi dettagli.

6.1.1

(A): General mechanical test The applied mechanical stress shall be of the same general nature as would be experienced in service and of a severity comparable with the highest stresses or strains expected in normal service. The procedure for applying this stress may vary with each type of test objects and kind of service. The procedure and the test magnitude used shall be reported. (B): Shaketable test Each test object is subjected to mechanical stress on a shake table for a period of 1 h. The test specimens should be so mounted that the motion occurs at right angles to the plane of the coils, so that the coil ends will be excited to vibrate as they would under radial end winding forces in an actual machine. The preferred amplitude of the vibration is 0,2 mm or 0,3 mm peak-to-peak, at a test frequency of 60 Hz or 50 Hz, respectively. This amplitude corresponds to an acceleration of approximately 1,5 g (15 m/s2). If another amplitude is used, it shall be reported as well as the justication of its use.

6.1.2

6.1.3

(S): Special mechanical test The arguments for using a special mechanical test, and details of the test shall be reported.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 5 di 14

6.1.4

(N): No mechanical test No mechanical test is performed as part of the diagnostic sub-cycle. The arguments justifying this shall be reported.

(N): Nessuna prova meccanica Come parte del sotto ciclo di diagnosi non viene eseguita alcuna prova meccanica. Gli argomenti giusticativi dovranno essere registrati sul rapporto nale.

6.2 6.2.1

Moisture test
(A): General moisture test Each test object shall be exposed for at least 48 h to an atmosphere producing a visible moisture deposit on the winding. The test objects should be at approximately room temperature, in the 15 C - 35 C range. The actual test object temperature shall be reported. During this period voltage is not applied to the test specimens. A visible and continuous moisture deposit may be achieved by, for example, a fog chamber or a condensation chamber. (B): Moisture test with water immersion This test may be appropriate for evaluating sealed systems. The complete test specimen including the joint connections shall be immersed for a period of 30 min in tap-water which contains a non-ionic wetting agent in a concentration sufcient to reduce the surface tension to a value of 3,1 N/m (31 dyn/cm) or less at 25 C. At the end of the immersion time while the test objects are still immersed, a voltage shall be applied to the test specimens as outlined in 6.3.2. (Insulation resistance may be used as an additional test to indicate leakage if so desired.) Following the voltage test, the test objects shall be given one or more rinses in normal tap-water. The units shall be allowed to air dry, preferably overnight, prior to repeating the thermal ageing sub-cycle and continuing the test cycles until failure occurs.

Prova di umidit
(A): Prova generale di umidit Ogni provino deve essere esposto per almeno 48 ore ad unatmosfera che produca un deposito visibile di umidit sullavvolgimento. Converr che i provini siano a temperatura ambiente, fra 15 C e 35 C. La temperatura effettiva delloggetto di prova deve essere registrata nel rapporto nale. Durante questo periodo, non viene applicata tensione ai campioni. Un deposito di umidit visibile e continuo si pu ottenere, ad esempio, mediante una camera a nebbia o camera di condensazione. (B): Prova di umidit con immersione in acqua Questa prova pu essere conveniente per valutare i sistemi isolanti impermeabili. Loggetto di prova completo, incluse le connessioni di giunzione, deve essere immerso per un periodo di 30 minuti in acqua di rubinetto che contenga un agente ammorbidente, non-ionico, sufcientemente concentrato per ridurre la tensione superciale dellacqua ad un valore di 3,1 N/m (31 din/cm) o meno a 25 C. Al termine del tempo di immersione, quando gli oggetti di prova sono ancora immersi in acqua, si deve applicare loro una tensione come indicato in 6.3.2 (la resistenza di isolamento, se si vuole, si pu usare come prova aggiuntiva per rilevare la dispersione). Dopo la prova di tensione, gli oggetti di prova verranno sciacquati una o pi volte in acqua comune di rubinetto e fatti quindi asciugare allaria, preferibilmente una notte, prima di riprendere il sotto ciclo dinvecchiamento termico e di proseguire con i cicli di prova sino al vericarsi di un guasto. (S): Prova speciale di umidit Si devono registrare i motivi per cui viene utilizzata una prova speciale, nonch i relativi dettagli. (N): Nessuna prova di umidit Lassenza della prova di umidit fa parte integrante del sotto ciclo diagnostico. Gli argomenti giusticativi devono essere registrati sul rapporto nale.

6.2.2

6.2.3

(S): Special moisture test The arguments for using a special test, and details of that test shall be reported. (N): No moisture test No moisture test is performed as part of the diagnostic sub-cycle. The arguments justifying this shall be reported.

6.2.4

6.3

Voltage test
In order to check the condition of the test specimens and determine when the end of test life has been reached, a test voltage may be applied. The procedure for the voltage test and the indicators of failure are presented in 5.5.3 of Section 1.

Prova di tensione
Per controllare lo stato dei campioni di prova e stabilire la ne della vita in prova, si pu eseguire una prova di tensione. La procedura di questa prova e le segnalazioni di guasto sono indicate al Paragrafo 5.5.3 della Sezione 1.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 6 di 14

6.3.1

(A): General voltage test The voltage shall be applied from turn to turn and from coil to frame, usually in that order. In addition, it may be applied from coil to coil, when appropriate. When a moisture test is used, a power-frequency test voltage shall be applied for 10 min while test specimens are still wet from exposure, at approximately room temperature. When no moisture test is used, a voltage test is applied for a period of 1 min. The value of the power-frequency test voltage in the tests from coil to frame, or from coil to coil should be 2 UN or 1000 V, whichever is higher. UN is here the intended maximum rated voltage of the insulation system under test. It is recommended that an overcurrent device be used and set to trip at a minimum of ve times the normal charging current. For a turn-to-turn test, an appropriate voltage for the winding design and operating conditions should be selected. When test procedures for applying impulse and power-frequency test voltages for turn-to-turn diagnostic tests become available in Section 32 (IEC 34-18-32) they should be used for this test.

(A): Prova generale di tensione La tensione deve essere applicata tra spira e spira e tra bobina e massa, di solito in questordine. Inoltre, se pertinente, si pu applicare tra bobina e bobina. Quando si usa una prova di umidit, si deve applicare una tensione di prova a frequenza industriale, per 10 minuti, quando i campioni sono ancora umidi e ad una temperatura vicino a quella ambiente. In assenza della prova di umidit, la tensione di prova deve essere applicata per 1 minuto. Il valore della tensione di prova, a frequenza industriale, per le prove eseguite fra bobina e massa, o fra bobina e bobina dovr essere di 2UN o 1000 V (sar usato il valore pi alto dei due). Qui, UN la massima tensione nominale prevista per il sistema di isolamento in esame. Si raccomanda di usare un dispositivo di sovracorrente regolato in modo che scatti ad un minimo di cinque volte la normale corrente di carica. Per la prova tra spira e spira, si dovr scegliere una tensione di prova che tenga conto del tipo di avvolgimento e delle condizioni operative. Per le prove diagnostiche tra spire si utilizzeranno le procedure di prova per tensione impulsiva e per tensione a frequenza industriale, quando saranno disponibili nella Sezione 32 (Pubblicazione IEC 34-18-32). (B): Prova di tensione su campioni di prova immersi La tensione di prova a frequenza industriale di 1,15 UN viene applicata tra bobina e massa per 1 minuto. Durante la prova lacqua deve trovarsi al potenziale della massa. (S): Prova speciale di tensione I motivi per cui si scelto di usare una prova di tensione speciale e i relativi dettagli, inclusi i valori delle tensioni di prova usate, devono essere registrati nel rapporto nale. (N): Nessuna prova di tensione Se non si applica alcuna prova di tensione, si deve applicare unaltra prova di diagnosi secondo il Paragrafo 6.4.2. I motivi per cui non si esegue una prova di tensione devono essere registrati nel rapporto nale.

6.3.2

(B): Voltage test of immersed test specimens The power-frequency test voltage of 1,15 UN is applied from coil to frame for 1 min. Water shall be at frame potential during the test. (S): Special voltage test The arguments for using a special voltage test and details of that test, including the values of test voltages used, shall be reported. (N): No voltage test If no voltage test is applied, another diagnostic test, according to 6.4.2, shall be applied. The arguments for not making a voltage test shall be reported.

6.3.3

6.3.4

6.4

Other diagnostic tests


When appropriate, other diagnostic tests may be performed. See 5.5.4 of Section 1.

Altre prove diagnostiche


Se pertinente, si possono eseguire altre prove diagnostiche. Vedere il paragrafo 5.5.4 della Sezione 1. (A): Prove diagnostiche informative Queste prove diagnostiche consistono in misure non-distruttive della qualit dellisolamento. Esse vengono eseguite nel corso di altre prove su alcuni o su tutti i campioni. A seguito di variazioni delle propriet misurate possibile ricavare numerose informazioni sul processo dinvecchiamento dellisolamento.
NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 7 di 14

6.4.1

(A): Informative diagnostic tests These diagnostic tests are non-destructive measurements of insulation quality. They are performed during the course of other tests on some or all test specimens. By noting changes in the properties measured, much can be learned about the ageing process of the insulation.

6.4.2

(S): Diagnostic tests used for end-point determination If a change in a property value or in a measured quantity can be correlated with the end of life determined by the voltage tests or with failures in service, then it may be used for an additional or exclusive determination of the end-point. The arguments for using such a criterion, correlations established and details of the test, including test magnitudes, shall be reported.

(S): Prove diagnostiche usate per determinare il punto di ne vita Se la modica della grandezza di una propriet o di misure quantitative possono essere collegate con la ne della vita in prova, determinata mediante le prove di tensione o con guasti durante il servizio, allora queste misure possono essere usate per una ulteriore od esclusiva determinazione del punto di ne vita. I motivi per adottare questo criterio, le correlazioni stabilite e i dettagli della prova, incluse le entit della stessa, devono essere registrati nel rapporto nale. (N): Nessunaltra prova diagnostica Non viene eseguita nessunaltra prova diagnostica.

6.4.3

(N): No other diagnostic test No other diagnostic test is performed.

ANALYZING, REPORTING AND CLASSIFICATION


The procedures given in 5.6 of Section 1 shall be followed. Additional items to be reported are indicated in the preceding clauses.

ANALISI, REGISTRAZIONE E CLASSIFICAZIONE

Seguire le procedure fornite al paragrafo 5.6 della Sezione 1. Le clausole precedenti indicano gli altri elementi da registrare.

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 8 di 14

ANNEX/ALLEGATO

informative A informativo

FORMETTE CONSTRUCTION (EXAMPLE)


Different models may be employed to cover the range of machines included in this test procedure. Figs. A.1, A.2, A.3 and A.4 show the construction of formettes that have been used successfully in thermal endurance tests to evaluate and classify insulation systems. Figures A.1 and A.2 show a typical slot assembly. Formettes of this size have been used to evaluate and classify insulation systems of machines rated up to 10 MW and 7 kV. Figs A.3 and A.4 show a formette which may be used in cases where centrifugal forces are present (e.g. rotating armature of a direct-current machine). The xture is made: either by milling slots into a block of steel; or by punching rectangular notches into laminations and stacking the laminations to obtain the proper slot length, and then welding or bolting to secure the assembly. The latter technique approaches more closely an actual machine assembly with possible burrs on punching edges and with slot stagger producing irregularities in the slot prole which may be important when, for example, totally impregnated (post-impregnated) windings will be simulated. The lamination stack may also have a major effect on a ground wall coil insulation with poor resistance to cut-through. However, this type of xture may be more costly than that made by milling.

COSTRUZIONE DI UNA FORMETTE (ESEMPIO)


Per coprire la gamma delle macchine incluse in questa procedura di prova si possono usare diversi modelli. Le Fig. A.1, A.2, A.3 e A.4 illustrano la costruzione delle formette che sono state utilizzate con successo nelle prove di resistenza alle sollecitazioni termiche per valutare e classicare i sistemi di isolamento. Le Fig. A.1 e A.2 illustrano un tipico assemblaggio di cave. Le formette di questa dimensione sono state usate per valutare e classicare i sistemi di isolamento delle macchine sino a 10 MW e 7 kV. Le Fig. A.3 e A.4 illustrano una formette utilizzabile nei casi in cui siano presenti forze centrifughe (ad esempio lindotto rotante di una macchina a corrente continua). Il montaggio viene eseguito: o a cave fresate in un blocco dacciaio; o tranciando cave rettangolari nei lamierini e impilandoli per ottenere la lunghezza di cava giusta, e quindi saldandoli o imbullonandoli per assicurare lassemblaggio. Questultima tecnica si avvicina di pi a un montaggio reale di macchina con possibili bave sui bordi tranciati e con sfalsamenti dei lamierini nelle cave che rendono irregolare il loro prolo; fattori che possono essere importanti quando, ad esempio, si vuole simulare avvolgimenti ad impregnazione globale (post-impregnati). I lamierini impaccati possono avere un effetto preponderante sullisolamento verso massa di bobine con scarsa resistenza allintaglio. Tuttavia, questo tipo di montaggio pu essere pi costoso di quello eseguito mediante fresatura. Se ambedue i lati della bobina devono essere inseriti nelle cave servono bobine speciali con i due lati paralleli. Se si deve inserire un solo lato per bobina (semi bobine) si possono usare bobine di produzione normale. Leffetto del carico centrifugo sullisolamento della bobina viene simulato applicando una piastra di acciaio rigido, prolato (Figg. A.3 e A.4) sullapertura delle cave dellattrezzatura di prova. Per quegli indotti che utilizzano nuclei magnetici avvolti con nastro, i longheroni assiali sulla piastra di acciaio sono interrotti per simulare il carico localizzato del nastro sulla bobina.

A.1

A.1.1

A.1.2

A.1.2.1

Special coils are required if both sides of the coil are to be inserted into slots since the coil sides are parallel. If only one coil side is inserted (half coils) standard production coils may be used. The effect of centrifugal loading on the coil insulation is simulated by applying a rigid, proled steel plate (Figs A.3 and A.4) on to the slotted portion of the test xture. For those armatures which use core bands, the axial ridges on the steel plate are interrupted to simulate the spot loading of the band on the coil.

A.1.2.2

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 9 di 14

A.1.2.3

The plate in Fig. A.3 and the bars over the end windings in Fig. A.4, are bolted on to the xture base with springs supplying the required follow-up force that simulates centrifugal pressures. The springs should be previously calibrated so that the desired pressure can be adjusted through proper compression by bolting.
Springs that can withstand the subsequent exposure to the thermal ageing temperatures, mechanical stress tests, and moisture tests, without change of spring constant, or other adverse effects, should be used.

La piastra della Fig. A.4 e le barre sulle teste delle bobine della Fig. A.3 sono imbullonate alla base dellattrezzatura con interposizioni di molle che forniscono la forza di sollecitazione richiesta per simulare le forze centrifughe. Le molle dovrebbero essere preventivamente calibrate in modo da poter regolare la pressione richiesta tramite idonea compressione mediante il serraggio dei bulloni.
Si dovrebbero usare molle che possono resistere alla successiva esposizione alle temperature previste per la resistenza alle sollecitazioni termiche, alle prove di sollecitazione meccanica e alle prove di umidit, senza cambiare la costante elastica o provocare altri effetti contrari.

Note/Nota

Fig. A.1

Typical slot assembly


CAPTION

Tipico assemblaggio di cave


LEGENDA

a b

11 mm drill twelve holes in 2 spot through 4 at assembly for 6 and 7 Collage Tack

a b

12 fori da 11 mm in 2 passanti per in 4 per il ssaggio in 6 e 7 Puntatura

Dimensions in millimetres a

Dimensioni in millimetri

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 10 di 14

Fig. A.2

Typical slot assembly


CAPTION

Tipico assemblaggio di cave


LEGENDA

11 mm drill two holes through each item 4 for 9,5 22 mm hexagonal head bolts 6

Due fori passanti da 11 mm in ogni elemento 4 per bulloni a testa esagonale da 9,5 22 mm 6

Dimensions in millimetres

Dimensioni in millimetri

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 11 di 14

Fig. A.3

D.C. formette Dimensions in millimetres

Formette per corrente continua Dimensioni in millimetri

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 12 di 14

Fig. A.4

Test xture for rotor slot section Dimensions in millimetres

Sezione del dispositivo di prova per cave di rotore Dimensioni in millimetri

Fine Documento

NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Pagina 13 di 14

La presente Norma stata compilata dal Comitato Elettrotecnico Italiano e benecia del riconoscimento di cui alla legge 1 Marzo 1968, n. 186. Editore CEI, Comitato Elettrotecnico Italiano, Milano - Stampa in proprio
Autorizzazione del Tribunale di Milano N. 4093 del 24 luglio 1956 Responsabile: Ing. E. Camagni

2 Macchine rotanti
CEI EN 60034-1 (CEI 2-3) Macchine elettriche rotanti. Parte 1: Caratteristiche nominali e di funzionamento CEI 2-5 Macchine sincrone trifasi - Determinazione sperimentale delle grandezze CEI 2-6 Macchine elettriche rotanti - Metodi di determinazione, mediante prove, delle perdite e del rendimento CEI EN 60034-6 (CEI 2-7) Macchine elettriche rotanti - Parte 6: Metodi di raffreddamento (Codice IC) CEI 2-8 Macchine elettriche rotanti - Parte 8: Marcatura dei terminali e senso di rotazione delle macchine rotanti CEI 2-9 Macchine con tensione nominale compresa fra 5 e 24 kV - Prove di isolamento delle barre e delle matasse CEI 2-10 Macchine elettriche - Metodi di prova per la misura delle caratteristiche fisiche dei materiali delle spazzole CEI 2-13 Macchine elettriche rotanti - Misura delle perdite con il metodo calorimetrico CEI EN 60034-7 (CEI 2-14) Macchine elettriche rotanti - Parte 7: Classificazione delle forme costruttive e dei tipi di installazione CEI EN 60034-12 (CEI 2-15) Macchine elettriche rotanti. Caratteristiche di avviamento dei motori asincroni trifase a gabbia, ad una sola velocit, a 50 Hz e per tensioni di alimentazione inferiori o uguali a 660 V CEI 2-16 (EN 60034-5) Classificazione dei gradi di protezione degli involucri delle macchine elettriche rotanti CEI 2-17 Macchine elettriche rotanti - Parte 15: Livelli di tensione di tenuta ad impulso delle macchine rotanti a corrente alternata con bobine statoriche preformate. CEI 2-18 Guida per limpiego e lesercizio di macchine sincrone a rotore liscio raffreddate in idrogeno CEI 2-19 Dimensioni delle spazzole e dei portaspazzole per macchine elettriche CEI 2-20 (EN 60276) Definizioni e nomenclatura per spazzole di carbone, portaspazzole, commutatori e collettori ad anello CEI EN 60034-16-1 (CEI 2-21) Macchine elettriche rotanti - Parte 16: Sistemi di eccitazione per macchine sincrone. Capitolo 1: Definizioni. CEI EN 60034-3 (CEI 2-22) Macchine elettriche rotanti - Parte 3: Prescrizioni specifiche per macchine sincrone a rotore liscio (turboalternatori) CEI 2-23 Macchine elettriche rotanti - Parte 14: Vibrazioni meccaniche di macchine con altezza dasse uguale o superiore a 56 mm. Misura, valutazione e limiti della intensit di vibrazione CEI EN 60034-18-1 (CEI 2-25) Macchine elettriche rotanti Parte 1: Caratteristiche nominali e di funzionamento EI EN 60034-18-21 (CEI 2-26) Macchine elettriche rotanti Parte 18: Valutazione funzionale dei sistemi di isolamento Sezione 21: Procedure di prova per avvolgimenti a filo Valutazione termica e classificazione

Lire NORMA TECNICA CEI EN 60034-18-31:1996-09 Totale Pagine 20

70.000

Sede del Punto di Vendita e di Consultazione 20126 Milano - Viale Monza, 261 tel. 02/25773.1 fax 02/25773.222 E-MAIL cei@ceiuni.it