Sei sulla pagina 1di 18

a cura di A.Camilli e M.

Romiti

INTRODUZIONE ALLO SCAVOSTRATIGRAFICO

I
I
t

Cruppo ArcheologicoRomano

PREMESSA
In questa dispensa sono nccolte unaseriedi infomazioni relativeallo scavo stratigrafico;per quantotmttatesinteticamente, esseoffrono unavisione generale dell'attivid effettuata nelcantiere. L'interessamento a questo complessodioperazionifondamentalp porcroperarecorettamenteeconsodpoich si aw la possibilitdi apprczzare disfazione, in ogni singoloaspetto, chenonsiaquelloputamente scenografico, il complesso meccanismoche rc_ gola I'attivit e 1osvolgimentodi ogni rccuperoarcheologico. Andrea Camill, Massmo Romti

INDICE
Lo scavostratigrafico Cronologia 11 diagramma srratigrafico Le schede US pag.
>5 >>6

,,9

LO SCAVO STRATIGRAFICO
Perscavo srratigrafico si intende qelloscavo nel quale d DEPOSITI ARCHEOLOGICI VENGONORIMOSSIIN SENSOIN. VERSO A QUELLO IN CUI SI SONOFORMATI. UNITARIAMENTE,SEGUENDO LE LOROFORMEINDNIDUALI,I LOROCONTORNI,I LORO RILIEV., (definizione delloHairis) (o;rlralo)pu avere Un deposito origine (esserc aatropicd ciogenerato dalrisulta lodi und dTione uman.\ o neturalc pererosioie/accucio lcrearosi muo-deposito).

&
ESMPIOJ)I FORMAZIONE DI S'|RA'IJNA']'URALIED ANTROPICI

mail deposito non l'unico tpodi traccia chevieneevidenziata e docu_ mentata duftntelo scavo; Ognuna di quesre rracce viene definilr: UNIT ST RATIGRAF ICA (U.5.), Perdefinizione unaU.S. una <FACCIATANGIBII,E ,SULTERRLNODI UNA UN]CA AZIONE EFFEITUATADALL'UOMO O DALItr\ NATURA, (Hanis)

Le U.S. possono (generate essereposthe cioda unaazionedi deposito, come tutti gi sati) o negatre (Eeneare da un4 azionedi erosione).

US POSITIVE caratterizzate da un volumedelimitatoda superhci; queste superfici, sepaanti volumi nonomogenei si definiscono INTERFACCIA.

I 2 3 4

le U.S.NEGATM invecesono carattedzzate solo da una supedicie (in quantogenerate da una azionedi naaura neSauva). esempio; si scava unafosslr.

2 3 4

4 unaUS negativa. N.B.:La superficie checattedzza l'US negativa5 non necessariamente unainterfaccia, a menoche, ad es., la fossa5 nonvenga riempita. ln questo casol'US 5 I'interfaccia chesepan1/2da 5.

T
CRONOLOGIA
OgniUSpositiva haunasuaposizione all'interno dellasatificazione; ad essa codisponde unacrolologiaelativabasata sui rappofticonle superfici delle circostanti(cfr.la patterelavaal marx) e da \rna onoogia asso.US luta, basata sulla datazione dei materialiconfenutinel sovolume. necessario disinguercra rewo di formozione e tempo di vita di uno strato; per empodi vira nfatt s i.ntende l pefiodo posteriore.tllaformozone della nterfacciadi uno strato e anteroreall'nizo d.ellaformazionedelta (o delle)US cheIo riroptono. alle US negative invece corrisponde solounacronologia relativabasata suirapponicon le UScircoslanti.

IL DIAGRAMMA STRATIGRAFICO
O MATRIX I rapporti satigrafici(ads.coprc- coperro;raglia agliaro; ecc...) de_ terminano il relativoordinecronologico degli strati. schmaticament espresso dalMalrd, diagramma Questo seDplifica, to chepermette unavisioneimmediata dellasituazione strarigrafica. Esempio:

I
5

l 3

I 2
I

i1matri{pu essere pcomanche plesso, non esprimendo semplicemente la relazione prima-dopo, ma esemplificando anche tipologicamente i vari tipi di relnzione:

1) rappono ugualea a causa dellatrincea 3, unosttato orizzontale statodiviso in due US scavate distintamente. Il rapporto ra 1 e duesi esprirner co|tll tnatrixesemplficatoa lato.

I 2

2) apporro s appogga - gli s appogga lo strato 1 si formato appoggiandosial muro2; il rapporto tra 1 e2 si esprimera conil matrx esemplificato a Iato.

3) rapportocoprc-coperloda
I

I 2

lo strato I copre lo shato 2;iltapportotra1e 2 siesprim erconilmatix esemplificato a lato.

4) rappottotqglato da - tqglia
2

lo shatoI stato tagliato dallafossa2; il rapporto a 1e2 siesprimercon il,'zzr,'fo esemplificato a lato.

5) r^pporLoriempfo.lu - iepe
2

la fossa i starariempitadal riempinento 2; il rappono a I e 2 si espmer conil rtrrl esemplificato a lato.

combinando i variftppofti tla i singolistratisi puottenere un diagrama complesso cheesemplifichi un interosaggio o tutto1oscavo; ad ese pio:

2 3

--rtl

1 I 5
_,L

(poneldo 2 cronologicalnente postedorea 3 , e 3 c o e v o a 4 )

ll

tl 9 l0 I 11

in questo casoil diagramma stratig.afico non semplicementefsico (esemplificante cioi soli rapporti fisici deglisrrari) rra di reqrrzd(redaffo cioseguendo Ie indicazioni cronologichericavate dai.epefii rinvenuti neivari saii).

LE SCHEDEDI UNITA STRATIGRAFICA

(US)
Ognistratocontiene delleinformazioni insosrituibili chedevono essere individuate e documentate, quindiscavarc corettamente senza Der effettua_ jnutile.A re una adeguatu documenlJzione e peretunlentc questo scopo slalJ appr ontata dl ll lsriiu roCenuae peril Crtalogo unaScietla tli UnitStra,iSrdlca(SchedaUS) lacompiazione dellaquae pennefte diraccogliere cor_ rettamente tutti i dati a noi utili, relativiallo stratoo US negativa in corsodi scavo. Voci: con'rpilato a curadell'Istituto Centrale peril Catalogo N. CATALOGOINIERNAZIONALECopilaro acuradell,Isriruro Cenrrale peril Catalogo SOPRINTEN'DENZA si indic{ la Sop.ntendenza di cornpetenza LOCALIT;\ si indica laloca[ra nellaquale si effertuaI'attivitadi scavo ANNO si indical'anno (o gli anni)incui l'US stata scavata AREA,SAGCIO,QUADRATO ecc...specificare a seconda del metododi scavo o dellasituazione delcantiere la superficie QUOTE dell'USva docuDentata con tutte le quoteche si dtiene utiie fomire UNITA STRATIGRAFICA si indicail nunrero o la siglacheconaddisringue 1'USin questione.Va inolre sbaata l'appositacaseila per indicare (naturale la causa o aJtificale) cheha prodotto I'US N. CATALOCOGENERALE

i numeriche distinguono TABELLE MATERIALI-RA-N-... si indicano relativea reperliinve1e tute tabelle nud nell'USin questione chepermette di si indicaladelinizione DEFINIZIONEE POSIZIONE (ad "strato orizl'US es. identificar nelsagdi esso e la posizione zontale) geografigio, udlizzando coordinate di riferimento cheo altrosistema permesi criterichehanno si indicano CRITERIDI DISTINZIONE dell'US da quelle so la distinzione circostanli di la natura dell'azione va specificata MODO DI FORMAZIONE chehagenerato odiasporto accumulo l'US in questione COMPONENTI: . ORGANICI cheentrano e vegetali i restifaunistici nellalorrnazione in rnisurconsistente dellostto geoogiche primarie siale formazioni (banco avica ecc. ...)sia colata di tufo, i sedimenti sciolli. soloaleUSpositive.Gi voceriferibile sono:noncoerentj/ dausae aggettivi ecc.... friabile/compatto/duro voce riferibile solo agli strati veri e il colore dellostrapropri. Va espresso riferen possibiln]ente to in questione, c.d. Munsell. dosiallacart! qualora nonsianorivanno specificate grafica documentazione dalla cavate allegata e lo sttodi conservazione v inalicato di taglioe/oLrsura di tuftele superfci e negli nellastratificazione rinvenrte l'US di altcrazioni In assenza strati. intafti. puessere considerota
t0

. INORGANICI

CONSISTENZA

COLORE

MISURE

STATODI CONSERVAZIONE

adescrizione dell'USin questione deve essere pi completa possibile.Per i vai aspetti cfr. la guida relativa dell'lst.Centr. per il Catalogo. SEQUENZA FISICA E SEQTIENZA STRATIGRAFICA gruppo di nbriche chesetvea definire tuttii rappo:t:fisici e quindicronologici ffa gli srrari OSSERVAZIONI indicare seI'US stata soloindividuata,scavata parzialmente ointegralmente, e ogni altlo dato non collocabile sottoaltrevoci INTERPRETAZIONE interpretazione della funzioneo del motivoper cui I'US si for.nafa ELEMENTIDATANTI bisognaprecisaresu qualibasiawiene la datazione in tenini assoluti e/oreatividell'unitin esame.Ireperti contenti nellostrato rappresentano i1e,'mnusPost Quem della formazione del'USin esame, coscomein assenzadi repertidatanti il T.P.Q. rppresentato dallapirccente delleUS prccedenti l'US in questione.Qualsiasi elemento di datazione delleUS pi anposteriod tichetraquelle all'USconsidernta TermnusAhte Quem della fon'nazione di quest'ultima. DATAZIONE,PERIODOO FASE vannoindicati in terminiassoluti ladatazione dell'USin esame e il periodo o qualora la fase la sequenza stmtgrafica siastata ulteriormente articolata. DATI QUANTITATIVI DEI REPERTT vannoannotati i totalidei repeniraccolti e schedati, divisi per categorie o clnssr

DESCRIZIONE

va indicato sequestc opelazioni sono state esegue o meno.In caso affennatlvo vannoquantificati il numero dei prlieviecc... AFFIDABILIT STRATIGRAFICA vaespressa unavalurazione deliaaffidabilita delaUS in esame DIRETTORE indicare il norne <lel diretrore deiloscaRESPONSABILE indicare il nomedelresponsabite della compilazione dellascheda.

CAMPIONATURESTETACCIATURA. FLOTTAZIONE

t2

US

, 7 P

sT ro DIcoNsrr.rv^zroNf

23 d

Sc Ic D ^U S ;D rR l n o

13

INIIR?REIAZION!

ELlMTN'Il DATNTI

il
DA QANIIIA'V'I DEI REPR

]l
FI'TTZONI g

I
I
I

DIRETMRB

ScnF-D^ US; ovEscro I4

I
I

DOCUMENTAZIONEGRAFICA

DELLO SCAVO SEZIONIE OVERLAYS


Ognischeda di UnitSratigrafica deveessere coedata daultedore do_ cumentazione, fotografica e grafica;per quanto dgualdala docurnentazione grafica, ogniUS deveesserc documentata con pi.ante d Stratoo O.,,ertays ed, ventuamente da Sezlori. Gli Overlays sono piante, genenlmente rcdatte conil sistema dellatrian_ . goazione. dellostralo chesi vuole docutnenlare. Ceneralrnente si dieEna la piunlrdell inter[accia srrperiore dellr US.rifonrndosulf.gli. i.if;;;;J (punli.l\si o slrurrure I perposizionare conelamene l.Orel/d)sul lrcessan 1aplanta genenledelloscavo_ OgniO'er1ay deveessee q otato:si deyecio riportare sullapianta con un apposito simbolo .L la distanza positiva o negativa da unaquotafissa0, lissata all'inizio delloscavo. Gli Orsrla) possono sserc cdratterizzati,clo mppresentae graficamente I'aspetto o la Daturadell,Us, secondo n criteriofissostabilio al,inizio dellosca\ o (che conunque va \ernpre specifiLaro in legenda ) oppura *a* oo un ctenoreali5lico lsenza dubbio preferibile perle sezionij. (vedifiguraallapagina seguente)

I I
I

t5

FREDDARA1987 Q ";. usQJ -1|!le -l,!_.1)

(@

e@

affiorantil

Dis. A. Cami i sc.1:50

I MATERIALI
Il trattamento deimateriali unaconrponente essenzale delloscavo, e non pu essere tr-ascuraro o consideraro di secood,ordine, poichindispensabile preliminare allaclassificazione e aliosru<lio dei reperri. Inizalmenre si procede adunaprimadivisione deirepenisecondo la categoria (cemmica, diappafenenza ossa, metalliecc. .,.).Tale operazioneva efferlurta sulcrnriere deslinando adognicalegoria unsacchetto o una ccssetta distinta; poi accludere necessa.rio un caellino,di egno o carta indeformabile, sulquale devono essere portatiala cunidatiloDdamenrali, qualilalocaiir, 1'annodi scavo,l'US di apparrenenza, il qundrolo, soggio, lutrbienle o settore di provenienza, nonch il tipodi ateriale contenuto. Successivamente siprocede allapuliza del materiale.La ceramica viene, salvoframmenti dipintio delicati, pre, valentemente lavfita, mentreglialrrmateriali necesstano di unapuliziameccanica o chirnica.Il lavaggio vieneeffettuato condellespazzolette morbide, deveessere accuntoin ognipartedel frammento, infattiunapuliziasuperfi_ cralenonpemettea classificazione ed il restauro delreperto. Peri rtateriali chenecessitano di napuliziachimica o meccanica ne_ cessaria unanotevole espelienza edaccuratezza, chepuessere tuttaviaacqui_ sitasottola gridir di na tnanoesperta. Dopoil lavaggio, una voltaasciugati, i reperti devono esserc accurataente siglati;vacio dporrato conunpennino e dellachina, in frattra, oppurc ail,intemo, in basso adestra,la sigladellacarta IGM, delalocalir, delsito,delqua_ drato,e 1'USdi appartenenza. Bselpio: (Fonlanacoia) rs FN Q 103 (Freddara) 1 5 F R B 25 (Selvicciola) E4 SVP8 27
17

i-j

IIBLIOGRAFIA ESSENZIALB
archealo dl r tratigralia E.C.HARRIS,P/tu.rpi Sica([ad.it.),ed N.I S.,Urbino1983 Milano (rad.il), ed.Longanesi, ArcheoloBico dello Scavo ecnice PH.BARKER, 1981 b archealaSica delloscavo ,ed DeDonaSfo/te dallaterra'Manuale I A.CARANDINI, Bari 1981 to, rlel rd88iorl/all8r'alido , Ministero pet ta red(tzone dellTscheda Norme AA,.VV., Documentazione e la Is!to Cenaleper il Catalogo .BB.CC.AA.,

1l

Teslo:A. Cdmillie M Roniti Disegri:A. CamillieD. Scfoglio Llagnaziote D Scfoglnr Romuo G. A. R- - Culpo Archeologico Edizonidcl (06)681.4028 v a f c i ro ,4 l 0 0 9 3R o mr-T 1. Smlilo s, ..ita riciclar.al 100%