Sei sulla pagina 1di 4

STRUTTURA come decorazione in un dispositivo che produce FENOMENI

Il Brugge Pavilion 2002 uno strumento temporaneo progettato per essere in piedi per un anno. Rappresentava l'integrazione totale della struttura, recinzione e figurazione, ma aveva anche altre caratteristiche interessanti. L'elemento base della costruzione un pannello a nido d'ape di alluminio ripiegato in unU rovesciata per modellare il padiglione tunnel e la continua integrazione delle pareti e del tetto. "Isole galleggianti" ovali di foglio alluminio sono attaccate in modo discontinuo a entrambi i lati del nido d'ape per dare rigidit strutturale ove necessario. Toyo Ito ha dato alcuni indizi per capire questo progetto. Se questa struttura a tunnel posizionato ortogonalmente all'asse centrale, la semplice regolarit troppo evidente, quindi in questa occasione stato posto diagonalmente in modo tale che i pannelli ovali sono sparsi come fossero ornamentali. In breve, si travestito in modo che la struttura non evidente a prima vista " Questi pannelli ovali sono impostati equidistanti ma in diagonale e in direzioni opposte in ciascuna delle due file su ogni parete. Inoltre, siamo in grado di vedere solo la met di ovali sulle pareti: gli elementi superiori sono piegati lungo il soffitto, mentre quelle inferiori sono tagliati a livello del pavimento, ma l'immagine viene integrato attraverso il suo riflesso nel pavimento interno di policarbonato e nella scheda di acqua nello stagno esterno, con cui la forma incompleta diventa visivamente completa. Altri effetti visivi in questo progetto sono l'immagine dei dintorni, sotto forma di un puzzle esagonale, costellazioni brillanti sulle pareti delle celle, punti di luce proiettati sui pannelli ovali, ecc - tutti i prodotti dal nido d'ape in alluminio. Rivestendo la U in alluminio con un altro U in policarbonato, questi effetti sono intensificati dalle trasparenze e riflessi. Usando gli elementi molto semplici, Ito riesce a innescare una ricca esperienza fenomenale di luce, trasformando il padiglione in, con le parole di Ito, un 'dispositivo che produce fenomeni'. Questo progetto mette alla prova anche quello che doveva essere il tema principale delle sue successive costruzioni la creazione di un motivo decorativo che la struttura allo stesso tempo. In contrasto con l'idea di Robert Venturi del capannone decorato, qui la struttura e la decorazione sono la stessa cosa. C' un altro aspetto che rievoca le radici di Venturi (e pop art) nel padiglione di Bruges il gioco tra scale contrastanti, il salto di scala. Il pannello a nido d'ape disegna un pattern di figure esagonali, ma quando un altro pattern, su una scala relativamente pi grande sovrapposto su di essa, la serie di fogli ovali - le isole-, galleggianti il nido d'ape percepito come una texture semplice con i fogli ovali in piedi su esso. Nel complesso, il padiglione una figura su una scala pi grande, una vera e propria isola galleggiante sul cerchio di acqua nello stagno, ma simboleggia anche l'intera citt medievale di Bruges, un'isola urbana circondata da acqua. Il padiglione ancora una volta un 'dispositivo che produce fenomeni', in questo caso sostanzialmente fenomeni architettonici compresa la percezione relativa della dimensione e fenomeni di scala. La rete metallica progettata per la Mediateca di Sendai materializzato qui in nido d'ape in alluminio che, insieme con i fogli irrigiditi ad essa collegati, sono ci che d l'intero padiglione la sua forma, un altro caso importante nella ricerca di Ito per l'integrazione organica di tutti i componenti in un edificio. IL SENSO MOBILE DI GEOMETRIA E PROBABILIT ALGORITHMICE Toyo Ito ha lavorato alla Serpentine Gallery Pavilion di Londra con Cecil Belmond, ingegnere di Arup che ha collaborato con diversi importanti architetti moderni, tra cui Enric Miralles, Daniel Libeskind, Rem Koolhaas e altri. Questo anche un padiglione temporaneo, una costruzione effimera progettata per durare per solo due mesi e mezzo, ma, come per il padiglione di Bruges, stato un importante punto di di evoluzione nel architettura di Ito .

Come con Bruges, il padiglione di Londra integra la struttura, recinzione e decorazione, ma in questo caso Ito utilizza la geometria in un modo nuovo. "In questa occasione, abbiamo iniziato i nostri studi con due disegni, come avevamo fatto a Bruges. Il primo progetto consisteva di un tetto di sostegno piatto su una struttura tubolare gonfiato e traslucido sollevato rispetto al pavimento ... La caratteristica curiosa di questo progetto che, come il tetto piano sostenuto da una struttura ,come un rilievo presente in natura che sorge in modo casuale, la separazione tra il pavimento, mobili, colonne e pareti scompare .. . " Il secondo progetto, che stato costruito alla fine, si basata sull'idea di un semplice struttura esterna -quattro mura e un tetto piano. Nella prima versione, non c'era differenza tra la struttura e la custodia, utilizzando una scatola di lastre di polistirene in cui le aperture sono state ritagliate in curva disegnata a mano libera. Nella versione definitiva, una struttura stata costruita da nastri di acciaio in cui non c'erano supporti differenziati, e i vari componenti che di solito formano una struttura - pilastri, travi e travi, o almeno pilastri e solette, sono state fuse nello stesso oggetto. La struttura ha anche definito le pareti, in cui i vuoti lasciati dalla struttura sono stati riempiti con vetro e fogli di alluminio per formare il modello decorativo che ha dato al padiglione la sua immagine. Ito ha suggerito che questa struttura non dovrebbe essere basata su una griglia ortogonale, e cos le strisce sono intrecciate in direzioni apparentemente casuali. Tuttavia, come spiega la sintesi, quello che sembra essere casuale non casuale: essa deriva dall'applicazione di un meccanismo algoritmico di generazione geometrica costituito da una serie di quadrati che sono ruotati uno per uno e di dimensioni ridotte, uno dentro l'altro, i. e. , Un movimento a spirale di quadrati. Le linee strutturali sono il risultato del prolungamento attraverso il piano del tetto di questi quadrati successivi e la loro estensione ai piani verticali delle pareti. Il progetto inizia con un incompleto, quadrati decentrati che veengono ruotati fuori dal piano di costruzione, rendendo l'ordine impercettibile nel risultato finale. C' una struttura formale sottostante, anche se non esiste coscientemente (forse lo fa inconsciamente), proiettando una sensazione dinamica ", come se fosse una struttura in rotazione costante" Il contributo di Cecil Belmond sembra essere stato decisivo nella invenzione di questo processo generatore. In una conversazione tra Ito e l'ingegnere ", quest'ultimo ha spiegato alcuni dei fondamenti della sua filosofia strutturale la struttura come un episodio o un momento specifico in un processo seriale, la struttura come un ingombro o traccia, la struttura come l'applicazione di un algoritmo e, in generale, la struttura collegata a un senso mobile geometria. Queste idee sono state applicate sia alla Serpentine Gallery e un altro progetto che nasce dalla loro collaborazione S-Project, un grande magazzino in una citt inglese. in questo edificio "le colonne ballano su ogni piano, cio le colonne tutte magre in direzioni diverse. Le regole che determinano gli angoli delle colonne vengono create da una sorta di algoritmo. "Questo algoritmo si basa sul 'quadrato magico' e il 'Ulams spirale'. Questi sono pilastri in acciaio, anche se sono pieni di cemento per aumentare la loro capacit portante e resistenza al fuoco, mentre le pareti esterne sono pannelli prefabbricati in cemento e vetro piatto. Entrambi i tipi di parete sono sfaccettati e formano una parete multiforme che integra le pilastri obliqui, piegati nella linea della facciata. Anche se differenziate in funzione e materiali, la struttura e la pelle sono formalmente congruenti, sono integrati nella loro posizione e la geometria, mentre, allo stesso tempo, questa congruenza convive con una complessit formale che deriva da operazioni di calcolo.

Il processo geometrico che genera la facciata mostrato in alcuni schizzi esplicativi del progetto. Partendo con una linea spezzata i. E, genericamente, un pilastro o un rinforzo tra pilastri, esso viene spostato lungo l'allineamento da impostare a distanze non costanti. Ciascun pilastro viene poi sottoposto a rotazioni e orditi variabili; quando i punti di rottura sono uniti, il risultato una maglia triangolare irregolare che non contenuto in un piano. I triangoli della maglia sono riempiti per produrre una superficie sfaccettata. Infine, i bordi che non corrispondono ai pilastri o irrigidimenti pi o meno verticale vengono smussate, con cui la facciata configurata come una successione di grandi superfici deformate. La distribuzione degli pilastri sul piano deriva da una griglia uniforme che, attraverso la distorsione, d luogo ad una rete irregolare. Con questo, lo spazio orizzontale continua di architettura moderna diventa in qualche modo discontinuo e di conseguenza, il volume edificio pu essere considerato come un aggregato di cellule e non semplicemente una pila di spazi orizzontali definiti dalle solette successive. L'ALBERO NELLA PARETE :NATURA E ASTRAZIONE Il negozio, uffici e spazi di incontro per TOOS sull'elegante Omotesando Avenue, nel distretto di Shibuya di Tokyo sia una dichiarazione e una sorta di punto di svolta nel cammino congruente di Toyo Ito. Il volume a forma di L avvolto in un foglio rettangolare che si piega per adattarsi alle facce successive dell'edificio. E 'stato inciso con l'immagine schematica di una macchia di alberi le stesse che sono piantati in Avenue estesi in scala. Il risultato una griglia che diventa pi densa ma pi sottile verso i piani superiori. Da un lato, l'elemento naturale, l'albero, appare qui come un motivo architettonico con la sua simbologia diretta, mentre dall'altro, come prodotti avvolti in un sottile film plastico, trasparente sul display in un supermercato, questi alberi "perdono la loro vitalit materiale per diventare qualcosa di neutro e astratto, come un segno ". Ci sono diversi meccanismi per questa astrazione. Gli alberi che definiscono le facciate sono sia strutture resistenti anche elementi decorativi ancora una volta l'integrazione della struttura, spazio recinzionato e decorazione, costruito in cemento armato. Allo stesso tempo, il loro spessore 30 centimetri si riduce visivamente ad un piatto esempio grafico con una profondit inesistente; infine una silhouette, come il riempimento di lastre di vetro e alluminio installati in alcuni dei vuoti sono montati, senza cornici, risciacquati dalle facce interne e esterne. Oltre alla decorazione e planarit, c' anche l'astrazione del disegno degli alberi rispetto alla loro forma reale. Cos troviamo una rappresentazione naturalistica e formalizzazione astratta come parte di questo progetto pure. Il fatto che questo non solo alcuni alberi isolati ma una serie intrecciata importante anche nel risultato finale, con il quale, "quando molti di loro sono sovrapposti, generano un sistema strutturale in rete che ha sia una funzione strutturale e uno di sociale rappresentazione, di creazione di un nuovo simbolo per il popolo " All'interno di TOOS, soprattutto nella sala eventi magnificamente proporzionata al piano superiore, c' una chiara condizione razionale, ma al tempo stesso un condizione casuale nella trasmissione di forze gravitazionali attraverso il quadro naturalistico che coincide con le pareti. Nel caso di questo progetto, il sommario pubblicato in questo numero di EL CROQUIS particolarmente chiariro, con la sua spiegazione perfettamente chiara del processo di pensiero che ha portato alla soluzione finale. Ito spiega che questo processo il risultato di una serie di decisioni: 1 Per costruire un edificio di cemento con una struttura di parete in cemento armato (integrazione organica struttura e custodia), per dare la consistenza carente nella 'architettura di vetro' degli edifici vicini. 2 Nel contesto della condizione di muri di cemento volumetrici e massiccii, evidenziare la

dimensione della superficie (astrazione di solidit). 3 Evitare la sensazione di spazi vuoti trasparenti aperti in un volume massiccio e opaco, cio, "unire e definire sia trasparenza e opacit al tempo stesso" (integrazione delle due). 4 Creare una superficie di parete in cui il flusso di forza espresso come un diagramma strutturale formalizzata in linee - con spessorimarcati sulla superficie piata (espressione organica di questo flusso di forza). 5 produrre questo con una geometria innovativa non convenzionale. Nasce da qui l'idea dell'albero come un organismo con una razionalit strutturale intrinseca e una serie di sovrapposizione di sagome di alberi (astrazione di naturalismo) come l'incarnazione di questi flussi di forza in una geometria di forme libere, ma non arbitraria. In due frasi dalla sintesi, Ito spiega che: "Rifiutando le evidenti distinzioni tra le pareti e le aperture, linee e piani, due e tre dimensioni, trasparenza e opacit, questo edificio caratterizzato da un particolare tipo di astrazione. La siluetta dell'albero crea una nuova immagine, con una costante tensione generata tra concretezza simbolica dell'edificio e la sua astrattezza Il Picardie ,la Collezione Regionale di Arte in Arniens ,riutilizza la soluzione di TOO. Ito dice che: 'Per realizzare pienamente il piacere creativo delle varie attivit (che si svolgono in FRAC). dobbiamo rendere gli spazi per ogni scopo di avere rapporti e connessioni organici. Abbiamo scelto l'albero per simboleggiare questa integrazione Le facciate popolate da "rete di linee di albero innumerevoli" che letteralmente definisce l'intero spazio di rispondere alla fila di alberi sul viale dove l'edificio impostato, per stabilisce un dialogo tra il 'naturale' e 'natura artificiale'. '