Sei sulla pagina 1di 1

Schiavon Alberto Nato a Udine il 02/08/1977 Laureato nel 2004 in Ing.

Meccanica allUniversit degli Studi di Udine Libero professionista


Libero professionista, mi occupo di progettazione di impianti meccanici. Concluso il percorso universitario ho conseguito il titolo abilitativo e iniziato a lavorare come dipendente in varie strutture e dal 2008 a svolgere la libera professione. Convinto che per cambiare landamento delle cose serva impegnarsi in prima persona in ogni ambito della vita, ho deciso di candidarmi nel Consiglio dellOrdine per avviare un indispensabile ricambio generazionale.

Mettersi in gioco per cambiare landamento delle cose!


Questioni prioritarie da trattare:

Progetti a breve termine: rinnovamento nella gestione dellOrdine cercando di rappresentare nel Consiglio tutte le anime della professione di Ingegnere; favorire e promuovere un elevato profilo professionale a difesa e tutela della professione dellIngegnere; maggiore trasparenza su regole e funzionamento dellOrdine, potenziamento del profilo pubblico dellOrdine attraverso la pubblicazione on-line sul sito di attivit di Commissioni e Consiglio; maggiore attenzione al rispetto del Codice Deontologico da parte di tutti gli iscritti a salvaguardia della figura professionale dellIngegnere; chiare linee di indirizzo allattivit delle diverse Commissioni permanenti dellOrdine sui temi ritenuti pi rilevanti dal Consiglio; sviluppo della piattaforma del sito internet con particolare attenzione alla pubblicazione dei profili professionali degli iscritti e degli eventi interessanti anche attraverso il miglioramento del servizio newsletter integrato dai social network; centralit dellOrdine nella gestione della formazione continua, vedi riforma della professioni in atto, attraverso il coinvolgimento dellAssociazione degli Ingegneri o convenzioni con Enti di formazione. Necessario impiego di fondi europei/locali e collaborazione con altri Ordini e Collegi oltre che aziende di settore, per limitare i costi di formazione e per dare un taglio tecnico e trasversale alle lezioni; pieno sostegno e partecipazione alle iniziative che consentano lincontro tra imprenditori e professionisti (vedi Matching Day organizzato dalla Confartigianato, Confindustria);

Progetti a lungo termine: spinta sulla Federazione per un pi attivo impegno in Regione inerente alla formulazione delle leggi di settore e ai profili gestionali delle medesime. Maggior coinvolgimento dei colleghi impiegati nellamministrazione pubblica le cui scelte tecniche condizionano la collettivit; apertura di un tavolo stabile di dialogo con gli altri soggetti interessati a iniziative comuni su temi quali: standardizzazione e semplificazione degli adempimenti amministrativi per la partecipazione a bandi o lesecuzione di opere a livello regionale, contestazione alle lentezze burocratiche degli uffici pubblici; consolidamento e rafforzamento legame OrdineUniversit, con particolare riguardo al percorso formativo, allesame di stato fino allabilitazione alla professione; unione delle iniziative di formazione con altri Albi e Collegi per abbattere i costi sostenuti; realizzazioni di connessioni con le eccellenze del tessuto locale ; perseguire le massima chiarezza sui settori di competenza degli iscritti e tutela per i colleghi della sezione B al centro di notevoli problematiche in merito alla definizione delle loro mansioni; apertura di un dialogo diretto con le associazioni che raggruppano gli Ingegneri e i tecnici operanti nei paesi vicini (Austria, Slovenia, Croazia); attivismo ed impegno per il sostegno di contratti di rete che per favorire la nascita di strutture pi grandi e competitive.