Sei sulla pagina 1di 7

I rosacrociani oggi sono una filiazione dei Rosacroce originali Perch mai il recente G8 stato tenuto all'Aquila?

? Esistono della ragioni occulte dietro la scelta del capoluogo abruzzese quale sede del summit internazionale degli 8 grandi del mondo? L'area dell'Aquila era sacra, probabilmente fin dalla fine del Pleistocene. L'Aquila deve il suo nome a "Locus Accula" o "Acquili", un luogo ricco di fonti d'acqua situato sul declivio di un colle a quota 720 metri, slm ai piedi del Massiccio del Gran Sasso nei pressi della valle attraversata dal fiume Aterno. L'Aquila si trova intorno ai 42 di latitudine, proprio dove vi uno dei pi importanti nodi magnetici terrestri. Una delle linee che lo attraversa parte da Giza (Egitto) , passa per Castel del Monte in Puglia (dove Federico II ha edificato il suo castello ottagonale), attraversa il Gran Sasso (sede dell'Istiituto Nazionale di Fisica nucleare), prosegue per Chartres (grande cattedrale gotica) e Stonehenge fino ad arrivare a Terranova. La zona fu abitata durante il Neolitico dalla trib di Liburni una popolazione di ceppo CroMagnon originaria dell'area adriatica dell'Istria e della Dalmazia, che ha popolato anche la costa italiana fino alla Puglia prima di cedere il passo ad altri popoli di stirpe indoeuropea. Il loro nome originario era Libui chiamati Libu dagli Egizi. Essi facevano parte dei cosdetti popoli del mare una lega che invase l'Egitto intorno al 1750 Ac stabilendovisi e governando il basso Egitto da una citt chiamata Avaris. Il fondatore della citt dell'Aquila, come noto fu Federico II re di Sicilia, ultimo re latino di Gerusalemme, imperatore del Sacro Romano Impero, nonch monaco cistercense. Federico II nel 1233 (9), decise di costruire l'Aquila ad immagine di Gerusalemme "come simbolo del suo governo universale, 'per regnare sul piano esoterico e temporale grazie alla realizzazione della Grande Opera'. Il simbolismo che ne derivato, confluito integralmente nell'Esoterismo e nella Massoneria. La similitudine con Geusalemme risiede nell'orientamento dell'impianto urbanistico della citt lungo una direttrice che ha origine sul Monte degli Ulivi, attraversa per lungo il tempio di Salomone , forma l'arteria principale di Gerusalemme e punta diritta verso Aquila (la "Nuova Gerusalemme" voluta da Federico II) per poi in appresso attraversare una localit nei pressi di Toronto, dove nacque la massoneria del nuovo continente. ed una australiana denominate "King Stone" (Pietra del Re): Si tratta del famoso asse messianico da cui il Messia secondo tradizione far la sua attesa comparsa alla fine dei tempi ? Tale linea invisibile intende richiamare la "Strada della Vacca", che il sacerdote percorreva per raggiungere il Monte degli Ulivi dove aveva luogo il sacrificio rituale della giovenca rossa. Durante il rito Il sacerdote spargeva sette volte il sangue della giovenca dinanzi la tenda del convegno, che era allineata con la porta principale del Tempio di Salomone. Secondo il giudaismo tradizionale,la purezza originaria poteva essere recuperata soltanto con il sacrificio di una giovenca rossa ("D ai figli d'Israele che ti menino una giovenca rossa, senza macchia, senza difetti, che non abbia mai portato il giogo", Numeri 19:1-10). I profeti affermano che in corrispondenza dell'avvento della giovenca rossa, la Nuova Gerusalemme dell'Apocalisse di Giovanni aprir le sue porte. L'Aquila il trionfo del numeo 9, la citt infatti per la tradizione fu creata dall'unione di 99 (18=9)villaggi e possiede 99 pozzi, 99 castelli, 99 piazze, 99 chiese (che a dire il vero sono una sessantina) che effettuano 99 rintocchi. Il cuore di tutto rappresentato dalla Fontana delle 99 Cannelle, un incredibile piazza di forma trapezoidale in cui da 93 mascheroni e da sei bocche separate fuoriescono 99 getti d'acqua. Costruita nel 1272, la fontana ebbe inizialmente solo una trentina di bocche da cui scaturiva purissima acqua sorgiva. Nel 1580 furono aggiunte le altre sessanta bocchette, a cui alla fine dell'800 si aggiunsero le ultime sei cannelle senza mascherone per completare il numero sacro. Questo era il "Locus Accula", il centro su cui sorse la citt: ma la Fontana delle 99 Cannelle ha la sua peculiarit per essere la copia esatta di un'importantissima fonte gerosolimitana, la Piscina di Siloe situata ai piedi del Monte Ophel, citata tanto da Isaia nella Bibbia quanto presente nei Vangeli (Ges vi cur un uomo cieco dalla nascita bagnando i suoi occhi con quell'acqua sacra). Straordinaria per questa fonte la forma della vasca, trapezoidale, richiamando in tal modo un simbolismo antichissimo legato alla Madre Terra. I principali antichi monumenti aquilani riproducono, i luoghi santi e mitici di Gerusalemme , specchiati e capovolti. L'Aquila fu edificata non solo secondo la pianta di Gerusalemme, ma con la disposizione dei principali monumenti sacri volti a ridisegnare in terra la costellazione della costellazione

dell'Aquila. La corrispondenza stupefacente, la costellazione si specchia sulla citt, e le sei stelle principali combaciano perfettamente con le cinque chiese pi importanti e la Fontana delle 99 cannelle Il filo invisibile che congiunge L'Aquila a Gerusalemme legato al timone dalle otto braccia, significativo riferimento al numero che indusse Federico II di Svevia ad applicarlo nelle sue costruzioni. Al timone della barca c' una giovenca rossa che la manovra attraverso una ruota con otto raggi verso un "nuovo mondo", rigenerato su cui svetta radiosa, imperiale, Aquila; la costellazione Aquila, la stella e segna l'approdo della linea spirituale e messianica, un attracco catartico della giovane sacra vacca rossa. Anche le misure architettoniche del Tempio di Salomone a Gerusalemme, erano ricavate da un codice cosmico trasformato in rapporti geometrici e proporzioni. Il tempio, quindi, era il compendio dell'edificio iniziatico, anzi era esso stesso una forma di iniziazione, grazie ai misteriosi contenuti simbolici, la valenza cosmica, l'espressione di potenza, l'aspirazione di rigenerazione e di salvezza. Il tempio era un libro di pietra, il luogo di conservazione dei codici di interpretazione biblica sigillati all'interno dell'arca, assolvendo allo stesso ruolo del complesso delle piramidi d'Egitto nonch per la celebrazione di riti antichissimi di fertilit, e creazione dell'uomo. Esso era un ricevitore capace di captare la potenza e l'energia dell'universo. E non solo. L'edificio attraverso l'appropriato utilizzo dei materiali edilizi e la loro corretta disposizione, accostamento e decorazione, dalla pietra al mattone e al vetro, per mezzo di disegni evocatori con simboli magici, diventava capace di amplificare le reti fittissime di correnti energetiche che percorrono la Terra,trasferendole agli uomini. Il Tempio di Salomone era la riproduzione di quello dedicato a Iside in Egitto, il quale a sua volta era la copia di quello consacrato a Ishtar e a Ur in Sumeria; ne aveva le stesse arcane funzioni e i medesimi significati simbolici. Il tempio, con i suoi misteriosi rituali, era stato eretto a culto della madre terra e del tempo, la cui rappresentazione numerica il nove. Non casuale appare il nome dato al convegno delle superpotenze mondiali "Dalla Maddalenna all'Aquila" con un chiaro richiamo Leonardesco (il cenacolo) ed ad un epigono del genio proveniente da Vinci: l'inventore Nicola Tesla ,scopritore della possibilit di creare terremoti. Il richiamo Leonardesco rimanda alla figura di Giovanni Evangelista che chiude il tempo, cos come Giovanni il battezzatore l'aveva aperto. Ci significa che l'intera impalcatura sociale il cui equilibrio era stato fondato sulla religione e sulla legge deve a questo punto vacillare. Deve essere ridotto in modo considerevole il numero degli abitanti del pianeta. Questo presuppone una vasta ecatombe cui seguir un nuovo inizio. Ecco il significato della scelta di Aquila terremotata e semideserta quale sede dell'importante incontro dei giorni scorsi. Ma c' di pi. Lo spaventoso cataclisma che ha interessato l'area potrebbe essere stato portato a termine proprio per lanciare tale messaggio, sia utilizzando una tecnologia segreta messa a punto da Tesla o quella dei laboratori di fisica nucleare pi grandi al mondo ,come noto situati nelle viscere della terra poco distante dai luoghi del sisma. Non tutti poi sanno che partito l'11 settembre 2006 (data simbolica) dall'acceleratore del Cern di Ginevra, il fascio di neutrini diretti verso i laboratori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (http://www.lngs.infn.it/) del Gran Sasso d'Italia. Hanno impiegato 2,5 millisecondi, viaggiando nel tunnel sotterraneo scavato , in linea retta sotto la superfice tra la citt elvetica ed i laboratori del Gran Sasso per raggiungere il gigantesco rilevatore Opera, distante ben 732 km. I neutrini sono le particelle elementari pi difficili da studiare, ma il loro ruolo fondamentale per la comprensione della natura sia su scala microcosmica sia su scala cosmica. La teoria attuale delle particelle elementari basata sull'ipotesi che tutti i neutrini abbiano massa nulla. La ricerca sarebbe in grado di generare nuovi tipi umani grazie ad un trasferimento particolare di energia termica. Un ultimo richiamo simbolico: Il G8 richiama alla mente i capi degli otto grandi ordini mondiali della cavalleria che in Pactio Secreta (Patto Segreto) una Tavola Rotonda della Cavalleria mondiale allora composta da Templari, Ospedalieri, Teutonici, Flas saraceni, Turchi, Batinyah (Assassini o Hassaniti), Rabiti di Spagna chiamarono nel 1228 a S. Giovanni d'Acri Federico II (ed i suoi discendenti) alla suprema carica di imperatore del mondo, di un mondo senza conflitti e senza gerarchie religiose

Barack Obama il terzo Sargon" LOrdo Draconis unassociazione antichissima composta da soli aristocratici interessati al mantenimento della purezza della specie e governati da una regina di cui non si conosce lidentit. Secondo Sir Laurence Gardner, Priore della Celtic Churchs Sacred Kindred di St. Columbia genealogista di famiglie reali e di cavalieri noto come il Cavaliere Labhran di St. Germain, addetto alla guardia della casa reale degli Stewart, fondata a St. Germain-en-Laye nel 1692, nonch scrittore di fama internazionale, l'ordine riconosciuto dallUnione Europea, dallOnu e dall European Council of Princes di Edimburgo . ente consultivo costituzionale fondato nel 1946 del quale farebboro parte 33 famiglie di purissimo sangue reale. Di recente stato costituito il Dragon Rouge filiazione dellOrdo draconis, la cui sede a Stoccolma . La sua apparizione risalirebbe al 2170 A.C per volont del sommo sacerdote di Amon-Ra, Ankh-f-n-Khonsu, Il cui nome significa vita (ankh) dalla luna (Khonsu) (lo stesso sacerdote di cui A. Crowley diceva di essere la reincarnazione ) che introdusse in Egitto il culto di Sebek-Ra ossia il culto del serpente di fuoco (rappresentato astronomicamente dalla costellazione del Drago, Draco in latino), che riprendeva tradizioni magiche africane ancora pi antiche.

Il culto draconiano pu anche essere identificato con il culto tifoniano/ofidiano , le correnti tantriche legate al Sentiero della Mano Sinistra (Vama Marg) ed al culto della dea Kal . La figura di Tifone presente negli antichissimi culti africani (la cui figura veniva associata alla Dea Madre) . Dal punto di vista astronomico Tifone veniva rappresentato dalle sette stelle che compongono l'asterismo cosiddetto dell'Orsa Maggiore. Le sette stelle (anime) di Tifone vengono manifestate da Seth (Sirio), il suo figlio nel Sud. 3

Durante la XII dinastia (c.1785 AC) egizia tale culto divenne una istituzione faraonica con lo specifico compito di salvaguardar nel tempo la purezza genetica della linea di sangue faraonica . Tale istituzione fu guidata dalla regina Sobeknefru la prima regina divenuta faraone in Egitto. Da sottolineare che la XII dinastia si concluse con il breve regno di Sobeknefru (4anni ) . A partire dalla dinastia XIII (1797-1543 a.c. inizi un periodo di grande disordine all'interno dell'Egitto che port alla frantumazione dell'Egitto in piccoli principati indipendenti l'uno dall'altro. Sia secondo la tradizione sia della Midrash che quella fenicia, il segno di Caino era un serpente-che teneva stretta in bocca la propria coda: un simbolo di completezza e sapienza noto come uroboros Tale segno tuttavia non altro che una rappresentazione grafica del regno, che gli Ebrei chiamavano Malkhut, l'ultima Sefir, che gioca in questottica un ruolo importantissimo. la componente che motiva e indirizza l'operato di tutte le altre facolt.; il luogo ove la luce cambia direzione, passando dalla discesa alla salita . Malkhut , la parte femminile di Dio, a livello fisico indica la terra stessa. Malkhut poi l'origine e la fine di ogni recipiente. Nel suo aspetto femminile, il segno di Caino viene associato all'occhio simbolico di "colui che vede tutto", l'occhio di Enki chiamato anche "Signore dell'occhio sacro" che divenne il simbolo di Venere con la croce fuori dal cerchio, cos che la donna (la croce) fosse sormontata dall'Uroboro, simbolo della regalit del dragone. L'occhio dell'illuminazione era a volte rappresentato all'interno di un triangolo (triangolo con un punto al centro) che rappresenta il daleth, o la via di accesso alla luce. La fratellanza continu a vivere in oriente per molti secoli ancora ed infine si approd in occidente dove si annid nell'impero romano continuando nel suo ministero. La confraternita si inabiss nel medio evo quando Carlo Magno nell800 della nostra era ,suggell un patto con il cattolicesimo che fece piazza pulita dei culti gnostici tanto cari alla fratellanza. Le tracce storiche e documentali dell esistenza d'ordine come organizzazione strutturata vengono ritrovate nell' Ungheria del 15 secolo quando su impulso del re Sigismondo di Lussemburgo, il 13 Dicembre (data simbolica) del 1408 nacque formalmente LOrdo Draconis e prese l' attuale denominazione. Lordine contava allora 26 membri di altissimo lignaggio tra cui Re Vladislav Jagello di Polonia ,il re Alfonso V dAragona, il Principe Vitovd di Lituania, il Duca Ernesto d Austria Cristoforo III, Duca di Baviera e re di Danimarca, Svezia and Norvegia. Pi tardi nel 1439, Thomas de Mowbray, duca di Inghilterra e Norfolk, fu ammesso alla fratellanza cos come Il conte Vlad Dracul alias Vlad di Wallachia, conosciuto anche come Vlad Tepes, o Vlad l'Impalatore, il mitico Dracula, reso celebre dal romanzo di Bram Stoker nel 1897 divenne anchegli membro 4

dellordine . La cosa estremamente curiosa che il volto dellimpalatore stato ritratto dal genio del Rinascimento, Benozzo Gozzoli, nell'affresco del Magi dipinto (circa nel 1463) nella cappella del Palazzo Medici Riccardi in FireNze,sottintendendo in tal modo il legame esistyente tra i re magi e lordine del Drago. Si sa per certo che lordine che aveva custodito durante tutta la sua storia antichi testi magici ,e richiamava le sue ascendenze al faraone della II dinastia egizia Raneb (2852 AC) nipote del biblico Nimrod e successore del primo faraone d'Egitto, il famigerato re scorpione, aveva il precipuo compito di preservare la linea di sangue reale che proveniva unicamente dalle regine del Graal. Il simbolo dellordine era un drago ricurvo con una croce rossa ,antico simbolo dei rosacroce identificato anche con il sacro Graal fin dal IV millennio A.C. Questo simbolo arcaico caratterizzava anche la Grande madre della terra e del fuoco chiamata Barat Anna. Su di una antichissima moneta anatolica si pu vedere limmagine di Barat- Anna seduta su un trono sotto al quale inciso il simbolo della rosa croce . Questo simbolo che risale a 4400 A.C. il pi antico emblema di sovranit di cui si abbia traccia. La croce (chiamata rosi-crucis, parola greco-romana, da rosi che significa rugiada o acque, e crucis che significa coppa o calice) un simbolo di illuminazione, e per questo motivo la sacra Rosi-crucis (la Coppa della Rugiada, o Coppa delle Acque) era il segno originale della linea di discendenza reale. La coppa simboleggia a sua volta l'utero, rappresentando l'aspetto materno della regalit, da cui sgorgava il Sangue Reale (le acque della illuminazione). La regalit era considerata ereditaria unicamente in via matrilineare. La lettera "Q" da cui discende il termine anglosassone Queen (regina) deriva dal simbolo di Venere "Q" un simbolo allo stesso tempo attribuito a Iside, Ninhursag, Lilith e Kali. Ninhursag era la prima Signora della vita. Suo si vuole sia stato il gene che costitu il vero e proprio inizio della linea di discendenza sacra: la Genesi del Graal. Nella tradizione dei rosacroce, questa "genesi" stata a lungo identificata con il trascendente "gene di Iside". La parola "genesi" (origine o inizio) deriva dal greco e dalla parola "genes" (che significa "generato da una specie"), da cui derivano anche le parole genetica, genere, genio, genitale, genere, generazione, genealogia, etc. Il simbolo della croce circoscritta in un cerchio a sua volta inserito in una rosa contraddistingueva i cavalieri templari ed indicava la loro devozione alla madonna, che non era altro che la versione cristiana dellantichissimo culto di Iside, la pi importante divinit egizia. Il grafema del punto e del cerchio peraltro un simbolo connesso con il cosmo, legato contemporaneamente,con la divinit progenitrice An od Anu, essendo unipostasi del numero 60, rappresentativo della massima divinit sumera Anu. Sia il mito egizio di Osiride che la vicenda di Ges esprimono concetti astronomici trasposti in termini allegorici e simbolici . Osiride rinasceva grazie ai magici riti di Iside testimoniando che il culto tributato alla Grande madre 5

aveva a che fare con limmortalit e la resurrezione . In termini astronomici la vicenda dei due personaggi simboleggia il fatto che Il sole sta al centro delluniverso ed il nostro pianeta se ne sta allontanando progressivamente .In questa concezione ll sistema solare esprime una figurazione geometrica del processo di periferizzazione della esistenza umana. Dalla lettura del vangelo apocrifo di Tommaso emerge chiaramente lassociazione di Ges al culto gnostico della dea egizia Iside e della Luna nera. Tale associazione permette di ricollegare il cristianesimo al culto del Dragone di matrice antichissima africana. Sembra infatti che Maria Maddalena condividesse con Ges conoscenze straordinarie negate perfino agli apostoli a lui pi vicini,testimoniando cos limportanza di una divinit femminile superiore che ascendeva allEgitto prefaraonico ed alla civilt sumera. Alcuni nobili feudali di antico lignaggio a partire da Carlo Magno mutando di volta in volta denominazione sono arrivati fino a noi . Sono estremamente ramificati e si riuniscono in gruppi religiosi chiusi, hanno come caratteristica comune le gerarchie, l'obbedienza silenziosa. Sono, esseri che di umano hanno solo l aspetto che guidano la storia la quale viene presentata alle masse di nonpensanti (secondo la definizione di G.Orwell in 1984), per indurle a vivere secondo il loro volere. Lemblema portato dai membri dellordine su un mantello sulla spalla sinistra. Una sottile linea rossa unisce i manifesti rosacrociani alla Golden Dawn, tramite Alisteir Crowley e l'O.T.O. Ordo Templi Orientis, un ordine neotemplare fondato in Germania, nel 1898 ,tale tradizione sarebbe infine pervenuta al NOVO Ordo Vril (N.O.V.), che con affiliati, soltanto di sesso femminile, distribuiti tra Germania, Austria, Francia ed Italia Grecia starebbe portando avanti in modo silenzioso e tranquillo il progetto politico-religioso e sociale iniziato nellegitto prefaraonico. Le sedi in Italia sarebbero a Milano ea Venezia,e disporrebbe di risorse finanziarie pressoch illimitate grazie al raccordo con forze mondialiste. Gli adepti della Vril continuano ad agire a livello esoterico, col nome di Die Kette (La Catena), indicando con questo termine l'anello, l'uroburo, che univa medianicamente le loro menti. Tra l'altro, vi sarebbe un preciso collegamento tra questo Ordine e un altro Ordine Occulto, Causa Nostra, anche denominato Causa Nostra Vril, se non addirittura una completa identit e comunanza di intenti, persone e mezzi. Si tratta di una organizzazione molto ramificata e molto segreta che richiamandosi ai culti della dea madre finalizzata al recupero della misteriosa energia Vril (raggio verde),che sta progettando una nuova razza umana per una diversa civilt. In rete circola la foto di una (presunta) leader della Nuova Vril chiamata Vera, i cui lunghi capelli farebbero riferimento alla tradizione magico-esoterica delle medium della Vril Gesellschaft. Hanno fortissimi poteri telepatici. 6

Tuttavia il loro programma controllo presenta una falla: funziona solo con le masse,dirigendo le quali si condizionano anche gli intelligenti che essendo minoranze prive di potere non possono reagire in alcun modo e sono costrette a subire. Il gruppo pare creda nellavvento di un Prossimo Salvatore, il Terzo Sargon identificato da molti nel presidente americano Barak Obama.