Sei sulla pagina 1di 3

Val Pellice PARETE DEL PIS 1800 m

Salendo da Villanova verso la conca del Pra, poco prima di giungere in vista della cascata del Pis, si nota, in alto a destra, una bella parete verticale
alta 150 metri, esposta a Sud - Est e caratterizzata, sul settore sinistro, da grandi striature nere.
La roccia è costituita da un serpentino molto eroso che, data la diffusa presenza di buchi rende l’arrampicata simile alle vie di calcare.
Alcune delle vie qui aperte sono fra le più belle esistenti in Val Pellice.

ACCESSO : Risalire la Val Pellice fino a Villanova, poi seguire la mulattiera che conduce al rifugio Willy Jervis. Giunti sul pianoro che precede
la cascata del Pis, risalire verso destra un pendio erboso (tracce di sentiero) e proseguire poi verso sinistra nel canale che porta ai piedi della parete
(50 minuti dall’auto).

I Sul 5° tiro di Phenomena


A
B
C D
EF A
G
H

L
M
SASPUNZ 
1ª salita: R. Boulard, J. De Macar luglio 1994

La via è quella più a sinistra fra quelle esistenti.


Supera delle placche molto lavorate dall’erosione poi un muro strapiombante e impegnativo..
SVILUPPO: 140m
DIFFICOLTA’: TD+ (Obblig. VII-) Attrezzatura 
L1=5b L2=5c L3=5c L4=6b
DISCESA: Doppie da 45m sulla via

B PHENOMENA 
1ª salita: F. Michelin, B. e W. Canepa maggio 1994

La via supera al centro le imponenti placche striate che caratterizzano il settore sinistro della parete.
Il tiro sul muro strapiombante della 5a lunghezza, è fra i più belli di tutta la parete.
SVILUPPO: 140m
DIFFICOLTA’: TD+ (Obblig. VI) Attrezzatura 
L1= 5c L2=4b L3= 6a L4= 5b L5= 6b L6= 5b
L’ultima lunghezza è consigliabile solo nel caso si voglia scendere a piedi.
DISCESA: Doppie da 45m sulla via

C BALLA COI LUPI 


1ª salita: F. Michelin, G. Rossetto marzo 1995
Supera le placche a destra di Phenomena.
Bella e impegnativa arrampicata su roccia verticale ben appigliata.
SVILUPPO: 160m
DIFFICOLTA’: TD+ (Obblig. VI+) Attrezzatura 
L1= 6a L2= 5b L3= 5b L4= 6c L5= 5c L6= 4b
Variante: Supera la parete strapiombante sopra alla sosta 4
( M. Boer, M. Rivoira,.estate 2000 )
DISCESA: Doppie da 50 m sulla via

D SUL NIDO DEL CUCULO 


1ª salita: F. Michelin C. Bocco luglio 1997

Si sviluppa con percorso parallelo e caratteristiche analoghe alla via precedente.


Il difficile 4° tiro può essere evitato percorrendo una variante che raggiunge a destra il 5° tiro della via “Dove osano le aquile” e ritornando poi
sulla via alla sosta 4 (5b).
SVILUPPO: 150m
DIFFICOLTA’: TD- / TD+ (Obblig. VI) Attrezzatura 
L1= 5c L2= 5b L3= 5c L4= tetto 7a (oppure A0) poi 6b L5= 6a
DISCESA: Doppie da 25 m sulla via.
(discesa utile anche per le altre vie nel caso si abbia a disposizione una sola corda; il primo ancoraggio è posto su un pino una ventina di
metri più in alto dell’uscita della via.

E DOVE OSANO LE AQUILE 


1ª salita: F. Michelin B. e W. Canepa o ttobre 1993

La via attacca sotto la verticale di un grande larice solitario ben visibile in centro parete ed
esce nel punto più alto insinuandosi nei punti più deboli degli strapiombi sommitali.
Si tratta della prima via aperta sulla parete del Pis e anche della più bella e logica.
RELAZIONE :
1) Attaccare a sinistra di un diedro sotto la verticale del grande larice e salire fino sotto
ad un tetto (5a).Superare a destra, un tratto verticale e sostare su una cengia (5b).
2) Salire a sinistra sulla parete verticale (passo di 5c), poi superare, verso destra, un tratto
strapiombante e sostare su un terrazzino a fianco del larice (5b.
3) Salire alcuni passi, poi attraversare a destra (passo di 6a) e proseguire su una bella
placca fino ad un terrazzino sullo spigolo (5c, 5a).
4) Salire a sinistra, ritornare sullo spigolo (5b), poi dove questo comincia a strapiombare,
superare, verso sinistra, una placca nera (6a+) e raggiungere un punto di sosta a
sinistra sotto agli strapiombi (5a).
5) Attraversare a sinistra e salire per 20 metri sulla parete strapiombante (5b, 5c).
6) Salire direttamente per 10 metri (passo di 5b), poi obliquare a destra fino a
raggiungere un marcato intaglio sullo spigolo (5c) al di sopra del quale si sosta su un
aereo terrazzino (5a).
7) Continuare facilmente per 15 metri, raggiungendo l'ancoraggio per le doppie posto sul
pendio sommitale.

SVILUPPO : 170 metri.


DIFFICOLTA' : TD (Obblig. V+) Attrezzatura 
DISCESA: Doppie da 50 metri dalle soste 7-5 –2
DISCESA A PIEDI: salire per circa 100 metri nei prati sommitali, poi attraversare a
sinistra e scendere in un bosco di larici, fino a raggiungere il canalone che scende ai
piedi della parete (20 minuti).
(percorso non molto agevole, utilizzabile per tutte le vie che escono dalla parete)

G IL GIORNO DI MAOMETTO 
1ª salita: A. Parodi & C maggio 1994

La via supera direttamente le placche a destra di Dove osano le aquile poi sale, con percorso obliquo verso destra, fino alla sommità della parete.
SVILUPPO: 180 m
DIFFICOLTA’: ED- (Obblig. VII)
L1= 6a+ L2= 6b L3= 6b L4= 6b L5= 6a L6= 6a
Attrezzatura  (Necessari nuts e friends)
DISCESA: Doppie da 50 metri sulla via

A sinistra del 1° tiro di questa via è stato attrezzato un monotiro chiamato “DOVE OSANO I COLOMBI” (Difficoltà 6a, 6b)

H PROFONDO ROSSO 


1ª salita: F. Michelin, C. Bocco agosto 99
La via supera l’evidente striscia di placche compresa fra le due colate nere che si trovano sul settore destro della parete. (a destra della via di
Parodi)
Arrampicata continua e tecnica su piccole prese.
SVILUPPO: 100 metri DIFFICOLTA’: TD+ (Obblig. VI-) Attrezzatura 
L1= 5c L2= 6b L3= 6a+ L4= 6a+
DISCESA: doppie da 25m sulla via

I SUSPIRIA 
1ª salita: M. Boer, M. Rivoira, O. David estate 2000

La via supera con dura arrampicata l’evidente spaccatura che incide il settore destro della parete.
SVILUPPO: 120 m
DIFFICOLTA’: ED- (Obblig. VII) Attrezzatura  Necessari alcuni friends
L1= 6a L2= 6b L3= 6c, A0 L4= 6c
TEMPO: ore 3
DISCESA: Doppie da 50m sulla via

L SPERONE DI DESTRA 
1ª salita: F. Michelin, B. e W. Canepa agosto 1994

La via supera con divertente arrampicata l’evidente sperone che inizia all’imbocco del canalone che porta all’attacco delle vie.
SVILUPPO: 130 m
DIFFICOLTA’: D+ (Obblig. V) Attrezzatura 
L1= 4c L2= 4a L3= 5c L4= 5b L5= 6a
DISCESA: Doppie da 25m sulla via

M MONOTIRO 20m 6b+ placca verticale

PARETINA DEL PIS


Sulla placconata che si trova vicino al torrente, sulla destra orografica della valle (chiamata PARETINA DEL PIS), esistono alcuni brevi itinerari
attrezzati da R. Boulard e J. De Macar nel 1993.

Partendo dalla via più lunga, situata sul centro - destra della placconata, e andando verso destra le vie sono le seguenti:

PROFESSOR DI SPAZZOLA 50 m 5+ / 6a
KATI’ 25 m 6b
BUON NATALE AI BELGI 25 m 6c
SA PAS O SA CAS 25 m 6a+