Sei sulla pagina 1di 3

Individuazione fotografica e utilizzabilit dibattimentale Camera Penale di Trento

Pagina 1 di 3

"in difesa dei diritti"

Vai

HOME CHI SIAMO FORMAZIONE FORO TRENTINO


Foro Trentino Giurisprudenza Individuazione fotografica e utilizzabilit dibattimentale

INDIVIDUAZIONE FOTOGRAFICA E UTILIZZABILIT DIBATTIMENTALE


Cassazione penale sez. V, 21 ottobre 2010, n. 43363
Sono inseribili nel fascicolo per il dibattimento le fotografie utilizzate per l'individuazione fotografica svolta nel corso delle indagini preliminari, mentre le dichiarazioni di individuazione possono ivi trasmigrare una volta che siano state utilizzate per le contestazioni nel corso dell'esame dibattimentale. (Cassazione penale sez. V,21 ottobre 2010,n. 43363,CED Cass. pen. 2010, Cass. pen. 2011, 12, 4383)

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. AMBROSINI Giangiulio - Presidente Dott. CARROZZA Arturo - Consigliere Dott. OLDI Paolo - Consigliere Dott. FUMO Maurizio - rel. Consigliere Dott. BRUNO Paolo Antonio - Consigliere ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso proposto da: 1) M.P. N. IL (OMISSIS); avverso la sentenza n. 698/2006 CORTE APPELLO di CAGLIARI, del 04/12/2009; visti gli atti, la sentenza e il ricorso; udita in PUBBLICA UDIENZA del 21/10/2010 la relazione fatta dal Consigliere Dott. MAURIZIO FUMO; udito il PG in persona del sost. proc. gen. Dr. D'AMBROSIO V., che ha concluso chiedendo annullarsi senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per prescrizione; udito il difensore avv. E. Pisano che, in linea principale,llustrando i motivi di ricorso, ne ha chiesto l'accoglimento e,subordinatamente, si associato alle richieste del P.G..

OSSERVA quanto segue: La CdA di Cagliari, con sentenza del 4.12.2009, ha confermato la pronunzia di primo grado con la quale M.P. fu condannato alla pena di giustizia, oltre al risarcimento del danno in favore della costituita PC, in quanto riconosciuto colpevole del delitto di minaccia aggravata in danno di C.A.. Si legge nella sentenza impugnata che il C., che viaggiava a bordo della sua auto insieme con la moglie, la cognata e il fidanzato di costei, fu costretto rallentare bruscamente per evitare la collisione con un'auto che si era improvvisamente immessa, da una strada secondaria, in quella sulla quale viaggiava il C.. Alle protese di quest'ultimo, il conducente dell'auto replic con un gesto volgare. Una volta affiancate le due auto, il predetto conducente mostr al C. una pistola, in segno di implicita minaccia. Il M. fu individuato come il conducente dell'auto sia per il fatto che ne era l'intestatario, sia a seguito di riconoscimento fotografico. Nel corso del dibattimento, disposta formale ricognizione, il solo C. riconobbe (al 70%) il M.. Ricorre il difensore dell'imputato e deduce: 1) inosservanza ed erronea applicazione della legge penale, in quanto stato utilizzato ai fini della decisione il riconoscimento fotografico espletato in fase di indagini preliminari. Il relativo verbale confluito nel fascicolo del dibattimento in violazione dell'art. 514 c.p.p. (letture vietate), con conseguente divieto di utilizzazione ex art. 526 c.p.p.. E' da notare che non vi sono state contestazioni ai testi e dunque il documento non era acquisitale ai sensi dell'art. 500 c.p.p., comma 1 (e neanche ai sensi del comma 4, non ricorrendone i presupposti). L'acquisizione non legittimata neanche ai sensi dell'art. 511 c.p.p., non trattandosi di letture consentite. Per altro l'ordinanza ammissiva delle prove del tutto carente di motivazione e quindi incorre nella nullit ex artt.495- 190 c.p.p.. Sotto altro aspetto da rilevare la inevitabile suggestione che sulla memoria dei

http://www.camerapenaletrento.it/foro-trentino/giurisprudenza/individuazione-fotogra... 08/06/2013

Individuazione fotografica e utilizzabilit dibattimentale Camera Penale di Trento

Pagina 2 di 3

testi opera il precedente riconoscimento fotografico. Nonostante ci, in udienza il M. non fu riconosciuto. Da tale situazione la CdA non ha tratto le dovute conseguenze, con inevitabile ricaduta sulla validit dell'apparato motivazionale. In sintesi la Corte sarda conferisce maggior peso a una attivit di indagine predibattimentale che alla istruttoria dibattimentale; 2) manifesta illogicit della motivazione con riferimento alla comparazione tra il riconoscimento fotografico e l'esito della ricognizione personale. La CdA, oltre a subordinare l'esito della ricognizione in dibattimento al riconoscimento fatto innanzi alla pg, pretende di giustificare l'esito negativo della ricognizione con le mutate caratteristiche fisiche del M., ma la differenza tra un soggetto "con i capelli corti" (come descritto dai testi) e un soggetto "rasato" (come indicato in sentenza) non tale da giustificare, appunto, il mancato riconoscimento. Oltretutto, riparandosi dietro "lo scudo" del riconoscimento, la CdA omette una rigorosa valutazione della prova investigativa e della prova raccolta in aula; 3) ancora violazione di legge e carenze motivazionali in ordine alla condanna al risarcimento del danno. Sulla base dei recenti orientamento della giurisprudenza di legittimit, anche in presenza di danno ex delicto, la PO deve provare il fatto, l'evento, il danno e il nesso causale, atteso che il danno non si identifica con l'evento. Ebbene in sentenza non vi traccia di motivazione in ordine al preteso danno subito dal C.. N pu ritenersi che il danno sia in re ipsa nel caso di lesione dei valori della persona. Tanto premesso, va innanzitutto ricordato che l'individuazione - sia personale sia fotografica - di un soggetto una manifestazione riproduttiva di una percezione visiva e rappresenta, perci, una specie del pi generale concetto di dichiarazione (ASN 200347871- RV 227079; ASN 200005401-RV 216143). Da tale premessa discendono una serie di conseguenze. Innanzitutto, la forza probatoria dell'atto non deriva dalle modalit formali del riconoscimento, bens dal valore della dichiarazione confermativa, alla stessa stregua della deposizione testimoniale; in secondo luogo, in caso di riconoscimento fotografico effettuato in fase di indagini, le foto ben possono essere inserite nel fascicolo del dibattimento in quanto esse rappresentano le res sulle quali l'attivit testimoniale/ricognitiva s esercitata; in terzo luogo, nel caso in cui in dibattimento venga contestata l'efficacia dimostrativa della individuazione eseguita nella fase delle indagini, deve farsi ricorso all'art. 500 c.p.p., non difformemente da quanto si verifica per la deposizione testimoniale, e solo se si sia proceduto alle necessarie contestazioni,la dichiarazione (scil il documento che la incorpora) pu definitivamente allegarsi al fascicolo ed essere, quindi, utilizzabile. Se dunque, in dibattimento, il teste rievochi e confermi il fatto storico del riconoscimento fotografico e riconosca le fotografie sulle quali tale riconoscimento si esercitato, tali foto e tali dichiarazioni (quelle dibattimentali che, senza necessit di contestazione, coincidano contenutisticamente con quelle predibattimentali) sono pienamente utilizzabili. Sarebbe d'altronde paradossale che le foto fossero utilizzabili (a seguito della attivazione del "meccanismo" della contestazione delle dichiarazioni) solo se il teste, in dibattimento, rendesse dichiarazioni difformi da quelle rese in fase di indagini. L'aspetto paradossale consisterebbe, appunto, nel fatto che una dichiarazione conforme renderebbe inutilizzabili i documenti fotografici, mentre una dichiarazione difforme li renderebbe utilizzabili. Nel caso in esame, anche se - erroneamente - siano state acquisiti, come si sostiene nel ricorso, i verbali rispecchianti l'attivit di riconoscimento (e non le sole foto), ci che rileva che, in dibattimento, C. e gli altri tre occupanti della sua vettura abbiano ricordato e confermato di aver riconosciuto il M. tra i soggetti riprodotti nelle foto loro mostrate dai Carabinieri e abbiano riconosciuto le foto. Se poi, appunto, sono stati, malamente (cio in assenza di contestazione acquisti anche i relativi verbali delle dichiarazioni rese in fase di indagini, evidente che utile per inutile non vitaitur e che quel che conta, come premesso, che: a) siano state acquisite le foto oggetto della attivit di indagine, b) i dichiaranti abbiano confermato che su quelle foto, con esito positivo, sia avvenuto, in fase di indagini, appunto, il riconoscimento. Tanto chiarito;neanche va dimenticato che,tra i vari elementi che hanno consentito di individuare il M. come l'autore del gesto minacciosa non vi solo il riconoscimento fotografico, ma anche la circostanza che proprio l'imputato risult essere l'intestatario della vettura il cui numero di targa fu rilevato dal C.. A fronte di tale oggettiva risultanza, il M. ha opposto una generica dichiarazione in base alla quale egli era solito prestare la vettura a terzi. Ma lo stesso non ha indicato a chi avrebbe prestato quel giorno e in quell'orario la sua automobile. E la circostanza stata valutata dalla CdA unitamente, appunto, all'esito del riconoscimento fotografico e al fatto che almeno il C. e sia pure con qualche margine di incertezza ebbe a riconoscere il M. anche "di persona" e in dibattimento (al 70%, secondo un discutibile, ma ormai diffuso, modo di quantificare l'esito di tale attivit cognitiva). E poich proprio il C. ebbe a subire - direttamente e in prima persona - l'efficacia intimidatoria del gesto compiuto dall'occupante dell'altra vettura, non appare n arbitraria, n illogica la conclusione cui motivatamente sono giunti i giudici del merito. Le prime due censure si qualificano dunque come infondate e ci comporterebbe il rigetto, sul punto, del ricorso. Va tuttavia rilevato che risulta maturata la prescrizione e che conseguentemente, la sentenza impugnata va annullata senza rinvio con la relativa formula. Il ricorso va viceversa rigettato agli effetti civili, dovendo comunque, sulla base di quanto sin qui scritto, ritenersi accertata la responsabilit del M. per il danno cagionato al C. con la sua condotta criminosa e dovendo ritenersi infondata anche l'ultima censura articolata col ricorso, atteso che, come ha statuito la giurisprudenza da ultimo richiamata dallo stesso ricorrente (SU civili sent. n. 26972 del 2008, ric. Alfonsi, res. Sartori e altri, RV 605489^ l'art. 2059 c.c. non disciplina una autonoma fattispecie di illecito, distinta da quella di cui all'art. 2043, ma si limita a disciplinare i limiti e le condizioni di risarcibilit dei pregiudizi non patrimoniali, sul presupposto della sussistenza di tutti gli elementi costitutivi dell'illecito richiesti dall'art. 2043: e cio la condotta illecita, l'ingiusta lesione di interessi tutelati dall'ordinamento, il nesso causale tra la prima e la seconda, la sussistenza di un concreto pregiudizio patito dal titolare dell'interesse leso. L'unica differenza tra il danno non patrimoniale e quello patrimoniale consiste pertanto nel fatto che quest'ultimo risarcibile in tutti i casi in cui ricorrano gli elementi di un fatto illecito, mentre il primo lo nei soli casi previsti dalla legge. Ebbene certamente risarcibile il danno ex delicto e, una volta provata la responsabilit penale dell'imputato, ne consegue, evidentemente, la sua responsabilit civile. E se pure il danno non si identifica con l'evento, il danno conseguenza necessaria dell'evento per esplicita previsione del legislatore penale, il quale individua e classifica i reati (e quindi le condotte criminose) proprio in relazione alla lesione del bene-interesse che intende proteggere (la vita, l'incolumit, la libert personale, l'onore ecc.) e che, conseguentemente, da per leso ogni volta che il reato si manifesti. P.Q.M. P.Q.M. La Corte annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per prescrizione, rigetta il ricorso agli effetti civili. Cos deciso in Roma, il 21 ottobre 2010. Depositato in Cancelleria il 6 dicembre 2010

http://www.camerapenaletrento.it/foro-trentino/giurisprudenza/individuazione-fotogra... 08/06/2013

Individuazione fotografica e utilizzabilit dibattimentale Camera Penale di Trento

Pagina 3 di 3

Mi piace

Camera Penale di Trento "Michele Pompermaier" - Largo Pigarelli, 2 -38122 Trento Codice Fiscale 96064570227 - Contatti - Condizioni d'uso Camera Penale di Trento 2012

Creato da Siti Web Avvocati

http://www.camerapenaletrento.it/foro-trentino/giurisprudenza/individuazione-fotogra... 08/06/2013