Sei sulla pagina 1di 1

Il giornale di Vicenza

04/09/2012

Parco delle sorgenti La Lipu è preoccupata

DUEVILLE. Si teme che i nuovi gestori favoriscano le attività di pesca L'on. Berlato replica: «L'area verrà valorizzata»

Il futuro del Parco delle Sorgenti del Bacchiglione è messo in dubbio dalla Lipu di Vicenza. «C'è la possibilità – afferma l'ente ambientalista - che vengano introdotte, all'interno dell'area protetta, l'attività di pesca sportiva a pagamento e un'avannotteria». Dopo che la Provincia ha assegnato

la gestione dell'area, alla Fondazione per la Cultura

Rurale Onlus, il cui presidente è l'on. Sergio Berlato,

la Lipu dunque prende posizione. «Il bando per la

gestione dell'area, a cui ha partecipato solo, e quindi vinto, la “Fondazione per la cultura rurale Onlus”, favoriva palesemente le associazioni fortemente motivate a introdurre nell'area, attività attinenti alla pesca», denuncia la Lega Italiana Protezione Uccelli -. «Questa impostazione è probabilmente uno dei motivi principali che

hanno fatto desistere altri soggetti, estranei alla pesca sportiva, alla partecipazione della gara

di assegnazione. È difficile ad esempio immaginare associazioni ambientaliste, impegnate ad

organizzare competizioni di pesca sportiva all'interno di un'area protetta a livello europeo». La sezione di Vicenza teme quindi che, con il pretesto di valorizzare l'area, potrebbe essere consentita la pesca, seppure in maniera controllata e con tecniche come la “no kill” o la pesca a mosca. «Questi metodi purtroppo, sebbene migliori di altri, per via del disturbo antropico andrebbero ad incidere sulla frequentazione e sull'insediarsi della fauna selvatica», aggiunge

la Lipu. «Non a caso nelle oasi da noi gestite, la pesca è totalmente proibita mentre è stata

notevolmente incrementata la biodiversità». Per Berlato, le preoccupazioni della Lipu sono del tutto ingiustificate. «L'oasi naturalistica del Bosco di Dueville non si trasformerà in un laghetto di pesca sportiva», replica Berlato. «Noi gestiamo già altre aree di similare pregio naturalistico e vogliamo valorizzare questo parco nel rispetto delle normative vigenti, comprese le Direttive comunitarie di riferimento. Non appena riceveremo l'assegnazione formale dell'area da parte della Provincia, provvederemo ad attivarci per garantire, sotto il diretto controllo dell'ente provinciale, una corretta conservazione della zona. Se anche la Lipu vorrà aderire al progetto sarà la benvenuta». M.B.

provinciale, una corretta conservazione della zona. Se anche la Lipu vorrà aderire al progetto sarà la