Sei sulla pagina 1di 38
IRCCS, REGIONE, ITALIA, EUROPA 11 gennaio 2008 CRO Aviano Dott. Luigi Bertinato Servizio per i Rapporti

IRCCS, REGIONE, ITALIA, EUROPA

IRCCS, REGIONE, ITALIA, EUROPA 11 gennaio 2008 CRO Aviano Dott. Luigi Bertinato Servizio per i Rapporti

11 gennaio 2008 CRO Aviano

Dott. Luigi Bertinato

Servizio per i Rapporti Internazionali Socio Sanitari

IRCCS, REGIONE, ITALIA, EUROPA 11 gennaio 2008 CRO Aviano Dott. Luigi Bertinato Servizio per i Rapporti

Regione Veneto

Research: filling the gap Total expenditure on R&D, % of GDP Barcelona Summit, 2001

3,2 Japan: 3.0 3,0 2,8 USA: 2.7 2,6 2,4 2,2 2,0 EU-15: 1.9 1,8 1988 1990
3,2
Japan: 3.0
3,0
2,8
USA: 2.7
2,6
2,4
2,2
2,0
EU-15: 1.9
1,8
1988 1990 1992 1994 1996 1998 2000 2002 2004 2006 2008 2010

SSomomee relevant

relevant inform

informati

atioonn

  • Health sector in EU: 9.3 % of workforce, > 15 M people (retail 13.0 M, business services 13.3m)

  • Health expenditure > 8,5 % of GDP and grow at a pace of 4% a year (faster than EU economic growth) potential to reach 16% of GDP in EU by 2020 (Healthcast 2020 PricewaterhouseCoopers)

  • ICT penetration is low compare to other sectors. There is great potential for productivity gains in health delivery sector if technology, leadership and skills come together

CChhaalllleng

engeess for

for

Europeeanan HHeaeallthth SySystem

Europ

stemss

  • Pressure on healthcare systems

    • Citizens’ expectations for high-quality care

    • Increased prevalence of chronic diseases

      • substantial part of the overall healthcare costs

    • Demographic changes

      • more people will require prolonged care

    • Rising healthcare costs

      • faster than the economic growth itself

  • Require changes in the way:

    • healthcare is delivered

    • medical knowledge is managed & transferred in clinical practice

  • Ricerca

    icerca ee rivo

    rivoluzion

    luzionee info

    inforrmmat

    atica:

    ica: Il passato

    Ricerca

    icerca ee rivo

    rivoluzion

    luzionee info

    inforrmmat

    atica:

    ica: Il futuro

    R icerca icerca e e rivo rivo luzion luzion e e info info r r m

    LL’osp

    ’ospedale

    edale virtuale

    virtuale

    LLee nnuuove

    ove modalità

    modalità di

    di ccoollega

    llegammento

    ento tra

    tra

    ilil sserviz

    ervizioio ssaanntatariorio ee iill tterri

    errittooriorio

    ((citta

    cittadin

    dini)i)

    Emergency Hospita Health Centre l Secure Networks Mobile, Wireless & Broadband Region 2 Region 1 Mobility
    Emergency
    Hospita
    Health Centre
    l
    Secure Networks
    Mobile,
    Wireless
    &
    Broadband
    Region 2
    Region 1
    Mobility

    Pharmacy

    Home

    L L e e n n u u ove modalità di c c o o llega

    mobile PC

    Region 3

    L L e e n n u u ove modalità di c c o o llega

    Le tessere sanitarie intelligenti per

    i 450 milioni di cittadini europei

    Le tessere sanitarie intelligenti per i 450 milioni di cittadini europei Interoperable services behind the National

    Interoperable services behind the National Service Card (CNS) and TS (Health Care Card)

    Fabio Perina

    I “nuovi” cittadini europei…..

    Co Couurrtetessy:y: Mc Mc Ke Keee/Z/Zananoonn
    Co
    Couurrtetessy:y: Mc
    Mc Ke
    Keee/Z/Zananoonn

    Sempre più persone vivono dividendosi tra due Paesi

    Operatori del mondo

    finanziario /dirigenti/ che lavorano nelle grandi capitali e nei Week -end tornano a casa o vanno invacanza in un terzo paese

    Lavoratori pendolari

    (pompiere inglese che vive a Bergamo e lavora a Londra)

    Pensionati dei Paesi del Nord

    che vivono per sei mesi l’anno nel Sud Europa (long term residents)

    I nuovi operatori sanitari europei:

    Professionisti che si muovono

    periodicamente verso i pazienti da uno SM

    ad un altro

    • Ospedali Inglesi hanno stipulato contratti con team chirurgici tedeschi il team chirurgico vola in Inghilterra nei weekends. Ritorna in Germania il Lunedi

    I nuovi operatori sanitari europei: Professionisti che si muovono periodicamente verso i pazienti da uno SM

    Fonte : Mc Kee modificata

    La politiche sanitarie dell’UE: il lavoro della Commissione Europea Brussels, Berlaymont building

    La politiche sanitarie dell’UE: il lavoro della

    Commissione Europea

    La politiche sanitarie dell’UE: il lavoro della Commissione Europea Brussels, Berlaymont building

    Brussels, Berlaymont building

    DG Ricerca: Janez Potocnik Ambiti di competenza:  sviluppo della ricerca e della tecnologia  competitività

    DG Ricerca:

    Janez Potocnik

    DG Ricerca: Janez Potocnik Ambiti di competenza:  sviluppo della ricerca e della tecnologia  competitività

    Ambiti di competenza:

    • sviluppo della ricerca e della tecnologia

    • competitività internazionale dell’industria europea;

    • coordinamento delle attività di ricerca europee

    • sostegno delle politiche dell’UE in altri ambiti quali ambiente, sanità, energia.

    • incentivazione del dibattito pubblico su tematiche di ricerca a livello europeo.

    The European Research Area

    • A global strategy needed for the future of research in Europe

    • Broadbased support at the highest political,scientific and industrial levels

    • Currently being implemented

    National Programmes
    National
    Programmes
    Framework Programme
    Framework
    Programme
    «Open Coordination »
    «Open
    Coordination »
    European Organizations
    European
    Organizations

    European

    Research

    Policy

    INTRODUZIONE AL VII

    PROGRAMMA QUADRO DI RICERCA

    (2007-2013)

    ____________________
    ____________________

    VII Framework Budgets of

    the EU Programmes

    60

    Ū Billion

    50

    40

    30

    20

    13,12

    10

    0

    3,27

    VII Framework Budgets of the EU Programmes 60 Ū Billion 50 40 30 20 13,12 10
    5,36
    5,36

    1984-1987

    1987-1991

    6,6 1990-1994
    6,6
    1990-1994
    1994-1998
    1994-1998
    14,96 1998-2002
    14,96
    1998-2002
    17,5 2002-2006
    17,5
    2002-2006
    48 2007-2013
    48
    2007-2013

    “Cooperation” – Collaborative

    Research – Themes

    Nano, materials, production: 4865 m€ (11%)

    “Cooperation” – Collaborative Research – Themes Nano, materials, production: 4865 m€ (11%) ICT: 12756 m€ (28.5%)

    ICT: 12756 m€ (28.5%)

    Energy: 2951 m€ (7%)

    Environment: 2552 m€ (6%)

    Transport: 5981 m€ (13%)

    Food, agri, biotech:

    2472 m€ (6%)

    Socio-econ research: 798 m€ (2%)

    Health: 8373 m€ (18%)

    Space and security: 3987 m€ (9%)

    Denmark Finland France

    Portugal Spain

    Germany

    Austria

    Kingdom

    Sweden

    Belgium

    United

    Country participation

    EU-15

    1400 FP7-HEALTH-2007-A 1204 Country participation - EU15 1200 986 965 1000 800 Evaluated Selected for funding
    1400
    FP7-HEALTH-2007-A
    1204
    Country participation - EU15
    1200
    986
    965
    1000
    800
    Evaluated
    Selected for funding
    704
    600
    487
    463
    400
    325
    297
    245
    223
    212
    187
    174
    181
    200
    150
    144
    111
    97
    73
    76
    82
    68
    50
    46 50
    24
    18
    9
    0
    6
    0

    EEvvaluat

    aluateded pproropopossals

    als

    Shortrt-lis

    Sho

    -listed

    ted pro

    proppoosal

    salss

    Greece Ireland Luxembourg Italy Netherlands
    Greece Ireland Luxembourg
    Italy Netherlands

    AZIONE COMUNITARIA NEL CAMPO

    DELLA SANITÀ PUBBLICA

    (2008-2013)

    AZIONE COMUNITARIA NEL CAMPO DELLA SANITÀ PUBBLICA (2008-2013)
    DG Salute e Protezione dei consumatori: Markos Kyprianou - Meglena Kuneva Ambiti di competenza:  sanità

    DG Salute e Protezione dei consumatori:

    Markos Kyprianou - Meglena Kuneva

    DG Salute e Protezione dei consumatori: Markos Kyprianou - Meglena Kuneva Ambiti di competenza:  sanità
    DG Salute e Protezione dei consumatori: Markos Kyprianou - Meglena Kuneva Ambiti di competenza:  sanità

    Ambiti di competenza:

    • sanità pubblica

    • sicurezza alimentare

    • salute dei consumatori

    • benessere degli animali

    Strategia della UE in materia di sanità • presentata nel maggio 2000 • nuova strategia sanitaria

    Strategia della UE in materia di sanità

    presentata nel maggio 2000

    nuova strategia sanitaria “Insieme per la salute:

    un approccio strategico per l’UE 2008-2013” (23

    ottobre 2007)

    La strategia non si limita alle attività del settore

    sanitario ma comprende tutti i settori di intervento.

    Obiettivi  1. Migliorare la sicurezza sanitaria dei cittadini;  2. Promuovere la salute per migliorare

    Obiettivi

    • 1. Migliorare la sicurezza sanitaria dei cittadini;

    • 2. Promuovere

    la

    salute

    per

    migliorare

    la

    prosperità e sostenere la solidarietà;

    • 3. Produrre e diffondere conoscenze in materia sanitaria.

     La dotazione finanziaria del programma per il periodo 2003-2008 è di 321,5 M M ilon
    • La dotazione finanziaria del programma per il periodo 2003-2008 è di 321,5

    321,5 MMilon

    ilonii euro

    euro.

    • impegno annuale previsto per le proposte progettuali, circa 44 Mil/Euro).

    • Il primo bando 2008 sarà pubblicato a partire da Febbraio 2008 con scadenza presumibile a metà maggio

    • Nel periodo 2003- 2008 sono stati finanziati 300 progetti.

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI : 1) ADEGUATO E CONTINUO APPOGGIO

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI :

    1) ADEGUATO E CONTINUO APPOGGIO ISTITUZIONALE !
    1) ADEGUATO E
    CONTINUO
    APPOGGIO
    ISTITUZIONALE !

    RRepres

    epresentativ

    entativee OOffice

    fficess ooff ththee

    Veneto/FVG/

    Veneto/F

    VG/CCAARINTHIA

    RINTHIA

    R R epres epres entativ entativ e e O O ffice ffice s s o o
    VVeenniceice
    VVeenniceice

    PROGRAMMI E AZIONI COMUNITARIE

    RAPPORTI ISTITUZIONALI CON L’UNIONE EUROPEA

    PROGETTAZIONE EUROPEA

    • A) Salute Pubblica

    • B) Ricerca e Innovazione

      • C) Azioni Sociali

    • D) Cooperazione allo Sviluppo

    COLLABORAZIONE CON IL GRUPPO REGIONALE ESPERTI EUROPEI

    ATTIVITA’ DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI : 2) UN SISTEMA STRUTTURATO E

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI :

    2) UN SISTEMA STRUTTURATO E ORGANIZZATO !
    2) UN SISTEMA
    STRUTTURATO E
    ORGANIZZATO !

    STSTRUT

    RUTTUTURERE OPER

    OPERATIVE

    ATIVE::

    DIREZIONI

    DIRE

    ZIONI REREGIONAL

    GIONALII -- SESEDI

    DI DI

    DI BRBRUXE

    UXELLELELSS

    ASSESSORATi SANITA’/POLITICHE SOCIALI

    COMMISSIONE

    EUROPEA

    ITALRAP-UE

    ISTITUZIONI

    INTERNAZ.LI

    ASS. SANITA’ E SOCIALE

    Serv. Rapp. Socio Sanitari Internazionali

    Direzione

    Altre Direzioni

    Servizi Sociali

    Regionali

    Sedi di Bruxelles
    Sedi di
    Bruxelles
    ST ST RUT RUT TU TU RE RE OPER OPER ATIVE ATIVE : : DIRE ZIONI
    ST ST RUT RUT TU TU RE RE OPER OPER ATIVE ATIVE : : DIRE ZIONI
    ST ST RUT RUT TU TU RE RE OPER OPER ATIVE ATIVE : : DIRE ZIONI
    ST ST RUT RUT TU TU RE RE OPER OPER ATIVE ATIVE : : DIRE ZIONI

    ULSS/OSSER

    VATORI

    ENTI LOCALI/

    CONFERENZE DEI

    SINDACI/PRIVATO

    SOCIALE

    UNIVERSITA’/

    IRCCS

    ASSOCIAZIONI

    SCIENTIFICHE E

    PROFESSIONALI

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI : 3) PERSONALE IN GRADO DI

    CONDIZIONI FACILITANTI IL RAGGIUNGIMENTO DELL`OBIETTIVO DELLA PARTECIPAZIONE AI FINANZIAMENTI EUROPEI :

    3) PERSONALE IN GRADO DI SVOLGERE LA FUNZIONE : FORMAZIONE APPOGGIO LOGISTICO
    3) PERSONALE IN GRADO DI
    SVOLGERE LA FUNZIONE :
    FORMAZIONE
    APPOGGIO LOGISTICO

    Risultati raggiunti nella progettazione europea

    2000-2007

     

    N°Progetti

    N°Progetti in gestione

    N° progetti in valutazione

    Valore complessivo dei progetti

    Sanità

     
    • 25 12

    2

    25 milioni

    ca.

    Sociale

    6

    4

    1

    1.820.000

    ca.

    Totale

     
    • 31 16

    3

    2277 mili

    miliooni

    ni

    INTERRE INTE RREGG IIIIII ININTTEERRRREGEG IIIIII iintegr tthhrreeee di ststrranandsds (A(A,, B, CC):): INTERREG III INTERREG

    INTERRE

    INTE

    RREGG IIIIII

    INTERRE INTE RREGG IIIIII ININTTEERRRREGEG IIIIII iintegr tthhrreeee di ststrranandsds (A(A,, B, CC):): INTERREG III INTERREG

    ININTTEERRRREGEG IIIIII iintegr

    ntegrates

    ates tthhrreeee di

    diffffererenentt

    ststrranandsds (A(A,, B,

    B, CC):):

    INTERREG III INTERREG IIIA INTERREG IIIB INTERREG IIIC
    INTERREG III
    INTERREG IIIA
    INTERREG IIIB
    INTERREG IIIC

    cross-border

    cooperation

    transnational

    cooperation

    interregional

    cooperation

    Euroregione Alto Adriatica :Veneto-Friuli- Carinthia CARINTHI CARINTHIAA FFRRIUIULILI V. V.GG.. RREPUB EPUBLLICIC OFOF SSLOVENIA LOVENIA VEN
    Euroregione Alto Adriatica :Veneto-Friuli-
    Carinthia
    CARINTHI
    CARINTHIAA
    FFRRIUIULILI
    V.
    V.GG..
    RREPUB
    EPUBLLICIC OFOF
    SSLOVENIA
    LOVENIA
    VEN
    VENETO
    ETO

    BBack

    ackggrroound

    und

    LLaa collab

    collaboorrazio

    azionene trtranansf

    sfrorontaliera

    ntaliera

    • La collaborazione transfrontaliera nel settore sanitario comporta il trasferimento, o lo scambio di persone, servizi o risorse, nonché di informazioni e di conoscenze e know how, tra le Regioni confinanti;

    Fonte: OBS Cap. II, Collaborazione transfrontaliera, Cross-border Health Care

    BBacackgrou

    kgroundnd IIII

    II mo

    movimvimenti

    enti ee gli

    gli scam

    scambbii dei

    dei pprroofes

    fesssion

    ionist

    istii san

    sanititari

    ari

    • La collaborazione transfrontaliera riguarda il

    trasferimento di medici e di altri operatori sanitari

    oltrefrontiera allo scopo di:

    Prestare le cure ai pazienti di un altro Stato

    Membro

    Partecipare ai programmi di formazione

    Scambiare esperienze nell’ambito sanitario

    Condividere esempi di buona pratica con i

    colleghi di un altro Stato Membro.

    Fonte: OBS Cap. II, Collaborazione transfrontaliera, Cross-border Health Care

    Carinthi

    reements

    AgAgreeme

    ices pprov

    ion,, Friul

    altthh Insu

    Venezia

    ezia Giu

    German

    Friulii Ven

    ompani

    Germa

    g/ llong

    Venet

    ellinling/

    Area

    gion,

    Cari

    Giuliliaa ReRegio

    the UpUppeperr AdAdriati

    nthiaa wwithith 22 Ge

    esidenenttss inin the

    Germann Citize

    Citizensns ttraravvel

    ongtteermrm rresid

    rance CCompa

    altthh seservrvices

    nts bbetwetweeeenn tthhee Ven

    nieses onon heheal

    n, aandnd LaLandnd

    etoo RRegegion

    rman HeHeal

    riaticc Area

    rovidideded toto

    Insurance

    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu
    Cari nthi Ag Ag reeme ices p p rov Friul al t t h h Insu

    2007 -- PPalaz

    24t

    SSigignin

    Veneto

    (seat of

    eto Reg

    cal Heal

    Regiioonnal

    of ththee Ven

    Venetoo Reg

    al ggoovveerrnnmmenent)t),, VVeneniicece

    24thh JuJullyy 2007

    Regiioonn anandd ththee

    een tthehe 2222 LLoocal

    ties ooff ththee Venet

    nventiioonn bbetwetween

    Healthth AAuuththoorriities

    alazzzoo BaBallbbii,, (seat

    ningg ooff ththee CoConvent

    Ger

    Germmanan HHeealth

    alth InInsur

    suranancece CComomppananiieess AAOKOK anandd TTKK

    IL CONTRIBUTO DI SANICADEMIA AL DIBATTITO EUROPEO:

    Obiettivo Generale

    Assicurazione della qualità attraverso la formazione ordinaria e continua transfrontaliera nel settore sanitario

    PROBLEMI INCONTRATI

    Difficolt

    Dif

    ficoltàà adad avere

    avere ppeersrsonale

    onale delle

    delle ASL

    ASL dedicato

    dedicato ai

    ai

    pprroget

    ogettiti europei

    europei

    LaLa gest

    gestione

    ione degli

    degli insu

    insuccces

    cessisi

    Difficolt

    Dif

    ficoltàà di

    di coordin

    coordinaammento

    ento ttrara AASLSL per

    per lala crcreaeazzione

    ione dei

    dei

    orzii

    consorz

    cons

    Rapp

    Rappororttoo dirett

    direttoo di

    di alcune

    alcune ASL

    ASL con

    con BBruxell

    ruxelleess (ris

    (rischio

    chio di

    di

    pprreseseenntare

    tare progetti

    progetti simsimili)

    ili)

    LaLa gest

    gestione

    ione amm

    amminis

    inistrat

    trativa

    iva del

    del bud

    budggetet ee dei

    dei coconntratt

    trattii aa

    pprroget

    ogettiti

    ovatii

    apprrovat

    app

    Rapp

    Rappororttii con

    con lele Universi

    Università,

    tà, IIRRCCS,

    CCS, ONG,

    ONG, ii CComomuni

    uni pperer

    ii diversi

    diversi mmodi

    odi di

    di ges

    gestion

    tionee dedelllele risors

    risorsee ee del

    del pepersrsonale

    onale

    Rapp

    Rappororttii con

    con lele Società

    Società ddii consu

    consulelennzzaa

    L L e e 7 7 sfide Europee ne ne l l futuro d d e

    LLee 77 sfide

    sfide Europee

    Europee nenell futuro

    futuro ddeeii Si

    Siste

    stemi

    mi

    SSaanita

    nitariri RRegiona

    egionali:

    li:

    • Libera circolazione dei pazienti nella UE.

    • Libera circolazione degli operatori sanitari nella UE

    • Tessera Europea di assicurazione malattia (TEAM) e le carte elettroniche intelligenti (NETCARDS)

    • Spostamenti per lunghi periodi delle persone anziane del nord Europa verso le località turistiche del sud Europa

    • Numero unico Europeo per le emergenze sanitarie (112)

    • Promozione degli ospedali in Europa attraverso l’istituzione dei centri di riferimento (ex-centri di eccellenza)

    • Entrare nello Spazio Europeo della ricerca

    Gr azi Gr azi e e pe pe r r l l ’at ’at ten ten

    Grazi

    Gr

    aziee peperr ll’at

    ’atten

    tenzi

    zioonnee !!

    Luigi.bertinato@regione.veneto.it

    Martin McKee, 2003

    Gr azi Gr azi e e pe pe r r l l ’at ’at ten ten