Sei sulla pagina 1di 3

Confettura di albicocche

Categoria:Marmellate e Conserve - Marmellate

Informazioni Generali
Preparazione: 20 min Costo: Basso Cottura: 30 min Difficolt: Bassa

Nota Aggiuntiva: + 12 ore di macerazione della frutta + 60 minuti di cottura per la doppia sterilizzazione

La confettura di albicocche un grande classico delle conserve: facile da preparare e gustosissima, sicuramente una delle confetture pi amate e spalmate da grandi e piccini sulle fette di pane tostato, la mattina per colazione. Se pur i tempi e i ritmi della vita moderna non ci consentono pi di preparare prodotti fatti in casa come si faceva un tempo, per la confettura di albicocche si pu fare un eccezione. Approfittate della stagione estiva per procuravi delle albicocche fresche e mature, e dedicate un po di tempo (che meno di quello che si pu pensare) a questa semplice preparazione. In poche mosse avrete i vostri barattoli di confettura per le vostre scorte invernali. Gli usi in cucina di questa confettura sono innumerevoli, ad esempio potete usarla per farcire la famosa sacher torte, delle crepes dolci o ancora delle tradizionali crostate, insomma potete divertirvi a creare le vostre ricette con questa golosa confettura fatta in casa genuina e senza conservanti.

Ingredienti per 2 vasetti da 500 gr (o 4 da 250 gr))


Albicocche 2 kg Zucchero semolato 500 gr Limoni succo di 1

Preparazione

Per realizzare la confettura di albicocche per prima cosa dovete procurarvi dei vasetti in vetro per la conserva, poi procedete a sterilizzarli seguendo la nostra scheda Come sterilizzare i vasetti che trovate qui: Iniziate lavando con cura i vasetti sotto l'acqua corrente (1). Foderate una pentola larga dai bordi alti con un canovaccio pulito e sistemate i vasetti allinterno della pentola . Passate poi attorno ai vasetti uno o pi strofinacci per evitare possibili urti (2). Riempite la pentola di acqua fino a ricoprire i vasetti. Portate ad ebollizione, poi abbassate il fuoco e lasciate i vasetti nella pentola ancora 30 minuti. Dieci minuti prima di scolare i vasetti, immergete anche i coperchi da sterilizzare. Passato il tempo necessario, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare. Quando l'acqua sar a temperatura ambiente, tirate fuori i vasetti dalla pentola e fateli scolare su un panno asciutto (3).

Ora occupatevi della frutta: scegliete albicocche mature e senza macchie (4) (in questo modo eviterete che si formi la schiuma durante la cottura che di volta in volta necessario eliminare), lavate per bene le albicocche e asciugatele su di un canovaccio (5), tagliatele a met (6)

togliete il nocciolo (7) epoi ricavate degli spicchi (8). Ponete gli spicchi in una ciotola capiente aggiungete lo zucchero semolato (9),

spremete il succo del limone e filtratelo attraversono un colino a maglie strette (10), aggiungete anche questo alle albicocche (11) e mescolate con cura con un mestolo (12),

quindi coprite la ciotola con la pellicola trasparente (13) e lasciate macerare il tutto al fresco per una notte intera (circa 12 ore). Trascorso il tempo di riposo, mettete le albicocche in una pentola (14) e portate ad ebollizione mescolando di tanto in tanto (15).

La frutta inizier a sfaldarsi (16), durante la cottura potrebbe rendersi necessario schiumare la confettura, soprattutto se la buccia delle albicocche presenta qualche piccola macchia. Dopo 30 minuti la vostra confettura di albicocche dovrebbe essere pronta (17): prelevate un po di composto con un cucchiaino e lasciatene cadere una goccia su un piatto che deve restare compatta, questa la prova che la vostra confettura pronta (18). Se la goccia scivola via e non risulta compatta, proseguite la cottura per il tempo necessario mescolando frequentemente.

Una volta pronta, distribuite la vostra confettura di albicocche, ancora bollente, nei vasetti aiutandovi con un imbuto ed un mestolo (19). Chiudete ermeticamente i vasetti con gli appositi coperchi (20) e capovolgeteli su un piano (21) per creare il sottovuoto.

Rimuovete i vasetti solo quando saranno freddi, quindi procedete alla seconda sterilizzazione che serve per eliminare eventuali batteri ancora presenti e garantire la formazione del sottovuoto. Procedete come per la sterilizzazione dei vasetti vuoti: pentola capiente alta almeno 40 cm, in cui si possono sistemare i vasetti da sterilizzare dopo averli avvolti uno ad uno in canovacci di tela in modo da evitare che si urtino durante la cottura (22). Si aggiunge una quantit di acqua fredda tale da ricoprire totalmente i vasetti (23) e si porta il tutto ad ebollizione a fuoco vivace. A questo punto si abbassa la fiamma e si continua a far bollire il tutto dolcemente per 30 minuti. Altra cosa importante: aspettate a togliere dalla pentola i barattoli solo quando lacqua fredda. Quando l'acqua sar fredda togliete i vasetti dalla pentola (24) . Etichettateli e disponeteli nella dispensa (in un luogo fresco e al buio) dove la confettura di albicocche dovr restare per almeno un mese prima di poter essere consumata, questo tempo permette di verificare la formazione di eventuali muffe, segno che la sterilizzazione e il sottovuoto non sono andati a buon fine. Trascorso il tempo necessario potete consumare la vostra confettura di albicocca.

Conservazione
La confettura di albicocche si conserva dai 6 ai 12 mesi avendo cura di tenere i vasetti al buio in un luogo fresco e asciutto. Per contenere la confettura, procuratevi dei vasetti a chiusura ermetici non troppo grandi, lideale il vasetto con capacit di 250 ml, poich quando ne aprirete uno, dovrete consumare la confettura in massimo 3-4 giorni anche se le conserverete in frigorifero. Questa preparazione un metodo di conservazione pertanto non necessario congelare i vasetti.

Consiglio
Se state cercando delle ricette per gustare al meglio la vostra confettura eccone alcune: sachertorte,crostata alla confettura di albicocche ,occhio di bue .

Curiosit
Letimologia della parola "albicocca" no certa, lipotesi pi accreditata, per, che la parola di riferimento sia araba ( albarqq ) e che sia stata trasformata poi nel tardo latino praecox, nel senso di "precoce". Da essa deriverebbe la parola "percocca", usata per indicare una variet di pesca e per un ibrido fra pesco e albicocco.