Sei sulla pagina 1di 13

Proemio: la invocazione dubbiosa

Muse Omero Alessandro Verri parla, lui lautore I poeti invocano le Muse nelle loro opere Omero il ricordo attraverso le sue statue Aeropago (collina di Atene) sculture di Fidia Invocazione alle Muse (vergini ed i loro canti purissimi)

A. Verri invece narrer un amore profano che offenderebbe la loro innocenza


L amore terreno di Saffo, misero e sfortunato, non degno di attenzione da parte delle divinit celesti

Saffo Amore Atene


1

Libro I

Capitolo I Faone trasformato

Saffo nasce a Mitilene, isola di Lesbo padre Scamandronimo, madre Cleide contemporanea di Alceo sorella Dorilla Erodoto, padre della storia, lo conferma non era bella, ma era molto intelligente non era mai stata innamorata, aveva sempre scritto versi damore per gli altri in Mitilene viveva Faone, a ventanni non aveva niente di notevole possedeva navi un giorno accompagn una fanciulla a Cipro, attraversando la tempesta, senza chiedere nulla in cambio la donna, che in realt era la dea Afrodite, madre di Amore gli regal un piccolo vaso di trasparente e lucido alabastro con un unguento

ritornato in patria, Faone si cosparse il corpo di quellunguento la pelle cambi colore, la sua bellezza era raggiante

Capitolo II La festa di Mitilene


La fama della bellezza di Faone era giunta in tutta lisola Saffo giurava che mai sarebbe caduta vittima di Amore Luglio-Agosto (Ecatomba) festa di Minerva, sacrifici ed gare di atletica La gara

Vince Achille pi veloce, originario di Tenedo (Turchia)

Capitolo III I cocchi


La gara 6 carri 4 cavalli per ogni carro

Capitolo IV Il lottatore
Esercizi ginnastici in cui Faone era il favorito la disciplina scelta la lotta un Cretese il suo avversario Il salto di Faone fa cadere a terra il suo avversario Faone acclamato dal pubblico vince e il Cretese si allontana umiliato

Capitolo V Il mazzo di fiori


Saffo assisteva al combattimento allimprovviso sent fredde gocce nel cuore e le guance arrossire Saffo era innamorata, Dorilla invece no Saffo voleva avvicinarsi a lui, per ammirare meglio la sua bellezza scese tra la folla entusiasta per la vittoria regal un mazzo di fiori al vincitore recit dei versi poetici

Faone con indifferenza cortese accett i fiori ma vedendo Saffo non prov nulla lei se ne and e lui continu nei festeggiamenti
5

Capitolo VI Il mesto convito


Saffo decide di ritornare a casa amareggiata per la freddezza riservatale da Faone si chiude nella sua stanza allora del pranzo appare triste e senza appetito Scamandronimo e Cleide non lhanno mai vista cos; rivolgono delle domande a lei e a Dorilla racconta lepisodio del mazzo di fiori che Faone poi consegn a una fanciulla Le parole di Dorilla sono come veleno per Saffo che subito ritorna nella sua stanza Rodope ancella di Saffo segue la sfortunata Le rivolge delle domande, ma Saffo non risponde anzi continua nel suo pianto Alla fine arriva Dorilla che invita Saffo a recarsi in unaltra stanza per i lavori di ricamo

Capitolo VII Il ricamo interrotto


L occupazione conserva lanimo tranquillo,come lesercizio mantiene la sanit del corpo Dorilla, Saffo e Rodope sono intente nel ricamo Saffo sta ricamando osservando dei fiori allimprovviso le sembrano gli stessi donati a Faone li afferra e li scaraventa a terra il vaso bianco cade in frantumi Il ricamo sembra noioso e le due sorelle intraprendono il canto, Dorilla alla voce e Saffo alla cetra Rodope porta dei fiori freschi Dorilla ripete il canto di Orfeo per Euridice Dorilla commuove col suo canto Si fa buio e le donne lasciano la stanza

Capitolo VIII Lo sdegno di Venere


Verso il tramonto Saffo era sempre in giardino tra fiori e statue I frutti che Saffo coltivava e i fiori che utilizzava per i suoi ricami Ora per i fiori, i frutti, gli uccellini e lacqua non allietano pi i suo animo
(descrizione dellambiente naturale che la circonda)

Dialogo con Rodope Metafora del fiume che giunge al mare attraverso un percorso angusto Lamore per Faone giunto per in cos breve tempo al suo cuore Chiede a Saffo se Venere sia con lei in qualche modo irritata, di ricorrere a sacrifici E Saffo risponde che forse Venere davvero arrabbiata con lei Tempo prima sua madre le aveva offerto due colombe da sacrificare a Venere e Saffo, impietosita le aveva liberate: Venere dunque arrabbiata con Saffo Allora si avvicinarono a due colombe che allalba sarebbero state vittime sacrificali Saffo triste due volte: per lamore infelice e per la rabbia di Venere Subito calarono le tenebre e mesta Saffo si ritir nella sua stanza

Capitolo IX La notte
Il mondo sta dormendo, ma non Saffo Non riesce a dormire, per lei difficile resistere alla stanchezza del corpo Riemerge talvolta in un delirio tra il sonno e la veglia Rodope temendo che urtasse nel sonno, la trattenne svegliandola per Saffo stizzita per essere stata svegliata dopo aver combattuto per trovare riposo Corse fuori per respirare e ammirare il cielo E al cielo rivolse i suoi pensieri Quando lusignolo inizi il suo cinguettio ed il suo canto arriv lalba Rodope ricorda a Saffo il sacrificio da compiere in onore della dea L aiuta a vestirsi e a pettinarsi e assieme si dirigono verso il tempio della dea

Capitolo X La preghiera del tempio


Saffo e Rodope si dirigono al tempio di Venere Saffo sacrifica le colombe alla dea e prega insieme alla sua ancella Si rivolge a Venere rea di averla fatta innamorare e di non averle donato un po di bellezza Allimprovviso nel tempio arriva Faone che giornalmente soleva pregare per la divinit Saffo nasconde il volto mentre Faone si avvicina alla dea per pregare. Lincenso Saffo lo guarda ed ancora pi innamorata
(dialogo tra i due)

Faone riconosce Saffo e la ringrazia per i fiori e per i versi cos soavi Saffo si congratula con Faone per la sua bellezza e accusa Venere di non averla ricevuta come dono Faone riconosce a Saffo la sublime arte della poesia e ritiene la bellezza secondaria Saffo accenna ad un amore non corrisposto Saffo descrive Faone come libero in amore Faone non daccordo e dice di essere innamorato Saffo incuriosita, crede di essere lamata e chiede chi sia loggetto del suo desiderio Faone risponde Cleonice. E a lei Faone don i fiori ricevuti da Saffo Saffo triste e rassegnata Faone vedendo Saffo cambiare espressione, saluta le due donne e si allontana Saffo e Rodope ritornano alla casa paterna
10

Capitolo XI Il ragionamento domestico


Faone viaggiava per mare come Scamandronimo Si dirige a casa di Saffo per parlare di lavoro grande fu la curiosit di tutti Saffo vede Faone e crede che stia parlando col padre per averla in sposa Faone sta per lasciare la casa, quando Saffo decide di entrare nella stanza Faone per cortesia decide di restare ancora un po Saffo offre a Faone i frutti del suo raccolto ed egli la copre di lodi Faone narra le vicende che lo condussero alla bellezza Tutti lo ascoltavano con attenzione Alla fine del racconto salut tutti e and via

11

Capitolo XII La esortazione paterna


Saffo cerca un indizio dai genitori Scamandronimo rivela a Saffo che la presenza di Faone per un affare di negoziazione per un viaggio in Sicilia Saffo scoppia in lacrime Scamandronimo capisce che la figlia innamorata Saffo dice di essere follemente innamorata Scamandronimo andr da Faone per annunciare le intenzioni della propria figlia

12

Capitolo XIII Il consiglio di Rodope


Saffo aspetta con ansia il ritorno del padre Scamandronimo dopo qualche ora ritorna mesto e silenzioso Faone ha giurato fede a Cleonice Faone grato per la proposta e per lumilt di Scamandronimo, ma non pu accettare Saffo sviene alla notizia del diniego Rinvenuta inizio a urlare e a strappare le vesti prima di ritirarsi nella sua stanza Rodope la segue e cerca di rassicurarla parla della speranza durante un naufragio lunica speranza ora Stratonica solo Stratonica pu svelare a Saffo quale destino lattende

13