Sei sulla pagina 1di 72

Appunti del corso di

Nomadic Communications

di Andrea Prato
trascrizione a cura di Michele Dalla Torre

28 aprile 2009
2
Indice

1 Introduction, general notions and rehearsal of known concepts 5


1.1 Perché “nomadiche”? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2 Access Protocol Rehearsal (APR) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2.1 Random Access Protocol . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3 Architetture e protocolli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

2 802.11 19
2.1 WLAN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2.2 DCF con handshake . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

3 802.11e: QoS and Differentiation in WLANs 41


3.1 HCCF SCHEDULING . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52

4 CAPWAP e 802.11f 61
4.1 801.11f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.2 Architettura AUTONOMA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4.3 Architettura CENTRALIZZATA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4.4 Architettura DISTRIBUITA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.5 Protocollo CAPWAP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.6 AD-HOC, PAN, MESHES, ... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
4.7 Bluetooth . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
4.8 ZigBee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4.8.1 WIRELESS MESH NETWORKS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
4.8.2 VEHICULAR AD-HOC NETWORKS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70

3
4 INDICE
Capitolo 1

Introduction, general notions and


rehearsal of known concepts

1.1 Perché “nomadiche”?

Perché non abbiamo bisogno di usarle mentre ci spostiamo, le vogliamo “intorno” ma non
necessariamente ovunque.

Wireless Network with a Fixed Point of Access

Terminal

Towards other
networks
radio base
Terminal
station
(Gateway or Router)

Terminal

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 14

5
6CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEPT

Ad-Hoc Self Configuring


Wireless Network

Terminal

ohter Terminal Terminal


networks
(Gateway) Terminal

Terminal other networks


(Gateway)
Terminal

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 15

Le comunicazioni nomadiche sono caratterizzate da un primo (secondo, terzo, . . . ) wireless


hop e da una connessione ad una rete globale. Raggio di ricezione corto, solitamente è necessaria
un’autenticazione, sebbene non sia tassativa.

1.2 Access Protocol Rehearsal (APR)


Può essere di tre tipi:

1. a contesa o random access (Aloha, CSMA/CD, Ethernet)

2. ad accesso ordinato (Token ring)

3. a slot riservati (DQDB)

Parametri per valutare le performance:

• throughput (capacità a traffico sostenuto)

• fairness (equità se la risorsa viene condivisa)

• ritardo (accesso, propagazione, consegna)

• numero di stazioni, dimensioni della rete, topologia, ...

1.2.1 Random Access Protocol


Un nodo trasmette senza preoccuparsi se ci sono collisioni. Bisogna quindi fare in modo che le
collisioni vengano notate per poter ritrasmettere il messaggio.
Esempi: Aloha e Slotted Aloha, rispettivamente con efficienza massima del 18% e 37%.
1.2. ACCESS PROTOCOL REHEARSAL (APR) 7

Slotted Aloha
• Time is divided in equl length slots
• Nodes transmit at the beginning of the slot only
• In case of collision retransmit either with
probability p or after a random delay till success

Success (S), Collision (C), Empty (E) slots


LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 21

ALOHA
• Simpler, no slots no synchronization
• Transmission at any time, retransmission too,
only random delay possible after collisions
• Collision probability is increased
– yellow packet collides with other packets in
[t0-1, t0+1]

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 23

Efficienza dovuta alle tante collisioni, quindi instabili: se cariche il throughput va a zero, se
scariche il ritardo è quasi nullo. Il ritardo non è nè garantito nè limitato.
Esempi: Carrier Sense Multiple Access (CSMA)
8CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEPT

CSMA: Carrier Sense Multiple Access


• Conceived to increase throughput
• Stations listen to the channel before
transmitting
– If channel is free: Transmit Packet
– If channel is occupied delay transmission
• 1- persistent CSMA: Immediate transmission on free channel
• 0-persistent CSMA: Retry after a long random delay
• p-persistent CSMA:
– With probability p behaves as 1-persistent
– With probability (1-p) behaves as 0-persistent

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 25

CSMA/CD (Collision Detection)


• CSMA/CD Builds on top of CSMA
– Try to understand when a collision occurs and
stop transmission
– Wasted time is reduced
• Collision detection:
– Easy on wired LANs: Simple power measurement
with threshold comparison between transmitted
and received power
– Practically impossible in WLANs
• Half Duplex
• Power fluctuation/Power attenuation

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 27

Le collisioni possono essere dovuto ad un ritardo di propagazione. La distanza tra le stazioni


gioca un ruolo fondamentale nella probabilità di collisione.
Se la distanza è più grande di quella impiegata nella trasmissione di un pacchetto il carrier
sense risulta inutile.
Esempi: CSMA/CD (Collision Detection)
Anche se una stazione rileva una collisione per breve tempo trasmette lo stesso (jamming),
per fare in modo che anche le altre stazioni rilevino la collisione avvenuta.
Performance ottimali in reti piccole e lente con pacchetti di grandi dimensioni (rete inutile
però!).
1.3. ARCHITETTURE E PROTOCOLLI 9

Parametro fondamentale è il rapporto medio tra tempo di trasmissione ed il ritardo di


propagazione da un capo all’altro.
Esempio: 1-persistente
Spesso preferito su reti scariche con basso ritardo.
Il protocollo è instabile come in ogni protocollo senza correzione delle contese, per introdurre
stabilità si può lavorare limitando la dimensione della rete ed il numero delle stazioni, oppure
introducendo un backoff esponenziale (ad ogni collisione il tempo di attesa raddoppia).
Non è facile introdurre differenziazione del traffico a priorità.

1.3 Architetture e protocolli


Una descrizione astratta di una comunicazione tra due o più utenti richiede un reference model.
Il più alto livello di astrazione di un reference model definisce una network architecture.
Standard di comunicazione definiti da ITU-T e ISO (per oggetti a stesso livello gerarchico).

Definizione. Una network architecture definisce oggetti ed entità usati per descrivere:

• il processo di comunicazione

• le relazioni tra questi oggetti

• le funzioni richieste per la comunicazione

• i modi di organizzazione di queste funzioni

Le moderne architetture sono a livelli: più semplice il design, il management e la standard-


izzazione; vengono separati i vari ambienti.

Function separation: Internet

subnet 1
subnet 2

host 4

applications
router 3
router 2
error control

host 1 routing
host 3
router 1 packets
subnet 4
subnet 3 host 2 transfer

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 34

Definizione. Un protocollo è fatto da:


10CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEP

• semantica (algoritmi)

• sintassi (formati)

• timing (macchina a stati e diagrammi sequenziali)

ISO/OSI reference model


• (Open System Interconnection) is today the
basis (sometimes disregarded for ignorance and
sometimes questioned for philosophy) for any
protocol design, from the physical layer to the
application layer ... to overlay structures such as
web-services and peer-to-peer systems

• We are talking about principles, not the detailed


functionalities and not even the detailed layers,
objects, entities

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 37

Layers

System System
A B
highest layer

(N+1) - layer subsystem


(N) - layer
(N-1) - layer

lowest layer
transmission means

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 40

Definizione. Sono entità gli elementi attivi in un sotto-sistema.


1.3. ARCHITETTURE E PROTOCOLLI 11

Entities
– Active elements in a sub-systems
– Fulfill layer operations
– Interact with peer entities

Sistem System
A B

(N) - layer
(N) - entity

transmission means

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 41

Ogni livello produce servizi al livello n + 1 usando gli stessi servizi di livello n − 1 e funzioni
proprie.
Ogni livello è una black box per il livello superiore: produce il risultato voluto, non importa
come lo si ottenga.
Cambiamenti ai livelli superiori non condizionano quindi i livelli inferiori perché le iterfacce
non vengono mai toccate.
Entità di livelli diversi interagiscono tramite interfacce chiamate SAP (Service Access Point),
mentre interagiscono con entità allo stesso livello su altre macchine tramite protocolli (sempre
dipendenti dalla tecnologia!).

SAPs
(N) - layer

(N)-entity
(N-1) - SAP

(N-1)-entity (N-1)-entity

(N-1) - strato

In Internet we have many different names for SAPs, from sockets


to buffer to simply c-functions non formally named (e.g., the
“ethernet” interface of Linux kernels

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 45


12CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEP

Protocols

System A System B

(N+1) - protocol
(N+1)-entity (N+1)-entity

(N) - service

(N) - SAP
(N) - protocol
(N) - layer (N)-entity (N)-entity

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 46

Ogni livello ha un proprio indirizzo (non solo indirizzi IP dunque) solo che non lo sappiamo
perché gli diamo altri nomi. Tutti questi indirizzi ci servono per fare in modo che i pacchetti
prendano la “corretta strada” fino al livello applicazione.

Indirizzi
(N) - title
(N) - layer
(N) - entity

(N-1) - SAP

(N-1) - layer (N-1) - address

(N-1) - entity

In TCP/IP addresses are named “port”, “protocol”,


depending on the layers.
Notice the differences/similarities with IP-addresses
LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 47

N.B.: ci sono vari tipi di mapping dei SAP, non solo il punto-a-punto.
1.3. ARCHITETTURE E PROTOCOLLI 13

Mapping Types

F G H J K L M

(N) - layer K K L M
C D D E

A B C D E

one-to-one hierarchical tabular

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 48

Le connessioni tra entità allo stesso livello solitamente sono gestite d un negoziato a tre
parti: le due parti in causa più il service provider del livello inferiore (connection oriented
communication).
Questo sistema può essere modificato in negoziato a due parti, dove ognuna delle entità è
messa in comunicazione con il service provider a livello inferiore (connectionless communica-
tion).

Agreements
Three parts agreement:
connection oriented communications

The Three Parts

(N+1) - entity (N+1) - entity

(N) – service provider

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 50


14CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEP

Agreements
Two parts agreement:
connectionless communications

Two parts

(N+1) – entity (N+1) – entity


(N + 1) - entità

Two parts Two parts

(N)(N) - fornitoreprovider
– service di servizio

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 51

N.B.: nel primo caso prima di scambiare i dati voglio stabilire una connessione tra le due
entità, nel secondo no. C’è un accordo implicito che prevede che due entità possano comunicazre
senza setup della connessione.

Connections
• Multiplexing (N) – connections onto a
(N-1) – connection

(N+1) - layer (N) – CEP (Cennection End Point)


(N) - SAP

(N) - layer

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 52


1.3. ARCHITETTURE E PROTOCOLLI 15

Connections
• (N) – connection splitting onto multiple
(N-1) – connections

(N) - CEP

(N) - SAP
(N) - layer

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 53

Definizione. Chiamiamo Protocol Data Unit (PDU) il “patto” dal livello n al livello n-1.

PDU Formation
(N) - PDU

(N) - layer (N-1) - SDU


SAP

interface

(N-1) - PCI (N-1) - SDU


(N-1) - layer

(N-1) - PDU

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 54

Costruiamo il massimo PDU prendendo l’SDU (Service Data Unit) di quel livello ed ag-
giungendo alcune informazioni (PCI) come ad esempio l’header.
I data unit possono essere segmentati o concatenati.
La segmentazione può seguire due “strade”:

• building more (N) - PDU from one (N) - SDU


16CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEP

• generating more (N-1) - SDU from one (N) - PDU


Del tutto simile per la concatenazione.
I protocolli hanno sempre definite due primitive che consentono la comunicazione tra livelli
diversi. Ce ne sono di quattro tipi diversi come si può vedere nelle slides 57-58. A seconda
di ciò che il protocollo deve fare alcune primitive possono non esserci, non è detto che tutte
debbano essere presenti.

Primitives

user user
(N) – service (N) – service

RESPONSE
INDICATION
REQUEST

CONFIRM

(N+1) – layer

(N) - SAP (N) - SAP (N) – layer

(N) - protocol
(N) - entity (N) – entity

(N) – service provider

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 57

Primitives’ Use

Confirmed Service

Service’s Service’s
User User
Service
Request provider Indication
Primitive Primitive

Confirmation Response
Primitive Primitive

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 58

Se per esempio abbiamo un protocollo senza conferma semplicemente non ci sarà il percorso
di ritorno.
1.3. ARCHITETTURE E PROTOCOLLI 17

LAN Protocols

• Standardization process started in the


’80s by IEEE 802 project:
 802.1: LAN Internetworking
 802.2: LLC Sublayer
 802.3: CSMA/CD: Ethernet is a small (1-bit in the
header) variation of 802.3
 802.4: Token Bus
 802.5: Token Ring
 802.6: DQDB (for MANs)

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 62

LAN Protocols
• Work is still going on in many technical committees
and new committees are founded every year (or
close to):
 802.7: Broadband Technical Advisory Group
 802.8: Fiber-Optic Technical Advisory Group
 802.9: Integrated Data and Voice Networks
 802.10: Network Security
 802.11: Wireless Networks (/a/b/g/h/f/s/n/p/...)
 802.12: 100base VG
 802.13: 100base X
 802.15: Personal Area Networks (.1 [Bluetooth] ... .4 (ZigBee))
 802.16: Wireless MAN (WiMax & Co.)
 ...

LoCigno@disi.unitn.it Nomadic Communications – Introduction and Rehearsals 63


18CAPITOLO 1. INTRODUCTION, GENERAL NOTIONS AND REHEARSAL OF KNOWN CONCEP
Capitolo 2

802.11

2.1 WLAN

E’ il passo 11 del processo di standardizzazione dei protocolli LAN.

Un piccolo cenno storico sugli standard precedenti (vedi slides 62-63).

Lo standard WLAN permette l’uso di un’interfaccia tra un client ed una stazione base o
anche più semplicimente tra due clients.

IEEE 802.11 PHY Layer Activities

PHY Layer

IR 802.11 1-2Mbps

2.4GHz FHSS 802.11 1-2Mbps


802.11g 2.4GHz
2.4GHz DSSS 802.11 1-2Mbps OFDM
54Mbps
(approved in
5GHz OFDM 802.11b 5-11Mbps June’03)

802.11d / TG d 802.11a 6-54Mbps 802.11h 5GHz


Regulatory Domain Spectrum
Managment
Update
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 4
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

19
20 CAPITOLO 2. 802.11

IEEE 802.11 MAC Layer Activities


MAC Layer

802.11e / TG e MAC
802.11 MAC Enhanced QoS

802.11f / TG f
Inter-AP Protocol
802.11n/TG n
High Throughput

802.11p/TG p 802.11i / TG i
Mobility/Vehicular Security Mechanisms

Radio Resource 802.11s / TG s


Managment Mesh Networking

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 5
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Definisce i livelli PHY e MAC (il livello LLC è definito in 802.2).


Architetture:

• Basic Service Set (BSS): set di nodi usati dalla stessa funzione per accedere al canale

• Basic Service Area (BSA): area coperta da una BSS (cellula WLAN)

Una BSS può essere configurata in due modi:

• ad-hoc

• con infrastruttura: la BSS è connessa ad una infrastruttura fissa da un controller special-


izzato detto Access Point (AP)
2.1. WLAN 21

WLAN with Infrastructure

• BSS contains:
– wireless hosts
– access point (AP): base
station
• BSS’s interconnected by
distribution system (DS)

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 7
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ad Hoc WLANs
• Ad hoc network: IEEE 802.11 stations can
dynamically form a network without AP and
communicate directly with each other
• Applications:
– “laptop” meeting in conference room, car
– interconnection of “personal” devices
– battlefield
• IETF MANET
(Mobile Ad hoc Networks)
working group

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 8
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Definizione. Extended Service Set (ESS): più BSS interconessi tra loro a livello MAC.

Un ESS può dare accesso alla rete internet attraverso un nodo gateway fissato.
N.B.: non ci sono solo reti ad-hoc o infrastrutturate, anche un mix.
22 CAPITOLO 2. 802.11

Joining a BSS

Scanning Authentication Association

• BSS with AP: Both authentication and


association are necessary for joining a BSS

• Independent BSS: Neither authentication


neither association procedures are required
for joining an IBSS

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 12
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Scanning: operazione con cui la scheda di rete entra in contatto con gli AP.
Può essere di due tipi:

• active: la scheda manda un Probe Request frame, tutti gli AP rispondono con un Probe
Response frame

• passive: la scheda controlla i canali per un Beacon frame (con info di sync) mandato
periodicamente dall’AP

Authentication: può essere di due tipi:

• open system: la scheda manda un frame di autenticazione con la sua identità, l’AP
risponde con ack/nack

• shared key: la scheda riceve la shared key segreta attraverso un canale sicuro (non 802.11)
e la usa per autenticarsi criptandola via WEP

Association: succede ogni volta che vogliamo trasferire informazioni.

• Station (STA) → Access Point (AP): Associate Request frame

• AP → STA: Associate Response frame

Se ci spostiamo da una BSS ad un’altra il vecchio AP informa quello nuovo.


A livello fisico ci sono tre tecniche di accesso:

• infrarossi (IR)

• frequency hopping spread spectrum (FHSS)

• direct sequence spread spectrum (DSSS)


2.1. WLAN 23

Definizione. Spread spectrum

Spettro diverso: meno energia, frequenza più larga.


L’idea è di diffondere il segnale su una frequenza più ampia del necessario in modo da vincere
il rumore.
FHSS: trasmissione su una sequenza random di frequenze.

FHSS
• Not really used anymore
• Frequency band: ISM @ 2.4 GHz
• In the U.S., the FCC has specified 79 ISM
frequency channels with width equal to 1
MHz. Central frequency is @ 2.402 GHz
• 3 channels each corresponding to 1Mbps
with GFSK modulation
• 20 ms dwell time ⇒ 50 hop/s
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 20
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

DSSS:

DSSS (1)
• Radiated power is limited
• Typical values: 85 mW
• Maximum EIRP: 100mW EU, 1W USA
• Frequency band: ISM bands @ 2.4 GHz
• Band divided into 11 (USA) / 13(EU)
overlapping channels
• 3 non overlapping channels, each 11MHz wide
and with spacing 25MHz
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 21
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
24 CAPITOLO 2. 802.11

IEEE 802.11 (Radio) Evolution


802.11 802.11b (Wi-Fi)

Standard approval July 1997 Sep. 1999

Bandwidth 83.5 MHz 83.5 MHz


Frequency of
2.4-2.4835 GHz 2.4-2.4835 GHz
operation

Number of non-
overlapping
3 Indoor/Outdoor 3 Indoor/Outdoor
channels

Data rate per


1,2 Mbps 1,2,5.5,11 Mbps
channel
Physical layer FHSS, DSSS DSSS

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 22
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ogni canale è separato da 5MHz, in questo modo otteniamo tre non-overlapping chan-
nels, grandi 11MHz e distanti tra loro 25MHz. Chiaramente più è l’overlapping, più sarà
l’interferenza.
Funzioni del protocollo MAC:

• allocazione delle risorse

• segmentazione e riassemblaggio dei dati

• indirizzi MAC Protocol Data Unit (MPDU)

• formato frame MPDU

• controllo errori

Ci sono tre tipi di MAC frames:

• control: ACK positivo, handshake per accedere al canale

• data transfer: informazioni che devono essere trasmesse

• management: sync, auth, setup e release della connessione

Trasferimento dati:

• Distributed Coordination Function (DCF): trasferimento dati asincrono per traffico con
tolleranza del ritardo

• Point Coordination Function (PCF): trasferimento dati sincrono per traffico real-time.
Basato sul polling delle stazioni e controllato dagli AP (in realtà non è molto usato).
2.1. WLAN 25

Definizione. Uno slot è un’unità base in cui è diviso il tempo; la durata di uno slot dipende
dall’implementazione del livello fisico (802.11b: 20µs).
Le stazioni sono sincronizzate con gli AP e la sincronizzazione è mantenuta tramite i Beacon
frames.
Chiaramente se la rete è ad-hoc la sincronizzazione avviene tra le stazioni stesse, quindi il
sistema è sincrono.
Definizione. InterFrame Space (IFS): intervallo di tempo tra le trasmissioni dei frames. Usato
per stabilire la priorità nell’accesso al canale
.
Ci sono quattro tipi diversi di IFS:
• Short IFS (SIF S)

• Point Coordination IFS (P IF S) > SIF S

• Distributed IFS (DIF S) > P IF S

• Extended IFS (EIF S) > DIF S


La durata dipende dall’implementazione del livello fisico.
SIFS: per separare trasmissioni appartenenti allo stesso dialogo. Massima priorità.
La sua durata (10µs in 802.11b/g, 16µs in 802.11a) dipende da:
• tempo di propagazione

• tempo di passaggio delle informazioni da livello PHY a MAC

• tempo di switch tra TX e RX mode


PIFS: usato per dare accesso prioritario al Point Coordination (PC). Solo un PC può
accedere al canale tra SIFS e DIFS.

P IF S = SIF S + 1 time slot


dove 1 time slot = 20µs in b/g (long), 9µs in a/g (short).
DIFS: usato dalle stazioni in attesa di un canale libero per la contesa.

DIF S = P IF S + 1 time slot

EIFS: usato da ogni stazione quando livello PHY fa sapere a MAC che una trasmissione
non è stata ricevuta correttamente.
Evita che le stazioni con canali sporchi contamino le performance delle stazioni buone.
Forza la fairness nell’accesso se una stazione non riceve l’ACK (Es. hidden terminal).
Riduce la priorità della prima ritrasmissione.

EIF S = DIF S + 1 time slot

Il problema dell’hidden terminal: tre stazioni, A, B e C. Il raggio di B copre entrambe,


mentre A vede solo B e C vede solo B.
26 CAPITOLO 2. 802.11

A e C ascoltano il canale, non si sentono, trasmettono e quindi collidono. Si risolve con


CSMA/CA con handshaking.
Il DCF è basato sul CSMA/CA: ogni volta che una stazione deve trasmettere qualcosa fa
una prcedura di contesa per avere accesso al canale.

IEEE 802.11 MAC Protocol


Overview: CSMA/CA
802.11 CSMA: sender
- if sense channel idle for
DISF sec.
then transmit entire frame
(no collision detection)
-if sense channel busy
then random access over a
contention window CWmin
(CA)

802.11 CSMA receiver:


if received OK
return ACK after SIFS
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 34
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

IEEE 802.11 MAC Protocol


802.11 CSMA Protocol: others
Overview
• NAV: Network Allocation
Vector
– 802.11 frame has
transmission time field
– others (hearing data) defer
access for NAV time units
– NAV is contained in the
header of frames
– Allows reducing energy
consumption
– Helps reducing hidden
terminals problems

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 35
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
2.1. WLAN 27

Hidden Terminal Effect

• hidden terminals: A, C cannot hear each other


– obstacles, signal attenuation
– collisions at B
• goal: avoid collisions at B
• CSMA/CA with handshaking

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 36
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

IEEE 802.11 MAC Protocol


Overview: Handshaking
• CSMA/CA: explicit channel
reservation
– sender: send short RTS:
request to send
– receiver: reply with
short CTS: clear to send
• CTS reserves channel for
sender, notifying (possibly
hidden) stations
• avoid hidden station
collisions

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 37
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Con i RTS-CTS il problema delle collisioni non è risolto, ma accade con probabilità molto
più bassa in quanto le collisioni possono avvenire solo in quei microsecondi di handshaking.
N.B.: handshaking non è la collision avoidance, serve solamente a risolvere il problema
dell’hidden terminal.
Il problema opposto è quello dell’exposed terminal: se ho due pc che trasmettono, anche
al di fuori del mio TX range, potrei essere esposto alla loro conversazione e trovare il canele
sempre occupato senza che io possa effettivamente interferire.
28 CAPITOLO 2. 802.11

The exposed terminal problem


• Sensing range is normally larger than receiving range
• Terminals may be “exposed” in that they sense the channel
occupied, but cannot compete for it
CS
range

TX
range
bla
bla
bla

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 40
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Non c’è alcuna soluzione! Solo un’attenta pianificazione della rete può evitare il problema!
Distributed Coordination Function (DCF) basic access mode.
Il carrier sense può essere fatto a livello fisico oppure a livello MAC:

• physical carrier sensing: controllo sulle sorgenti di energia

• virtual carrier sensing: l’header del frame indica il tempo rimanente della Channel Access
Phase corrente

Definizione. Network Allocation Vector (NAV): usato dalle stazioni per memorizzare la durata
del frame che sta occupando il canale. Dopo la scadenza il canale diventa idle e chi deve
trasmettere ascolta di nuovo.

Mittente:

• ascolta il canale

• se è idle, aspetta DIFS

• se è ancora idle, trasmette i dati (MPDU)

Destinatario:

• computa il checksum per vedere se la trasmissione è corretta

• se è cosı̀ manda ACK dopo SIFS

• dovrebbe trasmettere ACK sempre con un rate minimo o uguale di quello usato dal
mittente e non superiore a 2Mbit/s, perché non si può sapere se il mittente può ricevere i
dati ad una velocità maggiore di quella che usa e perché potrebbe significare che il canale
non è buono da A a B, quindi perché dovrebbe esserlo da B ad A?
2.1. WLAN 29

Vicini:

• impostano il NAV come descritto nell’header del MPDU:

N AV = M P DU txtime + SIF S + ACKtime

MPDU Transmission

DATA SIFS source


DIFS
ACK destination

others
NAV

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 47
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Perché un pacchetto può non arrivare?

• errori nel MPDU

• errori nell’ACK

• collisioni

N.B.: la ritrasmissione viene ritentata finché non viene raggiunto un numero fissato di
tentativi (probabilmente 10).
Procedura di backoff per la CA:

• se una stazione sente il canale occupato aspetta finché è idle

• quando è libero aspetta DIFS e poi:


computa l’intervallo di tempo di backoff
imposta il backoff counter a quel valore

• la stazione potrà trasmettere quando il suo backoff counter è uguale a zero


30 CAPITOLO 2. 802.11

MPDU Transmission

DATA SIFS source


DIFS
ACK destination

others DIFS CW
NAV backoff

CW=Contention Window
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 50
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Backoff Value
 Integer value corresponding to a number of time
slots
 The number of slots is a r.v. uniformly distributed
in [0,CW-1]
 CW is the Contention Window and at each
transmission attempt is updated as:
 For i=1, CW1=CWmin
 For i>1, CWi=2CWi-1 with i>1 being the no. of
consecutive attempts for transmitting the
MPDU
 For any i, CWi ≤CWmax
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 51
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

N.B.: finché il canale è occupato il backoff counter rimane congelato. Quando invece il
canale è idle il valore del backoff counter diminuisce fin quando:

• il canale resta occupato

• il backoff counter arriva a zero

Se più di una stazione decrementa il suo contatatore fino a zero avviene una collisione. Le
stazioni devono quindi calcolare un nuovo valore di backoff.
2.2. DCF CON HANDSHAKE 31

Basic DCF: An Example

Stations A/C Data ACK


SIFS
Backoff
Station B Data
wait DIFS

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 54
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Se durante il backoff un’altra stazione inizia a trasmettere, il backoff counter non ripartirà
con il valore iniziale, ma il “contatore’ riprenderà da dove era arrivato prima della trasmissione.
Frammentazione dati: un MSDU è frammentato in più di un frame (MPDU) se è più grande
di una certa soglia limite denomiata Framentation Threshold.
Tutti gli MPDU hanno la stessa dimensione eccetto l’ultimo che ovviamente può essere più
piccolo.
L’header PHY viene inserito in ogni frammento. Questo risulta utile se il threshold non è
troppo piccolo.
Gli MPDU (Mac Protocol Data Unit) generati dallo stesso MSDU (Mac Service Data Unit)
vengono trasmessi ad una distanza di SIF S + ACK + SIF S.
Il mittente rilascia il canale quando:

• tutti gli MPDU sono stati trasmessi

• un ACK è andato perso

La Contention Window (il backoff counter), viene incrementata per ogni frammento appar-
tente allo stesso frame che viene ritrasmesso.
N.B.: broadcast e multicast non vengono MAI frammentati!

2.2 DCF con handshake


Viene usata per riservare il canale.
La procedura richiede i frame di controllo Request To Send (RTS) e Clear To Send (CTS),
i quali dovrebbero essere sempre trasmessi alla velocità di 1Mpbs.
32 CAPITOLO 2. 802.11

DCF with Handshaking


• Transmitter:
• send a RTS (20 bytes long) to the destination
• Neighbors:
• read the duration field in RTS and set their NAV
• Receiver:
• acknowledge the RTS reception after SIFS by
sending a CTS (14 bytes long)
• Neighbors:
• read the duration field in CTS and update their
NAV
• Transmitter:
• start transmitting upon CTS reception
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 62
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

MPDU Transmission & NAV

DIFS SIFS

RTS DATA source

CTS ACK destination


SIFS SIFS
others NAV (RTS) CW
NAV (CTS) backoff
DIFS
NAV (data)

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 63
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Point Coordination Function (PCF): usato per servizi che richiedono QoS, non è mai stato
implementato. Si può implementare soltanto in reti con sole infrastrutture (AP = PC).
Le stazioni che operano in PCF mode si dicono CF-aware (CF = Contention Free).
Le stazioni dichiarano la loro partecipazione alla PF phase nell’Association Request. In
base alla richiesta viene costruita la polling list (non specificata dal protocollo ma lasciata al
sistema operativo) che è statica.
2.2. DCF CON HANDSHAKE 33

Superframe and PCF Protocol


TBTT Superframe

Max Contention Free Period


P S S S S Contention
Busy CF-
D1+ D2+AC D3+A Period
Medium B K+Poll +Poll Ack End
Poll
U1+ U2+ACK U3+
ACK ACK
S S
S S
NAV

Reset NAV
• TBTT: Target Beacon Transmission Time
• D1, D2: frames sent by PC D=CF-Downlink
• U1, U2, U3: frames sent by polled station U=CF-UPlink
• B: beacon frame (sent by AP) S=SIFS
P=PIFS
• CFP repetition interval
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 67
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Esempi di frames.

Generic DSSS packet


SFD – Start Frame Delimiter
PLPC – Physical Layer Convergence Protocol

SYNC -56 bits SFD-16 bits

SIGNAL SERVICE LENGTH CRC


8 bits 8 bits 16 bits 16 bits

PLPC – 1Mbps PLPC – 2Mbps PSDU – 2, 5.5, 11 Mbps

96 µs

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 69
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

N.B.: nella fase di sync vengono sincronizzati la frequenza, la fase ed il clock.


34 CAPITOLO 2. 802.11

Example: RTS Frame

Frame
Duration RA TA CRC
Control

MAC Header

• Duration (in µs): Time required to transmit next (data)


frame + CTS + ACK + 3 SIFs
• RA: Address of the intended immediate recipient
• TA: Address of the station transmitting this frame

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 70
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Example: CTS Frame

Frame
Duration RA CRC
Control

MAC Header

• Duration (in µs): Duration value of previous RTS frame − 1


CTS time − 1 SIFS
• RA: The TA field in the RTS frame

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 71
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
2.2. DCF CON HANDSHAKE 35

Example: ACK Frame

Frame
Duration RA CRC
Control

MAC Header

• Duration: set to 0 if More Fragments bit was 0, otherwise


equal to the duration of previous frame − 1 ACK − 1 SIFS
• RA: copied from the Address 2 field of previous frame

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 72
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Some Numerical Values…

• PHYHDR: 16 bytes, transmitted @ 1 Mbps

• MACHDR: 34 bytes, transmitted @ 1 Mbps

– If slot=20µs, PHYHDR+ MACHDR=20 slots

• ACK=PHYHDR+14 bytes , transmitted @ 1 Mbps

– If slot=20µs, ACK=12 slots

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 73
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
36 CAPITOLO 2. 802.11

Detailed MAC Format


(bytes)

Frame Duration Address1 Address2 Address3


Control ID (source) (destination) (rx node)
2 2 6 6 6

Sequence Address4 Data FCS


Control (tx node)
2 6 0 - 2,312 4

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 74
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

MAC Format fields


Bits Notes/Description
Field
Frame
15 - 14 Protocol version. Currently 0
Control
13 - 12 Type
11 - 8 Subtype
7 To DS. 1 = to the distribution system.
6 From DS. 1 = exit from the Distribution System.
More Frag. 1 = more fragment frames to follow (last or
5
unfragmented frame = 0)
4 Retry. 1 = this is a re-transmission.
3 Power Mgt. 1 = station in power save mode, 1 = active mode.
More Data. 1 = additional frames buffered for the destination
2
address (address x).
1 WEP. 1 = data processed with WEP algorithm. 0 = no WEP.
0 Order. 1 = frames must be strictly ordered.

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 75
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
2.2. DCF CON HANDSHAKE 37

MAC Format fields

Bits Notes/Description
Field
For data frames = duration of frame. For Control Frames
Duration ID 15 - 0
the associated identity of the transmitting station.
Address 1 47 - 0 Source address (6 bytes).
Address 2 47 - 0 Destination address (6 bytes).
Address 3 47 - 0 Receiving station address (destination wireless station)
Sequence
15 - 0
Control
Address 4 47 - 0 Transmitting wireless station.
Frame Body 0 - 2312 octets (bytes).
Frame Check Sequence (32 bit CRC). defined in
FCS 31 - 0
P802.11.

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 76
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

802.11g PHY
• Full backward compatibility with 802.11b
• Supports the 802.11b specified data rates of 1,
2, 5.5 and 11 Mbps
• Adds further data rates of 6, 9, 12, 18, 24, 36,
48 and 54 Mbps using OFDM
• Only Tx and Rx of OFDM @ 6, 12 and 24 Mbps
is mandatory
• OFDM uses 52 sub-carriers are modulated using
BPSK, QPSK, 16-QAM or 64-QAM
• Forward Error Correction (convolutional coding)
is used with a coding rate of ½, 2/3 or ¾

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 78
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
38 CAPITOLO 2. 802.11

802.11g PHY
• Improved data rate is paid for with a smaller
transmission range
• Improved data rates apply only to the payload:
useless with small packets (60-80% of Internet
packets are < than 100 bytes!)
• The overall performance is heavily influenced by
the “worst channel syndrome”
• 802.11 MAC shares the channel based on access
rounds not time

Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 79
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ogni rete ha un minimo spanning tree, ma avere una rete esattamente identica al proprio
spanning tree ha due svantaggi:
• collo di bottiglia sul root
• scelta random del root all’interno della rete

IEEE 802.11 (Radio) Evolution


802.11b (Wi-Fi) 802.11a 802.11g
Standard
Sep. 1999 Sep. 1999 Sep. 1999
approval
Bandwidth 83.5 MHz 300 MHz 83.5 MHz

Frequency of 2.4-2.4835 GHz 5.15-5.35 GHz


2.4-2.4835 GHz
operation 5.725-5.825 GHz

Number of
4 Indoor 4 Indoor
non-overlapping
3 Indoor/Outdoor 4 Indoor/Outdoor 4 Indoor/Outdoor
channels

1,2,5.5,11 //
Data rate per 6,9,12,18,24,36,48
1,2,5.5,11 Mbps 6,9,12,18,24,36,48,
channel 54 Mbps
54 Mbps
Physical layer DSSS OFDM DSSS // OFDM
Renato.LoCigno@disi.unitn.it
Nomadic Communications – 802.11 77
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

802.11b: bandwidth divisa in 13 canali con overlap, vedi DSSS. Mettendo in piedi risorse
su canali che overlappano semplicemente distruggiamo le performance perché il Carrier Sense
non funziona più.
2.2. DCF CON HANDSHAKE 39

802.11a: 8 non-overlapping channels indoori, 10 outdoor. Gli Header sono sempre trasmessi
a 6Mps (la più bassa velocità possibile).
802.11g: deve essere backward compatibile con 802.11b. Se abbiamo una rete composta da
stazioni miste potremmo avere problemi di compatibilità perché domina quella più lenta.
Dobbiamo tenere presente che le reti wireless soffrono di un grado piuttosto alto di at-
tenuazione, perché a differenza delle connessioni cablate che possono attenuarsi solo in una
direzione, quelle wireless si attenuano su una superficie.

1
PR ∼ PT equivalenti perché sono uno l’integrale dell’altro
D2
1
ER ∼ 2 ET P = potenza, R = ricevuta, T = trasmessa, E = energia
D
Questi sono valori teorici; in pratica ci sono altre attenuazioni tali che a 2,4GHz abbiamo:
1
ER ∼ ET λ = 12cm
D2,8
e a 5, 6MHz:
1
ER ∼ ET λ = 6cm.
D2,5
La probabilità di errori è proporzionale all’energia per bit:
Eb
PERR ∼ ,
I
dove Eb ∼ ET /bit length e I è l’interferenza.
Chiaramente più alta è la velocità, minore è il bit time e quindi Eb . Quindi gli errori sono
più probabili.
Esempio: se ci muoviamo da 802.11b in 2Mbps a 802.11g in 54Mbps abbiamo una riduzione
di circa 25 volte di Eb .
N.B.: aumentare di k volte la velocità non vuol dire avere 1/k del tempo di trasmissioni!
Miglioramenti sui dati, ma non sull’header.
West channel syndrome: la rete viene dominata dal canale peggiore perché, anche se è
presente uno migliore, hanno entrambi la stessa possibilità di vincere la contesa e nel caso sia
vinta dal canale peggiore il canale rimane occupato per tantissimo tempo. Il problema è ancora
irrisolto, l’unico accorgimento è disegnare bene la rete in modo che stazioni di potenza diversa
non condividano lo stesso Access Point.
40 CAPITOLO 2. 802.11
Capitolo 3

802.11e: QoS and Differentiation in


WLANs

Qos è difficile in 802.11 perché:

• ritardo sul beacon non predicibile (proporzionale, fino a 4,9ms, a dimensione frame)

• durata della trasmissione sconosciuta

• polling list statica

Definizione. Un flusso è uno stream di pacchetti da una sorgente ad una destinazione, ap-
partenente alla stessa applicazione.

Definizione. QoS è un insieme di requisiti di servizio che devono essere mantenuti dalla rete
mentre trasporta un flusso (non ha senso parlare di QoS di un pacchetto, perchè il suo invio è
un’operazione atomica).

Misure di QoS: larghezza di banda disponibile, percentuale di pacchetti persi, ritardo


stimato, packet jitter, conteggio degli hop e path reliability.
N.B.: non ha senso parlare di QoS solo in rapporto ad una trasmissione perché per esempio
QoS di una comunicazione vocale è molto diverso da QoS di trasferimento dati.
Se si vuole introdurre QoS su una comunicazione, bisogna introdurre qualche forma di
controllo dell’input e di blocking per garantire che le performance minime che vogliamo che la
rete abbia non vengano sforate.
Il QoS in rete cablate è molto diverso da quello in reti wireless. In reti cablate è basato
su algoritmi di routing che richiedono un accurato link state ed informazioni topologiche. In
reti wireless ci troviamo di fronte a link a capacità variabile nel tempo, risorse limitate e nodi
mobili.

41
42 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

Service Differentiation MAC Schemes


that lead to 802.11e
Servicedifferentiation-
Service differentiation-
basedMAC
based MACschemes
schemes
Station-based
Station-based Queue-based
Queue-based

DCF-based
DCF-based PCF-based
PCF-based DCF-based
DCF-based PCF-based
PCF-based
ACscheme
AC scheme
Priority-based
Priority-based Per-flow
Per-flow
scheme
scheme
DFS
DFS 802.11e
802.11e
VMAC 802.11e
802.11e HCF
HCF
VMAC Distributed
Distributed EDCF
EDCF
TDM
TDM
Blackburst
Blackburst AEDCF
AEDCF
DCscheme
DC scheme
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 6
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Obiettivi del 802.11 Task Group E:

• migliorare l’802.11 MAC corrente per migliorare e gestire il QoS

• considerare efficientemente i miglioramenti nelle aree dei DCF e PCF

• provvedere diverse classi di servizio (8TC)

PMM uguale (usa a/b/g), MAC migliorato: garantisce differenziazione del traffico, TSPEC
(Traffic Specification) per quando si deve negoziare.

Definizione. QSTA, QAP, QBSS, MCF

• QSTA (QoS Enhanced Station): stazione che usa 802.11e

• QAP (QoS Access Point): un access point che usa 802.11e

• QSTA e QAP lavorano in un QBSS (QoS Basic Service Set)

• DCF e PCF sono sostituiti da HCF (Hybrid Coordination Function)

Definizione. TXOP (Transmission Opportunity)

• il tempo in cui un QSTA ha il diritto di trasmettere

• è caratterizzato da un tempo di inizio ed una durata massima (TXOP Limit)

• usato sia in CP sia in CFP


43

802.11e Coordination Function


• Hybrid Coordination Function, alternates:

• EDCA (Enhanced Distributed Channel Access),


contention based, conceived to support legacy
stations and provide some stochastic level of
differentiation

• HCCA (HCF Coordinated Channel Access),


polling based, provides collision free periods with
guaranteed assignment and deterministic
differentiation

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 11
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

802.11e QoS Mechanisms

802.11e proposes a new access scheme: Hybrid Coordination


Function (HCF), composed of two coordination functions
• Enhanced Distributed Channel Access (EDCA)
– A basis layer of 802.11e; operates in CP
• HCF Controlled Channel Access (HCCA)
– HCCA operates in CFP

CFP CP CFP CP

PCF HCCA
DCF EDCA

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 12
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

(Slide 12: non da intendersi come protocollo a livelli, ma come condivisione del canale in
termini ditempo)

Caratteristiche del MAC-level FEC (Hybrid 1 e 2):


• comunicazione diretta/side traffic
• WARP: Wireless Address Resolution Protocol
• AP mobility
44 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

Side traffic: non siamo più costretti a passare da AP per comunicazioni interne; questo è
un grande vantaggio per throughput!

MAC 802.11e: HCCA

Beacon Beacon

CAP CAP

CFP CP

Beacon Interval (BI)

EDCA

HCCA
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 15
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

CFP fatto apposta per essere backward compatibile e poi viene detto che mischiare i
protocolli è deprecato dagli sviluppatori... -.-’

Definizione. EDCF (Enhanced Distributed Coordination Function) Definisce uno schema di


accesso differenziato basato su uno scehma di contesa migliorato. E’ un’evoluzione del CS-
MA/CA DCF con l’aggiunta delle classi di traffico per supportare il QoS. ECDF supporta frame
con gli stessi 8 livelli di priorità di 802.1d, ma li mappa in 4 categorie di accesso. L’identificatore
di priorità (che varia da 0 a 7) si chiama TCId (Traffic Category Identification).

TCId è scritto in un header del frame MAC. Ogni 802.11e QSTA e QAP devono avere code
separate! Ogni cada AC è FIFO ed è indipendente.
45

802.11e: EDCF

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 18
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Gli AC sono differenziati in base ai loro parametri CSMA:

• IFS

• CWmin

• CWmax

• Backoff exponent

Priorità viene data in base a quanto poco occupano la Connection Window, in modo da
avere vantaggi statistici sulla contesa.
I parametri del procollo diventano vettori:

• CWmin[AC]

• CWmax[AC]

• AIFS[AC]

• bck[AC]

AIFS (Arbitrarion Interframe Space) sostituisce il DIFS. Ogni AIFS è lungo almeno come
un DIFS. Prima di entrare nella procedura di backoff, ogni stazione virtuale aspetta AIFS[AC]
invece di DIFS.
46 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

Arbitraration IFS (AIFS)

AIFS[2]
AIFS[1]
AIFS[0]
(=DIFS) LP

PIFS MP
SIFS
ACK HP

D SIFS
CW (in slots)
defer access count down till idle,
backoff when busy

802.11a: slot=9 µs, SIFS=6 µs, PIFS=15 µs, DIFS=24 µs, AIFS ≥34 µs
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 22
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Backoff
AIFS[2]
AIFS[1]
AIFS[0]
(=DIFS) LPbackoff backoff

PIFS MP backoff
SIFS
ACK HP RTS SIFS
D SIFS CTS
CW (in slots)
defer access count down till idle,
backoff when busy

802.11a: slot=9 µs, SIFS=16 µs, PIFS=25 µs, DIFS=34 µs, AIFS ≥34 µs
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 24
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Contention Window Update:


bck
CWnew [AC] = (CWold [AC] + 1) · − 1.
2
Ogni coda AC si comporta come una virtual station diversa ed indipendente. Se due o più
AC in parallelo nello stesso QSTA raggiungono lo zero insieme, uno scheduler dentro la QSTA
evita la collisione garantendo la TXOP all’AC con UP maggiore. L’AC con priorità più bassa
si comporta come se ci fosse stata una collisione esterna.
47

I valori degli AIFS[AC], CWmin[AC], CWmax[AC] vengono trasmessi all’interno dei beacon
frames (normalmente ogni 100ms). Le stazioni possono usare questi parametri per scegliere
l’access point più conveniente a cui connettersi. Stima delle performance.

802.11e: EDCF – Virtual Collisions

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 28
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Il TXOP è un tempo iniziale più una durata, e la negoziazione può essere per più PDU
aggregate.

CWnew [AC] = 2(CWold [AC] + 1) − 1.

802.11e: EDCF
• Sample allocation of TCId to ACs:
TCID CA Traffic
description
0 0 Best Effort
1 0 Best Effort
2 0 Best Effort
3 1 Video Probe
4 2 Video
5 2 Video
6 3 Voice
7 3 Voice
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 30
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
48 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

Definizione. EDCA BURST una volta che una stazione ha l’accesso al mondo può mandare
più di un frame senza contendere di nuovo. La stazione però non può trasmettere più di TX-
OP Limit. Possiamo avere o ACK ad ogni frame o un BURST ACK. SIFS usato tra i pacchetti
per evitare le collisioni.

Vantaggi:

• maggiore efficienza per tempi di attesa ridotti (SIFS)

• maggiore efficienza per burst ack

• minore overhead

• più fairness sulla stessa coda di priorità: indipendentemente dalla dimensione del frame
ogni stazione prende ogni volta un TXOP.

Svantaggi:

• possibile aumento del delay jitter

• il TXOP Limit non dovrebbe essere più lungo del tempo richiesto alla trasmissione del
pacchetto più grande

N.B.: EDCA non risolve il problema del downlink/uplink fairness.


L’HC può allocare i TXOP per se stesso (QAP) o per le altre stazioni (QSTA). L’allocazione
può essere fatta dopo un P IF S, con P IF S < DIF S. L’HC ha priorità su tutte le altre
stazioni. Con l’HC il tempo è diviso tra contention free periods (CFP) e contention period
(CP) ciclicamente. CF P + CP definisce un superframe period in 802.11e.

802.11e: HCF

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 36
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
49

MAC 802.11e: HCCA

TXOP 1 TXOP 2

Poll + Ack + Poll +


Ack + Ack
Data Data
Data
AP

Ack + Ack +
NAV Data Data NAV
STA1

Ack + CF-
NAV Data Null
STA2
early
channel release

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 37
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

In un CP il TXOP è determinato:

• sia attraverso le EDCF rules (canalelibero + AF IS + BO + T xT ime)

• sia attraverso un poll frame chiamato QoS CFPoll, mandato dal HC ad una stazione

Il QoS CFPoll è mandato dopo un PIFS, in modo che abbia priorità sul resto del traffico.
Il NAV specifica l’intera durata del TXOP, contenuto nel QoS CFPoll per backward com-
patibility.
La Controlled Contention è un mix tra polling e protocollo a contesa. Obbligatorio per i
QAP e opzionale per i QSTA. IL QAP definisce se ci sono risorse per soddisfare le richieste, in
caso schedula il canale. La risposta alle stazioni può essere accettazione, rifiuto, proposta di
risorse a minore priorità.
I requisiti del flusso di traffico sono contenuti nelle TRAFFIC SPECIFICATIONS (TSPEC):

• datarate max, min, medio

• dimuzione max e nominale (=medio) delle MSDU

• maximum service interval e delay bound

• intervallo di inattività

• ...

L’HCCA fornisce effettivamente le politiche e l’accesso deterministico ad un canale con-


trollandolo per mezzo dell’HC. Basato su polling dei QSTA è backward compatibile con il
DCF/PCF base.
50 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

HCCA

Crucial features of HCCA


• HCCA operates in CP and CFP
• Uses TXOPs which are granted through HC (in HCCA!)
– HC allocates TXOPs by using QoS CF-Poll frames
– In CPs, the time interval during which TXOPs are polled
by HC is called CAP (Controlled Access Period)
– 8 Traffic Categories (TCs)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 44
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

HC Behavior in HCCA

• According to HCCA:

– HC may allocate TXOPs to itself to transmit MSDUs


whenever it wants, however only after having sensed the
channel idle for PIFS

– In CP, the HC can send the CF-Poll frame after a PIFS idle
period, thus starting a CAP

– In CFP, only the HC can grant TXOPs to QSTAs by sending


the CF-Poll frame

– The CFP ends after the time announced by HC in the beacon


frame or by the CF-End frame from HC

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 45
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
51

QSTA Behavior in HCCA

• A QSTA behaves as follows


– In CP QSTAs can gain a TXOP thanks to a CF-Poll frame
issued by HC during CAPs, otherwise they can use EDCA
– In CFP, QSTAs do not attempt accessing the channel on
their own but wait for a CF-Poll frame from the HC
• The HC indicates the TXOP duration to be used in the CF-Poll
frame (QoS-control field)
– Legacy stations kept silent by NAV whenever they detect
a CF-Poll frame

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 46
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

802.11e Superframe

802.11e periodic superframe


Contention Free Period, CFP Contention Period, CP
QoS CF-Poll CF-End QoS CF-Poll DATA/ACK
beacon
TX by HC

TX by QSTAs

TXOP TXOP TXOP TXOP

DATA/ACK RTS/CTS/DATA/ACK
(polled by HC) (after DIFS+backoff)

time
During the CP, a TXOP may begin because:
• The medium is determined to be available under EDCA rules
(EDCA-TXOP)
• The STA receives a special polling frame from HC (polled-TXOP)
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 47
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

La Polling List è un punto cruciale in HCCA:

• lo scheduling del traffico (come le stazioni sono ”polled“) non viene specificato

• QSTAs possono mandare update al HC sulla loro coda o sul TXOP desiderato

• QSTAs possono mandare ADDTS request per iniziare un traffic stream

Sono supportati due tipi di signaling traffic:


52 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

• connectionless queue state indicator (arrival rate measurement per esempio)

• TSPEC tra FC e le QSTA (per esempio service negotiation e resource reservation)

Traffic Signaling

• TSPEC are the base for CAC

• QoS without CAC is impossible

• QoS is granted to flows not to packets

• Flows are persistent (normally)

• Flows can be predicted (sometimes)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 50
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

3.1 HCCF SCHEDULING

Come EDCA supporta la differenziazione? E’ abbastanza per le standard proposes? Sono


parametri facili da impostare ed universali? Come lo scheduling polling-based HCCA può essere
implementato? Abbiamo bisogno di avere feedback dalle STA? Come possiamo descrivere il
traffico?
3.1. HCCF SCHEDULING 53

QoS Support issues in legacy 802.11


• DCF is long term fair
• Equal channel access probability among the stations
• Averagely, the same channel holding time (for homogeneous
packet sizes)
• Solution: differentiate packet sizes?
• Solution: differentiate channel holding times?
• NO WAY! QoS is not a matter of how long I hold the
channel
• It means more…
• Need to manage access delay problems for real-time
apps!!!
• Need to modify 802.11 channel access fairness!!!

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 57
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

QoS @ IEEE 802.11 MAC


• 802.11e defines different traffic classes onto map data flows
• Each traffic class behaves as an independent MAC entity
• Differentiated access priority is provided by:
– Giving probabilistically lower backoff counters (CWmin, CWmax, PF)
– Giving deterministically lower inter-frame spaces and backoff de-freezing
times. (AIFSN)
EDCA
AC3 AC2 AC1

AC0 Different MAC Access Parameters


@ each class to differentiate
channel access probability

Backoff Backoff Backoff Backoff


(AIFS[AC]) (AIFS[AC]) (AIFS[AC]) (AIFS[AC])
Backoff based parameters:
Virtual Collision Handler CWmin, CWmax, PF
(manage interal collisions) Channel monitoring based
Grants TXOP to highest priority class
parameters: AIFS
Transmission
attempt
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 58
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Dobbiamo quindi fare performance evaluation su:

• sorgenti omogenee: effettiva differenziazione delle risorse in base ai parametri MAC. Con
la differenziazione reagisce a condizioni di carico diverse?

• sorgenti eterogenee: quali sono i settings più efficaci per gestire gli high-priority delay
requirements?

Abbiamo quindi due contese (slide 58):


54 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

• virtuale tra le AC

• l’AC vincente deve contendere con le altre macchine per accedere al canale fisico

EDCA Performance Evaluation


• Simulations
– Same number of HP and LP stations
– Same packet size (1024 bytes)
• Homogeneous sources scenario
– Saturation conditions for HP and LP stations
• Queues never empty
• Data rate = Phy rate = 1 Mbps
• Heterogeneous sources scenario
– 3 pkts/sec. for HP traffic
– Saturation conditions for LP traffic
• Data rate = Phy rate = 1 Mbps

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 60
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ipotesi 1 (slides 61-62): vediamo chiaramente che variando le dimensioni delle contention
window abbiamo un’effettiva differenziazione del traffico in caso sia a bassa od alta priorità,
ma paghiamo questa cosa in termini di uso totale, ovvero con un uso del canale inefficiente.

CWmax Differentiation (1)


• CWmax(A)<CWmax(B)
– Once reached CWmax (repetead collisions), A
gets access priority over B

Retry #1 Max Retry


A Coll Coll Coll Limit Success

Backoff……
A extracts
B
probablistically a
lower backoff
value due to its
lower CWmax

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 61
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
3.1. HCCF SCHEDULING 55

CWmax Differentiation (2)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 62
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ipotesi 2 (slides 64-65): in questo caso abbiamo una differenziazione soprattutto a bassi
carichi e non paghiamo in termini di efficienza. Basta una collisione per iniziare il processo di
differenziazione.

PF Differentiation (1)
• PF(A)<PF(B)
– once a collision occurs, station A has probabilistically an
higher chance to extract a lower backoff value, thus it may
retransmits first.

Retry #1 Retry #2
A Coll Coll Success A extracts
probablistically a
B Backoff…… Busy lower backoff
value due to its
lower CW

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 64
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
56 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

PF Differentiation (2)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 65
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ipotesi 3 (slides 67-68): differenziazione molto marcata e di nuovo sfortunatamente decre-


menta con la congestione. Il throughput totale è migliorato ancora il che vuol dire che
diminuiamo il numero di collisioni. Sfortunatamente a carichi alti le collisioni interessano
principalmente pacchetti ad alta priorità.

CWmin Differentiation (1)


• CWmin(A)<CWmin(B)
– In average, station A has a lower backoff than B

A AIFS BK=4
Busy Success Thanks to its lower
CWmin, A extracts
B Busy AIFS BK=8 Busy BK Freezing
probablistically a lower
backoff value

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 67
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
3.1. HCCF SCHEDULING 57

CWmin Differentiation (2)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 68
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Ipotesi 4 (slides 70-71): Questa volta finalmente la differenziazione aumenta con il carico.
Purtroppo ancora le performance totali degradano, ma le collisioni interessano principalmente
pacchetti a bassa priorità.

AIFS Differentiation (1)

• AIFS(A)<AIFS(B)
– station A decrements its backoff timer before than
station B

AIFS(A)
A Busy BK=4 Success Thanks to its lower AIFS,
B Busy AIFS(B) BK=4 Busy BK Freezing A starts decrementing its
backoff value before than
B either after busy
channel or idle channel
conditions

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 70
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
58 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS

AIFS Differentiation (2)

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 71
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Migliori risultati si ottengono da sorgenti omogenee, dato che sono ragionevolemtne fissi
possiamo tenere gli stessi valori senza troppe variazioni.
(Slides 73-74)

Heterogeneous Sources: Throughput


• Focus on AIFS and CWmin differentiation, seen to be most effective
CWmin

AIFS

The minimum differentiation effect allows to guarantee HP traffic!!!

Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 73
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino
3.1. HCCF SCHEDULING 59

Heterogeneous Sources: Delay

CWmin

AIFS

1) CWmin more effective to manage delay behaviour than AIFS (see slopes)
2) AIFS differentiation slightly sensitive to load in terms of delay
3) Joint use: delay requirements satisfied with AIFS, throughput managed
via CWmin (because of the maxima)
Renato.LoCigno@dit.unitn.it
Nomadic Communications: 802.111e 74
Thanks: TLC Networks Group – Politecnico di Torino

Conclusioni:

• differenziazione su CWmin e AIFS vanno meglio di PF e CWmax

• CWmin e AIFS mostrano un comportamento complementare:


CWmin degrada a carico alto
AIFS degrada a carico basso

• complesso setting dei parametri

• comportamento difficilmente prevedibile


60 CAPITOLO 3. 802.11E: QOS AND DIFFERENTIATION IN WLANS
Capitolo 4

CAPWAP e 802.11f

ESS and Micro-mobility


• A collection of coordinated IBSS forms an ESS
• The APs in the same ISS can broadcast the
same SSID
QoS proxies,
DNS, WWW,
DHCP Policy HA
Server email...

DS
Signalling AAA
Gateway server

• As far as they are on the same LAN mobility


between APs is allowed seamlessly (nearly)
Nomadic Communications: AP Management 3
Renato.LoCigno@disi.unitn.it

Dobbiamo quindi pensare come coordinare gli AP:

• Network design:

come posizionarli?

come assegnare i canali?

cosa succede se ne aggiungo/rimuovo uno?

• quanto è veloce la riassociazione ad un nuovo AP se mi sposto in un’altra area?

61
62 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

IEEE vs. IETF


• Two main proposal for standardization of an Inter
Access Points Protocol – IAPP

• One in IEEE: 802.11f (already standard ... not much


implemented ) mainly supports coordinated handovers,
802.11r (resource management), 802.11k (fast handover
for vehicular applications)

• One in IETF: capwap (Control And Provisioning of


Wireless Access Points), not yet definitive (RFCs 4118,
4565, 4564, 3990, plus drafts), omni-comprehensive, not
much focused on handovers

• Proprietary solutions (Cisco, Avaya, ... )

Nomadic Communications: AP Management 6


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

4.1 801.11f

Scope & Goals

• Main (unique??) goal is enabling and


simplifying the mobility between APs within
the same ESS

Nomadic Communications: AP Management 8


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

Standard non molto usato, anche a causa delle sue funzionalità limitate.
IAPP è un protocollo a livello applicazione. Può funzionare direttamente su ethernet o su
un multicast IP, ovviamente nel dominio. Lo standard fornisce solo primitive per l’hardware e
richiede esplicitamente la presenza di un Radius server per gestire tutti permessi ed i parametri
degli AP: gli AP devono essere registrati sul server. Usa i MIB standard per accedere alla
gestione dei dati degli AP.
4.1. 801.11F 63

N.B.: logicamente abbiamo 2 radius server distinti: uno che gestisce gli AP ed uno che
gestisce i client.
Da ricordare che IAPP non è un protocollo di routing ed assume un Distribution System
802-based. Inoltre IAPP non concerne la consegna dei dati dell’utente (cioè non li vede) e non
è considerata nemmeno la gestione degli indirizzi che si suppone siano validi.
IAPP può invece memorizzare una tabella degli AP fisici adiacenti: importante per sup-
portare gli handover.
N.B.: se IAPP è usato tutti gli AP con lo stesso SSID sullo stesso DS appartengono allo
stesso ES. Questo perché utilizzando un singolo multicast tutti gli AP possono parlare tra loro.

IEEE 802.11f: primitives (examples)

• IAPP-INITIATE/ADD/TERMINATE: create an
ESS, add a node (1 AP) to it, terminate one node
• IAPP-MOVE.request/indication(STA,AP1):
indicates on the multicast group that STA re-
associated with AP1
• APP-MOVE.response/confirm(STA,AP1,AP2):
transmit all information relevant to STA from
the old association AP2 to the new association
AP1

Nomadic Communications: AP Management 11


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

Capwap non è un’alternativa a nessun standard 802.11. Richiede la prospettiva di ”wide-


network“ piuttosto che di ”local-network“ come nell’802. E’ piuttosto un’alternativa al 802.11f,
fornisce un’interessante classificazione delle differenti soluzioni WLAN supportate dall’802.11.

Definizione. WTP (Wireless Termination Point) è un punto di accesso wireless alla rete. Può
non implementare le funzionalità di un AP, spesso chiamato thin-AP.

Definizione. AC (Access Controller) è un punto centralizzato di controllo se più WTP sono


controllati insieme da un’unità di backend.
64 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

capwap functions
• RF monitoring
– radar detection
– noise and interference detection
– measurement.
• RF configuration
– for retransmission
– channel selection/assignment
– transmission power adjustment
• WTP configuration
• WTP firmware loading (e.g. granting network wide consistency)
• Network-wide STA state information
– information for value-added services
– mobility and load balancing.
– ...
• Mutual authentication between network entities

Nomadic Communications: AP Management 15


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

4.2 Architettura AUTONOMA

Ogni WTP è un singolo dispositivo fisico, un AP come lo usiamo tutti i giorni. Implementa
tutti i servizi 802.11, puà essere controllato e configurato individualmente. Può essere moni-
torato e gestito con protocolli di rete come SNMP. Questi WTP sono anche chiamati Fat AP
o Standalone AP.

4.3 Architettura CENTRALIZZATA

Uno o più AC controllano molti WTP. Questi AC possono essere considerati punti di ag-
gregazione, spesso locali con uno switch, un bridge L2 (Access Bridge) o un router L3 (Access
Router). Molto meglio gestibili per reti scalabili.
Le funzioni di CapWap e 802.11 sono fornite da WTP e AC insieme! I WTP non possono
più implementare completamente le funzioni 802.11.
I WTP sono anche chiamati light weight o thin AP.
4.3. ARCHITETTURA CENTRALIZZATA 65

capwap WLAN arch: centralized

BSS
BSS22
BSS
BSS33
BSS
BSS11 WTP 2
WTP 3
WTP 1

interconnection

Internet
Internet
AC

Nomadic Communications: AP Management 18


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

capwap centralized: protocol view


• Interconnection can be L3, L2 or even direct physical
connection
• AC can be distributed over several physical devices
• Can support 3 different protocol architectures

capwap
capwap functions capwap
AC AC
functions non RT functions
802.11 MAC AC
802.11 MAC real time 802.11 MAC
WTP 802.11 MAC
WTP
802.11 PHY 802.11 PHY 802.11 PHY WTP

“local MAC” “split MAC” “remote MAC”

Nomadic Communications: AP Management 19


Renato.LoCigno@disi.unitn.it
66 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

capwap centralized: AC-WTP Interface


• Discovery: The WTPs discover the AC with which
they will be bound to and controlled by
• Authentication: WTPs must authenticate with
AC (and possibly vice-versa)
• WTP Association: WTP registers with the AC
• Firmware Download: WTP pull or AC push the
WTPs firmware
• Control Channel Establishment: The WTP
establishes an IP- tunnel with the AC
• Configuration Download: AC push configuration
parameters to the WTP

Nomadic Communications: AP Management 20


Renato.LoCigno@disi.unitn.it

Problemi ”remote MAC“: possiamo avere problemi di delay perché la parte realtime del-
lo stack è implementata sull’AC (remoto). Per grandi reti il CSMA non funziona più, in
questo caso la soluzione migliore è split MAC. Remote MAC è una buona soluzione per le reti
domestiche.
(Slide 23)

4.4 Architettura DISTRIBUITA


I nodi wireless possono fare una rete distribuita, sia a mezzo cablato che non. Un esempio è una
rete mesh wireless. Alcuni di questi nodi chiaramente possono avere una connessione ethernet
verso l’esterno.
(Slide 25)

In questa soluzione gli AP (o mesh nodes) sono peer e non c’è una gestione centralizzata.
E’ quindi necessario trovare un protocollo IAPP ed algoritmi distribuiti interessanti.
N.B.: le meshes wireless possono risolvere problemi di copertura in aree remote e possono
estendere, migliorare ed ”elasticizzare“ l’accesso ad internet.

4.5 Protocollo CAPWAP


Concepito per architetture centralizzate, local e split MAC solamente. Esegue sopra IP.
Indipendente dalla tecnologia RADIO, richiede bindings per mappare le tecnologie.
Ha comunicazioni Data e Control. I WTP non sono indipendenti, tutto il traffico è central-
izzato sull’AC.
(Slide 28)
4.6. AD-HOC, PAN, MESHES, ... 67

Obiettivi:
• centralizzare le autenticazioni: AC fa bridging, forwarding ed encryption. Costi ridotti
per WTP e maggiore efficienza
• alleggerire i WTP dal prcessing di protocolli di alto livello
• definire un encapsulation generico ed un meccanismo di trasporto indipendente dalla
tecnologia
Traporto: come incapsulazione UDP, costruito su DTLS (Datagram Transport Layer Secu-
rity). Non ancora sviluppato completamente, con strato crittografico per servizi connectionless.
Sessione di connessione WTP-AC:
• autenticazione
• connessione
• operazione (indefinita)
(Slides 31-32)

4.6 AD-HOC, PAN, MESHES, ...


Reti ad-hoc: reti costruite per supportare specifiche necessità. Generalmente chiuse, ma entrano
in gioco gateway per connetterle con l’esterno.
N.B.: diverso da AP, perché solitamente è l’AP che ”costruisce“ la rete con i pc che si
autenticano, in questo caso abbiamo rete costruita on the fly con gateway.
Punto chiave è costruire e supportare dinamicamente la topologia on-the-fly. Non abbiamo
pianificazione o gerarchia.
Un particolare tipo di reti ad-hoc sono le reti di sensori WSN (Wireless Sensor Network):
devono effettuare misure (sensing) ed in caso reagire a qualche evento/cambiamento (acting).
Normalmente vengono alimentate con batterie, quindi è posta molta attenzione sul consumo di
energia. Fondamentali per il concetto di Ambient Intelligence.
L’idea di reti ad-hoc nasce in USA per scopi militari: ogni soldato fa da nodo e si può
coordinare con i colleghi ed i veicoli armati in modo da non ammazzarsi a vicenda.
Scopi civili per reti di questo tipo sono per esempio per comprendere il comportamento di
grandi incendi (capire come si sta muovendo, il calore sviluppato, ecc.).
Personal network: reti con range molto ridotto (1-5m) e con potenza estremamente bassa
(minore di 10mw). Sottoprogetto di 802.15. Obiettivi:
• auricolari con cellulare/hi-fi/TV
• PDA, cellulari, orologi, sveglie, laptop
• mouse, tastiera, laptop
802.15.1 Tecnologie di questo tipo sono per esempio Bluetooth (master/slave architecture,
comunicazioni real-time) oppure 802.15.4 ZigBee (meshed architecture, bassi consumi).
Propositi (non ancora standard):
68 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

• rounting: come trovare la rotta migliore in una rete ”temporanea“? Come coordinarsi?

• gestione della topologia: cooperazione tra i nodi, come ricercare i nodi che usano le risorse
dagli altri

• usage context: uso civile di queste risorse è possibile ma è davvero necessario?

4.7 Bluetooth
RF: (Slides 8-11)
La trasmissione salta con un pattern pseudorandom sui 7s carrier. Necessità di sincronia
per effettuare comunicazione.
Supponiamo di avere una rete a 3 canali come segue: (disegno) Se uso il canale 2 il protocollo
bluetooth interferisce più di 500 volte al secondo. C’è un sistema per evitare di usare i carrier
che non trasmettono a causa di interferenze.
Le interferenze con il 802.11 si possono spiegare guardando i power levels: in una trasmis-
sione wireless è costante mentre in quella bluetooth c’è un impulso breve ma molto forte che
”copre“ il segnale wireless.
Baseband: (Slides 13-14)
L’inquiry-scan protocol è importante perché definisce i limiti del bluetooth in quanto è molto
lento e quindi l’ingresso/uscita dei nodi dalla rete è un processo lungo (secondi).
(Slides 15-17) Serve per attivare i nodi, passaggio da parked ad active.
Non vengono usati inidirizzi lunghi perché avendo hop da 615µs (corti) se avessi indirizzi
più lunghi spenderei troppo tempo a mandare gli header (grigi e rosa). (Slides 18-20)
N.B.: lo standard prevede comunicazione tra piconets (scatternet) ma non c’è un’imple-
mentazione reale.
Problema: i nodi che stanno in due reti devono comprendere allo stesso tempo i pattern
delle due reti, che chiaramente sono diversi. Bande immediatamente dimezzate (la metà del
tempo ascolta da una parte, l’altra metà dall’altra). Bottleneck! (Slide 22)
Link management: (Slides 24-25) In low power mode invece di essere in ascolto continuo
ascolta ogni tot pssando da parking ad active.
Sicurezza: (Slide 26-27) N.B.: la procedura di autenticazione non è criptata, quindi quando
non serve è meglio spegnerlo.
L2CAP (Logical Link Control and Adaptation Protocol) fornisce:

• multiplexing

• segmentazione e riassemblamento

• negoziazione del QoS

(Slide 31)
SDP (Service Discovery Protocol): serve per connettersi a dispositivi remoti e fare query
per servizi (ricerca di classi di servizio o browse alla ricerca dei servizi).
Fornisce gli attributi che descrivono dettagliatamente come connettersi al servizio. E’
necessario stabilire una connessione separata (non-SDP) per accedere al servizio.
RFCOMM: emula le parti seriali su un protocollo packet oriented.
4.8. ZIGBEE 69

4.8 ZigBee
Alleanza commerciale tra industrie per l’automazione e controlli di componenti elettronici,
periferiche PC, monitoraggio medico e giocattoli. Particolare attenzione a:

• semplicità

• durata della batteria

• networking

• reliability

• costi

L’alleanza fornisce interoperabilità e certificazione di testing. (Slides 39-43)


Possiamo trovare 3 tipi di topologie principali ma in realtà ce ne sono molte altre:

• star

• cluster tree

• mesh

(Slide 44)
A livello MAC abbiamo 2 meccanismi di accesso al canale:

• non-beacon network: abbiamo standard comunicazioni CSMA/CA, con ACK positivi per
i pacchetti ricevuti

• beacon-enabled network: abbiamo una struttura o superframe. Pensata per bande dedi-
cate e basse latenze. Il coordinatore viene impostato per trasmettere i beacon a intervalli
fissati (ogni 16 time slot). Da 15ms a 252s. Accesso a canale ogni volta che slot è libero
da contesa.

(Slides 46-48)
ZigBee vs Bluetooth E’ inutile confrontarli, sono destinati a diversi usi ed a diverse aree di
mercato. (Slide 50) Bluetooth è un ”rimpiazzo ai fili“ in telefoni, laptop, ...
Per quanto riguarda i consumi, bluetooth è costosissimo in termini di consumi, mentre
ZigBee è migliore per dispositivi dove la batteria viene cambiata raramente.
(Slide 61)
ZigBee: pensato cicli poco costosi ed ambienti dinamici con molti nodi attivi.
Bluetooth: pensato per garantire alto QoS, cicli di costo variabile, data rate moderati in
reti semplici con pochi nodi attivi.
70 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

4.8.1 WIRELESS MESH NETWORKS


(Slides 64-65)
Mesh gerarchiche:
• possibilità di avere un backbone

• possiblità di avere strategie di routing nella scelta del gateway sia a livello client sia a
livello backbone
Le backbone sono collegamenti tra nodi fissi lunghi anche molti km. Copertura facile ed
economica.
N.B.: se perdiamo una mesh siamo tagliati fuori dalla comunicazione oltre quella mesh.
Dobbiamo essere sicuri di poter ripristinare il tutto in fretta.
(Slides 70-74)
Scenari (Slides 76-78)
Quando ci spostiamo da una mesh all’altra la connessione cade!
In questo caso possiamo avere più di un gateway verso l’esterno, è necessario un routing flow-
based per evitare colli di bottiglia. E’ anche necessaria coordinazione per gestire gli indirizzi in
modo che non ci siano duplicati. Le WDS possono essere multi-hop.

4.8.2 VEHICULAR AD-HOC NETWORKS


Reti non ancora realizzate salvo per dimostrazioni. Recenti progressi nelle tecnologie di local-
izzazione (GPS) e comunicazione le hanno rese tecnicamente realizzabili.
Interessi:
• da parte delle authorities per ridurre gli incidenti

• da parte delle fabbriche di auto per aumentare la sicurezza


Il focus è sulle reti wireless per comunicazione tra veicoli e tra veicoli ed unità a lato della
strada.
N.B.: non possiamo parlare di cellular network in questo contesto perché i tempi di co-
municazione sono troppo elevati. Prima che le macchine possano comunicare è già avvenuto
l’incidente.
(Slide 6)
Da notare che non rendono la guida automatica, aiutano il guidatore dando avvertimen-
ti/consigli.
Problema: bisogna convincere tecnici e scienziati a lavorare insieme ma troppo spesso accade
solo se gli eventuali risultati portano un sacco di soldi.
Secondo problema: il sistema di guida aiutato richiede che almeno il 50% delle auto montino
il sistema. Si potrebbe installarlo come add-on?
(Slides 12-14)
Fluidità: quando un liquido viene immesso in un tubo, se è troppo la velocità diventa
altalenante. Trasliamo la cosa sull’autostrada e diventa pericoloso: per questo è il caso di
rallentare le auto che arrivano in modo che la congestione si risolva e le macchine possano
tornare a velocità normale.
(Slide 16)
4.8. ZIGBEE 71

Safety vs Efficiency: il target potrebbe essere l’efficienza, purchè sia altamente safe.
(Slide 21)
Questa curva ci dice in qualche modo quanto è buona la nostra infrastruttura: scopo della
guida cooperativa è portare il picco massimo di uncongested più in alto, cioè aumentare la
capacità del sistema.
(Slide 22)
Chiaramente le simulazioni non sono abbastanza, abbiamo bisogno di modelli (dati topo-
logici, dati sul flusso di veicoli, ...) la cui validazione e calibrazione richiede tempo.
(Slides 24-26)
(Slide 25): inutile, tantno non lavoriamo in un ambiente cosı̀ semplice
Modelli probabilistici risultano più realistici perché includono aspetti come il fading o il
shadowing model (log-normal shadowing). Vengono introdotte le nozioni di CS range e di
communication range.
(Slides 28-30)
Le frequenze usate sono 5,8-5,9GHz. Brevi distanze, non certo chilometri (al massimo 1km).
La banda è licenziata per evitare troppe interferenze.
(Slides 34-36)
Implementando reti veicolari dobbiamo però sempre tenere presente che bisogna rispettare
sempre i vincoli di pseudo real-time.
(Slides 37-38)
OBU: On Board Unit RSU: Radio Service Set
Abbiamo bisogno di Management Entities (ME) perché dobbiamo differenziare diverse
richieste per diverse applicazioni (non accade in wlan).
802.11p: dobbiamo definire modi 802.11 per:

• cambiare rapidamente PHY

• avere scambi di informazioni brevissimi (molto meno tempo di ad-hoc)

Va assicurato il numero di specificazioni minimo per garantire l’interoperabilità.


802.16.20: Slide 40
CALM
(Slides 41-42)
Sistema di messaggi molto semplice basato principalmente su infrarossi. Data rate da 1
a 128Mbps (centinaia di messaggi al secondo). Basta mettere dispositivi a bordo strada che
illuminano carreggiata e dispositivi su auto come telepass: poco costoso. Funziona già in
estremo oriente, sarebbe facilmente convertibile in uno standard.
Esempio:

• 11 veicoli per Km e corisa

• ogni veicolo vuole mandare 10 pacchetti al secondo

• 500 pacchetti

Qual è la probabilità che i miei pacchetti vengano ricevuti correttamente?


(Slides 45-46)
Strategie di comunicazione per safety:
72 CAPITOLO 4. CAPWAP E 802.11F

• Periodic messages (”Beacons“): ottenere informazioni locali con 1 hop broadcast

• Event-driven messager (”Emergency message“): l’informazione ha bisogno di essere dira-


mata (incidente). Information dissemination (multi-hop).

Bisogna aggiustare il rate o la potenza in modo da avere probabilisticamente la massima


probabilità di ricezione.
(Slides 48-51)
Architettura: (Slides 54-56)
N.B.: spesso per ottimizzare le prestazioni di rete usiamo un sacco di risorse sulla rete
piuttosto che sulle applicazioni. In questo caso non possiamo farlo, siamo dipendenti dalle
applicazioni per l’aiuto alla guida.
(Slides 57-62)
Simulano il protocollo per valutare le performance. Attenzione però, alcune cose simulate
in simulink non sono fisicamente realizzabili!
Per mostrare l’impatto sulla sicurezza è sufficiente simulare situazioni con o senza aiuto alla
guida e inferire sul numero di incidenti.
Grossissimo problema: (Slide 65) Facile con figura completa, ma con informazioni parziali,
pochissimo tempo e automaticamente è tutta un’altra cosa.
Sicurezza: dobbiamo garantire:

• integrità (di messaggi)

• identification (di utenti o dispositivi)

• non-repudiation (di messaggi)

Ed allo stesso tempo va garantita la privacy:

• users’s protection (notifiche delle violazioni)

• anti-tracking (evitare di tracciare macchina e i loro movimenti)

Questo è un problema tuttora aperto.

Potrebbero piacerti anche