Sei sulla pagina 1di 4

Simonetta Vespucci

viene ricordata come una delle donne pi belle del Rinascimento, tanto da essere raffigurata in molte opere (fra cui la famosa Nascita di Venere di Sandro Botticelli). Nacque nel 1453, ma si incerti sul luogo: forse Genova o forse Portovenere (della quale si dice abbia preso il nome proprio dalla nascita della Vespucci, ma in realt il nome risale all'epoca romana). Nel 1468, a quindici anni, si spos con Marco Vespucci (cugino del famoso Amerigo) e si trasfer a Firenze con il marito: la coppia venne accolta nella nobilt fiorentina, attirando subito l'attenzione per l'avvenenza della giovane, che si attir le simpatie anche del popolo fiorentino. Fra le persone innamorate di lei, spicca Giuliano de' Medici, fratello di Lorenzo: non ancora ben chiara la dinamica amorosa fra i due, c' chi parla di "amor cortese", chi di una vera e propria storia d'amore. Di certo c' che lo stesso fratello di marco, Pietro Vespucci, scrisse a Lucrezia Tornabuoni parlandole delle frequenti visite che Giuliano era solito fare a Simonetta. L'amore fra i due venne celebrato nel 1475, in occasione della Giostra di Giuliano: un torneo in piazza Santa Croce nel quale Giuliano si present con uno stendardo dipinto dal Botticelli su cui era raffigurata la stessa Simonetta e il motto "La Sans Pareille" (la senza pari). Giuliano vinse, e dedic la vittoria alla bella Simonetta. Purtroppo, la giovane ebbe vita breve: il 26 aprile 1478 mor di tisi. Il suo funerale venne seguito da tutti i fiorentini, i quali poterono ammirare la sua bellezza per un'ultima volta: la bara infatti venne portata in processione, scoperta, per tutta la citt.

Piero di Cosimo Cleopatra (Simonetta Vespucci) Olio su tavola, 57x42 Chantilly, Muse Cond

Sandro Botticelli Ritratto di Simonetta Vespucci 1480 - 1485 circa Tempera su tavola, 82x54 cm Francoforte, Stadel Museum Simonetta ha al collo una gemma con raffigurati Apollo e Marsia: si tratta di una gemma che figurava nella collezione di Lorenzo il Magnifico, a significare l'appartenenza alla famiglia. Stessa cosa si pu dire delle piume che ha fra i capelli: le piume rappresentano l'emblema di Lorenzo e della famiglia Medici.

Sandro Botticelli Ritratto postumo di Simonetta Vespucci 1476 - 1480 Tempera su tavola, 47,5x35 cm Berlino, Dalhem, Kaiser Friedrich-Museums-Verein

Sono ancora all'inizio anche perch vorrei concludere quelle su Botticelli, Clarice Orsini e Giovana degli Albizzi. Avrei sempre voluto sapere qualcosa di pi sulla sorellastra di Simonetta, Battistina, so per che ha circa pi di 8 anni ed la madre di Semiramide Appaini, nipote di Simonetta e moglie del cugino di Lorenzo de' Medici, Lorenzo di Pierfrancesco deMedici , nata il 1464 (prima della mroet di S.) e morta il 9 marzo 1623, e da lui ebbe 5 figli: Pierfrancesco (22 novembre 1485 - agosto 1525), Averardo (1488 - 1495), Laudomia, Ginevra e Vincenzo.

Simonetta Cattaneo nasce nellanno 1453 a Fezzano nel comune di Porto Venere a La Spezia, nella regione della Liguria: secondo un paio di fonti, il giorno di nascita risulterebbe il 28 gennaio. Suo padre, Gaspare Cattaneo della Volta, fu nominato due volte anziano della repubblica di Genova, ma dalla madre da cui derivano le pi nobili origini: era conosciuta come Cattocchia Spinola de Candia, anche se alcune informazioni la identificano come Chateroccia di Marco Spinola oppure Caterina (traduzione di Cattocchia) Violante Spinola di Obizzo, e da come si pu capire dal cognome, derivava dai Spinola, una

delle quattro famiglie che contrassegnarono la vita della Repubblica di Genova (insieme ai D'Oria, ai Fieschi di Lavagna e ai Grimaldi) essendo una tra le pi antiche e importanti: nel Medioevo furono di fazione ghibellina e fond la propria ricchezza nellacquisizione di terre, mercatura e finanza. La madre di Simonetta derivava anche dai de Candia (anche variante dialettale de Candie, Gancia o Candida), antica famiglia di origine Longobarda discendenti di Desiderio di Brescia. Cattocchia Spinola era gi vedova di Battista Campofregoso (conosciuto anche come Giano di Campofregoso o Battista I Fregoso), doge si Genova nel 1437 prima del suo secondo matrimonio. I Campofregoso furono esiliati da Genova nel 1457 e il doge di Genova, Pietro Campofregoso, mor il 1459. I Cattaneo trovarono rifugio nella citt di Piombino da Jacopo III Appiani, marito di Battistina Campofregoso, la sorellastra di Simonetta poich figlia del primo matrimonio di Cattocchia.
Giovanna Lazzi, Paola Ventrone, Simonetta Vespucci: la nascita della Venere fiorentina, Edizioni Polistampa, 2007 Edizione con DVD allegato per questo studio su un'importante donna "dei Medici".