Sei sulla pagina 1di 11

LINEE ELETTRICHE

Appunti a cura dellIng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006
Facolt dIngegneria dellUniversit degli Studi di Cagliari

CAPITOLO 3. LINEE ELETTRICHE Linee con conduttori nudi...pag. 2 Linee in cavo......pag. 8 Enti normatori nazionali ed internazionali ..... pag. 10

CAPITOLO 3 LINEE ELETTRICHE

Le linee elettriche vengono impiegate per il trasferimento della energia elettrica dai punti in cui essa si produce a quelli in cui si utilizza; esse si dividono in due grandi categorie: linee con conduttori nudi e linee in cavo. Le prime, generalmente di tipo AT e AAT, sono linee di trasmissione, mentre quelle in cavo sono principalmente impiegate in impianti di distribuzione di tipo MT e BT.

Fig. 1 Linee di trasmissione

Linee con conduttori nudi Le linee con conduttori nudi sono realizzate con tre componenti fondamentali: i conduttori di potenza, che servono per il trasferimento dell'energia e che sono tesati nell'aria; gli isolatori, che sostengono meccanicamente e isolano verso il sostegno i conduttori di potenza; i sostegni, che svolgono una funzione di sostegno degli isolatori e dei conduttori di potenza.

I conduttori di potenza sono realizzati in rame (cfr fig. 1) o alluminio. Le principali caratteristiche elettriche e meccaniche dei due materiali sono riportate nella tabella seguente:

CARATTERISTICA Resistivit a 20 C [ mm2/m] Sollecitazione a rottura [MPa] Peso Specifico [kg/dm3] Coefficiente di dilatazione lineare [K-1]

RAME

ALLUMINIO

0,0178 200250 8,89

0,0284 120180 2,70

17 *10-6

23*10-6

Fig. 2 Treccia di rame nudo per linee di trasmissione (400 kV)

Come si pu facilmente verificare da un confronto fra i due metalli, l'alluminio pi leggero (circa il 30%) ed ha una minore conducibilit (circa il 60%). Ne consegue che se, teoricamente, si volesse impiegare lo stesso volume di materiale conduttore per costruire una linea, quella in alluminio peserebbe circa un terzo di una linea in rame. Ma il confronto pi significativo quello fatto a parit di perdite, e cio a parit di resistenza; in questo caso, essendo maggiore la resistivit dellalluminio, per 3

ottenere una resistenza equivalente a quella di una linea in rame, si deve adottare una sezione maggiore, il che comporta un aumento del peso, con conseguente aumento dei costi per i sostegni. Complessivamente una linea in alluminio rispetto ad una linea in rame caratterizzata dalle stesse perdite, pesa allincirca la met e non un terzo, come sembrerebbe considerando solo i valori dei pesi specifici. Sempre rispetto al rame, lalluminio presenta una resistenza alla rottura minore (circa il 43%). Lalluminio, infine, ha un coefficiente di dilatazione termica maggiore, per cui, a parit di distanza tra due sostegni successivi (campata), si deforma maggiormente, pur essendo pi leggero del rame. Il rame impiegato essenzialmente nel campo della bassa tensione, sotto forma di filo pieno o di corda. Le corde presentano, rispetto al filo, una maggiore flessibilit, con conseguente maggiore facilit di messa in posa e di montaggio. I campi di applicazione dell'alluminio, quale unico metallo dei conduttori di potenza, sono relativi principalmente alla media tensione. L'alluminio, i cui costi di produzione sono di gran lunga inferiori a quelli del rame, si adopera esclusivamente sotto forma di conduttore cordato essendo molto difficile ottenere fili di un certo spessore con omogeneit sufficiente; esso resiste bene, come il rame, alle azioni atmosferiche, grazie alla pellicola di ossido che rapidamente lo riveste e lo protegge. Da ultimo, si ritiene di dover dare cenno al fatto che, soprattutto nelle linee di trasmissione, vengono impiegati conduttori bimetallici, in cui presente anche l'acciaio, o conduttori in lega di alluminio (aldrey), e ci allo scopo di migliorare le caratteristiche meccaniche del conduttore nel suo complesso. Nel campo delle altissime tensioni, infine, per migliorare la trasmissione dellenergia, si adottano pi conduttori alluminio-acciaio in parallelo per ciascuna fase opportunamente distanziati tra loro (conduttori a fascio). Nelle linee ad alta o altissima tensione, oltre ai conduttori di potenza, sono spesso presenti altri conduttori costituiti da corde di acciaio zincato e denominati funi di guardia (fig. 3), che sono disposti sulla sommit dei sostegni e che, tramite questi, sono collegati a terra; essi hanno funzioni protettive contro le sovratensioni di origine atmosferica, e sono altres utilizzati per il transito di informazione da compagnie telefoniche ed elettriche. 4

Funi di guardia

Catene di isolatori

Fascio di conduttori

Sostegno

Fondazioni

Fig. 3 Traliccio AAT

Gli isolatori hanno, in generale, il compito di collegare meccanicamente, isolandoli elettricamente, elementi a tensione differente. Nel caso delle linee con conduttori nudi gli elementi a tensione differente sono il conduttore di potenza ed il sostegno; in questo caso, gli isolatori devono soddisfare alcuni requisiti di sistema quali: la limitazione delle correnti di dispersione verso gli altri conduttori o la terra; la mancanza di fenomeni di scarica distruttiva in aria tra conduttore e strutture metalliche vicine o la terra in relazione al livello di isolamento prefissato; ladeguata resistenza alle sollecitazioni meccaniche a cui pu essere soggetto lisolatore nellesercizio del sistema.

Fig. 4 Catena di isolatori

I materiali comunemente impiegati per la loro realizzazione sono vetro e porcellana, anche se i pi recenti sono costituiti da resine polimeriche composite, le quali sono in grado di mantenere inalterate le loro caratteristiche isolanti senza frequenti interventi manutentivi. Dal punto di vista elettrico lisolatore e soggetto ad una differenza di potenziale che, nel normale funzionamento costituita dalla tensione nominale del conduttore, ma che pu assumere valori ben maggiori in occasione di fenomeni transitori di natura atmosferica (sovratensioni). Per un corretto dimensionamento, gli isolatori sono pertanto assemblabili in maniera da formare una catena il cui potere isolante complessivo, fino ad un certo numero, risulta circa multiplo di quello dell isolatore singolo. Un ulteriore parametro di progetto costituito dalla forma stessa. La sezione trasversale di un isolatore tradizionale evidenzia un contorno dalla forma complessa alla quale corrisponde un sensibile allungamento della cosiddetta linea di fuga in modo tale che il percorso delle correnti sulla superficie sia il pi lungo possibile e che il campo elettrico non presenti, in alcun punto vicino allisolatore, valori superiori della rigidit dielettrica dellaria. Le sezioni dei tipi pi diffusi di isolatori per linee elettriche, riportate nella figura seguente, sono dette a perno (a) ed a cappa e perno (b).

Fig. 5 Sezione di isolatore a perno (a), a cappa e perno (b)

L isolatore a perno (a), impiegato soprattutto per le media e basse tensioni, presenta un corpo in vetro o porcellana (tratteggiato in figura). Il conduttore viene sistemato nella scanalatura superiore S oppure fissato lateralmente nella gola G. La parte inferiore munita di un foro rigato che ne consente il fissaggio su un perno porta-isolatore P. Per applicazioni in alta ed altissima tensione vengono pressoch universalmente impiegati gli isolatori detti a "cappa e perno" (b), aventi una struttura che li rende idonei a formare catene sospese. In essi la cappa C collega l'isolatore al sostegno o ad un altro isolatore disposto superiormente mentre il perno P si aggancia o, attraverso un opportuno collare metallico, al conduttore o, direttamente, alla cappa di un altro isolatore disposto inferiormente. Tra cappa e perno presente un unico pezzo di materiale isolante. Il numero complessivo degli elementi da assemblare funzione della capacit isolante complessiva richiesta. La figura seguente illustra una catena di isolatori cos ottenuta.

Fig. 6Catena di isolatori

I sostegni si possono classificare a seconda dei materiali usati in sostegni: in legno; in acciaio; in cemento armato; in vetroresina.

I sostegni in legno sono oggi impiegati molto raramente, essenzialmente per le linee pi modeste a bassa e media tensione; essi sono costituiti da pali ad asse rettilineo, in abete o castagno opportunamente trattati in modo da resistere allazione del tempo, i quali, superiormente attraverso mensole o ganci, sostengono degli isolatori rigidi, a loro volta connessi ai conduttori di potenza, disposti o superiormente o lateralmente.

La seconda categoria di sostegni, che la pi diffusa, quella dei sostegni in acciaio. Nel campo della bassa e media tensione si impiegano pali ad asse rettilineo, ad esempio tubolari, ottenuti mediante tubi senza saldatura (tipo Mannesman). Nel campo dell'alta ed altissima tensione si impiegano, invece, i sostegni detti in gergo a traliccio, in cui diversi elementi modulari vengono connessi tra di loro in maniera conveniente cos da ottenere una struttura di forma pi o meno complessa1 (fig.6 A,B,C,D). Nei sostegni in cemento armato gli elementi rettilinei costituenti il sostegno sono dei pali in cemento armato centrifugato, aventi una sezione trasversale di forma anulare riempita di calcestruzzo ed attraversata da tondini di acciaio. Nei pali in vetroresina, infine, il materiale utilizzato di tipo composito, costituito da resine poliestere insature termoindurenti rinforzate con fibre di vetro. Le propriet di tali materiali (alto rapporto resistenza-peso, ottima resistenza agli agenti atmosferici e alla corrosione atmosferica, ottimo isolamento elettrico) consentono di ottenere sostegni caratterizzati da una maggiore leggerezza, con minori costi di trasporto e installazione, non hanno deformazioni permanenti, hanno una ottima resistenza agli agenti atmosferici esterni con conseguente eliminazione dei costi di manutenzione, ed una elevata sicurezza dai pericoli di incendio.

Fig. 7 Tralicci per linee AAT ed AT.

Si osservi come al crescere della tensione aumenti la distanza reciproca fra i conduttori e la distanza fra ciascuno di essi ed il terreno. La norma CEI 11-4 indica le distanze minime da rispettare.

Linee in cavo Le linee in cavo sono impiegate nelle linee di trasmissione e negli impianti in media e bassa tensione; possono essere in posa sotterranea o sottomarina, principalmente, od anche aerea. I cavi sono corredati da accessori di raccordo, che permettono di collegare il cavo ad una linea aerea o ad un sistema di sbarre (accessori di estremit) o due tratti di cavo tra di loro (giunzioni). I cavi sono realizzati con:

uno o pi conduttori, che servono per il trasferimento dell'energia; un isolante solido, che circonda il conduttore e che garantisce lisolamento; una guaina di protezione.

Possono, poi, essere presenti una armatura di protezione meccanica e opportuni schermi costituiti da materiale semiconduttore o metallico, necessari ad uniformare il campo elettrico allinterno del materiale isolante; le disuniformit possono derivare da irregolarit superficiali dei conduttori o possono essere presenti nei cavi multipolari. I materiali pi largamente impiegati per la parte conduttrice di un cavo sono il rame e lalluminio, scelti principalmente in funzione dei livelli di tensione. Nel campo della bassa tensione il costo del conduttore pu essere una aliquota significativa del costo totale del cavo e, in tali casi, il confronto economico potrebbe anche essere a vantaggio dellalluminio; daltra parte, per le alte tensioni il volume dellisolante e la complessit dellintero cavo tale che il costo del conduttore comunque una aliquota importante del costo totale, e, quindi, il confronto si chiude sempre a vantaggio del rame. Nel campo delle medie tensioni (fino a 20 kV) i conduttori di alluminio possono consentire a volte una certa economia nel costo totale del cavo, soprattutto se la guaina, anzich di piombo, anch'essa di alluminio. I materiali principalmente utilizzati per lisolamento dei cavi sono la carta impregnata da olii e gli isolanti estrusi, principalmente impiegati negli impianti elettrici a media e bassa tensione. La carta usata nellisolamento dei cavi deve essere di pura cellulosa per possedere qualit elettriche soddisfacenti e propriet assorbenti tali da assicurare un perfetto impregnamento. Gli isolanti estrusi principalmente impiegati sono il PVC 9

(policloruro

di

vinile),

il

PE

(polietilene)

suoi

derivati,

lEPR

(gomma

etilenpropilenica) e la gomma butilica. Si tratta di materiali isolanti che si presentano compatti e omogenei, in contrapposizione alla carta impregnata che costituisce un isolante stratificato e non omogeneo, perch composto da due diversi materiali (carta ed impregnante). Enti normatori nazionali ed internazionali I requisiti che i materiali, le macchine, le apparecchiature e gli impianti elettrici devono possedere per garantire il rispetto delle regole della buona elettrotecnica, sono stabiliti in Italia dal Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI). Tuttavia, gli scambi commerciali internazionali non consentono ad un paese industrializzato di adottare norme difformi da quelle degli altri paesi. Nellintento di giungere ad una normalizzazione per quanto possibile uniforme sono sorti lInternational Electrotechnical Commission (IEC), che raccoglie i paesi industrializzati del mondo, il Comitato Europeo di Normazione (CEN) ed il Comitato Europeo per la Normalizzazione Elettrotecnica (CENELEC). Il CENELEC emette documenti di armonizzazione (HD) i cui contenuti tecnici devono essere introdotti nelle norme dei paesi membri, oppure norme europee (EN) che devono essere tradotte ed adottate quali norme nazionali.

10