Sei sulla pagina 1di 3

Paracelso Centro di Formazione e Promozione alla Salute

IL METODO TOMATIS PROCURA UN UDITO PIU AMPIO


di Alix Kirsta, articolo apparso su Vogue, Francia, giugno 1992 e su Nexus, Italia, 10, 1997
Quanto seriamente dovremmo prendere la moderna minaccia dell'inquinamento acustico? L'anno scorso (1991), ufficiali britannici per la salute ambientale hanno ricevuto oltre 100.000 lamentele per il rumore, mentre negli USA l'Istituto Nazionale della Salute ha stimato che pi di 10 milioni di americani vengano regolarmente esposti a livelli di rumore che possono causare perdita di udito, con discoteche ed impianti stereo personali quali principali cause di preoccupazione. Quelli potenzialmente pi dannosi, quindi, sono i suoni 'ricreativi' dei quali andiamo in cerca di proposito, e dai quali dipendiamo per il piacere e la fuga, o la cacofonia urbana di ogni giorno alla quale, infine, diventiamo impenetrabili. Come sottolinea il Professor Chris Rice, Direttore dell'Istituto di Ricerca sul Suono e le Vibrazioni presso Southampton, il vero pericolo che "non che ci si abitua al rumore, che si diventa sordi. E se non sordi, comunque menomati funzionalmente in altri modi, sottili e meno ovvi. Secondo il pioniere europeo nel campo della audio-psico-fonologia (APF) - lo studio della relazione tra orecchio, voce e psiche - sebbene l'udito sia probabilmente il primo dei nostri sensi a svilupparsi, rimane il meno studiato e compreso, e viene da tutti dato largamente per scontato, meno da coloro cui sono stati diagnosticati problemi di udito. Tuttavia dopo una vita dedicata all'analisi e al miglioramento delle funzioni dell'orecchio umano, il Professor Alfred Tomatis conclude che quello di pi vasta estensione, tra tutti i sensi, rimane generalmente quello pi imperfetto. L'eponimo metodo Tomatis a prima vista sembrerebbe informato pi dalla filosofia new age che dalla scienza medica. L'apparente eterodossia di alcune delle opinioni di Tomatis - per esempio, che da quattro mesi e mezzo in poi il feto inizia ad ascoltare la voce della madre, distinguendola dal sottofondo di brontolii viscerali, e diventa dipendente da un 'dialogo' intrauterino che poi sviluppa attraverso l'infanzia - cela il suo curriculum professionale di specialista otorinolaringoiatrico (ORL) con 45 anni di esperienza in trattamenti di successo di problemi comportamentali, audio-vocali e di apprendimento. In 150 centri in tutto il mondo - dove adesso disponibile la 'cura dell'ascolto' del Professor Tomatis, inizialmente sviluppata nella sua clinica di Parigi - insegnanti, musicisti, psicologi e terapeuti di varia estrazione stanno applicando con successo la tecnica a svariati disturbi di apprendimento e di comunicazione. La tesi di Tomatis, cio che tutti i problemi di comunicazione o di apprendimento hanno la loro origine in capacit di ascolto sottosviluppate o menomate, sta guadagnando credibilit presso i vari terapisti che operano nel campo del linguaggio e dellascolto. Disfunzioni come l'analfabetismo, la balbuzie, la dislessia, l'incapacit di apprendere le lingue, la diminuzione di concentrazione e di memoria, la mancanza di scorrevolezza o coerenza verbale, come pure problemi pi generalizzati tra i quali depressione, affaticamento e timidezza sono, secondo Tomatis, connessi ad una menomazione delle capacit uditive, che ci disconnette dal nostro ambiente e quindi ci rende incapaci di comunicare come dovremmo col mondo esterno. La cruciale distinzione tra udire (fondamentalmente un processo sensorio passivo di assorbimento del suono) e ascoltare (la concentrazione volontaria su specifici suoni) necessaria, dice Tomatis, alla comprensione di come e perch la 'naturale' auto-espressione e comunicazione spesso vacilla o viene meno del tutto. Persino capacit non vocali come la scrittura, che traduce suoni in forma grafica, potrebbero risentirne se i suoni del linguaggio sono scarsamente integrati. In casi estremi, il ritiro da una vita e una comunicazione normale potrebbero essere cronici, come nel caso dell'attore Gerard Depardieu il quale, sino al suo giungere da Tomatis nella tarda adolescenza, era stato troppo inibito per parlare liberamente con altre persone. Figlio di un cantante d'opera, Tomatis possiede un orecchio musicale innato. Fu la sua iniziale esperienza come specialista ORL, operando con lavoratori in fabbrica menomati all'udito e, pi significativamente, con cantanti d'opera come Maria Callas, ad instillargli inizialmente l'opinione che i problemi vocali cronici possono essere causati non da deformit strutturali nella laringe ma dall'ascolto della propria voce: un meccanismo che egli definisce "auto ascolto". Ci lo convinse che si pu riprodurre vocalmente soltanto quello che l'orecchio pu udire. Analizzando l'udito dei suoi pazienti, scopr che non solo ogni persona possiede una peculiare curva uditiva -coi picchi e i cavi che indicano quali parti dello spettro acustico l'orecchio registra pi o meno chiaramente - ma che quelle frequenze che si sentono meno o non si sentono per nulla corrispondono sempre allo spettro che non si riesce a riprodurre facilmente parlando o cantando. Questa scoperta venne riconosciuta formalmente come Effetto Tomatis dall'Accademia delle Scienze francese, nel 1957. A causa della sua connessione neurale diretta con l'emisfero sinistro - il lato del cervello che sovrintende i processi di pensiero logico e le attivit che includono il parlare - l'orecchio destro normalmente , o dovrebbe

Paracelso Centro di Formazione e Promozione alla Salute

essere, quello dominante: l'orecchio musicale nel caso di cantanti e musicisti. Esso pertanto gioca un ruolo cruciale nel vitale ciclo di reazioni tra il parlare o il cantare e l'atto di ascoltare. Ogni squilibrio o interferenza col funzionamento dell'orecchio destro causa una distorsione nella voce, mentre la parlata perde la sua scorrevolezza. Sintonizzando il suo equipaggiamento elettronico, Tomatis fu in grado di identificare il ruolo cruciale dei suoni ad alta frequenza, dai 4.000 cicli al secondo (Hz) in su, nell' ascoltare e nel parlare. Una carenza di scorrevolezza, musicalit o tono vocale diventa pi evidente quando rimaniamo esposti principalmente alle frequenze basse - ad esempio, quando i bassi su un impianto stereo vengono tirati su - verso le quali sembra essere principalmente armonizzato l'orecchio sinistro. Tali effetti nocivi diventano pi pronunciati quando le alte frequenze, verso le quali l'orecchio destro pi sensibile, vengono diminuite o escluse del tutto. Poich la banda delle frequenze alte - tra i 2.000 e i 4.000 Hz - copre l'estensione superiore della voce umana in molte lingue, dandole il suo timbro, il grado al quale essa , o non , raccolta dall'orecchio, ovviamente cruciale per la teoria dell'effetto reciproco orecchio-voce. Le implicazioni della sua scoperta per gli studenti di lingue straniere affascinante, poich suggerisce che ci sia una vali-da base scientifica per la mancanza di un 'buon orecchio' per le lingue, che nessuna quantit di apprendimento tradizionale pu alterare. Stando alle scoperte di Tomatis, ogni nazione possiede un 'orecchio' etnico collettivo, e lo spettro di ascolto degli abitanti governato da una 'frequenza preferita' che si riflette anche nel loro parlare. Cos l'orecchio' tedesco, dice Tomatis, ascolta tra i 100 e i 3.000 Hz; quello francese tra i 1.000 e i 2.000; quello inglese tra i 2.000 e i 12.000; quello americano tra i 750 e i 3.000. L'apparente facilit con cui gli slavi padroneggiano le lingue straniere dovuta al loro spettro di ascolto straordinariamente alto, dai 100 agli 8.000 Hz. "La loro attitudine pi per ascoltare che per parlare," spiega. La teoria potrebbe spiegare perch, ad esempio, un francese ha difficolt a sintonizzarsi con l'orecchio inglese ma non quello americano: la banda americana raggiunge il suo picco a 1.500 Hz, non troppo lontana da quella francese. Il successo del suo metodo come un aiuto linguistico viene dall'insegnare agli studenti a modificare il loro udito, e cos adattare il loro modo di conversare per corrispondere alla gamma di frequenze della lingua da loro scelta. Il modo pi veloce ed efficace per farlo, dice Tomatis, far ascoltare agli studenti nastri realizzati con suoni, ritmi e frequenze specifiche di una data nazione. Per armonizzarsi alla parlata, ai suoni ed ai ritmi americani prima delle riprese del film Green Card, Gerard Depardieu consult nuovamente Tomatis, stavolta per sottoporsi ad una rinascita sonora in stile americano. Quantunque il metodo di Tomatis venga sempre pi applicato da insegnanti e terapeuti per migliorare le prestazioni delle capacit linguistiche e vocali, e per trattare le incapacit di apprendimento dei bambini, che vanno dalla dislessia alla scarsa concentrazione e memoria sino a disturbi come la balbuzie e persino l'autismo (che Tomatis interpreta come la maggiore espressione del rifiuto di ascoltare di un bambino), molte delle sue teorie sottostanti rimangono controverse. I professionisti combattono, ad esempio, con la sua visione dell'orecchio non soltanto come un semplice strumento per udire e mantenere l'equilibrio, ma come un generatore che utilizza l'energia vibratoria del suono per caricare l'organismo intero attraverso le ossa, le viscere e gli impulsi neurali - in particolare, stimolando l'energia corticale e l'attivit del cervello e procurando cos la motivazione per parlare, comunicare ed apprendere. Siccome i sottili peli sensori nell'orecchio interno sono molto pi densi nell'area che reagisce alle alte frequenze che in quella riservata a quelle basse, Tomatis afferma che non dovrebbe essere un gran mistero quali suoni posseggano le maggiori propriet energizzanti, o perch. " risaputo che l'apparato auditivo funziona come una dinamo ricaricante o energizzante," mi ha detto Tomatis. "Esso fornisce la corrente per alimentare il cervello." Egli usa una combinazione di musiche di Mozart e di canti gregoriani attraverso tutti gli stadi e le applicazioni del suo metodo, poich afferma che la loro struttura ricca di armoniche e la predominanza di frequenze alte possiedono un potere di generazione straordinario. Potrebbe essere che l'orecchio funzioni anche come regolatore di altre funzioni corporee, come crede Tomatis? Dato che quasi tutti i nervi craniali portano all'orecchio, forse questo non cos fantasioso come sembra. Tomatis non il solo a collegare l'ascolto della musica, il canto, e le sensazioni di benessere e di maggiore energia. In Inghilterra, il terapeuta sonoro Jill Purce ha da parecchio riconosciuto ed applicato i benefici terapeutici del suono e delle armoniche superiori dei canti tibetani per il trattamento di una moltitudine di malanni fisici e psicologici. Secondo Tomatis, la pi plausibile spiegazione razionale per questi effetti positivi che tutti gli organi ed i processi vitali sono influenzati dall'orecchio tramite il loro legame con il decimo nervo craniale, che direttamente e indirettamente, tramite diramazioni, collega l'orecchio ad ogni altro organo del corpo. Per quanto possa essere insolita, questa prospettiva dell'orecchio illustra perch cos tanti cattivi ascoltatori non soltanto hanno difficolt di apprendimento e di dialogo ma, oltre alle loro voci uniformi e senza colore, soffrono anche di altri sintomi generalizzati di affaticamento e di depressione, nonch coordinazione,

Paracelso Centro di Formazione e Promozione alla Salute

equilibrio e postura imperfetti. Essa indica anche perch il miglioramento nell'umore e nei livelli di energia sia uno degli effetti del programma di addestramento che si notano immediatamente -programma nel quale l'invenzione di Tomatis, 1'"orecchio elettronico", sovrappone un ascolto 'perfetto', consentendo al paziente di ascoltare la musica, i discorsi o la sua stessa voce, ma corretta elettronicamente per enfatizzare le frequenze pi alte, sino a quando il suo orecchio non sia sufficientemente condizionato a coglierle naturalmente. Ma in primo luogo, come e perch tanti di noi diventano cattivi ascoltatori? Secondo Billie Thompson, Direttrice del Centro di Apprendimento e di Ascolto Sonoro di Phoenix, Arizona, un buon ascoltatore pu essere menomato ad ogni et, tramite incidenti, shock emozionali, malattie, cambi nello stile di vita, o traumi sofferti in precedenza, alla nascita o dopo, indebolendo cos il collegamento audio-vocale tra madre e bimbo, che costituisce la base per la successiva acquisizione delle capacit di linguaggio e di comunicazione del bambino. "L'incapacit di udire naturalmente la voce della madre potrebbe avere un traumatico impatto emozionale sugli infanti," asserisce, "dovuto sia a difficolt psicologiche causate da ritardi nello sviluppo, o perch la madre non l col bimbo a causa di qualche separazione prolungata, come una adozione, una malattia o anche la morte". Un'esperienza del genere potrebbe impedire al bimbo di rispondere a determinati suoni, incluso il parlare, anche successivamente - qualcosa che gli specialisti APF identificano come un istintivo meccanismo di difesa verso suoni troppo forti o associati con l'esperienza del trauma. Fisiologicamente, questo meccanismo di difesa si manifesta attraverso la graduale perdita di elasticit di due piccoli muscoli, lo stapedius e il tensor tympani, che sono collegati al martelletto e alla staffa, i due ossicini dell'orecchio medio, ed infine la perdita del tono necessario a percepire e distinguere le frequenze sonore. La funzione principale dell'orecchio elettronico condizionare questi muscoli a rispondere in modo pi efficace a tutte le frequenze, e stimolare la funzione dominante dell'orecchio destro. Col miglioramento delle capacit di ascolto, gli studenti partecipano pi attivamente - parlando, recitando, cantando - mentre ascoltano la retroazione delle loro voci migliorate elettronicamente, sino a quando riproducono naturalmente e spontaneamente quei suoni desiderati. Col miglioramento dell'ascolto, cos migliora la qualit, la modulazione, la scorrevolezza e l'articolazione del loro parlare. A parte i suoi evidenti vantaggi per cantanti, musicisti, linguisti, attori, e tutti quelli dipendenti da buone capacit di comunicativa, questo metodo particolarmente prezioso per superare le difficolt di apprendimento. La struttura, i contenuti e la lunghezza dei programmi variano - in media 30 giorni di sessioni di ascolto diluite nell'arco di alcuni mesi - ma quasi tutti cominciano con una ricreazione dei primi stadi di sviluppo uditivo e del linguaggio per superare i blocchi causati dai traumi iniziali. Questa include suoni simulati del grembo e una nascita sonora, basata su registrazioni filtrate (se possibile) della voce della madre, il principale istigatore del desiderio di un bambino di comunicare col mondo esterno. Gli studenti proseguono poi con l'ascolto di nastri che incorporano ritmi, canti, canzoni popolari, esercizi vocali, e fonemi - i fondamenti del linguaggio - riprodotti a frequenze progressivamente pi alte. Infine, lo studente legge o canta a voce alta sotto l'orecchio elettronico, per rinforzare il suo controllo audio-vocale. A sottolineare tutto questo c' il leitmotiv mozartiano, come aiuto alla ricettivit, al rilassamento e alla motivazione. Ma perch Mozart? Decenni di ricerche dimostrano che nonostante la loro bellezza, i lavori di altri compositori non migliorano le capacit auditive, la concentrazione e la prontezza. Al contrario, Chopin tende a incoraggiare i sogni ad occhi aperti e la distrazione collegati alle difficolt di apprendimento; Beethoven pu approfondire sensazioni di depressione e melanconia; mentre Paganini, Wagner o le marce militari potrebbero suscitare nei bambini irritabilit, aggressivit e iperattivit. Le pi distruttive, avverte Tomatis, echeggiando altri ricercatori sul suono, sono le nuove 'droghe sonore' - musica rock ad alto volume, impianti stereo personali - che ipnotizzano ed innalzano le sensazioni corporee tramite stimolazioni a bassa frequenza, mentre distruggono l'orecchio e le sue funzioni, isolandoci dal nostro ambiente e frantumando ogni desiderio di comunicazione. Quando siamo tentati di chiudere il mondo fuori della porta in questo modo, faremmo bene a ricordare il possibile costo della fuga.

PARACELSO Centro di Formazione e Promozione alla Salute Strada Provinciale Fermana, 109 Localit Campiglione 63023 FERMO (AP) 0734.605403 dal luned al gioved dalle 15:30 alle 19:30 340.2181001 FAX 06.97258287 www.paracelso.info paracelso.salus@libero.it