Sei sulla pagina 1di 7

Comune di SALLe

Provincia di Pescara P.zza Beato Roberto - CAP. 65020 - Salle (Pe) Italy tel. +39.085.928138 - fax. +39.085.928149 - Partita IVA 01024260687 Official website: http://www.comune.salle.pe.it/

DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE


N. 20 DEL REG. DATA 10.05.2013

OGGETTO: Atto di Indirizzo al Responsabile del Servizio Tecnico per affidamento a professionista esterno per la redazione del progetto preliminare per lavori di adeguamento dellimpianto di depurazione sito in localit Salle Capoluogo.

L'anno duemilatredici, il giorno 10 del mese di maggio alle ore 13,00 nella sala delle adunanze del Comune suddetto, convocata con appositi avvisi, la Giunta Comunale si riunita con la presenza dei signori:

Presente COLANGELO FLORINDO FONZO MAURIZIO Toro Beniamino


DI BARTOLOMEO SILVIO

Assente

SINDACO

VICESINDACO ASSESSORE ASSESSORE ASSESSORE

X X X X

DI MONTE BENINO

Partecipa il Segretario Comunale Dott. Amato dAndrea Ernesto. Il Sindaco, constatato che gli intervenuti sono in numero legale, dichiara aperta la riunione ed invita i convocati a deliberare sull'oggetto sopraindicato.

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

Fto IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Amato dAndrea Dott. Ernesto

IL SINDACO COLANGELO FLORINDIO

_______________________________________________________________________
Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d'ufficio, ATTESTA che la presente deliberazione, in applicazione del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267: X stata affissa all'Albo Pretorio Comunale il giorno 21/05/2013 per rimanervi per quindici giorni consecutivi (art. 124, comma 1, Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267); stata comunicata con lettera prot. n. ______ in data ________ alla Prefettura in relazione al disposto dell'art. 135 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267; Dalla Residenza comunale, 21/05/2013 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Amato dAndrea Dott. Ernesto ______________________________________________________________________________ Il sottoscritto Segretario Comunale, visti gli atti d'ufficio, ATTESTA che la presente deliberazione, in applicazione del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267: X divenuta esecutiva il giorno 10/05/2013. X perch dichiarata immediatamente eseguibile (Art. 134, comma 4, Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267); decorsi 10 giorni dalla pubblicazione (Art. 134, comma 3, Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267) dell'atto (Art. 134, comma 1, Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267); dei chiarimenti o elementi integrativi di giudizio richiesti senza che sia stata comunicata l'adozione di provvedimento di annullamento. Dalla Residenza comunale, 21/05/2013 IL SEGRETARIO COMUNALE F.to Amato dAndrea Dott. Ernesto ______________________________________________________________________________

E copia conforme alloriginale e si rilascia in carta libera per uso amministrativo e dufficio. Dalla Residenza comunale, 21/05/2013 IL SEGRETARIO COMUNALE Amato dAndrea Dott. Ernesto

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

LA GIUNTA COMUNALE

Vista la L.R. Abruzzo n. 9/2011 che ha disciplinato lassetto del SII in Abruzzo, delimitando un Unico Ambito Territoriale Regionale (ATUR) cui preposto lEnte Regionale per il Servizio Idrico Integrato (ERSI); Vista la deliberazione della Giunta Regionale Abruzzo n. 878 del 17/12/2012, avente ad oggetto il Programma del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (ex FAS 2007/2013) Policy Ambiente e territorio- Linea dAzione IV.1.1.a: Realizzazione di opere infrastrutturali per adeguamento e potenziamento del Servizio Idrico Integrato (acquedotti, fognature e depuratori)- Modalit di attuazione: SAD (Strumento di Attuazione Diretta)Delibera di Individuazione delle modalit di selezione degli interventi da finanziare, per garantire il Completamento e Adeguamento delle reti idriche di distribuzione, con cui vengono individuati i criteri e parametri per la distribuzione delle risorse FAS, per attivit tra le quali il potenziamento delle reti idriche di distribuzione dei Comuni con popolazione sotto i 1.000 abitanti; Visto quanto disciplinato dalla stessa deliberazione di G.R. Abruzzo n. 878/2012, relativamente ai Comuni sotto i 1.000 abitanti, che non hanno conferito la gestione al Soggetto Gestore del SII, per cui gli interventi possono essere finanziati, se: a. il Comune gestisce legittimamente lintero ciclo idrico integrato e la gestione diretta autorizzata dallAutorit dAmbito sulla base del Piano Economico finanziario del Servizio svolto direttamente dal Comune, ovvero se il Comune ha definito e avviato liter autorizzatorio prima della concessione del finanziamento, ovvero se provvede a definire le proprie procedure entro 30 giorni dalla firma dellAtto di concessione del finanziamento ed ad adeguarsi entro ulteriori 30 giorni dalle eventuali prescrizioni del soggetto autorizzante (ERSI) pena la decadenza del finanziamento stesso. Con la firma dellatto di ammissione a finanziamento, condizionato al rispetto delle procedure innanzi richiamate sono assolti gli obblighi di preavviso di cui alla L. 241/1990, pertanto la decadenza si compie automaticamente allo spirare dei termini su indicati. b. il Comune predispone a proprie spese la progettazione esecutiva ovvero la progettazione preliminare o definitiva nel caso di appalto integrato ai sensi dellart. 53, co. 2 lett b) e c) del DLgs 163/2006; c. il Comune assume a suo carico il 10% della spesa complessiva dellopera, ivi comprese le spese tecniche (spese di progettazione, collaudo, direzione lavori, oneri della sicurezza ecc.). Il Comune indica i cespiti da utilizzare per la quota di finanziamento posta a suo carico e, prima della sottoscrizione dellAtto di concessione di finanziamento, si impegna a istituire, per lintero ammontare della spesa, apposito capitolo sul bilancio di esercizio nel rispetto delle norme di contabilit di cui al d.lgs 267/2000 e ss.mm.ii.;

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

d. in caso di mancato finanziamento da parte del Comune limporto per la realizzazione dellintervento viene ridotto del 10% e lintervento viene realizzato dagli Uffici Tecnici della Direzione Regionale ai Lavori Pubblici su richiesta dellERSI; Richiamati il D.Lgs n. 152/2006, art. 148 comma 5, e lart.1, co. 7, della LR 9/2011, in base ai quali sono gestioni conformi al dettato normativo: nel caso di Comuni sopra i 1.000 abitanti, quelli che hanno regolarmente conferito la gestione del Servizio Idrico Integrato al Soggetto Gestore individuato dallAutorit dAmbito; nel caso di Comuni sotto i 1.000 abitanti quelli che, pur non obbligati, hanno comunque conferito la gestione del Servizio Idrico Integrato al Soggetto Gestore individuato dallAutorit dAmbito ovvero quelli che gestiscono lintero ciclo idrico integrato previa autorizzazione dellAutorit dAmbito, e definizione del Piano Economico Finanziario del Servizio svolto direttamente; Vista, ancora, la citata deliberazione di G.R. Abruzzo, che in linea con tale disposizione, definisce quali soggetti gestori del SII, anche i Comuni sotto i 1.000 abitanti, che gestiscono lintero ciclo idrico integrato, previa autorizzazione dellAutorit dAmbito, e definizione del Piano Economico Finanziario relativo al servizio svolto direttamente; Vista la nota prot. n. 0001477/UL del 26/01/2012 del Ministero dellAmbiente, che ha interpretato la norma dellart. 148 comma 5 del d.lgs. 152/06 nel senso di consentire ai comuni fino a 1.000 abitanti inclusi nel territorio di comunit montane, di non dover necessariamente aderire alla gestione unica del SII a condizione che gestiscano lintero servizio e previo consenso dellautorit competente; Richiamata la deliberazione dellAEEG del 2 agosto 2012 n. 347/2012/R/IDR, Definizione dei contenuti informativi e delle procedure di raccolta dati in materia di Servizio Idrico Integrato, che definisce Gestore di servizio idrico integrato o Gestore del SII, () il soggetto che, in virt di qualunque forma di titolo autorizzativo e con qualunque forma giuridica, gestisce uno o pi servizi facenti parte del SII in un determinato territorio, ivi inclusi i Comuni che li gestiscono in economia e i gestori di acqua allingrosso; Viste le pronunce giurisprudenziali in materia, in particolare linterpretazione della Corte Costituzionale nella sentenza n. 327/2010, in base a cui la normativa comunitaria nazionale consente agli stati membri di prevedere in via eccezionale e per alcuni casi determinati, la gestione diretta del servizio pubblico da parte dellente locale; ed il parere della Corte dei Conti Abruzzo n. 16 del 2011, in base a cui dallesame dellart. 148, comma 5, del D.Lgs. n. 152/2006, in effetti, non viene fatto espresso divieto alla gestione diretta di tale servizio, n il comma risulta espressamente abrogato dallart. 23 bis della legge n. 166/2009, dove viene data la disciplina della gestione, concludendo che la gestione diretta del servizio idrico integrato, per i Comuni con popolazione fino a 1000 abitanti inclusi nel territorio di comunit montane, possa essere effettuato, previa, tuttavia, una valutazione di convenienza economica del servizio in tale forma, con il consenso dellAutorit dAmbito competente;

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

Visto il D.L. 13.08.2011 n. 138, convertito con Legge 14/09/2011 n. 148, che allart. 3-bis Ambiti territoriali e criteri di organizzazione dello svolgimento dei servizi pubblici locali dispone: Fatti salvi i finanziamenti ai progetti relativi ai servizi pubblici locali di rilevanza economica cofinanziati con fondi europei, i finanziamenti a qualsiasi titolo concessi a valere su risorse pubbliche statali ai sensi dell'articolo 119, quinto comma, della Costituzione sono prioritariamente attribuiti agli enti di governo degli ambiti o dei bacini territoriali ottimali ovvero ai relativi gestori del servizio selezionati tramite procedura ad evidenza pubblica o di cui comunque l'Autorit di regolazione competente abbia verificato l'efficienza gestionale e la qualit del servizio reso sulla base dei parametri stabiliti dall'Autorit stessa; Viste le competenze dellEnte Regionale per il Servizio Idrico Integrato (ERSI), di cui alla LR 9/2011, art. 1; Richiamato quanto stabilito dalla deliberazione di Giunta Regionale n. 878/2012, circa le modalit e criteri per la individuazione degli interventi da finanziarie; Visti gli interventi da finanziare, in particolare linstallazione da parte dei Soggetti Gestori del SII di misuratori e di strumenti di comando e controllo, oltre che presso gli utenti anche presso le opere di presa delle derivazioni di acqua ed in uscita dai depuratori, il potenziamento delle reti idriche di distribuzione dei Comuni con popolazione sotto i 1.000 abitanti, la realizzazione di Depuratori (reti fognarie e impianti di depurazione); Considerato che gli interventi si dovranno realizzare attraverso Strumenti di Attuazione Diretta (SAD), in coerenza con i criteri e gli indirizzi stabiliti dalle Delibere CIPE 166/2007 e seguenti, e i fondi saranno allocati mediante la stipula di specifico Atto di Concessione, da intendersi quale delegazione amministrativa intersoggettiva, con lERSI; Visto il deliberato della richiamata deliberazione della Giunta Regionale, al punto 6. lett. b), in base a cui gli interventi sono finanziati, nel caso di Comuni sotto i 1.000 abitanti, che non hanno conferito la gestione al Soggetto Gestore del SII, se il Comune gestisce legittimamente lintero ciclo idrico integrato e la gestione diretta autorizzata dallAutorit dAmbito sulla base del Piano Economico finanziario del Servizio svolto direttamente dal Comune, ovvero se il Comune ha definito e avviato liter autorizzatorio prima della concessione del finanziamento, ovvero se provvede a definire le proprie procedure entro 30 giorni dalla firma dellAtto di concessione del finanziamento ed ad adeguarsi entro ulteriori 30 giorni dalle eventuali prescrizioni del soggetto autorizzante (ERSI) pena la decadenza del finanziamento stesso; Richiamata la delibera consiliare n. 9 del 21.06.2012, esecutiva, con la quale si stabilito di procedere al conferimento del Servizio Idrico Integrato allE.R.S.I. (ATO n. 4 pescarese), del Comune di Salle;

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

Ravvisata la necessit improcrastinabile di effettuare nuovi ed urgenti interventi di adeguamento e manutenzione straordinaria della rete idrica, fognante e, in particolar modo sullimpianto di depurazione presente sul territorio comunale; Accertato che tali ulteriori interventi non possono essere finanziati esclusivamente con i fondi provenienti dalla tariffa pagata dai contribuenti per il servizio offerto in quanto le stesse sono inferiori alle spese occorrenti per lespletamento del servizio; Ritenuto opportuno avvalersi partecipare al bando regionale approvato con DGR n. 878 del 17.12.2012 recante modalit per lindividuazione degli interventi e da finanziare programma del fondo per lo sviluppo e la coesione (ex FAS 200//2013); Atteso che alla data odierna liter procedurale previsto per il trasferimento del S.I.I. al soggetto gestore di competenza territoriale non si perfezionato, pertanto si ritiene opportuno esprimere apposita direttiva al responsabile del Servizio Tecnico affinch provveda ad intraprendere liter volto alla predisposizione della progettazione preliminare per lavori di adeguamenti dellImpianto di depurazione sito nel Comune di Salle Capoluogo; Visto lo Statuto Comunale; Dato Atto che il presente provvedimento non necessita di alcun parere, trattandosi di mero atto di indirizzo, ai sensi dellart. 49 del D.lgs n. 267/2000; Ad Unanimit dei voti legalmente resi DELIBERA 1. DI ESPRIMERE, per i motivi esposti in premessa, apposita direttiva al Responsabile del Servizio Tecnico: E opportuno provvedere ad intraprendere liter volto alla predisposizione della progettazione preliminare per lavori di adeguamenti dellImpianto di depurazione sito nel Comune di Salle Capoluogo, al fine di poter partecipare al bando regionale approvato con DGR n. 878 del 17.12.2012 recante modalit per lindividuazione degli interventi e da finanziare programma del fondo per lo sviluppo e la coesione (ex FAS 200//2013); 2. Di dare atto che la spesa presunta pari ad Euro 4.000,00 che trova imputazione al Cap. 670 Intervento 1.09.04.03 del bilancio di previsione esercizio 2013 in corso di formazione Residui passivi 2012 e recedenti; 3.Di trasmettere la presente deliberazione, in elenco, contestualmente allaffissione allAlbo Pretorio, ai capigruppo consiliari, ai sensi dellart. 125 del D.lgs n. 267/2000; 4. Di attribuire al presente atto il carattere di immediata eseguibilit ai sensi e per gli effetti dellart. 134, co.4, del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267;

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)

You created this PDF from an application that is not licensed to print to novaPDF printer (http://www.novapdf.com)