Sei sulla pagina 1di 5

Energia potenziale

Definizione di energia potenziale Il lavoro LAB , compiuto da una forza conservativa nello spostare il punto di applicazione da A a B, non dipende dal cammino seguito, ma esclusivamente dai punti A e B. Se si considerano le espressioni di LAB trovate per le forze elementari, ci si accorge inoltre tale dipendenza non assume una forma qualunque; piuttosto, il lavoro risulta sempre determinato come differenza tra il valore assunto da una certa funzione nel punto A, e il valore assunto dalla stessa funzione nel punto B. Questa circostanza ha un carattere del tutto generale1, sicch per tutte le forze conservative si pu sempre scrivere: LAB = U(A) U(B) La funzione U cos definita prende il nome di energia potenziale. E facile determinare lespressione di tale funzione per il caso delle forze conservative note; i risultati sono raccolti in tabella.

Forze conservative r Forza costante F


Peso

LAB r F s = Fx (x B x A ) + Fy (y B y A )
mg yA mg yB

U
U = Fx x + Fy y U = mg y

r P = mg j

Forza elastica

Fx = - kx

1 LAB = 1 k x 2 k x2 A B 2 2
GMm GMm rB rA
kQq kQq rA rB

U=

1 k x2 2
GMm r

Gravitazione universale

r Mm F=G 2 r r r Qq F=k 2 r r

L AB =

U=

Forza di Coulomb

L AB =

U=

kQq r

Seguono alcune considerazioni sulla definizione di U:

U ha le stesse unit di misura del lavoro; nel SI, [U] = J ; per ciascuna forza conservativa, la funzione U assume una forma diversa e specifica; alle forze non conservative non pu essere associata alcuna energia potenziale; Nella definizione data, compare la differenza tra il valore di U nel punto di partenza A, e il valore di U nel punto di arrivo B. Se si desidera esprimere la variazione di U in termini del simbolo , si deve fare attenzione al fatto che indica invece la differenza tra valore finale e valore iniziale, sicch: U(A) U(B) = -U

e quindi si deve scrivere: LAB = -U


1

La dimostrazione basata sul fatto che il lavoro LAB determinato da un integrale di linea e discende, in definitiva, dalle propriet degli integrali.

Unicit dellenergia potenziale r Il calcolo dellenergia potenziale U di una forza F procede come segue:

si calcola il lavoro LAB, compiuto dalla forza per spostare il punto di applicazione da un generico punto A, a un generico punto B:

L AB =

r F ds

si pone il risultato pari alla differenza U(A) - U(B) :

U(A ) U(B) =

r F ds

Si osservi, dunque, che non si fissa tanto il valore dellenergia potenziale in ciascun punto, quanto il valore delle differenze di energia potenziale. Si pone allora il problema dellunicit: esiste una sola funzione U che soddisfa lequazione sopra riportata? La risposta negativa; va bene ogni funzione del tipo U = U + c

Infatti, aggiungendo la costante c alla funzione U, il valore di LAB non cambia:

U' (A ) U ' (B) = (U(A ) + c ) (U(B) + c ) = U(A ) U(B)

Ne segue che: Lenergia potenziale determinata a meno di una costante additiva arbitraria. La costante arbitraria c viene scelta fissando un punto in cui U sia pari a 0. Questo punto si dice lo zero dellenergia potenziale. In pratica, lo zero dellenergia potenziale viene scelto sempre in base agli stessi criteri, discussi nel seguito per ciascuna delle forze conservative elencate nella tabella.

Problema generale dello zero dellenergia potenziale (facoltativo) In modo formale, il problema della scelta dello zero dellenergia potenziale pu esere posto in questi termini. Sia O un punto di riferimento (lo zero dellenergia potenziale). Allora, per definizione di energia potenziale: LAO = UA UO Il lavoro LAO dato da:

L AO =

r F ds

Quindi si ha: UA = UO +

r F ds

La costante U(O) pu essere interpretata come la costante arbitraria che entra nella definizione di U. Se si sceglie U(O) = 0 , segue che UA =

r F ds

Questa formula dice che: lenergia potenziale in A uguale al lavoro compiuto dalla forza per spostare il punto di applicazione da A alla posizione di riferimento.

Energia potenziale della forza elastica Lenergia potenziale della forza elastica detta anche, per brevit, energia elastica. Lenergia elastica data da:

U( x ) =

1 k x2 2

U (unit arbitrarie)

Si ricordi che questa espressione discende dal calcolo del lavoro LAB , eseguito assumendo il sistema di riferimento mostrato nella figura a fianco. In tale riferimento, lorigine coincide con il punto di riposo della molla e la componente x della forza assume lespressione Fx = -k x . Alla funzione U pu essere aggiunta una costante arbitraria c positiva o negativa. A fianco sono mostrati tre possibili grafici di U(x) , che differiscono per la scelta di c. Nel caso della curva nera, la costante c posta pari a zero. Ci corrisponde a scegliere lo zero dellenergia elastica nel punto nel punto di riposo della molla. In pratica, questa la scelta pi ovvia e correntemente usata.

1200 1000 800 600 400 200 0 -200 -30 -20 -10 0 10 20 30

x (unit arbitrarie)

Energia potenziale gravitazionale Lenergia potenziale della forza gravitazionale detta anche, per brevit, energia gravitazionale. Lenergia gravitazionale data da:

U=

G Mm r

Si ricordi che a tale espressione si arriva, assumendo che la massa sorgente M sia al centro del sistema di riferimento e v G Mm . che, pertanto, la forza sulla massa di prova m sia data da F = r r2

Anche in questo caso, alla funzione U pu essere aggiunta una costante arbitraria c positiva o negativa; a fianco sono mostrati tre possibili grafici di U(x) , che differiscono per la scelta di c.
U (unit arbitrarie)

Nel caso della curva nera, la costante c posta pari a zero. Come risultato, il grafico mostra un asintoto orizzontale al valore U = 0:

-1

GMm lim =0 r

-2

-3

Ci corrisponde a scegliere lo zero dellenergia gravitazionale in un punto allinfinito, e cio quando le masse sono poste luna a distanza infinita dallaltra. In pratica, questa la scelta pi comune.

10

r (unit arbitrarie)

Energia potenziale elettrostatica Lenergia potenziale della forza di Coulomb detta anche, per brevit, energia elettrostatica. Lenergia elettrostatica data da:

U=

kQq r
3 2

forza repulsiva

U (unit arbitrarie)

Si ripetono qui molte delle osservazioni fatte per lenergia gravitazionale; anche in questo caso, la carica sorgente Q posta al centro del sistema di riferimento; la forza sulla carica di prova q v k Qq . quindi pari a F = 2 r r Alla funzione U pu essere aggiunta una costante arbitraria c positiva o negativa; la scelta consueta porre tale costante pari a zero, sicch

1 0 -1 -2 -3 0 5 10

forza attrattiva
15 20

k Qq lim =0 r r

r (unit arbitrarie)

Ci corrisponde a scegliere lo zero dellenergia elettrostatica in un punto allinfinito, e cio nella configurazione in cui le cariche sono poste luna a distanza infinita dallaltra. In pratica, questa la scelta pi comune. La differenza pi importante dal caso della gravitazione , naturalmente, legata al fatto che la forza di Coulomb pu essere tanto attrattiva quanto repulsiva. Come conseguenza, il grafico di U cambia a seconda dei segni delle cariche, e precisamente a seconda che esse abbiano lo stesso segno (forza repulsiva) o segno opposto (forza attrattiva).

Energia potenziale della forza peso


U (unit arbitrarie)

40

In un sistema di riferimento con lasse y rivolto verso lalto, lenergia r potenziale della forza peso P = mg j data da: U = mg y

20

-20

Come sempre, alla funzione U si pu sommare una costante arbitraria. Possibili grafici di U sono riportati nel grafico a fianco.

10

20

30

y (unit arbitrarie)

La questione della scelta della costante arbitraria c, per la forza peso, meno semplice che nei casi precedenti. Ci pu essere compreso in base a un esempio concreto, basato sullanalisi della situazione rappresentata nel disegno a fianco. Si consideri una massa m, posta a unaltezza h al di sopra del piano di un tavolo, le cui gambe siano alte h.

Nel sistema di riferimento Oxy, in cui m alla quota y = h , lenergia potenziale data da: U = mg h

Daltro canto, perfettamente lecito considerare, piuttosto, che m si trovi allaltezza y = h + h al di sopra del pavimento. Nel sistema di riferimento Oxy, lenergia potenziale data da: U = mg (h + h)

Come si vede, U e U differiscono per la scelta della costante c = mg h.

Nella pratica, la valutazione dellenergia potenziale della forza peso procede come in questo esempio:

si sceglie un livello di riferimento, al quale porre lo zero dellenergia potenziale. Poich non c un punto speciale da scegliere sempre come zero dellenergia, spesso si pone lo zero dellenergia potenziale nel punto pi basso occupato dal corpo nel suo moto. Questa scelta non obbligatoria, ma ha il vantaggio che U risulti sempre positiva. Lunico vincolo reale che nello svolgimento di un dato problema lo zero venga fissato una volta e per tutte. si pone lorigine del sistema di riferimento allo stesso livello; si calcola U come U = mg y