Sei sulla pagina 1di 20

[integrazioni - Capitolo 1: breve introduzione]

Capitolo 1

"La distanza psichica come fattore


artistico e principio estetico": Sinossi

" [ . . . ] i n u n ' o p er a c h e d o v re b b e e s s e re u n ' o p e r a


d e l l ' a r t e b e l l a , s i p u ò s p e s s o p e rc e p i re g e n i o s e n z a
g u s t o e , i n u n ' a l t r a , g u s t o s e n z a g en i o " . Q u e s t o i l
punto di partenza della riflessione di Bullough
s u l l ' e s t e t i c a : u n ' o p e r a d ' a r t e r i u s c i t a a l t ro n o n è c h e
il giusto rapporto ed equilibrio tra qualcosa che
piaccia in modo incondizionato e l ' i n t ere s s e
suscitato d a l l ' o p er a di un genio t a l e n t u o s o.
L ' i m p o r t a n z a d el l a r i f l e s s i o n e s u l l a D i s t a n z a , o g g e t t o
d i q u e s t o a r t i c o l o , r i s i e d e n e l t e n t a t i v o d el l ' a u t o re d i
i n d i v i d u a re q u a l c o s a - c i o è u n a rel a z i o n e - c h e t e n g a
i n s i e m e l ' e s p e r i e n z a d e l b e l l o ( e d e l l ' a r t e i n g e n ere )
e quella del sublime (cioè di un eccesso, di un
s u p e r a m e n t o d e l l i m i t e ) : l ' o p er a d ' a r t e i n s é s u s c i t a
un'esperienza che trascende il soggetto e l'oggetto
c o n - t e m p o r a n e a m e n t e , i n m o d o c h e s i a l ' a u t o re c h e
i l f r u i t o re s i a n o p re s e n t i e c o n d i v i d a n o l ' u n i c i t à d e l
momento (o e v en t o come si dirà in seguito).
B u l l o u g h s i i n s e r i s c e n el l a r i f l e s s i o n e ka n t i a n a , e
c e rc a a rr i c c h i re i l d i b a t t i t o s u l s u b l i m e d e l l ' e p o c a
ro m a n t i c a . L ' u n i c o o s t a c o l o t r a i l s u o p u n t o d i v i s t a
e u n a v er a e s p er i e n z a m e t a f i s i c a c o n s i s t e d ' a l t r a
p a r t e n e l r i n t r a c c i a re n e l l ' a n s i a l a t o n a l i t à a f f e t t i v a
f o n d a m e n t a l e p er q u e s t o g en e re d i re l a z i o n e . Pe r
q u e s t o l ' e s e m p i o l e t t e r a r i o p re f e r i t o è q u e l l o d e l
n a u fr a g i o c o n s p e t t a t o re , o l ' O t e l l o s h a ke s p e a r i a n o ,
o p ere i n c u i l ' a r t i s t a h a t e n t a t o d i c re a re p ro p r i o
q u e l l o s t a t o d i a n s i a n e i c o n f ro n t i d i u n a c a t a s t ro f e
naturale, o psicologica.
Te n t e re m o d i s u p e r a re q u e s t o l i m i t e , a l l a rg a n d o i l
c a m p o d ' a p p l i c a z i o n e d el p r i n c i p i o e s t e t i c o a l d i l à
della mera contemplazione.
Bullough distingue t re specie di distanza: una
distanza fisica, spaziale, una distanza temporale -
distanze pure, "estetica t r a s c e n d en t a l e " in senso
ka n t i a n o - e u n a d i s t a n z a p s i c h i c a . Q u i s t a i l p o n t e
t r a l ' e s p e r i e n z a f i s i o l o g i c a e q u e l l a d i u n a l i b er t à
giocosa delle facoltà con le quali tentiamo di
t r a s c en d e re , s u p e r a re i m a rg i n i e t o c c a re l ' a l t e r i t à ,
dell'opera d'arte e dell'artista.

U n ' o p er a d ' a r t e è t a l e s e i n m a s s i m o g r a d o l a
distanza si nullifica senza la dissoluzione del suo
effetto: finché dura questa re l a z i o n e , allora il
f r u i t o re e l'artista possono e s s e re l'opera d'arte
s t e s s a . B u l l o u g h s o s t i e n e c h e l e c o n d i z i o n i p e rc h é s i
v e r i f i c h i a r t e s i a n o g l i a g g i u s t a m e n t i d i t i ro c h e u n
individuo, opportunamente immesso nella cultura
d ' a d o z i o n e, e f o rn i t o degli strumenti adeguati,
r i e s c e a p ro d u rre . N o n o s t a n t e c i ò - u n p a r a d i g m a
c o n d i v i s i b i l e d e l f a re a r t e - i l s u o p u n t o d i v i s t a
rimane parziale, schematico: non è sufficiente per
f o rn i re un'adeguata definizione della Distanza
E rm e n e u t i c a , c h e i n t e n d i a m o a m p i a e n o n r i d u c i b i l e
al semplice stato d ' a n i m o. Non la paura, o
l'angoscia, sono le stimmungen del f a re
e rm e n e u t i c o , q u e i m o m e n t i p u r i i n c u i r i u s c i a m o a
d i s c ern e re il p re s e n t e , ma anche felicità e
ammirazione, s t u p o re e meraviglia di fro n t e al
c re a t o : f o n t i d e l l ' e s p e r i e n z a , n o n d i s t o l g o n o l ' o c c h i o
m e t a f i s i c o , m a l o c o n c e n t r a n o. E u n ' o p er a d ' a r t e
degna di questo nome c o m p re n d e tutte queste
s f u m a t u re.

[integrazioni: capitolo 4. Conclusioni]

Capitolo 4

Conclusioni: La Distanza come Valore

A q u e s t o p u n t o d e l l a t r a t t a z i o n e, s i s a r à n o t a t o c h e
la Distanza di cui parliamo è qualcosa di
r a d i c a l m e n t e d i v e r s o d a c i ò c h e v i e n e n o rm a l m e n t e
inteso dal linguaggio c o m u n e. " Pren d e re le
distanze", e "distanza di s i c u re z z a " , gli aspetti
m o r a l i o s t re t t a m e n t e f i s i c i d e l t e rm i n e c i r i g u a rd a n o
solo m a rg i n a l m e n t e , nonostante una filosofia del
senso comune debba tener p re s e n t e dell'uso
c o n c re t o di c er t e nozioni p er non r i c a d ere
n u o v a m e n t e i n u n v u o t o a c c a d e m i s m o.

In questo s en s o , tenendo p re s e n t e la vicenda


filosofica degli ultimi anni a p a r t i re dal secolo
s c o r s o , l a D i s t a n z a Erm e n e u t i c a d i c u i t en t i a m o d i
d i s e g n a re i tratti intrattiene un rapporto di
p a re n t e l a s t re t t a c o n q u e l l a n o z i o n e d i d i f f e r e n z a
che ha impegnato la riflessione di molti autori del
Novecento, e ha r a p p re s e n t a t o la via di fuga
d a l l ' i m p a s s e n e l l a q u a l e s i e r a t ro v a t a , s t re t t a t r a l a
logica dell'identità aristotelica e la dialettica
dell'idealismo, il doppio binario morto delle Lezioni
d i E s t e t i c a H e g e l e d e l n eo ka n t i s m o. A c o n f erm a d i
q u e s t o , s a r à s u f f i c i e n t e c i t a re l o s p er i m e n t a l i s m o
e s t re m o d e l c i n e m a n e l l e f o rm e d el t r a s h e d e l l o
s p l a t t er c o m e " v e r s i o n e b a n a l e d i e s p e r i e n z e c h e
ben pochi conoscono effettivamente" [10] fino ad
o l t re p a s s a re i limiti della legalità con gli snuff
m o v i e s , o i l s i d e r a l e a s t r a t t i s m o d i c e r t e o p er a z i o n i
artistiche, come le mucche sezionate e messe in
f o rm a l d e i d e d a D a m i e n H i r s c h , p er d i m o s t r a re c h e l a
p ro d u z i o n e a r t i s t i c a d e g l i u l t i m i a n n i h a m e s s o a
d u r a p ro v a i l n o s t ro s t o m a c o e l a n o s t r a c a p a c i t à d i
"distanziamento" da queste operazioni. Ma non
intendiamo a p p l i c a re il principio estetico della
Distanza nella tonalità moralistica della condanna: il
g r a d o d i p a re n t e l a c h e e s s o s t r i n g e c o l p e n s i e ro
della differenza denota p ro p r i o la mancanza di
q u e l l a s i m m e t r i a p o l a re t i p i c a d e l g i u d i z i o m o r a l e, e
i n u l t i m a a n a l i s i , p re s e n t a c a r a t t e r i s t i c h e t u t t ' a l t ro
c h e n o rm a t i v e, l a q u a l c o s a l o re n d e u n p r i n c i p i o
e s t e t i c o s u i g e n e r i s , i rr i d u c i b i l e a d u n i d e a l e o a d u n
paradigma, nonostante la tradizione lo i n s er i s c a
d i d a s c a l i c a m e n t e n e l l ' a m b i t o d e l l e t eo r i e e s t e t i c h e
" c o n t e m p l a t i v e " [ 11] .

L ' i d e a d i u n d i s t a n z i a m e n t o d e l l ' o s s e r v a t o re , e l a
convinzione che la Distanza costituisca un
p a r t i c o l a re t i p o d i v a l o re p e r l ' e s p e r i en z a , n o n è u n a
novità nell'ambito delle scienze u m a n i s t i c h e. Già
negli anni ottanta, Norbert Elias, nel suo
Coinvolgimento e Distacco[12], c e rc a v a di
p e r s u a d e re i colleghi sociologi sulla necessità di
r i f o rm a re l a s o c i o l o g i a a p a r t i re d a l l a n o z i o n e d i
d i s t a c c o - c o n t ro i l c o i n v o l g i m e n t o p a r t i g i a n o c h e
a f f e t t a c h i s i t ro v a a d a f f ro n t a re t e m i q u a l i l ' o rg o g l i o
n a z i o n a l e , l e g u erre " g i u s t e " , l a c r i s i e c o n o m i c a . . .
Come abbiamo visto, la cosa vale anche p er la
c r i t i c a d ' a r t e e l a f r u i z i o n e a r t i s t i c a i n g en e re . E
v a l e a n c o r d i p i ù p e r l ' a r t i s t a s t e s s o. C o n l ' u n i c a
d i f f e re n z a che qui non ci si pone l'obiettivo di
r i f o rm a re a l c u n a s c i e n z a e s a t t a , n é d i i n a u g u r a re u n
nuovo corso dell'Estetica o d e l l ' E rm e n e u t i c a : la
nozione di Distanza, così epurata da elementi
d o g m a t i c i o m o r a l i s t i c i , d i v e n t e r à u n v a l o re s e n z a
i d e a l e , u n a m e rc e s e n z a m e rc a t o , u n a m o n e t a f a l s a ,
p e r u t i l i z z a re u n a f o r t u n a t a m e t a f o r a . Pu ò e s s e re
considerata lo stile con il quale il c i b ern a u t a e
l ' i n t e l l e t t u a l e, l ' h a c k e r e l o s p e t t a t o re a t e a t ro , i l
f i l o s o f o p o s t - u m a n o , i l re g i s t a e i l v i d eo - a r t i s t a s i
s a l v a n o d a l l ' a n n e g a m e n t o n e l l a re a l t à p s i c o t i c a i n
c u i s o n o i m m e r s i ( e d i c u i s p e s s o s o n o i p ro d u t t o r i )
senza tuttavia d o v er r i c o rrere ad una dottrina
psicanalitica o a un ingombrante a rm a m e n t a r i o
concettuale.

Pro p r i o q u a n d o c i s p i n g i a m o o l t re l i m i t i e s t re m i
della Distanza - così come li avevamo tracciati a
t e a t ro [ 1 3 ] - r i u s c i a m o a c o g l i e re i f r u t t i p i ù m a t u r i
della nostra r i f l e s s i o n e, con buona pace della
prudenza anglosassone del n o s t ro Bullough:
rischiando di c a d e re nel sotto-distanziamento
d e l u d e n t e, o d i s u p e r a re l a m i s u r a c o n l a p erd i t a d i
c o i n v o l g i m e n t o d e l s o v r a - d i s t a n z i a m e n t o , d o v re m m o
contemporaneamente r i u s c i re ad a l l o n t a n a re
l ' i p e rre a l i s m o e il crudo naturalismo di certe
operazioni, che confondono arte e vita in una
"apologia dell'esistente" che già costituiva il
bersaglio polemico d el l ' e s t e t i c a di G y ö rg y
Lu ká c s [ 1 4 ] .

[...]

E d g a rd Wi n d , A r t e e A n a r c h i a , Ad e l p h i , 1 9 9 7 .
"l'arte è un e s e rc i z i o dell'immaginazione, un
e s e rc i z i o c h e c i c o i n v o l g e e c i d i s t a c c a a l l o s t e s s o
tempo [...] Da questa duplice radice - partecipazione
e f i n z i o n e - l ' a r t e t r a e i l s u o p o t e re s i a d i a l l a rg a re
la nostra v i s i o n e, sia di a p p ro f o n d i re la nostra
esperienza.
L'arte vive in questo reg n o di ambiguità e di
avventura, ed è arte soltanto nella misura in cui
q u e s t a a m b i g u i t à è m a n t en u t a " [ p . 4 6 - 4 7 ]

Pro p r i o come a f f erm a v a Bullough [sinossi, XXI,


XXX], anche Wi n d è convinto che l'artista abbia
questa strana capacità di sdoppiamento che gli
consente di distanziarsi dagli "incantesimi" e dai
" t e rro r i " c h e e g l i s t e s s o p ro d u c e.

[...]
I principali fruitori di questa moneta falsa sono gli
a p p a r t e n e n t i a l l a c o m u n i t à v i r t u a l e, i n d i v i d u i l a c u i
etica magmatica e p a rc e l l i z z a t a è in continua
f o rm a z i o n e .

Pe r i c o l i di un etica non condivisa,


individualizzazione d el l a società e solipsismo
c i b e rn e t i c o [ G a v a rro ] .
[integrazioni: capitolo 4, paragrafo 1]

4.1. Il ruolo della Dista nza nei Nuovi Media:


l'Arte Interattiva

Le n u o v e t e c n o l o g i e [ i n t e rn e t ] h a n n o p erm e s s o u n
avvicinamento esponenziale degli individui:
i n f o rm a z i o n i che prima impiegavano g i o rn i o
s e t t i m a n e a d a rr i v a re a d es t i n a z i o n e o g g i v i a g g i a n o
a velocità i m p re s s i o n a n t i p er un n u m e ro s e m p re
c re s c e n t e d i p er s o n e, c h e h a n n o a c c e s s o a b a n c h e
d a t i i n c o n t i n u a e v o l u z i o n e . S e m i c o l l e g o a l l a ret e ,
p o s s o s p e d i re u n l i b ro d i s e i c e n t o p a g i n e ( c h e p u ò
" p e s a re " i n t e rm i n i d i b i t d ' i n f o rm a z i o n e c i rc a d u e
M e g a b y t e) i n p o c h i m i n u t i a l l ' a l t ro c a p o d e l g l o b o. S i
p u ò f a c i l m e n t e c o n s t a t a re c h e l o s c a m b i o d i d a t i n o n
è u n i v o c o , u n i d i re z i o n a l e e p a s s i v o , c o m e a v v e n i v a
nei "vecchi" sistemi a medium caldi: la
p a r t e c i p a z i o n e a t t i v a d e g l i u t e n t i re n d e l a re t e u n
medium rovente. D'altra parte s'impone alla
r i f l e s s i o n e s u i m e d i a p i ù d i u n p ro b l e m a s o s t a n z i a l e :
l ' a c c e s s o e l a p ro d u z i o n e u n i v e r s a l i e d e m o c r a t i c i d i
i n f o rm a z i o n i suscita seri dubbi sulla qualità del
materiale fr u i b i l e in re t e ; i motori di r i c erc a
"indicizzano" spesso solo utenti privilegiati che
possono p erm e t t e r s i una sponsorizzazione del
p ro p r i o s i t o ; l ' e t i c a d e l c o p y r i g h t e d el l ' a u t o r i a l i t à
d e l l e o p e re c o s t i t u i s c e s e m p re m e n o u n l i m i t e a l l a
l i b e r a c i rc o l a z i o n e d e i p ro d o t t i c u l t u r a l i , n o n o s t a n t e
la condivisione sia costantemente minacciata
d a l l ' i n t e r v e n t o d e l l e g r a n d i c a s e d i p ro d u z i o n e : " l a
n o m e n k l a t u r a d e l d i s c o n o n [ p erd e] i l s u o m i o p e
riflesso killer[15]"; da un lato, l'anonimicità o la
p s e u d o n i m i t à d e i p ro d u t t o r i / f r u i t o r i d i q u e s t a m o l e
i m p re s s i o n a n t e di i n f o rm a z i o n i sospende la
re s p o n s a b i l i t à degli stessi, d a l l ' a l t ro - e
paradossalmente - l'individuo così spersonalizzato è
c e l l u l a d i u n m e rc a t o c h e l o c o n t ro l l a e n e s o n d a
costantemente i gusti e le p re f e re n z e ,
l ' o r i e n t a m e n t o s e s s u a l e , l e s c e l t e p o l i t i c h e : l i b ero
d a l p u n t o d i v i s t a f o rm a l e , l ' i n d i v i d u o i m m e r s o i n
q u e s t a d en s a n e b u l o s a d i d a t i è m o n i t o r a t o i n o g n i
aspetto dell'esistenza.

I n q u e s t o m o d o , l a s c i s s i o n e c h e c a r a t t er i z z a v a g l i
uomini e le donne alla fine dello scorso millennio
non viene risolta, ma superata, p er u s a re
u n ' e s p re s s i o n e d i G u s t a v J u n g . L ' e t i c a p a r a d o s s a l e
d e l l ' e r a i n f o rm a t i c a è l ' u l t i m o s t a d i o d i u n p ro c e s s o
c h e a f f o n d a l e p ro p r i e r a d i c i n e l v i a g g i o i n t r a p re s o
dalla soggettività da Cartesio fino ad oggi, nel
p ro g re s s i v o a l l o n t a n a m e n t o d e l l a c o s c i en z a d a s e
stessa. M e n t re le scienze positive, che sul
p a r a d i g m a c a r t e s i a n o f o n d a v a n o i l p ro p r i o m e t o d o ,
celebravano i l o ro successi, la scissione tra l'Io
individualizzato e l ' A l t ro , la Società, il Gruppo,
d i v e n t a v a s e m p re p i ù i n s a n a b i l e . Tu t t o r a m a n c a n o
gli strumenti adatti p er c a p i re a fondo questa
frattura: Norbert Elias è convinto che, alla
r i v o l u z i o n e c o p ern i c a n a d e l l e s c i e n z e f o r t i n o n s i a
c o rr i s p o s t a una rivoluzione parallela della
m e n t a l i t à [ 1 6] . Q u e l l o c h e r i s u l t a d a l l e s u e p a ro l e è
c h e i n s o c i o l o g i a s i a m o a n c o r a f erm i a l m e d i o e v o !
Abbiamo visto che secondo il sociologo tedesco un
c e r t o d i s t a c c o è n e c e s s a r i o s i a p er c o m p ren d e re a l
m e g l i o i p ro c e s s i c h e o s s e r v i a m o n e l l a s o c i e t à e d i
c u i s i a m o n o i s t e s s i p ro t a g o n i s t i , s i a p er a d e r i re a i
mutamenti in corso senza c a d ere nella
g i u s t i f i c a z i o n e d el l ' e s t a b l i s h m e n t : i l d i s t a n z i a m e n t o
d a n o i s t e s s i è i l f a t t o re d e t e rm i n a n t e i l p ro c e s s o d i
c i v i l i z z a z i o n e d e l l a s o c i e t à , e p p u re l ' e g o c en t r i s m o
t i p i c o d el l a f i l o s o f i a c a r t e s i a n a c i l e g a a n c o r a a d u n
distanziamento insufficiente per g u a rd a re alla
s o c i e t à i n m o d o o g g e t t i v o.
I l p ro b l e m a c h e n e s c a t u r i s c e è q u i n d i q u e l l o d e l l a
Scissione: da una parte l'Io, il soggetto, e dall'altra
il Fu o r i , il Mondo, la Società, l ' A l t ro. La
contraddizione consiste n e l l ' a f f e rm a z i o n e
dell'assoluta e inalienabile libertà dell'individuo, il
quale tuttavia si sottomette e s'immola
completamente alla collettività. Queste istanze
c o n v i v o n o a l l ' i n t e rn o d e l c o s i d d e t t o " h o m o c l a u s u s " ,
l'idea astratta che abbiamo di noi stessi, causa di
o g n i s o l i p s i s m o. A c o n f e rm a d i q u e s t o , b a s t i p e n s a re
a quanto diamo per scontata l'incomunicabilità
dell'esperienza, delle p erc e z i o n i intime... L'Homo
Informaticus s a re b b e l'ultimo ideal-tipo,
declinazione di questa chiusura ed incomunicabilità:
nonostante le infinite possibilità comunicative che
l ' e r a d i g i t a l e c i c o n s e n t e d i a v ere , l a s e n s a z i o n e
r i m a n e q u e l l a d i a v e re u n a m e r a r a p p re s e n t a z i o n e
d i g i t a l e , e n o n d i a p p a r t e n e re a d u n g r u p p o u m a n o
autentico, di cui condividiamo etica e valori.
A m m e s s o c h e b a s t i l ' i l l u s i o n e, a l f o n d o d e l l a n o s t r a
esperienza rimane un'ineffabile mancanza di
completezza, un'inquietante fr a m m e n t a z i o n e. A
stento conserviamo il sostantivo Homo del binomio:
u n t o r p o re a n i m a l e s e m b r a .

A questa esperienza segnata dall'illusorietà e


dall'inautenticità possiamo c o n t r a p p o rre quella
dell'Arte Interattiva, p re f e r i b i l e a qualsiasi altra
f o rm a d ' a r t e p e r i l f a t t o d i u t i l i z z a re i n u o v i m e d i a
p i u t t o s t o c h e c o n d a n n a r l i a l l o n t a n a n d o s e n e, i n u n
rifiuto s t er i l e ed a n a c ro n i s t i c o , o l t re a c o s t i t u i re
l'elemento naturale p er l'applicazione del n o s t ro
p r i n c i p i o e s t e t i c o. I l p ro d o t t o d i q u e s t o g en e re d i
o p e r a z i o n i a r t i s t i c h e n o n è u n ' o p e r a i n s e n s o s t re t t o ,
né semplicemente una p er f o rm a n c e la cui unica
validità consiste nell'evento qui ed ora: piuttosto,
l ' a t t e n z i o n e è r i v o l t a a l l ' i n t e r a t t i v i t à t r a i l f r u i t o re -
emancipato dalla condizione minoritaria e
s u b o rd i n a t a di "ricevente" in cui veniva re l e g a t o
d a l l ' a r t e t r a d i z i o n a l e e d a l l e a v a n g u a rd i e - l ' a r t i s t a -
p r i m u s i n t e r p a r e s d e l l ' o p er a z i o n e - e l ' e s p e r i e n z a
comune di condivisione estetica. I ruoli non sono
fissi ma possono scambiarsi: il risultato è che la
Ve r i t à n o n è a f f e rm a t a p o s i t i v a m e n t e , n o n c ' è u n
messaggio " p re c o t t o " da dover c o g l i e re ; l'arte
i n t e r a t t i v a a c c e n t u a i l c a r a t t e re o l i s t i c o d e l l a v e r i t à ,
l a q u a l e è q u a l c o s a c h e s i f o rma n e l m e z z o d e l l a
re l a z i o n e. O r a , t e n e n d o a b a d a l a q u e s t i o n e m o r a l e ,
p o s s i a m o d i re c h e e s i s t e u n m o d o " b u o n o " e u n o
" c a t t i v o " d i s t a re i n q u e s t o m e z z o : q u e l l o c a t t i v o
equivale alla maniera inconsapevole di f l u i re
i n s i e m e a i f e n o m e n i , s e n z a l a b e n c h é m i n i m a p re s a
s u l rea l e . S i n o t i c o m e a n c h e i n q u e s t o m o d o s i d à
una distanza (alienante); quello buono s a re b b e
q u e l l o d i u n d i s t a n z i a m e n t o c o n s a p e v o l e, e d i u n a
m e s s a i n g i o c o d e l p ro p r i o S é c o n i f e n o m e n i , v i s t i
non come un Mondo a parte lontano da noi, ma
qualcosa in cui stiamo, fenomeni anche noi. Il
p re c i p i t a t o d i t u t t o q u e s t o p ro c e s s o m i s e m b r a l ' i d e a
di verità che ci s a re m o f o rm a t i grazie a questo
gioco: non quella granitica di un Io Sento (una
v e r s i o n e e v o l u t a e p e r c o s ì d i re " t e rre n a " d e l l ' I o
Pe n s o ) m a u n a v er i t à s o s p e s a , f l u t t u a n t e .
Nell'arte t r a d i z i o n a l e, il rapporto di coscienza
a v v i e n e c o n l ' i d e n t i f i c a z i o n e ; n e l l ' a r t e i n t er a t t i v a , s i
tratta invece di un rapporto di distinzione che
c o n s e n t e d i s f u g g i re a l l a p r o p r i o c e z i o n e : l ' i m m a g i n e
r i f l e s s a d e v e m o s t r a re i l M o n d o e n o n i l S é, m a i l
secondo solo attraverso il p r i mo. Con l'arte
tradizionale, l'identificazione avviene come per
" s t a m p o " d e l l ' o p e r a s u l f r u i t o re. . . q u e s t i a l l a f i n e s i
r i t ro v a ( n el d u p l i c e s e n s o d i " o t t e n e re " e d i " s t a re " ,
" e s s e re - i n - f o rma t o " ) i n q u a l c h e m o d o c o l m e s s a g g i o
dell'artista, o con qualche v a l o re e s p re s s o
n e l l ' o p e r a z i o n e ; l ' a r t e i n t e r a t t i v a c h i a m a i l f r u i t o re a
s c o p r i re i p ro p r i c o n f i n i , c h e s i f o rm a n o q u i e d o r a
c o n l ' i n t er a z i o n e : è p ro p r i o i l m o d o i n c u i s i p o s s o n o
e s p l o r a re q u e s t i c o n f i n i , c i o è l e i n f o rma z i o n i c h e s i
possono c a t t u r a re , ad d e t e rm i n a re la bontà
d e l l ' i n t e r a z i o n e ; l e re l a z i o n i m o s t r a n o i r i m a n d i , e
questi rimandi possono e s s e re variati, seguiti,
scomposti e ricomposti.
O t t e n i a m o d a q u e s t o p ro f i c u o r a p p o r t o d i A r t e e
Fi l o s o f i a a n c h e u n ' a l t r a i n d i c a z i o n e d i m e t o d o : l e
scienze esatte si aspettano un risultato certo ed
i n d u b i t a b i l e, c a s s a n d o t u t t o i l re s t o c o m e v a g o e d
i n d e t erm i n a t o , m e n t re p ro p r i o questa fluidità
costituisce il tratto c a r a t t er i s t i c o della verità in
gioco[17]. nel caso di riuscita della costituzione di
u n a o p er a s i m i l e i n e s s i a l l o r a s a re b b e ro n o n s o l o
u n a i n t er p re t a z i o n e o u n a m e r a r a p p re s e n t a z i o n e ,
m a a n c h e u n a e s p l o r a z i o n e d e l l a rea l t à . Q u e s t i n e s s i
si possono e s p l o r a re attivamente, v e r i f i c a re ,
" s e n t i re " attraverso la p ro p r i a e s p er i e n z a
s o g g e t t i v a . L a q u a l c o s a a i u t ere b b e , s e n o n p ro p r i o
a s a n a re , quantomeno a f a re i conti con la
p a t o l o g i c a f r a m m e n t a r i e t à d e l l ' e s p e r i e n z a , d i re b b e
Pe rn i o l a , " m e d i a c r a t i c a e c a t o t t r i c a " .
Tu t t a v i a , lo stesso filosofo de Il sex appeal
dell'inorganico mette a fuoco un altra fondamentale
questione: l'esperienza soggettiva sembra e s s e re
s e m p re più importante per tutti, meno che p er
l ' a r t i s t a s t e s s o : q u e s t i h a s e m p re m e s s o i n g i o c o -
o f f re n d o l o a l l a m e rc è d e l p u b b l i c o [ 1 8] - c i ò c h e l u i
stesso aveva di più intimo, di personale e
s o g g e t t i v o. O r a p a re i n v e c e c h e t u t t o s i a p i ù o m e n o
fruibile p er tutti a questo livello di pubblicità:
s i c c o m e t u t t o è " g i à s e n t i t o " , q u e l l o c h e s en t i a m o
non ci appartiene più, non è più n o s t ro
s o g g e t t i v a m e n t e . . . n o n f a c c i a m o a l t ro c h e r i c a l c a re
e s p e r i e n z e e s en s a z i o n i s p e r s o n a l i z z a t e , e s e u n a
volta eravamo u o m i n i - m e rc e, alienati sì ma che
a l m e n o p o s s e d e v a n o a n c o r a l e p ro p r i e s e n s a z i o n i ,
o r a s i a m o d i v e n t a t i u o m i n i - d en a ro , " m o n e t e " ( n o n
importa se v ere o f a l s e [ 1 9] ) che c i rc o l a n o nel
m e rc a t o g l o b a l e d e l l e s e n s a z i o n i .
L a p o s s i b i l i t à d i u n a s i n t e s i t r a A r t e e Fi l o s o f i a i n
questa situazione p a rc e l l i z z a t a dell’etica nel
m e rc a t o g l o b a l e d e l l e s e n s a z i o n i è d a t a a l l o r a d a l
superamento di una contraddizione intrinseca al
m e rc a t o s t e s s o : m e n t re i l c i rc o l o d e l l e i n fo rm a z i o n i
può ritenersi l i b e ro da leggi p re c o s t i t u i t e , la
sostanza dello scambio si configura come
l ’ e s t e n d i b i l i t à d e l l e p a ro l e [ q u i i n t e s i n e l l a d o p p i a
significazione, strutturalista e funzionalista] ai
mondi tanto virtuale quanto re a l e della l o ro
a p p a r t e n e n z a . M e n t re l a p a ro l a p ro f e r i t a n e l m o n d o ,
l a p a ro l a s p i e g a t a e t r a m a n d a t a o r a l m e n t e , h a u n
peso inequivocabile, il segno alla quale essa
rimanda è gravido di significati che rischiano di
e s s e re inghiottiti nel flusso della comunicazione:
s o l o i l r i f e r i m e n t o a l l a re a l t à c o n d i v i s a p u ò a l l o r a
re s t i t u i re quel s en s o che già prima di e s s e re
c o n c e p i t o d i v i e n e p i ù re a l e d e l l a s t e s s a o r a l i t à , p i ù
significante della stessa appartenenza ad un gruppo
s o c i a l e, a d u n a re a l t à g e o g r a f i c a o a d u n i n t e n z i o n e
politica. La soluzione all’enigma della
p a rc e l l i z z a z i o n e può e s s e re data da un comune
riferimento ad un sistema stabile: il frame che
questo riferimento costituisce salva il significato da
deterioramenti, e assegna un v a l o re che
p re c e d e n t e m e n t e era messo a re p e n t a g l i o dalla
c a t t i v a i n f i n i t à d i i n t e r p re t a z i o n i a l l a q u a l e i l p u n t o
di vista, tanto dell’artista tanto del filosofo che si
a p p ro p r i a v a dell’opera, nel conseguimento di un
i n a t t e s o g u a d a g n o d i s e n s o. I l d i s t a n z i a m e n t o c h e
a v v e n i v a c o m e re l a z i o n e t r a e n t i s i r i s o l v e n e l l a
p e rc e z i o n e che re c i p ro c a m e n t e intendiamo delle
cose: non importa qui il sistema di riferimento, o la
w e l t a n s c h a a u n g c h e n e p o t re b b e d e r i v a re, p e rc h é l a
validità stessa del metodo viene c o n f erm a t a
ogniqualvolta se ne dia la possibilità. Distanza come
filosofia d e l l ’ a p p ro s s i m a t i v o , o come arte del
re n d ere m a n i f e s t o , è i l n o m e d i t u t t e l e re l a z i o n i c h e
s i i n t r a t t e n g o n o c o n l ’ E s s e re .

[integrazioni: note]

[ 1 0 ] M . Pe r n i o l a , L ' a r t e e l a s u a o m b r a , p . 3 3 , E i n a u d i ,
2000.

[ 1 1 ] C f r. s u p r a , p . .

[12] N. Elias, Coinvolgimento e Distacco, Il Mulino, 1983.

[ 1 3 ] C f r. s u p r a , p . .

[14] G. Lukács, Il significato attuale del realismo critico ,


E i n a u d i , 1 9 5 7 , c i t . i n M . Pe r n i o l a , 2 0 0 0 .

[15] A. Notarbartolo, dal blog di Internazionale.it del 19


Agosto 2008
( h t t p : / / w w w. i n t e r n a z i o n a l e . i t / i n t e r b l o g / i n d e x . p h p ? i t e m
id=2559).
[16] N. Elias, La civiltà delle buone maniere, Il Mulino,
1982.

[17]S. Natoli, La verità in gioco. Scritti su Foucault,


Fe l t r i n e l l i , 2 0 0 5 , e P. K . Fe y e r a b e n d , C o n t r o i l m e t o d o .
Abbozzo di una teoria anarchica della conoscenza,
Fe l t r i n e l l i , 2 0 0 2 . S i n o t i c o m e i l p a r a d i g m a s c i e n t i f i c o
getti la propria luce sulla sfera morale, informandola.

[18] Inteso qui nel senso aggettivato di "reso pubblico",


non sostantivato di "pubblico a teatro, al cinema".

[19] La metafora, oltre che in Derrida (Donare il tempo. La


moneta falsa, Raffaello Cortina, 1996) è anche e
soprattutto in Klossowski, La moneta vivente,
Mimesis, 2008.

[integrazioni: Indice]

Indice

In t ro du zi o n e

1. " L a Di st a n z a Psi ch i ca co me f a t to re a rt i st i co e
pr i n ci pi o est et i co " [ Si n o ssi]

PA RT E I : d e f i n i z i o n e d i D i s t a n z a P s i c h i c a
PA RT E I I : L ' a n t i n o m i a d e l l a D i s t a n z a

2. D i st a n z a Scen o gr a f i ca :
i l po st mo dern o a t ea tro

2.1 Dalla Poetica alla Critica del Giudizio

3. D i st a n z a St or i ca :
l 'a ssen t e co m e av v en u t o o a v v en ire

4. C o n cl u si o ni : La Di st a n z a co me Va l ore

4.1 Il ruolo della Distanza nei Nuovi Media:


l'Arte Interattiva

Appendice - Ermeneutica della Distanza


e Arte Interattiva

Bibliografia

Indice dei nomi

[integrazioni: Indice dei nomi]

In di ce dei n o mi

Aristotele, .
Artaud, Antonin, .

Baudrillard, Jean, .
B a r t h e s , Ro l a n d , .
B e rd j a e v , N i ko l a j A l e k s a n d ro v i č , .
Bre cht, Bertol d, .
Bré mo nd , He nri, .
Bullough, Edward, .

Christilles, Dennis, .
C o l e r i d g e , S a m u e l Ta y l o r , .

Delbert, Unruh, .
Derrida, Jacques, .
Dewey, John, .
Donà, Massimo, .
Duchamp, Marcel, .

Elias, Norbert, .

Fe y e r a b e n d , P a u l K a r l , .
F l o re n s k i j , Pa v e l A l e k s a n d ro v i č , .
Fr a n c o f o r t e ( S c u o l a d i ) , .

Gavarro, Raffaele, .
G re e n a w a y , Pe t e r , .
Growtowski, Jerzi, .

H e g e l , G e o r g W i l h e l m Fr i e d r i c h , ;
hegeliano, ; hegelismo, .
Hirsch, Damien, .

Jung, Gustav, .

Kant, Immanuel, ; kantiano, ;


kantismo, .
K lossowski, Pie rre , .

I n g a rd e n , Ro m a n , .

Lukács, György, .
Ly o t a r d , J e a n - Fr a n ç o i s e , .

Meinong, Alexius, pseudonimo di


Alexius von Handschuchsheim, .
Natoli, Salvatore, .
Notarbartolo, Alberto, .

Pe rn i o l a , M a r i o , .

Santayana, George, .
Shaftesbury, Anthony Ashley Cooper, (Conte di), .
S h a ke s p e a re , Wi l li a m , .
S h e l l e y , Pe rc y B y s s h e , .

Ta t a r k i e w i c z , W ł a d i s ł a w , .

Ro r t y , R i c h a r d , .

Ve l á s q u e z , D i e g o , .

Wind, Edgar, .
Witasek, Stephan, .