Sei sulla pagina 1di 3

L ETTURA

Nome: Francesca

VISIVA : OPERA

A RCHITETTONICA
Data: 01.06.2013

Cognome: Visentin

Classe: 4H

L ETTURA VISIVA :
A) Osservazioni:
1) Raccolta Dati: Nome: Chiesa di SantAndrea al Quirinale Autore: Gian Lorenzo Bernini Datazione: 1658-1676 Tecnica e materiali: Marmi policromi Collocazione: Roma

2) Descrizione del soggetto Descrizione generale: La facciata della Chiesa si presenta alta, con lo stemma famigliare (il Principe Pamphili aveva sponsorizzato la costruzione delledificio) posto sopra il timpano, con accanto una ghirlanda di rose (fiore che simboleggiali martirio). Prima di entrare nella grande Chiesa, dobbiamo salire una scalinata semicircolare, a differenza delle colonne, nel cui mezzo si trova la porta dentrata, che hanno forma ellittica, cos come pianta della costruzione. Al di sopra della trabeazione (struttura orizzontale sostenuta da colonne), possiamo trovare due pesci e una conchiglia, simbolo del Cristianesimo (nella conchiglia inciso il nome di Ges - HIS). Una volta allinterno, possiamo ammirare limmensa cupola, decorata da cassettoni dorati, la quale genera uninfinit di luci in base alla posizione del Sole, e quindi in base alle ore del giorno. Guardandoci intorno possiamo scorgere numerosi dipinti, nonch cicli pittorici di autori (esempio Giacinto Brandi), ma uno in particolare ci rimanda allo stemma della famiglia Pamphili: il dipinto dietro allaltare, infatti, rappresenta la crocifissione dellapostolo Andrea. Infine, la ripresa dellesterno la si pu trovare nelle numerose sculture di pesci e conchiglie, e quindi ripresa della sacralit anche allinterno della chiesa.

B) Analisi:
1) Analisi compositiva: individua le linee compositive, la modularit, i rapporti geometrici tra le parti, ricerca se ci sia armonia o ritmo, o quali siano le linee prevalenti.

Pianta:

Alzato:

Scrivi quanto raccolto grazie allo schema: Vi un forte equilibrio tra interno ed esterno della chiesa. Bernini, infatti, ci che progetta allesterno, lo riprende anche allinterno. Quindi, oltre alle immagini sacre (i due pesci e la conchiglia), vengono riprese anche le linee curve (la scalinata semicircolare allesterno e la pianta ellittica). Di conseguenza, si pu parlare di una forte simmetria.

2) Analisi tridimensionalit: individua se ci sia un effetto tridimensionale e attraverso quali strumenti sia ottenuto

pianta:

Alzato:

Scrivi quanto raccolto grazie allo schema: Presentando una forma aperta data dalla pianta ellittica delledifico (quindi basato sulla curva), Bernini crea un effetto di dinamismo e di dilatazione dello spazio. Allinterno, inoltre, troviamo una forte sensazione di dilatazione, dovuta sempre alla pianta ellittica sebbene le reali dimensioni della chiesa.

C) Ricostruzione critica: (sintetizza e commenta quanto raccolto grazie allo schema)


Notizie intorno a questo edificio si hanno gi dal XII secolo, con la testimonianza della presenza di una chiesa denominata SantAndrea de Caballo, ma solo a partire dal XVI sec. si incontra il nome di SantAndrea al Quirinale. I gesuiti si insediarono sul colle del Quirinale a partire dal 1565 grazie ad una donazione del vescovo di Tivoli che concedeva luso della chiesa parrocchiale di SantAndrea insieme con alcune piccole case ad essa adiacenti. Di poco successiva la donazione della duchessa di Tagliacozzo, Giovanna dAragona, la quale concesse ai gesuiti alcune propriet che confinavano con SantAndrea, permettendo di costruire una nuova sede per il Noviziato. Su questi terreni si costru una nuova chiesa sotto la direzione del gesuita-architetto Giovanni Tristano da Ferrara che venne consacrata il 2 febbraio del 1568 dal cardinale Marcantonio Colonna. Le prime testimonianze che indicano il volere di ricostruire la chiesa del Tristano, a quanto pare buia e umida, sono riferite al cardinale Ludovico Ludovisi, nipote del pontefice

Gregorio XV, il quale voleva erigere una chiesa nuova dedicata a SantAndrea e al neo canonizzato Francesco Saverio. I lavori tuttavia non cominciarono mai e solo nel 1647 si riprese il progetto di costruire una chiesa grande e sontuosa, sotto la guida del Borromini, ma anche questa realizzazione non ebbe seguito in quanto non si aveva piacere che un edificio grandioso andasse ad oscurare il palazzo del Quirinale. Fu solo con lintervento di papa Alessandro VII che si risolse la questione relativa allopportunit di ricostruire una chiesa per il Noviziato dei Gesuiti al Quirinale e il progetto fu affidato a Gian Lorenzo Bernini.