Sei sulla pagina 1di 2

=== Premessa

Da quanto sopra si evince che la definizione "testadicazzo" nasce dalla propensione degli uomini (*) a ragionare con la "testa" che sta nei pantaloni piuttosto che con quella sul collo, che non ha la sola funzione di tenere separate le orecchie. Mammina non ha insegnato che "guardare ma non toccare una cosa da imparare" ?? E che le calze a rete e le scollature inguinali, pur di dubbio gusto, non fanno di una donna un oggetto da manipolare/usare secondo il proprio gradimento ?? Mi preme inoltre specificare che esiste una netta differenza tra night (locali rispettabili) e night (bordelli travestiti da locali)

=== Testo
Ti mai capitato di pensare che un uomo ragioni con la "testa" che sta nei pantaloni piuttosto che con quella sul collo? Personalmente mi capitato di sentire diverse ragazze deluse dagli atteggiamenti maschili. E convinte che le donne abbiano un maggiore controllo delle emozioni (le provano infatti pi intense, ma riescono a controllarsi), un maggior controllo degli istinti (soprattutto quello sessuale) e che siano pi riflessive. Per quanto sia una generalizzazione, penso che non si possa negare che ci siano differenze marcate fratra uomo e donna. Non mi mai capitato d'di incontrare un uomo con il ciclo mestruale o una donna che abbia valori di testosterone paragonabili a quelli maschili; quindi per quanto io trovi assurda la pretesa di voler ridurre tutti gli uomini ad un generico "gli uomini" (vale lo stesso per le donne), reputo ci siano dei tratti in comune da cui non si pu prescindere. Ora una cosa che spesso ci sfugge che per quanto ci siamo impegnati nella vita per raggiungere determinati obiettivi, ci sfugge l'importanza che la nostra famiglia, i nostri amici e le nostre esperienze hanno avuto nell'influenzarci. Una ragazza molto bella e magra dentro di se dentro di s potrebbe trattare con sufficienza un'altra ragazza disperata perch non riesce a perdere 20 kgchili. Ma anche se la ragazza che giudica avesse sudato per perdere 30 kgchili, potrebbe sbagliare nel giudicare la ragazza che non riesce a dimagrire. Potrebbe pensare: "i: Io ce l'ho fatta perchperch mi sono impegnata, perch sono forte, lei non ci riesce perch debole ". Gli psicologi dicono addirittura che spesso si parla impropriamente di forza di volont, mentre si dovrebbe parlare di motivazione, autostima e capacit di identificarsi in ci che rende possibile il raggiungimento di un certo obiettivo. La faccio breve. Chi riesce a perdere 30 kgchili non lo fa perch pi forte, ma perch l'insieme delle esperienze che ha vissuto le hanno permesso di ottenere quell'obiettivo. Se una ragazza educata, forte, infantile, matura dipende molto dalla famiglia. Un bambino che non va all'asilo, che subisce atti di bullismo, che non fa sport ha mille chance in pi di essere timido. Chi non fa sport tende a essere meno competitivo. Nello sviluppo di un carattere, nella gestione delle risposte emotive, tutto questo conta tanto, dannatamente tanto, mille volte pi di quanto ciascuno di noi possa immaginare. Per dirti io sono uscito poco da casa e ripropongo molti dei tratti di personalit dei miei genitori o cmq sviluppati in relazione in rapporto ai loro. La schiettezza estrema ne uno. Questa non una mia opinione, psicologia. Certo che conta l'impegno, ma lo sforzo che deve fare una persona per dimagrire (se non c' riuscita per 20 anni ventanni) 10 volte dieci volte quello che deve fare una ragazza che da sempre stata capace di fare delle diete. Perch la sua capacit di fare delle diete un prodotto delle sue esperienze. Capisci che forza di volont ci vuole per fare qualcosa che NON sei mai riuscita a fare? Ora immagina che forza di volont ci vuole per fare qualcosa che, oltre a non essere mai riuscito a fare, reputi SBAGLIATO, frivolo, infantile, ecc. eccetera. Nel mio caso notare come si vestono gli altri mi rimane difficile perchperch io avevo sempre pensato che fosse un forte sintomo di insicurezza cercare di valorizzarsi e che chi si valorizza lo fa per integrarsi, per piacere agli altri. Mi sembra stupido piacere a una ragazza per i vestiti che indosso. Anche la coerenza che per moltissime persone un grandissimo valore, per me spesso un indice di: "n: Non voler cambiare idea quando gli altri ci dimostrano che sbagliavamo o che ci eravamo espressi male ". Detto tutto questo io rivedrei questa idea tanto comune tra le ragazze di sentirsi pi "forti" e migliori degli uomini perch riescono a controllare i propri istinti sessuali pi dei maschi. Non ti sembra strana questa coincidenza? (La prostituzione in effetti un fenomeno totalmente femminile.) Perch credi che gli uomini si lascino trasportare dagli istinti sessuali? Ho cercato di trovare delle prove a ci che pensavo: ovvero che per gli uomini gli stimoli sessuali fossero pi forti che per la donna. Uno studio di psicologia riporta che la dipendenza sessuale 5 volte cinque volte maggiore nei maschi rispetto alle donne. Rendo l'idea? Ora. Io sono molto curioso, ma non ho mai provato droghe. Non perch fossi cos fifone da temere danni, ma perch non volevo sperimentare la mia forza di volont contro una dipendenza tanto forte e deleteria. La mia opinione potr sembrarti assurda, ma io credo che una donna non riesca neppure lontanamente a immaginare quanto sia forte per l'uomo (qualsiasi qualunque uomo) l'impulso sessuale. Ora sono sicuro che stai gi iniziando a pensare che sai dove voglio andare a parare. Ti chiedo quindi di mantenerti umile e darmi una chance. Una chance per vedere se ho qualcosa da dire o meno.

Ti rassicuro subito sul fatto che so benissimo che ci sono molti uomini che si controllano senza problemi. PerchPerch io sono uno di quelli E qui ti chiedo di riflettere su quanto sarebbe facile farmi i cazzi miei invece di fare l'avvocato delle cause perse. Ora, cerca il corrispettivo femminile degli istinti maschili. Cos' che una donna vuole a tal punto da non riuscire a resistere? Quel qualcosa che vuole sempre, a cui tiene tantissimo? E che praticamente ogni donna, per quanto possa negarlo, vuole? Sentirsi speciale? amata? unica? desiderata? orgogliosa? Tu potrai pensare che soggettivo e che anche per gli uomini esattamente la stessa cosa. Magari ci saranno delle eccezioni, ma si dice che le eccezioni confermino la regola. Se ti guardi intorno io credo che il bisogno di affetto nelle donne sia una costante molto pi che negli uomini. Per un uomo difficile capire cosa prova una donna stuprata. Se un uomo potesse essere stuprato da una donna non proverebbe ci che prova una donna. Riesci a capire cosa voglio dire? Voglio dire che se una donna ha la sensazione che gli uomini non la capiscano (perch difatti cos), parimenti le donne non capiscono al 100% gli uomini. Se gli uomini sono insensibili alle donne (vedi sull'aborto) perch TUTTI i condizionamenti (ormonali, culturali, familiari) che subiamo in proposito sono OPPOSTI. E questo conta pi di quanto una donna possa immaginare. Persino l'aggressivit una mia amica sottolinea spesso che le donne sopportano il ciclo, sopportavano uomini tremendi in passato. Hai mai pensato che persino questa "forza" dipenda in grandissima parte da motivi culturali e ormonali? Persino motivi legati all'adattamento. PerchPerch spesso le donne sono pi subdole e gli uomini pi aggressivi? Pensi che andrebbe lontano una donna che provasse a fare a pugni con un uomo? I modelli vincenti femminili fanno a botte? Il condizionamento che subiamo tutto. Se una donna obesa si "sveglia" a 50 anni cinquantanni scoprendo che l'immagine conta tantissimo e le esperienze che ha vissuto le impediscono di dimagrire c' una possibilit concreta che cada in depressione. Ma la risposta, il cadere in depressione, anche questa influenzata dai condizionamenti subiti. Un uomo potrebbe avere la medesima reazione o una completamente diversa le donne vanno verso l'autolesionismo o le nevrosi, gli uomini possono andare verso le nevrosi o l'aggressivit. Guardati intorno. Non so quanti anni tu abbia, ma quando io facevo il liceo NESSUNA si piastrava e teneva all'immagine neppure un decimo di quanto ci tenga oggi qualsiasi qualunque quindicenne. Capisci quanto contano i condizionamenti esterni? Ora tu dirai: "q: Questo comunque non giustifica gli uomini aggressivi ". E sfondi una porta aperta. Il problema che io guardo la cosa alla base e mi chiedo: hai capito che le persone che fanno le cose peggiori non sono "cattive" ma sono il prodotto dei condizionamenti esterni che le hanno rese tali? La famiglia, la societ, i modelli televisivi, l'incapacit di competere, il non ricevere NULLA se non riesci a competere, ad essere all'altezza degli altri. Ti piace il capitalismo sfrenato? Sei convinta che la mancanza di regole (il liberismo) equivalga alla meritocrazia? Scusa il papiro. Che non neppure finito, ma il resto puoi immaginarlo. Abbiamo portato la competizione sfrenata e senza regole anche negli affetti. E poi ci lamentiamo che i poveri diventino violenti contro i pi ricchi. PerchPerch negli USA la criminalit tanto alta nonostante la repressione, e secondo te un caso che l'1% della popolazione USA detenga il 90% della ricchezza? Sono sicuro che non vedrai il parallelo negli affetti e forse meglio, perch la trasformazione della societ promossa da Mediaset ci ha peggiorato. E siamo tutti responsabili. Non solo i maschi. Io spero che tu la veda come una sorta di delirio, perch se invece realizzassi dove siamo arrivati ti deprimeresti..