Sei sulla pagina 1di 6

GIUSTIZIA

E IMPUNITÀ
LA COMMISSIONE
PER IL CHIARIMENTO
STORICO IN GUATEMALA,
10 ANNI DOPO
10 anni fa la Commissione per il Chiarimento
Storico in Guatemala consegnava il rapporto sulle
violazioni dei diritti umani perpetrate nei 36 anni
di conflitto armato interno. Il rapporto rappresentava
indubbiamente una svolta, anche se alcune delle
raccomandazioni fondamentali indicate non hanno
mai trovato applicazione, impedendo ai sopravvissuti,
alle vittime e ai familiari di ottenere giustizia
e riparazione.

Si calcola che in Guate- quali costituivano crimini


mala, durante il conflitto di lesa umanità. Il rap-
armato interno (1960- porto includeva anche
1996), 200.000 persone una serie di raccomanda-
furono vittime di spari- zioni fondamentali per
zioni forzate o esecuzioni assicurare alle vittime
extragiudiziali. La Com- giustizia e riparazione e
missione per il Chiari- garantire che atrocità del
mento Storico (CEH), in genere non si ripetessero
seguito a quanto stabilito mai più. Tuttavia, dopo
negli Accordi di pace dieci anni non è stata
patrocinati dall’ONU che applicata nessuna delle
hanno messo fine al raccomandazioni più
conflitto, condusse una importanti e i responsabili
ricerca storica sulle gravi delle violazioni dei diritti
violazioni dei diritti umani umani indicati dal
commesse durante gli rapporto non sono ancora
anni del conflitto. stati portati in giudizio.

Il rapporto della Commis-


sione, “Memoria del GIUSTIZIA
silenzio”, venne presen-
tato il 25 febbraio 1999. La Commissione giunse
In esso erano contenute alla conclusione che
conclusioni decisive sulle l’esercito guatemalteco e
violazioni dei diritti umani i suoi alleati siano stati
generalizzate e sistemati- responsabili della grande
che compiute durante il maggioranza degli abusi
conflitto, molte delle perpetrati durante gli anni
del conflitto tra cui spari- Il 5 dicembre del 1982
zioni forzate, esecuzioni le forze di sicurezza
extragiudiziali e torture. guatemalteche entrarono
L’entità e la natura di nel villaggio di Dos Erres,
queste violazioni furono La Libertad, dipartimento
tali da portare la Commis- di Petén. Ne uscirono tre
sione a ritenere l’esercito giorni dopo, lasciando
responsabile del genoci- dietro di sè più di 250
dio di popoli indigeni uomini, donne, bambini e
del Guatemala in quattro bambine torturati a morte
regioni del paese. e, nel caso delle donne,
violentate ripetutamente,
e un villaggio dato alle
Complessivamente, la fiamme. Da quando, nel
Commissione ha potuto 1994, è stata formal-
documentare 669 massa- mente aperta l’inchiesta
cri, 626 dei quali attri- sul massacro, la difesa ha
buibili all’esercito dello presentato almeno 30 ri-
stato. Fino a oggi, i tribu- corsi e ha sollecitato altri
nali guatemaltechi hanno procedimenti giudiziali in
potuto comminare una 49 occasioni. Dopo quasi
condanna in meno di 15 anni dall’avvio dell’in-
cinque casi di gravi viola- chiesta, non si è giunti ad
zioni dei diritti umani ed alcun risultato rilevante.
esclusivamente a militari
di basso grado. Nessun
ufficiale di alto grado o I membri della comu-
autorità civile è mai stato nità Achí del villaggio di
portato in giudizio per Río Negro, nel municipio
aver ordinato, pianificato di Rabinal, dipartimento
ed eseguito massicce e di Baja Verapaz, furono
sistematiche violazioni vittime di cinque massa-
dei diritti umani in cri tra il 1980 e il 1982.
Guatemala. Nel massacro che ebbe
luogo nel marzo del 1982
Seppellimento dei resti di 64 vittime vennero trucidate 177
riesumate del massacro di Pamuy, donne, bambini e bam-
Baja Verapaz
©
bine. I gruppi locali di
ADVIMA
difesa dei diritti umani
I sopravvissuti ai 22 eccidi perpetrati calcolano che nello stesso
nel 1981 e nel 1982 celebrano la
periodo, nella zona di
Giornata nazionale della dignità nel
2004 con una coperta sulla quale Rabinal, persero la vita
sono ricamati i nomi dei familiari tra le 4000 e le 5000
morti nei massacri. persone e che 444 dei
©
AI 791 abitanti di Río Negro
furono vittime di esecu- arrestati e accusati un
zioni extragiudiziali. Dopo colonnello dell’esercito
anni di sforzi dei difensori e tre capi del gruppo pa-
dei diritti umani per por- ramilitare considerati
tare avanti il caso, nel responsabili della spari-
1998, tre ex membri zione forzata dei prigio-
delle Patrullas de Auto- nieri. L’ex colonnello
Defensa Civil (PAC), ricorse in appello invo-
organizzazioni paramilitari cando l’amnistia sancita
appoggiate dal governo, dalla Legge di riconcilia-
vennero dichiarati colpe- zione nazionale del 1996.
voli di tre assassinii (che Dopo diverse battaglie
in appello si ridussero legali, nel dicembre del
a 2). Nel 2008, altri sei 2008, la Corte costituzio-
ex membri delle PAC nale ordinò alla Corte
furono ritenuti colpevoli Suprema di Giustizia di
della morte di 26 per- escludere nelle proprie
sone. Tuttavia, nessuno sentenze la possibilità di
degli ufficiali dell’esercito applicare la Legge di
che pianificarono, riconciliazione nazionale
ordinarono e partecipa- al delitto di sparizione
rono ai massacri venne forzata. Nonostante que-
portato in giudizio. sta conquista, finora
nessuno è stato portato in
giudizio per la sparizione
Il 19 ottobre del 1981, forzata dei sette uomini.
alcuni militari e capi di Si ritiene che negli archivi
gruppi paramilitari entra- militari dell’epoca del
rono nel villaggio di El conflitto siano contenute
Jute, nel dipartimento informazioni essenziali su
di Chiquimula. Qui pre- centinaia di casi di gravi
sero prigionieri sette uo- violazioni dei diritti
mini i cui nomi erano umani. Il 25 febbraio del
inclusi in una lista che
portavano con sè: Jacobo Identificazione degli indumenti
di 74 vittime di massacro esumati
Crisóstomo Chegüen,
nell’ex base militare di Rabinal,
Miguel Ángel Chegüen Baja Verapaz, luglio 2008.
Crisóstomo, Raúl Che- ©
ADVIMA
güen, Inocente Gallardo,
Processione con le bare di 64
Antolín Gallardo Rivera, vittime riesumate a Rabinal,
Valentín Gallardo Rivera e Baja Verapaz, giugno 2004.
Santiago Gallardo Rivera. ©
ADVIMA
Da quel momento, di nes- Particolare di una cerimonia maya.
suno di loro si ebbero più ©
Fundacion de Antropologia
notizie. Nel 2005, furono Forense de Guatemala
2008, il presidente Álvaro di esumazione condotti da
Colom Caballeros annun- alcune ONG guatemalte-
ciò l’apertura degli ar- che. Secondo tali ONG,
chivi. Nonostante ciò, questi programmi hanno
il Ministero della difesa consentito di recuperare
si rifiuta tuttora di conse- finora i resti di circa
gnare le informazioni 5350 vittime e di conse-
contenute negli archivi. gnarli ai familiari. Attual-
mente non è chiaro se i
finanziamenti verranno
riconfermati nè se il
RIPARAZIONE governo continuerà a
sostenere il processo di
La riparazione è un esumazione.
elemento fondamentale
delle raccomandazioni In occasione del decimo
della Commissione per il anniversario del rapporto
chiarimento storico che della Commissione,
promuovono la ricerca Amnesty International
della verità sulla sorte di chiede alle autorità del
tutte le persone scom- Guatemala di celebrare
parse durante il conflitto la Giornata nazionale
e la creazione di una della dignità delle vittime
Commissione nazionale del conflitto armato
per la ricerca dei bambini interno rinnovando il pro-
scomparsi. Nel 2007 è prio impegno congiunto
stata presentata una a porre fine all’impunità
proposta di legge per la dei responsabili delle
creazione di una commis- violazioni dei diritti umani
sione incaricata della commesse in passato
ricerca delle circa 45.000 e compiendo un passo
vittime di sparizione fondamentale verso un
forzata, ma il testo non maggior rispetto dei diritti
ha ancora avuto l’appro- umani nel presente.
vazione del Congresso.

Un secondo elemento
chiave per la riparazione In copertina:
previsto nel rapporto della familiari celebrano una
Commissione è l’esuma- cerimonia maya per stabilire
zione dei resti delle un contatto con i morti e
persone che morirono o favorire l’esumazione delle
vittime del conflitto armato
scomparvero. I governi
interno, aprile 2008.
precedenti hanno finan- ©
Fundacion de Antropologia
ziato in parte i programmi Forense de Guatemala
ATTIVATI
Scrivi alle autorità guatemalteche.

Chiedi al presidente Colom che Chiedi al procuratore generale di Sollecita il presidente del
garantisca l’apertura degli archivi intensificare gli sforzi per processare i Congresso ad adottare misure per
militari nei quali sono contenute responsabili dei crimini - esecuzioni garantire che la proposta di legge
informazioni fondamentali sulle extragiudiziali, torture e sparizioni 3590, presentata al Congresso il
violazioni dei diritti umani perpetrate forzate - perpetrati durante il conflitto 18 gennaio 2007 e che prevede
durante il conflitto interno interno armato, comprese le persone la creazione di una commissione
armato, nel rispetto dell’impegno che che pianificarono e ordinarono questi per la ricerca delle vittime del
ha assunto il 25 febbraio 2008. crimini. conflitto interno armato, prosegua
il suo iter senza ulteriori ritardi.
Sollecita il presidente Colom ad Invia l’appello a:
assicurare che vengano assegnati Lic. José Amílcar Velásquez Zárate Invia l’appello a:
fondi sufficienti per permettere l’esu- Fiscal General de la República Lic. José Roberto Alejos Cámbara
mazione dei cimiteri clandestini dove y Jefe del Ministerio Público Presidente del Congreso de
sono sepolti i resti di uomini, donne, 8a. Avenida 10-67, Zona 1 la República de Guatemala
bambini e bambine che non sono an- Antiguo Edificio del Banco de los Congreso de la República de
cora stati recuperati e identificati. Trabajadores Guatemala
Ciudad de Guatemala, Guatemala 9a. Avenida 9-44 Zona 1
Invia l’appello a: Fax: +502 2411 9124 Ciudad de Guatemala, Guatemala
Presidente de la República +502 2411 9326 Fax: +502 2220 4024
de Guatemala Usa la formula di cortesia: Usa la formula di cortesia:
Lic. Álvaro Colom, Casa Presidencial Egregio Sig. Procuratore generale Egregio Sig. Presidente
6a. Avenida, 4-18, Zona 1
Ciudad de Guatemala, Guatemala
Fax: +502 2383 8390
+502 2383 8383
(aspetta il tono del fax)
Usa la formula di cortesia:
Egregio Sig. Presidente

Amnesty International è un movimento diffuso in tutto il mondo al quale partecipano


2,2 milioni di persone di oltre 150 paesi e territori con la finalità di sostenere campagne
per porre fine ai gravi abusi commessi contro i diritti umani.
La nostra visione è quella di un mondo in cui tutte le persone possano godere dei diritti
umani proclamati nella Dichiarazione universale dei diritti umani e in altre norme
internazionali in difesa di tali diritti.
Agiamo in totale autonomia da qualsiasi governo, ideologia politica, interesse economico
e credo religioso. Il nostro lavoro viene finanziato in gran parte con i contributi dei
membri e attraverso donazioni private.

Sezione Italiana Edizione italiana a cura di


Amnesty International Coordinamento America Latina Amnesty International
Segreteria Internazionale C.so San Maurizio 12 bis Gruppo 108
Peter Benenson House 10124 Torino tel. 011.817.05.30
1 Easton Street fax 011.817.05.91 Febbraio 2009
London WC1X ODW, Regno Unito e-mail: coord.americalatina@amnesty.it Indice: AMR 34/001/2009