Sei sulla pagina 1di 12

manoscritto di anonimo pubblicato postumo finito di scrivere in Ferrara il 21 dicembre 1963

Prefazione dellEditore In una piovosa serata del dicembre del 1997 ricevetti una strana visita. Un anziano signore, che mi aveva precedentemente scritto richiedendomi un appuntamento , mi venne a trovare recando con s un manoscritto, racchiuso in una cartelletta di cartone e vergato in maniera speculare. Egli afferm, con parole lente e gravi, che lautore di tale manoscritto era un professionista ferrarese deceduto circa ventanni prima, che per tutta la vita aveva fatto in gran segreto delle ricerche di tipo alchemico. Mi chiese di dare unocchiata al plico che aveva portato con s ed afferm inoltre che sarebbe tornato circa un mese dopo, per sapere se tale manoscritto era stato di mio gradimento e se io avessi ritenuto che esso avrebbe potuto essere dato alle stampe. Dette queste parole si conged senza aggiungere altro, tralasciando quei convenevoli e quelle chiacchiere sugli argomenti pi disparati che di solito si usano fare con coloro che propongono la stampa dei loro libri. Ebbi alcune difficolt a leggere lo scritto che mi era stato consegnato e dovetti usare a tale scopo un piccolo specchio che mi feci tagliare da un vetraio. Il contenuto dello scritto mi parve ostico, ed in certi punti forse troppo esclusivo, soprattutto perch forse dimostrava che fino a qualche decennio prima era vissuto un vero cultore della misteriosa Scienza ermetica. Infatti a mio avviso certe affermazioni e certe spiegazioni che venivano date nel manoscritto non potevano essere paragonabili a quelle teorizzazioni personalistiche che caratterizzano i numerosi saggi sullesoterismo che oggi vengono cos frequentemente stampati, ma permettevano di avere unidea e forse anche delle intuizioni sullAlchimia che per mezzo di nessun altro testo avevo potuto avere.
2

Cos circa un mese dopo, quando il misterioso anziano signore ritorn da me, dopo avermi fissato un appuntamento telefonico, gli dissi che sarei stato ben felice di pubblicare il manoscritto che mi aveva dato. Egli mi rispose solamente che di ci sarebbe stato lieto. Poi mi diede una busta che conteneva una lettera da lui firmata, nella quale era scritto che non si richiedeva alcun diritto dautore alla casa editrice per la pubblicazione del manoscritto, e di nuovo scomparve senza nulla aggiungere. Da allora non lo rividi pi e sicuramente non so se quello strano signore fosse lautore del manoscritto qui pubblicato o, come mi disse, un esecutore testamentario dellautore. Ma anche se lui mi rivolse pochissime parole ho il sospetto che egli stesso fosse uno studioso della Scienza di Ermete, mascherato e misterioso come nel presente scritto viene detto che costoro debbano essere. LEditore

Prefazione dellAutore Dopo aver fatto per oltre quarantanni delle indagini e delle ricerche nel campo della Scienza alchemica e dopo aver ottenuto in tale contesto dei risultati che hanno indubbiamente premiato il mio lavoro, ho deciso di mettere per iscritto alcune delle mie esperienze, nella speranza che esse possano essere utili in futuro a chi vorr dedicarsi a questo genere di studi. Dato che in questo genere di cose si deve a mio avviso rispettare la regola del segreto, cos come hanno sempre fatto i seguaci della Scienza di Ermete, cercher di fare in modo che questi miei scritti non vengano conosciuti da altre persone prima di ventanni dopo che la mia anima si sar separata dal corpo. Inoltre tali scritti, anche quando potranno essere letti da coloro che potrebbero essere interessati al loro contenuto, non dovranno essere mai riferibili al loro autore, e quindi non dovranno portare il mio nome, ma essere anonimi. Al fine di mantenere tale segreto e tale anonimato, essi saranno consegnati ad una persona di mia fiducia, in modo che questa mia volont venga rispettata. Forse coloro che leggeranno questo mio manoscritto, quando ci potr avvenire, potrebbero chiedersi il motivo per il quale esso stato scritto in modo speculare, come faceva Leonardo da Vinci. Il fatto che i miei familiari ed i miei domestici, che sono sempre stati moderatamente curiosi e quindi potenzialmente capaci di leggere i miei appunti, quando non erano chiusi a chiave nella scrivania, avrebbero di certo avuto delle difficolt a capire a prima vista cosa vi fosse scritto, nei rari momenti in cui avrebbero potuto darvi una breve occhiata.

Di conseguenza ho pensato di mantenere in questo modo la pi assoluta riservatezza a proposito di ci che stato per me di primaria importanzanel corso della mia vita. Questo espediente mi cio servito a far ritenere, a chi non doveva sapere ci che io andavo scrivendo, che io mi stessi semplicemente dilettando a scrivere in modo incomprensibile e bislacco. Forse per questo mio comportamento in effetti nessuno tra i miei familiari ed i miei conoscenti ha mai ritenuto che io abbia dedicato la mia vita soprattutto allo studio teorico e pratico dellantica Scienza di Ermete. Essi hanno sempre creduto invece che i miei interessi ed i miei ideali fossero abbastanza simili a quelli delle persone normali. In effetti a loro, come alla quasi totalit delle persone che ho conosciuto nel corso della mia vita, ho sempre mostrato una maschera di normalit, facendo finta di condividerne comportamenti, interessi ed opinioni. Se mi fossi comportato diversamente non solo avrei infranto la regola del segreto, che deve contraddistinguere coloro che veramente seguono lantica tradizione di Ermete, ma avrei certamente suscitato delle curiosit e delle maldicenze che avrebbero potuto nuocermi sia su un piano professionale sia anche forse personale. Sarei stato cio giudicato un matto, un originale od uno stravagante del quale meglio non fidarsi e dal quale meglio stare alla larga. Inoltre nessuno di coloro che avrebbero potuto curiosare tra i miei scritti e forse venire in questo modo a conoscenza dei veri obiettivi della mia esistenza, era neppur lontanamente degno di avvicinarsi alla conoscenza ermetica, che certamente non solo non avrebbe inteso, ma sicuramente frainteso, come sempre accade a coloro che si interessano a questo genere di sapere senza essere adatti a ci.

In effetti credo che la Scienza ermetica possa essere realmente conosciuta da pochi privilegiati che in questi tempi mi sembrano sempre pi rari e che forse lo diventeranno ancora di pi nei tempi che verranno. Anche coloro che avessero una mente aperta, delle buone capacit intuitive, un animo giusto ed equilibrato, una volont ferrea che permettesse loro di studiare in modo approfondito i numerosi libri della vasta letteratura ermetica, un potere di attenzione e di concentrazione che potrebbe potenzialmente permettere loro di passare da uno studio teorico ad una prassi operativa, senza farsi distrarre o deviare dalle cose importanti nella vita delluomo moderno, non neccessariamente potrebbero ottenere dei risultati. Infatti per ottenere dei risultati pratici, ovvero per conoscere veramente la Scienza di Ermete, una conoscenza teorica anche perfetta non ha di per s alcun valore e non provoca alcun vero cambiamento interiore. Ed anche il fatto di passare dalla teoria alla pratica, spesso non permette di ottenere alcun vero risultato, anche se alcuni potrebbero illudersi di averne ottenuti, mentre in realt sono ancora al punto di partenza. Credo che per poter sperare che qualcosa veramente succeda, sia necessario poter disporre di una Materia Prima adatta ad essere lavorata secondo le regole e le tecniche tramandate dai veri Sapienti. E necessario, in altre parole, una particolarissima e rara predisposizione a questo genere di studi, che molto difficile acquisire nel corso della vita individuale con la semplice forza di volont. Una predisposizione che si potrebbe ritenere potenzialmente presente nellindividuo gi al momento della nascita, cos come in certe persone esistono sin dalla pi giovane et le capacit di intendere la musica, di suonare questo o quello strumento, ovvero di parlare dopo un rapido e facilissimo apprendimento certe lingue straniere, o di disegnare e dipingere sin da piccoli in modo egregio, quasi come se queste cose
6

fossero gi state fatte e conosciute in una vita precedente dalla parte animica dellindividuo stesso. Spero quindi che questi scritti possano essere letti solamente da coloro ai quali sono destinati, ovvero da coloro predisposti dalla nascita a questo genere di cose, e per scoraggiare dalla lettura di questi appunti coloro che non li meritano, ho pensato di esprimermi in un modo arzigogolato, contorto e noioso, ripetendo spesso certi concetti in modo del tutto contrario alle regole del buon scrivere. Pero cos di provocare tedio e fastidio in chi manca della necessaria predisposizione alla pratica ermetica, in modo che si astenga dal perdere tempo in noiose ed inutili letture e si dedichi a cose per lui pi congeniali. A costoro inoltre ribadisco che tutto ci che scritto nelle seguenti pagine falso, impossibile ed illusorio, dato che la Scienza ermetica in effetti una irrealizzabile utopia, che pu essere ricercata solamente da individui che hanno perso il normale buon senso umano. Ai pochi che invece potrebbero ancora ritenere che la Tradizione ermetica fosse un insegnamento privilegiato, tutelato particolarmente da quelle Entit luminose che furono da certi autori chiamati gli Ermeti, ovvero da coloro che si trasformano interiormente fino a rendersi del tutto simili alla mitica figura di quellErmete Trismegisto che in tempi antichissimi diede origine a tale Tradizione, vorrei dire che invece possibile trasformare il Piombo in Oro, ovvero la Materia volgare in Materia nobile. Ma perch ci possa succedere, necessario possedere una predisposizione animica che avrebbe il senso di una scelta, di una vocazione, da parte delle Entit che sovrintendono da dimensioni luminose ed ultraterrene, alla trasmissione del Segreto ermetico. Si potrebbe cio forse dire che tali Ermeti siano in grado, dalla loro dimensione luminosa e trascendente, di influenzare il destino di alcuni individui, facendo in modo che essi si avvicinino ai Misteri di questa
7

Scienza di trasformazione, magari facendogli avere delle esperienze, che potrebbero anche essere traumatiche o dolorose, che potrebbero determinare lintuizione dellesistenza di una realt trascendente, posta al di l del mondo fenomenico. In certi rarissimi casi alcuni fortunati potrebbero anche incontrare qualche Ermete incarnato e ricevere da Lui, anche se tale ipotesi certamente rarissima, lInsegnamento. Potrebbe cio forse esistere ancora, in gran segreto, nel mondo occidentale di oggi, una trasmissione iniziatica di tipo ermetico, da Maestro a discepolo, e certamente il riuscire a diventare il discepolo di uno di tali Maestri sarebbe il modo migliore per iniziare a conoscere la Scienza degli Alchimisti. Tale ipotesi non esclude quella precedentemente enunciata, ovvero il fatto che alcuni rarissimi individui posseggano uninnata predisposizione nei confronti di questo genere di studi, al punto che essi forse potrebbero in certi casi intenderla senza laiuto di un Maestro in carne ed ossa. Ci potrebbe accadere per il motivo che lOpera Ermetica potrebbe avere dei tempi di esecuzione molto lunghi, forse in molti casi pi lunghi di una o pi vite umane. Se cos fosse si potrebbe ritenere che chi veramente inizia lOpera abbia gi compiuto tali lavori in precedenti vite, ovvero sia stato, anche se lui fosse di ci inconsapevole come probabilmente a volte inizialmente accade, scelto per fare ci da certe misteriose Entit, che hanno il potere di influenzare il destino delle anime che si sono incarnate. E ovvio che tale scelta, se le cose stessero in questi termini, sarebbe indirizzata verso chi avesse delle caratteristiche animiche positive e cio verso chi possedesse delle doti innate e stabilmente acquisite di armonia e di luminosit interiore e non certo verso quegli individui che, essendo preda di vita in vita di stati danimo oscuri, od avendo agito e vissuto in
8

modo sgradevole per gli esseri luminosi dei quali gli Ermeti fanno parte, di tale scelta si sono resi indegni. Purtroppo in questi tempi probabilmente molto difficile fare delle scelte di vita ed avere delle concezioni filosofiche, morali e religiose che possano essere gradite a teli Entit luminose. Occorre infatti ricordare che la vita di Ermete potrebbe essere percorribile solamente da un uomo avente delle caratteristiche di interiore luminosit paragonabili a quelle di un uomo primordiale, ovvero esso dovrebbe possedere quelle virt e quelle positive caratteristiche animiche che erano considerate indispensabili tre o quattromila anni fa, per essere ammesso ai Misteri del Dio tre volte grande. E non sicuramente detto che le virt che tre o quattromila anni fa erano considerate tali lo siano ancora adesso, dato che in molti casi successo che ci che veniva ritenuto una virt sia oggi ritenuto un difetto, ci che un tempo era sacro sia oggi ritenuto profano, ci che un tempo era chiaro sia oggi ritenuto oscuro, e ci che un tempo si pensava fosse scuro sia oggi ritenuto chiaro. E evidente che c stata una grande trasformazione nelle concezioni del bene e del male, del giusto e dellingiusto, del positivo e del negativo e sicuramente alcuni potrebbero pensare che le cose che erano valide e vere nei tempi arcaici debbano subire una trasformazione, per essere rese adatte al modo dessere delluomo moderno. Ma ci non sicuramente vero, per il motivo che la dimensione trascendente stata, e sar sempre eguale a se stessa ed i modi per accedervi saranno quindi sempre uguali, indipendentemente dalle trasformazioni che sono avvenute o potranno avvenire nel mondo storico. Di conseguenza la vera Iniziazione, ovvero linizio del cammino verso la dimensione dellEssere, non pu subire cambiamenti ed adattamenti, dato che ci che Essere deve rimanere sempre eguale a se stesso.
9

In caso contrario esso non sarebbe pi tale, ma sarebbe esso stesso parte del divenire, ovvero di quella dimensione in continua evoluzione e cambiamento che caratterizza il mondo contemporaneo. Tale stato di continua trasformazione evidentemente in netta contrapposizione agli obiettivi di stabile armonia che dovrebbero riproporsi i seguaci della Scienza di Ermete, soprattutto perch tale trasformazione indirizzata verso un progressivo oscuramento, sempre pi distante dalla luce primordiale alla quale si pu far risalire linizio dellinsegnamento. Ne consegue che tutti coloro che trovano il loro senso nei vari aspetti realizzativi e nelle varie finalit esistenziali che vigono attualmente, sono quasi sicuramente, a meno di cambiamenti radicali delle proprie concezioni e del proprio modo dessere, del tutto inadatti ad interessarsi di questo sapere. In questo contesto infatti non possono esistere vie di mezzo e compromessi, dato che il successo nellOpera potr arridere solamente a chi ha, od ha riacquisito, lo stesso modo dessere degli antichi iniziati di quattro o cinquemila anni fa. Per un individuo di questo genere il giudizio dei miti, delle filosofie, delle mode e delle concezioni politiche, etiche, religiose odierne dovrebbe essere inappellabilmente negativo, ed egli dovrebbe essere ben consapevole del fatto che lera moderna, che i pi ritengono unera felice, evoluta e piena di libert in realt un periodo oscuro dal punto di vista spirituale, dato che lumanit vive solo in funzione di ci che materiale, banale, falso ed apparente, avendo smesso di riferire il senso della vita sia su un piano personale sia su un piano collettivo, ad una dimensione trascendente. A questo proprosito si rimanda alle previsioni del Trismegisto, contenute nella famosa lettera ad Asclepio, nella quale il futuro dellumanit viene
10

visto come un oscuramento sempre pi accentuato, concordando in ci con analoghe previsioni contenute in antichi libri sapienziali indiani e di altri popoli tradizionali. Pertanto solo chi potr realmente considerare la civilt moderna in tutti i suoi aspetti, ivi comprendendo le sue stesse religioni, una manifestazione di vuoto e di oscurit spirituale terrificante, potr forse avere la fortuna di incontrare linsegnamento di Ermete. Agli altri si lasciano le meraviglie della scienza, della tecnica, i progressi sociali ed economici attuali, sicuri che ci baster loro. E se proprio costoro volessero dedicarsi a delle attivit di tipo spirituale, potrebbero cercare quegli pseudo insegnamenti adatti al modo dessere degli uomini moderni e quindi inadatti alla presa di contatto con la dimensione trascendente, ai quali tutti possono accedere a pagamento, la qual cosa sarebbe stata in altri tempi considerata un abominio ed un sacrilegio. Quegli pseudo insegnamenti che si vanno sempre pi diffondendo ad opera di pseudo maestri, ma in molti casi sarebbe meglio dire ad opera di sfruttatori della dabbenaggine della gente, provenendo soprattutto dallOriente e dallestremo Oriente, che hanno fatto la fortuna di individui senza scrupoli, dotati di vaghe infarinature di concezioni tradizionali che vendono senza vergogna. Od anche potrebbero pi semplicemente dedicarsi alle religioni vigenti, che sono del tutto adatte al modo dessere della gran maggioranza degli uomini moderni. Ma certamente questo libro non stato scritto per loro.

11

12