Sei sulla pagina 1di 4

Previsioni del tempo per il Piemonte e la Valle d'Aosta

A cura di Redazione Nimbus

31 Maggio - 04 Giugno 2013


Le previsioni sono elaborate a titolo gratuito. La diffusione incoraggiata, citando fonte e indirizzo web www.nimbus.it EMISSIONE BOLLETTINO: VENERD 31 MAGGIO 2013
LA SITUAZIONE METEOROLOGICA TREGUA SOLEGGIATA E PIU' CALDA NEL FINE SETTIMANA Correnti settentrionali interessano le regioni alpine e si limiteranno a portare innocui banchi nuvolosi in transito. In questa occasione il Nord-Ovest e il sud delle Alpi resteranno pi protetti dall'arco alpino e grazie al riscaldamento favonico anche le temperature subiranno un aumento, portandosi nel fine settimana oltre i 25 gradi. L'alta pressione resta per distesa tra l'Atlantico e la Norvegia, lasciando le regioni italiane esposte a infiltrazioni orientali, che da luned potrebbero riattivare qua e l la tendenza temporalesca. Immagine satellitare e carte meteorologiche PREVISIONI PER IL PIEMONTE E LA VALLE D'AOSTA

VENERD

31
MAGGIO 2013

Cielo:da poco a parzialmente nuvoloso per il passaggio di banchi nuvolosi elevati e stratificati, con nubi pi compatte tra alta Valle d'Aosta e Ossola Precipitazioni:qualche piovasco alle testate vallive del Bianco e delle valli pi settentrionali prossime alla Svizzera, con neve o nevischio dai 2200 metri. Venti:pianura e collina: deboli variabili o meridionali con rinforzi su basso Piemonte fondovalle: deboli o moderati da nord-ovest, forti entro le valli di Susa e valdostane media montagna: moderati o forti da nord-ovest alta montagna: forti da nord-ovest Temperature:Massime in aumento (19/24 C in pianura e bassa collina; 15/18 C tra 500 e 1000 metri; 10/15 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2300 metri a nord e 2800 metri a sud.

SABATO

Cielo:soleggiato con velature in transito, pi estese in giornata su zone orientali e pianure Precipitazioni:fino al mattino piovaschi sulle alte valli alpine settentrionali, prossime alla Svizzera, con neve oltre i 2300-2400 metri Venti:pianura e collina: deboli tra nord e nord-est, con rinforzi su nord ed est Piemonte fondovalle: deboli o moderati nord-ovest, o pi forti entro le valli di Susa, valdostane e dell'Ossola media montagna: moderati da nord-ovest alta montagna: moderati o forti da nord-ovest Temperature:minime in aumento (8/10 C in pianura e bassa collina; 8/12 C tra 500 e 1000 metri; 6/10 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in aumento (21/25 C in pianura e bassa collina; 18/22 C tra 500 e 1000 metri; 14/18 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2800 metri.

01
GIUGNO 2013

DOMENICA Cielo:soleggiato con innocue velature in transito e qualche banco nuvoloso d'alta quota, specie su

02
GIUGNO 2013

pianure orientali; in giornata addensamenti all'interno delle valli Vermenagna e Po. Precipitazioni:in giornata qualche rovescio all'interno delle valli cuneesi, verso i confini francesi. Quota neve sui 3000 metri. Venti:pianura e collina: deboli o moderati settentrionali, specie su est e nord Piemonte fondovalle: deboli o moderati settentrionali con rinforzi sull'Ossola media montagna: moderati settentrionali alta montagna: moderati settentrionali Temperature:minime in aumento (10/14 C in pianura e bassa collina; 9/15 C tra 500 e 1000 metri; 6/10 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in aumento (24/28 C in pianura e bassa collina; 19/24 C tra 500 e 1000 metri; 15/20 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 3200 metri.

LUNED

03
GIUGNO 2013

Cielo:soleggiato o abbastanza soleggiato per il passaggio di banchi nuvolosi e in giornata addensamenti irregolari sulle zone montane Precipitazioni:in giornata qualche rovescio o temporale sui rilievi montani tra bassa Valle d'Aosta, Torinese e interno valli cuneesi, Appennino e localmente su pianure adiacenti, specie in serata tra Biellese e Verbano. Quota neve sui 2400 metri. Venti:pianura e collina: deboli o moderati orientali fondovalle: deboli orientali con brezze diurne moderate media montagna: deboli da nord-est alta montagna: deboli da nord-est Temperature:minime in calo in montagna (12/14 C in pianura e bassa collina; 10/13 C tra 500 e 1000 metri; 5/8 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in calo (22/25 C in pianura e bassa collina; 17/22 C tra 500 e 1000 metri; 12/17 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 3000 metri.

MARTED

04
GIUGNO 2013

Cielo:abbastanza o in parte soleggiato, con schiarite pi ampie al mattino all'interno delle valli alpine e Valle d'Aosta e in giornata sulle pianure orientali; per il resto nuvolosit variabile, pi addensata tra Cuneese, Torinese, Biellese, Sesia. Precipitazioni:rovesci e qualche temporale a tratti, specie tra Cuneese, Torinese, Valle d'Aosta sudest, Biellese, Sesia. Quota neve sui 2200 metri. Venti:pianura e collina: deboli orientali fondovalle: deboli orientali con brezze diurne moderate media montagna: deboli da nord-est alta montagna: deboli da nord-est Temperature:minime in lieve aumento (13/15 C in pianura e bassa collina; 9/13 C tra 500 e 1000 metri; 4/8 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in calo (18/20 C in pianura e bassa collina; 14/18 C tra 500 e 1000 metri; 10/14 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2800-3000 metri.

NOTA INFORMATIVA SULLE CONDIZIONI NIVOMETEOROLOGICHE Emessa a partire da informazioni ridotte venerd 31 maggio 2013, ore 12.30 SITUAZIONE ATTUALE: lintensa nevicata verificatasi tra marted e mercoled associata a temperature ancora decisamente sotto la media stagionale stanno contribuendo ulteriormente a mantenere un innevamento ottimo per la primavera ormai inoltrata e a prolungare la stagione dello scialpinismo; ciononostante tra i 2000 e i 2800 m la neve recente non si ancora trasformata e lo strato superficiale formato prevalentemente da croste non portanti che rendono difficoltosa la sciata. Oltre i 2800-3000 m presente un manto con caratteristiche ancora invernali (neve a debole coesione asciutta superficiale) con spessori anche superiori a 3 metri e la situazione critica a causa degli ingenti quantitativi di neve polverosa rimaneggiata dallazione dei venti molto forti di provenienza settentrionale verificatisi negli ultimi giorni. Quindi sono in corso di formazione nuovi lastroni da vento sopra i 2500-2800 m, tendenzialmente instabili, prevalentemente alle esposizioni meridionali, pertanto alpinisti e scialpinisti devono prestare molta attenzione durante lattivit escu rsionistica a non sollecitarli, scegliendo con cura gli itinerari di salita e discesa. Nonostante si siano succedute giornate con tempo variabile e temperature rigide, il sole di fine maggio ha agito decisamente sulla neve caduta a met settimana, tanto che questa si assestata a 2000-2500 m anche di 20 cm in due giorni. Il soleggiamento diretto che ha interessato perlopi gli strati superficiali ha portato al distacco di diverse valanghe, di piccole e talvolta di medie dimensioni, a debole coesione e a lastroni di fondo, dai pendii ripidi alle diverse esposizioni e quote. EVOLUZIONE: per oggi e domani sono ancora previste deboli nevicate al di sopra dei 2300 m in particolare lungo la dorsale alpina e forti venti in quota da nord; successivamente il tempo si ristabilir e si avr cielo sereno e graduale aumento delle temperature. Accelerer quindi lumidificazione e fusione del manto, tanto che saranno ancora possibili valanghe di piccole e medie dimensioni generalmente nelle ore pi calde e dai pendii ripidi, per questo si sconsigliano escursioni nelle ore centrali e pomeridiane; a tale scenario si somma, oltre i 2800-3000 m, il pericolo legato alla presenza di lastroni da vento favoriti nella formazione dagli ingenti quantitativi di neve polverosa ancora presenti e dal vento forte previsto per i prossimi giorni. La prossima nota sar emessa in caso di importanti nevicate fuori stagione su media e bassa montagna. Lemissione del bollett ino neve e valanghe riprender indicativamente dal 1 dicembre 2013. LUfficio Neve e Valanghe

Assessorato opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica undefined 2000-2013 Regione Autonoma Valle d' Aosta

Ente di diritto pubblico

DIPARTIMENTO SISTEMI PREVISIONALI Via Pio VII, 9 10135 Torino Tel. 011 19681340 Fax 011-19681341 e-mail: sistemi.previsionali@arpa.piemonte.it

NOTA INFORMATIVA SULLE CONDIZIONI DELLINNEVAMENTO


Data 31/05/2013 - ore 12:00

SITUAZIONE ATTUALE: in tutti i settori alpini della regione il manto nevoso risulta decisamente
sopra la media stagionale in particolare sui settori settentrionali. Linnevamento si presenta generalmente continuo a partire dai 2000-2200m, alle esposizioni settentrionali, e dai 2200-2400m alle esposizioni meridionali sui settori alpini sud e ovest con valori localmente inferiori sui settori nord. Questo ultimo mese infatti stato caratterizzato da temperature basse, generalmente inferiori alla media e frequenti episodi con precipitazioni nevose anche fino a quote di bassa montagna (1200-1400m). Durante lultima settimana le precipitazioni nevose hanno apportato a 2500m 20-25 sui settori meridionali e sulle A.Cozie, 30-35cm sulle A.Graie e 50-60cm sui settori nord dove anche a 2000m gli accumuli al suolo sono stati di 30-40cm. A partire dalla giornata di mercoled, principalmente sui settori settentrionali e occidentali, venti in quota di intensit forte o molto forte da N-NW hanno determinato il rimaneggiamento degli strati superficiali di neve a debole coesione con la conseguente formazione di nuovi accumuli instabili oltre i 2500-2800m. Oltre tali quote, dove permangono condizioni ancora invernali con spessori notevoli di neve al suolo, necessario prestare molta attenzione ai numerosi nuovi lastroni da vento.

EVOLUZIONE: a partire dalla serata odierna fino a sabato sono previste nuove deboli precipitazioni nevose oltre i 2400-2600m in prossimit delle creste di confine settentrionali accompagnate da venti che intensificheranno nella giornata di domenica. Tale situazione determiner lincremento degli accumuli da vento instabili oltre i 2700-3000m. Il rialzo termico previsto a partire dalla giornata di domenica, con zero termico prossimo ai 3000m, favorir i processi di consolidamento del manto nevoso determinando tuttavia, durante le ore centrali della giornata, un aumento dellinstabilit con possibili valanghe spontanea e provocate di piccole o al pi medie dimensioni. Lemissione del Bollettino Valanghe sospesa fino allinizio della prossima stagione. In relazione allabbondante innevamento stata redatta la presente nota informativa che sar aggiornata Venerd 7 giugno.