Sei sulla pagina 1di 4

D Classica

LA
T errto-

@c

d;u ? qaln, A n,t"e,o,,rrv

rcVOLVetafin{,
S

24
Diana ArmlGlugno2006

Classica
L'Ottocento, ma il tutto aveva
cominciato a muoversi nel secolo

il diffondersi dell 'Il luminismo, fu. lo ahbiamo detto altre volte, un secolo
precedente quasi di conserva con

permeato da un fervore quasr frenetico

di rirnovamento, di invenzioru, di idee


tese al

futuro.

Nel settore delle arrru militari le


invenzioni si moltiplicavano fin

troppo in fretta anticipando il futuro


e lasciando indietro i generali che

stentavano a capire come sfruttare

al meglio cio' che la tecnica modema

offriva loro, ragionando ancora per schemi napoleonici se non addirittura cesariani ln campo civile il fervore era forse maggiore ma poche delle tantissime armi, talvolta frcredibili,
assurde, superate, fantastiche

uesto strano revolver a dieci

colpi. pro!.\,isto di un tambrrro discoidale a aanlere ra diali posto verticalmente tra la can na e I'impugnatura stato brevettato a Parigi nel marzo del 1865: l'inventore. Sebastiano Amedeo Nel, era un capitano che si divertiva a fare anche l'armaiolo. Nella sua situazione non poteva a\,ere i mezzi tec nici ne ranro meno quelli lnanziari per poter fbbricare industrialmente la sua invenzione. cosi [u aiutato dal fabbricanLe di rmi e parli di armi da luoco Jean-FranQois Gouery. con sLabilimenro in rue du chemin

escogltate da una pletora di inventor


spesso

improwisati, riuscirono

ad emeroere la

maorior Darte
a

1.2. Le foto dei due lati della Rotovolver ritratta con grilletto <hiuso e aperto, ne evidenziano la parti(olare linea; notare la matri(ola 486 impressa sul bloc(o su cui incernievato il grilletto. Nella 2, ben visibile la barretta difermo del coperchio della J(atola in posizione di chiusura 3. Scatola a coperchio chiuso ma aon fermo alzato 4. Aperto lo sportello della s<atola,

nacque morta o, al massimo, come

si notano

identi ri(urvi applicati (on

nell oqqelto di oueste rishe. riuscr

tre viti sul lato sinistro del tamburo discoidale e che ne determinano la

raggiungere un accenno di primavera

rotazione

25
Diana ArrnlGlugno2006

D classica

((-.

I
suo delle camere e, indi(ato dalla freccia, il vivo di <ulatta della (anna che appare all'interno della scatola
5.ll tamburo discoidale estratto:sul
spessore, verso destra, si vedono
i

6. Lato destro del

tamburo (on i fori per le

il (ane e la 5icura girevole, qui disinserita


e

fori

cari<he di fulminato 7.ll punzone ovale del fabbritante impresso sulla (anna 8. Lato destro della s<atola: visibilissimi

ruotata per mostrare l'anello di interposizione (he ac(oglie il dente del per(ussore impedendogli di giungere a (olpire l'innes(o

',26
Diana ArmiGiugno 2006

Classica
uert, a Parigi. Dal 1865 la fabbrica cambi nome e divenne ncoue ry, Canat & Compagnie, e produceva soprattutto armi bianche, corazze da cavalleria. scudi per I'artiglieria. armi a spillo nonch la Rotovolver per conto di Nel . Purtroppo. quando fu registrato il brevelro ci [u un errore di trascrizione del nome. per cui il brevetto por ra il nome di Nel & Gueury. .he risulta essere un illustre sconosciu_ to. Ma yediamo com' fatto questo
(nuovo, revolver. ll calcio formato da due guancet te in legno, trattenute da una vite, ma nella versione di lusso si trovano anche calci mono blocco. La canna ottagonale, cal. 7 mm.,

ghevole, mentre

il mirino

piutto

sormontata da una larga bindella che corre dalla bocca alla scatola
del tamburo.

sto allo. essendo Ia tacca di mira ri-

Bibliografia
J.PBasti
-

tamburo costituito da un disco, spesso circa 10 mm. contenenI1

te dieci camere disposte radialmente dal centro verso l'eslerno. a stel-

la: ruota su di un'asse olizzor,lale posta all'interno, al centro, di una delle due pareti verticali della sca tola circolare. Lo si pu estrarre aprendo uno sportello incernierato
a sinisrra e bloccaro da un apposj-

cavata a V sulla scatola del tamburo, che come si pu vedere rialzata sopra la canna. La curiosil degi amanti di novit. fece la fortuna di questo strano revolver. ma non fu duratura. Ven ne allora depositato. era il 1866, un nuovo brevetto per un'arma analoga capace per di impiegare le car tucce a spillo, di moda al momento, ma nemmeno questo ebbe lun ga vita perch gi nel 187O molti al-

Armes & Co//ections lvlogozine n.10.

tri modelli di revolver lascabili piu pratici gli facevano una concorrenza spierata. Pochiperci. [urono i pezzi tealizzali ed ancor meno sono quelli oggi sopra\.vissuti per la felicit dei collezionisti. Suesto esemplare stato fotografato per la cortesia di Mr. Gardet presente col suo stand al Salone delle Armi di Parigi. I n allro esempare esposto al museo di St.Etienne. a

to fermo girevole. Sul lato sinistro del tamburo applicata una ruota di trascinamento a denti curvi trattenuta da tre viti. mentre il lato destro mostra dieci piccoli orinzi di
sposti in cerchio attorno al foro centrale dell'asse di rotazione. e destinati a contenere le capsule di ful

minalo: ogni foro comunica.

o\,.via-

mente, con le corrispondenti camere di scoppio. Il cane una baretta esterna posta sulla destra, premuto contro la scatola del tamburo da un apposita molla di contraslo e messo in sicu ra dall'anello di una barretta girevole che lo tiene sollevato. L'arma a doppia azione: lo scat to imprime una rotazione di 1/ 10 di giro al tamburo e arma il cane che ruotaLa la sicura. potr raggjun gerela capsula di lulminato la cui flammata raggiunger la carica posta nella corrispondente camera incendiandola e facendo partire il col-

po.
Due particolari:

il gritletto

pie-