Sei sulla pagina 1di 4

Area di una Supercie

Denizione. Sia D dominio connesso regolare e sia S una su-


percie regolare di equazione vettoriale r(u, v) = f
1
(u, v)i+f
2
(u, v)j+
f
3
(u, v)k. Sia P
0
S e sia = (t) una curva contenuta in S
e passante per P
0
. Linclusione di S implica lesistenza di
una funzione : t [a, b] (u = u (t), v = v (t)) D tale che
P r(t) = r (u(t), v(t)) = P O =
= f
1
(u(t), v(t)) i+f
2
(u(t), v(t)) j+f
3
(u(t), v(t)) k.
Sia t
0
R tale che P (t
0
) = P
0
. Il vettore tangente a in P
0
`e
r

(t) =
_
f
1
u
i+
f
2
u
j+
f
3
u
k
_
u

(t) +
_
f
1
v
i+
f
2
v
j+
f
3
v
k
_
v

(t) =
= r
u
u

(t) +r
v
v

(t),
e il suo modulo `e
|r

(t)| =
_
(r
u
u

+r
v
v

) (r
u
u

+r
v
v

) =
=

Eu
2
+ 2Fu

+Gv
2
,
dove
E(u, v) = |r

u
(u, v)|
2
, G(u, v) = |r

v
(u, v)|
2
F(u, v) = r

u
(u, v) r

v
(u, v) .
Denizione. La lunghezza della curva contenuta in S `e data
da
L() =
_
b
a
|r

(t)| dt =
_
b
a

Eu
2
+ 2F u

+G v
2
dt.
1
Il quadrato ds
2
dellelemento di lunghezza ds sulla supercie
S `e
ds
2
=
_
du dv
_
__
E F
F G
__
du
dv
__
= (1)
= E(du)
2
+ 2Fdudv +G(dv)
2
.
Vale la seguente identit`a
|r

u
r

v
|
2
= |r

u
|
2
|r

v
|
2
(1 cos
2
) =
= |r

u
|
2
|r

v
|
2
(r

u
r

v
)
2
= EGF
2
,
dove `e l

angolo compreso tra r

u
(u, v) e r

v
(u, v).
In conclusione, la forma quadratica denita in (1) `e denita
positiva poich`e per ogni (u, v) D
E > 0,
det
_
E F
F G
_
= EGF
2
= |r

u
r

v
|
2
> 0.
Denizione. Lespressione
d = |r

u
r

v
|dudv =

EGF
2
dudv (2)
`e detto elemento darea della supercie regolare S.
Denizione. Si chiama area A(S) della supercie regolare S
il numero
A(S) =
_ _
D
|r

u
r

v
|dudv =
_ _
D

EGF
2
dudv.
2
Esempio. Siano D = [0, ] [, ] ed r > 0 e sia
_
_
_
x = r sin cos
y = r sin sin
z = r cos
(, ) D,
lequazione parametrica della supercie sferica.
Come visto in precedenza, risulta
r

= r
2
sin
2
cos i +r
2
sin
2
sin j +r
2
sin
2
cos k.
Da ci`o segue

= r
2
_
sin
4

_
cos
2
+ sin
2

_
+ sin
2
cos
2
=
= r
2
_
sin
2

_
sin
2
+ cos
2

_
= r
2
sin .
Quindi
A(S) =
_ _
D
r
2
sin d d =
_

d
_

0
r
2
sin d =
= r
2
_

[cos ]

0
d = 2r
2
[]

= 4r
2
.
Esempio. Siano D un dominio limitato e connesso del piano,
f : D R una funzione di classe C
1
in D e
S = {(x, y, z) R
3
tale che (x, y) D e z = f(x, y)}
Per quanto detto prima, si ottiene
r

x
r

y
=
f
x
i
f
y
j +k.
Larea della superce S `e
A(S) =
_ _
D

_
f
x
_
2
+
_
f
y
_
2
+ 1 dx dy =
=
_ _
D
_
|f|
2
+ 1 dx dy.
3
Esempio. Siano la curva piana
(u) = x(u)i +y(u)j con u [a, b] ,
e S la supercie
S = {(x, y, z) R
3
tale che
_
_
_
x = x(u)
y = y(u)
z = v
con u [a, b] e con v [0, h] }
I vettori tangenti alle curve coordinate sono
r

u
= x

(u)i +y

(u)j,
e
r

v
= k.
Da qui segue che
E = |r

u
|
2
= x
2
(u) + y
2
(u),
F = r

u
r

v
= 0,
G = |r

v
|
2
= 1.
Pertanto, larea di S `e
A(S) =
_ _
D

EGF
2
du dv =
_ _
D
_
x

2
(u) + y
2
(u)du dv =
=
_
h
0
dv
_
b
a
_
x

2
(u) +y
2
(u)du =
_
h
0
L()dv =
= L() [v]
h
0
= hL() ,
dove L() =
_
b
a
_
x

2
(u) +y
2
(u)du `e la lunghezza di .
4