Sei sulla pagina 1di 3

Previsioni del tempo per il Piemonte e la Valle d'Aosta

A cura di Redazione Nimbus

24-28 Maggio 2013


Le previsioni sono elaborate a titolo gratuito. La diffusione incoraggiata, citando fonte e indirizzo web www.nimbus.it EMISSIONE BOLLETTINO: VENERD 24 MAGGIO 2013
LA SITUAZIONE METEOROLOGICA ARIA FREDDA MA A PARTE SABATO PREVALE IL SOLE AL NORD-OVEST FINO A LUNEDI', POI TORNA INSTABILE Aria fredda ha valicato l'arco alpino, ma il Nord-Ovest si trova in prevalenza riparato dall'arco alpino e con condizioni pi asciutte e soleggiate. Nel corso di sabato per il vortice depressionario di origine polare responsabile di questo raffreddamento porter il suo nucleo sulle regioni alpine e anche su Piemonte e Valle d'Aosta vi sar pi nuvolosit con temporanei rovesci al mattino. Le schiarite torneranno ad affermarsi domenica e luned grazie a correnti da nord-ovest, ma da marted i flussi umidi da sud-ovest riporteranno un aumento dell'instabilit. PREVISIONI PER IL PIEMONTE E LA VALLE D'AOSTA

VENERD

24
MAGGIO 2013

Cielo:soleggiato e limpido con cumuli lungo le zone montane e Valle d'Aosta dove il cielo diverr parzialmente nuvoloso; da fine pomeriggio velature in estensione e addensamenti in accentuazione tra Cuneese, Torinese, Valle d'Aosta e Biellese. Precipitazioni:assenti Venti:pianura e collina: moderati settentrionali tendenti a divenire variabili fondovalle: moderati o forti da nord-ovest, in attenuazione media montagna: moderati da nord-ovest tendenti a ovest alta montagna: moderati da nord-ovest tendenti a ovest Temperature:Massime in calo (15/19 C in pianura e bassa collina; 11/17 C tra 500 e 1000 metri; 8/12 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2000-2300 Cielo:al mattino variamente nuvoloso e poco sole qua e l, pi nuvoloso tra Cuneese, Astigiano, Alessandrino; in giornata qualche schiarita in pi, specie sulle zone occidentali, in estensione in serata. Precipitazioni:dalle ore notturne tra venerd e sabato rovesci e temporali sparsi tra Torinese, Cuneese e Astigiano e in mattinata rovesci irregolari , ma pi estesi a sud del Po e pi diradati a nord, pressoch assenti su nord Piemonte; rovesci di neve fin verso gli 800-1000 metri; in giornata resta qualche rovescio nevoso sui rilievi cuneesi. Venti:pianura e collina: deboli o moderati occidentali fondovalle: moderati da nord-ovest media montagna: moderati tra nord e nord-ovest alta montagna: moderati tra nord e nord-ovest Temperature:minime in lieve calo (5/8 C in pianura e bassa collina; 5/8 C tra 500 e 1000 metri; -1/5 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in netto calo (12/15 C in pianura e bassa collina; 7/12 C tra 500 e 1000 metri; 2/7 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 1500-1700 metri. Cielo:soleggiato con cumuli in giornata al di sopra di creste e vette alpine e tendenza a passaggi di banchi nuvolosi tra Valle d'Aosta e nord Piemonte. Precipitazioni:assenti Venti:pianura e collina: deboli o moderati occidentali fondovalle: moderati da nord-ovest con rinforzi pi sostenuti in Val di Susa media montagna: moderati o forti da nord-ovest alta montagna: moderati o forti da nord-ovest Temperature:minime in calo (3/8 C in pianura e bassa collina; 4/8 C tra 500 e 1000 metri; -3/4 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in aumento (19/22 C in pianura e bassa collina; 14/19 C tra 500 e 1000 metri; 10/14 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2500 metri.

SABATO

25
MAGGIO 2013

DOMENICA

26
MAGGIO 2013

LUNED

27
MAGGIO 2013

Cielo:soleggiato con addensamenti diurni sulle zone montane, ma restano ampie schiarite nei fondovalle; in serata nubi in moderato aumento sulle zone montane e pedemontane. Precipitazioni:in serata qualche piovasco sui rilievi tra valli di Lanzo, Canavese, valli orientali valdostane, del Biellese, Sesia e Ossola. Venti:pianura e collina: deboli meridionali con rinforzi tra Langhe e Alessandrino fondovalle: deboli variabili con brezze diurne moderate media montagna: deboli occidentali alta montagna: deboli occidentali Temperature:minime in aumento (5/9 C in pianura e bassa collina; 4/10 C tra 500 e 1000 metri; 2/8 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in aumento (21/24 C in pianura e bassa collina; 17/21 C tra 500 e 1000 metri; 12/17 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 3000 metri.

MARTED

28
MAGGIO 2013

Cielo:da irregolarmente nuvoloso a nuvoloso con limitati spazi di sole, in prevalenza su rilievi cuneesi e basso Piemonte. Precipitazioni:piogge e rovesci a tratti, specie tra Torinese, Valle d'Aosta, Biellese, Sesia, Verbano, Novarese e pi rari altrove. Quota neve sui 2300-2500 metri. Venti:pianura e collina: deboli orientali o meridionali con rinforzi a sud del Po fondovalle: deboli o moderati tra est e sud-est media montagna: moderati da sud-ovest alta montagna: moderati da sud-ovest Temperature:minime in aumento (9/12 C in pianura e bassa collina; 6/9 C tra 500 e 1000 metri; 4/8 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in calo (16/20 C in pianura e bassa collina; 12/16 C tra 500 e 1000 metri; 7/12 C tra 1000 e 1500 metri). Zero gradi a 2700 metri.

NOTA INFORMATIVA SULLE CONDIZIONI NIVOMETEOROLOGICHE Emessa a partire da informazioni ridotte venerd 24 maggio 2013, ore 15.30 SITUAZIONE ATTUALE: grazie al clima quasi invernale, con temperature nettamente sotto la media stagionale ,linnevamento resta molto buono e in alcune zone si possono ancora calzare gli sci da 1800-2000 m. Nel corso della settimana sono caduti in media altri 5-30 cm a 2000 m perlopi lungo la dorsale alpina, dove lo spessore di neve, ormai trasformata, va da pochi centimetri a pi di un metro; mentre, a 2500 m, ci sono mediamente 1-1,5 m di neve trasformata, sebbene si possa trovare ancora della neve polverosa sui pendii al riparo dal sole. In alta quota permangono condizioni ancora invernali con spessori notevoli di neve rimaneggiata dai venti anche molto forti - con la formazione di accumuli instabili, estesi e diffusi. Si segnalano numerose valanghe di piccole e medie dimensioni soprattutto sui versanti pi soleggiati e alcune valanghe a lastroni di neve polverosa di medie dimensioni staccatesi da pendii ripidi aperti sopra 2800 m. Pertanto scialpinisti e scialpinisti dovranno prestare molta attenzione alla presenza di numerosi lastroni da vento, tendenzialmente instabili, presenti non solamente nei pressi di creste e colli, ma anche nei pendii aperti sopra i 26002800 m. EVOLUZIONE: domani ci sar un ulteriore calo delle temperature con nevicate sotto forma di rovesci sopra 1200 m di quota e venti ancora da moderati a forti dai quadranti settentrionali, che in alta quota formeranno nuovi accumuli. Da domenica il tempo sar pi soleggiato e gradualmente pi caldo. Al di sopra dei 2500 m permarr una condizione di pericolo legata sia alla forte umidificazione ad opera del sole, di maggio, sui pendii ripidi ancora carichi di neve (per cui si sconsigliano escursioni nelle ore centrali e pomeridiane) sia alla presenza di diffusi lastroni da vento. In alta quota la situazione ancor pi critica per gli ingenti quantitativi di neve polverosa ancora trasportabile dal vento. Il pericolo un po pi limitato sotto i 2500 m dove saranno pos sibili colate e valanghe generalmente di piccole dimensioni di neve umida dai pendii ripidi soleggiati. Nei giorni seguenti si avr un ritorno a clima pi freddo e instabile, che, soprattutto in alta quota, manterr la situazione pressoch invariata. La prossima nota sar emessa venerd 31 maggio. LUfficio Neve e Valanghe

Assessorato opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica undefined 2000-2013 Regione Autonoma Valle d' Aosta

VALANGHE
BOLLETTINO NR. 62/2013 EMISSIONE 24/05/2013 ore 14:00 VALIDITA' 72 ore AGGIORNAMENTO 31/05/2013 ore 14:00 SERVIZIO A CURA DI Servizio Nivologico AMBITO Regione Piemonte

SITUAZIONE
PERICOLO VALANGHE 24/05/2013 ore 14:00

Pericolo marcato sulle zone di confine settentrionali


PENDII PIU' CRITICI
Settori Nord Settori Ovest Settori Sud

A.Lepontine - A.Pennine

A.Graie - A.Cozie

A.Marittime - A.Liguri

INNEVAMENTO MEDIO
Settori alpini Nord Ovest Sud Scala Europea del Pericolo Valanghe 1 - Debole 2 - Moderato 3 - Marcato 4- Forte 5 - Molto Forte Aumento del pericolo valanghe Neve al suolo [cm] dalla rete nivometrica 2000 m 120 - 180 0 - 30 0 - 40 2500 m 190 - 260 60 - 150 60 - 140 Neve fresca [cm] (ultime 24 h - ore 08:00) 2000 m 0-2 0-2 0-2 2500 m 0-4 0-5 0-3 Manto continuo da quota (m slm) esposizione N 1700 - 1800 1900 - 2000 1900 - 2000 esposizione S 1900 - 2100 2100 - 2300 2100 - 2200

N E V E
V A L A N G H E

Durante lultima settimana il generale miglioramento delle condizioni meteorologiche, con cielo generalmente soleggiato e temperature ancora al di sotto della media, hanno favorito i processi di consolidamento del manto nevoso. Al di sotto dei 2600-2800m il manto nevoso si presenta generalmente ben consolidato e lo strato superficiale caratterizzato da croste da fusione e rigelo portanti sui pendii a tutte le esposizioni, in tutti i settori. Oltre tali quote, in particolare sui pendii esposti a nord, possibile trovare ancora neve a debole coesione suscettibile al trasporto eolico. Durante gli ultimi giorni venti di intensit generalmente forte o molto forte sono stati registrati in tutti i settori, pi persistenti sulle zone di confine dei settori compresi tra le A.Cozie nord e le A.Lepontine. Lazione eolica sul manto nevoso a debole coesione ha favorito la formazione di nuovi lastroni, generalmente di piccole dimensioni, pi diffusi e anche di dimensioni maggiori sui settori settentrionali, in prossimit di creste e canaloni. Durante lultima settimana sono state osservate valanghe di neve a debole coesione, e a lastroni alle quote pi elevate, di piccole o localmente medie dimensioni, che hanno interessato gli strati superficiali del manto nevoso, in particolare durante le ore pi soleggiate della giornata. In tutti i settori al di sotto dei 2600-2800m il grado di pericolo valanghe 1-debole. Oltre tali quote, sui settori dalle A.Cozie alle A.Graie possibile provocare il distacco di valanghe a lastroni generalmente con forte sovraccarico e solo localmente gi al passaggio del singolo sciatore sui pendii ripidi o molto ripidi in prossimit di creste e canaloni in ombra, dove lattivit eolica stata pi intensa. Sui settori settentrionali, oltre i 2600-2800m la diffusione dei nuovi lastroni maggiore e la possibilit di provocare il distacco di valanghe generalmente possibile gi con debole sovraccarico.

PREVISIONE
PERICOLO VALANGHE PREVISTO 25/05/2013

Deboli nevicate sabato e successiva ripresa dei venti di foehn


TENDENZA GIORNI SUCCESSIVI

Nella giornata di sabato sono previste nuove deboli nevicate oltre i 1200m, localmente moderate sulle A. Marittime. La ripresa dei venti di foehn da N-NW attesa per domenica interesser maggiormente i settori dalle A.Cozie N alle A.Lepontine, senza tuttavia dar luogo alla formazione di importanti nuovi accumuli. Il grado di pericolo non subir variazioni significative salvo la temporanea ripresa dellattivit valanghiva spontanea, con valanghe generalmente di piccole dimensioni, dovute ai nuovi apporti nevosi. IL PROSSIMO AGGIORNAMENTO SAR PUBBLICATO VENERD 31, SALVO VARIAZIONI SIGNIFICATIVE DELLE CONDIZIONI NIVO-METEOROLOGICHE.

www.arpa.piemonte.it