Sei sulla pagina 1di 40
9 | 11 “Fronimo’ rivista trimestrale di . chitarra e liuto diretta da i) Ruggero Chiesa PRESSO LE EDIZIONI SUVINI ZERBONI - MILANO. anno sesto n. 25 - ottobre 1978 - L. 1000 SOMMARIO Incontri Intervista ad Angelo Gilardino di Ruggero Chiesa La chitarra terzina di Matan) Opbee I Lieder di Schubert per chitarra di Tho- mas F. Heck Parte seconda Storia della letteratura del liuto e della chitarra di Ruggero Chiesa XXV. I] Cinguecento Francesco da Milano Schede bibliografiche di Angelo Gilardino La bottega della chitarra Idee a confronto I concerti in Italia Corsi € concorsi internazionali Recensioni Musica Dischi DIRETTORE RESPONSABILE: Ri 24 24 30 30 30 34 34 35 35 35 36 36 38 Encounters Interview Chiesa with Angelo Gilardino by Ruggero «Chitarra terza ». Some bistorical and practical observations by Matanya O- phee Schubert Lieder for Guitar... permissible? by Thomas F. Heck Part two History of the Literature of the Lute and Guitar by Ruggero Chiesa XXV. The Sixteenth Century Francesco da Milano Bibliographic Index-Cards by Angelo Gi- lardino The Guitar Shop Exchange of Ideas and Opinions Concerts in Ital: International Courses and Competitions Reviews Music Records GGERO CHIESA REDATTORE CAPO; SILVIO CERUTTL DIREZIONE, AMMINISTRAZIONE E PUBBLICITA’: EDIZIONI SUVINI ZERBONL QUINTILIANO 40 - TEL. 5084 20138 MILANO - VIA ME AUTORIZZAZIONE: TRIBUNALE DI MILANO N, 331 DEL 13 SETTEMBRE 1972 TUTTI Y DIRITTI RISERVATI - ALL RIGHTS RESERVED - PRINTED IN ITALY MANOSCRITTT E FOTOGRAFIE ANCHE SE NON PUBBLICATI NON VERRANNO RESTITUITI PREZZI PER IL 1979: UN NUMERO: ITALIA 1. 1.300 - ESTERO 1. 2000 ABBONAMENTO ANNUO: ITALIA L. 5.000 - ESTERO § § MEDIANTE VERSAMENTO IN CONTO CORRENTE POSTALE CCP 3/43859 'NUMERI ARRETRATI DISPONIBILT 1. 1.300 FINITO DI STAMPARE NEL MESE DI OTTOBRE 1978 CON I TIPI DELL’ARCHETIPOGRAFIA DI MILANO 0? nd sie Angelo Gilardino INCONTRI Vercentt, 15 APRILE 1978. INTERVISTA DI Ruccexo Ciizsa ap ANGELO GILARDINO RC: Ormai da molti anni il tuo nome 2 co- nosciuto tra i chitarristi, specialmente nell’am- bito della musica contemporanea. Qual é il tuo iudizio sulla produzione dei vari autori di que- sti altimi 10 anni? AG: Il mio giudizio, che non & un giudizio ‘ma un'opinione, non & influenzato da settari smo, nel senso che io non considero Ia musica contemporanea limitata a un certo genere di produzione, ma cerco di distinguere i vari filoni che esistono innegabilmente di fatto e cerco di capire quanto c’ di valido sia nel campo delle tendenze conservatrici sia nel campo delle ten- denze sperimentali o avveniristiche. Io ritengo che piti che il problema della validita di questa musica, nel senso di un giudizio di valore, ci sia da porre il problema della sua autenticita, cio del modo con cui & stata pensata e scritta in termini di reale creativita e non di ripeti tivita. RC: Da quale tipo di repertorio contempora- neo ti senti maggiormente attratto? Verso Va- vanguardia oppure verso quelle composizioni che hanno saputo conciliare delle esigenze an- cora tradizionali del nostro secolo con esperi- enti nuovi? AG: Io cerco di attenermi ad un principio di validita di proposta qualitativa, e cerco sempre di mettere in ogni programma di concerto in ogni disco almeno tre linee, cio’ la linea che potremmo considerare in qualche modo neo- classica, che consiste nell’uso aggiornato di for- me ereditate dalla tradizione e in un'osservanza pitt o meno stretta dei principi tonali, poi la nuova musica, quella che potremmo chiamare avanguardia, di cui cerco di cogliere ogni sti- molo, ogni sollecitazione, e una musica di ispi- razione popolare che, nel caso specifico, ha solo 3

Potrebbero piacerti anche