Sei sulla pagina 1di 13

Prometeo Technical Study

Efficienza energetica in casa, contributi da Enel


Nuovi incentivi per chi fa efficienza energetica in casa, cumulabili alle detrazioni fiscali. Li eroga Enel per soddisfare l'obbligo sui certificati bianchi. Per chiederli c' tempo fino al prossimo 30 novembre e la data di fine lavori deve cadere entro 120 giorni. 08 ottobre 2012 Share on facebook Share on twitter Share on linkedin Share on blogger Share on tweet A -A +A | Commenti (0) | Newsletter Nuovi incentivi per chi fa efficienza energetica in casa ad esempio installando pannelli solari termici o isolando meglio l'edificio. Aiuti economici cumulabili ai bonus per le ristrutturazioni edilizie (detrazioni del 50% valide fino a fine giugno) e per il risparmio energetico (detrazioni del 55%, sempre fino a fine giugno 2013). Per chiederli c' tempo fino al prossimo 30 novembre e la data di fine lavori deve cadere entro 120 giorni da quella di presentazione della domanda. Possono fare domanda famiglie e condomini, ma anche associazioni e aziende, a patto che siano fiscalmente residenti in Italia e titolari di un diritto reale o di godimento sull'immobile. Ad erogare e i nuovi aiuti Enel distribuzione, tramite il meccanismo dei certificati bianchi. Come sappiamo, l'azienda energetica ha l'obbligo di dotarsi di un certo numero di certificati, ottenibili realizzando interventi di risparmi energetico. Di fatto Enel anticiper agli utenti il valore dei certificati bianchi, che poi poi incasser in 5 anni, in seguito l'approvazione da parte dell'Aeeg. L'azienda assicura di trattenere solo una piccola percentuale, a copertura della gestione burocratica dell'iter e dei costi amministrativi. I contributi sono erogabili per sei tipologie di interventi, cumulabili tra loro. Gli interventi per i quali possibile richiedere i contributi sono: sostituzione di vetri semplici (fino a un massimo di 31,59/m sostituito); isolamento pareti e coperture (fino a un massimo di 16,40/m di superficie coibentata); collettori solari (fino a un massimo di 158,35/m installato); caldaie unifamiliari (fino a un massimo di 80,90 per ciascuna unit abitativa oggetto dellintervento); pompe di calore (fino a un massimo di 212,98 per ciascuna unit abitativa oggetto dellintervento); inverter in sistemi di pompaggio (fino a un massimo di 212,98/kW elettrico installato) Enel Distribuzione ha previsto un massimale variabile per ciascuna iniziativa, il cui raggiungimento calcolato tenendo conto del cumulo delle domande di adesione pervenute in base alla priorit temporale e al corrispettivo erogabile in relazione a ciascuna domanda. Tutte le informazioni sul sito Enel dedicato

Efficienza energetica in edilizia, dal 5 dicembre i contributi per prima casa e ristrutturazioni
Scritto da orange pr 8.11.2011 Categoria: In Evidenza, green blog

Efficienza energetica in edilizia, un milione di euro di contributi a disposizione di cittadini e famiglie per prima casa e ristrutturazioni Oggi marted 8 novembre lassessore provinciale allenergia Stefano Teghil ha presentato il nuovo bando al via dal 5 dicembre La Provincia di Udine promuove lefficienza energetica e la qualit in edilizia: a partire dal 5 dicembre 2011 sar possibile, infatti, presentare domanda di contributo allamministrazione provinciale per il finanziamento, in conto capitale, di interventi di nuova costruzione o riqualificazione energetica di edifici esistenti nel territorio della Provincia. Per il bando stato stanziato un plafond iniziale pari a un milione di euro: sono ammessi a finanziamento edifici unifamiliari (con superficie utile inferiore a 240 mq) e plurifamiliari (con unit abitative con superficie inferiore a 160 mq), adibiti a residenza come prima casa. Oggi marted 8 novembre la presentazione della nuova iniziativa e del regolamento applicativo da parte dellassessore provinciale allenergia Stefano Teghil che ha sottolineato la validit della misura, prosecuzione di unesperienza analoga che ha ottenuto importanti riscontri a livello economico e, di riflesso, anche ambientale. La Provincia di Udine mette a disposizione di cittadini e famiglie un nuovo strumento per incentivare, sia nelle nuove costruzioni sia nelle ristrutturazioni, limpiego di modalit costruttive e materiali che garantiscano elevati standard dal punto di vista dellefficienza energetica. Lauspicio che questo bando ha sottolineato Teghil riscuota lo stesso successo del precedente: tra il 2009 e il 2010 sono state accolte, infatti, richieste di finanziamento per 71 nuovi edifici e 23 ristrutturazioni, che hanno generato un volano economico per il settore edilizio quantificato in oltre 17 milioni di euro a fronte di un contributo di 2 milioni 200 mila euro. Non solo: il bando ha prodotto un significativo risparmio energetico (ed economico) ed una riduzione delle emissioni di CO2 stimata in 260 tonnellate per anno. Lassessore Teghil ha quindi dettagliato i contenuti tecnici del regolamento e le modalit di presentazione della domanda che va inoltrata almeno 30 giorni prima dellinizio dei lavori; lerogazione del finanziamento subordinata al rispetto di specifici requisiti di efficienza energetica e di qualit costruttiva, indicati dal regolamento del bando. Sia le nuove costruzioni sia gli edifici in riqualificazione, devono raggiungere un indice termico dellinvolucro B, definito attraverso uno strumento di calcolo e una procedura appositamente predisposti dalla Provincia di Udine. Per le nuove costruzioni il contributo base di 100 /mq, mentre per le riqualificazioni pari al 30% delle spese sostenute (spesa ammissibile: 80.000 ). Il contributo base pu subire incrementi se ledificio presenta un indice termico migliorativo (A), in presenza di materiali sostenibili o impianti a fonti rinnovabili, o se il valore ISEE del richiedente inferiore a 30 mila euro. Considerate le diverse variabili, limporto dei contributi oscilla da un minimo di 14 mila a un massimo di 48 mila euro. Il bando rester aperto per 365 giorni con procedura a sportello e comunque fino ad esaurimento dei fondi disponibili, anche se ha

aggiunto Teghil non si esclude la possibilit di un rifinanziamento in corso danno. Il bando scaricabile dal sito web della Provincia (www.provincia.udine.it dove attivo anche il forum del Servizio Energia http://forum.provincia.udine.it/forum); eventuali informazioni e chiarimenti possono essere richieste al Servizio Energia della Provincia di Udine in orario di sportello (luned e mercoled, dalle 11.00 alle 13.00) o telefonicamente allo 0432 279812.

Nuovi finanziamenti per l'acquisto di case ad alta efficienza energetica, elettrodomestici, ecc
Pubblicato il DL 40/10 che prevede l'itituzione di un fondo per l'efficienza energetica, che eroga finanziamenti per interventi sull'efficienza energetica, dalle cucine agli edifici. Con il Decreto Legge n. 40 del 26 marzo 2010, stato istituito un fondo per IL SOSTEGNO DELLA DOMANDA FINALIZZATA AD OBIETTIVI DI EFFICIENZA ENERGETICA, ECOCOMPATIBILITA', ECC. Il 6 aprile 2010 sulla Gazzetta Ufficiale stato pubblicato il decreto attuativo del DL 40. Il fondo prevede uno stanziamento economico per diversi interventi, tra i quali ricordiamo:

.O {color:black; font-size:149%;} a:link {color:#CCCCFF !important;} a:active {color:#3333CC ! important;} a:visited {color:#B2B2B2 !important;}
o o o o o o o o o o o

60 MILIONI PER EDIFICI AD ALTA EFFICIENZA

- 60 MILIONI PER CUCINA COMPONIBILI ED ELETTRODOMESTICI AD INCASSO AD ALTA EFFICIENZA

- 50 MILIONI PER ELETTRODOMESTICI AD ALTA EFFICIENZA

- 12 MILIONI PER MOTOCICLI

- 10 MILIONI PER INVERTER, MOTORI ALTA EFFICIENZA, UPS GRUPPI STATICI DI CONTINUITA

Per quanto riguarda gli edifici "ecologici" ossono fruire del'incentivo coloro i quali acquisteranno un immobile ad alta efficienza energetica (classe A o B) come prima casa, con stipula del preliminare di compravendita successivo alla data di entrata in vigore del decreto. La classe energetica dell'edificio dovr essere comprovata da un Attestato di Certificazione Energetica sottoscritto da un/a tecnico/a abilitato/a. L'entit del contributo pari a :

83/mq di superficie utile lorda (SUL) con un massimo di 5000 euro per edifici in classe B 116 /mwq di SUL con un massimo di 7000 euro per edifici in classe A

Il ministero si potr avvalere di organismi esterni alla P.A. per l'assegnazione dei contributi. Gli aggiornamenti sulle modalit di erogazione dei contributisono disponibili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico attualmente alla pagina http://www.sviluppoeconomico.gov.it/primopiano/dettaglio_primopiano.php? sezione=primopiano&tema_dir=tema2&id_primopiano=670 Il Ministero ha inoltre pubblicato una utile tabella riassuntiva sui requisiti per beneficiare degli incentivi scaricabile alla pagina http://www.sviluppoeconomico.gov.it/pdf_upload/documenti/tabincentivi.pdf

Agevolazioni acquisto prima casa se classe A e B

Contributi per immobili ad alta efficienza energetica - Con il Decreto Legge numero 40/2010 (25 marzo 2010), lo Stato (Ministero dello Sviluppo Economico) assegna 60 milioni di , contributi agevolati (rimborso spese) per l'acquisto d'immobili (incentivi acquisto prima casa) ad alta efficienza energetica. Nuovi edifici certificati da enti e periti preposti. Per gli edifici di Classe A (prestazione energetica migliore del 50% rispetto ai limini fissati dal decreto), viene concesso un contributo pari a 116,00 a metro quadro, fino ad un massimo di 7.000 . Per gli edifici di Classe B (prestazione energetica migliore del 30% rispetto ai limiti prefissati dal decreto), l'incentivo di 83,00 al mq, fino ad un massimo di 5.000. Per edifici di nuova costruzione, s'intendono nuovi immobili, edifici demoliti e ricostruiti (ma non ristrutturati) per i quali sia stata presentata richiesta di costruzione (permesso) e/o denuncia d'inizio attivit, successivamente allo 08/10/2005: data di pubblicazione del DLgs 192/05: attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia. Chi ha diritto a richiedere il contributo agevolato - Tutti gli acquirenti di nuove abitazioni (requisito vincolante, insieme all'efficienza energetica). Chi acquista la prima casa ed ha sottoscritto il contratto preliminare di compravendita dopo l'entrata in vigore del Decreto (dopo il 6 aprile 2010). L'immobile dovr essere sempre prima abitazione della famiglia (prima casa), unica destinazione d'uso avente diritto al rimborso previsto (agevolazione fiscale). Le scadenze stabilite dal decreto attuale - Il preliminare di compravendita dell'immobile deve essere stipulato dopo il 06/04/2010, mentre il contratto di compravendita definitivo deve essere stipulato entro il 31/12/2010. Questi sono i termini attuali previsti dal Decreto, per poter avviare la procedura di accesso ai contributi agevolati per l'acquisto della prima casa, classe A e B. Si consiglia di controllare, periodicamente, il portale del Ministero dello Sviluppo Economico, per possibili aggiornamenti ed informazioni su proroghe degli incentivi. Come prenotare l'incentivo previsto per i nuovi edifici Classe A e B - Prima di tutto, il Venditore (costruttore dell'immobile che l'acquirente vuole acquistare, usufruendo degli incentivi previsti) deve aver richiesto la Registrazione Preventiva: stabilisce l'elenco degli aventi diritto alla prenotazione. La Registrazione serve per assegnare un Codice Identificativo al Venditore e, di conseguenza, agli edifici oggetto dei contributi. Per le modalit di registrazione preventiva, si

rimanda alla pagina web del Ministero, associata con Poste Italiane. Il Codice dovr essere utilizzato all'atto della prenotazione. Documentazione necessaria per prenotare il contributo agevolato previsto dal DL 40/2010 Bisogna essere in possesso del contratto preliminare di compravendita, con atto di data certa e dell'attestato di certificazione energetica dell'edificio (l'immobile di nuova costruzione). In allegato, il Venditore (non l'acquirente) dovr presentare la documentazione che attesti: settore d'appartenza del prodotto (Immobile ad alta Efficienza Energetica) - Tipologia del prodotto (classe A o B) Superficie utile sulla quale viene calcolato il contributo (indicata nell'Attestato di Certificazione Energetica) - Estremi dell'Acquirente (codice fiscale e dati bancari per l'accredito del contributo agevolato) - Prezzo base dell'immobile, al lordo dell'Iva. Con questa documentazione si pu prenotare il contributo agevolato. Con la concomitante presentazione del Codice Identificativo precedentemente assegnatogli, il Venditore potr richiedere la prenotazione. Tale pratica va espletata entro i 20 giorni precedenti la stipula del contratto definitivo di compravendita. Alla stipula di quest'ultimo contratto, va confermata la prenotazione del contributo agevolato. Nel contratto dovr essere riportata l'indicazione dell'incentivo e la certificazione di alta efficienza energetica dell'edificio. Dove pu essere fatta la prenotazione del contributo - Il Venditore pu procedere alla prenotazione presso la sede delle Poste Italiane (soggetto di cui si avvale il Ministero preposto), oppure attraverso il sito web www.sviluppoeconomico.gov.it, sezione SPECIALI INCENTIVI 2010. Prima della prenotazione, meglio ancora se prima della richiesta dell'assegnazione del Codice Identificativo, si consiglia sempre di verificare la disponibilit delle risorse finanziarie (compito spettante al Venditore). Come richiedere il contributo agevolato - Entro 45 giorni dalla stipula del contratto di compravendita del nuovo immobile, con le pratiche precedenti ovviamente espletate, l'Acquirente (non pi il Venditore) deve inviare questa documentazione per la richiesta dei contributi (agevolazioni acquisto prima casa): Copia documento d'identit - Codice fiscale (dell'acquirente) Dati bancari (per conferma estremi su cui fare il versamento diretto) - Copia autenticata del contratto di compravendita, riportante l'indicazione dell'incentivo - Ricevuta di registrazione Autodichiarazione dei documenti allegati (suddetti) in formato Check List. Chi deve certificare l'efficienza energetica dell'edificio - La Certificazione Energetica va richiesta a tecnici abilitati, iscritti agli ordini professionali, aventi diritto (abilitati) ad esercitare la professione di progettisti di edifici ed impianti. Se il tecnico consultato non abilitato, dovr essere affiancato da un tecnico abilitato alla certificazione energetica, inderogabilmente. L'imparzialit, il corretto operato del tecnico certificatore e la sua indipendenza, devono essere sempre assicurati (l'indipendenza non fa riferimento a tecnici che operano per enti pubblici ed organismi di diritto pubblico, operanti nel settore energetico ed edile). In qualsiasi caso, il riferimento legislativo sul soggetto accreditato (certificatore energetico), l'Allegato III, punto 2 del Decreto Legislativo 115/08. Su che basi avviene la certificazione energetica - La prestazione energetica viene fissata rispettando le procedure stabilite dal DL 192/05 e dalle modifiche successivamente apportate in materia. E' bene ricordare che nelle note presenti nell'attestato di certificazione, vanno riportate le percentuali di riduzione dell'indice di prestazione (Classse A, 50% del fabbisogno di energia primaria, Classe B, 30%). I criteri di calcolo della superfice abitativa avente diritto ai contributi - Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stabilito che la superficie utile, oggetto dei criteri di calcolo per l'accesso

agli incentivi sull'efficienza energetica, la superficie netta calpestabile di un edificio, riferibile soltanto alle porzioni riscaldate (Allegato A, punto 32 del DLgs 192/05). Tale dato deve essere presente nella certificazione energetica dell'immobile. Questi contributi sono cumulabili? - Si, possono essere richiesti anche da chi ha usfruito delle detrazioni fiscali del 55%, sulla riqualificazione energetica degli edifici e/o delle detrazioni del 36%, per le ristrutturazioni. Modalit erogazione fondi ottenuti - Ottenendo i contributi agevolati per il proprio immobile, bisogner far riferimento alle modalit di erogazione previste nell'articolo 4 del DLgs 40/2010, specifiche per il sostegno della domanda finalizzata agli obiettivi di alta efficienza energetica.

Incentivi case ecologiche: le procedure per ottenerli


Prenotazione a cura del costruttore/venditore; obbligatorio lattestato di certificazione energetica
di Rossella Calabrese vedi aggiornamento del 27/01/2011 Letto 47567 volte 08/04/2010 - entrata nel vivo la procedura per usufruire degli incentivi stanziati dal DL 40/2010 a sostegno dei consumi e della ripresa produttiva. Dei 300 milioni di euro messi a disposizione, 60 sono destinati allacquisto di immobili ad alta efficienza energetica.

Notizie correlate
27/01/2011

Bonus 55%, ecoprestito e sistema casa-qualit per rilanciare il mercato immobiliare


25/11/2010

Incentivi ecoedifici: esaurito il Fondo unico del MSE


25/10/2010

Incentivi ecoedifici: le risorse non erogate dirottate sugli altri settori


24/05/2010

Case ecologiche: in Europa le vendite non decollano


06/05/2010

DL Incentivi e manutenzione straordinaria senza Dia: la Camera approva


05/05/2010

Edifici verdi, gli incentivi saranno estesi al patrimonio esistente


30/04/2010

Incentivi ecoedifici: erogato finora il 13% dei 60 milioni stanziati


19/04/2010

Edifici ecosostenibili, trattenute sugli incentivi


15/04/2010

Via agli incentivi sugli immobili ecosostenibili


13/04/2010

Edifici verdi, dubbi sulla cumulabilit degli incentivi


07/04/2010

Edifici verdi, dal 15 aprile incentivi cumulabili col 55%


06/04/2010

Edifici sostenibili, incentivi al via dal 15 aprile


29/03/2010

Incentivi su edifici verdi, opportunit per i certificatori


23/03/2010

Incentivi per ecoedifici ed elettrodomestici al via dal 6 aprile

Norme correlate

Decreto Ministeriale 26/03/ 2010


Ministero dello Sviluppo Economico - Modalit di erogazione delle risorse del Fondo previsto dall'articolo ..

Decreto Legge 25/03/ 2010 n. 40


Disposizioni urgenti tributarie e finanziarie in materia di contrasto alle frodi fiscali internazionali ..

Decreto Legislativo 19/08/ 2005 n. 192


Ripubblicazione del testo del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, recante: "Attuazione della ..
Gli incentivi saranno disponibili a partire dal 15 aprile 2010. Sar compito dei venditori verificare la disponibilit dei fondi e prenotarli per lacquisto del bene. A differenza delle cucine e degli elettrodomestici, per gli immobili non viene praticata la riduzione di prezzo, ma il contributo sar riconosciuto direttamente allacquirente. Con il DM 26 marzo 2010 (entrato in vigore il 6 aprile) il Ministero dello Sviluppo economico ha stabilito le modalit di erogazione delle risorse, mentre un sito web dedicato fornisce le informazioni ai beneficiari. LENTIT DEGLI INCENTIVI E I REQUISITI PER OTTENERLI Sono previsti 116,00 euro al mq, fino ad un massimo di 7.000,00 euro, se limmobile di Classe A cio se il fabbisogno di energia primaria migliore almeno del 50% rispetto ai valori di cui all'allegato C, n. 1, della Tabella 1.3 del Dlgs 192/2005, e successive modificazioni. Sono previsti 83,00 al mq, fino ad un massimo di 5.000,00 euro, se limmobile di Classe B, cio se il fabbisogno di energia primaria migliore almeno del 30% rispetto ai valori di cui allallegato C, n. 1, della Tabella 1.3 del Dlgs 192/2005, e successive modificazioni. Il raggiungimento delle prestazioni energetiche deve essere certificato sulla base delle procedure fissate dal Dlgs 192/2005 e successive modificazioni, da un soggetto accreditato. Per avere diritto al contributo limmobile deve essere: - di nuova costruzione; - la prima abitazione della famiglia. Per lacquisto di immobili per i quali il preliminare di compravendita sia stato stipulato con atto di data certa successivo al 6 aprile 2010, la concessione del contributo allacquirente subordinata alla sussistenza dellattestato di certificazione energetica. LA PROCEDURA PER OTTENERE GLI INCENTIVI Sul sito web del Ministero si legge che la prenotazione degli incentivi per gli edifici ad alta efficienza energetica a cura del costruttore/venditore ma anche che la richiesta di incentivi per lacquisto di beni immobili ha una regolamentazione differente rispetto alle modalit di richiesta incentivi per beni mobili. Proviamo ad illustrare la procedura di prenotazione prevista per i venditori. Il venditore deve registrarsi dal 6 aprile (data di entrata in vigore del DM) al 16 maggio tramite il Call Center di Poste Italiane al numero 800 556 670 e dal 17 maggio tramite il portale incentivi2010.sviluppoeconomico.gov.it. Otterr cos un Codice Identificativo da utilizzare per le prenotazioni, a partire dal 15 aprile. La registrazione non d nessuna priorit sulla prenotazione dei contributi. Dal 15 aprile poi si potr prenotare il contributo (fino al 16 maggio tramite Call Center, dal 17 maggio tramite portale). Per gli immobili, la prenotazione deve essere effettuata dal venditore, in possesso dellattestato di certificazione energetica, entro i 20 giorni precedenti la stipula del contratto definitivo di compravendita. La prenotazione viene confermata in sede di stipula del contratto di compravendita, al quale, ai soli fini

dellottenimento dei contributi, deve essere allegato lattestato di certificazione energetica. Per richiedere il contributo, lacquirente deve essere in possesso: - dellattestato di certificazione energetica dellimmobile; e dei seguenti dati: - settore di appartenenza del prodotto; - tipologia di prodotto (classe A, classe B); - superficie utile sulla quale viene calcolato il contributo; - estremi dellacquirente (codice fiscale e dati bancari); - prezzo base (al lordo di IVA). Entro 45 giorni dalla stipula del contratto definitivo di compravendita lacquirente deve trasmettere a Poste Italiane copia autentica del contratto munita degli estremi della registrazione. Entro 90 giorni dalla stipula del contratto definitivo di compravendita, lacquirente deve inviare: - richiesta di rimborso contenente la ricevuta di registrazione e l'autodichiarazione firmata in formato Check list dei documenti allegati (compilabile e scaricabile dal portale); - copia documento identit dell'acquirente; - codice fiscale dell'acquirente; - dati bancari dell'acquirente; - copia del contratto definitivo di compravendita che dovr riportare l'indicazione dellincentivo. CUMULABILIT DEI CONTRIBUTI I contributi sono cumulabili con altri benefici previsti sul medesimo bene dalle vigenti disposizioni. Criticata da Finco lesiguit dei contributi, sufficienti, data la consistenza e i tetti massimi dei bonus, solo per l'acquisto di circa 10 mila appartamenti, cio meno di quelli presenti in un solo quartiere di medie dimensioni. Secondo la Federazione industrie, prodotti, impianti e servizi per le costruzioni aderente a Confindustria sarebbe invece auspicabile un "Eco-prestito" fino a un massimo di 30 mila euro per beneficiario, di durata decennale e da restituire a tasso zero per due interventi di incremento dell'efficienza energetica. Per garantire l'effettiva realizzazione Finco propone di erogare il prestito in due tranches all'inizio e alla fine dei lavori. L'iniziativa dovrebbe essere finanziata da Cassa Depositi e Prestiti e Fondazioni bancarie. Tra le altre misure per cui saranno erogati contributi ricordiamo anche cucine componibili ed elettrodomestici, che godono di uno sconto del 10% fino a mille euro, elettrodomestici singoli, come lavastoviglie, cappe, forni elettrici, piani cottura cucine da libera installazione, scaldacqua a pompe di calore, stufe in classe energetica A o B, sui quali si applica un bonus del 20% con tetti massimi differenziati, gru per ledilizia, con un contributo del 20% del prezzo di acquisto, fino a un massimo di 30 mila euro. (riproduzione riservata)

Ministero dello Sviluppo Economico - Modalit di erogazione delle risorse del Fondo previsto dall'articolo 4 del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, per il sostegno della domanda finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica, ecocompatibilit e di miglioramento della sicurezza sul lavoro
IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE e con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Visto l'art. 4, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2010, n. 40, che prevede l'istituzione di un fondo per il sostegno della domanda finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica, ecocompatibilita' e di miglioramento della sicurezza sul lavoro; Ritenuto di dover definire le modalita' di erogazione delle risorse del fondo di cui alla medesima disposizione in relazione alle esigenze specifiche di sostegno alla domanda finalizzata ad obiettivi di efficienza energetica ed informatica, ecocompatibilita' e sicurezza sul lavoro, in un disegno di interventi per la ripresa produttiva, secondo importi congruenti con gli obiettivi ed i limiti delle risorse disponibili; [...] TESTO INTEGRALE DISPONIBILE PER GLI UTENTI REGISTRATI [15/04/2010] Entra in vigore il DM 26/03/2010. Dal 15 aprile in vigore il DM che istituisce contibuti per l'acquisto di beni ad alta efficienza energetica, comprese abitazioni in classe A e B.

Sono finanziate, fra l'altro: la sostituzione dei mobili per cucina in uso con cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza; la sostituzione di lavastoviglie, forni elettrici, piani cottura, cucine di libera installazione, cappe, scaldacqua elettrici; l'acquisto di motocicli; la sostituzione di motori fuoribordo e l'acquisto di stampi per la laminazione sottovuoto degli scafi da diporto dotati di flangia perimetrale; l'acquisto e l'installazione di variatori di velocita' (inverter), l'acquisto di motori ad alta efficienza (IE2), l'acquisto di UPS (gruppi statici di continuita') ad alta efficienza e l'acquisto di batterie di condensatori che contribuiscano alla riduzione delle perdite di energia elettrica sulle reti media e bassa tensione; l'acquisto di immobili ad alta efficienza energetica. Le risorse del fondo sono erogate mediante contributi sotto forma di riduzione del prezzo di vendita praticato: a) per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 1000 euro, per la sostituzione dei mobili per cucina in uso con nuove cucine componibili ed elettrodomestici da incasso ad alta efficienza aventi le seguenti caratteristiche: a.1) i nuovi mobili per cucina siano accompagnati dalla scheda prodotto secondo quanto previsto dalla legge n. 126, del 10 aprile 1991 e decreto ministeriale 101 dell'8 febbraio 1997 e circolare del 3 agosto 2004, n. 1 del Ministero delle attivita' produttive - indicazioni per la compilazione e la distribuzione della scheda identificativa dei prodotti in legno e del settore legno - arredo Gazzetta Ufficiale n. 187 dell'11 agosto 2005;

a.2) i nuovi mobili per cucina rispettino quanto stabilito dal decreto del Ministero del lavoro della salute e delle politiche sociali del 10 ottobre 2008 - disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in ambienti di vita e soggiorno - Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2008; a.3) la nuova cucina componibile sia corredata di almeno due dei seguenti elettrodomestici di classe energetica ad alta efficienza e piu' specificamente: frigorifero/congelatore in classe A+ e A++, forno in classe A, piano di cottura a gas (se inserito) con dispositivo di sorveglianza fiamma, lavastoviglie (se inserita) non inferiore alla classe A/A/A (A di efficienza energetica, A di efficienza di lavaggio, A di efficienza di asciugatura); a.4) la nuova cucina componibile sia gia' predisposta per la raccolta differenziata con la dotazione di contenitori appositi; a.5) il produttore attesti tramite autocertificazione o dichiarazione l'ottemperanza dei requisiti di cui ai punti a.1), a.2), a.3) ed a.4); a.6) il venditore dichiari, tramite autocertificazione, che l'acquisto e' avvenuto in sostituzione di una cucina in uso; a.7) per gli elettrodomestici che non rientrassero nelle classi energetiche ad alta efficienza specificate al punto a.3), il rispettivo prezzo di acquisto non concorre a formare il valore in base al quale viene calcolato il contributo; b) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 130 euro, per la sostituzione di lavastoviglie con analoghi apparecchi di classe energetica, capacita' di lavaggio, efficienza di asciugatura non inferiore alla classe A (A/A/A); c) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di forni elettrici con analoghi apparecchi di classe energetica non inferiore alla classe A; d) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 80 euro, per la sostituzione di piani cottura con analoghi apparecchi dotati di dispositivo di sorveglianza di fiamma (FSD); e) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 100 euro, per la sostituzione di cucine di libera installazione con analoghe cucine di libera installazione dotate di forno elettrico di classe A e piano cottura dotato di valvola di sicurezza gas (FSD); f) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 500 euro, per la sostituzione di cappe con analoghe cappe climatizzate; g) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 400 euro, per la sostituzione di scaldacqua elettrici con installazione di pompe di calore ad alta efficienza con COP 2,5 secondo la norma EN 255-3 dedicate alla sola produzione di acqua calda sanitaria; h) per il 10% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 750 euro, per l'acquisto di un motociclo fino a 400 cc di cilindrata ovvero con potenza non superiore a 70 kW nuovo di categoria euro 3 con contestuale rottamazione di un motociclo o di un ciclomotore di categoria euro 0 o euro 1, realizzata attraverso la demolizione con le modalita' indicate al comma 233 dell'art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296; nel caso di acquisto di motocicli, dotati di alimentazione elettrica, doppia o esclusiva, l'incentivo e' del 20% sino a un massimo di 1500; i) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 1000 euro, per la sostituzione di motori fuoribordo di vecchia generazione con motori a basso impatto ambientale conformi alla direttiva 2003/44/CE fino alla potenza di 75kW compresa; j) ...omissis... k) ...omissis... l) ...omissis... m) ...omissis... n) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 40 euro, per l'acquisto e l'installazione di variatori di velocita' (inverter) su impianti con potenza elettrica compresa tra 0,75 e 7,5 kW;

o) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 50 euro, per l'acquisto di motori ad alta efficienza (IE2) di potenza compresa tra 1 e 5 kw; p) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 100 euro, per l'acquisto di UPS (gruppi statici di continuita') ad alta efficienza di potenza fino a 10 kVA; q) per il 20% del costo e nel limite massimo di singolo contributo pari a 200 euro, per l'acquisto di batterie di condensatori che contribuiscano alla riduzione delle perdite di energia elettrica sulle reti media e bassa tensione; r) ...omissis... s) contributo pari a 83 euro per metro quadrato di superficie utile e nel limite massimo di 5000 euro, per l'acquisto di immobili di nuova costruzione, come prima abitazione della famiglia, con fabbisogno di energia primaria migliore almeno del 30% rispetto ai valori di cui all'allegato C, n. 1, della Tabella 1.3 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, e contributo pari a 116 euro per metro quadrato di superficie utile e nel limite massimo di 7000 euro, per l'acquisto di immobile con fabbisogno di energia primaria migliore almeno del 50% rispetto ai valori di cui all'allegato C, n. 1, della Tabella 1.3 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni; il raggiungimento delle prestazioni energetiche di cui al precedente comma deve essere certificato sulla base delle procedure fissate dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, da un soggetto accreditato.

I contributi di cui sono corrisposti per operazioni di vendita stipulate non anteriormente alla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del presente decreto e comunque non oltre il 31 dicembre 2010. In caso di acquisto di immobili di nuova costruzione ad alta efficienza energetica, per i quali il preliminare di compravendita sia stato stipulato, con atto di data certa successivo alla data di entrata in vigore del decreto, la concessione del contributo all'acquirente e' subordinata alla sussistenza dell'attestato di certificazione energetica sulla base delle procedure fissate dal decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, rilasciato da un soggetto accreditato, senza oneri a carico del fondo. A tal fine, entro venti giorni precedenti la stipula del contratto definitivo di compravendita, il venditore, in possesso della predetta documentazione, cura la prenotazione della misura. La stessa viene confermata in sede di stipula del contratto di compravendita, al quale, ai soli fini dell'ottenimento dei contributi, deve essere allegato l'attestato di certificazione energetica. Entro quarantacinque giorni dalla stipula l'acquirente trasmette al predetto soggetto copia autentica dell'atto munita degli estremi della registrazione. In caso di assenza di uno o piu' requisiti per la erogazione dei contributi, ovvero di documentazione incompleta o irregolare ovvero di mancato rispetto di quanto previsto dall'art. 2, comma 5, per fatti non sanabili comunque imputabili ai soggetti delle operazioni di vendita, il Ministero dello sviluppo economico procede alla revoca dei contributi ai sensi dell'art. 9 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123.