Sei sulla pagina 1di 2

RIVOLUZIONE FRANCESE

Il 5 maggio 1789 gli aristocratici si riuniscono per discutere del fatto che il voto del terzo stato non venisse mai preso in considerazione ,mentre quello del clero e della nobilt quasi sempre. Se il terzo stato cercava di disubbidire il clero o la nobilt finiva nelle prigioni e poi doveva aspettare che il re, a cui spettava il potere di veto, prendesse una decisione: l impiccagione oppure la decapitazione. Quando la popolazione si ribellava la nobilt non prestava attenzione e calpestava la gente. Il 20 Giugno 1789 in una palestra dove si giocava la pallacorda i rappresentanti del terzo stato giurarono che non si sarebbero mai separati prima di aver dato una costituzione parlamentare alla Francia;il 9 luglio si proclamarono assemblea costituente nazionale.

Il 26 agosto 1789 stesero la dichiarazione dei diritti dell uomo e del cittadino che si ispirava largamente alla dichiarazione dindipendenza americana. Il 6 ottobre 1789 un corteo di parigine marci fino a Versailles e sequestr il re imponendogli di firmare gli atti dell assemblea e di trasferirsi con la moglie e i figli nel palazzo centrale di Parigi (Tuileries). Il 21 gennaio 1793 Luigi sedicesimo fu condannato alla ghigliottina. Nel 1795 anche Maria Antonietta fu decapitata.