Sei sulla pagina 1di 1

Cacciatore

Capitolo secondo I
La storia storia di individualit ( popoli, nazioni, etc) Dopo la morte di Hegel entra in crisi lottimismo del sistema idealistico. Heder: soltanto attraverso il divenuto possibile una storia dellumanit in quanto il la manifestazione della ragione. H. guarda alla storia come un processo di graduale sviluppo che ha analogie con i gradi evolutivi della vita umana, allinterno di questo processo le singole epoche storiche mantengono la loro individualit. Il momento della storia il movimento antropologico e naturale (evoluzione), 2) esercizio continuo, tender verso lhumanitat. Respinge il concetto id apriori. Luomo reale e agisce nel suo umgebung, ambiente, la storia storia di uomini che costituiscono la totalit, il Romantik da voce alla particolarit. Anche Troitsky critica il razionalismo il razionalismo illuministico e individua nella genesi dellhistorimus il concetto del Verstehen ( ovvero attingere i significati dal mondo circostante). Con Boeckh il mondo storico una connessione dinamica di fatti, valori e fini, quindi il Versthen la edizione tra la particolarit e la generalit storica. La scienza : comprendere linsieme.

II
Il filo conduttore con il quale s dipana la cultura filosofico-storica e politico-giuridica italiana considerare la storia delle nazioni sotto un duplice aspetto: strumento di indagine comparata, e modello eticopedagogico. Pagano: chi vuole conoscere luomo deve studiare la storia dei principi, dei progressi e delle decadenze delle nazioni. La domanda della FDS preminente in Italia : come lutilit e la certezza ella storia? Diverse voci: Delfico e Cuoco: una riflessione sulla storia prende spunto dallanalisi crtica dellesperienza politica e vi una radicale ritica ad una concezione ottimistiac della storia. La scienza nuova di vico costituisce per cuoco la fase di fondazione delle scienze umane il vichismo cuochiano si manifesta nel convincimento della modificabilit ella natura umana sulla basse di uno sviluppo storico guidato dalla ragione e dalla creativit. Cuoco cos come vico credeva in uno sviluppo storico dato dalla ragione e dalla fantasia capaci di cambiare gli uomini. Secondo cuoco in vico sono presenti i principi di una visione filosofica della storia come:1) guarda la verit dei fenomeni storici 2) distingue le costanti dalle variabili. Il versante di continuit fra vico e cuoco si basa sulla relazione tra temporalit e permanenza fra individualit e universalit. Le costanti della storia sono le idee. Nellinterpretazione cuochiana di vico il vero nesso delle azioni risiede nelle idee cosicch nella storia della mente diventa possibile individuare ritrovare quei principi della storia ideale. Cuoco: una nozione ha la sua mente al pari di un individuo perch la nazione deve avere un numero di idee comuni alla maggior numero degli uomini che la compongono, altrimenti non sarebbe societ. Al di l dei mutamenti resta unidea arti