Sei sulla pagina 1di 91

ll Design dellesperienza turistica sui media digitali

Iper-competizione nel turismo

Lallargamento dellarena turistica sta creando una dinamica di di iper-competizione che richiede lo sviluppo di offerte turistiche specifiche ed un posizionamento distintivo per le destinazioni turistiche e gli operatori che vogliono emergere sui mercati internazionali

Il successo di una destinazione oggi


DISTINTIVITA DEL POSIZIONAMENTO

Focalizzazione per lo sviluppo di offerte turistiche specifiche

Creazione della massa critica attraverso la focalizzazione

ATTRATTIVITA DELLOFFERTA COMPLESSIVA

Creazione di una connessione emozionale con i pubblici di riferimento

Rilevanza della narrazione e della proposizione dellofferta per i pubblici di riferimento

Gestire la complessit del mercato

Laumento di complessit del mondo del turismo deve essere gestito con un approccio metodologico, che sia insieme strutturato e creativo, che tenga conto dei mutamenti recenti del settore e in particolare della nuova espressione di s dei viaggiatori; a tale approccio stato dato il nome di Tourist Experience Design

LEsperienza turistica

LEsperienza turistica, per come la intendiamo nel corso, riguarda la totalit di prodotto/servizio, comunicazione e contesto Sia nel momento della fruizione del viaggio/vacanza, sia nei momenti precedenti a questo (informazione, preparazione e acquisto), sia in quelli successivi (memoria e passaparola).

Invecchiamento e obsolescenza

LEsperienza Turistica, come le altre realizzazioni del mercato, tende allinvecchiamento e allobsolescenza, pertanto continuamente necessario ravvivarla per renderla appetibile per i turisti.

Planet Holywood: been there, done that

Invecchiamento e obsolescenza
In particolare, le ragioni dellinvecchiamento e dellobsolescenza sono due:
1. Per i turisti che hanno gi sperimentato lEsperienza, questa perde di novit, in quanto gi vista/gi provata (obsolescenza interna) 2. Limitazione della concorrenza tende a distribuire lesperienza, che pertanto diventa gi vista/gi provata da qualche altra parte (obsolescenza esterna)

Per fare fronte al duplice fenomeno di invecchiamento dellofferta turistica quindi sempre necessario innovare lesperienza.
74

Innovare lesperienza dei turisti

Innovare lesperienza turistica significa proporre un nuovo modo di intendere la vacanza, il viaggio, lesplorazione di un territorio, le attivit e i percorsi o lo stile dellaccoglienza, attraverso la presentazione di un punto di vista originale, che da una parte sintetizzi gli elementi pi autentici dellofferta stessa e dallaltra, riesca ad interpretare le diverse passioni, i bisogni e gli interessi dei diversi turisti, che sono rappresentati dai diversi turismi vocazionali.

Definire il concept esperienziale


Definiamo questo punto di vista originale con il termine di Concept Esperienziale, che rappresenta lespressione dello sviluppo concettuale e narrativo di ambientazione dellesperienza in grado di creare valore simbolico e valore tangibile per i diversi segmenti di mercato. In altri termini, possiamo dire che il Concept Esperienziale si configura come la chiave di lettura della proposta di valore.

Determinare gli elementi del focus dellEsperienza


Quale la vocazione Turistica del Viaggiatore, che vogliamo soddisfare? (tenendo presente che ciascun Turista ha svariate vocazioni, che vengono soddisfatte in modi e tempi diversi) Quali sono i driver motivazionali che spingono il Turista a viaggiare? Chi concorre a determinare lEsperienza Turistica del viaggiatore? Quali sono le modalit di formazione dellesperienza Turistica? Cosa rinforza lEsperienza Turistica e cosa la indebolisce In quale momento del ciclo di vita del Viaggiatore si inserisce lEsperienza Turistica e quale il suo impatto? Quali sono i principali attributi dellEsperienza Turistica?

La metodologia del Tourist Experience Design

78

Perch una metodologia?


Limpiego di una metodologia fondamentale per risolvere con successo il problema della differenziazione competitiva dellofferta turistica basata sullesperienza per diversi motivi. 1. Definire le esperienze di successo unattivit complessa, che deve tenere in considerazione un insieme ampio di elementi competitivi e di mercato. La metodologia di Tourist Experience Design fornisce un insieme di passi logici sequenziali per arrivare al risultato innovativo, lavorando su tutti gli aspetti che concorrono alla definizione delle esperienze di successo desiderate (metodologia strutturata).

Perch una metodologia?


2. Nel mondo esistono persone geniali, in grado di inventare proposte creative basandosi sulla loro sensibilit e creativit innata. La metodologia di Tourist Experience Design consente di arrivare a risultati analoghi, anche senza il contributo di tali figure geniali, ottenendo un grande numero di idee innovative e una ricca variet di tali idee in base agli obiettivi dellorganizzazione turistica da potere selezionare ed implementare (metodologia replicabile)

Perch una metodologia?


3. Ciascuna organizzazione turistica deve essere in grado di generare le innovazioni differenzianti della propria offerta in maniera sistematica, appropriandosi di un metodo di lavoro che possa essere codificato, appreso e reiterato. La metodologia uno strumento manageriale, in quanto trasferibile ed applicabile nelle diverse organizzazioni turistiche, rendendo esplicite e comprensibili le logiche che stanno alla base dellattivit di progettazione delle esperienze turistiche (metodologia manageriale).

Perch una metodologia?


4. Il tema dellinnovazione si basa sulla capacit di generare, in maniera creativa, e di selezionare le idee per lo sviluppo di offerte di successo. La metodologia di Tourist Experience Design include una serie di strumenti per la creativit, tra cui scegliere, per generare reale innovazione dellofferta turistica (metodologia innovativa)

Perch una metodologia?


5. Il turismo un settore molto complesso, in cui agiscono attori su diversi livelli di aggregazione, dai territori, che organizzano unofferta complessiva, ai tour operator, che ne rappresentano una parte, fino ai singoli operatori locali, alle popolazioni locali e, non ultime, le Reti di Imprese, ossia le aggregazioni di operatori turistici, pubblici e privati, lungo tutta la filiera del valore. La metodologia di Tourist Experience Design pu essere applicata con successo a ciascun livello dellofferta turistica, mantenendo invariata la sequenza dei passi attuativi, ma modificando lampiezza, il focus e la scala dellanalisi e degli interventi (metodologia scalabile)

Perch una metodologia?


6. Il contesto turistico attuale impone la necessit di proporre al mercato unofferta distintiva, unica per i propri target di riferimento, facile da identificare, ricordare, raccomandare. E pertanto fondamentale definire le pi adeguate strategie di differenziazione dellofferta per raggiungere gli obiettivi di unicit ed identificabilit. La metodologia di Tourist Experience Design ingloba lo spirito delle differenziazione competitiva e consente di definire le strategie pi idonee per conseguire tale risultato (metodologia differenziante)

Framework aperto e in divenire

Il Tourist Experience Design un framework aperto e in divenire che stato concepito in modo scalabile e con un approccio transdisciplinare, con lobiettivo di evolvere nel tempo grazie allintegrazione di metodi e modelli creativi, analitici, predittivi e collaborativi.

Obiettivi del Tourist Experience Design


conoscere il cliente in profondit per servirlo cogliere le opportunit offerte dal riesame della segmentazione attuale e dei bisogni percepiti dei clienti lavorare sullEsperienza Estesa analizzando lintero processo, prima, durante e dopo la fruizione dellEsperienza Turistica allargare ed approfondire lofferta turistica comprendendo quali sono i driver rilevanti per ogni target nel processo decisionale e di acquisto dei prodotti turistici definire le modalit pi incisive di comunicazione per i diversi target e sotto target della Rete

Le fasi della Metodologia di Tourist Experience Design

1. Analisi competitiva degli elementi unici e distintivi della proposta di valore

2. Rivalutazione della segmentazione

3. Definizione delle strategie esperienziali per i segmenti e degli elementi WOW

4. Definizione del Ciclo di Esperienza Estesa e dei Punti Esperienziali

5. Progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali


2009-2011 Andrea Rossi e Maurizio Goetz

1. Analisi competitiva degli elementi unici e distintivi della proposta di valore

La prima fase della metodologia consiste sia nellanalisi dellofferta e della vocazione turistica sia nel benchmark della concorrenza, al fine di evidenziare ed integrare gli elementi unici e distintivi per fornire possibili chiavi di lettura delle diverse offerte turistiche, suggerendo temi e modalit di contestualizzazione.

2. Rivalutazione della segmentazione

Lesperienza di valore una percezione del tutto personale e difficilmente pu essere generalizzata La corretta segmentazione fondamentale per affrontare con successo il mercato e per differenziare in maniera mirata lofferta turistica e la comunicazione Web. La seconda fase della metodologia focalizzata sulla segmentazione innovativa del mercato turistico in termini maggiore risposta alle nuove motivazioni di viaggio dei Turisti.

3. Definizione delle Strategie Esperienziali per i segmenti e gli elementi WOW

Sulla base delle conoscenze sullofferta attuale e della concorrenza, grazie alle nuove informazioni ottenute sui bisogni esperienziali, per i segmenti identificati nella fase di rivalutazione della segmentazione, nella terza fase della metodologia si definiscono le strategie di base per ottenere esperienze memorabili e si definiscono gli elementi WOW, ossia gli elementi di differenziazione specifica dellofferta che generano stupore, soddisfazione ed entusiasmo nei turisti (che fanno esclamare wow al turista).

4. Definizione del Ciclo di Esperienza Estesa e dei Punti Esperienziali /1

LEsperienza Turistica un processo che si sviluppa molto prima della fruizione vera e propria dellofferta turistica in loco e prosegue dopo di questa, infatti lEsperienza Turistica Estesa incomincia nel momento in cui il Turista formula il desiderio di viaggiare ed inizia ad informarsi e prosegue, al termine del viaggio, mediante il ricordo e lo scambio di impressioni attraverso le sue reti sociali. In questottica lesperienza Turistica Estesa si caratterizza nelle tre fasi: Pre-Experience, InExperience, Post-Experience.

4. Definizione del Ciclo di Esperienza Estesa e dei Punti Esperienziali /2

La quarta fase della metodologia prevede pertanto lanalisi, la mappatura e la definizione del Ciclo di Esperienza Estesa del Turista, andando in particolare ad identificare i Punti Esperienziali, ossia gli elementi con cui il Turista entra in contatto per fruire dellesperienza, sia nellesperienza di viaggio, sia nellesperienza sviluppata nel Web. il Concept Esperienziale che dar vita alle Strategie Esperienziali, sviluppato nella fase precedente della metodologia, verr declinato lungo tutto il Ciclo Esperienziale Esteso.

5. Progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali

La quinta e ultima fase della metodologia consiste nella progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali del Ciclo di Esperienza Estesa, per i segmenti selezionati, applicando le strategie esperienziali e gli elementi WOW definiti. Obiettivo della progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali di analizzare in profondit le singole attivit che sia il Turista sia lorganizzazione turistica compiono, declinando su di essi le modalit strategiche esperienziali definite nelle fasi precedenti.

Le fasi della Metodologia di Tourist Experience Design

1. Analisi competitiva degli elementi unici e distintivi della proposta di valore

2. Rivalutazione della segmentazione

3. Definizione delle strategie esperienziali per i segmenti e degli elementi WOW

4. Definizione del Ciclo di Esperienza Estesa e dei Punti Esperienziali

5. Progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali


2009-2011 Andrea Rossi e Maurizio Goetz

Analisi dellofferta

La prima fase della metodologia consiste sia nellanalisi dellofferta e della vocazione turistica sia nel benchmark della concorrenza, al fine di evidenziare ed integrare gli elementi unici e distintivi per fornire possibili chiavi di lettura delle diverse offerte turistiche, suggerendo temi e modalit di contestualizzazione.

Analisi dellofferta

Per le offerte complesse, quali ad esempio quelle dei territori, lanalisi competitiva viene sviluppata in base ai diversi elementi di offerta identificati. Infatti un territorio non compete su ununica offerta, ma su un insieme di offerte turistiche aggregate nel brand ombrello del territorio.

Con chi compete lumbria?

Con chi compete lumbria?

BRAND OMBRELLO

Quali sono i punti di valore?

La consapevolezza dei propri punti di valore essenziale per cogliere le opportunit turistiche della propria offerta. Bisogna porre attenzione a non focalizzarsi unicamente sulle peculiarit dellofferta che risultano evidenti ad unindagine superficiale ed affrettata.

Quali sono i punti di valore di Milano?

Quali sono i punti di valore di Milano?

Quali sono i punti di valore di Milano?

102

Di chiese in Italia che n quante ne vogliamo

LUltima Cena (Leonardo Da Vinci) a Milano

Questo ormai si sa

ma in pochi sanno che A Milano c il Codice Atlantico di Leonardo

Il codice Atlantico la pi ampia raccolta di disegni e scritti di Leonardo da Vinci, comprendente 1119 fogli raccolti in 12 volumi, ed attualmente conservato alla Biblioteca Ambrosiana di Milano. (Fonte: wikipedia)

Ma Milano anche la capitale del design


Moda Arredamento Arti figurative Comunicazione e Pubblicit Ristoranti innovativi Locali e vita notturna

Il progetto Creative Cities Network delUNESCO


The Creative Cities Network is a project under the patronage of UNESCO. With the aim of celebrating and maintaining cultural diversity, the alliance formed by member cities share their experiences in promoting the local heritage, as well as discuss plans on how to cope with the influx of globalization. The Creative Cities Network aims to find and enrich a member citys cultural identity in the midst of a growing trend towards internationalism. The project focuses on the main product of excellence of these cities, and finds ways to maintain its relevance in city life, local economy and social development. The fields of excellence are classified among: Literature, Film, Music, Craft and Folk Art, Design, Media Arts, and Gastronomy. Despite the general knowledge that change (towards modernity) is generated from urbanization, the Network aims to adapt and harness the proliferation of technology and social development to further a citys product of excellence. In doing so, the city becomes a center for the protection of a past industry and its eventual preservation.

Il sito del progetto UNESCO

Le citt del Network UNESCO

Dov Milano????

Parlando invece di hotel

Quali sono i punti di valore di queste offerte?

Analisi della vocazione turistica


Lanalisi della vocazione turistica dellofferta consiste nel comprendere quali sono le peculiarit distintive, specifiche e difficilmente imitabili, che possono rendere unica lofferta. Parliamo di vocazione, in quanto questo termine indica linclinazione naturale del proponente. Come i turisti dimostrano vocazioni ben delineate che cercano soddisfazione in ambito turistico, cos anche chi propone lofferta turistica (siano essi territori o operatori) mostrano una o pi specifiche vocazioni di proposta turistica.

IRLANDA: NATURA E TRADIZIONI CELTICHE

111

IBIZA: DIVERTIMENTO ESTREMO

112

Analisi della vocazione turistica


E importante comprendere in profondit la vocazione turistica, in quanto spesso si basa sul consolidamento della cultura locale o aziendale e su quanto condiviso a livello valoriale. Vocazioni di offerta turistica per le Destinazioni sono tutti quegli elementi che storicamente si sono consolidati nella cultura e nella tradizione della proposta turistica, ad esempio: natura, arte, cultura, sport, enogastronomia, tradizione, artigianato, fede religiosa, etc. La ricerca delle eccellenze in tali contesti il punto di partenza per la loro valorizzazione, innovazione e adeguamento ai nuovi gusti dei turisti.

Analisi della vocazione turistica


Anche per gli operatori esiste unanaloga vocazione turistica legata alla specializzazione, alla cultura aziendale e ai suoi valori; ad esempio gli operatori che credono e si identificano nei valori del turismo responsabile, o quelli che si specializzano negli sport, o nei viaggi verso i Paesi dellEst Europa. Lidentificazione della vocazione dominante fondamentale per fornire ai turisti, anchessi animati da analoghe passioni, le risposte adeguate ai loro bisogni.

TOURGOURMET.IT

TOURGOURMET.IT

116

Angleria - Mongolfiera

117

SINGLE: www.solosholidays.co.uk

SINGLE: www.friendshiptravel.com

119

SINGLE: www.justyou.co.uk

SINGLE: www.solitairhols.co.uk

SINGLE: www.adventurecompany.co.uk

Interpretare la vocazione
E lincrocio tra la vocazione turistica con i temi esperienziali a costituire la base per la progettazione delle Esperienze Turistiche. Creare unEsperienza Turistica significa pertanto offrire uninterpretazione originale e autentica di ogni elemento di offerta, in grado di creare valore esperienziale per i segmenti di mercato identificati. Ecco che le diverse vocazioni di un territorio vengono analizzate e scomposte e ricomposte, per soddisfare le esigenze di chi vuole visitare, conoscere, un determinato contesto territoriale che ha scelto deliberatamente o per offrire un risposta puntuale ad un bisogno o ad una passione di un determinato segmento turistico.

Rivoluzionare le categorie

Il lavoro pi difficile quello di rivoluzionare le categorie, gli schemi mentali e le classificazioni conosciute e consolidate per esplorare nuovi territori cognitivi.

Monastero di Bose
Non solo turismo religioso, ma anche ritrovare se stessi

Autenticit
Lavorare sulla vocazione dellofferta turistica consente di realizzare proposte connotate da un elevato grado di autenticit, fortemente gradite dai turisti.

Vocazioni Turistiche Ex-Novo


Ovviamente pu esistere il caso di proposte turistiche costruite a tavolino, che rappresentano uno stacco netto con il passato. Tale strategia consigliabile se non si riescono ad identificare elementi gi presenti nel vissuto e nella tradizione turistica locale o aziendale, o se il livello della concorrenza troppo elevato su tali temi. La costruzione a tavolino della vocazione turistica comporta comunque un maggiore grado di progettazione e un pi lungo percorso per acquisire internamente lautenticit dellofferta proposta.

DESTINAZIONE EX-NOVO: LAS VEGAS

128

Benchmark della concorrenza


Per comprendere il proprio posizionamento nellarea competitiva necessario confrontare la propria offerta attuale con lofferta dei concorrenti sugli stessi temi di offerta e sugli stessi segmenti di clientela. Bisogna porre attenzione alla definizione dei concorrenti, perch spesso i nostri concorrenti cambiano al variare dellofferta, pertanto il benchmark della concorrenza deve essere effettuato nellottica del confronto puntuale delle offerte specifiche e dei soggetti che le erogano.

Le fasi della Metodologia di Tourist Experience Design

1. Analisi competitiva degli elementi unici e distintivi della proposta di valore

2. Rivalutazione della segmentazione

3. Definizione delle strategie esperienziali per i segmenti e degli elementi WOW

4. Definizione del Ciclo di Esperienza Estesa e dei Punti Esperienziali

5. Progettazione di dettaglio dei Punti Esperienziali


2009-2011 Andrea Rossi e Maurizio Goetz

Segmentare

La corretta segmentazione di fondamentale importanza, per affrontare con successo il mercato e per differenziare in maniera mirata lofferta turistica e la comunicazione Web. La seconda fase della metodologia di Tourist Experience Design relativa allanalisi e allinnovazione dei segmenti del mercato turistico, in ottica di Coda Lunga.

Segmentare per i turismi personali

Poich si passati dal turismo di massa, indifferenziato e generalista, ai turismi personali, fortemente orientati agli specifici bisogni e desideri di segmenti e nicchie mirate di turisti, necessario rivedere la segmentazione attuale del mercato per rivalutarla criticamente

Segment Enrichment & Elargement


La risegmentazione richiede di operare le necessarie azioni di estensione dei segmenti (segment enlargment), ossia di individuare nuovi possibili segmenti a cui proporre lofferta turistica, e di arricchimento dei segmenti (segment enrichment), ossia di individuare con maggiore dettaglio le caratteristiche dei segmenti per meglio adattare a loro lofferta turistica e la relativa comunicazione Web

Due elementi di crisi della segmentazione tradizionale

La segmentazione tradizionale utilizzata oggi nel turismo, valida nel passato, sta entrando in crisi per due aspetti: il bisogno di una maggiore personalizzazione dellofferta turistica, sulla base delle specifiche esigenze dei viaggiatori, che sono sempre di pi alla ricerca di contenuti e offerte mirati e non generici laumento dellofferta internazionale e la maggiore dispersione dei flussi turistici, entrambi elementi che richiedono una maggiore focalizzazione su precisi segmenti

I target tradizionali sono troppo ampi


I target turistici tradizionali risultano, ai fini della progettazione di unesperienza turistica di successo, troppo ampi e troppo poco definiti per poter caratterizzare e differenziare lofferta in maniera vincente.

Ad es. Famiglie
Pensiamo ad esempio al tradizionale segmento famiglie. Oggi ne esiste una moltitudine di tipologie, con esigenze specifiche estremamente diverse. Alcune famiglie ad esempio, cercano momenti di vicinanza con i figli, altre cercano una maggiore intimit di coppia e desiderano che i figli durante la vacanza si dedichino ad attivit indipendenti. I bisogni delle famiglie con figli in et pre-scolare e scolare possono divergere notevolmente da quelle con figli adulti, che possono voler vivere (o rivivere) momenti di unione famigliare.

Nuova valenza dei segmenti grazie alle nuove possibilit del web

Oggi un segmento di mercato rappresenta molto di pi che un insieme di individui caratterizzati dalle stesse caratteristiche socio-demografiche, ma diventa, anche grazie alle nuove possibilit di comunicazione e di ascolto legate al Web, un universo di bisogni, esigenze, passioni, valori condivisi, vocazioni, pratiche, da esplorare in profondit e da cui si possono differenziare parecchi micro-segmenti specifici.

Focalizzazione come leva di creazione di valore

La focalizzazione su specifici target, con particolare riguardo alle esigenze esperienziali dei Turisti, il primo modo per uscire dalla competizione sul prezzo, con il fine di ottenere un premium price, grazie alla capacit differenziale di proporre servizi mirati e rilevanti per i segmenti di clientela individuati.

Segment Enrichment

Lapprofondimento dei target, suddividendoli in sotto-target maggiormente omogenei, viene chiamato Segment Enrichment, ossia arricchimento dei segmenti con maggiori informazioni specifiche su bisogni ed esigenze rilevanti.

Esempio: Familien Hotels

140

Esempio: Familien Hotels

Esempio: Familien Hotels

Segmentare per affrontare la pressione competitiva

Oltre alla volont di servire meglio i propri Clienti, la tendenza a raffinare la propria segmentazione del mercato legata anche allaumento della pressione competitiva sui segmenti tradizionali da parte dei concorrenti.

Oggi c competizione anche sulle nicchie


Oggi anche per le nicchie, quando si rivelano interessanti ed attrattive, aumenta spesso il numero di concorrenti

I nuovi entranti (che vogliono vincere) portano ulteriore innovazione

La maggiore competizione sul segmento porta i nuovi entranti a raffinare il loro posizionamento e ad una migliore focalizzazione, che porta ad una conseguente ulteriore specializzazione dellofferta.

C ancora ampio margine di movimento


Forme troppo rigide e conservative di segmentazione possono essere superate poich allinterno di ogni segmento si celano interessi, motivazioni, esigenze completamente differenti.

Es. Cicloturismo
Ad esempio, le motivazioni che portano ad esempio alla scelta di una vacanza ciclo turistica possono essere le pi variegate. Per qualcuno lamore per la bicicletta (road biking), per altri lopportunit di conoscere altre persone (social biking), di esplorare le citt in modo pi libero (urban biking), di stare a contatto con la natura (mountain biking) o di manifestare pubblicamente la propria identit e la propria visione del mondo, ad esempio aderendo ai raduni di Critical Mass, che permettono lincontro di ciclo-attivisti o ancora espressione di un turismo lento e responsabile.

Da cicloturismo a cicloturismi
I cicloturisti possono essere segmentati demograficamente (woman biking, family biking), in funzione delle loro preferenze relative allarea geografica scelta (Europa, Irlanda, Toscana, etc.), per la tipologia dei percorsi (brevi, facili o impegnativi), per le tipologie di paesaggio (lacustre, montagna, etc.) per la tipologia di bicicletta (biciclette da strada, mountain bikes, differenti biciclette da corsa, biciclette da cross, etc.), per le preferenze relative allospitalit (spartana, di lusso), per le attivit svolte (culturali, ludiche, sociali), per le persone che compongono il gruppo (gay, single, dipendenti di unazienda).

Es. Cicloturismo.com

149

Es. Saddle Skeddadle

150

Da temi turistici classici


Oltre alla differenziazione dei temi turistici classici (mare, montagna, sport, etc.), nello scenario del turismo si affacciano, oggi, in maniera netta ed evidente nuovi segmenti turistici, che rappresentano nuove opportunit di differenziazione dellofferta e, quindi, di business.

a temi turistici innovativi


Abbiamo ad esempio, i diversi turismi green, con particolari esigenze di eco-compatibilit del viaggio e del soggiorno, ma anche di maggiore contatto con la natura, quello responsabile, quello solidale, quello attivo, o spirituale. Ma abbiamo anche il turismo dark, che si interessa di quanto crepuscolare, il turismo esoterico, il turismo shamanico, il turismo ufologico, il turismo archeologico, il turismo letterario e via discorrendo.

Segment enlargement

La ricerca innovativa di nuovi segmenti/nicchie chiamata Segment Enlargement, ossia lallargamento dellelenco dei segmenti a cui ci si vuole rivolgere, rispetto a quelli gi serviti.

Turismi motivazionali
In alternativa ai segmenti tradizionali, oggi nel turismo si sta diffondendo, per tenere conto delle diverse esigenze motivazionali dei Turisti, un nuovo approccio allidentificazione dei segmenti, basato sui temi esperienziali voluti dai Turisti, chiamati Turismi Motivazionali e definiti nel mondo anglosassone con i termini Adjectival Tourism o Specialty Tourism.

Alcuni turismi motivazionali

Non esiste una separazione netta delle tipologie di segmenti

Una via di mezzo tra segmenti tradizionali e nuovi turismi emergenti (nel senso che sono collocati, a seconda dei pareri, nelluna o nellaltra classificazione) sono ad esempio il turismo enogastronomico, il turismo sportivo, il turismo naturalistico, il turismo culturale, il turismo religioso, il turismo medico/dentale, il turismo SPA & relax, il turismo delle donne, il turismo Gay and Lesbian.

ma non questo il punto


Al di l delle classificazioni dei turismi, fondamentale per progettare unesperienza di successo per i propri clienti, definire con cura e dettagliatamente i bisogni specifici di uno o pi ben circoscritti segmenti, su cui basare lo sviluppo successivo della comunicazione e dello sviluppo di prodotto.