Sei sulla pagina 1di 579

Schede impianti di gestione dei rifiuti urbani

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Indice

Indice
DISCARICHE ............................................................................................................................................................. 5 1 D1 - COMPLESSO DI MALAGROTTA ........................................................................................................ 6 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 3 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 4 4.1 4.2 4.3 4.4 4.5 4.6 4.7 5 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 5.6 5.7 6 6.1 6.2 6.3 6.4 6.5 6.6 6.7 6.8 7 7.1 7.2 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ........................................................................................................ 6 DESCRIZIONE DEL COMPLESSO IMPIANTISTICO ........................................................................................... 8 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO E CICLO DI TRATTAMENTO ............................................ 9 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 11 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 16 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 19 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 27 DESCRIZIONE DELLATTUALE ASSETTO DELLA DISCARICA ....................................................................... 28 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 28 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 29 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 31 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 32 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 36 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................... 37 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 38 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 39 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 43 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 46 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 54 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ....................................................................... 55 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................... 55 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 56 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 56 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 59 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 61 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 67 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ....................................................................... 68 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................... 68 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 69 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 69 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 72 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 74 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 79 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ....................................................................... 82 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................... 82 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 83 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 83 QUALIT DELLE ACQUE ............................................................................................................................ 85 QUALIT DELLARIA ................................................................................................................................. 88 FATTORI DI PRESSIONE .............................................................................................................................. 90 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA ...................................................................................................... 94 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ....................................................................... 97

D2 - GUIDONIA .............................................................................................................................................. 27

D3 - ALBANO................................................................................................................................................. 36

D4 - COLLEFERRO ....................................................................................................................................... 54

D5 - VITERBO ................................................................................................................................................ 67

D6 - BORGO MONTELLO............................................................................................................................ 79

D7 - ROCCASECCA....................................................................................................................................... 94

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO 7.3 7.4 7.5 7.6 7.7 8 8.1 8.2 8.3 8.4 8.5 8.6 8.7 9 9.1 9.2 9.3 9.4 9.5 9.6 9.7

APPENDICI Indice

CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................... 97 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................... 97 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI............................................................................................. 97 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 100 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 102 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 106 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ..................................................................... 107 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................. 107 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................. 108 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI........................................................................................... 108 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 111 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 113 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 117 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLA DISCARICA ..................................................................... 118 CARATTERISTICHE STRUTTURALI DELLIMPIANTO .................................................................................. 118 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................. 119 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI........................................................................................... 119 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 121 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 121

D8 - BRACCIANO ........................................................................................................................................ 106

D9 - CIVITAVECCHIA................................................................................................................................ 117

TERMOVALORIZZATORI ................................................................................................................................. 126 10 T1 SAN VITTORE DEL LAZIO .............................................................................................................. 127 10.1 10.2 10.3 10.4 10.5 11 11.1 11.2 11.3 11.4 11.5 11.6 11.7 11.8 12 12.1 12.2 12.3 12.4 12.5 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 127 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 128 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 129 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 131 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 133 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 138 DESCRIZIONE DELLASSETTO ATTUALE DELLIMPIANTO ......................................................................... 139 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 139 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 140 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................. 140 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI........................................................................................... 141 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 143 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 145 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 151 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 153 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 154 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 157 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 160

T2 - COLLEFERRO ..................................................................................................................................... 138

T3 - MALAGROTTA.................................................................................................................................... 151

TRATTAMENTO MECCANICO BIOLOGICO ................................................................................................ 167 13 TMB1 - COLFELICE .................................................................................................................................. 168 13.1 13.2 13.3 13.4 13.5 13.6 14 14.1 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 168 DESCRIZIONE SINTETICA DELLIMPIANTO ............................................................................................... 169 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 170 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................. 171 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 173 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 175 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 181

TMB2 - ALBANO.......................................................................................................................................... 180

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO 14.2 14.3 14.4 14.5 15 15.1 15.2 15.3 15.4 15.5 15.6 16 16.1 16.2 16.3 16.4 16.5 16.6 17 17.1 17.2 17.3 17.4 17.5

APPENDICI Indice

POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 181 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI .................................................................................................. 181 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 186 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 189 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 198 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 199 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 199 PROVENIENZA E TIPOLOGIA DEI RIFIUTI: ................................................................................................. 200 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 202 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 204 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 209 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 211 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 212 SISTEMI DI MITIGAZIONE DEGLI INQUINANTI........................................................................................... 212 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 216 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 219 LOCALIZZAZIONE E SCHEDA TECNICA .................................................................................................... 226 DESCRIZIONE SINTETICA DEL PROCESSO ................................................................................................. 227 POTENZIALIT DELLIMPIANTO .............................................................................................................. 228 QUALIT DELLE ACQUE .......................................................................................................................... 232 QUALIT DELLARIA ............................................................................................................................... 235

TMB 3 CASALE BUSSI ............................................................................................................................ 198

TMB5 ROCCA CENCIA........................................................................................................................... 209

TMB7 ROMA SALARIA .......................................................................................................................... 226

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Discariche

DISCARICHE

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

D1 - COMPLESSO DI MALAGROTTA

Il complesso impiantistico di Malagrotta costituito dalla discarica per rifiuti urbani e dagli impianti di trattamento meccanico biologico denominati Malagrotta 1 e Malagrotta 2 ad essa collegati. 1.1 Localizzazione e Scheda Tecnica

COMPLESSO IMPIANTISTICO

Figura 1.1. Inquadramento territoriale del complesso impiantistico di Malagrotta.

Scheda tecnica discarica Malagrotta - Roma (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Caratteristiche tecniche generali Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 15.09.2009 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Discarica per rifiuti non pericolosi Loc. Malagrotta Roma (RM) E. Giovi srl E. Giovi srl Ordinanza Commissariale n. 15/07 Parere positivo di compatibilit ambientale reso con nota Prot. N. 7180 del 16/11/1999 rilasciato dallArea Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Lazio Anno 1988 Decreto n. 26 del 31/03/2005 D1 020501 020601 190503 190805 190801- 191212 - 200101 200108 200110 200139 200203 200136 200301 200302 200303 200306 200307 200399 3.100.000 1.610.000 10.000

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Scheda tecnica discarica Malagrotta - Roma (RM)


Superficie scoperta (m2) Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Recupero energetico biogas Tipo di processo Tecnologia utilizzata Produzione energia elettrica Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete 57.419 KWh n.d. n.d. Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni 1.600.000 Punti di emissione ( camini E1- E4 E7 E8 E9 E11 E12), parametri meteoclimatici

Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Cip 6 e certificati verdi Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 1.468.511 2008) Quantit percolato prodotto anno 2008 n.d. Quantit biogas prodotto anno 2008 n.d. Biogas per produzione di e.e. e biometano per autotrazione. Percolato e acque di Destinazione finale rifiuti prodotti prima pioggia smaltimento c/o terzi Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Altre informazioni Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Allinterno di tale insediamento, oltre ai lotti di coltivazione si trovano: - n. 2 stazioni di pesa - n. 1 stazione di trasferenza dei RSU - n. 1 impianto di captazione, adduzione e trattamento del biometano - n. 2 impianti di distribuzione metano per autotrazione - n. 1 impianto per inertizzazione fanghi - n. 1 impianto per produzione energia elettrica tramite motogeneratori - n. 1 impianto per produzione energia elettrica tramite turbine a gas - n. 1 palazzina uffici - n. 1 capannone per officina - n. 2 officine meccaniche per manutenzione Trattamento aria c/o impianto condizionamento fanghi. Impianto trattamento percolato in fase di costruzione. 363 363

Note

Scheda tecnica Impianto TMB Malagrotta (M1-M2) - Roma (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione (Riferimento, Scadenza) Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Caratteristiche tecniche generali Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente Impianto di trattamento meccanico biologico con produzione di CDR Roma Loc. Malagrotta Roma (RM) E Giovi srl E Giovi srl Decreto Commissariale n. 122/02 (M1). Determinazione Dirigenziale A2959 del 15/08/08 (M2) Parere positivo di compatibilit ambientale reso con nota prot. n. 60519 del 04/08/2000 rilasciato dallArea Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Lazio Anno 2003 M1 ; Anno 2008 M2 D15, D13, D8, D1, R4, R3 Rifiuti urbani; Rifiuti speciali assimilati agli urbani M1 187.000 t/anno; M2 280.000 t/anno

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Scheda tecnica Impianto TMB Malagrotta (M1-M2) - Roma (RM)


Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m2) Descrizione del processo Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umida % output Raffinazione % scarti Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti a M1 anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Altre informazioni Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione 120.000 (M1 + M2) 30.000 60.000 T bioreattore; T e Umidit dellaria flussata; T e pH acqua lavaggio scrubber T ed umidit aria;

triturazione e vagliatura separazione magnetica, separazione aeraulica 35% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 25% separazione magnetica 15% M1 52.519 t/anno M2 18.114 t/anno M1 37.749 t/anno M2 5.418 t/anno Impianti di recupero; discarica 311 311 Biofiltri M1 ha 2 linee, M2 ha 3 linee. Aree presenti: - Area di ricevimento dei mezzi compattatori e rottura dei sacchi - Area di selezione con vaglio primario: si separa la frazione secca da quella umida. - Area di pressatura, stoccaggio e carico delle parti metalliche presenti nei rifiuti

Note

1.2

Descrizione del complesso impiantistico

La discarica di Malagrotta inizia la propria attivit a partire dal 1987, originariamente viene suddivisa in 10 lotti, per una volumetria complessiva pari a circa 32.300.000 m3, distribuiti su una superficie totale di circa 119,16 ha. Al 15 settembre 2009 la volumetria residua della discarica risultava essere di circa 3.100.000 m3, in riferimento a questo valore la quantit di rifiuti abbancati nella discarica a partire dallinizio dello sfruttamento, si pu stimare in un valore orientativo di circa 29.200.000 m3. In base a quanto dichiarato nellanno 2008, nella discarica di Malagrotta viene conferito un volume di rifiuti pari a circa 1.500.000 t/anno. I due impianti di trattamento meccanico biologico a completamento del complesso, occupano una superficie di circa 120.000 m2. Limpianto di Malagrotta 1 viene attivato nel 2003, con una capacit massima autorizzata pari a 187.000 t/anno di rifiuti, corrispondenti a circa 600 t/giorno. Facendo riferimento allanno Luglio 2012 8

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

2008 allinterno dellimpianto vengono conferiti 52.500 t di rifiuti, mentre il volume dei rifiuti prodotti, sempre nel 2008 ammonta a 37.700 t/anno. LImpianto di Malagrotta 2 viene attivato nel 2008, con una capacit massima autorizzata pari a 280.000 t/anno di rifiuti, corrispondenti a circa 900 t/giorno. Facendo riferimento allanno 2008 allinterno dellimpianto vengono conferiti 18.114 t di rifiuti, mentre il volume dei rifiuti prodotti nel 2008, stato pari a 5.500 t.

1.3

Caratteristiche strutturali dellimpianto e ciclo di trattamento

Allinterno della discarica, oltre ai lotti di coltivazione si trovano: a) n. 2 stazioni di pesa; b) n. 1 stazione di trasferenza die RSU; c) n.1 impianto di captazione, adduzione e trattamento del biometano; d) n. 2 impianti di distribuzione del metano per autotrazione; e) n. 1 impianto di inertizzazione dei fanghi; f) n. 1 impianto per la produzione di energia elettrica mediante motogeneratori; g) n. 1 impianto per la produzione dellenergia elettrica tramite turbine a gas; h) n. 1 palazzina uffici; i) n. 1 Capannone per officina; j) n. 2 officine meccaniche per manutenzione. Le aree funzionali alle operazioni per il trattamento meccanico biologico sono le seguenti:

Area di ricevimento dei mezzi compattatori e rottura dei sacchi; Area di selezione con vaglio primario dove viene separata la frazione secca da quella umida; Area di pressatura, stoccaggio e carico delle parti metalliche presenti nei rifiuti.

Il ciclo di trattamento a cui i rifiuti in questione sono sottoposti il seguente: 1. preliminare procedura di verifica delle condizioni di ammissibilit, presso tre diverse stazioni di ingresso; 2. pesatura; 3. successivo invio alle linee di trattamento e cio:

Alla messa a dimora direttamente in discarica (per rifiuti provenienti dalla trasferenza di Rocca Cencia) ove i rifiuti in questione sono scaricati sul fronte della discarica, spianati, rullati ed infine sottoposti alla ricopertura giornaliera con materiale terroso;

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Allo scarico nella trasferenza interna a Malagrotta, da cui vengono successivamente ricaricati su mezzi di trasporto interni della capacit di circa 70 m3/cad., detti DUMPERS e trasportati in discarica per subire il trattamento di cui test detto. Agli impianti di trattamento di Malagrotta 1 e Malagrotta 2.

Negli Impianti di Malagrotta 1 e 2 il ciclo specifico di trattamento prevede:


il carico sulla tramoggia che alimenta la fase rompi sacchi; lingresso alla linea di selezione costituita da separatori rotanti che selezionano una frazione secca ed una frazione umida; sui due flussi derivanti dai separatori rotanti sono sistemati elettromagneti che consentono il recupero dei materiali ferrosi, mentre lalluminio separato con un sistema basato sulle correnti indotte; inoltre mediante visori ottici separato il PET; la frazione secca, dopo la separazione di ferro, alluminio, e PET, avviata ad un processo di raffinazione da cui esce CDR che pu essere ancora compresso e ridotto in balle oppure avviato direttamente alla valorizzazione termica (gassificazione); la frazione umida, deferrizzata, viene inviata ad un bioreattore dove subisce un processo di ossigenazione per essere trasformata in FOS (frazione organica stabilizzata).

Da un punto di vista gestionale vengono effettuate attivit di: - Stoccaggio presso larea di ricezione; - Selezione meccanica. A seguito di tale operazione limpianto separa il rifiuto generando tre flussi: 1. materiali metallici e non metallici (es. alluminio e PET); 2. sottovaglio a matrice prevalentemente umida; 3. il sopravaglio a matrice prevalentemente secca; Il flusso 1) viene avviato alla linea di recupero del materiale metallico e non metallico. Il flusso 2) viene avviato alla linea di stabilizzazione biologica o, eventualmente, di produzione del compost di qualit; successivamente si procede con la vagliatura e riduzione del rifiuto stabilizzato. Il flusso 3) viene avviato alla linea di produzione di CDR di qualit normale. Ogni attivit connessa con le lavorazioni avviene allinterno di un capannone chiuso e munito di un sistema di ventilazione forzata funzionate in continuo che mantiene tutto lambiente interno in depressione.

Luglio 2012

10

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

1.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Limpianto in questione destinato al trattamento di rifiuti, principalmente:

Rifiuti urbani (domestici e assimilabili prodotti da attivit commerciali, industriali e dalle istituzioni) nonch i rifiuti urbani della raccolta differenziata; Fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane; nonch, marginalmente, altri rifiuti non pericolosi rispondenti ai criteri di assimilabilit stabiliti dal Decreto Ministeriale 03/08/2005.

Sistemi di mitigazione degli inquinanti Allinterno della discarica di Malagrotta sono stabilmente presenti degli impianti e dei macchinari destinati al trattamento complementare di parte dei rifiuti ovvero dei prodotti secondari ammessi all'interramento, che consentono di mitigare l'impatto sull'ambiente. In particolare si tratta degli impianti destinati a:

trattamento dei fanghi; estrazione ed utilizzazione del biogas; trattamento del percolato (anche con produzione di acqua industriale da utilizzare nel processo di gassificazione e produzione di energia elettrica).

I rifiuti ammessi in discarica danno luogo a produzione di: a) Biogas, dovuto allattivit di colonie batteriche anaerobiche che producono la degradazione delle componenti organiche presenti. La produzione di biogas riferibile ai seguenti parametri: - produzione complessiva = 130 Nm3/t RSU - efficienza di captazione = 0,85 - portata = 6,7 Nm3/annuo t RSU Il Biogas prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti, viene captato da unapposita linea tecnologica e riutilizzato per la produzione di energia elettrica, mentre il Biometano viene utilizzato come combustibile per autotrazione. b) percolato dovuto sia alla penetrazione delle acque meteoriche che alla umidit intrinseca dei rifiuti. La produzione di percolato presso la discarica di Malagrotta si aggira intorno a 25 35.000 m3 allanno. Presso tutti i lotti esauriti o in esercizio sono state realizzate delle canalizzazioni poste sul fondo dei lotti, collegate in modo da convogliare il percolato in uno o pi punti di captazione (pozzi). Il percolato prodotto viene raccolto e inviato presso limpianto di trattamento allinterno del Complesso.

Luglio 2012

11

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Tale impianto costituito da due serbatoi da 42 m3 ciascuno, disposti orizzontalmente che vengono caricati mediante autocisterne, oppure cisterne trainate da trattori che raccolgono il percolato dai pozzi di estrazione previsti nei vari lotti della discarica. Il processo di inertizzazione prescelto prevede di far reagire il percolato con ossido di calcio (CaO), in ragione di una parte in peso di ossido ogni tre parti d'acqua. Si ottiene cos idrossido di calcio [Ca(OH)2] (calce spenta): la reazione, esotermica favorisce l'evaporazione dell'acqua in eccesso, in modo che alla fine rimane un prodotto di consistenza solida. Le analisi condotte sul percolato inertizzato hanno dimostrato che la calce esercita una spiccata azione battericida, e che tutta la sostanza organica viene ossidata, con conseguente scomparsa di gas maleodoranti. Da ultimo si ha anche l'effetto della precipitazione dei metalli. L'ossido viene invece accumulato in silos verticali della capacit di circa 100 m3 cad, caricabile per mezzo di autocisterne pneumatiche. L'ossido viene dosato al fine di controllare la proporzione tra ossido e percolato, che affluiscono assieme ai miscelatori ad asse orizzontale. La potenzialit di questa linea di 150 180 m3/g di percolato trattabile. Ultimamente si ritenuto di unificare nei miscelatori, (posti su due linee) il trattamento del percolato con quello dei fanghi; pertanto oggi si verifica di fatto la convergenza delle due linee di trattamento in questione, che un tempo erano completamente separate. Il prodotto della inertizzazione , di regola, reimmesso in discarica. In fase di mescolamento fra CaO e percolato si ha una reazione esotermica di portata modesta e circoscritta alle immediate vicinanze del mescolatore. Il prodotto ottenuto ha capacit antibatterica e, come tale, immesso in discarica, ha l'effetto favorevole di inibire la formazione di colonie batteriche metanigene e quindi inibire la formazione di gas. E per altro verso in costruzione un impianto per il trattamento del percolato con la Tecnologia della evaporazione sotto vuoto finalizzato alla produzione di acqua industriale. Questa tecnologia si affiancher, per poi sostituire gradatamente, quella precedentemente descritta.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio del comune di Roma. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.721.558 abitanti.

Luglio 2012

12

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Comune Roma Totale Totale provincia di Roma Totale Regione Lazio

Popolazione residente nel 2008 2.721.558 2.721.558 4.085.789 5.593.864

(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.

Uso del suolo Comune di Roma aree aeroportuali ed eliporti aree agricole aree archeologiche aree industriali e commerciali aree naturali aree portuali aree urbane bacini artificiali laghi e bacini reti ferroviarie reti stradali servizi altro Totale

Superficie [ha] 243 61.567 259 9.309 26.092 20 23.441 11 198 366 1.286 1.932 3.761 128.484

(fonte: Regione Lazio)

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 842.733 addetti. Comune Roma Totale Totale provincia di Roma Totale Regione Lazio Numero di addetti 842.733 842.733 1.030.955 1.291.766

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Infrastrutture Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada dei Parchi (A24), dallAutostrada del Sole (A1), dalla via Casilina (SS6), dalla Circonvallazione Orientale e dalla linea ferroviaria Roma Napoli.

Luglio 2012

13

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Acque Superficiali Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il Fiume Tevere, il Rio Torto (Fosso di Procula), il Fosso della Caffarella, il Fosso della Magliana, il Fosso della Torraccia, il Fosso dell'Osa, il Fosso di S.Vittorino, il Fosso di Tor Sapienza, il Fosso Galeria, il Fosso Malafede, il Fosso Passerano e il Rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il Fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; il Fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud;

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Monte Compatri e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Malafede Fosso Passerano Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza del tratto nel comune di Roma [km] 29,2 25,2 69,1 7,3 18,0 11,1 8,3 4,7 12,7 27,5 17,6 4,6 18,6 0,7
(Fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della regione Lazio [km] 119,3 37,3 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 14,9 14,1 27,5 17,6 9,2 32,5 19,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale 61,25 Aguzzano 14

Comune Roma

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Comune

Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta di 5.928,99 Castelporziano 40.893,02
(fonte Regione Lazio)

Comune Roma

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che ricade Denominazione nel SIC/ZPS [ha] SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa Pamphili 341,68 SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di Decima 538,41 ZPS Compr. Bracciano-Martignano 2.181,42

Luglio 2012

15

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Comune

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che ricade Denominazione nel SIC/ZPS [ha] ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10948,17
(fonte Regione Lazio)

1.5

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle 10 stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi, dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. La valutazione della qualit ambientale dei corsi dacqua stata effettuata secondo lo schema previsto dal DLgs 152/99 in quanto i nuovi criteri di valutazione previsti dal DLgs 260/2010 prevedono nuove tipologie di monitoraggio (su base triennale) attualmente in fase di esecuzione. In tal modo possibile fornire unindicazione dei trend annuali dello stato di qualit secondo un criterio uniforme ed omogeneo. Fiumi (Stato ecologico)

1 2 3 4 5

Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5

Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Luglio 2012

16

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit: assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente

Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali.

Luglio 2012

17

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Bacino idrografico Arrone Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere

Codice Punto di campionamento 4.23 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.18 4.19

Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

Corso dacqua/ stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Galeria Fosso Malafede

Stato ecologico
Anno 2006 3 3 3 3 3 3 3 2 5 3 Anno 2007 3 3 4 3 3 3 4 3 5 5 Anno 2008 3 3 4 4 4 3 4 4 5 5 Anno 2009 3 4 4 3 3 3 4 4 5 4 Anno 2010 3 3 4 3 3 3 4 4 5 5

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Arrone Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Codice Punto di campionamento 4.23 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.18 4.19 Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Galeria Fosso Malafede

Sostanze pericolose
Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Presente* Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Presente* Anno 2009 Presente* Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2010 Presente* Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

Luglio 2012

18

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

COMPLESSO IMPIANTISTICO

Figura 1.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali in prossimit del complesso impiantistico di Malagrotta.

1.6

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili e modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nel comune di Roma sono presenti 18 stazioni di monitoraggio; si riportano di seguito i valori registri nel periodo 20062010.

Luglio 2012

19

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma


Inquinanti Dato
media annua [g/m3] media annua [mg/m3]

Valore limite
5 g/m3

Scala Valore
Minimo Medio Massimo Minimo

2006
2,0 4,2 5,8 0,6 1,2 1,7

2007
1,8 3,0 4,3 0,6 0,9 1,3

2008
1,7 2,6 3,4 0,5 0,8 1,2

2009
1,4 2,3 3,3 0,5 0,8 1,2

2010
1,4 2,2 3,3 0,4 0,7 1

Benzene C6H6

(*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore

Medio Massimo

Ossido di Carbonio CO

numero superamenti

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

media annua [g/m3]

Minimo 40 g/m3 Medio Massimo 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno Minimo Medio Massimo Minimo

20,0 68,3 100,0 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5 141,0 1,5 1,5 1,5

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4 116,0 1,7 1,8 1,8

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2 1,3 1,4

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1 1,2 1,3

14,0 52,2 76,0 0,0 3,1 21 37,0 43,5 56,0 3,0 23,9 49,0 24,0 30,6 37,0 8,0 23,5 39,0 0,6 1,0 1,3

Biossido di Azoto - NO2


numero superamenti

Media Annua

(*)

Medio Massimo

Ozono - O3
Numero di superamenti

120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera

Minimo Medio Massimo Minimo

Particolato atmosferico - PM10

media annua [g/m3]

40 g/m

Medio Massimo

numero superamenti

50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno

Minimo Medio Massimo Minimo

Media annua nel Ossidi di periodo 1 Zolfo - SO2 ottobre - 31 marzo [g/m3] (*) non previsto dalla normativa

20 g/m3

Medio Massimo

(fonte: ARPA Lazio)

Luglio 2012

20

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

Nellarea di Malagrotta stata installata nel 2010 una stazione di monitoraggio della rete di qualit dellaria. Si riportano nella tabella seguente i valori misurati nel periodo 22/02/2010 28/12/2010.

Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Malagrotta


Dato Benzene C6H6 media annua [g/m ] media annua Biossido di Azoto - NO2 [g/m ] numero 200 g/m3 da non superare 0 superamenti pi di 18 volte lanno 20 Particolato atmosferico - [g/m ] PM10 numero 50 g/m3 da non superare 1 superamenti pi di 35 volte lanno
3 3 3

Valore limite 5 g/m3

dal 22/02/2010 al 28/12/2010 0.6

40 g/m3

22

media annua

40 g/m3

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 20 g/m3 ottobre - 31 marzo [g/m3]

Il periodo di misura non consente il calcolo del valore.

(*) non previsto dalla normativa

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio del comune di Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (142.354 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 121.777 addetti (circa il 14 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, itticoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, Luglio 2012

Numero addetti 972 67 786 50.998 8.496 41.869 82.400 21

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

Tipologia attivit Motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 39.938 97.869 52.303 142.354 121.777 66.002 74.848 62.054 842.733

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nel comune di Roma sono presenti 16 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenenti alle seguenti categorie: n.5 impianti - 2.6: Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1: Impianti di combustione con potenza termica di oltre 50 MW. n.1 impianto - 2.5.a: Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento. n.1 impianto - 3.5: Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3

Luglio 2012

22

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3: Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione. n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio.

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio

CO 96.984 181.122 275.121

Inquinante [t/anno] NH3 NMHC NOX 1.846 26.688 24.322 5.317 53.349 55.629 17.163 94.062 89.292

PM10 4.149 8.103 13.873

SO2 4.555 13.082 23.938

Nella figura successiva rappresentata la stima delle emissioni annue comunali del particolato fine (PM10) per tutta la regione Lazio.

Luglio 2012

23

PROGRAMMA ERAS LAZIO D1 Complesso di Malagrotta

Luglio 2012

24

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Popolazione residente nel 2008 2.721.558 2.721.558 Popolazione presente non residente 148.840 148.840 Lavoratori e studenti pendolari 52.792 52.792 Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti 127.820 127.820 Abitanti in seconde case (non destinate a turisti) 217.637 217.637 Piccola, media e grande industria 1.281.723 1.281.723 Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu) 4.264.128 4.264.128 Abitanti equivalenti totali (Aet) 5.545.851 5.545.851

Comune

Popolazione in case sparse

Ristoranti e bar

Micro industria

Roma Totali

-26.657 -26.657

881.577 881.577

140.562 140.562

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il dato regionale 2007 di produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). Popolazione residente nel 2008 2.721.558 2.721.558 Produzione rifiuti urbani [t] 1.643.821 1.643.821

COMUNE Roma Totali

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Luglio 2012

25

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D1 Complesso di Malagrotta

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente. Le attivit di controllo dellimpianto sono svolte attualmente secondo le disposizioni del Decreto commissariale n.26 del 31.03.2005.

Luglio 2012

26

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

2 2.1

D2 - GUIDONIA Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA
2.1. Posizione della discarica nellarea in esame.

Scheda tecnica Discarica Inviolata - Guidonia Montecelio (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Discarica per rifiuti non pericolosi Inviolata Guidonia Montecelio (RM) Eco Italia 87 srl Eco Italia 87 srl Decreto Regione Lazio n. 87 21/11/2006 Dicembre 2007 Novembre 1991 Decreto n. 87 del 21/11/2006 Caratteristiche tecniche generali Smaltimento 020304, 030307, 150105, 190801, 190805, 191212, 200108, 200301, 200302, 200303, 200307 Volume residuo 19.505. Ampliamenti per 380.000 150.000 174 149.826 Meteo Piezometri Pozzi Spia Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica 24.222.140 kWe 23.737.698 kWe

Luglio 2012

27

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Scheda tecnica Discarica Inviolata - Guidonia Montecelio (RM)


Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit di percolato prodotto t/a (anno 2008) Quantit di biogas prodotto Nm3 (anno 2008) Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note 22.676.266 kWe Flussi di materiali anno 2008 191.174 8.105 15.405.240 Nm3 Impianti di trattamento 365 350 Altre informazioni Postcombustore

2.2

Descrizione dellattuale assetto della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi, entra in esercizio a partire dallanno 1991. Dallinizio della coltivazione il volume di rifiuti conferiti in discarica pari a 4.000.000 m3 circa. Allo stato attuale le volumetrie esistenti risultano in corso di esaurimento; al 31/12/2008, infatti, il volume residuo complessivo della discarica risultava essere pari a 19.505 m3. La societ autorizzata a realizzare un nuovo invaso di capacit totale pari a 380.000 m3 che consente lo smaltimento di 342.000 tonnellate circa di rifiuti. 2.3 Provenienza e tipologia dei rifiuti

La societ pu accettare presso limpianto i seguenti rifiuti: rifiuti urbani di cui allart. 2, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, classificati come non pericolosi nel capitolo 20 dellelenco europeo dei rifiuti, e i rifiuti non pericolosi assimilati per qualit e quantit ai rifiuti urbani provenienti dai comuni di: Affile, Agosta, Articoli Corrado, Arcinazzo, Arsoli, Camerata Nuova, Canterano, Casape, Castel Madama, Cerreto Laziale, Cervara di Roma, Ciciliano, Cineto Romano, Fonte Nuova, Luglio 2012 28

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Gerano, Guidonia Montecelio, Jenne, Licenza, Mandela, Marano Equo, Marcellina, Mentana, Monteflavio, Montelibretti, Monterotondo, Montorio Romano, Moricone, Nerola, Palombara, Percile, Pisioniano, Poli, Riofreddo, Rocca Canterano, Rocca S. Stefano, Roccagiovine, Roiate, Roviano, Sambuci, San Gregorio da Sassola, San Polo dei Cavalieri, SantAngelo Romano, Saracinesco, Subiaco, Tivoli, Vallepietra, Vallinfreda, Vicovaro, Vivaro Romano.

i rifiuti non pericolosi riportati, fino al limite massimo del 30% della capacit totale, purch provenienti, secondo il principio di prossimit, prevalentemente da impianti localizzati allinterno del territorio provinciale o che dimostrino che non vi siano impianti idonei, in termini di distanza, pi vicini rispetto a quello in questione. 2.4 Sistemi di mitigazione degli inquinanti

LImpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti, che verr implementata di ulteriori 15 pozzi da collocarsi nel nuovo invaso, e da un postcombustore per il recupero energetico dello stesso. Presso limpianto autorizzato inoltre un punto di emissione in atmosfera, relativo alla torcia fissa, ove confluisce il biogas non destinato al recupero energetico. Il sistema di drenaggio del percolato posto sul fondo vasca, costituito da tubazioni microfessurate, disposte radialmente e alloggiate in trincee drenanti realizzate con ghiaia di adeguata pezzatura. Il percolato prodotto allinterno dellinvaso, raccolto dalle tubazioni, viene convogliato attraverso varie canalizzazioni ad un punto di prelievo posto nella zona pi depressa, costituito da un pozzo verticale. Il percolato prodotto verr successivamente inviato presso idonei impianti di smaltimento autorizzati.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Fonte Nuova, Guidonia Montecelio e Sant'Angelo Romano. La popolazione residente nel 2008 pari a 111.192 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Fonte Nuova 26.981 Guidonia Montecelio 79.994 Sant'Angelo Romano 4.218 Totale 111.192 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Luglio 2012

29

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comuni di Fonte Nuova, Guidonia Montecelio e Sant'Angelo Romano Aree agricole Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree urbane Bacini artificiali Laghi e bacini Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie (ha) 7.592 1.063 1.949 1.242 1 2 42 176 27 12.093

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 8.805 addetti. Comune Fonte Nuova Guidonia Montecelio Sant'Angelo Romano Totali Totale provincia di Roma Totale Regione Lazio Addetti 1.272 7.422 111 8.805 1.030.955 1.291.766

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Infrastrutture Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallAutostrada del Sole (A1), dalla via Nomentana, dalla via Palombarese e dalla via dellInviolata.

Acque Superficiali Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea si rileva la presenza del Fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico.

Luglio 2012

30

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Fonte Nuova, Guidonia Montecelio e Sant'Angelo Romano Fiume Aniene

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km] 0,23


(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 119,3

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Riserva Naturale Regionale Nomentum 458,40 Riserva Naturale Regionale Marcigliana 0,86 Parco Naturale Regionale Inviolata 542,31 Riserva Naturale Regionale Marcigliana 0,35 Riserva Naturale Regionale Macchia di Gattacieca e Macchia 68,98 del Barco 1.070,90
(fonte Regione Lazio)

Comune Fonte Nuova

Guidonia Montecelio

Totale

Comune Sant'Angelo Romano Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Macchia di SantAngelo Romano
(fonte Regione Lazio)

741,76 741,76

2.5

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Luglio 2012 31

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Allinterno dellarea, oggetto dello studio, non sono presenti stazioni di monitoraggio per la definizione della qualit delle acque. 2.6 Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili e modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei Comuni di Fonte Nuova, Guidonia Montecelio e SantAngelo Romano presente una stazione di monitoraggio, ubicata nel Comune di Guidonia Montecelio. Tale stazione di monitoraggio ha registrato, per il particolato atmosferico (PM10), negli anni dal 2006 al 2008 un numero di superamenti maggiore dei limiti previsti dalla normativa.
Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Guidonia Montecelio (stazioni 016) Inquinanti
Biossido di Azoto NO2

Stazione
016 Guidonia

Dato
media annua [g/m3] numero superamenti media annua [g/m3] Numero superamenti

Valore limite
40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno
3 3

2006 2007 2008 2009 2010


43 0 40 89 42 0 36 54 38 0 30 36 36 0 29 26 30 0 26 13

Particolato atmosferico PM10

016 Guidonia

Ossidi di Zolfo SO2

016 Guidonia

(*) non previsto dalla normativa

Media annua nel periodo 1 20 g/m3 ottobre - 31 marzo [g/m3] (fonte: ARPA Lazio)

0,6

0,5

0,5

0,5

0,7

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Fonte Nuova, Guidonia Montecelio e SantAngelo Romano le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle manifatturiere (1.861 addetti che rappresentano circa il 21 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 1.352 addetti (circa il 15 % del totale). Luglio 2012 32

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, itticoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 14 0 326 1.861 1 688 1.352 156 507 232 502 507 1.614 809 236 8.805

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea presente un impianto industriale soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 59/2005 succ. mod e int) appartenente alla seguente categoria: 3.1. Impianti destinati alla produzione di clinker (cemento) in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 500 tonnellate al giorno oppure di calce viva in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 50 tonnellate al giorno, o in altri tipi di forni aventi una capacit di produzione di oltre 50 tonnellate al giorno. Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

Luglio 2012

33

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Comune Fonte Nuova, Guidonia Montecelio SantAngelo Romano Provincia di Roma Regione Lazio

CO 7289 181122 275.121

NH3 295 5317 17163

Inquinante [t/anno] NMHC NOX 2386 53349 94062 4003 55629 89292

PM10 410 8103 13873

SO2 825 13082 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Popolazione residente nel 2008 Abitanti Posti letto Abitanti Popolazione Piccola, Abitanti in Popolazione Lavoratori alberghi, equivalenti presente media e equivalenti seconde Ristoranti Micro in case e studenti campeggi totali non case (non e bar industria grande totali e alloggi urbani sparse pendolari residente industria (Aet) destinate per turisti (Aetu) a turisti) 566 1.970 125 2.661 -2.021 -1.094 -1.342 -4.457 -1.999 -4.040 -260 -6.299 233 501 38 772 1.683 6.780 1.166 9.629 1633 6744 372 8748 305 3629 78 4011 276 28975 17 29269 27380 94483 4395 126258 27656 123458 4412 155527

COMUNI

Fonte Nuova Guidonia Montecelio Sant'Angelo Romano Totali

26981 79994 4218 111192

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Luglio 2012 34

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D2 Guidonia

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

COMUNE Fonte Nuova Guidonia Montecelio Sant'Angelo Romano Totali

Popolazione residente nel 2008 26.981 79.994 4.218 111.193

Produzione rifiuti urbani [t] 16.296 48.316 2.548 67.160

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente. Luglio 2012 35

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

3 3.1

D3 - ALBANO Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

Figura 3.1. Posizione della discarica nellarea di Albano.

Luglio 2012

36

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Scheda tecnica Discarica Cecchina - Albano Laziale (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Discarica per rifiuti non pericolosi Loc. Cecchina Albano Laziale (RM) Pontina Ambiente srl Pontina Ambiente srl D.G.R. n. 4305/98 Decreto commissariale n. 45/03 Decreto Commissariale n. 4/06 Approvazione del Piano di Adeguamento Parere positivo di compatibilit ambientale reso con nota Prot. n. 6249 del 29/09/99 rilasciato dallArea Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Lazio Anno 1995 Inizio gestione discarica, Anno 2002 (VI invaso) Decreto n. 4 del 03/03/2006 Caratteristiche tecniche generali D1 191212 190503 190801 Volume residuo 42.099 Ampliamenti per 500.000

Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata

124.000

Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica

Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit di percolato prodotto t/a (anno 2008) Quantit di biogas prodotto m3/a (anno 2008) Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note

9.177.215 kWh 9.023.782 kWh 626.000 kWh 9.023.782 kWh Flussi di materiali anno 2008 102.310 1.892 5.407.670 Impianti di trattamento 363 363 Altre informazioni Emas 2004, UNI EN ISO 14001: 2004

3.2

Caratteristiche strutturali dellimpianto

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi, inizia la propria attivit a partire dallanno 1995. La volumetria residua al 31 dicembre 2008 risultava essere pari a circa Luglio 2012 37

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

42.099 m3, ai quali andranno aggiunti 500.000 m3 previsti dalla richiesta di ampliamento per la realizzazione di un nuovo invaso (VII), e 40.000 m3 previsti per la realizzazione della chiusura per mezzo di capping e recupero ambientale degli invasi IV e V. Linvaso previsto occuper nel suo complesso unarea di circa 27.500 m2, e sar destinato a ricevere un quantitativo annuo di rifiuti (scarti di lavorazione e frazione organica stabilizzata) pari a circa 81.333 t. Linvaso verr realizzato interamente in scavo, ed affinch possa essere gestito in maniera corretta dovr essere dotato di opportuni mezzi meccanici per svolgere le funzioni di trasporto, spandimento dei residui di lavorazione e dei materiali per la realizzazione di eventuali piste interne consolidate.

3.3

Provenienza e tipologia dei rifiuti

La discarica stata realizzata per lo stoccaggio definitivo: degli scarti di lavorazione e della Frazione Organica Stabilizzata provenienti dal contiguo impianto per il Trattamento Meccanico Biologico dei RSU; Luglio 2012 38

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

dei rifiuti ingombranti ed assimilabili ridotti volumetricamente dopo il recupero dei materiali ferrosi. Allinterno dellimpianto di Trattamento vengono conferiti i rifiuti provenienti dai comuni di: Albano, Ariccia, Castel Gandolfo, Genzano, Lanuvio, Marino, Nemi, Rocca di Papa, Pomezia e Ardea.

3.4

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

Limpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti. Nella discarica in oggetto prevista la messa a dimora (di regola) solo dei residui derivanti dal trattamento dei rifiuti che, come noto, hanno un contenuto in materia organica assai ridotto. In questa circostanza la produzione di biogas sar del tutto marginale e di breve durata. Il sistema di drenaggio e raccolta del percolato costituito da tubi fenestrati, collocato in uno strato di materiali silicei permeabili con funzione drenante. Periodicamente o a seconda delle precipitazioni atmosferiche, il percolato viene pompato e allontanato mediante pompe sommerse fisse a serbatoi di stoccaggio, ed avviato ad idoneo impianto di trattamento. Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei Comuni di Albano Laziale, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma in provincia di Roma e dal territorio del Comune di Aprilia in provincia di Latina. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.943.826 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Albano Laziale 38.992 Aprilia 67.606 Ardea 40.124 Ariccia 18.183 Pomezia 57.363 Roma 2.721.558 2.943.826 Totale Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale provincia di Latina 541.215 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Luglio 2012 39

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Uso del suolo Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Aree aeroportuali ed eliporti Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree portuali Aree urbane Bacini artificiali Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 975 85.611 259 11.576 31.357 20 28.149 13 225 402 1.417 2.103 4.221 166.327

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 898.504 addetti. Comune Numero di addetti Albano Laziale 6.464 Aprilia 14.286 Ardea 2.103 Ariccia 4.791 Pomezia 28.127 Roma 842.733 Totale 898.504 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale provincia di Latina 88.185 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada Statale Pontina, dalla via Appia, dalla via Laurentina, e dalla linea ferroviaria Roma Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il Fiume Tevere, il Rio Torto (Fosso di Procula), il Fosso della Caffarella, il Fosso della Magliana, il Fosso della Torraccia, il Fosso dell'Osa, il Fosso di S.Vittorino, il Fosso di Tor Sapienza, il Fosso Galeria, il Fosso Malafede, il Fosso Passerano e il Rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il Fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; 40

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

il Fiume Astura appartenente al bacino idrografico dellAstura; il Fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud; il Fosso Incastri appartenente al bacino idrografico dellIncastro; il Fosso Spaccasassi, appartenente al bacino idrografico del Moscarello; Lunghezza del tratto nei Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma [km] 29,2 25,2 3,8 69,1 7,3 18,0 11,1 8,3 4,7 12,7 27,5 21,4 17,6 4,6 13,2 18,6 19,8
(Fonte Regione Lazio)

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Astura Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Incastri (Rio Grande) Fosso Malafede Fosso Passerano Fosso Spaccasassi Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 119,3 37,3 18,2 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 14,9 14,1 27,5 21,4 17,6 9,2 32,6 32,5 19,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Naturale Regionale dei Castelli Romani 220,11 Parco Naturale Regionale dei Castelli Romani 671,14 Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale Luglio 2012 61,25 41

Comune Albano Laziale Ariccia Roma

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Comune

Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Aguzzano Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta 5.928,99 di Castelporziano 41.784,29
(fonte Regione Lazio)

Comune Pomezia Roma

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Antica Lavinium - Pratica di 47,88 Mare ZPS Castel Porziano (Tenuta 1,99 Presidenziale) SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) 42

Luglio 2012

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Comune

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa 341,68 Pamphili SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di 538,41 Decima ZPS Compr. Bracciano2.181,42 Martignano ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10.998,04
(fonte Regione Lazio)

3.5

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle 10 stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Luglio 2012 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo 43

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit. assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Ass.

Pre.

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

Luglio 2012

44

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Bacino idrografico

Codice Punto di campionamento 4.25 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19 2.08

Tipologia

Corso dacqua stazione di campionamento Fosso Rio Grande Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede Fosso Leschione Anno 2006 4 3 3 3 3 3 3 2 3 5

Stato ecologico
Anno 2007 4 3 4 3 3 3 4 3 5 4 Anno 2008 4 3 4 4 4 3 4 4 5 5 Anno 2009 4 4 4 3 3 3 4 4 4 5 Anno 2010 4 3 4 3 3 3 4 4 5 4

Incastri Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Moscarello

Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Incastri Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Moscarello Codice Punto di campionamento 4.25 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19 2.08 Corso Tipologia dacqua/stazione di campionamento Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fosso Rio Grande Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede Fosso Leschione Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Assente Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2009 Assente Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Presente* Anno 2010 Assente Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Presente*

Sostanze pericolose

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Luglio 2012

45

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

DISCARICA

Figura 3.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio della qualit delle acque rispetto alla discarica di Albano.

3.6

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e Ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili e modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Albano Laziale, Ardea, Ariccia, e Pomezia non sono presenti stazioni di monitoraggio. E presente una stazione di monitoraggio ad Aprilia e 17 stazioni di monitoraggio ubicate nel comune di Roma; si riportano nella tabella seguente i valori minimi, medi e massimi registrati nel periodo 20062010 nelle stazioni del comune di Roma e nella centralina di Aprilia.

Luglio 2012

46

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Inquinanti Benzene C6H6

Dati qualit dellaria - stazioni di monitoraggio di Roma Valore Scala Dato 2006 2007 2008 limite Valore
media annua [g/m3] media annua [mg/m3] 5 g/m3 Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo 2,0 4,2 5,8 0,6 1,2 1,7 1,8 3,0 4,3 0,6 0,9 1,3 1,7 2,6 3,4 0,5 0,8 1,2

2009
1,4 2,3 3,3 0,5 0,8 1,2

2010
0,8 2,05 3,3 0,4 0,7 1

(*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno (*) 120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera 40 g/m3 50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno 20 g/m3

Ossido di Carbonio CO

numero superamenti

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

media annua [g/m3]

Biossido di Azoto - NO2

numero superamenti

Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo Medio Massimo

20,0 68,3 100,0 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5 141,0 1,5 1,5 1,5

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4 116,0 1,7 1,8 1,8

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2 1,3 1,4

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1 1,2 1,3

25 48,8 76 0,0 3,1 21 37,0 45,4 61,0 3,0 25,2 49,0 24,0 30,6 37,0 0,0 18,4 39,0 0,6 0,9 1,3

Media Annua

Ozono - O3
Numero di superamenti

media annua [g/m3]

Particolato atmosferico PM10

numero superamenti

Media annua nel periodo 1 Ossidi di ottobre - 31 Zolfo - SO2 marzo [g/m3] (*) non previsto dalla normativa

(fonte: ARPA Lazio)

Dati qualit dellaria - stazione di monitoraggio di Aprilia Inquinanti Biossido di Azoto NO2 Dato media annua [g/m3] Valore limite 40 g/m3 2006 30 2007 2008 2009 2010 26 24 28 23

Luglio 2012

47

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Dati qualit dellaria - stazione di monitoraggio di Aprilia Inquinanti Dato Valore limite 2006 2007 2008 2009 2010

200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno Particolato atmosferico - PM10 media annua [g/m3] 40 g/m3 -

25 7

24 5

22 4

Ossidi di Zolfo SO2

50 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 35 volte lanno Media annua nel periodo 1 ottobre 20 g/m3 3 31 marzo [g/m ]
(fonte: ARPA Lazio)

0,8

0,9

0,7

Nd

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (150.623 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 123.126 addetti (circa il 14 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale Luglio 2012 Numero addetti 1.023 111 810 74.042 8.744 44.475 87.757 41.326 102.406 53.260 150.623 123.126 69.526 77.728 63.547 898.504 48

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Nellarea di studio sono presenti diversi impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int). Si riporta di seguito la distribuzione degli impianti nei comuni. Nel comune di Roma sono presenti 16 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenenti alle seguenti categorie: n.5 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. n.1 impianto - 2.5.a Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento n.1 impianto - 3.5. Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3 n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno Luglio 2012 49

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio.

Nel comune di Aprilia sono presenti 10 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: n.4 impianti - 4.5 Impianti che utilizzano un procedimento chimico o biologico per la fabbricazione di prodotti farmaceutici di base. n.1 impianto - 2.5. Impianti: b) di fusione e lega di metalli non ferrosi, compresi i prodotti di recupero (affinazione, formatura in fonderia), con una capacit di fusione superiore a 4 tonnellate al giorno per il piombo e il cadmio o a 20 tonnellate al giorno per tutti gli altri metalli. n.1 impianto - 6.7. Impianti per il trattamento di superficie di materie, oggetti o prodotti utilizzando solventi organici, in particolare per apprettare, stampare, spalmare, sgrassare, impermeabilizzare, incollare, verniciare, pulire o impregnare, con una capacit di consumo di solvente superiore a 150 kg all'ora o a 200 tonnellate all'anno. n.1 impianto - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 3.3. Impianti per la fabbricazione del vetro compresi quelli destinati alla produzione di fibre di vetro, con capacit di fusione di oltre 20 tonnellate al giorno. n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno. n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione. Nel comune di Albano sono presenti 2 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: Luglio 2012 50

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

n.2 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3

Nel comune di Ariccia presente 1 impianti industriali soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alla seguente categoria: n.1 impianto - 6.5. Impianti per l'eliminazione o il recupero di carcasse e di residui di animali con una capacit di trattamento di oltre 10 tonnellate al giorno. Nel comune di Pomezia sono presenti 2 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: n.1 impianto - 4.1 Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base come: k) tensioattivi e agenti di superficie. n.1 impianto - 4.5 Impianti che utilizzano un procedimento chimico o biologico per la fabbricazione di prodotti farmaceutici di base.

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.
Comuni Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Provincia di Roma Provincia di Latina Regione Lazio CO 107.221 181.122 33.278 275.121 NH3 2.724 5.317 3.744 17.163 Inquinante [t/anno] NMHC NOX 31.659 53.349 16.394 94.062 27.337 55.629 6.778 89292 PM10 4.636 8.103 1.508 13.873 SO2 5.069 13.082 475 23.938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Luglio 2012

51

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.

Comuni

Popolazione residente nel 2008

Popolazione presente non residente

Popolazione in case sparse

Lavoratori e studenti pendolari

Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti

Abitanti in seconde Ristoranti e case bar (non destinate a turisti)

Micro industria

Piccola, media e grande industria

Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu)

Abitanti equivalenti totali (Aet)

Albano Laziale Aprilia Ardea Ariccia Pomezia Roma Totali

38.991,5 67.605,5 40.123,5 18.183,0 57.363,0 2.721.557,5 2.943.824,0

992 1.655 1.017 620 1.291 148.840 154.415

-299 -1.903 -944 -171 -4.433 -26.657 -34.407

-985 -1.040 -1.922 -216 4.218 52.792 52.847

475 249 6.595 273 2.931 127.820 138.343

3.653 9.897 40.144 1.812 24.326 217.637 297.469

5.178,88 11.921,93 4.616,52 3.288,99 20.601,45 881.576,65 927.184,42

3.388,173 8.762,585 2.919,321 4.400,820 9.245,369 140.562,224 169.278,492

10.432,73 338.431,43 24.106,59 24.919,15 448.928,22 1.281.722,94 2.128.541,06

51.394,55 97.148,02 92.549,34 28.190,81 115.542,82 4.264.128,37 4.648.953,91

61.827,28 435.579,44 116.655,94 53.109,96 564.471,04 5.545.851,32 6.777.494,98

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Luglio 2012

52

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D3 Cecchina/Albano

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

COMUNE Albano Laziale Aprilia Ardea Ariccia Pomezia Roma Totali

Popolazione residente nel 2008 38.992 67.606 40.124 18.183 57.363 2.721.558 2.943.826

Produzione rifiuti urbani [t] 23.551 40.834 24.235 10.983 34.647 1.643.821 1.778.071

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2%, mentre per la provincia di Latina stata pari al 11,7 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente. Luglio 2012

53

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

4 4.1

D4 - COLLEFERRO Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

4.1. Inquadramento territoriale della discarica di Colleferro.

Scheda tecnica Discarica Colle Fagiolara - Colleferro (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica 2.800.856 kW Discarica per rifiuti non pericolosi Colle Fagiolara Colleferro (RM) Comune di Colleferro Agen. S.E.L. srl In attesa del rilascio nuova AIA per progetto di riordino. AIA Decreto N33 del 5 Aprile 2007 Pronuncia di compatibilit ambientale del 9 Novembre 2001 Prot. NAM/162481 Marzo 1997 Decreto n. 80 del 23/12/2005 Caratteristiche tecniche generali D1 190501, 190503, 190604, 190801, 190802, 190805, 190902, 191212, 160103 Volumetria residua 128.000. Ampliamenti per 1.500.000 210.000 154.000 56.000 Torcia: Temperatura, Ossigeno Gruppo elettrogeno: Pressione, portata, %metano, Ossigeno

54

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Scheda tecnica Discarica Colle Fagiolara - Colleferro (RM)


Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit di percolato prodotto t/a (anno 2008) Quantit di biogas prodotto m3 (anno 2008) Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 2.617.624 kW 183.232 kW 2.617.624 kW Certificati verdi Flussi di materiali anno 2008 179.669 t 36.716 Biogas 2.868.549 m3 Impianti di trattamento 365 360 Altre informazioni Sistemi di trattamento inquinanti Termoreattore iniezione di biogas da 0 a 11 m3/h per labbattimento del CO2

4.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi inizia la propria attivit a partire dal mese di marzo 1997. La volumetria residua al 31 dicembre 2008 risultava essere pari a circa 128.000 m3, con un ampliamento previsto pari a 1.500.000 m3. Facendo riferimento al 2008 nellimpianto vengono conferiti circa 180.000 t di rifiuti lanno. 4.3 Caratteristiche strutturali dellimpianto

Limpianto costituito: da unarea di accettazione, dove avviene il controllo e la registrazione di tutti gli accessi nellimpianto, compresa la verifica dei movimenti relativi al trasporto dei rifiuti sia in entrata che in uscita, e la stampa quotidiana dei registri di carico e scarico; da unarea cantiere, dove avviene labbancamento ed il ricoprimento dei rifiuti, e dove viene effettuata la manutenzione dei mezzi utilizzati per lo svolgimento delle attivit.

55

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

4.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Limpianto autorizzato ad effettuare operazioni di deposito sul suolo per i seguenti rifiuti: Codice CER 190501 190503 190604 190801 190802 190805 190902 191212 160103 Descrizione Parti di rifiuti urbani e simili non compostata. Compost fuori specifica Digestato prodotto dal trattamento anaerobico di rifiuti urbani. Vaglio. Rifiuti delleliminazione della sabbia Fanghi prodotti dal trattamento delle acque reflue urbane. Fanghi prodotti dai processi di chiarificazione delle acque. Altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da quelli da cui alla voce 191211. Pneumatici fuori uso.

4.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti dotato di una linea

LImpianto

tecnologica per la captazione e lestrazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti. La discarica sar dotata di un sistema destinato alla produzione di energia elettrica costituito da gruppi elettrogeni, alimentati mediante il biogas prodotto, derivante dalla digestione della frazione biodegradabile dei rifiuti solidi urbani. Limpianto dotato inoltre di Torce di emergenza, per bruciare il biogas prodotto dalla fermentazione anaerobica dei rifiuti, evitando la dispersione dello stesso in atmosfera, durante i fermi programmati o straordinari dellimpianto di recupero energetico. Il sistema di drenaggio del percolato costituito da una rete ramificata di collettori micro fessurati posti sul fondo della discarica.

56

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Il percolato prodotto viene convogliato, tramite tubazioni interrate, allinterno di appositi serbatoi, dove successivamente verr prelevato ed inviato al trattamento presso gli impianti autorizzati. Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Segni e Valmontone nella Provincia di Roma e dal territorio del Comune di Paliano nella Provincia di Frosinone. La popolazione residente nel 2008 pari a 73.445 abitanti.

Comune Popolazione residente nel 2008 Artena 13.384 Colleferro 21.964 Genazzano 5902 Paliano 8179 Segni 9362 Valmontone 14.655 Totale 73.445 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Provincia di Frosinone 495.866 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.

Uso del suolo comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Aree agricole Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree urbane Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 17.608 602 8.717 1.398 27 9 76 42 20 28.499

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 11.353 addetti.

57

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Comune Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali Totale provincia di Roma Totale provincia di Frosinone Totale Regione Lazio

Addetti 921 6.688 459 1.465 850 970 11.353 1.030.955 101.565 1.291.766

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallautostrada Roma-Napoli, dalla via Casilina (SS6), dalla via Tuscolana (SS215) e dalla linea ferroviaria Roma-Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fiume Sacco appartenente allomonimo bacino idrografico, e il Fosso Savo (o Fosso Centogocce) appartenente al Bacino Idrografico del Sacco.

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Fiume Sacco Fosso Savo o Centogocce

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km] 23,7 8,0
(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 91,5 13,7

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Monumento Naturale Lago di 158,62 Giulianello Parco Naturale Regionale Castelli 3,80 Romani 25,19 Monumento Naturale La Selva 187,61
(fonte Regione Lazio)

Comune

Artena Genazzano Totale

58

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Comune Artena Colleferro Segni Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Cerquone - Doganella 6,63 SIC Maschio dell'Artemisio 0,07 ZPS Monti Lepini 831,73 ZPS Monti Lepini 410,20 ZPS Monti Lepini 3340,50 4589,13
(fonte Regione Lazio)

4.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle 2 stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi, dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (Stato Ecologico) 1 2 3 4 5 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose

59

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

Fiumi
Bacino idrografico Sacco Sacco Codice Punto di campiona mento 4,15 4,16 Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Sacco Fosso Savo Qualit 2006 Stato ecologico 4 5 Sost. pericolose Assente Assente Qualit 2007 Stato ecologico 4 5 Sost. pericolose Assente Assente Qualit 2008 Stato ecologico 3 5 Sost. pericolose Assente Presente*

Tipologia

Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Codice Punto di campion amento 4,15 4,16 Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Sacco Fosso Savo Qualit 2009 Chimico base 3 5 Sost. pericolose Assente Presente Qualit 2010 Chimico base 3 5 Sost. pericolose Assente Assente

Bacino idrografico Sacco Sacco

Tipologia Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

60

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

4.16 Fosso Savo 4.15 Fiume Sacco

DISCARICA

Bacino Idrografico Sacco


Figura 4.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio delle acque rispetto alla discarica.

4.7

Qualit dellaria della

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione

distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei Comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone, sono presenti 3 stazioni di monitoraggio, due delle quali sono ubicate nel comune di Colleferro e una nel comune di Segni. Come si evince dalla tabella successiva una delle stazioni di Colleferro registra valori superiori ai limiti previsti dalla normativa sia per lNO2 che per il PM10.

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Colleferro (stazioni 010 e 011) e Segni (038) Inquinanti Ossido di Carbonio - CO Stazione 010 Colleferro Dato media annua [mg/m3] numero superamenti Valore limite (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata 2006 0,8 0 2007 2008 0,7 0 0,6 0 2009 0,5 0 2010 0,4 0

61

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Colleferro (stazioni 010 e 011) e Segni (038) Inquinanti Stazione Dato media annua [g/m3] numero superamenti media annua [g/m3] numero superamenti 038 Segni media annua [g/m3] numero superamenti 010 Colleferro Ozono O3 038 Segni Media annua [g/m3] Numero di superamenti Media annua [g/m3] Numero di superamenti Particolato atmosferico PM10 011 Colleferro media annua [g/m3] Numero superamenti Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3] Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3] Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3] Valore limite su 8 ore 010 Colleferro 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno (*) 120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera (*) 120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera 40 g/m3 50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno 20 g/m3
3

2006

2007 2008

2009

2010

48 0 47 0 33 0 35 19 44 50 49 105

41 0 44 0 31 0 32 11 42 27 44 99

39 0 35 0 24 0 34 3 41 21 38 62

45 0 42 0 27 0 28 2 37 12 38 67

40 0 34 0 nd 0 38 13 nd 20 35 53

Biossido di Azoto - NO2

011 Colleferro

010 Colleferro Ossidi di Zolfo SO2 011 Colleferro

0,9

0,8

0,8

0,6

0,8

20 g/m3

0,8

0,9

0,8

0,9

0,9

038 Segni
(*) non previsto dalla normativa

20 g/m3

0,8

0,8

0,8

nd

(fonte: ARPA Lazio)

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. 62

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Nel territorio dei comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle Manifatturiere (3.551 addetti che rappresentano circa il 31 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 846 addetti (circa il 7 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale Numero addetti 12 6 3.551 55 718 846 219 759 216 540 704 1.853 1.119 755 11.353

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea sono presenti 4 impianti industriali soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: 3.1. Impianti destinati alla produzione di clinker (cemento) in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 500 tonnellate al giorno oppure di calce viva in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 50 tonnellate al giorno, o in altri tipi di forni aventi una capacit di produzione di oltre 50 tonnellate al giorno. Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. 4.6 Impianto chimico per la fabbricazione di esplosivi

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.).

63

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

Comune Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Provincia di Roma Provincia di Frosinone Regione Lazio

CO 6845 181122 34234 275121

NH3 387 5317 3015 17163

Inquinante [t/anno] NMHC NOX 1538 53349 12429 94062 4405 55629 12624 89292

PM10 337 8103 1854 13873

SO2 708 13082 695 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti 191 75 116 44 207 23 656 Abitanti Abitanti Piccola, Abitanti in seconde equivalenti media e equivalenti Ristoranti Micro case (non totali e bar industria grande totali destinate urbani industria (Aet) a turisti) (Aetu) 1.926 1.500 1.334 1.966 2.683 1.390 10.799 1223 4609 851 1346 788 2854 11672 604 2005 270 1139 1121 1159 6297 1958 6844 44 9640 994 893 20373 16866 31388 7799 11032 12180 18994 98259 18824 38232 7843 20672 13174 19887 118632

Comuni

Popolazione Popolazione residente nel presente non 2008 residente 13384 21964 5902 8179 9362 14655 73445 196 578 145 212 231 241 1.603

Popolazione in case sparse 0 -41 -564 -1.645 -1.617 -673 -4.540

Lavoratori e studenti pendolari -658 699 -255 -208 -596 -654 -1.672

Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

64

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il dato regionale 2007 di produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).

COMUNE Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali

Popolazione Produzione residente nel rifiuti urbani [t] 2008 13.384 8.084 21.964 13.266 5.902 3.565 8.179 4.940 9.362 5.655 14.655 8.851 73.446 44.361

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 %, mentre quella della Provincia di Frosinone stata pari al 4,1 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; 65

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D4 Colle Fagiolara/Colleferro

- l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

66

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

5 5.1

D5 - VITERBO Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

5.1. Posizione della discarica nellarea di Viterbo.

Scheda tecnica Discarica Le Fornaci - Viterbo (VT)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata Discarica per rifiuti non pericolosi Loc. Le Fornaci Viterbo (VT) Ecologia Viterbo srl Ecologia Viterbo srl Decreto AIA n. 28 del 15 marzo 07-Determinazione della Regione Lazio n. A3919 del 5 nov. 2008 Parere positivo di compatibilit ambientale reso con nota Prot. n. 157477 del 10 settembre 2008 rilasciato dallArea Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Lazio Anno 2000 Decreto n. 67 del 02/12/2005 Caratteristiche tecniche generali D1, D15 Rifiuti non pericolosi Volume residuo 956.960 Ampliamenti per 850.000 271.510 mq 345 mq 268.165 mq Parametri meteoclimatici, livello piezometrico 220 Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Fase 3 Produzione energia elettrica

67

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Scheda tecnica Discarica Le Fornaci - Viterbo (VT)


Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata energia ceduta alla rete incentivazioni (cip6, certificati verdi) 10.266.244 kWh 10.060.919 kWh 499.448 kWh 9.561.471 kWh Certificati verdi Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) 198.135 Quantit di percolato t/a prodotto (anno 2008) Quantit di biogas prodotto m3/a (anno 2008) Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 7.528

8.561.307 Impianti di trattamento 310 310 Altre informazioni

Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note

Postcombustore (imp. di recupero energetico da biogas), trattamento acque (depurazione acque di piazzale) EMAS

5.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi, entra in esercizio a partire dallanno 2000, e ad oggi risulta essere suddivisa in tre invasi: il primo invaso, con un volume di conferimento pari a 373.000 m3, stato completamente esaurito; il secondo invaso, con un volume di conferimento pari a 1.250.000 m3, presentava al 31/12/2008 una volumetria residua di 105.000 m3 circa; il terzo invaso autorizzato nellanno 2008, con un volume utile di circa 850.000 m3 (pari a 750.000 tonnellate circa). Al 31/12/2008 il volume residuo complessivo della discarica risultava essere pari a 955.000 m3 circa, mentre il volume di rifiuti conferiti allinterno della stessa a partire dallinizio dello sfruttamento stato pari a 1.630.000 m3 circa. 5.3 Caratteristiche strutturali dellimpianto

Limpianto costituito da unarea di accettazione e di stoccaggio funzionale al successivo trattamento, da unarea, autorizzata ma non ancora realizzata, destinata alla triturazione dei rifiuti 68

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

ingombranti e da una dedicata allo stoccaggio di rifiuti prima dellavvio alle successive fasi di recupero o smaltimento. 5.4 Provenienza e tipologia dei rifiuti

La societ pu accettare presso limpianto i seguenti rifiuti:

sovvalli provenienti dallimpianto di trattamento meccanico biologico sito in Casale Bussi e dal contiguo impianto di rifiuti ingombranti; rifiuti speciali non pericolosi assimilabili agli urbani nel limite massimo del 30 % delle volumetrie autorizzate.

5.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

LImpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti, e da un postcombustore per il recupero energetico dello stesso. Per quanto riguarda la gestione del percolato, lattuale parco serbatoi per lo stoccaggio, di capacit pari a 220 m3, sar raddoppiato (440 m3) al fine di contenere anche quello prodotto nel nuovo invaso (il terzo). La batteria di cisterne collocata allinterno di un bacino di contenimento realizzato in calcestruzzo, impermeabilizzato e dotato di sistema di raccolta segregato. Il percolato prodotto sar in seguito inviato presso idonei impianti di smaltimento terzi.

69

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Viterbo e Montefiascone. La popolazione residente nel 2008 pari a 75.260 abitanti.

Comune Popolazione residente nel 2008 Viterbo 61.754 Montefiascone 13.506 Totale 75.260 Totale provincia di Viterbo 313.087 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comuni di Viterbo e Montefiascone Aree aeroportuali e eliporti Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree urbane Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 345 34.476 1 536 12.410 1.284 1.873 3 66 46 61 51.101

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 27.513 addetti. Comune Numero di addetti Viterbo 24.442 Montefiascone 3.071 Totale 27.513 46.791 Totale provincia di Viterbo 1.291.766 Totale Regione Lazio
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dal raccordo Civitavecchia-Orte (SS204), dalla strada statale Cassia (SS2), dalla linea ferroviaria Roma-Viterbo, e dalle strade provinciali Tuscanese (SP2) e Martana (SP7). 70

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fosso Biedano ed il Torrente Traponzo, entrambi appartenenti al bacino idrografico del fiume Marta.
Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 25,2 23,5

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Viterbo e Montefiascone Fosso Biedano (o Torrente Biedano) Torrente Traponzo (o Fosso Leia)

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km] 5,9 17,1
(fonte Regione Lazio)

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela.

Comune

Viterbo Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Riserva naturale regionale Valle 438,87 dellArcionello Riserva naturale regionale Lago 0,17 di Vico 439,04
(fonte Regione Lazio)

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Comune Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC/ZPS Monte Fogliano e 0,03 Monte Venere Viterbo SIC/ZPS Monte Romano 1.589,01 SIC/ZPS Monte Cimino (versante 0,26 Nord) SIC/ZPS Monti Vulsini 1.571,19 Montefiascone SIC/ZPS Lago di Bolsena 1.871,92 Totale 5.032,41
(fonte Regione Lazio)

71

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

5.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio, si riporta lo stato di qualit delle acque sotterranee delle 5 stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla definizione, dal punto di vista chimico, del grado di compromissione degli acquiferi per cause naturali e antropiche e alla verifica della presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti 5 categorie corrispondenti a una qualit decrescente Acque sotterranee 1 2 3 4 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 0 (*)

(*) se la presenza di tali sostanza di origine naturale, cos come appurato dalle Regioni o dalle Provincie autonome, verr automaticamente attribuita la classe 0.

Rappresentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee. 72

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Bacino idrografico Marta Marta Tevere Medio Corso Marta Tevere Medio Corso

Codice Punto di campiona mento S08 S09 S07.A S10 S07B

Tipologia Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee

Corso dacqua/stazione di campionamento Mensa Alta Mensa Bassa Respoglio Roncone Settecannelle

Qualit 2006 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose assente assente assente assente assente

Qualit 2007 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose assente assente assente assente assente

Qualit 2008 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose assente assente assente assente assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Codice Punto di campiona mento S08 S09 S07.A S10 S07B Corso dacqua/stazione di campionamento Mensa Alta Mensa Bassa Respoglio Roncone Settecannelle Qualit 2009 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose assente assente assente assente assente Qualit 2010 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose Presente* Presente* Presente Presente Presente

Bacino idrografico Marta Marta Tevere Medio Corso Marta Tevere Medio Corso

Tipologia

Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto (fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

DISCARICA

Figura 5.2.Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio delle acque rispetto alla discarica

73

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

5.7

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nellarea in esame presente una stazione di monitoraggio ubicata nel comune di Viterbo i cui valori registrati dal 2006 al 2010. sono esposti nella tabella successiva.

Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Viterbo Inquinanti Benzene C6H6 Dato media annua [g/m3] media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio - CO Valore limite 5 g/m3 (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno 20 g/m3 2006 2,4 0,7 2007 2,1 0,7 2008 1,9 0,5 2009 1,8 0,4 2010 1,5 0,5

numero superamenti

media annua [g/m3] Biossido di Azoto - NO2

37

37

48

33

31

numero superamenti

media annua [g/m3] Particolato atmosferico PM10

29

27

26

24

23

numero superamenti

22

13

14

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3]

1,4

1,3

0,9

(fonte: ARPA Lazio) (*) non previsto dalla normativa

74

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Viterbo e Montefiascone le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo commerciale (5707 addetti che rappresentano circa il 21 % del totale). Le attivit manifatturiere impegnano 2016 addetti (circa il 7% del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio allingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale Numero addetti 73 12 2016 199 2171 5707 1053 1570 1080 3882 2808 2492 3166 1284 27.513

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea presente un impianto industriale soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 59/2005 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: (5.1) Impianti per l'eliminazione o il ricupero di rifiuti pericolosi, della lista di cui all'articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/Cee quali definiti negli allegati II A e II B (operazioni R 1, R 5, R 6, R 8 e R 9) della direttiva 75/442/Cee e nella direttiva 75/439/Cee del Consiglio, del 16 giugno 1975, concernente l'eliminazione degli oli usati, con capacit di oltre 10 tonnellate al giorno. (5.3) Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno.

75

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Comuni
di Viterbo e Montefiascone Provincia Viterbo Regione Lazio

Inquinante [t/anno]
CO 2.945 19.652 275.121 NH3 770 3.469 17.163 NMHC 1.580 6.990 94.062 NOX 1.134 12.232 89.292 PM10 244 1.933 13.873 SO2 45 9.630 23.938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

76

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Abitanti Posti in letto seconde alberghi, Ristoranti case campeggi e bar (non e alloggi destinate per turisti a turisti) 1.239 1.855 3.094 467 10.242 10.709 2.938,11

Comune

Popolazione residente nel 2008

Popolazione Popolazione Lavoratori presente in case e studenti non sparse pendolari residente

Micro industria

Piccola, media e grande industria

Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu)

Abitanti equivalenti totali (Aet)

Montefiascone Viterbo totali

13.506,0 61.754,0 75.260,0

159 3.025 3.184

-903 -7.780 -8.683

-177 3.562 3.385

4.032,748

2.758,71

21.261,86

24.020,57

19.815,37 18.630,008 22.753,48 22.662,756

19.971,38 111.103,38 131.074,76 22.730,09 132.365,24 155.095,32

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).
Popolazione residente nel 2008

dato regionale 2007 di

COMUNE Viterbo Montefisacone totali

Produzione rifiuti urbani [t] 37.299 8.158 45.457

61.754 13.506 75.260

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Viterbo stata nel Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

2007 pari al 9,3% (fonte:

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: 77

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D5 Le Fornaci/Viterbo

- autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

78

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

6 6.1

D6 - BORGO MONTELLO Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

6.1. Posizione della discarica nellarea di Latina.

Scheda tecnica Discarica Borgo Montello- Latina (Ecoambiente)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Discarica per rifiuti non pericolosi Borgo Montello Latina (LT) Ecoambiente srl Ecoambiente srl Autorizzazione Integrata Ambientale [n. 35/2007] Parere positivo di compatibilit ambientale reso dalla Regione Lazio Area V.I.A. con Prot. N. 19852 del 02/02/2007 24/09/2001 Decreto n.130 del 25/10/2004 Caratteristiche tecniche generali D1, D5 Rifiuti non pericolosi Volume residuo 8.000. Ampliamenti per 400.000 300.000 (area in disponibilit e pertinenze) 100 299.900

79

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Scheda tecnica Discarica Borgo Montello- Latina (Ecoambiente)


Sonde multiparametriche: - ossigeno disciolto - conducibilit - salinit - pH - potenziale redox - profondit - temperatura. Centralina meteoclimatica: - precipitazioni; - temperatura; - direzione e velocit del vento; - evaporazione; - umidit atmosferica; - barometria 200 Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) 10.398.744 KWe 10.190.769 KWe 468.782 KWe 9.721.987 KWe Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) 122.882 Quantit di percolato prodotto anno t/a (anno 2008) 12.844 Quantit di biogas prodotto anno t/a 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Biogas per produzione di e.e. e biometano per autotrazione Percolato e acque di 1 pioggia smaltimento c/o terzi 350 350 Altre informazioni Post combustore (biogas) Attualmente in fase certificatoria: ISO 14001:2004; ISO 9001:2000 Si prevede conseguimento delle certificazioni entro lanno in corso

Parametri monitorati in continuo

Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata

Scheda tecnica Discarica Borgo Montello - Latina (Ind.Eco)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Discarica per rifiuti non pericolosi B.Go Montello Latina (LT) Ind.Eco srl Ind.Eco srl A.I.A. decreto n. 34 del 06/04/07 determinazione integrazione n. B0604 del 25/02/07 Parere di compatibilit ambientale n. 19842 del 02/02/2007 parere di compatibilit ambientale n. 185633 del 22/10/2008 (con riferimento al Dec. n. 34) 02/01/2008 Decreto n.10 del 28/02/2005

80

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Scheda tecnica Discarica Borgo Montello - Latina (Ind.Eco)


Caratteristiche tecniche generali Operazioni autorizzate D1, D15 02 01 01 02 01 04 02 02 02 02 02 03 02 02 04 02 03 01 02 03 02 02 03 04 02 03 05 02 05 01 02 05 02 02 06 01 02 06 02 02 06 03 07 02 13 15 01 01 15 01 02 15 01 03 15 01 05 15 01 06 15 01 09 15 02 03 16 01 03 17 05 04 17 09 04 19 05 01 19 05 02 19 05 03 19 06 04 19 06 06 19 08 01 19 08 05 19 09 01 19 09 02 19 09 03 19 12 01 -19 12 04 19 12 05 19 12 08 19 12 12 19 13 02 20 02 03 20 03 01- 20 03 02 76.865 Ampliamenti per 700.000 437.000 35.000 432.500 temperatura Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) 212.849 Quantit di percolato prodotto anno t/a (anno 37.437 2008) Quantit di biogas prodotto anno t/a 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 318 Altre informazioni Sistemi di trattamento inquinanti Abbattimento monossido carbonio tramite catalizzatore nelle emissioni in atmosfera puntiformi (motori di elettrogenerazione) Impianti di trattamento

CER autorizzati

Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata

81

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

6.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica di Borgo Montello, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi attualmente gestita dalle societ Ecoambiente S.r.l. (bacini S1, S2, ed S3) ed Ind.Eco. S.r.l. (bacini S4, S5, S6 ed ex. B2). Il lotto della discarica gestito dalla Ecoambiente S.r.l. entra in esercizio a partire dal 24 settembre 2001, ed al 31 dicembre 2008 il suo volume residuo complessivo risultava essere pari a 8.000 m3, ai quali andranno aggiunti 400.000 m3 relativi ad un nuovo bacino di conferimento in corso di realizzazione. Tale bacino consentir lo smaltimento di circa 360.000 t di rifiuti non pericolosi. Il volume di rifiuti conferiti allinterno del lotto in oggetto, dal 2001 fino al 31 dicembre 2008 stato di circa 1.260.000 m3. Il lotto gestito dalla Ind.Eco S.r.l. entra in esercizio a partire dal 08 agosto 1990. Al 27 ottobre 2008 il volume residuo complessivo della discarica risultava essere pari a 63.000 m3, ai quali andranno aggiunti 700.000 m3 relativi ad un nuovo bacino di conferimento autorizzato nellanno 2008. Tale bacino verr realizzato su una superficie di circa 54.500 m2, e consentir lo smaltimento di circa 630.000 t di rifiuti non pericolosi. Il volume di rifiuti conferiti allinterno del lotto gestito dalla Ind.Eco, dal 1990 fino al 27 ottobre 2008 stato di circa 4.000.000 m3. Da unanalisi oggettiva dei dati emerge che nellimpianto di Borgo Montello sono stati smaltiti complessivamente pi di 5.260.000 m3 di rifiuti, mentre il volume residuo dellintera discarica, considerando anche la realizzazione dei nuovi bacini autorizzati raggiunger 1.170.000 m3; tale volume consentir lo smaltimento di circa 1.000.000 t di rifiuti. 6.3 Caratteristiche strutturali dellimpianto

Limpianto costituito da unarea di accettazione e pesa, da unarea di coltivazione (dove avviene lo scarico dei mezzi conferitori) e da una piattaforma per il lavaggio ruote dove i camion vengono fatti passare seguendo un percorso obbligato una volta avvenuto lo scarico. 82

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

I reflui prodotti dal lavaggio vengono scaricati allinterno di un apposito bacino di raccolta.

6.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Allinterno della discarica possono essere smaltiti i rifiuti provenienti da tutti i comuni della provincia di Latina escluso il comune di Latina: Aprilia, Campodimele, Bassiano, Cisterna di Latina, Castelforte, Fondi, Cori, Gaeta, Formia, Lenola, Itri, Minturno, Maenza, Norma, Monte San Biagio, Priverno, Ponza, Pontinia, Prossedi, Roccagorga, Roccamassima,

Santi Cosma e Damiano, Roccasecca dei Volsci, San Felice Circeo, Sabaudia, Sezze, Sermoneta, Sperlonga, Sonnino, Terracina, Spigno Saturnia, Ventotene. Per quanto riguarda le tipologie, possono essere accettati:

rifiuti urbani non pericolosi; rifiuti speciali non pericolosi assimilabili agli urbani nel limite massimo del 30 % delle volumetrie autorizzate.

6.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

Limpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti. Il biogas prodotto viene conferito in pozzi di raccolta e convogliato sino alle stazioni di regolazione, che a loro volta sono collegate alla stazione centrale di estrazione e combustione, dove viene bruciato. Il sistema di drenaggio del percolato costituito da una rete ramificata di collettori micro fessurati posti sul fondo della discarica. Il percolato prodotto viene convogliato, tramite tubazioni interrate, allinterno di appositi serbatoi, dove successivamente verr prelevato ed inviato al trattamento presso gli impianti autorizzati.

83

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Territorio Larea di studio si trova allinterno del territorio del comune di Latina. La popolazione residente nel 2008 pari a 116.320 abitanti.

Comune Popolazione residente nel 2008 Latina 116.320 Totale provincia di Latina 541.215 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comune di Latina Aree agricole Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree portuali Aree urbane Bacini artificiali Laghi costieri Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 19.730 1.928 1.413 5 3.792 4 403 10 120 52 267 27.724

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 40.000 addetti. Comune Numero di addetti Latina 40.000 Totale provincia di Latina 88.185 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla via Pontina (SS 148), dalla Via Appia (SS 7), dalla linea ferroviaria Roma-Napoli, e dalle strade provinciali del Crocefisso e di Santa Maria. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fiume Astura appartenente allomonimo bacino idrografico, il 84

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Canale Botte e il Canale Linea Pio appartenenti al bacino idrografico del Badino, Il Canale Acque Alte e il Fosso Spaccasassi appartenenti al bacino idrografico del Moscarello, il bacino Ninfa Sisto e il Canale Acque Medie appartenenti al bacino idrografico del Rio Martino.

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Viterbo e Montefiascone Fiume Astura Canale Botte Canale Linea Pio Canale Acque alte/Moscarello Fosso Spaccasassi Bacino Ninfa Sisto Canale Acque medie/Rio Martino

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km] 14,0 1,9 3,3 9,6 3,2 11,0 21,2
(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 18,2 21,9 21,3 29,6 32,6 43,0 31,7

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Nazionale del Circeo 880,64 880,64
(fonte Regione Lazio)

Comune Latina Totale

Comune

Latina

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Zone umide a ovest del 0,18 fiume Astura SIC Laghi Fogliano, Monaci, 740,61 Caprolace e Pantani dellInferno. SIC Dune del Circeo 59,81 ZPS Parco Nazionale del Circeo 1232,27 2032,87
(fonte Regione Lazio)

6.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo

85

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, sono presenti 9 stazioni di monitoraggio dei fiumi e 2 stazioni di monitoraggio per le acque di transizione (laghi costieri). Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente.

Fiumi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Acque di transizione 1 2 3 4 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Elevato Buono Mediocre Scadente Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella tabella 2 dellallegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee. 86

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Fiumi
Codice Punto di campion amento 2,10 2,11 2,12 2,13 2,14 2,15 2,35 2,28 2,29 Corso dacqua/stazion e di campionament o Fosso Spaccasassi Canale Acque Alte Canale Acque Alte Canale Acque Medie Canale Acque Medie Canale Acque Medie Fiume Ninfa Sisto Fiume Astura Fiume Astura Qualit 2006 Stato ecologic o 5 5 5 3 5 5 5 5 4 Sost. pericolos e Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Presente Assente Qualit 2007 Stato ecologic o 5 5 5 5 5 5 5 5 4 Sost. pericolos e Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Presente Presente Qualit 2008 Stato ecologic o 5 5 5 4 5 4 5 5 4 Sost. pericolos e Assente Presente Assente Assente Assente Assente Assente Presente Presente

Bacino idrografico

Tipologia

Moscarello Moscarello Moscarello Rio Martino Rio Martino Rio Martino Rio Martino Astura Astura

Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Moscarello Moscarello Moscarello Rio Martino Rio Martino Rio Martino Rio Martino Astura Astura Codice Punto di campionamento 2,10 2,11 2,12 2,13 2,14 2,15 2,35 2,28 2,29 Corso dacqua/stazione di campionamento Fosso Spaccasassi Canale Acque Alte Canale Acque Alte Canale Acque Medie Canale Acque Medie Canale Acque Medie Fiume Ninfa Sisto Fiume Astura Fiume Astura Qualit 2009 Stato ecologico 5 4 4 3 4 5 4 5 4 Sost. Pericolose Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Presente Presente Qualit 2010 Stato ecologico 4 5 4 3 5 5 5 4 4 Sost. Pericolose Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente

Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Acque di transizione
Codice Punto di campionamento 2,2 2,65 Qualit 2006 Trix Acque di transizione Acque di transizione Lago di Fogliano Lago di Fogliano 2 2 Qualit 2007 Trix 3 4 Qualit 2008 Trix 3 3 Qualit 2009 Trix 4 4 Qualit 2010 Trix 4 4

Tipologia

Lago

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

87

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

DISCARICHE

Figura 6.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio delle acque rispetto alle discariche.

6.7

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nel comune di Latina sono presenti tre stazioni di monitoraggio ubicate rispettivamente a Latina Scalo, via Romagnoli e via Tasso, che nel periodo 2008-2009 hanno registrato sempre valori inferiori ai limiti previsti dalla normativa tranne. 88

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Latina Inquinanti Benzene C6H6 Stazione LT-V.Romagnoli Dato media annua [g/m3] media annua [mg/m3] numero superamenti media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio - CO LT-V.Romagnoli numero superamenti media annua [mg/m3] LT-V.Tasso numero superamenti media annua [g/m3] Valore limite 5 g/m3 (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 2006 0,7 2007 2008 2009 2010 1,7 0,7 3 0,6 2,1 0,6 1,8 nd

Latina scalo

nd

1,1

0,9

0,8

0,6

0,6

0,6

0,5

0,4

0,4

nd

nd

38 0 75 12 40 2 50

37 0 69 13 35 0 45

38 1 61 2 39 1 46

52 1 70 4 37 1 44

43 0 59 4 32 2 45

Latina scalo

Biossido di Azoto NO2

LT-V.Romagnoli

LT-V.Tasso

Ozono O3

LT-V.Tasso

Particolato atmosferico PM10

LT-V.Tasso

Ossidi di Zolfo SO2

LT-V.Romagnoli

LT-V.Tasso

200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno media annua 40 g/m3 [g/m3] 200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno media annua 40 g/m3 [g/m3] 200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno Media annua (*) 120 g/m3 Media su 8 ore Numero di massima superamenti giornaliera nellanno media annua 40 g/m3 [g/m3] 50 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 35 volte lanno Media annua nel 20 g/m3 periodo 1 ottobre 3 31 marzo [g/m ] Media annua nel 20 g/m3 periodo 1 ottobre 3 31 marzo [g/m ] (fonte: ARPA Lazio)

10

10

35 64

33 41

29 29

31 26

30 28

1,2

nd

0,9

0,8

0,6

0,8

nd

(*) non previsto dalla normativa 89

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

6.8

Fattori di pressione

Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio del comune di Latina le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle Manifatturiere (8.130 addetti che rappresentano circa il 21 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 7.531 addetti (circa il 19 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio allingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 272 53 18 8.130 362 2.590 7.531 1.426 2.307 1.318 5.772 2.791 3.056 2.643 1.731 40.000

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Gli impianti industriali presenti nellarea soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs. 59/2005 e succ. mod. e int.) sono quattro e appartengono alle seguenti categorie: (4.4) Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti di base fitosanitari e di biocidi; (6.5) Impianti per l'eliminazione o il recupero di carcasse e di residui di animali con una capacit di trattamento di oltre 10 tonnellate al giorno. (2.3) Impianti destinati alla trasformazione di metalli ferrosi mediante: c) applicazione di strati protettivi di metallo fuso con una capacit di trattamento superiore a 2 tonnellate di acciaio grezzo all'ora. (2.6) Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3

90

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Nel comune di Latina presente uno stabilimento industriale classificato a rischio di incidente rilevante (art.8 D.lgs 334/99 succ. mod. e int.). Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

Comune di Latina Provincia di Latina Regione Lazio

CO 10147 33278 275121

Inquinante [t/anno] NH3 NMHC NOX 968 4533 1934 3744 16394 6778 17163 94062 89292

PM10 455 1508 13873

SO2 69 475 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.

91

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

Abitanti Posti in Abitanti Popolazione letto Piccola, Abitanti Popolazione Popolazione Lavoratori seconde equivalenti presente alberghi, media e equivalenti Ristoranti Micro in case e studenti totali Comune residente case non grande totali campeggi e bar industria nel 2008 sparse pendolari (non urbani residente e alloggi industria (Aet) destinate (Aetu) per turisti a turisti) Latina 116.319,5 2.843 -11.444 2.385 5.771 15.945 35.806,42 13.737,430 150.910,65 181.363,35 332.274,00 totali 116.319,5 2.843 -11.444 2.385 5.771 15.945 35.806,42 13.737,430 150.910,65 181.363,35 332.274,00

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).
Popolazione residente nel 2008 116.320 116.320

dato regionale 2007 di

COMUNE Latina totali

Produzione rifiuti urbani [t] 70.257 70.257

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Latina stata nel 2007 pari al 11,7 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; 92

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D6 Borgo Montello/Latina

- la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

93

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

7 7.1

D7 - ROCCASECCA Localizzazione e Scheda Tecnica

Figura 7.1. Posizione della discarica nellarea di Roccasecca.

Scheda tecnica Discarica Cerreto - Roccasecca (FR)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Discarica per rifiuti non pericolosi Localit Cerreto Roccasecca (FR) MAD srl MAD srl Ordinanza n2 del 28/11/02 : Approvazione progetto Bacino 1, Ordinanza n68 del 14/08/03: Recupero volumetrico Bacino 1, Ordinanza n10 del 06/10/03: Ampliamento volumetrico Bacino 1, Ordinanza n 3 del 10/02/04: Ampliamento volumetrico Bacino 1, Ordinanza n15 del 09/07/04: Abbancamento ulteriori rifiuti Bacino 1, Ordinanza n7 del 24/06/04 :Approvazione progetto Bacino 2, Ordinanza n13 del 24/06/04: 1 stralcio funzionale Lotto 2 e Lotto 3 Bacino 2, Ordinanza n22 del 23/12/04: Approvazione progetto Accordo Funzionale, Ordinanza n 23 del 23/12/04: Stralcio funzionale Lotto 1 Bacino 1, Ordinanza n 8 del 31/05/06: Approvazione progetto Bacino 3, Decreto n23 del 22/02/07: Autorizzazione Integrata Ambientale, Decreto 42 del 17/05/07: Progetto Sistema Integrato, Ordinanza n 38 del 20/04/007: Utilizzo di ulteriori volumetrie Lotto 1 (bacino1) + Raccordo Funzionale, Ordinanza n 69 del 02/07/07: Recupero volumetrie Bacino 1 In data 18.11.05, invio alla Regione Lazio della Richiesta di compatibilit ambientale ai sensi del D.P.R. 12 aprile 1996 Ampliamento della discarica per rifiuti non pericolosi sita in localit Cerreto Comune di Roccasecca (FR), e pubblicazione sul quotidiano Il Tempo. La richiesta registrata dalla Regione Lazio in data 18.11.05, n registrazione 149. Parere favorevole Prot. 200159/CR del 13/11/2006. 28.11.2002 Decreto n. 52 del 09/08/2005 Caratteristiche tecniche generali

Autorizzazione

Riferimenti VIA

Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003

94

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Scheda tecnica Discarica Cerreto - Roccasecca (FR)


D1; Impianto di trattamento del percolato: D8:, D9, D15 Impianto di trattamento del biogas: combustione di produzione di energia elettrica o, in caso di necessit, combustione tramite torcia, stoccaggio dei rifiuti autoprodotti dallattivit. D15 limitatamente ai codici 190703, 161002, 190603 autoprodotti dallattivit dellimpianto R13 limitatamente ai codici 190603 autoprodotti dallattivit dellimpianto 02 01 01, 02 01 02, 02 01 03, 02 01 04, 02 01 06, 02 01 07, 02 02 01, 02 02 02, 02 02 03, 02 02 04, 02 03 01, 02 03 02, 02 03 04, 02 03 05,02 05 01, 02 05 02, 02 06 02, 02 06 03, 03 01 01, 03 01 05, 03 03 07, 04 02 22,07 02 13, 12 01 05, 15 01 01, 15 01 02, 15 01 03, 15 01 04, 15 01 05, 15 01 06, 15 01 09, 15 02 03, 17 05 04, 17 06 04, 19 02 03, 19 03 05, 19 05 01, 19 05 02, 19 05 03, 19 06 04, 19 06 06, 19 08 01, 19 08 02, 19 08 05, 19 08 14, 19 09 01, 19 09 02, 19 09 03 , 19 12 01, 19 12 04, 19 12 05, 19 12 08, 19 12 12, 19 13 02 Volume residuo 602.424 Ampliamenti programmati per 840.000 450.000 3.000 77.000 Parametri meteo climatici: - temperatura - direzione e velocit del vento, - % umidit, - evapotraspirazione, - pluviometria, - pressione Qualit del biogas: - Portata - Metano - Ossigeno Parametri meteo climatici: - temperatura - direzione e velocit del vento, - % umidit, - evapotraspirazione, - pluviometria, - pressione Qualit del biogas: - portata - metano - ossigeno 1. Cisterne oli per motori, lubrificanti (n2 cisterne): 1.000 l cad 2. Contenitore assorbenti, materiali filtranti, stracci, etc.: 200 l 3. Contenitore assorbenti, materiali filtranti, stracci, etc., contaminati da sost. Peric.: 200 l 4. Contenitore batterie al piombo: 100 l 5. Contenitore filtri olio: 200 l 6. Contenitore toner di stampa esauriti: 1 m3 7. Fossa biologica (n 2 vasche accumulo): 6.280 l cad 8. Pneumatici fuori uso: 15 m3 Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete 25.846.600 KW 20.812.378 KW Tot. 12.042.938 KW di cui: KW in CIP 6 8.390.712 KW eccedenti CIP 6 3.652.226 CIP 6/92, convenzione di cessione destinata di energia elettrica dallimpianto di biogas di Roccasecca da 975 kW del produttore (24.05.2006 n Prot. GRTN/P2006006189)

Operazioni autorizzate

CER autorizzati

Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (mq) Superficie coperta (mq) Superficie scoperta (mq)

Parametri di controllo del processo

Parametri monitorati in continuo

Capacit di stoccaggio (m3)

Tipo di processo Tecnologia utilizzata

Incentivazioni (cip6, certificati verdi)

95

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Scheda tecnica Discarica Cerreto - Roccasecca (FR)


Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit di percolato prodotto anno t/a (anno 2008) Quantit di biogas prodotto anno t/a 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 250.995 9.659 Impianti di recupero smaltimento 293 304 Altre informazioni Esistente: Abbattimento polveri In corso di realizzazione: Impianto trattamento acque di prima pioggia: - disoleatura - dissabbiatura Impianto di trattamento del percolato: - strippaggio in ambiente basico e post- acidificazione; - evaporazione/condensazione della fase acquosa con evaporatore multistadio sottovuoto; post trattamento biologico a singolo stadio di denitrificazione - nitrificazione con ricircolo dei nitrati e dei ssv - chiarificazione per flottazione e filtrazione su quarzite post combustori impianto denox Certificazione EMAS: ottenuta in data 22/05/2007 (registrazione n IT 00679); Certificazioni: UNI EN ISO 9001:2000, certificato n217055 del 05/07/2007, conseguito in data 25/05/2004, revisione del 25/05/2007, scadenza in data 24/05/2010 UNI EN ISO 14001:2004, certificato n206048, conseguito in data 16 novembre 2006, scadenza in data 08/11/2009 La discarica pu essere suddivisa nelle seguenti aree funzionali: - area di accettazione e registrazione; - bacino di coltivazione; - area di stoccaggio del percolato; - area dedicata allimpianto di trattamento del percolato (in costruzione); - area dedicata allimpianto di produzione dellenergia elettrica; - area dedicata allimpianto a biomasse per la produzione di biogas (in costruzione). Si ha in progetto la costruzione di un sistema integrato per labbattimento ed il recupero energetico dei fumi emessi dalla centrale di produzione di energia elettrica da combustione del biogas. Il sistema prevede la depurazione delle emissioni di CO attraverso il completamento della combustione dei fumi in uscita dai motori a biogas e la depurazione delle emissioni di NOx attraverso un sistema di abbattimento DeNOx. Tramite la depurazione delle emissioni di CO si ottiene anche il completo utilizzo dellapporto termico degli inquinanti contenuti nei fumi ed possibile effettuare un recupero di calore per la produzione di vapore surriscaldato da utilizzare in una turbina a vapore dedicata alla produzione di energia elettrica. Il vapore prodotto verr utilizzato, in parte, anche per limpianto di trattamento per distillazione del percolato quando esso sar ultimato. Il gas necessario alla post-combustione potr essere prodotto da un fermentatore alimentato a biomasse in fase di costruzione. La CO2 prodotta dai post combustori servir, poi, come alimentazione di un impianto di produzione di alghe in fase di costruzione e le alghe prodotte costituiranno a loro volta una parte dellalimentazione del digestore anaerobico. Inoltre su tutti i tetti dei capannoni e delle costruzioni presenti nellarea della discarica verranno installati dei pannelli fotovoltaici.

Sistemi di trattamento inquinanti

Registrazioni/certificazione

Note

96

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

7.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi, entra in esercizio a partire dal 28 novembre 2002. Ad oggi, si compone di 3 invasi e un raccordo funzionale per un volume totale di 1.595.853 m3. I primi due invasi ed il raccordo funzionale presentano un volume di conferimento complessivo pari a 737.453 m3, con una volumetria utile residua al 31 dicembre 2008 di circa 600.000 m3. Il terzo invaso che attualmente in fase di esercizio consente di ottenere un ampliamento della discarica con un incremento nelle volumetrie pari a circa 858.400 m3.

7.3

Caratteristiche strutturali dellimpianto

La discarica pu essere suddivisa nelle seguenti aree funzionali:


area di accettazione e registrazione; bacino di coltivazione; area di stoccaggio del percolato; area dedicata allimpianto di trattamento del percolato; area dedicata allimpianto di produzione dellenergia elettrica; area dedicata allimpianto a biomasse per la produzione di biogas.

7.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Per gli invasi in corso di coltivazione, i rifiuti ivi conferibili sono quelli richiamati negli specifici atti di autorizzazione. Per quanto riguarda il nuovo ampliamento della discarica, costituito dal terzo invaso, i rifiuti che la societ potr accettare sono i seguenti:

sovalli provenienti dallimpianto di pre trattamento di rifiuti urbani ed assimilati gestito dalla Saf s.p.a. (in misura almeno del 50% delle volumetrie consentite); rifiuti speciali (non pericolosi) assimilabili agli urbani (in misura massima del 50% delle volumetrie consentite) previa caratterizzazione.

7.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

Limpianto dotato di una rete di drenaggio ed un sistema tecnologico per il trattamento del percolato, sia per la linea dei liquami che per la linea fanghi. Le quantit trattabili presso 97

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

limpianto sono 12.000 tonnellate/anno (circa 33 tonnellate/giorno calcolando lutilizzo dellimpianto in una media di 12 ore giornaliere ) LImpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione ed il trattamento del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti, composto da 5 gruppi elettrogeni di potenza termica di combustione (kW) unitaria pari a 2980 per complessivi 14.900 kW. La produzione di energia elettrica unitaria pari a 0,950 MWh per un totale di 4,75 MWh. Allinterno dellimpianto presente inoltre un sistema per labbattimento delle polveri, prodotte durante le normali attivit di gestione e coltivazione della discarica.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico. La popolazione residente nel 2008 pari a 32.078 abitanti.

Comune Popolazione residente nel 2008 Arce 5.941 Colfelice 1.839 Pontecorvo 13.265 Roccasecca 7.594 San Giovanni Incarico 3.440 Totale 32.078 Totale provincia di Frosinone 495.866 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.
Uso del suolo Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico aree agricole aree industriali e commerciali aree naturali aree urbane bacini artificiali reti ferroviarie reti stradali servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 13.677 233 5.615 1.102 84 6 36 26 180 20.958

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 101.565 addetti. 98

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Comune Numero di addetti Arce 839 Colfelice 315 Pontecorvo 2.472 Roccasecca 1.573 San Giovanni Incarico 379 Totale 5.578 Totale provincia di Frosinone 101.565 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallAutostrada del Sole (A1) e dalla via Civita Farnese (SR 82). Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il fiume Sacco appartenente allomonimo bacino idrografico, il fiume Liri (a monte e a valle), il fiume Melfa e la forma di S. Oliva, appartenenti al bacino idrografico del Liri-Garigliano. Lunghezza del tratto nei Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico [km] 0,01 8,9 24,6 12,4 8,8
(fonte Regione Lazio)

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico Fiume Sacco Fiume Liri (a monte) Fiume Liri (a valle) Fiume Melfa Forma di S. Oliva

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 91,5 54,8 45,8 52,6 15,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Antica Citt di Fregellae e Lago 342,72 S. Giovanni Incarico Monti Aurunci 169,94 Antica Citt di Fregellae e Lago 229,36 S. Giovanni Incarico 742,02
(fonte Regione Lazio)

Comune Arce Pontecorvo San Giovanni in Carico Totale

99

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Comune Roccasecca Pontecorvo Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC/ZPS Gole del Fiume Melfa 57,65 ZPS Monti Ausoni e Aurunci 361,05 418,70
(fonte Regione Lazio)

7.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso, un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque rilevato dalla stazione di misura presente nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente.

Fiumi 1 2 3 4 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5

Rappresentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.

100

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Assente Presente

assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Per la stazione di monitoraggio, nelle tabelle successive, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali.
Bacino idrografico Codice Punto di campiona mento Tipologia Corso dacqua/stazione di campionamento fiume Liri Qualit 2006 Chimico base 4 Sost. pericolose Assente Qualit 2007 Chimico base 3 Sost. pericolose Assente Qualit 2008 Chimico base 3 Sost. pericolose Assente

LiriGarigliano

1,08

Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Codice Punto di campionamen to Qualit 2009 Chimico base Sost. pericolose Presente Qualit 2010 Chimico base Sost. pericolose Assente

Bacino idrografico

Tipologia

Corso dacqua/stazione di campionamento

Liri-Garigliano

1,08

Fiume

fiume Liri

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Bacino Idrografico Liri-Garigliano

Figura 7.2. Posizione del punto di campionamento della rete di monitoraggio delle acque superficiali rispetto alla discarica di Roccasecca.

101

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

7.7

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e Ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico non sono presenti stazioni di monitoraggio della qualit dellaria. Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo manifatturiere (1.254 addetti che rappresentano circa il 27 % del totale). Le attivit commerciali allingrosso e al dettaglio impegnano 778 addetti (circa il 16 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Alberghi e ristoranti Altri servizi pubblici, sociali e personali Amministrazione pubblica Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Attivit manifatturiere Commercio allingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa Costruzioni Estrazione di minerali Istruzione Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Sanit e assistenza sociale Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Totale

Numero addetti 19 147 352 311 86 185 1.393 1.005 403 28 614 13 540 482 5.578

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

102

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Nellarea presente 1 impianto industriale soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 59/2005 succ. mod e int) appartenente alla seguente categoria: Impianti per l'allevamento intensivo di pollame o di suini con pi di: b) 2.000 posti suini da produzione (di oltre 30 kg).

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Comuni Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico. Provincia Frosinone Regione Lazio CO 3181 34234 275121 NH3 239 3015 17163 Inquinante t/anno] NMHC NOX 710 12429 94062 1100 12624 89292 PM10 176 1854 13873 SO2 128 695 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

103

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.

Comune

Popolazione Popolazione Popolazione presente residente in case non nel 2008 sparse residente 5.941,0 1.838,5 13.264,5 7.594,0 3.440,0 32.078,0 122 39 45 168 42 416 -1.332 -563 -4.984 -3.644 -1.159 -11.682

Abitanti Posti in letto Lavoratori e seconde alberghi, Ristoranti e studenti case campeggi bar pendolari (non e alloggi destinate per turisti a turisti) -346 -75 -349 -165 -212 -1.147 23 0 0 13 0 36 1.580 362 1.815 1.065 566 5.388 697,00 126,14 1.064,03 1.340,11 449,14 3.676,42

Micro industria

Piccola, media e grande industria 3.133,34 46.884,22 858,01 932,83 553,90 52.362,30

Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu) 6.977,58 1.845,82 11.162,69 7.194,39 3.266,05 30.446,52

Abitanti equivalenti totali (Aet)

Arce Colfelice Pontecorvo Roccasecca San Giovanni Incarico Totali

292,578 118,180 307,156 823,282 139,905 1.681,101

10.110,92 48.730,04 12.020,70 8.127,22 3.819,95 82.808,82

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il dato regionale 2007 di produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).

COMUNE

Popolazione residente nel 2008 5.941 1.839 13.265 7.594 3.440 32.079

Produzione rifiuti urbani [t] 3.588 1.110 8.012 4.587 2.078 19.375

Arce Colfelice Pontecorvo Roccasecca San Giovanni Incarico


totali

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Frosinone stata nel 2007 pari al 4,1 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA). 104

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D7 Cerreto/Roccasecca

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

105

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

8 8.1

D8 - BRACCIANO Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

Figura 8.1. Posizione della discarica nellarea di Bracciano.

Scheda tecnica Discarica Cupinoro - Bracciano (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione (Riferimento, Scadenza) Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Tipo di processo Tecnologia utilizzata Discarica per rifiuti non pericolosi Cupinoro Bracciano (RM) Comunale Bracciano Ambiente spa In esercizio con Decreto Commissariale n. 46 del 25 maggio 2007 e determinazione A 3918 del 05/11/2008 25-mag-07 Decreto n. 50 del 28/07/2005 Caratteristiche tecniche generali D1 Rifiuti non pericolosi, Rifiuti speciali pericolosi Volume residuo 18.000. Ampliamenti per 350.000 116.091 186 115.905 Parametri chimico-fisici aria, acqua

Recupero energetico biogas Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni

106

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Scheda tecnica Discarica Cupinoro - Bracciano (RM)


Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit percolato prodotto t/a (anno 2008) Quantit biogas prodotto anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note Produzione energia elettrica 12.600.000 KWh/anno 9.800.000 KWh/anno 700.000 KWh/anno 9.800.000 KWh/anno Certificati Verdi Flussi di materiali anno 2008 135.824 18.773 Impianti di trattamento 365 365 Altre informazioni Biogas, rilevamento ambientali di emissione diffusa Anno 2008 ISO 9001:2001 La discarica pu essere suddivisa nelle seguenti aree funzionali: - area di accettazione e registrazione - bacino di coltivazione - area dedicata allimpianto di produzione dellenergia elettrica

8.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi inizia la propria attivit a partire dal 25 maggio 2007. La volumetria residua al 31 dicembre 2008 era pari a circa 18.000 m3, a conclusione della quale previsto un ampliamento di circa 350.000 m3. Tale ampliamento consentir di accettare un quantitativo di rifiuti pari a circa 135.000 t/anno, corrispondenti a 370 t/giorno. Il volume di rifiuti conferiti allinterno della discarica a partire dallinizio dello sfruttamento stato pari a 1.000.000 m3 circa.

8.3

Caratteristiche strutturali dellimpianto

La discarica pu essere suddivisa nelle seguenti aree funzionali:


area di accettazione e registrazione; bacino di coltivazione; 107

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

area dedicata allimpianto di produzione dellenergia elettrica.

Per quanto riguarda il nuovo bacino, la configurazione impiantistica prevede la continuazione dellinvaso esistente e quindi la realizzazione di una vasca a sezione trapezoidale rovesciata a pianta poligonale.

8.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Limpianto offre giornalmente idonea sistemazione ad una media di circa 370 t di rifiuti prodotti dai comuni di: Anguillara Sabazia, Bracciano, Campagnano di Roma, Canale Monterano, Capena, Castelnuovo di Porto, Cerveteri, Civitella S. Paolo, Fiano Romano, Filacciano, Formello, Ladispoli, Magliano Romano, Manziana, Mazzano, Morlupo, Nazzano Romano, Ponzano Romano, Riano, Rignano Flaminio, S. Marinella, S. Oreste, Sacrofano, Torrita Tiberina, Trevignano Romano. La societ pu accettare presso limpianto:

Rifiuti urbani non pericolosi; Rifiuti speciali non pericolosi assimilabili agli urbani nel limite massimo del 30 % delle volumetrie autorizzate.

8.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

LImpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti, tale linea verr opportunamente potenziata con la realizzazione del nuovo invaso. La torcia di combustione del biogas di tipo a camera aperta con combustione libera in atmosfera.

108

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Allinterno dellimpianto prevista linstallazione di due nuovi gruppi di elettrogenerazione al posto di quello esistente, tali gruppi elettrogeni saranno alimentati con il biogas proveniente dalla centrale di aspirazione, mediante una condotta opportunamente dimensionata. Le emissioni dellimpianto saranno costituite dai gas di scarico dei nuovi motori e della torcia. Entrambi i motori saranno dotati di un sistema particolare con Termoreattore per labbattimento del CO. Il sistema di drenaggio del percolato costituito da una rete di convogliamento, opportunamente collegata al pozzo di raccolta principale, ubicato nel punto pi depresso del piano basale. Il percolato raccolto andr trattato e smaltito presso lidoneo impianto di trattamento, autorizzato con Decreto Commissariale n.46 del 25/05/2007, attualmente in fase di realizzazione.

Territorio Larea di studio si trova allinterno del territorio dei Comune di Bracciano e Cerveteri. La popolazione residente nel 2008 pari a 52.664 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Bracciano 17.817 Cerveteri 34.847 Totale 52.664 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comuni di Bracciano e Cerveteri Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree portuali Aree urbane Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 14.043 11 320 10.511 1 841 2.224 2 25 11 56 28.045 109

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 4.013 addetti. Comune Numero di addetti Bracciano 2.105 Cerveteri 1.908 Totali 4.013 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla via Settevene Palo (Sp 4a), la quale si raccorda con la via Aurelia (SS1) e con lautostrada Azzurra (E 80), dalla linea ferroviaria Cerveteri Ladispoli e dal servizio Metropolitano di Roma. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fosso delle Cadute (Rio Palidoro), il Fosso Sanguinara e il Fosso Vaccina, tutti appartenenti al bacino idrografico Mignone Arrone Sud.

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Bracciano e Cerveteri Fosso delle Cadute (Rio Palidoro) Fosso Sanguinara Fosso Vaccina

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km]

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 0,05 25,1 16,46 21,1 17,40 21,5

(fonte Regione Lazio)

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Naturale Regionale Bracciano - Martignano (Caldara 0,77 di Manziana) Parco Naturale Regionale 5.046,46 Bracciano - Martignano Monumento Naturale Palude di 21,94 Torre Flavia 5.069,17
(fonte Regione Lazio)

Comune

Bracciano

Cerveteri Totale

110

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Comune

Bracciano

Cerveteri

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Caldara di Manziana 0,77 SIC Monte Paparano 146,30 SIC Faggete di Monte Raschio e Oriolo 77,33 SIC Lago di Bracciano 2.229,44 ZPS Compr. BraccianoMartignano 5.328,75 ZPS Comprensorio TolfetanoCerite-Manziate 6.388,37 SIC Monte Tosto 62,40 SIC Sughereta del Sasso 110,55 ZPS Torre Flavia 21,94 ZPS Comprensorio TolfetanoCerite-Manziate 5372,43 19.738,27
(fonte Regione Lazio)

8.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura che si trovano nellarea; sono presenti 1 stazione di monitoraggio dei laghi ed 1 stazione di monitoraggio per le acque sotterranee. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente.

111

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Laghi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Acque sotterranee 1 2 3 4 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 0 (1) Elevato Buono Sufficiente Scadente Naturale o Particolare Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

(1) se la presenza di tali sostanze di origine naturale, cos come appurato dalle Regioni o dalle Provincie autonome, verr automaticamente attribuita la classe 0.

Rappresentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
Assente assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.
Codice Punto di campiona mento 4.26 58.12 S.28 Corso dacqua/stazione di campionamento Lago di Bracciano (centro lago) Termini Qualit 2006 Stato ecologico 2 2 Sost. pericolose Assente Presente Qualit 2007 Stato ecologico 2 2 Sost. pericolose Assente Presente Qualit 2008 Stato ecologico 3 2 Sost. pericolose Assente Assente

Bacino idrografico Arrone (ARS) Mignone

Tipologia

Lago Acque sotterranee

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Qualit 2009 Stato ecologico 2 2 Sost. pericolose Assente Presente* Qualit 2010 Stato ecologico 2 3 Sost. pericolose Assente Presente

cino idrografico

Codice Punto di campionamento

Tipologia

Corso dacqua/stazione di campionamento Lago di Bracciano (centro lago) Termini

Arrone (ARS) Mignone

4.26 58.12 S.28

Lago Acque sotterranee

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

112

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

DISCARICA

Figura 8.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio della qualit delle acque rispetto alla discarica di Bracciano.

8.7

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e Ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 35 stazioni fisse. Nei Comuni di Bracciano e Cerveteri non sono presenti stazioni di monitoraggio della qualit dellaria. Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Bracciano e Cerveteri le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle riguardanti listruzione (1.202 addetti che rappresentano circa il 30 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 411 addetti (circa il 10 % del totale). 113

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, itticultura e servizi connessi Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 12 11 209 83 231 411 162 373 113 127 351 1.202 580 148 4.013

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Non sono presenti nellarea impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int).

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Inquinante [T/anno] NH3 NMHC NOX 226 913 667 5317 53349 55629 17163 94062 89292

Comuni Bracciano e Cerveteri Provincia di Roma Regione Lazio

CO 3069 181122 275121

PM10 131 8103 13873

SO2 25 13082 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

114

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.

Abitanti Posti in Popolazione letto Popolazione Popolazione Lavoratori seconde presente alberghi, Ristoranti residente in case e studenti Comune case non campeggi e bar nel 2008 sparse pendolari (non residente e alloggi destinate per turisti a turisti) Bracciano 17.816,5 638 -2.025 99 1.796 1.581 4.507,38 Cerveteri 34.846,5 2.115 -4.399 -1.701 162 16.774 4.463,86 Totali 52.663,0 2.753 -6.424 -1.602 1.958 18.355 8.971,24

Micro industria

Piccola, media e grande industria 1.228,46 955,58 2.184,04

Abitanti Abitanti equivalenti equivalenti totali totali urbani (Aet) (Aetu) 25.172,50 54.331,44 79.503,94 26.400,96 55.287,02 81.687,98

759,619 2.070,079 2.829,698

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

115

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D8 Cupinoro/Bracciano

COMUNE Bracciano Cerveteri TOTALE

Popolazione residente nel 2008 17.817 34.847 52.664

Produzione rifiuti urbani [t] 10.761 21.047 31.808

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

116

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

9 9.1

D9 - CIVITAVECCHIA Localizzazione e Scheda Tecnica

DISCARICA

9.1. Posizione della discarica nellarea del comune di Civitavecchia.

Scheda tecnica Discarica Fosso Crepacuore - Comune Civitavecchia (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Adeguamento al D. Lgs. 36/2003 Operazioni autorizzate CER autorizzati Volumetria residua al 31.12.2008 (m3) Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Recupero energetico biogas Discarica per rifiuti non pericolosi Fosso Crepacuore Civitavecchia (RM) Mad srl Etruria Servizi spa Ordinanza n.17 del 18 dicembre 2007 emanata dal Commissario Delegato per lEmergenza Ambientale nel Territorio della Regione Lazio 05 Febbraio 2008 Decreto n. 79 del 23/12/2005 Caratteristiche tecniche generali D1 020501, 020599, 020601, 020704, 030101, 030301, 030307, 030308, 150105, 150106, 150203, 160304, 160306, 160799, 190501, 190599, 190801, 190802, 190805, 191212, 200201, 200203, 200301, 200302, 200303, 200304, 200306, 200307, 200399 44.310 Ampliamenti per 288.000 65.350 360 64.990 Acque sotterranee: Livello falda, Composizione; Percolato: Volume, Composizione; Acque superficiali: Composizione; Qualit Aria; Dati meteoclimatici: precipitazioni, temperatura, Dir. E vel. Vento, evaporazione, umidit atmosferica

117

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Scheda tecnica Discarica Fosso Crepacuore - Comune Civitavecchia (RM)


Tipo di processo Tecnologia utilizzata Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia autoconsumata Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Flussi di materiali anno 2008 Quantitativo di rifiuto conferito t/a (anno 2008) Quantit di percolato prodotto m3 (anno 2008) Quantit di biogas prodotto (anno 2008) Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note 36.081 777 0 Impianti di trattamento 365 365 Altre informazioni Invio ad impianti di trattamento Aspirazione del biogas e combustione Gruppi elettrogeni Produzione energia elettrica

9.2

Descrizione dellassetto attuale della discarica

La discarica, classificata come discarica per rifiuti non pericolosi inizia la propria attivit a partire dal 05 febbraio 2008. La discarica costituita da due lotti di capacit complessiva netta pari a 87.378 m3, in grado di ricevere nei limiti delle quote assentite, un quantitativo di rifiuti stimato in 78.640 t circa La volumetria residua al 31 dicembre 2008 risultava essere pari a circa 44.310 m3, ai quali andranno aggiunti 288.000 m3 previsti dalla richiesta di ampliamento per la realizzazione di un nuovo invaso, che andr ad occupare una superficie di circa 66.000 m2. Il nuovo invaso di propriet della Mad s.r.l. verr gestito dalla Etruria Servizi S.p.a. 9.3 Caratteristiche strutturali dellimpianto

Limpianto sar costituito strutturalmente da due corpi distinti, il primo in fase di sfruttamento ed il secondo in fase di istruttoria, gestito in modo analogo al precedente. La discarica pu essere suddivisa nelle seguenti aree funzionali:

area di accettazione e registrazione; bacino di compattazione e coltivazione;

118

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

9.4

Provenienza e tipologia dei rifiuti

Nel suo complesso, limpianto si configura quindi quale naturale prosecuzione della vecchia discarica comprensoriale, attualmente in via di esaurimento, nelle quale confluiscono i rifiuti provenienti dai comuni di Civitavecchia, Tolfa e Allumiere, pi una quota parte proveniente dalla raccolta rifiuti svolta allinterno del Porto di Civitavecchia. Per quanto riguarda le tipologie, possono essere accettati:

rifiuti urbani non pericolosi; rifiuti speciali non pericolosi assimilabili agli urbani nel limite massimo del 30 % delle volumetrie autorizzate.

9.5

Sistemi di mitigazione degli inquinanti

LImpianto dotato di una linea tecnologica per la captazione e lestrazione del biogas, prodotto dalla degradazione anaerobica dei rifiuti. La discarica sar dotata di un sistema destinato alla produzione di energia elettrica mediante due gruppi elettrogeni con potenza elettrica di targa pari a 1030 kW ciascuno, alimentati mediante biogas prodotto dalla discarica, derivante dalla digestione della frazione biodegradabile dei rifiuti solidi urbani. Limpianto dotato inoltre di Torce ad alta temperatura, per bruciare il biogas prodotto dalla fermentazione anaerobica dei rifiuti, evitando la dispersione dello stesso in atmosfera. In particolare, nel caso in cui la portata di biogas estratto dalla discarica superiore al fabbisogno energetico massimo dei gruppi di generazione, o in caso di mancato funzionamento dei gruppi elettrogeni, si procede alla combustione in torcia, in modo da garantire costantemente il mantenimento delle condizioni di sicurezza della discarica. Il sistema di drenaggio del percolato costituito da una rete ramificata di collettori micro fessurati posti sul fondo della discarica. Il percolato prodotto viene convogliato, tramite tubazioni interrate, allinterno di appositi serbatoi, dove successivamente verr prelevato ed inviato al trattamento presso gli impianti autorizzati.

Territorio Larea di studio si trova allinterno del territorio del Comune di Civitavecchia. La popolazione residente nel 2008 pari a 52.061 abitanti.

119

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Comune Civitavecchia Totale provincia di Roma Totale Regione Lazio

Popolazione residente nel 2008 52.061 4.085.789 5.593.864

(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comune di Civitavecchia Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree portuali Aree urbane Bacini artificiali Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 3.321 3 406 2.442 60 619 6 3 23 61 242 101 7.288

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 11.522 addetti.

Comune Numero di addetti Civitavecchia 11.522 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dal Raccordo Civitavecchia Viterbo, dalla via Aurelia Nord e dalla linea ferroviaria Roma Civitavecchia. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea presente il Fosso Marangone appartenente al bacino idrografico Mignone Arrone Sud.

120

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Fiumi torrenti e fossi Comune di Civitavecchia Fosso Marangone

Lunghezza del tratto nel Comun di Civitavecchia [Km] 2,2


(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [Km] 14,1

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Comune Civitavecchia Totale
(fonte Regione Lazio)

Denominazione ZPS Comprensorio TolfetanoCerite-Manziate

Superficie comunale che ricade nel SIC/ZPS [ha] 1.852,11 1.852,11

9.6

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, non sono presenti stazioni di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda).

9.7

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo.

121

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nel comune di Civitavecchia presente una stazione di monitoraggio della qualit dellaria, che nel periodo 2006-2010 ha registrato sempre valori inferiori ai limiti previsti dalla normativa.

Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Civitavecchia Inquinanti Dato media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio CO Valore limite (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno
3

2006 0,5

2007 0,5

2008 0,5

2009 0,5

2010 0,3

numero superamenti

media annua [g/m3] Biossido di Azoto - NO2

34

31

25

26

25

numero superamenti

media annua [g/m3] Particolato atmosferico PM10

40 g/m3 50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno


3

27

26

25

24

22

numero superamenti

11

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3]

20 g/m3

3,3

3,1

2,3

0,8

Fattori di pressione

Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio del comune di Civitavecchia le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle riguardanti i trasporti, il magazzinaggio e le comunicazioni (2.148 addetti che rappresentano circa il 19 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 1.336 addetti (circa il 12 % del totale).

122

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, itticoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 30 60 7 802 610 646 1.336 308 2.148 296 587 1.608 1.377 1.228 479 11.522

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nel comune di Civitavecchia presente linfrastruttura portuale che generando un elevato traffico passeggeri e merci rappresenta un significativo fattore di pressione ambientale. Nellarea sono presenti due impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata

Ambientale (ai sensi del D.lgs 59/2005 succ. mod e int) appartenenti alla seguente categoria: Centrali termiche ed altri impianti di combustione

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Un significativo contributo al totale delle emissioni annue rappresentato dalla movimentazione delle navi nellarea portuale e dalla produzione di energia elettrica delle centrali a metano e a carbone presenti nel comune. 123

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Comune Civitavecchia Provincia di Roma Regione Lazio

CO 12027 181122 275121

Inquinante [t/anno] NH3 NMHC NOX 96 4629 8441 5317 53349 55629 17163 94062 89292

PM10 638 8103 13873

SO2 5720 13082 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Abitanti Posti in Abitanti Popolazione letto Piccola, Abitanti Popolazione Popolazione Lavoratori equivalenti seconde presente media e equivalenti alberghi, Ristoranti Micro residente in case e studenti Comune case totali non campeggi e bar industria grande totali nel 2008 sparse pendolari (non urbani residente e alloggi industria (Aet) destinate (Aetu) per turisti a turisti) Civitavecchia 52061 1.207 -1.367 250 2.068 2.795 12942 4007 93089 73962 167051 Totali 52061 1.207 -1.367 250 2.068 2.795 12942 4007 93089 73962 167051

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

124

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI D9 Fosso Crepacuore/Civitavecchia

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

COMUNE Civitavecchia TOTALE

Popolazione residente nel 2008 52.061 52.061

Produzione rifiuti urbani [t] 31.445 31.445

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

125

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Termovalorizzatori

TERMOVALORIZZATORI

126

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

10 T1 SAN VITTORE DEL LAZIO 10.1 Localizzazione e Scheda Tecnica

TERMOVALORIZZATORE

Figura 20.1. Posizione del termovalorizzatore nellarea di San Vittore del Lazio.

Scheda Tecnica Termovalorizzatore 2008


Localizzazione Ragione sociale Data attivazione impianto Operazioni Autorizzate Autorizzazione Valle Porchio, San Vittore (FR) EALL srl facente parte del gruppo ACEA spa 01/08/2002 Recupero energetico D.Lgs.: n72 del 25/07/2007, n2 del 13/03/2008, n35 del 30/06/2008 Prot. nd2/2S/05/66679 fascicolo 64/F/VIA, emesso dalla Regione Lazio il 20/04/2007; Prot. n101346/2S/04, emesso dalla Regione Lazio il 18/06/2007. 19 12 10 (CDR) 304.150 t/a 70.000 / 80.000 t/a 50.422 m2 6.712 m2 43.710 m2 Temperatura, Portata, Velocit fumi, Pressione, Livelli, Ossigeno, Inquinanti

Riferimenti VIA CER autorizzati Capacit autorizzata Potenzialit esistente Superficie totale Superficie coperta Superficie scoperta Parametri di controllo del processo

127

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Parametri monitorati in continuo Trattamento combustione Tipo di processo Tecnologia utilizzata

HCl, CO, NOx, SO2, TOC, Polveri (temperatura, pressione ossigeno per la normalizzazione) Portata flusso emissioni gassose

Termovalorizzazione Forno a griglia raffreddato ad acqua Ceneri leggere (6%); scorie-ceneri pesanti Scarti Prodotti (% del combustibile utilizzato) (13%) Produzione di Energia Elettrica Tecnologia utilizzata Turbina ad espansione Produzione lorda 78.492 MWh Produzione netta 70.072 MWh Energia autoconsumata 8.800 MWh Energia richiesta alla rete 380 MWh Energia ceduta alla rete 70.072 MWh Incentivazioni CIP 6 (0,2108/KWh per il 2008) Flussi materiali Quantitativo di rifiuti conferiti nel 2008 72.675 t/a Ceneri (CER 190113):4.805 (t) Scorie (CER Quantit rifiuti prodotti 190112): 8.937 (t) Ceneri - Impianto di trattamento Destinazione finale rifiuti prodotti Scorie - Discarica Altre informazioni Registrazione/Certificazione EMAS, ISO 14001 Giorni/Anno funzionamento effettivi 310

10.2 Descrizione sintetica del processo Il termovalorizzatore un impianto industriale che utilizza come combustibile i rifiuti, denominato CDR (Combustibile Derivato dai Rifiuti), con due obiettivi: eliminarli e produrre energia con il calore generato dalla loro combustione. E' essenzialmente composto da un forno all'interno del quale viene bruciato il CDR, a volte anche con l'ausilio di fanghi essiccati provenienti da depuratori civili e di pulper di cartiera1, che servono ad innalzare la temperatura di combustione nel caso il CDR non abbia sufficienti caratteristiche di potere calorifico. Il calore prodotto porta alla vaporizzazione dell'acqua in circolazione nella caldaia posta a valle, e il vapore cos generato aziona una turbina ad espansione che trasforma l'energia termica in energia elettrica.

Residuo tipico dell'industria cartaria derivante dal trattamento della carta da macero.

128

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Dopo la combustione, i fumi caldi passano in un sistema multi-stadio di filtraggio per l'abbattimento del contenuto di agenti inquinanti sia chimici che solidi; successivamente al trattamento e al raffreddamento i fumi vengono rilasciati in atmosfera a circa 140 C. Le sezioni tecnologiche principali dellimpianto possono essere schematizzate in: sezione di ricezione rifiuti, stoccaggio ed alimentazione; linea di combustione con forno a griglia mobile raffreddata ad acqua; generatore di vapore; linee di trattamento fumi; sezione di recupero energetico; stoccaggio ceneri leggere e scorie; unit ausiliarie e servizi.

10.3 Potenzialit dellimpianto Limpianto alimentato da circa 300 tonnellate al giorno di combustibile: ha lautorizzazione per ricevere fino a 304.150 t/anno di CDR, la potenzialit esistente di 70.000 80.000 t/anno di rifiuti ammessi in funzione della variabilit del potere calorifico. Lenergia prodotta in un anno, al netto dei consumi necessari al funzionamento delle varie parti dellimpianto e dei servizi ausiliari, viene ceduta al GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) ed pari a circa 70.000 MWh. Sono previsti la realizzazione di altre due linee di trattamento e ladeguamento della linea esistente con il miglioramento del tratto-fumi. Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei Comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio. La popolazione residente nel 2008 pari a 42.873 abitanti.

Comune Cassino Cervaro San Vittore nel Lazio Totale Totale Provincia di Frosinone Totale Regione Lazio

Popolazione residente nel 2008 32.962 7.187 2.725 42.873 495.866 5.593.864

(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

129

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.
Uso del suolo comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree urbane Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 8.316 3 364 5.132 991 7 63 16 107 15.000

Le attivit economiche presenti nellarea coinvolgono complessivamente 11.350 addetti.


Comune Cassino Cervaro San Vittore nel Lazio Totali Totale provincia di Frosinone Totale Regione Lazio Addetti 10.414 507 429 11.350 101.565 1.291.766

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallautostrada del Sole (A1) dalla via Casilina (SS6), e dalla linea ferroviaria Roma-Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fiume Gari e il Fiume Rapido appartenenti al bacino idrografico del Liri Garigliano.
Fiumi torrenti e fossi Comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio Fiume Gari Fiume Rapido Lunghezza del tratto nei Comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio [Km] 15,2 12,8
(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [Km] 17,29 31,22

Allinterno dellarea oggetto di studio, non sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela.

130

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

10.4 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea; ci sono 2 stazioni di monitoraggio delle acque fluviali ed una stazione di monitoraggio per le acque sotterranee. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi, dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (Stato Ecologico) 1 2 3 4 5 Acque Sotterranee 1 2 3 4 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 0 (1) Elevato Buono Sufficiente Scadente Naturale o Particolare Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

1) se la presenza di tali sostanza di origine naturale, cos come appurato dalle Regioni o dalle Provincie autonome, verr automaticamente attribuita la classe 0.

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.

131

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Assente

Presente

assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee. Fiumi (Stato Ecologico)

Bacino idrografico Liri Garigliano Liri Garigliano

Codice Punto di campiona mento 1.18 1.19

Tipologia

Corso dacqua/stazion e di campionamento Fiume Rapido Fiume Gari

Qualit 2006 Stato ecologico 2 3 Sost. pericolose Assente Assente

Qualit 2007 Stato ecologi co 2 2 Sost. pericolos e Assente Assente

Qualit 2008 Stato ecologico 3 2 Sost. pericolos e Assente Assente

Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Rapido Fiume Gari Qualit 2009 Stato ecologico 2 3 Sost. pericolose Assente Assente Qualit 2010 Stato ecologico 2 3 Sost. pericolose Assente Assente

Bacino idrografico Liri - Garigliano Liri - Garigliano

Codice Punto di campionamento 1.18 1.19

Tipologia

Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Acque Sotterranee
Codice Punto di campiona mento S19 Corso dacqua/stazi one di campionamen to Gari Opera di presa Qualit 2006 Chimico di base 2 Sost. pericolose Assente Qualit 2007 Chimico di base 4 Sost. pericolose Assente Qualit 2008 Chimico di base 2 Sost. pericolose Assente

Bacino idrografico Liri Garigliano

Tipologia

Acque sotterranee

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Liri - Garigliano Codice Punto di campiona mento S19 Tipologia Acque sotterranee Corso dacqua/stazione di campionamento Gari Opera di presa Qualit 2009 Chimico di base 2 Sost. pericolose Assente Qualit 2010 Chimico di base 2 Sost. pericolose Assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

132

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Sorgente Gari S19

TERMOVALORIZZATORE

Bacino Idrografico Liri-Garigliano

Figura 10.2. Posizione dei punti di campionamento e del bacino idrografico rispetto a San Vittore del Lazio e al termovalorizzatore.

10.5 Qualit dellaria LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio, presente 1 stazione di monitoraggio, ubicata nel comune di Cassino. Tale stazione di monitoraggio ha registrato nel periodo 2006-2009 per il particolato atmosferico (PM10) valori superiori ai limiti previsti dalla normativa.

133

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Cassino Inquinanti Stazione Dato media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio - CO Cassino numero superamenti media annua [g/m3] Cassino Valore limite (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 2006 2007 2008 2009 2010 1,2 0,9 0,8 0,8 n.d.

n.d.

59

57 12 36 54

50 0 37 62

46 0 36 63

45 0 31 47

Biossido di Azoto - NO2

Particolato atmosferico PM10

Cassino

Ossidi di Zolfo - SO2

Cassino

200 g/m3 da numero non superare pi 0 superamenti di 18 volte lanno media annua 40 g/m3 [g/m3] 50 g/m3 da non Numero superare pi di superamenti 35 volte lanno Media annua nel periodo 1 20 g/m3 1,1 ottobre - 31 marzo [g/m3]
(fonte: ARPA Lazio)

1,2

1,4

1,4

0,8

(*) non previsto dalla normativa

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Cassino, Cervaro e San Vittore nel Lazio le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle manifatturiere (3.135 addetti che rappresentano circa il 27 % del totale). Le attivit di tipo commerciale impegnano 694 addetti (circa il 6 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Numero addetti 40 5 3.135 227 767 694 134

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Tipologia attivit Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 201 878 260 880 841 1.818 1.131 473 11.350

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea sono presenti due impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenenti alla seguenti categorie: 6.1. Impianti industriali destinati alla fabbricazione: b) di carta e cartoni con capacit di produzione superiore a 20 tonnellate al giorno; 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno.

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

Comune Cassino, Cervaro e San Vittore del Lazio Provincia di Roma Provincia di Frosinone Regione Lazio

CO 3.483 181122 34234 275121

NH3 146 5317 3015 17163

Inquinante [t/anno] NMHC NOX 975 53349 12429 94062 1.132 55629 12624 89292

PM10 134 8103 1854 13873

SO2 29 13082 695 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

135

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Acque Reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.

Comuni

Popolazione residente nel 2008

Popolazione presente non residente

Popolazione in case sparse

Lavoratori e studenti pendolari

Abitanti Posti letto in alberghi, seconde campeggi case (non e alloggi destinate per turisti a turisti)

Ristoranti e bar

Micro industria

Piccola, media e grande industria

Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu)

Abitanti equivalenti totali (Aet)

Cassino Cervaro San Vittore del Lazio Totali

32.962,0 7.186,5 2.724,5 42.873,0

1.252 132 61 1.445

-4.289 -1.494 -662 -6.445

3.990 -525 -103 3.362

1.812 19 0 1.831

3.425 1.823

8.907,83 2.493,358 28.131,77 742,39 1.354,107 291,16

50.553,19 78.684,96 9.238,00 9.529,16 3.887,46 4.577,14 63.678,64 92.791,25

470 433,50 963,455 689,68 5.718 10.083,72 4.810,920 29.112,61

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il dato regionale 2007 di produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).

136

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T1 San Vittore del Lazio

Comuni Cassino Cervaro San Vittore nel Lazio Totali

Popolazione residente nel 2008 32.962 7.187 2.725 42.874

Produzione rifiuti urbani [t] 19.909 4.341 1.646 25.896

La raccolta differenziata della provincia di Frosinone stata pari al 4,1 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 152/2006 succ. mod e int. che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

137

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

11 T2 - COLLEFERRO 11.1 Localizzazione e Scheda Tecnica Colleferro - Impianto di termovalorizzazione del CDR Mobil service / EP Sistemi

TERMOVALORIZZATORE

Figura 11.1.Posizione del termovalorizzatore nellarea del comune di Colleferro.

Scheda tecnica. Impianto di termovalorizzazione Colle Sughero - Colleferro (RM)


Descrizione Ubicazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione (Riferimento, Scadenza) Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate per le due linee CER autorizzati Capacit autorizzata t/a (anno 2008) Potenzialit esistente t/a Superficie totale per le due linee (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio per le due linee (m3) Termovalorizzatore Colleferro, Colle Sughero (Roma) Colleferro (RM) 1 linea: EP Sistemi spa, 2linea: Mobilservice 1 linea: Gaiagest srl, 2linea: Gaiagest srl 1 linea: n.d. (in fase di rilascio AIA) 2 linea: nd 1 linea Giugno 2003 e 2linea Dicembre 2002 Caratteristiche tecniche generali R1 CDR - Combustibile derivato da Rifiuti (CER 19.12.10) 1 linea: 110.000; 2 linea: 110.000 1 linea: 72.000; 2 linea: 72.000 30.000

Temperatura, Pressione , Ossigeno uscita caldaia, Portata aria primaria e secondaria, Portata acqua alimento, Portata vapore in caldaia e parametri di emissioni al camino Secondo D. Lgs. 133/05 (CO-HCl-NOx-Polveri-TOC-O2-HF-SO2- UmiditPressione-Temperatura-Portata) 1.200 Trattamento combustione

138

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Scheda tecnica. Impianto di termovalorizzazione Colle Sughero - Colleferro (RM)


Tipo di processo Tecnologia utilizzata % scarti prodotti Tecnologia utilizzata Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia necessaria allimpianto Energia autoconsumata Energia richiesta alla rete Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/anno anno 2008 Quantit rifiuti prodotti t/anno anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 1 linea: 55.562 MW; 2 linea: 58.565 MW 1 linea: nd; 2 linea: 9.497,4 MW 1 linea: nd; 2 linea: 9.497,4 MW 1 linea: 645 MWh, 2 linea: 408 MWh 1 linea: 55.562 MW, 2 linea: 58.565 MW CIP6 Flussi di materiali anno 2008 1 linea : 63.809 (CER 19 12 10) ; 2 linea : 70.661 (CER 19 12 10) 1 linea: 7.961 (CER 19 01 12 Scorie), 4.451 (CER 19 01 13* - Ceneri); 2 linea: 8.338(CER 19 01 12 Scorie) 4.387 (CER 19 01 13* - Ceneri) 19 01 12 Scorie (96,6% c/o recupero 3,4% in peso c/o impianto di smaltimento;) 19 01 13* - Ceneri (100% in peso c/o impianto di smaltimento) 1 linea: 308; 2 linea: 308 1 linea: 290; 2 linea: 311 Altre informazioni Spray adsorber (abbattimento acidi, microinquinanti organici e inorganici), Filtro a maniche, DeNOx Termovalorizzazione forno a griglia raffreddato ad acqua 7% ceneri leggere; 12% scorie/ceneri pesanti Produzione di energia elettrica Turbina ad espansione.

Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione

Note

Le sezioni principali dellimpianto sono quattro: - sezione di ricezione e stoccaggio dei combustibili. - Sezione di combustione. - Sezione di recupero termico. - Sezione di recupero energetico.

11.2 Descrizione dellassetto attuale dellimpianto Limpianto occupa una superficie di circa 30.000 m2, ed costituito da due linee di trattamento, la I linea gestita dalla Societ EP Sistemi S.r.l., la II linea gestita dalla Societ MobilService S.r.l.. 11.3 Descrizione sintetica del processo Il termovalorizzatore un impianto utilizzato principalmente per lo smaltimento dei rifiuti mediante un processo di combustione ad alta temperatura, finalizzato alla produzione di energia. Il combustibile principale il CDR, ovvero Combustibile Derivato da Rifiuti.

139

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

11.4 Potenzialit dellimpianto Limpianto di termovalorizzazione di Colleferro concepito per produrre energia elettrica da CDR e/o altri combustibili ammessi, costituito da due linee di incenerimento ben distinte, ciascuna delle quali autorizzata allo smaltimento di 110.000 t/anno di CDR (Combustibile Derivato da Rifiuti), corrispondenti a una quantit complessiva massima giornaliera pari a circa 334 t/giorno. La sezione di recupero energetico prevede la produzione di energia elettrica e termica. Lenergia elettrica prodotta viene immessa nella rete elettrica pubblica ed in minima parte destinata ad autoconsumi interni. Il calore contenuto nei fumi di combustione viene recuperato in un generatore di vapore, ed il vapore cos prodotto alimenta una turbina a reazione dotata di alternatore (sistema turboalternatore) per la produzione di energia elettrica. 11.5 Provenienza e tipologia dei rifiuti

Limpianto di Termovalorizzazione autorizzato a trattare, unicamente il rifiuto speciale non pericoloso, di seguito riportato: CER 19 12 10 - Rifiuti combustibili (CDR: combustibile derivato da rifiuti). Le operazioni di gestione autorizzate sul rifiuto di cui sopra, sono richiamate di seguito: R 1 Utilizzazione principale come combustibile o come altro mezzo per produrre energia; R 13 Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R 1 a R 12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti). La societ, a parit di condizione, nel rispetto del principio comunitario cosiddetto di prossimit, recepito dal D.Lgs 152/06 comma 3 lettera d) dellart. 199, dovr dare priorit di accesso, fino al completamento della capacit produttiva, ai suddetti rifiuti (cod. C.E.R. 191210) provenienti da impianti operanti nella Regione Lazio ed in particolare, essendo limpianto necessario per la

140

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

chiusura del ciclo di recupero/smaltimento dei rifiuti urbani del Lazio, agli impianti allo stesso ciclo dedicati. 11.6 Sistemi di mitigazione degli inquinanti Il generatore di vapore provvisto di sistemi per la pulizia dei tubi vaporizzatori, su questi infatti, si depositano le polveri contenute nei fumi ed occorre rimuoverle periodicamente; le polveri prodotte dalla pulizia delle caldaie sono unite a quelle separate dal sistema filtro a maniche e a quelle provenienti dallabbattimento dei gas acidi e dei microinquinanti (SprayAdsorber) denominate nellinsieme polverino.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Segni e Valmontone nella Provincia di Roma e dal territorio del comune di Paliano nella Provincia di Frosinone. La popolazione residente nel 2008 pari a 73.445 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Artena 13.384 Colleferro 21.964 Genazzano 5.902 Paliano 8.179 Segni 9.362 Valmontone 14.655 Totale 73.445 Totale Provincia di Roma 4.085.789 Totale Provincia di Frosinone 495.866 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.

Uso del suolo comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Aree agricole Aree industriali e commerciali

Superficie [ha] 17.608 602 141

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Uso del suolo comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Aree naturali Aree urbane Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale

Superficie [ha] 8.717 1.398 27 9 76 42 20 28.499

(fonte: Regione Lazio)

Le attivit economiche presenti nellarea coinvolgono complessivamente 11.353 addetti.

Comune Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali Totale provincia di Roma Totale provincia di Frosinone Totale Regione Lazio

Addetti 921 6.688 459 1.465 850 970 11.353 1.030.955 101.565 1.291.766

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallautostrada Roma-Napoli, dalla via Casilina (SS6), dalla via Tuscolana (SS215), dalla linea ferroviaria Roma-Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il fiume Sacco appartenente allomonimo bacino idrografico, e il fosso Savo (o fosso Centogocce) appartenente al bacino del Sacco. Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 91,5 13,7 142

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Fiume Sacco Fosso Savo o Centogocce

Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Montefiascone [km] 23,7 8,0
(fonte Regione Lazio)

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Monumento Naturale Lago di 158,62 Giulianello Parco Naturale Regionale Castelli 3,80 Romani 25,19 Monumento Naturale La Selva 187,61
(fonte Regione Lazio)

Comune

Artena Genazzano Totale

Comune Artena Colleferro Segni Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Cerquone - Doganella 6,63 SIC Maschio dell'Artemisio 0,07 ZPS Monti Lepini 831,73 ZPS Monti Lepini 410,20 ZPS Monti Lepini 3.340,50 4.589,13
(fonte Regione Lazio)

11.7 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. In questo caso per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, sono presenti 2 stazioni di monitoraggio delle acque fluviali.

143

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi, dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (Stato Ecologico)

1 2 3 4 5

Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5

Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit. assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente

Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee. Fiumi
Bacino idrografico Sacco Sacco Codice Punto di campiona mento 4,15 4,16 Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Sacco Fosso Savo Qualit 2006 Chimico base 4 5 Sost. pericolose Assente Assente Qualit 2007 Chimico base 4 5 Sost. pericolose Assente Assente Qualit 2008 Chimico base 3 5 Sost. pericolose Assente Presente*

Tipologia

Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Codice Punto di campionamen to 4,15 4,16 Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Sacco Fosso Savo Qualit 2009 Chimico base 3 5 Sost. pericolose Assente Presente* Qualit 2010 Chimico base 3 5 Sost. pericolose Assente Assente

Bacino idrografico Sacco Sacco

Tipologia Fiume Fiume

144

PROGRAMMA ERAS LAZIO (fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

*presenza solo di Arsenico con valori superiori al limite previsto.

4.16 Fosso Savo 4.15 Fiume Sacco TERMOVALORIZZATORE

Bacino Idrografico Sacco

Figura 11.2.Posizione dei punti di campionamento rispetto al termovalorizzatore.

11.8 Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone, sono presenti 3 stazioni di monitoraggio, due delle quali sono ubicate nel comune di Colleferro e una nel comune di Segni. Le stazioni di monitoraggio hanno registrato nel periodo 2006-2009 valori sempre inferiori ai limiti previsti dalla normativa, tranne che per il particolato atmosferico (PM10) ed il biossido di azoto. 145

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Colleferro (stazioni 010 e 011) e Segni (038) Inquinanti Stazione Dato media annua [mg/m3] numero superamenti media annua [g/m3] numero superamenti media annua [g/m3] numero superamenti media annua [g/m3] numero superamenti 010 Colleferro Ozono O3 038 Segni Media annua [g/m3] Numero di superamenti Media annua [g/m3] Numero di superamenti Particolato atmosferico PM10 011 Colleferro media annua [g/m3] Numero superamenti Valore limite (*) 10 mg/m Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno (*) 120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera (*) 120 g/m Media su 8 ore massima giornaliera 40 g/m3 50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno
3 3 3 3 3

2006 0,8

2007 0,7

2008 0,6

2009 0,5

2010 0,4

Ossido di Carbonio - CO

010 Colleferro

010 Colleferro

48 0 47 0 33 0 35 19 44 50 49 105

41 0 44 0 31 0 32 11 42 27 44 99

39 0 35 0 24 0 34 3 41 21 38 62

45 0 42 0 27 0 28 2 37 12 38 67

40 0 34 0 nd 0 38 13 nd 20 35 53

Biossido di Azoto - NO2

011 Colleferro

038 Segni

010 Colleferro

Ossidi di Zolfo SO2

011 Colleferro

038 Segni

Media annua nel periodo 1 20 g/m3 ottobre - 31 marzo [g/m3] Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 20 g/m3 marzo [g/m3] Media annua nel periodo 1 20 g/m3 ottobre - 31 marzo [g/m3] (fonte: ARPA Lazio)

0,9

0,8

0,8

0,6

0,8

0,8

0,9

0,8

0,9

0,9

0,8

0,8

0,8

nd

146

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

(*) non previsto dalla normativa Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle manifatturiere (3.551 addetti che rappresentano circa il 31% del totale) mentre le attivit di tipo commerciale impegnano 846 addetti (circa il 7 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 12 6 3.551 55 718 846 219 759 216 540 704 1.853 1.119 755 11.353

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

147

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Comune Artena, Colleferro, Genazzano, Paliano, Segni e Valmontone Provincia di Roma Provincia di Frosinone Regione Lazio

CO 6845 181122 34234 275121

NH3 387 5317 3015 17163

Inquinante [t/anno] NMHC NOX 1538 53349 12429 94062 4405 55629 12624 89292

PM10 337 8103 1854 13873

SO2 708 13082 695 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Le principali sorgenti di emissione in atmosfera presenti nellarea sono costituite da: Inceneritore di rifiuti EP-Sistemi/Mobil Service; Impianto per la lavorazione e la produzione del cemento; Tratto dellautostrada Roma-Napoli; Emissioni diffuse allinterno dei confini amministrativi del comune di Colleferro. Nellarea sono presenti quattro impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenenti alla seguenti categorie: n.2 impianti - 3.1. Impianti destinati alla produzione di clinker (cemento) in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 500 tonnellate al giorno oppure di calce viva in forni rotativi la cui capacit di produzione supera 50 tonnellate al giorno, o in altri tipi di forni aventi una capacit di produzione di oltre 50 tonnellate al giorno. n.1 impinto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. 148

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

n.1 impianto - 4.6 Impianto chimico per la fabbricazione di esplosivi. Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Popolazion e residente nel 2008 13.384 21.964 5.902 8.179 9.362 14.655 73.445 Popolazione presente non residente 196 578 145 212 231 241 1.603 Popolazione in case sparse 0 -41 -564 -1.645 -1.617 -673 -4.540 Lavoratori e studenti pendolari -658 699 -255 -208 -596 -654 -1.672 Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti 191 75 116 44 207 23 656 Abitanti in seconde case (non destinate a turisti) 1.926 1.500 1.334 1.966 2.683 1.390 10.799 Micro Ristoranti e indust bar ria 1.223 4.609 851 1.346 788 2.854 11.672 604 2.005 270 1.139 1.121 1.159 6.297 Piccola, media e grande industria 1.958 6.844 44 9.640 994 893 20.373 Abitanti equivale nti totali urbani (Aetu) 16.866 31.388 7.799 11.032 12.180 18.994 98.259 Abitanti equivalen ti totali (Aet) 18.824 38.232 7.843 20.672 13.174 19.887 118.632

Comune

Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

COMUNE Artena Colleferro Genazzano Paliano Segni Valmontone Totali

Popolazione Produzione residente nel rifiuti urbani [t] 2008 13.384 8.084 21.964 13.266 5.902 3.565 8.179 4.940 9.362 5.655 14.655 8.851 73.446 44.361

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 %, mentre quella della provincia di Frosinone stata pari al 4,1 % (fonte: Rapporto Rifiuti 2008, ISPRA).

149

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T2 Colle Sughero/Colleferro

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

150

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

12 12.1

T3 - MALAGROTTA Localizzazione e Scheda Tecnica

GASSIFICATORE

Figura 32.1. Collocazione del gassificatore nellarea di Malagrotta.

Scheda tecnica Impianto di gassificazione Malagrotta - Roma


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione (Riferimento, Scadenza) Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata t/anno (anno 2008) Potenzialit esistente t/anno Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Centrale di gassificazione per la produzione di energia elettrica da CDR Malagrotta Roma (RM) Co.La.Ri. (Consorzio Laziale Rifiuti) Autorizzato con determinazione regionale provvisoria ed in attesa di AIA. Determinazione regionale n. A3148 del 24/09/08 04/08/2008 Caratteristiche tecniche generali R1, R13, (D9 da autorizzare) CDR - Combustibile derivato da Rifiuti (CER 19.12.10) 182.500 (tre linee di gassificazione) Una linea, capacit nominale 250 t/g 45.000 14.000 31.000 Contenuto HCl, H2S, potere calorifico del syngas (linea di gassificazione) Contenuto SO2, CO, HCl, N=x e particolato dei fumi (linea produzione energia elettrica) 7.500

151

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Scheda tecnica Impianto di gassificazione Malagrotta - Roma


Tipo di processo Tecnologia utilizzata % scarti prodotti Trattamento combustione Gassificazione Reattore di gassificazione 6% scorie vetrificate Produzione di energia elettrica Tecnologia utilizzata recupero energetico da gas di sintesi,. Ciclo combinato con turbogas e caldaia a recupero con post-combustore 44 MW lordi (nominale con configurazione finale con ciclo combinato: Turbina a gas e ciclo vapore con turbina a vapore)

Produzione lorda (ai morsetti del generatore) Produzione netta Energia necessaria allimpianto Energia autoconsumata Energia richiesta alla rete Energia ceduta alla rete Incentivazioni (cip6, certificati verdi) Quantitativo di rifiuto conferito t/anno -anno 2008 Quantit rifiuti prodotti t/anno anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi

CIP 6 (36 MW) Flussi di materiali anno 2008 9.586 t

Discarica, impianti di trattamento, a recupero i Sali e i fanghi carboniosi 365 gg (due linee su tre) . Altre informazioni Trattamento gas di sintesi: Lavaggio acido, lavaggio basico, elettrofiltrazione a umido, abbattimento H2S con Processo Locat; Trattamento fumi di combustione: SNCR, trattamento a secco con bicarbonato di sodio ( in futuro Trattamento catalitico di NOx, CO, COS); Trattamento acque di processo: precipitazione, sedimentazione, neutralizzazione, scambio ionico, evaporazione multiplo effetto, cristallizzazione dei residui del trattamento (acque recuperate a riutilizzo interno) Limpianto suddiviso in quattro ambiti distinti: Area A: centrale di TermoGassificazione costituita da: - tre linee di Termo Gassificazione del C.D.R.; - una sezione di condizionamento delle acque di processo; - una sezione di pre-compressione del gas di sintesi. Area B: centrale di produzione energia elettrica costituita da: - una sezione di recupero energetico da gas di sintesi, mediante una linea a ciclo combinato con turbogas e caldaia a recupero con post-combustore; - una caldaia a fuoco diretto con ciclo vapore; - una cabina di distribuzione elettrica AT/MT. Area C: sistemi ausiliari Area D: trattamento acque di processo e percolato

Sistemi di trattamento inquinanti

Registrazioni/certificazione

Note

152

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

12.2

Descrizione sintetica del processo

Limpianto di Malagrotta applica il processo di gassificazione; ossia la trasformazione delle frazioni combustibili solide del CDR (Combustibile Derivato da Rifiuti) in un gas e lutilizzo successivo del gas depurato in un sistema di produzione di energia elettrica, costituito da un ciclo combinato con turbina a gas. Il gassificatore costituito da unattivit IPPC (Integrated Pollution Prevention and Control) principale (gassificazione di rifiuti), unattivit IPPC secondaria tecnicamente connessa (produzione di energia elettrica) e tre non IPPC (sistemi ausiliari, trattamento acque di processo e trattamento percolato). Le attivit sono suddivise in quattro ambiti distinti: Area A centrale di Gassificazione: tre linee di Gassificazione del C.D.R.; tre linee di depurazione del gas di sintesi; una sezione di condizionamento delle acque di processo; una sezione di pre-compressione del gas di sintesi

Area B centrale di produzione energia elettrica: una sezione di recupero energetico da gas di sintesi, mediante una linea a ciclo combinato con turbogas e ciclo vapore; una caldaia a fuoco diretto con ciclo vapore; una cabina di distribuzione elettrica AT/MT.

Area C sistemi ausiliari: due impianti di produzione di ossigeno ed azoto; un impianto di stoccaggio ossigeno ed azoto liquidi; un sistema di raffreddamento mediante torri evaporative ed aero-refrigeratori; un impianto di produzione aria compressa.

Area D trattamento acque di processo e percolato: un impianto di trattamento centralizzato delle acque di processo e delle acque di prima pioggia; un impianto di trattamento del percolato di discarica; un impianto per il trattamento delle acque di pozzo. 153

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

12.3

Potenzialit dellimpianto

La potenzialit massima dellimpianto funzione del potere calorifico specifico del rifiuto e risulta comunque limitata dallAIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) concessa pari a 182.500 t/anno di CDR. Limpianto di termogassificazione per la produzione di energia elettrica dal CDR costituito da tre linee di gassificazione per una potenzialit nominale complessiva pari a 11,4 t/ora di rifiuti speciali costituiti da CDR. Provenienza e tipologia dei rifiuti I rifiuti in ingresso allimpianto, provengono esclusivamente dagli impianti denominati Malagrotta 1 e Malagrotta 2, essi vengono pesati, registrati e successivamente scaricati nella fossa di stoccaggio del CDR. Il piazzale di scarico automezzi, provenienti dallimpianto di Malagrotta 1, sopraelevato rispetto al piano dei rifiuti, in area scoperta ed dotato n. 4 portoni del tipo ad impaccamento rapido con una velocit di apertura/chiusura pari a 1 m/sec, mentre il CDR provenite da Malagrotta 2, viene trasferito in fossa mediante nastro trasportatore che alimenta direttamente ed in senso longitudinale, quindi sullintera lunghezza, la fossa principale di accumulo del CDR. Il nastro del tipo carenato in grado quindi di proteggere il combustibile da qualsivoglia evento atmosferico (pioggia, vento) durante il trasferimento dallimpianto di Malagrotta 2 allimpianto di gassificazione. La fossa di stoccaggio dei rifiuti completamente chiusa, ad eccezione delle porte di scarico quando in uso ed mantenuta costantemente in depressione.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio del comune di Roma. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.721.558 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Roma 2.721.558 Totale 2.721.558 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. 154

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Uso del suolo Comune di Roma altro aree aeroportuali ed eliporti aree agricole aree archeologiche aree industriali e commerciali aree naturali aree portuali aree urbane bacini artificiali laghi e bacini reti ferroviarie reti stradali servizi Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 3761 243 61.567 259 9.309 26.092 20 23.441 11 198 366 1.286 1.932 128484

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 842.733 addetti.

Comune Numero di addetti Roma 842.733 Totale 842.733 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada dei Parchi (A24), dallAutostrada del Sole (A1), dalla via Casilina (SS6), dalla Circonvallazione Orientale e dalla linea ferroviaria Roma Napoli.

Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il fiume Tevere, il rio Torto (fosso di Procula), il fosso della Caffarella, il fosso della Magliana, il fosso della Torraccia, il fosso dell'Osa, il fosso di S.Vittorino, il fosso di Tor Sapienza, il fosso Galeria, il fosso Malafede, il fosso Passerano e il rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; il fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud;

155

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Monte Compatri e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Malafede Fosso Passerano Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza del tratto nel Comune di Roma [km] 29,2 25,2 69,1 7,3 18,0 11,1 8,3 4,7 12,7 27,5 17,6 4,6 18,6 0,7
(Fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 119,3 37,3 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 14,9 14,1 27,5 17,6 9,2 32,5 19,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale 61,25 Aguzzano Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum 156

Comune Roma

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Comune

Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta 5.928,99 di Castelporziano 40.893,02
(fonte Regione Lazio)

Comune

Roma

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa 341,68 Pamphili SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di 538,41 Decima ZPS Compr. Bracciano2.181,42 Martignano ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10948,17
(fonte Regione Lazio)

12.4

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato dallARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. 157

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata al territorio in esame si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla definizione, dal punto di vista chimico, del grado di compromissione degli acquiferi per cause naturali e antropiche e alla verifica della presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (Stato ecologico) 1 2 3 4 5 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit. Assente Presente
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

158

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Bacino idrografico Arrone Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere

Codice Punto di campionamento 4.23 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.18 4.19

Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

Corso dacqua/ stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Galeria Fosso Malafede

Stato ecologico
Anno 2006 3 3 3 3 3 3 3 2 5 3 Anno 2007 3 3 4 3 3 3 4 3 5 5 Anno 2008 3 3 4 4 4 3 4 4 5 5 Anno 2009 3 4 4 3 3 3 4 4 5 4 Anno 2010 3 3 4 3 3 3 4 4 5 5

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Arrone Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Codice Punto di campionamento 4.23 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.18 4.19 Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Galeria Fosso Malafede

Sostanze pericolose
Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Presente* Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Presente* Anno 2009 Presente* Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2010 Presente* Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

159

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

GASSIFICATORE

Figura 12.2. Posizione dei punti di campionamento considerati nellarea .

12.5

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 35 stazioni fisse. Nel comune di Roma sono presenti 17 stazioni di monitoraggio tutte ubicate nel comune di Roma; si riportano nella tabella seguente i valori minimi, medi e massimi registrati nel periodo 2006-2010.

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma Inquinanti Dato Valore limite Scala Valore
Minimo Medio Massimo

2006
2,0 4,2 5,8

2007
1,8 3,0 4,3

2008
1,7 2,6 3,4

2009
1,4 2,3 3,3

2010
1,4 2,2 3,3

Benzene C6H6

media annua [g/m3]

5 g/m3

160

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma Inquinanti Dato Valore limite Scala Valore
Minimo

2006
0,6 1,2 1,7 0,0

2007
0,6 0,9 1,3 0,0

2008
0,5 0,8 1,2 0,0

2009
0,5 0,8 1,2 0,0

2010
0,4 0,7 1 0,0

Ossido di Carbonio CO

media annua [mg/m3]

(*)

Medio Massimo

numero superamenti

10 mg/m Media massima giornaliera calcolata su 8 ore Minimo

20,0 68,3 100,0 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5 141,0 1,5 1,5 1,5

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4 116,0 1,7 1,8 1,8

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2 1,3 1,4

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1 1,2 1,3

14,0 52,2 76,0 0,0 3,1 21 37,0 43,5 56,0 3,0 23,9 49,0 24,0 30,6 37,0 8,0 23,5 39,0 0,6 1,0 1,3

media annua [g/m3]

40 g/m3

Medio Massimo

Biossido di Azoto - NO2


numero superamenti

200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno

Minimo Medio Massimo Minimo

Media Annua

(*)

Medio Massimo

Ozono - O3
Numero di superamenti 120 g/m3 Media su 8 ore massima giornaliera

Minimo Medio Massimo Minimo

media annua [g/m3]

40 g/m3

Medio Massimo

Particolato atmosferico PM10


numero superamenti

50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno

Minimo Medio Massimo

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3]

Minimo 20 g/m3 Medio Massimo (fonte: ARPA Lazio)

(*) non previsto dalla normativa 161

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Nellarea di Malagrotta stata installata nel 2010 una stazione di monitoraggio della rete di qualit dellaria. Si riportano nella tabella seguente i valori misurati nel periodo 22/02/2010 28/12/2010. Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Malagrotta dal 22/02/2010 al Inquinanti Dato Valore limite 28/12/2010 Benzene C6H6 media annua [g/m ] media annua Biossido di Azoto NO2 [g/m3] 40 g/m3 22
3

5 g/m3

0.6

200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno media annua [g/m3] 40 g/m3

0 20

Particolato atmosferico - PM10

50 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 35 volte lanno Media annua nel periodo 1 ottobre 31 marzo [g/m3] 20 g/m3

1 Il periodo di misura non consente il calcolo del valore.

Ossidi di Zolfo - SO2

(*) non previsto dalla normativa Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio del comune di Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (142.354 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 121.777 addetti (circa il 14 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicultura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Numero addetti 972 67 786 50.998 8.496 41.869 162

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Tipologia attivit Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 82.400 39.938 97.869 52.303 142.354 121.777 66.002 74.848 62.054 842.733

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nel comune di Roma sono presenti 16 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: n.5 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. n.1 impianto - 2.5.a Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento n.1 impianto - 3.5. Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3 163

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio.

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Inquinante [t/anno] NH3 NMHC NOX 1846 26688 24322 5317 53349 55629 17163 94062 89292

Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio

CO 96984 181122 275121

PM10 4149 8103 13873

SO2 4555 13082 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

164

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Posti Abitanti letto in Abitanti Popolazione Piccola, Abitanti Popolazione Popolazione Lavoratori alberghi, seconde equivalenti presente media e equivalenti Ristoranti Micro in case e studenti campeggi Comune residente case totali non e bar industria grande totali nel 2008 sparse pendolari e alloggi (non urbani residente industria (Aet) per destinate (Aetu) turisti a turisti) Roma 2721558 148.840 -26.657 52.792 127.820 217.637 881577 140562 1281723 4264128 5545851 totali 2721558 148.840 -26.657 52.792 127.820 217.637 881577 140562 1281723 4264128 5545851

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). Popolazione residente nel 2008 2.721.558 2.721.558 Produzione rifiuti urbani [t] 1.643.821 1.643.821 dato regionale 2007 di

COMUNE Roma Totali

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

165

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI T3 Gassificatore Malagrotta

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 (fonte: Rapporto Rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

166

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB

TRATTAMENTO MECCANICO BIOLOGICO

167

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

13

TMB1 - COLFELICE

13.1 Localizzazione e Scheda Tecnica

Trattamento Meccanico Biologico

Figura 43.1. Posizione dellimpianto TMB nel comune di Colfelice.

Scheda tecnica Impianto TMB. S.P. Ortella - Colfelice (FR)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate Impianto trattamento meccanico biologico S.P. Ortella Colfelice (FR) Societ Ambiente Frosinone spa Societ Ambiente Frosinone spa Decreto Commissariale n 25 del 24/06/08 Compatibilit Ambientale rilasciata con nota n prot. 66358/25/04 del 19/04/2006 dallArea VIA della Regione Lazio 1997 Caratteristiche tecniche generali R13; R3; R4; D15; D9 20.03.01 02.05.01 03.01.01 03.01.05 03.03.01 15.01.01 15.01.02 15.01.03 15.01.04 15.01.05 15.01.06 15.01.07 16.01.03 16.01.19 17.02.01 17.02.03 19.07.03 19.12.01 19.12.04 20.01.01 20.01.02 20.01.08 20.01.38 20.01.39 20.01.40 20.02.01 20.03.02 19.12.12 19.12.10 19.08.14 532.158 t/a2 327.000 t/a3 52.000 18.000 34.000 Temperature e Umidit

CER autorizzati

Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo

Di cui per 200301 327.000 t/anno Tale valore fa riferimento unicamente alla capacit di trattamento meccanico biologico del rifiuto urbano indifferenziato CER 200301
3

168

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Scheda tecnica Impianto TMB. S.P. Ortella - Colfelice (FR)


Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m3) Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umida % output Raffinazione % scarti Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Il TMB costituito da 4 linee: - Linea A per la produzione di CDR - Linea B per il trattamento e la valorizzazione della frazione secca da RD e dei semilavorati provenienti dalla linea A - Linea C per il trattamento e recupero dei flussi di frazione umida, verde e mercatali provenienti da RD - Linea D per il trattamento depurativo del percolato e dei reflui prodotti. 8.500 Descrizione del processo triturazione e vagliatura separazione magnetica e vagliatura secondaria 45% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 20% separazione magnetica 15% Flussi di materiali anno 2008 202.791 t 197.769 t Discarica, Impianti di recupero, Impianti di depurazione 348 348 Altre informazioni

Note

13.2 Descrizione sintetica dellimpianto Limpianto in questione sar funzionale al trattamento e al recupero dei RSU (Rifiuti Solidi Urbani) e RSAU (Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilabili) attraverso limplementazione delle seguenti linee: A Linea per la produzione di CDR; Stoccaggio dei rifiuti solidi urbani indifferenziati, incluse le operazioni di cernita e selezione, per la produzione di CDR; Stoccaggio dei rifiuti speciali non pericolosi, incluse le operazioni di cernita e selezione, per la produzione di CDR; Operazioni funzionali alla produzione di CDR.

169

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

B Linea per il trattamento e la valorizzazione della Frazione Secca da R.D. e dei Semilavorati provenienti dalla Linea A; Stoccaggio della frazione secca da R.D. (flussi di mono multimateriale), incluse le operazioni di cernita e selezione; Operazioni funzionali al recupero della carta e della plastica da R.D. e per la raffinazione dei materiali organici provenienti dalla linea A; Operazioni funzionali al recupero dei metalli ferrosi e non ferrosi (alluminio) provenienti da R.D. e per la raffinazione dei materiali metallici provenienti dalla linea A; C Linea per il trattamento e il recupero dei flussi di Frazione Umida, Verde e Mercatali provenienti da R.D. Stoccaggio della frazione umida, verde e mercatali provenienti da R.D., incluse le operazioni di cernita e selezione; Operazioni funzionali alla produzione di compost di qualit. D Linea per il trattamento depurativo del percolato e dei reflui prodotti; Stoccaggio del percolato di discarica proveniente da terzi e dai rifiuti urbani in stoccaggio presso lo stabilimento; Operazioni di trattamento del percolato e dei reflui prodotti nellimpianto attraverso la tecnologia dellosmosi inversa. Limpianto sar dotato, oltrech da specifiche aree di stoccaggio dei rifiuti e delle materie prime seconde ottenute dai cicli di lavorazione interna, di n. 12 aree di carico/scarico dei rifiuti al fine di consentirne laccumulo temporaneo prima di essere sottoposti alle operazioni di selezione e trattamento autorizzate nello stabilimento. 13.3 Potenzialit dellimpianto Limpianto occupa una superficie complessiva pari a circa 52.000 m2. La Societ autorizzata a trattare, presso il proprio impianto TMB, una quantit pari a 532.158 t/anno di rifiuti non pericolosi (1.699 t/giorno). Lo stoccaggio istantaneo massimo consentito presso limpianto pari a 8.481 tonnellate. Le aree funzionali allo stoccaggio dei rifiuti (stoccaggio dei rifiuti in ingresso, dei rifiuti autoprodotti, dei rifiuti in uscita) hanno una capacit complessiva di circa 18.000 m3.

170

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

13.4 Provenienza e tipologia dei rifiuti Limpianto autorizzato a trattare rifiuti urbani e rifiuti speciali, non pericolosi, comprese le frazioni derivanti da raccolta differenziata, provenienti dai Comuni della provincia di Frosinone.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico. La popolazione residente nel 2008 pari a 32.078 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Arce 5.941 Colfelice 1.839 Pontecorvo 13.265 Roccasecca 7.594 San Giovanni Incarico 3.440 Totale 32.078 Totale provincia di Frosinone 495.866 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.

Uso del suolo Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico aree agricole aree industriali e commerciali aree naturali

Superficie [ha] 13.677 233 5.615 171

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

aree urbane bacini artificiali reti ferroviarie reti stradali servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

1.102 84 6 36 26 180 20.958

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 101.565 addetti. Comune Numero di addetti Arce 839 Colfelice 315 Pontecorvo 2.472 Roccasecca 1.573 San Giovanni Incarico 379 Totale 5.578 Totale provincia di Frosinone 101.565 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dallAutostrada del Sole (A1) e dalla via Civita Farnese (SR 82). Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il fiume Sacco appartenente allomonimo bacino idrografico, il fiume Liri (a monte e a valle), il fiume Melfa e la forma di S. Oliva, appartenenti al bacino idrografico del Liri-Garigliano.

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico Fiume Sacco Fiume Liri (a monte) Fiume Liri (a valle) Fiume Melfa Forma di S. Oliva

Lunghezza del tratto nei Comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico [km] 0,01 8,9 24,6 12,4 8,8
(fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 91,5 54,8 45,8 52,6 15,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. 172

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Comune Arce Pontecorvo San Giovanni in Carico Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Antica Citt di Fregellae e Lago 342,72 S. Giovanni Incarico Monti Aurunci 169,94 Antica Citt di Fregellae e Lago 229,36 S. Giovanni Incarico 742,02
(fonte Regione Lazio)

Comune Roccasecca Pontecorvo Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC/ZPS Gole del Fiume Melfa 57,65 ZPS Monti Ausoni e Aurunci 361,05 418,70
(fonte Regione Lazio)

13.5 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. In questo caso per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, presente una stazione di monitoraggio delle acque fluviali. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. 173

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Fiumi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5

Rappresentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.

Assente Presente

assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Per la stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

Bacino idrografico LiriGarigliano

Codice Punto di campiona mento 1,08

Tipologia

Corso dacqua/stazione di campionamento fiume Liri

Qualit 2006 Stato ecologico 4 Sost. pericolose Assente

Qualit 2007 Stato ecologico 3 Sost. pericolose Assente

Qualit 2008 Stato ecologico 3 Sost. pericolose Assente

Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Bacino idrografico

Codice Punto di campionamen to 1,08

Tipologia

Corso dacqua/stazione di campionamento fiume Liri

Qualit 2009 Stato ecologico 4 Sost. pericolose Presente

Qualit 2010 Stato ecologico 4 Sost. pericolose Assente

Liri-Garigliano

Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

174

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Bacino Idrografico Liri-Garigliano

TMB

Figura 13.2. Posizione del punto di campionamento della rete di monitoraggio regionale delle acque rispetto al TMB di Colfelice.

13.6 Qualit dellaria LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico non sono presenti stazioni di monitoraggio della qualit dellaria.

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. 175

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Nel territorio dei comuni di Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo manifatturiere (1.254 addetti che rappresentano circa il 27 % del totale). Le attivit commerciali allingrosso e al dettaglio impegnano 778 addetti (circa il 16 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Alberghi e ristoranti Altri servizi pubblici, sociali e personali Amministrazione pubblica Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Attivit manifatturiere Commercio allingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali e per la casa Costruzioni Estrazione di minerali Istruzione Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Sanit e assistenza sociale Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Totale Numero addetti 19 147 352 311 86 185 1.393 1.005 403 28 614 13 540 482 5.578

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea presente 1 impianto industriale soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alla seguente categoria: Impianti per l'allevamento intensivo di pollame o di suini con pi di 2.000 posti suini da produzione (di oltre 30 kg).

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

176

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Comuni Arce, Colfelice, Pontecorvo, Roccasecca e San Giovanni Incarico. Provincia Frosinone Regione Lazio

CO 3.181 34234 275121

NH3

Inquinante [t/anno] NMHC NOX 710 12429 94062 1100 12624 89292

PM10 176 1854 13873

SO2 128 695 23938

239 3015 17163

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Posti Abitanti letto in alberghi, seconde campeggi case e alloggi (non per destinate turisti a turisti) 23 0 0 13 0 36 1.580 362 1.815 1.065 566 5.388

Comune

Popolazione residente nel 2008

Popolazione Popolazione presente in case non sparse residente 122 39 45 168 42 416 -1.332 -563 -4.984 -3.644 -1.159 -11.682

Lavoratori e studenti pendolari

Ristoranti e bar

Micro industria

Piccola, media e grande industria 3.133,34 46.884,22 858,01 932,83 553,90 52.362,30

Abitanti Abitanti equivalenti equivalenti totali totali urbani (Aet) (Aetu) 6.977,58 1.845,82 11.162,69 7.194,39 3.266,05 30.446,52 10.110,92 48.730,04 12.020,70 8.127,22 3.819,95 82.808,82

Arce Colfelice Pontecorvo Roccasecca San Giovanni Incarico Totali

5.941,0 1.838,5 13.264,5 7.594,0 3.440,0 32.078,0

-346 -75 -349 -165 -212 -1.147

697,00 126,14 1.064,03 1.340,11 449,14 3.676,42

292,578 118,180 307,156 823,282 139,905 1.681,101

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

177

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il dato regionale 2007 di produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).

COMUNE

Popolazione residente nel 2008 5.941 1.839 13.265 7.594 3.440 32.079

Produzione rifiuti urbani [t] 3.588 1.110 8.012 4.587 2.078 19.375

Arce Colfelice Pontecorvo Roccasecca San Giovanni Incarico


Totali

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Frosinone stata nel 2007 pari al 4,1 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; 178

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB1 S.P. Ortella/Colfelice

- l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

179

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

14 TMB2 - ALBANO

Trattamento Meccanico Biologico

Figura 54.1. Posizione del TMB nellarea di Albano.

Scheda tecnica Impianto TMB Cecchina - Albano Laziale (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione (Riferimento, Scadenza) Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m2) Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umida % output Raffinazione % scarti Impianto di trattamento meccanico biologico con produzione di CDR Roma Albano Laziale loc. Cecchina Albano Laziale (RM) Pontina Ambiente srl Pontina Ambiente srl Decreto Commissariale n. 55/05 Ordinanza Commissariale n. 26/CR del 24/07/99 Anno 1998 Caratteristiche tecniche generali D15, D8, D9, D16, R13, R4, R3 190801- 200201- 200301 200303- 200307 183.000 t/anno 200.000 t/anno 11.600 m2 10.000 m2 1.600 m2 circa Temperatura; pressione; portata aria CO, SO2 , NO2 , CH4 Descrizione del processo Triturazione e vagliatura Separazione magnetica e vagliatura secondaria 35% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 20% separazione magnetica 15%

180

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Scheda tecnica Impianto TMB Cecchina - Albano Laziale (RM)


Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Flussi di materiali anno 2008 149.306 t 126.395 t Impianti di recupero; discarica 311 311 Altre informazioni Depurazione acque reflue di origine civile, biofiltrazione aria Certificazioni EMAS, UNI EN ISO 14001: 2004 Il ciclo tecnologico di trattamento prevede: - ricezione RSU e RSAU; - selezione automatica secco-umido, con produzione di CDR e recupero metalli ; - trattamento aerobico della frazione organica; - raffinazione della frazione organica stabilizzata.

Note

14.1 Descrizione sintetica del processo Limpianto autorizzato al trattamento degli RSU (Rifiuto Solidi Urbani) e assimilabili per la conseguente produzione di CDR (Combustibile Derivato da Rifiuti). Il trattamento degli RSU e assimilabili si articola nelle seguenti linee di lavorazione: Linea 1 Preselezione, riduzione volumetrica e selezione meccanica con produzione di frazione secca e frazione organica; Linea 2 - Stabilizzazione aerobica della frazione organica proveniente dalla selezione meccanica dei RSU e RSAU e di biomasse non utilizzabili per la produzione di compost di qualit al fine di produrre una frazione organica stabilizzata; Linea 3 Recupero e trattamento di raffinazione dei materiali ferrosi e non ferrosi; Linea 4 Trattamento della frazione secca e dei RSAU per la produzione di CDR; 14.2 Potenzialit dellimpianto La Societ autorizzata a trattare, presso il proprio impianto TMB, una quantit pari a 183.000 t/anno di rifiuti non pericolosi (500 tonnellate/giorno circa). La capacit massima stoccabile di 1500 tonnellate. Il CDR prodotto viene caricato in bilici chiusi mediante un compattatore stazionario o, in alternativa, viene confezionato mediante pressa e fasciatrice, con una media di 10 15 balle/h. Il peso di ogni balla raggiunge circa 1.100 Kg. 14.3 Provenienza e tipologia dei rifiuti Limpianto autorizzato a trattare le seguenti tipologie di rifiuti: RIFIUTI URBANI (ad esclusione delle frazioni derivanti da raccolta differenziata) RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI (ad esclusione delle frazioni derivanti da raccolta differenziata e alloccorrenza provenienti anche da altri comuni non citati di seguito): 181

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

La Societ autorizzata a ricevere presso limpianto T.M.B i rifiuti conferiti dai comuni di: Albano, Ardea, Ariccia, Castel Gandolfo, Genoano, Lanuvio, Marino, Nemi, Pomezia, Rocca di Papa.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Albano Laziale, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma in provincia di Roma e dal territorio del comune di Aprilia in provincia di Latina. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.943.826 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Albano Laziale 38.992 Aprilia 67.606 Ardea 40.124 Ariccia 18.183 Pomezia 57.363 Roma 2.721.558 2.943.826 Totale Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale provincia di Latina 541.215 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Aree aeroportuali ed eliporti Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree portuali Aree urbane Bacini artificiali Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 975 85.611 259 11.576 31.357 20 28.149 13 225 402 1.417 2.103 4.221 166.327

182

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 898.504 addetti. Comune Numero di addetti Albano Laziale 6.464 Aprilia 14.286 Ardea 2.103 Ariccia 4.791 Pomezia 28.127 Roma 842.733 Totale 898.504 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale provincia di Latina 88.185 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada Statale Pontina, dalla via Appia, dalla via Laurentina, e dalla linea ferroviaria Roma Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il fiume Tevere, il rio Torto (fosso di Procula), il fosso della Caffarella, il fosso della Magliana, il fosso della Torraccia, il fosso dell'Osa, il fosso di S.Vittorino, il fosso di Tor Sapienza, il fosso Galeria, il fosso Malafede, il fosso Passerano e il rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; il fiume Astura appartenente al bacino idrografico dellAstura; il fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud; il fosso Incastri appartenente al bacino idrografico dellIncastro; il fosso Spaccasassi, appartenente al bacino idrografico del Moscarello;

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Astura Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa

Lunghezza del tratto nei Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma [km] 29,2 25,2 3,8 69,1 7,3 18,0 11,1 8,3

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 119,3 37,3 18,2 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 183

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Incastri (Rio Grande) Fosso Malafede Fosso Passerano Fosso Spaccasassi Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza del tratto nei Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma [km] 4,7 12,7 27,5 21,4 17,6 4,6 13,2 18,6 19,8
(Fonte Regione Lazio)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 14,9 14,1 27,5 21,4 17,6 9,2 32,6 32,5 19,8

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Naturale Regionale dei Castelli Romani 220,11 Parco Naturale Regionale dei Castelli Romani 671,14 Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale 61,25 Aguzzano Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario 184

Comune Albano Laziale Ariccia Roma

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Comune

Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta 5.928,99 di Castelporziano 41.784,29
(fonte Regione Lazio)

Comune Pomezia

Roma

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Antica Lavinium - Pratica di 47,88 Mare ZPS Castel Porziano (Tenuta 1,99 Presidenziale) SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa 341,68 Pamphili SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di 538,41 Decima ZPS Compr. Bracciano2.181,42 Martignano ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10.998,04
(fonte Regione Lazio)

185

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

14.4 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. In questo caso per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, sono presenti 10 stazioni di monitoraggio delle acque dei fiumi. Il monitoraggio finalizzato alla caratterizzazione dello stato ecologico e del grado di compromissione degli acquiferi dovuto alla presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente.

Fiumi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Acque sotterranee 1 2 3 4 0 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 0 (1) Elevato Buono Sufficiente Scadente Naturale o Particolare

(1) se la presenza di tali sostanza di origine naturale, cos come appurato dalle Regioni o dalle Provincie autonome, verr automaticamente attribuita la classe 0.

186

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

187

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Bacino idrografico

Codice Punto di campionamento 4.25 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19 2.08

Tipologia

Corso dacqua stazione di campionamento Fosso Rio Grande Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede Fosso Leschione Anno 2006 4 3 3 3 3 3 3 2 3 5

Stato ecologico
Anno 2007 4 3 4 3 3 3 4 3 5 4 Anno 2008 4 3 4 4 4 3 4 4 5 5 Anno 2009 4 4 4 3 3 3 4 4 4 5 Anno 2010 4 3 4 3 3 3 4 4 5 4

Incastri Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Moscarello

Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Incastri Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Moscarello Codice Punto di campionamento 4.25 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19 2.08 Corso Tipologia dacqua/stazione di campionamento Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fosso Rio Grande Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede Fosso Leschione Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Assente Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2009 Assente Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Presente* Anno 2010 Assente Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Presente*

Sostanze pericolose

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

188

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

TMB

Figura 14.2. Posizione dei punti di campionamento considerati.

14.5 Qualit dellaria LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Albano Laziale, Ardea, Ariccia, e Pomezia non sono presenti stazioni di monitoraggio. E presente una stazione di monitoraggio ad Aprilia e 17 stazioni di monitoraggio ubicate nel comune di Roma; si riportano nella tabella seguente i valori minimi, medi e massimi registrati nel periodo 2006-2010 nelle stazioni del comune di Roma e nella centralina di Aprilia.

189

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma Inquinanti Benzene C6H6 Dato
media annua [g/m3]

Valore limite
5 g/m3

Scala Valore
Minimo Medio Massimo Minimo

2006
2,0 4,2 5,8 0,6 1,2 1,7

2007
1,8 3,0 4,3 0,6 0,9 1,3

2008
1,7 2,6 3,4 0,5 0,8 1,2

2009
1,4 2,3 3,3 0,5 0,8 1,2

2010
0,8 2,05 3,3 0,4 0,7 1

media annua [mg/m3]

(*)

Medio Massimo

Ossido di Carbonio CO
numero superamenti

10 mg/m Media massima giornaliera calcolata su 8 ore Minimo

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

20,0 68,3 100,0 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5 141,0 1,5

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4 116,0 1,7

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1

25 48,8 76 0,0 3,1 21 37,0 45,4 61,0 3,0 25,2 49,0 24,0 30,6 37,0 0,0 18,4 39,0 0,6

media annua [g/m3]

40 g/m3

Medio Massimo

Biossido di Azoto - NO2


numero superamenti

200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno

Minimo Medio Massimo Minimo

Media Annua

(*)

Medio Massimo

Ozono - O3
Numero di superamenti

120 g/m Media su 8 ore massima giornaliera

Minimo Medio Massimo Minimo

media annua [g/m3]

40 g/m3

Medio Massimo

Particolato atmosferico PM10


numero superamenti

50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno

Minimo Medio Massimo Minimo

Ossidi di

Media annua nel periodo 1 ottobre -

20 g/m3

190

PROGRAMMA ERAS LAZIO 31 marzo [g/m3]

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Zolfo - SO2

Medio Massimo (fonte: ARPA Lazio)

1,5 1,5

1,8 1,8

1,3 1,4

1,2 1,3

0,9 1,3

(*) non previsto dalla normativa Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Aprilia Inquinanti Dato media annua [g/m3] Valore limite 40 g/m3 2006 30 2007 2008 2009 2010 26 24 28 23

Biossido di Azoto NO2

200 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 18 volte lanno media annua [g/m3] 40 g/m3 -

Particolato atmosferico - PM10

0,9

25 7 0,7

24 5 1

22 4 nd

Ossidi di Zolfo SO2

50 g/m3 da non numero superamenti superare pi di 35 volte lanno Media annua nel 20 g/m3 periodo 1 ottobre 31 marzo [g/m3]
(fonte: ARPA Lazio)

0,8

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (150.623 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 123.126 addetti (circa il 14 % del totale). Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicoltura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Numero addetti 1.023 111 810 74.042 8.744 44.475 87.757 191

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Tipologia attivit Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale Nellarea di studio sono presenti diversi impianti industriali distribuzione degli impianti nei comuni. Nel comune di Roma categorie: sono presenti 16 impianti industriali

Numero addetti 41.326 102.406 53.260 150.623 123.126 69.526 77.728 63.547 898.504

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

soggetti ad Autorizzazione

Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int). Si riporta di seguito la

soggetti ad Autorizzazione

Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenenti alle seguenti n.5 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. n.1 impianto - 2.5.a Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento

192

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

n.1 impianto - 3.5. Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3 n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio. soggetti ad Autorizzazione

Nel comune di Aprilia sono presenti 10 impianti industriali categorie:

Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti

n.4 impianti - 4.5 Impianti che utilizzano un procedimento chimico o biologico per la fabbricazione di prodotti farmaceutici di base. n.1 impianto - 2.5. Impianti: b) di fusione e lega di metalli non ferrosi, compresi i prodotti di recupero (affinazione, formatura in fonderia), con una capacit di fusione superiore a 4 tonnellate al giorno per il piombo e il cadmio o a 20 tonnellate al giorno per tutti gli altri metalli. n.1 impianto - 6.7. Impianti per il trattamento di superficie di materie, oggetti o prodotti utilizzando solventi organici, in particolare per apprettare, stampare, spalmare, sgrassare, impermeabilizzare, incollare, verniciare, pulire o impregnare, con una capacit di consumo di solvente superiore a 150 kg all'ora o a 200 tonnellate all'anno. n.1 impianto - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 3.3. Impianti per la fabbricazione del vetro compresi quelli destinati alla produzione di fibre di vetro, con capacit di fusione di oltre 20 tonnellate al giorno. 193

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno. n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione.

Nel comune di Albano categorie:

sono presenti 2

impianti industriali

soggetti ad Autorizzazione

Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti n.2 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 Nel comune di Ariccia presente 1 impianti industriali soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alla seguente categoria: n.1 impianto - 6.5. Impianti per l'eliminazione o il recupero di carcasse e di residui di animali con una capacit di trattamento di oltre 10 tonnellate al giorno. Nel comune di Pomezia sono presenti 2 impianti industriali categorie: n.1 impianto - 4.1 Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base come: k) tensioattivi e agenti di superficie. n.1 impianto - 4.5 Impianti che utilizzano un procedimento chimico o biologico per la fabbricazione di prodotti farmaceutici di base. soggetti ad Autorizzazione

Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. 194

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano Inquinante [t/anno] NMHC NOX

Comuni Comuni di Albano Laziale, Aprilia, Ardea, Ariccia, Pomezia e Roma Provincia di Roma Provincia di Latina Regione Lazio

CO

NH3

PM10

SO2

107221 181122 33278 275121

2724 5317 3744 17163

31659 53349 16394 94062

27337 55629 6778 89292

4636 8103 1508 13873

5069 13082 475 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti Abitanti in seconde Ristoranti e case bar (non destinate a turisti)

Comuni

Popolazione residente nel 2008

Popolazione presente non residente

Popolazione in case sparse

Lavoratori e studenti pendolari

Micro industria

Piccola, media e grande industria

Abitanti equivalenti totali urbani (Aetu)

Abitanti equivalenti totali (Aet)

Albano Laziale Aprilia Ardea Ariccia Pomezia Roma Totali

38.991,5 67.605,5 40.123,5 18.183,0 57.363,0 2.721.557,5 2.943.824,0

992 1.655 1.017 620 1.291 148.840 154.415

-299 -1.903 -944 -171 -4.433 -26.657 -34.407

-985 -1.040 -1.922 -216 4.218 52.792 52.847

475 249 6.595 273 2.931 127.820 138.343

3.653 9.897 40.144 1.812 24.326 217.637 297.469

5.178,88 11.921,93 4.616,52 3.288,99 20.601,45 881.576,65 927.184,42

3.388,173 8.762,585 2.919,321 4.400,820 9.245,369 140.562,224 169.278,492

10.432,73 338.431,43 24.106,59 24.919,15 448.928,22 1.281.722,94 2.128.541,06

51.394,55 97.148,02 92.549,34 28.190,81 115.542,82 4.264.128,37 4.648.953,91

61.827,28 435.579,44 116.655,94 53.109,96 564.471,04 5.545.851,32 6.777.494,98

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

195

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno).
Popolazione residente nel 2008 38.992 67.606 40.124 18.183 57.363 2.721.558 2.943.826

dato regionale 2007 di

COMUNE Albano Laziale Aprilia Ardea Ariccia Pomezia Roma Totali

Produzione rifiuti urbani [t] 23.551 40.834 24.235 10.983 34.647 1.643.821 1.778.071

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2%, mentre per la provincia di Latina stata pari al 11,7 % (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; 196

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB2 Cecchina/Albano

- controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

197

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

15 TMB 3 CASALE BUSSI 15.1 Localizzazione e Scheda Tecnica

Trattamento Meccanico Biologico

Scheda tecnica Impianto TMB Casale Bussi - Viterbo (VT)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Riferimenti VIA Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m2) Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umida % output Impianto di trattamento meccanico biologico con produzione di CDR Localit Casale Bussi Viterbo (VT) Ecologia Viterbo srl Ecologia Viterbo srl Decreto 30 del 7/04/2005 14 gennaio 2000 Caratteristiche tecniche generali D9, D15, R3, R4, R13 Rifiuti urbani; Rifiuti speciali assimilati agli urbani; Rifiuti speciali assimilati agli urbani ferrosi e non ferrosi 215.000 t/a 228.000 t (anno 2006) 31.200 9.860 10.060 Temperatura; pressione; portata aria

Descrizione del processo triturazione e vagliatura separazione magnetica e vagliatura secondaria 30% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 15%

198

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Scheda tecnica Impianto TMB Casale Bussi - Viterbo (VT)


Raffinazione % scarti Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione separazione magnetica 15% Flussi di materiali anno 2008 218.554 t/anno 125.077 t/anno Discarica 310 326 Altre informazioni Certificazioni EMAS, UNI EN ISO 14001: 2004

15.2 Descrizione sintetica del processo Il complesso impiantistico in questione costituito da un impianto per la selezione e trattamento di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e da unannessa discarica di servizio in fase di gestione postoperativa ed adibito alla produzione di Combustibile Derivato da Rifiuti (CDR) e di Frazione Organica Stabilizzata (FOS). Limpianto autorizzato a ricevere mediamente 600 t/giorno di rifiuti non pericolosi per un totale di 215.000t/anno. 15.3 Potenzialit dellimpianto Limpianto opera sin dal 1998 ed ha una potenzialit di trattamento di circa 180.000 t/anno di RSU ed opera su due turni con una forza di lavoro diretta di 19 dipendenti. Limpianto di TMB si rifornisce da una discarica costituita da un unico invaso per una volumetria complessiva di circa 450.000 m3, in discarica venivano conferiti, in condizioni normali RSU e assimilabili provenienti dalle Provincie di Rieti e Viterbo. In seguito alla costruzione dellimpianto di preselezione e riduzione volumetrica per RSU, nella discarica venivano conferiti compost fuori specifica, scarti di lavorazione e frazione secca selezionata provenienti da detto impianto. Con la chiusura della stessa a seguito dellOrdinanza n21 del 14/07/1999, si cominciato a conferire i rifiuti prodotti presso la discarica operativa ubicata in Loc. Le Fornaci a circa 20 km dal complesso impiantistico.

199

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

15.4 Provenienza e tipologia dei rifiuti: I rifiuti raccolti fanno capo ad un bacino di utenze che attualmente comprende i comuni delle province di Rieti e Viterbo.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei comuni di Viterbo e Vitorchiano. La popolazione residente nel 2008 pari a 66.208 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Viterbo 61.754 Vitorchiano 4.454 Totale 66.208 Totale provincia di Viterbo 313.087 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali. Uso del suolo Comuni di Viterbo e Vitorchiano Aree aeroportuali ed eliporti Aree agricole Aree archeologiche Aree industriali e commerciali Aree naturali Aree urbane Laghi e bacini Reti ferroviarie Reti stradali Servizi Altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 345 29.779 1 534 11.719 1.022 2 3 78 34 56 43.572

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 17.880 addetti. Comune Numero di addetti Viterbo 17.454 Vitorchiano 426 Totale 17.880 Totale provincia di Viterbo 46.791 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

200

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dal raccordo Civitavecchia-Orte (SS204), dalla strada statale Cassia (SS2), dalla linea ferroviaria Roma-Viterbo, e dalle strade provinciali Teverina e Ombrone. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti il Fosso Biedano ed il Torrente Traponzo, entrambi appartenenti al bacino idrografico del fiume Marta. Lunghezza del tratto nei Comuni di Viterbo e Vitorchiano [Km] 5,9 12,6
(fonte Regione Lazio)

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Viterbo e Vitorchiano Fosso Biedano (o Torrente Biedano) Torrente Traponzo (o Fosso Leia)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [Km] 25,2 23,5

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Riserva naturale regionale Valle 438,87 dellArcionello Riserva naturale regionale Lago 0,17 di Vico 439,04
(fonte Regione Lazio)

Comune

Viterbo Totale

Comune

Viterbo

Vitorchiano Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC/ZPS Monte Fogliano e 0,03 Monte Venere SIC/ZPS Monte Romano 1.589,01 SIC/ZPS Monte Cimino (versante 0,26 Nord) SIC/ZPS Monte Cimino (versante 197,01 Nord) 1.786,31
(fonte Regione Lazio)

201

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

15.5 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio, si riporta lo stato di qualit delle acque delle 5 stazioni di misura presenti nellarea. Il monitoraggio finalizzato alla definizione, dal punto di vista chimico, del grado di compromissione degli acquiferi per cause naturali e antropiche e alla verifica della presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti 5 categorie corrispondenti a una qualit decrescente

Acque sotterranee 1 2 3 4 0 Elevato Buono Sufficiente Scadente Naturale o particolare Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 0 (*)

(*) se la presenza di tali sostanze di origine naturale, cos come appurato dalle Regioni o dalle Provincie autonome, verr automaticamente attribuita la classe 0.

Rappresentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

202

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Bacino idrografico

Codice Punto di campiona mento S08 S09 S07.A S10 S07B

Tipologia

Corso dacqua/stazione di campionamento Mensa Alta Mensa Bassa Respoglio Roncone Settecannelle

Qualit 2006 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolos e assente assente assente assente assente

Qualit 2007 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolos e assente assente assente assente assente

Qualit 2008 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolos e assente assente assente assente assente

Marta Marta Tevere Medio Corso Marta Tevere Medio Corso

Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Marta Marta Tevere Medio Corso Marta Tevere Medio Corso Codice Punto di campioname nto S08 S09 S07.A S10 S07B Tipologia Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Acque sotterranee Corso dacqua/stazione di campionamento Mensa Alta Mensa Bassa Respoglio Roncone Settecannelle Qualit 2009 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose assente assente assente assente assente Qualit 2010 Chimico base 2 2 2 2 2 Sost. pericolose presente presente presente presente presente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Trattamento Meccanico Biologico

Figura 15.2. Posizione dei punti di campionamento della rete di monitoraggio delle acque rispetto allimpianto di TMB

203

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

15.6 Qualit dellaria LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nei comuni di Viterbo e Vitorchiano presente una stazione di monitoraggio ubicata nel comune di Viterbo che nel periodo 2006-2010 ha registrato sempre valori inferiori ai limiti previsti dalla normativa.
Dati qualit dellaria stazione di monitoraggio di Viterbo Inquinanti Benzene C6H6 Dato media annua [g/m3] media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio CO Valore limite 5 g/m3 (*) 10 mg/m3 Media massima giornaliera calcolata su 8 ore 40 g/m3 200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno
3

2006 2,4 0,7

2007 2,1 0,7

2008 1,9 0,5

2009 1,8 0,4

2010 1,5 0,5

numero superamenti

media annua [g/m3] Biossido di Azoto - NO2

37

37

48

33

31

numero superamenti

media annua [g/m3] Particolato atmosferico PM10

40 g/m3 50 g/m3 da non superare pi di 35 volte lanno 20 g/m3

29

27

26

24

23

numero superamenti

22

13

14

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 ottobre 31 marzo [g/m3]

1,4

1,3

0,9

(fonte: ARPA Lazio)

(*) non previsto dalla normativa

204

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Viterbo e Vitorchiano le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo commerciale (2.740 addetti che rappresentano circa il 15 % del totale). Le attivit manifatturiere impegnano 1.322 addetti (circa il 7% del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 11 17 1.322 163 1.026 2.740 489 1.279 767 2.171 2.636 2.170 2.307 782 17.880

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea presente un impianto industriale soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 59/2005 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: 5.1. Impianti per l'eliminazione o il ricupero di rifiuti pericolosi, della lista di cui all'articolo 1, paragrafo 4, della direttiva 91/689/Cee quali definiti negli allegati II A e II B (operazioni R 1, R 5, R 6, R 8 e R 9) della direttiva 75/442/Cee e nella direttiva 75/439/Cee del Consiglio, del 16 giugno 1975, concernente l'eliminazione degli oli usati, con capacit di oltre 10 tonnellate al giorno. 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno.

205

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Comuni CO Comuni di Viterbo e Vitorchiano Provincia Viterbo Regione Lazio 2487 19652 275121 NH3 761 3469 17163 Inquinante [t/anno] NMHC NOX 1421 6990 94062 946 12232 89292

PM10 207 1933 13873

SO2 40 9630 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Popolazione Popolazione residente nel presente non 2008 residente 61754 4454 66208 3.025 76 3.101 Popolazione in case sparse -7.780 -527 -8.307 Lavoratori e studenti pendolari 3.562 -240 3.322 Posti letto alberghi, campeggi e alloggi per turisti 1.855 210 2.065 Abitanti Abitanti Piccola, Abitanti in seconde equivalenti Ristoranti Micro media e equivalenti case (non totali e bar industria grande totali destinate urbani industria (Aet) a turisti) (Aetu) 10.242 832 11.074 19815 656 20471 18630 1299 19929 19971 2869 22840 111103 6760 117863 131075 9628 140703

Comuni

Viterbo Vitorchiano Totali

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

206

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio. Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

COMUNE Viterbo Vitorchiano Totali

Popolazione Produzione residente nel rifiuti urbani [t] 2008 61.754 37.299 4.454 2.690 66.208 39.989

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Viterbo stata nel Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

2007 pari al 9,3% (fonte:

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; 207

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB3 Casale Bussi/Viterbo

- controlli occasionali, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

208

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

16 TMB5 ROCCA CENCIA 16.1 Localizzazione e Scheda Tecnica Rocca Cencia ROMA Impianto di trattamento meccanico biologico AMA S.p.a.

Trattamento Meccanico Biologico

Figura 16.1. Posizione del TMB nellarea di Rocca Cencia (RM).

209

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Scheda tecnica Impianto TMB Rocca Cencia Roma (RM)


Descrizione Ubicazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Impianto di trattamento meccanico biologico con produzione di CDR Roma, via di Rocca Cencia n.301 00132/a Roma (RM) AMA spa AMAgest srl Autorizzazione ai sensi dellart. 28 del D. Lgs. 22/97 e dellart. 16 della L.r. 27/98. Decreto commissariale n.11 del 12/04/2002 e successive integrazioni (Decreto n.93 del 01/12/2006, Decreto n.25 del 13/03/2007, Decreto n.4 del 14/03/2008) I)Pronuncia di Compatibilit Ambientale resa ai sensi del DPR 12 aprile 1996 sul progetto di Sistema integrato di selezione e trattamento RSU potenzialit 1000 t/g (impianti di Via Salaria e Rocca Cencia) Regione Lazio, Dipartimento Ambiente e Protezione Civile, settore 69, Ufficio Valutazione di Impatto Ambientale, Prot. n.55/0 del 5/08/1999 II)Esclusione dal procedimento di V.I.A. delle opere di aumento di potenzialit degli impianti del sistema integrato di via Salaria e di Rocca Cencia, da 500 t/g a 750 t/g cadauno Regione Lazio, Assessorato per le Politiche dellAmbiente, Dipartimento Ambiente e Protezione Civile, Area VIA, Servizio 2, Prot. AM/006656 del 5/03/2002 20/03/2006 Caratteristiche tecniche generali R5; R13; D15 20 03 01; 20 02 03; 20 03 02; 20 03 03; 20 03 07; 20 03 99 19 05 01; 19 05 02; 19 05 03; 19 06 03; 19 06 04; 19 06 05; 19 12 12 234.000 t/anno 234.000 t/anno 70.992 16.466 54.526 T bioreattore; T e Umidit dellaria flussata; T e pH acqua lavaggio scrubber T ed umidit aria; 1.545 m2 Descrizione del processo triturazione e vagliatura separazione magnetica e vagliatura secondaria 28% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 20% separazione magnetica 15% Flussi di materiali anno 2008 165.000 t 135.542 t Impianti di recupero; discarica. 312 284 Altre informazioni Sistema di aerazione forzata. Filtri a maniche per la depolverazione dellaria. Scrubbers per abbattimento di odori, acidi e basi a basso peso molecolare, eventuali polveri sottili. Biofiltro per abbattimento di odori, acidi e basi a basso peso molecolare, eventuali polveri sottili

Riferimenti VIA

Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente Superficie totale (m2) Superficie coperta (m2) Superficie scoperta (m2) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (m2) Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umidas % output Raffinazione % scarti Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi

Sistemi di trattamento inquinanti Registrazioni/certificazione Note

210

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

16.2 Descrizione sintetica del processo Limpianto di selezione e valorizzazione della frazione secca proveniente dalla raccolta differenziata tratta rifiuto secco proveniente dalla citt di Roma, (bottiglie e vasetti di vetro; barattoli e lattine di metallo; barattoli e lattine di alluminio; bottiglie, vaschette e shopper in plastica), che viene conferito giornalmente al fine di essere selezionato meccanicamente nelle sue componenti riutilizzabili, in modo da valorizzare le singole frazioni di materia che compongono il multimateriale ed al fine di essere trasferito verso ulteriori centri di recupero. Da un punto di vista strutturale limpianto costituito da due reparti, funzionali allo svolgimento delle attivit: 1) Reparto di ricezione Il multimateriale viene conferito allimpianto attraverso lausilio di autocompattatori (sono principalmente gli automezzi della raccolta differenziata della societ del gruppo AMA, CTR S.p.A.). Larea di ricezione, prevede lalimentazione del multimateriale alla linea di processo, mediante loperativit di appropriate macchine operatrici, in questo modo il materiale ritenuto idoneo viene caricato su un vaglio rotante. 2) Reparto di selezione Il reparto di selezione a sua volta costituito dalle seguenti sezioni: a) Vagliatura preventiva e cernita dimensionale Il multimateriale, prelevato dallarea di ricezione, viene inviato direttamente alla fase di classificazione dimensionale, attraverso un vaglio a tamburo rotante. b) Raffinazione aeraulica In questa fase, avviene il processo di separazione aeraulica che genera 2 flussi distinti di materiale: la parte pesante della frazione secca (vetro, metalli ferrosi, etc.;); la parte leggera della frazione secca (frammenti in plastica, carta,alluminio, etc.). Tutto il materiale presente sulla linea di trasporto/lavorazione, proveniente come sottovaglio dalla fase di vagliatura preventiva, viene sottoposto ad aspirazione aeraulica delle frazioni leggere, (carta, plastica, metalli/non metalli). In questa fase, i materiali leggeri che risentono attivamente della forza di attrazione del sistema di trattamento, lasciano la linea di trasporto e, attraverso condotte aeree, raggiungono gli stadi di decantazione per essere inviati a recupero o smaltimento. c) Selezione magnetica

211

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Successivamente il materiale viene fatto passare attraverso un nastro magnetico deferrizzatore per la valorizzazione dei materiali ferrosi presenti nel flusso. d) Selezione manuale Il materiale che non ha risentito delleffetto prevalente dellaspirazione aeraulica, rimane sulla linea principale di lavoro, ed rappresentato merceologicamente da rottame di vetro (90%) e da contaminanti di piccole dimensioni (10%), aventi analogo comportamento gravimetrico del vetro (ceramica, inerti, metalli diversi dai ferrosi e dallalluminio) e prosegue il suo percorso sui nastri trasportatori per la fase della raffinazione della frazione vetrosa. Il materiale entra, attraverso un nastro trasportatore allinterno di una cabina di cernita e di ispezione manuale, adibita ad ospitare gli operatori destinati alle operazioni di selezione manuale sui nastri. e) Compattazione frazioni plastiche Il materiale plastico (imballaggi), viene inviato a compattazione automatica, con pressa alimentata in continuo con un sistema a nastro trasportatore. Il materiale pressato, si presenta in forma fisica di balle (parallelepipedi), legate a 4 / 5 fili di ferro, del peso di circa 650 kg/cadauna. Le balle vengono stoccate in file verticali da 3 4 unit e successivamente ritirate per essere inviate a riciclo meccanico. 16.3 Potenzialit dellimpianto Limpianto inizia la propria attivit a partire dal 20 marzo 2006, ed occupa una superficie complessiva di circa 71.000 m2. Facendo riferimento al 2008, limpianto autorizzato al trattamento di circa 234.000 t/anno di rifiuti, con un conferimento annuo pari a 165.000 t ed un quantitativo di rifiuti prodotti, di circa 135.500 t. Limpianto inoltre dotato di una superficie autorizzata per lo stoccaggio temporaneo di circa 1.500 m2. 16.4 Sistemi di mitigazione degli inquinanti Per la mitigazione delle emissioni inquinanti in atmosfera, limpianto dotato di un sistema di areazione forzata per il convogliamento ed il trattamento dellaria. L'aria separata dai cicloni, viene fatta passare attraverso un filtro a maniche, che ne intercetta le polveri. Il sistema di aspirazione mantenuto costantemente in depressione da due ventilatori.

212

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Laria aspirata poi trattata attraverso un sistema di filtrazione e deodorizzazione composto da una prima fase di abbattimento ad umido delle polveri e di parte degli odori, e da una seconda fase di deodorizzazione finale su biofiltro a riempimento vegetale. Limpianto di trattamento dellaria aspirata composto da: Uno scrubber a umido, che modifica il flusso aeriforme aspirato, elimina le polveri residue e gli eventuali acidi organici presenti. Il fluido di trattamento solitamente acqua. In caso di effettiva necessit, limpianto predisposto per laggiunta di specifici reagenti chimici (ad es. soda); Un biofiltro, posto in serie allo Scrubber, che agisce specificatamente per leliminazione degli odori, mediante trattamento dellaria su di un sub-strato organico filtrante (tipicamente torba/erica). L'aria trattata viene successivamente espulsa dal camino in atmosfera.

Territorio Larea di studio costituita dal territorio dei Comuni di Roma e Monte Compatri. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.731.476 abitanti.
Comune Popolazione residente nel 2008 Monte Compatri 9918 Roma 2.721.558 Totale 2.731.476 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.
Uso del suolo Comuni di Roma e Monte Compatri Aree aeroportuali ed eliporti Aree agricole aree archeologiche aree industriali e commerciali aree naturali aree portuali aree urbane bacini artificiali laghi e bacini reti ferroviarie reti stradali servizi altro Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 243 62.935 259 9.473 26.808 20 23.601 11 198 366 1.294 1.935 3.769 130.911

213

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 843.748 addetti. Comune Numero di addetti Monte Compatri 1.015 Roma 842.733 Totale 843.748 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada dei Parchi (A24), dallAutostrada del Sole (A1), dalla via Casilina (SS6), dalla Circonvallazione Orientale e dalla linea ferroviaria Roma Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il fiume Tevere, il rio Torto (fosso di Procula), il fosso della Caffarella, il fosso della Magliana, il fosso della Torraccia, il fosso dell'Osa, il Fosso di S.Vittorino, il fosso di Tor Sapienza, il fosso Galeria, il fosso Malafede, il fosso Passerano e il rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; il fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud; Lunghezza del tratto nei Comuni di Monte Compatri e Roma [km] 29,2 25,2 69,1 7,3 18,0 11,1 10,1 4,7 12,7 27,5 17,6 4,6 18,6 0,7
(Fonte Regione Lazio)

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Monte Compatri e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Malafede Fosso Passerano Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [km] 119,3 37,3 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 14,9 14,1 27,5 17,6 9,2 32,5 19,8

214

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Parco Naturale Regionale Castelli 595,90 Romani Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale 61,25 Aguzzano Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta 5.928,99 di Castelporziano 41.488,92
(fonte Regione Lazio)

Comune Monte Compatri

Roma

Totale

215

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Comune

Roma

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa 341,68 Pamphili SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di 538,41 Decima ZPS Compr. Bracciano2.181,42 Martignano ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10948,17
(fonte Regione Lazio)

16.5 Qualit delle acque La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. Per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, sono presenti 8 stazioni di monitoraggio delle acque dei fiumi. Il monitoraggio finalizzato alla definizione, dal punto di vista chimico, del grado di compromissione degli acquiferi per cause naturali e antropiche e alla verifica della presenza di sostanze chimiche pericolose. Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. 216

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Fiumi (stato ecologico) 1 2 3 4 5 Classe 1 Classe 2 Classe 3 Classe 4 Classe 5 Elevato Buono Sufficiente Scadente Pessimo

Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.
assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Assente Presente

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

217

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Bacino idrografico Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere

Codice Punto di campionamento 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19

Tipologia

Corso dacqua/ stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede

Stato ecologico
Anno 2006 3 3 3 3 3 3 2 3 Anno 2007 3 4 3 3 3 4 3 5 Anno 2008 3 4 4 4 3 4 4 5 Anno 2009 4 4 3 3 3 4 4 4 Anno 2010 3 4 3 3 3 4 4 5

Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)


Bacino idrografico Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Codice Punto di campionamento 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19 Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede

Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

Sostanze pericolose
Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Anno 2009 Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2010 Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

218

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

TMB

Figura 16.2. Posizione dei punti di campionamento considerati rispetto al TMB di Rocca Cencia RM.

16.6 Qualit dellaria LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili, modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 35 stazioni fisse. Nei comuni di Monte Compatri e Roma sono presenti 17 stazioni di monitoraggio tutte ubicate nel comune di Roma; si riportano nella tabella seguente i valori minimi, medi e massimi registrati nel periodo 2006-2010.

219

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma Inquinanti Dato media annua [g/m3] media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio CO Valore limite 5 g/m3 Scala Valore Minimo Medio Massimo Minimo (*)
3

2006 2,0 4,2 5,8 0,6 1,2 1,7

2007 1,8 3,0 4,3 0,6 0,9 1,3

2008 2009 2010 1,7 2,6 3,4 0,5 0,8 1,2 1,4 2,3 3,3 0,5 0,8 1,2 0,8 2,05 3,3 0,4 0,7 1

Benzene C6H6

Medio Massimo

10 mg/m Media massima numero superamenti giornaliera calcolata su 8 ore media annua [g/m3] Minimo 40 g/m3 200 g/m3 da non superare pi di 18 volte lanno (*)
3

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

20,0 68,3

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1

25 48,8 76 0,0 3,1 21 37,0 45,4 61,0 3,0 25,2 49,0 24,0 30,6 37,0 0,0 18,4 39,0 0,6

Medio

Biossido di Azoto NO2 numero superamenti

Massimo 100,0 Minimo Medio Massimo Minimo 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5

Media Annua Ozono - O3

Medio Massimo

120 g/m Minimo Media su Numero di Medio 8 ore superamenti massima Massimo giornaliera media annua [g/m3] Minimo 40 g/m3
3

Medio Massimo

Particolato atmosferico - PM10 numero superamenti

50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno

Minimo Medio

Massimo 141,0 116,0 Minimo 1,5 1,7

Ossidi di

Media

20 g/m3

220

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Zolfo - SO2

annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3]

Medio Massimo
(fonte: ARPA Lazio)

1,5 1,5

1,8 1,8

1,3 1,4

1,2 1,3

0,9 1,3

(*) non previsto dalla normativa

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio dei comuni di Montecompatri e Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (142.362 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 121.806 addetti (circa il 14 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicultura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 972 67 826 51.395 8497 41.973 82.615 39.983 97.911 52.315 142.362 121.806 66.105 74.860 62.061 843.748

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea sono presenti 16 impianti industriali soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie:

221

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

n.5 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali,

n.1 impianto - 2.5.a

nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento n.1 impianto - 3.5. Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3 n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio.

222

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea. Inquinante [t/anno] NMHC NOX 27.076 53.349 94.062 24.736 55.629 89.292

Comuni Monte Compatri e Roma Provincia di Roma Regione Lazio

CO 98.555 181.122 275.121

NH3 1.880 5.317 17.163

PM10 4.214 8.103 13.873

SO2 4.587 13.082 23.938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente. 223

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

Posti Abitanti letto in Abitanti Popolazione Piccola, Abitanti Popolazione Popolazione Lavoratori alberghi, seconde equivalenti presente media e equivalenti Ristoranti Micro residente in case e studenti campeggi totali Comuni case non totali e bar industria grande nel 2008 sparse pendolari e alloggi (non urbani residente industria (Aet) per destinate (Aetu) turisti a turisti) Monte Compatri 9918 262 -515 -571 361 1.174 1763 1896 3589 14288 17877 Roma 2721558 148.840 -26.657 52.792 127.820 217.637 881577 140562 1281723 4264128 5545851 totali 2731476 149.102 -27.172 52.221 128.181 218.811 883340 142458 1285312 4278417 5563729

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). Popolazione Produzione residente nel rifiuti urbani [t] 2008 9.918 5.990 2.721.558 1.643.821 2.731.476 1.649.811 dato regionale 2007 di

COMUNE Monte Compatri Roma Totali

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 (fonte: Rapporto Rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; 224

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI TMB5 Rocca Cencia

- la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

225

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

17 TMB7 Roma Salaria 17.1 Localizzazione e Scheda Tecnica Impianto di trattamento meccanico biologico AMA S.p.a.

Trattamento Meccanico Biologico

Scheda tecnica Impianto TMB Via Salaria Roma (RM)


Descrizione Localizzazione Comune Propriet Gestore Autorizzazione Impianto di trattamento meccanico biologico con produzione di CDR Roma,Roma, Via Salaria n.981 Roma (RM) AMA spa Termokimik Corporation spa Autorizzazione ai sensi dellart. 28 del D. Lgs. 22/97 e dellart. 16 della L.r. 27/98. Decreto Commissariale n 9 del 12/04/2002 e successive integrazioni (decreto n 15 del 17/04/2008) I)Pronuncia di Compatibilit Ambientale resa ai sensi del DPR 12 aprile 1996 sul progetto di Sistema integrato di selezione e trattamento RSU potenzialit 1000 t/g (impianti di Via Salaria e Rocca Cencia) Regione Lazio, Dipartimento Ambiente e Protezione Civile, settore 69, Ufficio Valutazione di Impatto Ambientale, Prot. n.55/0 del 5/08/1999 II)Esclusione dal procedimento di V.I.A. delle opere di aumento di potenzialit degli impianti del sistema integrato di via Salaria e di Rocca Cencia, da 500 t/g a 750 t/g cadauno Regione Lazio, Assessorato per le Politiche dellAmbiente, Dipartimento Ambiente e Protezione Civile, Area VIA, Servizio 2, Prot. AM/006656 del 5/03/2002 30/03/2008 Caratteristiche tecniche generali R5; R13; D15 20 03 01; 20 02 03; 20 03 02; 20 03 03; 20 03 07;20 03 99 19 05 01; 19 05 02; 19 05 03; 19 12 12; 234.000 t/anno 234.000 t/anno

Riferimenti VIA

Data di attivazione impianto Operazioni autorizzate CER autorizzati Capacit autorizzata (anno 2008) Potenzialit esistente

226

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Scheda tecnica Impianto TMB Via Salaria Roma (RM)


Superficie totale (mq) Superficie coperta (mq) Superficie scoperta (mq) Parametri di controllo del processo Parametri monitorati in continuo Capacit di stoccaggio (mq) Pretrattamenti Trattamento frazione secca % output Trattamento frazione umida % output Raffinazione % scarti Quantitativo di rifiuto conferito anno 2008 Quantit rifiuti prodotti anno 2008 Destinazione finale rifiuti prodotti Giorni/anno funzionamento nominali Giorni/anno funzionamento effettivi 69.350 26.670 42.680 T bioreattore; T e Umidit dellaria flussata; T e pH acqua lavaggio scrubber T ed umidit aria; 1.545 mq Descrizione del Processo triturazione e vagliatura separazione magnetica e vagliatura secondaria 28% separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 20% separazione magnetica 15% Flussi di materiali anno 2008 4.502 t 2.034 t Impianti di recupero; discarica 312 Circa 40 Altre informazioni Sistema di aerazione forzata. Filtri a maniche per la depolverazione dellaria. Scrubbers per abbattimento di odori, acidi e basi a basso peso molecolare, eventuali polveri sottili. Biofiltro per abbattimento di odori, acidi e basi a basso peso molecolare, eventuali polveri sottili

Sistemi di trattamento inquinanti

17.2

Descrizione sintetica del processo

1) Il trattamento meccanico-biologico (TMB) una tecnologia di trattamento a freddo dei rifiuti indifferenziati (e/o avanzati dalla raccolta differenziata) che sfrutta l'abbinamento di processi meccanici a processi biologici quali la digestione anaerobica. Appositi macchinari separano la frazione umida (l'organico da bioessicare) dalla frazione secca (carta, plastica, vetro, inerti ecc.); quest'ultima frazione pu essere in parte riciclata oppure usata per produrre combustibile derivato dai rifiuti (CDR) rimuovendo i materiali incombustibili. Limpianto dellAMA dopo laccettazione del RSU esegue un pretrattamento consistente in triturazione e vagliatura. Successivamente la frazione secca viene trattenuta per mezzo di separazione magnetica e vagliatura secondaria e la frazione umida viene trattenuta per mezzo di separazione magnetica e stabilizzazione aerobica 2) Lo schema generale di processo dellimpianto di pre-selezione e riduzione volumetrica costituito dalle seguenti fasi:

separazione dal rifiuto della frazione secca a pi alto potere calorifico e trasformazione della stessa in CDR (combustibile da rifiuti) da utilizzare in impianti di valorizzazione energetica autorizzati;

227

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

produzione di residui (scarti pesanti) durante la trasformazione della frazione secca in CDR a seguito della separazione aeraulica; recupero dei materiali metallici e non metallici (es. alluminio e PET); trattamento aerobico con conseguente riduzione volumetrica della restante frazione organica, finalizzato alla produzione di una matrice organica stabilizzata (FOS); raffinazione della FOS, produzione di residui inerti igienizzati (scarti di raffinazione); produzione di percolato generato da condense provenienti dal processo di bioossidazione.

3) Il ciclo tecnologico del trattamento degli RSU, si articola nelle seguenti linee di lavorazione:

N. 2 linee per il ricevimento dei RSU; N. 2 linee di selezione automatica secco-umido, lavorazione della frazione secca con produzione di CDR, recupero dei materiali ferrosi e non ferrosi, separazione scarti pesanti (con alcune parti in comune); N. 2 bacini per il trattamento aerobico della frazione umida; N. 2 linee di raffinazione della frazione organica stabilizzata ed igienizzata con produzione di residui inerti igienizzati (con alcune parti in comune).

4) Ogni attivit connessa con le lavorazioni avviene allinterno di un capannone chiuso e munito di un sistema di ventilazione forzata funzionate in continuo che mantiene tutto lambiente interno in depressione.

17.3

Potenzialit dellimpianto

5) Tale impianto ha una capacit di trattamento di circa 750 t/giorno di RSU ed dotato di una sezione di stabilizzazione aerobica della frazione umida per la gestione di circa il 60 % dei rifiuti in ingresso. 6) Limpianto autorizzato a trattare 234.000 t/anno di RSU. Nel corso del 2008 limpianto ha trattato un quantitativo di rifiuto pari a 4.502 t con circa 40 giorni lavorativi effettivi. Nello stesso hanno limpianto ha prodotto 2034 t di rifiuti destinati ad impianti di recupero e/o discariche. 7) Attualmente in fase di collaudo funzionale per un periodo di sei mesi con potenzialit di 375 t/giorno (Determina n B4331 del 29/09/2009). Emissione in atmosfera 8) Presso limpianto autorizzato un punto convogliato di emissione finale in atmosfera di tipo diffuso E1, costituito dalla superficie del biofiltro.

228

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

9) Lautorizzazione, relativamente al punto di emissione E1, rilasciata nel rispetto dei limiti e delle prescrizioni successivamente riportate. 10) Le caratteristiche del suddetto biofiltro sono quelle indicate nella seguente tabella: 11) CARATTERISTICHE DEL BIOFILTRO 12) Punto di monitoraggio 14) Superficie totale 16) Altezza dal letto biologico 13) E1 15) Quattro vasche per complessivi 1.664 m2 17) 1.550 mm

18) Altezza geometrica di emissione 19) 1.680 mm 20) Coordinate Nord 22) Coordinate Est 21) 41 58 06 N 23) 12 30 02 E

Territorio Larea di studio costituita dal territorio del comune di Roma. La popolazione residente nel 2008 pari a 2.721.558 abitanti. Comune Popolazione residente nel 2008 Roma 2.721.558 Totale 2.721.558 Totale provincia di Roma 4.085.789 Totale Regione Lazio 5.593.864
(fonte: ISTAT Stima del carico inquinante delle acque reflue urbane anno 2005-2008)

Il territorio presenta un basso grado di antropizzazione con una prevalenza di aree destinate ad uso agricolo e di aree naturali.

Uso del suolo Comune di Roma altro Aree aeroportuali ed eliporti aree agricole aree archeologiche aree industriali e commerciali aree naturali aree portuali aree urbane bacini artificiali laghi e bacini reti ferroviarie reti stradali servizi Totale
(fonte: Regione Lazio)

Superficie [ha] 3761 243 61.567 259 9.309 26.092 20 23.441 11 198 366 1.286 1.932 128484

229

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Le attivit economiche presenti coinvolgono complessivamente 842.733 addetti. Comune Numero di addetti Roma 842.733 Totale 842.733 Totale provincia di Roma 1.030.955 Totale Regione Lazio 1.291.766
(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Le principali infrastrutture di trasporto sono rappresentate dalla Strada dei Parchi (A24), dallAutostrada del Sole (A1), dalla via Casilina (SS6), dalla Circonvallazione Orientale e dalla linea ferroviaria Roma Napoli. Considerando i corpi idrici di riferimento definiti dalla Regione Lazio ai fini della tutela delle acque, nellarea sono presenti: il fiume Tevere, il rio Torto (fosso di Procula), il fosso della Caffarella, il fosso della Magliana, il fosso della Torraccia, il fosso dell'Osa, il fosso di S.Vittorino, il fosso di Tor Sapienza, il fosso Galeria, il fosso Malafede, il fosso Passerano e il rio Cremera della Valchetta, appartenenti al bacino idrografico del fiume Tevere; il fiume Aniene, appartenente allomonimo bacino idrografico; il fiume Arrone, appartenente al bacino idrografico dellArrone Sud; Lunghezza complessiva nel territorio della Regione Lazio [Km] 119,3 37,3 191,3 7,3 18,0 17,9 10,1 14,9 14,1 27,5 17,6 9,2 32,5 19,8

Fiumi torrenti e fossi Comuni di Monte Compatri e Roma Fiume Aniene Fiume Arrone Fiume Tevere Fosso della Caffarella Fosso della Magliana Fosso della Torraccia Fosso dell'Osa Fosso di S.Vittorino Fosso di Tor Sapienza Fosso Galeria Fosso Malafede Fosso Passerano Rio Cremera della Valchetta Rio Torto (Fosso di Procula)

Lunghezza del tratto nel Comune di Roma [Km] 29,2 25,2 69,1 7,3 18,0 11,1 8,3 4,7 12,7 27,5 17,6 4,6 18,6 0,7
(Fonte Regione Lazio)

Sono presenti aree naturali sottoposte a vincoli di tutela. 230

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Comune

Roma

Totale

AREE NATURALI PROTETTE Superficie comunale che Denominazione ricade nellarea naturale protetta [ha] Monumento Naturale Galeria 31,33 Antica Monumento Naturale Parco della 99,83 Cellulosa Monumento Naturale Quarto degli Ebrei - Tenuta di 185,42 Mazzalupetto Parco Naturale Regionale 61,25 Aguzzano Parco Naturale Regionale Appia 3.250,10 Antica Parco Naturale Regionale 1.749,88 Bracciano - Martignano Parco Naturale Regionale Pineto 242,90 Parco Naturale Regionale Veio 7.067,49 Riserva Naturale Regionale 6.088,77 Decima Malafede Riserva Naturale Regionale 741,38 Insugherata Riserva Naturale Regionale 154,27 Laurentino Acqua Acetosa Riserva Naturale Regionale 4.683,14 Marcigliana Riserva Naturale Regionale 233,83 Monte Mario Riserva Naturale Regionale 0,02 Nomentum Riserva Naturale Regionale 863,00 Tenuta dei Massimi Riserva Naturale Regionale 256,80 Tenuta di Acquafredda Riserva Naturale Regionale Valle 467,54 dei Casali Riserva Naturale Regionale Valle 649,97 dell'Aniene Riserva Naturale Statale Litorale 8.137,13 Romano Riserva Naturale Statale Tenuta 5.928,99 di Castelporziano 40.893,02
(fonte Regione Lazio)

231

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Comune

Roma

Totale

SITI DI IMPORTANZA COMUNITARIA (SIC) ZONE A PROTEZIONE SPECIALE (ZPS) Superficie comunale che Denominazione ricade nel SIC/ZPS [ha] SIC Macchia Grande di Ponte 1.055,74 Galeria SIC Castel Porziano (Querceti 327,66 Igrofili) SIC Castel Porziano (Fascia 427,70 Costiera) SIC Villa Borghese e Villa 341,68 Pamphili SIC Lago di Bracciano 39,04 SIC Sughereta di Castel di 538,41 Decima ZPS Compr. Bracciano2.181,42 Martignano ZPS Castel Porziano (Tenuta 6.036,52 presidenziale) 10948,17
(fonte Regione Lazio)

17.4

Qualit delle acque

La Regione Lazio dispone di una rete di monitoraggio della qualit delle acque superficiali (fiumi, laghi e marino-costiere) e sotterranee (acque di falda) su cui si articola il programma annuale di monitoraggio realizzato da ARPA Lazio. Tale programma consente di valutare lo stato e levoluzione della qualit delle acque e costituisce un supporto alla pianificazione di interventi di mitigazione e risanamento. In questo senso un quadro complessivo pu essere delineato sulla base dei risultati di tutta la rete di monitoraggio nei diversi anni. In questo caso per una lettura correlata allo specifico territorio si riporta lo stato di qualit delle acque delle stazioni di misura presenti nellarea. Allinterno dellarea, oggetto dello studio, sono presenti 8 stazioni di monitoraggio delle acque dei fiumi. Il monitoraggio finalizzato alla definizione, dal punto di vista chimico, del grado di compromissione degli acquiferi per cause naturali e antropiche e alla verifica della presenza di sostanze chimiche pericolose.

232

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Lelaborazione dei risultati analitici consente di classificare le acque secondo le seguenti diverse categorie corrispondenti a una qualit decrescente. Fiumi (Stato ecologico) 1 Classe 1 Elevato 2 Classe 2 Buono 3 Classe 3 Sufficiente 4 Classe 4 Scadente 5 Classe 5 Pessimo Presentazione cromatica delle acque con presenza di sostanze pericolose La presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tabella 2 dellAllegato 5, parte quarta, del D. Lgs. 152/06 viene rappresentata cromaticamente con le seguenti modalit.

Assente Presente

assenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06 presenza di sostanze pericolose in concentrazioni superiori ai valori limite fissati nella Tab. 2 dellAllegato 5, parte quarta, Titolo V del D. Lgs. 152/06

Per ogni stazione di monitoraggio, nella tabella successiva, sono riportati gli indici di qualit ambientale secondo la definizione generale prevista per le acque superficiali e sotterranee.

233

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Bacino idrografico Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere

Codice Punto di campionamento 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19

Tipologia

Corso dacqua/ stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede

Stato ecologico
Anno 2006 3 3 3 3 3 3 2 3 Anno 2007 3 4 3 3 3 4 3 5 Anno 2008 3 4 4 4 3 4 4 5 Anno 2009 4 4 3 3 3 4 4 4 Anno 2010 3 4 3 3 3 4 4 5

Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

Bacino idrografico Arrone Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere Tevere

Codice Punto di campionamento 4.24 4.05 4.06 4.07 4.09 4.10 4.11 4.19

Tipologia Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume Fiume

Corso dacqua/stazione di campionamento Fiume Arrone Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Tevere Fiume Aniene Fiume Aniene Fiume Aniene Fosso Malafede

Sostanze pericolose
Anno 2006 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2007 Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Assente Anno 2008 Presente* Presente* Assente Assente Presente* Presente* Presente* Presente* Anno 2009 Presente Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente Anno 2010 Presente* Assente Assente Assente Presente* Presente* Presente* Assente

(fonte Regione Lazio e ARPA Lazio)

*presenza solo di arsenico con valori superiori al limite previsto.

234

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

TMB

17.5

Qualit dellaria

LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio viene condotta impiegando in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale: misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili e modelli di calcolo. La rete di monitoraggio attualmente costituita da 37 stazioni fisse. Nel comune di Roma sono presenti 17 stazioni di monitoraggio; si riportano nella tabella seguente i valori minimi, medi e massimi registrati nel periodo 2006-2010.

235

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Dati qualit dellaria stazioni di monitoraggio di Roma Inquinanti Benzene C6H6 Dato media annua [g/m3] media annua [mg/m3] Ossido di Carbonio CO Valore limite 5 g/m
3

Scala Valore Minimo Medio Massimo Minimo

2006 2,0 4,2 5,8 0,6 1,2 1,7

2007 1,8 3,0 4,3 0,6 0,9 1,3

2008 1,7 2,6 3,4 0,5 0,8 1,2

2009 1,4 2,3 3,3 0,5 0,8 1,2

2010 0,8 2,05 3,3 0,4 0,7 1

(*) 10 mg/m Media massima giornaliera calcolata su 8 ore


3

Medio Massimo

numero superamenti

0,0

0,0

0,0

0,0

0,0

media annua [g/m3] Biossido di Azoto - NO2 numero superamenti

Minimo 40 g/m
3

20,0 68,3 100,0 0,0 16,8 54,0 39,0 43,5 52,0 0,0 15,0 36,0 32,0 43,3 49,0 44,0 87,5 141,0 1,5 1,5 1,5

20,0 59,8 85,0 0,0 14,2 44,0 34,0 38,4 47,0 1,0 14,7 25,0 31,0 40,3 48,0 33,0 78,4 116,0 1,7 1,8 1,8

19,0 51,9 79,0 0,0 4,1 11,0 32,0 39,1 51,0 3,0 15,4 36,0 27,0 35,2 41,0 19,0 48,8 81,0 1,2 1,3 1,4

17,0 54,4 82,0 0,0 4,3 24,0 36,0 41,1 56,0 3,0 16,0 34,0 27,0 34,4 40,0 12,0 41,5 67,0 1,1 1,2 1,3

25 48,8 76 0,0 3,1 21 37,0 45,4 61,0 3,0 25,2 49,0 24,0 30,6 37,0 0,0 18,4 39,0 0,6 0,9 1,3

Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo

200 g/m da non superare pi di 18 volte lanno (*)

Media Annua Ozono - O3 Numero di superamenti

Medio

Massimo 120 g/m3 Minimo Media su Medio 8 ore massima Massimo giornaliera Minimo 40 g/m3 50 g/m da non superare pi di 35 volte lanno 20 g/m
3

media annua [g/m3] Particolato atmosferico PM10

Medio Massimo Minimo Medio Massimo Minimo

numero superamenti

Ossidi di Zolfo - SO2

Media annua nel periodo 1 ottobre - 31 marzo [g/m3]

Medio Massimo

(*) non previsto dalla normativa

(fonte: ARPA Lazio)

236

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Fattori di pressione Le attivit economiche, a seconda della tipologia e della dimensione, possono costituire un fattore di pressione ambientale. Nel territorio del comune di Roma le attivit economiche che vedono impegnate il maggior numero di addetti sono quelle di tipo immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e servizi alle imprese (142.354 addetti che rappresentano circa il 17 % del totale). Le attivit riguardanti limpiego nelle pubbliche amministrazioni impegnano 121.777 addetti (circa il 14 % del totale).

Tipologia attivit Agricoltura, caccia e silvicoltura Pesca, piscicultura e servizi connessi Estrazione di minerali Attivit manifatturiere Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Costruzioni Commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli, motocicli e di beni personali per la casa Alberghi e ristoranti Trasporti magazzinaggio e comunicazioni Attivit finanziarie Attivit immobiliari, noleggio, informatica, ricerca, servizi alle imprese Amministrazione pubblica Istruzione Sanit e assistenza sociale Altri servizi pubblici, sociali e personali Totale

Numero addetti 972 67 786 50.998 8.496 41.869 82.400 39.938 97.869 52.303 142.354 121.777 66.002 74.848 62.054 842.733

(fonte ISTAT, Censimento industria e servizi 2001 - Classificazione delle attivit economiche Ateco 2007)

Nellarea sono presenti 16 impianti industriali soggetto ad Autorizzazione Integrata Ambientale (ai sensi del D.lgs 152/2006 succ. mod e int) appartenente alle seguenti categorie: n.5 impianti - 2.6. Impianti per il trattamento di superficie di metalli e materie plastiche mediante processi elettrolitici o chimici qualora le vasche destinate al trattamento utilizzate abbiano un volume superiore a 30 m3 n.2 impianti - 6.4: a) Macelli aventi una capacit di produzione di carcasse di oltre 50 tonnellate al giorno; n.2 impianti - 6.4: b) Trattamento e trasformazione destinati alla fabbricazione di prodotti alimentari a partire da: materie prime animali (diverse dal latte) con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 75 tonnellate al giorno ovvero materie prime 237

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

vegetali con una capacit di produzione di prodotti finiti di oltre 300 tonnellate al giorno (valore medio su base trimestrale); n.1 impianto - 1.1 Impianti di combustione con potenza termica di combustione di oltre 50 MW. n.1 impianto - 2.5.a Impianti destinati a ricavare metalli grezzi non ferrosi da minerali, nonch concentrati o materie prime secondarie attraverso procedimenti metallurgici, chimici o elettrolitici; 4.1.g Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici organici di base, quali composti organo metallici; 4.2.d Impianti chimici per la fabbricazione di prodotti chimici inorganici di base, sali, quali cloruro dammonio, clorato di potassio, carbonato di potassio, carbonato di sodio, perborato, nitrato dargento n.1 impianto - 3.5. Impianti per la fabbricazione di prodotti ceramici mediante cottura, in particolare tegole, mattoni, mattoni refrattari, piastrelle, gres, porcellane, con una capacit di produzione di oltre 75 tonnellate al giorno e/o con una capacit di forno superiore a 4 m3 e con una densit di colata per forno superiore a 300 kg/m3 n.1 impianto - 6.4: c) Trattamento e trasformazione del latte, con un quantitativo di latte ricevuto di oltre 200 tonnellate al giorno (valore medio su base annua). n.1 impianto - 5.3. Impianti per l'eliminazione dei rifiuti non pericolosi quali definiti nell'allegato 11 A della direttiva 75/442/Cee ai punti D 8, D 9 con capacit superiore a 50 tonnellate al giorno n.1 impianto - (punto 2 All. V D Lgs 59/2005) Centrali termiche ed altri impianti di combustione n.1 impianto - (punto 1 All. V D Lgs 59/2005) Raffinerie di petrolio greggio.

Stima delle emissioni di inquinanti atmosferici Nellambito del piano di risanamento della qualit dellaria (ottobre 2010) la Regione Lazio si avvalsa di una articolata stima delle emissioni di sostanze inquinanti a livello comunale per le diverse tipologie di sorgenti (industria, traffico, ecc.). Nella tabella successiva sono riportate le emissioni stimate a livello annuo (t/anno) per larea di indagine e quelle relative allintera provincia e regione al fine di consentire un agevole confronto relativo alla potenziale criticit dellarea.

238

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Comuni Comune di Roma Provincia di Roma Regione Lazio

CO 96984 181122 275121

Inquinante [t/anno] NH3 NMHC NOX 1846 26688 24322 5317 53349 55629 17163 94062 89292

PM10 4149 8103 13873

SO2 4555 13082 23938

Stima delle emissioni di inquinante per tutto il territorio relativamente al particolato fine (PM10).

Acque reflue urbane e industriali La stima del carico inquinante delle acque reflue urbane dovuto alle sostanze biodegradabili prodotte dalle attivit domestiche ed economiche nel 2008 riportato nella tabella seguente.
Posti letto Abitanti Abitanti Popolazione alberghi, in Piccola, Abitanti Popolazione Popolazione Lavoratori equivalenti presente campeggi seconde Ristoranti Micro media e equivalenti in case e studenti totali Comune residente non e alloggi case (non totali e bar industria grande nel 2008 sparse pendolari urbani residente industria (Aet) per destinate (Aetu) turisti a turisti) Roma 2721558 148.840 -26.657 52.792 127.820 217.637 881577 140562 1281723 4264128 5545851 totali 2721558 148.840 -26.657 52.792 127.820 217.637 881577 140562 1281723 4264128 5545851

(fonte: Stime del carico inquinante delle acque reflue urbane, 2010, ISTAT)

Naturalmente il carico inquinante potenziale poi soggetto in generale a sistemi di trattamento quali depuratori, depuratori industriali e altri sistemi in grado di ridurre limpatto complessivo sul territorio.

239

PROGRAMMA ERAS LAZIO

APPENDICI Roma Salaria

Rifiuti La produzione di rifiuti urbani pu essere stimata utilizzando il produzione pro capite di rifiuti urbani (604 kg/ab.*anno). dato regionale 2007 di

Comune Roma Totali

Popolazione residente nel 2008 2.721.558 2.721.558

Produzione rifiuti urbani [t] 1.643.821 1.643.821

(Fonte: elaborazione dati ISTAT e Rapporto rifiuti 2008, ISPRA)

La raccolta differenziata della provincia di Roma stata nel 2007 pari al 13,2 (fonte: Rapporto rifiuti 2008, ISPRA).

Controlli e monitoraggi ambientali Limpianto autorizzato sulla base del D.lgs 59/2005 succ. mod e int. (Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) che prevede diversi livelli per le attivit di controllo: - autocontrolli, effettuati dal gestore in ottemperanza all'autorizzazione integrata, i cui esiti devono essere inviati all'autorit competente secondo le modalit e frequenze stabilite dall'autorizzazione stessa; - controlli programmati, di competenza ISPRA - ARPA anch'essi da effettuare secondo quanto previsto e programmato dall'autorizzazione, precipuamente rivolti a verificare: - il rispetto delle condizioni dellautorizzazione integrata ambientale; - la regolarit dei controlli a carico del gestore, con particolare riferimento alla regolarit delle misure e dei dispositivi di prevenzione dell'inquinamento nonch al rispetto dei valori limite di emissione; - l'ottemperanza del gestore ai propri obblighi di comunicazione e informazione dell'autorit competente, anche con riferimento all'ipotesi di inconvenienti o incidenti in grado di influire in modo significativo sull'ambiente; - controlli non programmati, derivanti da "ispezioni straordinarie" disposte discrezionalmente dall'autorit competente.

240

VALUTAZIONE MODELLISTICA DELLIMPRONTA (FOOTPRINT) DEGLI IMPIANTI

Indice Impianto Discarica di Cecchina (Albano)............................................................................................3 Impianto Discarica di Borgo Montello (Latina) ................................................................................10 Impianto Discarica di Cupinoro (Bracciano) ....................................................................................16 Impianto Discarica di Fosso Crepacuore (Civitavecchia)..................................................................22 Impianto Discarica di Colle Fagiolara (Colleferro) ...........................................................................29 Impianto Termovalorizzatori di Colleferro........................................................................................36 Impianto Discarica di Roccasecca (Frosinone)..................................................................................43 Impianto Discarica dellInviolata (Guidonia) ....................................................................................49 Impianto Termovalorizzatore di San Vittore del Lazio .....................................................................56 Impianto Discarica Le Fornaci (Viterbo)..........................................................................................62

Impianto Discarica di Cecchina (Albano)

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Di recente sviluppo urbanistico, il comune di Cecchina si colloca nell'area dei Castelli Romani: la parte pi antica dell'abitato adagiata a quota 237 m sul livello del mare sul versante occidentale dell'antico cratere vulcanico prosciugato di Vallericcia, al chilometro 9 della Strada Regionale 207 Nettunense e lungo la ferrovia Roma-Velletri. Per la sua posizione collinare e la poca distanza dal mare (circa 20 km), l'area di Cecchina gode di un clima mediterraneo con inverni miti, temperature autunnali superiori a quelle primaverili, estati ventilate. Le precipitazioni si aggirano sui 900 1000 mm annui, con una diminuzione da gennaio-febbraio a luglio-agosto e un brusco aumento a settembre. I venti spirano prevalentemente da sud e da ovest, pi raramente da nord e da est. Ai Colli Albani si presenta il fenomeno detto stau, che consiste nella riduzione del vapore acqueo nelle nuvole man mano che il terreno si alza; perci la piovosit maggiore si ha sulle prime alture dei Colli Albani, rivolte verso il mare, verso sud sud-ovest, e la minore verso nord. Normalmente la zona battuta da venti di Scirocco e Libeccio, ma talvolta compare anche il Ponentino. Durante l'inverno invece si ha la presenza di Tramontana e Grecale, il primo proveniente dalla vasta pianura dell'Agro Romano. Nel territorio della circoscrizione cecchinese non sono presenti alture di rilievo, poich il terreno tende a declinare verso il mar Tirreno dalle montagne vulcaniche dei Colli Albani. L'altitudine massima si registra a quota 315 metri sul livello del mare in prossimit dell'antica localit denominata Prelatura Doria (odierna Perlatura), lungo la Strada Provinciale Vallericcia-Perlatura, a picco sul cratere di Vallericcia. Poco pi bassi sono Ginestreto e Rufelli (290 metri sul livello del mare), Poggio Ameno (anticamente denominato Colle Conicchione - 276 metri sul livello del mare); la stazione ferroviaria di Cecchina si attesta invece a 216 metri sul livello del mare, mentre l'area di Roncigliano risulta essere a 181 metri, la Cancelliera a 175 metri e Montagnano a 151 metri. Cecchina attraversata dalla SR207 Nettunense che dalla SS7 Via Appia all'altezza delle Frattocchie collega i Castelli romani, passando per Aprilia, ad Anzio e Nettuno. collegata ad Albano dalla strada provinciale 93a Albano-Cecchina, dalla SP4a AlbanoCancelliera e dalla SP90b Perlatura; ad Ariccia dalla SP1e Vallericcia-Ginestreto; a Genzano di Roma dalla SP94a Genzano-Cecchina; ad Ardea dalla SP7a Campoleone; a Pomezia dalla SP93b Cancelliera-Valle Caia; a Santa Palomba e Roma dalla SP3e via Ardeatina. Inoltre nel territorio sono presenti altre strade provinciali: la SP3a Roncigliano, la SP94b Tor Paluzzi, la SP1a Montagnano, tutte e tre di collegamento tra Cecchina centro e la via Ardeatina in direzione ovest verso Montagnano d'Ardea.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di

determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse. Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come la situazione del territorio di Cecchina non presenti criticit particolari.

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica di Cecchina situata 2 km ad ovest del paese che conta circa 12.000 abitanti e ricade nei territori dei comuni di Albano Laziale, Ariccia ed Ardea, nella provincia di Roma. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente molto regolare e non sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Cecchina e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 0.45 t/a.

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Cecchina stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo. Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

Impianto Discarica di Borgo Montello (Latina)

10

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Latina, una delle cinque province del Lazio, situata nella zona dell'Agro Pontino, una vasta zona pianeggiante, un tempo coperta dalle paludi e successivamente bonificata, in gran parte alluvionale, nei pressi del fiume Astura. Oltre all'Astura, i principali corsi d'acqua sono costituiti dai torrenti che scendono dai Monti Lepini e poi nella pianura vengono incanalati e portati fino al mare. Il territorio circostante la citt risulta, quindi, omogeneo e pianeggiante e dedito principalmente allagricoltura. Il clima risulta essere relativamente mite d'inverno e temperato d'estate. La meteorologia per influenzata dalla discontinuit mare-terra che determina regimi di brezza con andamento periodico nell'arco della giornata. Le strade principali sono la SS148 via Pontina, la SP19 Strada del Cavaliere e la SP15 Strada Nettunense.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Le ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. da esse si nota come la concentrazione media annua dei due inquinanti sia prossima ai limiti di legge, soprattutto per quanto attiene allNO2.

11

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

12

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica di Borgo Montello, situata a circa 11 km a nordovest di Latina, dista circa 6 km dal mare e pi di 15 km da rilievi orografici importanti. Il territorio circostante la discarica sostanzialmente omogeneo e pianeggiante in tutte le direzioni. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente molto regolare e non sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Borgo Montello e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa

13

dallintera discarica stata stimata in 2.92 t/a.

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Borgo Montello stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo.

Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

14

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

15

Impianto Discarica di Cupinoro (Bracciano)

16

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


La discarica di Cupinoro situata a 6 km a sud di Bracciano, comune della provincia di Roma che conta 19.058 abitanti, a circa 40 km a nord della Capitale, in posizione dominante sull'omonimo lago, detto anche Lago Sabatino. In base alle medie climatiche del trentennio 1971-2000, le pi recenti in uso, la temperatura media nell'area in esame del mese pi freddo, gennaio, di 7,2 C, mentre quella del mese pi caldo, agosto, di 24 C; mediamente si contano 6 giorni di gelo all'anno e 27 giorni annui con temperatura massima uguale o superiore a 30 C. Nel trentennio esaminato, i valori estremi di temperatura sono i +38,7 C dell'agosto 1981 e i -6,2 C del gennaio 1985. Le precipitazioni medie annue si attestano a 949 mm, mediamente distribuite in 81 giorni, con minimo in estate, picco massimo in autunno e massimo secondario in inverno. L'umidit relativa media annua fa registrare il valore di 73,2% con minimi di 66% a luglio e ad agosto e massimi di 80% a novembre e a dicembre; mediamente si contano 27 giorni annui con episodi nebbiosi.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come la situazione del territorio di Bracciano-Cupinoro non presenti criticit particolari.

17

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10

18

3. Impianto
Limpianto considerato, cio la discarica di Cupinoro (Bracciano) si trova sulla strada SP4a Settevene Palo che collega Bracciano a Cerveteri; un'altra strada importante risulta essere la SS493 Braccianese che confluisce sulla via Cassia in localit La Storta. La mappa che mostra l'orografia del territorio suggerisce la presenza di rilievi di modesta entit a nord della discarica, che appartengono ai Monti Sabatini. Nelle immediate vicinanze della discarica presente una zona boschiva e praticamente nessun abitato. Le prime aree urbanizzate sono quelle di Monte Franco 3 km a nord del sito di raccolta dei rifiuti. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si nota, lorografia presente molto regolare e non sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Cupinoro e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

19

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 0.38 t/a.

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Cupinoro stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo. Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

20

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

21

Impianto Discarica di Fosso Crepacuore (Civitavecchia)

22

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Civitavecchia un comune di oltre 52.000 abitanti posto sul mar Tirreno; il suo porto tra i pi importanti d'Italia e costituisce un importante terminal passeggeri per i collegamenti marittimi tra gli altri con la Sardegna, la Sicilia e, attraverso le autostrade del mare, Barcellona, Tunisi, Tolone, Malta e la Corsica. Grazie al grande flusso di navi da crociera, il porto di Civitavecchia oggi il secondo scalo europeo (dopo Barcellona) per numero di passeggeri annui in transito. La citt situata in un territorio compreso tra il fiume Mignone a nord ed il fiume Marangone a sud. Anche se non gode di grandi rilievi, la periferia leggermente rialzata rispetto al resto dei quartieri. Inoltre vi sono numerosi fossi e piccoli canyon che partono dai vicini monti della Tolfa e sfociano a mare. La costa presenta numerose insenature e piccoli golfi con fondali rocciosi; le spiagge sabbiose invece sono presenti solo verso nord. Nei pressi della citt operano due centrali termoelettriche: una a ciclo combinato (gas metano) di propriet di Tirreno Power e un'altra, di propriet ENEL, recentemente convertita per l'utilizzo del carbone come combustibile, facendo di Civitavecchia il cantiere pi importante di Europa. Per anni Civitavecchia ha fondato la propria economia in dipendenza delle grandi centrali termoelettriche ENEL presenti sul proprio territorio. La citt collegata mediante l'A12 Roma-Civitavecchia, l'SS675 Umbro-Laziale e l'SS1 Via Aurelia. Il clima pu essere dedotto dall'osservazione dei dati della stazione meteorologica di Santa Marinella. In base alle medie climatiche del trentennio 1971-2000, la temperatura media del mese pi freddo, gennaio, di 10,3 C, mentre quella del mese pi caldo, agosto, di 24,3 C; mediamente si conta un solo giorno di gelo all'anno e tre giorni annui con temperatura massima uguale o superiore a 30 C. Nel trentennio esaminato, i valori estremi di temperatura sono i +35,2 C del luglio 1995 e i -4,0 C del gennaio 1979. Le precipitazioni medie annue si attestano a 711 mm, mediamente distribuite in 66 giorni, con minimo in estate, picco in autunno e massimo secondario in inverno. L'umidit relativa media annua fa registrare il valore di 74,7% con minimo di 73% a febbraio e massimi di 76% ad aprile, a maggio e a giugno.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

23

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come la situazione del territorio di Civitavecchia non presenti criticit particolari.

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2

24

Concentrazione media annua di PM10

25

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica di Fosso Crepacuore, situata a circa 1,5 km a nord del centro cittadino e, data la posizione, si inserisce in una porzione territoriale gi occupata da numerose attivit di origine antropica. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente molto regolare con un gradiente orografico diretto in direzione NE. Questa situazione orografica non risulta propizia alla generazione di effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Fosso Crepacuore e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 0.15 t/a.

26

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Fosso Crepacuare stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo.

Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

27

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

28

Impianto Discarica di Colle Fagiolara (Colleferro)

29

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Colleferro un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova nella Valle del Sacco. Le caratteristiche meteorologiche del territorio sono pesantemente condizionate dall'orografia che determina un incanalamento delle masse d'aria lungo le zone pianeggianti, influenzando in modo sostanziale la dispersione degli inquinanti nell'aria. Infatti, a sud i Monti Lepini si frappongono tra le zone interne e la costa, a nord i Monti Simbruini e il Subappennino laziale presentano rilievi che toccano punte di 2000 metri s.l.m. sebbene a ridosso del dominio di simulazione si raggiungano gli 800-1000 metri s.l.m.. Per l'intensa attivit industriale e soprattutto chimica, Colleferro ha dovuto far fronte a un notevole sovraccarico di inquinanti che hanno contaminato terreni e falde acquifere nel territorio comunale e nella Valle del Sacco in generale. In particolare, il betaesaclorocicloesano venne usato abbondantemente fino agli anni settanta per la produzione di pesticidi, quindi limitato e infine proibito nel 2001. Con le acque piovane che colavano nei terreni delle discariche a cielo aperto e si convogliavano nei fossi detti Fosso Savo e Fosso Cupo si cre un inquinamento costante nel Fiume Sacco, il quale, esondando periodicamente, nei decenni successivi port gli inquinanti sui terreni limitrofi a destinazione agricola, generando problemi in tutta la catena alimentare.L'emergenza ambientale stata affrontata con fondi regionali e con bonifiche. Studi sul terreno nell'area industriale di Colleferro sono stati finanziati dalla Regione Lazio, e da essi emerge che ci sono ancora livelli molto elevati di "esaclorocicloesano DDE (Diclorodifenildicloroetilene), DDT nei terreni agricoli, e presenza di mercurio, cromo, arsenico, diossine e altre sostanze tossiche nell'area industriale di Colleferro". Nel 2006 stato dichiarato lo "stato di emergenza socioeconomico-ambientale", poi prorogato a pi riprese fino ad oggi. Nel 2005 stato approvato un progetto di monitoraggio di lungo periodo della salute della popolazione nell'area della Valle del Sacco, in carico al dipartimento di epidemiologia della ASL Roma E in collaborazione con le ASL Roma G e Frosinone e con l'Istituto Superiore di Sanit, al fine di verificale lo stato di salute dei cittadini dell'area. stato riscontrato un quadro di mortalit e morbosit tra i peggiori nei tre comuni della provincia di Roma rispetto al resto della Regione. Dal punto di vista del traffico, le arterie di comunicazione principali sono: l'A1 Milano-Napoli nel tratto Roma-Napoli l'SS6 Casilina l'SS609 Carpinetana la Palianense che collega Colleferro alle citt di Paliano, Bellegra, Olevano Romano, ed alcuni centri dell'entroterra ciociaro come Piglio; l'SS600dir Ariana conosciuta con il nome urbano di "via Latina", che collega Colleferro con la cittadina di Artena e con altre localit dei Castelli Romani, passando per la frazione del Quarto Chilometro.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da:

30

un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come lintera zona sia caratterizzata da livelli di concentrazione di NO2 e di PM10 abbastanza elevate che nel caso dellNO2 superano i limiti di legge confermando che lintera zona una delle pi critiche della regione Lazio.

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

31

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

32

3. Impianto
La discarica di Colle Fagiolara (Colleferro) si trova 3 km a nord del nucleo urbano del comune e si inserisce in un contesto territoriale dove l'influenza dell'attivit umana notevole ora come in passato. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra, evidenziatore giallo) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente piuttosto complessa e quindi sono prevedibili effetti particolari di incanalamento e di ristagno delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Colle Fagiolara e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 1.01 t/a.

33

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Colle Fagiolara stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo.

Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale. Questa impronta piuttosto complessa vista la complessit orografica che caratterizza la zona.

34

Per meglio evidenziare ci e per rendersi conto di come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

35

Impianto Termovalorizzatori di Colleferro

36

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Colleferro un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova nella Valle del Sacco. Le caratteristiche meteorologiche del territorio sono pesantemente condizionate dall'orografia che determina un incanalamento delle masse d'aria lungo le zone pianeggianti, influenzando in modo sostanziale la dispersione degli inquinanti nell'aria. Infatti, a sud i Monti Lepini si frappongono tra le zone interne e la costa, a nord i Monti Simbruini e il Subappennino laziale presentano rilievi che toccano punte di 2000 metri s.l.m. sebbene a ridosso del dominio di simulazione si raggiungano gli 800-1000 metri s.l.m.. Per l'intensa attivit industriale e soprattutto chimica, Colleferro ha dovuto far fronte a un notevole sovraccarico di inquinanti che hanno contaminato terreni e falde acquifere nel territorio comunale e nella Valle del Sacco in generale. In particolare, il betaesaclorocicloesano venne usato abbondantemente fino agli anni settanta per la produzione di pesticidi, quindi limitato e infine proibito nel 2001. Con le acque piovane che colavano nei terreni delle discariche a cielo aperto e si convogliavano nei fossi detti Fosso Savo e Fosso Cupo si cre un inquinamento costante nel Fiume Sacco, il quale, esondando periodicamente, nei decenni successivi port gli inquinanti sui terreni limitrofi a destinazione agricola, generando problemi in tutta la catena alimentare.L'emergenza ambientale stata affrontata con fondi regionali e con bonifiche. Studi sul terreno nell'area industriale di Colleferro sono stati finanziati dalla Regione Lazio, e da essi emerge che ci sono ancora livelli molto elevati di "esaclorocicloesano DDE (Diclorodifenildicloroetilene), DDT nei terreni agricoli, e presenza di mercurio, cromo, arsenico, diossine e altre sostanze tossiche nell'area industriale di Colleferro". Nel 2006 stato dichiarato lo "stato di emergenza socioeconomico-ambientale", poi prorogato a pi riprese fino ad oggi. Nel 2005 stato approvato un progetto di monitoraggio di lungo periodo della salute della popolazione nell'area della Valle del Sacco, in carico al dipartimento di epidemiologia della ASL Roma E in collaborazione con le ASL Roma G e Frosinone e con l'Istituto Superiore di Sanit, al fine di verificale lo stato di salute dei cittadini dell'area. stato riscontrato un quadro di mortalit e morbosit tra i peggiori nei tre comuni della provincia di Roma rispetto al resto della Regione. Dal punto di vista del traffico, le arterie di comunicazione principali sono: l'A1 Milano-Napoli nel tratto Roma-Napoli l'SS6 Casilina l'SS609 Carpinetana la Palianense che collega Colleferro alle citt di Paliano, Bellegra, Olevano Romano, ed alcuni centri dell'entroterra ciociaro come Piglio; l'SS600dir Ariana conosciuta con il nome urbano di "via Latina", che collega Colleferro con la cittadina di Artena e con altre localit dei Castelli Romani, passando per la frazione del Quarto Chilometro.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da:

37

un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come lintera zona sia caratterizzata da livelli di concentrazione di NO2 e di PM10 abbastanza elevate che nel caso dellNO2 superano i limiti di legge confermando che lintera zona una delle pi critiche della regione Lazio.

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

38

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

39

3. Impianto
Qui si considerano due inceneritori che, pur essendo tecnicamente appartengono a due societ differenti EP-Sistemi e Mobil-Service. gemelli,

Nella prima (quella a sinistra) delle due figure che seguono indicata la localizzazione dei due impianti (indicatore di color rosso) oltre che la localizzazione della discarica di Colle Fagiolara (indicatore giallo). Nella figura a destra viene evidenziata lorografia presente che risulta piuttosto complessa (cosa comune a tutta la Valle del Sacco). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente piuttosto complessa e quindi sono prevedibili effetti particolari di incanalamento e di ristagno delle masse daria.

Dato che i due impianti considerati sono termovalorizzatori, per la determinazione dellimpronta complessiva dei due impianti sono stati considerati gli ossidi di azoto NOX, tipicamente emessi durante la combustione. Le emissioni di inquinanti sono convogliate in apposite ciminiere abbastanza elevate, che possono essere considerate sorgenti puntuali. Le caratteristiche di emissione (temperatura di emissione, velocit di emissione, caratteristiche della ciminiera) ed il tasso annuale di NOX sono riportate nella tabella seguente.
Tracciant e Tipologia emissioni considera to Termovalorizzatore: 1. EP-SISTEMI 2. MOBILSERVICE NOx Altezza camino (m) Diametro camino (m) Temp. di uscita dei fumi (K) Vel. di uscita dei fumi (m/s) 7.75 Quantit emessa (t/a) 53.348 55.188

50

2.69

413.15

40

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per i termovalorizzatori di Colleferro stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo.

Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale. Come si nota, limpronta complessiva dei due termovalorizzatori notevolmente complessa a causa della presenza dellorografia della zona, esaltata dal fatto che i fumi vengono emessi dagli impianti in quota (da ciminiere abbastanza elevate) e con notevole galleggiamento (velocit e temperatura dei fumi allemissioni abbastanza elevate).

41

Per meglio evidenziare ci e per rendersi conto di come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli agli incanalamenti e a ristagni daria.

42

Impianto Discarica di Roccasecca (Frosinone)

43

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Frosinone una dei cinque capoluoghi di Provincia del Lazio e si colloca nella Valle del Sacco, zona che costituisce una delle maggiori criticit ambientali della regione, sia per la presenza dellautostrada che per i numerosi insediamenti industriali che essa ha indotto. Inoltre, la presenza di elevate barriere montuose che circondano lintera vallata fanno s che lintera zona costituisca un bacino con scarsi ricambi daria con il resto della regione e con prevalenti situazioni di stagnazione. Il clima di tipo mediterraneo di transizione al continentale e questo dovuto alla distanza dal mare e alla barriera formata da una catena montuosa ben organizzata: i monti Aurunci. L'area in studio si trova nella media valle del fiume Sacco e del fiume Liri, delimitata ad ovest dall'Antiappennino e ad est dall'Appennino. Questo facilita, a differenza della costa, unelevata escursione termica sia giornaliera (in una giornata soleggiata si possono avere escursioni di 15 C) che stagionale. Un'altra caratteristica continentale la formazione di nebbie anche persistenti con conseguente contenimento termico. In estate facile assistere a fenomeni temporaleschi spesso brevi e con grandine,dovuta allo sviluppo verticale delle nubi che si originano dai monti e si estendono verso la costa. Frequenti sono le formazioni di gelate notturne specie nei mesi invernali. Le piogge sono pi abbondanti nei mesi autunnali e invernali, scarse le precipitazioni estive con, in genere, totale assenza nel periodo a cavallo tra luglio ed agosto. L'accumulo si stima intorno i 1299mm annui con picco a novembre. I venti seguono i regimi morfologici del territorio; mai troppo forti, le raffiche restano contenute intorno ai 30/40 km/h. Salvo eccezioni, i venti pi importanti sono la tramontana (N - NE) secca e gelida, il grecale (E - SE) secco e mite, il libeccio (SW - O) umido e piovoso ed il maestrale (NO) che tende a disciogliere le nubi. Le principali strade presenti sul territorio sono l'A1 Autostrada del Sole e l'SS6 via Casilina.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione

44

media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come la situazione sia critica, essendo la concentrazione media di entrambi gli inquinanti prossimi ai limiti di legge CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

45

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica di Roccasecca situata a circa 7 km a sud-ovest della citt di Frosinone. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente importante e sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di Roccasecca e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 0.0.23 t/a.

46

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Roccasecca stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo. Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

47

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

48

Impianto Discarica dellInviolata (Guidonia)

49

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Guidonia un comune di oltre 84.000 abitanti, situato sulla cintura territoriale a nord est di Roma da cui dista circa 22 km tra i due centri cittadini. Con la sua estensione di 79 km pu essere idealmente compreso tra le vie Nomentana e Tiburtina nella Sabina romana. In generale l'area in studio presenta caratteristiche riconducibili a tre tipologie morfologiche principali: le prominenze della parte settentrionale e orientale, in cui ricadono le localit di Sant'Angelo Romano, Montecelio, Marcellina e Tivoli, il settore pianeggiante a sud-ovest di Guidonia e la piana alluvionale del fiume Aniene. Gli unici rilievi di una certa entit sono i Monti Cornicolani. Da occidente a oriente troviamo: Monte Patulo (alto 400 m, con la vetta occupata da Sant'Angelo in Capoccia), Poggio Cesi e le due prominenze di Montecelio (una alta 396 m e l'altra, detta Monte Albano, di 370 m di altitudine, ove sorge il complesso conventuale di San Michele). A questi seguono, nella direzione est-ovest: Colle Carcibove (alto 260 m) e Colle Largo (alto 220 m), ai cui piedi sorge il centro di Guidonia. La zona sud-occidentale prevalentemente pianeggiante, con un'ondulazione insignificante ma continua, terreno argilloso e tufaceo; ha gli aspetti tipici dell'Agro Romano, un panorama mai uniforme, movimentato da antiche cave pozzolaniche sprofondamenti del terreno o lievi dossi. Il settore meridionale del territorio comunale formato da un piano debolmente inclinato in direzione sud: si passa infatti dagli 8285 m della piana di Guidonia ai 35 40 m lungo l'Aniene. L'area si distingue sia per la presenza del travertino e delle acque sulfuree, sotto forma di sorgenti e affioramenti, sia per la rigogliosa vegetazione delle zone umide e depresse nelle poche aree non contaminate dall'attivit umana. Il centro di Guidonia con i suoi 105 m sul livello del mare, ha una temperatura media non molto diversa da quella di Roma Urbe. Le caratteristiche climatiche sono mediterranee, con una piovosit moderata nell'arco dell'anno e molto contenuta nei mesi estivi. I monti che contornano la zona di Guidonia ostacolano i venti pi freddi, provenienti dal quadrante nord-occidentale, permettendo un clima particolarmente mite anche in inverno. Guidonia l'area urbana contigua al comune di Roma pi popolata. quindi il terzo Comune del Lazio per numero di abitanti dopo Roma e Latina. Il Comune sede del Parco Archeologico dell'Inviolata, un'area di 535 ettari. Tra le strade principali presenti sul territorio ricordiamo l'A1 Autostrada del Sole, la SS5 via Tiburtina e la SP23a via Palombarese.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione ambientale di questa zona influenzata dalla presenza di cementifici e attivit estrattive di travertino e calcare che, oltre alle emissioni in atmosfera, hanno determinato la scomparsa di intere colline. Per monitorare la qualit dell'aria, nel 2005 sono state installate le centraline per la rilevazione delle polveri sottili. La situazione ambientale attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema near-realtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e

50

da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Come si pu notare, sia per lNO2 che per il PM10 la situazione critica soprattutto in corrispondenza del centro abitato che della zona industriale. La discarica lInviolata, tuttavia, si viene a collocare a NE della zona critica l dove la concentrazione media annua dei due inquinanti al disotto della criticit.

Concentrazione media annua di NO2 (2010)

51

Concentrazione media annua di PM10 (2010)

52

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica dellInviolata cui confluiscono rifiuti da circa 50 comuni limitrofi. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente molto regolare e non sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica dellInviolata e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 0.53 t/a.

53

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per la discarica di Guidonia stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo. Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

54

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

55

Impianto Termovalorizzatore di San Vittore del Lazio

56

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


Il termovalorizzatore di san Vittore del Lazio si trova nella striscia di territorio compresa tra l'A1 Autostrada del Sole e via Collecedro a circa 1 km di distanza dal centro abitato di San Cesareo. Il territorio presenta piccoli agglomerati urbani, terreni ad uso agricolo ed alcune industrie. Le arterie stradali principali sono l'A1 Autostrada del Sole e la SS6 via Casilina. L'area interessata dalla simulazione di una notevole complessit orografica e ci complica in maniera decisiva i campi meteorologici (in particolare il campo tridimensionale del vento) e quindi la dispersione degli inquinanti emessi dallimpianto. Di fatto, 2 km a sud dell'impianto troviamo un complesso montuoso con altezze massime che toccano i 1000 sul livello del mare; ad est abbiamo rilievi collinari che si aggirano attorno ai 300 metri s.l.m; a nord, nord-est ci sono catene appenniniche importanti con cime che superano i 1000 metri s.l.m.. In uno scenario di questo tipo c da aspettarsi che i fumi emessi dallimpianto si disperdano in maniera piuttosto complessa e poco evidente, con incanalamenti e ristagni dettati dalla particolare conformazione orografica della zona, in particolare in corrispondenza dei rilievi.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse vengono completamente assimilate con le misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato che si ottiene la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Come si pu vedere, la zona circostante allimpianto si pone ai margini della zona in cui la concentrazione media annua di NO2 e di PM10 prossima ai limiti di legge.

57

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI PM10 (2010)

58

3. Impianto
Limpianto considerato il termovalorizzatore della EALL. Nella prima (quella a sinistra) delle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto, mentre nella figura di destra viene evidenziata lorografia presente che risulta piuttosto complessa. Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente piuttosto complessa e quindi sono prevedibili effetti particolari di incanalamento e di ristagno delle masse daria.

Dato che limpianto considerato un termovalorizzatore, per la determinazione della sua impronta sono stati considerati come tracciante gli ossidi di azoto NOX, tipicamente emessi durante la combustione. Le emissioni di inquinanti sono convogliate in unapposita ciminiera abbastanza elevata, che pu essere considerata una sorgente puntuale. Le caratteristiche di emissione (temperatura di emissione, velocit di emissione, caratteristiche della ciminiera) ed il tasso annuale di NOX sono riportate nella tabella seguente.

Altezza Tracciante Tipologia emissioni camino considerato (m) Termovalorizzatore: EALL NOx 50

Diametro camino (m) 2.7

Temp. di uscita dei fumi (K) 413

Vel. di uscita dei fumi (m/s) 8

Quantit emessa (t/a) 111

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per i termovalorizzatori di San Vittore del lazio stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici

59

tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo.

Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale. Come si nota, limpronta complessiva del termovalorizzatore notevolmente complessa a causa della presenza dellorografia della zona, esaltata dal fatto che i fumi vengono emessi in quota (da ciminiere abbastanza elevate) e con notevole galleggiamento (velocit e temperatura dei fumi allemissioni abbastanza elevate). Per meglio evidenziare ci e per rendersi conto di come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente. Questa interazione risulta particolarmente complessa e favorevole alla formazione di zone in cui gli inquinanti si addensano in maniera apparentemente imprevedibile.

60

61

Impianto Discarica Le Fornaci (Viterbo)

62

1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO


La discarica Le Fornaci si trova nei pressi della citt di Viterbo popolata da oltre 63.000 abitanti, uno dei cinque capoluoghi di Provincia del Lazio. L'orografia caratterizzata a sud-est dai monti Cimini (che raggiungono iuna quota di circa 1100 metri circa s.l.m.) e dal lago di Vico, mentre a nord sono presenti i monti Volsini, una catena collinare di origine vulcanica, che si trova intorno al bacino del Lago di Bolsena, appartenente all'Antiappennino laziale. La massima altezza sita nel Passo della Montagnola, fra i comuni di Latera e Gradoli, a 639 m d'altezza. I suoi fianchi sono coltivati a vigneti e a oliveti. Le cime sono ricoperte da boschi di querce, castagni, ontani che negli ultimi anni a causa dell'abbandono dei campi, si sono estesi. In base alle medie climatiche del trentennio 1971-2000, la temperatura media del mese pi freddo, gennaio, di 5,6 C, mentre quella del mese pi caldo, agosto, di 22,8 C; mediamente si contano 42 giorni di gelo all'anno e 37 giorni annui con temperatura massima uguale o superiore a 30 C. Nel trentennio esaminato, i valori estremi di temperatura sono i +39,4 C del luglio 1983 e i -12,7 C del gennaio 1985. Le precipitazioni medie annue si attestano a 736 mm, mediamente distribuite in 77 giorni, con minimo in estate e picco massimo in autunno. L'umidit relativa media annua fa registrare il valore di 68,9% con minimi di 61% a luglio e ad agosto e massimi di 76% a novembre e a dicembre; mediamente si contano 45 giorni annui con episodi nebbiosi.

2. Situazione attuale della Qualit dellaria


La situazione attuale della qualit dellaria stata attenuta utilizzando il sistema nearrealtime realizzato da Arpa Lazio ed operativo presso il Centro Regionale della Qualit dellAria. Il sistema near-realtime una catena modellistica costituita da: un modello meteorologico prognostico (RAMS) che si incarica di ricostruire i campi tridimensionali delle principali variabili meteorologiche su tutto il territorio regionale e da un modello prognostico euleriano fotochimico (FARM) che si incarica di determinare il trasporto, la dispersione, la deposizione e la trasformazione chimica degli inquinanti in aria, fornendo la distribuzione spaziale e temporale della concentrazione al suolo dei principali inquinanti di interesse.

Una volta ottenute le ricostruzioni modellistiche orarie, esse sono state completamente assimilate alle misure di concentrazione rilevate dalle postazioni di monitoraggio della rete regionale della qualit dellaria. Il risultato ottenuto la fotografia pi realistica possibile della situazione dellinquinamento atmosferico sul territorio regionale. Nelle Figure che seguono viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua di NO2 e di PM10, i due inquinanti per cui normalmente si riscontrano le maggiori criticit. Queste ricostruzioni si riferiscono allanno 2010. Da esse si nota come la qualit dellaria nel territorio di Viterbo non presenti criticit particolari.

63

CONCENTRAZIONE MEDIA ANNUA DI NO2 (2010)

Concentrazione media annua di PM10 (2010)

64

3. Impianto
Limpianto considerato la discarica di Le Fornaci situata circa 8 km ad ovest della citt di Viterbo, nella pianura maremmana compresa tra la SP2 Strada Toscanese e la SP7 Strada Martana. L'area circostante limpianto prevalentemente ad uso agricolo. Nelle due figure che seguono indicata la localizzazione dellimpianto considerato (figura di sinistra) e lorografia presente (figura di destra). Questultima figura importante per dar conto delle specificit della dispersione degli inquinanti emessi dalla discarica indotte dallorografia. Come si vede, lorografia presente molto regolare e non sono prevedibili effetti particolari di incanalamento delle masse daria.

Pi nel dettaglio, nella figura seguente viene mostrata la planimetria della discarica di le Fornaci e la suddivisione della stessa in aree elementari di forma quadrata utilizzata nelle simulazioni modellistiche realizzate per la stima dellimpronta ambientale dellimpianto.

Essendo una discarica, per la determinazione della sua impronta ambientale stato considerato come tracciante tipo una delle sostanze odorigine, lidrogeno solforato (H2S), tipicamente emesse da una discarica. La quantit annua stimata di H2S emessa dallintera discarica stata stimata in 1.07 t/a.

65

4. IMPRONTA DELLIMPIANTO
Per lindividuazione del footprint della discarica di Le Fornaci stata impiegata la metodologia illustrata in precedenza che prevede la simulazione della dispersione della sostanza tracciante messa dallimpianto mediante limpiego del modello lagrangiano a particelle SPRAY alimentato con i campi meteorologici tridimensionali prodotti dal modello meteorologico prognostico RAMS, operante in modalit ricostruttiva. Dato che SPRAY un modello non stazionario e tridimensionale che opera con campi meteorologici tridimensionali che tengono conto delle peculiarit orografiche e morfologiche della zona considerata, il risultato che si ottiene il pi realistico possibile in un contesto modellistico. Nella figura seguente viene mostrata la distribuzione spaziale media annua di H2S (la sostanza tracciante considerata) ricostruita dal modello. In questa figura le varie porzioni di territorio interessate dai diversi livelli di concentrazione della sostanza tracciante sono chiaramente indicati con diverse colorazioni. Il livello pi basso di concentrazione corrisponde all1% della concentrazione media annua massima riscontrata sullintero dominio di calcolo. Alla luce di ci, si pu asserire che limpianto considerato presenta un impatto sul territorio rappresentato dalla distribuzione di concentrazione mostrata in figura. Lestensione della zona influenzata dallimpianto, il gradiente di concentrazione al suo interno e lestensione della porzione di territorio entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% del valore massimo pu essere considerata limpronta dellimpianto sulla qualit dellaria locale.

66

Per meglio evidenziare come si distribuisca a livello spaziale la concertazione media annua del tracciante, nella figura seguente viene fornita la versione t tridimensionale della figura precedente. Da essa si nota come la forma, apparentemente strana, della superficie entro cui la concentrazione media annua risulta non inferiore all1% della concentrazione massima sia in realt il risultata dellinterazione tra le masse daria in movimento e lorografia presente localmente che per non presenta incanalamenti di rilievo e quindi condizioni particolarmente favorevoli a ristagni daria.

67

AMBIENTALE DEL LAZIO

ERAS Lazio Epidemiologia Rifiuti Ambiente e Salute

REPORT
IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELLARIA NEI PRESSI DEL TERMOVALORIZZATORE DI SAN VITTORE DEL LAZIO (FR)

AGENZIA

REGIONALE PER LA PROTEZIONE

Sommario
INTRODUZIONE..............................................................................................................................4 ABSTRACT........................................................................................................................................5 1 2 3 4 5 IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO DEGLI INQUINANTI ...................................6 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO......................................................................8 CARATTERIZZAZIONE DEL SITO...................................................................................10 DESCRIZIONE DELLIMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE...........................11 4.1 5.1 5.2 6 6.1 6.2 6.3 6.4 6.5 6.6 7 8 CARATTERISTICHE GENERALI..............................................................................................11 EMISSIONI AL CAMINO ........................................................................................................13 DESCRIZIONE DELLE CAMPAGNE E TABELLE DEI RISULTATI ................................................13 BIOSSIDO DI AZOTO (NO2) ..................................................................................................20 OZONO (O3)........................................................................................................................22 BIOSSIDO DI ZOLFO (SO2)...................................................................................................22 PARTICOLATO (PM10) ........................................................................................................23 ACIDO FLUORIDRICO (HF) E ACIDO CLORIDRICO (HCL) .....................................................26 METALLI PESANTI ...............................................................................................................26 MONITORAGGIO DELLA QUALIT DELLARIA ........................................................13

ANALISI DEGLI INQUINANTI ...........................................................................................17

MONITORAGGIO 2010.........................................................................................................27 CONCLUSIONI .............................................................................................................................................. 30

LEGENDA ARPA Lazio - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio CDR - Combustibile Derivato dai Rifiuti CER - Codice Europeo Rifiuti EALL - Energia Ambiente Litorale Laziale ERAS Lazio - Epidemiologia Rifiuti Ambiente e Salute Lazio GSE - Gestore dei Servizi Elettrici

INTRODUZIONE Il report stato sviluppato dallARPA Lazio nellambito del progetto ERAS Lazio che prevede la valutazione epidemiologica dello stato di salute della popolazione esposta ai processi di raccolta, trasformazione e smaltimento dei rifiuti urbani nella regione Lazio. Si tratta di uniniziativa coordinata dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio in collaborazione con lARPA e con la Direzione regionale Energia e Rifiuti, Dipartimento Territorio della Regione Lazio. Il programma ERAS Lazio finalizzato ad acquisire, sistematizzare e divulgare le informazioni riguardanti la produzione, il trasporto e gli impianti di smaltimento e trasformazione dei rifiuti solidi urbani nella regione Lazio, e gli eventuali effetti sullambiente e sulla salute delle persone che vivono nei pressi degli impianti stessi. LARPA Lazio, oltre alle attivit di controllo previste dallautorizzazione degli impianti, svolge anche attivit di monitoraggio ambientale. Lobiettivo del report di illustrare i risultati delle campagne di monitoraggio della qualit dellaria, svolte dal 2004 al 2010, nel territorio su cui insiste limpianto di termovalorizzazione sito in prossimit di San Vittore del Lazio (FR).

ABSTRACT Il report illustra i dati ottenuti nelle dodici campagne di monitoraggio della qualit dellaria, svolte dallARPA Lazio, dal 2004 al 2010, nel territorio su cui insiste limpianto di termovalorizzazione che si trova a San Vittore del Lazio nella provincia di Frosinone. I principali inquinanti monitorati sono: il biossido di zolfo; il biossido di azoto; il monossido di carbonio; il PM10; lozono. Al fine di caratterizzare al meglio larea di studio rispetto al complesso del territorio, stato eseguito il confronto tra i dati rilevati nelle dodici campagne e i dati registrati dalle centraline fisse della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria.

ABSTRACT This report illustrates the twelve air quality monitoring campaigns developed by ARPA Lazio ranging from 2004 to 2010 in the area related to the waste-to-energy plant in San Vittore del Lazio (Frosinone district). The main monitored pollutants are: - sulfur dioxide; - nitrogen dioxide; - carbon monoxide; - PM10; - ozone.

For a better characterization of the selected area, within the whole territory, a comparison has been carried out between data gathered from the campaigns and data acquired from static control units of the regional air quality monitoring net.

IMPATTO AMBIENTALE E SANITARIO DEGLI INQUINANTI

Per inquinamento atmosferico si intende lalterazione chimico-fisica dellaria rispetto alle sue condizioni naturali. Definire queste ultime in genere molto difficile a causa della variet dei fenomeni naturali che concorrono allalterazione della composizione dellaria, come le attivit vulcaniche, il trasporto transfrontaliero di polveri e di ozono o la semplice decomposizione vegetale ed animale. Accanto a tali meccanismi assume particolare rilevanza limmissione in atmosfera di inquinanti prodotti dalle attivit umane come quelle industriali o i trasporti. In generale, una prima classificazione porta alla suddivisione di tali inquinanti in due classi principali: primari: (come il monossido di carbonio, benzene, monossido di azoto, particolato atmosferico, biossido di zolfo e piombo) sono emessi direttamente dalle sorgenti (veicoli, impianti industriali, etc.) e sono sostanze in grado di provocare danni acuti o cronici alla salute umana secondari: sono prodotti di reazioni chimiche tra inquinanti primari o tra essi e componenti naturali presenti in atmosfera come il biossido di azoto e lozono.

Di seguito viene data una descrizione dei possibili effetti sulla salute umana e sulla vegetazione causati da alcuni degli inquinanti presenti in atmosfera. Biossido di zolfo SO2

Gli ossidi di zolfo e i loro derivati provocano sulluomo effetti che vanno da semplici irritazioni delle mucose (vie respiratorie e occhi), nel caso di brevi esposizioni a concentrazioni elevate, sino a fenomeni di broncocostrizione per esposizioni prolungate a quantitativi anche non elevati. Per quanto riguarda la vegetazione sono i maggiori responsabili del fenomeno delle piogge acide. In seguito a precipitazioni, infatti, questi composti vengono veicolati al suolo dove causano danni alle foreste (distruggono il sistema linfatico delle piante provocando necrosi), con conseguente depauperamento della copertura vegetale e inaridimento di vaste aree. Provocano, inoltre, danni al patrimonio artistico e monumentale. Monossido di carbonio CO

A causa della sua elevata capacit di legarsi allemoglobina (circa 200 volte superiore a quella dellossigeno), il CO pu provocare abbassamento delle funzioni vitali fino a determinare la morte nel caso di concentrazioni particolarmente elevate, caso che non si verifica in ambiente esterno. Per quanto concerne la vegetazione, alcuni studi dimostrano linfluenza negativa del CO sulla capacit di alcuni batteri radicali di fissare azoto con conseguente riduzione dello sviluppo della pianta. Ossidi di azoto NOx

Lazione dellossido di azoto (NO) sulluomo relativamente blanda, inoltre, a causa della sua rapidit di ossidazione a biossido di azoto, si fa spesso riferimento solo a questultimo inquinante in quanto risulta molto pi tossico del monossido. Il biossido di azoto un gas irritante per le mucose e pu contribuire allinsorgere di varie alterazioni delle funzioni polmonari, bronchiti croniche, asma ed enfisema polmonare. Prolungate esposizioni, anche a basse concentrazioni, provocano una drastica diminuzione delle difese polmonari con conseguente aumento di rischio di affezioni alle vie respiratorie. Limpatto del biossido di azoto sulla vegetazione sicuramente meno importante di quello del biossido di zolfo. In caso di brevi esposizioni a basse concentrazioni pu addirittura avere un effetto positivo poich pu incrementare i livelli di clorofilla; lunghi periodi di esposizione causano invece la senescenza e la caduta delle foglie pi giovani. Il meccanismo principale di 7

aggressione, comunque, costituito dallacidificazione del suolo (vedi fenomeno delle piogge acide) poich causa perdita di ioni calcio, magnesio, sodio e potassio e conduce alla liberazione di ioni metallici tossici per le piante. Da notare che labbassamento del pH compromette anche molti processi microbici del terreno, fra cui lazotofissazione. Gli ossidi di azoto inoltre, in quanto responsabili delle piogge acide, hanno effetti negativi anche sulla conservazione dei monumenti. Ozono - O3

A causa dellelevato potere ossidante e della sua capacit di raggiungere con estrema facilit gli alveoli polmonari, lozono ha effetti sulluomo che vanno dalla diminuzione della capacit respiratoria allirritazione delle mucose. Brevi esposizioni ad elevate concentrazioni provocano danni con sintomi risolvibili nelle 48 ore successive, mentre esposizioni prolungate, anche a basse concentrazioni possono comportare sensibilizzazione e persistenza dei sintomi. Nelle piante lozono provoca necrosi dei tessuti, la cui entit dipende dalle concentrazioni in atmosfera, con conseguenti danni alle coltivazioni. Particolato

Le polveri presenti in atmosfera rappresentano un insieme eterogeneo di particelle solide e liquide dalla dimensione compresa tra un millesimo di micron e 100 micron. Le dimensioni di tali particelle incidono su due fattori: la dispersione e il tempo di permanenza in atmosfera da una parte, la penetrazione pi o meno profonda nel sistema respiratorio umano dallaltra. La porzione attualmente monitorata dalle reti di rilevamento della qualit dellaria corrisponde a dimensioni di 10 m. Il particolato di tali dimensioni non penetra oltre la parte superiore dei bronchi da dove pu essere rimossa grazie alla produzione ed emissione di muco. Alla luce delle attuali conoscenze per, la porzione pi pericolosa quella che ha dimensioni pari o inferiori a 2,5 m, poich raggiunge gli alveoli dove le particelle adsorbite al particolato (quali idrocarburi policiclici, metalli, ecc.) entrano in contatto con il sangue. Gli effetti delle polveri sulla salute umana riguardano laggravarsi delle malattie respiratorie (asma bronchiale, infezioni dellapparato respiratorio, diminuzione della funzione polmonare) e cardiovascolari, soprattutto a carico di soggetti gi affetti da disturbi respiratori e cardiocircolatori, di anziani e di bambini. Gli effetti ambientali del particolato sono direttamente connessi con la pericolosit intrinseca delle sostanze che lo formano o che sono adsorbite su di esso. Particolari effetti vengono riscontrati sulla vegetazione, che risente in maniera sensibile sia delle particelle di polvere in quanto tali sia di molte delle sostanze che su di esse si trovano adsorbite come metalli, sostanze organiche complesse e altre. 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

Le azioni di controllo e pianificazione e gli interventi di mitigazione nel campo dellinquinamento atmosferico sono principalmente guidate e coordinate da un complesso di norme europee e nazionali che hanno la funzione di rendere il pi possibile omogenea la gestione nei diversi paesi dellUnione Europea rendendo confrontabili i dati, le valutazioni e i provvedimenti a parit di situazioni ambientali. Nel presente report si far riferimento al Decreto Legislativo 13 agosto 2010, n. 155: attuazione della Direttiva 2008/50/CE relativa alla qualit dellaria ambiente e per unaria pi pulita in Europa. Nelle tabelle 2.1 e 2.2 sono elencati i valori limiti/valori obiettivo riportati dal D.Lgs 155/2010.

Inquinante

Obiettivi

Periodo di mediazione media oraria

Valore limite 350 g/m3 da non superare pi di 24 volte in un anno 125 g/m3 da non superare pi di 3 volte in un anno

protezione della salute umana Biossido di Zolfo SO2 protezione degli ecosistemi media giornaliera media annua nel periodo 1 ottobre 31 marzo media oraria media annua Ossidi di Azoto protezione degli NOX ecosistemi Monossido di carbonio CO protezione della salute umana media annua media massima giornaliera calcolata su 8 ore media giornaliera media annua PM2.5 Piombo Pb protezione della salute umana protezione della salute umana valore obiettivo per la protezione della salute umana soglia di informazione media annua media annua media su 8 ore massima giornaliera nellanno media oraria

20 g/m3

Biossido di azoto NO2

protezione della salute umana

200 g/m3 da non superare pi di 18 volte in un anno 40 g/m3 30 g/m3

10 mg/m3

PM10

limiti per la protezione della salute umana

50 g/m3 da non superare pi di 35 volte in un anno 40 g/m3 25 g/m3 0.5 g/m3 120 g/m3 da non superare pi di 25 giorni in un anno (come media su 3 anni) 180 g/m3

Ozono O3

Tab. 2.1. Valori limiti/valori obiettivo riportati dal Dlgs 155/2010

Per quanto riguarda lArsenico, il Cadmio, il Nichel e il Benzo(a)pirene stato stabilito un valore obiettivo per la concentrazione di tali sostanze nel PM10. In questo caso il valore obiettivo definito come la media annua di ognuna di tali sostanze nel PM10 stabilito al fine di evitare, prevenire o ridurre effetti nocivi per la salute umana e per lambiente. Inquinante Arsenico Cadmio Nichel Benzo(a)pirene Valore Obiettivo 6 ng/m3 5 ng/m3 20 ng/m3 1 ng/m3

Tab. 2.2. Valori obiettivo riportati dal D.Lgs 155/2010

CARATTERIZZAZIONE DEL SITO

Limpianto di termovalorizzazione si trova nella porzione sud-occidentale del territorio del Comune di San Vittore nella provincia di Frosinone, al confine con la Regione Campania ed in prossimit della provincia di Latina. Limpianto situato in localit Valle Porchio, allinterno di unarea industriale nelle immediate vicinanze della ferrovia e a circa 0,60 km dalla sede autostradale A1 (casello di San Vittore).

Termovalorizzatore

Fig. 3.1. Inquadramento territoriale

Area Impianto

Fig. 3.2. Fotografia aerea dellimpianto di termovalorizzazione.

10

4 4.1

DESCRIZIONE DELLIMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE Caratteristiche generali

Il termovalorizzatore gestito dalla Societ EALL (Energia Ambiente Litorale Laziale) del Gruppo ACEA spa ed in funzione dal 2002. E un impianto industriale che utilizza come combustibile i rifiuti, denominato CDR (Combustibile Derivato dai Rifiuti), con due obiettivi: eliminarli e produrre energia con il calore generato dalla loro combustione. E' essenzialmente composto da un forno all'interno del quale viene bruciato il CDR, a volte anche con l'ausilio di fanghi essiccati provenienti da depuratori civili e di pulper di cartiera1, che servono ad innalzare la temperatura di combustione nel caso il CDR non abbia sufficienti caratteristiche di potere calorifico. Il calore prodotto porta alla vaporizzazione dell'acqua in circolazione nella caldaia posta a valle, e il vapore cos generato aziona una turbina ad espansione che trasforma l'energia termica in energia elettrica. Le sezioni tecnologiche principali dellimpianto possono essere schematizzate in: sezione di ricezione rifiuti, stoccaggio ed alimentazione; linea di combustione con forno a griglia mobile raffreddata ad acqua; generatore di vapore; linee di trattamento fumi; sezione di recupero energetico; stoccaggio ceneri leggere e scorie; unit ausiliarie e servizi. Limpianto alimentato da circa 300 tonnellate al giorno di combustibile: ha lautorizzazione per ricevere fino a 304.150 t/anno di CDR, la potenzialit esistente di 70.000 80.000 t/anno di rifiuti ammessi in funzione della variabilit del potere calorifico. Lenergia prodotta in un anno, al netto dei consumi necessari al funzionamento delle varie parti dellimpianto e dei servizi ausiliari, viene ceduta al GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) ed pari a circa 70.000 MWh. Sono previsti la realizzazione di altre due linee di trattamento e ladeguamento della linea esistente con il miglioramento del tratto-fumi. Di seguito inserita la scheda tecnica dellanno 2008 relativa al termovalorizzatore.

Residuo tipico dell'industria cartaria derivante dal trattamento della carta da macero.

11

Scheda Tecnica Termovalorizzatore San Vittore - 2008


Localizzazione Ragione sociale Data attivazione impianto Operazioni Autorizzate Autorizzazione Valle Porchio, San Vittore (FR) EALL srl facente parte del gruppo ACEA spa 01/08/2002 Recupero energetico D.Lgs.: n72 del 25/07/2007, n2 del 13/03/2008, n35 del 30/06/2008 Prot. nd2/2S/05/66679 fascicolo 64/F/VIA, emesso dalla Regione Lazio il 20/04/2007; Prot. n101346/2S/04, emesso dalla Regione Lazio il 18/06/2007. 19 12 10 (CDR) 304.150 t/a 70.000 / 80.000 t/a 50.422 m2 6.712 m2 43.710 m2 Temperatura, Portata, Velocit fumi, Pressione, Livelli, Ossigeno, Inquinanti HCl, CO, NOx, SO2, TOC, Polveri (temperatura, pressione ossigeno per la normalizzazione) Portata flusso emissioni gassose

Riferimenti VIA CER autorizzati Capacit autorizzata Potenzialit esistente Superficie totale Superficie coperta Superficie scoperta Parametri di controllo del processo

Parametri monitorati in continuo Trattamento combustione Tipo di processo Tecnologia utilizzata

Termovalorizzazione Forno a griglia raffreddato ad acqua Ceneri leggere (6%); scorie-ceneri pesanti Scarti Prodotti (% del combustibile utilizzato) (13%) Produzione di Energia Elettrica Tecnologia utilizzata Turbina ad espansione Produzione lorda 78.492 MWh Produzione netta 70.072 MWh Energia autoconsumata 8.800 MWh Energia richiesta alla rete 380 MWh Energia ceduta alla rete 70.072 MWh Incentivazioni CIP 6 (0,2108/KWh per il 2008) Flussi materiali Quantitativo di rifiuti conferiti nel 2008 72.675 t/a Ceneri (CER 190113):4.805 (t) Scorie (CER Quantit rifiuti prodotti 190112): 8.937 (t) Ceneri - Impianto di trattamento Destinazione finale rifiuti prodotti Scorie - Discarica Altre informazioni Registrazione/Certificazione EMAS, ISO 14001 Giorni/Anno funzionamento effettivi 310 12

5 5.1

MONITORAGGIO DELLA QUALIT DELLARIA Emissioni al camino

Uno degli impatti ambientali generati da un termovalorizzatore consiste nellemissione di inquinanti in atmosfera. Dopo la combustione, i fumi caldi passano in un sistema multi-stadio di filtraggio per l'abbattimento del contenuto di agenti inquinanti sia chimici che solidi; successivamente al trattamento e al raffreddamento i fumi vengono rilasciati in atmosfera a circa 140 C. Nello specifico, il sistema di abbattimento delle emissioni gassose inquinanti non catalitico, basato sulla combinazione di torre di lavaggio a latte di calce e carboni attivi, filtro a maniche e abbattimento dellNOx con iniezione di carbamina2 in camera di post-combustione, in un regime di temperatura superiore a 850. Lammoniaca liberata dalla carbamina reagisce con il monossido di azoto liberando vapore e N2; un ventilatore assicura la veicolazione dei fumi di combustione attraverso la caldaia, la sezione depurazione/filtrazione fino al loro scarico in atmosfera, mediante il camino alto 50 m. Il termovalorizzatore in esame dotato, inoltre, di un sistema di monitoraggio delle emissioni al camino che consente di controllare in continuo le concentrazioni degli inquinanti: NOx, CO, SO2, Polveri e HCl; nella tabella seguente si espongono i valori delle tonnellate annue di rifiuti termovalorizzati e le rispettive quantit (in chilogrammi) di inquinanti emessi al camino ottenute secondo la formula: Concentrazione media * Flusso medio * Ore funzionamento

Periodo di riferimento anno 2006 anno 2007 anno 2008 anno 2009

CDR [t/anno] termovalorizzato 82.982 78.112 71.891 77.600

NOX CO SO2 Polveri HCl [kg/anno] [kg/anno] [kg/anno] [kg/anno] [kg/anno] 100.870 95.130 75.500 78.470 960 1.810 1.890 3.560 6.000 9.520 3.210 5.220 440 330 480 580 4.620 5.080 4.000 3.330

Tab. 5.1. Quantit di inquinanti emessi al camino. Fonte: dichiarazione ambientale EALL anno 2009-2010

5.2

Descrizione delle campagne e tabelle dei risultati

LARPA Lazio, secondo quanto previsto dallautorizzazione e concordato con le autorit competenti, ha eseguito a partire dal 2004 diverse campagne di monitoraggio per valutare gli eventuali impatti dellimpianto sulla qualit dellaria nel territorio su cui insiste il termovalorizzatore.
2

soluzione a base di urea a cui vengono aggiunti specifici additivi per migliorare labbattimento dellNOx.

13

I criteri generali sulla base dei quali sono stati definiti i punti di misura sono: aree di massima ricaduta degli inquinanti emessi dallimpianto; presenza di ricettori sensibili (scuola elementare, asilo nido) Le campagne di monitoraggio eseguite nel periodo 2004-2010 sono dodici, ognuna della durata di circa venti giorni. I periodi di rilevamento dei dati, la postazione esatta dei siti delle misure e la loro distanza dal termovalorizzatore sono riportati di seguito.
Campagna I II III IV V VI VII VIII IX X XI XII Periodo 27/04/2004 19/05/2004 07/12/2004 27/12/2004 17/02/2005 07/03/2005 09/06/2005 26/06/2005 16/11/2005 07/12/2005 10/04/2006 28/04/2006 14/09/2006 02/10/2006 16/11/2006 05/12/2006 14/07/2007 30/07/2007 30/05/2009 21/06/2009 01/12/2009 21/12/2009 14/05/2010 30/05/2010 Postazione Scuola Elementare San Cesareo Piazzale Casabella SS430 Asilo Nido Passeggeri Campo Sportivo Bowling Scuola Elementare San Cesareo Campo Sportivo Scuola Elementare San Cesareo Campo Sportivo Campo Sportivo Scuola Elementare San Cesareo Campo Sportivo Latitudine 41.435386 41.446088 41.459625 41.452791 41.442662 41.435386 41.452791 41.435386 41.452791 41.452791 41.435386 41.452791 Longitudine 13.905456 13.916422 13.931835 13.921090 13.919309 13.905456 13.921090 13.905456 13.921090 13.921090 13.905456 13.921090 Distanza dallimpianto 0,80 km 1,90 km 4,30 km 2,70 km 2,25 km 0,80 km 2,70 km 0,80 km 2,70 km 2,70 km 0,80 km 2,70 km

14

Asilo Passeggeri

Campo Sportivo

Bowling

TERMOVALORIZZATORE

Piazzale Casabella

Scuola Elementare San Cesareo

Fig. 5.1. Foto aerea con postazioni dei monitoraggi.

Le campagne di monitoraggio sono state realizzate utilizzando il laboratorio mobile dellARPA Lazio (Fig. 5.2, 5.3)

Fig. 5.2. 5.3. Laboratorio mobile dellARPA Lazio

Il laboratorio dotato della seguente strumentazione: un analizzatore per gli ossidi di azoto (NO, NO2, NOX); un analizzatore di biossido di zolfo (SO2); un analizzatore di ozono (O3); un analizzatore di monossido di carbonio (CO); un analizzatore di particolato totale (PTS) e sottile (PM10 e PM2.5). 15

Sono stati inoltre ricavati, sul particolato atmosferico PM10, gli idrocarburi policiclici aromatici (IPA) per la sola campagna del 2010 e i metalli pesanti: piombo (Pb), cromo (Cr), cadmio (Cd) e nichel (Ni). Infine, sono stati determinati i livelli di concentrazione in aria dellacido fluoridrico (HF) e dellacido cloridrico (HCl) quali sostanze potenzialmente derivanti dallimpianto. Le medie delle concentrazioni dei dati chimici rilevati nelle dodici campagne in esame sono riportate nelle tabelle seguenti. Medie degli Inquinanti per Campagna
Campagna I (2004) II (2004) III (2005) IV (2005) V (2005) VI (2006) VII (2006) VIII (2006) IX (2007) X (2009) XI (2009) XII (2010) NO2 [g/m3] 27.9 35.8 8.5 11.9 42.6 33.9 16.4 42.6 24.0 12.8 34.8 15.2 CO [mg/m3] 0.6 0.8 0.2 0.05 0.3 0.1 0.3 0.8 1.2 0.2 0.7 0.1 O3 [g/m3] 57.6 30.4 88.7 83.0 28.0 46.4 54.8 11.0 83.2 62.2 38.4 64.6 SO2 [g/m3] 5.1 9.4 3.0 1.6 11.1 6.8 1.4 2.2 0.7 3.4 1.5 0.9 PTS [g/m3] 18.0 37.99 22.91 PM10 [g/m3] 26.3 27.2 29.4 19.9 61.7 42.1 15.4 43.2 16.1

I valori medi degli inquinanti sono stati calcolati sulla base di campagne di analisi eseguite in postazioni e in condizioni meteo differenti ed in periodi diversi, per questo i risultati spesso presentano significative differenze. Medie Acido fluoridrico e Acido cloridrico
Campagna I (2004) II (2004) III (2005) IV (2005) V (2005) VI (2006) VII (2006) VIII (2006) IX (2007) X (2009) XI (2009) XII (2010) HF g/m a 20 C 1.09 1.31 0.72 2.14 0.70 0.52 1.38 9.17 1.86 3.58 0.74 0.10
3

HCl g/m a 20 C 2.41 2.22 10.98 1.87 24.87 8.93 7.34 8.60 1.48 3.60 24.67 2.38

16

Medie dei metalli per campagna


Campagna III (2005) IV (2005) V (2005) VI (2006) VII (2006) VIII (2006) IX (2007) X (2009) XI (2009) Cu g/Nm3 0.004 0.010 0.008 0.025 0.008 0.025 0.016 0.008 0.026 Zn g/Nm3 0.141 0.129 0.038 0.021 0.038 0.036 0.025 0.014 0.032 Cr g/Nm3 0.006 0.008 0.002 0.001 0.002 0.002 0.002 0.001 0.003 Ni g/Nm3 0.004 0.003 0.004 0.003 0.002 0.004 0.005 0.002 Pb g/Nm3 0.023 0.035 0.005 0.003 0.005 0.010 0.012 0.003 0.007 Cd g/Nm3 0.0008 0.0015 0.0002 0.0002 0.0002 0.0001 0.0004 0.0001 0.0003 Mn g/Nm3 0.007 0.029 0.005 0.011 0.005 0.011 0.013 0.006 0.010 Sn g/Nm3 0.000 0.001 0.001 0.001 0.001 0.001 0.001 0.007 0.016 Al g/Nm3 0.491 1.197 0.144 0.106 0.144 0.116 0.672 0.186 0.095

ANALISI DEGLI INQUINANTI

I valori medi registrati nelle campagne di monitoraggio sono stati confrontati con i limiti di riferimento previsti dalla normativa vigente e con le corrispondenti medie mensili delle concentrazioni degli inquinanti monitorati dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria presenti nella provincia di Frosinone. LARPA Lazio effettua il monitoraggio della qualit dellaria ai fini della valutazione della distribuzione su tutto il territorio regionale della concentrazione al suolo delle principali sostanze inquinanti (biossido di zolfo, biossido di azoto, monossido di carbonio, benzene, PM10 e ozono). Lattivit di monitoraggio condotta impiegando, in maniera coordinata e finalizzata alla descrizione dellintera realt regionale, misure in siti fissi (la tradizionale rete di monitoraggio della qualit dellaria), misure con sistemi mobili e modelli di calcolo. La rete di monitoraggio regionale costituita da 37 stazioni fisse. Nella provincia di Frosinone sono presenti le sette centraline considerate nello studio la cui localit, il tipo e lesatta postazione sono descritte nella tabella seguente e dal 2010 stata aggiunta unulteriore stazione, di tipo urbana/industriale, nella citt di Frosinone in via Mazzini.

Localit Alatri Anagni Cassino Ceccano Ferentino Fontechiari Frosinone scalo

Tipo di centralina Urbana/Industriale Urbana/Industriale Urbana/Industriale Urbana/Industriale Urbana/Industriale Fondo rurale Urbana/Industriale

Latitudine Longitudine 41.73 41.75 41.49 41.57 41.69 41.67 41.62 13.33833 13.14969 13.83069 13.33719 13.25041 13.67447 13.33081

Altitudine (slm) 445 401 41 130 316 388 161 17

Ogni centralina ha una propria dotazione strumentale costituita da sensori capaci di rilevare i dati chimici. In tabella si elencano gli inquinanti atmosferici che ciascuna centralina in grado di monitorare.

Nome della postazione Alatri Anagni Cassino Ceccano Ferentino Fontechiari Frosinone scalo

CO
X

NOX
X X X X X X X

O3
X

PM10
X X X X X X X

PM2,5
X X

SO2
X X

X X

Fig. 6.1. Rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria - provincia di Frosinone

18

Nella tabella seguente sono riportati i livelli di concentrazione media degli inquinanti in esame, misurati nelle diverse campagne, superiori al valore medio annuo previsto dalla normativa vigente. Tali medie si riferiscono a campagne periodiche con durate temporali limitate, per cui non confrontabili con i limiti di legge (medie annue), ma si ritengono allo stesso modo significative nel fornire elementi utili alla caratterizzazione della qualit dellaria nella zona di indagine.

Campagna Limiti [g/m3] I (2004) II (2004) III (2005) IV (2005) V (2005) VI (2006) VII (2006) VIII (2006) IX (2007) X (2009) XI (2009) XII (2010)

NO2 [g/m3] SO2 [g/m3] PM10 [g/m3] 40 27.9 35.8 8.5 11.9 42.6 33.9 16.4 42.6 24.0 12.8 34.8 15.2 20 5.1 9.4 3.0 1.6 11.1 6.8 1.4 2.2 0.7 3.4 1.5 0.9 40 26.3 27.2 29.4 19.9 61.7 42.1 15.4 43.2 16.1

Tab. 6.1. Concentrazioni medie degli inquinanti per campagna

Nelle prime tre campagne il valore medio del PM10 assente perch stato rilevato il Particolato Totale Sospeso (PTS). Per quanto riguarda lossido di carbonio (CO), i livelli di concentrazione registrati sono variabili tra 0,1 e 1,2 mg/m3 a conferma del basso impatto del traffico veicolare nellarea di indagine.

Nei paragrafi successivi, allo scopo di caratterizzare al meglio larea in esame rispetto al complesso del territorio in osservazione, stato effettuato il confronto tra i dati rilevati nelle dodici campagne e i dati delle centraline fisse della rete regionale. In questo modo, nel determinare la qualit dellaria, possibile avere un termine di paragone tra larea di indagine e lintero territorio provinciale tenendo conto del ruolo della variabilit meteoclimatica.

19

6.1

Biossido di azoto (NO2)

La normativa vigente prevede per lNO2 un valore limite, nella concentrazione media annua pari a 40 g/m3. Come si osserva dal grafico seguente, i valori delle concentrazioni medie del biossido di azoto risultano inferiori al limite di legge per tutte le campagne eseguite, tranne per quelle di seguito evidenziate:
Campagna V VIII Periodo Postazione Distanza dallimpianto 2,25 km 0,78 km Media NO2 [g/m3] 42.6 42.6

16/11/2005 - 07/12/2005 Bowling 16/11/2006 - 05/12/2006 Scuola Elementare San Cesareo

Superamenti NO2
45.0 Concentrazioni [g/m3] 40.0 35.0 30.0 25.0 20.0 15.0 10.0 5.0 0.0
00 II ( 4) 20 II I 04) (2 0 IV 05) (2 00 V 5) (2 0 VI 05) (2 0 VI 06) I( 2 VI 006 II ( ) 20 06 IX ) (2 00 7) X (2 0 XI 09) (2 0 XII 09) (2 01 0) I (2

Campagne
Grafico 6.1. Medie NO2 per campagna

Per la concentrazione oraria del biossido di azoto, (NO2), il limite da non superare pi di 18 volte lanno di 200 g/m3; tale limite non mai stato superato. Il valore massimo della concentrazione media di biossido di azoto calcolata pari a 42.6 g/m3 per entrambe le campagne sopra evidenziate. Confrontando tali risultati con le corrispondenti medie mensili del 2005, ottenute dallelaborazione delle concentrazioni di NO2 rilevate dalle centraline fisse regionali presenti nella provincia di Frosinone, si osserva che (grafico 6.2.), ad eccezione delle centraline di Fontechiari (stazione di fondo) e di Ceccano, tutte le altre hanno registrato nel periodo della V campagna valori superiori a 40 g/m3. 20

Confronto superamento NO2 - centraline fisse regionali 2005


60 Concentrazioni [g/m3] 50 40 30 20 10 0
('0 5) ('0 5) ('0 5) ('0 5) (2 00 5) An ag ni ( ('0 5) Fe re nt in o Fo nt ec hi ar i sc al o C ec ca no C as si no Al at ri ('0 5) '0 5)

Centraline

Grafico 6.2. Superamento NO2 nella campagna V

Nel grafico successivo si confrontano le corrispondenti medie mensili del 2006, ottenute dallelaborazione delle concentrazioni di NO2 rilevate dalle centraline fisse della provincia di Frosinone (fig.), con il valore medio dellVIII campagna. Si osserva che, ad eccezione della centralina di Fontechiari (stazione di fondo), tutte le altre hanno registrato nel periodo della VIII campagna valori superiori a 40 g/m3. . Confronto superamento NO2 - centraline fisse regionali 2006
80 Concentrazioni [g/m3] 70 60 50 40 30 20 10 0
(2 00 6) ('0 6) ('0 6) ('0 6) ('0 6) An ag ni ( Fe re nt in o ('0 6) sc al o hi ar i C ec ca no C as si no Al at ri ('0 6) '0 6)

Fo nt ec

VI II

Centraline

Grafico 6.3. Superamento NO2 nella campagna VII

FR

FR

21

6.2

Ozono (O3)

Le concentrazioni orarie dellozono (O3) rilevano diversi superamenti del limite della soglia di informazione che pari a 180 g/m3, nelle campagne IV e IX. I dettagli sono riportati nella seguente tabella.
Campagna IV IX IX IX IX IX IX Postazione Campo sportivo Campo sportivo Campo sportivo Campo sportivo Campo sportivo Campo sportivo Campo sportivo Data 23/06/2005 17/07/2007 17/07/2007 17/07/2007
18/07/2007 19/07/2007

Ora 15:00 15:00 16:00 17:00 13:00 13:00 16:00

Ozono [g/m3] 183 182 182 185


190 188

21/07/2007 182 Tab. 6.2. Superamenti dellozono del limite della soglia di informazione

I superamenti sono avvenuti durante il periodo estivo e sono indicativi del generale basso impatto antropico presente nellarea dindagine.

6.3

Biossido di zolfo (SO2)

La massima concentrazione oraria del biossido di zolfo (SO2) stata registrata nella V campagna ed pari a 37 g/m3, valore inferiore al limite previsto dalla normativa (350 g/m3 da non superare pi di 24 volte in un anno). Nel grafico seguente sono indicate le concentrazioni orarie del 06/12/2005 della V campagna sopra menzionata. Sebbene i valori riportati siano i pi alti rispetto a tutte le campagne eseguite, risultano comunque molto inferiori ai limiti normativi vigenti. Andamento giornaliero SO2
400 concentrazione ug/m3 350 300 250 200 150 100 50 0
:0 02 0 :0 03 0 :0 04 0 :0 05 0 :0 06 0 :0 07 0 :0 08 0 :0 09 0 :0 10 0 :0 11 0 :0 12 0 :0 13 0 :0 14 0 :0 15 0 :0 16 0 :0 17 0 :0 18 0 :0 19 0 :0 20 0 :0 21 0 :0 22 0 :0 23 0 :0 24 0 .0 0 01

ore

Grafico 6.4. Concentrazioni orarie dellSO2 del 06/12/2005

22

6.4

Particolato (PM10)

La concentrazione giornaliera del PM10 prevede il limite, da non superare pi di 35 volte lanno, di 50 g/m3. Nelle campagne V, VIII, IX e XI il limite di 50 g/m3 viene superato rispettivamente: - 2 volte su 21 giorni di monitoraggio; - 12 volte su 21 giorni di monitoraggio; - 2 volte su 16 giorni di monitoraggio; - 6 volte su 21 giorni di monitoraggio. A causa dei superamenti della concentrazione giornaliera, nelle campagne VIII, IX e XI anche la media calcolata per lintero periodo di monitoraggio (grafico 7.5) risulta superiore al valore di 40 g/m3 (limite di riferimento per la media annua). Superamenti PM10
70.0 60.0 Concentrazioni [g/m3] 50.0 40.0 30.0 20.0 10.0 0.0
) (2 00 5) (2 00 6) (2 00 9) 20 06 ) 7) 00 6) 9) (2 00 (2 00 5 (2 (2 00 20 10 )

VI (

VI I

Campagne

Grafico 6.5. Medie PM10 per campagna

Se si confrontano le corrispondenti medie mensili del 2006, ottenute dallelaborazione delle concentrazioni di PM10 rilevate dalle centraline fisse della rete regionale presenti nella provincia di Frosinone (grafico 6.6) con il valore medio della campagna VIII, si osserva che i valori pi bassi si registrano nella stazione di fondo sita a Fontechiari e i pi alti nella stazione urbana/industriale di Frosinone scalo. Questultima centralina registra per il PM10 valori di questa entit nei mesi di novembre, dicembre e gennaio riferiti agli anni 2005, 2006, 2007; si osserva una leggera diminuzione (restando per sempre sopra i limiti di legge) solo negli anni successivi al 2007.

VI II

XI I(

IV

XI

IX

23

Confronto superamento PM10 - centraline fisse regionali 2006


120 110 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0

Concentrazioni [g/m3]

VI II (2 00 6)

Fo nt ec

An ag ni

Centraline

Grafico 6.6. Superamento PM10 nella campagna VIII

La IX campagna, eseguita nel mese di luglio, stata messa a confronto con i dati relativi allo stesso periodo delle centraline fisse della rete regionale presenti nella provincia di Frosinone e da ci si evince che lunica media che supera il limite di 40 g/m3 quella ottenuta dallelaborazione dei dati della IX campagna di misure. La concentrazione media mensile di Frosinone scalo rientra nei limiti ma risulta sempre maggiore rispetto alle altre centraline regionali.

Confronto superamento PM10 - centraline fisse regionali 2007


45 40 Concentrazioni [g/m3] 35 30 25 20 15 10 5 0

sc al o

hi ar i

Fo nt ec

An ag ni

FR

Centraline

Grafico 6.7. Superamento PM10 nella campagna IX

IX

(2 00 7)

FR

sc al o

hi ar i

24

Nel grafico successivo si confronta la media del PM10, ottenuta nella XI campagna, con le corrispondenti medie di dicembre del 2009 ottenute dallelaborazione delle concentrazioni di PM10 rilevate dalle centraline fisse della rete regionale (grafico 6.8). Si osserva che, ad eccezione delle centraline di Fontechiari (stazione di fondo) e di Anagni, le altre centraline hanno registrato valori superiori a 40 g/m3 e trattandosi del mese di dicembre, la centralina di Frosinone scalo, come si precedentemente illustrato, registra valori molto alti di PM10. Confronto superamento PM10 - centraline fisse regionali 2009
90 80 Concentrazioni [g/m3] 70 60 50 40 30 20 10 0
sc al o hi ar i Fo nt ec C as si no An ag ni 20 09 )

Centraline

Grafico 6.8. Superamento PM10 nella campagna XI

XI (

FR

25

6.5

Acido fluoridrico (HF) e Acido cloridrico (HCl)

La tabella seguente evidenzia che le concentrazioni medie dellacido fluoridrico e acido cloridrico ottenute nelle dodici campagne non raggiungono mai il valore di riferimento adottato come termine (cautelativo) di confronto. Medie Acido Fluoridrico e Acido Cloridrico
Campagne HF g/m a 20 C
3

HCl g/m a 20 C

Valore di 25 70 riferimento* I (2004) 1.09 2.41 II (2004) 1.31 2.22 III (2005) 0.72 10.98 IV (2005) 2.14 1.87 V (2005) 0.70 24.87 VI (2006) 0.52 8.93 VII (2006) 1.38 7.34 VIII (2006) 9.17 8.60 IX (2007) 1.86 1.48 X (2009) 3.58 3.60 XI (2009) 0.74 24.67 XII (2010) 0.10 2.38 Tab. 6.3. Nota:* 1/100 del valore limite REL-TWA (Recomended Exposure Limits Time-Weighted Average) definito da NIOSH per lesposizione occupazionale (media 8h).

6.6

Metalli pesanti

Nel Dlgs 155/2010 presente un valore obiettivo per la concentrazione dellArsenico, del Cadmio e del Nichel determinati sul particolato atmosferico PM10 e un valore limite per la concentrazione media annua del Piombo per la protezione della salute umana. Come si evince dalla seguente tabella, le medie ottenute hanno valori inferiori ai limiti fissati dalla normativa vigente.
Campagna limiti [g/Nm ] III (2005) IV (2005) V (2005) VI (2006) VII (2006) VIII (2006) IX (2007) X (2009) XI (2009)
3

Ni [g/Nm ] 0,020 0.004 0.003 0.004 0.003 0.002 0.004 0.005 0.002

Pb [g/Nm ] 0,5 0.023 0.035 0.005 0.003 0.005 0.010 0.012 0.003 0.007

Cd [g/Nm ] 0,005 0.0008 0.0015 0.0002 0.0002 0.0002 0.0001 0.0004 0.0001 0.0003

26

MONITORAGGIO 2010

In questo capitolo, le concentrazioni medie degli inquinanti ottenute nella XII campagna di monitoraggio eseguita nel 2010, vengono confrontate sia con i limiti di riferimento previsti dalla normativa vigente sia con le corrispondenti medie mensili delle concentrazioni degli inquinanti monitorati dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria presenti nella provincia di Frosinone (tabella 8.1). Questo viene fatto non solo per avere dei termini di paragone ma anche per dare delle informazioni sulla dispersione dei valori di concentrazione degli inquinanti nellarea territoriale di studio.
NO2 g/m3 15.2 47 34 35 25 34 33 CO mg/m3 0.1 0.4 0.5 0.5 O3 g/m3 64.6 48 63 SO2 g/m3 0.9 0.7 0.9 0.4 0.9 1.6 PM10 g/m3 16.1 21 22 26 14 PM2.5 g/m3 10.7 10

Inquinanti XII (2010) Ferentino Cassino FR scalo Ceccano Alatri Anagni

Fontechiari 6 Tab. 7.1. - Dato non rilevato

Mettendo a confronto (grafico 7.1) il risultato della XII campagna con le medie mensili di maggio 2010, ottenute dallelaborazione delle concentrazioni di NO2 rilevate dalle centraline fisse regionali presenti nella provincia di Frosinone, si osserva che il valore ottenuto (15.2 g/m3) comparabile alle concentrazioni registrate dalla stazione di fondo di Fontechiari e che solo la centralina di Ferentino registra valori superiori a 40 g/m3. Confronto Medie NO2: XII campagna - centraline fisse regionali 2010
50 45 Concentrazioni [g/m3] 40 35 30 25 20 15 10 5 0
(2 01 0) sc al o FR Fo nt ec Fe re nt in o hi ar i C ec ca no C as si no An ag ni Al at ri

XI I

Centraline

Grafico 7.1. Risultato NO2 nella campagna XII

27

Il grafico successivo mostra come nel periodo in esame (maggio 2010), nessuna delle centraline considerate registri superamenti; il valore pi basso rilevato dalla stazione di fondo di Fontechiari mentre quello pi alto dalla stazione urbana/industriale di Anagni. Confronto medie PM10: XII campagna - centraline fisse regionali 2010
45 40 Concentrazioni [g/m3] 35 30 25 20 15 10 5 0

(2 01 0)

C as si no

sc al o

hi ar i

Fo nt ec

XI I

Centraline

Grafico 7.2. Risultato PM10 nella campagna XII

Sul particolato atmosferico PM10 sono stati determinati gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA). Dalla tabella 7.2 si vede che la media del Benzo[a]pirene pari a 0.11 ng/Nm3, valore inferiore al limite annuo di 1 ng/m stabilito dal Dlgs 155/2010.

IPA Fenantrene Antracene Pirene Fluorantene Benzo[a]antracene Crisene Benzo[a]pirene Benzo[k]fluorantene Benzo[b]fluorantene Dibenzo[a,h]antracene

Media 3 [ng/Nm ] 0.05 0.05 0.07 0.07 0.02 0.07 0.11 0.05 0.09 0.05

Benzo[ghi]Perilene 0.05 Tab. 7.2. Valori medi delle concentrazioni degli IPA

FR

An ag ni

28

Come si pu osservare dal grafico successivo, i valori di SO2 misurati nella XII campagna sono comparabili con le medie mensili ottenute dalle centraline fisse della rete regionale che rientrano nei limiti della normativa vigente. Confronto medie SO2: XII campagna - centraline fisse regionali 2010
25

Concentrazioni [g/m3]

20

15

10

XI I( 20 10 )

Fe re nt in o

as si no

C ec ca no

Al at ri

Centraline

Grafico 7.3. Risultato SO2 XII campagna

In questa campagna stato anche monitorato il PM2,5. La media delle concentrazioni rilevate pari a 10.7 g/m3, valore comparabile con i risultati registrati nella centralina di fondo di Fontechiari nel mese di maggio 2010 e inferiore al valore obiettivo di 25 g/m3 fissato dal Dlgs 155/2010.

An ag ni

29

CONCLUSIONI

Le medie3 delle concentrazioni degli inquinanti monitorati nelle dodici campagne eseguite (20042010) e lelaborazione dei corrispettivi dati acquisiti dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria presenti nella provincia di Frosinone, sono sintetizzate nella tabella seguente.

Medie Tutte le Campagne Ferentino Cassino FR scalo Ceccano Alatri Anagni Fontechiari

NO2 [g/m3] SO2 [g/m3] PM10 [g/m3] 25.5 67.0 52.1 55.8 36.8 45.2 42.3 10.0 3.9 1.5 1.3 1.3 0.9 1.3 1.3 0.6 31.3 32.0 49.4 32.4 21.3

Si deve tener conto che le medie elaborate si riferiscono a campagne periodiche, con durata temporale limitata, per cui non confrontabili con i limiti di legge (medie annue), ma si ritengono allo stesso modo significative nel fornire elementi utili alla caratterizzazione della qualit dellaria nella zona di indagine. Dallanalisi dei dati emerge che: - i valori del PM10 misurati nelle campagne di monitoraggio sono comparabili con quelli monitorati dalle centraline fisse urbane/industriali situate a Cassino ed Anagni, mentre si discostano dai valori registrati dalla centralina di Frosinone scalo. - i valori dellNO2 nellarea in esame sono inferiori a quelli misurati dalle centraline fisse urbane/industriali della provincia di Frosinone e risultano superiori ai valori di biossido di azoto registrati dalla stazione di fondo sita a Fontechiari. - la media del biossido di zolfo (SO2) per le dodici campagne superiore alle medie ottenute dalle centraline regionali della provincia di Frosinone negli stessi periodi di monitoraggio ma risulta ampiamente sotto i limiti di legge. Nel grafico successivo, il rapporto NO2-PM10 delle medie eseguite evidenzia le caratteristiche della qualit dellaria della zona monitorata rispetto ai valori misurati dalle centraline fisse urbane/industriali della rete regionale nella provincia di Frosinone.

In questo caso le medie sono state calcolate dalle medie di ogni singola campagna, e per le centraline fisse regionali, sono state elaborate le rispettive medie considerando gli stessi inquinanti in esame emessi negli stessi periodi delle dodici campagne eseguite (2004-2010).

30

Medie: campagne - centraline regionali


80.0 70.0 60.0 NO2 [g/m3] Cassino 50.0 40.0 30.0 Campagne 20.0 10.0 Fontechiari 0.0 10.0 15.0 20.0 25.0 30.0 35.0 40.0 45.0 50.0 55.0 60.0 Anagni FR scalo

PM10 [g/m3]

Grafico 8.1. Confronto PM10-NO2 tra le dodici campagne eseguite e le centraline regionali della provincia di Frosinone.

Nella seguente tabella sono presentate solamente le concentrazioni medie di NO2, SO2 e PM10 della campagna del 2010 e le rispettive concentrazioni rilevate dalle centraline regionali nello stesso periodo del monitoraggio.

NO2 g/m XII (2010) Ferentino Cassino FR scalo Ceccano Alatri Anagni Fontechiari 15.2 47 34 35 25 34 33 6

SO2 g/m 0.9 0.7 0.9 0.4 0.9 1.6 -

PM10 g/m 16.1 21 22 26 14

Dai risultati ottenuti si osservi che: nel periodo di indagine, la concentrazione media del biossido di zolfo (SO2) rilevata nellarea in esame confrontabile con le concentrazioni medie ottenute dalle centraline regionali presenti nella provincia di Frosinone, escluso Anagni che presenta valori maggiori. il rapporto NO2-PM10 delle concentrazioni medie ottenute mette in evidenza (grafico 8.1) che le condizioni ambientali, in termini di inquinamento atmosferico dellarea in esame nel periodo di osservazione, sono confrontabili con quelle monitorate dalla centralina di fondo 31

sita a Fontechiari e si discostano largamente dalle condizioni misurate dalle centraline urbane/industriali della rete regionale presenti nella provincia di Frosinone (Cassino, Frosinone scalo, Anagni). Medie: XII campagna - centraline regionali
50 45 40 35 NO2 [g/m3] 30 25 20 15 10 5 0 10 12 14 16 18 20 22 PM10 [g/m3] 24 26 28 30 Fontechiari XII (2010) Cassino FR scalo Anagni

Grafico 8.2. Confronto PM10-NO2 tra la XII campagna e le centraline regionali della provincia di Frosinone.

32

Bibliografia - D.Lgs 13 agosto 2010, n. 155: attuazione della Direttiva 2008/50/CE relativa alla qualit dellaria ambiente e per unaria pi pulita in Europa. - Dichiarazione ambientale EALL. Impianto di produzione di energia elettrica tramite utilizzo di combustibile derivato dai rifiuti anno 2009. - Dichiarazione ambientale EALL. Impianto di produzione di energia elettrica tramite utilizzo di combustibile derivato dai rifiuti anno 2010.

33

Metadati
Titolo: Report monitoraggio della qualit dellaria - Termovalorizzatore EALL - S. Vittore del Lazio (FR) Autore: ARPA Lazio.Divisione ricerca e sviluppo.Sezione provinciale di Frosinone Soggetto: Inquinamento atmosferico Controllo San Vittore nel Lazio <Frosinone> - 2004-2010 Descrizione: Il report illustra le dodici campagne di monitoraggio della qualit dellaria, svolte dallARPA Lazio, dal 2004 al 2010, nel territorio su cui insiste limpianto di termovalorizzazione che si trova a San Vittore del Lazio nella provincia di Frosinone. I principali inquinanti monitorati sono: il biossido di zolfo, il biossido di azoto, il monossido di carbonio, il PM10, lozono. Al fine di caratterizzare al meglio larea di studio rispetto al complesso del territorio, stato eseguito il confronto tra i dati rilevati nelle dodici campagne e i dati delle centraline fisse della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria. Editore: ARPA Lazio Autore di contributo subordinato: - Divisione Ricerca e Sviluppo? Data: 2011-11-22 Tipo: testo Formato: digitale, 33 pagine, 10.9 MB Identificatore: Report 2012 il report stato elaborato soprattutto da DTO.DRS Fonte: Lingua: IT Relazione: Copertura: Frosinone. 2004-2010 Gestione dei diritti: ARPA Lazio, Agenzia regionale per la protezione ambientale del Lazio

34

Risultati e Confronti Monitoraggi della Qualit dellaria Impianti di Termovalorizzazione dei Rifiuti nella Regione Lazio

Premessa .............................................................................................................................................3 1 Campagne di monitoraggio della qualit dellaria .................................................................4

1.1 Territorio di Malagrotta .......................................................................................................5 1.2 Territorio di San Vittore.......................................................................................................6 1.3 Territorio di Albano .............................................................................................................7 1.4 Territorio di Colleferro.........................................................................................................8 2 Risultati delle campagne di monitoraggio ...............................................................................9 2.1 Valori di Malagrotta.............................................................................................................9 2.1.1 Inquinanti gassosi e particolato fine.............................................................................9 2.1.2 Sostanze Organiche Volatili e Aldeidi.......................................................................11 2.1.3 Metalli e IPA..............................................................................................................12 2.2 Valori di San Vittore del Lazio ..........................................................................................13 2.2.1 Inquinanti gassosi e particolato fine...........................................................................13 2.2.2 Metalli e IPA..............................................................................................................14 2.3 Valori di Albano.................................................................................................................15 2.3.1 Inquinanti gassosi e particolato fine...........................................................................15 2.3.2 Sostanze Organiche Volatili e Aldeidi.......................................................................16 2.3.3 Metalli e IPA..............................................................................................................17 2.4 Valori di Colleferro ............................................................................................................18 2.4.1 Inquinanti gassosi e particolato fine...........................................................................18 2.4.2 Metalli e IPA..............................................................................................................19 3 Conclusioni ...............................................................................................................................21 3.1 3.2 Inquinanti gassosi e particolato fine...................................................................................21 Metalli e IPA......................................................................................................................23

Premessa
LArpa Lazio, oltre alle attivit di controllo previste dallautorizzazione degli impianti, svolge, secondo il programma ERAS Lazio, attivit di monitoraggio ambientale per determinare la stima delle emissioni relative a ciascun impianto di trattamento dei rifiuti esistente o di futura realizzazione. Tale progetto rivolto ad acquisire, sistematizzare e divulgare le informazioni relative alla produzione, al trasporto e agli impianti di smaltimento e trasformazione dei rifiuti solidi urbani nella regione Lazio, e agli eventuali effetti sullambiente e sulla salute delle persone che vivono nei pressi degli impianti stessi. Si tratta di uniniziativa coordinata dal Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale del Lazio in collaborazione con lARPA e con la Direzione Regionale Energia e Rifiuti, Dipartimento Territorio della Regione Lazio. La complessit dei contesti in cui gli impianti di trattamento dei rifiuti sono localizzati rende difficile la valutazione del loro reale impatto sull'inquinamento ambientale e sulla salute della popolazione interessata. Per poter conseguire questo scopo, sono state realizzate valutazioni modellistiche della qualit dellaria, in modo tale da supportare lanalisi dellesposizione della popolazione agli agenti inquinanti presenti in aria, valutando il pi accuratamente possibile lapporto (e quindi il peso) delle varie sorgenti di emissione degli inquinanti presenti. I risultati ottenuti dalle valutazioni modellistiche vengono confrontati con i valori degli inquinanti determinati nelle campagne di monitoraggio della qualit dellaria realizzate per mezzo delle stazioni mobili dellArpa Lazio, per caratterizzare il territorio in esame in termini di qualit ambientale. Lobiettivo di questo rapporto proprio quello di illustrare i risultati delle suddette campagne di monitoraggio della qualit dellaria effettuate nei territori su cui insistono gli impianti di incenerimento dei rifiuti (Gassificatori - Termovalorizzatori) della regione Lazio. Le aree in esame sono quelle di Malagrotta, San Vittore del Lazio, Colleferro e Albano che rispettivamente ospitano un gassificatore, un termovalorizzatore, due termovalorizzatori e ad Albano prevista lapertura di un impianto di gassificazione. Ogni campagna stata documentata attraverso specifica relazione tecnica contenente le modalit, i tempi e i risultati dei singoli monitoraggi della qualit dellaria eseguiti. In questo documento si vuole invece spiegare e confrontare i risultati ottenuti nei diversi territori ospitanti gli impianti di incenerimento dei rifiuti tenendo anche conto dei corrispettivi valori registrati dalle centraline fisse della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria.

Campagne di monitoraggio della qualit dellaria

Nello specchietto sottostante sono elencate le aree ospitanti almeno un impianto di incenerimento dei rifiuti, in cui lArpa Lazio ha effettuato le campagne di monitoraggio per determinare la qualit dellaria, come previsto dal progetto ERAS Lazio.

Territorio
Malagrotta San Vittore Colleferro Albano

Impianto
Gassificatore Termovalorizzatore 2 Termovalorizzatori Gassificatore (non esistente)

Periodo delle campagne


2008-2009 2004-2010 2008-2010 (dati centralina fissa) 2009-2010

Le campagne sono state eseguite in periodi differenti dal 2004 al 2010, gli inquinanti rilevati per ogni campagna sono di seguito riportati: Campagna Malagrotta San Vittore Colleferro Albano x x NO x NO2 x x x x x x NOx x CO x x x x O3 x x x x SO2 x x x x x PTS PM10 x x x x x PM 2.5 x x (2010)

La presenza del mezzo mobile ha consentito, inoltre, di effettuare altre indagini realizzate con strumentazione non totalmente automatica. In particolare: misure con campionatori passivi (radiello) localizzato presso il mezzo mobile. Ci ha permesso la determinazione delle concentrazioni in aria di sostanze organiche volatili e aldeidi campionamenti di particolato su filtro in fibra di vetro e quarzo per la determinazione, rispettivamente, di IPA e metalli.

Nei paragrafi successivi, dopo la descrizione dei singoli siti, allo scopo di caratterizzare al meglio le aree in esame rispetto al complesso dei territori in osservazione, stato effettuato il confronto tra i dati rilevati nelle campagne eseguite dallArpa Lazio secondo il progetto ERAS Lazio, e i dati delle centraline fisse della rete regionale. In questo modo, nel determinare la qualit dellaria, possibile avere un termine di paragone tra le aree di indagine e lintero territorio provinciale tenendo conto del ruolo della variabilit meteoclimatica.

1.1 Territorio di Malagrotta


Larea di Malagrotta caratterizzata da una concentrazione di complessi industriali tra cui la Raffineria di Roma, una serie di arterie stradali a traffico intenso e due impianti legati al ciclo dei rifiuti: limpianto di incenerimento dei rifiuti ospedalieri dellAMA e la discarica di Malagrotta con annesso limpianto di gassificazione in esame. Nella figura seguente si mette in evidenza, nel territorio in osservazione, la posizione del gassificatore e della stazione mobile dellArpa Lazio durante la campagna eseguita nel 2008 e nel 2009. Si ricorda che le singole campagne sono descritte dettagliatamente in specifici report realizzati dallArpa Lazio.

Malagrotta

Posizione stazione mobile 2008 Raffineria di Roma

Discarica GASSIFICATORE

Posizione stazione mobile 2009 Figura 1.1. Postazione dellimpianto di gassificazione dei rifiuti nellarea di Malagrotta.

1.2 Territorio di San Vittore


Limpianto di termovalorizzazione si trova nella porzione sud-occidentale del territorio del Comune di San Vittore nella provincia di Frosinone, al confine con la Regione Campania ed in prossimit della provincia di Latina. Con precisione, il termovalorizzatore situato in localit Valle Porchio, allinterno di unarea industriale nelle immediate vicinanze della ferrovia e a circa 0,60 km dalla sede autostradale A1 (casello di San Vittore). Nella figura seguente si mette in evidenza la posizione del termovalorizzatore e della stazione mobile dellArpa Lazio durante le campagne eseguite dal 2004 al 2010. Per maggiori dettagli sulle singole campagne stato elaborato un apposito report redatto dallArpa Lazio contenente le modalit, i tempi e i risultati dei singoli monitoraggi della qualit dellaria eseguiti nel territorio in osservazione.

Postazione stazione mobile

Postazione stazione mobile

Postazione stazione mobile

TERMOVALORIZZATORE

Postazione stazione mobile

Postazione stazione mobile

Figura 1.2. Postazione del termovalorizzatore di San Vittore del Lazio e della centralina mobile dellArpa Lazio.

1.3 Territorio di Albano


Il 25 novembre 2009 lArpa Lazio ha avviato una campagna sperimentale per analizzare lo stato di qualit dellaria nella zona Cecchina Albano, unarea in cui convivono alcuni centri abitati e la discarica di Albano. Tutto ci giustifica il crescente interesse verso una migliore conoscenza ambientale della zona che dovrebbe essere interessata alla collocazione di un gassificatore per labbattimento dei rifiuti.

Postazione stazione mobile

Discarica

1.4 Territorio di Colleferro


La zona circostante il comune di Colleferro comprende unelevata concentrazione di complessi industriali tra cui due impianti di incenerimento dei rifiuti, denominati EP Sistemi e Mobil Service e un cementificio. A pochi chilometri da Colleferro vi inoltre un tratto autostradale della Roma Napoli. Nella seguente figura sono evidenziate le postazioni, oltre dei suddetti impianti, delle due stazioni automatiche della rete di monitoraggio della qualit dellaria della regione Lazio.

TERMOVALORIZZATORI

Stazione Fissa rete Regionale

Stazione Fissa rete Regionale

Cementificio

Risultati delle campagne di monitoraggio

2.1 Valori di Malagrotta


2.1.1 Inquinanti gassosi e particolato fine
Le due campagne sperimentali per analizzare lo stato di qualit dellaria nella zona di Malagrotta, sono state condotte, rispettivamente, dal 13 giugno al 4 dicembre del 2008 e dal 7 Febbraio al 2 Aprile del 2009.

Si ritenuto significativo, per avere un unico risultato conclusivo, effettuare le medie delle concentrazioni degli inquinanti rilevati nelle due campagne, e successivamente confrontarle con le concentrazioni degli stessi inquinanti rilevati dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria presenti a Roma e nella provincia di Roma.

Stazione
Malagrotta Preneste Francia Magna Grecia Cinecitta Colleferro_Oberdan Colleferro_Europa Allumiere Civitavecchia Guidonia Segni Villa Ada Guido Cavaliere Ciampino Fermi Bufalotta Cipro Tiburtina Arenula Fontechiari

NO2 [g/m3] O3 [g/m3] PM10 [g/m3] PM2.5 [g/m3] SO2 [g/m3] 27.0 50.5 79.5 80.5 52.5 47.0 40.5 9.0 24.5 34.5 26.0 43.0 19.5 35.0 45.0 81.0 54.5 65.5 64.0 66.0 9.5 52.5 27.0 25.5 37.0 42.0 36.0 35.0 40.5 13.0 22.5 30.0 31.5 27.0 50.0 27.5 26.0 18.0 17.5 23.5 2.0

30.0 23.5

0.7 0.9 0.9 1.1 0.4 0.9 1.1

23.0 26.0

47.0

37.5 40.5 30.0 30.5 43.5 34.0 25.0

1.1 19.0 18.0 17.5

0.6

Tabella 2.1. Medie delle concentrazioni rilevate nel periodo delle due campagne di Malagrotta (2008-2009).

Si deve tener conto che le medie elaborate si riferiscono a campagne periodiche, con durata temporale limitata, per cui non confrontabili con i limiti di legge (medie annue), ma si ritengono allo stesso modo significative nel fornire elementi utili alla caratterizzazione della qualit dellaria nella zona di indagine. Dallanalisi dei dati emerge che per i diversi parametri rilevati i valori della stazione di Malagrotta risultano essere intermedi tra quelli registrati dalle stazioni di fondo (rurale/urbana) e le stazioni rappresentative di aree residenziali a diverso grado di antropizzazione. Per quanto riguarda la concentrazione media dellozono, si osservi che confrontabile con il risultato della stazione di fondo rurale sita a Castel di Guido; tali valori sono indicativi di unarea con basso impatto antropico. Il grafico successivo mette subito in risalto la posizione dei risultati delle campagne di Malagrotta rispetto ai valori registrati (nello stesso periodo delle campagne in esame), dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria. Malagrotta ricade nel primo quadrante delimitato dalle rette (in rosso) rappresentanti il limite annuo di PM10 e NO2 secondo il D.Lgs 155/2010. 9

Confronto Campagne Malagrotta Centraline Rete Regionale


90
Fermi

80 70 60 NO2 [g/m3]
Bufalotta

Magna Grecia

Francia

Cipro

Arenula Cinecitt Preneste Ciampino

Tiburtina

50
Villa Ada Colleferro E.

40
Guidonia

30
Civitavecchia

Malagrotta

20
Allumiere Fontechiari

10 0 10 15 20 25 30 35 40 45 50 55 60 65 70 PM10 [g/m3]

Grafico 2.1. Valori medi registrati nei periodi delle due campagne eseguite a Malagrotta.

Come stato gi detto, trattandosi di campagne periodiche non rigoroso confrontarne i valori con i limiti di legge, ma si ritiene significativamente importante osservare i risultati del grafico successivo che raffigura la media dei valori registrati nel 2008 e nel 2009 (confrontabili coi limiti di legge) delle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria considerate in questo studio.

90
Francia

80 70 60 NO2 [g/m3]
Cipro

Fermi Magna Grecia Tiburtina Arenula Cinecitt Ciampino Villa Ada Colleferro E. Guidonia

50 40 30
Civitavecchia

Bufalotta

Preneste

20
Allumiere

10 0 10 15 20

Fontechiari

25

30

35 40 PM10 [g/m3]

45

50

55

60

Grafico 2.2. Media dei valori registrati nel 2008 e nel 2009.

10

Appare chiaro che le medie di periodo sono alquanto rappresentative delle medie annuali visto che le centraline che ricadono nel primo quadrante del grafico 2.1 si ritrovano, nel grafico 2.2, sempre nel primo quadrante, per cui anche la caratterizzazione dellarea di Malagrotta, in termini di PM10NO2, pu ritenersi contenuta nei limiti di legge. Nei grafici precedenti si scelto di raffigurare i parametri PM10 e NO2 in quanto si ritengono maggiormente rappresentativi dellinquinamento provocato dalle attivit industriali, dagli impianti di combustione e dal traffico veicolare, attivit che stanno dietro ad un impianto di smaltimento dei rifiuti. Per ognuna delle due campagne eseguite a Malagrotta stato calcolato il numero dei superamenti degli inquinanti monitorati dalla centralina mobile e da alcune centraline della rete automatica di monitoraggio della qualit dellaria regionale localizzate nel comune di Roma. I valori inerenti il PM10 risultano essere i pi significativi: la media dei superamenti rilevati a Malagrotta pari a 2 che risulta essere il valore pi basso rispetto ai risultati registrati dalle altre stazioni considerate, compresa la stazione di fondo urbano posta a Villa Ada.

Stazione
Malagrotta Villa Ada Bufalotta Cipro Cinecitta Magna Grecia Preneste Fermi Tiburtina Francia

Superamenti PM10
2 3 4 6 9 10 15 15 19 21

Tabella 2.2. Media dei superamenti del PM10 nei periodi delle due campagne effettuate a Malagrotta.

2.1.2 Sostanze Organiche Volatili e Aldeidi


Limpiego di campionatori passivi e la loro successiva analisi in laboratorio ha reso possibile la determinazione della concentrazione in aria di una serie di sostanze. Nelle tabelle che seguono sono riportati i valori misurati a Malagrotta e, per un confronto con la situazione che si riscontra a Roma, i valori misurati con la stessa tecnica e nel medesimo periodo a Cinecitt. Come si pu notare la presenza di queste sostanze nelle due localit di paragonabile entit. Nelle Tabelle seguenti sono riportate, rispettivamente, le medie delle concentrazioni delle sostanze organiche volatili e le medie delle aldeidi rilevate nel periodo delle due campagne.

Inquinante [g/m3]
1.1.1-Tricloroetano Acetonitrile Alfa-Pinene Benzene Butile acetato Canfora

Cinecitt
<0.1 1.0 <0.1 1.7 0.3 0.2

Malagrotta
<0.1 1.3 0.2 1.4 0.4 0.3

11

Cloruro di vinile Etile acetato Limonene M+P-Xilene Metil eti chetone Metil etil chetone Metil etilchetone O-Xilene Tetracloroetilene Toluene Tricloroetilene

<0.1 0.4 0.3 3.8 0.3 0.6 0.4 0.9 0.9 5.3 <0.1

<0.1 0.3 <0.1 1.9 0.4 0.4 0.5 1.0 0.3 3.1 <0.1

Tab. 2.3. Medie della concentrazione di SOV a Malagrotta e Roma/Cinecitt

Inquinante [g/m3] Acetaldeide benzaldeide Formaldeide

Cinecitt 2.37 0.20 2.91

Malagrotta 1.94 0.15 2.26

Tab. 2.4. Medie delle concentrazioni di aldeidi a Malagrotta e Cinecitt

2.1.3 Metalli e IPA Di seguito riportato il confronto delle concentrazioni medie dei metalli (piombo, cadmio, arsenico e nichel) rilevate nella stazione mobile sita a Malagrotta con quelle rilevate nelle stazioni di Villa Ada e Corso Francia a Roma, nei periodi delle due campagne di monitoraggio in esame; i valori ottenuti risultano inferiori ai limiti/valori obiettivo riportati dal D.Lgs 155/2010.

Stazione
Limite/valore obiettivo annuo

Pb [g/m] Cd [ng/m] As [ng/m] Ni [ng/m]


0.5 5 6 20

Malagrotta Villa Ada Francia

0.007 0.009 0.012

0.2 0.2 0.2

0.5 0.6 1.0

2.1 2.2 4.3

Durante le campagne eseguite a Malagrotta sono state misurate su filtri in fibra di vetro le concentrazioni degli Idrocarburi Policiclici Aromatici. Sono descritte le medie del benzo(a)pirene che lunico tra gli IPA, per cui la normativa attualmente vigente prevede un limite da rispettare. Come si pu vedere dalla successiva tabella, le concentrazioni medie determinate nei due periodi delle campagne hanno evidenziato valori di b(a)p a Malagrotta inferiori a quelli rilevati nelle centraline di Roma. Stazione
Valore Obiettivo

Benzo(a)pirene [ng/m3]
1

Malagrotta Corso Francia Villa Ada Cinecitt

0.28 0.52 0.34 0.39

12

2.2 Valori di San Vittore del Lazio


2.2.1 Inquinanti gassosi e particolato fine Le medie1 delle concentrazioni degli inquinanti monitorati nelle dodici campagne realizzate nellarea dove insiste il termovalorizzatore EALL di San Vittore del Lazio e lelaborazione dei corrispettivi dati acquisiti dalle centraline della rete automatica regionale di monitoraggio della qualit dellaria presenti nella provincia di Frosinone, sono sintetizzate nella tabella seguente.

Stazione
Campagne San Vittore Ferentino Cassino FR scalo Ceccano Alatri Anagni Fontechiari

NO2 [g/m3] SO2 [g/m3] PM10 [g/m3]


25.5 67.0 52.1 55.8 36.8 45.2 42.3 10.0 3.9 1.5 1.3 1.3 0.9 1.3 1.3 0.6 31.3 32.0 49.4 32.4 21.3

Si deve tener conto che le medie elaborate si riferiscono a campagne periodiche, con durata temporale limitata, per cui non confrontabili con i limiti di legge (medie annue), ma si ritengono allo stesso modo significative nel fornire elementi utili alla caratterizzazione della qualit dellaria nella zona di indagine. Dallanalisi dei dati emerge che per il particolato fine e il biossido di azoto i valori ottenuti nellarea in esame sono inferiori a quelli misurati dalle centraline fisse urbane/industriali della provincia di Frosinone e risultano superiori ai valori registrati dalla stazione di fondo rurale sita a Fontechiari. Per quanto riguarda la media del biossido di zolfo (SO2) per le campagne di San Vittore del Lazio superiore alle medie ottenute dalle centraline regionali della provincia di Frosinone negli stessi periodi di monitoraggio ma risulta ampiamente sotto i limiti di legge. Nel grafico successivo, il rapporto PM10-NO2 delle medie eseguite evidenzia le caratteristiche della qualit dellaria della zona monitorata rispetto ai valori misurati dalle centraline automatiche urbane/industriali della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria nella provincia di Frosinone. La posizione del risultato delle campagne di San Vittore del Lazio rientra nel primo riquadro del grafico delimitato, in rosso, dal valore limite annuo di PM10 e NO2 vigente.

Le medie sono calcolate dalle medie di ogni singola campagna, e per le centraline fisse regionali, si sono elaborati i rispettivi valori considerando gli stessi inquinanti in esame emessi negli stessi periodi delle dodici campagne eseguite (2004-2010).

13

70 60
FR scalo Cassino

50 NO2 [g/m3]
Anagni

40 30 20
Fontechiari

San Vittore

10 0 10 15 20 25 30 35 40 PM10 [g/m3] 45 50 55 60

2.2.2 Metalli e IPA Durante le campagne di San Vittore sono stati inoltre ricavati, sul particolato atmosferico (PM10) alcuni metalli pesanti tra cui: Alluminio, Rame, Piombo, Cadmio e Nichel. Di seguito si mostrano le medie ottenute dei soli inquinanti per cui la normativa attualmente vigente prevede un limite da rispettare. Come si pu osservare la concentrazione media ottenuta largamente inferiore ai limiti di legge in essere.
Stazione Limite/valore obiettivo annuo Campagne San Vittore Pb g/Nm3 0.5 Cd ng/Nm3 5 Ni ng/Nm3 20

0.011

0.4

3.4

Nella campagna effettuata nel 2010, sul PM10 sono stati determinati gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA). Dalla tabella x si vede che la media del benzo[a]pirene pari a 0.11 ng/Nm3, valore inferiore al limite annuo di 1 ng/m stabilito dal D.Lgs 155/2010.
IPA Fenantrene Antracene Pirene Fluorantene Benzo[a]antracene Crisene Benzo[a]pirene Benzo[k]fluorantene Benzo[b]fluorantene Dibenzo[a,h]antracene Media 3 [ng/Nm ] 0.05 0.05 0.07 0.07 0.02 0.07 0.11 0.05 0.09 0.05

Benzo[ghi]Perilene 0.05 Tab. 7.2. Valori medi delle concentrazioni degli IPA

14

2.3 Valori di Albano


2.3.1 Inquinanti gassosi e particolato fine La campagna sperimentale sullo stato della qualit dellaria stata eseguita, ad Albano, nel periodo tra il 25 Novembre 2009 e il 18 Febbraio 2010. Di seguito sono riportati i risultati degli inquinanti monitorati dalla centralina mobile dellArpa Lazio e i corrispettivi valori di alcune centraline fisse della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria.

Stazioni NO2 (g/m3) O3 (g/m3) SO2 (g/m3) PM10 (g/m3) PM2.5 (g/m3) Albano Ciampino Cinecitt Villa Ada 21 48.3 56.0 44.7 50 32.0 41.8 1.5 0.5 22 39.3 38.0 27.7 17 25

Dallanalisi dei dati emerge che i valori monitorati nella campagna di Albano, in termini di particolato fine e di biossido di azoto, sono inferiori a quelli ottenuti sia nelle stazioni industriali di Ciampino e di Cinecitt sia nella stazione di fondo di Villa Ada. Per quanto riguarda la concentrazione media dellozono, si osservi che confrontabile con il risultato della stazione di fondo di Villa Ada in quanto indicativo di unarea con basso impatto antropico. Il grafico successivo mette in risalto che, nel periodo di monitoraggio, solo la media dei valori registrati dalla stazione mobile sita ad Albano ricade nel primo quadrante delimitato dalle rette, in rosso, rappresentanti il limite annuo di PM10 e NO2.

70 60
Cinecitt

50
Ciampino

NO2 [g/m3]

Villa Ada

40

30 20
Albano

10 0 10 15 20 25 30 35 40 PM10 [g/m3] 45 50 55 60

15

Secondo i limiti della normativa vigente per la protezione della salute umana, la media giornaliera del PM10 (da non superare pi di 35 volte lanno) pari a 50 g/m3. Si osservi che nella campagna tenuta ad Albano tale valore stato superato 2 volte e nello stesso periodo sono stati registrati 5 superamenti nella stazione di Villa Ada e 22 in quella di Cinecitta.

Stazione
Albano Ciampino Cinecitt Villa Ada

Superamenti PM10
2 21 22 5

2.3.2 Sostanze Organiche Volatili e Aldeidi Limpiego di campionatori passivi e la successiva analisi di laboratorio ha reso possibile la determinazione della concentrazione in aria di una nutrita serie di sostanze. Nelle tabelle che seguono sono riportate le medie delle concentrazioni delle sostanze organiche volatili e le medie delle concentrazioni delle aldeidi rilevate ad Albano e, per un confronto con la situazione che si riscontra a Roma, i valori misurati con la stessa tecnica e nel medesimo periodo a Cinecitt. Inquinante [g/m3]
1.1.1-Tricloroetano Acetonitrile Alfa-pinene Benzene Butile acetato Canfora Etile acetato Limonene M+P-Xilene Metil etil chetone O-Xilene Tetracloroetilene Toluene Tricloroetilene

Albano
0.2 0.9 <0.1 1.3 0.3 <0.1 0.2 0.3 0.9 0.3 0.4 0.3 1.6 0.2

Cinecitt
0.2 0.8 <0.1 3.0 0.8 <0.1 0.5 0.9 3.2 0.5 1.1 0.9 4.6 0.1

Inquinante [g/m3]
Acetaldeide

Albano
1.2

Cinecitt
1.6

16

Formaldeide

2.5

2.3

Inoltre, nellarea del comune di Albano stata realizzata una valutazione modellistica della qualit dellaria, in modo tale da supportare lanalisi di definizione dellesposizione della popolazione della zona agli agenti inquinanti e maleodoranti tra cui lacido solfidrico (H2S). La distribuzione della concentrazione media di H2S sul territorio in osservazione presenta un massimo pari a 0.26 g/m3 nelle immediate vicinanze della discarica. La normativa europea e quella nazionale non stabiliscono valori limite, soglie di allarme e/o valori obiettivo di qualit dellaria per la concentrazione dellH2S. In mancanza di riferimenti normativi una prassi consolidata, a livello nazionale ed internazionale, riferirsi ai valori guida indicati dalla OMS-WHO.
Concentrazione Riferimento individuato 3 150 g/m media 24 ore WHO Guidelines ed. 2000 3 100 g/m >1-14 giorni (valore medio sul periodo) WHO-IPCS 20 g/m3 fino a 90 giorni (valore medio sul periodo) WHO-IPCS

In letteratura si trovano numerosi valori definiti soglia olfattiva: da 0.7g/m3 a 14 g/m3 ("Analisi e controllo degli odori" D. Bertoni, P. Mazzali, A. Vignali - Ed. Pitagora, Bologna 1993); taluni soggetti sono in grado di percepire l'odore gi a 0.2 g/mc (soglia olfattiva OMS da "Air quality guidelines WHO", anno 1999), in corrispondenza di 7 g/m3 la quasi totalit dei soggetti esposti distingue l'odore caratteristico. Tale valore non consolidato, per cui potr variare nel tempo. 2.3.3 Metalli e IPA Nella tabella successiva si confrontano i valori medi delle concentrazioni di Pb, Cd, As e Ni riscontrati nelle stazioni di Albano, Villa Ada e corso Francia nel periodo della campagna in esame (dal 26/11/2009 al 17/02/2010). I valori registrati sono largamente inferiori ai limiti di legge.

Stazione
Limite/Valore Obiettivo annuo

Pb [g/m] Cd [ng/m3] As [ng/m3] Ni [ng/m3]


0.5 5 6 20

Albano Villa Ada Francia

0,006 0,011 0,012

0,2 0,2 0,2

0,3 0,5 0,6

1,3 2,2 3,6

La concentrazione media determinata ad Albano per il Benzo(a)pirene ha evidenziato un valore inferiore a quello rilevato, nello stesso periodo della campagna in esame, nella centralina di Villa Ada considerata come fondo urbano della citt di Roma. Stazione
Valore Obiettivo annuo

Benzo(a)pirene [ng/m3]
1

Albano Villa Ada

0.82 1.03

17

2.4 Valori di Colleferro


2.4.1 Inquinanti gassosi e particolato fine Nel comune di Colleferro, da alcuni anni stata inserita una centralina fissa appartenente alla rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria che giornalmente registra i valori degli inquinanti maggiormente significativi. In tal caso si scelto di prendere in esame il PM10 e lNO2 in quanto considerati rappresentativi dellinquinamento provocato dalle attivit industriali, dagli impianti di combustione, di riscaldamento domestico e dal traffico veicolare. Dal seguente grafico si evince che la media dei valori registrati dalla stazione di Colleferro negli anni 2008-2009-2010 ricade nel primo quadrante delimitato dalle rette, in rosso, raffiguranti il limite annuo del PM10 e dellNO2.
90
Francia

80 70 60 NO2 [g/m3] 50 40 30 20
Allumiere Villa Ada Civitavecchia Cipro Bufalotta Cinecitt Magna Grecia

Fermi

Tiburtina Arenula Preneste Ciampino Guidonia

Colleferro E.

10 0 10 15 20 25 30 PM10 [g/m3]
Grafico 3 Medie delle stazioni fisse regionali 2008-2010

35

40

45

50

Secondo i limiti della normativa vigente la media giornaliera del PM10 da non superare pi di 35 volte lanno pari a 50 g/m3. Di seguito sono elencate le medie dei superamenti registrati dalle centraline fisse in esame per gli anni 2008, 2009 e 2010. Dalla tabella si evince che la stazione di Colleferro registra lo stesso numero di superamenti della stazione di Tiburtina e Francia e che insieme alle centraline di Preneste, Fermi, Ciampino Cinecitt e Grecia registrano superamenti sopra i limiti previsti dal D.Lgs155/10.

Stazione
Colleferro Francia Tiburtina Preneste Fermi Ciampino

Media Superamenti PM10


61 61 61 47 47 44

18

Stazione
Cinecitt Grecia Arenula Guidonia Cipro Bufalotta Villa Ada Civitavecchia Allumiere

Media Superamenti PM10


41 35 31 25 25 20 13 4 1

2.4.2 Metalli e IPA Nella tabella seguente riportato il confronto delle concentrazioni medie dei metalli pesanti (piombo, cadmio, arsenico e nichel) rilevate nella stazione di Colleferro con quelle rilevate nelle stazioni di Villa Ada, Corso Francia, Cinecitt e Civitavecchia per gli anni 2009 e 2010; i valori ottenuti risultano inferiori ai limiti/valori obiettivo riportati dal D.Lgs 155/2010.

Stazione
Limite/Valore Obiettivo annuo

Pb [g/m] Cd [ng/m3] As [ng/m3] Ni [ng/m3]


0.5 5 6 20

Colleferro Francia Villa Ada Cinecitt Ciampino Civitavecchia

0.007 0.011 0.010 0.012 0.009 0.005

0.2 0.2 0.2 0.3 0.2 0.1

0.55 0.72 0.58 0.61 0.63 0.53

1.7 3.4 2.5 2.4 2.6 3.2

Presso la stazione di Colleferro nel 2010 sono stati eseguiti 58 campionamenti positivi di benzo(a)pirene sul PM10 e si rilevata una concentrazione media annua pari a 1.06 ng/m. Il calcolo per la determinazione della media annuale dei singoli IPA nellanno 2010 stato eseguito anche presso le stazioni di Francia, Villa Ada, Cinecitt, Civitavecchia e Guidonia. Di seguito si mostrano i risultati ottenuti e si osserva che lunico superamento si regista nella stazione di Colleferro. Considerare anche i valori del 2009 Stazione
Limite annuo

B(a)P ng/m
1

Colleferro Villa Ada Cinecitt Civitavecchia

1.06 0.34 0.51 0.17

19

Guidonia Ciampino Francia

0.61 0.82 0.50

20

Conclusioni

3.1 Inquinanti gassosi e particolato fine

confronto tra le medie annuali delle centraline regionali (2008-2010) e le medie finali delle campagne

90 80 70 60
NO2 [g/m3]
Cipro Magna Grecia Tiburtina Arenula Cinecitt Preneste Ciampino FR Scalo Francia Fermi

50 40 30 20
Allumiere Viterbo Rieti Civitavecchia

Bufalotta

Villa Ada Anagni Colleferro E. Guidonia Malagrotta San Vittore

Albano

10
Fontechiari

0 10 15 20 25 30 35
PM10 [g/m3]

40

45

50

55

60

Inserire i dati 2010 della centralina fissa di mala grotta (4 superamenti x il PM10)?!

21

Da ultimare Stazione
San Vittore Malagrotta Albano Colleferro Allumiere Civitavecchia Guidonia Segni Villa Ada Bufalotta Ceccano Anagni Alatri Fontechiari Cassino Frosinone scalo LT-Romagnoli Viterbo

SO2 [g/m3]
3.9 2.0 1.5 0.8 0.8 2.2 0.5 0.9 1.2 1.4 1.1 1.05 1.3 0.7 1.4 1.3 1.0 1.0

Tabella 1 Medie di periodo per le campagne in esame e media degli anni 2008-2009 per le centraline fisse compresa Colleferro.

Non ho messo i dati del 2010 perch per molte centraline fisse non ci sono. Nelle centraline fisse della rete regionale di monitoraggio della qualit dellaria negli anni 2008 e 2009, non stato registrato alcun superamento della media giornaliera (125 g/m3 ) e nemmeno della media oraria (350 g/m3) del biossido di zolfo (SO2).

22

3.2 Metalli e IPA


Dallanalisi dei dati acquisiti sia dalle campagne di monitoraggio eseguite e sia dalle centraline delle stazioni automatiche di monitoraggio della qualit dellaria della regione Lazio, si evince che le concentrazioni di metalli rilevati sono lontani dal limite annuo/valore obiettivo stabilito dal D.Lgs 155/2010.

Stazione
Limite - Valore Obiettivo

Pb [ug/m] Cd [ng/m] As [ng/m] Ni [ng/m]


0.5 5 6 20

Albano Malagrotta Colleferro San Vittore Francia Villa Ada Cinecitt Ciampino Civitavecchia

0.006 0.007 0.007 0.011 0.011 0.010 0.012 0.009 0.005

0.2 0.2 0.2 0.4 0.2 0.2 0.3 0.2 0.1

0.3 0.5 0.6 0.7 0.6 0.6 0.6 0.5

1.3 2.1 1.7 3.4 3.4 2.5 2.4 2.6 3.2

Il Benzo(a)pirene lunico tra gli Idrocarburi Policiclici Aromatici, per cui la normativa attualmente vigente prevede un limite da rispettare che corrisponde al valore obiettivo annuo di 1 ng/m3. Come si pu

osservare dal grafico seguente lunica stazione che registra superamenti quella di Colleferro.

Benzo(a)pirene [ng/m3]
1.20 1.00 0.80 0.60 0.40 0.20 0.00
gr ot Ci ta vi t av ec ch ia Sa n Vi t to re no Ci am pin o Gu ido nia t Co ll e fe rro ia Fr a nc Al ba Ci ne cit lla Vi Ad a

M ala

23

Stazione
Valore Obiettivo

Benzo(a)pirene [ng/m3]
1

Colleferro Albano Malagrotta San Vittore Ciampino Guidonia Cinecitt Francia Villa Ada Civitavecchia

1.06 0.82 0.28 0.11 0.82 0.61 0.51 0.50 0.34 0.17

Tabella 2 Medie di periodo per le campagne in esame e media annuale (2010) per le centraline fisse compresa Colleferro.

- la media del biossido di zolfo (SO2) delle due campagne tenute a Malagrotta superiore alle medie ottenute dalle centraline regionali considerate negli stessi periodi di monitoraggio, ma risulta ampiamente sotto i limiti di legge.

24

ALLEGATI (colle ferro) Medie 2008-2009-2010 centraline fisse Stazione


Francia Colleferro Fermi Tiburtina Preneste Magna Grecia Ciampino Arenula Cinecitta Cipro Bufalotta Guidonia Villa Ada Civitavecchia Allumiere NO2 [g/m3] PM10 [g/m3] 79 37 77 65 46 68 42 56 48 54 46 35 37 25 10 39 37 37 37 35 34 34 34 33 30 29 28 26 24 14

Stazioni fisse
Numero di Superamenti PM10 Stazione Colleferro Villa Ada Allumiere Civitavecchia Guidonia Ciampino Arenula Bufalotta Cinecitt Cipro Fermi Francia Grecia Preneste Tiburtina 2008 62 19 1 6 36 49 43 33 44 27 52 77 51 61 81 2009 67 12 2 5 26 48 34 18 46 28 61 67 42 45 62 2010 53 8 0 0 13 35 15 8 32 20 27 38 13 35 39

25

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 1 di 80

Relazione conclusiva sullo stato della qualit dellaria a Malagrotta nel periodo 13 giugno 4 dicembre del 2008

MATRICE DELLE REVISIONI

Rev. 0

OGGETTO Prima emissione

COPIA CONTROLLATA N : _________/____________ CONSEGNATA A : diffusione libera

REDAZIONE
Roberto Sozzi Andrea Bolignano Pierantonio Di Legge Stefano Coltellacci Franco Troiano Sesto Damizia

VERIFICA
Resp. Divisione Atmosfera e Impianti Roberto Sozzi

APPROVAZIONE
Resp. Divisione Atmosfera e Impianti Roberto Sozzi

EMISSIONE
Resp. Divisione Atmosfera e Impianti Roberto Sozzi

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 2 di 80

INDICE

PREMESSA .......................................................................................................................................3 1 2 2.1 2.2 2.3 2.4 3 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8 SISTEMA DI MONITORAGGIO ..................................................................................3 DATI METEOROLOGICI RILEVATI DURANTE LA CAMPAGNA (13 GIUGNO 4 DICEMBRE 2008).....................................................................................6 Rosa dei venti.........................................................................................................................6 Temperatura e umidit relativa ............................................................................................13 Radiazione solare.................................................................................................................18 Pioggia .................................................................................................................................23 DATI CHIMICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO 13 GIUGNO 4 DICEMBRE 2008 .....................................................................................28 Biossido di azoto (NO2).......................................................................................................28 Anidride solforosa (SO2) e Acido solfidrico (H2S) .............................................................33 Monossido di Carbonio (CO) ..............................................................................................48 Ozono (O3)...........................................................................................................................53 Materiale particolato (PM10 e PM2.5) ................................................................................59 Valori medi di periodo e numero di superamenti ................................................................65 Analisi chimiche da campionatori passivi ...........................................................................67 Analisi di varie sostanze nel particolato ..............................................................................72

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 3 di 80

PREMESSA Il 13 Giugno 2008 Arpa Lazio ha avviato una campagna sperimentale per analizzare lo stato di qualit dellaria nella zona di Malagrotta, unarea in cui convivono alcuni centri abitati, la discarica di Malagrotta, la raffineria di Roma e linceneritore di rifiuti ospedalieri dellAMA. Tutto ci giustifica il crescente interesse verso una migliore conoscenza ambientale della zona e la decisione della Regione di collocare una nuova postazione fissa della rete regionale della qualit dellaria per una costante sorveglianza dellarea in oggetto, attualmente in fase di realizzazione. La campagna sperimentale di Arpa Lazio ha quindi un duplice obiettivo: da un lato quello di migliorare la conoscenza ambientale dellarea e dallaltro quello di individuare una localizzazione conveniente della postazione fissa di monitoraggio che, a sua volta, potr essere affiancata se necessario da misurazioni periodiche e da simulazioni modellistiche, come previsto dalla normativa vigente (DM 60/2002 e D.Lgs 183/2004). 1 SISTEMA DI MONITORAGGIO

Durante la campagna sperimentale stata utilizzata la centralina mobile di Arpa Lazio, posizionandola in localit Massimina in via Ildebrando della Giovanna n.125, nel cortile del complesso scolastico Nando Martellini. La posizione esatta del sito di misura (evidenziata in Fig. 1) : Lat: 415231.69 N Long: 122037.76 E Quota s.l.m.: 60 m. ca

Punto di monitoraggio 415231.69 N 122037.76 E

Fig. 1 Posizione della centralina mobile di Arpa Lazio

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 4 di 80

a)

b)

Fig. 2 a e b Centralina mobile di Arpa Lazio Il sistema mobile di monitoraggio (Fig. 2) era dotato della seguente dotazione strumentale: un analizzatore per gli ossidi di azoto (NO,NO2,NOX); un analizzatore di biossido di zolfo (SO2); un analizzatore di acido solfidrico (H2S); un analizzatore di ozono (O3); un analizzatore di monossido di carbonio (CO); un analizzatore di particolato sottile PM10 e PM2.5.

Tutti gli analizzatori impiegati rispettano quanto previsto dalla normativa vigente. Nella tabella seguente sono riportati gli inquinanti monitorati con i relativi tempi di mediazione previsti dalla normativa vigente e le unit di misura utilizzate. In particolare, per tutti gli inquinanti considerati, ad eccezione del particolato atmosferico, il periodo di mediazione lora, mentre per il particolato atmosferico il tempo di mediazione il giorno.
Laboratorio mobile NO NO2 NOX CO O3 SO2 H 2S PM10 PM2.5 Tempo di mediazione 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 24 ore 24 ore Unit di misura g/m3 g/m3 g/m3 mg/m3 g/m3 g/m3 g/m3 g/m3 g/m3

Tabella 1 Inquinanti e rispettivi tempi di mediazione La presenza del mezzo mobile ha consentito di effettuare anche altre indagini realizzate con strumentazione non totalmente automatica ed in particolare: misure con campionatori passivi (radiello) localizzato presso il mezzo mobile. Ci ha consentito la determinazione delle concentrazioni in aria delle sostanze organiche e volatili (VOC) e delle aldeidi, campionamenti di particolato su filtro in fibra di vetro e quarzo per la determinazione, rispettivamenDocumento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 5 di 80

te, di IPA e metalli. campionamenti di lungo periodo (~ 8 giorni) di particolato su filtro in fibra di vetro per la determinazione dei PCB.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 6 di 80

DATI METEOROLOGICI RILEVATI DURANTE LA CAMPAGNA (13/6 4/12 2008) Per una migliore comprensione dei fenomeni in atto durante il periodo di campagna (13/6 4/12/2008), conveniente considerare le condizioni meteorologiche che lhanno caratterizzato. In particolare qui di seguito vengono presentati i dati meteorologici rilevati al suolo (circa 10 m) dai sensori meteorologici di cui dotato il mezzo mobile. I dati comprendono: lintensit(m/s) e la direzione media del vento (gradi), la temperatura (C) e lumidit relativa (%) media dellaria, la pioggia (mm/h), la radiazione solare (W/m2).

2.1

Rosa dei venti La rosa dei venti il mezzo pi semplice e pi sintetico per caratterizzare la situazione meteorologica nei periodi considerati. Utilizzando le misure di velocit e direzione media del vento misurate presso la postazione mobile, sono state ottenute le rose dei venti caratteristiche dei vari periodi di misura, qui di seguito riportate. Periodo 13 30 giugno 2008 La rosa dei venti di questo periodo (Fig. 2.1a) evidenzia una componente dominante di venti provenienti dai settori W e WSW con intensit superiore a 4 m/s. La disposizione dei venti in questi settori dovuta probabilmente allinstaurarsi del regime di brezza durante le ore diurne, data la breve distanza dal mare della zona in esame. La rosa dei venti evidenzia anche una piccola percentuale di venti nei settori SW e NNE e NE. I venti da SW sono caratterizzati da intensit che raggiungono i 4 m/s mentre i venti da NE e NNE sono caratterizzati da intensit che non superano i 3 m/s. Periodo 1 13 luglio 2008 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1b) anche in questo caso evidenzia una rilevante percentuale di venti nei settori W e WSW, probabilmente dovuti al regime di brezza che si instaura nelle ore pomeridiane, con venti che presentano intensit superiori a 4 m/s. Dalla distribuzione dei venti si notano anche dei venti provenienti da dai settori NE, ESE e SW. Questi ultimi probabilmente sono anchessi venti di brezza caratterizzati da venti di intensit superiori a 4 m/s. Per quanto concerne i venti provenienti dal settore NE la loro intensit non eccede i 3 m/s. Infine si nota una rilevante percentuale di venti dal settore ESE caratterizzati da intensit che non superano i 2 m/s. Periodo 14 31 luglio 2008 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1c) evidenzia una componente dominante di venti provenienti dai settori W e WSW caratterizzata da venti di intensit superiore a 4 m/s. La disposizione dei venti in questi settori dovuta probabilmente allinstaurarsi del regime di brezza durante le ore diurne, dovuta alla vicinanza col mare. E evidente anche una piccola percentuale di venti da SW e NNE e NE, i primi con intensit inferiore a 4 m/s ed i secondi con intensit non superiore a 3 m/s. Periodo 1 24 agosto 2008 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1d) anche in questo caso evidenzia una rilevante percentuale di venti nei settori W e WSW, probabilmente dovuti al regime di brezza che si instaura nelle ore pomeridiane, con venti di intensit superiore a 4 m/s. Dalla distribuzione dei venti si notano anche dei venti provenienti dai settori NE, ESE e SW. Questi ultimi probabilmente sono anchessi venti di brezza caratterizzati da venti di intensit superiori a 4 m/s. Per quanto concerne i venti provenienti dal settore NE la loro intensit non eccede i 3 m/s. Infine si nota una percentuale di venti dal settore ESE caratterizzati da intensit che non superano i 3 m/s.
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 7 di 80

Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1e) evidenzia una rilevante percentuale di venti nei settori NNE e NE , caratterizzati da intensit superiori a 4 m/s. Sono presenti anche venti nei settori SW e W dovuti probabilmente al regime di brezza che si instaura nelle ore diurne. I venti di questo settore sono caratterizzati da intensit superano i 4 m/s. Si nota anche una cospicua presenza di venti provenienti dai settori meridionali (SSW-ESE). Periodo 1 31 ottobre 2008 La rosa dei venti di questo periodo (Fig. 2.1f) evidenzia una rilevante percentuale di venti provenienti dal settore di NW caratterizzati da intensit che non superano i 4 m/s. Sono presenti anche percentuali minori di venti provenienti dai settori di SE e SW caratterizzati da intensit che in alcuni casi eccedono i 4 m/s. I venti provenienti da SW probabilmente sono originati da un regime di brezza che solitamente si instaura nelle ore pi calde della giornata. Periodo 1 16 novembre 2008 La rosa dei venti di questo periodo (Fig. 2.1g) presenta una percentuale considerevole di venti provenienti dal settore di NE caratterizzati da intensit che non superano i 4 m/s. E evidente anche una buona percentuale di venti provenienti dal settore di SE caratterizzati da intensit che in alcuni casi superano i 4 m/s. Da notare lassenza quasi totale di venti provenienti dal settore di SW dovuta probabilmente alla mancata formazione del regime di brezza. Periodo 17 novembre 4 dicembre 2008 La rosa dei venti di questo periodo (Fig. 2.1h) presenta una percentuale considerevole di venti provenienti dal settore di NE caratterizzati da intensit che non superano i 4 m/s. E evidente anche una buona percentuale di venti provenienti dal settore di SE caratterizzati da venti con intensit che in alcuni casi superano i 4 m/s. Si osserva inoltre una rilevante componente di venti da SW caratterizzati da intensit che nella maggior parte dei casi eccedono i 4 m/s.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 8 di 80

a)

b)

Fig 2.1a,b Rosa dei venti del periodo 13 30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 9 di 80

c)

d)

Fig 2.1c,d Rosa dei venti del periodo 14 31 luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 10 di 80

e)

Fig 2.1e Rosa dei venti del periodo 25 agosto- 30 settembre 2008

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 11 di 80

f)

g)

Fig 2.1f,g Rosa dei venti del periodo 1-31 ottobre (f) e 1 16 novembre (g)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 12 di 80

h)

Fig 2.1h Rosa dei venti del periodo 17 novembre-4 dicembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 13 di 80

2.2

Temperatura e umidit relativa Dalle misure di temperatura ed umidit relativa dellaria stato possibile ottenere i relativi andamenti orari per i vari periodi, qui di seguito riportati. Periodo 13 30 giugno 2008 In questo periodo (Fig 2.2a) landamento della temperatura media oraria dellaria e dellumidit relativa presentano la consueta ciclicit giornaliera. Si nota, poi, che il valore medio giornaliero della temperatura dellaria inizialmente tende a crescere fino a raggiungere un valore stabile, mentre il valore medio giornaliero di umidit relativa tende inizialmente a diminuire raggiungendo un minimo nella seconda parte del periodo. Periodo 1 13 luglio 2008 In questo periodo (Fig 2.2b) sia temperatura media giornaliera dellaria che lumidit relativa non variano apprezzabilmente, pur presentando sempre la caratteristica ciclicit giornaliera. Periodo 14 31 luglio 2008 In questo periodo (Fig 2.2c) landamento della temperatura media oraria dellaria e dellumidit relativa presentano la consueta ciclicit giornaliera. Si nota, poi, che il valore medio giornaliero della temperatura dellaria presenta un valore stabile con una leggera diminuzione nel periodo 22 26 luglio. Periodo 1 24 agosto 2008 In questo periodo (Fig 2.2d) sia temperatura media giornaliera dellaria che lumidit relativa non variano apprezzabilmente, pur presentando sempre la caratteristica ciclicit giornaliera. Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 In questo periodo (Fig 2.2e) landamento della temperatura media oraria dellaria e dellumidit relativa presentano la consueta ciclicit giornaliera. Si nota, poi, che il valore medio giornaliero della temperatura dellaria inizialmente tende a diminuire dopo il 12 settembre per poi stabilizzarsi verso la fine del mese. Periodo 1 31 ottobre 2008 In questo periodo (Fig. 2.2f) landamento della temperatura media oraria dellaria e dellumidit relativa presenta la consueta ciclicit giornaliera ed una certa stabilit. Da notare la brusca diminuzione di temperatura tra il 5 e 6 ottobre. Periodo 1 16 novembre 2008 In questo periodo (Fig. 2.2g) landamento della temperatura media oraria e dellumidit relativa presenta la consueta ciclicit giornaliera. Si nota una diminuzione costante della temperatura a partire dai primi giorni di novembre. Periodo 17 novembre 4 dicembre 2008 In questo periodo (Fig. 2.2h) landamento della temperatura media oraria e dellumidit relativa presenta la consueta ciclicit giornaliera.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 14 di 80

a)
50 45 40 35 Temperatura ( C) 30 25 20 15 10 5 0 13 14 15 16 17

Temperatura - Umidit relativa (13 - 30 giugno 2008)


100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 18 19 20 21 22 giugno Temperatura Umidit 23 24 25 26 27 28 29 30 Umidit relativa (%) Umidit relativa (%)

Temperatura - Umidit relativa (1 - 13 luglio 2008)

b)
50 45 40 35 Temperatura ( C) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 luglio Temperatura Umidit relativa 8 9 10 11 12 13 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0

Fig. 2.2 a,b Andamento di temperatura e umidit nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 15 di 80

c)
50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 14 15 16 17 18

Temperatura - Umidit relativa (14 - 31 luglio 2008)


100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 19 20 21 22 23 luglio 24 25 26 27 28 29 30 31 Umidit relativa (%)

d)
50 45 40 35 Temperatura (C) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7

Temperatura( C)

Temperatura - Umidit relativa (1 - 24 agosto 2008) 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 8 9 10 11 12 13 agosto Temperatura Umidit relativa 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Umidit relativa (%)

Fig. 2.2 c,d Andamento di temperatura e umidit nel periodo 14-31 luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 16 di 80

e)
40

Temperatura- Umidit relativa (25 agosto 30 settembre 2008)

100 90 80

35

30 70 Temperatura ( C) 25 60 50 40 30 10 20 5 10 0 1 2 3 4 5 6 7 8 25 26 27 28 29 30 31 9 10 11 12 13 14 15 16 17 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 Periodo Temperatura Umidit relativa 30 Umidit relativa (%) Umidit relativa(%)

20

15

Temperatura - Umidit relativa (1 - 31 ott 2008)

f)
30 100 90 25 80 70 20 Temperatura ( C) 60 15 50 40 10 30 20 5 10 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Periodo Temperatura Umidit relativa 0

Fig.2.2e,f Andamento di temperatura e umidit nel periodo 25 agosto 30 settembre (e) e 1-31 ottobre (f)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 17 di 80

g)

Temperatura - Umidit relativa (1 - 16 nov 2008)

25

100 90

20

80 70

15

60 50

10

40 30

20 10

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Periodo Temperatura Umidit relativa 10 11 12 13 14 15 16

Temperatura - Umidit relativa (17 novembre - 4 dicembre 2008)

h)
18 16 100 14 12 Temperatura ( C) 10 60 8 6 4 20 2 0 1 Periodo Temperatura Umidit relativa 0 40 80 120

Fig.2.2g,h Andamento di temperatura e umidit nel periodo 1 16 novembre(g) e 17 novembre 4 dicembre(h)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

Umidit relativa (%)

Umidit relativa (%)

Temperatura ( C)

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 18 di 80

2.3

Radiazione solare Un parametro estremamente importante per caratterizzare la capacit dipendente dellatmosfera la radiazione solare globale, cio lenergia immessa nei bassi strati dellatmosfera. Per una rappresentazione pi semplice e pi sintetica di ci, conveniente utilizzare lintegrale giornaliero di radiazione solare globale, cio la quantit totale di energia trasmessa quotidianamente allatmosfera. Periodo 13 30 giugno 2008 Lintegrale della radiazione solare (Fig. 2.3a) presenta valori bassi i giorni 13 e 14 di giugno, evidenziando una parziale nuvolosit, ed un valore molto basso il giorno 17, giorno in cui era presente una nuvolosit particolarmente rilevante. Per il resto del periodo lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene sostanzialmente costante per la scarsa o nulla nuvolosit presente. Periodo 1 13 luglio 2008 In questo periodo (Fig 2.3b) lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene costante a livelli compatibili con una copertura nuvolosa bassa o trascurabile, fino allultimo giorno del periodo in cui avviene una drastica riduzione del suo valore a causa della rilevante copertura del cielo. Periodo 14 31 luglio 2008 Lintegrale della radiazione solare (Fig. 2.3c) presenta valori bassi i giorni 21 e 27 di luglio, evidenziando una parziale nuvolosit, ed un valore molto basso il giorno 30, giorno in cui era presente una nuvolosit particolarmente rilevante. Per il resto del periodo lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene sostanzialmente costante per la scarsa o nulla nuvolosit presente. Periodo 1 24 agosto 2008 In questo periodo (Fig 2.3d) lintegrale giornaliero della radiazione solare presenta valori bassi nei giorni 15 e 23 evidenziando una parziale nuvolosit, ed un valore molto basso il giorno 23, giorno in cui era presente una nuvolosit particolarmente rilevante. Per il resto del periodo lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene sostanzialmente costante per la scarsa o nulla nuvolosit presente. Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 In questo periodo (Fig 2.3e) lintegrale giornaliero della radiazione solare presenta valori relativamente bassi tra il 12 ed il 15, 21 ed il 24 di settembre evidenziando una parziale nuvolosit. Il minimo assoluto si ha il giorno 19 settembre, giorno in cui era presente una nuvolosit particolarmente rilevante. Periodo 1 31 ottobre 2008 In questo periodo (Fig. 2.3f) lintegrale giornaliero della radiazione solare presenta dei valori molto bassi nei giorni 3, 16,22 e 27 fino alla fine del mese, evidenziando una nuvolosit particolarmente rilevante. Periodo 1 - 16 novembre 2008 Lintegrale della radiazione solare di questo periodo (Fig. 2.3g) presenta dei valori molto bassi dovuti ad una nuvolosit molto intensa, in particolare nei giorni 3 e 12 novembre. Periodo 1 - 16 novembre 2008 Lintegrale della radiazione solare di questo periodo (Fig. 2.3h) presenta dei valori molto bassi dovuti ad una nuvolosit molto intensa, in particolare nei giorni 3 e 12 novembre.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 19 di 80

a)
8000

Radiazione solare (13 - 30 giugno 2008)

7000

6000 Radiazione solare (W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 giugno

b)
8000

Radiazione solare (1 - 13 luglio 2008)

7000

6000 Radiazione solare (W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13

Fig. 2.3 a,b Andamento della radiazione solare nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 20 di 80

c)
8000

Radiazione solare (14-31 luglio 2008)

7000

6000 Radiazione solare (W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 luglio

d)
8000

Radiazione solare (1-24 agosto 2008)

7000

6000

Radiazione solare (W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

agosto

Fig. 2.3 c,d Andamento della radiazione solare nel periodo 13-30 giugno (c) e 1 13 luglio (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 21 di 80

e)
7000

Radiazione solare (25 agosto 30 settembre 2008)

6000

5000 Radiazione solare (W/m2)

4000

3000

2000

1000

0 25 26 27 28 29 30 31 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Periodo

f)
4500

Radiazione solare (1-31 ottobre 2008)

4000

3500

Radiazione solare (W/m2)

3000

2500

2000

1500

1000

500

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Periodo

Fig.2.3e,f Andamento della radiazione solare nel periodo 25 agosto 30 settembre 2008(e) e 1-31 ottobre (f)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 22 di 80

g)
4500 4000

Radiazione solare (1-16 novembre 2008)

3500

Radiazione solare (W/m2)

3000

2500

2000

1500

1000

500

0 1 2 3 4 5 6 7 8 Periodo 9 10 11 12 13 14 15

h)
2500

Radiazione solare (17 novembre - 4 dicembre 2008)

2000

Radiazione solare (W/m2)

1500

1000

500

0 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 1 2 3 4 Periodo

Fig.2.3g,h Andamento della radiazione solare nel periodo 1-16 novembre(g) e 17 novembre 4 dicembre(h)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 23 di 80

2.4

Pioggia Periodo 13 30 giugno 2008 In questo periodo (Fig 2.4a) stato riscontrato il giorno 17 giugno un unico evento di pioggia di entit modesta. Periodo 1 13 luglio 2008 In questo periodo (Fig 2.4b) non si riscontrato alcun evento di pioggia. Periodo 14 31 luglio 2008 In questo periodo (Fig 2.4c) sono stati riscontrati tre eventi di pioggia nei giorni 21, 27 e 28 luglio un unico evento di pioggia di entit modesta. Periodo 1 24 agosto 2008 In questo periodo (Fig 2.4d) stato riscontrato unico evento di pioggia di entit modesta.. Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 In questo periodo (Fig 2.4e) si registrano diversi eventi di pioggia di modesta entit, tranne nei giorni 12 e 19 settembre. Periodo 1 31 ottobre 2008 In questo periodo (Fig. 2.4f) si registrano diversi eventi di pioggia, caratterizzato da piogge di moderata intensit che si concentrano per la maggior parte negli ultimi giorni del mese. Pi in particolare gli eventi di maggiore entit si registrano il 16 ottobre ed il 27 ottobre con una quantit di pioggia caduta poco superiore ai 20 mm. Periodo 1 16 novembre 2008 In questo periodo (Fig. 2.4g) si registrano diversi eventi di pioggia la cui intensit massima viene raggiunta il 12 novembre, caratterizzato da una pioggia di forte intensit (poco meno di 70 mm). Periodo 17 novembre 4 dicembre 2008 In questo periodo (Fig. 2.4h) si registrano diversi eventi di pioggia la cui intensit massima viene raggiunta il 28 novembre con 35 mm.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 24 di 80

a)
0.20 0.18 0.16 0.14 0.12 0.10 0.08 0.06 0.04 0.02 0.00 13 14 15 16 17 18

Pioggia (13 - 30 giugno 2008)

Pioggia (mm)

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

giugno

b)
Pioggia (1 - 13 luglio 2008)
0.20 0.18 0.16 0.14 0.12 0.10 0.08 0.06 0.04 0.02 0.00 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13

Pioggia (mm)

Fig. 2.4 a,b Andamento della pioggia nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 25 di 80

c)
0.20 0.18 0.16 0.14 0.12 0.10 0.08 0.06 0.04 0.02 0.00 14 15 16 17 18 19

Pioggia (14-31 luglio 2008)

Pioggia (mm)

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

luglio

d)
Pioggia (1-24 agosto 2008)
0.20 0.18 0.16 0.14 0.12 0.10 0.08 0.06 0.04 0.02 0.00 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

Pioggia (mm)

agosto

Fig. 2.4 c,d Andamento della pioggia nel periodo 14-31luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 26 di 80

Pioggia (25 agosto - 30 settembre 2008)

e)
30

25

20 Pioggia (mm)

15

10

0 25 26 27 28 29 30 31 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Periodo

Pioggia (1-31 ottobre 2008)

f)

50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Periodo

Pioggia (mm)

Fig.2.4 e,f Andamento della pioggia nel periodo 25 agosto 30 settembre2008(e) e 1-31 ottobre(f)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 27 di 80

g)
100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 1 2 3 4 5

Pioggia (1-16 novembre 2008)

Pioggia (mm)

8 Periodo

10

11

12

13

14

15

h)
40

Pioggia (17 novembre - 4 dicembre 2008)

35

30

25 Pioggia (mm)

20

15

10

0 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 1 2 3 4 Periodo

Fig.2.4g,h Andamento della pioggia nel periodo 1-16 novembre(g)e 17 novembre 4 dicembre(h)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 28 di 80

DATI CHIMICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO13/6 4/12/ 2008 Qui di seguito vengono presentati i dati chimici rilevati dal mezzo mobile nei vari periodi. In particolare si considerano le concentrazioni medie dei seguenti inquinanti: Biossido di azoto (NO2) Anidride solforosa (SO2) ed acido solfidrico (H2S) Monossido di carbonio (CO) Ozono (O3) Materiale particolato PM10 e PM2.5

3.1

Biossido di azoto (NO2) La normativa vigente (DM60/2002) prevede per lNO2 un valore limite per la concentrazione oraria pari a 220 g/m3. Periodo 13 30 giugno In fig. 3.1a sono riportati i valori orari del NO2 rilevati dal 13 Giugno (giorno di inizio della campagna) al 30 Giugno 2008 compreso. Come si pu osservare, tali valori sono inferiori al limite (220 g/m3), con un valore massimo della concentrazione di NO2 pari a 97 g/m3 rilevato il 24 giugno. Periodo 1 13 luglio Le medesime considerazioni valgono per landamento del biossido di azoto rilevato nel periodo che va dal 1 luglio 2008 al 13 luglio 2008 compresi e riportato nella fig. 3.1b. Anche in questo caso i valori orari rilevati rientrano nei limiti imposti dalla legge. Il valore massimo 72 g/m3 rilevato il 10 luglio. Periodo 14 31 luglio In fig. 3.1c sono riportati i valori orari NO2 del periodo 14 31 luglio 2008 compreso. Come si pu osservare, i valori orari risultano inferiori al limite (220 g/m3) con un valore massimo pari a 79 g/m3 rilevato il 18 luglio alle ore 7. Periodo 1 24 agosto Le medesime considerazioni valgono per landamento della concentrazione di NO2 rilevata dal 1 agosto al 24 agosto compresi e riportato in fig. 3.1d. Anche in questo caso le concentrazioni orarie rilevati rientrano nei limiti imposti dalla legge con un valore massimo di 72 g/m3 (8 agosto alle ore 4). Periodo 25 agosto 30 settembre Nella fig 3.1e riportato landamento della concentrazione oraria di NO2. I valori di concentrazione sono al di sotto del limite fissato (220 g/m3) con un valore massimo di 101 g/m3 il giorno 11 settembre alle ore 8. Periodo 1 31 ottobre Nella Fig. 3.1f riportato landamento della concentrazione oraria di NO2 per il periodo in questione. Non vi sono stati superamenti del limite fissato (220 g/m3) ed il valore massimo risulta pari 104 g/m3 raggiunto il 23 ottobre alle ore 18. Periodo 1 16 novembre In Fig. 3.1g riportato landamento della concentrazione oraria di NO2 per il periodo in questione. Non vi sono stati superamenti del limite fissato (220 g/m3) e il valore massimo di concentrazione oraria del periodo 100 g/m3 raggiunto il 14 novembre alle ore 19. Periodo 17 novembre 4 dicembre In Fig. 3.1h riportato landamento della concentrazione oraria di NO2 per il periodo in questione. Non vi sono stati superamenti del limite fissato (220 g/m3) e il valore massimo di concentrazione oraria del periodo 121 g/m3 raggiunto il 25 novembre alle ore 15.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 29 di 80

a)
NO2 (13- 30 Giugno 2008)
240

200 Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

Concentrazione (ug/m3)

160

120

80

40

0 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 giugno 23 24 25 26 27 28 29 30

b)
NO2 - (1-13 Luglio 2008)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13 Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.1 a,b Andamento della concentrazione oraria di NO2 nei periodi 13-30 giugno (a) e 113 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 30 di 80

c)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 14 15 16 17 18 19 20 Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

NO2 - (14 - 31 luglio 2008)

21

22

23 luglio

24

25

26

27

28

29

30

31

d)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9

NO2 - (1 - 24 Agosto 2008)

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

10

11

12

13 agosto

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Fig. 3.1 c,d Andamento della concentrazione oraria di NO2 nei periodi 14-31 luglio (c) e 124 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 31 di 80

e)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4

NO2 (25 agosto - 30 settembre 2008)

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

25

25

26

27

28

29

30

31

10

11

12

13

14

15

16

17

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28 30

29 31

Periodo

f)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

NO2 (1 - 31 ottobre 2008)

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

Periodo

Fig. 3.1 e,f Andamento della concentrazione oraria di NO2 nei periodi 25 agosto 30 settembre(e) e 1-31 ottobre (f)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

30

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 32 di 80

g)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4 5 6

NO2 (1-16 novembre 2008)

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

9 Periodo

10

11

12

13

14

15

16

h)
240 220 200 180 Concentrazione (ug/m3) 160 140 120 100 80 60 40 20 0 17 18 19 20 21 22

NO2 (17 novembre - 4 dicembre 2008)

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 20) ug/m3 (DM60/2002)

23

24

25

26 Periodo

27

28

29

30

Fig. 3.1,g,h Andamento della concentrazione oraria di NO2 nei periodi 1-16 novembre(g) e 17 novembre 4 dicembre(h)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 33 di 80

3.2

Anidride solforosa (SO2) e Acido solfidrico (H2S) Nelle figure che seguono sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie orarie di SO2 e di H2S. A tal proposito va osservato che non esiste una normativa che stabilisca dei limiti orari e/o giornalieri alla concentrazione di H2S nellaria ma vi sono dei valori di soglia accettati dalle comunit scientifiche. Pi in particolare, la soglia olfattiva viene fissata a 7 g/m3 per la concentrazione di H2S media oraria, mentre 150 g/m3 il valore limite della media giornaliera fissato dallOrganizzazione Mondiale della Sanit per la protezione della salute umana. Infine stato stabilito una valore di 40 g/m3 per proteggere la vegetazione pi sensibile (E. Bacci Energia Geotermica ARPAT 1998). Periodo 13 30 giugno Nelle figure 3.2a e 3.2c sono riportati i valori medi orari di SO2 e H2S del periodo. Per lSO2 le concentrazioni sono inferiori al limite (350 g/m3 ) con un valore massimo di 43.1 g/m3 raggiunto il 24 giugno alle ore 9. Nel caso di H2S, la concentrazione media oraria ha superato il limite di soglia olfattiva per 14 volte (fig 3.2c), mentre la concentrazione media giornaliera si mantenuta sotto il limite di 150 g/m3 (fig 3.2e). Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 1 13 luglio Le concentrazioni di SO2 (fig. 3.2b) sono inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) con un massimo 44.6 g/m3 raggiunto il 2 luglio alle ore 10. Per la concentrazione oraria di H2S (fig. 3.2d) vi sono stati 8 superamenti della soglia olfattiva, mentre la concentrazione media giornaliera (fig. 3.2f) sta al di sotto del limite fissato (150 g/m3). Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 14 31 luglio Per quanto riguarda lSO2 le concentrazioni rilevate sono inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) con un valore massimo di 21.6 g/m3 raggiunto il 16 luglio alle ore 14. Nel caso di H2S, la concentrazione media oraria ha superato il limite di soglia olfattiva per 7 volte (fig 3.2g), mentre la concentrazione media giornaliera si mantenuta sotto il limite di soglia fissato a 150 g/m3 (fig 3.2m). Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 1 24 agosto Le concentrazioni di SO2 (fig. 3.2h) presentano valori inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) con un valore massimo di concentrazione pari 15.2 g/m3 raggiunto il 22 agosto alle ore 12 ed il 24 agosto alle ore 4. Nel caso della concentrazione oraria dellH2S (fig. 3.2l) vi stato un superamento della soglia olfattiva (7 g/m3 ), mentre la concentrazione media giornaliera (fig. 3.2n) si mantiene al di sotto del limite fissato (150 g/m3). Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 25 agosto 30 settembre Nelle figure 3.2o e 3.2p sono riportati i valori medi orari di di SO2 e H2S del periodo. Per quanto riguarda lSO2 le concentrazioni sono inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) con un massimo di 33.6 g/m3 raggiunto il 1 settembre alle ore 10. Nel caso di H2S, la concentrazione media oraria ha superato il limite di soglia olfattiva per 15 volte (fig 3.2p), mentre la concentrazione media giornaliera si mantenuta sotto il limite di soglia fissato a 150 g/m3 (fig 3.2q). Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 1 31 ottobre Nelle figure Fig 3.2r e Fig. 3.2t sono riportati i valori di concentrazione media oraria di SO2 e H2S rispettivamente. Per quanto concerne la concentrazione media oraria di SO2 non vi sono stati superamenti del limite fissato (350 g/m3 ) con un valore massimo di 30.4 g/m3 raggiunto il 2 ottobre alle ore 19. Nel caso di H2S la concentrazione ha superato il limite di soglia olfattiva per 14 volte. Il valore massimo orario 25.8 raggiunto il 27 ottobre alle 23. La concentrazione media giornaliera di H2S (Fig. 3.2v) nel periodo considerato si mantiene al di sotto del limite di 150 g/m3 fissato dallO.M.S. Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 1 16 novembre
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 34 di 80

Nelle figure Fig. 3.2s e Fig 3.2u sono riportate i valori orari di SO2 e H2S rispettivamente. In questo periodo la concentrazione media oraria di SO2 non supera il limite fissato (350 g/m3 ) con un valore massimo di 16.8 g/m3 raggiunto il 1 novembre alle ore 7. Per quanto riguarda la concentrazione oraria di H2S nel periodo in questione vi stato un solo superamento della soglia olfattiva (7 g/m3). Il valore massimo di concentrazione oraria stato di 9.7 g/m3 raggiunto il 4 novembre alle ore 12. La concentrazione media giornaliera di H2S (Fig. 3.2z) nel periodo considerato si mantiene al di sotto del limite di 150 g/m3 fissato dallO.M.S. Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato. Periodo 17 novembre 4 dicembre Nelle figure Fig. 3.2,a1 e Fig 3.2,a2 sono riportate i valori orari di SO2 e H2S. In questo periodo la concentrazione media oraria di SO2 non supera il limite fissato (350 g/m3 ) con un valore massimo 27.5 g/m3 raggiunto il 1 dicembre alle ore 11. Per quanto riguarda la concentrazione oraria di H2S (Fig 3.2,a3) nel periodo in questione vi sono stati 15 superamenti della soglia olfattiva (7 g/m3). Il valore massimo di concentrazione oraria 23.6 g/m3 raggiunto il 1 dicembre alle ore 11. La concentrazione media giornaliera di H2S (Fig. 3.2,a3) nel periodo considerato si mantiene al di sotto del limite di 150 g/m3 fissato dallO.M.S. Il limite di concentrazione di 40 g/m3 non viene mai superato.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 35 di 80

a)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 13 14 15 16 17 18 19

SO2 - (13-30 Giugno 2008)

Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

20

21

22 giugno

23

24

25

26

27

28

29

30

b)
60

SO2 (1 - 13 luglio 2008)

50

Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

Concentrazione (ug/m3)

40

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 luglio SO2 8 9 10 11 12 13

Fig. 3.2 a,b Andamento della concentrazione oraria di SO2 nei periodi 13-30 giugno (a) e 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 36 di 80

c)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 13 14 15 16 17 18 19

H2S - (13 - 30 Giugno 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

20

21

22 giugno

23

24

25

26

27

28

29

30

d)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 1 2 2 3 3 4 4 5 5

H2S (1-13 luglio 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

7 luglio

10

10

11

11

12

12

13

13

Fig. 3.2 c,d Andamento della concentrazione oraria di H2S nei periodi 13-30 giugno (c) e 1 13 luglio (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 37 di 80

e)
10 9 8 7 Concentrazione (ug/m3) 6 5 4 3 2 1 0 13 14 15 16 17 18 Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

H2S (13 - 30 giugno 2008)

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

giugno

H2S (1 13 luglio 2008)

f)
10 9 8 7 Concentrazione (ug/m3) 6 5 4 3 2 1 0 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13 Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

Fig. 3.2 e,f Andamento della concentrazione giornaliera di H2S nei periodi 13-30 giugno (i) e 113 luglio (l)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 38 di 80

g)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 14 15 16 17 18 19 20

SO2 - (14 - 31 luglio 2008)

Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

21

22

23 giugno

24

25

26

27

28

29

30

31

h)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

SO2 - (1 - 24 agosto 2008)

10

11

12

13 agosto SO2

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Fig. 3.2 g,h Andamento della concentrazione oraria di SO2 nei periodi 14-31luglio (g) e 124 agosto (h)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 39 di 80

i)
50 45 40 35

H2S - (14 - 31 luglio 2008)

Concentrazione (ug/m3)

30 25 20 15 10 5 0 14 15

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

16

17

18

19

20

21

22

23 luglio

24

25

26

27

28

29

30

31

SO2 - (1 - 24 agosto 2008)

l)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 agosto SO2 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.2i,l Andamento della concentrazione oraria di H2S nei periodi 14-31 luglio (i) e 124 agosto (l)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 40 di 80

m)
10 9 8 Concentrazione (ug/m3) 7 6 5 4 3 2 1 0 14 15 16 17 18 19
Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

H2S (14-31 luglio 2008)

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

luglio

H2S med giorn (1-24 agosto 2008)

n)
10 9 8 7 Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

Concentrazione (ug/m3)

6 5 4 3 2 1 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

agosto

Fig. 3.2 m,n Andamento della concentrazione giornaliera di H2S nei periodi 14-31 luglio (m) e 124 agosto (n)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 41 di 80

o)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

SO2 (25 agosto - 30 settembre 2008)

25

25

26

27

28

29

30

31

10

11

12

13

14

15

16

17

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

Periodo

p)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 25 26 27 28 29 30 31 1 2 3 4 5

H2S (25 agosto 30 settembre 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Periodo

Fig. o,p Andamento della concentrazione oraria di SO2 (o) e H2S (p) nel periodo 25 agosto 30 settembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

30

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 42 di 80

q)
H2S (25 agosto 30 settembre 2008)
10 9 8 7 Cocentrazione (ug/m3) 6 5 4 3 2 1 0 25 26 27 28 29 30 31 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Periodo Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

Fig.3.2q Andamento della concentrazione media giornaliera di H2S nel periodo 25 agosto 30 settembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 43 di 80

r)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

SO2 (1 - 31 ott 2008)

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

Periodo

SO2 (1 - 16 nov 2008)

s)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Periodo 10 11 12 13 14 15 16 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.2r,s Andamento della concentrazione media oraria SO2 novembre(s)

nel periodo 1-31ottobre (r) e 116

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 44 di 80

t)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

H2S (1 - 31 ottobre 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

Periodo

u)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 1 2 3 4 5 6

H2S (1 - 16 novembre 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

9 Periodo

10

11

12

13

14

15

16

Fig.3.2t,u Andamento della concentrazione media oraria di H2S nel periodo 1-31 ottobre (t) e 1 16 novembre (u)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 45 di 80

v)
5 4.5 4 3.5 Concentrazione (ug/m3) 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 2 3 4 5 6 7 8 9 10

H2S Media giornaliera (1-31 ottobre 2008)

Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

Periodo

H2S Media giornaliera (1-16 novembre 2008)

z)
5 4.5 4 3.5 Concentrazione (ug/m3) 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Periodo

Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

Fig.3.2v,z Andamento della concentrazione media giornaliera di H2S nel periodo 1-31 ottobre (v) e 1 16 novembre (z)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 46 di 80

a1)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 17 18 19 20 21 22 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

SO2 (17 novembre - 4 dicembre 2008)

23

24

25

26 Periodo

27

28

29

30

Fig.3.2,a1 Andamento della concentrazione media oraria di SO2 nel periodo 17 novembre 4 dicembre

a2)
50 45 40 35 Concentrazione (ug/m3) 30 25 20 15 10 5 0 17 18 19 20 21 22

H2S (17 novembre - 4 dicembre 2008)

Soglia olfattiva 7 g/m3

Effetti sulla vegetazione 40 g/m3 (E.Bacci - Energia Geotermica ARPAT 1998)

23

24

25

26 Periodo

27

28

29

30

Fig.3.2 ,a2 Andamento della concentrazione media oraria di H2S nel periodo 17 novembre 4 Dicembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 47 di 80

a3)
7

H2S media giornaliera (17 novembre - 4 dicembre 2008)

Valore limite fissato dall' O.M.S. 150 g/m3

5 Concentrazione (ug/m3)

0 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 1 2 3 4 Periodo

Fig.3.2 ,a3 Andamento della concentrazione media giornaliera di H2S nel periodo 17 novembre 4 dicembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 48 di 80

3.3

Monossido di Carbonio (CO) Di seguito sono riportati i dati di concentrazione oraria di monossido di carbonio nei periodi considerati. Il valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002) pari a 10 mg/m3. Periodo 13 30 giugno 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (fig 3.3a) al di sotto del valore limite fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo rilevato 1.13 mg/m3 raggiunto il 22 giugno alle ore 18. Periodo 1 13 luglio 2008 I valori della concentrazione media oraria di CO per il periodo considerato (fig 3.3b) al di sotto del valore fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria 1.25 mg/m3 raggiunto il 9 luglio alle ore 9. Periodo 14 31 luglio 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (fig 3.3c) al di sotto del valore limite fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo rilevato 0.57 mg/m3 raggiunto il 30 luglio alle ore 8. Periodo 1 24 agosto 2008 I valori della concentrazione media oraria di CO per il periodo considerato (fig 3.3d) al di sotto del valore fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria 0.47 mg/m3 raggiunto il 20 agosto alle ore 7. Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (fig 3.3e) al di sotto del valore limite fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo rilevato 0.88 mg/m3 raggiunto il 19 settembre alle ore 10. Periodo 1 31 ottobre 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (Fig. 3.3f) al di sotto del valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria media 1.11 raggiunto i 14 ottobre alle ore 9. Periodo 1 - 16 novembre 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (Fig. 3.3g) al di sotto del valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria media 2.43 raggiunto il giorno 11 ottobre alle ore 23. Periodo 17 novembre 4 dicembre 2008 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (Fig. 3.3g) al di sotto del valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria media 1.83 mg/m3 raggiunto il giorno 25 novembre alle ore 15.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 49 di 80

a)
5 4.5 4 3.5 Concentrazione (mg/m3) 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 13 14 15 16 17 18 19

CO - (13 - 30 giugno 2008)

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

20

21

22 giugno

23

24

25

26

27

28

29

30

CO (1 - 13 luglio 2008)

b)
5 4.5 4 3.5 Concentrazione (mg/m3) 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13 Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.3 a,b Andamento della concentrazione oraria di CO nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 50 di 80

c)
5 4.5 4 3.5 Concentrazione (mg/m3) 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 14 15 16 17 18 19 20

CO (14 - 31 luglio 2008)

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

21

22

23 luglio

24

25

26

27

28

29

30

31

CO (1 - 24 agosto 2008)

d)
5 4.5 4 3.5 3 2.5 2 1.5 1 0.5 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 agosto 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

Concentrazione (mg/m3)

Fig. 3.3 c,d Andamento della concentrazione oraria di CO nel periodo 14-31 luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 51 di 80

e)
5.00 4.50 4.00 3.50 Concentrazione (mg/m3) 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 1 2 3 4

CO (25 agosto - 30 settembre 2008)

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

25

25

26

27

28

29

30

31

10

11

12

13

14

15

16

17

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28 30

29 31

Periodo

f)
5.00 4.50 4.00 3.50 Concentrazione (mg/m3) 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

CO (1 - 31 ottobre 2008)

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

Periodo

Fig. 3.3 f Andamento della concentrazione oraria di CO nel periodo 1 ottobre 31 ottobre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

30

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 52 di 80

CO (1 - 16 novembre 2008)

g)
5.00 4.50 4.00 3.50 Concentrazione (mg/m3) 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Periodo 10 11 12 13 14 15 16

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

CO (17 novembre - 4 dicembre 2008)

h)
5.00 4.50 4.00 3.50 Concentrazione (mg/m3) 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 Periodo 27 28 29 30 1 2 3 4

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.3 g,h Andamento della concentrazione oraria di CO nel periodo 1 novembre 16 Novembre(g) e 17 novembre 4 dicembre(h)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 53 di 80

3.4

Ozono (O3) Con riferimento al D.Lgs 183/2004, il limite delle soglie di informazione e di allarme corrispondono ad una concentrazione di 180 g/m3 e 240 g/m3 rispettivamente. Periodo 13 30 giugno 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4a) landamento dellOzono presenta il tipico andamento giornaliero (in assenza di particolari fenomeni atmosferici), caratterizzato da un valore massimo relativo durante le ore centrali della giornata e ed un minimo relativo nelle ore notturne. I valori di concentrazione oraria sono al di sotto dei valori di soglia (180 g/m3 e 240 g/m3). Il valore massimo assoluto rilevato pari a 156 g/m3 raggiunto il 29 giugno alle ore 12. Periodo 1 13 luglio 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4b) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 134 g/m3 raggiunto in due occasioni: il 9 luglio alle ore 15 e l11 luglio alle ore 13. Periodo 14 31 luglio 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4c) landamento dellOzono presenta il tipico andamento giornaliero (in assenza di particolari fenomeni atmosferici), caratterizzato da un valore massimo relativo durante le ore centrali della giornata e ed un minimo relativo nelle ore notturne. I valori di concentrazione oraria sono al di sotto dei valori di soglia (180 g/m3 e 240 g/m3) fissati dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo assoluto rilevato pari a 143 g/m3 raggiunto il 29 luglio alle ore 14. Periodo 1 24 agosto 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4d) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 118 g/m3 raggiunto il 10 agosto alle ore 15. Periodo 25 agosto 30 settembre 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4e) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 145 g/m3 raggiunto il 10 settembre alle ore 17. Periodo 1 31 ottobre 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4f) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 116 g/m3 raggiunto il giorno 11 ottobre alle ore 16 e 17. Periodo 1 16 novembre 2008 Nel periodo considerato (Fig 3.4g) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 76 g/m3 raggiunto il 9 novembre alle ore 16. Periodo 17 novembre 4 dicembre Nel periodo considerato (Fig 3.4h) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 78 g/m3 raggiunto in due occasioni: il 1 dicembre alle ore 1 e alle ore 2.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 54 di 80

a)
280

O3 (13 - 30 giugno 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

120

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

80

40

0 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 giugno 23 24 25 26 27 28 29 30

O3 (1-13 luglio 2008)

b)
280

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 1 2 3 4 5 6 7 luglio 8 9 10 11 12 13

Fig. 3.4 a,b Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 55 di 80

c)
280

O3 (14 - 31 luglio 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 luglio 24 25 26 27 28 29 30 31

d)
280

O3 (1-24 agosto 2008)

240

200 Concentrazione (ug/m3)

Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

160

120

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

80

40

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

agosto

Fig. 3.4 c,d Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 14-31 luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 56 di 80

e)
280

O3 (25 agosto - 30 settembre 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 1 2 3 4 5 6 7 8 25 25 26 27 28 29 30 31 9 10 11 12 13 14 15 16 17 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 Periodo 30

Fig. 3.4 e Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 25 agosto 30 settembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 57 di 80

f)
280

O3 (1 - 31 ottobre 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Periodo

g)
280

O3 (1 - 16 novembre 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Periodo 10 11 12 13 14 15 16

Fig. 3.4f,g Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 1-31 ottobre (f) e 1 novembre 16 novembre(g)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 58 di 80

h)
280

O3 (17 novembre - 4 dicembre 2008)

240 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

200 Concentrazione (ug/m3)

160

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

120

80

40

0 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 Periodo 27 28 29 30 1 2 3 4

Fig. 3.4h Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 17 novembre 4 dicembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 59 di 80

3.5

Materiale particolato (PM10 e PM2.5) Nel caso del PM10 il limite fissato per la concentrazione media giornaliera 50 g/m3 mentre per il PM2.5 non esiste una normativa che stabilisca dei limiti alla concentrazione di PM2.5.

Periodo 13 30 giugno 2008


Nella fig.3.5a riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3 si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 ha superato una sola volta il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Pi precisamente il superamento avvenuto il 25 giugno per un valore giornaliero della concentrazione di 52 g/m3.

Periodo 1 13 luglio 2008


Analogamente a quanto accaduto nel periodo di giugno la concentrazione di materiale particolato, nel periodo 1 13 luglio 2008 (fig 3.5b), ha superato una sola volta (10 luglio) il valore limite, come si vede dalla figura 4.5b In quelloccasione la concentrazione ha raggiunto il valore di 56 g/m3. Nel periodo considerato non vi sono valori della concentrazione per il materiale particolato PM2.5.

Periodo 14 31 luglio 2008


Nella fig.3.5c riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3.5c si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002).

Periodo 1 24 agosto 2008


Analogamente a quanto accaduto nel periodo 14-31 luglio 2008 la concentrazione di materiale particolato PM10, nel periodo 1 24 agosto 2008 (fig 3.5d), non ha mai superato il valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002).

Periodo 25 agosto 30 settembre 2008


Nella fig.3.5e riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3.5e si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Periodo 1 31 ottobre Nella Fig 3.5f riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3.5e si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Periodo 1 16 novembre Nella Fig 3.5g riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3.5e si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Periodo 17 novembre 4 dicembre Nella Fig 3.5h riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3.5h si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002).

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 60 di 80

a)
60

PM10 e PM2.5 (13 - 30 Giugno 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Giorno PM10 PM2.5

b)
60

PM10 - PM2.5 (1-13 Lug 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 luglio PM10 PM2.5 8 9 10 11 12 13

Fig. 3.5 a,b Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 13-30 giugno (a) e 1 13 luglio (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 61 di 80

c)
60

PM10-PM2.5 (14-31 luglio 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

luglio
PM10 PM2.5

d)
60

PM10 - PM2.5 (1-24 agosto 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24

agosto
PM10 PM2.5

Fig. 3.5 c,d Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 14-31 luglio (c) e 1 24 agosto (d)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 62 di 80

e)
60

PM10 - PM2.5 (25 agosto 30 settembre 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 25 26 27 28 29 30 31 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 Periodo PM10 PM2.5

Fig. 3.5 e Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 25 agosto 30 settembre 2008

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 63 di 80

f)
60

PM10 - PM2.5 (1-31 ottobre 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Periodo PM10 PM2.5

PM10 - PM2.5 (1-16 novembre 2008)

g)
60

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Periodo PM10 PM2.5

Fig. 3.5 f,g Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 1-31 ottobre(f) e 1-16 novembre(g)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 64 di 80

h)
60

PM10 - PM2.5 (17 novembre - 4 dicembre 2008)

50

Concentrazione (ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 1 2 3 4 Periodo

Fig. 3.5 h Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 17 novembre 4 dicembre

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 65 di 80

3.6

Valori medi di periodo e numero di superamenti Nella Tabella 3.6 sono riportati i valori medi di periodo delle concentrazioni orarie (e giornaliere dove richiesto) di tutti gli inquinanti rilevati nel periodo 13 giugno 16 novembre 2008 rilevati dalla centralina mobile, mentre nella Tabella 3.7 sono riportate le concentrazioni media degli stessi inquinanti rilevati dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio.
Valori medi (13 giugno 2008 4 dicembre 2008) Inquinante Laboratorio mobile NOX(g/m3) 39 NO(g/m3) NO2(g/m ) CO(mg/m ) O3(g/m ) SO2(g/m ) H2S(g/m ) PM10(g/m ) PM2.5(g/m )
3 3 3 3 3 3 3

9 27 0.24 50 2.3 1.7 23 17

Tabella. 3.6 Valori medi di periodo dei livelli di concentrazione rilevati dalla centralina mobile Infine la Tabella 3.8 riassume il numero di superamenti per ognuno degli inquinanti monitorati rilevati dalla centralina mobile e dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 66 di 80

CONCENTRAZIONI MEDIE DEL PERIODO 13 GIUGNO - 4 DICEMBRE CO NO NO2 NOX O3 PM10 PM2.5 3 3 3 3 3 3 Stazione (mg/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m3) X 40 44 104 16 38 X Preneste 1.4 108 82 247 X 43 23 Francia 1.1 63 83 180 X 37 X Magna Grecia 1 41 53 116 19 36 X Cinecitta 0.7 39 43 103 17 X X Colleferro Oberdan X 30 35 81 X 40 X Colleferro Europa X 2 8 12 X 12 X Allumiere 0.4 7 23 34 X 22 X Civitavecchia X 32 37 86 X 31 X Guidonia X 19 25 55 25 X X Segni 0.7 29 47 91 15 27 19 Villa Ada X 5 22 30 37 X X Guido X 21 35 67 17 X X Cavaliere X 23 49 84 X 39 X Ciampino 0.9 81 80 203 X 40 X Fermi X 41 56 119 13 31 X Bufalotta 0.9 53 60 141 15 30 19 Cipro 1.1 85 49 180 X 42 X Tiburtina X 60 62 155 X 34 18 Arenula X 51 45 122 X X X Ceccano 0.9 40 52 113 X X X Ferentino X 18 37 66 X 32 X Anagni X 58 58 147 18 X X Alatri X 1 10 12 32 25 17 Fontechiari 0.9 56 50 137 X 43 X Cassino 1.5 78 55 175 X 71 X Frosinone scalo 0.9 64 67 166 X X X LT-Romagnoli 0.6 27 42 82 31 29 X LT-Tasso X 11 32 48 X 28 X Aprilia 2 0.7 50 48 126 X X X Latina scalo 0.6 21 39 72 29 32 X Rieti 1 X 1 8 10 58 14 X Leonessa X 35 39 93 X 28 X Civita castellana 0.7 31 54 103 X 22 X Viterbo

SO2 (g/m3) X X X X 0.8 0.8 0.7 0.9 0.4 0.8 0.9 X X X X 1.1 X X X 1.1 0.8 0.9 1.4 0.4 1.2 1.5 1.4 0.6 0.7 X 1 0.9 1 1

Tabella 3.7

Valori medi di periodo dei livelli di concentrazione rilevati dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio. x indica analizzatore assente.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 67 di 80

STAZIONE Preneste Francia Magna Grecia Cinecitta Villa Ada Fermi Bufalotta Cipro Tiburtina MALAGROTTA

PM10 19 28 15 8 3 15 6 5 25 2

NO2 0 0 3 0 0 0 0 0 0 0

CO X 0 0 0 0 0 X 0 0 0

SO2 X X X X 0 X 0 X X 0

O3 4 X X 1 0 X 0 0 X 0

Tabella 3.8 Numero di superamenti nella centralina mobile a Malagrotta ed in alcune centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio localizzate nel comune di Roma rilevati nel periodo 13 giugno 4 dicembre NB. Nella revisione della presente relazione del 1 Ottobre 2008 nella tabella 3.8 stato erroneamente inserito il valore 4 per i superamenti di NO2 nella centralina di Fermi.

3.7

Analisi chimiche da campionatori passivi Limpiego di campionatori passivi e la successiva analisi in laboratorio ha reso possibile la determinazione della concentrazione in aria di una nutrita serie di sostanze. Nelle tabelle che seguono sono riportati i valori misurati a Malagrotta e, per un confronto con la situazione che si riscontra a Roma, i valori misurati con la stessa tecnica e nel medesimo periodo a Cinecitt. Come si pu notare la presenza di queste sostanze nelle due localit di paragonabile entit.

Nelle Tabelle 3.9-19 sono riportate le concentrazioni delle sostanze organiche volatili e aldeidi rilevate nei vari periodi di misura.
Campionamento passivo tramite RADIELLO Inizio campionamento Numero ore di campionamento

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3) Cinecitt Malagrotta Cinecitt Malagrotta 19-06-08 19-06-08 27-06-08 27-06-08 195 195 117 117 < 0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 0.5 <0.1 1.5 1.3 <0.1 1.5 1.5 2.6 <0.1 15.1 <0.1 0.7 <0.1 1.2 <0.1 4.2 0.8 0.6 2.5 1.0 <0.1 <0.1 <0.1 1.3 1.0 <0.1 1.5 <0.1 7.5 0.6 2.2 3.4 1.1 <0.1 <0.1 5.7 0.1 <0.1 <0.1 0.4 <0.1 3.4 <0.1 <0.1 0.4 0.2 <0.1

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene

Tabella 3.9 Concentrazione di SOV a Malagrotta ed a Roma/Cinecitt


Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 68 di 80

Campionamento passivo tramite RADIELLO Inizio campionamento Numero ore di campionamento

Cinecitt
19-06-08 195 2.7 1.8

ALDEIDI (g/m3) Malagrotta Cinecitt


19-06-08 195 2.4 2.5 27-06-08 117 4.2 4.2

Malagrotta
27-06-08 117 3.9 3.0

Formaldeide Acetaldeide

Tabella 3.10 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e a Roma/Cinecitt

Campionamento passivo tramite RADIELLO periodo campionamento

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3) Cinecitt Malagrotta Malagrotta


11-18/07/08 <0.1 11.5 0.4 0.9 0.1 0.8 <0.1 5.9 0.9 <0.1 2.3 0.5 <0.1 <0.1 0.3 10-17/07/08 <0.1 <0.1 0.3 0.6 <0.1 0.7 0.2 3.0 2.1 2.0 3.1 2.7 <0.1 <0.1 1.2 18-29/07/08 <0.1 <0.1 0.4 1.1 <0.1 0.6 0.3 2.6 3.9 1.0 4.1 4.9 <0.1 <0.1 1.4

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene Canfora Alfa-pinene

Tabella 3.11 Concentrazione di SOV a Malagrotta e a Roma/Cinecitt

Campionamento passivo tramite RADIELLO Periodo di campionamento

Cinecitt 11-18/07/08
2.4 2.0 <0.1

ALDEIDI (g/m3) Malagrotta Malagrotta 10-17/07/08 18-29/07/08


1.7 2.2 <0.1 1.6 1.5 <0.1

formaldeide acetaldeide benzaldeide

Tabella 3.12 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e a Roma/Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 69 di 80

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI(g/m3) Malagrotta


periodo campionamento passivo tramite Radiello Dal 24-09 per 168 ore

Cinecitt
dal 24-09 per 192 ore

Cinecitt
Dal 2-10 per 288 ore

Malagrotta
Dal 2-10 per 144 ore

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etilchetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene Canfora Alfa-pinene

<0.1 0.3 0.4 0.4 <0.1 0.8 0.2 4 <0.1 <0.1 1.6 0.5 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 0.2 0.4 <0.1 <0.1 1.1 <0.1 4.9 <0.1 1.2 2.6 0.8 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 1.2 0.3 0.7 <0.1 1.6 0.1 7.3 <0.1 1.5 3.8 1.2 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 <0.1 1 0.5 <0.1 0.9 <0.1 5 <0.1 <0.1 3.3 1 <0.1 <0.1 <0.1

Tabella 3.13 Concentrazione di SOV a Malagrotta e Roma/Cinecitt

ALDEIDI (g/m3) Malagrotta


Periodo campionamento passivo tramite Radiello Dal 24-09 per 168 ore

Cinecitt Cinecitt
Dal 24-09 per 192 ore Dal 02-10 per 288 ore

Malagrotta
Dal 02-10 per 144 ore

formaldeide Acetaldeide benzaldeide

2.8 2.2 0.1

3.6 2.8 0.2

3.2 2.9 0.2

2.9 2.3 0.1

Tabella 3.14 Concentrazioni di Aldeidi a Malagrotta e Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 70 di 80

Malagrotta (g/m3)
periodo campionamento passivo tramite Radiello Da 09-10 per 144 ore

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etilchetone Etile acetato 111tricloroetano Benzene tricloroetilene Toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene Limonene Canfora Alfa-pinene

<0.1 0.1 <0.1 <0.1 <0.1 1.4 <0.1 4.1 <0.1 <0.1 4.2 0.3 <0.1 <0.1 <0.1

Tabella 3.15 Concentrazione di SOV a Malagrotta e Roma/Cinecitt ALDEIDI (g/m3)


Malagrotta
Periodo campionamento passivo tramite Radiello Dal 09-10 per 144 ore

Malagrotta
Dal 15-10 per 168 ore

Cinecitt
Dal 16-10 per 168 ore

formaldeide Acetaldeide Benzaldeide

3.2 2.4 0.3

3 1.6 0.2

6.8 3.6 0.3

Tabella 3.16 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e Roma/Cinecitt SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3)
Malagrotta Cinecitt Malagrotta Cinecitt Cinecitt Malagrotta Cinecitt Malagrotta
periodo campionamento passivo tramite Radiello

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil eti chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene Canfora Alfa-pinene

5-11-08 191 ore <0.1 0.7 0.6 0.4 <0.1 1.9 <0.1 7.1 <0.1 0.8 2.8 0.8 <0.1 <0.1 <0.1

5-11-08 194 ore <0.1 <0.1 0.5 0.4 <0.1 2.8 <0.1 8.2 <0.1 1.1 4.4 1.3 <0.1 <0.1 <0.1

12-11-08 168 ore <0.1 10 0.5 0.3 <0.1 1.4 <0.1 2.6 <0.1 0.3 1.3 0.3 <0.1 <0.1 <0.1

12-11-08 26-11-08 168 ore 168 ore <0.1 <0.1 <0.1 0.2 0.4 0.2 0.3 0.5 <0.1 <0.1 1.9 <0.1 <0.1 <0.1 4.7 3 <0.1 <0.1 0.7 0.4 2.6 1.6 0.8 0.5 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1

26-11-08 168 ore <0.1 <0.1 0.5 0.3 <0.1 1.3 <0.1 2.5 <0.1 0.4 1.3 0.4 <0.1 <0.1 <0.1

29-10-08 166 ore <0.1 <0.1 0.3 0.4 <0.1 0.9 <0.1 2.3 <0.1 0.3 1 0.4 <0.1 <0.1 <0.1

29-10-08 166 ore <0.1 <0.1 0.3 0.2 <0.1 1.4 <0.1 4.6 <0.1 0.3 1 0.3 <0.1 <0.1 <0.1

Tabella 3.17 Concentrazione di SOV a Malagrotta e Roma/Cinecitt


Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 71 di 80

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3)


Cinecitt
Periodo campionamento passivo tramite Radiello Dal 03-12 per 166 ore

Malagrotta
Dal 3-12 per 192 ore

Cinecitt
Dal 19-11 per 166 ore

Malagrotta
Dal 19-11 per 168 ore

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil eti chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene Canfora Alfa-pinene

<0.1 <0.1 0.2 0.2 <0.1 1.5 <0.1 5.8 <0.1 0.3 1.8 0.6 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 1.2 <0.1 2.9 <0.1 0.2 1.5 0.5 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 0.8 0.4 0.2 <0.1 2.5 <0.1 6.2 <0.1 1 3.5 1 <0.1 <0.1 <0.1

<0.1 <0.1 0.4 0.3 <0.1 1.6 <0.1 3.5 <0.1 0.5 1.8 0.5 <0.1 <0.1 <0.1

Tabella 3.18 Concentrazione di SOV a Malagrotta e Roma/Cinecitt

ALDEIDI (g/m3)
Cinecitt
Periodo campionamento passivo tramite Radiello 29-10-08 166 ore

Malagrotta
29-10-08 168 ore

Malagrotta
5-11-08 191 ore

Cinecitt
5-11-08 194 ore

Malagrotta
12-11-08 168 ore

Cinecitt
12-11-08 168 ore

formaldeide Acetaldeide

3 2.1

2.4 2

3.4 3.1

3.8 3.1

3.2 2.8

3.5 2.5

Tabella 3.19 Concentrazioni di Aldeidi a Malagrotta e Roma/Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 72 di 80

Analisi di varie sostanze nel particolato Qui di seguito vengono presentate le tabelle che riportano il confronto tra le concentrazioni di PCB, IPA e metalli rilevate nel sito di Malagrotta e in alcune centraline di Roma nel periodo in questione. In particolare, le Tabelle 3.20,3.21 e 3.22 riportano i dati di PCB rilevati a Malagrotta e Cinecitt. PCB particolato su filtro in fibra di quarzo (pg/m3) Cinecitt Malagrotta Cinecitt Malagrotta
Volume (m3) Periodo di campionamento PCB 8 PCB 18 PCB 28 PCB 52 PCB 44 PCB 66 PCB 95 PCB 101 PCB 99 PCB 77 PCB 110 PCB 123 PCB 118 PCB 114 PCB 105 PCB 154 PCB 149 PCB 153 PCB 138 PCB 128 PCB 156 PCB 157 PCB 169 PCB 126 PCB 187 PCB 183 PCB 180 PCB 177 PCB 170 PCB 189 PCB 200 PCB 196 PCB totali 423.3 m3 20/06/08-27/06/08 <1 2 4 2 1 <1 2 3 1 <1 5 <1 <1 <1 3 4 1 5 <1 2 2 <1 <1 <1 <1 9 <1 2 <1 <1 <1 <1 48 383 m3 19/06/08-26/06/08 2 3 6 3 2 3 2 1 <1 <1 2 <1 <1 <1 <1 2 <1 <1 2 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 1 <1 <1 <1 <1 29 299 m3 27/06/08-02/07/08 1 <1 <1 1 <1 <1 3 4 <1 <1 4 <1 2 2 <1 4 5 1 7 2 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 36 275.3 m3 27/06/08-02/07/08 3 4 <1 1 1 <1 1 <1 <1 <1 1 <1 <1 <1 <1 1 1 1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 <1 14

3.8

Tabella 3.20:concentrazione di PCB a Malagrotta e Roma/Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 73 di 80

Volume (m3)
Periodo campionamento PCB 8 PCB 18 PCB 28 PCB 52 PCB 44 PCB 66 PCB 95 PCB 101 PCB 99 PCB 77 PCB 110 PCB 123 PCB 118 PCB 114 PCB 105 PCB 154 PCB 149 PCB 153 PCB 138 PCB 128 PCB 156 PCB 157 PCB 169 PCB 126 PCB 187 PCB 183 PCB 180 PCB 170 PCB 177 PCB 189 PCB 200 PCB 196

PCB particolato su filtro in fibra di quarzo (pg/m3) Cinecitt Malagrotta 421.6 383
11-18/07/08 0.2 0.2 0.9 0.9 0.6 0.9 0.9 1.1 <0.1 <0.1 2.1 <0.1 2.1 <0.1 1.1 1.2 <0.1 1.4 2.6 1.0 0.4 0.2 0.3 0.3 0.2 0.2 0.2 0.5 0.6 <0.1 <0.1 <0.1 17-24/07/08 0.1 0.2 2.1 0.5 0.5 0.8 0.6 0.5 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 0.6 <0.1 0.1 0.6 <0.1 0.4 0.4 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.3 <0.1 <0.1 <0.1

PCB totali
(pg/mc)

18.3

7.6

Tabella 3.21:concentrazione di PCB a Malagrotta e Roma/Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 74 di 80

PCB - particolato in fibra di quarzo (pg/m3) Volume m3


Periodo campionamento particolato su filtro in fibra di vetro.

383
167 ore dal 2409-08

409
167 ore dal 02-10-08

383
167 ore dal 0109-08

329
167 ore dal 0910-08

Malagrotta Cinecitt Malagrotta Malagrotta

Risultati pg/mc PCB 8 PCB 18 PCB 44 PCB 66 PCB 95 PCB 101 PCB 99 PCB 110 PCB 105 PCB 149 PCB 153 PCB 138 PCB 128 PCB 167 PCB 156 PCB 157 PCB 187 PCB 183 PCB 180 PCB 170 PCB 177 PCB 189 PCB 200 PCB 196 PCB totali

0.5 0.2

0.3 0.3 0.2 0.3 0.2 0.4 0.4

0.2 0.3 0.2 0.2

0.1 0.3 0.3 0.8 1.5 0.5 2.4 1.6 1.8 2 2 1.3 0.2 0.7 0.1 0.3 0.2 0.9 0.8 0.2

0.2

0.2 0.3 0.3

0.2 0.4 0.5

0.2 0.1 0.4 0.3 0.1

3.7

18

2.2

Tabella 3.22 Concentrazione di PCB a Malagrotta e Roma/Cinecitt Qui di seguito nella tabella Tabella 3.23a sono riportati i valori di concentrazioni dei metalli Pb,Cd,As,Ni misurati su filtri in fibra di quarzo a Malagrotta (Tab. 3.23a). Nella tabella 3.23b riportato il confronto delle concentrazioni medie dei metalli nelle stazioni di Malagrotta, Corso Francia e Villa Ada.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 75 di 80

MALAGROTTA Data
19/06/2008 21/06/2008 23/06/2008 25/06/2008 27/06/2008 29/06/2008 01/07/2008 03/07/2008 05/07/2008 07/07/2008 09/07/2008 12/07/2008 14/07/2008 18/07/2008 20/07/2008 22/07/2008 24/07/2008 26/07/2008 28/07/2008 08/08/2008 10/08/2008 12/08/2008 14/08/2008 16/08/2008 18/08/2008 20/08/2008 22/08/2008 24/08/2008 26/08/2008 03/09/2008 28/08/2008 30/08/2008 01/09/2008 05/09/2008 07/09/2008 09/09/2008 11/09/2008 13/09/2008 15/09/2008 17/09/2008 19/09/2008 21/09/2008 23/09/2008 25/09/2008 27/09/2008 29/09/2008 22/10/2006
DTDT03-09REV2.0.doc

METALLI Pb (g/m)
0.007 0.009 0.010 0.011 0.010 0.007 0.007 0.008 0.004 0.004 0.003 0.007 0.010 0.007 0.005 0.004 0.004 0.006 0.004 0.008 0.002 0.006 0.003 0.002 0.004 0.004 0.015 0.007 0.002 0.009 0.008 0.007 0.007 0.007 0.008 0.008 0.013 0.002 0.003 0.019 0.012 0.004 0.007 0.004 0.004 0.027 0.013

Filtro PM 10
Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10

Cd (ng/m)
0.2 0.1 0.2 0.2 0.3 0.2 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.6 0.2 0.1 0.1 0.1 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.2 1.2 0.2

As (ng/m)
1.6 1.1 1.6 2.0 1.5 1.1 0.7 1.1 0.8 0.5 0.7 1.8 1.5 1.8 1.5 0.3 0.2 0.2 0.2 0.2 0.3 0.7 0.4 0.2 0.2 0.2 0.9 0.2 0.2 0.7 0.8 0.8 0.4 0.4 0.4 0.3 0.9 0.2 0.2 0.2 0.2 0.2 0.2 0.3 0.3 0.7 1.7

Ni (ng/m)
4.4 4.4 7.3 6.3 4.0 2.9 2.9 3.7 2.6 1.5 2.9 3.3 2.6 4.0 3.3 1.8 2.2 2.2 1.8 3.3 1.8 3.1 2.2 1.1 2.6 1.5 4.0 2.6 1.5 1.8 4.0 2.6 4.4 4.4 3.3 3.3 3.3 1.8 1.8 1.5 2.6 1.1 1.5 2.2 1.5 2.2 2.6

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 76 di 80

23/10/2006 24/10/2006 25/10/2006 26/10/2006 27/10/2006 29/10/2008 31/10/2008 02/11/2008 04/11/2008 06/11/2008 08/11/2008 10/11/2008 12/11/2008 14/11/2008 16/11/2008 18/11/2008 20/11/2008 22/11/2008 24/11/2008 26/11/2008 28/11/2008 30/11/2008 02/12/2008 04/12/2008 MEDIA

Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10

0.025 0.029 0.023 0.013 0.011 0.004 0.004 0.007 0.003 0.010 0.013 0.018 0.016 0.030 0.010 0.011 0.010 0.017 0.018 0.011 0.017 0.008 0.008 0.009 0.009

0.4 0.3 0.9 0.2 0.3 0.1 0.1 0.1 0.1 0.2 0.3 0.3 0.3 0.3 0.1 0.1 0.1 0.1 0.3 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.2

1.7 1.1 0.7 1.1 1.1 0.2 0.2 0.4 0.6 0.6 0.2 0.6 0.4 0.4 0.2 0.2 0.2 0.2 0.3 1.4 1.2 0.7 0.7 0.3 0.7

3.7 2.2 2.2 3.3 2.6 2.4 0.7 1.1 1.5 2.2 1.5 5.9 4.8 5.9 3.3 3.7 2.2 2.6 4.4 5.1 5.1 4.0 1.8 1.1 2.9

Tabella 3.23a Valori delle concentrazioni di Pb, Cd, As, Ni rilevate a Malagrotta

CONFRONTO TRA I VALORI MEDI DELLE CONCENTRAZIONI DI Pb, Cd, As e Ni riscontrati nelle stazioni Malagrotta Villa Ada e Francia nel periodo dal 18/06/08 al 06/12/08
Concentrazioni medie Malagrotta Villa Ada Francia

Pb (g/m)
0.009 0.011 0.014

Cd (ng/m)
0.2 0.2 0.2

As (ng/m)
0.7 0.7 1.2

Ni (ng/m)
2.9 2.5 4.6

Tabella 3.23b Valori delle concentrazioni di Pb, Cd, As, Ni rilevate a Malagrotta e nelle centraline di Villa Ada e Corso Francia a Roma Mentre il DM 60/02 prevede per il Piombo il limite di 0.5 g/m, il D.Lgs 03/08/2007 n 152, che recepisce la Direttiva Europea 2004/107/CE, stabilisce il valore obiettivo annuale per i seguenti metalli: Arsenico 6 ng/m; Cadmio 5 ng/m; Nichel 20 ng/m. Come si nota, i valori rilevati sia nelle stazioni di Roma sia a Malagrotta risultano inferiori ai limiti di legge.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 77 di 80

Qui di seguito (Tabella 3.16) sono i riportati i valori della concentrazione degli IPA misurati su filtri in fibra di vetro. Va sottolineato che i metodi di analisi impiegati per rilevare la concentrazione degli IPA presentano un Limite di Quantificazione LQ che rappresenta quella concentrazione al di sotto della quale il valore numerico ottenuto dallanalisi non possiede il grado di attendibilit richiesto alla misura. Qui di seguito viene indicato il valore LQ per i vari IPA considerati relativamente ad un campione di fibra di vetro che abbia aspirato 55 m3.

L.Q ng/m
Antracene Fluorantene (*) Pirene Benzo[a]antracene B(a)A Crysene Benzo[b]fluorantene B(b)F Benzo[k]fluorantene B(k)F Benzo[a]pyrene B(a)P Indeno[]pyrene Indeno( )P 0,01 0,08 0,03 0,01 0,02 0,03 0,02 0,02 0,06

Nelle tabelle che seguono vengono riportate le concentrazioni medie dei vari IPA considerati (in ng/m3). Come si nota, quando la concentrazione rilevata dal metodo analitico risultata inferiore al Limite di Quantificazione, nella tabella riportata la dicitura (< LQ).
MESE DI GIUGNO data 18-giu-08 19-giu-08 20-giu-08 21-giu-08 22-giu-08 23-giu-08 24-giu-08 25-giu-08 26-giu-08 27-giu-08 28-giu-08 29-giu-08 30-giu-08 MEDIA 0,02 0,12 0,06 0,07 0,02 0,02 0,05 0,07 0,04 0,05 0,02 0,01 0,02 0,02 0,08 0,06 0,01 0,06 0,03 <LQ <LQ 0,02 0,14 0,08 0,02 0,06 0,06 0,02 0,03 0,15 0,09 0,04 0,10 0,11 0,03 0,03 0,11 0,05 0,01 0,05 0,04 <LQ 0,02 0,12 0,07 0,01 0,07 0,04 <LQ <LQ Antracene Fluorantene 0,15 Pirene 0,08 B(a)A 0,03 Crisene 0,10 B(b)F 0,06 B(k)F 0,02 B(a)P 0,02 Indeno( )P

MESE DI LUGLIO data 01-lug-08 02-lug-08 03-lug-08 04-lug-08 05-lug-08 06-lug-08 * 07-lug08 DTDT03-09REV2.0.doc 0,01 0,09 0,05 <LQ 0,02 <LQ 0,05 0,02 0,04 0,03 <LQ <LQ <LQ <LQ <LQ 0,01 0,15 0,07 0,03 0,08 0,05 0,02 0,02 <LQ 0,01 0,09 0,05 0,02 0,06 0,04 <LQ 0,02 <LQ Antracene Fluorantene Pirene B(a)A Crisene B(b)F B(k)F B(a)P Indeno( )P

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 78 di 80

08-lug-08 * 09-lug08 10-lug-08 11-lug-08 12-lug-08 13-lug-08 14-lug-08 15-lug-08 19-lug-08 21-lug-08 22-lug-08 23-lug-08 24-lug-08 25-lug-08 26-lug-08 27-lug-08 28-lug-08 29-lug-08 30-lug-08 31-lug-08 MEDIA

0,01

<LQ

0,03 0,03

0,01 <LQ

0,04 0,02

<LQ 0,03

<LQ <LQ

<LQ <LQ

<LQ

0,03

0,28

0,14

0,10

0,12

0,03

0,36

0,07

0,08

0,12

0,04

0,04

0,08 0,09 < LQ < LQ < LQ < LQ

0,10 0,08 0,11

0,18 0,10 < LQ

0,05 0,03 < LQ

0,05 0,02 <LQ < LQ

< LQ

< LQ

< LQ

< LQ

< LQ

< LQ

< LQ

<LQ

< LQ

< LQ

0,08

0,09

0,03

0,01

0,03

< LQ

<LQ

< LQ

< LQ

<LQ

0,07

< LQ

0,04

< LQ

< LQ

<LQ

< LQ

< LQ

< LQ

<LQ

< LQ

0,03

< LQ

< LQ

<LQ

< LQ

0,01

0,07

0,05

0,01

0,05

0,05

0,01

0,03

<LQ

Gli asterischi indicano che i valori analitici sono ricavati dal PM2,5 e non dal PM10 MESE DI AGOSTO data 09-ago-08 10-ago-08 11-ago-08 12-ago-08 13-ago-08 14-ago-08 15-ago-08 16-ago-08 17-ago-08 18-ago-08 19-ago-08 20-ago-08 21-ago-08 22-ago-08 23-ago-08 24-ago-08 25-ago-08 31-ago-08 MEDIA < LQ < LQ <LQ <LQ < LQ <LQ < LQ < LQ 0,01 < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ 0,01 < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ <LQ <LQ <LQ <LQ < LQ < LQ <LQ < LQ <LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ <LQ 0,05 < LQ 0,04 < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ <LQ <LQ < LQ 0,04 < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ <LQ 0,05 < LQ 0,02 < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ <LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ < LQ <LQ < LQ Antracene Fluorantene < LQ < LQ Pirene < LQ B(a)A < LQ Crisene < LQ B(b)F < LQ B(k)F < LQ B(a)P <LQ Indeno( )P < LQ

MESE DI SETTEMBRE data Antracene Fluorantene Pirene B(a)A Crisene B(b)F B(k)F B(a)P Indeno( )P

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 79 di 80

02-set-08 04-set-08 06-set-08 08-set-08 10-set-08 12-set-08 14-set-08 16-set-08 18-set-08 20-set-08 22-set-08 24-set-08 26-set-08 28-set-08 30-set-08 Medie

< LQ < LQ 0.03 < LQ 0.03 0.03 0.02 < LQ < LQ < LQ 0.02 < LQ < LQ 0.02 0.08 0.02

< LQ < LQ < LQ < LQ 0.08 0.11 0.14 0.09 0.2 0.17 0.16 0.22 0.23 1.43 0.47 0.22

< LQ < LQ 0.08 0.08 0.11 0.11 0.08 0.09 0.15 0.17 0.16 0.12 0.14 1.23 0.3 0.19

< LQ < LQ 0.04 0.03 0.04 0.07 0.01 0.03 0.04 0.05 0.05 0.03 0.03 0.41 0.1 0.06

< LQ < LQ 0.1 0.08 0.12 0.18 0.06 0.06 0.11 0.12 0.12 0.09 0.09 0.49 0.24 0.12

< LQ < LQ 0.13 0.1 0.17 0.22 0.1 0.11 0.13 0.14 0.13 0.12 0.13 0.5 0.25 0.15

< LQ < LQ 0.04 0.02 0.06 0.07 0.02 0.03 0.03 0.05 0.04 0.03 0.04 0.23 0.09 0.05

< LQ < LQ 0.04 0.02 0.06 0.06 0.02 0.03 0.03 0.06 0.05 0.04 0.05 0.44 0.13 0.07

< LQ < LQ 0.11 < LQ < LQ 0.14 < LQ < LQ 0.1 0.12 0.12 < LQ < LQ < LQ < LQ 0.04

MESE DI OTTOBRE data 01-ott-08 02-ott-08 03-ott-08 04-ott-08 05-ott-08 06-ott-08 07-ott-08 08-ott-08 09-ott-08 10-ott-08 11-ott-08 12-ott-08 13-ott-08 14-ott-08 15-ott-08 16-ott-08 17-ott-08 18-ott-08 19-ott-08 20-ott-08 21-ott-08 30-ott-08 Medie Antracene Fluorantene 0.06 0.06 < LQ 0.03 0.04 0.04 0.05 0.06 0.03 0.03 0.03 0.03 0.06 0.05 0.03 0.03 0.03 0.04 0.05 0.08 0.03 0.05 0.04 0.5 0.27 0.12 0.43 0.32 0.36 0.22 0.29 0.1 0.32 0.25 0.29 0.23 0.17 0.37 0.37 0.35 0.49 0.56 1.12 0.42 0.59 0.37 Pirene 0.3 0.16 0.12 0.36 0.28 0.24 0.22 0.27 0.14 0.22 0.22 0.14 0.38 0.21 0.09 0.07 < LQ 0.08 0.11 0.15 < LQ 0.11 0.18 B(a)A 0.09 0.09 0.03 0.1 0.07 0.1 0.13 0.09 0.07 0.06 0.07 0.04 0.11 0.08 0.08 0.07 0.05 0.06 0.09 0.03 0.17 0.08 0.08 Crisene 0.22 0.19 0.09 0.19 0.18 0.22 0.26 0.24 0.18 0.16 0.18 0.15 0.22 0.21 0.18 0.19 0.12 0.15 0.2 0.15 0.27 0.14 0.19 B(b)F 0.23 0.23 0.11 0.23 0.23 0.2 0.28 0.23 0.17 0.17 0.17 0.18 0.23 0.2 0.19 0.19 0.13 0.15 0.21 0.12 0.31 0.14 0.19 B(k)F 0.08 0.07 0.03 0.08 0.1 0.09 0.1 0.09 0.06 0.06 0.07 0.07 0.1 0.08 0.07 0.06 0.04 0.06 0.07 0.02 0.11 0.06 0.07 B(a)P 0.15 0.07 0.03 0.12 0.13 0.12 0.13 0.11 0.06 0.08 0.08 0.08 0.15 0.1 0.09 0.07 0.04 0.06 0.1 0.03 0.17 0.1 0.09 Indeno( )P < LQ < LQ 0.08 < LQ < LQ 0.21 0.08 1.03 < LQ 0.13 0.12 0.14 0.18 0.13 0.13 < LQ < LQ < LQ 0.14 < LQ < LQ < LQ 0.11

MESE DI NOVEMBRE data Antracene Fluorantene Pirene B(a)A Crisene B(b)F B(k)F B(a)P Indeno( )P

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 03/09
Rev 0 del 27.07.09

Pagina 80 di 80

01-nov-08 03-nov-08 05-nov-08 07-nov-08 09-nov-08 11-nov-08 13-nov-08 15-nov-08 17-nov-08 19-nov-08 23-nov-08 25-nov-08 27-nov-08 29-nov-08 medie

0.11 0.03

1.43 0.43

0.47 0.08

0.21 0.09 0.04 0.12 0.14 0.88

0.28 0.2

0.4 0.2 0.11 0.35 0.43 1.17 0.37 0.29 0.88 1.25 1.7 1.48 1.02 0.2 0.7

0.18 0.08 0.05 0.06 0.15 0.7 0.17 0.16 0.42 0.72 0.97 0.82 0.65 0.14 0.38

0.38 0.11 0.09 0.25 0.32 1.38 0.29 0.24 0.69 1.37 2.01 1.66 1.34 0.18 0.74

< LQ < LQ 0.11 0.26 0.46 1.11 0.25 0.31 0.72 1.19 1.52 1.2 1.11 0.21 0.6

0.41 0.42 0.97 1.76 1.44 1.49 1.36 0.37 0.1

0.20 0.13 0.34 0.74 1.38 1.23 0.78 0.11 0.46 MESE DI DICEMBRE

data 01-dic-08 03-dic-08 05-dic-08 07-dic-08 medie

Antracene

D(a,h)A 0.17 1.59 0.12 1.26 0.78

Pirene

B(a)A 0.12 1.03 0.05 0.60 0.45

Crisene

B(b)F 0.14 1.19 0.09 0.99 0.6

B(k)F 0.05 0.81 0.05 0.65 0.39

B(a)P 0.12 1.62 0.07 1.13 0.74

Indeno( )P 0.1 1.35 0.09 1.1 0.66

Tabella 3.16 Valori delle concentrazioni di IPA rilevate a Malagrotta Come si vede, il valore medio della concentrazione di B(a)P (lunico tra gli IPA per cui la normativa attualmente vigente prevede un limite da rispettare) per il mese di giugno pari a 0.02 ng/m3, per il mese di luglio di 0.03 ng/m3, per il mese di agosto al di sotto di LQ, per il mese di settembre 0.07 ng/m3, per il mese di ottobre 0.09 ng/m3, per il mese di novembre 0.74 ng/m3 ed infine per i primi giorni di dicembre 0.74 ng/m3. Se si considera quanto stabilito dal D.Lgs 03/08/2007 n 152, che recepisce la Direttiva Europea 2004/107/CE e che stabilisce per il Benzo(a)pirene il valore obiettivo di 1 ng/m, si nota come i valori riscontrati nei vari periodi estivi siano notevolmente inferiori al limite e il valor medio di periodo, che stato oggetto del monitoraggio, di 0.24 ng/m3. Per concludere, come si pu vedere dalla successiva tabella, le concentrazioni medie determinate dal mese di giugno al mese di dicembre 2008 hanno evidenziato valori di B(a)P a Malagrotta inferiori a quelli rilevati nelle centraline di Roma. STAZIONE
Malagrotta Roma/Corso Francia Roma Villa Ada Roma/Cinecitt

B(a)P (ng/m)
0.24 0.37 0.31 0.37

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT03-09REV2.0.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 1 di 31

Relazione conclusiva sullo stato della qualit dellaria a Malagrotta nel periodo 7 Febbraio 2 Aprile del 2009

MATRICE DELLE REVISIONI

Rev. 0

OGGETTO Prima emissione

COPIA CONTROLLATA N : _________/____________ CONSEGNATA A : diffusione libera

REDAZIONE
Roberto Sozzi Andrea Bolignano Pierantonio Di Legge Stefano Coltellacci Franco Troiano Sesto Damizia

VERIFICA

APPROVAZIONE

EMISSIONE
Resp. Divisione Atmosfera e Impianti Roberto Sozzi

Resp. Divisione Atmosfera Resp. Divisione Atmosfera e Impianti e Impianti Roberto Sozzi Roberto Sozzi

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 2 di 31

INDICE

PREMESSA .......................................................................................................................................3 1 2 2.1 2.2 2.3 2.4 3 3.1 3.2 3.3 3.4 3.5 3.6 3.7 3.8 SISTEMA DI MONITORAGGIO ..................................................................................3 DATI METEOROLOGICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO 7 FEBBRAIO 2 APRILE 2009 ............................................................5 Rosa dei venti.........................................................................................................................5 Temperatura e umidit relativa ..............................................................................................7 Radiazione solare...................................................................................................................9 Pioggia .................................................................................................................................11 DATI CHIMICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO 7 FEBBRAIO 2 APRILE 2009..........................................................................................12 Biossido di azoto (NO2).......................................................................................................12 Anidride solforosa (SO2) .....................................................................................................14 Monossido di Carbonio (CO) ..............................................................................................16 Ozono (O3)...........................................................................................................................18 Materiale particolato (PM10 e PM2.5) ................................................................................20 Valori medi di periodo e numero di superamenti ................................................................22 Analisi chimiche da campionatori passivi ...........................................................................24 Analisi di varie sostanze nel particolato ..............................................................................28

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 3 di 31

PREMESSA Il 7 Febbraio 2009 Arpa Lazio ha avviato una campagna sperimentale per analizzare lo stato di qualit dellaria nella zona di Malagrotta, unarea in cui convivono alcuni centri abitati, la discarica di Malagrotta, la raffineria di Roma e linceneritore di rifiuti ospedalieri dellAMA. Tutto ci giustifica il crescente interesse verso una migliore conoscenza ambientale della zona e la decisione della Regione di collocare una nuova postazione fissa della rete regionale della qualit dellaria per una costante sorveglianza dellarea in oggetto. La campagna sperimentale di Arpa Lazio ha quindi un duplice obiettivo: da un lato quello di migliorare la conoscenza ambientale dellarea e dallaltro quello di individuare una localizzazione conveniente della postazione fissa di monitoraggio che, a sua volta, potr essere affiancata se necessario da misurazioni periodiche e da simulazioni modellistiche, come previsto dalla normativa vigente (DM 60/2002 e D.Lgs 183/2004). 1 SISTEMA DI MONITORAGGIO

Nella campagna sperimentale stata impiegata la centralina mobile della Provincia di Roma, gestita da Arpa Lazio, posizionata nello spazio antistante la sede del Consiglio della Regione Lazio in Via della Pisana, 1337. La posizione precisa del sito di misura (evidenziata in Fig. 1) : Lat: 415039.23 N Long: 122104.04 E Quota slm: 50 m. ca

Punto di monitoraggio 415039.23 N 122104.04 E

Fig. 1 Posizione della centralina mobile della Provincia di Roma

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 4 di 31

Fig. 2 Centralina mobile della Provincia di Roma La sua dotazione strumentale comprende (Fig. 2): un analizzatore per gli ossidi di azoto (NO,NO2,NOX); un analizzatore di biossido di zolfo (SO2); un analizzatore di ozono (O3); un analizzatore di monossido di carbonio (CO); un analizzatore di particolato sottile PM10 e PM2.5. Tutti gli analizzatori rispettano quanto previsto dalla normativa vigente. Nella tabella seguente sono riportati gli inquinanti monitorati con i relativi tempi di mediazione previsti dalla normativa vigente (DM60/2002) e le unit di misura utilizzate. In particolare, per tutti gli inquinanti considerati, ad eccezione del particolato atmosferico, il periodo di mediazione lora, mentre per il particolato atmosferico il tempo di mediazione il giorno.
Laboratorio Tempo di mobile mediazione Unit di misura

NO NO2 NOX CO O3 SO2 PM10 PM2.5

1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 1 ora 24 ore 24 ore

g/m3 g/m3 g/m3 mg/m3 g/m3 g/m3 g/m3 g/m3

Tabella 1 Inquinanti e rispettivi tempi di mediazione La presenza del mezzo mobile ha consentito di effettuare altre indagini realizzate con strumentazione non totalmente automatica. In particolare: misure con campionatori passivi (radiello) localizzato presso il mezzo mobile. Ci ha consentito la determinazione delle concentrazioni in aria di sostanze organiche volatili (VOC) e aldeidi campionamenti di particolato su filtro in fibra di vetro e quarzo per la determinazione, rispettivamente, di IPA e metalli.
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 5 di 31

DATI METEOROLOGICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO 7 FEBBRAIO 2 APRILE 2009 Per una migliore comprensione dei fenomeni in atto durante il periodo considerato, conveniente considerare le condizioni meteorologiche che lhanno caratterizzato. In particolare, di seguito vengono presentati i dati meteorologici rilevati al suolo (circa 10 m) dai sensori meteorologici di cui dotato il mezzo mobile. I dati comprendono: intensit(m/s) e direzione del vento(gradi) temperatura(C) e umidit relativa(%) pioggia(mm) radiazione solare(W/m2)

2.1

Rosa dei venti La rosa dei venti il mezzo pi semplice e pi sintetico per caratterizzare la situazione meteorologica nei periodi considerati. Utilizzando le misure di velocit e direzione del vento misurate presso la postazione mobile, sono state ottenute le rose dei venti caratteristiche dei vari periodi di misura, qui di seguito riportate. Periodo 7 28 Febbraio 2009 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1a) evidenzia una componente dominante di venti provenienti dai settori N e NO caratterizzata da venti di intensit non superiore a 3 m/s. La rosa dei venti evidenzia anche una piccola percentuale di venti nei settori SO e S e ESE. I venti da SO sono caratterizzati da intensit che non superano i 3 m/s mentre i venti da S e ESE sono caratterizzati da intensit che in alcuni casi raggiungono i 4 m/s. Periodo 1 Marzo 2 Aprile 2009 La rosa dei venti di questo periodo (fig. 2.1b) in questo caso evidenzia una rilevante percentuale di venti nei settori N e NO, caratterizzati da venti con intensit non superiore ai 3 m/s, e nei settori E e ESE, caratterizzati da venti che il alcuni casi raggiungono e superano i 4 m/s. Dalla distribuzione dei venti si notano anche dei venti provenienti da O, SO e S . Questi venti hanno intensit che nella maggior parte dei casi rilevati sono comprese tra 2 e 3 m/s.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 6 di 31

a)

b)

Fig 2.1a,b Rosa dei venti del periodo 7 28Febbraio (a) e 1marzo 2 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 7 di 31

2.2

Temperatura e umidit relativa Dalle misure di temperatura ed umidit relativa dellaria stato possibile ottenere i relativi andamenti orari per i vari periodi, qui di seguito riportati. Periodo 7 28 febbraio 2009 In questo periodo (Fig 2.2a) landamento della temperatura media oraria dellaria e dellumidit relativa presentano la consueta ciclicit giornaliera. Si nota, poi, che il valore medio giornaliero della temperatura dellaria diminuisce nel periodo 7 14 febbraio. Periodo 1 marzo 2 aprile 2009 In questo periodo (Fig 2.2b) sia temperatura media giornaliera dellaria che lumidit relativa non variano apprezzabilmente, pur presentando sempre la caratteristica ciclicit giornaliera.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 8 di 31

a)
16

Temperatura - Umidit relativa (7-28 Febbraio 2009)


70

14 60 12 50 10 Temperatura( C) 40 Temperatura Umidit relativa 6 30

4 20 2 10 0

-2 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Giorno 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

b)
25

Temperatura - Umidit relativa (1 Marzo - 2 Aprile 2009)


120

100 20 80

Temperatura( C)

15

60 Temperatura Umidit relativa

10

40

20 5 0

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 1 Giorno 2

-20

Fig. 2.2 a,b Andamento della temperatura e umidit nel periodo 7-28 febbraio (a) e 1 marzo 2 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 9 di 31

2.3

Radiazione solare Un parametro estremamente importante per caratterizzare la capacit dipendente dellatmosfera la radiazione solare globale, cio lenergia immessa nei bassi strati dellatmosfera. Per una rappresentazione pi semplice e pi sintetica di ci, conveniente utilizzare lintegrale giornaliero di radiazione solare globale, cio la quantit totale di energia trasmessa quotidianamente allatmosfera. Periodo 7 28 Febbraio 2009 Lintegrale della radiazione solare (Fig. 2.3a) presenta valori il 10 febbraio, evidenziando una parziale nuvolosit. Per il resto del periodo lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene sostanzialmente costante per la scarsa o nulla nuvolosit presente. Periodo 1 Marzo 2 Aprile 2009 In questo periodo (Fig 2.3b) lintegrale giornaliero della radiazione solare si mantiene costante a livelli compatibili con una copertura nuvolosa bassa o trascurabile. In particolare si nota una diminuzione dell integrale giornaliero nei giorni 5, 20, 24, 28 e 29 marzo.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 10 di 31

a)
8000

Radiazione solare totale(7 - 28 febbraio 2009)

7000

6000 Radiazione solare(W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 Giorno

b)
Radiazione solare totale (1 marzo - 2 aprile 2009)
8000

7000

6000 Radiazione solare totale (W/m2)

5000

4000

3000

2000

1000

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2

Fig. 2.3 a,b Andamento della radiazione solare nel periodo 7-28 febbraio (a) e 1marzo 2 aprile (b)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 11 di 31

2.4

Pioggia Periodo 7 28 Febbraio 2009 In questo periodo (Fig. 2.4a) si registrano diversi eventi di pioggia, caratterizzato da piogge di moderata intensit. Pi in particolare gli eventi di maggiore entit si registrano l11 ed il 24 febbraio con una quantit di pioggia caduta poco superiore ai 10 mm e 8 mm rispettivamente. Periodo 1 Marzo 2 Aprile 2009 In questo periodo (Fig. 2.4b) si registrano diversi eventi di pioggia la cui intensit massima viene raggiunta il 1 aprile, con poco meno di 18 mm di pioggia caduta.
Pioggia (7 - 28 febbraio 2009)
20 18 16 14 Precipitazione(mm) 12 10 8 6 4 2 0 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 Giorno

b)

Pioggia (1 marzo - 2aprile 2009)


20 18 16 14 Precipitazione(mm) 12 10 8 6 4 2 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2

Fig. 2.4 Andamento della pioggia nel periodo 7-28 febbraio e 1 marzo 2 aprile
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 12 di 31

DATI CHIMICI DELLA CAMPAGNA SPERIMENTALE PER IL PERIODO 7 FEBBRAIO 2 APRILE 2009 Qui di seguito vengono presentati i dati chimici rilevati dal mezzo mobile nei vari periodi. In particolare si considerano le concentrazioni medie dei seguenti inquinanti: Biossido di azoto (NO2) Anidride solforosa (SO2) Monossido di carbonio (CO) Ozono (O3) Materiale particolato PM10 e PM2.5

3.1

Biossido di azoto (NO2) La normativa vigente (DM60/2002) prevede per lNO2 un valore limite per la concentrazione oraria pari a 220 g/m3. Periodo 7 28 Febbraio 2009 Nella fig. 3.1a sono riportati i valori orari del biossido di azoto rilevati nel periodo in questione. Come si pu osservare dal grafico, i valori orari del biossido di azoto sono inferiori al limite (210 g/m3) stabilito dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo della concentrazione di biossido di azoto pari a 140 g/m3 rilevato il 21 febbraio. Periodo 1 Marzo 2 Aprile 2009 Le medesime considerazioni valgono per landamento del biossido di azoto rilevato nel periodo che va dal 1 marzo 2009 al 2 aprile 2009 compresi e riportato nella fig. 3.1b. Anche in questo caso i valori orari rilevati rientrano nei limiti imposti dalla legge. Il valore massimo 143 g/m3 rilevato il 16 marzo.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 13 di 31

a)
NO2 (7-28Feb 2009)
240

210

180 Concentrazione(ug/m3)

150

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 10) ug/m3 (DM60/2002)

120

90

60

30

0 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Giorno 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

b)
NO2 (1 marzo - 2 aprile 2009)
240

210

180 Concentrazione(ug/m3)

150

Valore limite + Margine di tolleranza (200 + 10) ug/m3 (DM60/2002)

120

90

60

30

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2

Fig. 3.1 a,b Andamento della concentrazione oraria di NO2 nel periodo 7-28 febbraio (a) e 1 marzo 2 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 14 di 31

3.2

Anidride solforosa (SO2) Nelle figure seguenti sono riportati gli andamenti delle concentrazioni medie orarie dellSO2 con il valori limite dellSO2. Periodo 7 28 febbraio Nelle figura 3.2a sono riportati i valori medi orari delle concentrazioni di SO2 nel periodo in questione. Le concentrazioni medie orarie di SO2 rilevate sono inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo raggiunto dalla concentrazione di SO2 77.0 g/m3 raggiunto il 26 febbraio alle ore 21. Periodo 1 marzo 2 aprile Nella figura 3.2b sono riportate le concentrazioni di SO2 (fig. 3.2b) caratterizzate da valori inferiori al limite fissato (350 g/m3 ) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione 17.3 g/m3 raggiunto il 9 marzo alle ore 19.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 15 di 31

a)
90.0

SO2 (7 - 28 febbraio 2009)

80.0 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

70.0

Concentrazione(ug/m3)

60.0

50.0

40.0

30.0

20.0

10.0

0.0 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Giorno 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

SO2 (1 marzo - 2aprile 2009)

b)
50.0 45.0 40.0 35.0 Concentrazione(ug/m3) 30.0 25.0 20.0 15.0 10.0 5.0 0.0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2 Valore limite SO2 350 g/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.2 a,b Andamento della concentrazione oraria di SO2 nel periodo 7 28 febbraio (a) e 1 marzo 2 aprile (b)
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 16 di 31

3.3

Monossido di Carbonio (CO) Di seguito sono riportati i dati di concentrazione oraria di monossido di carbonio nei periodi considerati. Il valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002) pari a 10 mg/m3. Periodo 7 28 febbraio 2009 La concentrazione media oraria di monossido di carbonio nel periodo considerato (fig 3.3a) al di sotto del valore limite fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo rilevato 2.81 mg/m3 raggiunto il 28 febbraio alle ore 3. Periodo 1 marzo 2 aprile 2009 I valori della concentrazione media oraria di CO per il periodo considerato (fig 3.3b) al di sotto del valore fissato (10 mg/m3) dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo di concentrazione oraria 5.41 mg/m3 raggiunto il 11 marzo alle ore 11.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 17 di 31

a)
5.00 4.50 4.00 3.50 Concentrazione(mg/m3) 3.00 2.50 2.00 1.50 1.00 0.50 0.00 7 8 9 10 11 12 13 14

CO (7-28 febbraio 2009)

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

15

16

17

18 Giorno

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

CO (1 marzo - 2 aprile 2009)

b)
10.00 9.00 8.00 7.00 Concentrazione(mg/m3) 6.00 5.00 4.00 3.00 2.00 1.00 0.00 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2

Valore limite 10 mg/m3 (DM60/2002)

Fig. 3.3 a,b Andamento della concentrazione oraria di CO nel periodo 7 28 febbraio (a) e 1marzo 2 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 18 di 31

3.4

Ozono (O3) Con riferimento al D.Lgs 183/2004 il limite delle soglie di informazione e di allarme corrispondono ad una concentrazione di 180 g/m3 e 240 g/m3 rispettivamente. Periodo 7 28 febbraio 2009 Nel periodo considerato (Fig 3.4a) landamento dellOzono presenta il tipico andamento giornaliero (in assenza di particolari fenomeni atmosferici), caratterizzato da un valore massimo relativo durante le ore centrali della giornata e ed un minimo relativo nelle ore notturne. I valori di concentrazione oraria sono al di sotto dei valori di soglia (180 g/m3 e 240 g/m3) fissati dalla normativa vigente (DM60/2002). Il valore massimo assoluto rilevato pari a 101 g/m3 raggiunto in due occasioni: il 28 febbraio alle ore 16 e alle ore 17. Periodo 1 marzo 2 aprile 2009 Nel periodo considerato (Fig 3.4b) la concentrazione oraria presenta il tipico andamento giornaliero caratterizzato da un massimo relativo durante le ore diurne ed un minimo relativo durante le ore notturne. I valori rilevati sono inferiori ai limiti di legge. Il valore del massimo assoluto di concentrazione oraria pari a 119 g/m3 raggiunto in due occasioni: il 19 marzo alle ore 14 e alle ore 15.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 19 di 31

a)
280 260 240 220 200 Concentrazione(ug/m3) 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 7 8 9 10 11 12 13 14 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

O3 (7 - 28 febbraio 2009)

Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

15

16

17

18 Giorno

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

O3 (1 marzo - 2 aprile 2009)

b)
280 260 240 220 200 Concentrazione(ug/m3) 180 160 140 120 100 80 60 40 20 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno 1 2 Soglia di informazione (180 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004 Soglia di allarme (240 ug/m3) D. Lgs n.183 del 21 Maggio 2004

Fig. 3.4 a,b Andamento della concentrazione oraria diO3 nel periodo 7 28 febbraio (a) e 1marzo 2 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 20 di 31

3.5

Materiale particolato (PM10 e PM2.5) Nel caso del PM10 il limite fissato per la concentrazione media giornaliera 50 g/m3 mentre per il PM2.5 non esiste una normativa che stabilisca dei limiti alla concentrazione di PM2.5.

Periodo 7 28 febbraio 2009


Nella fig.3.5a riportato landamento delle concentrazioni giornaliere del materiale particolato PM10 e PM2.5. Dalla figura 3 si pu notare che la concentrazione di materiale particolato PM10 non ha mai superato il valore limite (50 g/m3) fissato dalla normativa vigente (DM60/2002).

Periodo 1 marzo 2 aprile 2009


Nella fig 3.5b, riportato landamento delle concentrazioni giornaliere di PM10 per il periodo considerato in cui vi stato un solo superamento del valore limite fissato dalla normativa vigente (DM60/2002). Precisamente il superamento avvenuto il 30 marzo in cui la concentrazione di PM10 ha raggiunto i 78 g/m3 .

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 21 di 31

a)
60

PM10-PM2.5 (7-28 febbraio 2009)

50

Concentrazione(ug/m3)

40

PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

30

20

10

0 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 Giorno PM10 PM2.5

PM10-PM2.5 (1 marzo - 1 aprile 2009)

b)

80 PM10 Valore limite 50 ug/m3 (DM60/2002)

70

60 Concentrazione (ug/m3)

50

40

30

20

10

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Giorno PM10 PM2.5 1

Fig. 3.5 a,b Andamento della concentrazione media giornaliera di PM10 e PM2.5 nel periodo 7-28 febbraio (a) e 1 marzo 1 aprile (b)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 22 di 31

3.6

Valori medi di periodo e numero di superamenti Nella Tabella 3.6 sono riportati i valori medi di periodo delle concentrazioni orarie (e giornaliere dove richiesto) di tutti gli inquinanti rilevati nel periodo 7 febbraio 1 aprile 2009 rilevati dalla centralina mobile, mentre nella Tabella 3.7 sono riportate le concentrazioni media degli stessi inquinanti rilevati dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio.
Valori medi (7 febbraio 2009 1 aprile 2009) Inquinante Laboratorio mobile 3 NOX(g/m ) 44 NO(g/m ) NO2(g/m ) CO(mg/m ) O3(g/m ) SO2(g/m ) PM10(g/m ) PM2.5(g/m )
3 3 3 3 3 3 3

12 27 0.33 55 1.7 28 18

Tabella. 3.6 Valori medi di periodo dei livelli di concentrazione rilevati dalla centralina mobile Infine la Tabella 3.8 riassume il numero di superamenti per ognuno degli inquinanti monitorati rilevati dalla centralina mobile e dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 23 di 31

CONCENTRAZIONI MEDIE DEL PERIODO 7 FEBBRAIO - 2 APRILE 2009 CO NO NO2 NOX O3 PM10 PM2.5 Stazione 3 3 3 3 3 3 3 (mg/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) (g/m ) X 23 57 93 38 36 X Preneste 1.2 57 77 165 X 41 24 Francia 0.91 36 78 134 X 35 X Magna Grecia 0.68 20 52 83 41 34 X Cinecitt 0.61 19 51 80 30 X X Colleferro_Oberdan X 17 46 72 X 41 X Colleferro_Europa X 1 10 12 X 14 X Allumiere 0.49 5 26 34 X 23 X Civitavecchia X 11 32 48 X 29 X Guidonia X 13 27 46 38 X X Segni 0.52 10 39 55 39 25 17 Villa Ada X 2 17 20 63 X X Guido X 11 35 53 38 X X Cavaliere X 18 41 69 X 36 X Ciampino 0.86 51 82 160 X 41 X Fermi X 14 53 75 33 29 X Bufalotta 0.76 62 71 165 37 31 19 Cipro 0.91 40 79 140 X 45 X Tiburtina X 26 70 109 X 34 18 Arenula X 27 38 79 X X X Ceccano 0.79 27 52 93 X X X Ferentino X 13 41 60 X 39 X Anagni X 32 54 102 37 X X Alatri X 0 9 10 62 25 18 Fontechiari 1 32 57 106 X 45 X Cassino 0.86 43 57 122 X 60 X FR-Scalo 0.77 45 80 148 X X X LT-Romagnoli 0.56 15 44 66 50 33 X LT-Tasso X 5 33 40 X 27 X Aprilia2 0.61 38 53 111 X X X LT-Scalo 0.51 12 39 57 52 27 X Rieti1 X 0 7 7 82 15 X Leonessa X 23 46 81 X 30 X Civita Castellana 0.54 12 33 51 X 27 X Viterbo

SO2 3 (g/m ) X X X X 0.6 0.9 1 1.3 0.3 1 1.2 X X X X 1.1 X X X 1.4 1.1 1 1.4 0.8 1.1 1.3 1 0.8 0.9 X 1.5 0.8 1 1.1

Tabella 3.7

Valori medi di periodo dei livelli di concentrazione rilevati dalle centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio. x indica analizzatore assente.
STAZIONE Preneste Francia Magna Grecia Cinecitta Villa Ada Fermi Bufalotta Cipro Tiburtina MALAGROTTA PM10 11 14 5 10 2 14 2 6 13 1 NO2 0 0 1 0 0 5 0 5 1 0 CO X 0 0 0 0 0 X 0 0 0 SO2 X X X X 0 X 0 X X 0 O3 0 X X 0 0 X 0 0 X 0

Tabella 3.8 Numero di superamenti nella stazione mobile a Malagrotta ed in alcune centraline della rete di monitoraggio di Arpa Lazio nel comune di Roma rilevati nel periodo 7 febbraio 2 aprile 2009
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 24 di 31

Analisi chimiche da campionatori passivi Limpiego di campionatori passivi e la successiva analisi di laboratorio ha reso possibile la determinazione della concentrazione in aria di una nutrita serie di sostanze. Nelle tabelle che seguono sono riportati i valori misurati a Malagrotta e, per un confronto con la situazione che si riscontra a Roma, i valori misurati con la stessa tecnica e nel medesimo periodo a Cinecitt. Come si pu notare la presenza di queste sostanze nelle due localit di paragonabile entit. Nelle Tabelle 3.9-3.17 sono riportate le concentrazioni delle sostanze organiche volatili e aldeidi rilevate nei vari periodi di misura.
SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3) Regione Lazio Periodo campionamento passivo tramite Radiello Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene Alf-pinene Canfora limonene Dal 11-0209 192 ore <0.1 <0.1 0,6 0.4 <0.1 1,8 0,2 1.9 <0,1 0,4 2 0.4 0,1 <0.1 <0.1 Cinecitt Regione Lazio Dal 02-0209 168 ore <0.1 <0.1 0.2 0,2 <0.1 1.3 <0.1 1.3 <0.1 0,3 1.1 0,3 <0.1 <0.1 <0.1 Incrocio via Regione Pisan-Via Lazio Malagrotta Dal 04-02- Dal 13-02- Dal 13-0209 09 09 192 ore 168 ore 168 ore <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 0.7 0.8 0.6 0.7 0.3 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 1.9 2.3 1.2 <0.1 <0.1 <0.1 11 3.2 1.9 <0.1 <0.1 <0.1 1.2 <0.1 <0.1 23 2.1 1.9 0.6 0.5 0.3 <0.1 <0.1 <0.1 0.8 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 <0.1 Cinecitt

3.7

Dal 12-0209 168 ore <0.1 <01 0,8 0,7 <0.1 2,5 <0.1 4.4 0,6 1.4 3.1 1,2 0,4 0,1 O,3

Tabella 3.9 Concentrazione di SOV Malagrotta e Cinecitt

ALDEIDI ( g/m3 )
Regione Lazio Periodo campionamento passivo tramite Radiello Dal 11-2-09 192 ore cinecitt Dal 12-2-09 168 ore Regione Lazio Dal 4-02-09 168 ore cinecitt Dal 4-02-09 192 ore

formaldeide acetaldeide

1.6 1

1.8 1.1

1 0,2

1.3 0.5

Tabella 3.10 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 25 di 31

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3)


g/m3 Via Pisana 1337 Dal 20-02-09 per 168 ore < 0.1 <0.1 0.6 0.4 <0.1 2 <0.1 2.2 <0.1 <0.1 2.2 0.4 <0.1 0.2 <0.1 Via Pisana incrocio via Malagrotta Dal 20-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.6 0.3 <0.1 2.5 <0.1 4.2 <0.1 <0.1 2.1 7 <0.1 1 <0.1 Area interna Regione Dal 20-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.5 0.3 <0.1 1.6 <0.1 1.8 <0.1 <0.1 0.8 0.3 <0.1 0.9 <0.1 Cinecitt Dal 20-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.5 0.3 <0.1 2.8 <0.1 4.4 <0.1 0.6 2.2 0.7 <0.1 0.3 <0.1

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene canfora Alfa-pinene

Tabella 3.11 Concentrazione di SOV Malagrotta e Cinecitt


g/m3 Via Pisana 1337 Dal 27-02-09 per 168 ore < 0.1 <0.1 0.7 0.6 <0.1 1.7 0.5 2.7 <0.1 <0.1 1.9 1.2 0.7 0.8 0.8 Via Pisana incrocio via Malagrotta Dal 27-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.5 0.4 <0.1 2.1 <0.1 4 <0.1 0.7 2 1.1 0.4 1.3 <0.1 Area interna Regione Dal 27-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.3 0.2 <0.1 1.2 <0.1 1.5 <0.1 <0.1 0.7 0.3 <0.1 <0.1 <0.1 Cinecitt Dal 27-02-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.4 0.3 <0.1 2.4 <0.1 4.4 <0.1 0.9 2.3 1.2 <0.1 <0.1 <0.1

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene canfora Alfa-pinene

Tabella 3.12 Concentrazione di SOV Malagrotta e Cinecitt ALDEIDI ( g/m3 )


g/m3 Regione Lazio Dal 19-02-09 per 191 ore 2.6 2.2 Cinecitt Dal 19-02-09 per 191 ore 2.5 2.5 Regione Lazio Dal 27-02-09 per 168 ore 1.9 1.7 Cinecitt Dal 27-02-09 per 168 ore 1.6 1.5

formaldeide acetaldeide

Tabella 3.13 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e Cinecitt


Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 26 di 31

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3)


g/m3 Area interna Regione Dal 06-03-09 per 168 ore < 0.1 <0.1 0.2 0.1 <0.1 0.7 <0.1 0.9 <0.1 <0.1 0.4 0.2 <0.1 <0.1 <0.1 Via Pisana di fronte Regione Lazio Dal 06-03-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.4 0.2 <0.1 1.1 <0.1 1.5 <0.1 <0.1 0.7 0.3 <0.1 <0.1 <0.1 Via Pisana incrocio via Malagrotta Dal 06-03-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.4 0.3 <0.1 1.7 <0.1 3.4 <0.1 <0.1 1.9 0.6 <0.1 <0.1 <0.1 Cinecitt Dal 06-03-09 per 168 ore <0.1 <0.1 0.3 0.3 <0.1 2.1 <0.1 4 <0.1 0.6 2.2 0.7 <0.1 <0.1 <0.1

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene canfora Alfa-pinene

Tabella 3.14 Concentrazione di SOV Malagrotta e Cinecitt

SOSTANZE ORGANICHE VOLATILI (g/m3)


g/m3 Via Pisana lato opposto Regione Dal 13-03-09 per 169 ore < 0.1 <0.1 0.3 0.2 <0.1 0.8 <0.1 1.3 <0.1 <0.1 0.3 0.2 <0.1 0.2 <0.1 Via Pisana incrocio via Malagrotta Dal 13-03-09 per 169 ore <0.1 <0.1 0.3 0.3 <0.1 1.5 <0.1 3 <0.1 <0.1 1.7 0.6 <0.1 0.8 <0.1 Cinecitt Dal 13-03-09 per 169 ore <0.1 <0.1 0.2 0.2 <0.1 2.3 <0.1 4.5 <0.1 1 2.4 0.8 <0.1 <0.1 <0.1 Area interna Regione Dal 13-03-09 per 169 ore <0.1 <0.1 0.4 0.3 <0.1 2 <0.1 2.1 <0.1 0.3 1 0.4 <0.1 <0.1 <0.1

Cloruro di vinile Acetonitrile Metil etil chetone Etile acetato 111tricloroetano benzene tricloroetilene toluene Butile acetato tetracloroetilene m+p-xilene o-xilene limonene canfora Alfa-pinene

Tabella 3.15 Concentrazione di SOV Malagrotta e Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 27 di 31

ALDEIDI ( g/m3 )
g/m3 Regione Lazio Dal 06-03-09 per 168 ore 1.4 2 Cinecitt Dal 06-03-09 per 192 ore 1.7 2 Regione Lazio Dal 13-03-09 per 169 ore 0.4 0.7 Cinecitt Dal 13-03-09 per 145 ore 3 3.4

formaldeide acetaldeide

Tabella 3.16 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e Cinecitt

ALDEIDI ( g/m3 )
g/mc formaldeide Acetaldeide Regione Lazio Dal 20-03-09 per 312 ore 1.2 1.5 Cinecitt Dal 20-03-09 per 312 ore 1.4 1.9

Tabella 3.17 Concentrazione di Aldeidi a Malagrotta e Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 28 di 31

3.8

Analisi di varie sostanze nel particolato Qui di seguito vengono presentate le tabelle che riportano il confronto tra le concentrazioni di IPA e METALLI rilevate nel sito di Malagrotta e in alcune centraline di Roma nel periodo in questione. Qui di seguito nella Tabella 3.18a sono riportati i valori di concentrazioni dei metalli Pb,Cd,As,Ni misurati su filtri in fibra di quarzo a Malagrotta. Nella Tabella 3.18b riportato il confronto delle concentrazioni medie dei metalli rilevate nella stazione mobile a Malagrotta con quelle rilevate nelle stazioni di Villa Ada e Corso Francia a Roma. MALAGROTTA Data
05/02/2009 07/02/2009 09/02/2009 11/02/2009 13/02/2009 15/02/2009 17/02/2009 19/02/2009 21/02/2009 23/02/2009 25/02/2009 27/02/2009 01/03/2009 03/03/2009 05/03/2009 07/03/2009 09/03/2009 11/03/2009 13/03/2009 15/03/2009 17/03/2009 19/03/2009 21/03/2009 23/03/2009 25/03/2009 27/03/2009 29/03/2009 31/03/2009 MEDIA

Filtro PM10
Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10 Malagr.PM10

Pb g/m
0.003 0.002 0.003 0.001 0.004 0.002 0.007 0.003 0.009 0.008 0.004 0.019 0.005 0.005 0.001 0.004 0.003 0.003 0.010 0.006 0.005 0.006 0.003 0.009 0.004 0.004 0.002 0.006 0.005

Cd ng/m
0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.3 0.1 0.3 0.3 0.1 0.4 0.2 0.1 0.1 0.1 0.1 0.1 0.2 0.2 0.1 0.2 0.1 0.1 0.1 0.2 0.1 0.1 0.2

As ng/m
0.2 0.2 0.5 0.4 0.3 0.2 0.3 0.4 0.5 0.5 0.2 0.6 0.5 0.4 0.2 0.2 0.2 0.2 0.2 0.5 0.4 0.4 0.2 0.4 0.2 0.2 0.2 0.6 0.3

Ni ng/m
1.1 0.4 1.8 1.1 0.4 0.4 1.1 0.4 2.6 1.5 0.4 2.2 1.1 1.1 0.4 0.4 2.6 1.8 1.8 1.5 2.6 1.5 0.4 1.1 0.4 1.1 1.1 1.5 1.2

Tabella 3.18a Valori delle concentrazioni di Pb, Cd, As, Ni rilevate a Malagrotta Si fa presente che sui 28 campioni prelevati a Malagrotta ed in seguito analizzati, i tests di laboratorio eseguiti hanno evidenziato che in alcuni casi i valori di concentrazione di Cadmio e Arsenico sono risultati inferiori al limite di rilevabilit. In particolare questa condizione si realizzata per 11 volte per i valori di concentrazione di Cadmio e 6 volte per i valori di concentrazione dellArsenico. Tali valori inferiori al limite di rilevabilit strumentale sono stai considerati nel calcolo delle concentrazioni medie corrispondenti ai valori riportati nella Tabella 3.18c.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 29 di 31

CONFRONTO TRA I VALORI MEDI DELLE CONCENTRAZIONI DI Pb, Cd, As e Ni riscontrati nelle stazioni Malagrotta Villa Ada e Francia nel periodo dal 05/02/2009 al 31/03/2009
Concentrazioni medie Malagrotta Villa Ada Francia Pb g/m 0.005 0.007 0.009 Cd ng/m 0.2 0.2 0.2 As ng/m 0.3 0.5 0.7 Ni ng/m 1.2 1.8 4.0

Tabella 3.18b Valori delle concentrazioni di Pb, Cd, As, Ni rilevate a Malagrotta e nelle centraline di Villa Ada e Corso Francia a Roma Nella tabella 3.18c sono riportati i limiti di rilevabilit dei metalli normati dal Dlgs 152/2007, tutti espressi in ng/m3 tranne il limite del piombo espresso in g/m3. Questi limiti dipendono dai limiti di rilevabilit strumentale della metodica di analisi utilizzata (assorbimento atomico).
Limiti di rilevabilit degli analiti considerati Pb Cd As Ni < 364 < 0,091 < 0,182 < 0,364 (g/m3) (ng/m3) (ng/m3) (ng/m3)

Tabella 3.18c Limiti di rilevabilit strumentale Mentre il DM 60/02 prevede per il Piombo il limite di 0.5 g/m, il D.Lgs 03/08/2007 n 152, che recepisce la Direttiva Europea 2004/107/CE, stabilisce il valore obiettivo annuale per i seguenti metalli: Arsenico 6 ng/m; Cadmio 5 ng/m; Nichel 20 ng/m. Come si nota, i valori rilevati sia nelle stazioni di Roma sia a Malagrotta risultano inferiori ai limiti di legge. Qui di seguito (Tabella 3.19a) sono i riportati i valori della concentrazione degli IPA (Idrocarburi policiclici aromatici) misurati su filtri in fibra di vetro. Va sottolineato che i metodi di analisi impiegati per rilevare la concentrazione degli IPA presentano un Limite di Quantificazione LQ che rappresenta quella concentrazione al di sotto della quale il valore numerico ottenuto dallanalisi non possiede il grado di attendibilit richiesto alla misura. Qui di seguito viene indicato il valore LQ per i vari IPA considerati relativamente ad un campione di fibra di vetro che abbia aspirato 55 m3. IPA
Benzo[a]antracene Benzo[b+j]fluorantene Benzo[k]fluorantene Benzo[a]pyrene Dibenzo(a,h)antracene Indeno[1,2,3-cd]pyrene B(a)A B(b)F B(k)F B(a)P Dibenz(a h)A Indeno( )P L.Q ng/m 0,01 0,01 0,01 0,01 0.01 0,02

Tabella 3.19a Limiti di Quantificazione degli IPA Nelle tabelle che seguono vengo riportate le concentrazioni medie dei vari IPA considerati (in ng/m3). Come si nota, quando la concentrazione rilevata dal metodo analitico risultata inferiore al Limite di Quantificazione, nella tabella riportata la dicitura (< LQ).
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 30 di 31

data 06-feb-2009 08-feb-2009 10-feb-2009 12-feb-2009 14-feb-2009 16-feb-2009 18-feb-2009 20-feb-2009 22-feb-2009 24-feb-2009 26-feb-2009 28-feb-2009 media

B(a)A 0.07 0.19 0.20 0.14 0.17 0.5 0.21 0.38 0.44 0.22 0.2 0.4 0.26

B(b+j)F 0.27 0.36 0.54 0.32 0.39 0.78 0.56 0.67 1.14 0.49 0.51 1.12 0.60

feb-09 B(k)F B(a)P 0.15 0.17 0.17 0.37 0.29 0.37 0.17 0.25 0.21 0.26 0.36 0.82 0.3 0.4 0.32 0.63 0.6 0.83 0.26 0.46 0.23 0.34 0.63 0.78 0.31 0.47

Dibenz(a h)A 0.03 0.03 0.03 0.04 0.02 0.06 0.02 0.02 0.05 0.02 0.03 0.05 0.03

Indeno(123 )P 0.05 0.05 0.07 0.06 0.07 0.14 0.06 0.07 0.12 0.06 0.09 0.13 0.08

Tabella 3.19b Concentrazione degli IPA rilevati a Malagrotta nel Febbraio 2009

data 02-mar-2009 04-mar-2009 06-mar-2009 08-mar-2009 10-mar-2009 12-mar-2009 14-mar-2009 16-mar-2009 18-mar-2009 20-mar-2009 22-mar-2009 24-mar-2009 26-mar-2009 28-mar-2009 30-mar-2009 media

B(a)A 0.08 0.04 0.04 0.09 0.15 0.17 0.23 0.13 0.08 0.1 0.17 0.03 0.05 0.03 0.03 0.09

B(b+j)F 0.3 0.19 0.16 0.33 0.38 0.39 0.73 0.59 0.37 0.25 0.4 0.15 0.19 0.11 0.12 0.31

mar-09 B(k)F B(a)P 0.14 0.21 0.1 0.08 0.08 0.09 0.17 0.17 0.15 0.21 0.2 0.34 0.39 0.48 0.32 0.39 0.19 0.23 0.11 0.14 0.18 0.24 0.08 0.08 0.09 0.08 0.06 0.07 0.07 0.09 0.16 0.19

Dibenz(a h)A 0.02 0.02 0.1 0.04 0.02 0.02 0.06 0.03 0.02 0.02 0.03 0.01 0.02 0.02 0.01 0.03

Indeno(123 )P 0.05 0.03 0.17 0.16 0.04 0.1 0.12 0.08 0.05 0.04 0.07 0.03 0.03 0.02 0.03 0.068

Tabella 3.19b Concentrazione degli IPA rilevati a Malagrotta a Marzo 2009 Come si vede, il valore medio della concentrazione di B(a)P (lunico tra gli IPA per cui la normativa attualmente vigente prevede un limite da rispettare) per il mese di febbraio 2009 pari a 0.47 ng/m3, per il mese di marzo di 0.19 ng/m3. Se si considera quanto stabilito dal D.Lgs 03/08/2007 n 152, che recepisce la Direttiva Europea 2004/107/CE e che stabilisce per il Benzo(a)pirene il valore obiettivo espresso come media annua pari a 1 ng/m, si nota che il valore riscontrato, espresso come media del periodo oggetto del monitoraggio, pari a 0.32 ng/ m3.
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 09/09
Rev 0 del 03.04.09

Pagina 31 di 31

In conclusione, come si pu vedere dalla tabella 3.19c, le concentrazioni medie di Benzo(a)pirene riscontrate da febbraio a marzo 2009 a Malagrotta hanno evidenziato valori inferiori a quelli rilevati nelle centraline di Roma rilevate nello stesso periodo.
B(a)P (ng/m3) 0.32 0.66 0.36 0.41

STAZIONE Malagrotta Roma/Corso Francia Roma Villa Ada Roma/Cinecitt

Tabella 3.19c Confronto tra le concentrazioni di Benzo(a)Pirene rilevate a Malagrotta e nelle centraline di Roma a Corso Francia, Villa Ada e Cinecitt

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT09-09 REV00.doc

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 1 di 31

Valutazione modellistica della qualit dellaria nellarea di Colleferro

MATRICE DELLE REVISIONI

Rev. 0

OGGETTO Prima emissione

COPIA CONTROLLATA N : _____________________ CONSEGNATA A : _____________________________

REDAZIONE

VERIFICA

APPROVAZIONE

EMISSIONE

Resp. Divisione Atmosfera Resp. Divisione Atmosfera Resp. Divisione Atmoe Impianti e Impianti sfera e Impianti
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 2 di 31

INDICE

1 2 2.1 2.2 2.3 3 3.1 3.2 3.3

Premessa..........................................................................................................................3 Quadro conoscitivo ....................................................................................................5 Sorgenti puntuali .............................................................................................................6 Sorgenti stradali ..............................................................................................................7 Sorgenti diffuse ................................................................................................................8 Simulazione modellistica ........................................................................................9 Campi meteorologici utilizzati per la simulazione ............................................10 Modulazioni temporali delle sorgenti emissive simulate................................13 Risultati della simulazione modellistica ................................................................15
Ricostruzione Ricostruzione Ricostruzione Ricostruzione modellistica modellistica modellistica modellistica delle sorgenti industriali ............................................................. 16 delle sorgenti stradali .................................................................. 22 delle sorgenti diffuse (comune di Colleferro) ..................... 24 complessiva ..................................................................................... 27

3.3.1 3.3.2 3.3.3 3.3.4

Considerazioni conclusive....................................................................................31

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 3 di 31

Premessa

La zona circostante il Comune di Colleferro una delle zone di criticit ambientale del Lazio a causa dellelevata concentrazione di complessi industriali localizzati in una zona geograficamente limitata con caratteristiche geomorfologiche e meteorologiche potenzialmente sfavorevoli alla dispersione di inquinanti in atmosfera. In effetti, coesistono vicine unarea ad elevata densit abitativa quale il Comune di Colleferro, due impianti di incenerimento dei rifiuti (denominati EP-Sistemi e MobilService), un cementificio ed il tratto autostradale della Roma-Napoli. Una realt cos complessa e potenzialmente ad elevata criticit ha suggerito lopportunit di condurre uno studio accurato sulla qualit dellaria della zona che fosse di supporto alle indagini epidemiologiche necessarie a quantificare limpatto delle varie sorgenti di pressione presenti nella zona sulla salute della popolazione. Per poter conseguire questo scopo, lo studio stato condotto in modo tale da definire lesposizione della popolazione della zona agli agenti inquinanti presenti in aria, valutando il pi accuratamente possibile lapporto (e quindi il peso) delle varie sorgenti di emissione degli inquinanti presenti. Pi precisamente si operato nel modo seguente: in primo luogo sono state definite le emissioni dei delle diverse sorgenti presenti in zona che potenzialmente possono contribuire allinquinamento locale in essa presente. Per ogni sorgente, stata individuata la localizzazione delle singole emissioni, la quantit ed il tipo degli inquinanti emessi, la variazione caratteristica nel tempo di tali emissioni e le modalit della loro emissione, cio: o o o laltezza di rilascio, la velocit dei fumi e la relativa temperatura nel caso di emissioni da sorgenti puntuali; i flussi di traffico e la velocit media di percorrenza per unit di lunghezza nel caso di emissioni dellautostrada A1; la distribuzione di emissione nellarea comunale di Colleferro in funzione di alcune variabili proxy come ad esempio la densit di popolazione.

Unaccurata stima di ci lingrediente essenziale per una realistica modellizzazione della dispersione degli inquinanti in aria; dato che il secondo ingrediente essenziale per stimare i livelli di inquinamento in aria la conoscenza delle condizioni meteorologiche caratteristiche della zona (o meglio le caratteristiche disperdenti della parte bassa dellatmosfera), si operata unaccurata ricostruzione della distribuzione nello spazio e nel tempo delle principali variabili meteorologiche e micrometeorologiche. Va sottolineato che laccurata definizione della variabilit spaziale di tali variabili dettata anche dalle particolari caratteristiche orografiche della zona, di notevole complessit, poich larea in esame nasce allinizio della Valle del Sacco che attraversa lintera provincia di Frosinone. Le caratteristiche geomorfologiche della zona, che si estende per circa 80 km con una profondit di circa 700 m rispetto ai rilievi montuosi da cui circondata, sono in grado di incanalare i flussi daria lungo la direttrice della vallata influenzando i processi di trasporto, diffusione e dispersione delle sostanze inquinanti rilasciate allinterno ed allesterno della valle stessa. Anche se la ricostruzione a rigore dovrebbe essere condotta per tutte le ore di un anno caratteristico, per rendere meno pesante il lavoro di simulazione sono stati scelti due periodi rappresentativi (uno estivo ed uno invernale) in modo tale rappresentare, complessivamente, lintero periodo annuale. Lanno scelto in particolare lanno 2005 e tale scelta deriva dal fatto che di tale anno disponibile unanalisi meteorologica e micrometeorologica spazialmente e temporalmente completa che deriva dalluso combinato delle osservazioni al suolo disponibili, dei sondaggi in quota e del modello meteorologico di simulazione RAMS accoppiato con il processore SWIFT (derivato del modello meteorologico MINERVE) utilizzato per aumentare la risoluzione dei campi meteorologici 3D nel dominio di calcolo;
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 4 di 31

lo scopo epidemiologico dello studio ha richiesto una simulazione dettagliata della dispersione degli inquinanti in aria che tenesse conto sia della variabilit nel tempo delle condizioni dellatmosfera che della complessit del territorio considerato. Pertanto il modello di simulazione da adottare non poteva essere un classico modello stazionario (come, per esempio un modello gaussiano standard o un modello stazionario ibrido) ma doveva essere inevitabilmente un modello non stazionario. La scelta, pertanto, era quindi limitata alluso o di un modello euleriano fotochimico o ad un modello lagrangiano a particelle. Vista la limitata dimensione dellaria in esame, lesigenza di una notevole risoluzione spaziale e la limitata importanza della chimica dellatmosfera in un dominio di dimensione limitata, si al momento deciso di utilizzare per questo lavoro un modello lagrangiano a particelle. Pi in particolare il modello impiegato il modello SPRAY (per approfondimenti vedi sezione Modelli di valutazione della qualit dellaria), ampiamente riconosciuto ed utilizzato in ambito italiano ed internazionale; per ogni ora del periodo considerato, rappresentativo di un intero anno, stata condotta la simulazione della dispersione degli inquinanti emessi da ogni singolo impianto presente nella zona, considerato separatamente. Ci stato fatto allo scopo di evidenziare sia lestensione e la localizzazione delle zone interessate dalle ricadute di tali emissioni che i livelli di concentrazione presenti in tali zone. Queste simulazioni, quindi, definiscono il peso che ogni singola sorgente dovrebbe avere sulla qualit dellaria (e quindi sullesposizione della popolazione) della zona. Si giunti, quindi, a definire linfluenza spaziale di ogni singola sorgente ed il relativo peso quantitativo; a questo punto, trascurando gli effetti derivanti dalla chimica dellatmosfera, limitati in un dominio di indagine limitato come quello considerato nel presente studio, si proceduto a definire la distribuzione spaziale della concentrazione dei vari inquinanti nella zona derivante dallazione complessiva delle varie sorgenti emittenti in essa presente. La differenza tra la qualit dellaria effettivamente presente allinterno del dominio di calcolo (centrato nel Comune di Colleferro) e quella ricostruita con la metodologia sopra indicata da attribuirsi al trasporto di inquinanti dalle zone esterne al dominio di calcolo stesso a loro volta derivanti sia da sorgenti di origine antropica (la citt di Roma da NW, la Valle del Sacco da SE, ecc.) che di origine naturale (trasporto da grande distanza di particolato ).

Questo lavoro, pur essendo sistematico, ha comunque ancora caratteristiche preliminari e potr essere perfezionato ed approfondito ulteriormente nel seguito, oltre che essere confortato da opportune misure sperimentali in campo.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 5 di 31

Quadro conoscitivo

Larea industriale di Colleferro si sviluppa al confine dei limiti amministrativi delle Province di Roma e di Frosinone. In Fig. 1 mostrata la zona di interesse.

Figura 1 Cartina dellarea di Colleferro Dal punto di vista emissivo, la zona da considerarsi ad elevata criticit e complessit a causa della presenza di differenti tipologie di sorgenti emissive (sorgenti stradali, industriali e diffuse come il riscaldamento residenziale), che influenzano le concentrazioni rilevate al suolo delle sostanze inquinanti. Pertanto, nella simulazione modellistica sono state considerate le seguenti sorgenti emissive: Inceneritore di rifiuti EP-Sistemi; Inceneritore di rifiuti MobilService; Impianto per la lavorazione e la produzione del cemento; Tratto dellautostrada Roma-Napoli allinterno del dominio di calcolo; Emissioni diffuse allinterno dei confini amministrativi del comune di Colleferro.

E possibile schematizzare linsieme delle sorgenti considerate come 3 differenti macrosorgenti: sorgenti di tipo puntuale, sorgente di tipo lineare e sorgente di tipo areale o diffuso. In particolare: sorgenti puntuali: Inceneritore EP-Sistemi, Inceneritore MobilServce, Cementificio; sorgente lineare: tratto di autostrada Roma-Napoli;

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 6 di 31

sorgente diffusa: Emissioni derivanti dai differenti macrosettori (secondo la classificazione CorinAir) stimate per il comune di Colleferro.

A causa delle profonde diversit, sia geometrica che come tipologia di emissione, lapproccio modellistico segue un approccio profondamente differente tra le tre macro-sorgenti considerate. Pertanto sono state condotte simulazioni separate per ciascuna delle macro-sorgenti, ciascuna con la propria modulazione temporale, in modo tale da quantificare il relativo impatto sulla concentrazione al suolo delle sostanze simulate. Di seguito sono riportate le caratteristiche meteorologiche dellarea in esame, le caratteristiche emissive ed i risultati per ogni sorgente simulata.

2.1 Sorgenti puntuali Ai fini della simulazione modellistica delle sorgenti puntuali rivestono particolare importanza le caratteristiche sia fisiche che geometriche dei punti di emissione degli impianti che considerati, cio:
la loro localizzazione geografica, la quota di rilascio dei fumi, il diametro interno della ciminiera, la temperatura di uscita dei fumi, la velocit di uscita dei fumi.

Mentre per gli impianti di incenerimento rifiuti lindividuazione delle sorgenti convogliate di tipo puntuale da considerare era evidente, nel caso del cementificio la situazione decisamente pi sfumata. Si ipotizzato, in prima istanza, di considerare nella simulazione del cementificio solo i punti di emissione (camini) corrispondenti ai forni localizzati in prossimit degli impianti di incenerimento e ai camini legati ai processi di lavorazione del cemento localizzati nella zona a Sud del Comune di Colleferro. Nella Tabella 1 sono riportate le caratteristiche geografiche, geometriche e di emissioni delle singole sorgenti puntuali presenti nelle tre sorgenti industriali considerate. Tutti i valori riportati sono stati desunti da quanto riportato nelle rispettive autorizzazioni. Altezza camino (m) 50 50 69 78 10 20 20 12 10 Diametro camino (m) 2,7 2.7 1.7 1.7 0.9 0.5 0.9 0.62 0.26 Velocit di uscita fumi (m/s) 7.8 7.8 15 15 11 17.5 14.7 15 14.2

Impianto Termoval. (EP-Sistemi) Termoval. (EP-Sistemi) Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio

Camino

X (UTM32) 832104 832104 832914 832914 833812 833812 833812 833812 833812

Y (UTM32) 4628846 4628846 4628366 4628366 4626102 4626102 4626102 4626102 4626102

Temperatura (K) 413 413 368 368 293 293 293 293 293

E1 E1 Forno-E29 Forno-E28 Cave-E1 Cave-E2 Cave-E3 Cave-E4 Cave-E5

Tabella 1 - Caratteristiche fisiche e geometriche di punti di emissione Oltre alle caratteristiche geografiche (coordinate geografiche UTM 32), geometriche (altezza di emissione e diametro interno della ciminiera) e di emissione (velocit e temperatura dei fumi), unaltra informazione indispensabile nella simulazione della dispersione costituita dal tipo di inquinanti emessi e dal relativo tasso di emissione. Gli inquinanti considerati sono i seguenti:
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 7 di 31

ossidi di azoto (NOX) polveri totali (PTS)

Sempre dalle autorizzazioni sono stati desunti, per ogni inquinante emesso da ogni singola sorgente, i tassi di emissione relativi. E necessario sottolineare il fatto che i tassi di emissione caratteristici di ogni sorgente inquinante sono costituiti dai flussi di massa annui (tonnellate/anno). Il quadro completo che ne risulta raccolto in Tabella 2.

Sorgente Impianto
Inceneritore (EP-Sistemi) Inceneritore (EP-Sistemi) Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio Cementificio

Camino
E1 E1 Forno-E29 Forno-E28 Cave-E1 Cave-E2 Cave-E3 Cave-E4 Cave-E5

Inquinante (t/a) NOX PST


53.3 55.2 1243 1731 1.5 2.4 22.4 30.0 6.2 6.2 6.2 3.2 0.8

Tabella 2 Valori di emissione (t/a) dei principali inquinanti emessi dalle sorgenti puntuali. Va, ovviamente ricordato che la dispersione degli inquinanti in atmosfera viene simulata ora per ora e quindi, ai fini della simulazione stessa, dai flussi di massa annui sono stati dedotti i necessari tassi di emissione oraria applicando unopportuna modulazione temporale che tenesse conto dei cicli lavorativi dei vari impianti considerati. Sorgenti stradali

2.2

Ignorando la viabilit locale minore, trattate come sorgenti diffuse (e di seguito riportate), stato simulato limpatto del tratto di autostrada Roma-Napoli (A1) adiacente al comune di Colleferro. Ai fini della simulazione, il tratto autostradale stata analizzato impiegando un opportuno sistema cartografico. In particolare, larteria stata scomposta in un insieme ragionevolmente piccolo di tronchi rettilinei. Di ogni tronco sono state individuate le coordinate geografiche del nodo di inizio e di fine tronco e ad ognuno di essi stata associata una quantit di emissione degli inquinanti in funzione della lunghezza del singolo tronco stradale. Il dato di partenza, cio la quantit di emissione degli inquinanti che stata distribuita sui singoli tronchi stradali, stato ricavato dallo studio del traffico autostradale fatto nellambito del Piano di Risanamento della Regione Lazio. Il modello di simulazione non considera i singoli tronchi come vere e proprie sorgenti lineari, ma come sorgenti area a forma di parallelepipedo con il lato trasversale alla direzione del flusso di autoveicoli di dimensione molto minore rispetto alla direzione di marcia. La dimensione lungo il senso di marcia viene determinata dalla coordinate geografiche degli estremi del tronco mentre le dimensioni trasversali dello stesso sono legate al numero di corsie complessive caratteristico dellarteria stradale di cui il tronco fa parte. Partendo dallanalisi fatta nellambito del Piano di Risanamento della Regione Lazio emerso che, nel tratto autostradale incluso nel dominio di simulazione vengono emesse le seguenti quantit di NOx e PM10: emissione di NOx pari a circa 2250 t/a, emissione di PM10 pari a circa 177 t/a.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 8 di 31

Anche in questo caso va ricordato che il modello di dispersione richiede tassi di emissione a livello orario; tali valori sono stati dedotti dai flussi di massa annui impiagando una ripartizione temporale congruente con il profilo di flussi di traffico caratteristici dei vari giorni della settimana.

2.3

Sorgenti diffuse

Accanto alla ricostruzione delle sorgenti puntuali e delle sorgenti stradali stata effettuata la simulazione dellimpatto delle emissioni diffuse derivate dalla presenza di un area ad elevata densit abitativa rappresentata dal territorio comunale di Colleferro. Nella ricostruzione modellistica viene considerato il contributo complessivo delle emissioni derivanti dai differenti macrosettori (secondo la classificazione CorinAir) ad esclusione delle sorgenti che, nel presente studio, sono trattate separatamente. Il modello di simulazione effettua il trattamento di una emissione diffusa associando la sorgente ad un volume localizzato in prossimit del suolo e generando una determinata quantit di sostanza che viene emessa pi o meno uniformemente allinterno di questo volume compatibilmente con le caratteristiche geomorfologiche del territorio. Il numero e la dimensione di tali volumi dipende, generalmente, dallampiezza del dominio di calcolo, dalla risoluzione del modello e dal dettaglio delle informazioni emissive disponibili. Partendo, anche in questo caso, dallanalisi fatta nellambito del Piano di Risanamento della Regione Lazio emerso che, nel comune di Colleferro, vengono emesse le seguenti quantit di NOx e PM10: emissione di NOx pari a circa 196 t/a, emissione di PM10 pari a circa 115 t/a.
Emissioni diffuse - Colleferro
160

140

120

Percentuale (%)

100

80

PM10 NOX

60

40

20

0 1 2 3 4 5 6 Macrosettori 7 8 9 10 11

Figura 2 Emissioni diffuse di NOx e PM10 stimate nellarea di Colleferro

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 9 di 31

Simulazione modellistica

La simulazione modellistica stata effettuata impiegando il modello lagrangiano a particelle SPRAY, sviluppato da ARIANET s.r.l. Una sua breve descrizione riportata in Appendice. Sinteticamente, SPRAY un modello di tipo non stazionario, capace di operare anche in un dominio orograficamente complesso e fornisce, ora per ora, la distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione delle sostanze inquinanti simulate. La simulazione estesa ad un anno significativo che, per ragioni di disponibilit delle informazioni meteorologiche (di cui si parler al punto successivo), lanno 2005. Per diminuire il peso computazionale senza comunque inficiare la bont della simulazione, dellanno 2005 sono stati selezionati due periodi mensili che, collettivamente, sono in grado di rappresentare statisticamente lintero anno in oggetto. Per quanto riguarda la determinazione del dominio di calcolo, al fine di evitare problemi ai bordi del dominio stesso, stata considerata una porzione di territorio decisamente pi ampia dellarea di interesse. Questa scelta, da ritenersi conservativa, ha permesso di non perdere particelle generate dalle sorgenti emissive che possono essere trasportate al di fuori del dominio di calcolo scelto e quindi non incidere sulla stima della concentrazione al suolo provocandone una sottostima. Alla luce di queste osservazioni, nonostante le sorgenti siano raccolte in un area piuttosto limitata rispetto alle dimensioni del dominio scelto, la griglia di calcolo considerato per la simulazione di 30 km x 30 km con una risoluzione orizzontale, in uscita dal modello, di 1km x 1km. In Fig. 3 riportato un ingrandimento del dominio considerato.

Figura 3 Zoom del dominio di calcolo utilizzato per la simulazione.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 10 di 31

3.1

Campi meteorologici utilizzati per la simulazione

Il modello di simulazione della dispersione degli inquinanti in aria adottato di tipo tridimensionale e non stazionario e quindi, per il suo funzionamento, necessita della conoscenza oraria della distribuzione spaziale (sia orizzontale che verticale) dei vari campi meteorologici (in particolare le tre componenti del vento e la temperatura) e della turbolenza caratteristica della parte bassa dellatmosfera (deviazioni standard delle componenti del vento, ecc.). Tali informazioni non possono essere direttamente dedotte dalle misurate realizzate da stazioni meteorologiche convenzionali poste al suolo, ma, al contrario, necessaria una loro ricostruzione numerica ottenuta impiegando opportuni modelli meteorologici ed assimilando gli output numerici da essi prodotti con le misure disponibili. Per realizzare in tempi ragionevolmente brevi la simulazione senza, per, perdere in realisticit, tali campi meteorologici e micrometeorologici, utilizzati nella simulazione modellistica, derivano dal sistema di analisi RAMS/ISAN, che realizza un downscaling delle ricostruzioni effettuate su tutto il territorio nazionale da parte del Ministero dellAmbiente nel progetto MINNI relative allanno 2005. La simulazione effettuata nel presente studio stata eseguita utilizzando 2 modelli in serie: il modello meteorologico RAMS e, da questo, il modello lagrangiano SPRAY per la stima della distribuzione e della concentrazione al suolo delle sostanze simulate. Per una maggiore realisticit la risoluzione, che rappresenta la dimensione minima che un sistema modellistico in grado di distinguere, del modello di dispersione deve essere uguale (o comunque non discostarsi troppo senza perdere realisticit) dalla risoluzione del modello meteorologico. Nel nostro caso i campi meteorologici, derivati da RAMS, che vengono poi utilizzati per effettuare la simulazione con il modello lagrangiano SPRAY hanno una risoluzione orizzontale di 4km x 4km, pertanto ne consegue che i campi di concentrazione che otterremmo da SPRAY sono distribuiti su celle di calcolo dei dimensioni orizzontali pari a 4km x 4km. Ci significa che non possibile distinguere concentrazioni su distanze inferiori a 4km e considerando la complessit, sia dal punto di vista orografico che emissivo, dellarea in esame tale risoluzione stata ritenuta insufficiente per i nostri scopi. Pertanto per ottenere i campi meteorologici con una maggiore risoluzione il modello RAMS/ISAN stato accoppiato al modello meteorologico SWIFT/MINERVE (derivato dal codice MINERVE) il quale un processore in grado di effettuare un downscaling dei campi tridimensionali (nel nostro caso quelli provenienti dal codice RAMS stesso) su una griglia pi fine di quella di partenza. Per effettuare questa operazione mantenendo realisticit necessario avere informazioni topografiche ed orografiche dellarea in esame su una griglia di calcolo naturalmente pi fine di quella di partenza (la risoluzione di queste informazioni deve essere almeno pari alla risoluzione finale che si vuole ottenere). Nel nostro caso, per effettuare loperazione di downscaling con SWIFT, sono stati utilizzati: il database topografico alla risoluzione di 3 (circa 250m) estratta dal databese SRTM (voli dello space Shuttle) e il land-use alla risoluzione di 250m estratto dal database Corine anno 2000. In base a queste informazioni stato possibile quindi fare il downscaling dei campi 3D derivati da RAMS e passare da una risoluzione orizzontale di 4km x 4km alla risoluzione di 1km x 1km. La scelta dellanno 2005, motivata in questo studio dalla necessit di realizzare le simulazioni in tempi relativamente brevi, non penalizzante per le ricostruzioni visto il carattere climatologico dello studio e la tipicit dellanno considerato. A titolo di esempio, in Fig. 4 riportato leffetto del downscaling effettuato con il codice SWIFT/MINERVE (Fig 4b e 4d) sulle linee di flusso stimate dal codice RAMS/ISAN (Fig. 4a e 4c) nei mesi di gennaio e giugno nel dominio centrato nel comune di Colleferro (non visibile in figura). Tali figure precedenti mostrano in che modo vengono modificate le linee di flusso e lorografia nel passaggio da RAMS/ISAN SWIFT/MINERVE effettuato per aumentare la risoluzione del dataset meteorologico 3D. Nelle figure a destra (Fig 4b e 4d) evidente la maggiore compattezza dei campi di vento che tende a ridurre lo sgranamento che invece si osserva nelle figure a sinistra (Fig. 4a e 4c). Laumento della risoluzione orizzontale ha lobiettivo di migliorare il dettaglio di tutte le informazioni meDocumento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 11 di 31

teorologiche che influiscono sulla dinamica, il trasporto e la dispersione delle masse daria e quindi, indirettamente, sulla distribuzione e sulla concentrazione delle sostanze inquinanti rilasciate allinterno del dominio di calcolo.

Effetti del downscaling effettuato sui campi meteorologici Linee di flusso (domini centrati sul comune di Colleferro) RAMS/ISAN (gennaio) SWIFT/MINERVE (gennaio) (a) linee di flusso - (4km x 4km) (b) linee di flusso - (1km x 1km)

RAMS/ISAN (giugno) (c) linee di flusso (4km x 4km)

SWIFT/MINERVE (giugno) (d) linee di flusso (1km x 1km)

Figura 4 Downscaling dei campi meterologici 3D: a) e b) campi a bassa risoluzione (4km x 4km) ottenuti con RAMS/ISAN nei mesi gennaio e giugno rispettivamente; c) e d) campi ad alta risoluzione (1km x 1km) ottenuti con SWIFT/ISAN nei mesi gennaio e giugno rispettivamente. Per meglio evidenziare la dinamica delle masse daria nellarea in esame, in Fig. 5 sono riportate le rose dei venti, a diverse quote (10, 100 e 1800 m), derivanti dai campi meteorologici tridimensionali utilizzati nella simulazione stimate in corrispondenza del comune di Colleferro. La rosa dei venti a 10 m rappresenta la situazione che si viene a creare al suolo e che risente maggiormente della situazione orografica complessa della zona. La rosa dei venti a 100 m evidenzia come tale situazione permanga ancora entro lo strato superficiale della parte bassa dellatmosfera mentre la rosa relativa alla quota di 1800 m pu essere considerata rappresenDocumento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 12 di 31

tativa della situazione a scala sinottica e quindi direttamente influenzata dalle caratteristiche geomorfologiche della zona studiata.

Rose dei venti (gennaio-giugno) (a) quota = 10m

(b) quota = 100m

(c) quota = 1800m

Figura 5

Rose dei venti rappresentative complessivamente del periodo gennaio-giugno a differenti quote. z=10m (a), z=100m (b), z=1800m (c).

Analizzando con maggior dettaglio la distribuzione dei venti alle quote z =10m e z =100m (Fig. 5a e bb) si evidenziano due direzioni del vento dominanti, da W-NW e da E-SE, dovute rispettivamente allincanalamento dei flussi daria lungo la direttrice della Valle del Sacco che si estende lungo la direttrice SE-NW. Tale comportamento risulta chiaramente marcato negli strati atmosferici in prossimit della superficie terrestre dove sono dominanti i fenomeni meteorologici a mesoscala. Con laumentare della quota, invece, si osserva un incremento della velocit del vento favorito della progressiva diminuzione della resistenza meccanica dovuta alla superfiDocumento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 13 di 31

cie terrestre ed una distribuzione dei venti che risente maggiormente dellintrusione di fenomeni a scala sinottica in grado di sovrapporsi fino a nascondere (a quote superiori allaltezza di rimescolamento) linfluenza dellorografia.

3.2

Modulazioni temporali delle sorgenti emissive simulate

Il modello di simulazione della dispersione degli inquinanti in aria ricostruisce, a livello orario, la distribuzione spaziale della concentrazione dei vari inquinanti. Come detto, perch ci risulti possibile indispensabile la conoscenza dei tassi di emissione orari delle varie sostanze inquinanti emesse dalle differenti sorgenti (puntuali e lineari). Pertanto, le emissioni note originariamente come emissioni annuali, sono state modulate a livello orario per tutto il periodo su cui effettuata la ricostruzione. Qui si adottato uno schema consueto di modulazione illustrato nello schema a blocchi sottostante.

Emissione annuale (t/anno) Emissione mensile tipo (t/mese) Emissione settimanale tipo (t/giorno) Emissione oraria tipo (t/ora)
Per modulare il flusso di massa annuale delle sorgenti emissive vengono generalmente utilizzati dei coefficienti di proporzionalit (a livello mensile, settimanale e giornaliero) tipici di impianti della stessa tipologia di quelli trattati e in grado di tener conto del differente livello di operativit degli impianti stessi durante un anno tipico. Nel caso considerato, in mancanza di informazioni specifiche riguardanti i coefficienti di modulazione temporale richiesti dal modello, le emissioni derivanti dagli inceneritori sono state distribuite uniformemente lungo tutto il periodo di calcolo poich si ritenuta essere questa la scelta pi conservativa. Sostanzialmente stata adottata lipotesi di massima operativit degli impianti simulati lungo tutto larco delle 24 del giorno tipo compatibilmente con i valori annui di emissione. Nel caso del cementificio stata scelta la modulazione temporale variabile in funzione del periodo lavorativo distribuendo lemissione annua secondo i coefficienti di Fig. 6. Nel caso delle sorgenti autostradale la modulazione temporale per ora adottata tiene conto dei tipici flussi di traffico di un autostrada quale la Roma-Napoli. In questo caso la modulazione annua stata ipotizzata uniforme, mentre stata considerata la variabilit tipica dei flussi di traffico a livello settimanale e, in particolar modo orario. In particolare, le emissioni giornaliere dei tronchi stradali sono state distribuite secondo i coefficienti di modulazione rappresentativi riportati in Fig. 7a(a); mentre, considerando lelevata variabilit dei flussi di traffico a livello orario nei giorni della settimana per la modulazione oraria stata fatta la distinzione tra i giorni feriali (dal luned al venerd) ed i giorni festivi (sabato e domenica) secondo i coefficienti riportati in Fig. 7(b). Per quanto riguarda le emissioni derivanti dalla zona residenziale del comune di Colleferro, sono state trattate come emissioni diffuse e pertanto appartengono a differenti sorgenti emissive
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 14 di 31

caratterizzabili ognuna secondo le categorie SNAP del archivio CorinAir, il quale divide linsieme delle emissioni in macrosettori, settori ed attivit in base alla tipologia delle sorgenti.

Cementificio - Modulazione temporale (a) Modulazione mensile


1.2
1.4

(b) Modulazione giornaliera


1.2

coefficiente normalizzato

coefficienti normalizzati

0.8

0.8

0.6

0.6

0.4

0.4

0.2

0.2

gen

feb

mar

apr

mag

giu

lug

ago

set

ott

nov

dic

lun

mar

mer

gio

ven

sab

dom

Figura 6 Modulazione temporale utilizzata nella simulazione per il cementificio.

RomaNapoli - Modulazione temporale (a) Modulazione giornaliera


1.4

(b) Modulazione oraria


feriali
2

sabato

domenica

1.2

1.8

1.6
1

coefficienti normalizzati

0.8

coefficienti normalizzati
lun mar mer gio ven sab dom

1.4

1.2

0.6

0.8

0.4

0.6

0.4
0.2

0.2
0

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Figura 7a modulazione temporale giornaliera (a) ed oraria (b) per lautostrada Roma-Napoli utilizzata nella simulazione. E intuibile come non sia possibile associare una modulazione temporale unica a tutte le emissioni diffuse poich, come detto, queste racchiudono un vasta gamma di sorgenti ognuna con le sue specificit dal punto di vista emissivo. Nel nostro caso le modulazioni temporali utilizzate per la simulazioni delle sorgenti diffuse sono state selezionate in funzione del codice SNAP di provenienza attraverso il quale stato possibile differenziare lemissione, anche a livello orario, in base alla tipologia della sorgente stessa. A titolo di esempio in Fig.7b riportata la modulazione temporale utilizzata per le sorgenti associate al codice SNAP 0202 (macrosettore ed settore) comprendente il riscaldamento residenziale (Impianti residenziali). Una volta noti i campi meteorologici medi e i campi che descrivono la turbolenza della parte bassa della troposfera (il Planetary Bounday Layer, PBL), le caratteristiche fisiche e geometriche della sorgente di emissione ed i tassi i emissione orari delle varie specie inquinanti emesse, limpiego del modello SPRAY ha consentito di realizzare le simulazioni che costituiscono la
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 15 di 31

base conoscitiva per realizzare la valutazione oggetto del presente studio.

Impianti residenziali (SNAP 0202) - Modulazione temporale (a) Modulazione mensile


2.5

(b) Modulazione oraria


3 2.5

coefficienti normalizzati

1.5

coefficienti normalizzati
gen feb mar apr mag giu lug ago sett ott nov dic

1.5

0.5

0.5

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

Figura 7b modulazione temporale mensile (a) ed oraria (b) per gli impianti residenziali utilizzata nella simulazione.

3.3

Risultati della simulazione modellistica

I parametri di riferimento utilizzati per la simulazione sono: per gli impianti industriali: le caratteristiche geometriche delle fonti di emissione: coordinate, altezza e diametro dei singoli punti di emissione; le caratteristiche fisiche delle fonti di emissione: velocit e temperatura di uscita dei fumi; emissione oraria dei vari inquinanti in termini di flusso di massa.

per le sorgenti stradali le caratteristiche geometriche dei segmenti stradali: coordinate di inizio e fine di ogni segmento stradale rettilineo, ampiezza della carreggiata; emissione oraria dei vari inquinanti in termini di flusso di massa secondo.

per le sorgenti diffuse (trattate come aree) emissione oraria dei vari inquinanti in termini di flusso di massa secondo. la dimensione, posizione e caratteristica delle aree emissive.

Il dominio di calcolo, cio larea considerata nella simulazione, (Fig. 8), ricopre unarea di 900 km2 (30 km x 30 km) con una risoluzione orizzontale di 1 km x 1km, centrato intorno alle sorgenti di emissione considerate di seguito riportate. necessario fare delle considerazioni riguardo alla trattazione delle sorgenti considerate nelle simulazioni. Come si detto, uno degli obiettivi del lavoro quello di stimare il contributo rispettivo di ogni sorgente considerata sui livelli di concentrazione al suolo nei diversi punto del dominio di calcolo. Per giungere a tale obiettivo, sono state inizialmente condotte pi simulazioni successive ognuna inerente ad ogni macro-sorgente, in un secondo momento le ricostruzioni sono state integrate nella simulazione complessiva che comprende tutte le sorgenti.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 16 di 31

Al fine della valutazione sia per sorgente specifica che complessiva stato necessario definire un inquinante come riferimento principale e comune a tutte le sorgenti stesse. Linquinante di riferimento lNOx poich le simulazioni relative a tale inquinante risultano di notevole interesse nella stima dei pesi che le singole sorgenti considerate hanno sulla qualit dellaria complessiva. Comunque, per completezza, sono state simulate anche le polveri tutte considerate conservativamente come PM10.

Figura 8 dominio di calcolo utilizzato nella presente simulazione

3.3.1 Ricostruzione modellistica delle sorgenti industriali La simulazione delle sorgenti industriali, come detto precedentemente, stata realizzata modellizzando separatamente i diversi impianti presenti e sovrapponendo, successivamente, i risultati ottenuti giungendo cos al quadro definitivo. La simulazione modellistica produce le distribuzioni spaziali orarie dei livelli di concentrazione al suolo delle diverse sostanze inquinanti considerate. Per poter rendere utilizzabili questi risultati stato necessario definire un indicatore in grado di sintetizzare le informazioni elementari ottenute, consentendo di evidenziare le aree in cui erano maggiori gli impatti degli impianti. La scelta fatta, che sembra essere quella pi naturale, quella di considerare come indicatore complessivo il valore medio di periodo. In particolare, stata considerata la media estiva ed invernale ed, infine, quella annuale. Il valore medio stato calcolato per ogni punto della griglia del dominio di calcolo in modo da definirne la rispettiva distribuzione spaziale. Per conservare le caratteristiche stagionali dei fenomeni coinvolti pur riducendo ad un livello accettabile la complessit della simulazione (e quindi i tempi di calcolo e di realizzazione del presente studio), il periodo preso come riferimento relativo ai mesi gennaio e giugno in modo tale da considerare le caratteristiche tipiche, rispettivamente, del periodo invernale e del periodo estivo. In questa fase sono state considerate come uniche sorgenti emissive gli inceneritori (EPSistemi e Mobil-Service) ed Cementificio (forni e lavorazione cemento). Nelle Figg. 9(a,b,c) sono riportate le mappe di concentrazione di NOx, espresse come media dei mesi gennaio-giugno (a tutti gli effetti la media annua), media di gennaio (rappresentativa dei mesi invernali) e giugno (rappresentativa dei mesi estivi) relative ai due inceneritori, EP-Sistemi e Mobil-Service. Analogamente, nelle Figg. 10(a,b,c) sono riportati i risultati della ricostruzione del cementificio.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 17 di 31

Inceneritori (EP-Sistemi e MB-Service) (a) NOx media gennaio-giugno (g/m3)

(b) NOx media gennaio (g/m3)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 18 di 31

(c) NOx media giugno (g/m3)

Figura 9 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media di NOx emessi dagli inceneritori del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c).

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 19 di 31

Cementificio (a) NOx media gennaio-giugno (g/m3)

(b) NOx media gennaio (g/m3)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 20 di 31

(c) NOx media giugno (g/m3)

Figura 10 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media di NOx emessi dagli cementificio del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c). Relativamente alla media annua, come si pu notare, il maggior impatto dato dalla cementificio (con valori massimi dellordine di circa 24 g/m3), mentre i due inceneritori presentano complessivamente un impatto massimo annuo di circa un ordine di grandezza inferiore (con valori massimi dellordine di 1 g/m3). Dal punti di vista delle zone interessate dagli impatti a livello annuo, si pu vedere come entrambe le ricostruzioni, sia gli Inceneritori che il Cementificio, producano i maggiori impatti lungo la direttrice SE-NW. Tale comportamento dovuto allincanalamento delle masse daria che catturano le sostanze inquinanti emesse dai camini degli impianti e che vengono indirizzate lungo la valle del Sacco. Relativamente ai valori di concentrazione stimati in prossimit del suolo, le mappe mostrano che il maggior impatto dovuto al cementificio. Ci dovuto al fatto che i tassi di emissione del cementificio notevolmente superiori a quelli degli inceneritori come riportato in Tab. 2. Oltre a ci, la differente quota di emissione dei fumi (i forni del cementificio emettono a circa 70m, mentre gli inceneritori emettono a circa 50m) produce un estensione maggiore delle curve di isoconcentrazione nel dominio di calcolo. Nelle Figg. 11 e Figg. 12 presentata invece la distribuzione spaziale del valore medio annuo di concentrazione di particolato sottile, rispettivamente, degli Inceneritori e del Cementificio. Come si pu notare, la distribuzione spaziale della concentrazione di particolato emesso dai 2 inceneritori simile a quella ricostruita per gli NOx.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 21 di 31

Inceneritori PTS media gennaio-giugno (g/m3)

Figura 11

Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media annua di particolato sottile dovuta agli inceneritori.

Cementificio PTS media gennaio-giugno (g/m3)

Figura 12 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media annua di particolato sottile dovuta

al cementificio.
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 22 di 31

3.3.2 Ricostruzione modellistica delle sorgenti stradali La sorgente stradale (considerata pseudo-lineare) simulata nella ricostruzione modellistica il tratto autostradale della Roma-Napoli A1 allinterno del dominio di calcolo La simulazione modellistica dellarteria stradale stata effettuata dividendo lintero tratto, lungo circa 34 km, in una serie di segmenti lineari di lunghezza variabile in modo da coprire lintera distanza del tratto autostradale stesso. Nelle Fig. 17b e 17c sono riportati i valori medi di NOx rispettivamente del periodo invernale e del periodo estivo, mentre in Fig. 17a riportato la distribuzione della concentrazione media annua. Come si pu notare, i valori di concentrazione media di NOx stimati risultano estremamente elevati nelle immediate vicinanze dellarco stradale con dei picchi di concentrazione che arrivano fino a 44 g/m3 come media annua, 58 g/m3 come media invernale e 33 g/m3 come media estiva. Se si considera la situazione relativa al particolato sottile, in Fig. 18 evidenziata la distribuzione della concentrazione media annua di PM10. Come si nota il contributo limitato e valutabile in un massimo inferiore a 4 g/m3. Figura. 17 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media di NOx emessi dal tratto autostradale della A1 allinterno del dominio di calcolo del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c).

Tratto autostrada A1 (Roma-Napoli) (a) NOx media gennaio-giugno (g/m3)

(b) NOx media gennaio (g/m3)


Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 23 di 31

(c) NOx media giugno (g/m3)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 24 di 31

Tratto autostrada A1 (Roma-Napoli) PM10 media gennaio giugno (g/m3)

Figura. 18 distribuzione della concentrazione annua di PM10 derivante dalle strade.


3.3.3 Ricostruzione modellistica delle sorgenti diffuse (comune di Colleferro) stata effettuata la ricostruzione modellistica della concentrazione di alcune sostanze emesse a livello comunale allinterno del dominio di calcolo. Dal punto di vista modellistico questa tipologia di sorgenti, che viene generalmente identificata come areale o diffusa, risulta piuttosto critica da trattare poich non possibile identificare uno o pi punti responsabili dellemissione ma necessario associare tali emissioni ad un area pi o meno estesa compatibilmente con il dettaglio con cui si hanno le informazioni emissive e la risoluzione orizzontale del modello stesso. Nel nostro caso, partendo dai dati emissivi prodotti nellambito del Piano di Risanamento della Qualit dellAria, stata considerata come sorgente diffusa larea comprendente il comune di Colleferro di cui sono state considerate le emissioni derivanti dai diversi macrosettori secondo la terminologia CorinAir come il riscaldamento civile ed il trasporto stradale allinterno del comune stesso. Nelle Figg. 19a, b, c riportata la distribuzione della concentrazione media di NOx come media annua (Fig. 19a), media invernale (Fig. 19b) e media estiva (Fig. 19c).

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 25 di 31

Area residenziale (a) NOx media gennaio-giugno (g/m3)

(b) NOx media gennaio (g/m3)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 26 di 31

(c) NOx media giugno (g/m3)

Figura 19 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media di NOx emesso nellarea del comune di Colleferro del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c).

La distribuzione della concentrazione media di NOx si estende comunque intorno alla zona residenziale di Colleferro con dei picchi massimi che variano in funzione del periodo di media. La media annua mostrata in Fig. 19a evidenzia un massimo di circa 10 g/m3 appena a sud dellarea residenziale probabilmente dovuto alla presenza, in questa zona, di rilievi orografici in grado di provocare laccumulo delle sostanze emesse. La distribuzione della concentrazione media invernale, Fig. 19b, mostra un picco massimo di circa 16 g/m3 localizzato anchesso a sud delarea residenziale, mentre la distribuzione media estiva risulta spalmata su un area maggiore del caso invernale anche se con valori di concentrazione inferiori. Il picco massimo, nel caso estivo, di circa 4 g/m3 e risulta centrato nellarea residenziale del comune di Colleferro. La distribuzione media annua di PST, riportata in Fig. 20, mostra una distribuzione del tutto simile a quanto osservato al caso analogo dellNOx con un picco massimo di circa 8 g/m3.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 27 di 31

Area residenziale PST (g/m3) media gennaio-giugno

Figura 20 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media annua di PST emesso nellarea del comune di Colleferro.

3.3.4 Ricostruzione modellistica complessiva Per concludere lanalisi stata effettuata la sovrapposizione degli effetti di tutte le sorgenti, puntuali e areali e lineari, presenti in zona. Per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NOx), in Fig. 21a viene riportata la distribuzione spaziale della concentrazione media annua (media tra il periodo invernale e quello estivo) al suolo dovuta alle diverse sorgenti che insistono sullarea. Al fine di tener conto anche delle differenti capacit dispersive dellatmosfera dovute alla stagionalit dei fenomeni meteorologici, vengono riportate anche la media del periodo invernale (Fig. 21b) e quella del periodo estivo (Fig. 21c). Come si pu notare la presenza dellautostrada ha una notevole influenza sullarea di interesse con alcune zone critiche che si estendono fino al comune di Colleferro a causa della sovrapposizione degli effetti dovuti alla presenza del tratto stradale stesso con il cementificio e larea residenziale. I picchi massimi di concentrazione media di NOx vengono osservati nel periodo invernale, ripercuotendosi anche sulla media annua, con valori superiori a 50 g/m3. In Fig. 22 riportata la distribuzione media annua di PST sovrapponendo, analogamente al caso precedente, il contributo di tutte le sorgenti considerate nella simulazione. La distribuzione media di PST mostra un picco massimo, inferiore a 10 g/m3, intorno allarea residenziale di Colleferro dovuto al contributo complessivo della sorgente diffusa comunale e delle cave del cementificio localizzate a sud del comune di Colleferro.
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 28 di 31

Ricostruzione complessiva (tutte le sorgenti) (a) NOx media gennaio-giugno (g/m3)

(b) NOx media gennaio (g/m3)

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 29 di 31

(c) NOx media giugno (g/m3)

Figura 21 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media di NOx prodotta da tutte le sorgenti considerate nella simulazione del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c).

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 30 di 31

Ricostruzione complessiva (tutte le sorgenti) PST (g/m3) media gennaio-giugno

Figura 22 Distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione media annua di PST prodotta da tutte le sorgenti considerate nella simulazione del periodo gennaio-giugno (a), gennaio (b) e giugno (c).

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT - /10
Rev 0 del 26.04.2010

Pagina 31 di 31

Considerazioni conclusive

In questo lavoro di censimento e di ricostruzione modellistica del contributo allo stato di qualit dellaria della zona di Colleferro derivante dai principali impianti ed infrastrutture presenti nella zona si ottiene come risultato quanto gi riscontrato anche in altre zone della regione. Emerge, dallanalisi effettuata, il notevole contributo che esercita la presenza di un tratto stradale caratterizzato da elevati flussi di traffico il cui effetto negativo, in termini di qualit dellaria, viene nel nostro caso amplificato dal contributo delle sostanze emesse nella zona residenziale di Colleferro e dalle sorgenti puntuali. Relativamente a queste ultime la simulazione evidenzia il maggiore impatto del cementificio rispetto al contributo offerto dagli inceneritori a causa del maggior tasso di emissione di NOx e PST. Ci dovuto in particolare alle emissioni in quota dei forni del cementificio ed alle emissioni dovute alla presenza delle cave molto vicine al suolo e quindi potenzialmente critiche. In una fase di ulteriore approfondimento sar conveniente considerare lipotesi di trattare le cave del cementificio come sorgenti area per coinvolgere nella ricostruzione modellistica anche la frazione di sostanze inquinanti emesse in maniera non convogliata, quindi non direttamente emesse da un camino. E altres necessario sottolineare il fatto che la ricostruzione effettuata rappresenta unicamente leffetto delle sorgenti considerate nella simulazione senza considerare il contributo di altre sorgenti, pi o meno prossime al dominio di calcolo, che in un area cos critica dal punto di vista orografico come quella della Valle del Sacco possono influire sulla stima della concentrazione delle sostanze inquinanti.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 1 di 13

Valutazione ante-operam dei punti di massima ricaduta delle sostanze inquinanti emesse dallimpianto di gassificazione di Albano

MATRICE DELLE REVISIONI

Rev. 0

OGGETTO Prima emissione

COPIA CONTROLLATA N : _____________________ CONSEGNATA A : _____________________________

REDAZIONE
Andrea Bolignano

VERIFICA

APPROVAZIONE

EMISSIONE
Resp. Divisione Atmosfera e Impianti

Resp. Divisione Atmosfera Resp. Divisione Atmosfera e Impianti e Impianti

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 2 di 13

INDICE

1 2 3 3.1 3.2 3.3 4

Premessa ..............................................................................................................................3 Caratteristiche principali dellimpianto di gassificazione ........................................3 Simulazione modellistica .................................................................................................4 Campi meteorologici utilizzati per la simulazione ................................................................4 Emissioni utilizzate per la simulazione .................................................................................6 Risultati della simulazione modellistica ................................................................................7 Considerazioni conclusive .............................................................................................11

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 3 di 13

Premessa

Lo scopo del presente documento la valutazione ante operam dellimpatto sulle concentrazioni in prossimit del suolo delle sostanze inquinanti emesse dallimpianto di gassificazione che si prevede verr localizzato nel comprensorio di Albano. In particolare gli obiettivi prefissati dal seguente studio sono : Aree di massima ricaduta in funzione dei vari periodi di un anno tipico; Valutazione dellordine di grandezza dellincremento prevedibile della concentrazione al suolo prodotto dallimpianto. Lo studio, sebbene abbia carattere preliminare, stato eseguito con un certo dettaglio utilizzando i campi meteorologici 3D, relativi allanno 2005 scelto come anno di riferimento, prodotti da un modello non stazionario (RAMS) tenendo conto dellorografia del territorio e in grado di fornire a livello orario i valori dei parametri meteorologici e micrometeorologici responsabili della diffusione e dispersione delle masse daria su tutto il territorio regionale. Per raggiungere gli obiettivi prefissati stato utilizzato un modello lagrangiano a particelle, SPRAY, in grado di fornire a livello orario i campi 3D di concentrazione in prossimit del suolo attraverso i quali stato possibile identificare le aree pi esposte rispetto ai livelli di concentrazione prodotti dallimpianto. Nella simulazione, viste le finalit dello studio, si ritenuto sufficiente considerare un inquinante di riferimento, gli ossidi di azoto, da utilizzare come tracciante. Viste le caratteristiche del modello le aree di massima ricaduta rimangono le stesse per tutti gli altri inquinanti emessi dallimpianto, mentre lincremento delle concentrazioni al suolo risulta proporzionale ai relativi valori di emissione.

Caratteristiche principali dellimpianto di gassificazione

Ai fini della simulazione modellistica effettuata rivestono particolare importanza le caratteristiche sia fisiche che geometriche dei punti di emissione dellimpianto. I parametri principali utilizzati per la simulazione, forniti dagli uffici della Regione Lazio, sono riportati nella tabella seguente.

Impianto

Latitudine

Longitudine

Altezza camino (m)

Temperatura gas (C) 180 180 180

Diametro camino (m)

Velocit di uscita fumi (m/s)

E1A E1B E1C

41 4116N 41 4116N 41 4116N

123656E 123656E 123656E

43 43 43

2.7 2.7 2.7

30 30 30

Tabella 1 - Caratteristiche dei punti di emissione dellimpianto di gassificazione

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 4 di 13

Simulazione modellistica

La simulazione modellistica stata effettuata col modello lagrangiano a particelle SPRAY che ha fornito la distribuzione spaziale dei livelli di concentrazione delle sostanze inquinanti emesse unicamente dallimpianto di gassificazione in modo da permettere la valutazione ante operam delle aree di massima ricaduta delle sostanze inquinanti. A tal fine, per una corretta valutazione dellinfluenza sulle concentrazioni al suolo dovute allemissione di tali sostanze, larea oggetto della simulazione stata considerata priva di qualsiasi sorgente emissiva eccezion fatta per limpianto in esame. Qui di seguito riportato il dominio di calcolo, cio la zona interessata dalla simulazione considerato per la simulazione stessa.

Figura 1 dominio della simulazione (30Km x 30Km)

3.1

Campi meteorologici utilizzati per la simulazione

Il modello di simulazione della dispersione degli inquinanti in aria adottato di tipo tridimensionale e non stazionario e quindi, per il suo funzionamento, necessita della conoscenza oraria della distribuzione spaziale (sia orizzontale che verticale) dei vari campi meteorologici (le tre componenti del vento, la temperatura) e della turbolenza caratteristica della parte bassa dellatmosfera (deviazioni standard delle componenti del vento, ecc.). Tali informazioni non possono essere misurate direttamente da stazioni meteorologiche convenzionali e richiedono una ricostruzione
Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata
DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 5 di 13

numerica con adeguati modelli meteorologici. Per realizzare in tempi ragionevolmente brevi la simulazione senza, per, perdere in realisticit, tali campi meteorologici e micrometeorologici, utilizzati nella simulazione modellistica, derivano dal sistema di analisi RAMS/ISAN, che realizza un downscaling delle ricostruzioni effettuate su tutto il territorio nazionale da parte del Ministero dellAmbiente nel progetto MINNI relative allanno 2005. La scelta dellanno 2005, motivata in questo studio dalla necessit di realizzare le simulazioni in tempi relativamente brevi, non penalizzante per le ricostruzioni visto il carattere climatologico dello studio e la tipicit dellanno considerato. Tale sistema, qui adottato, in grado di ricostruire i campi meteorologici e micrometeorologici tridimensionali orari in ogni punto della griglia del dominio di calcolo utilizzato. A titolo di esempio, in Figura 2 riportata la distribuzione spaziale del campo di velocit del vento e della temperatura in prossimit del suolo (z = 10m) ed in prossimit della quota dei punti di emissione (z = 50m).
(a) Campo di vento (z=10m) (b) Campo di vento (z=50m)

Figura 2 campi di velocit del vento in prossimit del suolo (z=10m) e in prossimit della quota dei camini (z=50m). Come si nota, entrambi i campi (cio le distribuzioni spaziali) evidenziano una notevole variabilit spaziale, causata soprattutto dalla presenza dei rilievi orografici della zona, dalla presenza del mare e della linea di costa e dalle diverse destinazioni duso del suolo. Inoltre, da queste figure emerge, come ci si aspetta, che la velocit rilevata in quota (Figura 2b) superiore allintensit del vento in prossimit della superficie (Figura 2a) a causa della distanza dalla superficie terrestre. La complessit che si evince da queste illustrazioni conferma lopportunit e la necessit di adottare nelle simulazioni della dispersione degli inquinanti in aria un modello, come SPRAY, capace di tener conto realisticamente di tutto ci. Per meglio comprendere lelevato grado di complessit del flusso delle masse daria nella zona, in Figura 3 sono riportate le linee di flusso del campo di vento (cio le traiettorie percorse dalle diverse masse daria) rappresentative di una tipica situazione di stabilit atmosferica (Figura 3a), tipica soprattutto delle situazioni notturne e/o nuvolose e/o di brezza di terra, ed una tipica situazione convettiva (Figura 3b), tipica delle situazioni diurne, estive e soleggiate.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 6 di 13

(a) linee di flusso - gennaio

(b) linee di flusso - giugno

Figura 3 linee di flusso del campo di vento in prossimit del suolo (a : gennaio, b : giugno) Le Figure 3 a e b precedenti, presentate a titolo di esempio, evidenziano come le linee di flusso varino in corrispondenza dei rilievi orografici e come si venga ad instaurare una diversa circolazione nelle due tipiche situazioni di stabilit atmosferica considerate. In particolare si evidenzia che nelle condizioni di instabilit atmosferica, cio in situazioni diurne, estive e soleggiate, si venga ad instaurare un regime di circolazione di brezza marina tipica di queste situazioni meteorologiche. 3.2 Emissioni utilizzate per la simulazione

Come detto precedentemente la simulazione stata eseguita considerando come unica sorgente emissiva limpianto di gassificazione valutando, in prossimit del suolo, limpatto delle sostanze inquinanti emesse sulle concentrazioni al suolo e la loro distribuzione spaziale. I parametri di riferimento utilizzati per la simulazione sono: la localizzazione della fonte di emissione (coordinate del camino e altezza delle emissioni) le caratteristiche di emissione dei fumi (velocit dei fumi, temperatura dei fumi e diametro dei punti di emissione) valore di emissione di NOx (preso come riferimento per determinare larea di massima ricaduta al suolo).

I valori adottati nello studio sono riportati qui di seguito


Impianto E1A-E1B-E1C Latitudine 41 4116N Longitudine 123656E Altezza camino (m) 43 Temperatura gas (C) 180 Diametro camino (m) 2.7 Velocit di uscita fumi (m/s) 30 NOx (g/h) 3745

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 7 di 13

Considerando che le caratteristiche fisiche e geometriche dei 3 punti di emissione sono identiche, per ottimizzare i tempi di calcolo la simulazione stata effettuate considerando un unico punto di emissione con le caratteristiche sopra riportate. Come detto precedentemente il tracciante delle sostanze inquinanti emesse dallimpianto lNOx. Va ricordato che lo scopo del presente studio quello di considerare limpatto dellimpianto e, da questa ipotesi di calcolo, deriva che la forma della distribuzione spaziale della concentrazione dei vari inquinanti risulta la medesima (anche se i valori assoluti sono ovviamente differenti, ma in rigida proporzione gli uni con gli altri). Pertanto, poich in prima approssimazione la simulazione non coinvolge reazioni chimiche, possibile comunque ricalcolare la concentrazione al suolo di qualsiasi altra sostanza emessa dal camino riproporzionando la concentrazione ottenuta per lNOx rispetto ai rispettivi valori di emissione. A partire da ci il modello ricostruisce ora dopo ora la distribuzione spaziale della concentrazione dei vari inquinanti e quindi richiede la conoscenza dei tassi di emissione orari delle varie sostanze inquinanti. A scopo conservativo, la modulazione temporale adottata nella simulazione riferita ad un tasso di emissione, a livello orario, costante lungo tutto larco dellanno. Tale ipotesi incide sulla distribuzione dei valori assoluti delle concentrazioni orarie al suolo ma non sulla forma della distribuzione spaziale non influenzando quindi le aree di massima ricaduta determinate dalla simulazione. Pi in generale la scelta della modulazione temporale , daltro canto, potenzialmente in grado di influenzare i campi medi di concentrazione anche in termini di distribuzione spaziale oltre che nei valori assoluti. Una volta noti i campi meteorologici medi e i campi che descrivono la turbolenza della parte bassa della troposfera (il Planetary Bounday Layer, PBL), le caratteristiche fisiche e geometriche della sorgente di emissione ed i tassi i emissione orari delle varie specie inquinanti emesse, limpiego del modello SPRAY ha consentito di realizzare le simulazioni che costituiscono la base conoscitiva per realizzare la valutazione oggetto del presente studio. 3.3 Risultati della simulazione modellistica

Come detto, la simulazione modellistica stata effettuata impiegando il modello lagrangiano a particelle SPRAY. Considerando le caratteristiche fisiche e geometriche dei punti di emissione , in particolare la velocit di uscita dei fumi raggiunge i 30m/s, il dominio di calcolo scelto piuttosto ampio e ricopre unarea di 900 km2 (30 km x 30 km) con una risoluzione orizzontale di 1 km, centrato intorno allimpianto.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 8 di 13

Figura 4 dominio di calcolo utilizzato per la simulazione (30Km x 30Km) La simulazione modellistica, come detto precedentemente, ha prodotto le distribuzioni spaziali orarie dei livelli di concentrazione al suolo di NOx. Per poter utilizzare questi risultati stato scelto il valore medio della concentrazione come indicatore in grado di sintetizzare le informazioni elementari ottenute, consentendo di evidenziare le aree in cui erano complessivamente maggiori gli impatti dellimpianto nei periodi ritenuti pi rappresentativi di un anno tipico. Il valore medio per ogni periodo selezionato stato calcolato per ogni punto della griglia del dominio di calcolo in modo da definirne la rispettiva distribuzione spaziale. Per conservare le caratteristiche stagionali dei fenomeni coinvolti pur riducendo ad un livello accettabile la complessit della simulazione (e quindi i tempi di calcolo e di realizzazione del presente studio), i periodi presi come riferimento sono relativi ai mesi gennaio, giugno ed al periodo settembre-novembre in modo tale da considerare le caratteristiche tipiche, rispettivamente, del periodo invernale, del periodo estivo e del periodo autunnale ritenuto, dal punto di vista meteorologico, un periodo di transizione quindi influenzato da elementi caratteristici sia del periodo estivo che invernale.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 9 di 13

(a) NOx (g/m3) media gennaio-giugno

(b) NOx (g/m3) media di gennaio

(c) NOx (g/m3) media di giugno

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 10 di 13

(d) NOx (g/m3) media settembre-ottobre-novembre

Figura 5 campi medi di concentrazione di NOx in prossimit del suolo

Dalle simulazioni effettuate, i cui risultati sono riportati in Figura 5, emerge che i picchi di concentrazione media in prossimit del suolo derivanti unicamente dalle sostanze emesse dallimpianto in esame sono inferiori a 1 g/m3. Le aree maggiormente coinvolte sono racchiuse nel settore angolare SW-SE rispetto alla posizione dellimpianto stesso. Per una valutazione completa della qualit dellaria della zona necessario considerare linsieme delle sorgenti esistenti nellarea circostante limpianto di gassificazione i cui livelli di concentrazione andrebbero sovrapposti ai risultati ottenuti nella simulazione presentata.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 11 di 13

Considerazioni conclusive

In generale la macro area maggiormente influenzata dalle sostanze emesse dallimpianto di massificazione di Albano, indipendentemente dal periodo di simulazione, riportata nella figura sottostante.

Figura 6 area interessata dalla ricaduta delle sostanze emesse

Poich la finalit dello studio lindividuazione delle aree che, in termini di concentrazione media, sono pi esposte alle sostanze inquinanti emesse dalla sorgente studiata, per una migliore visualizzazione della localizzazione delle aree pi esposte di seguiti sono riportati gli zoom delle suddette aree.

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 12 di 13

(a) Gennaio zoom dellarea di massima ricaduta

(b) Giugno - zoom dellarea di massima ricaduta

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

DOCUMENTO TECNICO

DT DT 02-09
Rev 0 del 23.07.09

Pagina 13 di 13

(c) Mesi autunnali - zoom dellarea di massima ricaduta

Figura 7 Ingrandimenti delle aree di massima ricaduta In base ai risultati ottenuti dalle simulazioni effettuate, dalle Figure 7(a-c) emerge che larea pi esposta alla ricaduta delle sostanze emesse dallimpianto di gassificazione si estende nel settore angolare SW SE rispetto allimpianto stesso. In particolare, nonostante i livelli di concentrazione medi di NOx siano < 1 g/m3, lestensione delle aree coinvolte : nei mesi invernali larea si estende lungo la direttrice SW rispetto allimpianto ad una distanza compresa tra circa 2.5Km e 5Km; nei mesi estivi larea si estende lungo la direttrice S-SE rispetto allimpianto ad una distanza compresa tra circa 1.3Km e 1.8Km; nei mesi autunnali larea si estende lungo la direttrice SW rispetto allimpianto ad una distanza compresa tra circa 1Km e 2Km;

Documento di propriet di ARPA Lazio Riproduzione vietata


DTDT02-09REV00_SimulGassAlbano

Epidemiologia Rifiuti Ambiente Salute nel Lazio - ERAS Lazio

Monitoraggio della qualit dellaria nelle zone interessate dagli impianti di smaltimento dei rifiuti (periodo 2011-2012)

Roma, Aprile 2013

PROGRAMMA ERAS Lazio

INDICE Introduzione ....................................................................................................................................... 3 1 Campagna di monitoraggio presso la discarica di Viterbo .................................................... 4

1.1 Inquadramento territoriale.................................................................................................... 5 1.2 Inquinanti gassosi e particolato fine..................................................................................... 5 1.3 Diossine.............................................................................................................................. 10 1.4 Policlorobifenili (PCB) ...................................................................................................... 12 1.5 Metalli ................................................................................................................................ 13 1.6 Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) ............................................................................. 14 1.7 Aldeidi e Sostanze Organiche Volatili ............................................................................... 15 2 Campagna di monitoraggio presso il complesso impiantistico di Malagrotta ................... 17 2.1 Inquadramento territoriale.................................................................................................. 17 2.2 Inquinanti gassosi e particolato fine................................................................................... 18 2.3 Diossine.............................................................................................................................. 21 2.4 Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) ............................................................................. 22 2.5 Policlorobifenili (PCB) ...................................................................................................... 22 2.6 Metalli ................................................................................................................................ 24 3 Campagna di monitoraggio presso la discarica di Guidonia ............................................... 25 3.1 Inquadramento territoriale.................................................................................................. 25 3.2 Inquinanti gassosi e particolato fine................................................................................... 27 3.3 Diossine.............................................................................................................................. 29 3.4 Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) ............................................................................. 30 3.5 Policlorobifenili (PCB) ...................................................................................................... 31 3.6 Sostanze Organiche Volatili, Aldeidi e Idrogeno Solforato .............................................. 32 3.7 Metalli ................................................................................................................................ 35 4 Campagna di monitoraggio presso la discarica di Borgo Montello .................................... 36 4.1 Inquadramento territoriale.................................................................................................. 36 4.2 Inquinanti gassosi e particolato fine................................................................................... 38 4.3 Diossine.............................................................................................................................. 40 4.4 Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA) ............................................................................. 41 4.5 Policlorobifenili (PCB) ............................