Sei sulla pagina 1di 60

SABATO 23 APRILE 2011 ANNO 136 - N.

96
italia: 515050585854

In Italia con "IO Donna"

EURO 1,50

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 6339 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510

Fondato nel 1876


Con il decreto sullo sviluppo

www.corriere.it
Oggi Societ Il pranzo express dei manager fuori sede
di A. Gramigna a pagina 35 Altri servizi alle pagine 36-49

Roma, Piazza Venezia 5 Tel. 06 688281

Nasce il piano salva-mutui


Norme per rinegoziare i contratti con le banche
di Mario Sensini a pagina 15

TEMPI LIBERI

CONTESE PERSONALI, NODI POLITICI

IL CASO TREMONTI NON E CHIUSO


di PIERO OSTELLINO

Giorno di sangue

Decine di morti durante le manifestazioni per la democrazia. I testimoni parlano di una pioggia di proiettili

Massacro nelle piazze siriane LAmerica: basta repressione


Il venerd islamico si trasforma in un massacro nelle piazze della Siria. Il presidente Assad fa sparare sulla rivolta. Decine di morti durante le manifestazioni per la democrazia. I testimoni: sulla protesta una pioggia di proiettili. Non servita, a placare gli animi, labrogazione dello stato di emergenza. LAmerica: basta repressione.
ALLE PAGINE 2 E 3

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

l governo, per ora, salvo, ma il problema rimane. Ed politico. La solidariet data da Berlusconi a Tremonti che, altrimenti, si sarebbe dimesso, provocando la crisi di governo consente allesecutivo di sopravvivere. Ma le accuse di Galan a Tremonti di condizionare loperato dei ministri, e di bloccare lo sviluppo del Paese, sono una lama a doppio taglio. Tremonti ha il merito, stringendo i cordoni della borsa, di aver salvato il Paese dalla speculazione internazionale sul debito pubblico e dal pericolo di bancarotta finanziaria. anche verosimile che la stretta abbia finito col ridurre le capacit di ripresa della nostra economia mentre altri Paesi si sono gi rimessi in moto di cui si fatto interprete lo stesso mondo imprenditoriale. Interpretare, perci, la crisi come un caso di litigiosit fra ministri sarebbe riduttivo. Mettiamo pure che la sortita di Galan rifletta il malumore di molti di loro, e dello stesso Berlusconi, per un rigore che, bloccando la spesa pubblica, ha ridotto la disponibilit di risorse e la capacit di iniziativa dei singoli ministeri. Non un paradosso dire che, oggi, i ministri sono senza portafoglio; che , poi, la loro autonoma capacit di spesa una volta ripartite le risorse disponibili. Ma il ministro dei Beni culturali per usare una metafora ciclistica non un uomo in fuga che, prima o poi, il gruppone riassorbir, procedendo compatto verso il traguardo. Galan, dicendo che Tremonti ha commissariato il Consiglio dei ministri, ha sollevato il problema, tutto politico, della capacit di direzione del governo e, quin-

di, ancorch indirettamente, del presidente del Consiglio. Anche ammesso che la sua sortita sia stata, se non concordata, ispirata dagli umori di Berlusconi nei confronti di Tremonti che egli percepisce come un suo possibile successore sostenuto dallopposizione un fatto che essa non azzoppa un concorrente nella gara alla premiership, ma il capo del governo in carica. Viene, cos, in primo piano per usare lantica espressione di Enrico Berlinguer per denunciare linvoluzione dellUnione Sovietica la crisi di quella spinta propulsiva del centrodestra che passa sotto il nome di rivoluzione liberale. Linterprete, e propulsore, di tale rivoluzione era stato Berlusconi che, nel 1994, aveva raccolto attorno a s un certo numero di entusiasti intellettuali liberali. Non , per, un caso che di quegli stessi intellettuali si siano perse le tracce e alcuni di loro non nascondano neppure il proprio scontento per linvoluzione conservatrice di Forza Italia, prima, e del Popolo della libert, infine. Berlusconi ne ha attribuito la responsabilit, via via, a Casini, poi a Fini che avrebbero boicottato le riforme e, ora, sordamente, anche dopo il formale sostegno che stato costretto a confermargli in questa circostanza, a Tremonti. Forse, dovrebbe chiedersi se il principale responsabile dello stallo non sia lui stesso. Per aver concentrato, ancorch per ragioni umanamente comprensibili, pressoch tutta la propria capacit di iniziativa parlamentare sulla soluzione dei propri problemi giudiziari, invece che su quelli del Paese. postellino@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

LULTIMO GATTOPARDO
di ANTONIO FERRARI

AP / PETROS KARADJIAS

ambiguit, lincertezza, linadeguatezza e forse la paura di perdere il potere erano innervati sul volto di tutti i convenuti a Damasco, attorno ad un tavolo ovale, in una stanza nobile del regime alauita. accaduto gioved, quando il presidente siriano Bashar el Assad ha annunciato labolizione dello stato di emergenza, in vigore dal 1963.
CONTINUA A PAGINA 3

Mazza, Muglia

Migranti Sarkozy pensa di rafforzare le frontiere ma nega che bloccher gli accordi

Referendum

Parigi vuole cambiare Schengen


Liberato il rimorchiatore italiano sequestrato in Libia
Ha risposto a 7 domande
Parigi vuole modificare il Trattato di Schengen. Di fronte alla crisi dei migranti, il presidente francese Sarkozy pensa di rafforzare le frontiere e chiede unazione comune, ma nega che bloccher gli accordi. Marted summit a Roma: Francia e Italia parleranno di come cambiare il Trattato, di come renderlo pi efficiente e quindi anche di quando e come sospenderlo in caso di situazioni di emergenza. Liberato, intanto, il rimorchiatore italiano sequestrato a marzo in Libia.
ALLE PAGINE 5 E 6 Bufi, Montefiori

SALVIAMO LACQUA DALLE LITI IDEOLOGICHE


di SERGIO RIZZO

LO SGUARDO FISSO AI SONDAGGI PER LELISEO


di MASSIMO NAVA

Offeddu, Olimpio, Zecchinelli

occhio fisso ai sondaggi. LEliseo trema di fronte allennesima impietosa previsione che annuncia la sconfitta di Sarkozy alle presidenziali e la probabile eliminazione al primo turno a vantaggio di Marine Le Pen, leader del Fronte nazionale. A PAGINA 58

i manca soltanto che con qualche geniale trovata adesso si cerchi di evitare pure il referendum sulla privatizzazione dellacqua. Anche se non ci sarebbe da sorprendersi, visto com andata a finire con il nucleare, abrogato per legge giusto un mese prima del voto.
CONTINUA A PAGINA 58 ALLE PAGINE 22 E 23

R. Bagnoli, Imarisio, L. Salvia

Milano, la Lega con la Moratti. Santanch allattacco


REUTERS / ALESSANDRO BIANCHI

Giannelli

Il centrodestra si spacca sul candidato anti-pm


Il caso Lassini spacca il Pdl. La posizione del sindaco Moratti non condivisa da tutto il partito. Sono usciti allo scoperto per difendere il candidato anti-pm il sottosegretario Daniela Santanch e lonorevole Giorgio Stracquadanio. Il caso per me chiuso, ha detto ieri la Moratti. Anche la Lega in campo a favore del sindaco.
ALLE PAGINE 10 E 11

Settegiorni
di Francesco Verderami

Papa Benedetto XVI celebra la Passione in San Pietro

IL PAPA CATECHISTA IN TV
di VITTORIO MESSORI

Confalonieri: Silvio non far passi indietro


ui, che lo conosce bene, dice che Berlusconi non ci pensa nemmeno a fare un passo indietro e neanche di CONTINUA A PAGINA 13 lato.

l Papa catechista in tv. Benedetto XVI risponde a 7 domande su Raiuno. E in serata apre la Via Crucis mettendo in guardia da sgomento e angoscia.
A PAGINA 8 Vecchi - A PAGINA 9 il testo del dialogo in tv

Corvi, M. Franco, Soglio

Il professore contestato per aver fatto intonare la canzonetta dai suoi alunni

La lezione di storia con Faccetta nera


di PIERLUIGI BATTISTA

www.quattroruote.it

9 771120 498008

150 anni dellUnit dItalia si portano dietro il grande imbarazzo del Ventennio, quello fascista naturalmente. Da dimenticare, demonizzare, espellere eternamente con ignominia dalla storia italiana? Oppure considerarlo storia dellItalia unita, canzonette comprese, come ha fatto il professore di Pove del Grappa che per raccontare il fascismo ai suoi studenti ha fatto intonare in classe Faccetta nera?
A PAGINA 29

Il delitto di Ascoli

Z e RO
ioni

Emiss

Allegato al n

667 - Maggio

2011

LE NUOVE IBRIDE Per tutti i gust e (quasi) tutte le tasc i he

Parla il marito della donna uccisa Capisco la pressione su di me


di FRANCESCO ALBERTI
ALLE PAGINE 24 E 25

Solo QUATTRORUOTE 5,00

ELETTRICH NON SOL E O CITYCAR

Esclusivo: dentro la nuova Panda! In regalo lallegato Emissioni Zero

10 4 2 3>

Il prototipo della Phantom elettrica, ultima provocaz ione Rolls-Royce

5
COVER EMISSIONI ZERO.indd

DAI MOT AI PNEUMA ORI TICI I trucchi per ridurre la CO

INOLTRE Quattroruote + Vendo&Compro solo 5,50

edizione

2
#

Primo Piano

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Mondo arabo Le rivolte

Deploriamo luso della violenza, siamo molto inquieti di fronte alle informazioni arrivate dalla Siria Jay Carney, portavoce della Casa Bianca

La rivolta del Venerd Santo Strage di dimostranti in Siria


Oltre 80 i morti. Monito di Usa e Francia: Inaccettabile
DAL NOSTRO INVIATO

Dal finestrino Un giovane siriano osserva un camion di soldati in assetto di guerra dirigersi verso la citt di Homs, in Siria. I militari ieri hanno aperto il fuoco contro i dimostranti (Ap)

Il Paese

Tra conflitti e repressione


Economia in affanno
Indipendente dal 1946, la Siria ha oltre 20 milioni di abitanti (2.410 dollari il Pil pro-capite). La sua economia basata sui settori petrolifero e agricolo, resta ancora fortemente sotto il controllo del governo, nonostante le modeste riforme attuate di recente

GERUSALEMME Non avrete altre scuse per protestare, aveva avvertito laltro ieri il presidente siriano Bashar Assad nel firmare labolizione delle leggi di emergenza in vigore da 48 anni nel suo Paese. Ma migliaia di siriani hanno dimostrato ieri di volere di pi: sono scesi in piazza in molte citt, nelle prime manifestazioni coordinate su scala nazionale. Hanno sfidato una repressione durissima: gli attivisti contavano ieri almeno 80 morti. Le proteste sono state battezzate su Facebook le rivolte del Venerd Santo. Il logo raffigura una croce e due minareti, per sottolineare che musulmani e cristiani sono uniti e che le manifestazioni contro il regime non sono uninsurrezione armata dominata da estremisti salafiti, come dice il governo. La Chiesa ortodossa ha annullato ieri le processioni, e ha sottolineato dessere dalla parte di Assad. Stati Uniti e Francia seguono preoccupati gli avvenimenti. Basta con le violenze ha ammonito la Casa Bianca . ora di attuare le riforme promesse. Nella notte il presi-

dente Barack Obama ha accusato Assad di cercare laiuto iraniano nel reprimere la libert dei cittadini siriani. Da Parigi un altro monito: Le autorit siriane devono rinunciare alluso della violenza contro i propri cittadini. Di fronte alle manifestazioni scoppiate il 18 marzo nel Paese, il presidente siriano, che ha ereditato il potere dal padre 11 an-

ve del potere. Un esempio: ora i cortei sono consentiti, ma in virt di una nuova legge approvata l'altro ieri solo previa autorizzazione del ministero dellInterno. Il primo cittadino che ha chiesto il permesso per un corteo stato arrestato. I manifestanti chiedono la fine degli arresti, uninchiesta sulle morti dei manifestanti, il rilascio di tutti i prigionieri politici, la fine del

Scala nazionale A migliaia sono scesi in piazza in molte citt, nelle prime manifestazioni su scala nazionale
ni fa, ha alternato le promesse di riforma alla repressione (oltre 200 morti secondo gli attivisti). Laltro ieri stata abolita come richiesto dalla piazza la Corte speciale per la sicurezza dello Stato, e in precedenza stato formato un nuovo governo. Per alcuni manifestanti sono conquiste importanti ma il merito non di Assad bens delle proteste. Per altri troppo poco: il presidente controlla tutte le le-

Dopo la preghiera Le proteste di ieri sono iniziate dopo la preghiera musulmana di mezzogiorno
monopolio del partito Baath, la riforma della Costituzione. Gli slogan non chiedono pi riforme, ma la fine del regime. Le proteste di ieri sono iniziate dopo la preghiera musulmana di mezzogiorno. Decine di migliaia i manifestanti in tutto il Paese: nei sobborghi di Damasco come Duma e Barzeh e (in numero ridotto) nel cuore della capitale; a Homs, nel centro del Paese; a Banyas, sulla costa; a La-

takia, dove pure Assad ha molti sostenitori; nella citt di Hama dove Hafez Assad, il padre, represse nel sangue le proteste della Fratellanza musulmana nel 1982; nel Nord curdo, nonostante Assad abbia concesso la cittadinanza dopo decenni a molti abitanti; e nella provincia di Deraa, a Sud, dove le rivolte sono iniziate. Non appena i manifestanti cercavano di marciare in corteo, gli agenti li disperdevano: secondo gli attivisti avrebbero sparato sulla folla in modo indiscriminato. In alcuni video diffusi su YouTube si sentono gli spari, si vedono manifestanti in fuga e feriti. La tv di Stato sostiene che le vittime sono invece gli agenti, che usando lacrimogeni e cannoni ad acqua cercavano di impedire gli scontri tra manifestanti e cittadini. Datemi nomi e cognomi, ha chiesto la portavoce del ministero dell'Informazione a chi le dice che ci sono stati dal 18 marzo oltre 200 morti. Lopposizione replica di avere i nomi, a partire da Anwar Moussa, a Ezraa nel Sud. Colpito da un proiettile alla testa. Aveva 11 anni.

V. Ma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tre mesi in piazza per avere libert

Linizio Le prime proteste in Siria, suscitate dalle rivolte negli altri Paesi arabi, risalgono al 26 gennaio scorso. Un manifestante si d fuoco a Damasco per chiedere libert, democrazia e la fine dello stato di emergenza, in vigore nel Paese sin dal 1963

Il Paese in fiamme A met marzo, cortei spontanei nelle strade delle maggiori citt siriane. La polizia segreta e i soldati faticano a mantenere lordine. Spari sulla folla provocano vittime e feriti. Numerosi arresti ma continuano le richieste di libert e democrazia

Repressione Alla fine di marzo, nonostante la dura repressione (a sinistra, un manifestante ucciso dalla polizia segreta), la rivolta non si arresta. Bashar Assad licenzia lintero governo e promette la fine dello stato di emergenza. I disordini per continuano

I conflitti
Nel 1967 la sconfitta nella guerra dei sei giorni (e loccupazione delle alture del Golan da parte di Israele). Nel 1976 lintervento militare nella guerra civile in Libano che impone al Paese una sorta di protettorato. Il ritiro nel 2005

Spontaneismo Il blogger Malath Aumran: Le nostre rivolte non hanno un leader, o meglio hanno centinaia di leader

La strage del 1982


In 40 anni il regime ha mantenuto la stabilit a prezzo di una pesante repressione. Nel 1982, per sedare lopposizione dei Fratelli Musulmani, Hafez mand lesercito allassalto della roccaforte dellopposizione ad Hama: 20 mila le persone uccise

Dai comitati locali ai cyber-attivisti Identikit della protesta


DAL NOSTRO INVIATO

Legge demergenza
Il regime ha dichiarato marted la fine dello stato demergenza. La legislazione era entrata in vigore dopo la presa di potere da parte del partito Baath nel marzo 1963. La decisione stata presa dopo gli scontri tra opposizione e forze dellordine iniziati a febbraio

GERUSALEMME Per la prima volta, le rivolte contro il governo in Siria non sono apparse ieri isolate, ma hanno mostrato un livello di coordinamento su scala nazionale, a cominciare dal manifesto diffuso su Internet firmato da 14 comitati che portano i nomi delle citt e dei villaggi dove si sono tenute le proteste. Di chi la regia? Chi sono i leader? Il governo addita estremisti islamici e parla di complotto straniero. Gli attivisti negano, e spiegano invece che il coordinamento funziona su due livelli: il primo quello, appunto, dei comitati, ovvero di gruppi di attivisti che mobilitano i manifestanti localmente, citt per citt. Il dissidente siriano Ammar Abdulhamid, che vive in esilio a Washington, ha detto alla Bbc che, allinizio, si trattava di una decina di attivisti che vivono in Siria; pian piano si sono connessi con altre persone allinterno del

Paese, usando reti esistenti, tra cui quella delle moschee, ma non solo. Molti, secondo la Bbc, si dicono laici e non si identificano con i tradizionali gruppi e figure dopposizione come la Fratellanza musulmana o Rifaat Assad, lo zio del presidente. Laltro livello quello delleser-

cito dei cyber-attivisti: non sono loro gli organizzatori, ma aiutano i comitati a condividere le informazioni. Parlandosi via Skype, passano giornate a confermare i dati su arresti, morti, proteste, e a inviare e-mail in Siria, superando la censura. Malath Aumran uno dei cyber-attivisti: il suo vero nome Rami Nakhle, uno studente 28enne di Scienze politiche. Al telefono da Beirut, dice al Corriere che le rivolte in Siria non hanno un leader, o meglio hanno centinaia di leader, e le paragona alle rivoluzioni in Egitto e in Tunisia. Nakhle dice di conoscere personalmente alcuni degli attivisti dei comitati. Altri stanno diventando miei amici adesso. Afferma che, anche se il governo punta sulle divisioni etniche e reli-

giose per metterci gli uni contro gli altri, ci sono in realt anche diversi cristiani nei comitati. Il giovane opera sotto lo pseudonimo di Malath Aumran dal 2006: insieme ad alcuni amici, aveva lanciato un giornale online che denunciava la corruzione in Siria e aveva contatti con diversi dissidenti. Ha avviato anche una campagna e-mail per insegnare agli attivisti ad evitare la censura usando i proxy. Lo scorso dicembre, la sua copertura saltata ed fuggito a Beirut, dove vive in un quartiere cristiano. Anche Wissam Tarif, attivista dei diritti umani, direttore della Ong Insan, citato
I graffiti Un video postato su YouTube mostra un attivista siriano mascherato che scrive sui muri Abbasso il regime. Le proteste siriane sono iniziate cinque settimane fa, a Deraa, quando il regime aveva messo in prigione un gruppo di ragazzini che avevano riempito i muri di graffiti

spesso dai media internazionali, attivo su Twitter. E la pagina Facebook Syrian Revolution 2011, con i suoi 120 mila fan, un altro punto di collegamento, per diffondere notizie e condividere decine di filmati. Va detto che gli attivisti
Il volto della protesta Lavatar, ossia lalter ego digitale, usato dal blogger siriano Malath Aumran

anti-regime non sono i soli a operare su Internet: nelle scorse settimane, molti account pro-regime hanno diffuso informazioni contrastanti e creavano rumore. Alcuni, secondo i manifestanti, sono direttamente controllati dall'intelligence siriana. Il manifesto lanciato ieri dai comitati elenca i loro obiettivi: dicono di mirare ad un sistema democratico di governo in Siria. Le proteste per la libert crescono e si espandono in numeri sempre maggiori e in nuove aree - dice il manifesto -. E sta diventando necessario dichiarare in modo inequivocabile le richieste di questa rivoluzione, in modo da evitare di creare confusione e per impedire che altri parlino a nostro nome. La libert e la dignit possono essere raggiunte attraverso manifestazioni pacifiche in Siria.

Viviana Mazza
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano
La libert pu essere raggiunta solo con riforme democratiche. Tutti i prigionieri politici siano liberati Il comitato di coordinamento degli attivisti siriani

3
#

Le autorit siriane devono rinunciare alluso della violenza contro i propri cittadini Il ministero degli Esteri francese

Il potere Il leader che doveva aprire il Paese al mondo ostaggio di logiche dittatoriali

Le riforme apparenti di Assad, ultimo Gattopardo di Damasco


La strategia semplice: cambiare tutto perch nulla cambi
La setta
SEGUE DALLA PRIMA

La famiglia

Lintervista Il regista Mohammad Malas

I giovani non si fermeranno Ora chiedono la democrazia


Non so se questa strage, terribile, abbia indebolito o rafforzato Assad, di sicuro la situazione ora in Siria diventata catastrofica scandisce da Damasco Mohammad Malas, il pi noto regista siriano. Mai tentato dallesilio, ha sempre preferito raccontare il suo Paese dallinterno (da I sogni della citt, presentato al Festival di Cannes, a La notte, vincitore al Festival di Cartagine). Fino a qualche giorno fa Malas sperava ancora in una soluzione pacifica della crisi, per quanto mettesse in guardia dalle tante minacce che la insidiano. E aveva previsto (a ragione) che la fine dichiarata dello stato demergen-

Futuro

Non so cosa succeder, le incognite si nascondono nei meandri del regime

Regista Mohammad Malas, 65 anni, vive a Damasco

za, lungi dal placare la piazza, lavrebbe incoraggiata a esprimere le altre richieste. Allorigine della collera ci sono i 50 anni vissuti senza libert politiche e despressione, in assenza di partiti politici e di giustizia sociale. La fine dello stato demergenza la rivendicazione chiave del movimento di protesta, ma non lunica. I manifestanti non intendono fermarsi: chiedono la liberazione dei detenuti per reati dopinione e una Costituzione democratica. I suoi 65 anni ora la tengono lontano dalla piazza. Queste proteste sono state avviate e condotte da una nuova generazione di giovani che in passato non aveva mai

I vecchi

La mia generazione, vissuta in questi ultimi 40 anni di repressione, segue con ansia gli eventi

partecipato a movimenti politici. La nostra generazione, che ha vissuto questi ultimi 40 anni di repressione, sta osservando e attende con ansia i risvolti di questa crisi. Come andr a finire, secondo lei? Speravo in questa mobilitazione ma sono rimasto deluso che si sia orientata verso forme di scontro frontale violento con parole dordine oscure, che hanno colorazioni religiose non democratiche. Il malcontento politico, la repressione e lassenza di libert toccano tutti gli strati della societ siriana e tutti gli orientamenti politici, compresi quelli islamici; questo ha permesso la nascita di movimenti fondamentalisti salafiti sotto copertura di sigle islamiche legali. Questi movimenti non credono nelle trasformazioni democratiche e sono spesso pronti a passare ad azioni violente. Cosaltro minaccia un esito positivo della crisi? Le incognite si nascondono negli stessi meandri del regime, dove si sono creati interessi e correnti che tentano di ostacolare il cambiamento. Ho anche la sensazione che forze esterne e altri regimi arabi stiano tentando di sfruttare il momento e plasmare il cambiamento per dare allo scontro una dimensione confessionale ed etnica, nel quadro dei conflitti in corso in Medio Oriente. Le rivendicazioni dei manifestanti sono compatibili con la permanenza di Assad al potere? Chi comanda davvero in Siria? Il regime con la sua condotta, ispirata da due correnti contrapposte, da una parte assume come sue le rivendicazioni di cambiamento e promette di applicarle e dallaltra pratica una repressione violenta per mano delle forze di sicurezza. Mi auguro che la soluzione sia politica e non di sicurezza.

Minoranza Gli alauiti sono un gruppo minoritario della galassia sciita. Assieme ai cristiani costituiscono la pi consistente minoranza confessionale della Siria (l8% della popolazione) Eresia Prendono il nome da Al, il cugino e genero del profeta Maometto. Basano la loro fede su una dottrina inscritta nellIslam sciita ricca di influssi cristiani, zoroastriani e pagani, che considerata dagli altri musulmani una forma di eresia da combattere Regime In Siria il cuore del regime controllato dagli Assad e da altre influenti famiglie alauite. Sono loro che tengono in pugno il Paese. Lattuale leader Bashar Assad figlio dellex presidente Hafez: il clan al potere dal 1971

Il tono doveva essere adeguato allimportanza dellavvenimento. Tuttavia non cera solennit, perch in sostanza labolizione degli articoli che limitavano pesantemente la libert di tutti veniva sostituita da una ragnatela di future norme parallele, che solo in apparenza sembrano meno aspre della legislazione precedente. Il regime ha infatti presentato come svolta storica unoperazione di maquillage che sa tanto del Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, e cio cambiare poco per non cambiare niente. O quasi. Il regime non ha avuto neppure laccortezza o la scaltrezza di adeguarsi, almeno nellapparenza e soprattutto nellimmediato alla grande apertura. Larresto di alcuni oppositori, seguito allannuncio dellabolizione dello stato di emergenza, ha dimostrato ai ribelli (ormai centinaia

La moglie Asma Assad, 35 anni: la moglie del presidente Bashar Assad (Afp)

La mamma Anisah Makhluf, vedova di Hafez e madre di Bashar (Olympia)

ra non cerano telefonini, videofonini, televisioni satellitari e social network che oggi possono violentare qualsiasi censura. vero che in Siria, in questi giorni, i giornalisti sono assai pochi, ma sullo strapotere delle tecnologie della comunicazione anche un potere dittatoriale, che punta sulle operazioni segrete, pu fare ben poco. Quel che pi sorprende non tanto la brutalit del regime quanto il ruolo del giovane presidente Bashar el Assad, delfino controvoglia soltanto perch era morto lerede naturale, cio il fratello maggiore Basel. Bashar si era presentato portando in dote una volont riformatrice. Certo, cambiare la Siria dalle fondamenta era impresa davvero titanica. Per dalle obiettive difficolt a diventare ostaggio delle logiche dellasfissiante potere dittatoriale di una minoranza ce ne corre. chiaro che se cadesse il lai-

Scaltrezza mancata Il regime non ha avuto neppure laccortezza o la scaltrezza di adeguarsi alla grande apertura
di migliaia in tutto il Paese) quel che troppi gi sospettavano. Che nulla, insomma, era mutato, che i cambiamenti erano comunque troppo poco, e che quindi il venerd della rabbia sarebbe stato un altro venerd di sangue. Anzi. Pi sanguinoso degli altri. Quella di ieri stata davvero la giornata pi terribile dallinizio delle proteste contro il regime. Polizia e forze di sicurezza, soprattutto agenti in borghese, hanno sparato ad altezza uomo sulla folla ed difficile, a tarda sera, chiudere un bilancio che gi si presenta agghiacciante. Ora, pensare che il vertice del Paese possa decidere di affidarsi alla pi dura repressione, riproponendo nel nuovo millennio quanto Hafez el Assad, padre di Bashar, fece ad Hama nel 1982 (dai 15.000 ai 20.000 morti), davvero impossibile. Allo-

Il padre Hafez Assad, presidente della Siria dal 1971 al 2000, anno della morte. Prepar per la successione il figlio Basil e, dopo la sua prematura scomparsa, Bashar

Il fratello Maher Assad, 43 anni, fratello di Bashar: il capo della Guardia presidenziale

co regime di Damasco ci sarebbe da tremare. Non soltanto per la voglia di vendetta degli estremisti della maggioranza sunnita, che non dimenticano Hama. Ma anche in politica estera vi sarebbero gravi ricadute che coinvolgerebbero gli alleati della Siria: Iran, Hezbollah e Hamas. Israele, dopo aver perso legiziano Mubarak, rischierebbe di perdere un altro potenziale partner. Bashar el Assad, al di l della propaganda, ha sempre detto dessere pronto a riaprire la trattativa di pace con Gerusalemme.

Antonio Ferrari
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandra Muglia (traduzione a cura di Anbamed)


RIPRODUZIONE RISERVATA

Sfregio Unimmagine del presidente Bashar Assad calpestata durante una manifestazione davanti allambasciata siriana di Nicosia, Cipro (Ap)

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano
Garanzia Le autorit francesi hanno chiarito di non voler introdurre controlli alle frontiere interne Cecilia Malmstrm, commissaria Ue agli Affari interni

Immigrati I controlli

Parigi e la tentazione di sospendere Schengen


LEliseo cerca un accordo con lItalia per rafforzare le frontiere dellEuropa
Sbarco Immigrati tunisini in Italia. Sotto, Sarkozy

Precedenti

Dai Mondiali agli attentati, se il trattato va in pausa


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

I nodi

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

Laccordo Il trattato del 1985 e larticolo 78


Prende il nome dallomonima cittadina lussemburghese sede, nell85, dellaccordo tra Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi. Si decise di aprire uno spazio per garantire la libera circolazione di merci e persone. Da qui lesigenza di una politica Ue dimmigrazione. Si sono poi aggiunti gli altri Paesi. Larticolo 78 prevede che in casi di emergenza il Consiglio possa limitare temporaneamente la libera circolazione o lingresso dei cittadini di un Paese terzo

Gli arrivi Quasi 29.000 gli sbarchi da inizio anno


Dallinizio dellanno a met aprile sono sbarcati sulle coste italiane, praticamente tutti su quelle dellisola di Lampedusa, quasi 29 mila immigrati. Arrivi record si sono registrati tra il 10 e il 13 febbraio e tra i 14 e il 28 marzo. Solo ieri una trentina di immigrati, con permesso di soggiorno provvisorio rilasciato dalle autorit italiane, sono stati respinti dalla Francia alla frontiera di Ventimiglia per la mancanza di mezzi di sostentamento, altri cinque sono stati allontanati gioved

PARIGI Marted a Roma Francia e Italia parleranno di come cambiare il Trattato di Schengen, di come renderlo pi efficiente e quindi anche di quando e come sospenderlo in caso di situazioni di emergenza, quali per esempio larrivo di clandestini provenienti da Tunisia e Libia nei giorni scorsi o lattuale flusso migratorio in corso al confine tra Grecia e Turchia. Queste parole pronunciate da una fonte dellEliseo, durante una riunione di preparazione al vertice franco-italiano di Villa Madama, hanno scatenato ieri varie interpretazioni, tra le quali quella di unimminente sospensione del Trattato di Schengen da parte di Parigi. Una tentazione che in serata ha preso la forma di una smentita, tramite le parole di Michele Cercone, portavoce della Commissaria europea per gli affari interni Cecilia Malmstrm: Le autorit francesi hanno chiarito alla Commissione europea di non avere alcuna intenzione di introdurre controlli alle frontiere interne, e di non avere mai ipotizzato una sospensione de-

gli accordi di Schengen. La sospensione temporanea di Schengen, prevista dal trattato, stata gi usata in passato, per esempio dallItalia in occasione del G8 di Genova. E ora che il clima tra Francia e Italia sembra rasserenarsi, con le rispettive diplomazie al lavoro perch il vertice sia un successo e ricomponga definitivamente i dissapori delle ultime settimane, una denuncia unilaterale del trattato

I temi Allincontro si discuter non solo di migranti ma anche di Libia e di questioni economiche
da parte della Francia sembra in effetti improbabile. vero per che il tema dellimmigrazione, e quindi di come rafforzare Schengen, sar al centro dei colloqui tra il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il presidente Nicolas Sarkozy. LUnione Europea e gli accordi di Schengen prevedono la sparizione delle frontiere interne ha spiegato la fonte dellEliseo durante il briefing

con la stampa . I controlli per devono sussistere ed essere efficaci alle frontiere esterne: quando questi diventano impossibili, per esempio in situazioni straordinarie come quelle vissute a Lampedusa, bisogna pensare a un meccanismo che renda una sospensione temporanea pi facile e condivisa. Nessuna volont di lavorare a un nuovo trattato, ha quindi precisato lEliseo. A lungo termine, speriamo nella nascita di una vera e propria guardia europea di frontiera, con i contributi degli uomini di tutti gli Stati membri, per assicurare il rispetto dei confini esterni. Gli altri temi del vertice di Roma saranno lintervento in Libia il nostro accordo ormai pressoch completo su tutti i punti e le questioni economiche. I casi Lactalis-Parmalat, Edf-Edison e Lvmh-Bulgari hanno provocato emozione in Italia, ma occorre ricordare che molte piccole e medie imprese investono e conducono acquisizioni in Francia, per un valore pi o meno equivalente. E la bilancia commerciale favorevole allItalia.

Il vertice

Lagenzia Frontex Nel vertice del 12 maggio Italia e Francia (nella foto i ministri Maroni, a sinistra, e Gueant) chiederanno un rafforzamento

Stefano Montefiori
RIPRODUZIONE RISERVATA

di Frontex, lagenzia che coordina gli Stati Ue nella gestione delle frontiere esterne Politiche comuni Chiederanno una politica comune su asilo, aiuti ai Paesi da cui provengono i migranti e responsabilizzazione dei Paesi della sponda Sud del Mediterraneo

Verso il vertice Italia e Francia affronteranno il dossier sullimmigrazione

Lobiettivo di Roma: una politica comune su asilo, rimpatri e aiuti


ROMA Possibilit che la Francia sospenda il Trattato di Schengen? Al ministero degli Esteri italiano non sono transitati n sorpresa, n stupore. Riferiscono fonti vicine al ministro Frattini: Abbiamo lavorato per molti giorni fianco a fianco con i francesi per preparare il vertice a due di marted a Roma. Il lavoro concluso ed soddisfacente. Lobiettivo di trovare un linguaggio comune e di preparare dei testi unitari sullimmigrazione (e anche su altri temi) stato raggiunto. Nessuno spazio, dunque, per iniziative unilaterali di Parigi. Dopo la diffusione dellintenzione francese di sospendere Schengen attribuita a fonti dellEliseo, a Roma si sono messi in attesa della puntualizzazione dellEliseo. Puntualizzazione arrivata dopo due ore esatte, attraverso Bruxelles. E c stato anche un contatto diretto fra Eliseo e Farnesina. Il Quai dOrsay si scusato, in via informale, per il malinteso. Il lavoro diplomatico che ha preparato lincontro fra Berlusconi e Sarkozy di marted a Villa Madama ha puntato sulla piena risoluzione dei contrasti sorti fra i due Paesi dallinizio della crisi libica. Il risultato lottenimento di posizioni comuni sui molti temi sul tappeto, ma in particolare sullimmigrazione. Italia e Francia hanno stabilito di rivolgersi allEuropa: chiederanno un impegno

Le regole Le cinque condizioni della Francia


Sono cinque le condizioni che un immigrato deve rispettare per entrare in Francia: essere in possesso di un documento di viaggio valido riconosciuto dalla Francia; avere un permesso di soggiorno temporaneo valido, notificato dallo Stato che lo ha emesso allUe; dimostrare di avere risorse sufficienti per mantenersi (il tetto: 62 euro al giorno a persona, 31 se limmigrato dispone gi di un alloggio); non costituire una minaccia per lordine pubblico e non essere entrato in Francia da pi di tre mesi

pi forte dellUnione Europea affinch gli accordi di Schengen possano funzionare meglio. Cosa chiederanno i due Paesi, in vista del vertice straordinario Ue sullimmigrazione del 12 maggio? Innanzitutto un rafforzamento di Frontex, lagenzia che si occupa di coordinare gli Stati europei nella gestione delle frontiere esterne. Si auspicher poi una politica comune sullasilo, una politica comune sugli aiuti ai Paesi da cui provengono i migranti e una politica comune di responsabilizzazione dei Paesi della sponda Sud del Mediterraneo. Non ci sar bisogno di chiedere la possibilit della sospensione in casi di emergenza del Trattato di Schengen sulla libera circolazione fra i Paesi aderenti poich il Trattato gi la prevede. LItalia, ad esempio, ha ripristinato i controlli di frontiera nel caso del G8 di Genova nel 2001, decisione che non
Cartello Il benvenuto a Schengen (Lussemburgo): qui nel 1985 stato firmato il trattato che ha dato vita a uno spazio Ue per la libera circolazione di merci e persone

evit disordini e tragedie. Stessa sospensione anche per il vertice mondiale dellAquila di due anni fa. Il 4 maggio la Commissione europea sottoporr al Consiglio e alleuroparlamento una proposta di correzione delle norme di Schengen, prevedendo fra laltro una comunitarizzazione dello spazio di libera circolazione. Vale a dire che leventuale ripristino delle frontiere interne in casi di emergenza verrebbe deciso in futuro dalla Commissione e non dai singoli Paesi. Su questa proposta la posizione dellItalia pi favorevole, rispetto alle resistenze francesi. Il dossier sullimmigrazione sar al centro del vertice italo-francese. Si affronter nei dettagli la questione degli attraversamenti del confine italo-francese, saranno definiti i particolari del pattugliamento congiunto aereo-navale davanti alle coste della Tunisia, previsto dallintesa fra i ministri degli Interni Maroni e Gueant. Si dovr stabilire il ruolo dellItalia nel programma di rimpatrio dei tunisini ai quali scadr in territorio francese il permesso di soggiorno temporaneo rilasciato dal nostro Paese. Anche lintenzione del Viminale quella di trovare con i colleghi francesi una strada comune per affrontare lemergenza emigrazione, utilizzando il buon senso e non azioni di forza.

BRUXELLES Lha gi fatto una volta, la Francia. Anzi, due. Due volte, in passato, ha sospeso il Trattato di Schengen, firmato nel lontano giugno 1985 nellomonima cittadina del Lussemburgo. capitato nel giugno 2004 per le grandi manifestazioni previste nel sessantesimo anniversario del D-day, lo sbarco in Normandia. E poi ancora, dopo gli attentati islamici a Londra del 2005, Parigi aveva pure deciso di applicare quel punto del Trattato che consente di reintrodurre i controlli alle frontiere. Comunque non sola, la Francia: quello che ha fatto lei lo hanno fatto anche altri, e per i pi vari motivi di sicurezza e ordine pubblico sempre collegati a qualche evento di massa, spesso una partita di calcio. Accadde per esempio in Germania, ai campionati mondiali di calcio nel 2006, per la gran paura portata dalle orde di ultras del tifo, soprattutto di quelli britannici, olandesi, nordafricani. Poi non successe nulla, i nordafricani furono disciplinatissimi, gli olandesi altrettanto, e quanto ai mastini inglesi bastarono poche pattuglie di poliziotti spediti da Liverpool e da Londra nelle stazioni tedesche, a calmare gli spiriti. Lo stesso, e sempre per eventi calcistici, in Finlandia e Portogallo: grande paura, Schengen messo in sordina, filtri possenti alle frontiere, e poi quasi una scampagnata. Lesatto contrario capit invece nel 2001, in Italia, con il G8 di Genova: Schengen fu sospeso perch si temevano infiltrazioni di estremisti dalla Germania, dalla Scandinavia, dalla Francia e dalla Germania, ma questa precauzione non serv a nulla e anzi furono proprio i black bloc tedeschi, austriaci e francesi a rendersi protagonisti degli scontri pi duri. Ancora un G8 in Italia, quello del 2009 a LAquila, ha portato a una breve sospensione degli accordi: questa volta si temevano azioni di estremisti anche stranieri in arrivo da Roma, ma tutto poi scorso della tranquillit. Invece un lieto evento, un matrimonio principesco, aveva messo in allarme la Spagna nel 2004 e convinto, anche l, a riabbassare (metaforicamente) le sbarre delle frontiere: andava a nozze il principe Felipe, si era di maggio e solo a marzo erano stati compiuti i devastanti attentati islamici a Madrid, si temeva un qualche bis di Al Qaeda. And tutto bene, subito dopo le frontiere riaprirono.

Luigi Offeddu
RIPRODUZIONE RISERVATA

A. Gar.
RIPRODUZIONE RISERVATA

6
#

Primo Piano

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Mondo arabo Le rivolte

Anche se abbiamo ridotto le forze di terra di Tripoli del 30-40% il conflitto va verso unimpasse Mike Mullen, capo di Stato maggiore Usa
Le forze

Nuove defezioni in Libia Rilasciati nella notte gli otto marinai italiani
Il Pentagono teme lo stallo e invia i droni
Il rimorchiatore

Il messaggio: Liberi, stiamo arrivando

I ribelli hanno accolto con entusiasmo lannuncio del presidente Barack Obama, gioved sera, dellinvio di cinque droni in Libia. Hanno ovviamente gradito la visita ieri a Bengasi del senatore Usa John McCain, che li ha chiamati combattenti coraggiosi e veri patrioti e ha chiesto al mondo di riconoscerli come legittima voce del popolo libico e di dar loro armi e pi assistenza. A quella dellex

rivale di Obama nel 2008 seguir nei prossimi giorni la visita del presidente francese Nicolas Sarkozy, che dovrebbe cos essere il primo capo di Stato a recarsi a Bengasi. Intanto da Misurata, la grande citt dellOvest assediata ormai da due mesi dai lealisti, le forze rivoluzionarie hanno annunciato di aver riconquistato quasi lintero centro. Sempre dallOvest arrivano notizie di nuove defezioni tra i militari del Colonnello. E il Marocco ha fatto sapere di star lavorando su una soluzione politica dopo aver incontrato i rappresentanti di Gheddafi e della rivolta. Nella notte stato liberato lAsso Ventidue, il rimorchiatore della compagnia napoletana Augusta Offshore con undici marinai a bordo, di cui otto italiani. Era stato sequestrato dalle autorit libiche un mese fa. Dopo aver lasciato il porto di Tripoli diretta verso lItalia, limbarcazione ha preso contatto con una nave italiana della coalizione. Dalla rivoluzione intanto arrivano segnali che invitano alla prudenza. Il conflitto si sta avviando verso uno stallo ha dichiarato ieri lammiraglio

Aerei La Nato ha il comando delle operazioni militari internazionali contro Gheddafi dal 31 marzo. Dispone di 200 aerei che finora hanno effettuato 3.300 voli, in 1.373 dei quali hanno attaccato Droni Gli Stati Uniti gioved hanno annunciato linvio di cinque droni Predator, ovvero aerei senza pilota, per attacchi di precisione a bassa quota. Saranno in servizio due alla volta Navi Le navi sotto il comando della Nato sono 18: pattugliano il Mediterraneo per impedire linvio di armi a Tripoli, come previsto dal mandato dellOnu. Hanno identificato finora 524 navi, 13 sono state abbordate e 5 costrette a cambiare rotta Al fronte Un ribelle nella citt di Ajdabiya, ancora al centro di scontri

Mike Mullen, comandante in capo dellesercito Usa . Anche se gli attacchi aerei della coalizione hanno ridotto lentit delle forze di terra di Tripoli del 30-40%, ad Ajdabiya e Brega c una chiara impasse. Linvio dei droni, gi usati in Pakistan, non necessariamente dar una svolta decisiva. I due primi Predator, inviati gi gioved, sono rientrati per il maltempo. E resta da provare che gli aerei senza pilota distinguano e colpiscano meglio gli obiettivi nemici. Il viceministro degli Esteri di Tripoli, Khalem Kaim, ieri notte ha definito luso dei droni un crimine contro lumanit. E ha aggiunto che lesercito libico potrebbe ritirarsi da Misurata, sostituito da uomini armati delle trib. Un annuncio che potrebbe cambiare ben poco per la citt dove gi centinaia di civili sono stati uccisi. I ribelli ieri hanno dichiarato di averne conquistato l80%, ma la valutazione pare ottimistica mentre la Croce Rossa lancia lallarme. La citt al collasso, laccesso allacqua difficilissimo, la situazione sanitaria in emergenza. LUe prepara unoperazione militare per sostenere larrivo di aiuti umanitari. E una quarta nave partita da Tripoli per portare cibo e farmaci ed evacuare feriti. Su unaltra nave, il ferry greco Ionian Spirit, sono scappate oltre mille persone. A bordo con loro le salme di Chris Hondros e Tim Hetherington, i fotografi uccisi da colpi anticarro mentre documentavano lagonia della citt.

Cecilia Zecchinelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

NAPOLI Si concluso ieri a tarda sera il sequestro dellAsso Ventidue, il rimorchiatore della compagnia napoletana Augusta Offshore bloccato dal 20 marzo scorso in Libia da uomini delle milizie di Gheddafi. Poco prima della mezzanotte i militari hanno lasciato limbarcazione e lequipaggio (otto italiani, due ucraini e un indiano) ha potuto lasciare il porto di Tripoli. Il rimorchiatore ha poi avuto un primo contatto radio con la nave militare italiana Bettica: il comandante ha confermato la liberazione. Anche larmatore Mario Mattioli ha confermato il rilascio: Siamo molto felici che lequipaggio sia stato rilasciato. Mi congratulo con gli uomini, che sono riusciti a mantenere il loro equilibrio. Ringraziamo il ministero degli Esteri e la sua Unit di Crisi che ha contribuito in modo decisivo a questo risultato. Che la situazione stesse evolvendosi per il meglio lo aveva lasciato intendere il ministro della Difesa Ignazio La Russa che aveva escluso leventualit di unazione di forza. LAsso Ventidue, noleggiato da una compagnia petrolifera a partecipazione italo-libica e utilizzato come nave appoggio durante i lavori presso la piattaforma di Mellitah, era stato bloccato nel porto di Tripoli da autorit militari locali. In questo mese allequipaggio stato consentito di tenere i contatti con i familiari e con larmatore.

Larma Obama ne ha fatto largo uso in Pakistan, per la Cia lultimo giocattolo. Ma i liberal come Ignatius ne contestano lutilizzo

E il cecchino dei cieli ora divide lAmerica


Il Predator consente omicidi mirati e potrebbe aprire anche la caccia a Gheddafi
WASHINGTON Il Predator il cecchino dei cieli. Un sistema controverso. Apprezzato o odiato. La decisione americana di impiegare i droni in Libia ha animato il dibattito. Per un critico deccellenza come David Ignatius del Washington Post una cattiva idea. Perch rappresenta il simbolo dellarroganza americana. Unarma che non vedi ma che c e uccide. A suo giudizio il drone potrebbe dare la caccia allo stesso Gheddafi o ai suoi figli. Lomicidio mirato contestato sul piano legale. Ignatius aggiunge che gli Usa si sono innamorati cos tanto del Predator che lo hanno scambiato per la soluzione dei problemi. Invece, insiste, solo uno strumento. Non tutti la pensano come Ignatius. A cominciare da Barack Obama. Sotto la sua presidenza i raid affidati a questi velivoli sono triplicati. Per La Cia sono lunico giocattolo che abbiamo in citt. Armi che bene si integrano con le incursioni di forze speciali in una visione di guerra leggera, con pochi scarponi sul terreno e tanta tecnologia. Molti ritengono che i droni abbiano portato una svolta nei conflitti dove lavversario non un vero esercito e cerca di operare in zone abitate. Uno scenario che si avvicina al teatro libico e in particolare alla regione di Misurata. Lento ma preciso il Predator pu rimanere per 24 ore in pattuglia. Una persistenza che rappresenta una minaccia continua per gli avversari. Non lo sentono, ma temono che da un momento allaltro possa sparare. Infatti, lo chiamano, in gergo, Terminator in quanto ha eliminato dozzine di terroristi tra Pakistan e Afghanistan. Per contro sof-

Fulvio Bufi
RIPRODUZIONE RISERVATA

fre le condizioni meteo difficili, a cominciare dalle tempeste di sabbia. Il Predator una macchina affidata ai pendolari della guerra. Guidato via satellite, permette ai piloti di essere di mattina al fronte e alla sera con la famiglia a casa. Le postazioni di controllo dellaereo senza equipaggio sono a migliaia di chilometri di distanza. Una di queste labbiamo visitata. la Creech Air Force Base, a mezzora dai casin di Las Vegas, Nevada. Pilota e addetto alle

armi siedono in una stanzetta piena di schermi e sono collegati via satellite al Predator che decolla da una base avanzata. In questo caso in Italia, a Sigonella, aeroporto che gi ospita i Global Hawk da ricognizione. Gli equipaggi si alternano ogni 8 ore, spesso affiancati da un uomo dellintelligence che coordina gli attacchi. Le telecamere seguono una persona per strada, filano un veicolo sospetto. Se il comando ritiene che siano ostili, laddetto alle armi

lancia un missile. I partigiani del cecchino affermano che i droni hanno ridotto i danni collaterali: il numero dei civili uccisi durante i blitz in Pakistan sarebbe sceso dal 25 per cento al 5 per cento. Ma recenti episodi, anche nelle ultime ore, hanno mostrato come possano essere compiuti errori tragici con decine di vittime. Incidenti che hanno spinto i pachistani a mettere alla porta gli 007 americani che gestiscono i piani dattacco.

Limpiego dei Predator spiega il pilota David Cenciotti un aiuto importante, far risparmiare 4-5 missioni dei caccia al giorno, diventer uninsidia per i miliziani e, una volta che ha usato i razzi, pu rimanere per guidare altri attacchi. Ma ne servirebbero molti di pi. E chi vede nero spiega che il problema non sono certo i droni ma lo stallo in cui finita la missione.

Guido Olimpio
RIPRODUZIONE RISERVATA

8
#

Primo Piano

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

La Chiesa I riti di Pasqua

In mondovisione
Papa Benedetto XVI inginocchiato in occasione della Via Crucis che si celebrata ieri sera, Venerd santo, davanti al Colosseo (foto Reuters)

Solidariet Garantir al Papa che faremo il possibile in termini di solidariet nei confronti di nomadi e immigrati Gianni Alemanno, sindaco di Roma

La processione

La Via Crucis: Vincere il male Il premier: generosi con i profughi


Lettera di Berlusconi con gli auguri di Pasqua al segretario di Stato Bertone
CITT DEL VATICANO Volete andarvene anche voi?. Il profilo del Colosseo appena rischiarato da migliaia di ceri, lora delle tenebre che fa memoria della Passione, Benedetto XVI apre la Via Crucis con le parole di Ges ai discepoli e mette in guardia dal momento di sgomento e angoscia nel quale tra i fedeli sinsinua la tentazione della fuga. Perch quando le varie maschere della menzogna deridono la verit e le lusinghe del successo soffocano lintimo richiamo dellonest, quando il vuoto di senso e di valori annulla lopera educativa e il disordine del cuore sfregia lingenuit dei piccoli e dei deboli, allora che il tarlo del dubbio rode la mente. Lurgenza di annunciare la fede pi che mai al centro della settimana di Pasqua e del Venerd Santo, lora della Passione della tua Chiesa e dellumanit intera. Nellaccenno ai piccoli ci pu essere anche un riferimento ai crimini pedofili nel clero ma pi in generale allinsensibilit diffusa verso il potere del male, ai cristiani indifferenti e distratti, allOccidente dellincredulit e della lontananza da Dio che Benedetto XVI ha rivolto il suo pensiero fin dal Gioved Santo. Ieri sera, mani intrecciate e sguardo chino, il Papa ha ascoltato intento le meditazioni scritte dalla monaca agostiniana Maria Rita Piccione. La persecuzione dei cristiani e i tradimenti, le infedelt. Ges, perdona la sordit del nostro cuore al tuo grido di sete che continua a salire dal dolore di tanti fratelli.... Nelle ultime stazioni hanno portato la Croce una famiglia etiope e una ragazza egiziana. Cristo uomo dei dolori davanti al quale ci si copre la faccia, immagine delluomo rifiutato, oppresso, schiacciato: ma dal Colle Palatino, alla fine, il pontefice ha ricordato lessenziale, in ogni situazione della storia e del mondo, Dio capace di vincere la morte, il peccato e il male, e ha esclamato con SantAgostino: Abbiate fede!. Cos si spiega anche la novit di ieri, la decisione di rispondere in tv, per la prima volta nella storia, a sette domande selezionate fra le tremila arrivate da tutto il mondo alla trasmissione A sua immagine . Per spiegare la tradizione ai contemporanei e tenere insieme fede e ragione, dimostrare amicizia verso tutti, scrive il direttore Giovanni Maria Vian sullOsservatore Romano: Di fronte alla modernit comunicativa la Chiesa di Roma e i Papi si sono dimostrati allavanguardia. La prima intervista a un Papa, su Le Figaro, risale al 4 agosto 1892: Leone XIII la concesse a una giornalista donna di tendenza socialista. Il quotidiano della Santa Sede citava Montini: Bisogna saper essere antichi e moderni. Cosa serve dire quello che vero, se gli uomini del nostro tempo non ci capiscono?. Ieri il premier Berlusconi, in una lettera inviata al Segretario di Stato vaticano Tarcisio Bertone, ha fatto gli auguri al Papa assicurando che lItalia

La prima al Colosseo La processione durante il Venerd santo, nella sua forma attuale, con le quattordici stazioni disposte nello stesso ordine inizi al Colosseo nellAnno santo del 1750 su richiesta di Papa Benedetto XIV. Fu allora che lanfiteatro romano fu consacrato alla passione di Cristo e alla memoria dei martiri

La funzione Al Colosseo il rito della Passione sulla croce Ges luomo rifiutato, oppresso e schiacciato

Il ritorno della tradizione Dopo il 1870, con lUnit dItalia, nella Roma capitale, si perse questa consuetudine, edicole e croci furono rimosse. Nel 1926, mentre si preparava la conciliazione tra Stato e Chiesa, la croce fu ricollocata nel Colosseo, dove ancora oggi, non al centro ma di lato. Nel 1964 Paolo VI riprese la processione al Colosseo

impegnata nellassistenza alle migliaia di persone in fuga dai Paesi del nord Africa e si sta adoperando al meglio per rispondere con generosit a tanta sofferenza. Ma la sofferenza c, in tutto il mondo. Nellomelia del pomeriggio a San Pietro, davanti al Papa, padre Raniero Cantalamessa ha scandito: Terremoti, uragani e altre sciagure che colpiscono insieme colpevoli e innocenti, non sono mai un castigo di Dio. Dire il contrario significa offendere Dio e gli uomini. Parole che replicano a posizioni come quella dellultratradizionalista Roberto De Mattei. La fede richiede lamore, altrimenti morta anche come fede, aveva detto il Papa gioved. Lora delle tenebre, la tentazione della fuga. Ieri ha alzato lo sguardo: No, Signore, non possiamo e non vogliamo andare via, perch "tu solo hai parole di vita eterna".

Gian Guido Vecchi


RIPRODUZIONE RISERVATA

Il commento

E il professore diventato Pontefice spiega il catechismo in tv


La formula delle domande su Ges: non unintervista ma un insegnamento
di VITTORIO MESSORI

l di l degli entusiasmi di certi ambienti clericali un po ingenui quelli per i quali qualunque scelta vaticana, anche se meramente pastorale, sempre da applaudire davvero positivo che il Papa vada in tv a farsi intervistare? positivo, questo, alla luce del grande principio che deve guidare ogni attivit della Catholica e con il quale si chiude non a caso il Codice di diritto canonico: La salvezza delle anime sia per la Chiesa la legge suprema? A quella salvezza giova davvero limpiego di ogni tecnica e tecnologia? Se guardiamo alla storia, la risposta sembra essere ampiamente positiva. Quella Chiesa sospettata spesso di diffidenza verso il progresso, in realt quella che in Italia introdusse la tipografia, con la stamperia di Subiaco presso la celebre abbazia benedettina. Pio IX adott la fotogra-

fia per riprodurre il suo ritratto in decine di migliaia di copie, diventando cos il primo Papa il cui volto fosse conosciuto dai fedeli non solo attraverso stampe e dipinti rari e spesso imprecisi. A don Bosco (ampiamente incoraggiato dai pontefici) si devono i primi, grandi best seller italiani: la serie de Le letture cattoliche e lalmanacco popolare Il galantuomo. Don Alberione, fondatore dei Paolini, cre non solo giornali ad alta tiratura ma anche grandi imprese di produzione cinematografica con diffusione mondiale. Pio XII fu il Papa della radio, a cui soleva affidare i suoi messaggi pi importanti. Paolo VI fu il pontefice della televisione in bianco e nero a un solo, massimo due canali statali. Giovanni Paolo II, tra i cui molti carismi cera quello dellattore, sfond gli schermi ormai a colori delle centinaia di emittenti divenute commerciali e non pi governative. Ma, al di l dei mezzi messi a disposizione dalla tecnica e accolti

dalla Chiesa per praticare il suo apostolato, davvero opportuno che sia il Papa stesso a servirsene, per giunta nella forma dellintervista? Se mi permesso un cenno personale, ricordo che con convinzione pari al rispetto mi permisi di dire la mia a Giovanni Paolo II quando volle convocarmi per quella che doveva essere la prima intervista televisiva, per giunta lunga unora, a un pontefice. Poich mi sollecitava un parere, gli dissi: Santit, le par-

In onda Papa Ratzinger mentre risponde alle domande in tv

lo in base alla mia esperienza dellinformazione. Accettare il genere, giornalistico per eccellenza, dellintervista significa accettarne le leggi: che sono quelle del "secondo me", dello "stando alla mia opinione". Linformazione attuale vuole solo pareri, di certo non accetta alcun dogma. Ebbene, ora pi che mai, sia noi credenti che gli stessi non credenti in ricerca sincera, non abbiamo bisogno di un opinionista in pi (di questi ne abbiamo sin troppi) ma di un Maestro. Di un uomo che non dica secondo me, ma che parli con autorit, che abbia il coraggio di dire "secondo la rivelazione di Dio". Forse sbagliavo; ma, forse, anche a causa di questo colloquio, poche ore prima della registrazione quando Pupi Avati, scelto come regista, dava gli ultimi tocchi allo studio papale di Castelgandolfo trasformato in set giunse improvviso lannuncio che il progetto era annullato. E fu ripreso poi, sempre per iniziativa di Giovanni Paolo II, con la formula meno rischiosa dellintervista s, ma scritta, destinata a un libro. Mi pare che il problema non si sia posto o lo sia stato in modo molto

attenuato per le domande su Ges, guidate ieri con mano rispettosa ma sicura dal giovane Rosario Carello e dalla quipe di A Sua immagine. In effetti, pi che di intervista, si trattato di sette domande formulate da gente comune, vagliate e comunicate in anticipo a Benedetto XVI. Pi che un prodotto giornalistico, un ottimo esempio di catechesi. Joseph Ratzinger mette a

Il precedente Il timore di passare per opinionista, quando Giovanni Paolo II annull allultimo momento un colloquio televisivo
frutto, in simili occasioni, il suo carisma specifico: quello, cio, di grande teologo che, per, non dimentica il suo dovere di pastore; lintellettuale che sa e dice cose profonde, ma cercando di farsi comprendere da tutti. Tra le cose che hanno sorpreso coloro che giudicavano questuomo da stupidi pregiudizi (Grande Inquisitore, Panzer Kardinal, rigido professore teutonico...), c lattenzione

che sa riscuotere non solo presso i giovani, ma persino presso i bambini, alle cui domande replica con semplicit sapiente. Il problema del male, il giovane in stato vegetativo, gli orrori della guerra, la persecuzione dei cristiani, la Resurrezione di Ges e la vita eterna, il ruolo di Maria nella vita cristiana. Temi e problemi da catechismo affrontati da Benedetto XVI secondo la prospettiva tradizionale, ma rischiarata da espressioni efficaci (luomo in coma come una chitarra dalle corde tagliate) o da citazioni dei Padri della Chiesa (Gregorio Nazianzeno: Le parole della Scrittura crescono quanto pi le si legge; o Agostino: Per amare bisogna conoscere). Nessun secondo me, dunque nessun rischio di ridurre un Papa a opinionista da giornale. Unora rasserenante e, per molti ormai ignari dello stesso Abc cristiano certamente illuminante, tanto da far auspicare una sua ripresa, magari periodica. Anche ai laici, forse, non dispiacerebbe scoprire come un professore divenuto Pontefice legga e spieghi il catechismo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano
In Italia C bisogno di rinascita, di risveglio. Serve un soprassalto come cristiani e come cittadini cardinale Angelo Scola

9
#

Il dialogo in tv

Disastri Terremoti e altre sciagure che colpiscono colpevoli e innocenti non sono mai un castigo di Dio padre Raniero Cantalamessa

Dalla sofferenza del corpo, alla resurrezione, alla persecuzione religiosa: cos il Pontefice ha conversato a distanza con sette fedeli

Ges, anima, pace: le risposte del Papa


1
Il Venerd santo il giorno in cui Ges dimostra nel modo pi radicale il Suo amore, cio morendo in Croce da innocente. La prima domanda arriva da una bambina giapponese di 7 anni: Mi chiamo Elena, ho tanta paura perch la casa in cui mi sentivo sicura ha tremato, tanto tanto, e molti miei coetanei sono morti. Chiedo: perch devo avere tanta paura? Perch i bambini devono avere tanta tristezza?. Cara Elena, ti saluto di cuore. Anche a me vengono le stesse domande: perch cos? Perch voi dovete soffrire tanto, mentre altri vivono in comodit? E non abbiamo le risposte, ma sappiamo che Ges ha sofferto come voi, innocente, che il Dio vero che si mostra in Ges, sta dalla vostra parte. Questo mi sembra molto importante, anche se non abbiamo risposte, se rimane la tristezza: Dio sta dalla vostra parte, e siate sicuri che questo vi aiuter. E un giorno potremo anche capire perch era cos. In questo momento mi sembra importante che sappiate: "Dio mi ama", anche se sembra che non mi conosca. No, mi ama, sta dalla mia parte, e dovete essere sicuri che nel mondo, nelluniverso, tanti sono con voi, pensano a voi, fanno per quanto possono qualcosa per voi, per aiutarvi. Ed essere consapevoli che, un giorno, io capir che questa sofferenza non era vuota, non era invano, ma che dietro di essa c un progetto buono, un progetto di amore. Non un caso. Stai sicura, noi siamo con te, con tutti i bambini giapponesi che soffrono, vogliamo aiutarvi con la preghiera, con i nostri atti e siate sicuri che Dio vi aiuta. E in questo senso preghiamo insieme perch per voi venga luce quanto prima. Una mamma italiana sotto la croce di un figlio. Si chiama Maria Teresa e chiede: Santit, lanima di questo mio figlio Francesco, in stato vegetativo dal giorno di Pasqua 2009, ha abbandonato il suo corpo, visto che lui non pi cosciente, o ancora vicino a lui?. Certamente lanima ancora presente nel corpo. La situazione, forse, come quella di una chitarra le cui corde sono spezzate, cos non si possono suonare. Cos anche lo strumento del corpo fragile, vulnerabile, e lanima non pu suonare, per cos dire, ma rimane presente. Io sono anche sicuro che questanima nascosta sente in profondit il vostro amore, anche se non capisce i dettagli, le parole, eccetera, ma la presenza di un amore la sente. E perci questa vostra presenza, cari genitori, cara mamma, accanto a lui, ore ed ore ogni giorno, un atto vero di amore di grande valore, perch questa presenza entra nella profondit di questanima nascosta e il vostro atto , quindi, anche una testimonianza di fede in Dio, di fede nelluomo, di fede, diciamo di impegno per la vita, di rispetto per la vita umana, anche nelle situazioni pi tristi. Quindi vi incoraggio a continuare, a sapere che fate un grande servizio allumanit con questo segno di fiducia, con questo segno di rispetto della vita, con questo amore per un corpo lacerato, unanima sofferente. Noi giovani cristiani di Baghdad siamo stati perseguitati come Ges. In che modo possiamo aiutare la nostra comunit cristiana a riconsiderare il desiderio di emigrare in altri Paesi, convincendola che partire non lunica soluzione? Vorrei innanzitutto salutare di cuore tutti i cristiani dellIraq, nostri fratelli, e devo dire che prego ogni giorno per i cristiani in Iraq. Sono i nostri fratelli sofferenti, come anche in altre terre del mondo, e quindi sono particolarmente vicini al nostro cuore e noi dobbiamo fare, per quanto possiamo, il possibile perch possano rimanere, perch possano resistere alla tentazione di migrare, che molto comprensibile nelle condizioni nelle quali vivono. Io direi che importante che noi siamo vicini a voi, cari fratelli in Iraq, che noi vogliamo aiutarvi, anche quando venite, ricevervi realmente come fratelli. E naturalmente, le istituzioni, tutti coloro che hanno realmente una possibilit di fare qualcosa in Iraq per voi, devono farlo. La Santa Sede in permanente contatto con le diverse comunit, non solo con le comunit cattoliche, con le altre comunit cristiane, ma anche con i fratelli musulmani, sia sciiti, sia sunniti. E vogliamo fare un lavoro di riconciliazione, di comprensione, anche con il governo, aiutarlo in questo cammino difficile di ricomporre una societ lacerata.

Benedetto XVI ha affrontato in video le questioni che gli hanno posto madri e giovani da tutto il mondo E una bimba giapponese: perch devo avere paura?
Perch questo il problema, che la societ profondamente divisa, lacerata, che non c pi questa consapevolezza: "Noi siamo nelle diversit un popolo con una storia comune, dove ognuno ha il suo posto". E devono ricostruire questa consapevolezza che, nella diversit, hanno una storia in comune, una comune determinazione. E noi vogliamo, in dialogo, proprio con i diversi gruppi, aiutare il processo di ricostruzione e incoraggiare voi, cari fratelli cristiani in Iraq, ad avere fiducia, ad avere pazienza, ad avere fiducia in Dio, a collaborare in questo processo difficile. Siate sicuri della nostra preghiera. cosa che accadr anche a noi, dopo la morte, prima di salire al Cielo? Innanzitutto, questa discesa dellanima di Ges non si deve immaginare come un viaggio geografico, locale, da un continente allaltro. un viaggio dellanima. Dobbiamo tener presente che lanima di Ges tocca sempre il Padre, sempre in contatto con il Padre, ma nello stesso tempo questanima umana si estende fino agli ultimi confini dellessere umano. In questo senso va in profondit, va ai perduti, va a tutti quanti non sono arrivati alla meta della loro vita, e trascende cos i continenti del passato. Questa parola della discesa del Signore agli Inferi vuole soprattutto dire che anche il passato raggiunto da Ges, che lefficacia della Redenzione non comincia nellanno zero o trenta, ma va anche al passato, abbraccia il passato, tutti gli uomini di tutti i tempi. I Padri dicono, con unimmagine molto bella, che Ges prende per mano Adamo ed Eva, cio lumanit, e la guida avanti, la guida in alto. E crea cos laccesso a Dio, perch luomo, di per s, non pu arrivare fino allaltezza di Dio. Lui stesso, essendo uomo, prendendo in mano luomo, apre laccesso. Apre cosa? La realt che noi chiamiamo Cielo. Quindi questa discesa agli Inferi, cio nelle profondit dellessere umano, nelle profondit del passato dellumanit, una parte essenziale della missione di Ges, della sua missione di Redentore e non si applica a noi. La nostra vita diversa, noi siamo gi redenti dal Signore e noi arriviamo davanti al volto del Giudice, dopo la nostra morte, sotto lo sguardo di Ges, e questo sguardo da una parte sar purificante: penso che tutti noi, in maggiore o minore misura, avremo bisogno di purificazione. Lo sguardo di Ges ci purifica e poi ci rende capaci di vivere con Dio, di vivere con i santi, di vivere soprattutto in comunione con i nostri cari che ci hanno preceduto.

essere, cos che possiamo lasciarci penetrare dalla sua presenza, trasformare nella sua presenza. un punto importante, perch cos siamo gi in contatto con questa nuova vita, questo nuovo tipo di vita, essendo Lui entrato in me, e io sono uscito da me e mi estendo verso una nuova dimensione di vita. Io penso che questo aspetto della promessa, della realt che Lui si d a me e mi tira fuori da me, in alto, il punto pi importante: non si tratta di registrare cose che non possiamo capire, ma di essere in cammino verso la novit che comincia, sempre, di nuovo, nellEucarestia.

Una donna musulmana di nome Bint, della Costa dAvorio, Paese in guerra da anni, chiede: Santo Padre, qui in Costa dAvorio abbiamo sempre vissuto in armonia tra cristiani e musulmani. Le famiglie sono spesso formate da membri di entrambe le religioni. Ora tutto cambiato: la politica sta seminando divisioni. Quanti innocenti hanno perso la vita! Ges un uomo di pace. Lei cosa consiglierebbe per il nostro Paese?. Ho ricevuto lettere laceranti dalla Costa dAvorio, dove vedo tutta la tristezza, la profondit della sofferenza, e rimango triste che possiamo fare cos poco. Possiamo fare una cosa, sempre: essere in preghiera con voi e per quanto sono possibili, faremo opere di carit e soprattutto vogliamo aiutare, secondo le nostre possibilit, i contatti politici, umani. Ho incaricato il cardinale Turkson, che presidente del nostro Consiglio della giustizia e della pace di andare in Costa dAvorio e di cercare di mediare, di parlare con i diversi gruppi, con le diverse persone per incoraggiare un nuovo inizio. E soprattutto vogliamo far sentire la voce di Ges, che anche Lei crede come profeta. Lui era sempre luomo della pace. Ci si poteva aspettare che, quando Dio venne in terra, sarebbe stato un uomo di grande forza, avrebbe distrutto le potenze avverse, che sarebbe stato un uomo di una violenza forte come strumento di pace. Niente di questo: venuto debole, venuto solo con la forza dellamore, totalmente senza violenza fino ad andare alla croce. E questo ci mostra il vero volto di Dio, che la violenza non viene mai da Dio, mai aiuta a dare le cose buone, ma un mezzo distruttivo e non il cammino per uscire dalle difficolt. Quindi una forte voce contro ogni tipo di violenza. E invito fortemente tutte le parti a rinunciare alla violenza, a cercare le vie della pace. Non potete servire la ricomposizione del vostro popolo con mezzi di violenza, anche se pensate di avere ragione. Lunica via rinunciare alla violenza, ricominciare con il dialogo, con tentativi di trovare insieme la pace, con la nuova attenzione luno per laltro, con la nuova disponibilit ad aprirsi luno allaltro. E questo, cara signora, il vero messaggio di Ges: cercate la pace con i mezzi della pace e lasciate la violenza. Noi preghiamo per voi, che tutti i componenti della vostra societ sentano questa voce di Ges e che cos ritorni la pace e la comunione. Che cosa fa Ges nel lasso di tempo tra la morte e la Risurrezione? E visto che nella recita del Credo si dice che Ges, dopo la morte, discese negli Inferi, possiamo pensare che sar una

La Redenzione non comincia nellanno zero o trenta, ma abbraccia il passato, gli uomini di tutti i tempi

Quando le donne giungono al sepolcro non riconoscono il Maestro. Succede anche agli Apostoli: Ges deve mostrare le ferite, spezzare il pane per essere riconosciuto, appunto, dai gesti. un corpo vero, di carne, ma anche un corpo glorioso. Il fatto che il suo corpo risorto non abbia le stesse fattezze di quello di prima, che cosa vuol dire? Cosa significa, esattamente, corpo glorioso? E la Risurrezione sar per noi cos? Naturalmente, non possiamo definire il corpo glorioso perch sta oltre le nostre esperienze. Possiamo solo registrare i segni che Ges ci ha dato per capire almeno un po in quale direzione dobbiamo cercare questa realt. Primo segno: la tomba vuota. Cio, Ges non ha lasciato il suo corpo alla corruzione, ci ha mostrato che anche la materia destinata alleternit, che realmente risorto, che non rimane una cosa perduta. Ges ha preso anche la materia con s, e cos la materia ha anche la promessa delleternit. Ma poi ha assunto questa materia in una nuova condizione di vita, questo il secondo punto: Ges non muore pi, cio sta sopra le leggi della biologia, della fisica, perch sottomesso a queste uno muore. Quindi c una condizione nuova, diversa, che noi non conosciamo, ma che si mostra nel fatto di Ges, ed la grande promessa per noi tutti che c un mondo nuovo, una vita nuova, verso la quale noi siamo in cammino. E, essendo in queste condizioni, Ges ha la possibilit di farsi palpare, di dare la mano ai suoi, di mangiare con i suoi, ma tuttavia sta sopra le condizioni della vita biologica, come noi la viviamo. E sappiamo che, da una parte, un vero uomo, non un fantasma, che vive una vera vita, ma una vita nuova che non pi sottomessa alla morte e che la nostra grande promessa. importante capire questo, almeno in quanto si pu, per lEucarestia: nellEucarestia, il Signore ci dona il suo corpo glorioso, non ci dona carne da mangiare nel senso della biologia, ci d se stesso, questa novit che Lui , entra nel nostro essere uomini, nel nostro, nel mio essere persona, come persona, e ci tocca interiormente con il suo

Lultima domanda su Maria. Sotto la croce, assistiamo ad un dialogo toccante tra Ges, sua madre e Giovanni. Ges dice a Maria: Ecco tuo figlio, e a Giovanni: Ecco tua madre. Nel suo ultimo libro, Ges di Nazaret, Lei, Santo Padre, lo definisce unultima disposizione di Ges. Come vanno intese tali parole? Queste parole di Ges sono soprattutto un atto molto umano. Vediamo Ges come vero uomo che fa un atto di uomo, un atto di amore per la madre e affida la madre al giovane Giovanni perch sia sicura. Una donna sola, in Oriente, in quel tempo, era in una situazione impossibile. Affida la mamma a questo giovane e al giovane d la mamma, quindi Ges realmente agisce da uomo con un sentimento profondamente umano. Questo mi sembra molto bello, molto importante, che prima di ogni teologia vediamo in questo la vera umanit, il vero umanesimo di Ges. Ma naturalmente questo attua diverse dimensioni, non riguarda solo questo momento, ma concerne tutta la storia. In Giovanni Ges affida tutti noi, tutta la Chiesa, tutti i discepoli futuri, alla madre e la madre a noi. E questo si realizzato nel corso della storia: sempre pi lumanit e i cristiani hanno capito che la madre di Ges la loro madre. E sempre pi si sono affidati alla Madre: pensiamo ai grandi santuari, pensiamo a questa devozione per Maria dove sempre pi la gente sente: "Questa la Madre". E anche alcuni che quasi hanno difficolt di accesso a Ges nella sua grandezza di Figlio di Dio, si affidano senza difficolt alla Madre. Qualcuno dice: "Ma questo non ha fondamento biblico!". Qui risponderei con San Gregorio Magno: "Con il leggere egli dice crescono le parole della Scrittura". Cio, si sviluppano nella realt, crescono, e sempre pi nella storia si sviluppa questa Parola. Vediamo come tutti possiamo essere grati perch la Madre c realmente, a noi tutti data una madre. E possiamo con grande fiducia andare da questa Madre, che anche per ognuno dei cristiani sua Madre. E daltra parte vale anche che la Madre esprime pure la Chiesa. Non possiamo essere cristiani da soli, con un cristianesimo costruito secondo la mia idea. La Madre immagine della Chiesa, della Madre Chiesa, e affidandoci a Maria dobbiamo anche affidarci alla Chiesa, vivere la Chiesa, essere la Chiesa con Maria. E cos arrivo al punto dellaffidamento: i Papi sia Pio XII, sia Paolo VI, sia Giovanni Paolo II hanno fatto un grande atto di affidamento alla Madonna e mi sembra, come gesto davanti allumanit, davanti a Maria stessa, un gesto molto importante. Io penso che adesso sia importante interiorizzare questo atto, di lasciarci penetrare, di realizzarlo in noi stessi. In questo senso, sono andato in alcuni grandi santuari mariani nel mondo: Lourdes, Fatima, Czestochowa, Alttting, sempre con questo senso di concretizzare, di interiorizzare questo atto di affidamento, perch diventi realmente il nostro atto. Penso che latto grande, pubblico, sia stato fatto. Forse un giorno sar necessario ripeterlo, ma al momento mi sembra pi importante viverlo, realizzarlo, entrare in questo affidamento, perch sia realmente nostro. Per esempio, a Fatima ho visto come le migliaia di persone presenti sono realmente entrate in questo affidamento, si sono affidate, hanno concretizzato in se stesse, per se stesse, questo affidamento. Cos esso diventa realt nella Chiesa vivente e cos cresce anche la Chiesa. Laffidamento comune a Maria, il lasciarsi tutti penetrare da questa presenza e formare, entrare in comunione con Maria, ci rende Chiesa, ci rende, insieme con Maria, realmente questa sposa di Cristo. Quindi, al momento non avrei lintenzione di un nuovo pubblico affidamento, ma tanto pi vorrei invitare ad entrare in questo affidamento gi fatto, perch sia realt vissuta da noi ogni giorno e cresca cos una Chiesa realmente mariana, che Madre e Sposa e Figlia di Ges.

10 Primo Piano
#

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Milano Lo scontro

Moratti: Lassini caso chiuso. Il Pdl si spacca


La Lega con il primo cittadino. Ma Santanch e Stracquadanio: sbaglia, decidono gli elettori
MILANO Il caso Lassini spacca il Pdl. Caso mai non fosse stato abbastanza chiaro che la posizione del sindaco Letizia Moratti non condivisa da tutto il partito, ieri sono usciti ancora pi duramente allo scoperto il sottosegretario Daniela Santanch e lonorevole Giorgio Stracquadanio. La Moratti, anche rispetto ad alcune dichiarazioni di Roberto Lassini, lavvocato che si assunto la responsabilit politica dei manifesti anti-toghe, che lasciano ampissimi margini di ambiguit su cosa potrebbe succedere qualora venisse eletto, ha ribadito che per me il caso chiuso. Il sindaco si fa forte della lettera ricevuta dal coordinatore lombardo del Pdl, Mario Mantovani, con la quale Lassini intende irrevocabilmente rinunciare alla propria candidatura nella lista del Pdl. Con questo, per me il caso chiuso, taglia corto il sindaco. Il caso chiuso la corregge la Santanch nel senso che saranno i cittadini milanesi a decidere. Siamo in democrazia, non possiamo censurare la libert di voto. C il sistema delle preferenze e sar il popolo sovrano a decidere su Lassini. Caustico Stracquadanio: Letizia Moratti ha commesso un errore politico gravissimo ha osservato concentrando la sua attenzione non sulle grandi realizzazioni di questi anni e sullo straordinario programma elettorale, che sono le sue vere carte vincenti, ma su Lassini, che da uomo probo si assunto la responsabilit di manifesti di cui nemmeno condivideva il contenuto e per i quali ha peraltro chiesto pubblicamente scusa al capo dello Stato. Su chi abbia voluto i manifesti con la scritta Via le Br dalle Procure, per altro, non ha dubbi il numero due di Fli, Italo Bocchino: Facile provare che il mandante dei manifesti Silvio Berlusconi in persona. certamente il mandante morale, come ha ammesso lo stesso Lassini, mentre la sua struttura propagandistica potrebbe essere il mandante materiale, visto che la grafica e i caratteri del manifesto sono identici a quelli usati in tutte le campagne berlusconiane e nel simbolo del Pdl. A difendere la Moratti, nellimbarazzo del Pdl, scende in pista la Lega. Il capogruppo Matteo Salvini critica le farneticazioni su magistratura e terrorismo di Lassini e spiega: Tra Santanch e Moratti scelgo il sindaco perch si impegnata a riportare la campagna elettorale su Milano e sui suoi problemi reali. E poi: Quando gli uomini della Lega vengono a Milano, parlano di Milano; se anche gli uomini del Pdl parlassero di Milano, quando vengono qui, sarebbe meglio. Intanto, leuroparlamentare Paola Frassinetti e Giorgio Stracquadanio, come responsabili della lista Pdl, sono stati ieri mattina allufficio elettorale dove ci stato confermato spiegano che non possibile depennare alcun nome da una lista gi depositata. E se Lassini ha formalmente chiuso il suo comitato elettorale, ferve invece lattivit dellassociazione Dalla parte della democrazia, quella che ha firmato i manifesti anti-toghe. Gi, lassociazione. Questo laltro punto: nelle ultime giornate, a Lassini e a Tiziana Maiolo che dellassociazione dovrebbe diventare presidente, sono arrivati continui attestati di solidariet e richieste di adesione da tutta Italia. E presto riprenderanno gli appuntamenti, i convegni e le iniziative contro la giustizia ingiusta.

In milanese
A fianco, Letizia Moratti con Matteo Salvini e Igor Iezzi. Nel tondo, il programma sui 100 nuovi progetti del sindaco uscente con lintestazione in dialetto milanese: Per una Milano sempre pi bella da vivere

La lettera Il primo cittadino ricorda la lettera in cui lautore dei manifesti anti-pm si impegnava a dimettersi

La scelta Il lumbard Salvini: scelgo il sindaco e i problemi reali di Milano, non le farneticazioni sui magistrati

Elisabetta Soglio
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Nota
CON LA NUVOLA ITALIANA I SERVIZI SONO A MISURA DELLE CITT E LE CITT SONO A MISURA DEI CITTADINI.
Seguici su: nuvolaitaliana.it

di Massimo Franco

La citt diventa simbolo delle lotte dentro il partito


n modo imprevisto, Milano sta diventando lepicentro e il simbolo delle lotte allinterno del Pdl. E, sebbene siano i fattori locali a contare nel voto amministrativo, lelezione del prossimo sindaco si carica di significati oggettivamente nazionali. un po paradossale che le famiglie politiche berlusconiane si scontrino ad un anno esatto dalla rottura fra il presidente del Consiglio e quello della Camera, Gianfranco Fini. Sembrava che la loro lite traumatica dovesse portare la pace almeno nel Pdl. Invece, con Fini ai margini, le tensioni proseguono. E, seppure arginata dal premier, resta la fronda contro Giulio Tremonti per la sua politica di rigore sui conti. Ma sopratutto rimane aperto un caso dichiarato chiuso: quello del candidato Roberto Lassini, luomo dei manifesti contro la Procura milanese che processa Berlusconi. La nettezza con la quale il sindaco Letizia Moratti ha preso le distanze da lui si trasformata in pretesto per una faida che va oltre la vicenda. scattata una gara di fedelt al capo del governo, nella quale si mescolano i risentimenti contro la magistratura e le insofferenze verso la Lega, Tremonti, il Quirinale; e giochi di potere personale fra aspiranti pretoriani. La virulenza con la quale il sottosegretario a palazzo Chigi, Daniela Santanch, bolla il no della Moratti a Lassini ne un esempio. Lassini non si pu togliere dalla lista. Decideranno gli elettori, sostiene la Santanch. Sembra di capire che nelle urne di met magLa Lega si gio si celebrer un referendum fra affretta a due versioni di berlusconismo. C smentire le voci chi sogna un Pdl autosufficiente e pigliatutto, e chi sa che per vincesu un suo re non si pu sottovalutare lipotedisimpegno ca leghista; chi ritiene che il manifesto sulle Br via dalle Procure vada condannato, e chi invece lo giustifica sfidando, fra gli altri, il capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Sono posizioni che evocano un partito in subbuglio, risucchiato dal mito del primo successo nel 1994. Il berlusconiano Vittorio Sgarbi paragona crudamente il Pdl addirittura a un pollaio di personalit modeste che litigano. Di certo, in una fase nella quale pi acuta la sensazione dellaccerchiamento, cresce la sindrome del bunker: un atteggiamento che chiama in causa lo stesso Berlusconi. Il premier sembra in bilico fra questi umori contrapposti e radicalizzati; ma sensibile alle pulsioni pi viscerali del suo movimento, convinto che siano uno strumento di mobilitazione elettorale. Ormai, Milano il metro di misura anche della lealt leghista. Per giorni, la freddezza del Carroccio verso la Moratti stata letta come unesitazione di Umberto Bossi a spendersi troppo, puntando su Bologna dove si candida un leghista, Manes Bernardini. Ma lattacco frontale a Tremonti e la solidariet a Lassini da parte di una filiera ostile ai lumbard, li stanno portando a schierarsi. Chi dice che la Lega non si impegna abbastanza su Milano non di Milano o disattento, reagisce leuroparlamentare Matteo Salvini. Eppure, la voce circolata: tanto che il Pdl alimenta il sospetto di qualche scricchiolio non soltanto nella cerchia stretta di Berlusconi, ma anche in quella, in apparenza monolitica, del capo leghista.

Scegli Smart Services, scopri come rendere le Citt pi innovative, moderne e sicure.
Smart Services la famiglia di servizi della Nuvola Italiana dedicata ai Comuni, per trasformare le infrastrutture gi esistenti in una piattaforma di servizi digitali. La rete di Telecom Italia si integra con le reti di illuminazione trasformandosi in un sistema che abilita servizi per il territorio, le strade, gli edici, gli ospedali, i parcheggi, le scuole e i musei. Cos c un miglioramento dei servizi, una maggiore efcienza gestionale, un risparmio energetico, una grande attenzione per lambiente e per la spesa delle Pubbliche Amministrazioni, e un aumento della sicurezza per i cittadini grazie a un sistema di videocamere istallato sulla rete dilluminazione. Con gli Smart Services le Citt diventano innovative, efcienti, competitive e ancora pi ricche di opportunit per ognuno di noi.

La Nuvola Italiana. Il cloud computing di Telecom Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano 11
#

Il premier il mandante morale e la sua struttura potrebbe essere il mandante materiale: grafica e caratteri del manifesto sono identici a quelli del Pdl Italo Bocchino, Fli

Il personaggio In lista malgrado le dimissioni: non posso togliermi, non colpa mia

Lavvocato non lascia il campo: chi vuole votarmi indichi il sindaco


Le parole di Daniela per me? una donna eccezionale
DAL NOSTRO INVIATO

La vicenda

Il ruolo Il candidato Roberto Lassini, 49 anni

I cartelloni Lo slogan sui brigatisti nelle Procure


LAssociazione dalla parte della democrazia, nei giorni dei processi a carico di Silvio Berlusconi e della campagna elettorale per il Comune di Milano, fa affiggere manifesti a sostegno del premier e critici verso lopposizione e la magistratura. Tra questi, figura anche uno il cui slogan Via le Br dalle procure. Liniziativa ha provocato forti critiche nel mondo politico e nella societ civile

BUSTO ARSIZIO (Varese) Letizia Moratti dice che il caso chiuso, Daniela Santanch sostiene che decideranno gli elettori, la Lega non la vuole in consiglio comunale. E lei che dice? Sono le sei di sera, il traffico scarso, la citt svuotata per le feste. Nellelegante condominio con giardino a due passi dal tribunale il cancello automatico che porta ai box si apre e chiude, lasciando passare Suv e Mercedes. Lavvocato Roberto Lassini arrivato qui da qualche ora, costretto a riaprire in fretta lo studio gi semichiuso per occuparsi del caso di un suo cliente arrestato a Basilea. gentile, dice subito che non vuol parlare, ma si capisce che fa una grande fatica a frenare le parole. Sembra di vederlo quando, gioved, davanti alla telecamere non riusciva a non rispondere alle domande dei cronisti, aggiustandosi la cravatta rosa, mentre Tiziana Maiolo cercava di portarlo via. Allora, avvocato, lei che dice? Dico che la Santanch una persona eccezionale, scandisce luomo dei manifesti Via le Br dalle procure, alimentando cos il mistero sulle sue annunciate dimissioni in caso di elezione

al consiglio comunale di Milano. Non vuole aggiungere altro, ma quella frase la ripete due volte, a suggello di una giornata frenetica, tra la sede del suo comitato elettorale e lo studio legale dove si appoggia a Milano, tra telefonate, incontri, riunioni, e poi la grana di quellarresto in Svizzera. Per tutto il giorno sulla

Lo scenario La linea sembra restare ambigua. E nel partito c chi spera nello schiaffo alla Procura
questione dimissioni ha mantenuto una posizione ambigua e questa rester probabilmente la sua linea sino alle elezioni. Lui, ex sindaco di Turbigo arrestato nel 1993 per concussione nellambito di uninchiesta della procura di Milano sui subappalti alla centrale Enel del suo comune, assolto poi al processo, sa bene che il suo nome pu diventare un catalizzatore di voti del popolo azzurro anti-procure. Non colpa mia se non sono stato tolto dalla lista, aveva detto poco prima allAnsa, ricordando comunque di aver messo nero su bianco le sue dimissio-

ni, consegnandole al coordinatore regionale del Pdl Mario Mantovani. E poi, quella frase: Io rispetto il sindaco, ma chiedo rispetto anche per le vittime della giustizia. La lettera, quella che per la Moratti ha chiuso il caso, datata 19 aprile, il giorno in cui il candidato annunci di rinunciare alla campagna elettorale e chiese scusa al presidente Napolitano. Il documento per non contiene dimissioni preventive. Nelle tre righe si legge infatti: Lo scrivente Roberto Lassini a mezzo della presente intende irrevocabilmente rinunciare alla propria candidatura nella lista del Pdl. In fede, avvocato Roberto Lassini. Rinuncia, nei fatti, ormai impossibile. Lo ammette lui stesso, che al Tg5 dice: Chi vuol votarmi metta semplicemente una croce sul nome Moratti. E intanto la posizione di Berlusconi sullintera vicenda viene riportata da un esponente di spicco del Pdl che alle agenzie dice: Il presidente vuole che le polemiche finiscano il prima possibile. Certo, se Lassini prendesse tanti voti gli farebbe piacere perch rappresenterebbe uno schiaffo degli elettori alla procura milanese.

A 69 anni

Addio a Vezio, barista del Pci. DAlema: un vero amico

Luigi Corvi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli altri manifesti Lassociazione


Alcuni dei manifesti ideati e stampati dallAssociazione dalla parte della democrazia prima del contestato Via le Br dalle procure che ha portato alla polemica sul candidato del Pdl al Comune di Milano, Roberto Lassini. I cartelloni su sfondo rosso lanciano messaggi contro la magistratura e le inchieste che coinvolgono il premier

Il Colle Lindignazione per la memoria delle vittime


Secondo Giorgio Napolitano quel manifesto rappresenta innanzitutto unintollerabile offesa alla memoria di tutte le vittime delle Br, magistrati e non. Il presidente della Repubblica il 18 aprile definisce il cartellone unignobile provocazione. Roberto Lassini, candidato nelle liste del Pdl alle prossime amministrative, ex sindaco di Turbigo, si assume la responsabilit degli slogan anti-pm

Pubblico e privato Il Fatto parla di una visita in ospedale. Il deputato costituzionalista: falsit per attaccarmi

Lady Ceroni: picchiata da Remigio? tutta invidia


ROMA Tutta invidia e pettegolezzi. La signora Silvia Di Stefano, 58 anni, risponde al telefono con forte accento marchigiano, il tono un po infastidito ma cortese. Smentisce tutto. Esattamente come il marito, Remigio Ceroni, deputato del Pdl improvvisamente arrivato sulle prime pagine dopo la proposta di modifica dellarticolo 1 della Costituzione. Nessuna percossa, nessun litigio, assicura la signora. Ceroni conferma, ma alza il tiro: Mi devono chiedere scusa. A questo punto chiedo lintervento del presidente della Repubblica Napolitano e del presidente della Camera Fini. A scatenare la rabbia di Ceroni la prima pagina di ieri del Fatto quotidiano: Ieri picchiava la moglie, oggi riforma la Costituzione il titolo. Il quotidiano diretto da Antonio Padellaro, in un articolo a firma Sandra Amurri, racconta di come Ceroni sia stato denunciato dalla moglie per percosse. La signora sarebbe stata accompagnata dalla sorella al Pronto soccorso (non spiegata lepoca dei fatti) riferendo di essere stata percossa dal marito in casa. Ecchimosi, contusioni, ematomi, escoriazioni su tutto il corpo con una prognosi di 20 giorni. Tutte bugie, secondo Ceroni: Vengo colpito nella mia vita privata spiega il deputato al programma radio La zanzara Mia moglie non centra niente, non ha mai fatto politica e sono sorpreso di cosa possa capitare a un deputato che esprime il suo punto di vista. Per questo lappello alle alte cariche dello Stato. Anche se, precisa Ceroni: Io non presenter querela: sar mia moglie ad agire nelle sedi opportune. La moglie a casa tranquilla: Godo di ottima salute. Nessuna visita al Pronto Soccorso? Guardi, in vita mia sono stata in ospedale soltanto quattro volte: per partorire le mie quattro figlie. La pi piccola ha 12 anni, la pi grande 27. Sono ragazze sane, belle, possono fare le veline. Tornando a suo marito: Non gli si pu dire nulla. onorevole, sempre presente in Parlamento. E fa il sindaco, nessuno pu parlarne male. Come spiegare allora questo articolo? Possibile che una giornalista si sia inventata di sana pianta un episodio del genere? La signora avr raccolto qualche pettegolezzo. Attaccano mio marito in questo perch non hanno nientaltro da dire su di lui. E poi ce lhanno anche con me perch faccio tutto da sola in casa, senza aiuti. Mi invidiano anche per questo. La signora di lavoro impiegata: S, lavoro in un ente pubblico, ma non le dico quale, non voglio mettere in mezzo nessuno. Comunque sono soprattutto mamma, casalinga e domestica. La signora Silvia si descrive come una moglie felice e fortunata: Tra un mese facciamo 28 anni di matrimonio. Io e mio marito ci siamo conosciuti in et scolare, io avevo 15 anni e lui 18. E ora andiamo assolutamente daccordo. Quindi presenter querela? Non lo so. Remigio lha presa peggio di me, c rimasto molto male a leggere quelle cose. A me sembra una cosa stupida, che rimane l. Ceroni in effetti lha presa decisamente peggio, colto dal forte sospetto che lattacco sia collegato alla sua proposta di legge. Proposta che ha fatto gridare al golpe le opposizioni e ha fatto storcere il naso anche a qualcuno nella maggioranza: Ora sto pensando di ritirarla quella proposta. Sono ancora convinto della bont della mia idea, ma visto il clima che si creato, sto riflettendo. Forse il caso di metterla da parte e di riproporla in un altro momento.

Le elezioni Le dimissioni e il giallo della presenza


Roberto Lassini prima chiede scusa a Giorgio Napolitano per il gesto e successivamente dopo lultimatum di Letizia Moratti che mette un veto sulla sua presenza alle amministrative annuncia di volersi ritirare dalle liste pdl. Tecnicamente per non possibile togliere il nome dalla lista e c una fronda del partito pronta a votare Lassini per il consiglio comunale di Milano

Chi Remigio Ceroni, 56 anni, un deputato del Pdl alla seconda legislatura (eletto nelle Marche): ha proposto di cambiare larticolo 1 della Carta, focalizzandolo sulla centralit del Parlamento.

ROMA Il suo non era un bar, ma una specie di museo del perfetto comunista in pausa caff. Aveva tappezzato le pareti di biglietti, spille, cimeli, foto e manifesti di tutti i leader, da Gramsci a Berlinguer, da Lenin a Stalin, dal Che a Mao. Il vecchio giradischi diffondeva spesso le note dellInternazionale. E, davanti al bancone, le discussioni di politica non finivano mai. Come quelle accesissime sulla svolta della Bolognina, che lui critic. O, prima ancora, sullo strappo da Mosca. Compagno, era proprio necessario?, chiedeva ai dirigenti del Pci di fronte a lui con la tazzina in mano. Adesso, anche questultimo pezzetto di sinistra dura e pura se ne andato. Vezio Bagazzini, 69 anni, il barista rosso che dal 1969 al 2005 ha gestito il piccolo locale alle spalle della storica sede del Pci in via delle Botteghe Oscure, morto laltra notte nellospedale San Camillo, dopo una lunga malattia. Unanime il dolore nel mondo della sinistra, a partire dagli ultimi tre segretari del Pci-Pds-Ds-Pd ai quali Vezio serv tante volte colazioni e spuntini: da Achille Occhetto (Era una persona cara a tutti noi, dotata di ironia e sarcasmo) a Massimo DAlema (Scompare un amico che ci stato vicino) a Walter Veltroni (Lo conoscevo da sempre, un caff e uno scambio di battute erano una consuetudine quotidiana). Tra le reliquie pi care conservate nel bar cerano un tappeto proveniente dallUrss con l'immagine di Lenin, appartenuto a Pietro Secchia, un biglietto da visita di Fidel Castro e la poltrona dellex segretario del Pci, Luigi Longo. Di Enrico Berlinguer, leader venerato, Vezio raccontava: Ho avuto lonore di entrare nel suo ufficio privato per anni. Quelluomo aveva un carisma enorme. I funerali si terranno marted nella chiesa di Santa Maria in Trastevere, seguiti da una cerimonia laica in piazza.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Alessandro Trocino
RIPRODUZIONE RISERVATA

12 Primo Piano

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Il governo Il premier

Berlusconi e lincontro con Tremonti Ora ci muoveremo per le imprese


Ai ministri spiega: imminente un pacchetto di misure studiate con Giulio
ROMA Sono molto soddisfatto del lavoro che stiamo facendo insieme al ministro Tremonti, stiamo accelerando e mettendo in campo una serie di misure che costituiranno un concreto pacchetto di stimolo della nostra economia e che sono sicuro lasceranno soddisfatte le nostre imprese. Ieri pomeriggio Berlusconi esternava questa soddisfazione ai ministri che lo chiamavano per gli auguri pasquali. Snellimento delle procedure burocratiche, riduzione della pressione regolatoria sulle imprese, primi passi e pi veloci di una riforma fiscale che forse non ridurr le tasse ma semplificher la vita alle aziende e agli italiani, un ventaglio di misure di agevolazione tributaria: tutti provvedimenti sui quali il Cavaliere e il suo ministro stanno ragionando e che potrebbero diventare operativi a breve termine e in parte trovare una prima attuazione nel 2012. Quello con Giulio Tremonti stato insomma un confronto politicamente denso, ma a giudizio del premier fruttuoso. Del resto in cima ai pensieri del capo del gover-

Lattore in Italia

John Malkovich, collanine ispirate alle gemelle De Vivo


John Malkovich e il bunga bunga: Da sempre, politica e scandali vanno insieme. Lattore in Italia per la collaborazione con il marchio di gioielli Rebecca. Spiccano le collane dargento a forma

di catenella della toilette con pomello, ispirate al giudizio intercettato di una delle gemelle De Vivo, Imma, che bollava cos la collanina dono del premier: Brutta come la catena del wc.

no, oltre alla riforma della giustizia, c proprio la riforma fiscale e sui tempi di definizione della stessa sembra che il Cavaliere abbia ottenuto dal suo ministro garanzie nuove. Ieri Berlusconi ha ricevuto a Palazzo Grazioli il candidato del Pdl al comune di Napoli, Gianni Lettieri, e seguito a distanza gli strascichi della vicenda Lassini. Su Milano ha ribadito in privato unopinione diversa rispetto a quella di Letizia Moratti: ha chiesto a tutti coloro che ha sentito al telefono di non fare polemiche ulteriori sul caso, ma anche rimarcato che non gli dispiacerebbe affatto che lautore dei manifesti contro la procura di Milano prendesse molti voti. Sarebbe uno schiaffo ai magistrati e dunque una ciliegina sulla torta di una vittoria. Nella prefazione a un volume scritto da Domenico Scilipoti, diffusa ieri, il capo del governo ha invece ribadito la preoccupazione per un Paese che sta superando una grave crisi economica e che

non si pu permettere nuove elezioni in quanto bisognoso di una stabilit e di una continuit di governo per risolvere le numerose emergenze nazionali e internazionali. Nel libro c anche una difesa a spada tratta della figura del deputato, da mesi al centro della critiche della sinistra: Scilipoti, scrive Berlusconi, vittima della collaudatissima macchina del fango dei professionisti della disinformazione, di quel mostro dellinformazione al servizio di una sola fazione politica. Questo libro aggiunge il presidente del Consiglio un sasso gettato nello stagno dellipocrisia politica alimentata da quellegemonia culturale della sinistra che non cambia mai i suoi metodi e si culla nellillusione di una sua pretesa superiorit etica. Scilipoti, prosegue il premier, stato fra i primi ad aderire a quel gruppo dei Responsabili che ha consentito al governo di conservare alla Camera la maggioranza conferitagli dagli elettori nelle elezioni politiche del 2008 e confermata, negli anni successivi, con le consultazioni europee, regionali e ammini-

strative. Questo bastato perch contro di lui venisse scatenata quella collaudatissima macchina del fango che negli ultimi ventanni ha causato un gran numero di vittime. Una licenza senza limiti, ormai assurta a totem della libert di stampa che va in onda ogni giorno anche e soprattutto in tanti programmi della radio e della televisione pubblica.

La difesa di Lassini In privato il premier ha rimarcato che non gli dispiacerebbe affatto un successo di voti da parte dellautore dei manifesti. Sarebbe uno schiaffo ai magistrati, la ciliegina sulla torta della vittoria a Milano

Queste pagine conclude Berlusconi sono, insomma, una sacrosanta ribellione ai soviet politici e mediatici che, in nome di una strabica fatwa morale, mirano a colpevolizzare e a rendere oggetto di incivile satira chi ha lunica colpa di essersi affrancato dal mondo della sinistra.

Marco Galluzzo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano 13

A Palazzo Chigi

Ciancimino doveva essere lo strumento giudiziario per colpire Berlusconi. Ora che si scopre di quale pasta fatto, nessuno di quei magistrati riconosce di aver sbagliato Fedele Confalonieri
Calderoli

Lamico Nessuno gli dia retta quando ipotizza di mollare, qualcuno se ne faccia una ragione

Confalonieri: Silvio non si far da parte


Il presidente Mediaset: allEconomia un uomo indispensabile? C uno di valore
SEGUE DALLA PRIMA

La visita del senatore Usa John Kerry


Il premier Berlusconi ieri ha ricevuto a Palazzo Chigi il senatore John Kerry, presidente della commissione Affari esteri del Senato Usa, accompagnato dallambasciatore David Thorne. Nel colloquio si discusso delle crisi nordafricane, del Medio Oriente e della situazione nel teatro afghano (Ravagli/Infophoto).

Lui, che lo conosce bene, dice che Tremonti persona intelligente e le intelligenze vanno rispettate. Lui, che li conosce bene, dice che il premier sa come gestire il rapporto con il suo ministro dellEconomia. La chiave per interpretare il pensiero di Confalonieri sta nella gerarchia con cui espone questi tre concetti, cercando di dare un ordine al caos che regna alla corte del Cavaliere. Il presidente di Mediaset non sembra dar credito alla tesi del complotto contro Berlusconi per mano di Tremonti, siccome riconosce al ministro dellEconomia unintelligenza da rispettare. Se si ripete c un motivo, lo fa capire man mano che si addentra nellanalisi del personaggio: Giulio uomo colto, e anche spiritoso. Almeno lo per me, che osservo la politica da spettatore, e non essendo al governo non ho le reazioni dei ministri che subiscono tagli ai loro bilanci. un primo, leggero contropelo, a cui fa seguire un riconoscimento, perch va detto che rispetto ad altri Paesi sullorlo del fallimento lItalia tuttaltro che spacciata. Anzi, si vedono segnali di ripresa. Insomma, Tremonti una risorsa: Allestero, per esempio, ben considerato. Che si tratti di un altro apprezzamento non c dubbio: Magari aggiunge Confalonieri parlano bene di lui per parlar male di Berlusconi. Ecco, certe cose che accadono in Europa andrebbero forse interpretate anche con queste lenti. Ma la politica, bellezza, e il patron del Biscione non si scandalizza, anche perch se vero che gioca nella squadra del premier, alla fine, dov il problema? Un conto essere indispensabili, altra cosa esse-

re di valore. E Tremonti certamente di valore. Silvio glielo riconosce. Chiaro, no? A Silvio va riconosciuta invece la leadership, e non vero che in questa fase di emergenza non abbia fatto politica: ha ricostruito una maggioranza di governo che non cera pi. Quelli dei salotti di sinistra con la puzza sotto il naso, parlano di "comprati e venduti", evitando di guardarsi allo specchio per non vedere la trave che hanno nei loro occhi. Comunque, a dicembre Berlusconi era dato per spacciato. Oggi non pi cos. Oggi per ci si chiede quante vite gli rimangano, e a domandarselo sono persino i suoi fedelissimi, che si affannano a discuterne alle

Se cos stanno le cose, non si capisce allora questo sgomitare nel Pdl che irrita il Cavaliere e d lidea di un partito concentrato nella lotta per leredit politica. Confalonieri rigetta questa tesi, capovolgendo i termini del problema: proprio dinnanzi allineluttabilit di Berlusconi che c chi si prende delle libert. Il punto che pensano di continuare a vincere allombra del loro leader. Invece dovrebbero stare attenti. Il presidente di Mediaset vede nelle ultime polemiche una minaccia al risultato delle Amministrative: In un partito va sempre garantita la possibilit di esprimere le proprie opinioni, ed legittimo cercare visibilit. Per neces-

sario il senso della misura, perch c il rischio di prestare il fianco alle strumentalizzazioni. Infatti allintervista del ministro Galan stato dato gran rilievo pur di colpire Berlusconi. Lo so, tutto partito dal Giornale, che stato eccessivo. Ma a mio avviso lintero mondo dellinformazione ad aver annullato gli spazi di riflessione per cercare leccesso. Un difetto che Confalonieri vede anche nella politica: Certe cose non vanno bene, come i manifesti di Milano contro la Procura. Anche se vero che i magistrati ne hanno fatte di tutti i colori. La storia di Ciancimino emblematica, d lidea di come agiscono alcune toghe. vero o no che Ciancimi-

Il ministro? Il bersaglio il premier, la successione


ROMA Roberto Calderoli (foto) non crede che il caso Tremonti sia chiuso. La ritiene, al contrario, una vicenda ancora aperta. Il bersaglio della polemica argomenta non Tremonti. Il bersaglio vero Berlusconi. A suo giudizio qualcuno si messo in testa di aprire la campagna per la successione, sperando di fare fuori il premier. Ma, come si dice in questi casi, il de cuius ben vegeto e non si far certo impallinare. A sentire Calderoli, sembra che nei rapporti tra il Pdl e la Lega Nord non vi siano tensioni, neppure per esempio a causa delle vicende di Milano, successive allesplosione del caso Lassini e del braccio di ferro tra il candidato del Pdl e il candidato sindaco Letizia Moratti, oltre alle polemiche che hanno opposto lo stesso Lassini al capolista del Carroccio Matteo Salvini: Si fatto un gran polverone ma Milano non affatto un caso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Settegiorni

Proprio per lineluttabilit


del Cavaliere c chi si prende delle libert
no doveva essere lo strumento giudiziario per colpire Berlusconi e accusarlo di aver stretto un patto con la mafia? Ma ora che si scopre di quale pasta fatto questo signore, nessuno di quei magistrati riconosce di aver sbagliato. Limportante dare addosso al Cavaliere. Certo anche lui responsabile di eccessi, non lho mai nascosto. Per altrettanto vero che non viene nemmeno tutelato per il ruolo che ricopre: se viene additato come un terrorista, nessuno interviene. Appena reagisce, c subito chi gli intima di rispettare le istituzioni, dimenticando che anche la presidenza del Consiglio lo .

cene. Confalonieri sembra voler derubricare la questione, dato che il Pdl nella testa del Cavaliere deve restare una struttura leggera, come lo sono in fondo i partiti americani. In futuro si potr tornare al sistema tradizionale che abbiamo conosciuto ai tempi della prima Repubblica. Magari ci sar un nuovo Berlusconi, un altro enfant prodige della politica che per ora non si vede. Vedremo cosa accadr quando lui si ritirer. Di sicuro quel tempo non ancora arrivato, nessuno dovrebbe dar retta a Silvio quando ipotizza di mollare, e se qualcuno non lha ancora inteso, se ne faccia una ragione. Poi, certo, la storia fatta anche di salti, di scarti. E a quel punto chi rester si arranger, ma quel momento non ancora arrivato.

Francesco Verderami
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il candidato

Lintervista Il ministro della Difesa: quando si avvicina una campagna elettorale dovremmo remare tutti nella stessa direzione

Questo Pdl mi imbarazza, basta con le cene


La Russa: ogni incontro pare un complotto Il titolare del Tesoro insostituibile ma poco sensibile alle esigenze politiche
ROMA La Russa, sta per partire una rivolta anti Tremonti dei ministri? Io con Giulio ho sempre avuto un buon rapporto anche familiare, forse perch lombardo, forse perch i nostri figli sono amici... In Consiglio dei ministri siamo seduti fianco a fianco. Ci detto, non c dubbio che qualche volta ci siano momenti di tensione ma poi non c nessuno che non riconosca che il suo ruolo insostituibile. Quello che qualcuno gli contesta, a turno lo fanno un po tutti a seconda di chi viene toccato, che non tiene in debito conto il fatturato politico, e pensa solo al rigore. Lui sostiene che i tagli orizzontali sono necessari perch nessun ministro ammette che lesigenza dellaltro sia pi importante della sua. E perci lui obbligato a fare questi tagli. In realt questa una teoria non del tutto esatta. Dopodich non si pu avere tutto: abbiamo Tremonti, che lEuropa ci invidia, ma dobbiamo prendere atto che non troppo sensibile alle esigenze politiche. Anche nel suo settore vuole tagliare. Effettivamente la missione in Libia costa e non si vede la fine del conflitto. A proposito della Libia, in questi giorni mi sto facendo questa domanda: se lemergenza umanitaria si aggravasse, se, come pare ci sia gi, ci fosse una carneficina a Misurata, e lunico modo per evitare tutto ci fosse contribuire a colpire le truppe di Gheddafi, ce la sentiremmo di dire agli alleati "no, fate voi, noi restiamo a guardare"? Non voglio passare per bombarolo, anche perch sono stato io a bloccare le bombe sui nostri aerei, ma pongo solo un enorme punto di domanda. E comunque parlo di missili solo in condizioni di massima sicurezza, quindi non nei centri abitati. Finora, per, non era questa la missione dellItalia. Io non sto dando una risposta, mi sto interrogando. Finora ho deciso che non fosse necessario per lItalia fare azioni del genere, ma la situazione non obbligatoriamente irreversibile. Ci sono gi polemiche per gli istruttori inviati in Libia. Gli istruttori non sono il segnale dellinizio di chiss quale escalation: esattamente lopposto. Li hanno mandati Inghilterra e Francia e ci sono stati insistentemente chiesti dagli insorti. Tornando alle polemiche italiane. Il Pdl sembra in fibrillazione permanente. Non trover mai una mia polemica di partito sui giornali. Secondo me un partito non deve mai cedere alla tentazione di risolvere con scontri sulla stampa le inevitabili questioni di equilibrio interno. Se qualche errore stato fatto quello di non capire che in questo momento basta una cena per far gridare a chiss quale complotto. Onestamente tutto quello che sta succedenQuel manifesto era una sciocchezza ed era sbagliato, storicamente e culturalmente. I magistrati hanno fatto il loro dovere con le Br. Capisco la Santanch che dice di non criminalizzare Lassini, per io rimango della mia opinione. Tra laltro, se si voleva dare fastidio alla magistratura, stato fatto un buco nellacqua, perch quei manifesti sono stati semmai un assist alla procura di Milano. Intanto fibrillano anche i "Responsabili" che vogliono posti nel governo. Con loro, patti chiari e amicizia lunga. unalleanza non fondata su vantaggi e mutui ma sulla politica. E la politica prevede che un gruppo quando appoggia una maggioranza chiede di condividerne le scelte e di fare parte del governo. Da che mondo mondo cos. O lUdc quando era in maggioranza ha rinunciato ai ministeri?. Ultima domanda: Milano. vero che avete paura di perdere? Si scritto che a Milano Berlusconi si candidava per paura che la Moratti perdesse: ma lui, da Albertini in poi si sempre presentato alle amministrative. Contiamo di vincere al primo turno, sappiamo che non facilissimo quindi ci dobbiamo impegnare tutti.

Lettieri vede il Cavaliere: legge speciale per Napoli


MILANO Ieri il candidato sindaco di Napoli del centrodestra, Gianni Lettieri (nella foto), ha incontrato il presidente del Consiglio Berlusconi a Palazzo Grazioli. Al centro dellincontro, la richiesta di una legge speciale per Napoli, una misura nazionale straordinaria per rilanciare la citt con interventi che semplifichino le procedure amministrative e che riconoscano Napoli come patrimonio nazionale da riqualificare. Polemico Andrea Orlando, commissario del Partito democratico a Napoli: Non pu che sorprendere che il premier abbia discusso una fantomatica legge speciale per Napoli. Ci auguriamo che Berlusconi non abbia assunto impegni in merito: dopo i miracoli promessi allAquila e a Lampedusa sarebbe unennesima presa in giro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Capisco che i
Responsabili chiedano di far parte del governo: lUdc forse non aveva ministri?
do in questi giorni non mi impressiona minimamente, piuttosto mi imbarazza: quando si avvicina una campagna elettorale tutti dovremmo remare perch la barca vada dritta e veloce e non dividerci in tanti gommoncini e scialuppe, che magari vanno nella stessa direzione, ma ci andranno a zig zag e meno veloci. A Milano, Daniela Santanch ha criticato Letizia Moratti per la sua intransigenza nei confronti di Lassini.

In missione Il ministro della difesa Ignazio La Russa in visita al contingente italiano in Afghanistan il 21 luglio 2009

Maria Teresa Meli


RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Primo Piano 15

Il progetto Verso il decreto

Piano crescita, meno vincoli alledilizia Clausola salva-mutui a tasso variabile


Nel decreto sul rilancio delleconomia norme per rinegoziare i contratti con le banche
ROMA Una norma per agevolare la rinegoziazione dei mutui a tasso variabile delle famiglie, che sono destinati ad aumentare con la crescita dei saggi di interesse e, forse, anche la revisione dei meccanismi per determinare il tasso dusura delle banche, che rischia di produrre un effetto esattamente contrario a quello desiderato. Archiviato lennesimo attacco giunto dallinterno del partito grazie al pieno appoggio del presidente del Consiglio, il ministro dellEconomia, Giulio Tremonti, tornato a lavorare sul decreto per lo sviluppo che il Consiglio dei ministri approver il prossimo 6 maggio. Nel quale, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbero trovar posto anche le nuove norme sui mutui bancari. Tremonti ne ha parlato a fondo con il presidente del banchieri, Giuseppe Mussari, ed i tecnici sono gi al lavoro per gli approfondimenti tecnici. Da una parte si studiano norme per favorire la rinegoziazione dei mutui a tasso variabile, che fino ad oggi hanno garantito rate molto basse, ma che con laumento dei saggi dinteresse sul mercato rischiano di diventare ben

Allo studio
Il ministro dellEconomia Giulio Tremonti tornato a lavorare sul decreto per lo sviluppo che il Consiglio dei ministri approver il prossimo 6 maggio

pi cari nellimmediato futuro. Potrebbero assumere la forma di una moratoria o di agevolazioni per la conversione dei mutui. Sullaltro fronte si lavora per ridefinire i meccanismi del tasso dusura, fissato per legge. Oggi al 4% ed oltre quella soglia le banche non possono prestare denaro, sicch una gran massa di famiglie ed un cospicuo numero di imprese sono di fatto tagliate fuori dal mercato del credito bancario.

Usura e credito Allo studio la revisione del tasso dusura per sbloccare il credito

Lattacco di Galan Gelmini e Prestigiacomo: il ministro ha tenuto in sicurezza i conti pubblici

Gli altri interventi del decreto di inizio maggio sono gi tutti delineati nel Piano Nazionale di Riforme. Ci sar il nuovo Piano casa, con una normativa nazionale, cui dovr seguire quella delle Regioni, per demolire gli edifici e ricostruirli con un premio volumetrico ed anche un eventuale cambio di destinazione duso, purch compatibile o complementare. Per il governo, che vuole evitare un secondo fallimento (il primo

piano casa ha avuto effetti praticamente nulli, considerati i vincoli imposti dalle Regioni), la norma nazionale sarebbe direttamente applicabile in caso di inadempienza dei Governatori. Con i quali, tuttavia, gi si profila un nuovo durissimo braccio di ferro: secondo le Regioni il potere sostitutivo del governo non applicabile nei settori di competenza legislativa regionale esclusiva o concorrente con lo Stato.

Nel decreto si prevede poi lintroduzione del regime del silenzio-assenso per i procedimenti finalizzati al rilascio del permesso di costruire e lesplicita estensione della Scia, la Segnalazione Certificata di Inizio Attivit, al settore edilizio, cominciando dai piccoli interventi che non danno luogo ad aumenti di volume. Per favorire il turismo si prevede infine una norma per listituzione dei distretti balneari turistici, con la quale,

tuttavia, il governo conta anche di risolvere una volta per tutte lannoso problema delle concessioni demaniali degli stabilimenti balneari, finito nel mirino della Ue. Il tentativo del governo quello, attraverso una ridefinizione delle competenze sul Demanio marittimo tra Stato e Regioni, di evitare la scadenza delle concessioni nel 2015 e la loro messa a gara dallanno successivo. Nel frattempo, Tremonti continua a ricevere attestati di solidariet dopo lattacco di Giancarlo Galan, ma anche qualche critica. Stefania Prestigiacomo e Mariastella Gelmini, due ministri con i quali non sono mancate discussioni in passato, hanno riconosciuto a Tremonti il merito di aver tenuto i conti a posto, e lo stesso ha fatto Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera. Anche la Lega Nord, con un editoriale de La Padania, si schierata a fianco del ministro. Ma Luigi Grillo, senatore pdl, contesta la sua linea: Le critiche lo stanno avvertendo che il rigore fine a se stesso non fa bene al Paese.

Mario Sensini
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Esteri
Razzismo Un campo di addestramento paramilitare nel weekend pasquale

Pogrom anti-rom in Ungheria Donne e bambini messi in fuga


Lesodo dei civili minacciati dalle milizie di ultradestra
Gli uomini restano, donne e bambini salgono sui pullman diretti al campo estivo: 277 rom in fuga da miliziani dellestrema destra, in unUngheria che sembra aver riportato indietro le lancette di un secolo. la prima volta dalla Seconda guerra mondiale che la Croce rossa evacua civili ungheresi minacciati da unorganizzazione paramilitare. Durante il weekend pasquale la cittadina di Gyngyspata, 2.800 abitanti ottanta chilometri a nord-est di Budapest, ospita un campo di addestramento del gruppo Vedero (Forza di diIn fuga Donne e bimbi rom lasciano il villaggio di Gyngyspata, a nord-est di Budapest (Ap)

Il movimento
Il partito Alle elezioni del 2010 per la prima volta entrato in Parlamento il partito di estrema destra Jobbik, legato al movimento paramilitare della Guardia ungherese I gruppi Nellorbita di Jobbik gravitano altre organizzazioni come Vedero, che conducono ronde per proteggere la maggioranza magiara dal crimine zingaro

fesa), che intende migliorare la salute dei giovani magiari instillando in loro la disciplina militare e dal suo sito Web invita i simpatizzanti a presentarsi in uniforme per lezioni di tiro al bersaglio e uso delle armi. Il tutto a un centinaio di metri dal quartiere che ospita i 450 membri della comunit rom. da oltre un mese che a Gyngyspata e in altre localit delle zone rurali Vedero e organizzazioni come la Guardia civile per un futuro migliore conducono pattugliamenti per ristabilire lordine e difendere la maggioranza ungherese terrorizzata dalla cri-

minalit zingara espressione ancora diffusa nelle aree dellEuropa centro-orientale dove un persistente pregiudizio anti-rom si salda allavanzata di movimenti di estrema destra dichiaratamente razzisti. Fenomeno aggravato in Ungheria dalla recente approvazione di una Costituzione di prossima pro-

Le ronde Il governo di Budapest: No ai pattugliamenti, il mantenimento dellordine monopolio dello Stato

mulgazione, fiore allocchiello del governo di centro-destra di Viktor Orbn, che cita letnicit tra i valori fondanti dello Stato ed accusata da Amnesty International di violare i diritti umani. Vedero una delle organizzazioni paramilitari che gravitano nellorbita del partito nazionalista Jobbik, entrato in Parlamento nel 2010 come terza forza. Gyngyspata un campo di battaglia, subiamo continue intimidazioni e abbiamo paura denuncia il vice presidente del consiglio locale rom Janos Farkas . Abbiamo mandato via i nostri figli perch qui non avrebbero

preso sonno. Allarmismo ribatte il capo di Vedero, Tamas Eszes la criminalit rom un problema ma il campo non si occuper di questo. Ci accusano di razzismo, noi perpetuiamo lantica tradizione ungherese delladdestramento militare. Ieri pomeriggio la polizia ha fermato alcuni miliziani e lo stesso Eszes: portato via in manette, ha urlato ai suoi di andare avanti. Il governo di Budapest, che ha fatto dellintegrazione dei rom uno dei temi principali dellattuale presidenza di turno Ue e che ieri ha definito lesodo una provocazione

politica slegata dalle esercitazioni, ha annunciato multe di 100 mila fiorini (400 euro, un salario medio) per chiunque partecipi alle ronde. Il mantenimento dellordine monopolio dello Stato, ha dichiarato il portavoce di Orbn annunciando un decreto anti-pattugliamenti. In Ungheria vivono 800 mila rom: una serie di attacchi ai campi nel 2008-2009 fece sei vittime. Solo poche aggressioni, denunciano gli attivisti, furono classificate come crimini dellodio.

Maria Serena Natale


msnatale@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il referto segreto Arteriosclerosi grave

I crimini di Stalin? Spiegati (in parte) dal cervello malato


Dittatore Iosif Stalin (1878-1953) al Cremlino nel 1936: secondo il diario di uno dei suoi medici pubblicato in questi giorni, fu larteriosclerosi a renderlo crudele e sospettoso

MOSCA Si sa da tempo che il cervello di Stalin era malato e che almeno negli ultimi tempi non funzionava a dovere. Il diario di uno dei suoi medici pubblicato in questi giorni ci dice ora che larteriosclerosi non solo lo port alla morte ma lo rese anche particolarmente crudele e sospettoso. Il Piccolo Padre dunque perseguit e fece uccidere milioni di persone solo perch malato? No, visto che la sua crudelt e mancanza di scrupoli era evidente gi in giovent, quando prima della rivoluzione era noto come Koba il sanguinario. Certamente per nellultimo periodo, quando il leader sovietico aveva raggiunto i settantanni, gli effetti del male si fecero pi acuti ed evidenti. Se non fosse morto a seguito di un ictus quel 5 marzo del 1953, avrebbe scatenato una nuova campagna di epurazioni. Questa volta contro i medici ebrei che accusava di tramare per assassinare lui e tutta la classe dirigente sovietica. Il dottor Aleksandr Myasnikov, vicino al grande dittatore per anni, aveva tenuto un diario che alla sua morte venne sequestrato dal Kgb. Ora stato restituito agli eredi che hanno deciso di pubblicarlo. Dopo la morte, lautopsia rivel lestensione dei danni subiti dal cervello del dittatore. Stalin scrive il medico pu aver perso il senso del buono e del cattivo, del giusto e di ci che era sbagliato, di ci che era permesso e di quello che non lo era. Mya-

snikov aggiunge che la malattia tende a esasperare i tratti del carattere, cos che una persona sospettosa diventa paranoica. Le memorie del dottore hanno suscitato perplessit fra coloro che conoscevano Stalin e lo stesso Myasnikov il quale era certamente nelle grazie del dittatore. Anche se in vecchiaia larteriosclerosi potrebbe aver peggiorato il suo carattere, certo che Stalin si comport per tutta la vita in maniera abbastanza coerente: quando operava a Bak per conto di Lenin e non era ancora quarantenne; quando ordinava deportazio-

Lautopsia I diari del medico che fece lautopsia: Danni tali che pu aver perso il senso del buono e del cattivo
ni ed esecuzioni di massa negli anni Trenta ed era quasi sessantenne. Sempre in questi giorni stanno uscendo anche gli estratti di un altro diario segreto, quello di Lavrentij Beria, capo dellNkvd e braccio armato di Stalin. Non certo che i diari siano autentici, ma anche queste pagine sembrano scritte per rendere pi umano il sanguinario dittatore. Ci raccontano, ad esempio, di come Koba si commosse dopo la fine della guerra e scoppi in lacrime davanti al suo collaboratore.

Fabrizio Dragosei
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Esteri 17

Il caso

Uno sceriffo legge nelle scene scritte sul petto i dettagli di un omicidio mai risolto. E scatta la trappola che incastra lassassino

Il delitto confessato nei tatuaggi sul corpo: preso il killer della gang
Los Angeles, omicidio risolto grazie a una foto
WASHINGTON I tatuaggi nel mondo delle gang di Los Angeles non sono solo una moda. Rappresentano un segno di riconoscimento. Raccontano sulla pelle di chi li porta qualcosa che avvenuto in un angolo del barrio, il quartiere dove regna la banda. Svelano appartenenza al branco, passioni, amori e odio. E in qualche caso, come si dice in gergo, possono parlare. quello che avvenuto con Anthony Garcia, membro della gang Pico Rivera 13. Hanno scoperto che era coinvolto in un omicidio irrisolto leggendo la scena che si era fatto tatuare sul petto. La storia raccontata dal Los Angeles Times potrebbe finire in qualche episodio di Csi. E inizia nel 2008 nel modo pi banale possibile. Kevin Lloyd, agente dello Sceriffo della Contea, esegue un controllo di routine. Sfoglia lalbum con le foto che ritraggono elementi sospetti e i loro tatuaggi. una specie di ricognizione che le squadre impegnate contro le bande giovanili eseguono di frequente. Fissi un volto, memorizzi il logo delle gang. Informazioni che tornano utili in caso di un fermo. Magari le ritrovi disegnate su un muro o sulla parete di un covo. So-

Chi sono

Le gang di Los Angeles Sono centinaia, formate soprattutto da neri e ispanici. Le pi importanti sono Crips, Bloods e Latin king Il controllo Marcano il territorio con graffiti, spedizioni armate e controllo dei traffici illeciti La rivolta I Riots, nellaprile maggio 1992, provocano 50 morti e centinaia di incendi e saccheggi Il film Gang Tapes, di Adam Ripp: la storia di uniniziazione

no cos importanti che quando i pandilleros sono arrestati, la polizia non solo prende le impronte digitali ma fa togliere loro le magliette per scattare delle foto dei tatuaggi. Un sistema che spesso ha funzionato. Scheda dopo scheda linvestigatore arriva al tatuaggio di Anthony Garcia, un tipo che ha alle spalle un lunga serie di precedenti ed membro di una banda. La foto segnaletica mostra il giovane a torso nudo. Sul petto un elaborato disegno: luci natalizie, un lampione, la scritta Rivera Kills, un elicottero in miniatura che spara ad una nocciolina, una persona che impugna una pistola. Come in un puzzle, lagente Lloyd scompone e ricompone i tatuaggi. Tutto tiene: la vignetta sembra raccontare un delitto irrisolto. Quello di John Juarez, 23 anni, ucciso a colpi di pistola nel 2004. Sulla scena dellomicidio cerano le luci natalizie e lo strano lampione. La frase Rivera Kills un riferimento alla gang Rivera 13, la stessa di Garcia. La traiettoria dei proiettili la stessa. Lelicottero, in inglese Chopper, indica sempre la banda. E noccioline sono gli avversari, quelli della Pi-

La verit sulla pelle Anthony Garcia con il tatuaggio che racconta lassassinio commesso dalla sua gang

co Nuevo. I dati sono interessanti e incredibili. Ma da soli non bastano. Kevin Lloyd lavora su passato di Garcia, studia il dossier, cerca di capire se possa esserci un collegamento tra il giovane e il delitto. un sentiero da seguire. Pu portare da qualche parte o finire in un vicolo cieco. Gli uomini dello Sceriffo si metto-

Gli indizi Nella vignetta disegnata sulla pelle, cerano le luci natalizie, un lampione e perfino la stessa traiettoria delle pallottole

no in caccia per trovare Garcia. Linchiesta conosce la seconda svolta quando, grazie a una soffiata, lo Sceriffo individua il ricercato. Viveva con dei conoscenti. Lo arrestano e lo trasferiscono al centro di detenzione di Norwalk. Lo lasciano in ammollo per qualche giorno e poi passano alla seconda fase del piano escogitando un trucco abbastanza consueto. Un agente si fa passare per il membro di una gang e viene messo nella stessa cella di Anthony Garcia al quale racconta di essere stato arrestato per tentato omicidio. Garcia si beve la storia, non sospetta nulla. Non ci mette troppo a raccontare le sue imprese allinterno della banda. Compresa quella pi im-

portante: la confessione dellomicidio compiuto nel 2004. Il brutale assassinio di John Juarez. Il cold case finalmente chiuso. Per gli investigatori Anthony Garcia avrebbe deciso di farsi tatuare la scena del delitto perch era sicuro che non avrebbero mai capito. Al disegno iniziale ha fatto poi aggiungere altri dettagli. Non si trattato di una mossa improvvisa o di una sbruffonata. Ci ha pensato, affermano gli agenti della Contea. A tradirlo stato un insieme di circostanze in parte casuali. Ma soprattutto la memoria e lintuito dellagente Lloyd.

Guido Olimpio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Esteri 19

Nozze reali Inseguita dal fantasma di Diana, la moglie di Carlo deve vedersela con la futura principessa. Che gli inglesi vorrebbero sul trono

Camilla, impeccabile intrusa nella fiaba di Kate


Discreta, ironica, ma poco amata. E i media si scatenano sulle sue discussioni con la nuora
Camilla ex Parker Bowles, nata Shand, oggi duchessa di Cornovaglia, la protagonista dellunica storia damore autentica e interessante degli ultimi decenni in casa Windsor. lunica tra le mogli e fidanzate dei Windsor con cui le donne normali, volendo, si possono identificare: non bellissima, originariamente sciattona e accessoriata con sigarette, maglioni, cani e station wagon; ora pi curata solo per motivi di immagine, quietamente tenace e parecchio autoironica (quando spense le candeline alla sua festa dei cinquantanni, quando era ancora una divorziata criptofidanzata col principe di Galles e molti la detestavano in quanto disgraziata rivale della da poco defunta Lady Di, mise I Will Survive, sopravviver di Gloria Gaynor; linno disco delle donne di carattere con problemi di cuore). Il suo matrimonio con Carlo dInghilterra, nel 2005, quando tutti e due erano vicini ai sessanta, non stato visto dai pi come il trionfo di un legame forte, che aveva resistito ai decenni, a due matrimoni di ripiego, a unopinione pubblica

Protagonista

Futuro re William con Kate Middleton il giorno del fidanzamento

Il primo matrimonio Camilla Rosemary Shand, nata il 17 luglio 1947 a Londra, sposa nel 1973 lufficiale Andrew Parker Bowles, dal quale ha due figli: Tom (figlioccio di battesimo del principe Carlo) e Laura. I Parker Bowles divorziano nel 1995 Criptofidanzata La relazione tra Camilla e Carlo comincia nel 1970: i due si conoscono a una partita di polo. Nel 1981 Carlo sposa Diana Spencer. Lamore con Camilla non si interrompe e diventer di pubblico dominio con la pubblicazione, nel 1992, del libro Diana: Her True Story. Nella celebre intervista alla Bbc del 1995 la principessa racconter il suo affollato matrimonio. Carlo e Diana divorziano nel 1996, Diana muore in un incidente dauto un anno dopo Sposa Carlo e Camilla si sposano nel 2005 nella St. Georges Chapel a Windsor (sopra nella foto Reuters). Secondo i sondaggi, oggi solo il 14 per cento degli inglesi vorrebbe che la Duchessa di Cornovaglia diventasse regina, se Carlo salisse al trono

ostile. Casomai, come un epilogo a quel punto inevitabile; reso pi accettabile dal comportamento impeccabile di Camilla. Che a differenza di Diana e anche di suo marito non ha mai detto una parola a mezzo stampa o via biografi sugli affari suoi; e a differenza della maggior parte dei suoi parenti acquisiti, regina esclusa, non ha fatto gaffes o creato imbarazzi. Per duchessa, non principessa come la prima moglie. E oggi, secondo i sondaggi, solo il 14 per cento la vorrebbe regina, se Carlo diventasse re. Il 50-60 per cento degli interpellati negli stessi sondaggi vorrebbe che Carlo si facesse da parte e lasciasse il trono allassai pi mediatico principe William e alla moglie Kate. Oltretutto: lottantenne Elisabetta pare in forma, e la sua vispa mamma morta a 101 anni. E quando la regina venisse a mancare, il principe di Galles sarebbe troppo vecchio per diventare un sovrano di richiamo. Ed gi troppo strano, poco carismatico, un po ombroso. Per, dicono i giuristi inglesi, bypassare Carlo sarebbe complicatissimo; sarebbero necessari un atto del Parlamento e una sua abdicazione. E dicono che, in caso, di fatto, Camilla sarebbe regina. Anche se il pubblico continua a sperare in Will e Kate, giovani e patinati. E i media britannici contrappongono la carampana Camilla alla splendente, sempre pi smilza Kate. Raccontano di una discussione tra le due, con Camilla che cerca di convincerla a sposarsi in tiara e Kate che, da astuta Cenerentola pariolina, preferisce dei fiori in testa; sono pi freschi e romantici, e non appiattiscono i capelli. Ricamano su un pranzo al ristorante del Berkeley Hotel in cui Camilla stata sentita dire a Kate se posso darti un consiglio.... Anche se non si capito quale; e si ipotizza che le abbia detto di non imitare Diana, di non fare la diva mettendo in ombra il coniuge. Camilla non lo fa, anche perch non ama visibilit eccessiva e cerimonie. Anche se, dicono i suoi amici, diventare regina non le dispiacerebbe. Anche se i monarchici pop sognano Queen Catherine, potenziale giovane sovrana da telefilm, e non Queen Ca-

I consigli In un ristorante si sarebbe rivolta alla ragazza: Se posso darti un consiglio... Fiori o tiara Avrebbe invitato la sposa a indossare la tiara, ma lei preferisce una corona di fiori

milla, ex adultera sbrigativa. Anche se in un film identitario per i britannici come Il discorso del re, nel ruolo di stoica e spiritosa consorte, figurerebbe meglio lei della prossima sposa. Oltretutto: proprio come Elizabeth, moglie di Giorgio VII e poi Regina Madre, nei momenti difficili Camilla annuncia ho bisogno di un gin tonic. Lo far probabilmente anche la sera del 29, dopo una festa di nozze che produrr molto pi entusiasmo della sua; e come biasimarla.

1981 Carlo e Diana fidanzati: lei indossa lanello che il primogenito William doner a Kate trentanni dopo (Ap)

Maria Laura Rodot


RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintervista Paolo Occhipinti, ex direttore di Oggi: Le nozze combinate una volta erano cose da re, ora roba da poveri cristi

Damore, dinteresse, discussi e da favola Tutti i s, dallo Sci a Carolina di Monaco


MILANO Nozze del millennio, e non potrebbe essere diversamente visto che iniziato solo da undici anni... Nozze del millennio anche perch il principe William e Kate Middleton si sono conosciuti allalba del 2000, un fidanzamento di 10 anni inconsueto, oggi usa poco tra le nuove generazioni: le coppie giovani o si sposano dopo pochi mesi o non si sposano affatto. La loro stata una scelta meditata: si sono presi, lasciati, ripresi, credo siano convinti della scelta che stanno per fare. Questo tira e molla garanzia di stabilit. Paolo Occhipinti parla a ragion veduta, ora direttore editoriale dei familiari di Rcs Periodici, stato direttore di Oggi dal 1976 al 2005. Occhipinti, lei di nozze reali se ne intende. Racconti. Ho cominciato alla fine degli anni Cinquanta, in piena "matrimonite" reale, quelli erano gli anni doro, basti pensare alle nozze tra lo Sci e Soraya, con il risvolto drammatico che ne segu: lei ripudiata perch non poteva avere figli. Allora la tv non seguiva questi avvenimenti e la gente seguiva tutto sulla carta stampata. Uno dei matrimoni pi discussi? Quello tra Carolina di Monaco e Philippe Junot, 1978. I giornali ci andarono pesante, parlarono di plagio, cerano 17 anni di differenza, Ranieri era contrario. Anche noi calcammo la mano ed effettivamente la decisione di annullamento delle nozze da parte della Sacra Rota conferm che ci avevamo preso. Allepoca la guerra tra giornali era allultimo colpo.

Coppie reali

1959 Lo sci di Persia Reza Pahlavi sposa in seconde nozze Soraya Esfandiary, principessa dagli occhi tristi: fu ripudiata perch non poteva dargli un erede (United Press Photo)

1962 Il matrimonio di Juan Carlos di Spagna con Sofia di Grecia. Durante la cerimonia di rito ortodosso, il re Paolo di Grecia scambia le corone (Ansa)

1983 Carolina di Monaco sposa Stefano Casiraghi in seconde nozze, prima dellannullamento del precedente matrimonio con Philippe Junot

Vittorio Emanuele di Savoia e Marina Doria si erano sposati con rito civile a Las Vegas nel 1970, lanno successivo la cerimonia fu celebrata con rito religioso a Teheran, perch Vittorio Emanuele era in affari con lo Sci. Noi avevamo una sorta di esclusiva, ricordo che linviata di Gente, il nostro principale concorrente, si travest da suora per entrare in chiesa. Ma fu beccata e cacciata ignominiosamente. Il matrimonio che ha fatto sognare? Carlo e Diana. Tutti facevano il tifo per questa coppia, anche se poi sappiamo che stato una frana, allora era visto come il matrimonio da fiaba, il coronamento di una vera grande storia damore. Faceva il paio, quanto ad amore, alle nozze, nel 1960, tra Fabiola e Baldovino I, la coppia reale del Belgio. Matrimoni di interesse o combinati? Nel 1962 fece discutere quello tra Juan Carlos di Spagna e Sofia: cera chi diceva che fosse stato organizzato dalle famiglie, anche se loro hanno sempre smentito. Fu un caso politico perch lei era ortodossa e i cattolici spagnoli erano in subbuglio. Le nozze combinate una volta erano cosa da re, ora roba da poveri cristi: penso alle ragazze indiane che si trovano un matrimonio organizzato dai genitori nel loro Paese a loro insaputa. Adesso

le famiglie reali se ne fregano di imparentarsi tra di loro. Vittoria di Svezia fidanzata con il suo personal trainer, Kate non ha sangue blu e i suoi avi erano minatori. Alle ragazze di oggi non interessa diventare regine se non c lamore di mezzo. Essere regina una bella scocciatura.
Cantante-giornalista Paolo Occhipinti, 72 anni: per 26 (fino al 2005) stato direttore di Oggi. Prima si era affermato come cantante con lo pseudonimo di John Foster

Un matrimonio in tono minore? Quello tra Carolina e Casiraghi, erano ancora in attesa dellannullamento del precedente matrimonio di Carolina, quello con Junot. Lei che era il suo idolo fece infuriare pure Paola del Belgio. Quando facevo il cantante con lo pseudonimo di John Foster la mia "Amore scusami" era dedicata a Paola del Belgio, che qualche anno dopo tra i suoi cantanti preferiti citava me ed Adamo. Quando ero direttore di Novella 2000 la misi nei guai con una copertina che fece scandalo, lei con un amico. Mi son sempre chiesto se avesse saputo che il direttore che laveva svergognata davanti allEuropa era uno dei suoi cantanti preferiti.

Renato Franco
RIPRODUZIONE RISERVATA

22

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Cronache

Earth Day per le foreste

Si svolta ieri in tutto il mondo lEarth Day, giornata della Terra dedicata alla salvaguardia delle foreste del globo (nella foto manifestazione a Seul)

Polemica Tra i quesiti per la consultazione di giugno resta solo il legittimo impedimento. Quorum pi difficile da raggiungere

Acqua, unauthority per evitare il referendum


Il ministro Romani: gestir la privatizzazione. Lopposizione protesta: un imbroglio
ROMA Un decreto legge da approvare in Consiglio dei ministri entro la met di maggio per creare unautorit di controllo nel settore dellacqua, simile a quella che c gi per lenergia e il gas. questo lapprofondimento legislativo del quale due giorni fa parlava il ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani. Un intervento che, dopo quello sul nucleare, potrebbe far saltare anche il referendum sullacqua lasciando a giugno solo quello sul legittimo impedimento, che faticherebbe di pi a raggiungere il quorum e potrebbe essere nullo. Lannuncio arriva dal sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia: Le liberalizzazioni devono essere regolate e quindi ci vuole unautorit terza rispetto al governo. In realt di questa ipotesi si parla da anni, e a sostenerla la stessa Federutility, la federazione delle aziende del settore. Ma adesso, a meno di due mesi dal referendum, il governo accelera: Penso che lunica modalit possibile dice il sottosegretario sia quella di un decreto legge o una modifica a uno dei decreti che il Consiglio dei ministri sta per varare.

Paolo Romani
Nessuna decisione, limportante non il referendum ma il merito della questione
Una strada possibile, secondo la Costituzione, solo in casi straordinari di necessit e urgenza. Ed proprio questa improvvisa urgenza ad alimentare, nellopposizione che parla di colpo di Stato, i sospetti di una manovra per affondare il quesito sulla giustizia. Un decreto contro il referendum sul legittimo impedimento, dunque? Io mi occupo di questi temi da un punto di vista tecnico risponde Saglia e sono convinto che questi interventi abbiano una ragione dessere. Daltronde se leffetto secondario anche quello, un sospetto politicamente legittimo. A poco serve la frenata di Romani: Non stata presa alcuna decisione e limportante che non si discuta solo di referendum ma del merito dei problemi. Come per il nucleare la partita tutta politica. Stanno studiando il modo per dare unaltra fregatura ai cittadini dice per lItalia dei valori Antonio Di Pietro il tutto per evitare che sia superato il quorum sul referendum che fa paura a Berlusconi: quello su di lui e le sue leggi per restare impunito. Tra i finiani cambiano i toni ma non il ragionamento: Non vorremmo dice il responsabile Ambiente Piercamillo Falasca che il governo sacrifichi la liberalizzazione dei servizi affinch gli elettori siano meno motivati a recarsi alle urne. Secondo Nichi Vendola siamo di fronte a un vero e proprio furto di democrazia sotto la spinta delle lobby affaristiche. Mentre il segretario del Pd Pierluigi Bersani invita a tenere alta la guardia per raggiungere il quorum. I quesiti sullacqua sono due: il primo vieta lingresso dei privati nelle societ di gestione degli impianti, il secondo dice no alla cosiddetta remunerazione del capitale, e quindi renderebbe pi difficili gli investimenti. Dal punto di vista tecnico le aziende del settore dicono che lAutorit necessaria: In un Paese normale saremmo tutti daccordo dice il vice presidente delegato di Federutility Mauro DAscenzi visto che la stessa proposta era sostenuta dal governo Prodi e dal Pd. Lautorit garantirebbe lequilibrio delle tariffe e quindi sarebbe utile per tutti i cittadini. Ma crearla per decreto legge a pochi giorni dal referendum non ha in realt altri obiettivi? Sarebbe stato meglio seguire unaltra strada, ma riduttivo considerarla un trucco. E poi, per risparmiare, invece di crearne una nuova potremmo ampliare le competenze di quella che abbiamo gi per il gas e lenergia.

Antonio Di Pietro
Temono il referendum su Berlusconi e sulle leggi che lo renderebbero impunito

Il sottosegretario Stefano Saglia: le liberalizzazioni vanno regolate da un organo terzo rispetto allesecutivo

Le lobby Nichi Vendola parla di un furto di democrazia sotto la spinta delle lobby affaristiche

Lorenzo Salvia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il comitato

Liniziativa di legge scritta da 200 persone

Dalla Lega alla sinistra Movimento dal basso con inedite alleanze
Il patto tra un predicatore e un intellettuale
Senza un infarto e una diaspora non sarebbero mai arrivati fino in quella piazza. Linsulto cardiaco quello che nel 1986 a momenti si porta via la vita di Emilio Molinari, milanese, ex operaio della Borletti, allepoca europarlamentare per Democrazia proletaria. Lospedale e la riabilitazione producono un effetto collaterale. Mi allontanai dai ritmi dei partiti. La vera politica era fuori. Andava cercata nei bisogni primari della gente. Passa anni a studiare, nella sua casetta di Zoagli, in Liguria. Ne esce con una convinzione. Lacqua la leva. Perch suscita sensazioni che si perdono nella notte dei tempi, perch necessaria. Comincia il tempo della predicazione, cos la chiama lui. Allinizio gira per lItalia a bordo di unauto scassata, lhinterland milanese, il Veneto cattolico e poi la Sicilia. La diaspora quella dei no global dopo la ferita di Genova, del G8 2001. Il lento ritorno a casa dei movimenti, la dispersione. Con la sua aria mite da insegnante, Marco Bersani sempre stato una delle figure meno appariscenti di quel mondo variegato. Non rilasciava interviste con il botto. Non dichiarava guerra ai grandi della terra. Non faceva notizia. Passava per essere lintellettuale del gruppo, lui e gli adepti della sua creatura, Attac Italia. A quei tempi predicava ladozione della Tobin tax, la tassazione delle rendite. Ci occupavamo della finanziarizzazione delleconomia. Poi abbiamo capito che la finanziarizzazione era arrivata a condizionare la vita delle persone. Tra i beni comuni a rischio, lacqua stata il granello di sabbia che ha fatto capire il resto. Hanno unito le forze, il predicatore e lintellettuale. Ma non si pu dire che in questi anni abbiano lavorato in splendida solitudine. La diffusione del movimento per la ripubblicizzazione dell'acqua stata capillare e costante, fino ad arrivare ad aprire una vera e propria vertenza nazionale. Su un solo, singolo tema, nata una coalizione dal basso senza precedenti. LItalia se la trova davanti in una delle sue tante giornate particolari. Il 20 marzo 2010 a Roma vanno in scena due manifestazioni nazionali. La prima quella dellamore che vince sempre contro lodio, la mobilitazione del Pdl nata come reazione al ferimento di Silvio Berlusconi, che tre mesi prima stato colpito al volto da una statuetta lanciata da Massimo Tartaglia. La seconda porta in piazza Repubblica duecentomila persone, vince ai punti il confronto con laltra. il debutto nella societ mediatica del movimento per lacqua bene comune, un monito a futura memoria per la politica. Comitati, associazioni, ma soprattutto 400 gonfaloni e altrettanti sindaci da tutta Italia. Citt come Foli-

In piazza

Luglio 2010 Consegna di un milione di firme per i referendum sullacqua pubblica

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Cronache 23

Lex senatore Risorse idriche pubbliche e rete di distribuzione ai privati

La sfida di Bassanini Troppi sprechi giusto liberalizzare


ROMA Sostiene che giusto rinviare il referendum sul nucleare assurdo andare a votare dopo lo choc del Giappone, meglio attendere le indagini sulla sicurezza mentre sbagliato cercare di evitare quello sullacqua con una legge che accogliesse le richieste dei referendari: Sarebbe un passo indietro gravissimo. Vorrebbe dire tornare alla gestione pubblica diretta, andare contro Bruxelles che ci chiede laffidamento con gara. Franco Bassanini, ex socialista, ex senatore Pds, nella commissione Attali voluta da Sarkozy per la crescita delleconomia francese e presidente della Cassa depositi e prestiti, si appella a tutte le persone e le forze politiche responsabili affinch chiariscano che oggetto del referendum non la questione della propriet pubblica o privata dellacqua. Ma solo la gestione della distribuzione... Esattamente. Se si va a leggere bene il decreto Ronchi-Fitto, che la sinistra vuol abrogare, si trova scritto che laffidamento del servizio "di piena ed esclusiva propriet pubblica delle risorse idriche, il cui governo spetta esclusivamente alle istituzioni pubbliche". Bastano queste righe per capire che la presentazione del referendum un imbroglio. Si appella anche al segretario Bersani? Anche a lui. Il segretario del Pd sa tutto, lui luomo delle liberalizzazioni, le ha fatte davvero e pi di chiunque altro in Italia. E credo la pensi come me. Il problema che tra i firmatari del referendum ci sono molti iscritti al Pd e quindi si muove con cautela. Ma se il Pd vuol essere un partito di governo deve cercare di convincere gli iscritti sulla necessit di votare no al referendum e non di inseguirli. Questo un passaggio su cui si misurano le leadership. Bersani prigioniero di Di Pietro? Soprattutto di Vendola che stato uno dei primi firmatari del referendum sullacqua. Passate le amministrative Bersani dovrebbe avere il coraggio di scendere in campo per dire la verit e difendere il decreto Ronchi. Anche perch, vorrei lo si ricordasse, il testo di legge contro cui lopposizione si sta mobilitando sostanzialmente lo stesso presentato nel 2000 da Napolitano-Vigneri e approvato dal Senato con maggioranza bipartisan. Non divenne legge solo per la fine della legislatura. Perch la presentazione del referendum un imbroglio? Deve essere chiaro che non si privatizza lacqua ma solo la gestione della distribuzione. Tanto vero che nessuno, nemmeno i referendari, parla della privatizzazione dei rifiuti. E poi cosa vuol dire lacqua pubblica? Che gratis, che se ne pu consumare a volont? Dobbiamo essere chiari: alla fine i costi del servizio verranno scaricati sui contribuenti aumentando le tasse.

La frase

Il referendum sullacqua un imbroglio e Bersani dovrebbe avere il coraggio di spiegarlo al popolo del Pd

A meno di non lasciare le cose come stanno. Ma questo non possibile. Nei tre settori coinvolti dal referendum acqua, rifiuti e trasporti sono previsti investimenti di 100 miliardi di euro in dieci anni. Sono 7 punti di Pil! Il paradosso che se vince il referendum gli investimenti ci vengono bloccati dal patto di stabilit interno. Per forza poi il Paese non cresce. Spieghi meglio questo passaggio. Se vince il referendum le societ che gestiscono i servizi idrici, come lAcquedotto Pugliese, resteranno pubbliche. Questo vuol dire che se la Cassa depositi e prestiti eroga un finanziamento a quelle societ, Eurostat lo contabilizza nel debito pubblico facendo scattare la tagliola del rigore. Un disastro per il Paese. Se invece il prestito va a una societ mista come lAcea (dove il Comune deve scendere al 30%) si evita il conteggio sul debito e quindi linvestimento si pu fare. Alla fine chi ci rimette di pi? Ma proprio i meno abbienti. Quei 100 miliardi di cui sopra in ogni caso vanno trovati e si finir per togliere risorse alla scuola, allordine pubblico, alla giustizia, alla ricerca, al welfare. Sono settori che non si possono tariffare o dare in gestione. Ma evidente, tanto per fare un esempio banale, che se la scuola non funziona i figli dei ricchi possono sempre andare a studiare allestero. Insomma una opposizione intelligente e senza paraocchi dovrebbe ripensarci.

Roberto Bagnoli
RIPRODUZIONE RISERVATA

gno, Gubbio, Ladispoli, Lanuvio, Modica, Napoli e tanti comuni leghisti di Veneto e Lombardia. Tutti in coda ai banchetti dove si raccolgono le firme per il referendum. Passano sotto silenzio, anche questa volta. Forse stata proprio la capacit di muoversi sottotraccia, di essere carsico, la forza di questo movimento, che a guardarlo da vicino presenta caratteristiche davvero trasversali e portatrici di inedite alleanze. Mette insieme locale e globale dice Bersani. Soprattutto non si limita a protestare, ma a fare proposta. Lorizzonte a cui vorremmo arrivare ce lo siamo costruiti. Lacqua ha avuto la capacit di unire i movimenti cristiani di base e la chiesa ufficiale, che soprattutto al Sud rappresentano il motore della macchina referendaria. La diocesi di Nola ha smesso di pagare le bollette, imitata dai comu-

Marzo 2011 Corteo a Roma del Comitato acqua bene comune contro la privatizzazione

ni della bassa Veronese, e in incognito dal capoluogo, da Varese e altri paesi leghisti. Nellelenco dei 144 Comuni lombardi che promossero il referendum per abrogare parte della legge regionale che introduceva la divisione tra aziende di gestione e aziende di erogazione da assoggettare alla privatizzazione via gara, una buona met era costituita da amministrazioni della Lega Nord. Il dettaglio non sfugg a Roberto Formigoni. Anche gli avversari sono trasversali. La legge che privatizza i servizi idrici porta il nome dell'ex An Andrea Ronchi, ma allavanguardia nella sua applicazione sono le Regioni governate dal centrosinistra, a cominciare dalla Toscana, per finire con la Puglia di Nichi Vendola, che ha rapporti alterni con i referendari dellacqua. Ci hanno messo sei mesi a scrivere la legge di iniziativa popolare che riassume le loro speranze. Uneternit se rapportata ai nostri tempi sempre pi veloci. Bersani elogia quella lentezza come un metodo nuovo. Su un solo singolo tema dice Bersani si sviluppato un vero laboratorio di democrazia partecipata. La nostra legge stata materialmente scritta da almeno 200 persone. Si decide per consenso, non a maggioranza. Il vecchio Molinari vuole togliersi un sassolino dalla scarpa. Gli scrittori che attirano le masse, gli artisti. Non ne abbiamo sentito uno. La cultura italiana indifferente. Ormai ci si muove solo nella logica dello scontro con Berlusconi. E cos facendo, non si vedono le novit. Qualcosa di nuovo c davvero. Basta leggere i numeri. La proposta di legge ha raccolto 420mila firme. La campagna referendaria ne ha tirate su un milione e quattrocentomila, in soli sei mesi. Comunque vada, ne risentiremo parlare.

Marco Imarisio
RIPRODUZIONE RISERVATA

24 Cronache

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Ascoli stata trovata una seconda sim card a casa della donna, ma era disattivata

Accoltellata anche dopo la morte Lassassino ha voluto punirla


Tracciato lidentikit del killer di Carmela: un uomo alto e robusto
Il computer ASCOLI un uomo alto e stato sequestrato il robusto quello che ha fatto stra- computer con il quale la zio di Carmela Rea, detta Melania, e dei suoi 29 anni. Un killer vittima teneva i contatti senza volto, animato da una fu- con le amiche al Sud
ria animalesca, che non voleva solo uccidere questa giovane e avvenente madre, ma punirla, come se si volesse vendicare di chiss quali torti. Sono coltellate profonde, cattive, quelle che hanno portato alla morte per dissanguamento di Melania, ritrovata mercoled scorso in una pineta del Teramano dopo essere scomparsa due giorni prima da Colle San Marco, vicino a Ascoli, dove si trovava con il marito Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dellesercito, e la figlia Vittoria di un anno e mezzo. Se di un maniaco, come ipotizzano gli inquirenti, davvero si trattato, resta difficile da spiegare come mai lassassino non abbia abusato sessualmente della donna, optando invece per una modalit bestiale come quella di accanirsi su quel povero corpo anche dopo la sua morte: dallautopsia emerge infatti che alcune coltellate sono state inferte quando Melania ormai non respirava pi. un film buio e atroce quello che sta andando in scena tra i monti che sovrastano Ascoli. Un film muto e senza sottotitoli, di cui per ora
DAL NOSTRO INVIATO

Lautopsia Si stanno analizzando il materiale trovato sotto le unghie e il liquido della siringa nel petto

quasi impossibile cogliere la trama. Tutte le ipotesi sono aperte, tutte le piste sono lecite il ritornello degli inquirenti che ieri hanno effettuato due sopralluoghi assieme al marito della vittima nel luogo della scomparsa e in quello del ritrovamento del cadavere, quasi a voler ripartire dalla casella di partenza. Si scava nel passato di Melania. E in quello del coniuge Salvatore. Si cercano di riannodare i fili di una famiglia nata e cresciuta nel Napoletano, a Somma Vesuviana, ma che ha poi spostato il suo baricentro a Folignano, paesino aggrappato alle pendici del monte Piselli. Gli inquirenti hanno sequestrato il computer di casa, quello

con il quale la donna si teneva in contatto con le amiche rimaste nel Napoletano. Si cerca una frase, un dettaglio, qualsiasi cosa possa aprire uno squarcio nella vita e nei pensieri di una mamma che a Folignano, almeno cos tutti raccontano, conduceva una vita all'insegna della massima normalit: casa, qualche amica, la chiesa. La scoperta di una seconda sim card, oltre a quella che si trovava nel cellulare vicino al cadavere della donna, aveva fatto sperare gli inquirenti in nuovi elementi. Ma poi si accertato che la scheda, che si trovava nellappartamento, nella tasca di una giacca della donna, era una di quelle promozionali e non era mai stata attivata. Anche il marito, unico testi-

I dubbi
Il percorso Salvatore Parolisi, marito di Carmela Rea, sostiene che la moglie si allontanata dal parco giochi per andare in bagno. Ma, sebbene conoscesse bene il luogo, non si spiega come mai abbia scelto la strada pi lunga per raggiungere il bagno del ristorante, ignorando un sentiero, molto pi breve, alle sue spalle Lorario Secondo i primi risultati dellautopsia lora della morte di Carmela Rea va collocata tra le 24 di luned 18 aprile e le 3 del mattino di marted 19. Un testimone avrebbe visto la donna alle 15: perch il marito avrebbe aspettato quasi due ore, fino alle 16,45, prima di andare a cercare la moglie? I segni Alcune delle oltre trenta coltellate sono state inferte sul corpo di Carmela Rea quando ormai la donna non respirava pi. Gli investigatori non si spiegano questo accanimento, senza una violenza sessuale. Da chiarire anche il significato della svastica incisa sulla coscia

mone, sotto i riflettori delle Procure di Ascoli e Teramo. Ieri sera stato sentito come persona informata dei fatti. Controlli e riscontri sono stati effettuati anche nella caserma del 235 Reggimento Piceno, tra i colleghi di lavoro delluomo, che riveste lincarico di istruttore di reclute donne. Ma soprattutto sulla ricostruzione di quel maledetto luned in cui Melania scomparsa che si concentra lattenzione dei magistrati. Salvatore sostiene che la donna si allontanata dal parco giochi di Colle San Marco per andare in bagno. Ma alcuni dettagli lasciano perplessi. Non si capisce come mai Melania, che pure conosceva bene il luogo, abbia scelto la strada pi lunga per raggiungere il bagno del ristorante, ignorando un sentiero, molto pi breve, alle sue spalle. E sullipotesi che sia stata aggredita durante il percorso pesano come un macigno le parole del comandante dei carabinieri di Ascoli, Alessandro Patrizio, secondo il quale non ci sono segnalazioni di presenze estranee nella zona. In questo deserto di indizi, fondamentali diventano i risultati dellautopsia: il materiale trovato sotto le unghie, quella specie di svastica sulla coscia e il liquido della siringa conficcata nel petto.

Francesco Alberti
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vittima Carmela Rea, 29 anni, era scomparsa il 18 aprile da Colle San Marco mentre era in gita con il marito e la figlia di 18 mesi. Il suo cadavere stato ritrovato il 20 a Ripe di Civitella del Tronto (Teramo). A destra il marito durante il sopralluogo di ieri (Infophoto)

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Cronache 25

La famiglia La ricostruzione di Salvatore, ex soldato in Afghanistan

Capisco la pressione su di me Chi indaga fa il suo lavoro


Parla il marito. Trapelano due casi di stalking sulla moglie
DAL NOSTRO INVIATO

ASCOLI Mima il gesto di spingere laltalena. Poi indica agli inquirenti il vialetto che ha inghiottito per sempre la moglie. Si soffia il naso. Piange. Cerca con lo sguardo il fratello Rocco, poliziotto. E alto e palestrato, Salvatore Parolisi, 30 anni, marito di Melania. Ne ha viste di tutti i colori, questo caporalmaggiore in servizio al 235 Reggimento Piceno: stato in missione in

Continuo a chiedermi
cosa avrei potuto fare per evitare tutto questo, ma ho pensato alla bambina

35 18
le coltellate che lassassino ha inferto a Carmela Rea con furia selvaggia, cieca e distruttiva. Secondo i rilevamenti, alcune sarebbero state inferte dopo il decesso della giovane i chilometri che distano da Colle San Marco (Ascoli Piceno), il punto in cui Carmela Rea scomparsa, e Ripe di Civitella (Teramo), dove il corpo stato rinvenuto dopo due giorni

Il luogo della scomparsa


Lo scivolo del parco giochi di Colle San Marco. Di fronte c laltalena. Il marito della vittima dice: da qui mia moglie scomparsa mentre io spingevo la bambina sullaltalena (Arcieri)

Afghanistan e ora uno degli istruttori del Centro di addestramento delle volontarie in ferma breve, scuola dellesercito che sforna ogni tre mesi quattrocento donne soldato. Eppure oggi, tra il verde del Colle San Marco, mentre ripercorre gli istanti in cui luned scorso vide per l'ultima volta la moglie Melania, quest' uomo appare piccolo e indifeso. Nascosto dietro un paio di occhiali scuri, chiuso in una giacca a vento nera, a dispetto della temperatura primaverile, il soldato Salvatore appare turbato di fronte agli inquirenti. Continuo a chiedermi dice che cosa avrei potuto fare per evitare tutto questo. Avrei dovuto accompagnarla al bagno, ma, per non far piangere la bimba che voleva restare sull'altalena, lho lasciata andare da sola. Se l'avessi fatto, se avessi insistito, Melania sarebbe ancora viva.... E un uomo senza punti di riferimento, Salvatore. Assediato dalle domande. Chi pu aver fatto un tale strazio della sua donna? Un maniaco? Un folle corteggiatore respinto? Se ci fosse stato qualcuno che la infastidiva o che le stava attorno, lei me lo avrebbe detto, su questo non ho alcun dubbio.... E in effetti, trapela dagli ambienti investigativi, qualcosa del genere in passato avvenuto: Melania avrebbe ricevuto in almeno due occasioni pesanti apprezzamenti da parte di una persona della zona, rimasta sconosciuta. Ne avrebbe subito parlato con il marito e la cosa sarebbe finita l. Un uomo sotto pressione, Salvatore. Perfettamente consapevole che ogni sua parola, ogni sua ricostruzione

La vicenda

La passeggiata e la scomparsa

Carmela Rea, detta Melania, 29 anni e madre di una bimba di un anno e mezzo. Si allontana luned 18 aprile dal pianoro del Colle San Marco nei pressi di Ascoli dove si trovava con il marito Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dellesercito, e la figlia

Il ritrovamento e il cercatore di funghi

Gli inquirenti hanno individuato luomo che da un telefono pubblico ha segnalato la scoperta del corpo di Carmela Rea nel bosco. Si tratterebbe di un uomo, cercatore di funghi, che per pura casualit si sarebbe trovato a transitare in quella zona

Le pugnalate e la siringa

Il corpo senza vita di Carmela viene ritrovato mercoled pomeriggio in unarea da pic nic a Ripe di Civitella, nel Teramano. Le sono state inferte 35 coltellate, alcune anche dopo la morte. Aveva una siringa conficcata ma non cera traccia di violenza sessuale

di quel tragico luned vengono passate al microscopio dai magistrati. Due Procure, quella di Ascoli e quella di Teramo, non gli staccano gli occhi di dosso. E l'unico testimone. Gran parte dellinchiesta si regge sulla sua versione. S, me ne rendo conto ammette . La pressione c, sicuramente, ma capisco gli inquirenti: fanno il loro mestiere.... Lui stesso, prima che venisse scoperto nella pineta di Ripe di Civitella il corpo straziato della moglie, aveva svolto una personale indagine. Luned, appena la moglie era sparita, aveva fatto il giro dei ristoranti e chioschi della zona, sperando di avere qualche elemento. E il giorno successivo, accompagnato da un amico, tornato a Colle San Marco, ripercorrendo passo dopo passo il percorso della donna alla ricerca di un segno, una traccia. I fratelli e i cugini gli fanno da scudo: Avevano tutto, lui e Melania, avrebbero festeggiato a giorni lanniversario delle nozze: chi ha distrutto tutto ci deve pagare. La coppia aveva in programma di trascorrere la Pasqua a Somma Vesuviana, dai parenti. In cucina, nella casetta gialla a Folignano, erano gi pronti i regali e le uova. Troppo, anche per un reduce dallAfghanistan. Vi prego, rispettate il mio dolore: ho gi detto a chi di dovere quello che sapevo... mormora Salvatore, mentre un carabiniere gli appoggia la mano sulla schiena, il fratello Rocco lo abbraccia, e tutti insieme abbandonano a testa bassa quello che diventato il parco degli orrori.

F. Alb.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ludienza

Milano Alla Santa Rita, Brega Massone e i due assistenti violarono il giuramento di Ippocrate

Caso Fastweb-Sparkle Prime 17 sentenze per il maxi riciclaggio


ROMA Nessun patteggiamento per Nicola Di Girolamo, ex senatore pdl (eletto a Palazzo Madama con i voti delle cosche secondo laccusa) e gi legale del faccendiere Gennaro Mokbel. Accusato di riciclaggio internazionale per la vicenda Fastweb Telecom Sparkle, Di Girolamo torner davanti al giudice per le senatore pdl, Carlo Taormina e Pierpaolo DellAnno. Di Girolamo si era dimesso il 3 marzo 2010 dopo la richiesta di arresto della Procura ma appena prima del voto in aula. Oltre allaccusa di associazione a delinquere e riciclaggio (30 milioni di euro) aveva pesato lessere stato eletto con i voti della ndrangheta. Decisive le intercettazioni dei colloqui con lautoritario Mokbel: Puoi diventare pure presidente della Repubblica, per me sei sempre il portiere mio... Tu sei uno schiavo mio diceva il faccendiere a Di Girolamo in procinto di candidarsi per Forza Italia. Nel 2010, dopo sei mesi di carcere (convertiti agli arresti domiciliari) Taormina e DellAnno avevano proposto per lex senatore il patteggiamento a 4 anni e 11 mesi di carcere per evitargli quellinterdizione perpetua dai pubblici uffici che scatta dal quinto anno di carcere in su. Ora bisogner aspettare il 23 maggio.

Il chirurgo era il principe delle truffe


La sentenza su tre medici: pazienti considerati come pozzi di denaro
MILANO Hanno violato il giuramento di Ippocrate, con incredibile cinismo hanno tradito il rapporto fiduciario medico-paziente considerando i malati soltanto come serbatoi di denaro senza fermarsi neppure davanti a pazienti particolarmente fragili e indifesi trasformati senza un barlume di piet in strumenti per la produzione del fatturato. I giudici di Milano spiegano perch ad ottobre hanno condannato i tre chirurghi insensibili e spietati della Clinica degli orrori Santa Rita accusati di lesioni volontarie e truffa per 79 interventi toracici dannosi e fatti solo per ottenere i lucrosi rimborsi del servizio sanitario. Sono monumentali e destinate a fare giurisprudenza le motivazioni (1.187 pagine) con le quali la presidente della 4a sezione penale Maria Luisa Balzarotti e i giudici Carmen DElia e Orsola De Cristofaro analizzano il processo, chiusosi accogliendo pressoch tutte le richieste dei pm Grazia Pradella e Tiziana Siciliano con la condanna a 15 anni e mezzo del primario Pier Paolo Brega Massone, a 10 anni del suo braccio destro Pietro Fabio Presicci e a 6 anni e 9 mesi dellaiuto Marco Pansera. Brega Massone ancora in carcere accusato con Presicci e Pansera anche di quattro omicidi per la morte di altrettanti pazienti e di altri 46 casi di lesioni volontarie. Ripercorsi passo per passo gli interventi sui quali ha indagato il pm Pradella e che impegnano pi di mille pagine e che descrivono una serialit di fatti, unintensit di dolo da parte di tre medici ad elevata propensione a delinquere e alla continua ricerca di un pretesto per operare. Chiss se il chirurgo Pier Paolo Brega Massone ricorda ancora il momento in cui ebbe a prestare il giuramento di Ippocrate; chiss se lo ricordano i suoi due assistenti si chiedono i giudici secondo i quali, sin da quando i malati venivano in contatto con il primario, si pensava di operarli, anche quando erano cos malati e anziani che lintervento era inutile. Altrimenti li si convinceva con informazioni largamente incomplete, terrorizzandoli con il rischio inesistente di un tumore maligno. non hanno esitato ad allinearsi alle direttive del capo condividendone gli intenti e la spregiudicatezza. Severo il giudizio sui consulenti della difesa Brega Massone, Ludwig Lampl e Franco Giampaglia. Le loro imbarazzati osservazioni vengono fatte a pezzi sottolineando come si siano contraddetti tra loro e con lo stesso Brega. Nei loro confronti i giudici esprimono rilevantissime perplessit di metodo, cos radicali da determinare un giudizio aspramente negativo sulla attendibilit delle loro conclusioni. Ritengono che abbiano voluto giustificare il comportamento di Brega Massone a tutti i costi in un tentativo, decisamente non riuscito, di trasformare il processo in una disputa accademica, una sorta di confronto tra scuole di pensiero, che il giudice dovrebbe limitarsi a registrare. Alle critiche per lassenza di controlli davvero incisivi e pregnanti da parte degli enti pubblici perch avrebbero potuto prevenire queste condotte, la Regione risponde: Il sistema di verifiche lombardo il pi avanzato in Italia.

Pena troppo lieve Il giudice ha respinto il patteggiamento per lex senatore del Pdl Nicola Di Girolamo
udienze preliminari il 23 maggio. Il gup ha ritenuto la pena troppo lieve. Per altri dieci dirigenti aziendali stata accolta la richiesta di patteggiamento per il riciclaggio di 2 miliardi di euro mentre altri sette sono stati condannati con il rito abbreviato. Chiariremo tutto a maggio. Oggi, di fatto, non successo nulla minimizzano i legali dellex

Il chirurgo Pier Paolo Brega Massone durante il processo

Il.Sa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Clinica La clinica degli orrori Santa Rita: ora ha cambiato nome

Ma perch tanto cinismo, tanta aggressivit chirurgica? Brega, principe delle condotte truffaldine, ha rivendicato con orgoglio la correttezza di tutte le operazioni. Personalit assai forte e strutturata, incrollabilmente convinto delleccellenza delle proprie qualit, si muove per consolidare la propria posizione nella clinica e nella chirurgia nazionale e internazionale anche, lagghiacciante spiegazione, grazie alla pubblicazione di lavori scientifici basati sulle casistiche operatorie; Presicci e Pansera

Giuseppe Guastella gguastella@corriere


RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Cronache 27
#

Mafia Ha fatto ritrovare i candelotti. Carte false? Non centro

La scheda

Dinamite nel giardino di Ciancimino jr


Interrogato a Parma. Lombra di un puparo
PALERMO Ha pianto per tutta la durata dellinterrogatorio negando di aver falsificato il documento che accusa lex capo della polizia Gianni De Gennaro. Dopo una notte in carcere Massimo Ciancimino ha preso coscienza di essersi giocato il patrimonio di credibilit che da figlio di mafioso lo aveva trasformato in icona dellantimafia. E ha cercato di recuperare. Per esempio con lultima rivelazione ad effetto sullesplosivo trovato a casa sua una settimana fa e che avrebbe disinnescato da solo, buttandolo dellacqua, senza avvertire nemmeno la scorta, pur di non creare allarme. In effetti nel giardino dellabitazione di Via Torrearsa a Palermo la polizia ha rinvenuto tredici candelotti di dinamite, 22 detonatori e due micce. Erano allinterno di una busta nera della spazzatura parzialmente bagnati. Un ordigno sul quale gli artificieri hanno lavorato con estrema cautela prima di rendersi conto che non poteva esplodere perche non era collegato. Ma la stravaganza di lasciare una bomba nel giardino di casa e andarsene in vacanza nulla toglie allaccusa per cui finito in carcere. Anzi. Sicuramente non contribuisce a riabilitarlo agli occhi dei pm di Palermo che per anni gli hanno dato credito ma che non hanno esitato ad arrestarlo di fronte allevidenza di un documento in cui stato inserito in modo posticcio il nome di De Gennaro, accostandolo al cosiddetto quarto livello. Io non ho falsificato documenti si difeso Ciancimino jr e non riesco a spiegarmi chi possa averlo fatto. Questo il punto. Se il documento taroccato e se lui dice di non averlo falsificato chi stato? Nellinterrogatorio il figlio di don Vito ha raccontato di aver consegnato tutto il materiale che ho recuperato e che era di mio padre, ma anche documenti che mi sono arrivati in forma anonima. Ma poi laggiunto Ingroia ed i sostituti Di Matteo e Guido gli hanno fatto la domanda chiave proprio in relazione a quella cartolina in cui compare il nome De Gennaro con la freccia che parte dal nome Gross, che poi sarebbe il misterioso signor Franco della trattativa Stato-mafia. Nel giugno 2010 Massimo Ciancimino in proposito era stato chiaro. La cerchiatura e la scritta De Gennaro aveva spiegato stata fatta da mio padre davanti a me e mi disse che da questo elenco si era dimenticato di inserire il nome De Gennaro. Dunque non pu sostenere che sarebbe stato falsificato da altri.
In questura Massimo Ciancimino stato arrestato con laccusa di calunnia pluriaggravata nei confronti dellex capo della polizia Gianni De Gennaro

Chi Massimo Ciancimino figlio di Vito, gi sindaco dc di Palermo, condannato per mafia e morto nel 2002 Supertestimone Ciancimino supertestimone della presunta trattativa tra Stato e mafia Larresto Gioved Ciancimino jr stato arrestato con laccusa di calunnia pluriaggravata nei confronti dellex capo della polizia Gianni De Gennaro. Per la polizia i pizzini che accusano De Gennaro sarebbero falsi

Perch ha detto di averlo visto scrivere con i suoi occhi? hanno insistito i pm. Risposta: Non lo so io mi ricordavo cos, forse mi sbagliavo. Alla luce di quel che avve-

nuto ieri compreso il ritrovamento dellesplosivo molto probabile che oggi il Gip convalidi il fermo di Ciancimino. Che potrebbe restare nel carcere di Parma dove sono detenuti anche i boss

Provenzano e Filippo Graviano. Ai magistrati e anche al suo avvocato Francesca Russo apparso molto provato: Sicuramente non si aspettava di finire in carcere. Con due inchieste per calunnia a Palermo

Il processo

Il pm: Riina allergastolo per il delitto De Mauro

PALERMO Convergenza di pi causali. E lespressione usata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia per spiegare luccisione del giornalista Mauro De Mauro. Un delitto voluto dalla mafia ma non nellesclusivo interesse di Cosa Nostra, altrimenti non si spiegherebbero i depistaggi nelle indagini. Da qui la richiesta dellergastolo per lunico imputato Tot Riina. Secondo laccusa il 16 settembre del 1970 De Mauro venne sequestrato per eliminare un cronista scomodo, coraggioso e curioso della verit. E la sua morte si legherebbe ad altri misteri italiani, come il delitto Mattei e il fallito golpe Borghese. Diversi pentiti ha detto Ingroia hanno indicato questi due fatti, su cui stava indagando De Mauro, come causa della sua morte. In particolare laccusa si basa sulle dichiarazioni di Calderone,

di Grado e, per quel che riguarda la fase esecutiva, di Rosario Naimo. Il giornalista de LOra stava indagando sul misterioso incidente aereo nel quale mor il presidente dellEni Mattei svelando lintreccio tra potere finanziario e mafia. E sul fallito golpe Borghese stava scavando nel mondo dellestremismo neofascista dove poteva contare su vari informatori anche per la sua precedente militanza nella X Mas. Ma prima di riuscire a pubblicare quelle che definiva notizie in grado di far tremare il Paese venne eliminato su ordine della mafia, probabilmente dintesa con chi aveva voluto la morte di Mattei e chi si era mosso nellombra durante il fallito golpe Borghese.

A. Sc.
RIPRODUZIONE RISERVATA

e Caltanissetta la stella Ciancimino sembra al tramonto. Ci sono comunque sue dichiarazioni tiene a precisare Ingroia che stanno in piedi a prescindere dalla sua credibilit generica. Con lo scivolone del pizzino taroccato lattenzione si sposta ora su possibili pupari che in questi anni potrebbero averlo manovrato ad arte. pi corretto dire che potrebbe non aver fatto tutto da solo, precisa Ingroia. Ma la caduta di Ciancimino jr finisce per investire la stessa procura di Palermo. C persino chi chiede le dimissioni di Ingroia mentre Sgarbi sollecita linvio degli ispettori. Su Ciancimino non possono indagare persone della Procura di Palermo aggiunge il capogruppo dei senatori Pdl Gasparri che ne hanno fatto un oracolo.

Alfio Sciacca
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bari Per il giudice mancano gravi indizi di colpevolezza

Fuga di notizie su Tarantini revocato larresto del giornalista


MILANO Mancanza di gravi indizi di colpevolezza. per questo che il giudice delle indagini preliminari di Bari Sergio Di Paola ha scarcerato Andrea Morrone, collaboratore del Corriere del Mezzogiorno ed ex consulente informatico degli uffici giudiziari baresi. Per il giornalista lo stesso dottor Di Paola aveva deciso gli arresti domiciliari dieci giorni fa. Accusa: accesso abusivo a sistema informatico o telematico. Secondo la tesi dei pubblici ministeri Giuseppe Dentamaro e Teresa Iodice, il 4 agosto del 2009 Morrone sarebbe entrato nel sistema informatico della procura (disponendo ancora della password) e avrebbe copiato i verbali dinterrogatorio di Gianpaolo Tarantini, limprenditore barese che agli inquirenti spieg delle giovani donne introdotte nelle residenze private del premier Silvio Berlusconi oppure presentate all' allora vicepresidente Pd della Regione Puglia, Sandro Frisullo. I pm, appoggiati dal procuratore capo Antonio Laudati, sostengono che Morrone poi pass quei verbali al Corriere Della Sera che li pubblic nel settembre successivo. Il capo della procura aveva giurato che quella fuga di notizie non sarebbe rimasta impunita e, dopo mesi e mesi di indagini, per il giornalista aveva chiesto larresto in carcere che il gip Di Paola aveva negato concedendo, appunto, i domiciliari. Adesso il nuovo provvedimento che segna un altro punto per Morrone. Il quadro indiziario valutato al momento dellemissione della richiesta cautelare certamente mutato, scrive il giudice nelle tre pagine che motivano la scarcerazione. Il gip parla di tesi incongruente dellaccusa dopo le dichiarazioni rese dallindagato nel corso dellinterrogatorio e le valutazioni tecniche espresse dai consulenti nominati dalla difesa, che mettono in luce scrive il magistrato circostanze che avrebbero impedito materialmente al Morrone di eseguire laccesso al sistema informatico degli uffici della procura nella data contestata. E ancora: indimostrabile laccesso al computer del pubblico ministero titolare delle indagini (Giuseppe scelsi, ndr) in condivisione amministrativa effettuato da remoto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La lettera

Il caso Ricucci e loperato di De Bustis

Caro direttore, alcuni anni fa, nel corso di unintervista, rilasciata al tuo giornale, dichiarai che lingegner De Bustis, allepoca amministratore delegato di Deutsche Bank Spa, aveva erogato finanziamenti al Gruppo Ricucci; e trassi, perci, da tale notizia, che si riveler successivamente errata, considerazioni di natura politica, non corrette. Per quella intervista sono stato querelato dallingegner De Bustis ed stata loccasione per me di vedere atti e documenti formali riservati e che quindi non conoscevo, che dimostrano la sua contrariet ad effettuare finanziamenti al Gruppo del signor Ricucci. Tale valutazione negativa, in considerazione della situazione

italiana del beneficiario, era stata comunicata inutilmente anche ai soggetti che, allepoca, si occupavano di tale dossier. Alla luce dei documenti che mi sono stati mostrati, quindi, non ho difficolt a riconoscere allingegner De Bustis di aver tenuto una corretta e non facile condotta professionale e mi spiace dellerrore in cui sono incorso. Il nostro mestiere, a causa del vorticoso succedersi delle informazioni e della velocit che lo caratterizza, a volte, pu determinare situazioni incresciose per chi non le merita. Sono lieto che, alla luce dei necessari chiarimenti, lingegner De Bustis abbia deciso di risolvere in modo amichevole la nostra controversia.

Enrico Deaglio

28 Cronache
Il racconto

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

La Trautmann parla dopo la violenta aggressione verbale nel centro della citt mentre camminava mano nella mano con la deputata del Pd

Io, Paola e la vita a Roma Dal nostro primo incontro a quegli insulti omofobi
Ricarda, compagna tedesca della Concia: ho avuto paura
ROMA Il giorno dopo bofonchia in tedesco. E la prossima volta reagir anche usando le parole della mia lingua. O magari quelle inglesi, tante volte laggressore riuscisse a capirmi meglio. Non rimarr zitta, accidenti. Ricarda Trautmann non c lha con gli italiani. Ce lha con le leggi italiane. Le leggi che non ci sono. Mercoled sera a ridosso della piazza del Parlamento passeggiava mano nella mano con la sua compagna Paola Concia, icona omosessuale, deputata del Pd. Sono state insultate, con violenza e volgarit, da un uomo di una quarantina danni, allapparenza. Frasi come lame: Lesbiche di m... Mi fate schifo. Hanno fatto bene a mettervi nei forni crematori. Dovrebbero rifarlo. La teutonica Ricarda rimasta attonita, un passo indietro, le gambe che tremavano. Ho avuto paura. Quelluomo era grande. Grosso. Io sono alta un metro e ottanta ma sono magra, neanche sessanta chili. Lui era immenso. Ho pensato. "Ora ci picchia". Paola andata avanti per rispondergli, per reagire. Io lo so che lei non ha paura di niente. A me non sono venute fuori le parole in italiano. In silenzio mi sono messa a guar-

La scheda

Laggressione Mercoled sera, a Roma, proprio a due passi da Montecitorio, la deputata del Pd Anna Paola Concia e la sua compagna Ricarda Trautmann sono state aggredite da un uomo: Lesbiche, nei forni! La solidariet La Concia ha riportato laccaduto sulla sua bacheca di facebook, ricevendo sin da subito messaggi di affetto e solidariet bipartisan. Mi hanno colpita per la mia lotta allomofobia dice lei : ora bisogna approvare la legge

dare la gente che ci stava intorno: una cinquantina di persone. Nessuno ha fatto qualcosa per difenderci. Scattavano fotografie, piuttosto. Ricarda Trautmann, 44 anni, zazzera bionda e profilo altero, viene da Colonia, la citt in assoluto pi gayfriendly del Vecchio continente. La San Francisco dEuropa, per dire. Ma non ce lha con lItalia. Meno che mai con Roma. Non dico che un simile orribile episodio non sarebbe potuto succedere anche in Germania. Meglio: non penso che i tedeschi siano superiori o magari pi civili degli italiani. Il fatto che in Germania esiste una legge che un simile episodio lo chiama reato e lo punisce, come si deve. E non ho certo dubbi: sono le leggi in un Paese che determinano i costumi di civilt. Ricarda sospira, guarda Paola, cerca il suo consenso. Conosce bene la battaglia che la sua compagna sta affrontando nel Parlamento italiano per far approvare una legge contro lomofobia, un testo scritto proprio da lei, appena messo piede dentro Montecitorio. In Germania ce labbiamo gi da dieci anni una norma che ci difende. Ma non soltanto noi omosessuali. ununica legge, omnicomprensiva.

Insieme Paola Concia, 47 anni, con la sua compagna Ricarda Trautmann, 44 anni

Non penso che nella mia


terra siano pi civili degli italiani ma l questo un reato che comporta la sospensione dei diritti civili

Contro lomofobia. Contro il razzismo. Contro le discriminazioni di tipo religioso. A tutela di ogni diritto civile. Non prevede il carcere duro, se non per i recidivi. Ma stabilisce multe severe, e, soprattutto, la sospensione dei diritti civili nei confronti di chi ha commesso il reato. Non scherzano, in Germania. Per capire: luomo che ha insultato Ricarda e Paola mercoled sera allombra dei palazzi del potere, in Germania

non potrebbe mai pi salire su una cattedra per insegnare. Perderebbe la patria potest. Il diritto di stabilire dove lavorare e dove risiedere. Il diritto di votare. O anche di lavorare nella pubblica amministrazione. E dovrebbe faticare non poco prima di sperare di poter riacquistare i suoi diritti. Le multe, invece, in Germania vengono fissate in proporzione al reddito di chi ha commesso il reato. Per riacquistare i propri diritti civili perduti ci sono percorsi di riabilitazione previsti apposta per questo. E dopo ci sono accurate perizie psicologiche, che stabiliscono se il soggetto autore del reato ha ritrovato il suo giusto equilibrio per riottenere quei diritti. Io, del resto, faccio anche questo come lavoro: sono una psicologa. E mi occupo proprio di questo tipo di perizie. Adesso Paola che guarda la sua Ricarda, rapita. Dalle meraviglie del suo Paese allavanguardia di civilt, certo. Ma anche dal suo sguardo, algido e fiero. Si sono conosciute a Roma, Paola e Ricarda. Un raduno omosessuale dove Paola Concia, come sempre, parlava e parlava e parlava, e a Ricarda bastato ben poco per capire che per tornare in Italia non avrebbe pi avuto certo bisogno di pretesti di meeting internazionali. Sono pi di tre anni che Paola e Ricarda salgono e scendono dagli aerei per dividere tutto il loro (poco) tempo libero. Hanno anche programmato di celebrare un gran matrimonio, un giorno di questi. In Germania ovviamente, visto che nel Paese dove nata Ricarda la legge per i matrimoni fra le persone dello stesso sesso stata approvata proprio nello stesso anno del testo unico sulle discriminazioni civili.

Alessandra Arachi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Cronache 29 Troppe piste

Il caso

Le canzonette e la politica, perch sbagliato affidare al singolo insegnante la soluzione del dilemma
La scheda

La lezione di storia con Faccetta nera diventa un caso


Lidea di un prof veneto. Tra le polemiche
di PIERLUIGI BATTISTA

E New York ora contesta: bici invadenti


DAL NOSTRO INVIATO

urtroppo lItalia ha compiuto 150 anni. Ne avesse festeggiati solo 130, non avremmo avuto limbarazzo di un ventennio. Anzi, del Ventennio, quello fascista naturalmente. Da dimenticare, demonizzare, espellere eternamente con ignominia dalla storia italiana? Oppure considerarlo a pieno titolo storia dellItalia unita, canzonette comprese? Una risposta doverosa, se non altro per dare indicazioni univoche agli insegnanti, a cominciare dal professore di Pove del Grappa investito da squillanti polemiche per colpa dello spartito di Faccetta nera. Questo professore doveva raccontare il fascismo ai suoi studenti e tra i documenti dellepoca ha incluso un inno che, insieme a Giovinezza, uno dei simboli di quel ventennio. I genitori antifascisti non hanno retto allimmagine, anzi al suono, del loro figliuolo impegnato a canticchiare quel motivo. Scandalo? Scandalo. Chiss se i genitori scandalizzati, e con loro i politici che hanno elevato la loro ferma protesta, hanno mai saputo che Faccetta nera fece scandalo anche allora, nel Ventennio. Per motivi opposti e politicamente scorrettissimi: perch incitava alla contaminazione razziale, istigava i soldati dellItalia fascista a correre dietro le faccette nere dellEtiopia conquistata e razzialmente impure. Certo, per sapere qualcosa delle imprese coloniali e aggressive dellItalia mussoliniana che osannava a Piazza Venezia la presa di Addis Abeba occorrerebbe istruire gli studenti, ma anche i politici correttissimi che si scandalizzano ancora oggi, su un romanzo aspro e malinconico come Tempo di uccidere di Ennio Flaiano, oppure sulle confessioni imbarazzate di Indro Montanelli. Ma con le celebrazioni dei 150 anni dellItalia unita, luso ossessivo delle canzonette come ce-

mento simbolico decisivo dellunit nazionale sta diventando unabitudine. Persino una consuetudine storiografica. Non sono solo canzonette: il contrario di ci che predicava Edoardo Bennato. Ma in piena sintonia con Gianni Morandi. stato Gianni Morandi, infatti, ad annunciare che questanno a Sanremo lunit nazionale sarebbe stata celebrata, nel tempio della canzone italiana, proponendo ai telespettatori una galleria di motivi tricolori capace di comprendere Faccetta nera e Bella ciao. Unintenzione ecumenica, immediatamente stroncata da chi si con-

siderava offeso per la riprovevole equiparazione tra leroica canzone partigiana e linno fascista che glorificava le imprese del Duce, anzi del duce. Niente equiparazione a Sanremo, dunque. Ma la lezione si diffusa, e la canzonetta si trasformata in un prezioso strumento didattico. Con alcune controindicazioni, come si visto nella scuola del Veneto. Ma le canzoni del Ventennio fanno parte della nostra storia. Il fascismo fa parte della nostra storia, da studiare come fenomeno storico nazionale, da leggere come vicenda italiana. Oppure (ancora)

Testo e musica Faccetta nera una canzone datata 1935. La scrisse il poeta romano Giuseppe Micheli (in romanesco) perch voleva presentarla al Festival della canzone della capitale. La musica invece di Mario Ruccione. Fu pensata e composta negli anni della propaganda fascista sulla campagna dEtiopia a favore della popolazione abissina sotto schiavit Il senso Contrariamente a quanto si crede, il testo non voleva essere una celebrazione del fascismo, piuttosto un modo di decantare il colonialismo italiano fascista nell'Africa orientale e simpatizzare con quelle popolazioni

Quella canzone scandalizz anche nel Ventennio. Per motivi opposti: incitava alla contaminazione razziale in Etiopia

La censura Il ministero della Cultura popolare la censur: troppo a favore dei rapporti interraziali. E pretese poi pi di una volta la modifica del testo fino a farne un inno di conquista e sottomissione degli abissini

no? Anche perch delle canzoni non si possono cambiare impunemente le parole e la scansione delle note. Non come la toponomastica, come via dei Fori imperiali che a Roma sostituisce democraticamente la fascistica Via dellImpero, e il Foro Mussolini che si trasfigura in un pi onnicomprensivo Foro Italico (con lobelisco che per resta con il suo Mussolini Dux). La musica pi complessa, meno manipolabile. E allora: o cancellazione e messa al bando, oppure normalizzazione. Tertium non datur. Come accaduto con larchitettura del Ventennio. Prima demonizzata, vituperata nei manuali democratici, esteticamente svilita. Poi ricompresa nella storia dellarchitettura nazionale, con le sue forme squadrate e monumentali che oggi sembrano quasi belle. E i manuali scolastici e universitari cosa devono fare: ignorarla, insegnare a detestarla oppure studiarla come uno dei tanti oggetti del passato? il dilemma del Ventennio non ancora risolto: studiarlo come storia o farne bersaglio permanente dellesecrazione pubblica? E lesecuzione documentaria di Faccetta nera va accompagnata da appositi riti di dileggio e disgusto per quel capitolo controverso della storia nazionale? Affidare al singolo insegnante la soluzione di questo dilemma ingiusto. Ma ancora di pi sintomo di un eccesso di nervosismo storico lennesima polemica su Faccetta nera, come se chiss quale minaccia gravasse sulle menti di chi frequenta la scuola pubblica. Polemica uguale, sia pur di segno contrario, a quella che divampata sui manuali di storia troppo intrisi di comunismo. Lennesima, in questi 150 anni di storia unitaria: 150, non 130.
RIPRODUZIONE RISERVATA

NEW YORK C il ciclista vestito tutto di nero che laltra mattina stato coralmente mandato al diavolo dalla folla dei pedoni, mentre bruciava un rosso sulla Quinta Avenue. E poco pi avanti c la ragazza, in tailleur e tacchi a spillo che sporgono come speroni dai pedali, imbufalita perch un autobus le taglia la strada. In effetti basta una passeggiata per verificare che a New York la popolarit della bicicletta si sgonfiata. Le due ruote stanno alimentando un'aspra discussione sui giornali popolari e sui blog. Il sindaco-miliardario Michael Bloomberg ha assegnato alle piste ciclabili un ruolo strategico nei piani urbanistici. In totale le corsie verdi (all'americana, larghe quasi tre metri, pi una zona di rispetto) coprono circa 620 miglia, da Manhattan al Bronx; dal Queens a Brooklyn. E la rete pi estesa degli Stati Uniti. S, ma quanta gente la usa, si chiedono gli automobilisti costretti a lunghi giri per trovare un parcheggio anche nelle zone periferiche. In America il passaggio dallirritazione pubblica alle cause quasi automatico. Cos i residenti di Brooklyns Park Slope hanno citato lamministrazione comunale, accusandola di aver sprecato denaro per installare unenorme e inutilizzata pista ciclabile. E sono arrivate anche le ricerche. Per il Furman Center il numero dei ciclisti sceso a quota 22.686, il 14% in meno dal 2007. Bloomberg contesta i numeri del Furman Center e sostiene che la trib dei ciclisti in forte crescita. Quindi avanti con le piste ciclabili. Tanto il sindaco prende la metr.

Giuseppe Sarcina
RIPRODUZIONE RISERVATA

Domani Corriere Salute


Sognare una necessit del cervello. Serve a rinforzare i ricordi e anche ad armonizzare le nuove esperienze con quelle gi vissute. Domani se ne parla in un ampio dossier su Corriere Salute, che affronta anche gli aspetti relativi alle nuove interpretazioni psicanalitiche dei sogni e il loro correlato con lesperienza artistica. Ulteriori argomenti di salute su www.corriere.it/salute.

30
Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

1
IMPIEGATI

OFFERTE DI COLLABORAZIONE
1.1

RICERCHE DI COLLABORATORI
2.2

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA


5.1

VALGARDENA ORTISEI
APPARTAMENTI LIBERI VENDESI mono-bilo-trilocali in complesso residenziale alta qualit. Posizione prestigiosa. HABIT SRL: 335.67.58.813. www.habitimmobilien.it

www.piccoliannunci.rcs.it

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. BERGAMO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 035/35.87.77, fax 035/35.88.77. COMO : tel. 031/24.34.64, fax 031/30.33.26. CREMONA : Uggeri Pubblicit s.r.l. tel. 0372/20.586, fax 0372/26.610. LECCO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0341/357400 fax 0341/364339 MONZA : Pubblicit Battistoni tel. 039/32.21.40 039/38.07.32, fax 039/32.19.75. OSIMO-AN : tel. 071/72.76.077 071/72.76.084. PADOVA : tel. 049/69.96.311, fax 049/78.11.380. PALERMO : tel. 091/30.67.56, fax 091/34.27.63. PARMA : Publiedi srl tel. 0521/46.41.11, fax 0521/22.97.72. RIMINI : Adrias Pubblicit di Rimini tel. 0541/56.207, fax 0541/24.003. ROMA : In Fieri s.r.l. tel. 06/98184896 fax 06/92911648 SONDRIO : SPM Essepiemme s.r.l. tel 0342/200380 fax 0342/573063 TORINO : telefono 011/50.21.16, fax 011/50.36.09. VARESE : SPM Essepiemme s.r.l. tel 0332/239855 fax 0332/836683 VERONA : telefono 045/80.11.449, fax 045/80.10.375. Per la piccola pubblicit allestero telefono 02/72.25.11 Le richieste di pubblicazione possono essere inoltrate da fuori Milano anche per telefax e corrispondenza a Rcs Pubblicit agli indirizzi di Milano sopra riportati. TARIFFE PER PAROLA Rubriche in abbinata obbligatoria: Corriere della Sera - Gazzetta dello Sport: n. 0: euro 4,80; n. 1: euro 2,50; n. 2 - 3 - 14 : euro 9,50; n. 5 - 6 7 - 8 - 9 - 12 20: euro 5,60; n. 10: euro 3,50; n. 11: euro 3,90; n. 13: euro 11,00; n. 15: euro 5,00; n. 17: euro 5,50; n. 18 - 19: euro 4,00; n. 21: euro 6,00; n. 24: euro 6,50. Rubriche in abbinata facoltativa: n. 4: euro 5,30 sul Corriere della Sera; euro 2,00 sulla Gazzetta dello Sport; euro 6,00 sulle due testate. n. 22: euro 4,90 sul Corriere della Sera; euro 3,50 sulla Gazzetta dello Sport; euro 5,60 sulle due testate. n. 23: euro 4,90 sul Corriere della Sera; euro 3,50 sulla Gazzetta dello Sport; euro 6,00 sulle due testate. Gli importi sopracitati sono comprensivi di I.V.A. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

ABILE impiegato commerciale, pluriesperienza ordini, offerte, bolle, inglese buono, francese ottimo, Office. 339.48.09.594. ADDETTA amministrazione personale gestione contratti, procedure assunzione, presenze, fondi previdenza, note spese, rapporti eventi, valuta proposte. 388.74.45.253. ADDETTA commerciale 54enne esperienza vendite estero. Francese, inglese. Libera subito. 333.70.16.886. AMMINISTRATIVA autonoma Co.Ge. bilancio, pre imposte, attivit finanziarie part-time 5 ore. erma61@virgilio.it CONTABILE esperta Co.Ge., Cli/For, inglese, francese anche part-time. 366.31.61.695. DISEGNATORE progettista esecutivo carpenterie metalliche, lunga esperienza offresi anche tempo determinato 338.84.33.920 - 02.25.62.541. ESPERTA contabilit bilanci, fiscale, tesoreria, offresi a studi e aziende. 347.38.60.455. IMPIEGATA 30enne laureata, inglese,ungherese,assistente direttore commerciale,gestione fornitori e clienti GDO: gestione politica commerciale, contratti, promozioni, ordini, bollettazione, fatturazione, gestione contabile magazzino. 340.39.67.075. SEGRETARIA direzione 42enne, ottima esperienza presso multinazionali, inglese, autonoma, motivata, offresi disponibilit immediata. 02.84.64.539.

AGENTI RAPPRESENTANTI

VENDITA MILANO CITTA'

COLLINE PIACENTINE caratteristico borgo nel cuore della Val Tidone affacciato su colline e vigneti. Casali con giardino, appartamenti con travi a vista e camino. A partire da Euro 88.000. Maggi Group RE. Telefono: 0523.49.81.14 - Cell. 320.72.87.417. COLLINE PIACENTINE Val Tidone, Val Luretta, vendesi rustici in sasso, case di campagna con giardino, ville anche storiche. www.collinepiacentine.it www.luxurypropertygusai.it 335.20.66.40. FINALE LIGURE posizione panoramica, immersa nel verde, con vista mare mozzafiato, splendida villa indipendente di mq 230 ca. con ampio giardino e piscina privata. Immobiliare Rosa Tel. 019.68.10.26. www.rosaimmobiliare.it FORTE DEI MARMI elegante villa mq. 300 giardino mq. 1500, piscina. Oggiano 347.27.80.687. FORTE DEI MARMI magnifica villa, 260 mt abitabili, 900 mt giardino, zona centrale. Proprietario +39.334.18.82.435. FORTE DEI MARMI vendo 200 metri dal mare nuova indipendente tre camere tre bagni resede posto auto. Affare 348.39.18.155. GOLFO ARANCI Sulla spiaggia Villa singola in posizione irripetibile su due livelli da ristrutturare 0789.26.500 - www.immobiliarecommerciale.it PORTO ROTONDO Marinella, residenza Ladunia trilocale con veranda vista. 0789.66.575 www.euroinvest-immobiliare.com PRIVATO vende due appartamenti otto minuti Portovenere / Cinque Terre. Panorama incomparabile. 331.85.89.857. VENDESI Isola del Giglio villetta arredata 113 mq. splendida posizione grande terrazza vista panoramica mare, garage. Tel. 0049-179-92.44.386. VENEZIA case da sogno a partire da euro 299.000 immerse nella silenziosa atmosfera di Murano. 035.24.18.34.

12

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

DITTA Rival spa, prodotti per industrie, negozi e ingrosso, seleziona 5 venditori/ici monomandatari automuniti, su zone libere in Lombardia - Emilia - Piemonte. Offronsi: zona in esclusiva + valide provvigioni + concorso spese interessante commisurato ai risultati. Enasarco. Telefonare 0332.45.83.38 Fax 0332.45.76.64 www.rival.it

MANSARDA Cenisio adiacenze ampio salone, due letto, cucina abitabile, tripli servizi, terrazzi, possibilit box doppio. Tel. 02.66.98.38.87 - 349.84.01.532.

ACQUISTI

5.4

COMPRAVENDITA

7.1

SIAE SRL GRUPPI acquirenti inteABBIAMO ressati ad investire tutti i settori


ovunque. Telefono 02.89.28.06.00. ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali/industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14. DISCOTECA in centro Milano vendesi o cedesi in affitto dazienda. Telefonare 335.62.66.113 - 02.66.71.85.06. VERO affare Stintino vendesi bar paninoteca terrazza sul mare investimento alto reddito licenze attrezzature mura. 550.000,00 euro. Tel. 348.31.34.190.

SOCIET dinvestimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

Seleziona diplomati futuri consulenti immobiliari. Stage retribuito 4 settimane. www.gruppotoscano.it 02.79.54.29.

TOSCANO SPA

IMMOBILI TURISTICI

OPERAI

2.4

ELETTRICISTA frigorista esperto cercasi per lavoro continuativo in Turkmenistan. Inviare curriculum al fax. 0523.33.10.63. VETRERIA Segrate cerca personale con esperienza per lavorazione e posa. Curriculum info@miglass.it

Golf & Country Village Stintino ESCLUSIVE da euro VILLE 170.000,00 anzich euro
250.000,00. Possibilit piscina. 335.21.85.03 - 030.22.40.90 gruppor.it

ABBAGLIANTE vista Lago Garda. Nuovissimi appartamenti in villa da 109.000,00. Impresa. 035.56.58.50. AFFARISSIMO villino sulle dune magica Sardegna, veramente pieds dans leau 239.900 euro. 035.24.18.34. ALASSIO Santa Croce, infinita vista golfo, stupenda villa mq. 200, giardino, boxes. Mugnai 340.00.40.575. ALT Sardegna occasione da non perdere nuovissime residenze e attici in pronta consegna con ampi terrazzi, giardino e piscina. Solo 49.000 euro. 14.000 euro contanti, resto 35.000 euro possibilit mutuo. 035.41.23.029. COLLINE Oltrep Pavese, vicinanze Stradella, villa in sasso nuova di mq. 600, suddivisa in tre unit abitative. Giardino con piscina. Panoramica. Euro 1.100.000,00 www.collinepiacentine.it 335.20.66.40.

18

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

ACQUISTIAMO Brillanti, Oro, Monete, pagamento SUPERVALUTAZIONE, contanti. Gioielleria Curtini, via
Unione 6. - 02.72.02.27.36 335.64.82.765.

AGENTI RAPPRESENTANTI

1.2

AGENTE di commercio con residenza italiana madrelingua russa offresi come rappresentante in Russia. Solo serie proposte. E-mail: sv_rep@yahoo.it. editoriale, con esperienza promozione libraria, esamina proposte. Email: cluf@hotmail.it

GIOIELLI ORO ARGENTO

18.2

AGENTE DI COMMERCIO

PUNTO DORO compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi, moderni, orologi, oro, diamanti. Sabotino 14 - Milano. 02.58.30.40.26.

VENDITORI E PROMOTORI

1.3

ESPERIENZA trentennale settore carni bovine ingrosso offresi preferibilmente a catene supermercati come collaudatore merce e controllo qualit oppure in generale come addetto acquisti/vendite. 348.13.32.650. RESPONSABILE vendite grande esperienza creazione gestione reti vendita esamina proposte. Tel. 333.53.72.947.

OPERAI

1.4

ADDETTO al magazzino italiano, esperto PC, buon inglese e portoghese. Patente B. Consegne. Disponibile trasferimenti. 333.68.03.530. OPERAIA in mobilit con pluriennale esperienza cerca lavoro presso seria azienda. 338.31.11.826

da MAGGIO ad AGOSTO 2011 pubblicare il tuo annuncio ancora pi conveniente!


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it

19
AUTOVETTURE

AUTOVEICOLI
19.2

8
OFFERTA

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI


8.1

CORSO MAGENTA affittasi ufficio/openspace 130 mq. 22.000 + 4.700 circa spese. 346.60.09.189. MELEGNANO affittasi capannone mq. 1.500 + uffici mq. 100 e servizi mq. 100. Tel. +39.338.77.96.720.

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

21

PALESTRE SAUNE MASSAGGI

TERRENI

ADDETTI PUBBLICI ESERCIZI

1.5

A ristorante bar, offresi aiuto cuoca/barista esperta. Referenze ottimali. Tel. 327.09.10.592.

AFFARONE Casteggio posizione dominante vendesi splendido rustico da ristrutturare con prato. 49.000,00 euro 0383.92.902. MONFERRATO vendesi tenuta di 100 ettari con casa storica vigneti pregiati cantine vinificazione invecchiamento altre opportunit cascinali aziende vitivinicole importanti. 0141.79.34.40 0141.71.80.53 - imadorno@tin.it

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

COLF - domestica esperienza pluriennale, referenziata, seria, onesta, offresi luned/venerd anche part-time, Milano. 327.33.05.465. DOMESTICO srilankese decennale esperienza. Stiro, patente, cameriere, cucina di base, anziani. 329.40.64.188. DOMESTICO tuttofare srilankese referenziato, offresi lavoro fisso o giornata per famiglia. 340.17.91.664.

10

VACANZE E TURISMO
10.1

AMBIENTE rinnovato: massaggi olistici per rilassare mente e corpo. Tel. 02.66.98.13.15. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro unora. Milano 02.27.08.03.72. CINQUE GIORNATE nuovo, percorsi benessere, massaggi olistici. Classe prestigio. Professionalit. Promozioni. 02.54.01.92.59. DEJA VU promozioni massaggi rilassanti orientali. Ambiente esclusivo, climatizzato. Anche domenica. 02.39.56.67.75. HADO SPA emozioni attraverso il massaggio olistico e i nostri rituali. Tel. 02.29.53.13.50. PROMOZIONE pasquale su massaggi rilassanti, antistress, idrorelax, anche domenica. Zona Fiera. 02.33.49.79.25.

24

BADANTI

1.9

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

CLUBS E ASSOCIAZIONI

BADANTE italiana patentata referenziata disponibile trasferimenti valuta serie offerte lavoro full-time. Cell. 328.36.13.894. SIGNORA peruviana 40enne regolare cerca lavoro come colf - badante. Referenziata volenterosa. 348.04.46.492.

VACANSOLEIL Camping Holidays offre lussuose case mobili e tende bungalow completamente accessoriate in 360 tra i migliori campeggi in 16 paesi europei. Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.vacansoleil.it. Ordinate il catalogo gratuito al numero verde: 800.080.090.

A MILANO distinta agenzia presenta eleganti accompagnatrici, affascinanti modelle ed interessanti hostess. In tutta Italia. 335.17.63.121. CASALINGHE intriganti 899.89.79.72. Esibizionista 899.00.41.85. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 - Arezzo.

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Cronache 31
#

Il santone Lospedale stato circondato dalla polizia per tenere lontana la folla dei fedeli

Seguaci

LIndia al capezzale di Sai Baba Il guru arancione che streg lItalia


Dal fratello di Craxi a calciatori come Virdis, migliaia di seguaci
MILANO Ora che si sta aggravando, ora che la polizia ha issato un cordone intorno allospedale di Puttaparthi dove ricoverato, ora che gli organi vitali non stanno pi rispondendo bene alla terapia, Antonio Craxi, seccato per lintrusione, dice al telefono: La morte di Sai Baba non mi rattrista, perch tutti dovremo affrontarla e lui meglio di tutti gli altri. Per me comunque vive in eterno. Anni fa raccont al Giornale che suo fratello Bettino aveva incontrato il santo indiano con la moglie Anna nel novembre del 1986, durante il suo secondo governo, e che era rimasto turbato quando il religioso gli aveva toccato il cuore con una mano e lo aveva massaggiato: Forse era un segnale e lui aveva capito. In Italia sono almeno diecimila i seguaci di Sathya Narayana Raju Ratnakaram, nato a Puttaparthi il 23 novembre 1926 nellAndra Pradesh, India del Sud, conosciuto al mondo come Sathya Sai Baba. Zazzera nera, tunica arancione, santone o cialtrone a seconda delle latitudini, sar di sicuro ricordato per le sue opere: un sofisticato Policlinico a Puttaparthi in cui gli interventi vengono eseguiti gratuitamente, un altro ospedale superspecializzato a Bangalore, un sistema di filtraggio Attore Enzo Decaro ha incontrato pi volte Sai Baba

dalla corporatura minuta, dai piedi nudi, piccoli e senza segno di imperfezione, mostrando nel servizio le immagini di una materializzazione. Monili, collanine, la cenere sacra Vibhuti: oggetti che prima non cerano e poi sono comparsi senza spiegazione hanno contribuito ad alimentare leggende sullattivit dello Swami. I detrattori lo hanno sempre considerato un prestigiatore, lui ha sempre definito i suoi miracoli uno stratagemma per attirare lattenzione: Non date importanza ai miei miracoli. Non esagerate il loro significato. La grandezza del mio potere consiste solo nel mio amore. Milleduecento sedi della Sathya Sai Baba Organization in

Showgirl Antonella Elia ha ricevuto un anello dal guru

La visita Il premier socialista gli fece visita nel novembre del 1986. E rimase molto turbato dallincontro
126 Paesi, in Italia i centri e i gruppi che rispondono al nome del maestro indiano sono decine e vanno da Lecce ad Aosta, da Mestre a Potenza. stato scritto che pure linfelice Edoardo Agnelli si avvicin a Sai Baba per un breve periodo. Lex attaccante del Milan Pietro Paolo Virdis ha incontrato il guru prima di intraprendere la carriera di allenatore. Alla Gazzetta dello Sport confess: Ne ho ricavato unesperienza eccezionale. Ho visto Dio incarnato in un uomo, ma Dio in ogni luogo, come ci ha insegnato la religione cattolica dalla quale provengo, dunque non c nessuna negazione alla possibilit che Dio si manifesti dove e come vuole.

Leader
Il leader spirituale indiano durante un raduno con i suoi seguaci a Mumbai nel 2009. A sinistra lallora premier Bettino Craxi con la moglie Anna dopo aver incontrato lo Swami nel novembre del 1986 (Ap)

dellacqua in oltre mille villaggi rurali per due milioni di persone, scuole di ogni grado che si possono frequentare senza pagare. Ha creato una sorta di multinazionale della solidariet, molto concreta nel fare del bene, spiega lattore Enzo Decaro, che ha pi volte incontrato Sai Baba in India e ha collaborato per realizzare diversi documentari sulla sua vita. "Adesso devi brillare", stata lesortazione che mi ha fatto in un

particolare momento di passaggio, personale e professionale, della vita, va avanti. E ammette di aver ricevuto dal guru una delle sue celebri materializzazioni: un anello, comparso allimprovviso tra le mani del santo. Anche la soubrette televisiva Antonella Elia ne ha ricevuto uno a Puttaparthi, con una pietra verde. E la giornalista di Chi Nicoletta Sipos ha scritto sul settimanale del viaggio che lha messa in contatto con quella persona

Ex calciatore Pietro Paolo Virdis andato in India

Duchessa Sarah Ferguson stata dal leader religioso

Elvira Serra
RIPRODUZIONE RISERVATA

Manifesto Dalla Brambilla a Veronesi, appello per la Pasqua

Il teologo che chiede di non uccidere gli agnelli


Lo hanno firmato, fra gli altri, il ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla (che ipotizza una legge per affrontare la questione) e il professor Umberto Veronesi (che esorta tutti a non mangiare pi carne). lappello per fermare la strage di agnelli e capretti di cui lItalia diventa crudele teatro in occasione della Pasqua. I promotori delliniziativa sono il movimento La coscienza degli animali e la preghiera anti-strage rivolta ai tanti milioni di italiani che amano gli animali e vogliono vederli rispettati affinch non si rendara pi esecrabile quella di agnelli e capretti che trova il suo massimo orrore in occasione della Pasqua. Strappati alle madri nei greggi, che trascorrono giorni interi cercandoli e disperandosi, sottratti ai loro giochi spensierati, senza pi un filo di voce per i belati di terrore che emettono fino allultimo istante di vita, gemiti simili al pianto di un bambino: tutto questo in nome di un consumismo che si alimenta di una tradizione insensata. Un cocktail di crudelt, business, ed ignoranza. Il teologo don Luigi Lorenzetti si unisce allappello de La coscienza degli animali: Il comandamento "Non uccidere" ragiona contrariamente a uninterpretazione che tradizionalmente stata data, si estende anche agli animali. Infatti si dice "Non uccidere" e non semplicemente "Non commettere omicidio". Ogni anno finiscono sulle tavole degli italiani circa 7 milioni di agnelli e capretti, con punte elevatissime di consumo durante le festivit pasquali e natalizie. Il primato delle macellazioni spetta a Sardegna e Lazio, seguite da Puglia, Campania e Toscana. Il ministro Brambilla parla di una tradizione crudele e superata, moralmente condannabile, un sintomo di arretratezza morale e che non pu pi trovare spazio nella nostra cultura: mangiare la carne, mangiare agnelli e capretti, davvero un oltraggio al mondo animale. Io ritengo spiega il ministro che lItalia dovrebbe dotarsi di uno strumento legislativo che metta fine anche a questa terribile pratica. Convinto sostenitore della dieta vegetariana anche il professor Veronesi: Conosciamo la tragedia civile di questi poveri animali da allevamento dice e sappiamo bene come queste creature vengano allevate, come vengano sgozzate, maltrattate. E quindi dobbiamo uscirne, dobbiamo diventare tutti vegetariani e lo diventeremo.

no complici di questa barbarie. Se non in alcun modo accettabile la strage di creature viventi che alimenta ogni giorno lindustria della carne premette il comunicato del movimento riesce ad essere anco-

In piazza
Animalisti in piazza Duomo, a Milano, protestano contro la strage di Pasqua (Fotogramma). Nel tondo il simbolo del movimento La coscienza degli animali

R.I.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

33

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

35
Moda Benessere

Viaggi

Controcopertina

Tutti fuori Le idee (verdi) per Pasquetta


alle pagine 36-37

Bimbe-donne La pubert arriva prima


di Stefano Montefiori

Come si porta il bianco dellestate


di Mariateresa Veneziani

Botox, meglio di no Ma se volete...


di Giancarla Ghisi

Il lungo viaggio

TE M I PI LI B E RI
Stili di vita viaggi tecnologia benessere

Ricottine, lasagne Il cordone ombelicale non si taglia mai


di AGOSTINO GRAMIGNA

Pranzo express
Sono manager di citt, ma il cibo lo manda ancora mamma. Dalla Calabria
gastronomica con i figli lontani. E ha fatto boom. Due furgoncini partono da Bianco e Caulonia, setacciano paesi e contrade, solcano stradine sterrate e raccolgono i pacchi che confluiscono al deposito di Gioiosa dove la merce viene caricata e numerata. Alle prime luci di domenica il camion arriva a Roma. Il prezzo relativamente basso: 15 euro per un massimo di 25 chili di cibo. Martino consegna un centinaio di pacchi a settimana. Allandata prodotti alimentari; al ritorno, oggetti dei calabresi che rimpatriano per le vacanze estive: una lampada, una poltrona, un materasso. Martino non il primo corriere che soddisfa il bisogno di generazioni di mamme del Sud di cibare a distanza i figli con tonno sottolio, pomodorini sottolio, ceci, fagiolini, basilico, origano, nduja e sciroppi a base di liquirizia. Daniela Coccolo laureata alla Bocconi una manager della Saipem. Viaggia e pratica sub. A suo modo limmagine femminile della modernit. Vive a Milano ma riceve puntualmente dal Salento conserve, verdure cotte, cicorie, salsa, dolcetti di pasta di mandorla e il polipo lessato sottovuoto. Mia mamma crede che non abbia tempo per cucinare. Per molti decenni le mamme calabresi hanno riversato il loro amore nel pranzo domenicale. La signora Lina Varano abita a Bovalino. Ha un orto, coltiva ortaggi e raccoglie arance. Da quando ha conosciuto il signor Martino la sua vita come migliorata: con pochi euro ha la certezza di poter consegnare a domicilio dei figli a Roma i piatti che lei prepara. Cuoce il pane e compra ceci e fagiolini per Daniela: come se mia figlia abitasse ancora con me in casa. Unaltra mamma, la signora Annamaria Careri, ha tre figli tutti professionisti. La percezione che ha di loro, a distanza, questa: Non hanno mai tempo. Gli far molto piacere ricevere un polpettone. Ai suoi nipotini celiaci invia polpettine senza glutine. Con laereo (dice) non potrebbe spedire una parmigiana di melanzane alla sua Michela. Martino un camionista, ma in qualche modo si occupa di anime ed democratico. Una volta una signora pretendeva che facesse in fretta perch nel suo pacco cera carne cruda. Signora, tutti i pacchetti sono creati uguali, ha risposto. Alcune mamme si raccomandano di fare attenzione al formaggio, gli raccontano le loro vite, quelle dei figli, spiegano come non svegliare il genero o non disturbare la figlia che allatta. Ma soprattutto lo implorano di essere puntuali, per il pranzo. Antonio Lombardo, figlio della signora Macr, un bocconiano che lavora a Roma come consulente finanziario. Trascorriamo la domenica aspettando Martino. Non c un orario preciso per le costolette di agnello, la sopressata con i finocchietti selvatici, lolio o le provolette di Cimina. La signora Macr spedisce bottiglie di pomodoro a fette per i sughi: li fa bollire, li taglia a pezzettini e linfila dentro uno alla volta. Ogni pezzo, dice, come una carezza. La signora ha un giardino e un aranceto. La frutta di stagione parte spesso con le crostate. Michela Natali, figlia della signora Careri stata fotografata dal Wall Street Journal, che al fenomeno pacchi ha dedicato un articolo. Anche le sue domeniche dipendono da Martino. Con i fratelli facciamo i turni dattesa. Tre domeniche fa ha mangiato la parmigiana. Nel pacco cera pure il baccal sottovuoto. il legame con la mia terra, ricordo. Una sorta di Madeleine di Proust, ma in versione baccal.
RIPRODUZIONE RISERVATA

l tragitto pi lungo lo fa il pan grattato. A Gioiosa Ionica la signora Carmela Macr lo cuoce in casa. Poi lo gratta e ne spedisce una confezione alla signora Gabriella Tropea, padovana, che ha sposato un calabrese e vive a Reggio Emilia. A Roma DallEmilia la signora Tropea rispedisce il pacco con il pan grattato a sua figlia che abita ad Edimburgo. Un gesto damore, dice la signora. Un gesto che Gabriella ha appreso dalle mamme meridionali. Ha conosciuto la signora Macr a Gioiosa, in vacanza. Carmela una delle circa 3000 mamme calabresi che hanno un modo tutto loro di tenere assieme la famiglia: i pacchi. Pacchi che contengono melanzane sottolio, cotolette impanate con pane senza glutine, capicollo, baccal sottovuoto, sugo di carne di fagiano, arance, lasagne, limoni, biscotti al miele, caciocavallo e ricottine, che ogni sabato le mamme di Gioiosa, Bovalino, Siderno, Gerace, Locri, spediscono ai figli che abitano a Roma. I pacchi arrivano domenica (si spera) per lora del pranzo. A recapitarli Domenico Martino, camionista dal 90. Ha creato la sua nuova impresa nel 2002 dopo che una manciata di mamme ha chiesto di aiutarle a fare da connessione

In Calabria

Il corriere

Figli Michela Natali e Antonio Lombardo (in alto); a destra, Domenico Martino il camionista (foto Cufari/ Guaitoli/Rorandelli) Mamme Carmela Macr, di Gioiosa Ionica, a sinistra, e Lina Varano di Bovalino, a destra (foto Cufari)

36

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Viaggi I nostri itinerari


Natura e relax
Rotto luovo, consumata la festa, resta la voglia di uscire per una giornata di divertimento e scoperta

Pasquetta allaria aperta


iete a Venezia, il centro del mondo. Forse un po calpestati dallumanit che preme tra San Marco e Rialto. Una fuga in campagna durante il weekend pasquale in Laguna? possibile, restando pi o meno dove siete. Tenetevi lhotel, poich sullisola di SantErasmo lorto dei Dogi lunico B&B al completo. Cos come lunico ristorante, Ca Vignotto. Ma potreste rimediare qualche panino al bar Tedeschi (unico anche questo). No problem. Con i viveri nello zainetto, la gita si pu fare, in mezza giornata. SantErasmo, isola della Laguna Nord, lunga 4 km (800 abitanti), luogo di silenzio, datmosfera, fuori dal tempo. Lideale per una pausa sportiva/ rilassante. Potete camminare nei sentieri, nel parco

Dalla neve che resiste in quota al mare della Sicilia Per chi non ha ancora deciso lidea per una gita facile facile

Laltra Venezia di Marisa Fumagalli

SantErasmo lorto dei Dogi

pubblico (consentito il picnic, non ci sono servizi) o, meglio ancora, affittare una bici presso Il Lato Azzurro (041-5230642), accanto allimbarcadero della fermata Capannone. Il monumento pi importante dellisola la Torre Massimiliana, massiccia fortificazione asburgica iniziata dai francesi, restaurata di recente. Eppure, lattrazione fatale resta la natura con i prodotti degli orti. Uno in particolare: il carciofo violetto (castraura). Vendita diretta da Finotello (041 5282997: chiuso a Pasqua, aperto a Pasquetta). Da Venezia a SantErasmo ci si arriva in vaporetto, linea 13, con partenza da Fondamenta Nuove. (Guide esperte di isole della Laguna sul sito www.guidetovenice.it).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Monferrato di Mauro Remondino

Isola di Capraia di Marco Gasperetti


pu mangiare al ristorante del Parco o scegliere di arrivare a Moncalvo e con pochi chilometri in pi pernottare in una delle suite della Locanda del SantUffizio, a Cioccaro di Penango (www.locandadelsantuffizio.net). Dimora antica di fascino, sede monastica nel Seicento e prima del Tribunale dellInquisizione. Un mare di colline e oltre 30 mila ettari di vigna avvolgono il viaggiatore. Si arriva a Canelli in un amen. Chilometri di storiche cantine sotterranee sono visitabili in attesa del riconoscimento Unesco. Soggiorno ai Tre Poggi, con Spa e bagno turco. Passeggiate care a Cesare Pavese, un bicchiere di Moscato e cibo buono. Giusta una sosta da Mariuccia Ferrero al ristorante San Marco, a Canelli, sulla strada per Alba.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A Canelli (con passi lenti)

l piacere sta raccolto nei passi lenti. Godono gli occhi di fronte al susseguirsi delle colline e delle 23 cappelle e dei 5 romitori nel parco del Sacro monte di Crea. I luoghi dello spirito. Oltre 400 metri daltezza, uno dei pi bei punti del Monferrato, a Serralunga di Crea in territorio alessandrino. Le statue a grandezza naturale narrano la vita della Vergine. Furono realizzate alla fine del Cinquecento dai fratelli fiamminghi Wespin, detti i Tabacchetti. Alla sommit, la cappella-capolavoro chiamata Paradiso dove la Madonna circondata da abati, papi, re, eremiti, frati, angeli, circa 300 figuranti tra le nuvole che assistono. Sul piazzale, prima della salita, c la basilica che fu saccheggiata da Napoleone Bonaparte. Allinterno affreschi, statue lignee e una tavola del Macrino dAlba del 1503. Si

Sognando le torri dei pirati

un festival atipico quello ci aspetta nellisola di Capraia, otto chilometri per quattro tra il mare della Toscana e della Corsica, fino al 1986 colonia penale e oggi sempre pi aperta al turismo con traghetti giornalieri da Livorno. Si cammina attraverso storia e natura, fortezze e torri innalzate contro i pirati saraceni, una vegetazione rigogliosissima dai profumi sorprendenti, colline e scogliere dove si riposano uccelli migratori rarissimi. Il Festival del Camminare, organizzato dal Parco nazionale dellArcipelago toscano e inaugurato da Patrizio Roversi (Turisti per caso) e Mario Tozzi (ricercatore del Cnr e presidente del Parco) dedica per Pasquetta unescursione indietro nel tempo (il ritrovo alle 10 del mattino al

Liguria di Erika Dellacasa

Da Cortina a Cervinia di Massimo Spampani


partenza). Il paradiso delle viole: sempre da Molini di Triora ma partendo dalla statua del Redentore verso il monte Saccarello, tre chilometri e mezzo fra il bianco degli anemoni, il giallo del Trolleus Europaeus o i viola e gli azzurri del Myosotis Alpestris e della Viola Calcarata. Nel Comune di Triora le fioriture si ammirano al Colle Garezzo, anche se la pi spettacolare ( la pi estesa del mondo), quella del rarissimo rapontico di Bicknell, in luglio (gli appassionati prendano appunto). A Molini di Triora si pu pernottare al piccolo agriturismo la Fontana dellOlmo (349.4253129 dai 20 ai 45 euro a persona) o al B&B C del Maestro (338.7964607, dai 25 a 32 euro a persona). www.alpimistichedellaliguria.it.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I mille fiori delle Alpi Mistiche

igli, viole, narcisi, myosotis ma anche le ultime fioriture del croco nei piccoli nevai che non si sono ancora sciolti: le valli Argentina e Armea nellentroterra di Sanremo e Taggia sono in questa stagione unesplosione di colori e di fiori. Le Alpi Mistiche, cos chiamate per la millenaria tradizione religiosa, sono la meta giusta per trascorrere Pasquetta nei prati, con lalternativa fra la colazione al sacco o una sosta nelle locande dei paesini medievali, dallormai famoso Triora, il paese delle streghe, a Badalucco. Alcuni percorsi. Il prato dei gigli: partenza da Molini di Triora, dalla Croce di Presto fra prati e faggeti in direzione del monte Ceppo, un tappeto di gigli (circa due ore per una passeggiata ad anello che riporta al punto di

Lultima sciata (poi picnic)

ltime giornate di sci rubate a una quasi-estate anche in montagna. Inverno piuttosto parco di precipitazioni, ma stagione portata brillantemente fino in fondo. A Cortina sono ancora aperti i 7 impianti del Faloria (fino al 1 maggio). Sotto le seggiovie gi fioriscono primule e anemoni e i boschi sono gi pronti per i pic-nic. In alto un bianco accecante. Garantite abbronzatura color carbone e bagni di sole sui terrazzi dei rifugi a spalle scoperte (nuvole permettendo). Bisogna cogliere il momento magico: al mattino presto il fondo delle piste duro, alle 10 molla il giusto, e nel pomeriggio va in pappa. Pranzo alla Capanna Tondi da Rosy (2.340 metri, con vista grandiosa) per un piatto di casunziei (ravioli

Per scoprire come il giusto pneumatico cambia tutto vai su www.michelin.it


*In media, confrontato con i principali concorrenti. Basato su test svolti da TV SD e DEKRA nel 2008, 2009, 2010 sulle misure 175/65 R 14 T, 195/65 R 15 H e 205/55 R 16 V, con pneumatici disponibili sul mercato al momento dei test.

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

37

Nel Parmense di Gian Luigi Paracchini

Soragna, la Rocca con fantasma

er sintesi, si potrebbe definire un invito a cena con delitto. Anche se la realt gastronomica prevale nettamente su quella poliziesca, ormai remota. Ci sono diversi motivi per una gita alla rocca di Soragna, nel Parmigiano. Intanto il fascino del fortilizio trecentesco diventato nobile e sfarzosa dimora dei principi Meli Lupi che campeggiano negli antichi ritratti e che tuttora vivono in unala del castello non aperta al pubblico. A fare numero, secondo leggenda, ci sarebbe poi lo spirito errante di Cassandra Marinoni, nobildonna milanese impalmata secoli fa da un Meli Lupi e poi uccisa da un cognato per questione di soldi. Delitto mai punito: da qui il girovagare inquieto

di Cassandra. Non bastasse latmosfera esoterica, che ha fatto della rocca una meta-culto per appassionati, Soragna un pretesto per ottime varianti (pista ciclabile, Po navigabile) nel raggio di pochi chilometri. Si pu andare a Busseto, paese-monumento di Giuseppe Verdi e dove ha vissuto Giovannino Guareschi. Mentre per gli appassionati dello shopping festivo, c lopzione dun salto a Fidenza con il suo mega-outlet (aperto anche a Pasquetta). Di certo tra Sissa, Colorno, Fontanellato, Zibello non si pu prescindere da qualche merenda straordinaria e finalmente liberatoria: siamo pur sempre nella patria del culatello.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Weekend ORE
TORINO

48

Storia, ma anche cucina La Reggia di Venaria e i suoi giardini infiniti


Ore 19 di venerd Le tre mostre
Torino la citt protagonista del 150 anniversario dellUnit. Alle Officine Grandi Riparazioni tre mostre: Fare gli italiani, Stazione futuro e Il futuro nelle mani. Cena alla trattoria Antiche sere (via Cenischia, 9 tel 011-3854347). Per dormire: Star Hotel Majestic, di fronte la stazione di Porta Nuova (sugli 80 euro), o lHotel Victoria, di charme (hotelvictoria-torino.com)

Tor Caldara di Corrado Ruggeri

Nel profondo West fuori Roma

l West selvaggio e profondo a due passi da Roma. Dove volendo, con laiuto di un briciolo di immaginazione, si pu anche pensare di giocare agli indiani. Ci sono i canyon, le sorgenti di zolfo, i piccoli gesyser, profli inquietanti e seghettati di collinette in cima alle quali uno sguardo allegro e senza limiti pu intravedere perfino la penna nera di capo Sioux. Succedeva cos, tanti anni fa, quando a Tor Caldara si girava davvero qualche scena western, come in una Cinecitt sul mare. Siamo a Cincinnato, borgo della villeggiatura borghese, fra Anzio e Lavinio, 50 chilometri dalla capitale. Oggi quegli spazi sono diventati riserva naturale regionale, unarea protetta che emoziona chi da bambino scorrazzava in libert e stupisce chi

non lha mai vista. La storia dice che la Torre venne eretta qui nel Cinquecento per lavvistamento dei pirati saraceni. Oggi fa da guardia alle dune fossili e allintrico di una bella macchia mediterranea, frequentata da gruccioni e conigli. I sentieri nella natura sono facili e consentono una visita agevole a tutti. Per arrivarci si percorre la Pontina e poi si seguono le indicazioni per Lavinio e si prosegue per due chilometri: partire per tempo perch il traffico sostenuto. Portarsi il panino o migrare per pranzo lungo i ristoranti della costa: c ovunque buon pesce a prezzi accessibili. Ad Anzio, gelato da Mennella sulla passeggiata del porto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ore 10 di sabato A Venaria (poi dallo chef)


Visita alla reggia di Venaria reale, la dimora dei Savoia. Dopo 10 anni di restauri presenta un nuovo percorso di visita, tra stucchi, affreschi e giardini a perdita docchio. Per una pausa pranzo di lusso ci si ferma in reggia: davanti alla corte donore c Dolce Stil novo, il ristorante gestito da Alfredo Russo, una stella Michelin. Un percorso sperimentale alle radici di una tradizione gastronomica.

Capri di Carlotta Lombardo


porticciolo dellisola) attraverso la strada romana, i palmenti e le antiche simbologie cristiane scolpite nella roccia. Si prosegue poi verso la localit la Sara, una delle zone pi suggestive di Capraia, dove si trovano manufatti preistorici. E ancora si procede, tra sentieri a picco sul mare, verso le rovine dellantico villaggio di Santo Stefano per poi arrivare al cinquecentesco Forte San Giorgio, con le tre torri che dominano il mare. Partecipazione gratuita, ma meglio chiedere informazioni (0586-905071) anche per eventuali prenotazioni. Traghetti Toremar per Pasqua e Pasquetta alle 8.30 dal porto di Livorno. Il ritorno per il luned dell'Angelo stato posticipato alle 18.30.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Piazzetta e quei canti lontani

n fondo a via Camerelle, regno dello shopping caprese, c una ripida ma breve salita che porta alla romana via Tragara. una via ricca di storia e di arte, puntellata dalle dimore di scrittori (Villa Discopoli, abitata da Rainer Maria Rilke, e Villa Lo Studio, dove soggiorn il poeta Pablo Neruda) e architetti celebri. In fondo, l dove si apre il pi bel belvedere dellisola, sorge il leggendario Punta Tragara (www.puntatragara.com), lalbergo costruito su progetto di Le Corbusier, con vista vertiginosa sui Faraglioni. Da l si accede alla passeggiata del Pizzolungo che conduce allArco Naturale, strepitosa scultura paleolitica sospesa a 18 metri daltezza. Proprio in questo stretto sentiero (775 gradini alternati a tratti

pianeggianti) comincia quella parte dellisola che sembra appartenere solo ai capresi, una festa di odori mediterranei e atmosfere rarefatte, lontanissima dal viavai della Piazzetta. Leco dei canti pasquali celebrati nella piccola Chiesa Evangelica Tedesca di via Tragara alle spalle. Laltra isola, quella abitata dai mirti, delle euforbie, delle ginestre, si scopre adesso. La passeggiata del Pizzolungo uno dei tragitti pi suggestivi di Capri. Si affronta in meno di due ore, attardandosi sotto la Grotta di Matermania. Laltra sosta alle Grottelle (tel. 081.8375719), osteria ricavata in grotte naturali con terrazza allaperto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ore 15 Se Giotto e Tiepolo raccontano la storia


Scuderie Juvarriane di Venaria: ci troverete La bella Italia, viaggio tra le capitali culturali prima dellUnit. Ci sono 360 opere darte firmate da maestri come Giotto, Leonardo, Rubens, Botticelli, Michelangelo, Bernini, Tiepolo, Antonello da Messina. Tornati in centro, un salto al Bicerin, frequentato da Camillo Benso di Cavour, Silvio Pellico, Nietzsche.

Ore 9 di domenica Il (nuovo) Risorgimento


Centro storico, tutto ruota intorno a piazza Castello: la prima tappa Palazzo Madama, poi in piazza Carlo Alberto a Palazzo Carignano, sede del Museo nazionale del Risorgimento. Dopo qualche anno di chiusura per restauro, riapre le 30 sale allestite tra colori simbolici e scelte cromatiche che mettono in risalto i 2560 pezzi che raccontano lepopea risorgimentale.

Nel Messinese di Riccardo Bruno


ripieni di rape rosse conditi con semi di papavero) pietanza regina del menu festivo ampezzano. Nelle Dolomiti alcuni impianti sono aperti fino a Pasquetta ad Arabba, Alta Pusteria, S. Martino di Castrozza e Passo Rolle, Madonna di Campiglio (fino al 27). In Val di Fiemme/Obereggen sono 34 gli impianti ancora in funzione, in Val di Fassa 21, a Plan de Corones 23. Si scia anche sul Presena al Tonale. In Valle dAosta, ottima neve e ancora aperti quasi tutti gli impianti dellintero domaine-skiable a Cervinia, da Zermatt (Svizzera) a Valtournenche (30 cm di neve a Plan Maison, 60 cm a Cime Bianche e 160 cm a Plateau Ros). Ed ancora possibile tornare, sci ai piedi, in paese rientrando dalla pista Ventina.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Antonioni e la Statale nascosta

e anche a Pasquetta volete prendere lauto (o la moto) e vi trovate nella Sicilia orientale, allora c un itinerario fuori dai soliti giri (e dal traffico). lungo la Statale che collega Giardini Naxos a Terme Vigliatore. Siamo nel Messinese, 70 chilometri per tagliare la Sicilia dallo Ionio al Tirreno, dal mare di Taormina su agli oltre 1.100 metri di Portella Mandrazzi, e di nuovo gi alle spiagge tra Milazzo e Tindari. Partiamo dal golfo di Giardini, dopo una dolce colazione gi estiva con granita. Gi a pochi chilometri tappa dobbligo alle gole dellAlcantara. Poi la strada si arrampica verso i monti Peloritani. Ci si imbatte in piccoli borghi con chiesa, piazzetta

e scuola costruiti dalla Regione nel 1950, sullidea fascista di insediarvi i contadini. Le case erano piccole e ci pioveva dentro, vennero presto abbandonati. Meritano una sosta, anche per rivedere il set di alcune scene dellAvventura di Antonioni. Poco dopo Novara di Sicilia, un vero gioiello, paese degli edifici in pietra scolpita e del maiorchino, un pecorino stagionato. Gi si scorgono Tindari e la costa. Siamo arrivati a Terme Vigliatore, fonte di acque sulfuree scoperte gi dai romani. Si pu tornare a casa. Nessun timore per chi stanco della pace: lautostrada a due passi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ore 13 Pranzo nel ristorantino dellUnit


A pranzo basta spostarsi a Eataly, il grande negozio vetrina delleccellenza alimentare. Anche loro festeggiano il compleanno nazionale dando vita al Ristorantino dellUnit dItalia: dal 4 all8 maggio il turno della Lombardia con gli chef Pier e Manuel Colombo della trattoria-enoteca Inarca di Proserpio. Dopo pranzo, Museo dellauto, rinnovato, o Palazzo Reale. a cura di Isidoro Trovato
RIPRODUZIONE RISERVATA

38

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Viaggi La Dolce vita /1


Da Torino a Ragusa: i dieci artigiani che creano opere darte

Uova da riscoprire La vera sorpresa il (buon) cioccolato


Stanno cadendo nellabbandono: reagiamo
Scorribande
di Roberto Perrone

La nostra scelta
1) Odilla Chocolat Via F.lli Carle, 40 Torino Tel. 011-504852 2) Guido Gobino Via Lagrange, 1/A Torino Tel. 011-5660707

iccome nato prima luovo della sorpresa, venuto il momento di riscoprirlo. Quando si dice uovo di Pasqua, ormai, pi che al cioccolato si pensa alloggetto che contiene. Se apro la mia dispensa, per mesi e mesi dopo la Santa Pasqua, trovo un sacchetto pieno di pezzi di cioccolato avanzato. Si regala luovo per la gioia dei bambini, per fare un regalo, per la sorpresa. Col tempo, si perso il senso dellinvolucro. Anche perch c involucro e involucro, c cioccolato e cioccolato. Questa una scorribanda umanitaria (oltre che golosa, come sempre): salvare luovo dallabbandono. Innanzitutto luovo ha una storia. Gi Persiani, Greci, e Cinesi se lo scambiavano per festeggiare il ritorno della bella stagione. E ancora prima erano gli Egizi ad associarlo allEquinozio di primavera, al nuovo anno che cominciava. Luovo era simbolo di fertilit, era magico, con poteri speciali: teneva lontani gli spiriti malvagi, benediva le spose che vi passavano sopra prima di entrare nelle loro dimore (sotto le cui fondamenta le uova venivano interrate per difendere la casa dalla rovina), svelava il sesso del nascituro. Contenevano, queste tradizioni, gi in parte il senso di rinascita che il Cristianesimo ha dato alluovo di Pasqua. Ma non pi rinascita della primavera, di una stagione, ma Resurrezione di un Uomo Nuovo, del Cristo uscito dal sepolcro. Nei libri contabili di Edoardo I Plantageneto risulta una spesa per 450 uova rivestite doro da regalare a parenti e membri della corte dInghilterra per la Pasqua. Le uova pasquali pi famose (e preziose) sono le 57 che il maestro orafo Peter Carl Faberg, confezion dal 1885 al 1917 per lo zar Alessandro III di Russia che voleva un do-

3) Andrea Besuschio P.za Marconi 59 Abbiategrasso Tel. 02-94966479 4) Luigi Biassetto Via Facciolati, 12 Padova Tel. 049-8024428 5) VizioVirt Cioccolateria S. Polo 2898/A Venezia Tel. 041-2750149 6) Gino Fabbri Via Cadriano, 27 Bologna Tel 051-505074 7) Roberto Rinaldini Via Coletti, 131 Rivabella di Rimini, Tel. 0541-27146 8) De Bondt Pisa Lungarno Pacinotti, Pisa Tel. 050-3160073 9) Caprice P.za Garibaldi, 29 Pescara Tel. 085-691633 10) Di Pasquale C. V. Veneto, 104 Ragusa Tel. 0932-624635

no speciale per la zarina Maria. Per, proprio negli stessi anni, e la cosa a noi scorribandisti interessa di pi, a Torino Madama Giambone creava, a mano, nella sua bottega di via Dora Grossa, le prime uova di cioccolato con due stampi metallici semisferici. E nel 1920 Casa Sartorio brevetta una macchina per potere inserire la sorpresa. Apprendo tutto questo dal libro di Clara e Gigi Padovani Cioccolatorino (Blu Edizioni) che, a sfogliarlo, lascia le dita da leccare. Sempre a Torino, nel 1991, scomparso, a 79 anni, Guido Bellissima maestro cioccolatiere di grande talento che decora-

va le uova con la ghiaccia colorata di zucchero e albume duovo. Per anni i suoi capolavori, da cento o duecento chili di cioccolato, ammutolivano i torinesi dalle vetrine dei pi bei caff del centro. E allora giusto partire proprio da Torino per questa scorribanda che ribalta la prospettiva: non pi (o non solo) la sorpresa ma il guscio. Dieci indirizzi per un uovo di Pasqua dove il

cioccolato riprenda il suo posto, dieci indirizzi di artigiani che creano opere darte gastronomica, cominciando, come sempre, dal mio cioccolatiere di fiducia, Gabriele Maiolani di Odilla Chocolat. Da lui ho saputo questa stoVOTA SU CORRIERE. IT il locale preferito. La scorsa settimana ha vinto Cipressi in Chianti, a Radda in Chianti, Siena

ria. Qualche anno fa ha avuto un cliente che arrivato in negozio e ha chiesto un uovo di Pasqua per la moglie. Vuole portarmi lei una sorpresa da mettere dentro? ha chiesto Gabriele. Ma la sorpresa glielha fatta il cliente: ha voluto un uovo del miglior cioccolato con, allinterno, un altro uovo, pi piccolo. Cioccolato nel cioccolato. E buona Pasqua a tutti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La ricetta

Il segreto? La materia prima nella giusta proporzione


di Gabriele Maiolani *

o stampo ideale per lUovo: altezza cm 24, diametro cm 13: non deve contenere pi di 350 grammi di cioccolato, fondente se possibile: tale peso infatti, distribuito intorno alle pareti delluovo in modo omogeneo, caratterizza un guscio non troppo spesso, quindi facilmente sgranocchiabile e di conseguenza maggiormente apprezzabile dal palato. Regolo attentamente la temperatura dellambiente in cui lavoro, mai sotto ai 23: porto alla stessa temperatura lo stampo e vi colo il cioccolato curando scrupolosamente la temperatura del cioccolato (30); distribuisco il cioccolato attorno alle pareti. Dopo 10 minuti circa, apro lo stampo per inserire la sorpresa e velocemente richiudo, depositandolo per qualche ora in una cella frigorifera a + 14 con deumidificazione al 60 per cento (minimo). Solo questo punto passo al confezionamento. Per il confezionamento studio la moda, seguo i colori pi amati, ma soprattutto il mio Uovo viene rigorosamente avvolto in stoffe o carte che possano essere utilizzate anche dopo: tovagliette, centritavola, tovaglie da giardino o da mare. La sorpresa: luovo un ottimo mezzo per fare un regalo, quindi apprezzo moltissimo i clienti che mi portano le loro sorprese. * Odilla Chocolat

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

39

Viaggi La Dolce vita /2


Cucina e cantine
Salumi di campagna e pinzimonio. La zuppa inglese con gli avanzi di colomba

Riso, mariola e Malvasia La cassetta del picnic


Pranzo speciale al sacco (con laiuto dello chef)
Cosa c dentro Come si fa

La ricetta di Allan Bay

asquetta sullaia. Avvistando galline, tacchini, pavoni, oche. Dallorto arrivano i profumi delle erbette aromatiche. Le stesse che insaporiscono le focacce e larrosto cotti nel forno a legna. Dalle cantine, invece, filtra il profumo essenziale della Bassa padano-parmense: quello dei culatelli lasciati a stagionare. la sintesi, sublime, del buffet-picnic del luned dellAngelo, proposto dallAntica Corte Pallavicina di Polesine Parmense: un luogo speciale, autentico, dove i fratelli Massimo e Luciano Spigaroli accolgono gli ospiti: ristorante, relais, azienda agricola, a pochi passi dal grande fiume, il Po. Il verde primaverile della piana che sta attorno sembra il luogo dispirazione per un perfetto djeuner sur lherbe, il tema di un celebre quadro dellimpressionista Manet. E, dunque, siamo qui per chiedere lumi su come preparare un impeccabile, genuino cesto da picnic: cose buone da consumare in allegria, allaria aperta. Osserva Massimo Spigaroli, lo chef dellAntica Corte: Alla base di questo pranzo/merenda, informale, c la ruralit, cio il legame con i prodotti della terra. Non dimentichiamo, inoltre, i cibi della tradizione pasquale. Il tutto allinsegna della freschezza/leggerezza, sapore e praticit. Ragionando insieme, si decide poi di considerare un altro elemento importante: il corredo da picnic sar biodegradabile. In altre parole spiega i resti delle cose usate potranno finire tutti nel bidoncino dellumido. Ok, si comincia. Con un preliminare, rapido calcolo della spesa per i viveri sufficienti a sfamare 4 persone. Passando in rassegna le varie voci (piattini, posate, bicchieri, cibi e bevande), Spigaroli d i numeri e, alla fine, si arriva a circa 45 euro, in totale. Invece del classico cestino di vimini, Massimo ha pensato di utilizzare una cassetta di legno del fruttivendolo, dipinta di un soave lilla. Sul fondo, un foglio di carta da macellaio. Il telo di juta (tipo sacco), sufficientemente ampio, far da involucro e, quindi, da tovaglia da stendere su un tavolo o sul prato. Piatti, scodelle e contenitori sono in amido di riso. Le posate di legno, in buste/confezioni in amido di mais. Tovaglioli e bicchieri di carta. Da non dimenticare: il cavatappi, il coltello per tagliare i salumi, un piccolo tagliere di legno, lo scalpellino per il formaggio (grana, parmigiano, pecorino stagionato. A piacere!).

La zuppa che diventa una crema


a mesciua una zuppa spezzina di legumi e grano o farro. In origine era un piatto poverissimo, probabilmente nato nella zona del porto dove venivano raccolti i legumi e il grano che usciva dalle sdruciture dei sacchi. Una volta questi ingredienti erano cotti separatamente e poi mescolati. Cuocendoli invece insieme, cannellini e grano o farro, che stracuociono, diventano praticamente una crema, che addensa il brodo di cottura dei ceci al meglio. Per 4 persone. Fate ammollare in una ciotola 150 g di fagioli cannellini e altrettanto farro o grano per 12 ore e in unaltra ammollate 200 g di ceci per 24 ore. Scolateli, metteteli in una pentola, coprite a filo dacqua, portate al bollore e cuocete per 3 ore, unendo poca acqua bollente se asciugasse troppo e mescolando di tanto in tanto. Regolate di sale. Servite la mesciua bollente condita con un giro di olio extravergine doliva e abbondante pepe macinato al momento. Variante. Se amate i legumi tutti cotti al dente, mettete i ceci e cuocete per unora, unite i fagioli e cuocete per 1 ora e 20 minuti e infine unite il farro e cuocete per 40 minuti: in questo modo la mesciua risulter pi brodosa e meno cremosa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il men
er il pranzo allaperto di Pasquetta, lo chef dellAntica Corte Pallavicina ha riunito nella cassetta: salumi di campagna (strolghino, mariola), insalata mista o verdure da pinzimonio (preparare la vinaigrette e metterla in un bicchiere di carta ben sigillato), uova sode, bustine di sale. Il piatto principale del men il riso saltato con verdure di primavera e bocconcini di agnello. Si consuma freddo ed buonissimo, nota Spigaroli. Ancora: pane casereccio, formaggio, una confezione di mostarda senapata di mele cotogne, zuppa inglese (fatela con gli avanzi di colomba pasquale), fragole gi mondate e lavate. Infine, acqua minerale e vini leggeri: Un Fortana rosso (6 gradi) o una Malvasia secca (11 gradi e mezzo), se vogliamo restare in questarea padana.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il piatto forte
a pietanza principale (ho scelto una ricetta semplice, avverte Spigaroli) sostanzialmente un piatto unico: riso carnaroli (320 grammi circa per 4 persone), spezzatino di carne di agnello (300/400 grammi), brodo vegetale (7 decilitri), cipolla, carote e peperoni (entrambi scottati preventivamente), asparagi, piselli, olio extravergine, erbe aromatiche a piacere. La base il riso pilaf (olio, riso, cipolla, brodo, in teglia coperta: 15 minuti al forno, 160 gradi). Nel frattempo, salare i bocconcini di agnello e preparare le verdure tagliate. Trasferire gli ingredienti in ununica padella. Far saltare, a fuoco vivace, per alcuni minuti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Chi
Massimo Spigaroli, chef allAntica Corte Pallavicina di Polesine Parmense

Riso con bocconcini Cinque scatti che raccontano come si prepara la pietanza centrale del picnic di Pasquetta: lo spezzatino di agnello viene fatto rosolare in padella con le verdure. Aggiungere, quindi, il riso pilaf e far saltare il tutto con un giro dolio. Al centro della pagina, la cassetta del picnic (servizio Ugo De Berti)

Marisa Fumagalli
RIPRODUZIONE RISERVATA

Olio&aceto
di Maurizio Di Gregorio

Letture facoltative
di Lorenzo Vigan

Langolo bio
di Giovanna Pezzuoli

Lenologo con il pallino Se la nonna mangia il crisantemo dellaceto semplice con le fritole veneziane
el 1975 dallincontro di Fiorentino Sandri e Mario Pojer nasce lazienda Pojer e Sandri. I due creano una cantina tra le pi interessanti nel panorama italiano producendo grandi vini: dal Mller Thurgau, alla Nosiola, alle riserve bianco e rosso Faye. Tra le ultime passioni dellenologo Pojer c laceto. Spero che questo grande prodotto torni sulla tavola. Amo laceto semplice: rosso e bianco. Il rosso ottenuto dalla lenta acetificazione in botti di legno di pregiato vino rosso, nato da un mix di uve autoctone quali il Groppello, la Negrara trentina, il Lagrein e variet internazionali quali il Cabernet, il Merlot, il Pinot Nero, lo Zweigelt e il Blaufrnkisch. Il bianco da Mller Thurgau, Traminer, Sauvignon, Riesling, Kerner, Incrocio Manzoni e Chardonnay ottenuti da uve coltivate nellazienda a Faedo e in Val di Cembra (www.pojeresandri.it)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintingolo di tofu che abbassa il colesterolo


il camaleonte degli alimenti per la sua capacit di acquisire i sapori con i quali si accompagna. Il tofu, originario della Cina dove venne scoperto, secondo la leggenda, dal monaco taoista Lin An, si ottiene con la cagliatura del latte di soia e la successiva pressatura in parallelepipedi bianchi. Come la carne e luovo, il tofu o formaggio asiatico ricco di proteine (vegetali), cui si aggiungono 10 aminoacidi essenziali, calcio e sali minerali. Da non confondere con il seitan (o glutine di grano), versatile in cucina: crudo, stufato, fritto, bollito, marinato o aromatizzato al basilico, al curry, si pu trasformare in polpette, salse, sformati, dessert. Un toccasana che abbassa glicemia e colesterolo lintingolo agro di tofu, con prugne umeboshi snocciolate suggerito da Elena Alquati nel suo corso base di macrobiotica (www.lordinedelluniverso.it). Il tofu al naturale costa circa 8 euro al chilo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

rendiamo il crisantemo. Se nessun innamorato lo regalerebbe mai alla propria bella per il carattere cimiteriale che lo accompagna (solo da noi, per, perch in Giappone, Cina e nei Paesi anglosassoni il fiore dellamore), ecco invece che d un sapore antico (amarognolo) alle fritole veneziane. Prendiamo il garofano, che la mitologia vuole legato a Diana e la tradizione cristiana a Maria (sarebbe nato dalle lacrime da lei versate ai piedi della croce): i suoi petali, rosa, sono lideale per arricchire una minestra di frutta e verdura da abbinare a un sorbetto ai lamponi. Prendiamo, ancora, la primula per la crema pasticcera della torta alla ricotta friulana, la lavanda per la meringata, il papavero per i cantucci (con peperoni verdi, parmigiano e pinoli), il tarassaco per gli gnocchi di patate con astice e porcini. A differenza dei classici ricettari, Mia nonna mangiava i fiori (Vannini Editrice, pp. 112, euro 15) un libro da provare, non basta sfogliarlo. Perch se dei fiori conosciamo il profumo, ci difficile (a differenza dei nostri antenati) immaginarne il sapore. Ci aiutano a farlo le ricette di Iginio Massari, stella della pasticceria, affiancate dai cenni storici di Giacomo Danesi e dai deliziosi disegni di Chiara Bonomi. Attenzione per a non usare i fiori che si trovano in giro, nei campi o dai fioristi: devono essere biologici e non trattati.
RIPRODUZIONE RISERVATA

40

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Abitare Le idee

Presenze A destra, il divano sospeso Nestrest di Dedon, in fibra sintetica intrecciata. Sotto, Nu-Ovo di Tisettanta, in compensato marino cerato e trattato a olio

Mobili da esterno Arredi per contemplare. Come faceva Hermann Hesse

Dialogare con la natura in un nido da giardino


Crearsi spazi privati

Al lavoro Lo scrittore Hermann Hesse nel giardino della sua casa di Montagnola, in Svizzera

al Barone Rampante di Italo Calvino, dove il nobile Cosimo lascia a 12 anni la villa di famiglia per andare a vivere sugli alberi, a Hermann Hesse che dal giardino della casa di Montagnola, dove trascorse i suoi ultimi anni, traeva ispirazione per riflettere sullanimo umano, lo stimolo a vivere fuori un tema sempre attuale. Che non significa solo godere empaticamente della natura ma trovare soluzioni perch nella natura si possa abitare. I mobili in-out, da trend di qualche anno fa, oggi sono una realt vera e le firme del design made in Italy fanno a gara a proporre ogni anno arredi da esterni cos ricercati da poterli sfoggiare a fine stagione anche nel salotto di casa. Ma non basta. Tramontata lera del cocooning, cio il concetto di abitazione dove rifugiarsi per proteggersi, oggi lesperienza della vita domestica si espande allesterno. Come la casa, anche giardini e terrazzi non sono pi solo belli e funzionali ma puntano a essere un luogo dove stare bene, spiega il sociologo Francesco Morace. E infatti questanno dal Salo-

ne del Mobile arrivano le forme avvolgenti, che comunicano comfort solo a guardarle. Come la poltrona con lo schienale alto e ricurvo, evoluzione della bergre, o il divano dalla seduta profonda e la linea morbida dove rilassarsi come in unalcova. Ultima novit, i mobili effetto nido. Nessun ritorno al cocoon ma a modi di abitare in armonia con la natura: Quattro anni fa durante il Fuori Salone, con la mostra "Nidi dUomo", siamo stati i primi a parlare di strutture a forma di uovo "abitabili", dalle serre alle piccole stanze racconta la paesaggista Patrizia Pozzi. Lidea di armonia e bellezza, ereditata dallEden e andata perduta, si pu ritrovare nel contatto con la natura.

E luovo la forma perfetta: il suo posto nel nido, rimanda alla vita, ha un guscio protettivo. Ed ecco questanno lidea di Nu-Ovo, lanciato da Tisettanta al Salone del Mobile: Partendo da uno scheletro di legno diviso in otto spicchi nasce un mobile-cellula polifunzionale, uno spazio nello spazio pensato per luomo, spiega Paolo Maldotti, larchitetto torinese che lha inventato. In esterno pu diventare un angolo doccia oppure una sorta di stanza per il relax grazie alla struttura in compensato marino trattato a cera e a olio impregnante, resistente alle intemperie, e ai rivestimenti in tessuti tecnici. Ma pu essere anche una sorta di ambiente circoscritto da trasferire

Avvolti Sopra, Cocoon di Unopi; a destra Ami di Paola Lenti

anche dentro casa, un piccolo spazio da usare in modo individuale. Da angolo-ufficio a zona-gioco per i bambini, precisa Maldotti. Simbiosi con la natura, sempre pi stretta e appagante. La invoca Patrizia Pozzi, ideatrice di una serie di mobili iconicamente denominati Landscape Furniture (mobili paesaggio). Come le poltrone intrecciate di rami di salice, protagoniste anche di una serie di workshop dedicati ai bambini: Li invitiamo non solo a sedersi ma anche a riprodurre degli oggetti simili con le mani. Dalla loro fantasia sono nate corone dove mettere i fiori, ruote per giocare nel prato o piccoli nidi per gli uccellini. Il senso la natura da vivere attraverso il contatto. Quale levoluzione futura? Sempre pi uso di materiali naturali, dai legni alle fibre intrecciate, afferma Morace. Che profetizza larrivo di arredi legati allidea dellavventura: Il viaggio e la mobilit sono ormai parte integrante della nostra societ. E cos il vivere avventuroso: il concetto fare il safari nel proprio giardino (potrebbe essere lo stile etnico reinterpretato) oppure il mobile nomade. Ma basta anche un cesto-poltrona da appendere a un ramo (ci ha pensato Dedon), come novelli Robinson Crusoe. O aquile imperiali, appartate nel nido ma fiere e felici.

Intrecciate Le poltrone Nidi in salice, idea di Patrizia Pozzi

Silvia Nani
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

41

Abitare Questa la mia casa


Umberto Pasti A Milano la dimora affettiva dello scrittore

Fotoservizio di Filippo Bamberghi

Libri, quadri, ceramiche: nellantro delle passioni

una sorta di innamoramento: Gli tro suo grande educatore del gusto. oggetti ti catturano, ci precipiti den- Ancora oggi, spesso Gibbs e Pasti si tro: vede quella scultura naturale sul sfidano per la nuova passione, la botavolino, non di particolare valore, tanica e si lanciano in lunghe passeg un fungo cinese ma starei ore a giate nellalto Marocco facendo a gaguardarlo, favorisce la meditazio- ra a chi individua un maggior numene. E indica larma dellet del bron- ro di specie di salvia selvatica: Lultiome fare se avete pi di zo del Nord Danimarca (la guardi e ma volta finita a cinque a tre per ventimila libri e una se- capisci la temperatura di una socie- lui racconta Pasti. rie di collezioni fantasti- t) e le tre tazzine di ceramiche turTanto monacale la casa al mare, che che avete cominciato che del 700, altre tre sono al Topka- in un villaggio quasi sperduto sulle a raccogliere a casac- pi a Istanbul. Io non sono un esteta spiagge marocchine dellAtlantico cio quando avevate sei anni, dalle ma guardo molto, direi che ho un ocpiume degli indiani chio affettivo. Occhio dAmerica alle mattonelle che si poi affinato con che hanno fatto la storia una serie di incontri per dellIslam, e volete sistelui straordinari, di alcuni marle in una casa milanedei quali Pasti parla nel lise? Potete fare come Umbro appena pubblicato da berto Pasti, prendere un Bompiani Pi felice del appartamento fatto di tanmondo. E lallenamento te stanzette nel cuore di cominciato con Fathi, Brera, riempire le pareti di mercante incontrato al Caiboiserie con libreria, ag- Il libro Pi felice ro a sedici anni in un viaggiungere qualche teca per del mondo di gio di iniziazione allOrienle piume e le piastrelle e si- Pasti (Bompiani) te: Allah ti ha fatto un stemare qua e l i quadri e grande dono, bambino le fotografie di una vita. mio. Ti ha dato una cosa che si chiaNe verr fuori un antro delle mera- ma "occhio", la tua protezione. E viglie pieno di colori e di storia del dopo averlo riconosciuto, Fathi comondo e di storia personale che si af- minci a insegnargli i segreti per vefaccia sul cuore pulsante di Milano. dere e capire meglio. Poi venuto Ma anche un luogo privilegiato dove lincontro con Bruce Chatwin, anche per non semplice sedersi e neppu- lui dotato di grande occhio e con re stare in piedi, sempre timorosi di Christopher Gibbs, personaggio dai sfiorare/travolgere qualche prezioso molti talenti fra cui quello di essere brandello di civilt, non resta che rifu- stato lagente dei Rolling Stones, algiarsi in cucina, oasi intonsa di cultura pi materiale dalle pareti tinteggiate in verdone dove regna la tata Ivana, che da 21 anni veglia sulla coppia spe- Il mio oggetto preferito ciale dei padroni di casa. Intellettuale anomalo, molto colto ma anche autodidatta nelle sue fulminee passioni (a sette anni gi sapeva a memoria non solo i nomi della trib dAmerica ma anche dei loro mocassiQuesta piastrella ni) Umberto Pasti ha bisogno di avere ottomana di Iznik non a portata di mano tutti questi libri per la pi preziosa della ch sono i suoi punti di riferimento, collezione di Umberto la trama dove inserire e far vivere gli Pasti ma quella pi innumerevoli oggetti che colleziona carica di valore ma forse sarebbe pi appropriato dire affettivo: stata assembla, come spiega dirigendosi infatti la prima, che verso langolo della sala dove c tutto ha dato inizio alla sua Proust, sua passione di una vita (nel collezione di arte 1986 ha tradotto per la Tartaruga le islamica e non ha lettere di Marcel alla madre). dovuto comprarla Sulla libreria, davanti allopera om(allora era troppo nia dellautore della Recherche, apcara per me), ma gli poggiato un delizioso quadro con ci stata regalata da cogna di Ira Belline, una nipote di Fathi, il mercante Igor Stravinsky, pittrice, scovato a incontrato a 16 anni Tangeri in Marocco, nuova terra di nel suo primo viaggio elezione dove Pasti vive per lunghi peal Cairo. riodi. Davanti agli oggetti scatta in lui

Il gusto del collezionare

Esotismo
Sopra, Umberto Pasti con Stephan Janson davanti alla collezione di piatti turchi cianakale. In alto, la libreria con le piastrelle iraniane e, a sinistra, un quadro orientalista di James McBey

ma con un giardino che trabocca di piante in estinzione che Umberto raccoglie, coltiva e preserva (attualmente sono 600) quanto quella in citt spoglia di piante e cos grondante di oggetti da suscitare lironico sconforto dellaltro padrone di casa, Stephan Janson stilista francese fra i prediletti dalle signore milanesi, a cui stata ri-

servata una stanza solo allapparenza pi monacale in realt piena di preziose collezioni di fotografie e rallegrata da due disegni di Yves Saint Laurent. Ogni tanto viene fuori il sartino che in me e vorrei togliere, togliere scherza Stephan che forse sogna una casa bianca e minimale, anche se una volta, in un probabile attacco di emulazione, compr a Parigi unintera collezione di coleotteri che in parte sta in due teche del salone principale della casa, in parte campeggia nel suo atelier milanese. Smonta gli ardori lironico Stephan raccontando delle pene dellinterior decorator-amico Roberto Peregalli che dieci anni fa ha contribuito alla ristrutturazione della casa, inventando le nuove boiserie, tirando fuori i delicati affreschi del soffitto e dipingendo il pavimento dellingresso con delicati disegni di mattonelle subito sparite, inghiottite da tappeti (perlopi turco-vintage) e oggetti. Una volta ricevevamo, era una casa piena di amici, ora come si fa?. Forse per ritrovarli conviviali bisogna fare un salto sullAtlantico.

Maria Luisa Agnese


RIPRODUZIONE RISERVATA

La piastrella islamica, regalata

Dietro il giardino
di Carlo Contesso

Cercando tra le piante i piccoli coristi

prile non ti scoprire e questi ultimi giorni sembrano confermare il vecchio adagio. Pure, in giardino c chi non ha tempo daspettare tepori ed al lavoro gi da un po. Pi che alle piante, mi riferisco ai coristi del giardino, gli uccelli. I migratori stanno tornando dallAfrica e molte specie stanziali sono gi a buon punto con la prima covata, nei nidi pigolanti uccelletti stanno mettendo le piume. Ora che passiamo pi tempo fuori, pu capitare di scoprire nidi nei posti pi strani. La stagione scorsa unamica ha trovato una famiglia di pettirossi in una lettiera per gatti in disuso che aveva dimenticato sotto la pergola dove parcheggia... Lanno prima, un paio di tortore hanno deciso di fare il nido su un bamb ancora in vaso (eran non pi di cinque canne) appena

portato a casa dal vivaio e ancora poggiato al balcone della cucina! Questanno, i merli hanno fatto il nido nel gelsomino che riveste la ringhiera delle scale di accesso a casa dei miei, proprio davanti il portoncino. E non solo in giardino, ma anche in terrazzi cittadini con pareti rivestite da rampicanti sempreverdi, o cespugli raggruppati in grossi contenitori, facile scovare un nido. Se siete tra i fortunati ospiti di una nuova famigliola, due ovvi consigli: cercate di trattenere lentusiasmo limitando le visite e lasciando eventuali precoci uccelletti che svolazzano al di fuori del nido l tra le fresche frasche, i genitori ne avranno cura. E tenete al chiuso il micio di casa, o il terrier, onde lasciare ai giovincelli qualche chance in pi. carlocontesso@yahoo.com
RIPRODUZIONE RISERVATA

42
#

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Moda I protagonisti
Parigi In mostra la collezione dello stilista americano: 17 vetture dagli Anni 30

Le donne di Ralph Lauren Dettagli rubati alle auto


Quelli che sperimentano
l confine tra automobile e scultura ha un nome: Bugatti Atlantic. Ne sono state costruite solo quattro. Due sono andate distrutte. Una terza propriet di un museo negli Stati Uniti. La quarta, del 1938, la si potr ammirare da gioved a Parigi in una mostra destinata a diventare storica, non solo per gli appassionati di vetture depoca. Fino al 28 agosto il Muse des Arts dcoratifs di Parigi ospiter una selezione della collezione privata di Ralph Lauren, lo stilista americano che dalle auto trae linfa e ispirazione anche per creare abiti. Diciassette modelli che rappresentano il meglio dellauto sportiva a partire dagli Anni 30. Pezzi unici di grandissimo valore. Solo la Bugatti Atlantic, per esempio, stimata intorno ai 25 milioni di euro. Non necessario intendersi

Sportive In alto a sinistra, una McLaren F1 del 1996; a destra, una Ferrari Testa Rossa del 1958. Sotto, cuffia portata su un abito argento della collezione Ralph Lauren

Chi
Lesordio Nato nel 1939 a New York, Lauren (foto) esordisce nella moda nel 1967 Lo stile Negli Anni 70 le sue camicie da uomo rivoluzionano il look femminile, imponendo uno stile

Auto depoca La sua collezione di auto depoca, in mostra ora a Parigi, una delle pi importanti del mondo

di motori per apprezzare questa mostra. come girare intorno a delle opere darte. Spiega bene il concetto proprio lo stilista: Alcuni di questi gioielli racchiudono lessenza della bellezza, tanto ancestrale quanto misteriosa: ed per questo che ogni volta che le ammiro rimango estasiato. Senza dubbio tra tutti i collezionisti, quello che distingue Ralph Lauren il buon gusto

Anni Trenta Mercedes SSK Comte Trossi e giacca Ralph Lauren collezione 2005 (Michael Furman courtesy of Polo Ralph Lauren)

spiega Simon Kidstom, svizzero, tra i pi accreditati mediatori a livello internazionale nella compravendita di auto storiche . La prima cosa che lo attira di una vettura lestetica e lo stile di vita che quel modello ha rappresentato. Ama le sportive. Inglesi, italiane e tedesche soprattutto. In assoluto la sua la colle-

zione pi bella del mondo per scelta dei singoli modelli. Ha una Bentley Blower del 1929, presente alla mostra, che vale 12 milioni di euro, ed la pi ricercata in assoluto. C anche molta Italia in questa mostra. A cominciare da due Ferrari: la 375 Plus del 1954, spyder disegnata da Pinin Farina e la Ferrari 250 Testa Rossa del 1958, firmata Scaglietti. Ma Ralph Lauren ha anche una Ferrari 250 Gto, forse la pi costosa al mondo: vale 30 milioni di dollari spiega Marco Makaus, esperto di auto depoca . Nel complesso la collezione dello stilista americano si pu stimare tra i 300 e i 500 milioni di dollari. Daltra parte Ralph Lauren della sua passione ha fatto anche un business. Questa una delle differenze tra i collezionisti americani e quelli europei, pi riservati e legati nelle loro scelte a motivi romantici, a evocativi luoghi della storia e del bel vivere di

Contaminazioni

La Jaguar del 1957 e il cinturino in cuoio che diventa cuffietta


u una macchina finire in guardaroba o in salotto invece che in garage? questione di testa oltre che di cuore. Prendiamo il caso di Ralph Lauren. Per costruire un marchio e un impero molto focalizzato sullimmagine e su un certo stile di vita, ha attinto direttamente ai suoi piaceri, sotto forma di giocattoli, passioni, gusto in senso lato. La sua storica, strepitosa collezione di automobili ne rappresenta unimportante appendice. Cos come il golf, la vela, il rugby, il polo (emblema massimo) hanno influenzato molte collezioni, anche i suoi luccicanti, rombanti tesori sono in qualche modo entrati attraverso dettagli, colori, tratti, nella produzione. Soprattutto in quella femminile. La collezione del 2005 un emblema di questa moda a quattro ruote proprio per diversi riferimenti che dalle sontuose carrozzerie si sono riversati su alcuni capi. Basta dare unocchiata a una aderente giacca in pelliccia-pelle nera, ispirata alla Mercedes Benz Comte Trossi SSK Sports del 1930: le linee sono simili e la cintura strizzata in vita fa chiaramente pensare allabitacolo. Anche il segno ondulato di alcuni abiti (uno grigio metallizzato) sembrano seguire il design dun altro fra i pezzi pi amati da Ralph: la rarissima (costruiti 18 esemplari) Jaguar XKSS a due posti del 1957. Pure uno dei cinturini in cuoio del cofano si trasferito sulla cuffietta da pilota, buona (per signore disinvolte) da accoppiare allabito da sera.

Estasiato Alcuni di questi gioielli racchiudono lessenza della bellezza: ogni volta che le guardo resto estasiato
un tempo, penso alla Costa Azzurra per esempio. In Europa la patria del collezionismo dauto depoca lInghilterra. Dallultima indagine della Federation of British Historic Vehicle Clubs risultano attivi 2.500 operatori commerciali per un totale di 30 mila addetti e un fatturato annuale complessivo di circa 3,2 miliardi di sterline. Ma gli operatori sono in continuo aumento, dati pi recenti ne stimano 4.000. E lItalia? Ogni anno organizza 15 mila manifestazioni: Mille Miglia, Gran Premio Nuvolari e Concorso di Eleganza internazionale organizzato a Villa dEste, sul lago di Como, i momenti culminanti. Al concorso di Villa dEste nel 2007 ha partecipato anche Ralph Lauren con la Mercedes SSK Comte Trossi del 1930. E, indovinate un po? Ha vinto il primo premio.

Gian Luigi Paracchini


RIPRODUZIONE RISERVATA

Maurizio Donelli
RIPRODUZIONE RISERVATA

I 125 anni di Triumph

La rivoluzione del corpo

R
Milano, Corso Garibaldi 51 Roma,Via Margutta 2
e nelle migliori gioiellerie

www.raspini.it

imarr aperta al pubblico dal 27 aprile al 1 maggio a Milano, negli spazi della Triennale, la mostra dal titolo 125 years of celebrating women 125 Anni "cuciti" sulle forme della donna, organizzata da Triumph per festeggiare proprio i 125 anni di attivit. Lazienda, che con le sue linee di biancheria intima e costumi da bagno ha vestito generazioni di donne, vuole celebrare il corpo femminile, raccontando le tappe e gli eventi che ne hanno segnato la storia. Foto depoca, locandine e rclame guideranno il pubblico in un viaggio lungo pi di un secolo tra i

cambiamenti di costume, moda e societ che hanno rivoluzionato limmagine femminile. Dalla perfezione ricercata di fine Ottocento alla donna indipendente degli Anni Venti; dalla silhouette statuaria delle modelle del dopoguerra allo stile libero delle ribelli Anni Sessanta, gli oggetti in mostra descriveranno levoluzione della figura femminile dal 1886 a oggi. Levento si aprir con la finale italiana del Triumph Inspiration Award, il concorso che premia gli studenti di design creatori dei capi di lingerie pi ispirati e ispiranti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

43

Moda Cabina armadio


Il look dellestate
Niente colori: il gioco abbinare diverse sfumature

ar unestate in bianco. Abiti, jeans, scarpe, borse, trucco e cioccolato: dopo anni di extra-nero, la dolcezza piena del cacao bianco simpone nel gelato e nel gateau. Il bianco puro, candido, si pone come una lavagna bianca su cui progettare la moda del futuro, dice Alessandro dell'Acqua interprete del bianco per la sua linea N. 21 e Brioni. Ogni nuova decade segna un momento di rottura con il passato. Il bianco riassume il desiderio di ritornare a linee pulite per cancellare gli eccessi che hanno appesantito la moda, spiega. Gli anni di riferimento sono i Novanta, quando Helmut Lang consacr il minimalismo. Oggi, per, la moda promuove lo stile individuale. E il bianco, colore che li contiene tutti, si presta a vestire le due anime: elegante o romantica (mai sdolcinata, per). Gli stili giocano con le forme appoggiate al corpo o fluide e i tessuti. Sono grembiuli da casa di chiffon, pizzi e ricami, annodati dietro, gli abiti bianchi di Antonio Marras; spirati al corredo delle spose quelli di Dolce & Gabbana, in pizzo, tricot e chiffon, a sorpresa adottati da tante ragazze per il giorno del matrimonio, compresa ltoile Eleonora Abbagnato (su misura) che a giugno dir s al calciatore Federico Balzaretti. Come sindossa? Il bianco rappresenta una palette neutrale, in-

Sovrapposizioni Come si porta il nuovo bianco

Taglia 44 Labito bianco sta bene non solo alle modelle. Lo dimostra lattrice francese Juliette Binoche, 47 anni, con labito in pizzo e Swarovski di Dolce & Gabbana (Piasecki/Gettyimages) Totale Il nuovo bianco rigorosamente total look E gli stilisti ora dicono che si pu giocare sulle sovrapposizioni di toni: candido, latte, burro per un effetto molto chic

Jeans Fa primavera il jeans bianco. Si porta con top tono su tono o, in alternativa, con t-shirt color carne, cipria, colori ideali anche per gli accessori, scarpe e borse Bocca rossa Il trucco il tocco di colore al total white Blu e grigio sugli occhi, rossetto brillante, rosso o rosa corallo come la modella di N. 21 di Alessandro DellAcqua

terviene Francisco Costa direttore creativo di Calvin Klein. Una donna pu mantenere un look monocromatico giacca color gesso senza collo indossata sopra la camicia bianca in voile e pantaloni morbidi oppure aggiungere un tocco di colore nei dettagli e negli accessori. Osate le sovrapposizione dei vari toni, candido, burro, cipria per un effetto molto chic, aggiunge DellAcqua che indica come capo simbolo un abito canotta in popelin con inserti in pizzo, ripreso dietro: semplicit all'apparenza, ma frutto di sapiente lavorazione. Che poi riassume un po tutto il concetto della nuova moda. Il bianco illumina il volto e aiuta a essere seducenti senza trucchi. Basta una camicia bianca e una donna con personalit supersexy, osserva DellAcqua proseguendo nei consigli. Bijoux? Con il bianco evitate le collane etniche, il risultato sarebbe troppo folk. Meglio una antica o una catena dargento (a destra, orecchini). Accessori? Prediligo il bianco abbinato a sandali color cipria, legno, corda. Con il classico argento diventa "spaziale". A chi sta bene? Il bianco piace alle signore abbronzate ma dona di pi alle pelli candide. Il contrasto fa troppo Sardegna. Luca Mannucci consulente colore concorda: Le donne con la pelle scura o olivastra dovrebbero indossarlo un po staccato dal decollet per evitare il contrasto. Il tocco di colore il trucco. Occhi grigio antracite e blu con abbondante mascara nero. Sulle labbra solo toni brillanti: rosa corallo per il giorno, rosso la sera. No ai rosa freddi e chiari per evitare leffetto extraterrestre.

Il significato

Coraggioso (ma vietato agli esami)


di LUCIANA BOCCARDI*

i dice bianco-innocenza, bianco-semplicit, bianco come il velo della sposa. Scuole di pensiero che ruotano intorno a questo non-colore che il nostro tempo ha trasformato in colore a tutto tondo. Scegliere il silenzio cromatico per larredo della casa in un certo senso una chiusura al rumore della vita ma anche un modo per garantirsi una supremazia: perch si tratta di una scelta per sottrazione, una falsa sicurezza che si impone esprimendosi al negativo, scansando diplomaticamente la scelta. Se invece il tutto bianco diventa il vestito irrinunciabile, quasi unetichetta, un biglietto da visita immutabile senza esclusioni di opportunit, pu essere letto come una forma esasperata di ego, un protagonismo che non accetta di mettersi in discussione, una dichiarazione di guerra che ne fa labito meno adatto per affrontare esami, partecipare a concorsi, chiedere un aiuto, essere in condizioni di inferiorit. * autrice di Colori. Simboli, storia, corrispondenze, Marsilio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Teresa Veneziani


RIPRODUZIONE RISERVATA

44

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

45

Guida al benessere
La tossina che divide
Antirughe Leterno dubbio sul botulino. Ma se volete usarlo, fatelo nel modo pi corretto

Attenti al botox La tentazione e le regole

Che cos e come agisce


La tossina botulinica la pi potente delle neurotossine. Viene prodotta dal batterio Clostridium botulinum, microrganismo isolato nel 1897. Da oltre ventanni impiegata in medicina per la cura di vari disturbi, e, dal 2004, in Italia ne stato autorizzato lutilizzo in medicina estetica. Agisce sulla ruga spianandola perch blocca la comunicazione tra nervo e muscolo inducendo un blocco temporaneo della muscolatura. La tossina botulinica un farmaco e deve essere iniettata da un medico, meglio sarebbe chirurgo plastico, dermatologo o medico estetico. Oggi se ne fa un uso e un abuso smodato tanto che si trova anche su internet con kit fai da te e spesso utilizzata da mani inesperte o non autorizzate. Sul mercato spiega Maria Gabriella Di Russo, medico estetico a Milano ci sono due tipi di tossina botulinica A (quella per uso medico-estetico) autorizzati dallAifa, lAgenzia del farmaco, che offrono le massime garanzie di sicurezza. Una terza in arrivo. Bisogna fare attenzione ai prodotti che provengono da Corea e Cina che mancano di valutazione clinico-scientifica. Considerati a rischio anche quelli di contrabbando provenienti dai Paesi dellEst, Grecia ed Estremo Oriente.

Tutti i rischi che (ancora) non conosciamo


di FRANCA PORCIANI

In quali zone si pu fare


Dove si pu fare il botox? Lindicazione giusta tra le sopracciglia nella zona detta della glabella dove si forma la ruga del pensatore che incupisce il viso, infatti il botulino agisce solo sulle rughe orizzontali e verticali della fronte perch pu correggere soltanto i segni e i solchi causati dallazione dei muscoli mimici e non quelli che sono provocati dallinvecchiamento cutaneo, il cosiddetto foto-invecchiamento. assolutamente da evitare la zona contorno labbra perch, come si verificato, pu creare problemi anche seri spiega Fiorella Donati, chirurgo plastico a Milano . Anche se il botox non permanente ma si riassorbe, sempre bene che venga fatto da mani esperte e con un senso estetico sviluppato per dare armonia al viso e non ri-

schiare un effetto troppo spianato. Oggi esiste anche la tecnica baby-botox, che arriva dagli Stati Uniti e che consiste in infiltrazioni molto leggere fatte seguendo la mimica facciale per evitare sguardi fissi, sopracciglia appesantite e quelleffetto di viso statico e gonfio.

Botox o non botox? una domanda che si ripete e, nonostante lautorizzazione dellAgenzia del farmaco, i dubbi e le incertezze sul botulino non mancano. Una tossina resta sempre una tossina e, secondo noi, sarebbe meglio non usarla: ci sono altri modi per combattere le rughe e ridare alla pelle lelasticit perduta. Ma il botox piace e, nonostante i pentimenti di vip come Nicole Kidman, il numero di trattamenti in crescita continua, non solo nel nostro Paese. E allora se botox deve essere che almeno sia fatto seguendo i protocolli e le indicazioni previste dalle normative, per evitare rischi inutili (e quello spiacevole effetto finto).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Quanto durano i risultati


Per ottenere il risultato basta un trattamento spiega Maria Gabriella Di Russo . La seduta dura pochi minuti, non c bisogno di anestesia e subito dopo si pu tornare alla normale attivit. Qualche volta il viso pu risultare leggermente arrossato ma solo per qualche ora. La tossina agisce immediatamente e provoca un blocco della contrazione muscolare con conseguente distensione della cute. Ci sono precauzioni da prendere nelle ventiquattro ore successi-

a cura di GIANCARLA GHISI

ve al trattamento: non lavare i capelli, non sottoporsi a saune e bagno turco, a lampade solari ed evitare attivit sportiva stressante. I risultati dei trattamenti dipendono dal tipo di tossina A utilizzato: il primo tipo entrato in commercio (da 50 unit) agisce dopo 15 giorni e dura 4 mesi, laltro (da 125 unit speywood), in commercio da un anno, agisce dopo 5-8 giorni e dura fino a 5 mesi. Il trattamento si pu ripetere dalle due alle tre volte lanno.

controindicato per le donne in stato di gravidanza e allattamento e per chi soffre di malattie neuromuscolari.

Quanto costa e che effetti ha


In Italia il botox piace. A confermarlo i dati che verranno presentati i primi di maggio al prossimo

congresso di Roma della Sime (Societ italiana di medicina estetica). LItalia si colloca al sesto posto con 123 mila trattamenti allanno. Nel 2010 sono cresciuti del 30%. Leader gli Stati Uniti con oltre 2 milioni e 500 mila, seguiti da Gran Bretagna con 460 mila, Francia con 231 mila, Spagna con 136 mila e Germania con 134 mila. Se fatto bene aggiunge Fiorella Donati il botox un trattamento innovativo, si ha un buon risultato con poca spesa: costa infatti dai 300 ai 700 euro e toglie quattro-cinque anni di invecchiamento. Ritengo sia una "scoperta" positiva perch prima del trattamento al botulino chi voleva ringiovanire nella zona occhi-fronte doveva sottoporsi a un intervento chirurgico molto aggressivo con incisioni da orecchio a orecchio e con convalescenza, oggi invece una sola seduta permette di ottenere lo stesso risultato e a mio avviso senza nessun rischio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

periamo che fra ventanni, rivedendo quei visi impietriti, quei sorrisi dargilla, si inorridisca come si fa oggi al ricordo dei denti doro che tanto andavano di moda negli anni Cinquanta. Certo che siamo in piena botulinofilia: ci si attacca alla tossina spiana-rughe come se fosse ecstasy o whisky in nome di unidea tirannica, e assolutamente incontentabile, di perfezione. Ma il botulino pi belle non fa, anzi; conferisce una fissit paralitica, che secondo studi recenti, blocca addirittura lespressione delle emozioni. Se cosmetica non lo pi di tanto e duratura nemmeno (il beneficio si mantiene per quattro mesi al massimo), numerosi sono gli effetti collaterali spiacevoli (mal di testa per qualche giorno nel 3 per cento dei casi, abbassamento della palpebra, abbastanza frequente, che scompare in 3-4 settimane) e pochissimo indagati i potenziali rischi. Manca un registro che segua le donne botulino-dipendenti nel tempo e gli eventuali problemi sono, per ora, frutto di segnalazioni aneddotiche, non di studi controllati. E poi c linquietante scoperta di un biologo del Consiglio nazionale delle ricerche di Pisa, Matteo Caleo, che nellanimale da esperimento ha dimostrato come la tossina botulinica possa risalire dal punto di iniezione fino al cervello. Si tratta di ratti, per fortuna. Ma...
RIPRODUZIONE RISERVATA

Vanitas

di Eva Cantarella
felice, felicissima di tornare da lui. Tutto quel che desiderava, pare, era che alla sua morte sulla sua tomba si scrivesse Marzia, moglie di Catone (le fonti, per chi vi avesse interesse: Appiano, Plutarco e Lucano). Una storia per noi non poco sorprendente, ma assai meno tale per i romani. In un passo delle vite di Licurgo e Numa, Plutarco scrive: Se un marito romano aveva un numero sufficiente di figli da allevare, un altro, che non aveva figli, poteva convincerlo a lasciargli sua moglie, consegnandogliela a tutti gli effetti, o solo per una stagione (Lyc-Numa, 3, 1). Certo, oggi il desiderio di procreare si realizza in altri modi. Ma allora non esistevano le tecniche di cui oggi disponiamo. In mancanza i romani si arrangiavano come potevano. Ma lidea era la stessa: una donna incinta poteva prestare il proprio ventre per dare un figlio a un uomo che non era il suo padre biologico. Particolare interessante: la donna incinta, a Roma, era significativamente chiamata ventre (venter).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Uomini
di Maria Teresa Veneziani

La strana storia di Marzia Moglie e madre in prestito


ensavate che gli uteri in affitto fossero una novit? Sbagliavate. Nel primo secolo a.C. a Roma, Catone il Giovane (nipote del celebre Censore) aveva una moglie, di nome Marzia. Pare la amasse molto e fosse da lei ricambiato. Ma quando il suo amico Ortensio, che desiderava avere figli, gli chiese a questo scopo Marzia, in quel momento incinta (ovviamente di Catone), sullamore coniugale prevalse lamicizia e il buon Catone, dopo avere consultato il suocero (il parere della moglie non rilevava), accolse la richiesta. Marzia and vivere con Ortensio, gli diede la prole desiderata, e quando Ortensio (che era molto pi anziano di lei) mor, torn da Catone. Come se niente fosse. O meglio:

Nek (Filippo Neviani) Dieta prima dei concerti e unora e mezza di sport
ek, 39 anni, 175 cm per 70 kg, pap da 7 mesi. Come va con la vanit? Sono migliorato molto. Se prima ero narciso 10, ora sono fermo a 7 e mezzo. la nuova vita da padre? S, cambiato tutto. Mi specchio molto meno ma tengo pi controllata la lunghezza della barba perch Beatrice si appoggia con il viso e si punge. La sua pelle sembra molto migliorata, ha fatto il laser? No, ho imparato a curare lalimentazione e mi sono accorto che migliora tutto: la pelle era grassa e si normalizzata. Seguo una dieta

Insieme Affresco da una villa di Pompei

Sul palco Nek (Filippo Neviani), 39 anni, ha festeggiato 20 anni di carriera con E da qui

metabolica sotto controllo medico. Com la dieta metabolica? Si mangia pi volte al giorno, frutta, yogurt, carboidrati e verdura nella prima parte della giornata, proteine nella seconda. Ho quasi eliminato grassi, zuccheri e succhi. Prima del concerto un toast, dopo pesce. Quante ore dedica al fisico? Unora e mezzo al giorno in palestra mi d una gran resistenza sul palco. Faccio tapis roulant e pesi. Creme? Non me ne frega niente. Tinge i capelli? Li ho tinti in passato di blu, ora si tingono naturalmente di bianco. Come gira in casa? Tuta e scarpe da ginnastica. La preoccupa la vecchiaia? Assolutamente no. Se invecchiare cos, lo auguro a tutti
RIPRODUZIONE RISERVATA

46

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Le tecnologie raccontate
Per gioco Le Easter Egg create (e celate) dai programmatori

Schermi a scomparsa e simulatori di volo Le uova nascoste nei pc


Si attivano senza saperlo. Ora anche negli smartphone
Codici da scoprire

possessori di smartphone con sistema operativo Android si sono accorti di recente di un fatto curioso: navigando su Internet col telefonino e digitando la parola tilt nel campo di ricerca di Google, lo schermo si inclinava leggermente, proprio come se il dispositivo si fosse guastato. Uno scherzetto che solo lultimo esempio di Easter egg (uova di Pasqua) allinterno di un software. Il termine, che richiama la tradizione anglosassone di nascondere in giardino durante il periodo pasquale delle uova decorate da far trovare ai bambini, se riferito a contenuti multimediali come videogiochi, programmi per computer e dvd sta ad indicare delle piccole sorprese nascoste dai programmatori allinterno delle loro creazioni, senza che ci risulti in alcun manuale duso. Si tratta di solito di immagini nascoste o funzioni aggiuntive di un software, attivabili digitando una speciale sequenza di tasti o eseguendo particolari azioni con il mouse. I pionieri Per lungo tempo si creduto che la prima Easter Egg fosse reperibile nel videogioco del 1979 Adventure destinato alla console Atari: cliccando su un piccolo puntino grigio che si distingueva appena dallo sfondo del gioco, si accedeva a una stanza segreta in cui era visualizzabile il nome dellautore del programma, Warren Robinett. Pare per che alcuni ovetti fossero presenti gi in alcune cartucce per la console Fairchild Channel F in commercio un paio danni prima. Sia come sia, le motivazioni che spinsero Robinett

e i suoi colleghi a inserire delle Easter Egg nelle loro creazioni furono simili: vedere riconosciuto il loro contributo come autori dei programmi, ottenendo quel credito che finora era stato loro negato dalle software house, e al contempo divertirsi un po alle spalle degli utenti e delle aziende.

I divieti Altri celebri esempi di ovetti pasquali caratterizzarono alcuni prodotti Microsoft fra la fine degli anni Novanta e linizio del nuovo millennio. In Word 97, per esempio, celato un flipper, in Excel 97 un simulatore di volo e in Excel 2000 un gioco su strada in cui bisogna spa-

Alle origini Nel videogioco del 1979 Adventure cliccando su un piccolo puntino grigio si veniva trasportati in una stanza misteriosa

Dvd a sorpresa

Un tasto segreto e il saggio Yoda balla lhip hop

vreste mai pensato di vedere Yoda, il saggio omino verde di Guerre Stellari (foto), ballare lhip hop? Probabilmente no, eppure si tratta di una scena presente sul dvd di Star Wars Episodio III La vendetta del Sith. Solo che per poterla guardare bisogna digitare una complessa sequenza di comandi. Labitudine di inserire Easter Egg non solo in software e videogiochi ma anche nei dvd dei film si diffusa moltissimo negli ultimi anni. Il modo migliore di scoprirle fare tentativi col telecomando, provando a selezionare oggetti apparentemente inutili presenti nelle schermate del men e nei contenuti extra. Oltre che in quasi tutti i titoli della serie di Star Wars, Easter

Egg sono nascoste in vari episodi del Signore degli Anelli, in Spider Man 2 e in altre pellicole di richiamo. Nelledizione speciale di Pirati dei Caraibi, ai confini del mondo, per esempio, selezionando un piatto con dieci oggetti che compare alla fine del contenuto speciale Il consiglio della fratellanza, si accede a brevi filmati sui protagonisti del film. In Matrix celato un filmato di 12 minuti e nelledizione speciale di Troy delle animazioni compaiono cliccando il cavallo nel men principale. Una rassegna piuttosto completa delle Easter Egg dei dvd distribuiti in Italia visualizzabile sul sito Dvdessential.it. (f.g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

rare ad altri veicoli. La casa di Redmond a partire dal 2002 ha proibito per linserimento di altre Easter Egg nei suoi programmi come parte della sua politica di trasparenza verso la clientela, e per evitare conseguenze indesiderate. Linserimento di codici nascosti nei software per soddisfare lego del programmatore si infatti talvolta rivelato un boomerang per le aziende e gli autori stessi. Nel 1996, il programmatore gay Jaques Servin fu licenziato dalla casa di produzione Maxis per aver inserito nel videogioco Sim City dei personaggi di sesso maschile, in costume da bagno, che si baciavano fra loro ad ogni incontro. Nel 2004 fece scandalo la scoperta allinterno del titolo Grand Theft Auto: San Andreas di un minigioco chiamato Hot Coffee Mod, contenente scene di sesso piuttosto esplicite. A seguito di ci, il gioco principale fu classificato come adatto ai soli adulti, con conseguente calo di vendite e messa al bando da alcuni negozi. Sicurezza e orsacchiotti Un altro risvolto negativo delle Easter Egg il fatto che, trattandosi di funzionalit nascoste, possono essere facilmente confuse con virus e altri programmi nocivi e, se

non ben programmate, possono servire ai malintenzionati come porta di accesso secondaria al computer dellutente. Malgrado questi incidenti e questi pericoli, molte aziende continuano a incoraggiare linserimento di Easter Egg nei loro software: il caso di Google che nei suoi prodotti ne ha disseminate parecchie; dagli orsacchiotti che appaiono digitando simultaneamente Ctrl, Shift e Y nel visualizzatore di immagini Picasa, al simulatore di volo incluso in Google Earth. Anche campioni dellopen source come Mozilla e Open office ne fanno uso. Il produttore del celebre programma di navigazione Firefox ha inserito nel browser un messaggio di benvenuto da parte di fantomatici robot (visibile digi-

La controindicazione Se non ben programmate, le uova possono servire ai malintenzionati come porta di accesso al computer dellutente
tando "about:robots" nella barra degli indirizzi) mentre nella suite di programmi da ufficio che fa concorrenza a Microsoft Office, nel programma Calc, digitando in una qualsiasi cella di un foglio di calcolo la formula =GAME("StarWars") appare un gioco molto simile a uno dei primi e pi celebri videogame: Space Invaders. UnEaster Egg per nostalgici, con cui il programmatore ha aggiunto un tocco di amarcord al freddo foglio in stile Excel.

Federico Guerrini
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tecno(il)logica
di Giulia Ziino

Io & tech
di Edoardo Segantini

Vecchie tv e passerotti in pausa caff Il lato B di YouTube e Twitter


ietro Flickr c quello che vediamo (vedevamo?) di solito dietro una qualunque foto tolta dallalbum: i marchi giallini con il nome della pellicola, magari la data dello sviluppo e stampa. Dietro Twitter, un gruppo nutrito di passerotti blu impegnati a portare (nel Creativi becco) da una parte allaltra della homepage i Il gioco di due di tweet pubblicitari americani milioni generati dai nostri svela il retrobottega smartphone e computer. delle pagine Web Non tutti sono in volo: qualcuno, tra una consegna e laltra, si preso una pausa per bersi un caff, o due dita di whisky, o per controllare il suo telefono personale. Dietro YouTube, naturalmente, c il lato b di una vecchia tv, con le prese per le antenne e i fili elettrici che si intravedono in

Tutto in una nuvola (ma blindata) Ecco le societ che ci difendono dai pirati
ossessione del momento la sicurezza dei dati personali: e lidea che stiano in una nuvola in computer dislocati chiss dove non contribuisce ad aumentare la tranquillit. Naturale perci che nascano aziende specializzate nelloffrire inviolabilit di telefoni e In crescita computer. un mercato in cui sono presenti nuove Le aziende italiane realt italiane innovative. Un specializzate esempio CryptMyCall, nelloffrire linviolabilit unapplicazione per gli di telefoni e computer smartphone e le tavolette Android, che permette di fare chiamate Skype non intercettabili: abbina il vantaggio del basso costo a quello della sicurezza. Le chiamate criptate costano come il traffico dati. Per le normali telefonate senza blindatura si spende molto di meno. Lapplicazione offerta da una piccola startup con sede a Roma,

trasparenza. Dietro Google semplicemente si leggono le stesse cose che vediamo da davanti, ma al contrario: cos Google diventa elgooG. Che cos? Back of a web page (http://backofawebpage.com/), il gioco che due pubblicitari californiani Josephine Yatar e Jeff Lam, di San Francisco si sono divertiti a fare immaginando come potrebbero essere i retrobottega dei siti internet pi frequentati. Il risultato una serie di schermate di pagine web al rovescio. Un gioco, fatto per quelli che avrebbero sempre voluto sapere cosa c dallaltro lato. Ne uscita fuori una piccola galleria in espansione: le retro-pagine sono poche per ora, ma aumentano col passare dei giorni. Lesperimento fa sorridere e un po pensare. Allidea che, anche dietro il Web, ci sia sempre comunque qualcosa di artigianale. Di nostro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TrustMyPhone, il cui programma gi inscritto nel nome: fidati del mio telefono. Un altro esempio arriva dalla Sardegna ed il prodotto di unazienda nata nellorbita di Video On Line di Nichi Grauso, con un ufficio a Cagliari, uno a Roma e uno a Cupertino, California, non lontano dalla Apple di Steve Jobs. Key Secure Pc promette linviolabilit dei dati personali contenuti in un computer. I file vengono trasferiti in un ambiente totalmente criptato, inaccessibile ai pirati informatici. In entrambi i casi si tratta di prodotti ad alto potenziale di mercato. Perch il potenziale si realizzi, per, entrambe le imprese dovranno lavorare molto: in primo luogo mettendo bene a fuoco il pubblico a cui i dispositivi vanno indirizzati. Ad esempio liberi professionisti, operatori finanziari e manager. Un pubblico esigente, difficile e in questo campo fortemente esterofilo. esegantini@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

47

Le tecnologie provate
re sul serio e utilizzare questi strumenti per mantenersi in forma sviluppando massa muscolare, resistenza e flessibilit. Laspetto che pi caratterizza Sports Active 2 assieme alla precisione nella rivelazione dei movimenti il controllo dellattivit cardiovascolare che avviene grazie a una fascia elastica con cardiofrequenzimetro. I battiti compaiono sul display in tempo reale e sono utilizzati per unanalisi approfondita dello stato di forma e degli esercizi. Il piano di allenamenti studiato per sviluppare in modo armonico tutti i muscoli del giocatore. Iniziato il gioco possibile scegliere il personal trainer e il periodo di allenamento in cui fissare la data delle sedute. Non mancano i lati negativi, il prezzo di 99 euro superiore a quello dei concorrenti e la colonna sonora noiosa e poco motivante. Come a Hollywood Il capostipite Wii Fit Plus presente sul mercato da pi di un anno, ma ancora uno dei dieci videogiochi pi venduti in Italia (dati GFK) ed perfetto per chi alle prime armi con il virtual fitness. Proprio a Wii dedicato il titolo che ha come protagonista Valrie Orsoni, lallenatrice delle

La Powerball
Grande come una palla da tennis, simula il lavoro di un bilanciere con una resistenza di 20 Kg. Info su www.powerballs.com, e 42,95

ILLUSTRAZIONE DI UMBERTO GRATI

Il web-trainer

In forma Gli accessori per il cyber training, in Rete e senza controller

Arti marziali e yoga Il fitness virtuale


A casa come in palestra

Un software che programma le attivit, suggerire la dieta e analizza i percorsi svolti durante la corsa tramite Gps. www.trainingpeaks.com

Sulla tecno-cyclette Per avanzare di livello e scoprire nuove strade si devono raccogliere i rifiuti incontrati lungo il percorso
ce uomo immagine e consulente di EA Sports Active 2, il titolo pi evoluto e complesso disponibile al momento. multipiattaforma, ma la sua applicazione migliore quella per Kinect; lideale per chi ha deciso di fastar americane. Valrie vi seguir passo per passo non lesinando i suoi preziosi consigli con My Body Coach Wii (59 euro), a nostro parere il pi adatto a un pubblico femminile. Comprende due manubri da 500 grammi nei quali inserire il Wiimotes utili per simulare al meglio lesercizio fatta in palestra. Your Shape con la versione per Wii era stato in grado di innovare il cyber training grazie allintroduzione di una videocamera da collegare alla console per tracciare i movimenti del giocatore e valutarne le prestazioni. Non poteva mancare una nuova versione per Kinect Your Shape: Fitness Evolved interessante perch comprende un corso di yoga o di arti marziali e mini-giochi pensati per tutta la famiglia. Chi invece alla ginnastica preferisce una sana pedalata pu orientarsi su Cyberbike per Wii (149 euro), un videogame che include una cyclette da collegare alla console del tutto simile a quelle tradizionali. Il gioco si basa su una filosofia ecologista e per avanzare di livello e scoprire nuove strade dovrete raccogliere i rifiuti incontrati lungo il percorso.

a bella stagione riaccende la voglia di sport e se volete smaltire i chili di troppo accumulati durante linverno arriva in aiuto lultima generazione di titoli per il virtual fitness. I nuovi giochi sono in grado di misurare la frequenza cardiaca del giocatore, gestire gli allenamenti tramite una community sul Web e non prevedono lutilizzo di controller e joystick. I migliori vi fanno faticare con un trainer selezionato tra i nomi altisonanti dello sport o del fitness. Non si tratta pi di un modo alternativo di allenarsi, ma di un trend consolidato che vanta un mercato da decine di milioni di pezzi. Lo dicono i dati: le vendite di PlayStation Move, per esempio, hanno raggiunto in due mesi di disponibilit un risultato di 4,1 milioni di unit vendute in tutto il mondo. Microsoft a inizio dicembre ha annunciato che, a un mese dal lancio, Kinect arriva-

ta a quota 2,5 milioni di unit. Un successo mondiale in grado di sorprendere persino i produttori che hanno faticato a stare al passo con le richieste. Videogiochi che considerati i prezzi medi delle palestre cittadine possono anche rivelarsi una scelta in grado di far risparmiare parecchi euro. Sognando Beckham Un personal trainer virtuale e un gioco possono contribuire a un allenamento assolutamente reale, lo sa bene Black Bean Games che ha scomodato una ormai non pi giovanissima, ma quanto mai energica ex Spice Girl come testimonial per realizzare Get Fit with Mel B. Il titolo disponibile anche per iPhone a 2,39 euro creato assieme agli esperti della catena di palestre Fitness First, mette a disposizione dei giocatori oltre 200 esercizi, sei tipi differenti di discipline aerobiche e un programma nutrizionale. Durante il gioco la vostra immagine appare sullo schermo di fianco a quella di Mel B in una delle location disponibili. Attenti per, limportante concentrarsi sui movimenti e realizzarli al meglio e non fissare la propria figura, come si tentati di fare. Chi segue la religione del Web a

tutti i costi avr grosse soddisfazioni grazie al sito dedicato www.getfitwithmelb.com utile per archiviare i dati personali e monitorare risultati e progressi ottenuti. Il calciatore David Beckham inve-

Calorie da polso
Il cardiofrequenzimetro da polso Polar FT40 vi informa sulla quantit di grassi bruciati in base al ritmo cardiaco. e 129,90

Il preparatore atletico

Utili, ma non fatevi trasportare


itness virtuale, ma quali sono i suoi effetti sul fisico reale? Strumenti come Wii Fit dice Andrea Molina, preparatore fisico sono utili per chi vuole iniziare lattivit di fitness o per chi pratica gi uno sport per integrare, in modo divertente, la preparazione. Per esempio? I giochi di equilibrio sono perfetti per cestisti e per sciatori. Lo yoga adatto al runner che vuole migliorare lelasticit muscolare. Nella riabilitazione il cyber training pu essere daiuto nella fase finale, dove si lavora per ripristinare la coordinazione dei movimenti. Per lo sportivo questi strumenti sono

importanti per la simulazione del gesto "a secco". Attenzione per: bene farsi consigliare un tipo specifico desercizio dal terapista o dal preparatore e non muoversi autonomamente. Nella fase iniziale di recupero questi titoli vanno evitati perch c il rischio di farsi trasportare dal gioco e fare un movimento per cui il fisico non pronto. Rodolfo Tavana, ex coordinatore staff medico del Milan, sottolinea limportanza per la riabilitazione dei pi piccoli: I bambini riescono a superare la noia delle sedute di fisioterapia senza che ne sia alterata lefficacia. (l. g.)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Esercizi per iPhone


Tra le app sportive, Fitness Builder si distingue per completezza e possibilit di personalizzare gli esercizi. www.pumpone.com, e 7,99

Lino Garbellini
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Top ten dei videogiochi

La recensione
di Paolo Ottolina

Dati criptati e spazio illimitato La chiavetta Usb si sdoppia e i documenti viaggiano in rete

rendi una chiavetta Usb, dividila in due e trasformala in un oggetto capace di collegare due pc, dovunque essi siano, attraverso Internet. iTwin (www.itwin.it) un accessorio che risponde a unesigenza sempre pi diffusa (trasportare i dati da un computer allaltro) e lo fa con la filosofia del PlugnPlay. Lo colleghi e funziona. Quando si parla di dati che devono viaggiare sulle reti pi facile a dirsi che a farsi. Ci sono soluzioni pi articolate ma che richiedono competenze (spesso anche notevoli) nellimpostazione dellhardware e del software. iTwin mantiene quanto

promette. Si collega, si installa un software (tenetene conto se dovete attaccarlo al pc dellufficio, vi servir accedere come amministratore del sistema) e si parte a usarlo. iTwin crea una cartella (virtuale) nellEsplora risorse di Windows. Si

trascinano dentro file, cartelle o interi hard disk, senza limiti di spazio. Si stacca la met della chiavetta e la si collega a un altro pc: a quel punto dal computer remoto si potr accedere ai documenti condivisi in precedenza, a patto che il computer madre sia acceso. Un occhio di riguardo alla sicurezza: i dati si possono proteggere con una password e sono criptati (crittografia a 256 bit Aes di livello militare). In caso di furto o smarrimento con un clic si disattiva la met delliTwin perduta. Per consigliamo loggetto (che non costa poco) solo ai neofiti informatici che hanno bisogno di spostare, spesso e in sicurezza, grosse quantit di dati. Altrimenti meglio una normale chiavetta Usb o servizi online come Dropbox. iTwin 139 e RRRRR
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

49

Controcopertina Famiglie
Come stiamo cambiando
La pubert precoce in crescita. I sogni dei figli sincrociano con le ambizioni dei genitori: lallarme dei pediatri

Ladolescenza delle bambine comincia alle scuole elementari


tipico delle nostre societ, fino allipotesi pi probabile. Cio linsieme di tutti questi fattori, genetici, ambientali e culturali. Per il sociologo francese Michel Fize, autore di Les Nouvelles Adolescentes (Armand Colin), ladolescenza culturale e psicologica prima di essere biologica, e comincia ormai ben prima della scuola media. Le bambine sviluppano atteggiamenti delladolescenza prima di svilupparne le caratteristiche fisiche. Ladolescenza non coincide pi con la pubert. Il desiderio di uscire dallinfanzia molto pi forte oggi, e questo deriva da un ambiente sociale che induce la frenesia di una crescita rapida e di un accesso immediato alla fascia di et superiore, bruciando le tappe. I pediatri ricordano anche la cause biologiche, genetiche e fisiologiche di questo sviluppo anticipato: lobesit, per esempio, pu accelerare la pubert. Negli Stati Uniti, una bambina bianca su 10 mostra segni di sviluppo sessuale gi a sette anni, cio il doppio di dieci anni fa. Tra le bambine afro-americane, per motivi genetici, la frequenza aumenta a una su quattro. In Francia, secondo lo studio dellendocrinologo Charles Sultan, let media dello sviluppo del seno si colloca ormai a nove anni e tre mesi. E sono i fattori culturali, quelli che dipendono direttamente dal mondo degli adulti, a inquietare di pi. Il fotografo francese Alain Delorme ha voluto denunciare lo stravolgimento dellinfanzia nella serie Little Dolls. Riprendo sempre una bambina, un dolce, uno sfondo colorato, i genitori. Poi comincia la trasformazione, con un software per il fotoritocco spiega Delorme . Trucco il viso, rimodello il naso, alleggerisco i tratti e modifico carnagione, colore degli occhi, pettinatura. Questa chirurgia estetica del pixel fa sparire il reale a favore di unimmagine interamente artificiale. Che per esprime perfettamente una tendenza che si afferma negli Stati Uniti e sempre di pi anche in Europa. I concorsi di bellezza per bambine, a lungo criticati e portati spesso ad esempio della barbarie culturale americana, erano in realt lavanguardia di un processo ormai attuale anche in Francia e in Italia. I sogni delle bambine si incrociano con le ambizioni dei genitori producendo donne bambine di otto anni, ben pi precoci del mito letterario della Lolita nabokoviana, la dodicenne Dolores Haze. E la societ ipersessualizzata, che associa in modo pi o meno subliminale qualsiasi oggetto da una bibita ai pneumatici alla colla al corpo femminile, non manca di fare sentire i suoi effetti su bambine che colgono inconsciamente segnali continui: un effetto Barbie moltiplicato per mille. Dopo il servizio su Vogue francese con bambine su tacchi a spillo, che cost il posto alla direttrice Carine Roitfeld, duecento pediatri francesi hanno firmato una petizione per denunciare lerotizzazione dei bambini nella pubblicit e nelle immagini di moda. Ma dipende anche dalle mamme ricorda al Nouvel Observateur lo psichiatra Didier Lauru : esibiscono ed erotizzano le figlie per valorizzare se stesse. Non sono solo le bambine, purtroppo, a giocare alle Barbie.

voi genitori fieri della piccola Lucille che a tre anni sa gi leggere e scrivere le prime parole, pap ossessionati dal mito di Mozart che a cinque compose il primo concerto, mamme attente ad accompagnare la bambina al corso di danza, inglese, nuoto, violino prima ancora delle elementari, tecnofili orgogliosi dei figli nativi digitali che a quattro anni gi sfiorano i touchscreen, non abbiate troppa fretta: la precocit potrebbe esigere presto il suo prezzo. I bambini sono sempre pi sollecitati, stimolati, incoraggiati a bruciare le tappe per accumulare esperienze che faranno di loro questa la speranza adulti realizzati, colti, competenti ed esperti. Solo che poi, a sette-otto anni, le bambine cominciano a preoccuparsi della peluria sulle gambe e a chiedere la depilazione, a esibire jeans attillati a vita bassa, e talvolta a mostrare i segni anche fisici di una pubert precoce. Lorgoglio di mamma e pap per una bambina avanti per la sua et, alla prima maglietta striminzita, si trasforma in sconcerto. Ladolescenza anticipata un fenomeno in crescita e le cause sono ancora poco chiare: si evocano inquinamento da Pcb ed estrogeni nella carne, una dieta troppo ricca di grassi, lansia da prestazione e liper-stimolazione indotta da genitori troppo attenti alla performance dei figli, il bombardamento di immagini e messaggi erotizzati

Domande e regole

Come fare per aiutarle a rallentare

Stefano Montefiori
RIPRODUZIONE RISERVATA

Evencia
Limmagine di una bimba ritoccata al computer dal fotografo francese Alain Delorme ha voluto denunciare lo stravolgimento dellinfanzia nella serie Little Dolls

Supplemento singolo
di Antonella Baccaro

La legge dellArca di No, Condoleeza e il sospetto per chi non vive in coppia

ora parliamo un po di donne single e di nuovo femminismo. Perch se nelle societ occidentali i single sono ancora discriminati, al punto che negli Usa hanno coniato il termine singlismo per definire una nuova forma di razzismo di cui sono oggetto, essere single e donna vuol dire esserlo doppiamente. Esagero? A voler essere onesti, lo sanno tutti che a una donna sola non si perdona il suo stato. Come minimo si passa per gente strana, fa-

cilmente si viene descritte come delle egoiste o addirittura delle fallite. Gi, perch la societ degli uomini ci ha assegnato un compito: desiderare il principe azzurro. Se non questo che vogliamo, allora dobbiamo bruciare su una pubblica piazza, come le streghe nel 600. Questo trattamento spetta a tutte, donne di successo incluse. Prendiamo Condoleeza Rice, potente segretario di Stato del governo Bush, persino a una donna realizzata come lei, in una intervista alla tv Cnn, stato

Ex segretario Condoleeza Rice, ex segretario di Stato

chiesto ripetutamente perch mai non fosse in coppia. Lintervistatore sembrava avere un obiettivo preciso: far ammettere a Condoleeza come lei stessa trovasse strano stare da sola. Gi, perch quello che fa pi paura e desta sconcerto di una donna single che professi la propria come una scelta consapevole. Un gesto rivoluzionario che fa saltare le regole sociali, in particolare quella che io chiamo la legge dellArca di No: in societ da sole non si entra. Ora per tocca a noi. Nel 2004 una studiosa americana, Rachel Moran, ha teorizzato che se la prima ondata del femminismo ha puntato tutto sullottenimento dei diritti politici, a partire dal voto, e la seconda ha cercato di recuperare alle donne lindipendenza economica, adesso il momento di conquistare quella emoti-

va. Perch fino a quando i legami tra coppie e tra genitori e figli saranno considerati le uniche relazioni veramente rispettabili e da tutelare, le donne single verranno giudicate incomplete e i loro diritti saranno invisibili. In Italia, il 13 febbraio scorso, siamo scese in piazza in tantissime, per la prima volta, rivendicando una societ in cui alle donne sia consentito di emergere per i propri meriti. Forse avremmo potuto aggiungere la postilla indipendentemente dal proprio stato emotivo. Se non ora, quando?
RIPRODUZIONE RISERVATA

n mutamento epocale vuole che linfanzia sia sempre pi breve mentre ladolescenza tende a non finire mai. Gi a nove anni molte bambine rivelano i prodromi della pubert, fisica e psichica, una anticipazione che si registra in molti paesi europei, anche nordici. La prematurit psichica preoccupante in quanto inaridisce i processi immaginativi, riduce il tempo del gioco, depotenzia i sogni ad occhi aperti, separa i due sessi e favorisce unacritica adesione alla identit stereotipa proposta dai mass-media. A lungo termine ne consegue un depauperamento del potenziale creativo proprio dellinfanzia. Chi esce troppo presto dagli anni magici rischia unidentit emotivamente arida, un pensiero conformista, una eccessiva ricerca del consenso sociale. Certo la fretta di crescere si afferma in un contesto di generale accelerazione della vita quotidiana. Sin da piccoli i bambini vengono incentivati allautonomia e soprattutto le bambine ricevono particolari apprezzamenti per la loro adultit. Ma, visti gli esiti, forse il caso di rallentare la corsa. Ecco una serie di consigli che mi sento di dare ai genitori: 1) meglio adottare abitini sobri senza cedere alle lusinghe del lolitismo; 2) non regalare cosmetici e gioielli; 3) sdrammatizzare leventuale sovrappeso e non colpevolizzare il cibo; 4) evitare libri e spettacoli eroticamente stimolanti; 5) rinviare lacquisto del cellulare e controllarne labuso; 6) proibire i viaggi in chat dove sono sempre possibili incontri pericolosi; 7) non mostrarsi lusingati per i primi corteggiamenti o alludere divertiti al fidanzatino; 8) favorire le amicizie di gruppo rinviando a pi tardi lesclusivit dellamica del cuore; 9) non incentivare le esibizioni (cast di baby modelle, spettacoli, book fotografici); 10) preferire sport di squadra non competitivi; 11) accordarsi con le mamme delle compagne di classe per adottare atteggiamenti coerenti. E, infine, convincersi che la pubert unet di passaggio, intermedia tra un non pi e un non ancora, che va rispettata e protetta.
RIPRODUZIONE RISERVATA

di SILVIA VEGETTI FINZI

SU CORRIERE.IT Commenta nel forum Supplemento singolo

TEMPI LIBERI

50

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

SARDEGNA REGIONALE MARITTIMA S.p.A. SAREMAR

Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali


Gestione attivit ex Agensud IL COMMISSARIO AD ACTA MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI Avviso del Decreto Commissariale n. 72 del 14 aprile 2011 di pubblicazione ed attuazione del Decreto Commissariale n. 222 del 7 dicembre 2010, relativo alla determinazione dei criteri e delle modalit per la concessione di contributi in favore di piccole e medie imprese attive nel settore della produzione di prodotti agricoli di qualit, Legge 11 novembre 2005, n. 231, e Legge 3 agosto 2009, n. 102. Esenzione N. SA.32570 (2011/XA). Il Commissario ad acta per le attivit ex Agensud, ha emanato Decreto per lassegnazione di contributi, pari a 10.000.000,00 di Euro, per interventi di assistenza tecnica e promozionali, a sostegno della produzione di prodotti agricoli di qualit, da assegnarsi per il tramite di Organismi associativi di produttori. Limporto massimo dellaiuto per ciascun assegnatario fissato in Euro 400.000,00. Il bando rivolto a: Consorzi di produttori, di prodotti D.O.P., I.G.P., D.O.C., D.O.C.G., I.G.T., come precisati nel Decreto; - Organismi associativi di produttori, di prodotti D.O.P., I.G.P., D.O.C., D.O.C.G., I.G.T., come precisati nel Decreto; - Aggregazioni tra i suddetti Consorzi e/o Organismi associativi. Le domande di finanziamento dovranno essere indirizzate al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Commissario ad acta per la gestione delle attivit ex Agensud - Via XX Settembre n. 98/G - 00187 ROMA, con plico raccomandato A.R., entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del presente avviso, sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, secondo quanto previsto dallart. 4 del sopra citato Decreto. La versione completa del bando, disponibile sul sito internet della Gestione Commissariale: www.agensud.it, ovvero sul sito del Ministero: www.politicheagricole.it. Entro 20 giorni dalla pubblicazione, verranno altres rese disponibili, nei suddetti siti, ulteriori informazioni e documentazione utili agli interessati. IL COMMISSARIO AD ACTA (Ing. Roberto Iodice)

INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONE DINTERESSE La SARDEGNA REGIONALE MARITTIMA S.p.A. SAREMAR invita gli ship-brokers a manifestare il proprio interesse a partecipare alla ricerca sul mercato per il noleggio a scafo-armato di due traghetti RO/RO con capacit di trasporto di almeno n.1500 passeggeri e n.500 auto e di un traghetto RO/RO solo merci con capacit di trasporto garage di almeno mt./lin 2.000-3.000, destinati ai collegamenti Sardegna-Penisola. La manifestazione dinteresse da parte dei brokers, in possesso dei requisiti richiesti per liscrizione allAlbo Fornitori della SAREMAR ove compatibili, dovranno pervenire in busta chiusa con la dicitura manifestazione dinteresse alla sede della SAREMAR in Via G. Mameli, 40 09124 CAGLIARI entro e non oltre le ore 18:00 del 6 maggio 2011. Si evidenzia che la presentazione delle candidature non vincolante per la SAREMAR. Con il presente avviso non indetta alcuna procedura di affidamento, concorsuale, paraconcorsuale e, pertanto, non sono previste graduatorie, attribuzione di punteggi o altre classificazioni di merito. Contatti: Uccheddu Giorgio - Tel. 0706790220 - fax 070663294 - g.uccheddu@saremar.it; Spina Stefano - Tel. 0706790230 - fax 070663294 s.spina@saremar.it. Per informazioni dettagliate di carattere tecnico inviare una mail allindirizzo: saremar.spa@legalmail.it. Cagliari, li 21.04.2011 LAmministratore Delegato Com.te Salvatore Scarpati

AVVISO ESITO DI GARA Questa Amministrazione, con Deliberazione n. 553 del 27.12.2010, ha provveduto ad aggiudicare la sottoelencata fornitura, articolata in tre lotti, alle seguenti societ: LOTTO 1 - ABBOTT S.r.l. con sede in Roma alla Via Amsterdam, 125. n. 500.000,00 Strisce reattive per la determinazione del glucosio nel sangue, per limporto complessivo triennale di 113.400,00 (94.500,00 + 18.900,00 per IVA al 20%.). LOTTO 2 - BAYER S.p.A. con sede in Milano al Viale Certosa, 130. n. 500.000,00 Lancetta pungi dito per limporto complessivo triennale di 31.500,00 (26.250 + 5.250,00 per IVA al 20%.). LOTTO 3 BETA DIAGNOSTICI s.a.s. con sede in Messina al Viale Europa Is. 57, n. 22. n. 10.000,00 strisce reattive multiple per la determinazione di 10 parametri nelle urine, per limporto complessivo triennale di 1.602,00 (1.335 + 267,00 per IVA al 20%). Societ partecipanti: n. 9 - Societ ammesse: n. 9. Il bando integrale stato inviato alla G.U.R.I. in data 21.12.2009, ed disponibile anche sul sito dellA.O.U. allindirizzo www.policlinico.unina.it. IL DIRETTORE GENERALE - dott. Giovanni Canfora

Assemblea Ordinaria e Straordinaria


Impregilo S.p.A.
Sede legale Milano - Via dei Missaglia n. 97 - Capitale sociale euro 718.364.456,72 interamente versato Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 00830660155

Si informano i signori Azionisti che si ha motivo di ritenere che lassemblea della Societ si terr in Milano Piazza degli Affari n. 6, presso Borsa Italiana S.p.A. il giorno 28 aprile 2011 alle ore 10,00 in seconda convocazione per lassemblea ordinaria e, a seguire, in terza convocazione per lassemblea straordinaria. Milano, 23 aprile 2011

COMUNE DI TARANTO
Direzione Lavori Pubblici Via Plinio, n. 75 - 74100 TARANTO Tel. 099.4581923; fax 099.4581953 Bando di Gara per Estratto In esecuzione alla deliberazione di G.C. n. 204/2010 ed alla Determinazione Dirigenziale n. 775/2010/Direzione LL.PP. e Patrimonio, indetta una procedura aperta per laffidamento della PROGETTAZIONE ESECUTIVA ED ESECUZIONE DEI LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE PIANO TERRA, AMMEZZATI E PRIMO PIANO DELLA STRUTTURA COMUNALE EX MERCATO COPERTO, SITA TRA LA VIA G. DE CESARE, VIA ANFITEATRO, VIA ACCLAVIO E VIA P. AMEDEO, DI PROPRIETA COMUNALE, DA ADIBIRE AD UFFICI COMUNALI (C.I.G. 059639618C; CUP E58H10000060004). Importo complessivo dellappalto, al netto degli oneri fiscali, posto a base di gara: 1.841.483,96#, di cui: 1.741.483,96#, per lavori a corpo, comprensivi degli oneri per la progettazione esecutiva, soggetto a ribasso, ed 100.000,00# per gli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso. Le lavorazioni di cui si compone lintervento, a norma del D.P.R. n. 34/2000, rientrano: a) nella categoria prevalente OG2 per 1.337.481,65# - classifica IV, comprensivo delle spese di progettazione esecutiva pari ad 35.000,00# al netto di IVA e cnpaia come per legge; b) nella categoria scorporabile/non subappaltabile OG11 per 404.002,31# - classifica II. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente pi vantaggiosa. Termine per la presentazione delle offerte: ore 12,00, del 31 MAGGIO 2011. Riferimento G.U.R.I. n. 36/2011 e n. 46/2011 - 5 Serie Speciale. Il relativo Bando di Gara integrale in corso di pubblicazione allAlbo Pretorio On-Line di questo Comune a decorrere dal 18.04.2011 e sui siti internet della Regione Puglia e del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Lo stesso Bando di Gara integrale unitamente allAVVISO DI RETTIFICA E DIFFERIMENTO TERMINI ed agli atti ed elaborati tecnico-amministrativi costituenti il progetto definitivo posto a base di gara sono disponibili sul sito www.comune.taranto.it. Il Dirigente della Direzione LL.PP. Ing. Aniello MOCCIA

avviso al pubblico
Metanodotto potenziamento allacciamento Comune di Palestrina dn 150 (6) 75 bar ricadente in Comune di Palestrina Autorizzazione ai sensi degli articoli 52 Quater e Sexies del DPR 8 giugno 2001 n 327 come modicato dal D.Lgs. 27 dicembre 2004 n 330
La Snam Rete Gas S.p.A., Societ soggetta allattivit di direzione e coordinamento dellEni S.p.A., con sede legale in S. Donato Milanese Piazza Santa Barbara, 7 capitale sociale . 3.570.978.994,00 i.v., Codice Fiscale, PartitA IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano 13271390158, R.E.A. Milano n 1633443; Rende noto che a conclusione del procedimento di autorizzazione relativo al progetto del metanodotto Potenziamento Allacciamento Comune di Palestrina DN 150 (6) 75 bar da localizzarsi nel Comune di Paestrina (RM), il Dipartimento Tecnico del Comune di Palestrina ha adottato la Determinazione Dirigenziale n 218 del 30-03-2011, pubblicata su B.U.R. n 15 del 21-04-2011 e della quale possibile prendere visione presso il medesimo Dipartimento del Comune di Palestrina sito in Via del Tempio, 1 (orario di apertura al pubblico marted e gioved ore 9;00 - 11;00). Snam Rete Gas S.p.A. Distretto Centro Occidentale Via Caterina Troiani n. 75 00144 ROMA Il Responsabile Ing. Ercole Andrea Torri

COMUNE DI CARLENTINI PROVINCIA DI SIRACUSA


ESTRATTO AVVISO DI GARA Si rende noto che stato indetto Pubblico Incanto, per il giorno 25/05/2011 alle ore 09:30 per lappalto dei lavori di REALIZZAZIONE DELLE OPERE PER LA REGIMENTAZIONE E RIDUZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO A DIFESA DEL CENTRO ABITATO - 1 STRALCIO RAMI 20 2-8-7 Importo a base dasta 1.466.990,54 (compresi oneri per la sicurezza). Categorie richieste: OG8 classifica IV. Codice: CIG 10662297FF CUP D13B10000420001. Per ulteriori informazioni rivolgersi allU.T.C. - Sez. Amm.va, Via Cap. Morelli Tel. 095 7858253, nonch sul sito internet www.comune.carlentini.sr.it. Lestratto del bando di gara stato pubblicato sulla G.U.R.S. N. 16 del 22/04/11. Il Responsabile del servizio 5 Cap. Silvio Zappal

COMUNE DI PALERMO
Ufficio Contratti
Esito di Gara Si comunica che, la Procedura aperta relativa al Servizio di copertura assicurativa triennale, in tre lotti: Lotto 1) Responsabilit Civile Generale verso terzi e verso dipendenti (RCT e RCO) - Importo del premio triennale a b.a. 1.800.000,00# comprensivo di ogni onere e tassa; Lotto 2) incendio, eventi atmosferici e altri sinistri a immobili e mobili comunali - Importo del premio triennale a b.a. 310.000,00# comprensivo d ogni onere e tassa; Lotto 3) Responsabilit Civile Professionale e patrimoniale - Importo del premio triennale a b.a. 315.000,00# comprensivo di ogni onere e tassa, celebratasi il 26.02.2011, stata dichiarata deserta per mancanza di offerte valide. Ditte partecipanti n. 2, ammesse n. 0. Info sul sito www.comune.palermo.it ed Albo Pretorio. Invio alla G.U.C.E. 27.01.2011. IL DIRIGENTE RESPONSABILE (Dott.ssa Rosa VICARI)

Metanodotto: Potenziamento Allacciamento Comune di Palestrina Elenco delle aree interessate dal vincolo preordinato allesproprio Comune di Palestrina:
Foglio 24 Particelle nn. 175-189-208-209-211-212-213-214-217218-221-222-353-354-355-356-990-991-992-994-1007-10551056-1080-1216-1217-1293-1302; Foglio 29 Particelle nn. 8-45-46-48-51-52-67-163-293-351-352355-356-358-360-364-407-416-421-422-423-467-468-572-587591-595-596-609-627; Foglio 33 Particelle nn. 8-10-12-41-107-112-131; Foglio 34 Particelle nn. 21-98-105-107-111; Foglio 35 Particelle nn. 56-57-5862-65; Foglio 36 Particelle nn. 82-88; Foglio 37 Particelle nn. 169302-303-304; Foglio 38 Particelle nn. 1-2-;

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

51
#

Economia
La lente LE PRIME
DOMANDE (IN DIRETTA) PER BERNANKE
ellera di Facebook e dellinformazione virale la Federal Reserve scopre le conferenze stampa tradizionali: gli esperti di public relation della banca centrale americana, su impulso del governatore Ben Bernanke, stanno organizzando il primo incontro con la stampa nella storia dellistituzione monetaria. Fino ad oggi dopo le riunioni del Fomc i giornalisti e gli analisti del mondo intero dovevano accontentarsi di una press release stringata con i classici bullet point. Adesso Bernanke, ben rodato dagli anni passati a insegnare, sar pronto a rispondere alle domande dal vivo. Per capirne la portata storica sufficiente un aneddoto su uno dei rari incontri con i giornalisti da parte dellex numero uno della Fed, Alan Greenspan: un giorno un giornalista gli disse: Se ho ben capito i tassi saliranno. La risposta fu un esempio di retorica: Se ha capito cos disse Greenspan devo aver sbagliato da qualche parte. Spiegata la rivoluzione bisogna capirne i motivi. E qui le voci si sprecano: si va da chi maligna sulle troppe bocche della Fed di cui Bernanke sarebbe stufo alla maggiore complessit dei tempi. Dallo scorso Natale infatti lautorit monetaria a stelle e strisce ha iniziato la pi lunga operazione di immissione di liquidit nel circuito con lacquisto di un trilione di Treasury bond. Certo che prima o poi il tempio del dollaro scoprir che anche le conferenze stampa sono uno strumento superato. E chiss forse tra qualche anno il governatore della moneta pi importante del pianeta (il renminbi?) parler a tutti con 140 caratteri su Twitter.

La ripresa lenta Il sorpasso della grande distribuzione. I consumatori fanno i calcoli di Pasqua: esplode il caro-carburanti

I consumi si fermano, vincono i discount


Il gelo di febbraio. Salgono solo le vendite farmaceutiche, calano gli elettrodomestici
ROMA Le vendite nei negozi non tirano. A febbraio la situazione, fotografata dallIstat nella nota sul commercio al dettaglio distribuita ieri, di stallo. In particolare le vendite rispetto a gennaio sono aumentate dello 0,1%, mentre rispetto a febbraio 2010 sono rimaste invariate. Nel dettaglio, rispetto a gennaio 2011, le vendite di prodotti alimentari sono aumentate dello 0,2%, mentre quelle di prodotti non alimentari sono rimaste invariate. Se poi si guarda ai valori tendenziali, si scopre che le vendite di prodotti alimentari hanno registrato un incremento dello 0,3% mentre quelle dei non alimentari hanno segnato un calo dell'0,1%. Quanto alla forma distributiva, emerge laffanno della grande distribuzione che segna un -0,3% su gennaio mentre le imprese operanti su piccole superfici guadagnano lo 0,1% e i discount l1,5%. Tra i prodotti, quelli farmaceutici registrano l'aumento pi sostenuto (+1,4%) in termini tendenziali, mentre il gruppo che comprende supporti magnetici, strumenti musicali subisce la diminuzione pi marcata (-7,0%), insieme con giochi e giocattoli (-1,5%). Insomma, per l'ufficio-studi Confcommercio, non c nessuna primavera dei consumi, anzi il quadro generale continua ad essere caratterizzato da una accentuata debolezza. Un dato che si riflette sull'intero sistema economico, determinando tassi di sviluppo contenuti, e conferma il permanere di una ripresa a due velocit per le imprese che operano sul mercato estero, in ripresa, e quelle che vivono prevalentemente di domanda interna. Anche la Cia-Confederazione italiana agricoltori, manifesta preoccupazione: Le famiglie - spiega - continuano a tirare la cinghia e in cucina cercano la promozione e il prezzo pi basso, risparmiando anche sulla qualit. Di qui il ricorso ai discount e alle promozioni. Tra gennaio e dicembre, secondo la Cia, calata la domanda di pane (-2,1% sul 2009), pasta (-1,8%), carne rossa (- 4,6%), pesce (- 2,9%) e frutta e agrumi (-1,8%). LOsservatorio Nazionale Federconsumatori calcola che, se non si porr rimedio all'aumento dei prezzi alimentari, una famiglia media questanno dovr spendere 332 euro in pi. E gi si fanno i conti delle spese delle festivit: secondo lassociazione dei consumatori Codacons, gli italiani che decideranno di mettersi in viaggio in auto tra Pasqua e Pasquetta, dovranno mettere un conto una stangata da 35 milioni di euro, determinata dal rincaro dei prezzi dei carburanti.

A. Bac.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintervista Sangalli (Confcommercio): sbagliato aumentare lIva

Chiusi 62.400 negozi, subito meno tasse sui redditi medio-bassi


ROMA Sostenere la crescita. Far ripartire i consumi. Non ha dubbi, Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, alla luce degli ultimi dati Istat che registrano un allarmante ristagno del commercio al dettaglio. Presidente, nel 2010 hanno chiuso 62.476 negozi. Non si mette bene per la categoria. Non si mette bene per la crescita. Da un quindicennio il nostro Paese cresce meno della media dell'area euro di circa un punto. E le previsioni segnalano, tanto per il 2011, quanto per il 2012, un incremento del prodotto interno lordo intorno all'1% o poco pi. Come si migliora questo dato? Non c' tempo da perdere. Occorre fare maggiore leva sulla domanda interna - i consumi delle famiglie e gli investimenti - che contribuisce alla formazione del Pil per circa l'80%. Senza questo stimolo, in particolare dei consumi, le imprese non investiranno a sufficienza e non impiegheranno lavoratori. Qual la sua ricetta? La nostra proposta semplice: abbassare le tasse su lavoratori e imprese. E portare avanti le riforme strutturali, partendo da due problemi: disoccupazione giovanile e Sud.

Lo scambio tra meno Irpef e pi


Iva? Non mi sembra che sia utile, lo ha detto anche Mario Monti. Non certo il momento di alimentare tensioni inflazionistiche

Massimo Sideri
RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova efficaci i documenti economici appena presentati dal governo? Il Def (Documento di economia e finanza) va letto come la "traduzione italiana" delle scelte di riforma della governance economica dell'Unione europea. Si fa pi severo il pilastro della stabilit finanziaria e del risanamento dei conti pubblici. Ma si rende anche pi cogente il rafforzamento della crescita. E ritorniamo al punto di prima. Le attese di crescita nel Def sono decisamen-

Ceduto il 2,7%

Edison fa cassa con il rigassificatore


Accordo da 78 milioni di euro tra Edison, Exxonmobil e Qatar Terminal con Foro Buonaparte che vende il 2,7% di Terminale Gnl Adriatico (la societ del rigassificatore di Rovigo) ai suoi due partner. L'operazione generer per il gruppo milanese una plusvalenza di 5,1 milioni, mentre la partecipazione in Gnl Adriatico si riduce al 7,297%. Rimangono immutati - sottolinea la societ - gli accordi riguardanti la disponibilit della capacit di rigassificazione, che scadranno nel 2034, secondo i quali a Edison spetta l'80% della capacit, pari a 6,4 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Il restante 20% a disposizione del mercato secondo le procedure fissate dall'Autorit per l'energia. Il gas Edison proviene dal campo del Qatar North Field che, con riserve stimate di 25 mila miliardi di metri cubi, rappresenta attualmente il pi grande giacimento di gas a livello mondiale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DA L 17 0 7

Settimana daste 16 20 maggio

Arte contemporanea, Arte moderna Design, Jugendstil, Argenti Gioielli, Orologi


Esposizione di una selezione di opere in asta a Vienna: Milano 26 aprile 1 maggio
Palais Dorotheum, Dorotheergasse 17, 1010 Vienna Client Service Italia, tel. +39 02 897 653 14 daniela.galeotti@dorotheum.it Roma, Palazzo Colonna, Piazza SS. Apostoli, 66 tel. +39 06 699 23 671, roma@dorotheum.it Milano, Palazzo Amman, Via Boito, 8 tel. +39 02 303 52 41, milano@dorotheum.it www.dorotheum.com
Enrico Castellani, Superficie bianca n. 22 (part.), 1963, tela estroflessa, 130 x 163 cm, 300.000 400.000, asta 19 maggio

te pi prudenti degli obiettivi di finanza pubblica. La prudenza una giusta virt di governo, ma possiamo e dobbiamo osare di pi. il modo migliore per rendere pi sostenibile, tra il 2013 ed il 2014, una manovra di oltre due punti di Prodotto interno lordo. In che modo si forza la crescita? Partirei dal Mezzogiorno, garantendo il prerequisito della sicurezza e della legalit, facendo decollare la fiscalit di vantaggio e selezionando gli investimenti infrastrutturali. E sul mercato del lavoro? Stimolerei loccupazione, a partire da quella dei giovani e delle donne, attraverso il decollo del contratto di apprendistato. Affronterei il nodo strutturale della logistica, visto che proprio il Piano Nazionale delle riforme ricorda che le inefficienze logistiche ci costano circa 40 miliardi all' anno.... E la riforma fiscale dove sta? Al centro, perch abbiamo bisogno di un fisco pi semplice e di meno tasse. Ma non ci sono scorciatoie. Meno tasse significa controllo e riduzione di spesa pubblica, da una parte, e recupero di evasione ed elusio- la quota del Pil prodotta ne, dall'altra. Ma la riforma non dai consumi delle famiglie sembra alle porte... Allora si chiariscano e dagli tempi e tappe di un pro- investimenti gressivo alleggerimento delle aliquote. A partire dalle tasse sui redditi medio-bassi e dall'Irap, e rendendo al pi presto strut- miliardi lanno turale la detassazione del Il peso salario contrattato al se- delle inefficienze logistiche ricordato condo livello. Da pi parti si parla nel Piano Nazionale dell'ipotesi di meno Ir- delle riforme pef e pi Iva. d'accordo? Lo ha detto anche il professor Mario Monti: non uno scambio utile. Perch non certo il caso di penalizzare i consumi. Perch non si possono aumentare le aliquote, se si vuole recuperare levasione Iva. E perch non certo il momento di alimentare tensioni inflazionistiche. Condivide il governo sul caso Parmalat? Le rispondo con una frase del ministro Tremonti: "Il mercato fin dove possibile, il governo quando necessario". A proposito di mercato e concorrenza, come vede lingresso dellassociazione Pdl al servizio degli italiani, lanciata dal ministro Brambilla, nel mondo dei servizi alle imprese? Le regole dicono che si tratta di compiti che nascono dall'associazionismo del mondo del lavoro e delle imprese. Insomma, evitiamo improprie invasioni di campo e neo-collateralismi. Non giovano all'autonomia e alla credibilit del rapporto tra politica ed associazionismo.

80%

40

Antonella Baccaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

52 Economia

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Verso lassemblea Senza responsabilit operative guider il comitato esecutivo e quello sulla governance

Guerra dei talenti

Generali, modello inglese per il presidente


Con Galateri a Trieste nasce la figura del chairman di garanzia
MILANO - Le Generali si presenteranno allassemblea di sabato 30 aprile con un presidente nuovo e con una governance inedita per il Leone. Il consiglio che l8 aprile ha cooptato e nominato Gabriele Galateri ha deciso di voltare pagina in modo definitivo. Pi di un partecipante in quella occasione ha sottolineato che non era il caso di ripetere ci che alla fine si rivelato un pasticcio, cio affidare nuovamente al presidente deleghe operative, anche limitate. Galateri sar dunque il primo chairman allinglese delle Generali: sar dunque chiamato a garantire larmonia tra i soci e tra essi e il management e a sostenere il vertice operativo senza intervenire nella gestione. Compiti che richiedono uno standing, che in una societ come la prima compagnia di assicurazioni italiana e fra le prime tre europee devessere internazionale, e determinate caratteristiche di reputazione, curriculum e anche di carattere. Pochi giorni fa Lorenzo Pellicioli, amministratore delegato di De Agostini, consigliere e socio a Trieste con il 2,4%, ha commentato cos la decisione dellultimo consiglio del Leone: Abbiamo lavorato per un modello con un capo azienda e un chairman allinglese. Dal 6 aprile, cio dalle dimissioni di Cesare Geronzi da presidente del Leone, abbiamo la governance che avevamo sempre progettato, proposto e sostenuto. E che per le Generali rappresenta in effetti una vera novit. Da quando, pochi anni fa, il Leone ha abbandonato la peculiarit del mandato annuale per i vertici ed passato a quello triennale ha comunque conservato la figura di un presidente con responsabilit operative accanto agli amministratori delegati. Lex banchiere di Lazard Antoine Bernheim ha voluto mantenere fino allultimo un ruolo forte, esternando a so ha ipotizzato la costituzione di un comitato informale di presidenza), hanno determinato in breve tempo una situazione di contrasto con il top management. Aggravata da dichiarazioni sul ruolo di Generali, che il banchiere interpretava come societ di sistema. Situazione che ha portato il 6 aprile alla sfiducia e alle dimissioni di Geronzi. E proprio chi ha spinto verso questo passo, a cominciare dunque da Mediobanca con il numero uno Alberto Nagel e da Pellicioli, ha sottolineato la necessit di un governo societario ancora pi lineare nella distinzione di ruoli e responsabilit. Galateri sar dunque chairman di garanzia, che lascer lavorare Perissinotto e il consiglio. Sar presidente del comitato esecutivo e di quello sulla governance, senza riporti. Sembra quasi strano a dirsi, ma si tratta davvero di una svolta.
Gabriele Galateri

Microsoft, la svolta degli aumenti


Microsoft aumenta gli stipendi a tutti i suoi dipendenti per evitare la fuga dei talenti a compagnie rivali come Facebook, Google e Amazon. Il ceo Steve Ballmer ha inviato una mail a tutti i 90 mila dipendenti annunciando il cambiamento. Da oggi l80% circa dei lavoratori ricever il 100% dei loro bonus e dei premi in azioni. Prima erano circa la met i manager che avevano riconoscimenti in bonus e stock option e la percentuale sensibilmente aumentata. I cambiamenti pi grossi si sono verificati dove la competizione per i talenti pi forte: nello staff di medio livello sulla ricerca e sviluppo, per i dipendenti di medio livello in generale, e per gli impiegati in posti chiave come Cina e India.

pi riprese sulle strategie ma anche sui passi pratici che il Leone avrebbe dovuto compiere. Tanto che in qualche occasione la stessa compagnia ha dovuto poi (non senza imbarazzo) frenare, se non correggere, le sue parole. Quando Geronzi passato, nellaprile 2010, da Mediobanca a Generali, gli sono state affi-

date deleghe limitate (fra le quali la comunicazione istituzionale) ed stata rafforzata la figura del capo azienda, nominando group ceo Giovanni Perissinotto. Ma il carattere di Geronzi, linfluenza consolidata nel capitalismo di relazione e nella politica e levidente volont di esercitarla (tanto vero che a met mandato lui stes-

Sergio Bocconi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lintervista Rosa: il paradosso del credito dimposta

Attirare investimenti esteri in Italia? Partiamo dal codice fiscale


MILANO Il nostro Paese rischia grosso. Guido Rosa, presidente dal 1987 dellAssociazione tra le Banche estere in Italia (Aibe) e vicepresidente Abi, non nasconde una grande preoccupazione nei confronti dellItalia che si sta costruendo una reputazione di poca affidabilit agli occhi stranieri. Il contributo delle banche estere al Belpaese importante con oltre i 2/3 degli operatori e dei volumi sviluppati nel mercato dei titoli di stato, dei prestiti, del project finance e del private equity. La conseguenza, secondo Rosa che la nostra economia non pu fare a meno degli operatori esteri: la loro presenza un motore indispensabile per il Paese. LItalia, per ha bisogno di ritrovare competitivit mentre permane unarretratezza del nostro sistema con particolare riguardo a fiscalit, burocrazia, giustizia, farraginosit e difformit nel recepimento delle direttive europee. Tutte critiche che piovono da pi parti ma che cosa ci rimproverano gli investitori stranieri? Partiamo dal credito dimposta. Con una disposizione amministrativa di circa un anno fa, per poterlo riscuotere necessario avere il codice fiscale. Ma lAgenzia delle entrate non ha ancora trovato un meccanismo per poter dare un numero di codice fiscale anche agli stranieri. Un assurdo: la disposizione venuta a conoscenza di fondi di investimento, societ finanziarie, diventa un freno agli investimenti, che aggiunto alla debolezza del nostro listino, pu diventare un limite per gli operatori esteri allacquisto di azioni di gruppi italiani con lobiettivo di un capital gain. LItalia uscita dal novero di Stati a cui guardare con unottica di investimento a lungo termine. Ma cosa ci differenzia dalle banche europee? Gli istituti europei possono aprire filiali negli altri Paesi della Ue senza avere bisogno di un fondo di dotazione. Un paio di anni fa Ocse ha stabilito che se una filiale opera in un Paese senza capitale, per finanziare le sue attivit prende soldi a debito e gli interessi sono deducibili fiscalmente. LAgenzia delle entrate ha mandato in giro ispezioni accusando le filiali estere in Italia di non avere fondi di dotazione, di avere troppi interessi passivi e di conseguenza pagare meno tasse. Da qui le sanzioni. Con laggravante della retroattivit. Ci sono banche che vogliono fare ricorso a Bruxelles. Il danno drammatico non sono i quattrini ma la reputazione del nostro Paese in un contesto in cui il sistema bancario ipertassato: 5-6 punti in percentuale in pi rispetto agli altri Paesi. Riflettendo sul caso Parmalat, quale il ruolo degli investitori esteri in Italia? Negli ultimi 20 anni non ci sono stati investimenti industriali. E lItalia rischia di diventare un luogo di rapina finanziaria. I francesi
Guido Rosa, presidente dell Associazione Banche estere in Italia

comprano marchi come Bulgari, Parmalat, costruiti dallinventiva italiana, per allargare la loro rete distributiva. Non vengono qui per fare un progetto industriale. Le eccellenze industriali ci sono ma investire qui rende tutto pi complicato: difficolt nelle relazioni sindacali, incertezza del diritto, confusione fiscale. La globalizzazione ha stabilito un principio: non ci sono aziende in concorrenza ma mercati in concorrenza. E il nostro non un Paese competitivo? Il senso di incertezza viene anche scatenato dal cambiamento delle regole in corso. Come per il caso del decreto sulle rinnovabili. Ho scritto anche una lettera a Gianni Letta a proposito. Si rischia di mettere in discussione 12 miliardi di project finance. Chi mai far project finance se le regole cambiano in corsa?

Antonia Jacchia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Economia 53
#

Vademecum Le misure della Consob per la trasparenza di prospetti e pubblicit

Risparmio, ecco cinque regole per difendersi dai bond a rischio


MILANO Hanno superato il tetto del 15% i rendimento dei titoli di Stato greci a 10 anni sul mercato. Ogni giorno un nuovo record. E ogni giorno, nonostante tutto il rischio dei Sirtaki bond, qualcuno evidentemente li compra. Anche tra i piccoli risparmiatori, anche Italia. Le scommesse sulla Grecia La scommessa, a quanto pare, quella di incassare lauti rendimenti facendo lo slalom tra le varie ipotesi di ristrutturazione, per arrivare al traguardo della maturazione del debito e farsi rimborsare il capitale, magari dalle mani dellEuropa con il suo fondo salva-Stati. Funzioner? Ieri la stampa greca ha parlato di una possibile ristrutturazione morbida, con un allungamento della maturazione del debito: lincasso ci sarebbe, ma posticipato. Intanto, chi vuole vendere prima della scadenza deve fare i conti con prezzi decisamente sotto la pari: insomma, con ingenti perdite in conto capitale. Mentre in Europa si allarga il campo dei fondo-scettici (basta vedere le recenti elezioni finlandesi). Leffetto Bce Prima regola: per chi punta invece su tassi pi contenuti e titoli pi sicuri, la scelta ampia, per esempio i classici Bund tedeschi. Anche qui, per, le precauzioni non mancano. Sotto i riflettori ci sono i tassi della Bce, appena rialzati dall1% all1,25%. Se si guarda al-

Panorama
sto, deve mettere in conto una possibile perdita in conto capitale. O - seconda mossa - aspettare la scadenza. Linflazione Questi ultimi, per, potrebbero trovarsi a fare i conti con linflazione. Prendiamo lesempio dei Btp a 10 anni: chi li compra oggi incasser ogni anno una cedola del 4,7%. Un valore che adesso batte linflazione, tra il 2 e il 3%. Ma tra qualche anno? Per contrastare il caro-prezzi terzo spunto - si pu aumentare la quota del portafoglio destinata ai titoli a rendimento variabile. Che siano statali oppure - quarta mossa - societari, spesso pi redditizi. La liquidit - Ma, in questultimo caso - i bond corporate -, un rendimento pi alto pu nascondere un tasso di liquidit pi scarso, che rende pi difficile (e poco redditizia) una successiva vendita ante scadenza. Occhio quindi - quinto consiglio ai prospetti informativi delle emissioni: una comunicazione della Consob ha chiesto agli emittenti di segnalare in questi documenti i prodotti a scarsa liquidit, come possono essere le obbligazioni bancarie non quotate in Borsa.

Oro e argento scalano i record storici Corre anche il greggio


Nuovo massimo storico per loro che ha superato i 1.504 dollari loncia. Record anche per largento, arrivato a 46,69 dollari, e per il greggio, tornato a salire fino a quota 123,33 dollari al barile. La produzione Toyota torner alla normalit entro dicembre 2011, dopo le interruzioni dovute al terremoto. Debutta in Camfin la seconda generazione Tronchetti Provera. Lassemblea presieduta da Marco Tronchetti Provera ha nominato ieri i figli Giada (foto) e Giovanni nuovi consiglieri damministrazione della societ a cui fa capo la maggioranza relativa della Pirelli. Il Kazakhstan punta a risolvere entro giugno la disputa con Eni su Karachaganak, il maxigiacimento di gas condensato. Trattativa tra Isuzu e Volkswagen sullo sviluppo di motori per camion. Lo scrive il quotidiano Nikkei Business.

Btp, titoli esteri e obbligazioni corporate: come scegliere


Tassi e rischi

Leffetto inflazione non si ferma ad Atene

1 2 3

Tutti i bond a tasso fisso possono patire gli effetti dellinflazione se si vendono ante scadenza: la concorrenza di nuovi titoli a tassi pi alti fa abbassare il prezzo

Aspettare la scadenza pu non bastare


Lesempio dei Btp a 10 anni: chi li compra oggi incasser ogni anno una cedola del 4,7%. Un valore che adesso batte linflazione, tra il 2 e il 3%. Ma tra qualche anno?

lEuribor a sei mesi o un anno, lindicazione di un tasso Bce del 2% da qui a un anno, vale a dire il doppio rispetto a poche settimane fa, spiega Angelo Drusiani, responsabile del reddito fisso alla Banca Albertini Syz. E un livello - aggiunge - che comunque rima-

ne sempre abbastanza contenuto. Per esempio pensando al 4,25% del 2008. In ogni caso, resta il fatto che la salita dei tassi pu erodere le quotazioni - sul mercato secondario - dei titoli di Stato a cedola fissa: chi oggi compra pensando di rivendere pre-

Giovanni Stringa

RIPRODUZIONE RISERVATA

I risparmiatori e il nodo della liquidit


are trademarks of The Timberland Company. 2010 The Timberland Company. All rights reserved. www.marcolin.com Timberland and

Attenzione alle obbligazioni societarie non quotate: a volte rivenderle ante scadenza pu comportare delle perdite non da poco rispetto al prezzo di acquisto

Housing sociale

Edilizia per le fasce pi deboli, a Torino il progetto OltreVenture-Fondazione Crt


MILANO Se si parte dalle cifre, il futuro per chi non ha casa propria ed in difficolt non roseo. Nel clima generale di tagli, la Finanziaria non ha escluso nemmeno il Fondo di sostegno per laffitto, che passer dai 143 milioni del 2010, ai 33 milioni del 2011 e 2012. Il risultato che ci saranno meno fondi per aiutare le famiglie sfrattate o bisognose. Una soluzione per far fronte allemergenza viene dallhousing sociale, ovvero dalledilizia con prezzi calmierati frutto della sinergia tra privato e pubblico. A Torino in corso un progetto pilota che potrebbe aprire la strada a un diverso modo di affrontare il problema. Lidea venuta a Oltre Venture, societ di Venture capital sociale che finanzia lo sviluppo di imprese capaci di generare sostenibilit economica insieme a un impatto sociale positivo. Oltre Venture ha proposto un modello di housing sociale temporaneo, che prevede il recupero di due edifici per circa 10 mila metri quadrati in via Ivrea, nel quartiere popolare Pietra Alta. Saranno creati 183 appartamenti per un totale di 470 posti letto, destinati a fasce sociali deboli come madri sole con bambini, uomini separati, Sostenibilit immigrati, anziani, studenti fuori sede e parenti di degenti. La sostenibilit La novit non sta solo nella economica temporaneit della permanenza delloperazione? nella struttura (soggiorni di Raggiungibile in 10 anni 12-18 mesi), ma anche nellassistenza offerta ai residenti per evitare di creare un ghetto: accompagnamento e inserimento al lavoro, sostegno allimprenditorialit individuale, possibilit di lavoro allinterno del complesso. Altra protagonista del progetto la Fondazione Crt: Ci ha dato i soldi e la credibilit, un sostegno importante, per realizzare questo progetto con il Comune spiega il presidente e fondatore di Oltre Venture, Luciano Balbo. Infatti snodo fondamentale stato lacquisto dellex-casa albergo di propriet delle Poste per 6 milioni di euro e la messa a disposizione dei terreni da parte del Comune di Torino in comodato gratuito per 99 anni. Ovviamente con dei paletti: Nella convenzione continua Balbo c un vincolo di utilizzo e di destinazione, uno sui prezzi praticati e uno sui servizi da garantire. Saranno applicati tre tipi di tariffe: quasi mercato (con un risparmio del 10-15% rispetto ai canoni comuni), calmierato (meno 20-25%) e concordato (per il Comune che avr a disposizione il 15% delle stanze per gli sfrattati). Limpatto sociale chiaro, quanto alla sostenibilit economica lobiettivo raggiungerla conclude Balbo in 10 anni. Il taglio del nastro per settembre.

Francesca Basso
RIPRODUZIONE RISERVATA

54

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome
Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Azimut Trend Tassi Azimut Trend

Data Valuta
20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 31/03 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

Quota/od.
9,737 12,413 15,467 6,242 8,844 20,433 4,970 4,897 5,105 4,510 3,658 2,511 5,287 5,108 4,950 5,104 5,336 5,188 5,210 5,601 5,003 5,171 6,144 4,642 6,768 4,781 3,086 4,834 5,337 4,482 4,752 5,464 5,551 5,026 3,193 4,556 3,654 5,013 4,788 5,371 6,085 5,342 4,834 4,532 5,470

Quota/pre.
9,726 12,199 15,291 6,246 8,845 20,279 4,945 4,898 5,093 4,470 3,633 2,508 5,278 5,087 4,971 5,082 5,338 5,189 5,179 5,609 5,004 5,131 6,092 4,599 6,738 4,736 3,024 4,782 5,329 4,464 4,742 5,460 5,553 5,028 3,145 4,506 3,655 4,987 4,787 5,255 6,086 5,343 4,818 4,490 5,551

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome
EuroMTS Cash 3 Months FTSE RAFI Asia Pacific Ex-Jap FTSE RAFI Asia Pacific Ex-Jap FTSE RAFI Dev. 1000 Fund FTSE RAFI Dev. Europe Mid-Sm FTSE RAFI Emerging Mkts FTSE RAFI Emerging Mkts FTSE RAFI Europe FTSE RAFI Hong Kong China FTSE RAFI Italy 30 FTSE RAFI Switzerland FTSE RAFI US 1000 FTSE RAFI US 1000 Global Agriculture NASDAQ OMX Global Agriculture NASDAQ OMX Global Clean Energy Global Listed Private Eq. MENA NASDAQ OMX MENA NASDAQ OMX Palisades Global Water

Data Valuta
20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR USD EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD EUR EUR EUR USD EUR

Quota/od.
101,611 5,604 8,131 9,033 9,561 7,435 10,789 7,654 14,679 5,643 7,458 6,775 9,830 9,152 13,280 4,928 6,321 8,377 12,155 7,789

Quota/pre.
101,603 5,525 7,908 8,976 9,443 7,369 10,547 7,520 14,831 5,590 7,385 6,787 9,715 9,117 13,049 4,921 6,279 8,474 12,129 7,776

Nome
Asia Opportunities EUR2 Asia Opportunities USD2 Credit Opportunities EUR2 Diversified EUR Emerg. Mkts Dynamic EUR2 Emerg. Mkts Dynamic USD2 Euro Liquidity European Corporate Bonds European Fixed Income European Opportunit EUR European Opportunit EUR2 European Small Cap EUR ForExtra Yield EUR Global Convertibles EUR Global Convertibles USD Italian Opportunities EUR Italian Value EUR Japan Opportunities EUR Japan Opportunities JPY Latam Opportunities EUR2 Latam Opportunities USD2 Market Neutral EUR US Dollar Bonds US Dynamic EUR US Dynamic USD US Small Cap USD US Value EUR US Value USD World Opportunities EUR World Opportunities USD 3A Dynamic UCITS Fund EUR

Data Valuta
20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 18/04 EUR USD EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR JPY EUR USD EUR USD EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR

Quota/od.
176,970 180,330 164,450 230,640 123,140 130,890 150,888 201,840 189,380 297,240 167,070 291,110 160,220 202,800 201,180 30,410 219,110 117,460 11407,000 176,470 179,420 150,970 311,260 108,160 112,700 199,860 148,950 150,870 142,080 294,800 1009,610

Quota/pre.
174,080 177,190 164,450 229,420 120,860 128,270 150,892 201,960 189,550 292,820 164,580 285,570 160,220 201,860 200,010 30,060 216,980 116,760 11327,000 173,720 176,300 150,970 311,760 106,530 110,890 196,720 147,310 148,900 141,250 292,650 1009,610

Nome
US All Cap A US Dollar Bond A hdg US Dollar Bond A US Dollar Liquidity A US Large Cap A US Large Cap A US Large Cap EUR hedged A US Small & Mid-Cap Equ A US Small & Mid-Cap Equ A US Smaller Companies A

Data Valuta
21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 USD EUR USD USD EUR USD EUR EUR USD USD

Quota/od.
109,050 127,100 18,680 105,190 49,910 72,900 96,880 111,840 164,050 82,020

Quota/pre.
108,850 127,150 18,690 105,210 49,980 72,760 96,680 112,000 163,720 81,320

AcomeA SGR - numero di tel. 800.89.39.89 info@acomea.it AcomeA America AcomeA Bilanciato AcomeA Eurobbligazionario AcomeA Europa AcomeA FdF Pacifico AcomeA FdF Paesi Emergenti AcomeA Globale AcomeA Italia AcomeA Liquidit AcomeA Multi Fd Linea Aggressiva AcomeA Multi Fd Linea Dinamica AcomeA Multi Fd Linea Prudente AcomeA Obbligazionario Corporate AcomeA Obbligaz. Internazionale AcomeA Performance 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 11,873 3,661 12,643 10,672 3,342 6,478 8,483 17,651 11,598 3,611 4,482 4,987 6,610 7,860 17,471 11,890 3,667 12,659 10,569 3,335 6,453 8,457 17,507 11,606 3,623 4,506 5,012 6,615 7,900 17,491

AZ FUND MANAGEMENT SA
AZ F. Active Selection AZ F. Active Strategy AZ F. Alpha Man. Credit AZ F. Alpha Man. Equity AZ F. Alpha Man. Them. AZ F. American Trend AZ F. Asset Plus AZ F. Asset Power AZ F. Best Bond AZ F. Best Equity AZ F. Bond Trend AZ F. Bot Plus AZ F. Commodity Trading AZ F. Conservative AZ F. Corporate Premium AZ F. Dividend Premium AZ F. Emer. Mkt Asia AZ F. Emer. Mkt Europe AZ F. Emer. Mkt Lat. Am. AZ F. European Dynamic AZ F. European Trend AZ F. Formula 1 Absolute AZ F. Formula 1 Alpha Plus AZ F. Formula 1 Alpha Plus 20 AZ F. Formula 1 Conserv. AZ F. Formula 1 Dynamic Trading AZ F. Income AZ F. Institutional Target AZ F. Italian Trend AZ F. Opportunities AZ F. Pacific Trend AZ F. Qbond AZ F. QProtection AZ F. Qtrend AZ F. Reserve Short Term AZ F. Solidity AZ F. Strategic Trend AZ F. Trend AZ F. US Income

www.eurizoncapital.it tel. 02 88101 Eurizon Az Alto Divid Eur Eurizon Az Asia Nuove Econom. Eurizon Az Energie Mat Pr Eurizon Az Europa Multiman Eurizon Az Italia 130/30 Eurizon Az Mondo Multiman Eurizon Az Salute E Amb Eurizon Az Teconol Avanz Eurizon Azioni Finanza Eurizon Azioni PMI America Eurizon Azioni PMI Italia Eurizon Azioni PMI Europa Eurizon Bilanc Euro Multiman Eurizon Diversificato Etico Eurizon Focus Az America Eurizon Focus Az Europa Eurizon Focus Az Internaz Eurizon Focus Az Italia Eurizon Focus Az Paesi Em Eurizon Focus Azioni Euro Eurizon Focus Azioni Pacifico Eurizon Focus Cap Protetto 12/2014 Eurizon Focus Far I T 07 Eurizon Focus Gar 06/2012 Eurizon Focus Gar 09/2012 Eurizon Focus Gar 12/2012 Eurizon Focus Gar 03/2013 Eurizon Focus Gar I Sem 06 Eurizon Focus Gar II Sem 06 Eurizon Focus Gar II T 07 Eurizon Focus Gar III T 07 Eurizon Focus Gar IV T 07 Eurizon Focus Ob Eur Corp Eurizon Focus Obbl Cedola Eurizon Focus Obbl Emerg Eurizon Focus Obbl Euro Eurizon Focus Obbl Euro BT Eurizon Focus Obbl Euro HY Eurizon Focus Pr Dinamico Eurizon Focus Pr Moderato Eurizon Focus Pr Prudente Eurizon Focus Rend As 2 A Eurizon Focus Rend As 3 A Eurizon Focus Tesoreria Dollar Eurizon Focus Tesoreria Dollar Eurizon Focus Tesoreria Euro A Eurizon Focus Tesoreria Euro B Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Eurizon Obbl Etico Eurizon Obbl Euro Corp BT Eurizon Obbl Internazionali Eurizon Obiettivo Rendimento Eurizon Rendita Eurizon Soluzione 10 Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5 Intesa Cass Centro Prot Din Passadore Monetario Teodorico Monetario Unibanca Azionario Europa Unibanca Monetario Unibanca Obbligaz Euro 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 26,316 11,314 9,950 5,922 17,424 3,465 15,077 3,988 17,361 23,071 4,838 9,389 36,288 7,944 9,131 8,728 7,525 12,456 9,635 13,909 3,992 4,941 5,155 5,104 5,073 5,079 5,103 5,251 5,239 5,118 4,939 5,185 5,682 6,082 11,784 14,021 15,069 7,698 5,444 5,434 5,502 5,275 5,517 11,507 16,697 7,691 7,751 7,296 7,489 5,321 7,622 8,323 8,156 5,996 6,876 6,173 24,299 5,995 5,712 4,821 4,119 4,015 5,749 7,124 7,471 6,413 5,735 5,750 25,850 11,217 9,849 5,858 17,238 3,450 15,035 3,963 17,370 22,937 4,815 9,286 36,101 7,944 9,123 8,597 7,487 12,323 9,549 13,673 3,967 4,937 5,151 5,105 5,074 5,078 5,102 5,250 5,235 5,116 4,940 5,180 5,685 6,084 11,773 14,030 15,069 7,690 5,424 5,423 5,501 5,273 5,517 11,647 16,670 7,691 7,751 7,295 7,489 5,325 7,622 8,384 8,156 5,987 6,866 6,162 24,229 5,994 5,706 4,806 4,102 3,993 5,749 7,124 7,471 6,320 5,734 5,750

*I LIVELLI DI PROTEZIONE RELATIVI AI FONDI DEFENSIVE SONO CONSULTABILI SUL SITO INTERNET WWW.SCHRODERS.IT

www.sorgentegroup.com Fondo Donatello-Michelangelo Due Fondo Donatello-Tulipano Fondo Donatello-Margherita Fondo Donatello-David Fondo Donatello-Puglia Uno Caravaggio di Sorgente SGR 30/06 30/06 30/06 30/06 30/06 EUR EUR EUR EUR EUR EUR 56242,509 50282,489 27332,950 57301,183 3083,178 53356,770 49261,948 26502,119 55927,623 3175,541

Tel: 02 77718.1 www.kairospartners.com

Si tratta di Fondi Immobiliari chiusi

AKROS ABSOLUTE RETURN AKROS DYNAMIC AKROS MARKET NEUTRAL AKROS LONG/SHORT EQUITY

28/02 28/02 28/02 31/03

EUR EUR EUR EUR

507343,447 491404,844 499512,222 505332,415

503543,224 487969,545 496645,495 508337,101

KAIROS PARTNERS SGR


Kairos Div. + I Kairos Div. + P Kairos Equity A Kairos Fix. Inc. A Kairos Fix. Inc. I Kairos Italia A Kairos Low Vol. A Kairos Low Vol. B Kairos Low Vol. I Kairos Medium Term A Kairos Medium Term B Kairos Multi-Str. A Kairos Multi-Str. B Kairos Multi-Str. I Kairos Global Kairos Income Kairos Small Cap KIS - Ambiente A KIS - Ambiente I KIS - America A KIS - Asia A KIS - Bond A KIS - Bond I KIS - Dynamic A KIS - Dynamic D KIS - Dynamic I KIS - Dynamic X KIS - Global A KIS - Global D KIS - Global I KIS - Global X KIS - Income A KIS - Income D KIS - Income I KIS - Income X KIS - Long - Short A KIS - Long - Short D KIS - Long - Short I KIS - Long - Short X KIS - Sm. Cap A KIS - Sm. Cap D KIS - Sm. Cap I KIS - Sm. Cap X KIS - Target 2014 X KIS - Trading A KIS - Trading D KIS - Trading I KIS - Trading X KIS - Trend I 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 31/03 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 28/02 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 15/04 15/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 21/06 15/04 15/04 15/04 15/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 543822,945 539116,180 761906,760 579494,235 515342,703 560573,950 744521,566 510476,274 518262,542 559839,201 801616,101 574415,422 533350,880 5,958 6,738 9,784 104,870 104,900 150,980 131,860 107,660 107,870 115,560 114,520 115,720 116,390 82,680 80,200 82,730 83,610 106,320 104,490 107,150 107,500 110,690 109,670 110,760 111,510 92,760 92,130 92,960 93,920 106,370 106,430 105,250 106,630 107,240 99,560 535292,148 539844,374 756200,137 574363,786 510793,739 557600,477 740399,229 507811,244 515396,939 555610,485 794638,735 569677,411 528601,575 5,885 6,737 9,705 103,890 103,920 152,130 131,930 107,670 107,880 115,640 114,590 115,800 116,470 81,640 79,190 81,680 82,550 106,310 104,480 107,140 107,500 110,780 109,770 110,850 111,590 91,860 91,240 92,050 93,010 106,560 105,300 104,120 105,500 106,090 100,700

www.albertinisyz.it Tel 02 30306.1 Albertini Syz Multistrategy Cl.A Albertini Syz Multistrategy Cl.B Albertini Syz Innovation Cl.A Albertini Syz Innovation Cl.B 28/02 28/02 28/02 28/02 EUR EUR EUR EUR 653260,860 468353,331 644377,364 488153,470 648256,215 464538,843 639692,295 484360,137

Tel: 0041916403780 www.pharusfunds.com info@pharusfunds.com PS - Absolute Return PS - Absolute Return B PS - Aliseo A PS - Best Global Managers A PS - Best Global Managers B PS - Bond Opportunities PS - Bond Opportunities B PS - Inter. Equity Quant A PS - Inter. Equity Quant B PS - Liquidity PS - Market Neutral PS - Market Neutral B PS - Opportunistic Growth PS - Podium Flex A PS - Podium Flex C PS - Soprarno Global Macro A PS - Soprarno Global Macro B PS - Soprarno Relative Value A PS - Soprarno Relative Value B PS - Strategic Colibr PS - Titan Aggressive PS - Titan Conservative PS - Valeur Income PS - Value PS - Value B 21/04 21/04 19/04 19/04 19/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 31/12 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 19/04 19/04 21/04 19/04 19/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 97,530 102,550 98,610 102,390 103,330 141,340 104,510 120,130 120,180 118,470 90,110 85,480 96,880 99,440 100,000 98,410 98,630 98,250 98,080 87,380 103,570 98,630 101,490 97,240 98,580 97,590 102,610 99,460 102,610 103,520 141,330 104,500 117,540 117,630 118,480 90,750 86,090 96,510 97,940 99,010 99,220 99,060 98,900 86,130 104,960 98,710 101,480 97,860 99,200

KAIROS INTERNATIONAL SICAV

Amundi Absolute Amundi Azioni QEuro Amundi Breve Termine Amundi Corporate 3 anni Amundi Corporate Giugno 2012 Amundi Dynamic Allocation Amundi EONIA Amundi Equipe 1 Amundi Equipe 2 Amundi Equipe 3 Amundi Equipe 4 Amundi Eureka BRIC Ripresa 2014 Amundi Eureka China Double Win Amundi Eureka Cina Ripresa 2015 Amundi Eureka Doppia Opp 2014 Amundi Eureka Double Call Amundi Eureka Double Win Amundi Eureka Double Win 2013 Amundi Eureka Dragon Amundi Eureka Oriente 2015 Amundi Eureka Ripresa 2014 Amundi Eureka Ripresa Due 2014 Amundi Eureka Settori 2016 Amundi Eureka USA 2015 Amundi Europe Equity Amundi For. E. Eq. Op. 2013 Amundi For. E. Eq. Op. Due 2013 Amundi For. Em.MktEq.R.2014 Amundi For. Gar. Hi. Div. 2014 Amundi Form Gar.E.Mk.Eq.R 2013 Amundi Form Gar.Eq.R.DUE 2013 Amundi Form Gar.Eq.Recall 2013 Amundi Form Gar.Mer.Emergenti Amundi Form Garantita 2012 Amundi Form Garantita 2013 Amundi Form Garantita Due 2013 Amundi Form Priv.Div.Opportunity Amundi Global Emerging Equity Amundi Global Equity Amundi Liquidit Amundi Obbligazionario Euro Amundi Pacific Equity Amundi Pi Amundi Premium Power Amundi Private Alfa 2007 Amundi QBalanced Amundi QReturn Amundi USA Equity Unibanca Plus

19/04 20/04 20/04 19/04 19/04 20/04 25/02 20/04 20/04 20/04 20/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 20/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 19/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 19/04 20/04 20/04 20/04 20/04

EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

5,328 13,282 7,406 96,400 4,931 5,386 101,967 5,265 5,219 5,212 4,919 5,502 5,818 5,174 5,222 5,276 5,736 5,010 6,291 4,961 5,374 5,067 4,715 5,066 4,524 4,567 4,564 5,087 4,761 5,013 4,793 4,758 5,690 5,021 4,891 4,855 4,940 5,272 4,520 8,987 5,392 4,669 5,666 5,270 4,900 8,559 5,742 4,868 5,295

5,336 13,038 7,406 97,168 4,951 5,344 101,970 5,262 5,214 5,208 4,906 5,504 5,834 5,184 5,248 5,317 5,766 5,065 6,290 4,960 5,394 5,105 4,734 5,052 4,480 4,588 4,594 5,101 4,749 5,012 4,783 4,750 5,689 5,020 4,888 4,850 4,940 5,255 4,515 8,987 5,393 4,671 5,665 5,263 4,904 8,517 5,722 4,821 5,293

Carige Azionario Europa Carige Azionario Internazionale Carige Azionario Italia Carige Bilanciato 10 Carige Bilanciato 30 Carige Bilanciato 50 Carige Corporate Euro Carige Total Return 1 Carige Total Return 2 Carige Liquidita Euro Carige Monetario Euro Carige Obblig Euro Carige Obblig Euro Lungo Termine Carige Obblig Globale Difesa Classe A Difesa Obiettivo TFR Classe A Obiettivo TFR Rivalutazione Classe A Rivalutazione Valorizzazione Classe A Valorizzazione

21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03 31/03

EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR

5,735 7,025 5,341 5,587 5,377 6,144 6,673 5,207 4,465 6,382 11,756 10,831 5,580 6,068 13,517 13,342 11,109 10,980 10,603 10,291 12,589 12,343

5,718 6,995 5,298 5,583 5,365 6,124 6,667 5,205 4,462 6,383 11,756 10,821 5,570 6,067 13,552 13,380 11,125 10,999 10,760 10,451 12,706 12,463

Fondo Pensione Aperto Carige

Strategic Trend Inst. C Strategic Trend Retail C

20/04 EUR 20/04 EUR

103,860 103,560

103,840 103,550

Bim Az. Small Cap Italia Bim Azionario Europa Bim Azionario Globale Bim Azionario Italia Bim Azionario USA Bim Bilanciato Bim Corporate Mix Bim Flessibile Bim Obblig. Breve Term. Bim Obblig. Globale Bim Obbligazionario Euro Sicav Asia Flessibile Sicav Azionario Euro Sicav Azionario Italia Sicav Bil.Equ. Italia Sicav Fortissimo Sicav Europa Flessibile Sicav Monetario Sicav Obblig. Area Europa Sicav Patrimonio Globale Sicav Patrimonio G. Reddito Synergia Azionario Europa Synergia Azionario Globale Synergia Azionario Italia Synergia Az. Small Cap Italia Synergia Azionario USA Synergia Bilanciato 15 Synergia Bilanciato 30 Synergia Bilanciato 50 Synergia Monetaria Synergia Obbl. Corporate Synergia Obbl. Euro B.T. Synergia Obbl. Euro M.T. Synergia Tesoreria Synergia Total Return Symphonia MS Adagio Symphonia MS America Symphonia MS Asia Symphonia MS Europa Symphonia MS Largo Symphonia MS P. Emer. Symphonia MS Vivace

Tel: 800/614614 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR

7,345 10,181 4,111 7,123 6,353 22,597 5,578 3,882 6,551 5,798 6,872 6,275 5,944 10,894 5,441 2,858 5,146 7,472 9,514 5,239 7,148 6,366 6,398 5,934 5,807 6,614 5,292 5,494 5,723 5,030 5,451 5,067 5,164 5,066 5,301 5,892 4,063 5,372 5,748 5,764 13,724 5,411

7,314 10,056 4,077 7,048 6,340 22,491 5,581 3,863 6,551 5,835 6,875 6,253 5,829 10,781 5,423 2,831 5,124 7,472 9,519 5,217 7,142 6,280 6,341 5,872 5,782 6,597 5,280 5,468 5,678 5,029 5,454 5,067 5,166 5,065 5,293 5,897 4,062 5,340 5,707 5,759 13,674 5,391

Numero Verde 800-533377 - www.schroders.it Schroder International Selection Fund SICAV EQUITY- I ABS- I Num tel: 178 311 01 00 www.compamfund.com - info@compamfund.com Bluesky Global Strategy A Bond Euro A Bond Euro B Bond Risk A Bond Risk B CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. A CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. B European Equity A European Equity B Multiman. Bal. A Multiman. Bal. M Multiman. Eq. Afr. & Mid. East A Multiman. Eq. Afr. & Mid. East M Multiman.Target Alpha A 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 19/04 19/04 13/04 13/04 13/04 USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 1327,733 1156,544 1130,441 1247,405 1213,619 1417,446 1381,390 1237,711 1191,585 110,497 111,892 78,599 80,109 109,476 1324,105 1157,200 1131,094 1244,796 1211,095 1417,414 1381,374 1221,210 1175,035 110,566 111,960 78,844 80,347 109,121 31/03 EUR 553088,382 560460,701 28/02 EUR 7324,832 7037,408 ASIAN OPP CAP RET EUR DYNAMIC GROWTH RET EUR EUROPEAN BOND CAP INST FLEX DUR CAP RET EUR A FLEX QUANTITATIVE HR6 A EUR FLEX STRATEGY RET EUR HIGH GRWTH CAP RET EUR ITALY CAP RET A EUR 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 8,274 831,817 902,804 1115,181 99,054 102,982 80,219 21,844 8,244 820,597 902,794 1115,301 98,646 102,907 79,526 21,684 Asia Pacific Property Sec. A Asian Bond Abs.Re. A Asian Convertible Bd A Asian Convertible Bd A Hd Asian Equity Yield A Asian Smaller Companies A BRIC (BR,RU,IN,CH) A BRIC (BR,RU,IN,CH) A China Opportunities A Em. Eur. Dbt Abs. Ret. A Em. Mkts Dbt Ab.Ret.EUR Hdg A Emerging Asia A Emerging Asia A Emerging Europe A Emerging Markets A Emerging Markets A Emerging Mkts Dbt Abs Ret A EURO Active Value A EURO Bond A EURO Corporate Bond A EURO Dynamic Growth A EURO Equity A EURO Government Bond A EURO Liquidity A EURO Short Term Bond A European Allocation A European Defensive A* European Dividend Max. A European Dividend Max. A European Equity Alpha A European Equity Yield A European Large Cap A European Smaller Comp A European Special Sit A Glb Emer Mkt Opps A Glb Emer Mkt Opps EUR A Global Bond A Global Convertible Bd A Global Convertible Bd A Hd Global Corp B Eur Hedge A Global Clim.ChgeEq.A hdg Global Clim.ChgeEq.A Global Corporate A Global Credit Duration A Global Div.Maximiser A Global Div.Maximiser A Global Energy A Global Equity A Global Equity Alpha A Global Equity Alpha A Global Equity Yield A Global Equity Yield A Global High Yield A Global HYield EUR Hedge A Global Infl L B USD Hed A Global Infl Linked Bond A Global Prop Securities A Global Prop. Sec. EUR Hdgd A Global Smal Companies A Greater China A Indian Equity A Italian Equity A Japanese Equity A Japanese Equity EUR Hdgd A Japanese Large Cap A Japanese Smal Companies A Latin American Fund A Latin American Fund A Middle East A Pacific Equity A Pacific Equity A QEP Global Quant Act Val A QEP Global Quant Act Val A Strategic B Euro Hedged A Strategic Bond A Swiss Equity A Swiss Equity Opps A Swiss Small & Mid Cap A UK Equity A 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 USD USD USD EUR USD USD EUR USD USD EUR EUR EUR USD EUR EUR USD USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD USD EUR EUR EUR USD USD EUR USD USD USD USD EUR USD EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR USD USD USD EUR JPY EUR JPY JPY EUR USD USD EUR USD EUR USD EUR USD CHF CHF CHF GBP 124,930 12,210 114,030 114,520 21,290 188,220 153,070 223,220 264,240 17,880 28,690 17,740 25,880 24,250 9,910 14,480 26,660 28,570 15,400 16,340 3,180 21,540 8,460 121,580 6,680 18,840 9,890 75,460 56,830 40,790 11,790 164,430 22,060 106,400 16,130 14,300 11,150 111,620 110,180 128,670 8,820 9,760 8,700 109,680 7,870 5,820 44,020 16,210 93,150 136,010 80,760 117,790 32,210 30,660 25,870 25,350 121,860 115,180 132,220 40,100 136,420 23,270 538,220 55,200 737,560 50,490 39,060 57,320 9,080 8,050 11,760 103,010 151,520 129,090 135,420 28,740 122,630 24,880 3,210 123,580 12,210 113,320 113,790 21,110 187,480 151,680 220,410 261,830 17,870 28,600 17,630 25,630 24,110 9,820 14,310 26,580 28,270 15,380 16,330 3,170 21,420 8,450 121,570 6,670 18,800 9,860 75,390 56,780 40,610 11,760 163,100 21,940 105,810 15,980 14,210 11,110 111,320 109,880 128,630 8,760 9,670 8,700 109,690 7,800 5,770 43,230 16,100 92,910 135,180 80,240 116,610 32,170 30,620 25,890 25,370 120,090 113,510 131,640 39,620 136,210 23,060 538,410 55,210 736,640 50,150 38,610 56,450 9,050 8,000 11,650 102,450 150,160 129,080 135,430 28,650 122,020 24,770 3,200

Tel: 848 58 58 20 Sito web: www.ingdirect.it Dividendo Arancio Convertibile Arancio Euro Arancio Bilancio Arancio Borsa Protetta Agosto Borsa Protetta Febbraio Borsa Protetta Maggio Borsa Protetta Novembre Inflazione Pi Arancio Mattone Arancio Profilo Dinamico Arancio Profilo Equilibrato Arancio Profilo Moderato Arancio Top Italia Arancio 21/04 21/04 21/04 01/03 20/04 20/04 20/04 20/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 39,170 51,250 53,490 48,380 54,180 52,160 55,560 53,800 49,800 38,970 56,050 53,800 51,210 49,940 39,100 51,180 53,460 48,320 54,090 52,210 55,530 53,740 49,730 38,540 55,520 53,480 51,120 49,240

www.newmillenniumsicav.com Distributore Principale: Banca Finnat Euramerica - Tel: 06/69933475 NM Augustum Beatrice Eq Fd A NM Augustum Corp Bd A NM Augustum High Qual Bd A NM Augustum Pan European Eq A NM Euro Bonds Short Term A NM Euro Equities A NM Global Equities A NM Inflation Linked Bond Europe A NM Large Europe Corp A NM Previra World Cons A NM Q7 Active Eq. Int. A NM Q7 Alpha Balanced A NM Q7 Globalflex A NM Total Return Flexible A 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 15/04 15/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 122,530 165,030 132,870 86,670 129,830 40,580 56,420 104,110 115,800 122,750 78,820 95,770 107,340 115,120 121,500 164,980 132,870 85,670 129,910 39,720 55,720 104,240 115,870 122,500 79,130 96,530 107,380 115,280

Numero Verde 800 255783 info@animasgr.it - www.animasgr.it Anima America Anima Asia Anima Convertibile Anima Emerging Markets Anima Europa Anima Fondattivo Anima Fondimpiego Anima Fondo Trading Anima Liquidit Anima Obbligaz Euro Anima Obiettivo Rend. Americhe Corporate Bd Emerging Markets Bd Emerging Markets Eq Europa Iniziativa Europa Italia Monetario Pacifico Pianeta Risparmio Sforzesco Tesoreria Valore Globale Visconteo Capitale Piu' C.Azionario Capitale Piu' C.Bilanc. 15 Capitale Piu' C.Bilanc. 30 Capitale Piu' C.Obbligaz. 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 4,452 6,206 6,352 10,704 4,457 14,489 19,439 13,744 6,692 7,177 5,939 9,204 7,528 6,410 7,474 13,679 7,564 15,834 12,199 4,882 9,576 7,542 10,187 6,946 20,471 35,568 4,891 5,364 5,184 5,483 4,410 6,166 6,332 10,667 4,369 14,403 19,427 13,586 6,691 7,175 5,939 9,215 7,526 6,416 7,422 13,474 7,459 15,668 12,195 4,859 9,650 7,544 10,175 6,944 20,418 35,408 4,856 5,351 5,165 5,483

DB Platinum
Agriculture Euro R1C A Comm Euro R1C A Comm Harvest R3C E Croci Germany R1C A Currency Returns Plus R1C Dyn Aktien Pl R1C A Liq Alpha Euro4TotRet R1C A 19/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 19/04 19/04 19/04 20/04 13/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR JPY USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 90,750 175,300 99,900 991,180 120,550 91,930 95,160 6357,080 116,030 95,740 101,120 98,820 86,010 102,650 106,330 10037,510 90,290 173,110 99,900 986,290 118,570 91,400 92,950 6266,000 114,110 95,560 101,110 98,730 85,870 102,370 106,000 10068,160

La lista completa dei comparti Invesco autorizzati in Italia disponibile sul sito www.invesco.it

Invesco Funds
Asia Balanced Fund Asia Consumer Demand Asia Consumer Demand E Asia Infrastructure Asia Infrastructure E Balanced-Risk Allocation Balanced-Risk Allocation E Em. Local Cur. Debt Em. Local Cur. Debt E Em. Local Cur. Debt A-Distr.M Energy Fund Euro Corp. Bond Euro Corp. Bond Euro Corp. Bond E Euro Corp. Bond A-Distr. M Euro Inflation-Linked Bond Global Total Return (EUR) Bond Gold & Precious Metals Gold & Precious Metals E Greater China Eq. Greater China Eq. E Pan European Eq. Pan European Eq. E Pan European Structured Eq. Pan European Structured Eq. E 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 USD USD EUR USD EUR EUR EUR USD EUR USD USD EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD EUR USD EUR EUR EUR EUR EUR USD USD JPY JPY USD USD 10,140 10,150 8,810 10,210 10,960 10,110 12,090 10,172 10,218 11,451 9,660 10,051 10,051 13,252 11,208 9,988 10,042 9,900 8,580 10,050 24,520 10,010 11,440 10,140 8,860 36,920 36,150 1632,000 636,000 40,990 19,220 1,121 1,665 1,000 10,110 10,090 8,840 10,070 10,920 10,070 12,040 10,127 10,277 11,399 9,500 10,048 10,048 13,247 11,205 9,987 10,027 9,780 8,560 9,950 24,530 9,940 11,360 10,090 8,820 36,700 36,100 1635,000 635,000 40,520 19,240 1,121 1,665 1,000

DB Platinum IV
Croci Euro R1C B Croci Japan R1C B Croci US R1C B Dyn. Bd Stabilitt Plus R1C A Dyn. Cash R1C A Dyn. ETF Selector 3 R1C A Dyn. ETF Selector 6 R1C A Dyn. ETF Selector 8 R1C A Sovereign Plus R1C A Systematic Alpha Index R1C A

UBI Pr. Active Beta UBI Pr. Active Duration UBI Pr. Alpha Equity UBI Pr. Azionario Etico UBI Pr. Azioni Euro UBI Pr. Azioni Europa UBI Pr. Azioni Globali UBI Pr. Azioni Italia UBI Pr. Azioni Mercati Emerg. UBI Pr. Azioni Pacifico UBI Pr. Azioni USA UBI Pr. Bilanc. Euro Rischio Cont. UBI Pr. Euro B.T. UBI Pr. Euro Cash UBI Pr. Euro Corporate UBI Pr. Euro Medio/Lungo Ter. UBI Pr. Obblig. Dollari UBI Pr. Obblig. Glob. Alto Rend. UBI Pr. Obblig. Globali UBI Pr. Obblig. Globali Corp. UBI Pr. Portafoglio Aggressivo UBI Pr. Portafoglio Dinamico UBI Pr. Portafoglio Moderato UBI Pr. Portafoglio Prudente UBI Pr. Privilege 1 UBI Pr. Privilege 2 UBI Pr. Privilege 3 UBI Pr. Privilege 4 UBI Pr. Privilege 5 UBI Pr. Tot. Ret. Mod. A UBI Pr. Tot. Ret. Mod. B UBI Pr. Tot.Ret. Dinamico UBI Pr. Total Return Prudente

Tel. 02 - 430241 www.ubipramerica.it 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR

4,699 5,660 5,059 5,130 5,890 6,088 4,589 5,105 11,512 6,592 4,189 5,933 6,791 7,323 7,900 6,931 4,841 9,539 5,641 7,007 5,357 5,601 5,893 6,075 5,595 5,637 5,568 5,376 5,183 5,093 5,118 4,976 10,529

4,694 5,662 5,052 5,060 5,806 6,005 4,564 5,052 11,393 6,549 4,172 5,896 6,789 7,320 7,904 6,931 4,905 9,531 5,681 7,015 5,317 5,583 5,890 6,075 5,586 5,623 5,547 5,341 5,136 5,095 5,119 4,966 10,530

Numero verde 800 124811 www.nextampartners.com-info@nextampartners.com Nextam Bilanciato Nextam Flessibile Nextam Obblig. Misto AAM Pro Select A AAM Pro Select I BInver International A BInver International I Citic Securities China A Citic Securities China I Fidela A Fidela I Income A Income I International Equity A International Equity I Italian Selection A Italian Selection I Liquidity A Liquidity I Multimanager American Eq.A Multimanager American Eq.I Multimanager Asia Pacific Eq.A Multimanager Asia Pacific Eq.I Multimanager Emerg.Mkts Eq.A Multimanager Emerg.Mkts Eq.I Multimanager European Eq.A Multimanager European Eq.I Strategic A Strategic I 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 21/04 21/04 25/11 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 6,213 4,833 6,053 4,845 4,891 5,016 4,931 5,253 5,373 5,382 5,465 5,467 5,657 5,695 5,291 5,332 3,585 3,698 4,439 4,559 4,545 4,642 3,764 3,865 4,970 5,092 6,180 4,800 6,047 4,827 4,873 4,931 5,253 5,375 5,385 5,407 5,408 5,590 5,628 5,291 5,331 3,597 3,710 4,421 4,541 4,521 4,617 3,727 3,828 4,942 5,064

NEXTAM PARTNERS SICAV

Tel. 02/88219.1 - direzione@gruppoesperia.com www.gruppoesperia.com

Duemme Sicav
Asian Equities C Bond Euro Area C Bond Inflation Linked C Corporate Bond Euro C Dynamic Allocation Efficient Equity Opportunity C Euro Equities C Euro Investments C Flexible Strategies C Global Allocation C Global Convertible Plus Gov Bond Euro Medium Term C Italian Stocks Money Market C Private Equity Strategies C Revenues C Sector Investments Strategic Portfolio C Trading US Equities C Usa Short Term C 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 21/04 JPY EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR USD USD 6157,000 138,170 100,170 120,400 93,820 100,590 114,400 97,820 104,410 93,650 100,910 99,530 115,960 74,230 105,740 91,550 100,980 94,250 101,850 111,200 112,800 111,930 6073,000 138,190 100,290 120,460 92,560 100,530 114,150 96,140 104,660 93,980 100,140 99,100 115,970 73,150 105,740 90,920 100,420 93,990 100,350 110,450 111,300 111,940

Invesco Funds II
Global Small Cap Value R Global Value Eq. R Japanese Eq. Advantage R Japanese Value Eq. R US Small Cap Growth R US Value Eq. R

AZIMUT SGR - tel.02.88981 www.azimut.it - info@azimut.it Azimut Bilanciato Azimut Formula 1 Alp +20 Azimut Formula 1 Conserv Azimut Formula 1 Hi. Risk Azimut Formula 1 Low Risk Azimut Formula 1 Risk Azimut Garanzia Azimut Prev. Com. Crescita Azimut Prev. Com. Equilibrato Azimut Prev. Com. Garantito Azimut Prev. Com. Protetto Azimut Scudo Azimut Reddito Euro Azimut Reddito Usa Azimut Solidity Azimut Strategic Trend 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 20/04 EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR EUR 24,210 6,328 6,389 6,953 6,618 6,628 12,340 9,735 10,901 9,823 11,471 7,569 15,526 5,521 7,858 5,273 23,990 6,307 6,376 6,890 6,608 6,585 12,345 9,702 10,868 9,808 11,455 7,582 15,530 5,594 7,864 5,263

Asian Equity B Asian Equity B Capital Opportunities Capital Opportunities Hdg Emerg Mkts Equity Emerg Mkts Equity Hdg European Equity Greater China Equity Greater China Equity Growth Opportunities Growth Opportunities Hdg Italian Equity Japanese Equity Japanese Equity Hdg Reserve Liquidity Swiss Equity Swiss Equity Hdg US Equity US Equity Hdg

www.vitruviussicav.com 20/04 EUR 20/04 USD 20/04 USD 20/04 EUR 20/04 USD 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 USD 20/04 USD 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 JPY 20/04 EUR 20/04 EUR 20/04 CHF 20/04 EUR 20/04 USD 20/04 EUR

78,900 109,550 98,650 92,520 487,060 481,860 224,770 91,170 129,600 56,370 62,710 89,970 91,650 120,670 118,130 114,260 86,480 118,540 133,000

77,580 107,660 97,290 91,280 476,040 471,090 221,420 89,930 127,740 54,870 61,050 89,370 90,730 119,440 118,130 112,430 85,110 116,520 130,730

Invesco Stic
Euro Liquidity US Dollar Liquidity US Dollar Treasury 21/04 EUR 21/04 USD 21/04 USD

Duemme Sgr
Duemme Hedge Dynamic Duemme Hedge Performance Duemme Hedge Protection 28/02 EUR 422409,666 419442,360 28/02 EUR 573785,185 571185,351 28/02 EUR 571669,214 566276,292

Dynamic US Market Dynamic US Market EQQQ EQQQ

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.invescopowershares.net 20/04 EUR 6,274 20/04 USD 9,104 20/04 EUR 39,928 20/04 USD 57,937

6,253 8,950 39,602 56,684

8a+ Eiger 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Matterhorn 8a+ Monviso

Tel 0332 251411 www.ottoapiu.it 20/04 EUR 5,027 4,934 20/04 EUR 5,428 5,433 20/04 EUR 5,259 5,229 15/04 EUR 630705,619 640438,425 20/04 EUR 5,163 5,158
Quota/od. = Quota odierna
132DC56B

www.oysterfunds.com Absolute Return EUR2 Absolute Return Italy 20/04 EUR 20/04 EUR 149,590 163,230 149,220 161,970

Legenda: Quota/pre. = Quota precedente;

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Economia 55
Guerra legale con Apple

La sentenza Sette aziende di Modena coinvolte: da Ferrari a Emmegi. Landini a Federmeccanica: basta intese separate

Contratti, un altro round alla Fiom


Il tribunale: validi gli accordi 2008. Camusso: Marchionne riapra il confronto
Indiscreto

Poste e Hsbc aprono in India


(m.sid.) Partiranno nei prossimi mesi le Poste Pay indiane: il gruppo postale guidato da Massimo Sarmi e Hsbc hanno firmato in questi giorno laccordo con cui viene formalizzata la partnership per fornire in 155 mila uffici postali indiani il servizio di carte prepagate nei prossimi tre anni. Per le Poste il contratto prevede il pagamento della consulenza. Ma la parte pi interessante la percentuale incassata per ogni carta venduta. Unopzione che permetterebbe di alimentare un flusso discreto di ricavi in caso di successo delloperazione Poste Pay indiana. In realt Sarmi ha gi avuto dei contatti con la direttrice delle Poste indiane per sviluppare il servizio al di l del prodotto base sfruttando la grande diffusione dei cellulari in un territorio molto rarefatto. Lobiettivo puntare su una poste pay virtuale che peraltro il manager starebbe studiando anche per lItalia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ROMA Per i metalmeccanici esistono due contratti nazionali di lavoro pienamente validi: quello del 2008 firmato da Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil e quello del 2009, sottoscritto da Fim e Uilm, ma non dalla Fiom. Lo ha gi affermato la scorsa settimana il giudice del lavoro di Torino nella sentenza sul ricorso promosso dalla Fiom contro la Bulloneria Barge. Ma ieri lo ha ribadito una sentenza del tribunale di Modena, sempre su ricorso della Fiom, che questa volta tocca 7 note aziende: Emmegi, Maserati, Rossi, Glem Gas, Ferrari, Case New Holland e Titan. Tre di queste, Maserati, Ferrari e Case New Holland, fanno parte del gruppo Fiat. Gruppo al quale si rivolta ieri la leader della Cgil, Susanna Camusso, chiedendo allamministratore delegato, Sergio Marchionne, di riaprire il confronto. Nella sentenza di Modena, il giudice Carla Ponterio, accogliendo le richieste della Fiom, ha condannato le 7 imprese per condotta antisindacale per due motivi: 1) Hanno sostituito illegittimamente il contratto "separato" del 2009 a quello del 2008 che era ancora vigente (scade il 31 dicembre 2011). Ci sono invece due contratti validi, dice la sentenza: quello separato si applica solo ai lavoratori della Fim e della Uil. Invece, ai lavoratori Fiom e a quelli senza tessera (salvo che non chiedano di aderire allaccordo del 2009) continua

Il leader Cgil Susanna Camusso, il numero uno Fiat, Sergio Marchionne e il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini

ad applicarsi il contratto del 2008. Questo significa che le parti del contratto 2009 peggiorative di quelle del 2008 non sono valide per questi lavoratori. Ci si riferisce in particolare alle nuove norme sul part time e alla possibilit di accordi aziendali in deroga al contratto nazionale. 2) Le stesse aziende, dice la sentenza, si sono poi prestate a raccogliere per conto di

Fim e Uilm la quota contratto, cio il contributo (30 euro) che i sindacati chiedono ai lavoratori non iscritti dopo aver firmato il contratto, una sorta di rimborso per il servizio di contrattazione. Secondo il giudice, anche la raccolta della quota configura una condotta antisindacale ai danni della Fiom perch avvenuta omettendo di informare i lavorato-

Parmalat e lultimatum di Granarolo


francesi o no? (E se s, come giustificare il fatto di restare sotto il 30% a dispetto dei piccoli risparmiatori). Ora c lultimatum di Granarolo, leggi Granlatte: o siamo della partita da subito o niente fanno sapere. Ma se continua cos il rischio che non ci sia pi la partita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

di MASSIMO SIDERI

Ci mancava solo che Granarolo puntasse i piedi, come se i cavalieri per difendere litalianit della Parmalat non avessero gi abbastanza problemi. Le riunioni tra Intesa, Unicredit, Mediobanca, Bnl e la Cdp si sono susseguite anche in questi giorni senza riuscire a trovare la soluzione. Opa o non Opa? Accordo con i

ri che il contratto del 2008 non era cancellato da quello del 2009. Le aziende si sono difese in giudizio sostenendo che la Fiom ha tacitamente riconosciuto il contratto del 2009 perch i suoi iscritti hanno tutti accettato gli aumenti di retribuzione previsti dallo stesso (in media 110 euro nel biennio). Ma il giudice ha respinto questa tesi, ricordando che la stessa Fiom ha comunicato formalmente alle aziende di considerare tali aumenti una mera erogazione unilaterale e che le aziende non hanno pagato lindennit di vacanza contrattuale prevista dal contratto del 2008. Secondo la sentenza, inoltre, le imprese avrebbero dovuto comunicare ai lavoratori che vigono due contratti e che agli iscritti Fiom gli aumenti previsti dallintesa del 2009 vengono riconosciuti in applicazione del principio di maggior favore, ai sensi quindi dellarticolo 36 della Costituzione. Il leader della Fiom, Maurizio Landini, ha commentato la sentenza dicendo che ora bisogna risolvere il problema della rappresentanza. Fim e Uilm sostengono che quella della Fiom una vittoria di Pirro perch le aziende potrebbero a questo punto non pagare ai lavoratori Fiom i 110 euro previsti dal contratto del 2009. Ma chiaro che in questo caso si aprirebbe un nuovo contenzioso.

iPad copiato: Samsung va al contrattacco


MILANO Contrattacco legale di Samsung contro Apple. Il colosso dellelettronica sudcoreano, guidato da Gee-Sung Cho (nella foto), ha controdenunciato la casa di Cupertino per la presunta violazione di alcuni suoi brevetti, 10 in totale sulla trasmissione dati wireless, impiegati nella produzione di iPhone e iPad. Loffensiva di Samsung contro il suo primo grande cliente? Attraverso il deposito di azioni legali su cinque brevetti al tribunale di Seul, due a Tokyo e tre a Mannheim (Germania). Appena la settimana scorsa, Apple aveva citato a sua volta in giudizio il numero 2 mondiale dei cellulari dinanzi alla corte distrettuale della California del Nord, chiedendo un indennizzo e lo stop immediato delluso delle soluzioni per smartphone e tablet basati sul sistema operativo Android di Google. Samsung si legge in una nota sta attivamente rispondendo alle mosse legali allo scopo di proteggere e tutelare la propria propriet intellettuale, e per garantire linnovazione continua e la crescita nel business delle comunicazioni mobili. A tal proposito la compagnia prevede di muovere un ulteriore passo con la presentazione di una querela presso un tribunale degli Stati Uniti contro Apple, su cui per necessario prendere un po pi di tempo a causa dellesame di alcune procedure regolamentari. Gli esperti di settore, tuttavia, hanno ipotizzato che le due societ stanno probabilmente lavorando alla definizione di un accordo extragiudiziale.

Enrico Marro
RIPRODUZIONE RISERVATA

R. F.
RIPRODUZIONE RISERVATA

56

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Cultura
Manifesto Il Novecento ha messo sempre pi laccento sui diritti individuali. Ora venuto il momento di riscoprire la cultura del progetto

Scrittori, torniamo alla responsabilit


Lingua, religione, patria, societ: decalogo per richiamare gli intellettuali al bene comune
CARTA DEI DOVERI

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Fede per la lingua italiana Lavorare per il bene comune dellItalia e assumersene tutte le responsabilit
Ugo Foscolo

Mai disgiungere lopera dalla persona

Rifiutare le ideologie in nome della cultura laica e cristiana

Stato forte; Papa forte

Divulgare il talento come imperativo di libert e bene nazionale

Ogni mattina ricordarsi di chi mor sulla croce, nel Dovere di farsi uomo
SantAgostino

Uccidere lignavia a costo della povert

Amare lItalia a prescindere dalla retorica di ogni colore

Lavoro, passione e generosit

Alessandro Manzoni

Pier Paolo Pasolini

Carlo Cattaneo

Dante Alighieri

Giuseppe Ungaretti

Giuseppe Parini

Scipio Slataper

Giuseppe Mazzini

di AURELIO PICCA

ar perch sono stato educato alla bont del lavoro e non al facile guadagno; sar perch, da bambino, ho visto nelle botteghe gli artigiani spinti alla pialla dalla passione, le pantalonaie mute e pazientissime sugli orli e le asole, i posatori di pavimenti soddisfatti solo dopo avere usato il filo con il piombo che, in caduta verticale e perfetta, tracciava il corso delle dodici ore lavorative. Forse sar stato anche per quel ritratto di Giuseppe Mazzini nero come un padre somasco e minuto quanto un piccolo santo del peso giusto di una candela, che non ho mai applaudito i diritti ma ho cercato di crescere e migliorare tra i doveri. Non a caso Mazzini ha scritto Dei doveri delluomo e la sua religione del dovere da subito si confrontata con la miccia rivoluzionaria di Carl Marx che proclamava, in nome dei diritti del proletariato: Non avete da perdere che le vostre catene. Ma gi in epoca moderna, anzi, contemporanea, la Rivoluzione

Francese aveva tentato di cambiare il mondo in nome delle libert borghesi e si era spinta, con il Comitato di salute pubblica, talmente avanti che La Vedova aveva preso a tagliare teste in una catena di montaggio da serial killer per cessare di colpire dopo lultimo e pi illustre scalpo, quello dellIncorruttibile Robespierre. Da allora, e prima della Restaurazione (laltra grande arriver dopo il 48), nascer il philosophe, il matre--penser, dunque lintellettuale. Anche nella Rivoluzione bolscevica i diritti saranno sugli scudi e gli intellettuali occidentali, a cavallo delle due guerre e successivamente, ingrosseranno le fila coniando slogan sempre sui diritti e i diritti. A naso cito la rottura esistenzialista in Francia tra Sartre e Camus: dove il primo paladino di ogni diritto contro la societ borghese, mentre Camus incomincia a meditare su come la vita stessa sia una sequela di doveri pi o meno realizzati e realizzabili. Poco prima, sempre in Francia, Drieu La Rochelle affermando che i

chierici, gli artisti e gli intellettuali Hanno doveri e diritti superiori a quelli degli altri, in qualche modo aveva forzato la lancetta dellorologio degli intellettuali verso i doveri. Quei famosi doveri che lo condurranno al suicidio. Pure un eroe del nostro Risorgimento, Carlo Pisacane, il pi estremista e socialista, quello che appunto coni il motto imporre il dovere con le armi, alla fine fu costretto al suicidio. Ora comunque bene passare ai fatti dellItalia, cio ai fatti nostri. Giuseppe Parini fu fedele solo ai Doveri; Alessandro Manzoni della lin-

gua italiana e della nostra cultura fece una chiesa; Scipio Slataper, con Il mio Carso trasform il dovere in preghiera; Enrico Toti si immol nella battaglia per Gorizia. E che dire di tutti quei giovani intellettuali che persero la vita nelle dodici battaglie dellIsonzo, quando Gabriele d'Annunzio li esortava a dare di pi per la Patria, di pi, perch la morte da sola non basta? Da allora a oggi sembra passato un mondo intero. Siamo su unaltra galassia. C un gridare e un puntare i piedi in nome dei diritti. Tra intellettuali che non si capisce pi

Dibattito a Roma

Nuove leve a confronto


] Aurelio Picca (Velletri 1957), scrittore e poeta, ha pubblicato (per Rizzoli) i romanzi Tuttestelle, Bellissima, Lesame di maturit, Sacrocuore, Via Volta della morte e il recente Se la fortuna nostra. ] Il 29 aprile nella sede romana della Laterza si terr Generazione TQ un seminario che metter a confronto sul ruolo degli intellettuali oltre un centinaio tra scrittori, critici, editori trenta-quarantenni (www.laterza.it)

che cosa sono o cosa vogliono, e nelle assemblee di condominio, si spezzato perfino il dialogo fatto di buongiorno e buonasera. Infatti o si strepita o non ci si riconosce. A esempio, gli invitati nei pollai televisivi, ai quali accennava proprio su queste pagine Raffaele La Capria, sono intellettuali? E gli scrittori italiani che cosa sono? Molti di loro, giallisti, pulpisti, addizionatori di pagine fiction, quale progetto culturale hanno per il Paese, mi chiedo. I loro elenchi, scritti in un solo e neutrale idioma, da quale necessit sono sostenuti? I loro libri stanno soltanto alle ambizioni sociali che un tempo erano degli avvocati, dei medici, oppure poggiano sulla fede nello scandalo che pone sempre luomo, prima dellartista, di fronte a una responsabilit prossima a gettare nella mischia la propria vita? E diciamolo, Roberto Saviano, dove lo possiamo collocare. un politico? uno scrittore? un giornalista? un volto televisivo? S, anche quel ragazzo

che ha rilanciato al grande pubblico le metastasi della mafia, della camorra, certo, bravo, ma quale il suo progetto per lItalia? pronto a lavorare per il bene comune? Ha nelle vene la forza per scrivere un grande romanzo che sappia spingere per lingua, espressione, passione, progetto comune la nostra societ in avanti, aprendo spazi vivi nellanfiteatro di una nuova polis? dunque da questo insopportabile e globalizzante conformismo che trovo giusto e sacrosanto uscire dal recinto e redigere una Carta dei doveri. Senza diritti. Solo Doveri. Un Decalogo i cui principi, dieci, come i Dieci comandamenti, possano essere discussi e sostituiti dai volenterosi affinch lignavia, lirresponsabilit, lo spregio del lavoro vengano cancellati dal ricordo di chi, in epoche e momenti storici diversi, ha combattuto e si sacrificato per il Dovere: il dovere intellettuale di darsi al mondo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Terza Pagina 57

Elzeviro
Un secolo e mezzo fa moriva il conte

Il caso Il critico non lascia la Biennale ma ribadisce: I due incarichi erano collegati. Scontro con i Beni culturali

CAVOUR VITTIMA DELLA MALASANIT


di GIUSEPPE REMUZZI

Nuovo soprintendente. Sgarbi dalla Cgil


A Venezia nominata Giovanna Damiani. Lui va al sindacato
di PAOLO CONTI
l ministro Giancarlo Galan ha deciso. Giovanna Damiani, classe 1953, attuale soprintendente a Parma e Piacenza, il nuovo titolare del Polo museale speciale di Venezia, che lei stessa guidava ad interim da pi di due mesi. Prende di fatto il posto occupato da Vittorio Sgarbi fino al 10 febbraio scorso, quando la Corte dei conti dichiar illegittima la sua nomina del maggio 2010. stata la direzione generale per le Belle arti, retta da Antonia Pasqua Recchia, a proporre la selezione di Giovanna Damiani tra quattro candidati. Ma il caso Sgarbi resta apertissimo sia sul fronte della soprintendenza sia su quello della direzione del Padiglione Italia per la ormai vicinissima Biennale darte. Incarico per il quale Sgarbi ha annunciato le dimissioni, sospendendole immediatamente dopo. Troppi, a suo avviso, i legami organizzativi e artistici tra i due compiti, che lui giudica inscindibili. Lo storico dellarte ha chiesto alla Cgil la tutela sindacale per la sua illegittima esclusione dalla soprintendenza veneziana. E il suo legale, Giampaolo Cicconi, ha annunciato che ricorrer penalmente proprio contro Antonia Pasqua Recchia, per turbativa di gara avendo diffuso notizie false e avendo male indirizzato il suo ministro con tradimento della sua funzione. Sgarbi laccusa di ignorare la legge e di svolgere la sua funzione dirigenziale senza averne le competenze tecniche. Tutto nasce dal ruolo della direzione generale per le Belle arti. Arrivato al ministero, Galan ha trovato sul tavolo il primo nodo: Sgarbi-soprintendenza di Venezia. Antonia Pasqua Recchia gli ha presentato le candidature interne, spiegandogli il contenuto della sentenza della Corte dei conti: Sgarbi avrebbe potuto essere nominato soprintendente solo se non si fossero presentati candidati interni con i titoli adeguati. Quindi, secondo gli uffici amministrativi e legali del ministero, la partecipazione di Sgarbi alla selezione sarebbe stata impossibile. Per questo Galan ha scritto a Sgarbi marted 20, comunicandogli che non avrebbe potuto sceglierlo per lincarico: Sono certo che in cuor tuo sai che la scelta compiuta lunica percorribile, se si vogliono evitare ulteriori ritardi e contenziosi che in questo momento non gioverebbero a nessuno. La reazione a caldo dellinteressato stata durissima: Galan non un ministro, ma un uomo che non sa quello che fa. Perch Sgarbi assolutamente certo
(UN CANTIERE TRA I TURISTI A PIAZZA SAN MARCO, VENEZIA 2009, FOTO ANSA)

difficile per noi leggere il resoconto della malattia e delle cure a cui stato sottoposto il conte di Cavour e stare calmi. Comincia cos una nota dell11 luglio 1861 pubblicata nel New England Journal of Medicine. Le autorit del Vaticano e dellAustria dovrebbero onorare con lalloro i tre medici che hanno deciso di togliere il sangue al pi illustre dei loro pazienti e di farlo per ben tre volte il primo giorno della sua malattia e poi due volte il secondo e poi sei volte il terzo e, quando era stremato senza pi vene per poter essere salassato di nuovo, lhanno messo in un bagno caldo. Lanalisi del New England impietosa: febbre, ripetuti salassi, e in pi i bagni caldi e poltiglie di polvere di senape, avrebbero ucciso un cavallo. E non basta, c indignazione in tutta Europa per una vita che poteva essere risparmiata e che venne invece sacrificata sullaltare del pregiudizio di medici antiquati e supponenti.

I gravi errori
dei medici italiani furono denunciati dalle pi note riviste anglosassoni
Solo poche settimane prima, il 15 giugno del 1861, il Lancet aveva dedicato alla morte di Cavour unintera pagina. Ne esce ammirazione incondizionata per un eroe della libert, per un uomo dallintelletto sagace che vedeva ben pi in l della politica, per il letterato che sapeva di scienza e ne capiva il valore. Solo lui avrebbe voluto portare in Italia le istituzioni democratiche dellInghilterra (c niente di pi che un inglese della met dellOttocento potesse scrivere?). Ma la carriera del pi grande statista dei tempi moderni stata stroncata da medici che sono rimasti indietro. E s che gli inglesi la medicina lavevano imparata da noi. Il nostro grande Harvey ammette il "Lancet" , che ha messo le basi della medicina moderna a partire dalla scoperta che il sangue circola, non ci sarebbe arrivato mai se non fosse stato a Padova, alla scuola di Fabrizio da Acquapendente e Casserio. E Harvey non stato il solo. A quei tempi e anche prima, chiunque aspirasse a essere un medico di

valore andava a studiare in Italia. Fa una certa impressione leggere nel Lancet del 1861 che il debito dellInghilterra verso lItalia incalcolabile. Poi per si perso tutto. Perch? Larticolo del Lancet azzarda una spiegazione: negli stessi giorni in cui moriva Cavour, lo Stato Pontificio, quello stesso che 300 anni prima aveva perseguitato Galileo e che faceva di tutto per opporsi alla scienza, aveva cacciato fuori 15 medici, i migliori. Cosa rimproverano gli inglesi ai nostri medici? Di non saper osservare il corso naturale delle malattie e di non aver imparato che prima di agire serve capire. I nostri medici invece si basavano sulla risposta agli stimoli, cos gli effetti dei loro rimedi si confondevano con i sintomi della malattia e il rimedio era peggio del male (aegrescitque medendo, Virgilio, Eneide 12,46) Due giorni prima del Lancet, il British Medical Journal pubblicava una lunghissima lettera sulla morte di Cavour. Lautore, un vecchio medico inglese Robert Wollaston , attacca la medicina italiana e chi la pratica in modo ancora pi esplicito (conosco uno di Genova, curato per polmonite da uno dei medici pi in vista; gli hanno tolto il sangue sedici volte in pochi giorni e con lidea di volerlo guarire lhanno fatto a pezzi). Ma il vecchio dottore inglese cauto: Non facciamo come gli italiani per carit, ma non seguiamo nemmeno la moda di adesso, quella degli influenti professori del Kings College che vogliono buttare via trentanni di esperienza. Per loro non si dovrebbe mai salassare nessuno. Il bello che nemmeno Wollaston sa quanto sangue si deve cavare ogni volta e per che malattia. Cos fa una proposta al direttore del giornale. Ci sono 12 mesi in un anno, assegniamo a ciascun mese un organo, un mese per il cervello, uno per cuore, uno per polmone, uno per fegato, lo stomaco, lintestino, il rene, lutero, la vescica e cos via. E chiediamo ogni mese ai medici inglesi di scrivere e raccontare la loro esperienza sulle malattie di quellorgano e di come vanno con o senza salassi. Se ne potrebbe fare un libro che servir da guida per tutti i medici e, gi che ci siamo, chiediamogli anche che altro hanno usato, oppio, mercurio, purghe, chinino. Chiss se il direttore del British Medical Journal lavr fatto. Certo questa la base della medicina moderna (e c persino quello che oggi con una brutta espressione chiamano linee guida). Tutto per via dello sgomento che la morte del conte di Cavour aveva suscitato nei dottori di l delle Alpi e di l delloceano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vicenda

Ecco i capitoli del caso Sgarbi-Galan-Venezia: ] Gennaio 2010. Il ministro Sandro Bondi nomina Sgarbi responsabile del Padiglione Italia della Biennale 2011. ] Maggio 2010. Bondi nomina Sgarbi soprintendente del Polo museale speciale di Venezia. ] Febbraio 2011. La Corte dei conti ricusa il visto e la registrazione della nomina di Sgarbi, perch privo dei titoli. ] 31 marzo 2011. Il ministero indice una nuova selezione per Venezia e Sgarbi concorre ] 20 aprile 2011. Galan scrive a Sgarbi: non potr nominarlo soprintendente per la sentenza della Corte dei conti. Ieri la nomina di Giovanna Damiani (nella foto)

che la sua posizione di alto commissario della Regione Sicilia per Piazza Armerina lo ponga nella condizione di direttore generale e quindi con titoli ancora superiori a quelli degli altri candidati. Al ministero controribattono che le due amministrazioni (Regione a statuto speciale e ministero) sono realt diverse. Ma Sgarbi non rinuncia a un ennesimo fronte, stavolta intellettuale. A suo avviso leccesso di burocrazia (durante la selezione) porta a un logoramento nel pensiero con gravi danni alle istituzioni arrivando fino allinganno di uno sprovveduto ministro naturalmente incompetente. Sgarbi comunque si dichiara compiaciuto per la nomina di Giovanna Damiani, alla quale invia i suoi auguri, ma conferma lazione legale contro Antonia Pasqua Recchia e attende rassicurazioni dal ministro in ordine alla attivit di direttore della Biennale di Venezia per valutare leventualit delle sue dimissioni. Qui arriviamo al secondo capitolo del problema. Sgarbi sostiene che il suo incarico di direttore del Padiglione Italia della Biennale nasceva in stretto collegamento con quello di soprintendente e di aver avuto sempre ampie rassicurazioni, in questo senso, dalla macchina ministeriale. Ma proprio Antonia Pasqua Recchia, nella lettera del 21 aprile, gli ricorda: Come lei ben sa, in nessuna circostanza i due incarichi sono stati collegati da parte di questo ministero anche perch rispondono a logiche totalmente diver-

se. Risposta di Sgarbi, nero su bianco: vero esattamente il contrario, come lei sa bene, e trovo scandaloso che lei voglia negarlo in contrasto con le autorevoli testimonianze dellex ministro Sandro Bondi e del presidente della Biennale, Paolo Baratta. Ma Galan, nella lettera a Sgarbi, sostiene lidentica tesi del suo direttore generale: non esiste nesso tra i due incarichi. Sgarbi ora dimissionario-sospeso e intanto prosegue il suo lavoro di direttore del Padiglione Italia. Dice Paolo Baratta:

Laccusa del protagonista Leccesso di burocrazia porta a un logoramento nel pensiero con gravi danni alle istituzioni arrivando fino allinganno
Non credo che abbandoni. Sgarbi genio e sregolatezza, ma questa una buona opportunit di lavoro e lui ha un progetto. Giovanna Damiani assicura il proprio sostegno al Padiglione Italia per la Biennale: Da parte mia ci sar la massima collaborazione, con il ministero faremo tutto il possibile perch il progetto abbia tutti gli spazi possibili in relazione alla situazione contingente. Ora si apre un nuovo capitolo, tutto da scrivere: varare davvero il Padiglione Italia firmato da Vittorio Sgarbi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tendenze Due collane Skira su episodi di pittura, tra documenti e narrazione

Salaino, Carpaccio, Lotto e Cellini le vite degli artisti diventano racconti


di PIERLUIGI PANZA
arrare con precisione documentaria e linguaggio letterario episodi di storia dellarte sono gli obiettivi di due collane mandate in libreria della casa editrice Skira, curate da Eileen Romano e caratterizzate da arguzia e brevit dei testi. La prima, NarrativaSkira, che segue pubblicazioni delleditrice gi in commercio come lintrigante La orripilante storia del teschio di Goya di Gaya Nuno (pp.54, 15), prevede due uscite per l11 maggio: Marco Messeri, Vita allegra di uno sventurato (pp. 172), racconto dellesistenza stravagante di Benvenuto Cellini, e Le calze rosa di Sala di Pietro Marani (pp. 106). Marani, uno dei maggiori studiosi di Leonardo da Vinci, ipotizza lesistenza di un diario di Sala o Salaino (lallievo e amante Gian Giacomo Caprotti) di cui lerede ufficiale delle carte di Leonardo, il Melzi, vuole impossessarsi perch compromettente. I finti diari di Sala (la sua Gioconda nuda nella foto), che riemergono dalle mani della di lui sorella Lorenziola, sono inventati da Marani quasi collazionando documenti come note di pagamento e vari codici,

tanto da intersecare realt e finzione. La vita del Caprotti ha sempre affascinato gli studiosi, dal Vasari a Beltrami. Laltra collana, smsSkira, di saggistica colta. Il dato filologico-documentario resta sullo sfondo del testo e agli studiosi viene chiesto uno sforzo divulgativo in poche pagine su particolari inediti o poco noti dellarte. Tra i primi testi in uscita c il saggio su Lorenzo Lotto di Anna Banti e uno studio del direttore dei Musei civici di Venezia, Giandomenico Romanelli, su Il miste-

Convegno a Torino

Federalismo e Mezzogiorno secondo il Partito dAzione


Dal 28 al 30 aprile si tiene a Torino la settima edizione di Giellismo e azionismo cantieri aperti, lincontro annuale che lIstituto piemontese per la storia della Resistenza dedica a un importante filone della cultura antifascista. Si parler di meridionalismo, di federalismo, di memoria della guerra partigiana, del rapporto tra azionismo e storia dItalia. Partecipano tra gli altri: Aldo Agosti, Giovanni De Luna, Piero Graglia, Nerio Nesi, Gianni Perona, Marco Revelli, Andrea Ricciardi, Elena Savino, Paolo Soddu, Simone Visciola.

Stile La capacit narrativa dello scrittore deve esaltare e accompagnare i dati storici e documentari

ro delle due dame. Questopera di Carpaccio, che come si scopre un mutilo, fu definita da John Ruskin il pi bel quadro del mondo. E un quadro, per, che venne tagliato in due dai Correr e la cui parte alta, La caccia in valle, venne fortunosamente acquistata dallarchitetto-collezionista Busiri Vici nel 44. Compare infine in questa collana anche un libro-intervista di Jean Clair, Breve storia dellarte moderna, in cui il critico francese ribadisce la centralit di Duchamp. Credo che lo sforzo di sdoganare una storia dellarte per episodi dalla mera pubblicazione da Atti del convegno sia da sostenere. Anche se si tratta di operazione delicata, nella quale la capacit narrativa dello scrittore deve esaltare e accompagnare i dati storici e documentari. Quando il piano dellinvenzione si mischia ai dati accertati mi sembra che loperazione possa generare difficolt. Per cui agli autori richiesta sempre una doppia competenza, storica e letteraria. Lassenza di una delle due depotenzia loperazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA

58

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Idee&opinioni
IL DIBATTITO SULLARTICOLO 1

Corriere della Sera SMS


Le news pi importanti in anteprima sul tuo cellulare. Invia un sms con la parola CORRIERE al 4898984
Servizio in abbonamento (3 euro a settimana). Per disattivarlo invia RCSMOBILE OFF al 4898984 Maggiori informazioni su www.corrieremobile.it

LA VISITA DI SARKOZY IN LIBIA CON LO SGUARDO FISSO AI SONDAGGI

Costituzione, lavoro e libert Il compromesso per una rinascita


di PAOLO FRANCHI

Massimo Nava
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL BLACKOUT DELLA PLAYSTATION E QUELLA RETE COS VULNERABILE

Defaillance tecnica o sabotaggio hacker? Mentre scrivo non si conoscono ancora i motivi che, da 48 ore, impediscono alle miriadi di impallinati della PlayStation sparsi per il mondo di usufruire del PlayStation Network, il servizio gratuito offerto dalla Sony che consente agli utenti di giocare online, comunicare con gli amici ed esplorare il Web. Chi tenta di accedere si scontra con un segnale di errore, ma le scarse informazioni che filtrano dalla Sony alimentano le voci in merito a un micidiale attacco esterno. In particolare, i riflettori sono puntati sugli Anonymous, un gruppo hacker gi protagonista di clamorose iniziative contro la societ giapponese, anche se non sono arrivate rivendicazioni (anzi sembra che gli interessati abbiano smentito ogni coinvolgimento nellaccaduto). In attesa di capirne di pi, tuttavia, gi possibile fare un paio di riflessioni. La prima si riferisce al livello di dipendenza che alcuni fan dei videogame sembrano avere raggiunto: dai messaggi postati sui blog degli appassionati emergono le emozioni tipiche dei soggetti in preda a crisi di astinenza, dallangoscia alla rabbia con-

tro i colpevoli (se dovesse risultare che la causa del disastro non un attacco esterno bens un errore tecnico, la Sony avr il suo bel da fare a placare gli animi). Unangoscia e una rabbia alle quali, probabilmente, si contrappongono in queste ore i sospiri di sollievo di fidanzate, genitori e amici, momentaneamente esentati dallesperienza di vivere accanto ai simulacri senza vita dei loro cari, presenti fisicamente ma mentalmente proiettati in una dimensione parallela. La seconda riguarda il continuo proliferare di manifestazioni di fragilit delle reti tecnologiche complesse. Da questo punto di vista, non fa molta differenza chi o che cosa abbia messo fuori uso il PlayStation Network: il punto che milioni di persone connesse attraverso la Rete possono di punto in bianco veder collassare il proprio sistema di relazioni con conseguenze che nel caso in questione si limitano al disagio psicologico, ma in altri casi possono essere ben pi gravi, coinvolgendo leconomia, la politica o, addirittura, la sicurezza di vaste comunit umane.

considerare alternativi a quelli del lavoro. Dovremmo tenerlo a mente. Sar pure stato un compromesso, ma in un Paese distrutto dalla guerra, e in una stagione in cui poco mancava che ci si sparasse dai tetti, su quel compromesso si fond la rinascita dellItalia. Basterebbe molto meno per essere grati ai costituenti. Vuol dire che, per questo, dobbiamo tenercelo per sempre? Lobiezione nota, e anche fondata. Tutta questa impalcatura avr pure avuto in un passato ormai remoto i suoi meriti, ma venuta fragorosamente gi, allinizio dei Novanta, prima di tutto perch era ormai marcia. E, se bisogna costruirne una nuova, non si pu certo pensare di farlo poggiando sulle basi di quella che appena crollata. Dunque, la Costituzione va cambiata, eccome. Sono quasi ventanni che si gira in tondo attorno alla questione, e senza alcun costrutto: finito il tempo dei tentativi dintesa destinati in partenza al disastro, siamo entrati in quello dello scontro furibondo tra chi vorrebbe mutarla in profondit a propria immagine e somiglianza e chi alza la bandiera (fino a qualche anno fa si

BEPPE GIACOBBE

LEliseo ha cominciato a diffondere un libretto in cui si traccia il bilancio, ovviamente positivo, dei primi quattro anni della presidenza Sarkozy. Ma, quasi in contemporanea, lennesimo impietoso sondaggio annuncia la sua sconfitta alle presidenziali dellanno prossimo e la probabile umiliante eliminazione al primo turno a vantaggio di Marine Le Pen, la leader del Fronte Nazionale che in questo momento domina e condiziona la politica francese. Per quanto i sondaggi abbiano oggi importanza relativa, essendo che lopposizione socialista non ha ancora scelto chi sar lo sfidante, le ultime mosse dellEliseo sembrano dettate dalla paura e dalla necessit di recuperare lelettorato oggi sedotto dalle parole dordine del Fronte: emigrazione e sicurezza. Si spiegano cosi la reiterata volont di rivedere le regole di Schengen e i difficili rapporti con lItalia che non sembrano destinati a riscaldarsi al vertice di marted a Roma. Se Sarkozy deve fare i conti con Marine Le Pen, Berlusconi appare sempre pi condizionato dalla Lega ed entrambi non possono permettersi di volare pi alto sulla questione immigrazione, nel senso di

guardare pi al futuro dellEuropa e del Mediterraneo che agli elettori di Nizza o di Varese. Al tempo stesso, altre incomprensioni potrebbero frapporsi attorno alla crisi libica. vero che le diverse sensibilit iniziali rispetto alla sorte di Gheddafi e alle ragioni dellintervento militare sono oggi sintonizzate sullo stesso obbiettivo luscita di scena del rais ma anche vero che Sarkozy non perde loccasione di volere dominare la scena. di ieri, secondo Le Monde, lannuncio di una prossima visita a Bengasi, prima ancora di stabilire se con Sarkozy ci sar anche il premier britannico Cameron. Una mossa che pu avere un senso in questa fase di stallo sul piano militare, ma che ancora una volta rilancia le insinuazioni sulla ricerca di un tornaconto elettorale. Al di l delle insinuazioni, crisi libica e immigrazione verso le coste italiane o verso la riviera francese restano intimamente legate. Che lo siano per il destino infelice dei popoli del Maghreb purtroppo un fatto. Che lo diventino per calcoli politici abbastanza deprimente.

a ragione Angelo Panebianco, la dimensione simbolica di una carta costituzionale non meno importante delle sue regole operative, discuterne i principi fondativi (e dunque, nel caso della nostra Costituzione, la prima parte, e lo stesso articolo 1) non una perdita di tempo n, tanto meno, un peccato. E non lo sar nemmeno quando del furore revisionistico dellonorevole Remigio Ceroni, e magari anche di altre e allapparenza pi impegnative sortite (a proposito: che ne dellimpegno del centrodestra a riformare radicalmente larticolo 41, secondo il quale la libera iniziativa non pu svolgersi in contrasto con lutilit sociale?) avremo perso memoria. Benissimo. Discutiamo. E allora dico subito che sullarticolo 1 sono pi daccordo con Michele Ainis (Corriere, 21 aprile) che con Panebianco. Magari (non sono un costituzionalista) per motivi che Ainis in parte non condividerebbe. Pi ci penso e pi mi piace, il fatto che la nostra sia una Repubblica democratica fondata sul lavoro, e vorrei che in forme nuove, lo fosse anche di pi. Questa formulazione il risultato di unintesa tra democristiani, comunisti e socialisti, moltissimi dei quali, in particolare ai tempi della Costituente, avevano a che fare pi con le Madonne Pellegrine e con Giuseppe Stalin che con il liberalismo? Le cose sono parecchio pi complicate, ma prendiamo pure per buono un simile, lapidario giudizio. Resta il fatto che, tenendo fermo anche negli anni di pi feroci contrapposizioni il principio cos solennemente affermato nel primo articolo della sua Costituzione, questo Paese stato prima ricostruito, poi avviato sulla strada di uno sviluppo economico e civile contraddittorio e costoso quanto si vuole, ma tuttavia formidabile, e impensabile al di fuori di un crescente allargamento delle basi sociali e politiche della democrazia e dello Stato. Non giurerei che sarebbe stato agevole riuscirci in nome dei diritti di libert, che non saranno contenuti (Ainis) come il mallo nel noce nella democrazia, e che per fatico a

diceva: nobilmente conservatrice) della Costituzione che non si tocca. A sostenere che andrebbe non stravolta, certo, ma ragionevolmente riformata s, e che di questo, se non gi troppo tardi, bisognerebbe discutere anche perch andando avanti di questo passo limplosione di quel poco che resta delle nostre istituzioni e della nostra stessa convivenza diventer rapidamente inevitabile, ci si condanna da s a una posizione a dir poco minoritaria. Pazienza, anche questo fa parte, eccome, del mestiere dei riformisti, non necessariamente di sinistra. Che per farebbero bene a occuparsi di come rivalutarlo, il lavoro, in primo luogo quello negato ai pi giovani, di come restituirgli prospettive, senso, dignit e considerazione sociale, perch in caso contrario di superare la crisi non se ne parla nemmeno. A grandi linee, quello che, in tuttaltro contesto, fecero i costituenti, con risultati tutto sommato pi che apprezzabili. Espungere il lavoro dalla Costituzione non mi pare il modo migliore per conseguirne di analoghi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL REFERENDUM

Salviamo lacqua dalle liti ideologiche


di SERGIO RIZZO
SEGUE DALLA PRIMA

Carlo Formenti
RIPRODUZIONE RISERVATA

QUANDO UN GIUDICE A DECIDERE SE IL BAMBINO VA O NO A CATECHISMO


termometro di una febbre preoccupante il fatto che tra genitori litiganti tocchi ai giudici decidere se un bambino debba andare a catechismo in vista del battesimo, come pure che sia una Corte a dover rimarcare che coltivare un percorso di catechesi non sia proprio la stessa cosa che giocare a pallone alloratorio. Il caso risolto dalla sezione famiglia della Corte dAppello milanese vedeva ai ferri corti da anni una coppia che aveva scelto, come progetto educativo per il figlio, di non farlo battezzare e di lasciare che poi si determinasse da solo da adulto. Ma il marito, con lavvocato Carlo Piazza, lamentava che la moglie, dopo la loro separazione e in violazione di quel concordato progetto educativo, avesse mandato il bambino a catechismo in vista del battesimo. In primo grado il Tribunale aveva respinto il ricorso del padre, con largomento non proprio granitico che frequentare catechismo cosa buona e utile perch l il bambino incontra altri coetanei con i quali gioca a pallone, va in piscina e fa gite. Motivazione per bocciata ora dalla Corte dAppello con la sottolineatura del carattere confessionale di una catechesi non ridu-

cibile a mera attivit educativa e ricreativa. La madre ha dunque violato lobbligo di condividere con laltro genitore le decisioni sulle scelte religiose del figlio, e perci i giudici La Monica-Lo Casco-Laera le infliggono la sanzione dellammonimento a non assumere unilateralmente scelte educative importanti per il bambino. Che per, per la Corte, deve poter continuare il catechismo, fermo restando che non mancher, terminato il percorso formale di catechesi, la possibilit di elaborare, in sostanziale libert e approfondito confronto, la legittimit di ogni diversa posizione in materia. Perch s? Perch la decisione va adottata tenendo conto unicamente del preminente interesse del minore, che si misura anche con la rilevanza sproporzionatamente invasiva che nella sua vita potrebbe assumere una interruzione del percorso iniziato: sarebbe una pesante ingerenza, al ragazzino inspiegabile se non con la sottolineatura del conflitto genitoriale che gi lo coinvolge.

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Ma bene dire con chiarezza che in questo caso una furbizia del genere sarebbe ancora pi inaccettabile. Altra faccenda il merito della questione. C chi sospetta (e forse non ha nemmeno tutti i torti) che la legge con la quale si vuole imporre ai Comuni la cessione della maggioranza delle loro societ idriche sembra fatta apposta per favorire alcuni grandi privati i quali hanno gi messo un piedino in quel business e in questo modo se ne potrebbero definitivamente appropriare. Ci non toglie, tuttavia, che il problema della qualit e del costo dei servizi pubblici locali, gestiti dai Comuni (e perci dalla politica) in regime di monopolio sia terribilmente serio. Andrebbe perci affrontato senza pregiudizi ideologici di qualunque natura, esattamente come il dibattito sul nostro futuro energetico. Cosa purtroppo impossibile, allo stato attuale. Fermo restando che lacqua un bene pubblico e questo non in discussione, in Italia la gestione delle reti e del servizio pressoch interamente nelle mani di azionisti anchessi pubblici. Ci nonostante le tariffe imposte da costoro sono spesso non proporzionate alla scadente qualit della materia e della distribuzione. E non parliamo soltanto del profondo Sud. Per dirne una, nel nostro Paese le perdite toccano livelli inaccettabili: pi del 30 per cento, oltre quattro volte quelle degli

acquedotti tedeschi. Il che significa che ogni anno perdiamo circa 2 miliardi e mezzo di euro, una somma che potrebbe compensare la perdita di gettito subita dai Comuni a causa della decisione, per alcuni sciagurata, di abolire del tutto lIci sulla prima casa. Il governatore della Puglia Nichi Vendola, secondo il quale la privatizzazione una bestemmia in chiesa, conosce bene la materia. Sa quello che ha trovato allAcquedotto pugliese, il pi grande dEuropa e interamente pubblico, quando arrivato alla Regione: perdite che sfioravano il 50%, morosit alle stelle, produttivit sotto i tacchi. E conosce lo sforzo immane che stanno ancora facendo gli uomini da lui collocati al timone di quellazienda per riportare la situazione a livelli umani. Basta leggere il bilancio: per tamponare le perdite, in tre anni si dovuto intervenire in 143 Comuni e sostituire qualcosa come 300 mila contatori. Ma non va molto meglio, per esempio, neppure a Latina, dove la gestione in mano a una societ nella quale qualche anno fa un socio privato, la francese Veolia, ha acquisito il 49% del capitale. Fra il 2007 e il 2008 sono state accumulate perdite per pi di 6 milioni di euro e per riportare il conto economico in equilibrio c voluto un piano di lacrime e sangue. Sorvoliamo poi sul contenzioso e sulla morosit. Per non parlare di quando sono gli azionisti pubblici a scimmiottare (maldestramente i privati). Basta andarsi a riguarda-

re le inchieste televisive come quella realizzata qualche tempo fa da Riccardo Iacona per Raitre, che illustrava la spaventosa situazione di Agrigento. Citt nella quale il servizio idrico gestita da unazienda privatistica i cui soci di maggioranza sono per gli enti locali. Non mancano, vero, esempi virtuosi di servizi idrici amministrati dal pubblico. Come incontestabile che dove la gestione privata si dimostra efficiente (dare unocchiata in Francia) non si scende certamente in piazza contro lesproprio del bene collettivo. Largomento delicatissimo, perch non si possono scegliere i tubi che ti portano lacqua a casa, come si sceglie la compagnia telefonica. Il fatto che nel nostro sterile dibattito tutto ideologico lunico assente il cittadino. Nessuno parla, per esempio, di come garantire buona qualit (dappertutto) e tariffe eque (dappertutto): una garanzia che non legata alla natura pubblica o privata di chi gestisce il servizio. Piuttosto, allesistenza di un soggetto indipendente e con ampi poteri per vigilare e se del caso sanzionare severamente i comportamenti scorretti. C una struttura apposita al ministero dellAmbiente: usiamo quella, magari potenziandola. Oppure affidiamo il compito allauthority per lenergia e il gas. Ma di questo, nella legge, non c nemmeno un accenno. Eppure proprio da qui bisognerebbe iniziare.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

59
Le lettere, firmate con nome, cognome e citt, vanno inviate a: Lettere al Corriere Corriere della Sera via Solferino, 28 20121 Milano - Fax al numero: 02-62.82.75.79

Lettere al Corriere
Risponde Sergio Romano
Per quale motivo le campagne presidenziali americane hanno un costo cos alto? Si parla di circa un miliardo di dollari per la ricandidatura di Obama. Si possono ancora chiamare elezioni democratiche? Quelli che metteranno molti dollari vorranno una contropartita. Io credo che le elezioni democratiche nel vero senso della parola non esistano in nessuna parte della terra. Dora Princigalli princigallidora@ yahoo.it americane confrontato con quello di altri Paesi. Le elezioni del 2008 (congresso e presidente) sono costate circa 5,8 miliardi di dollari, la somma pi elevata nella storia degli Stati Uniti. Poich il prodotto interno lordo americano era nel 2008 di circa 14.000 miliardi di dollari (anche questo il pi alto della storia), le elezioni del 2008 sono costate lo 0,04% del Pil. In Canada, invece, le elezioni dello stesso anno hanno registrato una spesa pari a 300 milioni di dollari canadesi, vale a dire lo 0,02% del Pil, la met quindi, in proporzione, della spesa americana. In Gran Bretagna invece le elezioni del 2005 sono costate Conference and Awards 2011, London 16 giugno 2011 sono previste 187 presenze in rappresentanza di 161 istituzioni finanziarie di 61 Paesi. Ancora una vota gli italiani sono assenti, nonostante il prestigio che nel campo delle regole finanziarie ci dato da Mario Draghi, presidente del Financial Stability Board, e da Andrea Ernia, presidente dellEba, a guardia del sistema bancario europeo. Victor Uckmar, Genova

E-mail: lettere@corriere.it oppure: www.corriere.it oppure: sromano@rcs.it

LE ELEZIONI NEGLI STATI UNITI QUANTO COSTANO I VOTI


112 milioni di sterline, una percentuale pari alla 0,009 del Pil, un quinto, in proporzione, della spesa americana. Per limitare il costo delle campagne elettorali sono stati fatti numerosi tentativi, anche recentemente, con leggi proposte soprattutto dal partito democratico. Ma queste iniziative si sono spesso scontrate con lopposizione del partito repubblicano e in qualche caso della Corte suprema. Nel 2010, ad esempio, la Corte ha dichiarato anticostituzionale una legge di ventanni prima che proibiva alle aziende e ai sindacati di promuovere direttamente le loro campagne per un candidato con denaro tratto dalla loro tesoreria. I conservatori liberali degli Stati Uniti ritengono che i troppi limiti imposti alla spesa incidano sulla libert della competizione. In altre parole vi sarebbe un libero mercato della politica in cui i poteri pubblici dovrebbero intervenire il meno possibile. Lei si chiede, cara signora, se tutto questo denaro comporti, per chi lo accetta, un debito politico verso il donatore. Vi sono casi in cui la somma offerta per ragioni e pretendere grande sintesi nelle parti scritte dalle varie Parti coinvolte? Sarebbero semplici misure per diminuire i tempi dei processi.
Roberto Rinaldi Bussero (Mi)

Il dubbio
di Piero Ostellino

Cara Signora, e dar anzitutto qualche dato sul costo delle ultime elezioni federali

ideali, ma il suo sospetto certamente legittimo. Coloro che finanziano una campagna presidenziale aziende o persone hanno diritto alla gratitudine del beneficiato. Alcuni ambasciatori degli Stati Uniti devono la carica alla liberalit dei loro finanziamenti. Barack Obama, tuttavia, ha cercato di limitare i debiti facendo un eccellente uso della posta elettronica e dei network sociali. Sommando i piccoli contributi riuscito a raccogliere una somma pi importante di quella del suo concorrente. E cos far verosimilmente anche per la prossima campagna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Se cambiamo nome alla confusione


oberto Lassini luomo che aveva paragonato i magistrati alle Br paga il suo irresponsabile gesto rinunciando alla candidatura alle elezioni comunali di Milano, anche a seguito della condanna del presidente della Repubblica. Ma i magistrati che hanno rovinato la vita a centinaia di inquisiti come lui, poi riconosciuti innocenti dopo dolorose peripezie giudiziarie e, magari, qualche anno di carcere perch il fatto non sussiste non pagano? Presidente Napolitano forte del prestigio di cui gode per lequilibrio col quale tutela le nostre istituzioni spenda una parola anche nei confronti della magistratura, invitandola a una maggiore prudenza nellesercizio di quella terribile funzione che giudicare. Juger nest pas executer, ha scritto Montesquieu. In uno di quei talk show televisivi dove tutti parlano allunisono, un parlamentare ricorda che allorigine dellattuale conflitto fra giustizia e politica c labolizione dellarticolo 68 della Costituzione; che, nella garanzia dellautonomia e dellindipendenza del sistema giudiziario dal legislativo e dallesecutivo, metteva, per, la politica al riparo dalle incursioni della magistratura grazie alla procedura di autorizzazione a procedere, da parte delle Camere, per un parlamentare inquisito. Un giornalista replica: Basta non commettere reati. Come dire che se fossimo tutti rispettosi luno degli altri e delle rispettive sfere di competenza, che , poi, in politiQui non si tratta ca, la separazione dei poteri, non ci sarebbe bisogno di norme, n di difendere ordinarie n costituzionali. la convinzione che i conflitti politiun governo e persino istituzionali, debbao un partito, ma ci, no essere risolti dai carabinieri. La cristiana piet per un uomo il senso comune barbaramente assassinato non pu fare velo al giudizio politico e morale. La fredda determinazione non una lacrima, non un barlume di commozione con la quale la madre di Vittorio Arrigoni ha escluso che la sua salma passasse dal territorio di Israele per raggiungere lItalia una decisione politicamente e moralmente discutibile. Signora Arrigoni, pianga suo figlio, come farebbe ogni madre, ma ricordi che Vittorio era a Gaza, a fianco di un movimento terrorista che ne persegue lannientamento, non per amore della pace, ma per odio nei confronti degli ebrei. Due stimabili politici, Veltroni e Pisanu, propongono un governo di decantazione che sostituisca quello in carica. Ma in una democrazia rappresentativa governa chi vince le elezioni e fino a quando ha la maggioranza in Parlamento; sono gli elettori, col loro voto, che scelgono le maggioranze di governo e/o, in una democrazia parlamentare, i parlamentari che le cambiano, passando dallo schieramento di maggioranza a quello di opposizione e costituendo una nuova maggioranza. Qui, non si tratta di difendere il governo di centrodestra, ma il senso comune. C una grande confusione sotto il cielo e non chiamandola giustizia, pace, democrazia, che diventa qualcosa di culturalmente e politicamente condivisibile, per non dire rispettabile. postellino@corriere.it

LEGGI E DEMOCRAZIA

CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

Le liste bloccate
Caro Romano, 1) il bipartitismo non democrazia. E co pure lopposizione al governo. 2) Democrazia potere del popolo, e quindi del Parlamento, eletto dal popolo. 3) Ma perch il Parlamento rappresenti il popolo, esso deve essere composto di eletti consci di quello che sono e non da burattini nominati da una oligarchia non democratica. Pietro Manes, Milano Sono daccordo. Aggiungerei tuttavia che le democrazie sono regimi imperfetti, da classificarsi secondo il loro grado dimperfezione. Le liste bloccate non mi piacciono, ma tutte le leggi elettorali riflettono gli interessi di coloro che le hanno scritte e sono programmate per ottenere, nella misura del possibile, i risultati desiderati.

La proposta dei radicali


Vorrei porre in evidenza la proposta di legge dei radicali, per la restituzione dei contributi previdenziali che non danno luogo alla maturazione di un corrispondente trattamento pensionistico. Credo sia una battaglia di civilt, perch consente ai lavoratori precari di vedersi restituire una parte del loro salario.
Carmelo Francesco Lo Verde, cf.loverde@ gmail.com

del centrodestra c' un discreto numero di politici ex socialisti, fuoriusciti dal partito decimato da Tangentopoli.
Giorgio Mazzola giorgio.mazzola@live.it

ANCHE A PASQUA

Napoli fra i rifiuti


Anche per Pasqua Napoli si presenta in buona parte sommersa di rifiuti e con laria avvelenata dalla diossina sprigionata dai roghi dei sacchetti dati alle fiamme. In tale contesto va avanti una campagna elettorale per le comunali che sembra surreale, con facce di candidati svettanti dallimmondizia che promettono pulizia e cambiamenti.
Elvira Pierri pierri2000@libero.it

GIUSTIZIA

I tempi dei processi


Leggo di processi basati su dichiarazioni di testimoni e memorie di avvocati di migliaia di pagine. Mi domando quanto sia il tempo per prepararle, leggerle ed esporle durante i processi. Non sarebbe opportuno definire un numero massimo di testimoni ammissibili (solo quelli veramente significativi)

A GIULIO TREMONTI

Laccusa di Calderoli
Il ministro Calderoli ha bollato il ministro Tremonti come socialista, con un'evidente connotazione negativa. Vorrei sottolineare che Tremonti in buona compagnia, poich nelle file

NEL VAJONT

Nuova centrale elettrica


A breve potrebbe tornare una nuova centrale idroelettrica nel Vajont. uno schiaffo morale nei confronti della popolazione e familiari delle vittime della frana del 1963. Forse un problema etico pi che ambientale trattandosi di una piccola centrale e con un bacino ridotto, ma questo non basta a spegnere il ricordo di una tragedia lontana ma che ci riguarda cos da vicino.
Pierangelo Paleari ppaleari@ laforgiadibollate.it

SUMMIT ECONOMICO

La tua opinione su corriere.it/opinioni/


Ora la Francia respinge chi ha il permesso di soggiorno temporaneo ma non il minimo di soldi previsti. giusto?

SUL WEB Risposte alle 19 di ieri

La domanda di oggi
Nicolas Sarkozy accoglie la richiesta dei ribelli libici: andr in visita a Bengasi. Secondo voi fa bene?

Lassenza italiana
Alla prossima (16 giugno) conferenza promossa da Financial Times su Sustainable Finance

R
74,2

No 25,8

RIPRODUZIONE RISERVATA

Interventi & Repliche


Staino
Ricordo di Giovanni Malagodi
Il 17 aprile 1991 moriva a Roma Giovanni Malagodi. Nella generale indifferenza della politica odierna, urlata a squarciagola ma povera di idee, vorrei ricordare solo un attimo questo grande italiano, eletto lungamente nella Circoscrizione Milano-Pavia, per anni segretario e presidente del Partito liberale italiano, parlamentare, ministro del Tesoro, presidente del Senato e milanese dadozione. Riporto le sue ultime frasi, scritte proprio poco tempo prima di lasciarci: La politica richiede in chi la pratica due qualit: la passione e il discernimento. Senza passione, non si affrontano le battaglie della politica e soprattutto quelle con se stesso, le battaglie dell'io spirituale contro l'io empirico; dell'interesse generale che vogliamo servire, ciascuno a modo suo, contro l'interesse egoistico di persona o di classe che ci attrae e ci serve. Ma occorre anche il discernimento. Senza di esso non si riconoscono le vie che conducono alla meta vie piene di buche e di triboli, di errori e di inganni ma le vie. Passione e discernimento contro la politica generica e sciamannata. Dopo vent'anni questo insegnamento quanto mai attuale. Nicola Fortuna, Pli Lombardia percorrere in alternativa al nucleare, sar quella del gas e del carbone indicata da Agnoli, ci sar frutto di una precisa scelta da parte di un governo veramente naif, incapace di comprendere le potenzialit e i benefici dello sviluppo concreto delle fonti pulite. Gi oggi la potenza prodotta in Italia dal fotovoltaico e dalleolico, sommata al risparmio ottenuto dalla detrazione fiscale del 55% negli anni 20092011 per interventi di riqualificazione energetica negli edifici, copre il corrispettivo di tre centrali nucleari ed lampante che le rinnovabili sostenute adeguatamente potrebbero arrivare al 2020 a coprire il 35% dei consumi elettrici italiani. Chi pi naif allora, gli ambientalisti o chi cancella gli incentivi del 55%? Noi o chi condanna le rinnovabili con un decreto che cancella ogni certezza per le imprese e gli investimenti? O forse chi continua a sostenere la maggiore economicit dellatomo?
Vittorio Cogliati Dezza

Presidente nazionale Legambiente Non penso affatto che la cancelliera Merkel sia un personaggio naif, fosse solo per il fatto che la verde Germania ha basato fino ad oggi il suo sviluppo nelle rinnovabili su uno zoccolo duro di nucleare, gas e carbone, tra cui la poco verde lignite dellex Germania Est. I dati Iea lo mostrano assai bene per chi vuole verificare (http://www.iea.org/stats/pdf_graphs/ DETPESPI.pdf). Se in Italia nel 2020 arriveremo al 35% dei consumi elettrici con fonti rinnovabili Legambiente deve spiegare come copriremo il restante 65%, se non con gas e carbone. E questa pare pi una strada obbligata che non una scelta, piaccia o non piaccia.
Stefano Agnoli

Il futuro energetico del Paese


In riferimento allarticolo del 20 aprile di Stefano Agnoli sul futuro energetico in Italia, mi stupisce che il Corriere della Sera dia indirettamente del personaggio naif ad Angela Merkel e a tutti coloro che, in Europa, hanno scelto di uscire dal nucleare proprio puntando sullo sviluppo delle fonti rinnovabili. Se, infatti, la strada che il governo italiano vorr

2011 RCS QUOTIDIANI S.P.A.

4
FONDATO NEL 1876
DIRETTORE RESPONSABILE

Ferruccio de Bortoli
CONDIRETTORE

S.p.A. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE


PRESIDENTE

Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano Registrazione Tribunale di Milano n. 139 del 30 giugno 1948 Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205 8011
COPYRIGHT RCS QUOTIDIANI S.P.A.

Luciano Fontana
VICEDIRETTORI

Piergaetano Marchetti
CONSIGLIERI

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge. DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 - Tel. 02-6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582.1 - Fax 02-2582.5306 PUBBLICIT RCS Pubblicit Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-50956543 - www.rcspubblicita.it

Antonio Macaluso Daniele Manca Giangiacomo Schiavi Barbara Stefanelli

Giovanni Bazoli, Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Cesare Geronzi, Antonello Perricone, Giampiero Pesenti e Marco Tronchetti Provera
DIRETTORE GENERALE SETTORE QUOTIDIANI ITALIA

Giulio Lattanzi

EDIZIONI TELETRASMESSE: Tipografia RCS Quotidiani S.p.A. 20060 Pessano con Bornago Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 S RCS Produzioni S.p.A. 00169 Roma - Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 S SEPAD S.p.A. 35100 Padova - Corso Stati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 S Niber S.r.l. 40057 Cadriano di Granarolo dellEmilia (Bo) - Via Don G. Minzoni 54 - Tel. 051-76.55.67 S Tipografia SEDIT Servizi Editoriali S.r.l. 70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Catania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59.13.03 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo - Tel. 070-60.131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13, 2800 Mechelen, Belgium S Sports Publications Production 1300 Metropolitan Ave. Brooklyn, NY 11237 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 Coslada (Madrid) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington N1808 - Osasco - So Paulo - Brasile S Miller Distributor Limited Miller House, Airport Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 - Malta PREZZI: * Non acquistabili separati, il gioved (nella regione Sardegna la domenica) Corriere della Sera + Sette e 1,50 (Corriere e 1,20 + Sette e 0,30); il sabato Corriere della Sera + IoDonna e 1,50 (Corriere e 1,20 + IoDonna e 0,30) . A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + Cor. Como e 1,00 + e 0,20; gio. Corsera + Sette + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20; sab. Corsera + IoDonna + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20. In Campania, Puglia, Matera e prov., non acquistabi-

li separati: lun. Corsera + CorrierEconomia del CorMez. e 0,80 + e 0,40; m/m/v/d Corsera + CorMez. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Veneto, non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorVen. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Trentino Alto Adige, non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. A Bologna e prov. non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorBo e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Sette + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67. A Firenze e prov. non acquistabili separati: l/m/m/v/d Corsera + CorFi e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Sette + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67.

ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7100 del 21-12-2010

La tiratura di venerd 22 aprile stata di 529.021 copie

PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 8,00 (recargo envio al interior $ 0,50); Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; CH Fr. 3,00; CH Tic. Fr. 3,30 (con Io Donna); Cipro e 2,70; Croazia Hrk 15; CZ Czk. 61; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 2,10; Marocco e 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20;

Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 550; U.S.A. USD 3,00. ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per l'estero tel. 0039-02-63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel. 001-718-3610815 fax 001-718-3610815; per il Brasile Numero verde 0800-558503 solo per San Paolo e 00xx11-36410991 per tutte le altre localit). ARRETRATI: Tel. 02-99.04.99.70. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (prodotti collaterali e promozioni).

* Con "Sette" e 3,00; con "Style Magazine" e 3,50; con "Corriere Enigmistica" e 2,80; con "Economia&Famiglia" e 2,30; con "Storia dItalia" e 9,40; con "La Cucina del Corriere della Sera" e 6,40; con "I Classici dellArte" e 8,40; con "LEuropeo" e 9,40; con "La storia universale Disney" e 9,49; con "Guidare sicuri" e 2,50; con "Capolavori delle grandi Civilt" e 11,49; con "LAccademia" e 11,49; con "Roma e Grecia" e 11,49; con "Paolo Conte" e 11,40; con "Venditti Remastered" e 11,49; con "Tutto Dante" e 11,40; con "Dentro Faber" e 12,40; con "Io Scrivo" e 14,40; con "Bob Dylan" e 14,40; con "Il Mondo" e 4,30

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

61

Spettacoli
Il personaggio La garbata presenza di Che tempo che fa: accanto a Fazio ho un ruolo piccolo molto dignitoso

Il sogno
Un programma tutto mio in Italia? Certo, mi piacerebbe. Per i reality dipende: qui stanno un po degenerando

Donna oggetto in tv ma sempre con ironia


Filippa Lagerback: in Svezia sono io la conduttrice
MILANO In unepoca in cui gentilezza e garbo vengono spesso confusi per segnali di scarsa personalit, Filippa Lagerback, garbatissima presenza di Che tempo che fa, rivendica con dolcezza la sua allergia per le polemiche: Forse mi giudicheranno noiosa, ma ho capito che sempre meglio cercare il lato positivo e parlare bene delle persone. In fondo pi difficile. Di parlar male e dire cattiverie sono capaci tutti. Una volta intuito il suo credo, diventa pi semplice capire come mai il sorriso di questa bellissima 37enne rimane imperturbabile anche quando le si domanda come ci si senta a essere pubblicamente indicata come fulgido esempio di donna oggetto. Non me la sono presa, assolutamente. Bisogna sempre essere ironici e autoironici risponde in riferimento allattacco di Striscia la notizia che galoppando sul sentiero della presunta campagna di fango contro le veline ha indicato la ex modella svedese come autentico caso di donna oggetto, in quanto da anni muto corollario in una trasmissione con ambizioni culturali. Ricevere il tapiro mi ha fat-

Dice di loro

Le veline
Trovo siano brave, belle, fresche, pulite. Mi d pi fastidio quando sullo schermo vengono sottolineate ignoranza e stupidit

to sorridere ma trovo sia un bene che ci sia un dibattito in corso. Per quanto mi riguarda, penso di far parte di un programma importante, con un ruolo piccolo ma dignitoso e chiaro dallinizio. Ho pensato fosse loccasione per imparare. E credo sia un messaggio positivo. Ovvero? Che per continuare a lavorare nello spettacolo bisogna farlo pian pianino. La famosa gavetta. Per, in sostanza, dicono che lei l solo perch bella... La bellezza ha contato, ma allinizio. Non basta. Cosa le hanno detto Fazio e Littizzetto su questa polemica? Niente, non ci hanno dato importanza. Siete amici? Abbiamo tutti un carattere riservato, siamo poco mondani. C stima ma non ci frequentiamo fuori dal lavoro. Tornando a Striscia, visto che stavolta lei a parlare, cosa pensa delle veline? Non mi permetterei mai di giudicarle. Trovo siano delle brave ballerine. Brave, belle, fresche, pulite e con il tempo il loro ruolo cresciuto. Ma non negher la generale mercificazione del corpo

Volto Filippa Lagerback, 37 anni. In alto, la modella svedese con Fabio Fazio e Luciana Littizzetto in

una puntata di Che tempo che fa: fa parte del cast da otto anni

femminile nella nostra tv... Spesso la donna non presentata bene. Ma anche colpa di chi manda in onda certi messaggi. Mi d pi fastidio quando in tv vengono sottolineati lignoranza e la stupidit delle persone.

Trovo triste anche chi ha la fama come obiettivo. Nello spettacolo niente regalato: servono impegno e dedizione. Dopo otto anni che dedita a Che tempo che fa, in cosa si sente cresciuta? Ho avuto

lopportunit di vedere come lavorano grandi come Fazio e Littizzetto, di farmi conoscere e presentare ospiti enormi. Si fermer a lungo nel programma? Non sanno neanche se ci sar lanno prossimo. Il futuro igno-

to. Io al momento l sto benissimo. Quando segue le interviste, non le viene voglia di intervenire con delle domande? Assolutamente s. Ho sempre tantissime curiosit. Ma non il mio ruolo. E le sta bene? Dopo tanto tempo non si potrebbero azzardare lievi modifiche al suo contributo? Finch sar l sar cos. il programma di Fabio ed giusto cos. Ma non significa che non vorrei o che non sarei in grado. Ipotizziamo una novit: langolo di Filippa... Magari... un angolo mio. Ma magari lo far da unaltra parte. Nel frattempo in Svezia, sua terra natale, lha gi fatto: ha debuttato alla conduzione, in prima serata, di due reality. L ero un volto nuovo. Mi hanno presa per lesperienza in Italia. Il primo dei reality che ho condotto stata "La fattoria" e il secondo si chiamava "Il sogno italiano": il vincitore ha lasciato la Svezia per aprire un bed and breakfast nelle Marche. Quindi nonostante la permanenza a Raitre non snobba i reality... Mi piacciono i reality costruttivi. Si sentirebbe matura per una conduzione tutta sua anche in Italia? Devo lanciare un appello? ride Certo, mi piacerebbe tantissimo. Per i reality dipende: in Italia stanno un po degenerando. Mi piacerebbe una trasmissione che tocca le mie passioni: ecologia, lessere mamma, la moda. E parteciperebbe a un reality come concorrente? A "Ballando con le stelle". Oppure immagino un"Isola dei famosi" con tutti i protagonisti di "Che tempo che fa": Fazio, Littizzetto, Mercalli, Albanese.... E lidea di condurlo Ballando con le stelle? Eh no, Milly non si tocca.

Chiara Maffioletti
RIPRODUZIONE RISERVATA

MEDIAPRO, VERSATIL CINEMA & GRAVIER PRODUCTIONS PRESENTANO IN COLLABORAZIONE CON ANTENA 3 FILMS & ANTENA 3 TV UNA PRODUZIONE DIPPERMOUTH INCONTRERAI LUOMO DEI TUOI SOGNI YOU WILL MEET A TALL DARK STRANGER ANTONIO BANDERAS JOSH BROLIN ANTHONY HOPKINS GEMMA JONES FREIDA PINTO LUCY PUNCH NAOMI WATTS CASTING JULIET TAYLOR PATRICIA DICERTO GAIL STEVENS, CDGCOSTUMI BEATRIX ARUNA PASZTOR MONTAGGIO ALISA LEPSELTER SCENOGRAFIA JIM CLAY DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA VILMOS ZSIGMOND ASC PRODUTTORE ASSOCIATO MERCEDES GAMERO CO-PRODUTTORE ESECUTIVO JACK ROLLINS PRODUTTORE ESECUTIVO JAEVIER MENDEZ CO-PRODUTTORI HELEN ROBIN NICKY KENTISH BARNES PRODOTTO DA LETTY ARONSON STEPHEN TENENBAUM JAUME ROURES SCRITTO E DIRETTO DA WOODY ALLEN

62 Spettacoli

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Lincontro Il regista tedesco curer anche il Macbeth a Salisburgo diretto da Muti

Debutto blues

Il Premio Europa incorona Stein S, ma grazie ai soldi dei russi


San Pietroburgo, il sarcasmo del maestro: A 73 anni pi vivo che mai
SAN PIETROBURGO Da un palco del monumentale Teatro Aleksandrinskij spunta Peter Stein, vincitore del Premio Europa. E gi in platea, nella poltrona che era di Dostoievskji, siede ora Jurij Ljubimov, il fondatore del leggendario Taganka, un premio speciale alla carriera. Il Premio Europa, ormai itinerante con il suo seguito di spettacoli, arrivato in Russia e ha ritrovato i fantasmi gloriosi del passato. Non poteva che essere in quella che fu la capitale imperiale, la citt di Putin ma anche dove lavora Lev Dodin che ci porta nel suo celebre Teatro Maly per una versione di Tre sorelle tutta interiorizzata, dove smonta e rimonta il testo di Cechov, per la disperazione dei puristi (sar a Milano nella prossima stagione del Piccolo). San Pietroburgo si trasformata per una settimana nella capitale mondiale della cultura proprio mentre festeggiamo i 50 anni dell'avventura spaziale di Gagarin, dice Dodin. Neanche Ljubimov a 94 anni ha voglia di rovinarsi la festa. Fu licenziato dal suo teatro, espulso dal partito e nel 1984 privato della cittadinanza. Confessa: Al mio compleanno, gli amici mi telefonavano non per farmi gli auguri ma per chiedermi se ero ancora vivo. I burocrati del regime sono spariti, co-

LO SPETTACOLO Klaus Maria Brandauer (a destra) a San Pietroburgo in una scena de La brocca rotta di Heinrich von Kleist

s com' svanita l'Unione Sovietica, mentre lui ancora in palcoscenico con Miele di Tonino Guerra, omaggio poetico e naif allo scrittore romagnolo, anche lui novantenne, un'esaltante

Sono grato a
Martone, ma con lo Stabile di Torino non ha funzionato

preghiera di ringraziamento alla vita. Stein ricorda di avere una relazione stretta con la Russia: Incontri fantastici; ma anche enormi problemi nel lavoro e grande finzione. Resta un amore per la loro cultura, e per la gente. Putin e Medvedev mi hanno consegnato delle onorificenze, ma non pensavo a loro quando ricordavo le vecchie esperienze umane, piuttosto agli amici di teatro. Nato a Taormina per iniziativa di Alessandro Martinez, da diversi anni il Premio costret-

to a essere itinerante. Commenta Stein, senza diplomazia (non auguro a nessuno il mio carattere): E' strano, un premio dell'Europa unita finanziato dai russi, anche i miei 60 mila euro non arrivano da Bruxelles! Mi sento in imbarazzo, non voglio rubare al popolo russo, anche se vendendo a noi il gas di Putin i soldi li hanno. Fondatore a Berlino della rivoluzionaria Schaubhne, confessa: Non merito i premi, un vero artista ha una stima ridotta di s, non suono la grancassa per me. Ma nello stesso mo-

OPERA Peter Stein nato il primo di ottobre del 1937. Il 12 agosto debutter a Salisburgo la sua produzione del Macbeth verdiano

mento c' la vanit personale, e poi ho bisogno di soldi. Non dimentica le polemiche che hanno preceduto l'ultima monumentale produzione, I demoni di Dostoievskij, quando fu costretto a pagare di tasca sua: Sono grato a Martone che mi ha chiamato, ma con lo Stabile di Torino non ha funzionato, la loro scelta di tirarsi indietro stata idiota; hanno detto menzogne, che avevo sforato il budget e non era vero. Ma tutto si dimentica, resta la soddisfazione per il lavoro artistico. Da pi di vent'anni Stein vive in Italia, ha sposato Maddalena Crippa, con lui a San Pietroburgo: Sar molto difficile uscire dall'incubo in cui vi trovate. Ma la maggioranza degli italiani lo vuole?. Dice, senza crederci, che ormai per lui un problema trovare lavoro in teatro: Sono vecchio. Per fortuna c' la lirica. Curer la regia del Macbeth a Salisburgo diretto da Muti. Me l'aveva proposto gi 15 anni fa. In quel mondo mi sono fatto un nome come regista convenzionale, i cantanti mi sono grati perch non li costringo in una vasca da bagno, a masturbarsi in scena. A San Pietroburgo Stein ha presentato La brocca rotta di Kleist, con il Berliner Ensemble e uno straordinario Brandauer, ed stato anche protagonista di Faust Fantasia accompagnato al pianoforte da Arturo Annecchino: Volevo fare conoscere la bellezza della lingua tedesca attraverso le parole di Goethe. Voglio lavorare fino a 80 anni, poi arriva la demenza senile. A 73 anni ti senti pi vivo di prima, ma non vero; magari sei gi tre metri sotto terra.

Jeff Bridges: un album dopo lOscar


LONDRA Il premio Oscar Jeff Bridges, 61 anni, anche chitarrista e appassionato di country e blues, ha firmato un accordo con la Blue Note Records per pubblicare il suo primo disco. Secondo quanto riporta il Guardian, lalbum dovrebbe uscire entro fine anno. Il lavoro sar realizzato insieme allamico musicista e produttore T Bone Burnett e conterr sia canzoni

Jeff Bridges in Crazy Heart

Paolo Cervone
RIPRODUZIONE RISERVATA

originali che cover di artisti come Tom Waits. Alle registrazioni parteciper anche Rosanne Cash, figlia della leggenda del folk Johnny Cash. Curiosamente Jeff Bridges ha vinto lOscar nel 2010 come miglior attore protagonista per il film Crazy Heart (diretto da Scott Cooper) in cui interpretava il ruolo del musicista alcolizzato Otis Bad Blake. La colonna sonora era stata scritta da T Bone Burnett.

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Spettacoli 63 Brevi
SORELLE MAI

Ritorni La cantante, icona gay degli anni 90, autrice di Sing It Loud

Sposto il country a sinistra E la mia trasgressione


k.d. lang: un disco sullorgoglio di essere se stessi
ROMA Il suo punto pi alto di popolarit lo raggiunse nel 93 quando fu immortalata sulla copertina di Vanity Fair con lavvenente Cindy Crawford che fingeva di raderle la barba. Quello stato lapice ricorda k.d. lang (il nome, scritto in lettere minuscole, un tributo al poeta avanguardista e.e. cummings). Da allora sono passati quasi ventanni e la cantante canadese che ama il country, le donne e i cappelli da cow boy, ha scelto da un po di tempo una vita lontana dalla mondanit e dalle copertine choc. Ha abbandonato i copricapi ma non il look maschile che contrasta con la morbida e potente voce definita dal Times una delle pi sexy della musica pop e continua a incidere album. Sing It Loud il titolo del nuovo disco, in uscita marted prossimo, coprodotto con lamico Joe Pisapia. Il titolo un incoraggiamento a essere orgogliosi di quello che siamo, a prendere forza e sicurezza. Inciso con la sua nuova band, la Siss Boom Bang un album pieno di canzoni damore, con la cover di Heaven dei Talking Heads. Ma non autobiografico. Joe e io, prima ancora di iniziare a scrivere le canzoni avevamo un

Bellocchio ospite al Festival di Pechino


Tappeto rosso per Marco Bellocchio a Pechino. Il suo film Sorelle mai partecipa alla prima edizione del Festival del cinema che si apre oggi. Con Bellocchio, sulla piazza Tiananmen, ci saranno altri otto registi, fra cui Aronofski e Rob Minkoff. Oltre a Sorelle mai, per lItalia arriveranno i film di Costanzo, Diritti, Benvenuti.

Carriera e idoli

Chi La cantautrice Kathryn Dawn Lang, meglio conosciuta come k.d. lang (scritto tutto minuscolo, tributo al poeta avanguardista e.e. cummings) nata a Edmonton, in Canada il 2 novembre 1961. Ha pubblicato 16 album

Il modello Nellarte la sua musa rimane Patsy Cline (foto), celebre ma sfortunata voce country morta nel 63, a 30 anni, in un incidente aereo: Mi piace la sua voce, il sarcasmo che metteva nelle sue canzoni, la sua integrit, lonest e la vulnerabilit

accordo: volevamo non essere pretenziosi, ma divertenti e positivi. Per registrare il disco, la lang tornata a Nashville. La citt cambiata da quando la frequentavo io. Allora ero unoutsider in una comunit conservatrice. Il cambiamento stato radicale: molti musicisti liberal si sono trasferiti l come Jack White e Ben Folds. E, per la prima volta, mi sono sentita a mio agio, a casa mia. Se nella vita il suo modello di riferimento la madre una signora di 88 anni che ha venduto la villetta di famiglia, andata a vivere in una casa di riposo ma non rinuncia a viaggi in giro per il mondo nellarte la sua musa rimane Patsy Cline, celebre ma sfortunata voce country morta nel 63, a 30 anni, in un incidente aereo. Mi piace la sua voce, il sarcasmo che metteva nelle sue canzoni, la sua integrit, lonest e la vulnerabilit. Era una donna forte se paragonata alle cantanti di quel periodo. una grande consumatrice di vecchi e nuovi dischi su internet, per rimane legata alle melodie degli anni 40 e 50. E, soprattutto, al country. un genere che ti riporta alle radici, profondo come il blues, scava nelle emozioni ed accessibile a tutti. A me sempre piaciuto perch, in passato, era accompagnato da molti pregiudizi sui musicisti

che venivano considerati politicamente a destra. Io amavo spostarlo un po verso la sinistra. La cantante (Kathryn Dawn il suo nome per esteso) ha vinto anche quattro Grammy, ha cantato con il pioniere del rocknroll Roy Orbison, portato al successo Constant Craving (la sua canzone pi famosa). Negli anni Novanta era la nuova stella del pop: simbolo dellorgoglio lesbico, corteggiata dai giornali, invitata alle feste pi esclusive (cui lei amava presenziare), paladina di campagne a

LO SCENEGGIATORE

Addio a Kevin Jarre autore di Glory


Lo sceneggiatore statunitense Kevin Jarre, famoso per aver scritto la trama di Glory Uomini di gloria uno dei capolavori del cinema dedicati alla guerra di secessione americana, morto nella sua casa di Santa Monica, in California. Aveva 56 anni. Tra i suoi film Rambo II, Tombstone, La mummia.

Celebrit
La fama davvero faticosa. Alla soglia dei 50 anni ho bisogno di spazi privati
favore di Amnesty, cantava anche in difesa delle foreste e degli animali. Limpegno umanitario c ancora, ma k.d. ha messo da parte il resto. Era faticoso essere celebre. Tutti volevano un pezzo di me e io stavo al gioco perch "devi" farlo se sei famoso. Ero sempre pronta a partire, avevo cos tanta energia e musica dentro di me. Ora il lavoro una grande parte della mia
Sul palco Il nuovo album di k.d. lang (Sing It Loud) esce marted

SAVAGES

Travolta e la Thurman insieme per Stone


Dopo Pulp Fiction e Be Cool, John Travolta e Uma Thurman torneranno a lavorare insieme. I due saranno sul set di Savages, nuovo film di Oliver Stone, ispirato all'omonimo romanzo di Don Winslow, che racconta le avventure di Ben e Chon, due amici che condividono l'amore per la stessa ragazza.

vita ma non tutto. A novembre compir cinquantanni e allesistenza frenetica preferisce la tranquillit: ha abbracciato la fede buddista, vive a Los Angeles con la sua compagna Jamie Price e i suoi cani. Pi vado
GUARDA Il nuovo video I Confess di k.d. lang su www.corriere.it

avanti pi ho bisogno di spazi privati nella mia vita. Ho un bel rapporto con la mia musica, faccio quello che mi piace senza pressioni. Se vero che oggi nellindustria musicale le donne contano di pi? Non lo so, ma credo dipenda dalle donne: c una grande differenza fra essere Katy Perry e Adele.

Sandra Cesarale
RIPRODUZIONE RISERVATA

Cinema Fuori concorso The greatest love story ever told

Cannes, omaggio a Bollywood con un film girato per il festival


Coloratissimo Il musical Bollywood, spettacolo realizzato con le colonne sonore pi famose di 80 anni di storia del cinema indiano. E il film The greatest love story ever told, che passer a Cannes, una sorta di remix dei momenti pi significativi della storia di Bollywood

CANNES Bollywood sbarca sulla Croisette: il 64 Festival di Cannes (11-22 maggio) render omaggio al grande cinema indiano d'autore, con le sue danze e i suoi colori sgargianti, proiettando fuori competizione il film The greatest love story ever told, prodotto dal regista Shekhar Kapoor appositamente per questa edizione. Il progetto, hanno comunicato gli organizzatori del festival, nato proprio da un'idea del regista indiano diventato celebre nel 1998 con Elizabeth (con Cate Blanchet nel ruolo della regina d'Inghilterra), prima parte di una trilogia che ha visto nel 2007 la realizzazione del secondo capitolo, Elizabeth: The Golden Age. E lanno scorso Kapur era stato ospite del Festival, come membro della giuria. Lidea di realizzare un film che riunisse i pi bei momenti della storia dei musical indiani fu lanciata proprio du-

rante quei giorni passati a Cannes. Colta al volo da Kapoor, diventata il film che, un anno dopo, riporter il regista sulla Croisette. Con un titolo che rende subito omaggio a quel mondo pittoresco: La pi bella storia d'amore mai raccontata, una sorta di remix di 81 minuti dei momenti pi significativi della storia di Bollywood, un genere che ha fatto di Bombay una delle capitali mondiali del cinema (il termine nasce infatti dalla fusione di Bombay e Hollywood). Il film stato messo a punto da Kapoor insieme ad altri due registi, l'indiano Rakeysh Omprakash Mehra e l'ameri-

Il regista La pellicola prodotta da Kapur, il regista indiano diventato celebre nel 1998 con Elizabeth

cano Jeff Zimbalist. Il cinema indiano, ha detto Kapoor, sia se lo ami sia se lo odi sia se lo consideri antiquato sia moderno, non ne puoi proprio fare a meno. In ogni caso aggiunge ti fa sentire vivo come mai prima. Qualcuno sostiene che sia l'unica cultura capace di riunire tutti gli indiani. Da diversi decenni ormai ha riunito tutte le generazioni. Questa Bollywood. E a completare lomaggio alla Mecca del cinema indiano, tre bellissime dive, protagoniste di quegli schermi, arriveranno a Cannes. Oltre a Aishwarya Rai, da anni habitue del tappeto rosso del festival anche perch testimonial dellOral, sbarcheranno anche la bellissima Sonam Kapoor (nome di una delle famiglie tra le pi potenti di Bollywood) e Frieda Pinto, la protagonista femminile del pluripremiato The Millionaire.

R.S.
RIPRODUZIONE RISERVATA

64

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Sport

Siena flop col Porto Varese terzo

MILANO Vince solo la Reggina tra le prime sei della serie B. I calabresi tornano al successo su una diretta concorrente, il Novara, grazie ad un gol di Viola. Il risultato pi clamoroso per arriva da Siena, dove la capolista perde in casa contro il Portogruaro, terzultimo in classifica (nella

foto lallenatore Agostinelli). La squadra di Conte va in vantaggio al 38 s.t. e poi subisce due gol in dieci minuti. I toscani per non perdono la vetta, perch anche lAtalanta non va oltre il pareggio contro il Crotone, una delle squadre pi in forma. Ci vuole una punizione di Doni (dopo il

SCUDETTO

Volata Milan Stasera (alle 19) rossoneri a Brescia

Allegri: Niente cali Questa la gara che decide la stagione


In attacco con Boateng-Binho-Cassano
MILANO Affinch il concetto sia ben chiaro, Massimiliano Allegri non usa giri di parole. La partita di questa sera La Gara del campionato. Oggi si decide la stagione. Prima di infilarsi sul treno in partenza da Gallarate per dribblare il traffico pasquale e raggiungere Brescia senza intoppi, il tecnico rossonero, a cinque giornate dal termine, con sei punti di vantaggio sul Napoli e otto sullInter, predica concentrazione massima. Il Brescia in un buon momento di forma, si gioca la permanenza in serie A e ha molta qualit nel reparto offensivo. Perci non si pu e non si deve affrontare la gara con sufficienza. Non dico che vincendo dovremmo prendere ago e filo per cucire lo scudetto ma compiremmo un bel balzo in avanti. Senza prime punte di ruolo (ma Pato aprir luovo a Milanello dice Allegri per spiegare che lattaccante per accelerare il recupero trascorrer sia il giorno di Pasqua sia il giorno di Pasquetta a lavorare), il tecnico si dovr affidare a un tridente offensivo inedito: ovvero Boateng a supporto del duo Robinho-Cassano. Non vedo perch mi dovrei preoccupare, sono tre

Guardiola ironico

Vincere solo la Liga? Un fallimento


MILANO Ironico e carico. Questo il Pep Guardiola alla vigilia della sfida di Liga contro lOsasuna e due giorni dopo il k.o. in Coppa del Re con il Real Madrid. I giocatori devono reagire, se sono stanchi o tristi per aver perso la finale corrano di pi. Chi si lamenta va in tribuna. E se a fine stagione dovesse vincere solo la Liga ( a +8 sul Real)? Sarebbe un disastro, un fallimento, bisognerebbe cambiare allenatore, presidente e giocatori, si chiuderebbe un ciclo la risposta ironica di Guardiola. Sul fronte Real, invece, una festa in pi per Kak che ieri ha compiuto gli anni. Per regalo, dopo la vittoria della Coppa, si fatto autografare dai compagni una maglia del Real.
RIPRODUZIONE RISERVATA

giocatori che si completano a vicenda. Poi sulla sfida che metterebbe unipoteca sullo scudetto commenta: Non abbiamo avuto molto tempo per preparare la gara, ma la squadra sa gi cosa fare. Sar una partita difficilissima; dobbiamo interpretarla nel migliore dei modi, facendo valere la nostra qualit: dovremo avere la presunzione di chiuderla subito. Elogia Thiago Silva (in questo momento il miglior difensore del mondo), difende il calcio italiano dopo le celebrazioni seguite al Bara-Real di met settimana (allestero sembra sempre che sia tutto pi bello rispetto a ci che succede nel nostro Paese: anche in Italia si giocano buone partite e il Milan di certo non lontano dal livello delle due spagnole), rivela il filo diretto con Silvio Berlusconi. Lho sentito a inizio settimana. Era contento, mi ha detto che ci vicino in questo finale di stagione. Fra i convocati dopo tre mesi riappare Massimo Ambrosini (out dalla gara del 29 gennaio a Catania) mentre Andrea Pirlo ritorner in panchina. Fosse per me confermerei tutti i giocatori in scadenza di contratto, poi per subentrano le esigenze della societ e dei calciatori stessi

Sfida in panchina
Sopra, Massimiliano Allegri alla sua prima stagione con il Milan. Nellaltra pagina, Leonardo, subentrato a Benitez il 24 dicembre (Photoviews/Image Sport)

dice lallenatore livornese . Questi discorsi portano dispersione. Io rispetto ai giocatori sono fortunato perch ho il contratto fino al 2012.... Ovviamente bocche cucite sul mercato. Ma nonostante la mancanza di conferme, le manovre sul futuro sono in atto. In porta stato prenotato Federico Marchetti del Cagliari in rotta con Cellino, in difesa oltre allarrivo di Philippe Mexs si segnala il forte interessamento per il terzino nigeriano dellOlympique Mar-

siglia Taiwo (in attesa per di passaporto comunitario). In attacco lobiettivo numero uno Ganso che ieri a Sky ha dichiarato: Sogno di giocare in Europa, sono vicino allItalia. Parlo sempre con Robinho o con Thiago Silva, sono miei amici, sono ansiosi, muoiono dalla voglia di portarmi al Milan. Adriano Galliani liquida largomento: Non abbiamo ancora formulato unofferta al Santos.

Monica Colombo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli inseguitori A Palermo per dimenticare lUdinese, sperare ancora e blindare il 2 posto

Napoli sospeso tra i resti del sogno e lincubo Mazzarri: Arrendersi? Io ci credo ancora
DAL NOSTRO INVIATO

Goleador Edinson Cavani insidia Di Natale in testa alla classifica dei cannonieri: 25 gol (4 rigori) per il napoletano, 26 (6 rigori) per Tot (Ianuale)

PALERMO Walter Mazzarri non sarrende: Sino a quando la matematica non ci condanna, ogni partita importante, lavvertimento lanciato al Milan in attesa di capire quali conseguenze avr sul Napoli il suicidio con lUdinese. Limpressione che alla rimontona ci creda solo lui, teso, agitato, ostinato. O forse solo un modo per tenere insieme la baracca dopo una stagione straordinaria che una sconfitta, per quanto grave, non pu n cancellare, n ridimensionare. Il Napoli a 5 giornate dalla fine vive due realt parallele: da una parte non vuole arrendersi

alla capolista, lontana 6 punti che diventano 7 considerando gli scontri diretti. Dallaltra, deve tenere a bada le inseguitrici e preoccuparsi di mettere al sicuro la Champions League senza rimanere invischiato nelle sabbie mobili dei preliminari. Ora come ora sarebbe una beffa. stata una settimana strana. Dopo aver sognato laggancio

al Milan, la citt si trovata allimprovviso a dover fare i conti con Inter e Lazio, rispettivamente indietro di 2 e 5 punti. Servono 8 punti per essere sicuri della Champions, ha detto De Sanctis. E Mazzarri, che non ci sta, lo ha subito bacchettato: Pensi a fare il portiere. Dopo aver sognato in grande, la realt pu essere crudele. Il calendario, peraltro, non aiu-

Guerra santa Il tecnico infastidito dalle voci che lo danno in partenza attacca i soliti obiettivi

Attacco al Nord Certe storie nascono al Nord con il chiaro intento di distrarci. Evidentemente diamo fastidio

ta. Il Palermo ha espugnato lOlimpico romanista e costretto il Milan al 2-2 nella semifinale di andata della coppa Italia. Con Rossi i siciliani hanno ritrovato stimoli, convinzione, gioco e non hanno mai perso. Mazzarri lo sa: Sento in giro tante voci, io invece mi preoccupo soltanto dei nostri avversari, che andiamo ad affrontare nel loro momento migliore. Senza poter contare su Cannavaro e Lavezzi, entrambi squalificati. La formazione fatta: il portafortuna Cribari (con lui in campionato il Napoli ha sempre vinto) in difesa e Mascara in attacco al posto del Pocho. Gargano, dopo 5 turni, sar di nuovo titolare accanto a Pazienza con Yeb-

da in panchina. Le voci che Mazzarri dice di sentire in giro riguardano per il futuro. Cavani, che oggi torna a Palermo per la prima volta da nemico e non esulter in caso di gol, sarebbe tentato dalle proposte milionarie di Real Madrid e Manchester City e anche il destino dellallenatore un buco nero nel quale si perdono mille ragionamenti. Il Matador ha smentito un possibile divorzio, Mazzarri invece no e attacca per difendersi. Certe storie nascono al nord con il chiaro tentativo di distrarci. Evidentemente a qualcuno d fastidio che il Napoli sia lass. Resta la realt. Mazzarri non ha mai cancel-

lato le ombre. Anzi, d limpressione di voler cambiare, lusingato dalle voci sulla Juve, forse convinto di aver gi dato il meglio in questa avventura. Non so chi possa avere interesse a far girare certi discorsi. Sono serio e non parlo a lavori in corso. I bilanci si fanno alla fine della stagione. Li far la societ e anche lallenatore. Il resto sono cavolate.... Il resto una partita da vincere a tutti i costi per tenere a bada le rivali che inseguono e per non semplificare il lavoro al Milan. A Palermo, da quando tornato in A, il Napoli ha perso 3 volte su 3. Ma Mazzarri non tiene conto di questa statistica funerea: dopo un tonfo, in questa stagione, la sua squadra sempre ripartita (6 vittorie e un pareggio). E conta di farlo anche oggi. Sperando che da Brescia possano arrivare notizie incoraggianti...

Alessandro Bocci
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Sport 65
(54 col Toro, il 99 in carriera, ancora il capitano Rolando Bianchi. Laltra vittoria esterna della giornata arriva da unaltra squadra veneta, il Cittadella, che passa a Piacenza: il bomber Piovaccari raggiunge quota 19 reti ed il capocannoniere. In coda segnali di vita dalla Triestina che torna a vincere e a sperare, coinvolgendo in pieno il Sassuolo nella lotta per non retrocedere. LAlbinoLeffe di Mondonico si mantiene un punto sopra gli emiliani grazie al pareggio nel recupero contro il Grosseto. Ma nessuno in questa B puoi mai stare tranquillo.

vantaggio di Tiribocchi e la rimonta calabrese grazie anche al suo bomber Cutolo, autore di 13 gol) per fissare il 2-2. Anche il Varese non sfrutta la possibilit di sorpassare il Novara: la squadra di Sannino, che aggancia al terzo posto i piemontesi, viene ripresa sull1-1

dallAscoli, rendendo cos meno decisiva una splendida rovesciata-gol di Carrozza. Stesso punteggio ma dal sapore diverso per il Torino, che incassa il sorpasso in classifica da parte della Reggina ma esce dal campo del Modena con un buon pareggio: a segno, per il gol numero 17

CHAMPIONS

Inseguitrici Oggi la Lazio potrebbe agganciare il terzo posto

Leonardo: Non serve pensare al futuro Conta solo vincere


Mou: Tornare? No, sono felice qui
MILANO Sono giorni nei quali intorno allInter si parla molto di quello che sar, della vittoria di Jos Mourinho in Coppa del Re con il Real, del suo ritorno in nerazzurro, dopo laddio del Bernabeu (senza salutare, 22 maggio 2010), del derby per Ganso. Gi il presidente Moratti, prima e dopo la vittoria di marted sulla Roma, aveva lasciato intendere di apprezzare molto il lavoro di Leonardo; ieri toccato al tecnico rimettere al centro quanto davvero conta al momento: la partita con la Lazio, che i risultati dellultima giornata hanno trasformato in uno spareggio per il terzo posto, quello che vale la Champions League senza preliminare. La squadra di Reja fin qui ha pareggiato due volte con il Milan (0-0 a San Siro); ha battuto il Napoli allOlimpico (2-0) e ha perso al San Paolo (2-3), con un gol di Brocchi non visto; ha sconfitto lUdinese a Roma (3-2) e ha battuto lInter allandata (3-1), in quella che stata lultima partita nel campionato italiano di Rafa Benitez, prima del Mondiale e della risoluzione del contratto. Se oggi vince a San Siro agguanta il terzo posto (migliori risultati negli scontri diretti a pari punti) e, anche se ha un calendario peggiore di quello nerazzurro, pu mettere nei guai lInter. Reja stato lineare: come una corsa ciclistica; loro sono davanti e noi dobbiamo pedalare forte per prenderli. Cos Leonardo: Non questo il momento di pensare al prossimo anno; si sente parlare di rifondazione e di cambiamenti, ma non ci sono al momento pensieri specifici su quello che si far per la prossima stagione. Siamo concentrati sugli obiettivi di adesso ed questa la cosa pi importante. Non lora di stare qui a fare processi, a pensare a chi va e a chi resta. Credo che sia normalissimo che si parli di Mourinho allInter, basta pensare che si ricorda ancora oggi quello che ha fatto Herrera... Se Mourinho un giorno tornasse allInter sarebbe sempre il benvenuto: che sia adesso, che sia tra dieci anni, sarebbe impossibile scollegare questa persona dallInter. Fare dei sogni su questo argomento normale; sarei io il primo a dire: s, torna. Non ho di questi problemi, perch ho tanto da fare ora e non posso preoccuparmi di quello che sar il dopo. Voglio essere concentrato sugli obiettivi di adesso, il resto non mi fa paura. Mourinho, che gi mercoled aveva parlato di Leonardo come delluomo giusto per lInter del prossimo anno, ha spiegato a Madrid (oggi gioca a Valencia): falso che torner ad al-

lenare lInter. Mi sento tranquillo a lavorare qui a Madrid e la mia felicit aumenta in proporzione al fatto che sento come la gente mi stia seguendo. Le mie squadre fanno sempre meglio alla seconda stagione. Il presente dellInter contro

Il benvenuto Lo Special allInter sar sempre il benvenuto, lui come Herrera

una squadra che sta facendo benissimo; che ha vinto su campi molto difficili e che ha tante alternative: ha cambiato modulo, giocatori, per ha mantenuto sempre un rendimento altissimo. La Lazio una squadra in forma, ma noi siamo concentrati e non vogliamo disperdere tutto quanto di buono ha fatto lInter in questi mesi, anche se le sconfitte nel derby e in Champions League lo hanno un po offuscato. Ci sono cadute che, in una stagione, possono non far male; le nostre hanno pesa-

to molto e non soltanto perch ci hanno messo fuori dallEuropa. Ma questa squadra ha sempre dimostrato di saper reagire, ha dentro una grande forza e lo ha dimostrato anche marted a Roma in Coppa Italia, dove non era facile vincere. Serve unInter solida, per salvare il terzo posto: atteso il ritorno di Etoo (caviglia quasi a posto) al fianco di Pazzini, che non segna dal 20 marzo, 1-0 al Lecce. La vittoria dellillusione.

Fabio Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Serie A

34 giornata

Serie A
Bari
4-3-2-1 1 Gillet 5 A. Masiello 52 Glik 33 Rossi 21 Parisi 27 Bentivoglio 4 Almiron 14 Gazzi 22 Huseklepp 7 Rivas 71 Rudolf

Prossimo turno
Sampdoria
4-4-2 85 Curci 76 Zauri 28 Gastaldello 6 Lucchini 18 Laczko 7 Mannini 17 Palombo 16 Poli 8 Guberti 9 Pozzi 32 Maccarone

Serie B

36 giornata

Lega Pro
Girone A

1 div.

Oggi, ore 12.30 ROMA-CHIEVO Ore 15 BARI-SAMPDORIA BOLOGNA-CESENA CAGLIARI-FIORENTINA GENOA-LECCE INTER-LAZIO PALERMO-NAPOLI UDINESE-PARMA Ore 19 BRESCIA-MILAN Ore 21 JUVENTUS-CATANIA

Bologna
4-3-1-2 1 Viviano 24 Busc 13 Portanova 6 Britos 19 Rubin 15 Perez 26 Mudingayi 7 Della Rocca 10 Ramirez 9 Di Vaio 35 Paponi

Cesena
4-3-3 1 Antonioli 77 Ceccarelli 25 Von Bergen 15 Benalouane 6 Lauro 8 Caserta 14 G. Colucci 18 Parolo 10 Jimenez 23 Giaccherini 17 Malonga

Cagliari
4-3-2-1 1 Agazzi 24 Perico 21 Canini 13 Astori 31 Agostini 8 Biondini 5 Conti 4 Nainggolan 10 Lazzari 7 Cossu 9 Acquafresca

Fiorentina
4-3-2-1 84 Boruc 29 De Silvestri 5 Gamberini 2 Kroldrup 23 Pasqual 85 Behrami 18 Montolivo 4 Donadel 22 Ljajic 10 Mutu 11 Gilardino

Brescia
3-4-1-2 1 Arcari 5 Zebina 6 Bega 20 Accardi 15 Zambelli 4 A. Filippini 14 C. Zanetti 56 Hetemaj 32 Diamanti 9 Caracciolo 7 Eder

Milan
4-3-1-2 32 Abbiati 20 Abate 33 Thiago Silva 76 Yepes 19 Zambrotta 8 Gattuso 4 Van Bommel 10 Seedorf 27 Boateng 99 Cassano 70 Robinho

Genoa
4-4-2 1 Eduardo 20 Mesto 3 Dainelli 13 Kaladze 4 Criscito 5 Konko 77 Milanetto 33 Kucka 23 Antonelli 8 Palacio 83 Floro Flores

Lecce
3-5-2 22 Rosati 40 Tomovic 18 Giacomazzi 14 Fabiano 8 Munari 20 Vives 21 Grossmuller 10 Olivera 11 Mesbah 27 Jeda 17 Di Michele

Arbitro: GERVASONI di Mantova Tv: ore 15, Sky Calcio 7 Premium Calcio 5

Arbitro: GIANNOCCARO di Lecce Tv: ore 15, Sky Calcio 6 Premium Calcio 4

Arbitro: DOVERI di Roma Tv: ore 15, Sky Calcio 3 Premium Calcio 6

Arbitro: MAZZOLENI di Bergamo Tv: ore 19 Sky Calcio 1, Premium Calcio

Arbitro: RUSSO di Nola Tv: ore 15 Sky Calcio 5, Premium Calcio 3

Sabato 30/4, ore 18 CESENA-INTER Ore 20.45 NAPOLI-GENOA Domenica 1/5,ore15 CATANIA-CAGLIARI CHIEVO-LECCE FIORENTINA-UDINESE MILAN-BOLOGNA PARMA-PALERMO Ore 20.45 BARI-ROMA Lunedi 2/5 Ore 20.45 LAZIO-JUVENTUS

Gioved PADOVA-VICENZA PESCARA-FROSINONE Ieri ALBINOLEFFE-GROSSETO CROTONE-ATALANTA EMPOLI-LIVORNO MODENA-TORINO PIACENZA-CITTADELLA REGGINA-NOVARA SIENA-PORTOGRUARO TRIESTINA-SASSUOLO VARESE-ASCOLI
Classifica

4-1 Oggi, ore 15: Alessandria-Pavia; Alto Adige-Sorrento; Co1-1 mo-Paganese; Cremonese-Mon1-1 2-2 0-0 1-1 0-2 1-0 1-2 2-1 1-1
za; Gubbio-Lumezzane; Ravenna-Salernitana; Reggiana-Pergocrema; Spezia-Bassano; Verona-Spal. Classifica Gubbio 59 punti; Sorrento 52; Alessandria 46; Salernitana 43; Verona 42; Reggiana 41; Como, Bassano, Lumezzane e Spal 40; Ravenna, Spezia 37; Cremonese e Pavia 35; Pergocrema 31; Alto Adige 29; Paganese 28; Monza 25. Girone B Oggi, ore 15: Andria-Benevento; Atl. Roma-Cavese; Foggia-Nocerina; Foligno-Lucchese; Gela-Ternana; Juve Stabia-Taranto; Lanciano-Pisa; Siracusa-Cosenza; Viareggio-Barletta. Classifica Nocerina p. 65; Benevento 55; Juve Stabia 51; Atl. Roma e Taranto 47; Foggia 44; Siracusa e Virtus Lanciano 41; Lucchese 38; Barletta 36; Gela e Pisa 35; Ternana 34; Andria 32; Cosenza 31; Viareggio 29; Foligno 26; Cavese 25.

Inter

Lazio
4-2-3-1 86 Muslera 2 Lichsteiner 20 Biava 3 Dias 14 Garrido 32 Brocchi 24 Ledesma 6 Mauri 22 Floccari 8 Hernanes 10 Zarate

Juventus
4-4-2 1 Buffon 2 M. Motta 19 Bonucci 15 Barzagli 6 Grosso 27 Krasic 4 Felipe Melo 14 Aquilani 8 Marchisio 32 Matri 10 Del Piero

Catania
4-1-4-1 21 Andujar 22 P.S. Alvarez 6 Silvestre 3 Spolli 33 Capuano 5 Carboni 13 Izco 8 P. Ledesma 19 Ricchiuti 17 Gomez 11 Maxi Lopez

Roma
4-2-3-1 32 Doni 77 Cassetti 29 N. Burdisso 14 Juan 17 Riise 7 Pizarro 16 De Rossi 94 Mnez 20 Perrotta 7 Vucinic 10 Totti

Chievo
4-3-1-2 28 Sorrentino 20 Sardo 5 Mandelli 3 Andreolli 4 Mantovani 6 Fernandes 14 Guana 23 Constant 26 Bogliacino 80 Moscardelli 31 Pellissier

Palermo
4-3-1-2 46 Sirigu 16 Cassani 6 Munoz 5 Bovo 42 Balzaretti 8 Migliaccio 21 Bacinovic 23 Nocerino 27 Pastore 9 Hernandez 10 Miccoli

Napoli
3-4-2-1 26 De Sanctis 14 Campagnaro 25 Cribari 4 Ruiz 11 Maggio 5 Pazienza 23 Gargano 8 Dossena 17 Hamsik 9 Mascara 7 Cavani

Udinese
3-5-2 6 Belardi 17 Benatia 2 Zapata 13 Coda 3 Isla 11 Pinzi 8 Inler 20 Asamoah 27 Armero 16 Denis 7 Sanchez

Parma
4-4-2 83 Mirante 5 Zaccardo 29 Paletta 6 Lucarelli 18 Gobbi 80 Valiani 4 Morrone 10 Dzemaili 23 Modesto 11 Amauri 21 Giovinco

Partite in tempo reale e tutti i gol e le immagini della giornata su

4-3-1-2 1 Julio Cesar 13 Maicon 6 Lucio 15 Ranocchia 55 Nagatomo 4 J. Zanetti 19 Cambiasso 5 Stankovic 10 Sneijder 7 Pazzini 9 Etoo

Classifica
MILAN NAPOLI INTER LAZIO UDINESE ROMA JUVENTUS PALERMO CAGLIARI FIORENTINA 71 65 63 60 59 53 52 47 44 43 GENOA BOLOGNA (-3) CHIEVO CATANIA PARMA LECCE CESENA SAMPDORIA BRESCIA BARI 42 40 39 36 35 35 34 32 30 21

Siena p. 72; Atalanta 71; Varese e Novara 60; Reggina 53; Torino 52; Padova, Pescara, Empoli e Vicenza 49; Crotone, Modena e Livorno 47; Grosseto 45; AlbinoLeffe e Cittadella 43; Sassuolo e Piacenza 42; Ascoli e Portogruaro 40; Triestina 37; Frosinone 35.

Prossimo turno
Venerd 29/4, ore 20.45 : Livorno-Atalanta. Sabato 30/4, ore 15: AlbinoLeffe-Reggina; Ascoli-Frosinone; Cittadella-Modena; Grosseto-Triestina; Portogruaro-Pescara; Sassuolo-Empoli; Torino-Piacenza; Varese-Padova; Vicenza-Crotone. Domenica 1/5 (ore 12.30): Novara-Siena.

Arbitro: MORGANTI di Ascoli Tv: ore 15 Sky Calcio 1, Premium Calcio 2

Arbitro: BERGONZI di Genova Tv: ore 21, Sky Calcio 2 Premium Calcio 1

Arbitro: PIERPAOLI di Firenze Tv: ore 12.30 Sky Calcio 8 Premium Calcio

Arbitro: DAMATO di Barletta Tv: ore 15, Sky Calcio 2 Premium Calcio 1

Arbitro: VALERI di Roma TV: ore 15 Sky Calcio 4

66 Sport

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Il caso Il Direttivo si spacca (5-5) e il pareggio rimanda tutto allassemblea del 3 maggio, ma lo scontro durissimo Fotofinish

Diritti tv, 200 milioni paralizzano la Lega


Le 5 grandi neutralizzano la delibera per definire il numero dei tifosi
MILANO Un pareggio rimette tutto in discussione. Il Direttivo della Lega di serie A ha dichiarato non eseguibile la delibera votata dallassemblea straordinaria del 15 aprile (15 voti favorevoli e 5 contro), con la quale si dava mandato a tre societ demoscopiche (Doxa, Crespi e Sport+Markt) di avviare il sondaggio dopinione per definire il numero dei sostenitori, in base ai quali dividere i 200 milioni dei diritti tv legati ai bacini dutenza per il 2010-2011. La procedura insolita, perch un consiglio ristretto che blocca una delibera di unassemblea plenaria sembra unanomalia, ma il 15 aprile la materia era stata rimandata proprio allesame del Direttivo. Che si spaccato a met, confermando la frattura fra le cinque grandi e le quindici medio-piccole: cinque i no alla delibera (Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli) e cinque i s (Udinese, Catania, Parma, Palermo e Samp) in rappresentanza delle medio-piccole. Cos si torner in assemblea marted 3 maggio per provare a ripartire. La questione sulla quale la Lega di A si spaccata riguarda la definizione di sostenitori, scelta da chi ha scritto la legge Melandri, che ha stabilito il ritorno alla vendita collettiva dei diritti tv. Per una scelta politica era stato deciso di non usare il termine tifosi, ma questo sta provocando una laceragi. Questa osservazione legata allentrata in vigore del fair-play finanziario, voluto dal presidente dellUefa, Michel Platini: con le nuove norme, se anche un presidente vuole immettere capitali propri extra-budget, non pu farlo, perch si va verso una stagione nella quale le societ potranno spendere soltanto quello che incasseranno. Per ragioni anche storiche, i ricavi dei pi grandi club italiani sono di molto inferiori a quelli delle squadre inglesi, spagnole e tedesche. I bilanci sani sono indispensabili per andare avanti, ma un calcio pi povero pu rappresentare un handicap. Ancora Paolillo: Non c strategia e non c futuro e mi aspetto che torni la ragionevolezza, altrimenti Premier League e Liga saranno di un altro pianeta rispetto al calcio italiano. Che il clima in Lega sia di scontro aperto, lo ha confermato il presidente del Parma, Tommaso Ghirardi: Le grandi si facciano il loro campionato europeo e vorr dire che le altre 15 faranno il campionato italiano dei poveracci. Chi vuole distruggere il calcio non chi fa sacrifici per le proprie societ e lotta quotidianamente con i bilanci e la classifica. Da sei mesi veniamo in Lega per dividere queste famose risorse. E adesso ci si querela. incredibile.

CICLISMO

Scarponi vince il Trentino nel ritorno a Campiglio


Il Giro del Trentino si chiuso ieri a Madonna di Campiglio, prima corsa ad arrivare nel luogo dove il 5 giugno 1999 al Giro dItalia fu fermato Marco Pantani per valori fuori norma: vittoria di tappa al ceco Kreuziger, classifica a Scarponi. Ancora male Nibali che ha ceduto 3 minuti anche nellultimo arrivo in salita: il siciliano, assieme al compagno Basso, sar al via domani della Liegi-Bastogne-Liegi.

TENNIS

Barcellona, Nadal in semifinale con Dodig


Rafael Nadal si qualificato per le semifinali del torneo Atp di Barcellona (terra battuta, montepremi 1,995 milioni di euro). Il n 1 del mondo ha sconfitto per 6-2, 6-2 il francese Monfils e ora attende il croato Dodig (6-2, 4-6, 6-4 sullo spagnolo Lopez). Nellaltra semifinale sfida tutta spagnola, tra Ferrer (che ha battuto laustriaco Melzer 6-3, 6-3) e Almagro, che ha sconfitto il connazionale Ferrero 6-3, 6-3.

zione difficile da ricucire e che ha gi prodotto un lunghissimo reclamo firmato dalle cinque grandi e inviato alla Corte di giustizia della Federcalcio. Secondo Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli, vanno calcolati i tifosi di una squadra, senza ulteriori approfondimenti e gi nel novembre 2007, quando in uninfuocata assemblea, le societ avevano accettato i criteri di ripartizione indicati dalla legge, si era parlato di semplici tifosi. Secondo le altre 15 societ, la definizione di sostenitori apre la strada a differenti in-

terpretazioni: si pu essere tifosi di una big e sostenitori della squadra della propria citt. Per questo il vice-presidente del Milan, Adriano Galliani, ha lanciato lunica proposta che sembra in grado di superare questa fase di scontro: o ci sediamo in-

La proposta di Galliani Il vice-presidente del Milan chiede una discussione sul termine sostenitore usato dalla legge Melandri

torno a un tavolo e alla fine troviamo un accordo sul termine sostenitore, riportandolo allo spirito della legge oppure la questione diventa irrisolvibile. Largomento pi serio di quanto possa sembrare, perch i milioni che ballano sono parecchi (almeno una decina a testa per Juve, Inter e Milan), dopoch il ritorno alla vendita collettiva dei diritti tv ha provocato un consistente decremento di introiti per le grandi. Ha detto lamministratore delegato dellInter, Ernesto Paolillo: Si stanno togliendo legittime

risorse alle squadre che pi investono nel calcio, dividendole fra chi investe molto meno. E questo tentativo da parte di 15 societ di interpretare a modo loro la legge render i club italiani ancora meno competitivi in Europa di quanto siano og-

FORMULA 1

Botta e risposta Paolillo (Inter): Ci tolgono risorse decisive. Ghirardi (Parma): Le big? Facciano un campionato europeo

In Turchia sicuri Nel 2012 niente Gp


La Formula 1 dice addio a Istanbul: secondo i giornali turchi il Gp nel 2012 non si correr. Il quotidiano Hurriyet cita Murat Yalcintas, direttore della Camera di commercio di Istanbul (favorevole alla corsa), secondo cui il governo ha rifiutato lofferta di Ecclestone di raddoppiare i diritti per avere il Gp passando da 13 a 26 milioni di dollari. La prossima gara a Istanbul si correr l8 maggio.

Fabio Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Contro il Catania Il tecnico della Juventus si gioca la panchina

Delneri fa visita allAtalanta Non smentisco, il futuro non conta


TORINO Se anche Luigi Delneri ammette che la Champions League molto difficile, addirittura se le vincessimo tutte potrebbe non bastare, significa che alla Juventus stanno gi guardando al futuro. La conferma del tecnico di Aquileia legata alla conquista di un posto nellEuropa dei nobili, in caso contrario verr avvicendato con un anno di anticipo sulla conclusione del contratto. Io a Zingonia, in casa dellAtalanta? Non mi interessa smentire, sono affari miei. Potrei essere andato a comprarmi dei vestiti..., la frase ironica che in realt dischiude un nuovo orizzonte. Cosa succeder a fine stagione non mi cambier la vita, la nota a margine dellallenatore bianconero, che bolla come gossip le voci sul suo possibile successore. Sono tre mesi che se ne parla, io mi preoccupo solo di lavorare e del campionato, la pietra tombale sullargomento. Stasera, contro il Catania, il risultato uno solo: la vittoria. Come doveva essere a Firenze e invece non stato. Le valutazioni sul mio operato le dovete chiedere alla societ, non a me. Le contestazioni dei tifosi? Una piccola parte contesta, io tiro dritto per la mia strada. Dobbiamo conquistare i tre punti e stop, il diktat di Delneri. Che annuncia la presenza dal primo minuto di Alessandro Del Piero a fianco di Alessandro Matri, mentre lultimo allenamento stato fatale a Giorgio Chiellini: Purtroppo nella rifinitura ho sentito un dolore, dovr guardare i miei compagni dalla tribuna, ha
Titolare Contro il Catania Alessandro Del Piero giocher dal primo minuto, in coppia con Alessandro Matri. Out Giorgio Chiellini, infortunato in allenamento: al suo posto Barzagli (LaPresse)

Champios difficile Vincerle tutte potrebbe non bastare. Preso il brasiliano Appelt Pires

scritto il difensore su Twitter. Spetter ancora ad Andrea Barzagli sostituirlo. Anche Jorge Martinez non scoppia di salute: Non scarso come lo dipingono, tuona il tecnico friulano, malgrado gli juventini non abbiamo mai potuto constatare quanto sia bravo luruguaiano. Intanto, mentre incombe lostacolo Catania, c la prima operazione di mercato conclusa da Beppe Marotta per la stagione che verr. Scucendo una cifra intorno ai tre milioni di euro stato acquistato il brasiliano del Rosende Gabriel Appelt Pires, una promessa. Adesso i tifosi si attendono i colpi grossi, a cominciare dallallenatore. Decisivo sar il Consiglio di amministrazione dell11 maggio che stabilir la portata degli investimenti.

FORMULA 1

Symonds riabilitato per guarire la Virgin


Era stato squalificato assieme a Flavio Briatore per il Singaporegate. Ma lesperienza di Pat Symonds, ex d.t. Renault, pu fare comodo e cos la Marussia Virgin gli ha chiesto di capire come mai la MRV-02 va cos male. Symonds non pu lavorare full time in F1 fino al 2013, ma si vociferava che gi aiutasse il team. Ora linvestitura ufficiale. John Booth: Da Pat ci aspettiamo una cura dettagliata per la macchina.

Gino Minguzzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

Sport 67
Basket

La storia

Dallo scandalo del sangue degli Harlequins alle inchieste della polizia: linvoluzione della specie
Nei guai

Sbornie, risse e minacce Cerano una volta i gentiluomini del rugby


La federazione inglese: Siamo molto preoccupati
MILANO Linvoluzione della specie inizi dopo il 1995, quando il rugby divent sport professionistico, esattamente come tutti gli altri. E non un caso se David Kirk e Nick Farr-Jones, i capitani delle prime due nazionali campioni del mondo (Nuova Zelanda 87 e Australia 91), sono oggi due affermati avvocati che dirigono gli studi legali di due multinazionali del Pacifico mentre quelli successivi sono allenatori o commentatori tv con leccezione di Franois Pienaar, che guid al titolo il Sudafrica nel 95, il Mondiale di Nelson Mandela, e da allora fa lambasciatore senza nomina della nazione arcobaleno. Non ci sono pi, insomma, i rugRecidivo Andy Powell, gallese, 29 anni (Getty Images)

Irrequieto Gavin Henson, gallese, 29 anni, un talento inespresso (Getty Images)

La ricaduta Il gallese Powell ci ricasca: un anno fa era stato arrestato in autostrada, ubriaco e alla guida di una golf cart
bisti di una volta. O comunque ce ne sono sempre meno. E se questa la logica conseguenza del professionismo, molto meno logica la deriva dellultimo paio danni, per non parlare dellultimo mese. I fatti. Delon Armitage, estremo dei London Irish e della nazionale inglese, ha rifiutato un controllo antidoping con le seguenti modalit: valanga di insulti alladdetto al prelievo (15 parolacce in 2 minuti secondo i cronisti britannici), spintoni e minacce. Sospeso per 8 settimane, ha avuto la faccia tosta di fare ricorso (immediatamente respinto). Ben Foden, estremo del Northampton che ha preso il posto di Armitage in nazionale, ha passato una notte in prigione per aver pesantemente maltratto un tassista. Gavin Henson, il talentone gallese seguito or-

mai pi dai giornalisti di gossip che da quelli sportivi, ha perso due posti di lavoro uno dietro laltro. Prima lo hanno cacciato i Saracens quando si accorsero, nello spogliatoio, che Henson non sapeva nemmeno contro chi avrebbero giocato pochi minuti pi tardi. Poi il Tolone dove, appena arrivato, ha subito scatenato una bella rissa (vecchio vizio) con i compagni di squadra. Lultima prodezza (risale a luned) riguarda due giocatori dei Wasps, il pilone inglese Tim Payne e il terza linea gallese Andy Powell, sospesi in attesa della fine di uninchiesta (del club e della polizia) dopo una clamorosa rissa al Shepherds Bush Pub. I due erano, ovviamente, completamente ubriachi e Powell pure recidivo. Nel febbraio di un anno, fa festeggi la vittoria del Galles sulla Scozia con la solita sbronza. Poi, non contento, rub una delle golf cart dellalbergo e venne arrestato alle 6 del mattino sullautostra-

Notte in cella Ben Foden, 25 anni, estremo dellInghilterra (Action Images)

Sboccato Delon Armitage, 26 anni, nazionale inglese (Reuters)

da M4, direzione Londra. Ma non si tratta solo di risse, minacce e sbornie colossali. Nel giugno 2008, tre giocatori della nazionale inglese in tourne in Nuova Zelanda vennero denunciati per stupro. Inchiesta della polizia e omert totale dei compagni, che rifiutarono di rispondere agli agenti neozelandesi. Nella primavera del 2009 ci fu lo scandalo degli Harlequins, col medico che riforniva i giocatori di sacchetti di sangue da utilizzare qualora fosse necessaria una sostituzione, appunto, per sangue (che permette al giocatore di rientrare). Una storia, quella degli Harlequins, che convinse gli inglesi a scrivere che il rugby non sarebbe mai pi stato come prima e a cambiare la celebre definizione di sport per teppisti giocato da gentiluomini in sport per teppisti giocato da teppisti. La situazione, insomma, quella che , e la Rugby Football Union, la federazione inglese, ammette il problema. Certo che siamo preoccupati spiega il presidente Martyn Thomas . Lincidente degli Harlequins ci fece capire che il livello dei comportamenti stava precipitando. Per questo abbiamo avviato una campagna per ristabilire il senso di disciplina e di decoro. Temo, per, che ci saranno sempre incidenti isolati. Il rugby diventato un lavoro, si aperto alla classe media. Non credo che quello che succede sia colpa del rugby, semmai della nostra societ.

Milano corregge gli ingaggi ma li nasconde


MILANO Abbiamo pi volte letto la chiosa del presidente dellOlimpia, Livio Proli, a quanto da noi scritto. Precisazioni, secondo le quali sarebbero state pubblicate informazioni prive di fondamento e distanti anni luce dai fatti... Le cifre lette sul Corriere della Sera sono molto distanti dalla realt. E per la precisione, quali sarebbero quelle vere? Siamo qui, che le aspettiamo, per poterle pubblicare. C soltanto un modo per smentire: fuori i contratti. Inoltre, in due precisi, e ben circostanziati, episodi tecnico-tattici ci parso rilevare un supporto carente da parte dello staff tecnico al capo allenatore. Lo abbiamo segnalato. Se sfuggono certi dettagli in partiOggi il derby ta, che poi si rivelano determinanti, cos ilSerie A (13 rit.) legittimo chiedersi coOre 17 sa ci stanno a fare due Armani Jeans assistenti? Milano-Bennet Anche in questo caCant (diretta su so non abbiamo riceSkysport2 Hd) vuto smentita, o diversa interpretazione, Ore 19 ma soltanto una lodeCanadian Solar vole dichiarazione di Bolognaintenti: Tutto lo staff Montepaschi Siena tecnico lavora e rema (diretta su nella stessa direzione Skysport2 Hd) e in accordo con coaOre 20.30 ch Dan Peterson. MeLottomatica glio. Per non si veRoma-Pepsi de. Ci permettiamo di Caserta; Tercas ricordare che allepoTeramo-Fabi ca in cui le sinergie Montegranaro; erano palesi, la caroAngelico gnissima stampa milaBiella-Cimberio nese scriveva: FranVarese; Benetton co Casalini che allena Treviso-Vanoli lOlimpia. E coach Cremona; Scavolini Peterson, da quel Siviglia grande che , risponPesaro-Enel deva: Ma quello braBrindisi; vo a sceglierlo come Air assistente, sono stato Avellino-Dinamo io. Se poi non fosse Sassari vero, che Peterson un uomo lasciato solo al comando, prontissimi ad emendare. Infine. Auguriamo larrivo a Milano di Ettore Messina, ma perch si verifichi, temiamo, servirebbe la terza rifondazione consecutiva della squadra. Cosa non esattamente in linea con lo sviluppo di un progetto. Ma su questo, che era il fulcro del ragionamento, silenzio. Se le nostre critiche sono state tanto gratuite e fuorvianti, una domanda a Milano se la dovrebbero fare: perch non sono in testa alla classifica?

Domenico Calcagno
RIPRODUZIONE RISERVATA

Bufera nel volley

Macerata: non giochiamo i playoff


MILANO Le semifinali della pallavolo prendono il via domani con gara 1 tra Cuneo e Macerata (a Pasquetta, invece, la partenza della serie tra Trento e Modena), ma sul campionato scoppia una polemica, firmata proprio dai marchigiani della Lube. Il direttivo della Lega volley, infatti, ieri ha deliberato di non concedere a Macerata il permesso di disputare le gare casalinghe al palasport Fontescodella. Lanno scorso era stata concessa una deroga, legata per alla promessa che i lavori per un nuovo impianto, a carico dellamministrazione comunale, sarebbero cominciati entro la fine del 2010. Ma questo non avvenuto e mai avverr, come ha annunciato il sindaco. Non solo: la capienza autorizzata del Fontescodella di 2100 persone, aumentata a 3000 per i playoff. Ma dalle semifinali in poi, la Lega, per regolamento, esige impianti da almeno 3500 spettatori. E da questa posizione non disposta a derogare, salvo augurarsi che il palasport di Macerata venga ampliato. La Lube, comunque, non ci sta: ieri ha annunciato che si ritirer se non potr sfruttare limpianto cos com. Terr davvero fede alla minaccia?
RIPRODUZIONE RISERVATA

Werther Pedrazzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

La proposta Dopo lultimo, drammatico Grand National, i manager dellippodromo di Towcester vietano luso del whip

Troppi cavalli morti, e il frustino diventa fuorilegge


MILANO Niente frustino (whip), siamo inglesi. Dopo la morte di due cavalli nel Grand National del 9 aprile scorso, i manager dellippodromo di Towcester, nel Northamptonshire, hanno deciso di applicare a tutte le corse in programma dallottobre prossimo le regole soft valide per la categoria hands and hills: solo mani e tacchi saranno consentiti ai fantini per scatenare i cavalli nel finale di gara. Una deciLiverpool, ha fatto registrare 33 decessi: oltre ai due animali abbattuti in seguito a una rovinosa caduta, 11 cavalli su 40 al via si sono ritirati in condizioni pietose e perfino il vincitore, Ballabriggs, dovuto ricorrere allossigenazione artificiale subito dopo larrivo. Il suo jockey, Jason Maguire, dopo avere ricevuto onore e gloria, stato squalificato per 5 giorni a causa delluso eccessivo del frustino. Una giornata ribattezzata blood bath, bagno di sangue, e destinata a lasciare il segno. I giornali britannici avevano paragonato lantico derby ippico a una sorta di corrida, senza piet per gli anile gare ippiche inutile, una follia, commenta Vittorio Feltri, appassionato e proprietario di un cavallo da corsa. Nel Paese dove la caccia alla volpe sembra non tramontare mai, risulta difficile riscrivere le regole di uno sport altrettanto tradizionale e spesso altrettanto feroce. Il Racing Post, il pi importante giornale di settore, registra la difficolt di introdurre nuove norme nelle competizioni, precisando che

Frenata La federazione inglese per frena: promette di pensarci su ma parla anche di tempi lunghi
sione apprezzata non solo dagli animalisti ma anche da molti appassionati tradizionalisti, che hanno ancora negli occhi le impressionanti immagini del Grand National, dal 1836 un percorso al massacro di oltre 7 chilometri e con una trentina di infidi ostacoli. Nelle ultime dieci edizioni la gara, che si svolge sul tracciato di Aintree, nei paraggi di

Esperti Gli esperti: il bagno di sangue del Grand National non stato certo colpa della frusta

Caduta
Caduta al Grand National, nel corso del quale sono morti due cavalli. A sinistra, il fantino usa il frustino

mali coinvolti. E cos, raccogliendo lemozione popolare, lippodromo di Towcester che dal 2002 consente lingresso gratuito al pubblico affidando i propri bilanci esclusivamente a sponsor e sussidi ha deciso di sfidare le regole mai intaccate dello sport dei re. La British Horseracing Authority, una sorta di federazio-

ne ippica inglese, ha per cominciato a frenare, chiarendo che le novit devono essere valutate con estrema cautela. Il portavoce Paul Struthers ha comunque garantito una revisione sulluso del frustino, considerato fondamentale per assicurare lo spettacolo nei rush finali. Lo strumento sotto accusa, precisano gli oltranzisti, ben diverso da quello crudele

utilizzato in passato: il cuoio grezzo infatti rivestito da un materiale morbido che ammortizza il colpo e attenua il dolore per il cavallo. Resta comunque un gesto inutile, almeno a giudicare dagli studi realizzati proprio in Gran Bretagna dove stato dimostrato che, con o senza frustino, le prestazioni dei cavalli restano invariate. Usare il frustino nel-

il bagno di sangue del Grand National stato causato non dalluso del frustino ma dalla difficolt del tracciato. Non avr i toni coloriti delle polemiche legate ai rischi per i cavalli del Palio di Siena, ma questa disputa in puro stile british destinata a dividere il Paese.

Federico Pistone
RIPRODUZIONE RISERVATA

68
Circondato dall'affetto dei suoi cari si spento

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Andrea Ciccotti
Ne danno il triste annuncio la moglie Lucia, i figli Stefano Debora e Rachele con Lorena Giorgio e Claudio, i nipoti Andrea, Marco e Ludovico, la cognata Katia.- Le esequie si terranno il 23 aprile alle ore 14.30 nella chiesa di Nostra Signora di Coromoto in Roma.- La famiglia ringrazia il Dottor Roberto Righini e il personale di Villa Flaminia per i lunghi anni di cura e vicinanza. - Roma, 22 aprile 2011. Il Presidente della Rai Paolo Garimberti, i Consiglieri di Amministrazione Giovanna Bianchi Clerici, Rodolfo de Laurentiis, Alessio Gorla, Angelo Maria Petroni, Nino Rizzo Nervo, Guglielmo Rositani, Giorgio Van Straten, Antonio Verro e i componenti il Collegio Sindacale partecipano con affetto al dolore di Stefano Ciccotti e della famiglia per la scomparsa del padre

Ferdinando Dainotti
Ciao Nando, buon viaggio.- I tuoi amici non ti dimenticheranno mai.- Un forte affettuoso abbraccio a Daniela ed ai suoi cari.- Arduino e Carla, Vittorio e Ross, Dodi e Angela, Gian e Piera, Marco e Alessandra, Lalla, Pupa, Lolli, Piero e Ornella, Davide e Silvia, Roberto e Anna, Riccardo e Tilde, Gigi e Giorgiana, Alfonso, Elda, Anna e Renato, Simberto e Donatella, Carlo e Edy, Lilli, Cesare e Ninni, AnnaLo, Patrizia, Gabriella, Rosy, Gio Egidio Andrea e Jenny, Giancarlo e Lori, Enrico e Liliana, Irene, Walfredo e Nadia, Gigi e Leda, Gianfranco e Deiva, Benny e Rita, Giancarlo, Giorgio, Ferruccio, Natale e Ege, Antonio e Mirka, Manlio e Adelaide, Rita, Claude, Renato e Marina, Vittorio e Rossella, Gianbattista, Sidney e Michle, Tino. - San Felice, 22 aprile 2011. I condomini di via Sottocorno 5/A - Milano si stringono a Carmelina nel triste giorno della prematura scomparsa del figlio

Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

ACCETTAZIONE NECROLOGIE E ADESIONI


SERVIZIO TELEFONICO E TELEFAX ATTIVO DA LUNED A DOMENICA 14-20
CON SUPPLEMENTO 20% SULLA TARIFFA BASE

Fax Necrologie
02 50956003 - 02 50956033
L'INVIO DI UN FAX DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DA COPIA DI UN DOCUMENTO DI IDENTIT

Andrea Ciccotti
- Roma, 22 aprile 2011. Il Direttore Generale della Rai, professore Mauro Masi, a nome di tutta l'azienda, affettuosamente vicino a Stefano Ciccotti e alla famiglia per la scomparsa del padre

Fabio Giangreco
- Milano, 22 aprile 2011. Nel trigesimo della scomparsa della mamma, Guido ricorda i genitori

Telefono Necrologie

02 50984519
SI ACCETTANO CHIAMATE ANCHE DA CELLULARI SOLO DIETRO PAGAMENTO CON CARTE DI CREDITO SERVIZIO FATTURAZIONE NECROLOGIE: TEL. 02 50956632 - FAX 02 25886632 E-MAIL: fatturazione.necrologie@rcs.it

Andrea Ciccotti
- Roma, 22 aprile 2011. la Emmapaola Sturani ricorda con commozione

Giorgio
e

Vivianne Valerio
domani 24 aprile con la Messa delle 18,30 in San Marco. - Milano, 23 aprile 2011. 23 aprile 2010 - 23 aprile 2011

Prof.ssa Renata Zippel


per lunghi anni compagna di lavoro e carissima amica. - Milano, 22 aprile 2011. Il personale del Dipartimento di Scienze Biomolecolari e Biotecnologie, Universit degli Studi di Milano, esprime profonda commozione per la scomparsa di

Paola Bartoli Langeli


Grazie per essere stata "l'arco che lancia i figli verso il domani".- Ad un anno dalla tua scomparsa, ciao Paola, ciao mamma.- Carlo con Matteo, Lorenzo, Pietro e Francesco. - Milano, 23 aprile 2011. La famiglia unitamente alla carissima Paola ricorda con immutato amore

SERVIZIO SPORTELLI: Milano: Via Solferino 22, luned-venerd 9.00-17.45 orario continuato - Bologna: Via San Donato 85, luned-venerd 9.00-13.00/14.00-18.00 Firenze: Lungarno Delle Grazie 22, lunedvenerd 9.00-13.00/14.00-18.00 - Napoli: Vico S. Nicola Alla Dogana 9, luned-venerd 9.00-13.00/14.45-17.30 - Bari: Via Villari 50, luned-venerd 9.00-13.00/14.30-18.00
Informativa ai sensi dellart. 13 D.Lgs. 196/2003 ("Codice in materia di protezione dei dati personali"). Conformemente all'impegno e alla cura che la nostra societ dedica alla tutela dei dati personali, La informiamo sulle modalit, finalit e ambito di comunicazione e diffusione dei Suoi dati personali e sui Suoi diritti, in conformit all'art. 13 del D. Lgs. 196/2003. Per permetterle di usufruire dei servizi offerti da RCS Pubblicit S.p.A., la stessa deve trattare alcuni Suoi dati. I dati personali che Lei fornir al Titolare, verranno registrati e conservati su supporti elettronici protetti e trattati con adeguate misure di sicurezza. I dati saranno trattati da RCS Pubblicit S.p.A. esclusivamente con modalit e procedure necessarie per fornirLe il servizio da Lei richiesto. I dati non saranno diffusi ma potranno essere comunicati, sempre per la predetta finalit, alle Societ del Gruppo RCS Mediagroup, oltre che a societ che svolgono per nostro conto compiti di natura tecnica od organizzativa strumentali alla fornitura del servizio richiesto, e che sono stati nominati Responsabili del Trattamento. Lei ha diritto di conoscere, in ogni momento, quali sono i Suoi dati e come essi sono utilizzati. Ha anche il diritto di farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne il blocco ed opporsi al loro trattamento. Ricordiamo che questi diritti sono previsti dal Art.7 del D. Lgs 196/2003. Per ogni informazione riguardo ai diritti pu rivolgersi, a tal fine, al Responsabile del trattamento dei dati personali di RCS Pubblicit S.p.A. scrivendo allo stesso c/o RCS Pubblicit S.p.A. via Rizzoli 8 20132 Milano.

Renata Zippel
e si associa al cordoglio dei famigliari ricordando l'alto profilo umano e scientifico dell'amica e collega. - Milano, 22 aprile 2011. Gli amici e il personale del Dipartimento di Biologia dell'Universit degli Studi di Milano esprimono profondo dolore e commozione per la prematura scomparsa della

Gianfranco Imperatori
La messa in suffragio si terr gioved 28 aprile alle ore 16.30 presso la cappella interna dell'Istituto Romano San Michele - piazzale Antonio Tosti 4. - Roma, 23 aprile 2011. Gigi e Titta Ferrari ricordano la loro amatissima

Prof.ssa Renata Zippel


e si uniscono al cordoglio della famiglia, dei colleghi e degli studenti nel rimpianto di una docente e ricercatrice molto stimata ed apprezzata da tutta la comunit scientifica. - Milano, 22 aprile 2011. mancata all'affetto dei suoi cari la

Pupa Ferrari Monzino


Il 26 aprile alle ore 10 sar tenuta presso la chiesa del Cimitero Monumentale una Messa a suffragio. - Milano, 23 aprile 2011. 23 aprile 1980 - 23 aprile 2011 Con immutato infinito amore la moglie Antonella ed i figli Tato e Jola ricordano

dott.ssa Carla Urani Facchin


Lo annunciano, con profonda tristezza, il nipote Matteo, la sorella Viviana e famiglia, con mamma Rita, e la sorella Maria Urani De Angeli. - Milano, 21 aprile 2011. Partecipano al lutto: I cugini Sordelli. I cugini Del Miglio. I cugini Colella. I nipoti Pizzarello e De Angeli con le loro famiglie ricordano commossi l'amata

Annibale Taglioretti
- Busto Arsizio, 23 aprile 2011. In ricordo del 1997 - 2011

Rag. Luigi Tavecchio


i figli Andrea e Paolo con moltissima nostalgia. - Milano, 23 aprile 2011. A vent'anni dalla sua scomparsa con grandissimo amore e nostalgia ricordiamo

zia Carla
- Milano, 21 aprile 2011. Claudia, Mauro e Lorenzo Baraldi si uniscono al dolore di Ettore e della sua famiglia per la scomparsa del figlio

Renato Faggioni
La moglie e i figli. - Milano, 23 aprile 2011. Il figlio Marco, Loredana e Alessandro ricorderanno sempre il Dottor

Vittorio Arrigoni
- Senago, 21 aprile 2011.

Ezio Lombardi
- Milano, 23 aprile 2011.

23 aprile 1999 - 23 aprile 2011

EGIDIO GIUSEPPE BRUNO


E trascorso un altro anno senza di te. La tua famiglia continua a vivere nel segno dei valori che abbiamo condiviso. Con immutata nostalgia. Milano, 23 aprile 2011

Codice cliente: 211995

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

69

Il Tempo
OGGI
LE PREVISIONI
a cura del Centro Epson Meteo
Trento Trieste Aosta Milano Torino Bologna Venezia

Ogni giorno le PREVISIONI della tua citt sempre con te Digita: mobile.corriere.it nel browser del telefonino
Il servizio gratuito salvo i costi di connessione internet previsti dal piano tariffario del proprio operatore Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile

IL SOLE

Bari
Sorge alle Tramonta alle
6.03 19.41

Palermo Bologna Firenze


6.21 19.50 6.19 20.08 6.21 20.07

Torino
6.33 20.25

Napoli
6.14 19.50

Roma
6.19 19.59

Milano
6.25 20.19

Genova
6.29 20.19

Venezia
6.13 20.06

LA LUNA

Nuova
3 Maggio

Primo quarto
10 Maggio

Piena
17 Maggio

Ultimo quarto
25 Aprile

DOMANI

LUNED

MARTED

MERCOLED

Genova

Firenze

Ancona

Perugia LAquila ROMA Campobasso

Un po di nuvole sulle regioni di Nordovest, su quelle tirreniche e sulle isole maggiori, con piogge diffuse in Sardegna e locali, brevi piovaschi tra Liguria, Piemonte e Toscana, soprattutto in prossimit delle zone montuose. Ampie zone di sereno sono invece previste al Nordest e sul versante adriatico. Temperature in lieve diminuzione nelle regioni pi occidentali, ma in generale gradevoli, con massime per lo pi tra 19 e 22 gradi. Venti di Scirocco sulle isole maggiori.

IN EUROPA
Bari

Napoli

Potenza

Catanzaro Cagliari

LE TEMPERATURE DI OGGI
18 Aosta 18 Torino 20 20 20 21
Milano Trento Venezia Trieste

17 Genova 23 Bologna 22 20 20 18
Firenze Perugia Ancona LAquila

20 Roma 18 Campobasso 22 21 19 19
Napoli Bari Potenza Catanzaro

20 R. Calabria 21 Catania 22 21 19 18
Palermo Alghero Cagliari Olbia

Palermo

I Paesi sud-occidentali avranno ancora a che fare con una nuvolosit irregolare e piogge che interesseranno prevalentemente la Penisola Iberica e la Francia occidentale e meridionale. Una perturbazione andr a investire anche la Gran Bretagna dove non mancheranno delle piogge sparse. Nel resto del continente prevarranno condizioni di tempo stabile e soleggiato e clima mite.
MARE

<-10
Oslo Helsinki
Alta Pressione

18
Edimburgo

15
Stoccolma 20

-10-5 -5-0 0-5


Bassa Pressione

16
Dublino

Copenaghen

18 24
Amsterdam Berlino Varsavia

17 24 Londra 25
Parigi

25
Praga

23
Vienna

Kiev

23

5-10 10-15 15-20


Fronte Caldo

24 20
Milano

24
Belgrado

20
Barcellona Madrid Lisbona Roma

22
Tirana

20
Bucarest

20-25
Ankara

18 20
Algeri Tunisi

18

20
Atene

25-30 30-35 >35

Fronte Freddo

16 21

19

21

22
Fronte Occluso

VENTO

Sole

Nuvolo

Coperto

Pioggia

Rovesci Temporali

Neve

Nebbia

Debole

Moderato

Forte

Molto forte

Calmo

Mosso

Agitato

LE TEMPERATURE DI IERI IN ITALIA


min
Ancona Aosta Bari Bologna Bolzano Brescia Cagliari S = Sereno

ASIA AUSTRALIA
max min
S N S S N S N

NORD AMERICA
12
Seul Tokyo

SUD AMERICA
Bogot Caracas

AFRICA
Casablanca

max

min
S S S S S N P

max

min
N S N N N P P

max

min
N N N S S S S

15
max
Pechino

28

+7 +8 +8 +9 +7 +8 +12

+22 +21 +22 +23 +24 +23 +16

Campobasso Catania Crotone Cuneo Firenze Genova Imperia

+11 +11 +10 +8 +7 +13 +16

+18 +18 +19 +20 +24 +20 +18

LAquila Lecce Messina Milano Napoli Olbia Palermo

+6 +6 +15 +10 +11 +14 +15

+20 +23 +19 +23 +21 +15 +17

Parma +10 Perugia +8 Pescara +7 Pisa +6 Potenza +9 R. Calabria +14 Rimini +8 R = Rovesci

+23 +22 +19 +21 +21 +20 +19

Roma Torino Trento Trieste Udine Venezia Verona

+9 +8 +10 +11 +7 +10 +7

+21 S +22 N +22 S +20 S +20 S +19 S +23 S

22
Lima

23

Il Cairo

26 32 27 14
Rio de Janeiro Lagos Luanda Nairobi

35

Delhi Shanghai

15 17

6
Vancouver 13 Chicago San Francisco 20 Los Angeles New York

22
Santiago

Bangkok

33

Giacarta

31 22 Sydney

Buenos Aires

28 32

19

27
Citt del Messico

26

P = Pioggia

N = Nuvoloso

T = Temporale

C = Coperto

V = Neve

B = Nebbia

21 Citt del Capo

Sudoku Diabolico
4 2 7
5 Puzzles by Pappocom

6 7 8 8 4 8 6 5 9 7

9 3

Come si gioca Bisogna riempire la griglia in modo che ogni riga, colonna e riquadro contengano una sola volta i numeri da 1 a 9
LA SOLUZIONE DI IERI

In edicola con il Corriere Paolo Conte il secondo cd: Concerti


In edicola con il Corriere il secondo cd della collezione dedicata ai grandi successi di Paolo Conte. Con lalbum Concerti in omaggio anche il cofanetto raccoglitore.

Oggi su www.corriere.it
Corriere.Hit Venezia

La sorpresa dei Fitz


La classifica dei singoli: novit nella top 10.
Viaggi

La pala doro
Restaurata e ora visibile da Pasqua nella chiesa di San Salvador.
Motori

Immagini

Pasqua, i riti nel mondo


Dalle processioni alle cerimonie di derivazione medievale, dalle rievocazioni del cammino della Via Crucis alle penitenze. Da tutto il mondo le foto e i video dei riti della Settimana Santa.

Ponza senza folla


Primavera sullisola: spiagge libere, prezzi bassi e clima ideale.
Tecnologie

Le novit dalla Cina


Al Salone di Shanghai tante anteprime: guarda le immagini e le schede.
Iniziative

1 5

8 2 6

4 7 4 1

5 7 8 9 6 1 2 3 4

1 4 6 3 2 5 8 9 7

3 9 2 8 7 4 6 1 5

7 2 1 5 3 9 4 6 8

6 8 9 7 4 2 1 5 3

4 3 5 1 8 6 7 2 9

8 1 4 2 5 3 9 7 6

2 6 3 4 9 7 5 8 1

9 5 7 6 1 8 3 4 2

Guerra di brevetti
Samsung accusa Apple di aver copiato per realizzare iPhone e iPad.

Doni per la musica


Barenboim e Finardi: raccolta di strumenti da dare ai bambini poveri.

a 9,90 euro pi il prezzo del quotidiano

Altri giochi su www.corriere.it

70

italia: 515050585854

Sabato 23 Aprile 2011 Corriere della Sera

Programmi Tv
Teleraccomando
di Maria Volpe
PER DISTRARSI PER CONOSCERE

Rai1
rai.it 6.30 MATTINA IN FAMIGLIA. Attualit. Con Tiberio Timperi, Miriam Leone 10.00 VERDETTO FINALE. Attualit. Con Veronica Maya 10.50 APRIRAI. Attualit. Con Cinzia De Ponti 11.00 APPUNTAMENTO AL CINEMA. Attualit CHE TEMPO FA. 11.10 7+. Attualit. Con Georgia Luzi 12.00 LA PROVA DEL CUOCO. Variet. Con Antonella Clerici 13.30 TELEGIORNALE. 14.00 UNITI NEI VALORI. VI EDIZIONE DEL CONCERTO DELLA POLIZIA PER LA LEGALIT. Musicale. Con Paola Saluzzi 15.30 LE AMICHE DEL SABATO. Talk show 17.00 TG 1. CHE TEMPO FA. 17.15 A SUA IMMAGINE. Attualit 17.45 PASSAGGIO A NORD OVEST. Attualit. Con Alberto Angela 18.50 LEREDIT. Quiz. Con Carlo Conti 20.00 TELEGIORNALE. SERA 20.30 RAI TG SPORT. 20.35 AFFARI TUOI. Variet. Con Max Giusti 21.10 BALLANDO CON LE STELLE. Variet. Con Milly Carlucci. Con Paolo Belli. Nel programma: Tg1 60 secondi 0.35 ITALIA MIA, ESERCIZI DI MEMORIA. Attualit 1.15 TG 1 NOTTE. TG1 FOCUS. Attualit 1.25 CHE TEMPO FA.

Rai2
rai.it 6.00 7 VITE. Serie 6.25 LISOLA DEI FAMOSI. Reality 7.00 CARTOON FLAKES WEEKEND. Ragazzi 8.55 VICTORIOUS. Telefilm 9.20 SOCIAL KING. Variet 10.15 SULLA VIA DI DAMASCO. Attualit 10.45 METEO 2. 10.50 QUELLO CHE. Attualit 11.30 APRIRAI. Attualit. Con Cinzia De Ponti 11.35 MEZZOGIORNO IN FAMIGLIA. Variet 13.00 TG 2 GIORNO. 13.25 DRIBBLING. Rubrica sportiva 14.00 QUELLI CHE ASPETTANO... Talk show 15.40 QUELLI CHE IL CALCIO E... Variet. Con S. Ventura 17.05 STADIO SPRINT. Rubrica sportiva 18.00 TG 2 L.I.S. METEO 2. 18.05 90 MINUTO. Rubrica sportiva 19.05 LISOLA DEI FAMOSI: LA SETTIMANA. Reality 19.30 LISOLA DEI FAMOSI. Reality 20.25 ESTRAZIONI DEL LOTTO. Variet 20.30 TG 2 20.30. 21.00 CRIMINAL MINDS. Telefilm. Con Joe Mantegna 22.35 LA DOMENICA SPORTIVA. Rubrica sportiva. Con Paola Ferrari 1.00 TG 2. 1.20 TG 2 DOSSIER. Attualit 2.05 TG 2 MIZAR. Att. 2.30 LISOLA DEI FAMOSI. Reality

Rai3
rai.it 8.20 FILM NEL GORGO DEL PECCATO. (Dramm., Italia, 1955). Di V. Cottafavi. Con Elisa Cegani, Fausto Tozzi 9.45 AGENTE PEPPER. Telefilm 10.35 MAGAZINE CHAMPIONS LEAGUE. Rubrica sportiva 11.00 TGR BELLITALIA. Att. 11.30 TGR PRODOTTO ITALIA. Attualit 12.00 TG 3. SPORT NOTIZIE. 12.30 TGR IL SETTIMANALE. Rotocalco 12.55 TGR AMBIENTE ITALIA. Attualit 14.00 TGR. TGR METEO. 14.20 TG 3. 14.45 TG 3 PIXEL. Attualit METEO 3. 14.50 TV TALK. Talk show 16.25 ART NEWS. Attualit 16.55 TG3 L.I.S. 17.00 FILM DIRITTO DAMARE. (Dramm., Usa, 1988). Di L. Nimoy. Con Diane Keaton, Liam Neeson 18.40 KILIMANGIARO ALBUM 19.00 TG 3. 19.30 TGR. TGR METEO. 20.00 BLOB - VOTA ANTONIO. Documenti 20.10 RITRATTI. Documenti. Con Giancarlo Governi 21.05 ULISSE, IL PIACERE DELLA SCOPERTA. Attualit. Con Alberto Angela 23.15 TG 3. TGR. 23.35 UN GIORNO IN PRETURA. Attualit. Con Roberta Petrelluzzi METEO 3. 0.35 TG 3.

Rete4
mediaset.it/rete4 7.00 VITA DA STREGA. Serie 8.00 KOJAK II. Telefilm 8.50 VIVERE MEGLIO. Rubrica di attualit medica 10.25 CARABINIERI. Telefilm 11.25 ANTEPRIMA TG 4. 11.30 TG 4 TELEGIORNALE. Nel programma: Meteo; Vie dItalia 12.00 RICETTE DI FAMIGLIA - ANTEPRIMA. Attualit 12.50 DISTRETTO DI POLIZIA. Telefilm 13.50 IL TRIBUNALE DI FORUM ANTEPRIMA. Attualit 14.05 IL TRIBUNALE DI FORUM. Attualit 15.15 FILM POIROT: ASSASSINO IN MESOPOTAMIA. (Giallo, Gb, 2001). Di Tom Clegg. Con David Suchet, Hugh Fraser, Ron Berglas 17.00 DETECTIVE MONK. Telefilm 18.55 TG 4 - METEO. 19.35 TEMPESTA DAMORE. Soap Opera 20.40 WALKER TEXAS RANGER. Telefilm 21.30 FILM MR. CROCODILE DUNDEE. (Avv., Australia, 1986). Di Peter Faiman. Con Paul Hogan, Linda Kozlowski, John Meillon. Nel progr.: Tgcom; Meteo 23.20 CONTROCAMPO POSTICIPO. Rubrica sportiva 23.30 CONTROCAMPO. Rubrica sportiva 1.35 TG 4 NIGHT NEWS.

Canale5
mediaset.it/canale5 6.00 TG 5 PRIMA PAGINA. Attualit. Nel programma: Traffico; Meteo 5 8.00 TG 5 MATTINA. 8.50 LOGGIONE. Musicale 9.45 SUPERPARTES. Attualit 11.30 FILM GUARDO, CI PENSO E NASCO. (Commedia, Usa, 2001). Di Nick Castle. Con Albert Finney, Anton Yelchin 13.00 TG 5. Nel progr.: Meteo 5 13.40 FILM IL DIRITTO DI UNA MADRE. (Drammatico, Canada, 2008). Regia di Gary Harvey. Con Jennifer Finnigan, Doug Savant, Roger R. Cross. Nel programma: Tgcom; Meteo 5 15.30 VERISSIMO DI PASQUA. Rotocalco. Con Silvia Toffanin 18.50 CHI VUOL ESSERE MILIONARIO. Quiz. Con Gerry Scotti. Nel programma: Tg 5 - Anticipazione 20.00 TG 5. METEO 5. 20.30 STRISCIA LA NOTIZIA. Tg Satirico. Con Ficarra, Picone 21.10 KAROL UN UOMO DIVENTATO PAPA. Miniserie. Con Piotr Adamczyk, Raoul Bova, Ennio Fantastichini 23.30 CHIAMBRETTI NIGHT - SOLO PER NUMERI UNO. Variet. Con Piero Chiambretti 1.10 TG 5 NOTTE. Nel progr.: Meteo 5

Italia1
mediaset.it/italia1 6.45 CARTONI ANIMATI 8.20 FILM ANGELS FRIENDS - TRA SOGNO E REALT. (Animazione, Italia, 2010). Di O. Corradi 10.10 TV MODA. Variet 10.45 FILM BARBIE E LE 12 PRINCIPESSE DANZANTI. (Anim., Usa, 2006). Di Greg Richardson 12.25 STUDIO APERTO. 13.00 GUIDA AL CAMPIONATO. Rubrica sportiva 14.00 FILM IL VIAGGIO DELLUNICORNO. (Fantastico, Usa, 2001). Di Philip Spink. Con Chantal Conlin, Heather McEwen 16.35 FILM IL DOTTOR DOLITTLE 5. (Commedia, Canada /Usa, 2009). Di Alex Zamm. Con Kyla Pratt, Jason Bryden 18.30 STUDIO APERTO. 19.00 TOM & JERRY. 19.30 FILM PICCOLA PESTE. (Commedia, Usa, 1990). Di D. Dugan. Con J. Ritter, M.Oliver 21.10 FILM MATILDA 6 MITICA. (Commedia, Usa, 1996). Regia di Danny De Vito. Con Mara Wilson, Danny De Vito, Rhea Perlman. Nel programma: Tgcom; Meteo 23.10 FILM AIR FORCE TWO. (Azione, Usa, 2006). Di Brian Trenchard-Smith. Con Mariel Hemingway

La7
la7.it 6.00 TG LA7. 6.55 MOVIE FLASH. Attualit 7.00 OMNIBUS. Attualit 7.50 IL TEMPO DELLA POLITICA. Attualit 8.20 FILM CASA RICORDI. (Biografico, Italia, 1954). Di Carmine Gallone. Con Paolo Stoppa, Gabriele Ferzetti 10.35 BOOKSTORE. Att. 11.30 LISPETTORE TIBBS. Telefilm 12.30 ULTIME DAL CIELO. Telefilm 13.30 TG LA7. 13.55 IL CONTRATTO GENTE DI TALENTO. Reality 15.55 MOVIE FLASH. Att. 16.00 FILM STAR TREK V LULTIMA FRONTIERA. (Azione, Usa, 1989). Di William Shatner. Con William Shatner, Leonard Nimoy 18.05 FILM BINGO BONGO. (Comm., Germania /italia, 1982). Regia di Pasquale Festa Campanile. Con Adriano Celentano, Carole Bouquet, Felice Andreasi 20.00 TG LA7. 20.30 IN ONDA. Talk show. Con Luisella Costamagna, Luca Telese 21.30 LISPETTORE BARNABY. Telefilm. Con John Nettles, Daniel Casey, John Hopkins 23.30 MEDICAL INVESTIGATION. Telefilm 0.30 TG LA7. 0.40 M.O.D.A. Attualit. Con Cinzia Malvini

MTv
mtv.it 10.00 FILM SCHOOL OF ROCK. 12.00 HITLIST ITALIA. Musica 14.00 SPECIALE MTV NEWS. 15.00 IL TESTIMONE VIP. Reportage 16.05 TEEN CRIBS. Variet 17.05 I USED TO BE FAT. Variet 18.05 MADE. Variet 19.05 VITA SEGRETA DI UNA TEENAGER AMERICANA. Tf 20.00 I SOLITI IDIOTI. Variet 20.30 I SOLITI IDIOTI. Variet 21.05 PARIS HILTON DUBAI BFF. Variet

Il volto inedito Alla scoperta di Gerusalemme dei Musei Vaticani

Una Gerusalemme (foto) inedita, estranea ai circuiti turistici. Due giovani medici del grande ospedale Hadassa, un'ebrea e un arabo, mostrano le loro abitazioni e ci accompagnano al muro del Pianto, interdetto agli arabi, e alla spianata delle moschee dove gli ebrei non entrano. Un grande archeologo far da guida nella Gerusalemme cristiana indicandoci le strade che Ges ha certamente calpestato. Poi uno chef ci conduce nel mercato pi grande della citt. E infine vedremo il matrimonio di una coppia di ebrei ortodossi.

Protagonisti sono i Musei Vaticani. Con Alberto Angela si potranno ammirare opere di valore inestimabile raccolte dai papi o commissionate da loro; e visiteremo gli ambienti dove per secoli si sono succeduti papi, cardinali, ambasciatori e dove hanno lavorato artisti come Raffaello, Michelangelo, Leonardo da Vinci. Si partir dal cortile dei Musei, poi la galleria delle statue, la galleria delle carte geografiche lunga 120 metri, la Sala Rotonda dove si trova un colossale bacile di porfido rosso trovato nella Domus Aurea, la scala del Bramante (foto), ora chiusa al pubblico.

Deejay TV
6.00 COFFEE & DEEJAY WEEKEND. Musicale 9.45 THE CLUB. Musicale 10.30 DEEJAY HITS. Musicale 13.30 THE CLUB. Musicale 13.55 DEEJAY TG. 14.00 LIVING IN AMERICA. Musicale 15.00 DEEJAY HITS. Musicale 15.55 DEEJAY TG. 16.00 BEST OF DEEJAY NEWS BEAT. Musicale 17.00 DEEJAY HITS. Musicale 18.00 BEST OF DVJ POP. Musicale 18.55 DEEJAY TG. 19.00 24/7. Musicale 20.00 BEST OF THE FLOW. Musicale 21.00 THE CLUB. Musicale 21.30 QUEEN SIZE. Musicale 22.30 DVJ. Musicale

Tg2 Dossier Raidue, ore 1.20

Ulisse Raitre, ore 21.05

Film e programmi
Paul Hogan vola a New York Dalla Carlucci ci sono le semifinali

Raffaella Carr parla di televisione


Nella puntata di oggi interverr Raffaella Carr, che condurr la finale dellEurofestival, il 14 maggio. Si parler poi dellultima settimana televisiva, finale del Grande fratello compresa. Tv Talk Raitre, ore 14.50

Ultimo contratto con Sabrina Nobile


Ultimo appuntamento con il primo programma di social entertainment dedicato al mondo del lavoro e condotto da Sabrina Nobile. Oggi, tre nuovi candidati per un posto di lavoro. Il Contratto. Gente di talento La7, ore 13.55

Digitale Terrestre

Un cacciatore di coccodrilli australiano, Mick Dundee (Paul Hogan, foto) diventa famoso per le sue imprese. Una giornalista va a cercarlo per portarlo a vivere a New York. Mr. Crocodile Dundee Retequattro, ore 21.30

Nono appuntamento con la trasmissione condotta da Milly Carlucci (foto). Si disputer la semifinale tra le coppie rimaste in gara, sette, che dovranno sottoporsi a esibizioni a sorpresa. Ballando con le stelle Raiuno, ore 21.10

PREMIUM GALLERY 14.00 KNIGHT RIDER I. Telefilm STEEL 14.25 I SOLITI SOSPETTI. Film Studio Universal 14.50 STAR TREK LINSURREZIONE. Film STEEL 14.54 THE TUDORS IV. Telefilm MYA 15.06 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION III. Telefilm JOI 15.27 THE HOLE. Film Premium Cinema 15.55 UGLY BETTY I. Telefilm MYA 16.15 FOCUS. Show Studio Universal 16.25 RITORNO AL FUTURO. Film Studio Universal 16.32 FUORI CAMPO I DA 4. Documentario JOI 16.35 FIRE DOWN BELOW LINFERNO SEPOLTO. Film STEEL 17.09 MATRIMONI E ALTRI DISASTRI. Film Premium Cinema 17.35 LA FORZA DELLAMORE. Film Tv MYA 17.40 THE MENTALIST III. Telefilm JOI 18.25 HAMBURG DISTRETTO 21 III. Telefilm STEEL 18.25 GATTACA - LA PORTA DELLUNIVERSO. Film Studio Universal 18.29 ROYAL PAINS II. Telefilm JOI 18.50 THE JACKAL. Film Premium Cinema 19.15 JERSEY GIRL. Film MYA 19.15 HAMBURG DISTRETTO 21 III. Telefilm STEEL 20.09 THE EVENT. Telefilm JOI 20.10 STAR TREK - ENTERPRISE I. Telefilm STEEL 21.00 BAGNOMARIA. Film Premium Cinema 21.00 UNDERCOVERS I. Telefilm JOI 21.00 PRETTY LITTLE LIARS. Telefilm MYA 21.04 RITORNO AL FUTURO - PARTE II. Film Studio Universal 21.50 GOSSIP GIRL IV. Telefilm MYA 22.40 MULHOLLAND DRIVE. Film MYA 22.55 NEL PAESE DELLE CREATURE SELVAGGE. Film JOI 22.59 AL MOMENTO GIUSTO. Film Premium Cinema

RAI 4 13.50 15.25 16.10 17.05 17.50 18.35 19.40 20.25 21.10 23.00 0.45 1.30 LINCENDIARIA. Miniserie STREGHE VIII. Serie LIFE ON MARS II. Serie LISOLA DEI FAMOSI - INSIDE STORY. Reality THE LOST WORLD II. Serie DOCTOR WHO SPECIAL II. Serie EUREKA III. Serie EUREKA III. Serie. SUMMER WARS. Film STREGATA DALLA LUNA. Film THE CLEANER II. Serie RAGAZZI PERDUTI. Film

I Legnanesi sul palco da sessantanni

Cage e Cher travolti dalla passione

CIELO 16.25 STREGA PER AMORE. Telefilm 16.55 I SEGRETI DELLA VITA. Documentario 17.55 DUE PAZZI PER LA CINA. Documentario 19.00 CIELO TG24 SERA. 19.30 GLI SGOMMATI COMPILATION. Variet 20.00 HELLS KITCHEN - IL DIAVOLO IN CUCINA. Variet 20.55 PROFILING. Telefilm 22.55 X-FILES. Telefilm

I Legnanesi (foto) diranno perch vedere il loro spettacolo 60 anni in una grande rivista di cui verr trasmessa la prima parte: una summa delle scenette migliori di questo storico gruppo del teatro di intrattenimento en travesti e in dialetto, che festeggia 60 anni. 5 buoni motivi Rai5, ore 21

Tra gli emigrati a New York dal Sud Italia ci sono due fratelli. E una bellissima donna inquieta che, fidanzata con uno di loro, poi si innamorer dellaltro, fornaio senza un braccio e appassionato di opera lirica (Nicolas Cage e Cher, nella foto). Stregata dalla luna Rai4, ore 23

Corriere della Sera Sabato 23 Aprile 2011

italia: 515050585854

71
Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv

Dal Satellite
Film e programmi
Mel Gibson capisce le donne al volo

Cinema
17.35 EXODUS P. Newman, E. M. Saint e R. Richardson compongono il cast del film sullesodo del 1947 di trentamila ebrei in Palestina. Di O. Preminger. MGM 19.00 SCOOBY-DOO E I PIRATI DEI CARAIBI Scooby-Doo e la sua banda fanno una crocera in uno dei luoghi pi misteriosi del Pianeta: il triangolo delle Bermuda. Animazione. Boomerang 19.30 ZORRO Le coinvolgenti avventure di Zorro, il giustiziere mascherato, con il volto di A. Delon. Dirige D. Tessari nel 1975. Rai Gulp 21.00 LA BANDA DI HARRY SPIKES Tre cowboy, suggestionati dalla capacit persuasiva di Henry Spikes (L. Marvin), decidono di seguirlo per tentare la fortuna. MGM UN TURCO NAPOLETANO Memorabile scena in carcere: condannato a morte, Tot scambia il becchino per un sarto. Sky Cinema Classics BIBI E IL SEGRETO DELLA POLVERE MAGICA Bibi una streghetta appassionata di magia e meno dello studio. Cos per lestate deve trascorrere le vacanze in collegio... Sky Cinema Family STAR TREK - IL FUTURO HA INIZIO Un prequel che rivive lincontro tra i giovani Kirk (C. Pine) e Spock (Z. Quinto), durante la frequentazione dellAccademia. Dirige J. J. Abrams. Sky Cinema Max HD BACIAMI ANCORA Seguito de Lultimo bacio, racconta la vita di Giulia e Carlo alla soglia dei quarantanni. Sky Cinema Passion HD IL 7 E L8 Commedia degli equivoci scritta, diretta ed interpreta da S. Ficarra e V. Picone. Nel cast anche A. Foa e T. Sperandeo. Sky Cinema 1 HD LA RAPINA PERFETTA La rapina alla banca in Banker Street a Londra nel 1971, per cui nessuno fu arrestato: nascondeva fatti a dir poco scandalosi. Di R. Donaldson. Sky Cinema Hits HD LE STRADE DELLA PAURA Travis ha nove anni ed stato testimone di un omicidio mafioso. Dovr vivere con la famiglia in un luogo segreto, sorvegliato dallFbi. MGM LA PAPESSA La leggenda di Johanna, inglese educata in Germania che si traveste da uomo e diventa monaco col nome Johannes Anglicus. Sky Cinema 1 HD KARATE KID - PER VINCERE DOMANI Nomination allOscar per N. Pat Morita, il maestro Miyagi, che insegna al giovane R. Macchio larte del karat. Sky Cinema Family OUTLANDER - LULTIMO VICHINGO Re Halgar, valoroso capo vichingo, morto. Nessuno dei suoi successori lo eguaglia e la vita del villaggio scossa da minacce straniere. Sky Cinema Max HD

Sport
8.30 CALCIO: COPPA DEI CAMPIONI: STEAUA BUCAREST - MILAN 24/05/89 Tutto Coppe ESPN 9.00 TENNIS: QUARTI DI FINALE Torneo WTA di Stoccarda Eurosport 9.45 CALCIO: MODENA - TORINO Serie B Sky Sport 1 HD 10.00 MOTOCICLISMO: 2000 HOCKENHEIM Superbike - Le gare indimenticabili ESPN 10.15 MOTONAUTICA: POLTU QUATO, ITALIA - EP. 2 Grand Prix of The Sea Yacht & Sail 11.00 BILIARDO: GIORNO 8 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 12.00 WRESTLING: EP. 43 WWE Domestic Smackdown! Sky Sport 2 HD 12.25 CALCIO: ROMA - CHIEVO Serie A. Diretta Sky Sport 1 HD 12.30 PALLANUOTO: CAMPIONATO ITALIANO - SERIE A1 RaiSport 1 12.45 CALCIO: SPECIALE SERIE B Sport Italia 13.45 CALCIO: CARDIFF CITY - QPR The Championship. Diretta Sport Italia 14.00 TENNIS: SEMIFINALI Torneo WTA di Stoccarda. Diretta Eurosport 15.00 CALCIO: HELLAS VERONA - SPAL Campionato Italiano Lega Pro. Diretta RaiSport 1 15.45 BILIARDO: GIORNO 8 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 16.00 CALCIO: FLAMENGO - HORIZONTE Copa do Brasil Sport Italia 16.55 BASKET: ARMANI JEANS MILANO BENNET CANT Serie A. Diretta Sky Sport 2 HD 17.00 HOCKEY SU PRATO: BRA LITICE ROTWEISS ROMA Coppa Campioni RaiSport 1 18.30 TENNIS: SEMIFINALI Torneo WTA di Stoccarda. Diretta Eurosport PUGILATO: AMIR KHAN - PAUL MCCLOSKEY WBA - Pesi Super Leggeri Sport Italia 18.55 CALCIO: BRESCIA - MILAN Serie A. Diretta Sky Sport 1 HD BASKET: CANADIAN SOLAR BOLOGNA - MONTEPASCHI SIENA Serie A. Diretta Sky Sport 2 HD 20.15 BILIARDO: GIORNO 8 Campionato del Mondo. Diretta Eurosport 20.30 PALLAVOLO: BUSTO ARSIZIO VILLA CORTESE Campionato Italiano Femminile. Diretta RaiSport 1 20.45 BASKET: INDIANA PACERS CHICAGO BULLS NBA. Diretta Sky Sport 2 HD 20.55 CALCIO: JUVENTUS - CATANIA Serie A. Diretta Sky Sport 1 HD 21.00 RUGBY: 1995. SUDAFRICA NUOVA ZELANDA Coppa del Mondo di Rugby ESPN CALCIO: SANTOS - PONTE PRETA Paulistao. Diretta Sport Italia 22.00 PUGILATO: MUHAMMAD ALI ESPN Boxing ESPN 22.30 BILIARDO: STECCA, 4 PROVA Btp RaiSport 1 23.00 CALCIO: CHE DOMENICA! Diretta Sport Italia 24.00 CALCIO: MILAN - BRESCIA 16/05/04 Serie A Milan ESPN

A fil di rete
di Aldo Grasso

21.10

Carlos, una serie sullambiguit


on la cosa pi semplice al mondo affrontare la figura centrale del terrorismo internazionale degli anni Settanta e Ottanta. Ci ha provato il francese Olivier Assayas, sceneggiatore e regista di Carlos, una miniserie divisa in tre appuntamenti dedicata appunto a Ilich Ramirez Snchez (FX, canale 131 di Sky, gioved, ore 21.55). Nato in Venezuela il 12 ottobre 1949 da genitori marxisti (deve il nome Ilich a Lenin), Carlos, interpretato Vincitori e vinti da Edgar Ramirez, sta oggi scontando una condanna a vita in Francia per lomicidio di Alessio due poliziotti e del suo conVinci Seconde tatto in Libano, ma il suo noserate, Matrix me ha attraversato trentanni alleggerisce di terrorismo internazionale: e batte Porta a Porta: dal 1970, anno in cui a BerliPuntata light del no abbraccia la causa palestigioved sera con Alessio nese divenendo un attivista Vinci che dialoga con del Fronte Popolare per la LiEnrico Brignano e quelli berazione della Palestina, al di Zelig: seguono 14 agosto 1994, giorno in cui Matrix, su Canale 5, viene arrestato (in maniera 1.163.000 spettatori, ancora oscura, si parla di ac18,5% di share cordi tra terroristi islamici e governo francese) a KharBruno toum, nel Sudan. Vespa Da un punto di vista televiSeconde sivo, laspetto pi interessanserate, Porta te che la serialit europea, a porta guardando oltreoceano, sta superato da Matrix crescendo, e molto. Sotto tanlight. In discesa le ti aspetti, Carlos ricorda il quotazioni del Porta a nostro Romanzo criminaporta di Vespa, che le, anche se qui si scorge gioved si fa superare unambizione pi cinematoda Vinci: gli spettatori di grafica. Olivier Assayas creRaiuno sono 1.092.000, sciuto a pane e Cahiers du lo share del 11,2% cinma, sospeso tra cinefilia e gauchisme: e infatti lunico appunto che si pu fare, relativamente alla prima parte della serie, di descrivere Carlos lo sciacallo (a definirlo cos stato per la prima volta il romanziere Robert Ludlum nella sua trilogia Bourne) come un eroe che sposa la causa giusta. Per fortuna poi ne viene rivelata tutta la contraddittoriet e ambiguit. Cos si capisce anche quanto Saddam si sia compromesso con il terrorismo. Non era semplice, ma Assayas ci riuscito. Carlos una miniserie che merita di essere vista, anche per cancellare quelle sciocche barriere che, in termini qualitativi, separerebbero ancora la serialit dal cinema.
RIPRODUZIONE RISERVATA

22.35

Grazie a un incidente domestico, il pubblicitario Mel Gibson (foto) legge nei pensieri delle donne. Il superpotere lo diverte, poi diventa unossessione. What women want - Quello che le donne vogliono Sky Cinema 1, ore 21.10

22.50

23.00

23.10

Accorsi ama ancora Vittoria Puccini

Si ritrovano (quasi) tutti i protagonisti dellUltimo bacio, solo che hanno 40 anni. Carlo (Stefano Accorsi) capisce di non poter pi vivere senza Giulia (Vittoria Puccini, foto con Accorsi), sua ex moglie. Baciami ancora Sky Cinema Passion, ore 21

Il poliziotto Murphy sospetta la Nielsen

Serie Tv
14.00 14.40 15.20 16.25 16.50 18.00 18.40 18.45 19.10 19.15 19.20 19.45 20.05 21.00 21.55 22.00 NED Nickelodeon NIN Disney Channel LIFE BITES Disney Channel C.S.I. MIAMI Fox Crime HD I SIMPSON Fox HD PIPPI CALZELUNGHE DeAkids I MAGHI DI WAVERLY Disney Channel MODERN FAMILY Fox HD CRIMINAL MINDS Fox Crime HD I GRIFFIN Fox HD BIG TIME RUSH Nickelodeon NED Nickelodeon CRIMINAL MINDS Fox Crime HD PRIME SUSPECT Fox Crime HD LIE TO ME Fox HD THE GOOD WIFE Fox Life WHITE COLLAR Fox HD CYBERGIRL Disney Channel

Intrattenimento
14.00 GIRLS OF THE PLAYBOY MANSION E! 14.40 ITALIAS NEXT TOP MODEL 4 Sky Uno 16.10 FREESTYLE - TUTTA UNALTRA STANZA DeAkids 17.35 EXTREME MAKEOVER Fox Life 18.40 TAKESHIS CASTLE Cartoon Network 19.30 CAMP ROCK 2: THE FINAL JAM Disney Channel HOLLYS WORLD E! 20.05 CHEF PER UN GIORNO LEI 21.00 BALTO 2 - IL MISTERO DEL LUPO DeAkids 22.00 THE RACHEL ZOE PROJECT E! 22.15 WIPEOUT - PRONTI A TUTTO K2 23.05 I ROBINSON K2 23.20 DAVID LETTERMAN SHOW Sky Uno

Ragazzi
18.05 LA PANTERA ROSA & CO. Boomerang 18.30 THE GARFIELD SHOW Boomerang 18.55 MR BEAN K2 I PINGUINI DI MADAGASCAR Nickelodeon 19.05 ANGELINA BALLERINA DeAkids 19.20 ANGELINA BALLERINA DeAkids A TUTTO REALITY: IL TOUR! K2 19.30 BAKUGAN BATTLE BRAWLERS Cartoon Network 20.10 DUE FANTAGENITORI K2 SPONGEBOB Nickelodeon 20.15 TOM & JERRY SHOW Boomerang 20.35 DUE FANTAGENITORI K2 SPONGEBOB Nickelodeon 20.40 BABY LOONEY TUNES Boomerang 21.00 DUE FANTAGENITORI K2 SPONGEBOB Nickelodeon

Documentari
14.00 MITI DA SFATARE Discovery Channel HD 14.55 SINGLE ON ICE Yacht & Sail 16.00 DUAL SURVIVAL Discovery Channel HD 17.05 UEFA - STORIA DEGLI EUROPEI ESPN 17.20 ESPERIENZA ITALIA: CHE STORIA! DeAkids 18.35 TESORI DEL MEDITERRANEO Yacht & Sail 19.50 DELITTI: IL MOSTRO DI FOLIGNO History Channel 20.05 GES. LUOMO DI NAZARETH National Geographic 21.05 MARCHIO DI FABBRICA Discovery Science 22.00 DURI A MORIRE Discovery Channel HD

Eddie Murphy (foto), poliziotto simpatico ma indisciplinato, si trasferisce a Beverly Hills per il caso nel quale coinvolta la direttrice di un poligono (Brigitte Nielsen). Beverly Hills Cop II Sky Cinema Comedy, ore 22.35

Nemici dal futuro per lEnterprise


Il prequel della celebre serie di fantascienza. SullEnterprise del capitano Christopher Pike, i giovani Kirk e Spock (Zachary Quinto) si incontrano per affrontare un temibile nemico venuto dal futuro. Star trek - Il futuro ha inizio Sky Cinema Max, ore 21

Radio
RADIO 1 rai.it 14.55 TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO - SERIE A. 17.10 SPECIALE MOTO GRAND PRIX. 18.55 POSTICIPO CAMPIONATO SERIE A: BRESCIA - MILAN. 19.55 ASCOLTA SI FA SERA. 20.45 POSTICIPO CAMPIONATO SERIE A: JUVENTUS - CATANIA. 21.51 GR 1. RADIO 2 14.00 CIRCO MASSIMO. 17.00 ASTROLOGICA. 18.00 RADIO2 DAYS. 19.43 GR SPORT. 19.50 CATERSPORT. 21.00 POP CORNER. 22.30 GR 2. 23.00 BABYLON. 0.30 MUSICAL BOX. rai.it RADIO 3 rai.it 14.00 CUORE DI TENEBRA. DENTRO LA STORIA. 14.50 RADIO3.RAI.IT. 15.00 PIAZZA VERDI. 18.00 LA GRANDE RADIO. 19.00 IL CANTIERE. 19.50 RADIO3 SUITE. 20.00 IL CARTELLONE. 24.00 BATTITI. RMC radiomontecarlo.net 7.00 SI SALVI CHI PU DESI, LUISELLA RAPHAEL. 9.00 ALFONSO SIGNORINI SHOW BEST. 10.00 RMC MAGAZINE WEEK END VALLI, PORTICELLI. 12.30 RMC MOTORI P. CICCARONE. 14.00 RMC IN THE MUSIC. 23.00 THE BEST OF MONTE CARLO NIGHTS. RADIO 105 105.net 7.00 TUTTO ESAURITO GALLI, PIZZA. 10.00 105 HAPPY TOGETHER KRIS & KRIS. 13.00 105 ALLUNA CATTELAN. 14.00 105 SPORT FABIANA, CARESSA, ESTE. 18.00 105 MIAMI VICKY. 21.00 105 STARS MAX BRIGANTE. 23.00 IN DA KLUBB. VIRGIN RADIO virginradioitaly.it 8.30 MUSIC HISTORY PAOLA MAUGERI. 9.30 VIRGIN ROCK LIVE ANDREA ROCK. 11.00 SHES IN FASHION PAOLA MAUGERI. 13.30 VIRGIN INVESTIGATION BUREAU. 14.30 THE ROCKET MARCO BIONDI. 15.00 VIRGIN CHART MARCO BIONDI. 17.30 MUSIC HISTORY PAOLA MAUGERI. 19.30 VIRGIN INVESTIGATION BUREAU. 23.00 ROCK PARTY RINGO.