Sei sulla pagina 1di 17

1- CLASSIFICAZIONE STRADE

1 RETI
Ogni nuovo elemento da inserire nella rete deve avere caratteristiche omogenee con gli elementi esistenti. Le reti vengono classificate e gerarchizzate :

In rosso la definizione equivalente del codice della strada (C.d.S)

TIPO
RETE PRIMARIA (Autostrade, strade extraurbane principali, strade urbane di scorrimento) RETE PRINCIPALE (Strade extraurbane principali, strade urbane di scorrimento) RETE SECONDARIA (strade extraurbane secondarie, strade urbane di quartiere) RETE LOCALE (Strade locali extraurbane e strade locali urbane) LIVELLO TERMINALE (Aree di sosta)

Movimento
Transito, scorrimento

Entit spostamento
Lunghi spostamenti

Funzione nel territorio


Nazionale, interregionale e di intera area urbana in ambito urbano Interregionale e regionale, interquartiere in ambito urbano Provinciale, di quartiere in ambito urbano

Tipo traffico
Composizione controllata, specializzazione delle canalizzazioni e del transito Composizione controllata

Distribuzione alle reti Medi spostamenti inferiori

Penetrazione verso la rete locale

Spostamenti ridotti

Tutte le componenti

Accesso

Brevi distanze

Sosta

Nulla

Interlocale e comunale, interno al quartiere in ambito urbano. Locale

Tutte le componenti

Tutte le componenti

2- STRADE
Individuata la classe funzionale di ciascuna rete stradale formanti il sistema globale possibile individuare il singolo componente ovvero la strada. Si definisce per la singola strada una caratteristica duso e di collocazione pi idonea. In linea teorica la funzione principale assegnata alla singola strada deve coincidere con quella della rete di appartenenza; a tal proposito si definiscono per il

singolo tronco una funzione principale ed eventuali funzioni secondarie che per devono corrispondere con le funzioni principali delle classi funzionali contigue a quella propria dellelemento.

TIPO STRADA FUNZIONE


Transito, scorrimento Distribuzione Penetrazione Accesso

Primaria
P S

Principale
S P S

Secondaria

Locale

S P S

S P

3- CATEGORIE DI TRAFFICO
Sulla strada possono circolare secondo il C.d.S. tre componenti di traffico : pedoni, veicoli, animali. Le funzioni di traffico ammesso sono : circolazione, sosta di emergenza, sosta, accesso privato diretto.

4- ELEMENTI DELLA SEZIONE TRASVERSALE


FASCIA DI SOSTA LATERALE : parte della strada adiacente alla carreggiata separata da questa mediante striscia di margine discontinua, e comprendente la fila degli stalli di sosta e la relativa corsia di manovra. MARCIAPIEDE: parte della strada, esterna alla carreggiata, rialzata o altrimenti delimitata e protetta, destinata ai pedoni MARGINE INTERNO O LATERALE : parte della piattaforma che separa corsie percorse in senso opposto (margine interno) o nello stesso senso (margine laterale) MARGINE ESTERNO: parte della sede stradale, esterna alla piattaforma, nella quale trovano sede cigli, cunette, arginelli, marciapiedi, dispositivi di sicurezza. PARCHEGGIO : area o infrastruttura posta fuori dalla carreggiata destinata alla sosta regolamentata o no dei veicoli. PIATTAFORMA : parte della sede stradale che comprende i seguenti elementi : a) una o pi carreggiate complanari di cui la corsia costituisce il modulo elementare b) le banchine destra e sinistra c) i margini (eventuali) interno (comprensivi delle banchine) e laterale

d) le corsie riservate, le corsie specializzate, le fasce laterali e le piazzole di sosta e di fermata per i mezzi pubblici e) Non rientra nella piattaforma il margine esterno

SEDE STRADALE :superficie compresa entro i confini stradali SEDE TRANVIARIA : parte longitudinale della strada opportunamente delimitata riservata alla circolazione di tram SPARTITRAFFICO : parte non carrabile del margine interno o laterale destinata alla separazione fisica di correnti veicolari. Comprende anche lo spazio destinato la funzionamento (franco per la deformazione permanente dei dispositivi di ritenuta) STRADA DI SERVIZIO : strada affiancata ad una strada principale avente la funzione di consentire la sosta ed il raggruppamento degli accessi dalle propriet laterali alla strada principale e viceversa, nonch il moviemnto e le manovre dei veicoli non ammessi sulla strada principale stessa STRADA EXTRAURBANA :strada esterna ai centri urbani STRADA URBANA : strada interna ad un centro urbano

Figura 1 SEZIONE TRASVERSALE

5- CLASSIFICAZIONE PIATTAFORMA
Le sezioni trasversali vengono distinte in categorie : Categoria A : Autostrade Urbane ed extraurbane Categoria B : Extraurbane principali Categoria C : Extraurbane secondarie Categoria D : Urbane di scorrimento Categoria E : Urbane di quartiere Categoria F : Locali

Figura 2 Sezione tIpo A

Figura 3 - Sezione tipo E

2 - Algoritmi

1 Modelli numerici del terreno


In generale dal rilievo topografico si ottiene una semina di punti S in coordinate E,N,Q ovvero x,y, z, il problema quello di generare una superficie che interpoli completamente linsieme S, ovvero trovare una funzione f(x,y) tale che : se xi , yi, S allora f(xi , yi) = zi I modelli che sono utilizzati pi comunemente sono i modelli a rete triangolare TIN, ed a maglie rettangolari DTM .

I modelli a maglie rettangolari diversamente dai modelli TIN non hanno i nodi del modello coincidente con i punti dellinsieme iniziale tranne nel caso che linsieme iniziale sia una matrice. I modelli a maglie rettangolari sono utilizzati quindi nel caso il campionamento venga fatto a passo costante Dx, Dy oppure come ulteriore elaborazione dei modelli TIN . Altri metodi sono quelli che calcolano la quota di un punto come media pesata delle quote dei punti nellintorno, utilizzando come peso il reciproco della potenza della distanza tra il punto ed il centro dellintorno. Zp = pi*zi, per cui hanno maggiore peso le quote dei punti pi vicini. Per le applicazioni ingegneristiche si utilizza quasi esclusivamente il modello a triangoli TIN, in quanto interpola in maniera completa i punti rilevati sul terreno e permette un semplice calcolo delle quote interpolate allinterno della singola faccia triangolare. In figura lestrazione di una sezione con un piano verticale.

Esempio di SEZIONI CON PIANI ORIZZONTALI EQUIDISTANTI

TRIANGOLAZIONE TRIANGOLAZIONE DI Delaunay Si definisce una Triangolazione di un insieme finito di punti S, una rete di triangoli che passa per tutti e soli i punti di S e che linviluppo convesso di S, CH(S) che sta per Convex Hull di S. Point- Set Triangulation Theorem (teorema fondamentale delle triangolazione): Sia S un insieme di n punti, con n>2 non collineari. Supponiamo che i<n punti siano interni allinviluppo convesso di S, allora la triangolazione contiene esattamente t = n + i - 2 triangoli. Esempio n=6, i = 2 , t = 6+26+2- 2= 6

In generale possibile ottenere da uno stesso insieme di punti pi triangolazioni, si definisce triangolazione di Delaunay una particolare triangolazione bilanciata nel senso che ogni triangolo tende alla equiangolarit.

Un insieme di punti si dice cocircolare se e solo esiste almeno un cerchio la cui frontiera contiene tutti i punti. Il cerchio che passa per i tre vertici di un triangolo viene definito Circumcircolo del triangolo e ovviamente i tre vertici sono cocircolari. Un cerchio si definisce point free, rispetto ad un insieme di punti S se e solo se nessun punto di S appartiene allinterno del cerchio, mentre possono appartenere alla frontiera (circonferenza). Una triangolazione di Delaunay allora una triangolazione in cui il circumcircolo di ogni triangolo point-free. Per semplicit si assumer che : Esiste una triangolazione, quindi esistono almeno tre punti non collineari. Affinch la triangolazione di Delaunay sia unica si assuma che non pi di tre punti alla volta siano cocircolari, ovvero appartengano alla frontiera di un cerchio. Per descrivere lalgoritmo di generazione della triangolazione ipotizziamo di volere costruire il triangolo adiacente al triangolo abc rispetto al lato in comune ab. Si tracci la retta r orientata, perpendicolare al lato ab e bisettrice dellangolo acb, si assume come verso positivo il verso opposto alla semiretta che congiunge lintersezione con il segmento ab al punto c. Parametrizziamo allora la famiglia dei cerchi aventi come sostegno il segmento ab, assumendo come parametro la posizione dei centri sulla retta orientata r. Sia Co il valore del parametro del circumcircolo abc, allora il triangolo di Delaunay, sar quello relativo al circumcircolo abk tale che Ck= min (Ci) : Ci>Co

INTERPOLAZIONE INTERPOLAZIONE DELLE QUOTE Il modo pi immediato di interpolare le quote quello di utilizzare il piano passante per i tre vertici di ogni singola faccia triangolare, per cui dato un triangolo T(p1, p3, p3) di vertici p1, p3, p3 : x,y T z = a*x+b*y+c dove a,b,c si trovano imponendo il passaggio del piano per i vertici p1, p3, p3. Sistema di tre equazioni in tre incognite : z1 = a*x1+b*y1+c z2 = a*x2+b*y2+c z1 = a*x3+b*y3+c E chiaro che linterpolazione piana delle facce triangolari assicura dei modelli continui e che rispettano linterpolazione dellinsieme S dei punti rilevati, ma sono discontinui sulla normale trattandosi di superfici poliedriche.

Se si vuole un modello pi liscio, necessario interpolare i vertici della faccia triangolare con polinomi di grado superiore imponendo la continuit ai vertici non solo della quota ma anche della normale. Le normali ai vertici possono essere calcolate direttamente con una tecnica per il calcolo delle medie basata sulle normali alle facce: la normale nel vertice i la media delle normali alle facce che circondano il vertice, algoritmo di Gouraud preso a prestito dalla computer graphics. Il vantaggio di una media delle normali che non richiede di avere a disposizione il modello analitico della superficie. In questo caso oltre ad avere le coordinate dei punti Pi =(xi,yi,zi) avremo anche il vettore della normale ni=(nx, ny, nz)i per cui potr utilizzare delle funzioni di interpolazione sia delle coordinate che dei coseni direttori cubiche che mi assicurano una continuit almeno sui vertici di tipo C1 e quindi un modello pi La funzione interpolatrice sar quindi x,y T z = F(x,y ; n1, n2, n3, P1, P2, P3 ) Esempio di INTERPOLAZIONE LINEARE

Esempio INTERPOLAZIONE INTERPOLAZIONE CUBICA DEL MODELLO

INTERPOLAZIONE LINEARE DEL MODELLO E POST PROCESSO DELLE CURVE DI LIVELLO DI TIPO SPLINE HERMITE Se si utilizza il modello a facce triangolari piane le curve di livello come visto risultano delle spezzate i cui lati sono le intersezioni del piano orizzontale di taglio alla quota prefissata con la faccia piana del triangolo. Ottenuta queste poligonali, spesso per avere un aspetto pi realistico si sostituiscono con delle curve interpolatrici che assicurano il passaggio dai vertici della poligonale base ma hanno un andamento continuo anche sulla tangente, eliminando gli spigoli.

Un tipo di curva molto usata per questo scopo la curva Spline cubica espressa nella forma dei polinomi di Hermite, questa formulazione coincide con le funzioni di forma utilizzate nel calcolo della matrice di rigidezza dellelemento finito trave. In pratica si decompone la funzione parametrica delle coordinate nella combinazione lineare delle quattro funzioni di forma pesate con 2 variabili per ogni nodo di estremo del lato della poligonale. Le f1, f2 f3 f4 sono funzioni cubiche del parametro u dette funzioni di forma Hermitiane. u [0,1] f1 = 1-3u2+2u3 f2 = u(u-1)2 f3 = 3u2-2u3 f4 = u(u2-u)

P(u) = x(u),y(u),z(u) x(u) = x1*f1+nx1*f2+x2*f3+nx3*f4 y(u) = y1*f1+ny1*f2+y2*f3+ny3*f4 z(u) = z1*f1+nz1*f2+z2*f3+nz3*f4 f1(0) = 1-0+0=1 f1(1) = 1-3+2=0

f3(0) = 0-0=0 f3(1) = 3-2=1 Ovvero f1(0)* f3(0)=0, f1(1)* f3(1)=0 cio le funzioni di forma sono ortogonali sui nodi, per cui calcolando le coordinate in corrispondenza degli estremi ottengo : x(0)= x1*1+ 0+x2*0+0 = x1 x(1)= x1*0+ 0+x2*1+0 = x2 Analogamente le altre coordinate.

Esempio di CURVE di LIVELLO SPLINE

TECNICHE AVANZATE PER GUIDARE LA TRIANGOLAZIONE TRIANGOLAZIONE Nella pratica tecnica pu capitare che la triangolazione di Delaunay non risulta essere rispondente alla reale situazione topografica, questo accade sempre nel caso si rilevino manufatti quali scarpate, muri di sostegno e comunque sempre quando la topografia del terreno ben descritta da piani che si intersecano lungo ben precise direttrici. In questi casi necessario rispettare la reale conformazione delle discontinuit della pendenza della superficie topografica, per cui necessario imporre al modello come vincolo che i lati dei triangoli si appoggino lungo tali linee.

Esempio di Corretto uso dei vincoli :

Nel caso invece si individuano dei vincoli errati ovvero non si inseriscano quelli corretti la triangolazione pu non rispettare i cigli della scarpata generando dei triangoli che uniscono punti appartenenti a piani diversi e quindi interpolando in maniera errata le quote.