Sei sulla pagina 1di 4

1

Il Feudalesimo -Ogni uomo appartiene ad un altro uomo-una catena di rapporti personali di dipendenza ( Marc Block) -In una societ essenzialmente agricola quale quella europea del periodo del quale ci stiamo occupando, l'organizzazione sociale e politica non poteva non riflettere quella della propriet fondiaria. Quest'ultima poggiava essenzialmente su di un'istituzione che, variamente denominata,Villa presso i Franchi, Curtis presso i Longobardi, Manor in Inghilterra, si diffuse in vari tempi e in vari modi attraverso tutta l'Europa occidentale. La villa,(adottiamo il termine del pi noto tra i documenti che la concernono: il Capitulare de villis dell'VIII secolo ) un'istituzione le cui origini risalgono al periodo tardo romano,era un possedimento fondiario che poteva appartenere a un laico, a una comunit ecclesiastica o al fisco reale e le cui dimensioni potevano variare da poche decine a molte migliaia di ettari. Il termine Fe-oudum-Feudum,o consimili lo si trovava presso le lingue Germaniche ad indicare il possesso della terra ,la ricchezza, possesso personale non propriet privata,personale significa mancanza completa di ogni diritto pubblico su di tale possesso.Oggi giorno, possesso personale pu intendersi labito che indossiamomentre anche lautomobile soggetta a norme e leggi nella sua circolazione e nel suo uso a cui tutti dobbiamo ubbidire, propriet privata quindi cosa diversa da possesso personale,risponde avincoli di tipo collettivo, pubblico. Non esiste nel Medioevo! Labbazia di Saint-Germain-des Prs alle porte di Parigi possedeva ad esempio nel ix secolo pi di 32.000 ettari e il monastero di Santa Gula nel Bresciano possedeva 60 curtes. Si trattava, come si vede, di aziende assai cospicue,che si estendevano su territori assai vasti e non necessariamente contigui, al punto che in alcuni casi si rese necessaria la creazione di un sistema di comunicazioni interne, munito di una rete di depositi e magazzini Grande o piccola che fosse e chiunque ne fosse il proprietario, la villa, pur presentando varie particolarit a seconda dei luoghi e dei tempi, aveva una struttura interna il cui schema possiamo considerare come generalizzato. Essa si componeva di due parti, la pars dominica (o riserva, demanio) e la pars massaricia (tenures). La prima era gestita direttamente dal proprietario e in essa si trovavano di solito i servizi. dllazienda: il mulino, il forno, il frantio e i Laboratori per la costruzione e la riparazione degli attrezzi agricoli o per la produzone dei beni di consumo di uso corrente (tessuti ecc.). Nella pars dominca erano incluse poi di regola anche le zone boschive o a pascolo. La valorizzazione delle terre e dei servizi della pars domnica avveniva con l'mpiego degli schiavi, l dove essi esistevano, e, pi frequentemente, mediante le prestazioni cui erano tenuti i contadini e i servi (corves). Questi ultimi coltivavano l'altra parte della villa, la pars massaricia:ogni famiglia possedeva un'estensione di terreno proporzionata alle sue capacit di lavoro, variamente denominata (manso, Hule), godeva dei suoi frutti e aveva il diritto di mandare a pascolare il proprio bestiame e di rifornirsi di legna al bosco. D'altra parte i contadini erano tenuti a versare un canone in denaro o natura (censo) al proprietario, a fornire un certo numero di giornate di lavoro e di prestazioni per la pars dominica e a usufruire dei servizi della medesima pagando anche per questo. Naturalmente molte erano, le varianti di questo schema, a seconda dei tempi e dei luoghi: poteva variare il rapporto tra l'estensione della pars dominica e della pars massarica (in generale per la tendenza fu nel senso di un progressivo aumento della seconda a scapito della prima); poteva variare la misura dei mansi e la loro densit (sono, attestati casi di mansi sfruttati da pi famiglie); poteva variare il rapporto tra le prestazioni in denaro e quelle in natura e poteva variare infine il grado di dipendenza dei contadini, dalla condizione di veri e propri servi della gleba ad una di maggiore libert, quale era quella del villanaggio(villani, ovvero abitanti delle Ville) inglese.

Il sistema delle ville cos come lo abbiamo, descritto., costituiva la base su cui poggiava lorganizzazione politica ella societ, la cui funzione essenziale, com gia in precedenza, continuava ad essere quella militare, della difesa cio contro le scorrerie di Arabi, Ungari e Normanni e contro l'endemico fenomeno del banditismo. I soli che fossero in grado di assicurare una difesa, pi e meglio di un re lontano, erano i maggiorenti locali e i detentori del potere economico, che disponevano dei mezzi per fortficare con castelli e con torri i luoghi pi esposti e per procurarsi il costoso equipaggiamento bellico. Si calcolato che ancora nell'xi secolo il costo di un'armatura equivalesse a quello di un possedimento agricolo medio.(importanza delle armi)-Se non pu essere accolta per intero, in ragione del suo schematismo, la tesi di alcuni storici secondo la quale la nascita del feudo e del sistema feudale e cavalleresco sarebbe una conseguenza della necessit in cui si trov Carlo Martello, al momento della battaglia di Poitiers, di disporre di una cavalleria da guerra da opporre a quella araba, certo per che le esigenze militari e le modificazioni avvenute nell'arte della guerra con l'introduzione della cavallera contribuirono notevolmente a far nascere un nuovo tipo di organzzazione politico sociale,i detentori del potere economico, trasformandosi in soldati, anzi in cavalieri , si trovavano cos ad acquistare uno status sociale e un potere che li distingueva e li metteva al di sopra di ogni altro ceto sociale. La vlla, organizzazione economica si trasformava cos in feudo o signoria, organizzazione politica quindi e come tale coinvolgeva nella sua sfera di influenza e nella sua giurisdizione tutti gli abitanti di un determinato territorio, anche quelli ,i cosiddetti proprietari di terreni allodiali e liberi che non avevano legami di dipendenza economica verso alcuno Dal matrimonio tra la terra e la guerra nasceva cos la societ feudale cavalleresca. LAristocrazia guerriera: in una societ che rimaneva accentrata, fin per cumulare ed esercitare tutte le funzioni che il potere centrale non era in grado di esercitare e che fu costretto a delegare ad essa: L'amministrazione della giustizia nell'ambito del feudo, la vigilanza sulle fiere e sui mercati, la riscossione dei pedaggi e delle gabelle sulle merci in transito, talvolta lemissione della moneta ,grande simbolo di prestigio. Con il passare del tempo il feudo, che era orginariamente un beneficio che alla morte del suo assegnatario avrebbe dovuto ritornare al re, divenne inoltre ereditario, principio che venne sancito per i feudi maggiori per la prima volta dal capitolare di Kirtsy dell'877 e che quindi venne esteso dalla Constitutio de feudis (1037) anche ai feudi,minori. Lorganizzazione della societ veniva dunque progressivamente modellandosi sulla gerarchia militare cavalleresca con la sua struttura piramidale. Alla base di essa stanno i servi vincolati da un rapporto di fedelt verso il feudatario che li protegge e che il loro signore . Questi a sua volta deve fedelt ed omaggio al feudatario di rango superiore, dal quale ha ricevuto l' investitura cavalleresca, il quale ancora deve fedelt al re e, quando esista, all'imperatore. Se per gli anelli inferiori di questa catena di relazioni personali ascendenti sono saldi ndiscussa l'autorit del singolo signore sui suoi servi, a mano a mano che si procede verso l'alto gli anelli si fanno meno solidi e non raro, come vedremo tra breve, il caso di un gran feudatario che non riconosca l'autorit reale o imperiale, ma anzi la contesti con le armi. In altri termini il processo di formazione e di sviluppo della societ feudale un processo di ristrutturazione sociale che procede dal basso verso l'alto e il nuovo sistema di relazioni e di rapporti che esso istituisce trova la sua saldatura prima alla base e poi ai vertici. Dopo le invasioni Barbariche il tessuto sociale europeo era completamente disgregato ............. lentamente dal secolo VIII .... Comincia a delinearsi una tendenza opposta che vedr dopo il Mille una crescita economica, la Societ Feudale una societ essenzialmente povera e agricola , il termine alla carlona indica proprio una tendenza di povert anche

3-nellabbigliamento,in contrapposizione abbiamo lo splendore della civilt araba. Sparisce quasi del tutto ma non completamente la circolazione monetaria, pochi gli elementi dinamici che comunque cominciano a delinearsi, lapplicazione al cavallo del collare da spalla in luogo di quello alla gola ,la ferratura degli zoccoli, diffusione del mulino ad acqua ,laratro con il Versoio ,sviluppo della rotazione biennale (maggese) . Molte di queste innovazioni vennero introdotte dai Germani- Sono pochi elementi innovativi ma che gi annunciano la crescita dellanno mille sino al 1300. Nel complesso per lordine sociale rimane nelle mani dellaristocrazia feudale. Carlo Magno(carolingi-Franchi) figlio di Pipino riusc a sconfiggere i Longobardi in una alleanza con la Chiesa romana ,istituzione che dopo la caduta dellimpero deteneva un grande prestigio culturale. IL Sacro romano impero sarebbe proprio listituzione che nasce da questa alleanza ,alla morte di Carlo si venne a strutturare proprio il complesso sociale che abbiamo descritto sopra: Il Feudalesimo, esso comunque non evit successivi contrasti tra papato e impero e tra gli stessi feudatari, dopo lanno mille insieme al clero e ai feudatari (ordini sociali) si vengono a formare nuovi gruppi sociali i Mercatores. Riflessioni Il Feudalesimo ha influenzato moltissimo sino ai giorni nostri lo sviluppo e la nascita della societ moderna , la societ moderna si configura come societ dellindividuo e non dei legami personali, con una cultura economica che trova origine nei mercatores ,dinamica, non basata sul censo,nel senso di ''nobilt'' di sangue, per i feudatari il metallo prezioso oro era tale cio prezioso, simbolo di potere per la moderna borghesia esso strumento di scambio (moneta che ha valore rispetto alla produttivit e alla produzione) .I Paesi che hanno avuto un feudalesimo molto forte ne sono stati condizionati nel loro sviluppo , ad esempio gli Stati uniti nella loro storia non hanno un passato feudale mentre il Feudalesimo esisteva in Giappone (i Samurai), la Mafia siciliana trova origine in una struttura di tipo feudale adattata alla modernit, gli stati latino americani trovano lorigine dei loro problemi nella colonizzazione Spagnola ,una nazione che ebbe sempre una Borghesia molto debole e una nobilt mai imborghesita .Lespressione a chi ''appartieni ''riferita ad una persona sconosciuta e in uso ancora qualche decennio fa in citt meridionali e non chiaramente di origine feudale.Anche il rapporto uomo donna ne eredita costumi ed usanze, fare la corte,rendere omaggio, anche nei suoi aspetti pi maschilisti e di subordinazione femminile, l'appartenere a qualcuno nel medioevo era per la donna chiaramente l'appartenere ad un uomo, non mancarono figure di grande autonomia come Eleonora D'Aquitania ,figlia di un trovatore essa stessa animatrice nella sua coorte di attivit poetiche, nell'ambito della poesia volgare dei trovieri e trovatori non bisogna comunque credere che tutto si possa ridurre ad un rapporto di pura subordinazione femminile, troviamo in queste espressioni culturali molta pi ricchezza di temi e grande creativit. Per concludere, nel Medioevo la presenza di rapporti personali di dominio era la componente principale .Alto ,Basso Medievo , Medievo germanico, latino, quello delle citt, delle Eresie etc... diversi termini per indicare un lungo periodo storico Non bisogna confondere il Feudalesimo con tutto il Medioevo e considerarlo nel complesso negativamente questo un errore tipico della mentalit moderna ,nel medioevo nata lidea di Eresia ,(nascono le citt)quindi di utopia ,di cambiamento che si contrapponeva allordine medioevale basato sullo schema religioso dei tre ordini servi, clero e nobili= padre ,figlio e spirito santo, un ordine quindi giustificato religiosamente. Esistono tanti .......medioevi . La struttura piramidale che organizzava le condizioni sociali era pressoch statica, tanto che Adalberone di Laon, un vescovo francese, diceva che le classi sociali erano

4 4
4-tre, oratores, il clero, bellatores, i cavalieri, e i laboratores, cio servi della gleba e servi presso le corti signorili. Non si potevano formare nuove classi e neanche si poteva elevare la propria posizione sociale, visto che ci era visto come un affronto alla perfezione con cui Dio aveva organizzato quella societ (tre erano le classi come tre era il numero delle persone della Trinit). Cera cio chi doveva combattere, chi si occupava delle faccende spirituali, e la stragrande maggioranza della gente che doveva lavorare anche per questi altri due gruppi. IL Medioevo epoca negativa? Let moderna ha conosciuto guerre e distruzioni non paragonabili al medioevo eppure usiamo sempre moderno con significato positivo Tale contraddizione nel significato dei termini :Moderno- Medioevo,progressocivilt,Presenza di elementi che nel senso comune si considerano arretrati e quindi medioevali, oggi al centro del dibattito tra gli studiosi. Moderno quindi un pregiudizio considerarlo come termine pi civile in modo assoluto ,il termine nasce tra gli intellettuali Umanisti del 500 che si consideravano parte di una nuova epoca e consideravano quella precedente una et di mezzo ,nel complesso negativa ancora gli Illuministi ,spesso, confondono i due termini , fanno coincidere Feudalesimo con tutto il Medioevo considerandolo giustamente per loro e per il loro periodo una et di superstizione e di dominio aristocratico. ULTIME OSSERVAZIONI Il Sovrano governa per volont di Dio e da esso legittimato ,non governa per volont n della nazione n del ''popolo'' appartiene ad una ''Gens'' stirpe nobile .Allora si diceva: A deo rex, a rege lex, cio da Dio il potere del re, dal re poi le leggi. Quindi il potere politico aveva un carattere teocratico, cio veniva da Dio (theos = dio + kratia = forza). Ma non era Dio che concedeva questo privilegio o che legittimava il re o limperatore, ma il Papa, cio il suo rappresentante sulla terra da qui i contrasti tra papato e impero . Nel mondo Moderno invece nessun Potere democratico deriva da Dio, eppure spesso abbiamo nelle cerimonie, nelle parole, un qualcosa che risale al Medioevo,il potere sembra nascondere qualcosa di Sacro.. Risale infine al Feudalesimo la nascita delle lingue romanze e nazionali nate dallintreccio tra lingue germaniche e latino,la lingua comunque dominante rimane sino al 1500 il Latino ,poco conosciuto prima del trecento il greco,nello stesso periodo la cultura Araba era molto pi elevata e espressione di una societ molto pi ricca. Ultimo accenno alla grande arte Romanica e Gotica, quest'ultima vera espressione dell'immaginario medioevale....... il cinema del .....tempo !Creatore degli studi moderni sul Feudalesimo stato M.Block -grande attenzione veniva data da questo storico francese alla mentalit e agli aspetti sociali, dai suoi studi e ricerche si venuta a formare una scuola di Storiografia quella delle ''Annales'' suoi esponenti F.Braudel e J.Le Goff note: La Storia la cronologia dei fatti -Res geste divi Augusto- le gesta del divino Augusto la Storia appunto La Storiografia al contrario, la riflessione sugli avvenimenti utilizzando diverse discipline, nel caso di M.Block la psicologia ,la Geografia il Diritto ecc...