Sei sulla pagina 1di 11

Lelaborazione del Piano Urbanistico Generale, cosi come prescritto (art.

5 Legge 84/94), deve rappresentare una propizia occasione per definire in modo condiviso, da Comune ed Autorit Portuale, una azione strategica per lo sviluppo contestuale del Porto e della Citt... uso ottimale del Porto inserito in un programma di sviluppo serio e proficuo. Lindustria non pi lattivit prioritaria nelle societ avanzate. E questa una verit storicamente verificata. Lindustria non pi limpiego prevalente, neppure a Brindisi, dove gi dal 2001 la somma di addetti al commercio e al turismo supera quella degli addetti allindustria. Qualcuno vorrebbe condannarci ad un destino uguale a quello che stiamo subendo e che gi negli anni sessanta altri studiosi disegnarono importando teorie delle quali siamo, ma non intendiamo restare, vittime.
(dagli atti preliminari al nuovo Piano Urbanistico, approvati dalla Giunta e dal Consiglio Comunale)

Il futuro dipende da noi. Il nostro impegno questo: abbiamo un debito verso la generazione che viene. Guai a noi, perch sar colpa nostra, un domani, se quello che era possibile non si sar avverato.
(Cardinale Ersilio Tonini)

il nuovo PUG e la nuova Brindisi


I cittadini debbono avere accesso alle informazioni ed alla formazione delle decisioni. La conoscenza un fattore fondamentale della democrazia. Il nuovo PUG uno strumento urbanistico tecnico-politico che, nel suo lungo processo di formazione, ha bisogno di essere ispirato, guidato, accompagnato dalla buona politica, in grado di traguardare obiettivi significativi, tralasciando ogni forma di strumentalizzazione, improvvisazione, supponenza, opportunismo. La storia di Brindisi ha segnato nel bene e nel male il destino della citt, senza alcuna capacit di autodeterminazione della classe dirigente locale. La discussione e il confronto sono occasione concreta per verificare la volont della comunit locale di diventare protagonista del proprio futuro.

Allunanimit, ma si tratta in realt solo di 14 voti onoratamente resi da chi ha inteso dover fare gli interessi della citt soverchiando lazione irresponsabile dei crisaioli, il Consiglio Comunale ha approvato, il 25 agosto del 2011, le linee programmatiche per il nuovo Piano Urbanistico della citt. Il cosiddetto D.P.P.. Un documento straordinario, di eccezionale maturit intellettuale, da dover distribuire nelle scuole per essere studiato. Un esempio di accademia urbanistica e pratica territoriale contenente informazioni ampie e puntuali anche sulla gloriosa storia di una citt antica, sulla tragica realt di una citt moderna e sulle scelte necessarie per un futuro diverso e sostenibile, correlato allo sviluppo portuale, svincolando il termometro dacqua salata da presenze compromettenti e pregiudizievoli.
Il bisogno di riqualificazione ambientale: ... quello di conseguire migliori livelli di salubrit e di sicurezza per i cittadini, ovvero limitare o allontanare le emissioni inquinanti delle centrali di produzione di energia, rimediare allinquinamento dellaria, del suolo e delle falde acquifere, tutelare e mettere in sicurezza il sistema idrogeologico...

Riepiloghiamo le ipotesi e le intenzioni progettuali di massima. - Delocalizzazione, in contrada Cerano (ovvero eliminazione), sia della Centrale a Carbone Brindisi Nord che della colmata di mare fatta eseguire per il Rigassificatore. Con conseguente ovvio risanamento e recupero delle aree liberate.

...deprimono la commerciale.

possibilit

di

sviluppo

dellattivit

portuale

- Realizzazione di un molo carbonifero a Cerano e susseguente eliminazione del Nastro Trasportatore Attrezzato Policombustibile (carbone, olio, gas). 12 Km circa dal porto alla centrale Enel. - Espansione urbanistica verso nord attraverso una nuova zona turistico/residenziale a basso indice di fabbricabilit ed orientata verso Sbitri (a debita distanza dalla battigia ed arretrando la strada litoranea nei punti critici), pensata sullimpronta tipologica del Villaggio Acque Chiare di cui ipotizzata linclusione.
I dati portano a concludere che la citt abbia ridotti margini per il futuro sviluppo residenziale.

- Sviluppo turistico ricettivo della costa nord attraverso anche la valorizzazione degli storici insediamenti antropici, la rinaturalizzazione della costa e la eliminazione (per quanto possibile con la sostituzione edilizia prevista) delle case realizzate abusivamente ed oggetto di condoni edilizi. - Rivalutazione del seno di Levante, via del Mare e rione Mattonelle, anche attraverso la dismissione e lacquisizione allurbano di aree demaniali in stato di abbandono. - Riqualificazione del lungomare Regina Margherita. - Collegamento dei quartieri cittadini e dellAeroporto attraverso una rete di trasporto pubblico collegata alla Stazione Ferroviaria.
Questarea dovrebbe diventare il punto dinterscambio di tutta la mobilit di Brindisi ed il punto di accesso al centro storico.

- Potenziamento e vitalizzazione di tutte le aree di interesse paesaggistico, naturalistico, storico (per esempio: le Saline di Punta della Contessa, Fiume Grande, Fiume Piccolo, Punta delle Terrare).
Tutelare e ricostruire la memoria storica e la qualit del paesaggio.

Traspare, sottesa nelle considerazioni, la frustrazione ed il rammarico per il mancato coinvolgimento nella progettazione di opere di grande interesso pubblico nonch la perplessit di costruire nuovi moli (previsti dallAutorit Portuale) per tumulare SantApollinare, ritenendo le spiagge un bene da tutelare e conservare, integralmente, in uno con ladiacente area archeologica rimasta (appunto ladiacente sito di Punta delle Terrare). Si scorge, altres, nella lettura degli atti, la forte dubbiosit riguardo agli effetti positivi del ciclopico progetto dellallargamento della diga di Punta Riso, sempre a cura dellAutorit Portuale, in quanto anche

slegato da una pianificazione complessiva interconnessa con altre infrastrutture.

del

territorio

Perplessit di ordine ambientale relative ad una opera di questa fatta... a prescindere dal fatto che un semplice scalo di navi da crociera non necessita di banchine del genere...ben 25 ettari ... occorre evitare che si spendano ingenti risorse pubbliche nella realizzazione di infrastrutture, per poi aspettare che qualcuno voglia usarle. ...manca documentazione che consenta di rappresentare lo stato attuale del processo abilitativo alla realizzazione di opere ed interventi nellambito del porto di Brindisi. E assolutamente indispensabile rilevare linesistente compartecipazione del Comune di Brindisi, che non stato mai coinvolto nelle proposte e nelle decisioni, a scelte pianificatorie cos rilevanti. E necessario inaugurare una nuova stagione in cui la concertazione, la pianificazione e la condivisione, diventino metodo di lavoro permanente fra gli Enti che hanno competenza a pianificare il territorio: Comune di Brindisi, Autorit Portuale e Consorzio SISRI. Sar anche opportuno che la formazione del PUG vada di pari passo con quella di un nuovo Piano Regolatore Portuale, auspicabilmente in accordo fra di loro.

LAtto approvato, pubblicato sul sito comunale di tutti, contiene quanto ogni brindisino dovrebbe obbligatoriamente leggere e quanto ogni studente dovrebbe avere a disposizione nella scuola per impararlo a memoria dettato dagli insegnanti. Un vero e proprio progetto di recupero del porto (perch ci che Dio gli ha donato lultima e la prima cosa che gli rimane), vera linfa vitale per le citt di mare e delle sue funzioni oramai quasi dimenticate, ricercando la genius loci: lidentit. Condividendo le linee programmatiche non si pu per concordare con lipotesi di realizzare un molo carbonifero a Cerano che, oltre a deturpare definitivamente un tratto di costa di rilevante interesse paesaggistico e naturalistico (oltre che storico), condannerebbe la citt e le province limitrofe, anche formalmente, ad altri decenni di Carbone inquinante da bruciare secondo unatavica e scellerata pianificazione nazionale sovra-ordinata. E da ritenere fondamentale e rigoroso (considerando lipotesi di permanenza temporanea dellattuale molo carbonifero e del nastro trasportatore) nonch storicamente richiesto e prescritto in molti atti

autorizzativi, imporre, stante la acclarata gravissima situazione sanitaria, la riconversione a gas metano della Centrale Enel Brindisi Sud (tale predisposizione risulterebbe gi eseguita allorigine). Gradualmente e secondo un piano di riconversione che necessiterebbe di gasdotti adeguati e/o ripristinati. Stante inoltre linsostenibile situazione ambientale (terreni e falde inquinati, tasso di mortalit superiore alla normalit e malformazioni neonatali e dei feti oltre i limiti di tolleranza), sarebbe stato lungimirante cominciare a pensare allera post-industriale seguendo le direttive europee. Ossia immaginare un futuro prossimo che ci vedr obbligati (vedi caso Manfredonia) a rimpiazzare la fonte di lavoro del vecchio Polo Petrolchimico con altre attivit non impattanti, che non sono certo quelle dislocate senza remora o compensazione alcuna come le Centrali Termoelettriche a biomasse (SFIR o BRUNDISIUM e SETRAMAR in previsione) o gli Impianti di incenerimento CDR e rifiuti vari, per i quali taluni si convincono dover credere fermamente ignorando le ragioni altrui.
Il governo delle economie post-industriali ha trasformato le citt in luoghi di competizione capaci di organizzare un terziario efficiente ed innovativo... circuiti professionali qualificati... filiera dellartigianato e dellagricoltura, cultura, commercio sofisticato, formazione dei saperi, turismo di qualit.

A tal proposito, oltre ad attendere ansiosamente le milionarie cifre statali e regionali spettanti per le bonifiche di terra e acque di falda, bisogna inventarsi qualcosa smanicandosi, atteso che nel Capoluogo Brindisi arriva sempre ben poco dal lontano palazzo di governo a forma di nave Pirata.
...citt ridotta a tal stato che i greci non riconobbero in lei serbarsi altro se non il sito, e questo rest, per non potersi distruggere essendo che dallempie e scellerate mani de Saraceni ...si erano in essa esercitati tutti gli atti di fierezza e di crudelt che possono immaginarsi.

In attuazione di quanto pensato nel nuovo Piano Urbanistico Generale, ripeto, apprezzabilissimo, sovvengono alla mente alcune idee innovative ed alternative alla cementificazione spietata delle linee geografiche ed alla spesa spropositata di soldi pubblici da sparpagliare quali fertilizzanti per piantine poste in vaso. Ben sapendo che Brindisi ha urgenza di fatti. Alcune proposte, oltre quelle ovvie e condivise da tutti.

per vivere
Finanziamento di indagini epidemiologiche e sanitarie, suddivise per quartiere, finalizzate al monitoraggio dello stato reale di salute degli abitanti (gi richiesta con una petizione popolare, 10220 firme, a cura del Movimento Cittadino Brindisi Bene Comune).

il turismo delite
... lattracco dei traghetti dovrebbe ritrovare lambiente urbano che ha perso per via del trasferimento... lattivit di traghettazione ha perso attrattiva, non solo per la concorrenza ma anche dopo il trasferimento a Costa Morena... assai sgradito agli utenti, che si sono trovati spostati da un centro citt ad un vasto piazzale in mezzo al nulla.

Rinunciando a qualsivoglia realizzazione di dighe o nuovi moli o pennelli nel porto, predisporre i Castelli Svevo ed Alfonsino allattracco (utilizzando solo moli esistenti) delle navi da crociera di piccola e media taglia. Le navi di media dimensione attraccheranno al molo esistente del Castello Svevo ed i turisti sbarcheranno direttamente nella struttura, ove si preveder adeguata accoglienza e servizi. Da l, direttamene a visitare, a piedi, il Lungomare ed il Centro storico (ammirando balconi fioriti, viuzze e Monumenti) ovvero, con idoneo servizio navette e pullman, procedere alla visita del Parco Cillarese e della costa nord (magari facendo tappa e bagno a Torre Guaceto).
Haralambides parla di attrarre le navi da crociera nel porto interno. (da: il Nautilus)

Le navi di piccola taglia attraccheranno al molo esistente del Castello Alfonsino ed i turisti verranno condotti, a bordo di centinaia di schifarieddi e paranzi, nel porto interno e sul lungomare Regina Margherita sbarcando nella gloriosa Stazione Marittima (magari passando dal Capannone Montecatini per visitare una mostra stabile estiva dellartigianato e dei prodotti tipici o dal Villaggio Pescatori per una dimostrazione dallestimento barche da pesca). Adeguato compenso sar previsto per tutti gli operatori che metteranno a disposizione le barche tipiche (nessuna gondola prego).

evviva il pescatore
Sovvenzione dell attivit di pesca per piccole e medie imbarcazioni mediante finanziamento pubblico annuale diretto.

dalla Conca ad Apani


Promozione e sviluppo di attivit turistico-ricettive in fabbricati assentiti o realizzabili con gli indici delle zone agricole: bed and breakfast, ristorazione, altro. Incentivazione di spiagge attrezzate con pedane sulle scogliere (ove occorrano), ombrelloni, sdraio e strutture a carattere precario amovibili del tipo stagionale.

pescherecci cocktail
Previsione ed incentivazione di attivit di ristorazione e somministrazione di alimenti e bevande in pescherecci e vecchie imbarcazioni attraccate nel porto interno.

cittadella meeting
Ristrutturazione e riconversione del Parco Cesare Braico da destinare ad attivit sportive di vario genere ed al tempo libero.

Baby Land
Ristrutturazione della struttura ex Babylandia da destinare a parco attrezzato polifunzionale per bambini.

dentro la tradizione
Utilizzazione dellex Convento delle Scuole Pie come contenitore culturale polifunzionale (chiostro in estate e salone al primo piano in inverno) per pratiche teatrali, musicali, letterarie ecc..

il Teatro di nicchia
Ristrutturazione del Teatro Di Giulio da destinare a rappresentazioni teatrali, musicali e darte in genere, riservato a Scuole, Asili, Compagnie, Associazioni, ecc..

1 Maggio non stop


Grande Concerto-Spettacolo di autori e cantautori locali non stop Piazzale Lenio Flacco. ...dalle 18 a notte fonda...

sempreVerdi
Prosecuzione dei lavori della Fondazione Nuovo Teatro Verdi con inserimento nella rassegna di spettacoli in dialetto brindisino della migliore tradizione locale.

arretu li campagni
Finanziamenti a giovani imprenditori agricoli che avviano nuove attivit agro-alimentari anche in connessione con lattivit ricettiva, vinicola, di agriturismo o turismo rurale e bed and breakfast.

i grandi Concerti del WaterFront


Quale migliore ammirazione del fronte dacqua se non dal piazzale di S. Apollinare in estate o il Capannone ex Montecatini dinverno? Organizzazione concerti ed eventi di portata nazionale ed internazionale negli spazi predetti, gi in parte collaudati in occasione della visita del Papa.

la residenza del Cinema: Brundisium film commission


Ristrutturazione dellex Collegio Navale da destinare a Cittadella del Cinema: sale di posa interne/esterne, servizi ed attrezzature varie. Oltre i collegamenti viari esistenti, saranno riservati alcuni moli della Lega Navale per larrivo diretto di operatori del settore e celebrit. Ogni iniziativa tesa alla valorizzazione della Citt di Brindisi verr co-finanziata anche con contributi comunali.

acqua pulita per una citt dacqua


Attivazione di un servizio imbarcazione di nettezza urbana per la pulizia quotidiana del porto.

paese bio
Incentivazione e finanziamento di imprenditoria giovanile finalizzata allapertura di attivit commerciali per la vendita di latte, acqua e detersivi alla spina (o ricaricabili) o con vuoto a rendere, saponi tradizionali ricavati artigianalmente ed ogni altro prodotto che contribuisca alla non produzione di rifiuti e/o al loro riciclaggio.

luce nel buio


Sconto, in proporzione al consumo, sulle bollette elettriche dei cittadini e riduzione percentuale per le piccole e medie imprese insediate (o da insediarsi) nel comprensorio.

ritorno al sud
Borse di studio annuali per neolaureati brindisini che desiderano tentare di far carriera nella propria citt.

Studi deccellenza
Attivazione di corsi specifici per studi di settore connessi alla tradizione ed alla vocazione della citt: Aeronautica, Navale, Aerospaziale, Alberghiera, Artigianale, ecc., da svolgersi nel Polo Universitario ex Base NATO.

Santi Lorenzo e Teodoro


Trasformazione della festa patronale di settembre in Fiera del Prodotto Tipico ed Artigianale da realizzarsi nellarea storica della citt (da chiudere al traffico), con esclusione dei corsi principali riservati ai commercianti stabili ed alla fruizione religiosa.

welcome to Brindisi
Allimbocco del porto interno, Canale Pigonati, realizzazione, sulle due sponde terrestri (area demaniale attigua al Monumento al Marinaio e piazzale adiacente il Capannone ex Montecatini), di due polmoni verdi ben visibili da ovunque. ...eventuale applicazione di microchip su ogni albero sarebbe grottesco persino per gli uccellini.

sbarco a SantApollinare
Nella domenica di Pasqua, convogliare le vecchie barche in legno davanti lHotel Internazionale e raggiungere, possibilmente a remi, la storica spiaggia di Santa Pullinari, riprendendosela simbolicamente ormeggiando sullarenile.

il pesce pi piccolo mangia il pesce pi grande


Gara di pesca con iscrizione gratuita di concorrenti pescatori non professionisti posizionandosi sulle sponde del porto interno ad intervalli regolari. Il pescatore del pesce pi grosso verr premiato con un kit da pesca professionale.

spiriti ferventi
Bando annuale di evidenza pubblica finalizzato allincentivazione e finanziamento di iniziative culturali, sociali e sportive di vario genere (stampa, cinema, letteratura, sport, bici, teatro, musica, danza, pittura, mestieri artigianali, protezione e salvaguardia di beni comuni, bimbi, anziani, diversamente abili, ed altro).

Tornare invece a fare il bagno a SantApollinare, magari intrufolandosi abusivamente via mare, ed assistere a gare nazionali di canottaggio sarebbe realizzare un sogno. Per i fondi necessari basterebbe pretendere il danno ambientale minimo causato dallindustria pesante, stimato dall Agenzia Europea Ambientale in 500 milioni di euro, ovvero reperirli dalladeguamento della tariffa ICI-IMU dovuta dai grossi Impianti impattanti, negli anni beneficiari di maxi-sconti. Per concludere fantasiosi, incoscienti, coraggiosi e sagaci allo stesso tempo, sognando, potremmo pensare alleliminazione della Diga di Punta Riso, rivalorizzando il vecchio Faro che potrebbe proiettare immagini delle aree naturalistiche sul Castello Alfonsino, mentre i turisti sono in visita. Consultazione popolari decideranno come impegnare i milioni di euro disponibili nelle casse comunali e stabiliranno ogni questione rilevante.

Nel recente passato consorterie lobbistiche e miopi strategie di cambiamento hanno consentito uno sbarco industriale indiscriminato che ha generato profondi squilibri e lacerazioni nel tessuto della citt. ... lassenza di una classe dirigente adeguatamente attrezzata ha compromesso uno sviluppo autoctono fondato sul miglior utilizzo del territorio, ricco di eccellenze e significative risorse. ... porre fine alla fuga dei giovani, autentica risorsa per la citt e il suo rilancio. Il degrado, puntualmente, arrivato quando tali risorse sono state utilizzate contro gli interessi della citt. ...incombono rischi dinvoluzione e di pericoloso ritorno al passato. Lostinazione con cui si cerca di privilegiare interessi particolari, vedi questione rigassificatore, dimostra come lobby e consorterie varie tuttora presenti, sono pronte a profittare di momenti di debolezza o cedimento. ...per un futuro possibile necessitano conoscenze appropriate sorrette da grandi responsabilit. ...non ci pu essere vero sviluppo se non si pone un argine allarroganza degli interessi precostituiti e del tutto estranei a quelli della citt. (Onorevole Domenico Mennitti)